Biografia di Booker T - TUTTOWRESTLING.COM -=Tutto Sul Mondo Del Pro Wrestling=-
 
TUTTOWRESTLING HOMEPAGE
 
USERNAME PASSWORD     RICORDAMI REGISTRATI
 
 18.1 WWE Smackdown Report
 18.1 WWE 205 Live Report
 17.1 WWE Raw Report
 16.1 Wrestling Cafe
 18.1 TW Web Radio
 16.1 ROH TV Report
 16.1 WWE UK CHAMPIONSHIP TOURNAMENT
 
 



 
 
 


BOOKER T


Booker Tio Huffman nasce l’1 maggio 1965, a Houston, Texas. L’infanzia di Booker non è delle più felici: più piccolo di 8 figli, vive in uno dei quartieri più poveri e degradati di Houston e prima ancora che compia 15 anni perde entrambi i genitori. Booker deve rimboccarsi le maniche ed inizia a trovarsi diversi lavori e nel frattempo conclude gli studi all’high school. Nel 1987 però Booker Tio Huffman viene arrestato per rapina a mano armata ad un ristorante di Houston e per questo crimine Booker si fa 19 mesi di carcere. Una volta uscito Huffman decide quindi di entrare nel mondo del wrestling, con il fratello Stevie Ray (Lane Hoffman), più grande di lui di 7 anni. Dopo un periodo di allenamento sotto la guida di Scott Casey, lungo sei mesi, Huffman è pronto al debutto.

Booker debutta con il nome di G.I. Bro in una federazione indipendente di proprietà di Ivan Putski (membro della WWF Hall Of Fame), a Houston. Nel 1989, in coppia con il fratello Stevie Ray, Booker T inizia a lottare per la WWA di Houston, con il nome di coppia di “Ebony Experience”. Nel 1991, dopo aver acquisito una certa popolarità, i due passano alla GWF (Global Wrestling Federation). Proprio alla GWF, i due fratelli, che hanno come manager Gary Hart, conquistano i primi allori: il 31 luglio 1992, sconfiggono i Goodfellows (Gary Young & Steven Dane) , conquistando i titoli di coppia della GWF. Il regno di Booker e Ray dura solo una settimana infatti perdono il titolo contro i Blackbirds il 7 agosto. Il 18 settembre però sono Booker T e Ray a sconfiggere i campioni tornando in possesso dei titoli, che perdono il 23 ottobre in favore dei Rough Riders (Black Bart & Johnny Mantell) . il 26 febbraio 1993, Booker sconfigge il neo campione di coppia Ian Rotten (che formava i Bad Breed con il fratello Axl Rotten) , conquistando per la terza volta i titoli. I due fratelli di Harlem perdono i titoli il 7 maggio in favore dei Sicillian Stallions (Guido Falcone & Vito Mussolini)

A luglio, arriva la grande occasione: i due fratelli di Houston, infatti vengono ingaggiati dalla WCW (World Championship Wrestling) . Nella federazione di Atlanta i due vengono presentati come gli Harlem Heat, provenienti da Harlem, New York. Alla WCW, i due lottano con il nome di Kane (Booker) e Kole (Stevie Ray) . Il 19 settembre debuttano in ppv: a Fall Brawl partecipano ai War Games, che vedono Sting, Davey Boy Smith, Dustin Rhodes & Shockmaster sconfiggere Vader, Sid Vicious & Harlem Heat. Il 24 ottobre ad Halloween Havoc, Equalizer e i due fratelli di Harlem sono sconfitti da Shockmaster, Charlie Norris & Ice Train. A novembre Kane, in coppia con Charlie Norris viene sconfitto da Big Van Vader e Cactus Jack (Mick Foley) , nel corso di Battle Bowl 1993. Il 1994 dei fratelli Huffman, si apre con la loro prima vittoria in ppv: il 20 febbraio a Superbrawl IV, sconfiggono Thunder & Lightning. Durante i mesi estivi, i fratelli di Harlem, che hanno come manager Sister Sherri Martel, rimangono per lo più fuori dalla card dei ppv. Ad ottobre Booker T (tornato nel frattempo al suo vecchio nome) sconfigge Brad Armstrong in un dark match disputato prima di Halloween Havoc.

Il 16 novembre, a Clash of the Champions XXIX rivediamo nuovamente gli Harlem Heat: Booker e Stevie Ray, infatti sconfiggono i Nasty Boys (Brian Knobbs e Jerry Sags, mentre l’8 dicembre sconfiggono gli Stars & Stripes (Marcus Bagwell e The Patriot), conquistando per la prima volta i WCW World Tag Team Title. I neo campioni iniziano un feud con i Nasty Boys: le due coppie si affrontano il 27 dicembre a StarrCade, in un match vinto dai Knobbs e Sags ma solo per squalifica. A Clash of the Champions XXX, Booker e Ray sconfiggono gli Stars & Stripes. A SuperBrawl V, continua il feud fra Harlem Heat e Nasty Boys. Questa volta a vincere sono i fratelli di Harlem, seppure per squalifica. Il 19 marzo ad Uncensored, Knobbs e Sags sconfiggono gli Harlem Heat in un Texas Tornado match, in un match che però non era titolato. Due mesi più tardi però, a Slamboree i Nasty Boys sconfiggono i campioni conquistando i titoli.

A giugno vediamo gli Harlem Heat sconfiggere Bunkhouse Buch & Dirty Dick Slater nel corso di Great American Bash. Sei giorni dopo, il 24 giugno, Booker T e Stevie Ray sconfiggono i Nasty Boys conquistando cosi nuovamente i titoli. Il 16 luglio a Bash at the Beach, i fratelli di Harlem sconfiggono Nasty Boys & Blue Bloods (Bobby Eaton e Steven Regal). Sei giorni dopo, il 22 luglio, vengono sconfitti, perdendo i titoli in favore di Bunkhouse Buck & Dick Slater. Inizia quindi un feud fra le due coppie e a Clash of the Champions XXXI, vediamo Harlem Heat & Sister Sherri sconfiggere Bunkhouse Buck, Dirty Dick Slater & Col. Parker. Il 17 settembre a Fall Brawl, Booker T e Ray sconfiggono gli Stud Stable (Buck e Slater) conquistando per la terza volta in carriera i WCW World Tag Team Title. Il giorno dopo a WCW Monday Nitro (show settimanale della WCW) , i neo campioni vengono sconfitti dagli American Males (Marcus Alexander Bagwell e Scotty Riggs). L’ 11 ottobre durante WCW Saturday Night (altro show settimanale della WCW), i fratelli di Harlem tornano in possesso dei titoli. Il 29 novembre si disputa la prima edizione di World War 3, nel corso dello show Booker T prende parte alla Three Ring - 60 Man Battle Royal, dove viene eliminato per 37° da Hulk Hogan.

Il 1996 degli Harlem Heat si apre male, infatti durante Nitro del 22 gennaio, i due perdono i titoli di coppia in favore di Sting & Lex Luger. L’ 11 febbraio a Superbrawl VI, vediamo nuovamente contro le due coppie, e anche questa volta a vincere sono Sting e Luger. Il 24 marzo ad Uncensored, Booker T lotta in coppia proprio con Sting, i due sconfiggono i Road Warriors. Il 19 maggio a Slamboree, vediamo nuovamente Booker T con un nuovo partner, questa volta in coppia con Road Warrior Animal, affronta Road Warrior Hawk e Lex Luger in un match che si chiude in un Double Count Out. Il 24 giugno durante Nitro, gli Harlem Heat tornano in possesso dei titoli sconfiggendo Sting - Luger & The Steiner Brothers (Rick e Scott Steiner) in un Triangle Match. inizia quindi un feud fra le coppie di fratelli, Booker T e Stevie Ray vs Rick e Scott Steiner. Le due coppie si affrontano prima a “WCW invades New York” in un match che vede la vittoria degli Steiner Brothers per squalifica e poi in un dark match prima di Bash at the Beach, vinto ancora da Scott e Rick, ma solo per squalifica. Il 24 luglio, Scott e Rick Steiner vincono finalmente in maniera pulita conquistando cosi i titoli di coppia. Il nuovo regno dei fratelli Steiner dura solo 3 giorni: il 27 luglio infatti Booker T e Stevie Ray tornano in possesso dei titoli. Nel corso di WCW Hog Wild assistiamo ad una nuova sfida fra i fratelli di Harlem e i fratelli del Michigan, a vincere sono ancora Booker T e Ray.

A Clash of the Champions XXXIII, vediamo Harlem Heat vs. Sting & Lex Luger vs. Steiner Brothers in un match che si chiude in no contest. A Fall Brawl, Booker T e Ray mantengono i titoli di coppia sconfiggendo i Nasty Boys. Il 27 settembre gli Harlem Heat perdono i titoli in favore dei Public Enemy, ma l’1 ottobre Booker T e Stevie Ray tornano in possesso dei titoli. Il 27 ottobre ad Halloween Havoc, gli Outsiders sconfiggono gli Harlem Heat conquistando cosi I titoli di coppia.

