WWE Planet #389

Come previsto il folle, non c'è un'altra parola, calendario della WWE ci obbliga a tagliare corto sui tante riflessioni (tonfo dei rating, unificazione delle cinture, cambio di network di Smackdown) e concentrarci su Hell in a Cell, in programma questa domenica. E' dunque il consueto momento dei pronostici, anche se la card al momento è composta da soli quattro incontri. E' dunque assai probabile che la puntata in diretta di Smackdown possa aggiungerne altri.

Intercontinental Championship: Daniel Bryan vs The Miz vs John Morrison

Submissions count everywhere.. stipulazione interessante, paradossalmente – ma ne parleremo nel commento finale – perfino più dei due hell in the cell previsti. Un incontro che sicuramente può esaltare alla grande le qualità del campione attuale e che certo ben si adatta anche ai due sfidanti, dunque col giusto minutaggio può davvero essere qui la sorpresa della serata. Per quanto riguarda l'esito, può un campione coronato da appena due settimane perdere subito la cintura? Si che può, considerando il suo rango di “giovane” promessa. Certo The Miz può in qualunque momento essere spostato verso traguardi più prestigiosi, ma nulla di strano se questo accada al termine di questo feud e con un nuovo passaggio della cintura; inoltre c'è pur sempre un terzo incomodo, che da un lato ormai è “abbonato” a questo tipo di successi da upper card, dall'altro non vedo quanto possa beneficiare dell'ennesima cintura minore della sua carriera. La logica, le probabilità direbbero francamente Daniel Bryan, e dunque anche il mio pronostico si regola di conseguenza, ma guai a considerare questo come un match dall'esito scontato.
Winner and still champion: Daniel Bryan

John Cena vs Wade Barrett

Si potrebbe scrivere un editoriale solo su questo.. la particolare posta del match innesca inevitabilmente una lunghissima sequenza di ipotetici scenari, alcuni certamente più probabili di altri, che spaziano a dir poco a tutto tondo.
E come se non bastasse la stipulazione ci si mettono anche le voci direttamente o indirettamente collegate a questo incontro, quelle notizie chissà quanto vere che potrebbero influenzare in modo determinante la scelta del vincitore. Prendiamo le vendite della maglietta dei Nexus, che si dice siano enormemente più basse del previsto. Sarà vero? Sembra di si ma guai a esserne certi.. e pur essendone certi perché questo dovrebbe automaticamente significare la fine della stable? Al contrario si potrebbe farli vincere proprio per fare in modo che sia Cena ad indossare quella maglietta, che magari a quel punto “ingranerebbe” dal punto di vista commerciale. O ancora i rating pessimi di Raw ed i buyrate in pay per view.. certo questa è una certezza, non una voce, ma sarà colpa delle scelti recenti, fra le quali c'è ovviamente proprio la creazione dei Nexus? E allora via subito e si trovino subito alternative..
E se invece fosse il contrario, ovvero che senza di loro i numeri sarebbero stati ancora più negativi? E allora contrordine, subito Cena sconfitto e Nexus di nuovo al centro di Raw. O ancora, se il calo fosse congiunturale e non addebitabile alle scelte di booking? Insomma le voci ed i numeri possono essere un fattore, ma solo per rinforzare una tesi o l'altra, non per escludere una delle due.
E che dire della graniticità della stipulazione? Apparentemente solidissima, se Cena vince stop, se perde dentro nei Nexus, senza se e senza ma. Ma sarà davvero così? Altri scenari sono da escludere a priori? Uno interessante me lo ha fornito Marco De Santis, e ve lo riporto integralmente:

Te la voglio dire perché mi sembra quasi plausibile e spariglia un po' l'idea riassumibile con la frase “Se Cena vince ammazzano i Nexus, perciò Cena deve perdere”.

