Il riscatto sociale nel wrestling

Il forum principale di Tuttowrestling: il posto giusto per discutere di wrestling (WWE, TNA e quant’altro) insieme agli altri appassionati.
Rispondi
Avatar utente
Ankie
Messaggi: 15744
Iscritto il: 04/01/2011, 13:22
Città: ROTY 2008
Località: Digitate il mio nick su Google.
Has thanked: 1 time
Contatta:

Il riscatto sociale nel wrestling

Messaggio da Ankie »

Quando avete visto questo tema rappresentato on screen?

Qualcuno ne parlava a proposito del promo di Miz di quasi due anni fa negli spogliatoi, siete d'accordo, ne avete altri da menzionare?

E avete invece qualche esempio di riscatto sociale di wrestlers avvenuto off screen, insomma coloro che nella loro vita reale hanno ottenuto il tanto agognato riscatto sociale grazie al wrestling?



Avatar utente
Nicolasblaze
Messaggi: 5379
Iscritto il: 23/12/2010, 1:54
Città: Roma

Re: Il riscatto sociale nel wrestling

Messaggio da Nicolasblaze »

Cavolo, bel topic. Mi riprometto di rispondere appena ho tempo per elaborare un pensiero coerente. Dico solo che non sono del tutto d'accordo per quanto riguarda Miz, per il quale al limite si potrebbe parlare di imposizione sub-culturale. Miz era già inserito in società (per via del reality, che rende personaggio l'uomo comune), quello che voleva era entrare nell'ambiente ristretto del pro-wrestling, che è una sub-cultura per l'appunto, e segue dinamiche diverse.

Avatar utente
Ankie
Messaggi: 15744
Iscritto il: 04/01/2011, 13:22
Città: ROTY 2008
Località: Digitate il mio nick su Google.
Has thanked: 1 time
Contatta:

Re: Il riscatto sociale nel wrestling

Messaggio da Ankie »

Nicolasblaze ha scritto:Cavolo, bel topic. Mi riprometto di rispondere appena ho tempo per elaborare un pensiero coerente. Dico solo che non sono del tutto d'accordo per quanto riguarda Miz, per il quale al limite si potrebbe parlare di imposizione sub-culturale. Miz era già inserito in società (per via del reality, che rende personaggio l'uomo comune), quello che voleva era entrare nell'ambiente ristretto del pro-wrestling, che è una sub-cultura per l'appunto, e segue dinamiche diverse.
Sono d'accordo, infatti quella su Miz fu un'uscita, immagino goliardica, del Capitano.

Avatar utente
Greg Valentine
Messaggi: 4147
Iscritto il: 23/12/2010, 10:29
Città: Taranto

Messaggio da Greg Valentine »

Booker T ad esempio.

Avatar utente
Darth_Dario
Messaggi: 13327
Iscritto il: 22/12/2010, 22:19
Città: Roma
Has thanked: 327 times
Been thanked: 273 times

Re: Il riscatto sociale nel wrestling

Messaggio da Darth_Dario »

Ankie ha scritto:Quando avete visto questo tema rappresentato on screen?

Qualcuno ne parlava a proposito del promo di Miz di quasi due anni fa negli spogliatoi, siete d'accordo, ne avete altri da menzionare?

E avete invece qualche esempio di riscatto sociale di wrestlers avvenuto off screen, insomma coloro che nella loro vita reale hanno ottenuto il tanto agognato riscatto sociale grazie al wrestling?

Non sono sicuro di aver capito bene il topic: con "riscatto sociale" intendi un qualcuno che facendo il wrestling è potuto diventare "qualcuno", ha potuto sbattere in faccia al mondo il fatto che esisteva e che faceva qualcosa di importante?

Avatar utente
Sawyer-8-hardy
Messaggi: 851
Iscritto il: 23/12/2010, 0:22

Re:

Messaggio da Sawyer-8-hardy »

Greg Valentine ha scritto:Booker T ad esempio.
Anche MVP

Avatar utente
Ankie
Messaggi: 15744
Iscritto il: 04/01/2011, 13:22
Città: ROTY 2008
Località: Digitate il mio nick su Google.
Has thanked: 1 time
Contatta:

Re: Il riscatto sociale nel wrestling

Messaggio da Ankie »

Darth_Dario ha scritto:

Non sono sicuro di aver capito bene il topic: con "riscatto sociale" intendi un qualcuno che facendo il wrestling è potuto diventare "qualcuno", ha potuto sbattere in faccia al mondo il fatto che esisteva e che faceva qualcosa di importante?
Puoi intenderlo come meglio credi, non ho voluto indirizzare il topic lasciandovi un ampio margine di interpretazione.

Avatar utente
Greg Valentine
Messaggi: 4147
Iscritto il: 23/12/2010, 10:29
Città: Taranto

Re: Il riscatto sociale nel wrestling

Messaggio da Greg Valentine »

Ankie ha scritto:
Puoi intenderlo come meglio credi, non ho voluto indirizzare il topic lasciandovi un ampio margine di interpretazione.
Che tesoro :cry: . Sembra la prof al liceo quando diceva al compito di italiano: "Non ho voluto mettervi in difficoltà,e ho generalizzato le tracce" :) .

Avatar utente
ektor baboden81
Messaggi: 1619
Iscritto il: 22/12/2010, 21:50
Città: pesaro

Re: Il riscatto sociale nel wrestling

Messaggio da ektor baboden81 »

Questo nuovo Ankie mi fa paura.