Nel frattempo Col. Parker, che aveva affiancato Sister Sherri nel ruolo di manager degli Harlem Heat, tradisce i fratelli di Harlem e a World War 3, mandando gli Amazing French Canadians (Jacques Rougeau e Pierre Oulette) contro i suoi ex protetti: sono comunque i fratelli di Harlem a portare a casa la vittoria. Nel corso della serata, Booker T partecipa anche alla tradizionale Three Ring - 60 Man Battle Royal, dove è eliminato per 41° da Kevin Nash. Il 1997 degli Harlem Heat, si apre con un match durante Clash of the Champions XXXIV, nel corso del quale sconfiggono Renegade & Joe Gomez. Il 23 febbraio a Superbrawl VII, i fratelli di Harlem prendono parte ad un Triangle match, per il ruolo di contendente numero uno per i WCW World Tag Team Title, a vincere il match sono i Public Enemy (Rocco Rock e Johnny Giunge) che oltre ai fratelli di Harlem sconfiggono anche i Faces of Fear (Meng e The Barbarian) . Ad Uncensored, sconfiggono proprio i Public Enemy. Il 6 aprile a Spring Stampede, Booker T prende parte ad un Four corners match, per il ruolo di primo sfidante del campione del mondo “Hollywood" Hulk Hogan, a vincere il match è Lex Luger che sconfigge The Giant (Big Show alla WWF) , Booker T & Stevie Ray. A Great American Bash, tornano gli Harlem Heat che sconfiggono via squalifica i fratelli Steiner in un match valevole per il ruolo di primo sfidante dei campioni di coppia. 4 giorni più tardi durante uno show della WCW svoltosi in Germania, i fratelli Steiner sconfiggono i fratelli di Harlem. A Road Wild, i fratelli di Harlem sconfiggono i Vicious & Delicious (Buff Bagwell & Scott Norton) . Il 14 settembre a Fall Brawl, nuovo match fra Steiner Brothers e Harlem Heat, a vincere in questo caso sono Scott e Rick. Il 23 novembre, Booker T prende parte alla tradizionale Three Ring - 60 Man Battle Royal, dove viene eliminato per 51° da Curt Hennig.

Nel frattempo Stevie Ray si infortuna e Booker T inizia a lottare da singolo. Anche come wrestler singolo non tardano ad arrivare i primi successi, il 29 dicembre infatti durante una puntata di Nitro, sconfigge Disco Inferno conquistando il WCW World Television Title. I 24 gennaio,durante Souled Out, primo ppv del 1998, Booker T mantiene il titolo sconfiggendo Rick Martel. Il 16 febbraio Martel sconfigge Booker T conquistando il titolo. Il 22 febbraio a Superbrawl VIII, Booker sconfigge prima Martel riconquistando il titolo e subito dopo mantiene il titolo sconfiggendo Perry Saturn. Il 16 marzo a Uncensored, il campione mantiene il titolo sconfiggendo il messicano Eddie Guerrero. Booker T inizia quindi un feud con il cnadese Chris Benoit e i due si affrontano a Spring Stampede, dove a vincere è Booker T. Il 30 aprile durante un house show, Benoit sconfigge Booker T conquistando il titolo. Il giorno dopo però Booker T torna in possesso del titolo, che ancora, torna in possesso di Benoit il giorno dopo. Incredibilmente il giorno dopo, il 3 maggio, è Booker T a tornare in possesso del titolo, che cambia ancora mano durante Nitro del 4 maggio, conquistato da Dave "Fit" Finley, che grazie a Chris Benoit , che distrae Booker T, schiena l’ ex membro degli Harlem Heat.

Il 14 giugno durante Great American Bash, Booker sconfigge prima Benoit in un incontro per determinare lo sfidante al titolo TV, per poi sconfiggere Finley riconquistando cosi il titolo. Per Huffman si tratta della quinta volta da campione. A Bash at the Beach, Booker mantiene il titolo sconfiggendo via squalifica la leggenda canadese, Bret Hart. A Road Wild, è in programma un match per il titolo tv fra Booker T e il messicano Chavo Guerrero: Booker però è costretto a dare forfait e viene quindi sostituito dal rientrante fratello Stevie Ray, che sconfigge Guerrero. Al Nitro successivo al ppv, però Chris Jericho sconfigge Stevie Ray conquistando il titolo.

Il 22 novembre, Booker T torna in ppv prendendo parte alla Three Ring - 60 Man Battle Royal, dove viene eliminato per 53° dalla coppia formata da Benoit e Dean Malenko. L’ ex componente degli Harlem Heat, inizia quindi un feud con Disco Inferno, feud che sfocia in un match fra i due disputato il 21 febbraio 1999, a SuperBrawl IX, e che vede vincitore Booker T. il 14 marzo ad Uncensored, Booker T affronta il campione TV, Scott Steiner. Buff Bagwell che accompagna Steiner sbaglia clamorosamente un interferenza colpendo con una sedia Steiner, permettendo cosi a Booker T di schienarlo diventando cosi per la sesta volta campione TV WCW. A Spring Stampede nuovo match fra Steiner e Booker T, arrivati in finale di un torneo che assegna il WCW US Title, a vincere questa volta è Steiner. Il 9 maggio a Slamboree, Booker T affronta l’altro Steiner, Rick, in un match valevole per il titolo TV. A vincere è Steiner che sfrutta un’ interferenza del fratello Scott.

Nel frattempo assistiamo al ritorno degli Harlem Heat, il 14 agosto i due, a Road Wild, sconfiggono Bam Bam Bigelow & Kanyon conquistando per l’ ottava volta in carriera i titoli di coppia. Il nuovo regno dei fratelli di Harlem dura però solo nove giorni: il 23 agosto infatti vengono sconfitti da un’ altra coppia di fratelli, Barry & Kendall Windham, durante una puntata di Nitro. Le due coppie si trovano contro il 12 settembre durante Fall Brawl e a vincere sono Booker T e Stevie Ray che tornano quindi in possesso dei titoli: per loro è il nono regno da campioni, un vero record. Il nuovo regno dei fratelli di Harlem dura solo un mese, il 18 ottobre infatti durante Nitro, vengono sconfitti da Rey Mysterio Jr. e Konnan. Mysterio però si infortuna e i titoli vengono quindi dichiarati vacanti. Ad Halloween Havoc, Booker e Ray tornano in possesso dei titoli sconfiggendo Billy Kidman & Konnan e Morrus & Knobs (con Jimmy Hart) in un Street Fight Triple Threath Tag Team Match. Il giorno dopo a Nitro però Konnan e Kidman sconfiggono i campioni entrando in possesso dei titoli. Il 21 novembre durante Mayhem, affronta Scott Hall possessore del WCW United States e del WCW Television Title. A vincere il match è Hall. Il giorno dopo a Nitro, gli Harlem Heat perdono i titoli di coppia in favore dei Creative Control (Patrick e Gerald, più conosciuti come Don e Ron Harris) .

Iniziano quindi a sorgere dei problemi fra i due fratelli, soprattutto per le attenzioni che Booker T mostra nei confronti di Midnight, fidanzata del fratello. A StarrCade, è in programma un match fra Creative Control & Curt Hennig vs. Harlem Heat & Midnight. Stevie Ray però, in aperto dissidio con il fratello, non si presenta, trasformano la contessa in un Handicap Match, 3 vs 2, nelle fase centrali del match Stevie Ray arriva a bordoring senza però aiutare il suo team, facendolo perdere. Questo porta ad un match fra i due fratelli, che si affrontano il 16 gennaio a Souled Out, a vincere per squalifica è Booker T, squalifica dovuta all’ interferenza di un debuttante Big T. (Ahmed Johnson alla WWF) , che a fine match si accanisce con Stevie Ray su Booker T. Una volta terminato il loro lavoro è Midnight a prendersi cura di un Booker T, massacrato. Steve Ray, Big T, J. Biggs e Cassius formano quindi i nuovi Harlem Heat. A Superbrawl 2000, visti i fatti di Souled Out, troviamo uno contro l’altro, Booker T e Big T. A vincere il match è Big T. che sfrutta le diverse interferenze di Stevie Ray. A Uncensored, continua il feud fra Booker T e i nuovi Harlem Heat: Booker T in coppia con Billy Kidman affronta e sconfigge Stevie Ray e Big T.

