Orlando Report #46 – TNA Bound For Glory

Followers della TNA e di Tuttowrestling.com bentornati a questa nuova edizione dell'Orlando Report che va ad esaminare quanto si è visto nella notte di Tokyo lo scorso 12 ottobre con Bound For Glory. Otto match disputati alla Korakuen Hall e quindi cominciamo con:

MANIK VS MINORU TANAKA

Per nostra fortuna, l'inizio di Bound For Glory è stato buono grazie alla prova offerta dai due lottatori chiamati ad aprire le “danze” in quel di Tokyo: non mi aspettavo nulla più che una contesa basata su tanto atleticismo e velocità, e così è stato. Seppur privo di alcuna storyline, questo match purtroppo è stato l'unico, insieme al 3-way per il titolo X-Division, che vale la pena di recuperare nel caso non abbiate visto Bound For Glory: inoltre è condizionato da un minutaggio risicato, poco meno di dieci minuti, e credo siano un po' pochini, ma più avanti vedremo che i minutaggi saranno stati una costante pecca di tutto il pay per view.

VOTO: 6.5

ETHAN CARTER III VS RYOTA HAMA

Se si potesse considerare come parte integrante del match, ci sarebbe il promo di EC3 da salvare in questo secondo match interpromozionale, perchè se ci concentriamo solo sul match, non c'è veramente nulla che valga la pena ricordare: contesa bruttina che è rimasta sempre ferma e bloccata sulla prima marcia. L'ho detto in qualche edizione del TNA Planet e lo ripeto ora, per mancanza di tempo non seguo le varie compagnie nipponiche di pro wrestling ma penso però che Ryota Hama sia piuttosto limitato, e non solo per via della sua enorme mole.

VOTO: 5

MVP VS KAZMA SAKAMOTO

Forse mi sbaglio, ma ritengo che questo sia stato il miglior match disputato da MVP da quando è membro del roster TNA. Il pubblico giapponese ha apprezzato le gesta dell'ex DWO probabilmente ricordando anche i suoi trascorsi nella New Japan Pro Wrestling, il quale potrebbe spiegare perchè MVP, nonostante sia heel, sia stato accolto bene dal pubblico presente riservando il trattamento opposto a Kazma Sakamoto. Una contesa senza infamia e senza lode che però risente dello scarso minutaggio come l'opener (appena nove minuti).

VOTO: 6

TNA X-DIVISION CHAMPIONSHIP 3-WAY MATCH: SAMOA JOE © VS LOW-KI VS KAZ HAYASHI

A mani basse il miglior match della serata: le aspettative erano alte e le premesse per assistere a un gran bel spettacolo c'erano tutte, l'attesa è stata rispettata grazie ai tre wrestlers impegnati sul quadrato che hanno saputo cooperare alla grande e a far si che questo incontro risultasse il migliore dell'intero evento. Da sottolineare l'alchimia pazzesca sul ring che intercorre tra Samoa Joe e Low-Ki, ma non va tolto nessun merito a Kaz Hayashi, anche lui si è ben comportato sul quadrato. Gli unici due nei del match titolato sono, nemmeno a farlo apposta, il minutaggio, che risulta leggermente migliore rispetto ai tre match precedenti ma con cinque o sei minuti in più sarebbe stato quasi perfetto, e il fatto che volenti o nolenti questo incontro è stato per certi versi, se mi passate il termine, inutile. Già, perchè grazie ai tapings di Bethlehem l'esito finale era già ampiamente prevedibile e presto scopriremo che succederà altro in merito al titolo X-Division.

VOTO: 6.5

WRESTLE-1 SPECIAL MATCH: ANDY WU & HIJO DEL PANTERA VS JIRO HUROSHIO & YUSUKE KODAMA

Oserei dire un match da X-Division quello che ha visto quattro atleti tutti appartenenti alla Wrestle-1: ce l'hanno messa tutta per tirar fuori un match che potesse divertire sia il pubblico di casa e sia tutti noi che abbiamo assistito da casa, e a tratti direi che ci sono riusciti. Una contesa divertente tutto sommato, nulla che faccia gridare al miracolo ovviamente ma nemmeno da buttare via totalmente.

VOTO: 6

HARDCORE MATCH: TEAM 3D VS TOMMY DREAMER & ABYSS

Al di la del fatto che faccio fatica a comprendere la scelta di mettere insieme Tommy Dreamer e Abyss, specialmente quando il primo ha preso parte alla storyline che ha visto Dixie Carter essere schiantata sopra un tavolo da parte di Bully Ray, questo match non mi è dispiaciuto del tutto, ma ritengo che si siano visti dei match senza squalifiche e con l'utilizzo di oggetti contundenti molto ma molto migliori di questo. Un ritmo da fari spenti che a mio parere avrebbe potuto alzarsi, e di conseguenza risultare un incontro di wrestling più gradevole di quanto lo sia stato questo, se il Team 3D avesse avuto altri avversari, e mi riferisco a gente che purtroppo non ha preso parte alla trasferta di Tokyo come Austin Aries, Jeff Hardy e Bobby Roode solo per citarne alcuni (e con tutto il rispetto verso Tommy Dreamer e Abyss). Insomma, se siete amanti dell'hardcore in un modo o nell'altro, come il sottoscritto, sarete riusciti quantomeno a non buttare via tutto del match a cui abbiamo assistito, in caso contrario ve lo dimenticherete in fretta.

