TUTTOWRESTLING HOMEPAGE
USERNAME PASSWORD     RICORDAMI REGISTRATI
 
 6.12 The Other Side
 5.12 Bet on him - SURVIVOR SERIES STARS
 5.12 AEW Dynamite Report
 4.12 TW Risponde
 3.12 WWE Raw Report
 2.12 A Gomiti Alti
 2.12 Wrestling Cafe
 
 







 
 
 

Calo vertiginoso delle azioni WWE


by Daniele La Spina
 
[Indietro]

Appena dopo aver raggiunto il picco maggiore nel valore delle proprie azioni due giorni fa, la WWE è dovuta tornare coi piedi per terra. Nella giornata di ieri infatti la compagnia ha fatto registrare il più grande calo di sempre del valore delle proprie azioni, avuto in seguito alla pubblicazione del rapporto sulle entrate del primo trimestre del 2019.

Le azioni sono crollate verso mezzogiorno, con una caduta secca di circa 11 punti percentuali: come vi avevamo riportato il giorno precedente le azioni avevano toccato quota 100$ per poi chiudere intorno ai 99$, ma ieri la giornata nera non ha fatto prigionieri, registrano un picco negativo di 84,17$ con una perdita record del 14,55%. La WWE non bruciava quantità di denaro così grosse sui mercati azionari in un singolo giorno dall’ottobre 2015 e, comunque, non aveva mai subito un contraccolpo così importante. A fine giornata le azioni della compagnia di Stamford hanno chiuso a 85,38$, con un leggero rialzo di poco più dell’1% (-13,16% finale).

Il rapporto dice che ricavi totali del trimestre sono diminuiti del 2,8% rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente, con un mancato incasso di circa 17 milioni di dollari rispetto alle previsioni di settore. La WWE ha cosi registrato una perdita netta di 8,4 milioni, pari a 11 centesimi per ogni azione, laddove gli analisti pronosticavano una perdita non superiore ai 2 centesimi ad azione. Il tutto in netta contrapposizione al profitto di 14,8 milioni (18 centesimi ad azione) che aveva caratterizzato i primi tre mesi del 2018. In ogni caso la WWE ha mantenuto le sue previsioni per un fatturato annuale di 1 miliardo, leggermente inferiore alla stima di 1,03 miliardi degli analisti.

Il maggior peso nella perdita è arrivato a causa dell’alto calo negli ascolti televisivi nell’ultimo anno e periodo, unito alla minor affluenza alle arene durante gli show in Nord America, siano essi televisivi o no. Rispetto allo stesso periodo del 2018, la federazione ha fatto registrare un calo degli ascolti del 14 e del 13% rispettivamente per Raw e SmackDown Live e al contempo la presenza media agli eventi dal vivo è scesa dell’11%.

In una dichiarazione alla chiusura dei mercati, Vince McMahon ha predicato ottimismo. Il patron ha ricordato che in questo trimestre non è conteggiato WrestleMania 35 (tenutosi ad aprile) che ha fatto registrare il tutto esaurito al MetLife Stadium di New Jersey e che rispetto al mese di marzo, proprio dopo WM, il WWE Network ha visto un aumento medio del numero di abbonati del 2% e un consumo dei contenuti digitali migliorato del 23%. “Dal momento che i parametri sul coinvolgimento [del pubblico] degli ultimi due trimestri sono stati influenzati dalle assenze di tante Superstar, riteniamo che i dati miglioreranno con il ritorno dei talenti e rilanceremo la nostra nuova stagione dopo WrestleMania. – ha detto il Presidente e Amministratore Delegato della compagnia – Restiamo entusiasti delle prospettive future, dell’allargamento dei nostri mercati nel mondo e guardiamo con ottimismo in particolare al nostro debutto su Fox in ottobre”.

   

Questo sito non è in alcun modo affiliato con alcuna organizzazione professionistica.
I nomi dei programmi, dei lottatori e dei marchi WWE e TNA sono proprietà delle rispettive federazioni.
Copyright © 2018 - Tuttowrestling.Com - P. IVA n° 08331011000

Cambia le Impostazioni Privacy

TUTTOWRESTLING HOMEPAGE