Nella WCW intanto arrivano Vince Russo ed Eric Bischoff che formano una Stable di giovani wrestler chiamata New Blood, a cui si contrappone la stable dei wrestler "anziani" il “Millionaires Club” e Booker T entra nel New Blood. Con l’ arrivo di Bischoff e Russo sul ponte di commando, tutti i titoli vengono dichiarati vacanti e messi in palio durante Spring Stampede. Booker T partecipa al torneo per l’ assegnazione dello US Title, dove però è costretto a fermarsi subito, visto che viene sconfitto da Sting durante i quarti di finale. Nel frattempo, Booker T lascia il New Blood ed entra a far parte dei Misfits in Action: Hugh Morrus (Gen. Rection), Lash Leroux (Cpl. Cajun), Van Hammer (Major Stash), Chavo Guerrero Jr. (Lt. Loco), Major Gunns, G.I. Bro (Booker T), The Wall (Sgt. AWOL) e torna alla gimmick di G.I. Bro (un militare) , gimmick che aveva usato ad inizia carriera. Come G.I. Bro, Booker T sconfigge Shawn Stasiak a Great American Bash.

Il 9 luglio, arriva una grande svolta nella carriera di Booker T (nel frattempo ha già abbandonato i M.I.A., tornando al nome di Booker T). Si svolge WCW Bash at the Beach 2000, ppv diventato celebre per il famoso licenziamento in diretta subito da Hulk Hogan. Hogan affronta Jeff Jarrett per tentare la riconquista del titolo. Jeff Jarrett al suono del gong si sdraia a terra e si fa schienare. Nel post match vince Russo dichiara che ci sarà una nuova cintura WCW , messa in palio più tardi tra Jarrett e Booker T. Booker T (che in precedenza nel corso del ppv era stato sconfitto da Chris Kanyon) affronta e sconfigge quindi Jarrett conquistando per la prima volta in carriera il titolo del mondo della WCW. Con questa vittoria, Booker T diventa 8 anni dopo Ron Simmons (Farooq alla WWF) il secondo campione del mondo di colore nella storia della NWA/WCW. Il giorno dopo, a Nitro, Booker T fa pace con il fratello Stevie Ray. Inizia quindi un feud fra il neo campione e Jarrett ed i due si affrontano in un match che vede vincitore e ancora campione, Booker T. sempre nel corso di New Blood Rising, si svolge un Three Way Dance, per il ruolo di primo sfidante al titolo del mondo. A vincere il match e Kevin Nash che sconfigge Scott Steiner e Goldberg.

Il 28 agosto, durante una puntata di Nitro, assistiamo alla prima sfida fra Booker T e Nash. A vincere è Nash che conquista cosi il titolo del mondo. A Fall Brawl troviamo nuovamente uno contro l’altro Booker T e Kevin Nash: i due si affrontano in uno Steel Cage Match, che vede vincitore Booker T, che riconquista quindi nuovamente il titolo del mondo. Il 25 settembre, durante Nitro, Booker T viene sconfitto da Vince Russo durante uno Steel Cage: Russo conquista il titolo del mondo, ma si rende però subito conto di non poterlo difendere e lo rende vacante. Una settimana dopo, a Nitro, si disputa quindi un match fra Booker T e Jeff Jarrett per la riassegnazione della cintura: il match che è un “San Francisco 49er Box Match” e se lo aggiudica Booker T che conquista per la terza volta in carriera il titolo del mondo WCW.

Arriva quindi un nuovo avversario per Booker T, “Big Poppa Pump” Scott Steiner. Ad Halloween Havoc, Steiner ha quindi l’ occasione di conquistare per la prima volta in carriera il titolo del mondo WCW, ma viene sconfitto via squalifica dal campione in carica Booker T. Il 15 novembre, durante Thunder, Steiner affronta Sting in un match per il ruolo di primo sfidante per il titolo del mondo e Sting riesce a vincere l’incontro. Nel post match deve subire la rabbia di Steiner che lo massacra, infortunandolo alla schiena. Steiner e Booker T si affrontano anche nello show della WCW “Millennium Final”, svoltosi in Germania il 16 novembre: anche in questo caso a vincere è l’ex membro degli Harlem Heat. L’ appuntamento con la conquista del titolo del mondo però è solo rimandato. A Mayhem, in uno Steel Cage Match, Steiner sconfigge e infortuna Booker T, conquistando il titolo del mondo WCW. Il giorno dopo a Nitro, Stevie Ray (nel frattempo diventato commentatore di Thunder) sfida Steiner in un match mettendo in palio la sua carriera: a vincere è però Steiner che costringe cosi Stevie Ray al ritiro.

Ad inizio 2001 nella WCW nasce una stable capitanata dal C.E.O della WCW Ric Flair, i “Magnificent Seven”(Ric Flair, Scott Steiner, Rick Steiner, Jeff Jarret, Lex Luger, Buff Bagwell e Road Warrior Animal). I sette riescono a “far fuori” prima Sid e Goldberg e poi Kevin Nash. Durante Nitro del 26 febbraio, Booker T fa il suo ritorno alla WCW, e con Diamond Dallas Page e The Cat sconfigge Scott Steiner, Lex Luger e Buff Bagwell. Booker T diventa quindi il nuovo sfidante per il WCW United States Heavyweight Title, detenuto da Rick Steiner, il 18 marzo i due si affrontano a WCW Greed, in un match che vede vincitore Booker T. I due possessori delle massime cinture della federazione, Booker T e Scott Steiner, si affrontano quindi nell’ ultimo show di sempre della WCW, una puntata speciale di Nitro denominata “The Night of the Champions”, che si svolge il 26 marzo 2001. Steiner e Booker T si affrontano nel primo match dello show, in un “Title vs Title” Match, che vede vincitore e nuovo campione del mondo nonchè campione degli Stati Uniti, Booker T. La WCW, acquistata da Vince McMahon, chiude e il contratto di Booker T viene rilevato dalla WWE.

Il 24 giugno 2001, la WWF disputa il ppv King of the Ring. Nel corso del match principale, Stone Cold Steve Austin affronta e sconfigge i canadesi Chris Jericho e Chris Benoit in un Triple Threat Match. Nelle fasi finali del match Booker T fa il suo debutto alla WWF attaccando Austin. Il giorno dopo, a Raw, Booker T mette ko il proprietario della WWF Vince McMahon, prima però di essere costretto alla fuga con Shane McMahon, secondo la storyline nuovo proprietario del marchio WCW, dall’ arrivo dei wrestler della WWF. Tre giorni dopo, a SmackDown!, Booker T attacca nuovamente Stone Cold, colpendolo con il WCW Title. L'intero roster WWF interviene nuovamente e Booker T deve rifugiarsi all'esterno del MSG dove Shane McMahon lo aspetta a bordo di una limousine accesa. Il 2 luglio, Booker T disputa il suo primo match in uno show della WWF, nel corso di una puntata di Raw Is War: affronta Buff Bagwell in un match valevole per il WCW Title. Il match viene vinto da Bagwell ma solo per squalifica dopo che Steve Austin e Kurt Angle si precipitano sul ring e si uniscono a Buff per darle di santa ragione a Booker T.

Sette giorni più tardi, sempre durante Raw, Booker T viene sfidato da Kurt Angle in un match valevole per il WCW Title: a vincere il match è Booker T che colpisce Angle con la cintura di campione del mondo WCW. Nel frattempo, alla fazione WCW, si aggiunge anche la ECW con Stephanie McMahon come proprietaria. Il 16 luglio sempre durante Raw, Booker difende vittoriosamente il WCW Title, questa volta dall’ attacco portato da Chris Jericho. Tre giorni dopo, a SmackDown!, il duo WCW/ECW formato da Booker T e Rhyno affronta il duo targato WWF formato da Kurt Angle e Steve Austin: il match si chiude in no contest, per una rissa scoppiata al centro del ring fra i wrestler WCW/ECW e i wrestler della WWF.

Il 22 luglio Booker T fa quindi parte del Team WCW/ECW (Booker T, DDP, Dudleyz, Rhyno) che sconfigge il Team WWF (Austin, Angle, Kane, Taker, Jericho) nel ppv Invasion. Il 26 luglio, a SmackDown!, Booker T prima regala lo US Title a Chris Kanyon, poi viene sconfitto da Kurt Angle che conquista cosi il titolo del mondo WCW: in un giorno solo quindi, Booker T perde entrambi i titoli. Quattro giorni più tardi a Raw, rematch fra Angle e Booker T, che si affrontano in un No Disqualification Match: la vittoria va a Booker T, grazie all’ aiuto di Austin (diventato nel frattempo leader del Team WCW/ECW). Booker conquista così per la quinta volta il titolo del mondo WCW.

