TUTTOWRESTLING HOMEPAGE
USERNAME PASSWORD     RICORDAMI REGISTRATI
 
 20.11 TW Risponde
 19.11 WWE Raw Report
 20.11 TW Web Radio
 19.11 Impact Wrestling Report
 18.11 A Gomiti Alti
 18.11 Wrestling Cafe
 18.11 WWE 205 Live Report
 
 







 
 
 

Paul Heyman racconta un aneddoto sul post-CM Punk


by Daniele La Spina
 
[Indietro]

Paul Heyman è stato ospite durante l’ultimo Inside the Ropes Live e durante l’intervista ha ricordato un aneddoto. Quello relativo alla puntata di Raw del 3 marzo 2014, la prima a Chicago dopo la partenza di CM Punk dalle WWE. Heyman ha parlato di come il business si muova oltre le persone e ha raccontato del pensiero da cui è nata l’idea e di come abbia convinto Vince McMahon a farlo entrare con la theme song del 2nd City Saint per provare a contrastare quello che il pubblico di Chicago voleva fare allo show.

Ecco l’intervento, disponibile qui sul canale YouTube di Inside the Ropes, tradotto di seguito:

Sul se fosse stato difficile convincere Vince:

“No, no. Perché sapevo che avevo l’opportunità di fare qualcosa che nessun altro poteva fare. Ecco la parte umile di questo business. La parte umile del business - [un fan ha gridato: «Punk lo sapeva?»] – Se Punk lo sapeva? No. – Ecco cos’è successo. Vince McMahon non sapeva che c’era una sommossa per “prendere in ostaggio” Monday Night Raw. L’intero show era già stato scritto, compreso il promo mio e di Brock Lesnar. A circa 90 minuti dalla messa in onda sono andato da Vince e gli ho detto: «Sei a conoscenza di quello che stiamo per affrontare a poche settimane da WrestleMania?». Gliel’ho fatto vedere sul mio telefono, solo un assaggio di quello che ci aspettava quella sera. Era la determinazione di un pubblico davvero appassionato, in una tanto appassionata e che voleva prendere il controllo dello show, renderlo ostaggio per tre ore intere urlando il nome «CM Punk»”.

Heyman ha poi lanciato una piccola parentesi allargando il discorso al business in generale:

“Punk ed io abbiamo avuto lo stesso modo di vedere le cose a proposito di quest’industria per tanto tempo. Ma il mondo del wrestling va a vanti senza di te. È andato avanti senza Bruno Sammartino, senza Bob Buckland, senza Hulk Hogan, senza Stone Cold Steve Austin e The Rock. Nell’ultimo anno John Cena, ha trascinato la carretta per 15 anni in WWE, ha fatto il minor numero di apparizioni dal 2002 a questa parte. La compagnia va avanti. Stava per andare oltre anche senza Brock Lesnar. Stava per andare avanti senza Paul Heyman. Stava per andare avanti senza Roman Reigns. E sapete una cosa? Andrà avanti un giorno senza Vince McMahon. È così e basta. E se non lo fa, allora cosa abbiamo costruito? Abbiamo fatto qualcosa che non significa assolutamente niente perché ruoto attorno ad una sola persona: siamo fottuti. Non può girare intorno ad una sola persona”.

Poi Heyman è tornato a come ha convinto Vince sul promo:

“Allora: Punk se n’era andate e il pubblico voleva prendere in ostaggio lo show. E io ho iniziato a ragione: il nostro obiettivo è promuovere Brock Lesnar vs The Undertaker? Bene, lo scorso anno CM Punk ha perso contro Undertaker. Ed è stato l’inizio della spirale negativa di Punk e Heyman perché tutto è andato in malora dopo quello. Allora darò tutta la colpa ai fan perché, dopo quel giorno, hanno allontanato Punk da me. E sapete chi altro biasimo? Taker e darò a Taker una lezione. Perché lui ha condotto i fan ad allontanare Punk da me, essendo lo stro**o che è. E allora io gli prenderò la streak. E come la prendo? Brock Lesnar. Perciò come metto su questa cosa? [un fan gli ha urlato: «Perché sei uno stro**o!»]. Esatto! Non quanto te per avermelo urlato in quel modo ma sono uno stro**o. Perciò gli ho detto: «Lasciami fot***li. Lasciami andare là fuori a fot***li.» E lui [imitando Vince]: «Dannazione! E cosa dirai?». E io: «Non lo so. Ma parlerò a loro e li attirerò in trappola. Diventerò completamente un buono, mi metterò dalla loro parte. Dirò che spero che CM Punk torni» E Vince: «Dannazione! Dirai CM Punk? Dirai che vorresti che fosse qui stasera?». E io: «Certo! Perché vorrei davvero che fosse qui stasera. E sai una cosa? Questo qui – indicando me stesso – quando sarà là fuori, darà la colpa a Undertaker per l’assenza di Punk. E mi prenderò la sua streak. Dammi solo 15 minuti. Lasciamo solo andare là fuori a farli cadere in trappola e alla fine gli toglierò la loro arma. E credimi, smetteranno di prendere in giro. Non prenderanno più in ostaggio lo show perché avranno tirato fuori tutti i loro cori per CM Punk e presteranno attenzione ai match di WrestleMania e a quello che pubblicizziamo»”.

Heyman ha poi spiegato come la vedeva dal suo punto di vista:

"L’ho considerata una sfida, mi piace essere sfidato. Mi piace che qualcuno arrivi con promo migliori dei miei perché mi sfida a fare meglio. A Brock Lesnar piace combattere con qualcuno che gli dia una sfida al suo livello: ecco perché gli piace combattere per la UFC. Io voglio affrontare qualcuno che può competere al mio livello al microfono. Mi piace. Voglio avere un pubblico che non mi renda il compito facile. Voglio vedere se posso essere sfidato e quanto posso essere bravo perché, da quando ho messo piede in questo business, voglio essere il migliore di sempre. Non voglio andare in giro a dire: «Sono il migliore di sempre!»; ma dentro di me, sento di esserlo e voglio sentire di meritarmelo. Voglio spingermi al limite e poter dire: «Sai una cosa? Sono abbastanza umile, so che i difetti che ho come essere umano, conosco gli errori che ho fatto a non c’è un maledetto figlio di… che potrebbe fare quello che ho fatto stasera». Perciò quando uscì fuori e feci cadere in trappola il pubblico – solo parlandogli, non ho detto: «Signore e signori, CM Punk non è qui stasera». No, ho parlato a tutti loro, sono uscito nel primo segmento di Raw, che deve esser energico e ho solo parlato a loro. Gli ho parlato dolcemente, perciò loro dovevano rilassarsi e starmi a sentire. Una volta che li avevo in pugno, gliel’ho infilata su per il c**o. E quando l’ho fatto, sapevo di avere il controllo. E quando stavano per mandarmi a quel paese io ho nominato Brock Lesnar. E Lesnar è venuto fuori e quelle persone ormai avrebbero pagato per vedere Undertaker prendere Lesnar a calci nel c**o per quello che avevamo detto e fatto. Ma avevano smesso di pensare a CM Punk, che non era più lì per farci fare i soldi”.

   

Questo sito non è in alcun modo affiliato con alcuna organizzazione professionistica.
I nomi dei programmi, dei lottatori e dei marchi WWE e TNA sono proprietà delle rispettive federazioni.
Copyright © 2018 - Tuttowrestling.Com - P. IVA n° 08331011000

Cambia le Impostazioni Privacy

TUTTOWRESTLING HOMEPAGE