WWE Planet #369

Non è stata una settimana facilissima dal punto di vista della gestione tecnica del sito.. come saprete un disguido con il provider ci ha obbligato a 24 ore di blackout forzato. Nella sfortuna devo comunque dire che l'avere “esteso” la nostra presenza anche sui social network ha consentito di mantenerci comunque in contatto, di non indebolire quella che con buona pace di qualcuno è la comunità italiana di wrestling più diffusa. Mentre il server faceva i capricci, infatti, sulla nostra pagina di facebook potevamo aggiornarvi sulla situazione, e soprattutto pubblicare il Raw Report con la consueta puntualità. Tempo poi di tornare definitivamente online ed i contatori delle visite sono schizzati impazziti.. a dimostrazione di un affetto per il quale personalmente – ma credo di parlare anche a nome di tutto lo staff – non sarò mai abbastanza grato. Tuttowrestling dunque continua nella strada che il sottoscritto e la direzione condivide in pieno, ovvero quella di puntare ovviamente sui contenuti, ma anche sulla massima fruibilità degli stessi, in tutti i modi possibili. Stay tuned, le novità non sono certo finite qui, e come al solito l'apertura a suggerimenti e proposte provenienti da voi è totale.

Anche Vickie Guerrero? Pensavo che lo “spolpamento” di Smackdown si fosse arrestato al draft (e sarebbe abbondantemente bastato, considerati gli spostamenti che questo ha prodotto), ma a quanto pare il sisma è stato seguito da una scossa di assestamento tutt'altro che piccola, che senza dubbio mette ulteriormente nei guai uno show che già era stato decimato di suo.

Certo Vickie Guerrero non lotta, ma spostare sia il suo ruolo, quello di General Manager, sia soprattutto il modo in cui lei lo interpreta vale per importanza quantomeno – e credo di stimare anche per difetto – il trasferimento di un main eventer, ovvero i pesantissimi trasferimento di Jericho ed Edge che erano stati operati nel già citato draft. Perché, ma non ci sarebbe quasi bisogno di dirlo, il general manager condiziona le storyline, interviene più volte nel prodotto, lavora tanto nei segmenti backstage e in generale al microfono.. insomma è parte integrante di uno show televisivo settimanale. Magari un GM non all'altezza non toglie chissà quanto alla qualità complessiva dello show, ma uno che ci sa fare può dare quel qualcosa in più che fa la differenza.

In soldoni, qualora lo spostamento fosse confermato, e non parlo ancora per certezze visto che in una sola settimana abbiamo già capito per tre volte cose diverse, Vickie porterebbe certamente del valore aggiunto a Raw, ma lascia sul campo due problemi, non così trascurabili.

Il primo è ovviamente a Smackdown: duole dirlo, ma Teddy Long ha ormai ampiamente dimostrato di non avere il sufficiente carisma per interpretare il ruolo che ricopre. A volte è certamente colpa del contesto, perché quasi nessuno può fare miracoli quando uno show con poche idee e storyline non esaltanti, ma a onor del vero in tante altre occasioni non è stato assolutamente abbandonato a se stesso, anzi ha ricevuto diversi supporti creativi pur di aiutarlo. Pensiamo ad esempio al periodo di prova imposto da Vince McMahon.. risultato? Morto perché non è riuscito ad interessare a nessuno. O ancora per citare fatti recentissimi alla storyline con Drew McIntyre, licenziato e detronizzato da Campione Intercontinentale per poi essere riammesso dallo stesso Vince. Più di questo onestamente non so cosa si possa fare.. di sicuro siamo lontanissimi dagli standard degli Eric Bischoff o della stessa Vickie; non è la prima volta che queste conclusioni arrivano su queste pagine, ma figuriamoci ora che perdere il GM si annida in un contesto dove le perdite sono già state tante e di peso specifico enorme.

Il secondo è legato ai guest host di Raw, una figura che con rendimenti alterni è ormai integrata a Raw da diversi mesi, con un ospite legato o non legato al mondo del wrestling che ogni settimana è chiamato a dirigere la baracca. Magari ci sarà tempo e modo per fare un bilancio consuntivo di questa idea, che sinteticamente come detto ha alternato vette considerevoli a picchi di inutilità acclamata; quello che però è importante analizzare oggi è come questa figura sarà modificata, da un manager con dei poteri ad un “semplice” ospite. L'obiettivo della WWE è chiaro.. mantenere la casellina dell'ospite (e garantire il relativo traino pubblicitario) ma al tempo stesso avere un vero GM che possa dare ulteriore verve allo show, che ultimamente non sta certo brillando per ascolti.
Apprezzabile per certi versi, specie ricordando i casi in cui davvero il guest host si è rivelato un corpo estraneo, ma con il rischio di rendere ancora più avulso il guest host stesso, che nella migliore delle ipotesi potrà essere parte di un match con qualunque ruolo o coinvolto in qualche backstage. Tanto vale, a quel punto, prendere in seria considerazione l'ipotesi di accantonare la cosa del tutto, e concentrarsi su quei fattori che possono determinare una crescita continua, non una tantum. Perché sia chiaro posso anche chiamare The Rock a garantirmi una puntata da 3.5, ma se la settimana dopo non si offre un valido motivo per convincere lo spettatore occasionale, resterà solo quella fascia di pubblico che Raw lo avrebbe seguito anche senza la presenza di Rocky Maivia.

La sintesi è dunque molto semplice.. Vickie forse resterà anche a lungo nei due show, ma di fatto pur aiutando entrambi non risolverà del tutto né i problemi da un lato né quelli dall'altro, dove come detto ci vorrebbero degli elementi più solidi di una celebrità ogni settimana.