Nel frattempo, The Rock, stella della WWF, fa il suo ritorno dopo diversi mesi di assenza, e si schiera dalla parte della WWF, iniziando un feud contro Booker T. Il 19 agosto i due si affrontano a Summer Slam, in un match vinto da The Rock che conquista cosi il titolo del mondo WCW. Il feud fra i due prosegue e il 23 settembre ad Unforgiven, con The Rock che chiude la contesa sconfiggendo Booker T e Shane McMahon in un handicap match. Il 27 settembre, durante SmackDown!, Booker T, in coppia con Test sconfigge Undertaker & Kane, conquistando i titoli di coppia WCW. Quattro giorni più tardi, a Raw, Booker T, Test e Rob Van Dam sconfiggono Undertaker, Kane e Jericho. L’8 ottobre durante Raw, Test e Booker T perdono i titoli di coppia in favore degli Hardy Boyz (Jeff e Matt Hardy) che sfruttano l’ interferenza di Undertaker, che colpisce Booker T con la sua Last Ride PowerBomb. Il 21 ottobre, a No Mercy, vediamo quindi contro The Undertaker e Booker T: a vincere è Taker.

L’1 novembre a SmackDown, Test e Booker T sconfiggono Chris Jericho e The Rock conquistando i titoli di coppia WWF. Il 12 novembre però a Raw, gli Hardy Boyz sconfiggono i campioni conquistando cosi i titoli. Alle Survivor Series, Booker T fa parte del Team Alliance (Stone Cold Steve Austin, Kurt Angle, Rob Van Dam, Booker T & Shane McMahon) che viene sconfitto dal Team WWF (The Rock, Chris Jericho, The Undertaker, Kane & The Big Show), dopo che Angle tradisce il suo team permettendo a Rock di schienare Austin. Il match prevede che i wrestler facenti parte del roster perdente sarebbero stati licenziati, cosa che accade anche a Booker T. È Vince McMahon in persona a riassumere Booker T: McMahon fa del 5 volte campione WCW un suo “lacchè”, mandandolo più volte contro il campione del mondo WWF, Stone Cold Steve Austin.

Il 2002 di Booker T si apre con la sua prima partecipazione alla Royal Rumble, nel corso della quale viene eliminato da Steve Austin, dopo essere entrato sul ring con il numero 30. Booker torna quindi a far coppia con Test: i due iniziano un feud con i campioni di coppia WWF, Tazz e Spike Dudley. Il feud sfocia in un match da disputarsi a No Way Out, che vede prevalere i campioni in carica. Booker T sfida quindi il canadese Edge per WrestleMania: tutto inizia quando Edge ruba il posto di testimonial di uno shampoo per una ditta giapponese al 5 volte campione del mondo WCW. Arriva quindi il giorno di WrestleMania X-8, che si disputa allo SkyDome di Toronto, ed è Edge a prevalere. Nel frattempo la WWF viene divisa in due roster: quello di Raw e quello di SmackDown. Booker T viene scelto dal roster di Raw. Il 4 maggio ad Insurrextion (ppv in esclusiva per il mercato inglese) Booker T sconfigge Steven Richards conquistando il titolo Hardcore. Poco più tardi però perde il titolo in favore di Crash Holly, salvo riconquistarlo sempre da Holly e per poi perderlo con Steven Richards.

Durante Raw del 13 maggio, Booker T, entra a far parte dell’nWo (ricreato nella WWF) , prendendo il posto di Scott Hall, da poco licenziato. Booker resta però molto poco tra le file del nWo: durante Raw del 10 giugno infatti viene cacciato dalla stable da un rientrante Shawn Michaels, che lo colpisce con la Sweet Chin Music. Uscendo dall’nWo, Booker torna quindi dalla parte dei buoni, dopo che fin dal debutto alla WWF era stato un cattivo. L’ ex membro degli Harlem Heat inizia quindi un feud con un membro del nWo, Big Show: i due si affrontano a Vengeance dove a vincere è Booker T che sconfigge Show in un “No Disqualification, No Countout Match”. Booker inizia quindi a fare coppia con Goldust: i due a Summerslam, vengono sconfitti dai canadesi e campioni di coppia di Raw, Christian & Lance Storm. Alla WWE (ex WWF) nel frattempo nascono cosi gli Un-Americans (Lance Storm, Christian, Test, e William Regal) , una sorta di riedizione del Team Canada visto prima con l’ Hart Foundation alla WWF e poi con il nome proprio di Team Canada alla WCW. Ad Unforgiven vediamo Kane, Booker T, Goldust & Bubba Ray Dudley sconfiggere gli Un-Americans in un “Eight Man Tag Team Match”. Il 7 ottobre a Raw, Eric Bischoff (General Manager di Raw) si svolge uno Steel Cage Match, che vede sul ring Booker T e Big Show, con Booker T che fa suo l’incontro. A fine match però il 5 volte campione del mondo WCW viene brutalmente attaccato da Chris Jericho. Booker T e Goldust iniziano quindi un feud con Chris Jericho e Lance Storm, che il 14 ottobre a Raw conquistano i titoli di coppia. Le due coppie si trovano quindi contro a No Mercy, a vincere sono i canadesi che mantengono cosi i titoli di coppia. Il 26 ottobre a Rebellion (ppv in esclusiva per il mercato inglese), Booker T sconfigge Matt Hardy.

Alle Survivor Series, Booker T partecipa al primo “Elimination Chamber Match”, valevole per il WWE RAW World Heavyweight Title. A vincere il match è Shawn Michaels, che sconfigge gli altri partecipanti, Triple H, Kane, Rob Van Dam, Chris Jericho e Booker T. A WWE Armageddon assistiamo alla rivincita di Booker T e Goldust, che vincono un 4 way elimination match, che vede sul ring anche Dudley Boyz, Lance Storm & William Regal e i campioni Canadesi Jericho e Christian. Il regno dei nuovi campioni dura solo tre settimane: infatti durante Raw del 6 gennaio 2003, perdono i titoli in favore di Lance Storm e William Regal.

Il 19 gennaio, Booker partecipa per la seconda volta in carriera alla Royal Rumble: questa volta viene eliminato dal Team Angle (Charlie Haas e Shelton Benjamin). A Raw del 24 febbraio Booker T vince una 20-men battle royal, eliminando per ultimo The Rock: con questa vittoria Booker T conquista un match contro Triple H a Wrestlemania 19 per il World Heavyweight Title. Una settimana dopo, a Raw, Booker T sconfigge il vecchio rivale Scott Steiner, nonostante le diverse interferenze di Triple H e del suo manager Ric Flair. Due settimane più tardi a Raw, Triple H sconfigge e massacra il vecchio compagno di Booker T, Goldust, senza che Booker possa fare niente in quanto viene colpito da Randy Orton (alleato di Triple H, con il quale con Flair e Batista forma la Evolution) con una stampella finendo ko. Il 24 marzo, Booker T e Goldust si vendicano di Flair e HHH sconfiggendoli in un match di coppia.

Il 30 marzo, a WrestleMania 19 Booker T viene sconfitto da Triple H che sfrutta anche le interferenze di Flair. Il giorno dopo a Raw, Booker affronta Chris Jericho: il match però non arriva alla fine, visto che Triple H e Flair arrivano sul ring accanendosi con Jericho su Booker T. A salvare il 5 volte campione del mondo WCW arriva Shawn Michaels. Nelle settimane seguenti a Booker e Michaels si aggiunge un rientrante Kevin Nash. I tre affrontano il trio Flair, HHH e Jericho a Backlash e a vincere sono proprio questi ultimi. Il 18 maggio si svolge Judgment Day e Booker T partecipa alla Intercontinental Championship Battle Royal. Nelle fasi finali del match restano in due: Booker T e Christian. Christian colpisce inavvertitamente l'arbitro con una baseball slide, poi Booker T riesce ad eliminare Christian e vincere la Battle Royal. Mentre Patt Patterson sta per consegnare la cintura a Booker T, Christian lo mette Ko, quindi afferra la cintura e con essa mette ko Booker T, quindi lo getta oltre la terza corda proprio mentre l'arbitro rinviene sancendo di fatto la vittoria di Christian.

Il giorno dopo, a Raw, interferendo nel match fra Kane & Rob Van Dam vs Jericho & Christian, Booker T evita che Christian conquisti nuovamente il titolo di coppia. Il 7 giugno, ad Insurrextion, Christian sconfigge Booker T. I due si affrontano quindi in ppv, il 15 giugno a Bad Blood, a vincere è Booker T anche se solo per squalifica e Christian conserva il titolo intercontinentale. Il 30 giugno, a Raw assistiamo al re-match fra i due: questa volta è Booker T a vincere conquistando quindi il titolo. Incredibilmente nel post-match arriva Eric Bischoff, il General Manager di Raw mostra l'instant replay delle fasi finali del match, dove si vede chiaramente che entrambi i wrestler hanno le spalle al tappeto. Bischoff dice che si sa cosa succede in questi casi....il match è un pareggio, e quindi non c'è cambio di titolo. Settimana successiva, nuovo match fra i due, e questa volta Booker T riesce finalmente a conquistare il titolo sconfiggendo Christian. Dopo poco più di un mese, sconfiggendo Booker T (infortunato alla schiena) durante un house show a Des Moines, nell’Iowa, Christian torna in possesso del titolo.