VOTO: 6

TNA KNOCKOUTS CHAMPIONSHIP: HAVOK © VS VELVET SKY

Non c'è granchè da dire qui, è stato un match brutto e dall'esito ampiamente prevedibile sempre grazie ai tapings di Bethlehem, ed è comunque un peccato perchè le qualità di Jessicka Havok non si discutono, e come ben sappiamo a Velvet Sky le qualità non mancano, ma non hanno nulla a che fare col wrestling in generale.

VOTO: 4.5

THE GREAT MUTA & TAJIRI VS JAMES STORM & THE GREAT SANADA

Mi dispiace dirlo, ma è stato un deludente main event: un match non esaltante che al massimo potrebbe andar bene per Impact Wrestling, non di certo come main event di un pay per view. E' un vero peccato perchè in otto match presenti nella card, questo era l'unico che ha avuto almeno un minimo di costruzione basandosi tutto sul tradimento di Sanada ai danni di Keiji Mutoh e con conseguente alleanza con James Storm, artefice di una rivoluzione. Non di certo il modo migliore per terminare il tempo a disposizione.

VOTO: 5

PPV VOTO: 5.5

Purtroppo era ampiamente prevedibile, Bound For Glory è stato un evento semplicemente mediocre: mi sta bene che la TNA voglia stringere collaborazioni trovando la prima promotion giapponese che le capita a tiro senza però contare che davanti alla Wrestle-1 ci sono un sacco di compagnie superiori, NJPW su tutte, ma in questo caso credo che con i match interpromozionali si sia un tantino esagerato: gente come Bobby Roode e Austin Aries a casa senza contare che anche l'attrazione principale, ovvero il titolo mondiale TNA, è rimasto a casa Lashley senza prendere contatto con il territorio nipponico. Piove sul bagnato poi se pensiamo che due match titolati erano ampiamente prevedibili grazie ai tapings di Bethlehem e quindi inutili e l'unica contesa che ha avuto un minimo di costruzione, ovvero il main event che ha visto James Storm e The Great Sanada da una parte e The Great Muta e Tajiri dall'altra, sia stata una vera e propria delusione su tutta la linea. Un pay per view che un tempo era la Wrestlemania della TNA e di conseguenza l'evento più importante della federazione, quest'anno si è tramutato in uno show indipendente di poco conto: per assurdo ne esce bene la Wrestle-1 di Keiji Mutoh, mentre la TNA ne esce veramente male. Vogliamo aggiungere a una situazione già precaria che, oltre al non aver ancora trovato un nuovo network, il Team 3D in pratica ha terminato la sua militanza dopo che al termine del loro match hanno fatto intendere a chiare lettere di volersi confrontare con il Bullet Club, stable della NJPW di cui fa parte anche AJ Styles? Senza dimenticare che Kurt Angle attualmente è un free agent, Austin Aries è in scadenza di contratto, così come Gail Kim e Samoa Joe? Spiace dirlo, ma anche se mancano circa due mesi e mezzo al termine del 2014, ritengo che Bound For Glory sia il peggior pay per view dell'anno, è davvero molto difficile che qualche altro pay per view della WWE, della ROH o di qualsiasi altra indy riesca a far peggio di Bound For Glory.

Per oggi è davvero tutto, considerando il futuro incerto della TNA, questa edizione dell'Orlando Report rischia di essere l'ultima, non ci resta che attendere se ce ne saranno altre in merito al futuro della TNA. Non mi resta che darvi appuntamento alle prossime edizioni del TNA Planet. Alla prossima!

Adios!!

14,816FansLike
2,616FollowersFollow

Ultime Notizie

Damien Sandow: “I Wrestler andrebbero testati ogni settimana”

Intervista a Damien Sandow, che ha parlato delle sue precauzioni per il COVID e di come i lottatori dovrebbero essere testati periodicamente

Eva Marie è pronta al rientro in WWE?

Secondo alcune indiscrezioni, Eva Marie sarebbe prossima al rientro in WWE. Un rientro che potrebbe avvenire davvero molto presto

Nuovi problemi per Lars Sullivan?

Nuovi problemi per Lars Sullivan; questa volta l'atleta è accusato di commenti non appropriati con una donna sposata

Mike Bennett racconta del suo rilascio e le sue opinioni sulla WWE

Mike Bennett torna a parlare di quando chiese il rilascio alla WWE attraverso un tweet, situazione che fece infuriare Vince McMahon.

Articoli Correlati