E uno di questi elementi, di quelli che possono fare la differenza nel medio e lungo periodo, oggi si chiama senza dubbio Randy Orton. La reazione del pubblico verso di lui credo sia la cosa più promettente che si sia vista dai tempi di Stone Cold prima e The Rock poi. Con questo non voglio fare paragoni di nessun tipo, dire che Orton oggi è ai loro livelli o potrà arrivarci di sicuro. Dico solo che The Viper è forse uno dei pochissimi face capace di mantenere il 100% del consenso del pubblico: non ci riesce Edge (non a caso tornato hee), non ci riesce Cena, non ci riesce Mysterio, non ci riesce Batista, ci riescono solo le leggende come Undertaker. Come? Con un atteggiamento simile a quello di Austin.. il beniamino del pubblico fuori dalle regole, imprevedibile, caratterizzato da una trademark improvvisa e decisiva… la stunner ieri, l'RKO oggi. Mi ripeto, non voglio parlare di un nuovo Steve Austin, sarebbe ingiusto nei confronti di entrambi così come è ingiusto trovare elementi di paragone fra le superstelle che hanno scritto la storia di questo mondo.
Hulk Hogan ha scritto la storia a modo suo, Flair a modo suo, Austin, The Rock.. ognuno a modo suo è entrato nello stretto giro dei grandissimi. Orton oggi è forse l'unico che sta dimostrando di avere le basi per poterci almeno provare, ovvero riunire il consenso di fasce di pubblico enormemente diverse. Il tutto poi ottenuto quasi per caso, senza che la federazione abbia fatto chissà cosa per creare questo consenso.. il che dovrebbe far molto riflettere buona parte dei dirigenti a Stamford.

In cosa a mio avviso può migliorare? Semplice.. The Viper deve essere meno.. Viper! Intendo smussare qualche elemento troppo estremo della sua gimmick al punto da renderlo più illogico e tendente al ridicolo. Ovvio che non mi riferisco ad esempio a sguardi, camminata o elementi che anzi sono proprio il clou del suo personaggio.. ma ad esempio è così necessaria la pantomima di strisciare e sbattere i pugni a terra? A mio avviso no, ma naturalmente rientriamo nella pericolosa sfera dei pareri soggettivi. Quello che è sicuro è che dopo aver forzato la carriera di Orton in troppe circostanze, fra le quali un primo titolo del mondo da face troppo prematuro ed una eccessiva esposizione nel main eventing da heel specie contro Cena, oggi finalmente la WWE si ritrova un wrestler di assoluto riferimento che riesce perfino ad essere immune dalle conseguenze degli errori di booking, che poi è la caratteristica fondamentale che rende una legenda tifata a prescindere da tutto o almeno quasi.

E dopo l'apologia di Randy Orton che tanto avrebbe fatto piacere ad Alessandro Saracca è il momento di chiudere con una veloce considerazione su NXT, dove sono stati ben tre i rookie ad essere eliminati. L'aver incluso fra questi Daniel Bryan a mio parere ha ucciso definitivamente la già stuprata credibilità di tutto il format. Perché i casi sono due.. o la federazione è davvero così miope da lasciarselo scappare, oppure come da lui stesso annunciato assisteremo al suo ritorno come Brian Danielson, ovvero il nome con cui era conosciuto nelle indies. Come dire trasformare un reality-gara dove già il risultato era comunque deciso a tavolino ad un qualcosa di ancora più contorto. Perché i rookie dovrebbero ambire all'agognato premio di entrare a Raw o Smackdown se poi anche da eliminati possono rientrare per la finestra, o magari addirittura già ricevere quel premio – entrare in uno dei due roster- che in realtà sarebbe per chi arriva fino in fondo? Purtroppo è semplicemente la contraddizione di fondo – una gara che non è una gara – che presenta il conto a Vince e soci dopo qualche settimana, un conto che ha un costo che compromette irrimediabilmente il tutto. Certo anche una semplice vetrina di apprendisti, perché questo soltanto può ormai essere, può essere meglio della ECW ultima versione, ma francamente è dura convincere uno spettatore a seguire con costanza NXT con queste premesse, non a caso la federazione è in grossa difficoltà nel reperire un nuovo contratto televisivo per questo format.

Giovanni Pantalone
Super appassionato di wresting dagli inizi degli anni 90, al punto da vedersi, tra WWE e Impact, una trentina di Pay Per View e show televisivi dal vivo in giro per il mondo. Si occupa da sempre di tutta la parte tecnica del sito, compresa la App e la gestione del Forum, ma non disegna sporadici editoriali e comparsate nei podcast.
14,815FansLike
2,609FollowersFollow

Ultime Notizie

Cody invoglia i cittadini americani al voto

Cody spinge i cittadini americani al voto mettendo in palio la possibilità di incontrarlo all'interno di una video chat,

Ex Impact Knockout pronta a debuttare a Dark

Una ex Impact Wrestling Knckout è pronta al debutto in AEW, più precisamente nell'episodio di Dark di domani.

Paul Davis: “Usos pronti a unirsi a Roman Reigns”

Secondo Paul Davis, gli Usos si uniranno a Roman Reigns per formare una nuova stable e innalzare il proprio livello in WWE.

Fallah Bahh rinnova ufficialmente con Impact Wrestling

Fallah Bahh rinnova ufficialmente con Impact Wrestling e allunga la sua permanenza all'interno della federazione canadese.

Articoli Correlati