Avatar utente
Ankie
Messaggi: 15744
Iscritto il: 04/01/2011, 13:22
Città: ROTY 2008
Località: Digitate il mio nick su Google.
Has thanked: 1 time
Contatta:

Re: Re:

Messaggio da Ankie »

Sawyer-8-hardy ha scritto: Anche MVP
Beh, oddio, per parlare proprio di riscatto sociale compiuto in pieno avrebbe dovuto ottenere qualcosa in più e l'avrebbero dovuto usare molto meglio, però è sicuramente un buon esempio.

Anche Batista si potrebbe citare.

Avatar utente
Sawyer-8-hardy
Messaggi: 851
Iscritto il: 23/12/2010, 0:22

Re: Re:

Messaggio da Sawyer-8-hardy »

Ankie ha scritto:
Beh, oddio, per parlare proprio di riscatto sociale compiuto in pieno avrebbe dovuto ottenere qualcosa in più e l'avrebbero dovuto usare molto meglio, però è sicuramente un buon esempio.

Anche Batista si potrebbe citare.
Non ha raccolto come un Booker T, ma sicuramente è uscito da un brutto giro in modo più che invidiabile. Non sarà stato Main Eventer nè avrà vinto titoli del mondo, ma i suoi soldini se li è fatti per vivere dignitosamente, e per farsi ricordare come un wrestler piuttosto che un rapinatore

Avatar utente
Darth_Dario
Messaggi: 13327
Iscritto il: 22/12/2010, 22:19
Città: Roma
Has thanked: 327 times
Been thanked: 273 times

Re: Il riscatto sociale nel wrestling

Messaggio da Darth_Dario »

Ankie ha scritto:
Puoi intenderlo come meglio credi, non ho voluto indirizzare il topic lasciandovi un ampio margine di interpretazione.
Mm, capisco.

Bene, avendo libertà, parto subito con una minchiata e dico che praticamente la ECW intera è stato un gigantesco riscatto sociale tramite il wrestling.

E' stato il riscatto sociale dei "deboli" del wrestling e sopratutto dei wrestlers.
Dei jobber che diventavano leggende, della sottocultura ignorata dal MainStream che lì poteva far sentire la sua voce.
Dei disadattati, di chi un posto nella società non riusciva a costruirselo, e che in ECW invece diventava un eroe.
E' stato il riscatto dei wrestler "piccoli", "svolazzoni" e per i "tecnici" dai mille suplex, per cui le porte dei grandi palchi del wrestling erano chiuse.
E' stato il riscatto degli scarti delle grandi compagnie, di quei lottatori presi, usati male e poi buttati fuori a calci nel sedere, licenziati con messaggi in segreteria.

La ECW è stato il riscatto del lato buio e nascosto del wrestling, che si è incazzato e ha alzato la voce, riuscendo a urlare talmente forte che a distanza di 10 anni si sente ancora l'eco della sua voce.

Ps: se devo citare dei lottatori, ci metto Foley, che nei primi anni di carriera dormiva nei cassonetti e alla fine degli anni '90 era eletto uomo dell'anno e scriveva Best Seller.

Avatar utente
gigietto79
Messaggi: 3565
Iscritto il: 22/12/2010, 22:35
Città: Milano

Re: Il riscatto sociale nel wrestling

Messaggio da gigietto79 »

dipende se si vuole vedere il riscatto sociale dell'uomo che interpreta il wrestler (bookerT, mvp, batista... ma ce ne saranno centinaia di wrestler con un background del genere) oppure del personaggio (stone cold, mankind...)

Avatar utente
Ankie
Messaggi: 15744
Iscritto il: 04/01/2011, 13:22
Città: ROTY 2008
Località: Digitate il mio nick su Google.
Has thanked: 1 time
Contatta:

Re: Il riscatto sociale nel wrestling

Messaggio da Ankie »

Darth_Dario ha scritto:
Mm, capisco.

Bene, avendo libertà, parto subito con una minchiata e dico che praticamente la ECW intera è stato un gigantesco riscatto sociale tramite il wrestling.

E' stato il riscatto sociale dei "deboli" del wrestling e sopratutto dei wrestlers.
Dei jobber che diventavano leggende, della sottocultura ignorata dal MainStream che lì poteva far sentire la sua voce.
Dei disadattati, di chi un posto nella società non riusciva a costruirselo, e che in ECW invece diventava un eroe.
E' stato il riscatto dei wrestler "piccoli", "svolazzoni" e per i "tecnici" dai mille suplex, per cui le porte dei grandi palchi del wrestling erano chiuse.
E' stato il riscatto degli scarti delle grandi compagnie, di quei lottatori presi, usati male e poi buttati fuori a calci nel sedere, licenziati con messaggi in segreteria.

La ECW è stato il riscatto del lato buio e nascosto del wrestling, che si è incazzato e ha alzato la voce, riuscendo a urlare talmente forte che a distanza di 10 anni si sente ancora l'eco della sua voce.

Ps: se devo citare dei lottatori, ci metto Foley, che nei primi anni di carriera dormiva nei cassonetti e alla fine degli anni '90 era eletto uomo dell'anno e scriveva Best Seller.
E' uno dei tuoi migliori post di sempre.

Avatar utente
Jumpupandown
Messaggi: 222
Iscritto il: 24/12/2010, 13:52

Re: Il riscatto sociale nel wrestling

Messaggio da Jumpupandown »

E che quando la parola sociale si avvicina a un Brestler mi vengono in mente solo suicidi, maniaci pluriomicidi, drogati e pedofili, pestaggi e vecchi patetici, giochi di sesso e potere.
MA stiamo parlando del parlamento italiano?

Rispondi