Biografia di Godfather - TUTTOWRESTLING.COM -=Tutto Sul Mondo Del Pro Wrestling=-
 
TUTTOWRESTLING HOMEPAGE
 
USERNAME PASSWORD     RICORDAMI REGISTRATI
 
 21.9 5 Star Frog Splash
 20.9 WWE Smackdown Report
 19.9 WWE Raw Report
 18.9 Wrestling Cafe
 20.9 TW Web Radio
 18.9 WWE Main Event Report
 17.9 WWE Planet
 
 





 
 
 


GODFATHER


Charles Wright nasce nel Nevada, a Las Vegas, il 16 maggio del 1961. Nonostante la sua stazza invidiabile, Wright intraprende la carriera di wrestler solo nel 1989, all’età di 28 anni. Viene notato dalla USWA di Memphis, dove inizia a lavorare, sotto le spoglie di “Kama the Soultaker”. Larry Sharpe si occupa di insegnare le basi della lotta all’atleta. Il 23 ottobre di quell’anno, dopo appena un mese dal suo esordio sul ring, Kama riesce a sconfiggere Jerry “the King” Lawler e conquistare il suo primo alloro, l’USWA Unified Heavyweight Title. Charles resta alla USWA per tre anni.

Nel 1992 Charles approda alla WWF, interpretando il personaggio di Papa Shango, un seguace della magia Voodoo, che entra in scena con il volto pitturato, una collana di ossa e le unghie dipinte di nero. Pochi mesi dopo il suo debutto fa un’apparizione a Wrestlemania 8 durante l’incontro tra Sid Justice e Hulk Hogan, interferendo contro Hulk e causando la conclusione del match per squalifica. Immediatamente dopo, risuona nell’arena la musica di Ultimate Warrior che accorre sul quadrato per salvare il suo amico Hogan dalle grinfie di Papa Shango e di Sid. Ne segue un feud, che verrà votato come 2°classificato tra i feud dell’anno 1992 dalla rivista Pro Wrestling Illustrated: i riti voodoo di Papa Shango contro Warrior, che riesce a vincere la maggior parte degli scontri.

Nonostante il feud sia stato votato tra i migliori dell’anno, i due atleti presto intraprendono strade diverse, affrontando altri avversari. A Summerslam ’92 Papa Shango sconfigge Tito Santana successivamente ad una Shoulderbreaker. L’8 novembre seguente, Papa Shango ha addirittura la possibilità di raggiungere l’alloro massimo della federazione, ma viene sottomesso da Bret Hart perdendo l’incontro. Partecipa alla Royal Rumble 1993 pescando il numero d’ingresso 3 e viene eliminato da Ric Flair. Partecipa a Wrestlemania 9, ma ha un ruolo marginale, lottando, e uscendo sconfitto in un dark match contro Tito Santana. La WWF decide di inviare Papa Shango di nuovo alla United States Wrestling Association, dove l’atleta vive alcuni momenti da protagonista assoluto: nel marzo del ’93 sconfigge nuovamente Jerry Lawler conquistando il massimo titolo della USWA, come 4 anni prima. Nel giugno dello stesso anno difende la cintura di campione nel ppv WWF King of The Ring contro Owen Hart, uscendo indenne dall’assalto dell’atleta canadese. Qualche giorno dopo, però, perde il titolo proprio per mano di Owen Hart.

Nel 1995 Wright torna a lottare per la WWF a tempo pieno cambiando gimmick: ora è Kama “The supreme fighting machine”, che lotta con la Million Dollar Corporation. Nel torneo di King of The Ring pareggia in un incontro con Shawn Michaels al primo turno e viene eliminato dal torneo. Il mese successivo, a In Your House 2, affronta the Undertaker in un casket match, ma viene battuto. Stessa sorte il mese successivo durante Summerslam, dove Undertaker replica la vittoria in un identico incontro della bara,dove riesce a rinchiudere l’atleta del Nevada.

La Royal Rumble 1996 segna un momento prestigioso della carriera di Charles Wright: entrato con il numero 23, riesce a resistere sul ring tra gli ultimi tre wrestler prima di venire eliminato. Dopo un periodo di assenza, Kama torna sul ring, unendosi alla Nation of Domination, facendosi chiamare Kama Mustafa. A Bad Blood, il 5 ottobre 1997 in coppia con D’Lo Brown e Rocky Maivia sconfigge i Road Warriors nel corso di un handicap match (forzato, per via dell’infortunio occorso a Ken Shamrock, partner dei Legion of Doom). Alle Survivor Series 1997, a Montreal, Shamrock,Ahmed Johnson e i Legion of Doom si prendono la rivincita sulla Nation of Domination.

Alla Rumble del 1998 entra nuovamente con il numero 23, ma non ha la stessa fortuna di due anni prima, perché viene eliminato per diciottesimo, da Steve Austin. A No Way Out in un “War of Attrition Match”, Ken Shamrock, Ahmed Johnson, Brian Lee (Chainz) e gli Harris Brothers (8-Ball e Skull) affrontano la Nation Of Domination, composta da Faarooq, Rocky Maivia, Mark Henry, Kama Mustafa e D-Lo Brown; l’incontro si risolve a favore dei primi.

