Biografia di Crash Holly - TUTTOWRESTLING.COM -=Tutto Sul Mondo Del Pro Wrestling=-
 
TUTTOWRESTLING HOMEPAGE
 
USERNAME PASSWORD     RICORDAMI REGISTRATI
 
 27.5 5 Star Frog Splash
 26.5 EPW Live In Cinecittà World
 26.5 The Other Side
 25.5 Stamford Report
 25.5 WWE 205 Live Report
 25.5 TW Risponde
 24.5 WWE Smackdown Report
 
 



 
 
 


CRASH HOLLY


Michael Lockwood nasce a Antioch, California nel 1971. Quando decide di allenarsi per entrare nel mondo del wrestling sceglie come suo maestro Pepper Gomez, e si trasferisce in un’altra città californiana, Pacifica. In quegli anni, tra i suoi istruttori ci sono anche Woody Farmer e Mae Young.

Nel 1989 Michael debutta con il nome di Jonny Pearson in una piccola federazione della California, la Bay Area Wrestling. Ben presti cambia il suo nick in quello di “Irish Erin O'Grady” e lotta nella BAW fino al 1994. Negli anni successivi si sposta in altre piccole federazioni, lottando con il nick di “Green Hornet”, finchè nel 1996 approda alla All Pro Wrestling (APW) dove lotta con il nome di "The Leprechaun.". Nella APW Lockwood si fa un nome combattendo in match hardcore ed in match con stile high-flying. Il 22 marzo 1997 O’Grady batte "Dazzling" Donovan Morgan e conquista un titolo vacante, l’APW Junior Heavyweight title. Nello stesso periodo ha le sue battaglie migliori contro “Vicious” Vic Grimes, uno dei migliori prodotti delle indies di quegli anni. Dopo aver visionato un tape con un match di O’Grady e Mike Modest, Taz chiede ad Erin di entrare nella Ecw. Erin lotta in un dark match a November to Remember 1997 a Monaca, PA, ma la sua avventura a Philadelphia dura poco, visto che ben presto Lockwood entra in rotta di collisione con parecchie superstars ella federazione, in particolare con lo stesso Tazz, e torna a lottare nella APW.

O’Grady e Grimes vengono chiamati dalla Wwf per un provino: il 19 gennaio 1998 I due si affrontano in un match e danno entrambi una ottima impressione, venendo messi sotto contratto dalla federazione di Stamford e mandati ad allenarsi alla Memphis.

Il 30 ottobre 1998 O’Grady lotta per l’ultima volta nella APW, in una “eighteen man, no rules battle royal” in Hayward, Calif. E’ il saluto di Erin ad una federazione che gli ha dato tanto. Pochi giorni dopo, O’Grady batte Kid Wikkid e conquista il Power Pro Wrestling Young Guns title a Memphis, Tn, il 7 novembre 1998. Il 20 marzo 1999 O’Grady, in coppia con Grimes batte Kid Wikkid e Derrick King conquistando il Power Pro Wrestling Tag Team title, sempre a Memphis, TN. C’è per lui anche un breve stint in Messico, dove , sotto una maschera ed il nome di The Green Ghost, si fa largo nel circuito del wrestling di Monterrey. L’esperienza gli serve per affinare le sue doti di high-flyer.

Il 16 agosto 1999 Lockwood debutta a RAW IS WAR , con la gimmick di “Crash Holly”, cugino di Hardcore Holly. Crash arriva sul ring facendosi presentare come un wrestler “gigante”, alto 6’6 e pesante oltre 400 pounds. Spesso Crash porta con sé una bilancia per dimostrare che la sua affermazione è vera… Crash e Hardocre Holly lottano diversi mesi insieme in tag team, dando vita anche a divertenti siparietti extra-ring, e spesso lottano anche l’uno contro l’altro, visto che Hardcore Holly non sopporta l’indole più scanzonata del cugino.

Arriva il WWF Tag Team Title, vinto battendo due leggende, The Rock and Mankind il 18 ottobre 1999. Gli Hollies tengono i titoli per soli diciotto giorni, perdendo le cinture contro Mankind ed Al Snow, dopo averle difese soprattutto contro i New Age Outlawa. Alle Survivor Series 1999 gli Hollies, insieme ai Too Cool, riescono a battere due coppie più quotate, Edge & Christian e gli Hardy Boyz, ma proprio contro I Too Cool avviene il successivo, breve, feud. Ad Armageddon 1999 sconfiggono Rikishi e Viscera, quando Viscera tradisce il suo mastodontico partner.