13 ottobre, dopo due mesi di assenza, nel corso dei quali si è parlato anche di ritiro, Booker T fa il suo ritorno alla WWE, durante Raw. Insieme a Dudley Boyz e Shane McMahon sconfigge Rene Dupree, Rob Conway, Chris Jericho e Christian in un tables match. Il 16 novembre, Booker T fa parte del Team Austin (Shawn Michaels/Rob Van Dam/Booker T/Dudley Boyz) che viene sconfitto dal Team Bischoff (Chris Jericho/Randy Orton/Scott Steiner/Mark Henry/Christian) in un Survivor Series Match, con unico sopravvissuto Randy Orton.

Inizia quindi un feud fra Booker T e Mark Henry: il giorno dopo il ppv, a Raw, i due si affrontano in un match vinto da Booker T. Sette giorni più tardi, grazie all’ interferenza del suo manager Teddy Long, è Henry a vincere. L’ 8 dicembre Mark Henry, Scott Steiner e Test sconfiggono Booker T, Hurricane Helms e Rosey. La sfida decisiva fra i due wrestler si disputa il 16 dicembre ad Armageddon e a vincere è Booker T. Il giorno dopo il ppv durante Raw, Booker T in coppia con Maven sconfigge Henry e Matt Hardy. Il 29 dicembre, durante l’ultimo Raw dell’anno, Booker T affronta il campione Intercontinentale, Randy Orton, che vince il match grazie all’interferenza di Kane. Il 12 gennaio a Raw, troviamo contro Booker T e Kane, con il primo che vince per squalifica, chiamata dall’arbitro per la troppa violenza usata da Kane, che finisce per massacrare il suo avversario. Il 25 gennaio, Booker T prende parte alla Royal Rumble, dove è eliminato da Randy Orton.

Nel mese di febbraio 2004 Booker T inizia a fare team con Rob Van Dam. Il 16 febbraio, a Raw, Booker T & Rob Van Dam battono Ric Flair & Batista, conquistando i World Tag Team Titles, che difendono con successo nelle settimane successive. A Wrestlemania XX, RVD e Booker battono La Resistance, The Dudley Boyz e Mark Jindrak & Garrison Cade in un four way match, mantenendo i titoli. Il 22 marzo 2004, notte in cui si tiene una nuova draft lottery per scambiare talenti tra Raw e Smackdown!, Ric Flair e Batista riconquistano i World Tag Team Titles. Dopo il match, Rob Van Dam scopre di dover lasciare Raw e passare a Smackdown! e che quindi non avrà la possibilità di lottare in un rematch in coppia con Booker T. La sera successiva, a Smackdown!, anche Booker T passa però allo stesso show, in quanto viene scambiato con Triple H, che viene così riacquisito dal roster di Raw.

Il 25 marzo 2004, Booker T debutta a Smackdown! ed insulta tutti, dicendo di non essere contento di essere ad uno show inferiore a Raw. La stessa sera gli viene subito data l’opportunità di vincere il WWE Title, in un match contro Eddie Guerrero, che termina in no contest a causa di una interferenza di John Bradshaw Layfield, che assale Guerrero. Due settimane dopo, si ricompone la coppia tra Booker T e Rob Van Dam, che affrontano The Big Show & Charlie Haas: Booker T, nell’occasione, tradisce il partner lasciandolo solo e mandandolo incontro alla sconfitta e sancendo la definitiva rottura della coppia.

Il 15 aprile Rob Van Dam batte Booker T per squalifica. La settimana, dopo Booker T sconfigge Van Dam, ed a fine match prende il microfono affermando di essere la più importante superstar di Smackdown! fin quando non risuona la musica di Undertaker e Booker , spaventatissimo, scappa via. Il 29 aprile The Undertaker si confronta con Booker T, il quale ruba l’urna a Paul Bearer e poi colpisce Undertaker. Nelle successive settimane tra i due ci sono soprattutto mind games, finché, The Undertaker batte Booker a Judgment Day dopo averlo colpito con una tombstone piledriver.

Booker inizia allora un feud con il campione degli Stati Uniti, John Cena. John Cena, in guerra con il General Manager di Smackdsown! Kurt Angle, viene costretto ad affrontare una sfida con tre match di cinque minuti per stabilire il nuovo first contender. Cena riesce a non farsi sconfiggere in cinque minuti sia Booker T, and Rob Van Dam, e Rene Cupree, ma Kurt Angle sancisce un Fatal Four way match tra i quattro a Great American Bash., che Cena riesce comunque a far suo. Il primo luglio 2004, Booker T batte Rene Dupree e Rob Van Dam diventando il primo sfidante al titolo. La settimana successiva Booker T viene sconfitto da Cena, che mantiene il titolo, prima di esserne privato per decisione di Angle, in quanto Cena lo aveva inavvertitamente colpito facendolo cadere dalla sedia a rotelle in cui si trova a causa di un infortunio. Nelle settimane successive, Booker T continua la sua rincorsa al titolo degli Stati Uniti. Rincorsa che ha buon esito il 29 luglio, quando Booker T batte Cena, Kenzo Suzuki, Billy Gunn, Renè Cupree, Charlie Haas, Luther Reings e Rob Van Dam in un 8 men match e conquista la cintura, che era vacante. Il 15 agosto 2004, a Summerslam, inizia una serie di cinque match tra Booker e Cena, che termina solo il 3 ottobre, quando a No Mercy Cena batte Booker, si porta sul 3 a 2 e vince la cintura. Il 21 ottobre, nonostante sia un heel, Booker T è in coppia con Rob Van Dam e Rey Misterio ed il suo team affronta quello composto da JBL & Rene Dupree & Kenzo Suzuki.. JBl pensa che Booker sia dalla sua parte, ma il wrestler di colore passa face ed è proprio lui a schianare il campione mondiale WWE.

Alle Survivor Series 2004 John “Bradshaw” Layfield batte Booker T e mantiene il suo titolo grazie all’aiuto di Orlando Jordan. Il mese dopo, ad Armageddon, Booker T va di nuovo all’assalto del titolo di JBL, in un four corners match in cui gli altri wrestlers sono Eddie Guerrero e Undertaker, ma nemmeno questa volta riesce a portare a casa la cintura. Nelle settimane successive Booker T fa coppia diverse volte con Eddie Guerrero, ma con scarsi risultati. Nel corso della Royal Rumble 2005, Booker T viene ben presto eliminato, da parte di Eddie Guerrero e Rey Misterio, e a No Way Out 2005 batte, ma solo per squalifica, Heidenreich.

Il primo marzo la sfida con Heidenreich si ripete a Smackdown!, ma Heidenreich preferisce farsi squalificare, pur di infliggere quanto più danno possibile al suo avversario. La resa dei conti arriva sette giorni dopo a Smackdown!, e questa volta in un match senza squalifiche: la vittoria va a Booker T, che mette a segno uno scissors kick su di una sedia, un harlem sidekick ed infine una sediata in pieno volto prima di ottenere lo schienamento vincente. Il 15 marzo a Smackdown! appare per la prima volta al suo fianco nella WWE la moglie Sharmell, che nei mesi successivi interpreterà un ruolo di rilievo nelle storyline. Booker sconfigge Luther Reigns con Heidenreich ospite al tavolo di commento, che assiste a tutto l'incontro senza dire una parola, per poi declamare una poesia ringraziando l'atleta di colore di avergli fatto "vedere la luce" con la sediata risolutiva per il match della settimana precedente.

A Wrestlemania XXI (3 aprile 2005) vince una battle royal (non inclusa nel pay per view, bensì solo nei contenuti extra del relativo dvd) con 30 partecipanti, eliminando Maven, Rob Conway, Viscera ed infine Chris Masters. Il 12 aprile a Smackdown! affronta il campione degli Stati Uniti Orlando Jordan, ma il match termina dopo l'interferenza dei Basham Brothers ed il successivo intervento di Big Show, interferenze che spingono il GM Teddy Long a sancire un 2 vs 3 handicap match per la stessa serata, match che i due riescono a vincere.

Il 18 aprile a Smackdown, durante un torneo per l'assegnazione del ruolo di number one contender, Angle e JBL cercano di provocare un no contest nella semifinale fra Big Show e Booker T, così da poter poi disputare fra di loro direttamente la finale. Teddy Long però non ci sta, ed al posto della fase finale del torneo ordina un fatal four way elimination match. Il 26 aprile è JBL ad aggiudicarsi questo match, mentre Booker T è eliminato da Kurt Angle dopo un colpo sleale con una sedia, colpo che però il 5 volte campione WCW restituirà all'eroe olimpico nella fase finale del match, provocando la sua eliminazione e la conseguente vittoria di Layfield. Dall'incontro scaturisce una forte rivalità fra Booker T ed Angle; si tratta di una storyline che coinvolge la moglie di Booker, Sharmell, che diventa letteralmente l'oggetto del desiderio di Angle. Non si tratta certo di amore, bensì di semplice voglia di possedere la moglie del rivale, che naturalmente per questo va su tutte le furie.