A Wrestlemania 14 fa coppia con Faarooq in una Tag Team Battle Royal, dove il duo non va molto lontano, mentre ad Over the Edge 1998, gli attriti tra la Nation e la D-Generation X sfociano in un match vinto dalla compagine di atleti di colore. Sul finire del 1998 Wright cambia nuovamente gimmick, trasformando in maniera abbastanza radicale la propria immagine: nasce The Godfather, il padrino, un’atleta che arriva sul quadrato seguendo un “Ho Train”, un trenino di ragazze dai facili costumi, che offre spesso ad i suoi avversari per evitare il match. La sua immagine è letteralmente quella di pappone, che molto presto comincia a lottare in coppia con una pornostar: nasce per un breve periodo la Supply and Demand, costituita da Godfather e Val Venis. La coppia perde a Rock Bottom 1998, per mano di D’Lo Brown e Mark Henry.

Alla Rumble del 1999 Godfather entra con il numero 17 ma viene eliminato da Kane. Durante la puntata di Raw del 12 aprile 1999 The Godfather raggiunge la prima vittoria di una cintura nella sua lunga militanza in quel di Stamford: sconfiggendo Goldust si laurea per la prima volta campione Intercontinentale WWF. Resiste all’assalto di Goldust, in cerca di rivincite a Backlash 1999. A Over The Edge 1999, dovrebbe affrontare “Blue Blazer” Owen Hart, che però muore tragicamente qualche minuto prima che il match inizi.

Il 31 marzo ’99 Godfather conclude il suo regno di campione Intercontinentale subendo una sconfitta per mano di Jeff Jarrett. Per qualche tempo tornano on screen i Supply and Demand, ma in seguito Wright lotta come singolo: a No Mercy quando sconfigge Mideon. Nella Royal Rumble del 2000 Godfather entra con un numero altissimo, il 29, ma viene eliminato ben presto da Big Show, mentre negli show settimanali fa coppia frequentemente con D’Lo Brown. Nelle settimane successive riesce anche a sconfiggere il campione del mondo Triple H, in un match non titolato.

Durante l’estate del 2000 Godfather cambia la propria personalità ed il proprio comportamento: si unisce al gruppo di Steven Richards (composto oltre che dal leader e da Wright, da Bull Buchanan, Val Venis e Ivory), i Right To Censor, mutando il proprio nome in The Goodfather, il “buon padre di famiglia”: la stable ha la gimmick di un gruppo di implacabili censori che lottano contro la volgarità e la nudità. Wright lotta la maggior parte delle volte sia durante show settimanali che in pay per view in match di coppia. Durante una puntata di Raw del 6 novembre del 2000, The Goodfather e Bull Buchanan sconfiggono gli Hardy Boys e vincono il WWF Tag Team Title. Perdono gli allori un mese dopo, quando ad Armageddon Christian & Edge vinceranno un match combattuto da 4 coppie.

Alla Royal Rumble del 2001 The Goodfather entra con il numero 14 ma viene eliminato da The Rock. Partecipa a Wrestlemania 17, ma i Right To Censor (Goodfather,Venis e Buchanan) vengono sconfitti dagli APA e Tazz. Dopo poco tempo Wright lascia la WWF, e trasforma nuovamente la sua gimmick in quella del “pimp” The Godfather, durante un tour estivo della IWA a Puerto Rico. L’atleta torna alla WWF nel corso della Royal Rumble del 2002, entrando con il numero 16, ed uscendo come diciottesimo. Per lui, però, c’è poco spazio negli shows televisivi della federazione. Nell’aprile 2002 Wright attacca Val Venis a Raw, poi sparisce dai teleschermi WWF. Il 12 settembre dello stesso anno appare a sorpresa durante il siparietto del matrimonio gay Billy e Chuck, a Smackdown!. Nel dicembre del 2002 Charles Wright viene ufficialmente licenziato dalla WWE. La sua presenza viene annunciata per il tour europeo della World Wrestling All-Stars (WWA) ma l’atleta non raggiunge un accordo con la federazione di Andrew McManus e non partecipa agli shows. Wright lascia quindi il wrestling e nel 2004 comincia a lavorare come General Manager del “Cheetahs Gentlemans Club” a Las Vegas.

Il 26 giugno 2005, a Vengeance, Godfather torna a sorpresa "one night only" nella WWE: quando Lilian Garcia chiede a Viscera di sposarso, The Godfather arriva sul ring e propone a Big Vis di andare via con le sue "ho's" e Viscera accetta, lasciando il lacrime sul ring la povera Lilian. Siparietti simili vanno in scena il 21 settembre 2007 a Smackdown!, nel corso del "matrimonio" tra Teddy Long e Kristal Marshall (dove buona parte dei wrestler uomini del roster seguono Godfather e le sue ragazze) e nel corso dello show per celebrare il quindicesimo anniversario di Raw, il 10 dicembre 2007, quando Godfather interrompe un "ritratto di famiglia" dei McMahon. Nel novembre del 2009 riallaccia gli stivali per tornare sul quadrato in occasione dell'Hulkamania Tour che si tiene in Australia. Lottando con la vecchia gimmick di "pappone" ed il nome di "Pimp Father" vince tre dei quattro incontri in cui è impegnato, poi torna al suo lavoro di manager a Las Vegas. The Godfather fa una apparizione a sorpresa nel Royal Rumble match del 2013: resta sul ring pochi attimi prima di essere eliminato da Dolph Ziggler.

Realizzazione a cura di Gabriele Seri e Michele M. Ippolito

   

Questo sito non è in alcun modo affiliato con alcuna organizzazione professionistica.
I nomi dei programmi, dei lottatori e dei marchi WWE e TNA sono proprietà delle rispettive federazioni.
Copyright © 2017 - Tuttowrestling.Com - P. IVA n° 08331011000

TUTTOWRESTLING HOMEPAGE