Gli Hollies cominciano ad avere sempre più problemi tra di loro quando Crash conquista il suo primo WWF Hardcore title sconfiggendo Test il 24 febbraio 2000. Poco dopo Crash dice di essere un duro al punto da voler difendere la sua cintura 7 giorni su 7, 24 ore al giorno, dovunque ci fosse un arbitro pronto ad effettuare un conteggio. L’idea è veramente originale, e, per circa due anni, dà vita ad alcuni dei siparietti più divertenti della storia della Wwf. Crash comincia ad essere attaccato da altri wrestlers del roster, ma non solo, nei ristoranti, negli alberghi, negli aeroporti, negli spogliatoi delle arene… I suoi principali avversari, in questo periodo, sono i membri del Mean Street Posse (MSP), Rodney, Joey Abs, and Pete Gas.

Il suo primo regno da Hardcore Champion termina il 13 marzo 2000, quando viene schienato da Pete Gas, ma dopo pochi secondi Crash lo schiena a sua volta, riprendendosi il titolo. Uno dei maggiori vantaggi per Crash è che i tre membri del team si fanno la guerra tra di loro su chi debba diventare campione, e quasi semprew lasciano la possibilità a Crash di scappare con la cintura.

La regola “24/7” diviene ben presto un problema per Crash , che ammette “di non riuscire neppure a dormire la notte per difendersi dagli attacchi di chi vuole sottrargli il titolo, così mette in palio la cintura in una Hardcore Battle Royal con il tempo massimo di 15 minuti a Wrestlemania 2000, a cui prendono parte , oltre Crash, Hardcore Holly, Pete Gas, Joey Abs, Rodney, il Kaientai (Taka Mitchenoku e Sho Funaki), Tazz, The Acolytes (Faarooq e Bradshaw), Viscera, ed The Headbangers (Mosh Thrasher). Nel corso de match il titolo cambia mano ben nove volte, con Hardcore Holly che vince il match e diventa nuovo Hardcore Champion! In realtà il piano dei bookers prevedeva che fosse Crash a tenere la cintura, ma per un errore dell’arbitro Tim White, che avrebbe dovuto concludere lo schienamento di Hardcore sul cugino fuori tempo massimo, Crash non è più campione. Ma si tratta solo di meno di ventiquattro ore: la sera dopo Crash sconfigge il cugino riprendendosi la cintura.

Successivamente Crash chiede l’aiuto della Acolytes Protection Agency contro gli attacchi degli altri wrestler, ma tutto è inutile: la girandola continua e Crash passa le settimane e perdere e a poi rivincere il titolo. Tazz, Perry Saturn, Matt Hardy, sono i suoi avversari più agguerriti. Crash perde anche la sua cintura oltreoceano, nel Regno Unito, a Londra, contro Davey Boy Smith (a.k.a. The British Bulldog), per poi riconquistarla pochi giorni dopo. Il 15 maggio 2000 Crash perde il titolo nel corso di un suo match contro The Godfather. Con entrambi i wrestlers a terra, una delle “donnine” del “pappone”, Bobcat, entra nel ring e schiena Crash conquistando il titolo! Anche in questo caso, Crash si riprende la cintra schienando la ragazza pochi attimi dopo. Anche il dirigente della Wwf Gerald Brisco, leggenda del ring negli anni settanta, vince il titolo, schienando Crash Holly mentre questi dormiva...

La notte più bella della intera carriera di Crash Holly è probabilmente quella di King of the Ring Tournament 2000. Crash accede all’evento battendo nei match di qualificazione Albert, un wrestler molto più grosso di lui, poi, e, nel turno successivo, tra la sorpresa generale, suo cugino Hardcore Holly per squalifica, dovuta all’intervento di Gerald Brisco, che colpisce Crash, lo schiena e vince l’hardcore title! Nel corso del pay-per-view, per i quarti di finale dell’evento Crash, ancora una volta a sorpresa batte Bull Buchannan, ma nelle semifinali viene sconfitto da Kurt Angle, che più tardi nel corso della serata diventerà campione. Prima che lo show finisca però, Crash riconquista l’hardcore title , schienando Pat Patterson, che lo stava difendendo contro Gerald Brisco in un Evening Gown match, che non è altro che un segmento da WrestleCrap o da Hall of Shame.

Crash perde poi il titolo contro Steve Blackman e cade nel dimenticatoio. Ha anche qualche opportunità per conquistare il Light Heavyweight title match, ma perde contro Dean Malenko, con il quale forma , per un breve periodo un tag team alla fine del 2000.