La mia ipotesi si basa sulla falsariga del post di Jericho su Twitter qualche settimana fa, dove diceva che gli heel mentono; dunque un GM heel potrebbe riprendere i Nexus anche se da stipulazione dovessero perdere. Ecco perché mi immagino uno scenario del genere:

– Domenica Cena vince per squalifica con interferenza dei Nexus che lo massacrano. Nessuno capisce perché visto che così i Nexus sono fuori gioco.

– Lunedì il GM si rivela essere Triple H, Edge viene cacciato a SmackDown e diventa il capo del Team SmackDown a Bragging Rights. Triple H potrebbe essere a capo del team Raw.

– Dopo Bragging Rights o alla prima occasione in cui gli conviene Triple H turna heel, si fa aiutare dai Nexus e toglie il ban su di loro, ricostruendoli come gruppo e annunciando che erano guidati da lui (questo volendo può accadere anche questo lunedì se vogliono accelerare tutto, in quel caso probabilmente non parteciperebbe al Raw vs. SmackDown, sebbene Edge a capo del Team SmackDown ci starebbe comunque).

Quindi io vedo un Triple H che torna da face GM per poi fare il turn, i Nexus che anche se perdono non verranno distrutti ed infine il passaggio di Edge a SmackDown.

Se vince Barrett la situazione è più intrigante, ma anche più difficile da gestire per il ruolo di Cena face in un gruppo heel; non so se alla WWE se la sentono di tentare questa strada. In ogni caso la mossa di Triple H da GM di riprendere i Nexus dopo la loro sconfitta aiuterebbe lo stesso The Game a compiere un turn heel più rapido e convincente.

In conclusione penso che cancellare i Nexus sia comunque una scelta sbagliata, ma non è detto che una loro sconfitta possa significare questo. Jericho insegna….

Forze azzardato e non esattamente al primo posto nella classifica delle probabilità, ma sarebbe da scartare a priori uno scenario del genere? No, non a caso non lo avrei scartato nemmeno io. Come non è escluso il contrario, ovvero Triple H torni da subito heel (ma a quel punto andrebbe a farsi benedire la rivalità con Sheamus) e aiuti lui i Nexus a vincere, per poi rivelarsi la mente oscura del gruppo. Insomma spazio per strade diverse ne vedo in abbondanza, ma anche in una logica di presevare in modo più “normale” il gruppo andrei per una strada più lineare, ovvero quella di una vittoria non pulita dei Nexus ed un John Cena “recluso” nel gruppo per qualche settimana, magari per poi giocarsi a Braggin Right con un suo team contro tutto il gruppo la sua “liberazione”.
Winner: Wade Barrett

Hell in a Cell: Undertaker vs Kane

Può la presenza di Paul Bearer spostare nuovamente gli equilibri? Certo che può, anche perché se già è difficile trovare i job di Undertaker in carriera figuriamoci le volte in cui ha perso due volte di seguito. Eppure… eppure forse sono incontentabile, ma se si volesse migliorare il già ottimo lavoro fatto la settimana scorsa a Smackdown forse il modo migliore sarebbe far vincere proprio Kane, nonostante la ritrovata energia del suo fratello maggiore. L'effetto sorpresa sarebbe ovviamente ancora maggiore rispetto a quello di Night of Champions, e la conseguente iniezione di credibilità per la Big Red Machine sarebbe ineguagliabile, forse la massima possibile che si possa conferire ad un personaggio che comunque non è certo né nuovo né all'apice della carriera. Il tutto in un'ottica di un terzo incontro che dubito sarà evitato, che salvo sorprese davvero clamorose dovrebbe in ogni caso concludersi a favore del becchino.
Sulla qualità dell'incontro onestamente nutro diverse perplessità: a Night of Champions si sono salvati solo i minuti finali, qui dopo appena due settimane sarà veramente il caso di usare a dovere la gabbia, altrimenti l'effetto noia rischia davvero di farti pesantemente sentire. Certo usare a dovere la gabbia può fare a pugni con le ormai famigerate lettere P e G tanto care alla WWE di oggi, ma ahimè è un tema che pesa come un macigno su tutto il ppv.
Winner and still Champion: Kane