Il 10 maggio i due si affrontano fino all'ultimo colpo, tanto da finire entrambi contati fuori. Angle riesce a mettere momentaneamente ko Booker T, e ne approfitta per avvicinarsi minacciosamente a Sharmell, visibilmente spaventata. E' troppo anche per il GM Teddy Long, che ordina ad Angle di presentare le proprie scuse la settimana successiva a Smackdown, scuse che Angle tramuta ben presto in ulteriori offese, esternando pubblicamente la volontà di voler fare del “sesso bestiale” con Sharmell. Ascoltando questo videomessaggio Booker T letteralmente impazzisce e distrugge con un calcio il televisore.

Il 22 maggio a Judgment Day i due si incontrano nuovamente ed è Booker T a conquistare non solo la vittoria, ma anche una decisa rivincita sul piano morale, permettendo alla moglie di colpire più volte Angle, l'ultima con un dolorosissimo colpo alle parti basse.. è lo stesso Booker T, nella puntata di Smackdown! successiva, a dichiarare di voler continuare ad essere un marito irreprensibile, a voler sbrigare le faccende di casa e portare fuori la spazzatura la sera, pur di non fare la fine di Angle...

Durante la stessa puntata, però, Kurt Angle vince una Battle Royal, eliminando per ultimo proprio Booker T,ultimo eliminato ed autore di una grandissima prestazione con numerose eliminazioni (Akio, Orlando Jordan, Doug Bashame Danny Basham) e per effetto della stipulazione speciale, ha il diritto di scegliere l'avversario da affrontare in un match uno contro uno, e a sorpresa l'eroe olimpico sceglie Sharmell! Per evitare un evidente massacro, il GM modifica l'incontro in un handicap match fra Angle e la coppia Booker/Sharmell; i due riescono anche questa volta a vincere (7 giugno 2005).

Terminata la rivalità con Angle, il suo nuovo avversario è Christian, appena arrivato dal roster di Raw. I due si affrontano in pay per view a Great American Bash (24 luglio),ed è Booker T a vincere, con uno spettacolare scissors kick partendo dalla seconda corda. Anche in questa rivalità viene coinvolta Sharmell, ma questa volta il suo appoggio al marito si trasforma spesso in una zavorra, che provoca anche qualche frizione nel rapporto fra i due. I piccoli dissapori con Sharmell costano più volte la vittoria al marito, come ad esempio il 2 agosto (in coppia con Benoit contro gli MNM), o il 16 agosto (Mercury e Melina contro Booker T e Sharmell), o ancora il 20 agosto, dove è sconfitto addirittura dal semidebuttante Ken Kennedy.

Il 23 settembre a Smackdown arriva finalmente una vittoria contro Christian, con Sharmell decisamente protagonista: prima un goffo tentativo di distrarre l'arbitro impedisce al marito di ottenere lo schienamento decisivo, poi però facendo inciampare il canadese di fatto origina il roll up che permette al marito di portare a casa la vittoria. Galvanizzata per l'esito del match, Sharmell convince suo marito a chiedere una title shot a Benoit per la cintura degli Stati Uniti.

L’atleta di colore non è il solo a reclamare il diritto a combattere per la cintura ed infatti Chris Benoit deve affrontare a No Mercy (9 ottobre 2005) in un four way match anche Christian e Orlando Jordan, riuscendo tuttavia a vincere e a mantenere il titolo. L’11 ottobre a Smackdown! sconfigge JBL, Christian e Rey Mysterio guadagnando una nuova title shot per la cintura degli Stati Uniti. Anche questa volta è decisiva l’interferenza della moglie Sharmell, che afferra Mysterio lasciando il tempo a Booker di mettere a segno lo scissor kick. Il match per il titolo si disputa la settimana successiva sempre a Smackdown! e questa volta Booker T riesce a sconfiggere Benoit e laurearsi nuovo campione, ancora una volta grazie ad uno sleale colpo basso di Sharmell.

Il canadese è ovviamente furibondo e lo stesso Booker la settimana successiva dopo aver visto le immagini si arrabbia con la moglie e concede senza esitazioni un immediato rematch malgrado la stessa Sharmell fosse di parere decisamente opposto, tanto da abbandonare platealmente il ring. In realtà il tutto è architettato per andare a danno di Benoit, che viene colpito a sorpresa con la cintura degli Stati Uniti: Booker T passa di nuovo tra le fila degli heel, questa volta spalleggiato anche dalla moglie.

Ovviamente l’episodio inasprisce ancora di più la rivalità fra i due, che il 30 ottobre si affrontano nuovamente a Smackdown!, con vittoria di Benoit soltanto per count out. Per determinare quale dei due atleti sia il migliore viene addirittura messo in palio il titolo degli stati uniti in una serie “Best of seven”: in pratica chi si aggiudicherà per primo quattro vittorie su eventuali sette incontri sarà il campione. Il primo match si disputa alle Survivor Series (27 novembre) e lo vince Booker con uno schienamento irregolare ottenuto appoggiandosi alle corde. Due giorni dopo, a Smackdown!, l’atleta di colore si porta sul due a zero ed il 4 dicembre si arriva addirittura sul tre a zero, con un nuovo schienamento, questa volta ottenuto grazie ad uno sleale colpo con una sedia.

Per Benoit non c’è alternativa a vincere ben quattro match consecutivi, a cominciare da Armageddon (18 dicembre) dove effettivamente il canadese riesce a portare a casa la vittoria rovesciando una ddt di booker nella sua crippler crossface. Il 26 dicembre Booker si infortuna durante un incontro disputato in un house show contro Matt Hardy ed è costretto ad un periodo di assenza dal ring proprio nel pieno della serie con Benoit. Il giorno dopo, a Smackdown!, lo stesso Booker reclama la cintura presso il GM Teddy Long, sostenendo che poiché è impossibilitato a combattere e la serie è sul 3-1 è evidente che la stessa debba essere interrotta anticipatamente consegnando a lui il titolo. Di parere assai diverso è il General Manager, che al limite gli permette di scegliere un sostituto per i prossimi match. Orlando Jordan si propone più volte come sostituto, ma ottiene solo l’ilare reazione di Booker e della moglie, che per il prossimo match scelgono Randy Orton, che però viene squalificato proprio a causa dell’interferenza di Sharmell, che colpisce Benoit con una delle stampelle del marito.

Il 3 gennaio 2006 sul punteggio di due a tre per Booker si disputa il match numero sei: anche stavolta Orlando Jordan si propone come sostituto, ed anche stavolta i due rifiutano l’offerta prendendolo in giro e scelgono Randy Orton. Il match viene vinto da Benoit per squalifica, quando lo stesso Jordan ruba una delle stampelle di Booker T e la usa per colpire Benoit, causando la squalifica di Orton. E’ dunque necessario il settimo e decisivo match, che si disputa a Smackdown! il 20 gennaio: Booker e Sharmell cercano di far valere la loro presenza a bordo ring ma dopo pochi minuti sono espulsi dall’arbitro Nick Patrick, ed anche Orlando Jordan tenta di interferire, ma viene neutralizzato dallo stesso Orton, che alla fine riesce a vincere con la sua RKO, frutto però del colpo sleale con la cintura messo a segno dal rientrante Booker, che dunque vince la serie per quattro a tre e guadagna nuovamente la cintura di campione degli Stati Uniti.

Smaltito definitivamente l’infortunio, Booker T riprende a lottare in show televisivi nella Royal Rumble (29 gennaio), pescando il numero 13; la sua permanenza sul ring è però brevissima, poiché dopo meno di due minuti viene eliminato da Chris Benoit. Il 30 gennaio, a Smackdown!, Booker T e Sharmell fanno “conoscenza” con un nuovo rivale, ovvero the Boogeyman, che insegue i due al termine del match fra Benoit e Finlay, con quest’ultimo chiamato a difendere il titolo degli stati uniti al posto del campione, venendo però squalificato a causa di un colpo con la stampella rifilato da Sharmell. Sette giorni dopo i due si ritrovano la macchina completamente piena di vermi. Il 19 febbraio a No Way Out il titolo degli Stati Uniti è nuovamente in palio, e questa volta il Teddy Long decreta che il campione non può più farsi sostituire da nessuno: la vittoria va al canadese, che riesce a conquistare la cintura facendo cedere l’avversario con la crippler crossface.