All’inizio del 2001, a Sunday Nigh Heat, Crash lotta in un World Title Match contro Kurt Angle: fa una ottima figura, ma viene puntualmente sconfitto. La sera dopo a Raw, nuovo match contro Angle e nuova sconfitta. Nel post match Angle massacra Crash, finchè non arriva Hardcore Holly, fuori per infortunio da diversi mesi proprio a causa di Angle, il quale gli aveva spezzato un braccio, e salva il cugino, nonostante arrivino anche Edge e Christian in aiuto di Angle. Nel corso della serata il team di The Undertaker, Crash, e Hardcore Holly sconfigge Angle, Edge, and Christian.

Crash ha poi un feud contro i T&A (Test and Albert), che lo sconfiggono ripetutamente in match singoli o anche in handicapo match. Gli Hollies e la loro cugina Molly Holly, iniziano allora un mixed six wrestlers feud. Alle Survivor Series 2000 Crash, Molly Holly & Steve Blackman battono Test, Albert & Trish Stratus, e pochi giorni dopo, nel Regno Unito, a Rebellion 2000 Crash conquista il titolo europeo della Wwf battendo l’inglese William Regal. Crash mantiene poi il titolo per soli tre giorni, prima che la cintura torni alla vita di Regal.

Ancora lowcarding per Crash, che vince però anche il Light-Heavyweight Championship, perdendolo poi che poi perde in un dark match prima di Backlash 2001 a vantaggio di Jerry Lynn. La Wwf non riesce più a trovargli una collocazione, e Crash si trascina, ormai stancamente in nuove conquiste e perdite del titolo hardcore. Ad Insurrextion 2002 Crash riesce a vincere ancora l’Hardcore Title: dopo il match per il titolo tra Booker T e Stevie Richards, Crash arriva sul ring, schienando Booker T e vincendo la cintura. Tuttavia, dopo pochi secondi Booker T si riprende l’ Hardcore Title, secondo un canone visto e rivisto.

Nei primi mesi del 2003, Crash viene inserito nel Team Mattitude del roster di Smackdown!, dove ha la parte del “discepolo del discepolodi Matt Hardy” Shannon Moore. L’esperimento dura poche settimane, dove il Team Mattitude, tra l’altro, non combatte mai in formazione completa, poi la Wwe licenzia Crash.

Crash ha infatti una vita troppo sregolata, è amante dei party e dell’alcool, è spesso fuori forma ed altrettanto spesso ritarda agli appuntamenti nel backstage. La Wwe, inoltre, ha sempre presente un incidente avvenuto un paio di anni prima, quando Crash, nel corso una seduta di autografi, si presentò completamente ubriaco e finì per vomitare sul merchandising della federazione, mandando su tutte le furie la dirigenza, sempre molto attenta al rapporto tra le superstars ed i fans.

Il 24 luglio 2003, Michael Lockwood debutta nella Nwa Tna, con una nuova gimmick, quella di un pazzo nevrotico che si arrabbia per un nonnulla, “Mad Mikey”. La gimmick funziona benissimo e le vignette girate da Mad Mikey sono in assoluto tra le più divertenti viste nei tv shows di wrestling negli ultimi anni, ma, ancora una volta, Lockwood non sfonda. Viene messo ben presto in coppia con un altro talento sottovalutato della federazione, Sharkboy e i due lottano quasi esclusivamente nei dark matches o ad X-Plosion, lo show secondario della federazione.

Il 5 novembre 2003, Michael Lockwood è a Tampa, Fl, nella casa del suo amico Steven Richards, che lo ospita già da tempo. C’è una festa ed i due vanno a dormire quando è già il giorno dopo, il 6 novembre. Alle prime ore del mattino Lockwood viene trovato morto. Era completamente ubriaco quando si era addormentato, e, secondo i primi accertamenti, è stato soffocato da un rigurgito del suo stesso vomito.

Nei giorni successivi il mondo del wrestling ricorda con grandissimo affetto il wrestler che più di tutti ha rappresentato la storia del titolo Hardcore della WWF/E.

Realizzazione a cura di Michele M. Ippolito

   

Questo sito non è in alcun modo affiliato con alcuna organizzazione professionistica.
I nomi dei programmi, dei lottatori e dei marchi WWE e TNA sono proprietà delle rispettive federazioni.
Copyright © 2017 - Tuttowrestling.Com - P. IVA n° 08331011000

TUTTOWRESTLING HOMEPAGE