Hell in a Cell: Sheamus vs Randy Orton

Povero Orton.. appena laureatosi campione i rating di Raw calano a picco; colpe specifiche o casualità? Onestamente in questo caso propenderei per la seconda, anche perché il suo regno ha coperto appena due puntate, in piena stagione di football americano e con una delle due pre-registrata. Si torna insomma allo stesso tema affrontato per il match fra Cena ed i Nexus: posso i risultati negativi incidere su delle scelte recenti, tra le quali ovviamente quella di affidare la cintura a Orton? O ancora, quale miglior modo di pushare Sheamus, che comunque è inevitabilmente un investimento per il futuro considerando anche un più che probabile feud “prenotato” con Triple H, se non quello di fargli vincere senza nemmeno rubare troppo un match per sua natura più violento del normale e dunque più adatto al suo personaggio?
Il problema è che queste considerazioni comunque non trascurabili fanno a pugni con un “macigno”, ovvero con l'idea di optare per un nuovo rapidissimo cambio di mano della cintura; non impossibile, ma certamente nemmeno probabile. Personalmente non vedrei la cosa come eccessivamente penalizzante per Orton, e soprattutto spalancherebbe le porte verso il cammino più logico per il rientro di Triple H, ovvero affrontare Sheamus e strappargli la cintura quanto prima, cammino per il quale i booker si sono presi una – lunga – pausa creativa nelle ultime settimane, vivendo alla giornata per sopperire alla necessità di posticipare il suo rientro. Tutto bello e tutto giusto, ma onestamente due settimane sono forse davvero troppo poche. Ecco perché con un po' di certezze in più rispetto ad altri match della card mi sento di dire:
Winner and still champion: Randy Orton

PPV

Dispiace, ma francamente non ci siamo proprio stavolta. Il solo match che attendo con un minimo di curiosità è quello fra Cena e Barrett.. il resto guarda caso nella migliore delle ipotesi deve scrollarsi di dosso un bel po' di muffa. Come diavolo è possibile immaginare due pay per view così vicini? E poi magari ci si lamenta anche degli acquisti bassi..
Certo qui c'è la struttura demoniaca dell'hell in a cell.. ma in era PG cosa è davvero rimasto di demoniaco? Poco o nulla temo. Ricordate Extreme Rules in versione PG? Sarebbe stato più adatto il nome Extreme Boring, e questa sera il problema rischia di ripresentarsi allo stesso modo; scordatevi il debutto di Kane nell'hiac fra Undertaker e Shawn Michaels, scordatevi il fantastico hiac di King of The Ring 98 che ha consacrato e contraddistinto tutta la carriera di Mick Foley.. stavolta c'è il concreto, concretissimo rischio che la gabbia sia poco più di un disturbo per le riprese televisive. L' “azzoppamento” della gimmick dell'evento, necessario per i canoni attuali della federazione, potrebbe compensarsi con storyline ed incontri di livello, peccato che nella realtà forse i booker sperino nell'esatto contrario, ovvero che una stipulazione azzoppata possa venire in soccorso di storyline che inevitabilmente sono nella migliore delle ipotesi già un po' datate.
Insomma forse lo scenario potrà essere migliorato da qualche sorpresa, ma francamente al momento è abbastanza difficile trovare dei validi motivi che spingano a fremere di attesa verso questo pay per view, e forse è una valutazione perfino troppo generosa.

Giovanni Pantalone
Super appassionato di wresting dagli inizi degli anni 90, al punto da vedersi, tra WWE e Impact, una trentina di Pay Per View e show televisivi dal vivo in giro per il mondo. Si occupa da sempre di tutta la parte tecnica del sito, compresa la App e la gestione del Forum, ma non disegna sporadici editoriali e comparsate nei podcast.
15,941FansLike
2,608FollowersFollow

Articoli più letti

Articoli Correlati