Persa la cintura, si inasprisce la rivalità con il misterioso Boogeyman, che in più occasione arriva letteralmente a terrorizzare i due con la sua indubbiamente impressionante figura. Il 18 marzo a Saturday Night Main Event i due arrivano addirittura ad inventarsi un finto infortunio per convincere Teddy Long ad annullare il match in programma con lo stesso Boogeyman, ma la loro tattica funziona solo a metà: il GM annulla il match, ma Boogeyman appare in ogni caso alle loro spalle ed a testa in giù, obbligando i due ad una velocissima fuga. Il 28 marzo a Smackdown la musica di Booegyman gli causa una fatale distrazione che gli costa la sconfitta contro Paul Burchill, e subito dopo lo stesso Boogeyman rapisce Sharmell, facendola ritrovare solo più avanti nello show, svenuta e con una marea di vermi sul corpo.

A Wrestlemania XII (2 aprile) i due affrontano Boogeyman in un handicap match, e vengono sconfitti dopo poco meno di quattro minuti: per Sharmell c’è anche la “gioia” di un forzato bacio sulle labbra dalla bocca del suo avversario, naturalmente piena di vermi. Due giorni dopo nelle registrazioni di Smackdown i due prendono provvedimenti, ottenendo un ordine restrittivo contro il loro avversario, che impone al General Manager di mantenere una distanza minima di cento piedi fra loro e Boogeyman. In realtà la rivalità fra i due viene ben presto interrotta, a causa di un grave infortunio occorso a quest’ultimo, infortunio che lo terrà lontano dal ring per diversi mesi, non prima però che la sua musica possa causare, sempre il 4 aprile, un’altra distrazione che costa una sconfitta per mano del semidebuttante Gunner Scott.

A partire dalla puntata di Smackdown! registrata il 17 aprile, prende parte alla nuova edizione del torneo King of The Ring, torneo reintrodotto da Teddy Long con tanto di trono, corona e scettro per il vincitore. Nei quarti di finale sconfigge Matt Hardy con lo scissor kick, preceduto però da uno sleale colpo basso con l’arbitro distratto da Sharmell. La strada per la finale si fa poi particolarmente in discesa, poiché il 2 maggio sempre a Smackdown viene annunciato il suo passaggio diretto in finale, a causa dell’impossibilità di Kurt Angle a combattere dopo l’assalto ad opera di Mark Herny.

Dunque il 9 maggio, mentre gli altri due semifinalisti, Finlay e Bobby Lashley si contendono un posto per la finale (con successo di quest’ultimo), Booker T può permettersi il lusso di un ironico promo minaccioso ai danni di Kurt Angle, invitato a salire sul ring e battersi pur sapendo perfettamente che l’eroe olimpico non poteva essere presente allo show. La finale si disputa il21 maggio a Judgment Day e viene vinta da Booker T grazie all’interferenza di Finlay, che colpisce Lashley con il suo bastone. Booker T è dunque il nuovo King of The Ring, e nel pieno della tradizione portata avanti da campioni del calibro di Harley Race o “Macho Man” Randy Savage, il suo atteggiamento diventa simil-nobiliare, con un’entrata sul ring maestosa, segmenti al microfono in cui parla con i propri sudditi, e perfino una corte reale, composta ovviamente dalla regina Sharmell, da Finlay e da William Regal, che lo annuncia al posto dello speaker ripetendo più volte la frase “All hail King Booker”.

Ovviamente lo sconfitto Lashley non la prende affatto bene, e ne nasce una rivalità con l’intera corte, che si protrae per le successive puntate di Smackdown: il 30 maggio Lashley riesce a sconfiggerlo, ma subito dopo viene assalito tre contro uno ed è costretto a baciare i piedi al re. Il 6 giugno Lashley ha la sua rivincita, spazzando via la corte e guadagnandosi il diritto ad un nuovo match contro il suo rivale per la settimana successiva. Il match inizia regolarmente, il 13 giugno, ma viene interrotto quasi subito per l’interferenza del duo Regal/Finlay, che in particolare cercano di infortunare il ginocchio di Lashley, che però si piega ma non si spezza, chiedendo ed ottenendo di ricominciare il match nella stessa serata e riuscendo anche a portare a casa la vittoria.

I due si affrontano ancora il 20 giugno (vittoria di Booker per squalifica) ed ancora il 27 giugno nella gabbia di acciaio, con la vittoria di Lashley che di fatto chiude il feud fra i due. Nella puntata di Smackdown! registrata il 3 luglio Booker vince una Battle Royal con 14 partecipanti, eliminando per ultimi William Regal e Matt Hardy. Si tratta di una vittoria decisamente importante, poiché il premio è una title shot da utilizzare a Great American Bash per conquistare la cintura dei pesi massimi detenuta da Rey Mysterio. La rivalità fra i due arriva ad inasprirsi nel corso delle successive puntate di Smackdown, ed in particolare il 18 luglio i due si affrontano uno contro uno, a la vittoria va a Rey grazie alla decisiva interferenza di Chavo Guerrero.

Il nipote del compianto Eddie si rivela però decisivo anche a Great American Bash (23 luglio), questa volta però tradendo clamorosamente l’amico Rey e permettendo di fatto a King Booker di portarsi a casa la vittoria ed il titolo. Per Booker si tratta del sesto regno di campione mondiale, il primo però con un titolo con il marchio WWE dopo le cinque vittorie del titolo assoluto WCW. Il 28 luglio a Smackdown! si tiene il rematch e Booker mantiene il titolo. Il 4 agosto è Undertaker ad andare all’assalto della cintura, ma il match termina in no-contest. A questo punto viene nominato primo sfidante Batista che affronta Booker a Summerslam vincendo il match, ma solo per squalifica a causa di una interferenza di Queen Sharmell.

L’8 settembre a Smackdown! si tiene un rematch, che Booker vince grazie ad una interferenza di William Regal. Il 19 settembre 2006 Booker fa il suo esordio alla ECW, battendo Rob Van Dam grazie ad una interferenza di Hardcore Holly e tre giorni dopo perde per squalifica a Smackdown! contro Undertaker. Il 25 settembre Booker, insieme ai suoi “cavalieri” Finlay e William Regal attaccano a Raw John Cena, costringendolo a baciare il “piede reale” dello stesso Booker. A Smackdown! Cena è in team con Batista e Bobby Lashley e batte il trio composto da King Booker, Finlay e Regal. A No Mercy Booker batte Finlay, Lashley e Batista in un fatal four way match, mantenendo il titolo del mondo. Vince McMahon decide poi che a Cyber Sunday si svolga un incontro a tre con i campioni di Raw, Smackdown! e la ECW: l’incontro vede in palio il titolo di King Booker che riesce a vincere, laureandosi “Champion of Champions”.

Nelle settimane successive King Booker batte prima Bobby Lashley a Smackdown!, poi costringe Batista a firmare un contratto in cui gli offre una ultima chance per conquistare il titolo del mondo, alle Sruvivor Series 2006. Batista riesce a cogliere l’opportunità, battendo Booker e vincendo la cintura. Il re resta quindi senza corona ed anche i successivi tentativi di riprendersela vanno a vuoto. Il 17 dicembre 2006 ad Armageddon, perde, in coppia con Finlay, un match contro John Cena e Batista.

Alla Royal Rumble 2007 King Booker entra nel match come numero 11 e viene eliminato da Kane. Booker è talmente infuriato che risale sul ring, attacca Kane e lo getta fuori dal ring da sopra la corda più alta, eliminando anche lui. Inizia quindi un feud tra i due che culmina a No Way Out con la vittoria di Kane in un Grudge match. Il 23 febbraio, a Smackdown!, Booker si prende la sua rivincita, battendo Kane in un match di qualificazione per il Money in the Bank match di Wrestlemania 23. Le settimane successive vedono i vari talenti impegnati nel match scontrarsi gli uni contro gli altri nei tre show della WWE con risultati alterni per Booker, che, però alla fine non riesce a vincere l’incontro più importante, appannaggio di Mr. Kennedy. Il giorno dopo Wrestlemania, il 2 aprile 2007, Booker si infortuna ad un ginocchio: in realtà ha bisogno di prendersi un pò di riposo per guarire da alcuni acciacchi e resta lontano dal quadrato per diversi mesi.

L’11 giugno King Booker passa a Raw nel corso di uno speciale draft e viene subito inserito nello scenario per il titolo WWE: a WWE Vengeance Booker lotta in un 5-way match per la cintura, vinto da John Cena, che sconfigge anche Bobby Lashley, Mick Foley e Randy Orton. Il 16 luglio Booker inizia un feud con Jerry Lawler, chiedendogli di abbandonare il suo titolo di “King” ed il 6 agosto batte il commentatore di Raw in un “Loser Crowns the Winner” match. Tuttavia, la settimana dopo Lawler si rifiuta di incoronare Booker e gli comunica che a Summerslam dovrà affrontare “the King of Kings” Triple H. Il feud finisce malissimo per Booker, che viene facilmente sconfitto da Triple H. Alla fine di agosto Booker viene sospeso dalla WWE dopo essere stato coinvolto in uno scandalo legato all’uso di steroidi. A questo punto, Booker e sua moglie Sharmell lasciano la WWE sbattendo la porta.

