TUTTOWRESTLING HOMEPAGE
USERNAME PASSWORD     RICORDAMI REGISTRATI
 
 22.4 Wrestling Cafe
 21.4 WWE Planet
 21.4 Impact Wrestling Report
 21.4 WWE Main Event Report
 20.4 Bet on him - BET ON... THE FUTURE AFTER TAKEOVER: NY
 20.4 WWE NXT UK Report
 20.4 WWE NXT Report
 
 







 
 
 
Charlotte su fischi, turn heel, Ronda, pressioni
07/04/2019 22:31:43 by Chiara Maroni
 
[Indietro]

The State of Combat podcast ha intervistato Charlotte Flair qualche giorno fa per promuovere l'evento di stanotte.

Su essere fischiata nella rivalit con Becky Lynch: "Credo fosse difficile per me da affrontare perch durante questa rivalit ero troppo concentrata su quello che la gente poteva pensare di me. Dovevo essere quella buona ma poi venivo fischiata. Se conoscete il mio passato, e le storie di Charlotte e Becky, tralasciate i titoli e i precedenti tra di noi, guardate all'aspetto dell'amicizia su cui si basava la storyline, era partita con me che dovevo essere quella buona."

Sul suo turn heel: "Sono arrivata alle Survivor Series pensando -sai cosa, non posso pi scusarmi per essere quella buona perch lo sono-. Quindi stato uno di quei momenti in cui quasi torni ad essere ci che sei e quello che il tuo personaggio dovrebbe essere senza che ti importi del resto. E' stato quasi come debuttare di nuovo come quando debuttai da face, in questo caso mi ero trasformata in quella cattiva, e doveva riguardare il fatto che io fossi Charlotte Flair, una otto volte Campionessa femminile. Volevo tornare ad essere ci che ero veramente, rappresentare la prescelta, The Chosen One."

Sull'affrontare la pressione in vista del match: "Devo fronteggiare il fatto che sono sottoposta a una forte pressione e che i riflettori sono sempre accesi e sar sullo stage pi importante dell'anno quando dovr arrivare al massimo. Sento come se dopo le Survivor Series nel match contro Ronda Rousey io abbia trovato una nuova veste in cui calarmi e non mi sono pi fermata. A New York porter la mia performance ad un altro livello e quindi dovr prepararmi mentalmente e fisicamente perch ci che devi fare. Quando vai l fuori devi tirare fuori queste emozioni e la pressione alle stelle. La cosa pi importante da fare mettere un punto esclamativo a questo main event e provare a tutti che siamo arrivate esattamente dove dovevamo essere."

Sul rispetto per Ronda Rousey: "Guardo Ronda e mi dico che, nel caso lei non fosse mai venuta qui, le cose sarebbero cambiate lo stesso per donne nel business, ma penso che abbia avuto comunque un ruolo importante. E' un nome forte ed rimasta fedele al messaggio che voleva mandare. Quando ha firmato con la WWE nessuno poteva sarebbe a cosa saremmo davvero andate incontro in merito alle sue abilit in questo business. Il fatto che tu sia una brava atleta non significa che tu possa essere anche brava nel raccontare storie. Credo che lei abbia legittimato quello che facciamo anche verso un pubblico che aveva meno familiarit con questo sport entertainment. E' questo che lei ha saputo mettere in gioco."

Sul volere affrontare Ronda a WrestleMania: "Prima di Survivor Series, mi immaginavo di poterla affrontare a WrestleMania e volevo testare le mie abilit contro di lei. E' questo il motivo per cui ho guardato molto a lei e a una possibile sfida per quello che lei ha fatto nello sport al femminile in tutto il mondo. Ho molto rispetto per lei per questo. Ma non fraintendetemi, quello rimane pur sempre il mio ring."

   

Questo sito non in alcun modo affiliato con alcuna organizzazione professionistica.
I nomi dei programmi, dei lottatori e dei marchi WWE e TNA sono propriet delle rispettive federazioni.
Copyright 2018 - Tuttowrestling.Com - P. IVA n 08331011000

Cambia le Impostazioni Privacy

TUTTOWRESTLING HOMEPAGE