WWE NO WAY OUT

Un saluto e benvenuti a questa nuova edizione di Stamford Report dedicata a No Way Out. L’edizione di febbraio di questa rubrica mi è sempre molto cara perché questo è il mese in cui io festeggio il mio “compleanno” sulle pagine di Tuttowrestling.com: era il lontano 2000 quando Luca Franchini, l’allora direttore di TW, mi assunse nel ruolo di newsboard reporter che presto si trasformò nel ruolo di opinionista proprio grazie a questa rubrica. Sono oramai 6 anni che scrivo su queste pagine, sono cambiate tante cose nella mia vita ma non è cambiata la passione con cui mensilmente mi diletto ad assegnare voti agli incontri della WWE…
E non è male festeggiare assegnando un 8.5 ad un match di Undertaker…

Gregory Helms vs Funaki vs Kid Kash vs Mexicools vs Brian Kendrick vs Paul London vs Nunzio: 7-
Finalmente la WWE lascia ai cruiserweight la possibilità di combattere da pesi leggeri, ed ecco che ne viene fuori un incontro piacevole dall’inizio alla fine. In questo incontro tutti i wrestler coinvolti si sono esibiti in numerose manovre aeree e, anche se il match alla resa dei conti è stato quasi esclusivamente uno spot-fest in cui le azioni si susseguivano molto rapidamente, non possiamo che accogliere positivamente l’impostazione del match. Buona la sequenza finale con numerosi conteggi di due.

JBL vs Bob Lashley: 6
Pienamente sufficiente l’incontro tra JBL (fisicamente fuori forma in modo imbarazzante) e Lashley, ed è sicuramente una piacevole sorpresa considerando le scarse attese che c’erano intorno al match. E’ stato un incontro solido in tutta la sua durata, mai particolarmente noioso anche grazie ad alcune sequenze a bordo ring che hanno ravvivato l’azione. Non si sono viste azioni particolarmente esaltanti (non male però alcuni suplex di Lashley), ma il livello complessivo si è assestato su livelli accettabili. Giusta anche la durata della contesa, così come il coinvolgimento di Fit Finaly che ha ravvivato l’azione nel finale.

MNM vs Matt Hardy & Tatanka: 5/6
Decisamente poco interessante il match di coppia anche in considerazione della presenza di Tatanka, accolto dal pubblico con totale disinteresse. L’azione dell’incontro è stata nel complesso dignitosa ma l’andamento del match è stato prevedibile, e sono mancanti momenti coinvolgenti o fasi degne di nota. Tatanka si è limitato a distribuire qualche chop ben assestata, ma a parte il fisico migliorato rispetto a qualche tempo fa non appare un personaggio in grado di distinguersi particolarmente dalla massa. Vedendo l’incontro l’unico desiderio era che il match terminasse quanto prima, anche perché le cinture di campioni, l’unico motivo d’interesse che poteva avere il match, non erano in palio. MNM vs London & Kendrick sarebbe stata decisamente un’altra cosa…

Booker T vs Chris Benoit: 7-
Incontro più che discreto tra Benoit e Booker T, ma oramai è l’ennesimo match che i due vanno combattendo da un pò di tempo a questa parte. L’azione dell’incontro si è mantenuta su livelli più che dignitosi, con alcune fasi combattute a bordo ring ed altre meno dinamiche ma comunque mai noiose. Nessuno dei due ha mostrato qualcosa di nuovo, ed entrambi si sono limitati ad eseguire gli spot caratteristici del proprio repertorio. Il match è stato caratterizzato da un buon equilibrio, e questo ha reso perlomeno più incerto l’esito finale. La presenza di Sharmell a bordo ring ha più volte ravvivato l’azione, finale compreso.

Rey Mysterio vs Randy Orton: 7+
Bel match tra Rey Mysterio ed Orton, anche se personalmente mi aspettavo qualcosa di più soprattutto in fatto di coinvolgimento. E’ stato un match che ha alternato momenti interessanti, soprattutto quelli in cui Rey Mysterio esibiva le sue manovre, a fasi più lente in cui Orton ha fatto il bello e il cattivo tempo nei confronti dell’avversario. Nel complesso però l’incontro ha saputo offrire uno spettacolo interessante ed ha raccontare una buona storia, anche se considerando la posta in palio mi aspettavo una sequenza finale dai toni più importanti (l’esito finale scontato ha sicuramente avuto un’influenza negativa in questo aspetto).

Kurt Angle vs Undertaker: 8.5
Splendido incontro, uno dei migliori main event degli ultimi tempi e forse il miglior non-gimmick match mai combattuto da Undertaker, motivato come raramente visto negli ultimi anni. Nei 30 minuti di durata del match i due wrestler sono riusciti a raccontare una storia eccellente, con Angle concentrato ad infliggere danni agli arti di Undertaker ed il Phenom (ottimo nel vendere l’infortunio) che tentava di reagire a suon di mosse in stile UFC che incorporava soprattutto nei panni del biker. Il ritmo del match non è stato veloce ma è stato molto intenso e costante, e gli ultimi 10 minuti sono stati straordinari nei continui cambi di fronte che hanno regalato emozioni a ripetizione. Fortunatamente non ci sono state interferenze, anche se il finale studiato per “proteggere” Undertaker poteva essere migliore.

PPV: 7.5
Decisamente una sorpresa questo No Way Out, soprattutto dopo le prove poco convincenti di New Year’s Revolution e della Royal Rumble. Se si esclude il match di coppia, comunque non completamente da buttar via, la card ha offerto uno spettacolo nel complesso molto interessante dall’inizio alla fine, grazie ad una buona undercard e ad un eccellente main event tra Undertaker e Kurt Angle. Il desiderio che i due avevano di incontrarsi si è chiaramente visto nel corso dell’incontro: il match è stato una versione allungata e perfezionata del già bellissimo incontro che i due combatterono nel 2003 a Smackdown, quando ancora Undertaker vestiva i panni del biker. Già allora in molti dissero che quello era stato uno dei migliori match mai combattuti da Taker (non a caso venne inserito nel triplo dvd dedicato al Phenom della WWE), ma dopo No Way Out sono stati settati nuovi standard in fatto di qualità. Discreto anche il match per l’US Title, con la speranza che ci sia un rematch “definitivo” a Wrestlemania 22, ed il match per il titolo Cruiserweight, finalmente caratterizzato da uno stile da pesi leggeri. Nonostante sia stato un buon match mi aspettavo qualcosa di più da Randy Orton vs Rey Mysterio, ma è probabile che con l’aggiunta di Kurt Angle i due possano fare il salto di qualità in uno dei probabili main event di Wrestlemania 22.

David ‘DVD’ Grauli

15,941FansLike
2,607FollowersFollow

Articoli più letti

Articoli Correlati