THE BECKETT WRESTLING SOCIETY #12

 

“DIVAS UNCOVERED”

Micheal McAvennie (2005)

Lingua: Inglese

“There’s time to show some ass, and there’s time to kick some”
(Trish Stratus)

A seguire Unscripted, fortunato libro fotografico dedicato a tutte le superstar WWE, arriva sugli scaffali questo Divas Uncovered, suo fratello minore identico nello scopo ma interamente dedicato al settore femminile, presente e del recente passato, della World Wrestling Entertainment. Da Trish Stratus e Candice Michelle passando per Lita e Michelle McCool, per finire con Miss Jackie, Dawn Marie, Joy Giovanni e Ivory, tutte le divas del recente passato si sono fatte avanti per gli scatti che compongono questo volume.
Inutile dilungarsi più di tanto, questo libro è espressamente dedicato a chi adora le lottatrici della WWE. Le fotografie, di ottima qualità, catturano le divas sia durante l’azione sul ring sia durante i vari servizi che la WWE organizza per i suoi vari magazine. Allo stesso tempo, come chicca di questo libro, le divas vengono anche immortalate dietro le quinte, nei loro momenti di libertà e, più in generale, quando sono fuori dal personaggio che la WWE ha ideato per loro.

Le foto vengono poi accompagnate da brevi pensieri, frasi sparse qua e là e raccolte all’istante, brevi cenni delle personalità delle lottatrici stesse, anche se non è certo la parte scritta a rendere o meno questo libro appetibile. Non lasciatevi però trarre in inganno dal titolo, le foto che le varie ragazze hanno scattato per Playboy sono state appositamente omesse, per cui di “svestito” non vi è molto rispetto a qualsiasi altro magazine WWE.

Resta però indubbio che se avete o una forte passione per le divas e per le ragazze dietro al personaggio, oppure se più semplicemente volete rifarvi un po’ gli occhi, allora questo Divas Uncovered potrebbe essere un ottimo regalo con il Natale che avanza a grandi passi. Ottime foto, splendide ragazze, una spruzzata di wrestling che non fa mai male… cos’altro volete di più?

 

“JOURNEY INTO DARKNESS”

 Michael Chiappetta (2004)

Lingua: Inglese

 

Glen Jacob Callaway sarebbe un ragazzo normale, se non fosse per gli occhi di differenti colori, quel carattere un po’ chiuso ed una strana malattia che non lo porta mai a provare dolore fisico. Tutto l’opposto di suo fratello Mark, rabbioso ed irruento, e per questo così invidiato. Ma la vita dei due procede normalmente, alla Callaway Funeral Service, fino a quando un incendio non rade al suolo la casa, lasciando come unico superstite ed in fin di vita il povero Glen. Senza famiglia, inizierà per Glen (di stirpe Kane, una dinastia che si dice sia maledetta…) il giro delle adozioni, l’incontro con una giovane Katie Vick ed il dolore, che lo accompagnerà sotto forma di immani tragedie in qualsiasi posto egli viva. Arriverà l’adolescenza, il nuovo incontro con Katie e la nascita del loro rapporto, anch’esso destinato in beve a finire a causa di una nuova grave tragedia. Glen, distrutto dal dolore, abbandonerà la vita umana per nascondersi, per proteggere il mondo da se stesso e dal male intrinseco della sua famiglia. Ma un giorno vedrà su un teleschermo Paul Grimm, ora Paul Bearer, un tempo impiegato nella Callaway Funeral Service e suo fratello Mark, ora The Undertaker, suo fratello, dati per morti quella notte, e la vita di Glen cambierà per sempre. Ora semplicemente Kane, come il cognome maledetto (perché Glen è maledetto…), il protagonista si metterà di nuovo in marcia per riprendersi ciò che lo aspetta. Verità e vendetta.

Questa, in breve, la storia alla base di questo romanzo, magistralmente scritto e diretto da Michael Chiappetta. Chiariamo subito un punto: questa non è la biografia di Glen Jacobs, l’uomo dietro la maschera di Kane. Questo libro è la vita di Kane, presa dai teleschermi e messa in ordine, con un po’ di aggiunte, dall’autore per i fan della Big Red Machine. Uno strano esperimento targato WWE, l’idea di trasformare in romanzo una delle storyline più complesse ed accattivanti di sempre, ma allo stesso tempo un progetto pienamente riuscito. Il romanzo scorre via veloce, la trama ha la giusta dose di pathos, horror ed azione, e finalmente molto punti ancora in sospeso di quello che è il passato di Kane si vestono di nomi, luoghi, azioni e chiarezza.

Tutti i fan di Kane, e la fuori sono tanti, dovrebbero possederlo. Perché non solo si tratta di un ottimo libro, ma allo stesso tempo è il giusto premio che un wrestler come Kane non ha mai ricevuto sul ring. E poi, in tutta onestà, quale storia se non quella della Big Freakin’ Machine meritava di diventare un racconto? Ma anche chi propriamente, come il sottoscritto, non ama definirsi supporter del fratello minore di Undertaker, troverà di che essere soddisfatto da questa lettura. Perché l’aggiunta di particolari, il continuo mescolasi di volti e situazioni, la follia del protagonista che lo porterà a discernere a fatica verità e finzione, creeranno una rete intricata di sottotrame e colpi di scena che vi costringeranno a proseguire la lettura fino all’ultima pagina, quando finalmente i misteri verranno del tutto svelati.

La WWE ha provato a fare qualcosa di diverso, e c’è perfettamente riuscita. Resta solo da sperare che questo volume sia solo il primo di una lunga serie, le impossibili trovate escogitate dai bookers di Stamford potrebbero alla fine valere davvero qualcosa.


Mr.Money In The Bank


Alessandro “Triple S” Saracca