Booker non sta molto tempo senza far nulla e l’11 novembre 2007 debutta nella TNA, nel corso del PPV Genesis, dove lotta in coppia con Sting contro Kevin Nash e Kurt Angle, che riescono a vincere il match grazie all’aiuto di AJ Styles e Tomko. Il 15 novembre Booker T e Sharmell firmano ufficialmente il loro contratto con la TNA ad Impact!, ma vengono affrontati da Christian Cage. Due settimane dopo Booker T batte Robert Roode ed il 2 dicembre, a TNA Turning Point, Booker T, in coppia con Kaz, sconfigge Christian Cage e Robert Roode. Il 6 dicembre 2007, sempre ad Impact! Booker lotta con Kaz, Samoa Joe, Kevin Nash ed Eric Young: il team sconfigge la Angle Alliance, composta da Kurt Angle, Tomko, AJ Styles, Christian Cage e Robert Roode.

Booker si focalizza su un feud con Robert Roode: i due si affrontano in diversi match, che spesso vedono anche la partecipazione di altri wrestlers, nelle settimane seguenti. A TNA Final Resolution, il 6 gennaio 2008, Booker T e Sharmell sconfiggono Robert Roode e Traci Brooks in un mixed tag team match. Nel corso dell’incontro Robert Roode accidentalmente “rompe una mascella” a Sharmell. Per settimane Booker cerca di prendersi una rivincita su Roode e a TNA Against All Odds i due si scontrano ancora: il match termina in un double count-out. Il 21 febbraio 2008, ad Impact!, Roode interferisce in un match tra Booker T ed il campione TNA Kurt Angle. Sette giorni dopo Roode e Miss Payton Banks ammanettano alle corde del ring Booker T e Traci, che nel frattempo è passata dalla parte del cinque volte campione WCW, e li assaltano. Il 9 marzo, a TNA Destination X, Roode batte Booker T in uno strap match, e, come da stipulazione, la Banks ha la possibilità di colpire con una cintura la Brooks, finchè non arriva Sharmell a colpire Payton e Roode, prendendosi la sua vendetta. Il 27 marzo, ad Impact!, Booker T batte Robert Roode in un First Blood match ed il 13 aprile a TNA Lockdown, Booker T e Sharmell sconfiggono Robert Roode e Miss Payton Banks in un intergender cage match. Terminato, quindi, il feud di secondo livello con Roode, Booker riprende a guardare con attenzione a match da main event nella TNA.

Il 17 aprile 2008 ad Impact Booker T lotta insieme a Sting e BG James in un match contro James Storm, Robert Roode e Kip James. L’incontro termina a favour del team di Booker T grazie ad una interferenza di Matt Morgan, ma Booker si arrabbia con Sting perché riteneva di non aver bisogno di alcun aiuto. Il 24 aprile i due si riappacificano, ma Booker T passa ben presto dalla parte degli heel: l’11 maggio 2008 a TNA Sacrifice, Rhino e Christian Cage sconfiggono Roobert Roode e Booker T in un Deuces Wild Tournamento match e dopo l’incontro Booker colpisce sia Rhino che Cage con una sedia.

Il 15 maggio ad Impact, Booker T, insieme al Team 3D, viene sconfitto da Samoa Joe, Christian Cage e Rhino. Sette giorni dopo, però, riesce a battere AJ Styles grazie all’aiuto di Tomko in un King of the Mountain qualification match. Il 5 giugno Christian e Rhino sconfiggono Booker T e Robert Roode per squalifica. Tre sere dopo, a TNA Slammiversary, Booker T fallisce nel suo intento di diventare il King of the Mountain ed il TNA Champion poiché il main event della serata è vinto da Samoa Joe. Booker T però non si rassegna e decine di andare alla caccia del titolo mondiale detenuto da Samoa Joe: a TNA Victory Road, il 13 luglio, riesce nel suo intento e sconfigge il campione, salendo sul tetto del mondo, grazie alle interferenze di Sting e di Sharmell. Quattro sere dopo, ad Impact, la direzione della TNA ordina Booker T di restituire il titolo a Joe, che però consente a Booker T di mantenere il possesso fisico della cintura fino al rematch di Hard Justice, che Joe comunque vince. Si tratta di un Six Side of Steel with Weapons match e Samoa Joe ha la meglio sull’avversario grazie all’uso di una delle chitarre di un rientrante Jeff Jarrett.

Uscito dal quadro del titolo mondiale, Booker T decide di affiancare Sting nella sua battaglia contro i giovani wrestler della TNA e a Bound for Glory Booker T sconfigge Christian Cage e AJ Styles in un triple threat match. Il 23 ottobre 2008 ad Impact Kurt Angle dà ufficialmente vita ad una nuova stable chiamata “Main Event Mafia”, che consiste anche in Kevin Nash, Booker T e Sting. Nella stessa serata Booker T apre la valigetta che lui e Sharmell portavano con loro da alcune settimane e tira fuori una nuova cintura, quella di “Legend’s Champion” e si dichiara primo detentore del nuovo titolo. Christian Cage sfida Booker T per la cintura a TNA Turning Point ma gli va male ed è costretto ad entrare nella Main Event Mafia. Il 13 novembre però Christian si rifiuta ancora e viene massacrata dalla Main Event Mafia. Nelle settimane successive Booker T batte, mantenendo il suo Legend’s title sia Eric Young che Samoa Joe. Il 7 dicembre 2008 a TNA Final Resolution la Main Event Mafia sconfigge la TNA Frontline. Il mese dopo Booker T, a TNA Genesis, lotta insieme a Scott Steiner e Kip James nel main event, ma il trio della Main Event Mafia perde contro AJ Styles, Brother Devon e Mick Foley della Frontline, contro la quale Booker continua a lottare per tutto l’inizio del 2009.

Il 22 gennaio 2009 a TNA Impact Booker T e Scott Steiner sconfiggono Petey Williams ed Eric Young in un Elimination match. Dopo il match Booker se la prende con l’arbitro Shane Sewell che risponde a tono ed i due iniziano una rissa. Sette giorni dopo Booker T sconfigge in un handicap match gli arbitri Andrei Thomas e Rudy Charles, per poi prendersela anche con Earl Hebner, finchè non arriva Shane Sewell che inizia di nuovo a lottare con Booker. I due hanno un match l’8 febbraio a TNA Against All Odds, che viene vinto facilmente da Booker, il quale continua ad infierire su Sewell finchè non arriva AJ Styles a salvare l’arbitro e a rubare il Legends’ title di Booker. Booker cerca di prendersi una rivincita il 15 marzo a Destination X ma gli va male: è Styles a vincere un incontro tra i due e a conquistare la cintura. A TNA Lockdown, il 19 aprile Booker T lotta con la Main Event Mafia in un Lethal Lockdown match che vede vincere il team di Jeff Jarrett.

Booker non ha, però ancora chiuso i conti con AJ Styles. Il 23 aprile 2009 AJ batte Kevin Nash per squalifica a causa di una interferenza di Booker. Sette giorni dopo Booker T e Scott Steiner sconfiggono AJ Styles e Samoa Joe. Il 7 maggio, sempre ad Impact, La Main Event Mafia al completo batte il team di Jeff Jarrett, Christopher Daniels, AJ Styles e Samoa Joe. Il 14 maggio Booker T sconfigge Jethro Holliday in un I Quit match di preparazione ad un incontro con la stessa stipulazione che va in scena a TNA Sacrifice: in questa occasione, però, Booker viene sconfitto da AJ Styles quando Jenna Morasca getta la spugna facendolo perdere. L’11 giugno 2009 ad Impact Booker perde anche un First Blood match contro Samoa Joe.

Il 25 giugno ad Impact Booker viene sconfitto da James Storm. Questo match porta ad un feud tra i Beer Money Inc. e la coppia dei Main Event Mafia composta da Scott Steiner e lo stesso Booker, che conquistano il posto di primo sfidanti sconfiggendo il Team 3D il 2 luglio. Il 19 luglio a TNA Victory Road, Steiner e Booker sconfiggono i Beer Money, Inc. diventando TNA World Tag Team Champions. Il duo inizia, quindi, un feud contro il Team 3D, che viene sconfitto il 16 agosto ad Hard Justice. Il 20 settembre, a TNA No Surrender, il Team 3D, insieme ai Beer Money Inc., battono i campioni di coppia insieme alla British Invasion, cioè Brutus Magnus e Doug Williams.

Il 24 settembre 2009 Steiner e Booker T battono Mick Foley ed Abyss, mantenendo le cinture. Il 18 ottobre 2009 va in scena, a TNA Bound for Glory quattro team si scontrano in un Full Metal Mayhem match su due schienamenti, con in palio i titoli di coppia TNA e IWGP. Il titolo IWGP viene conquistato dal Team 3D, il titolo TNA dalla British Invasion. Termina, così, il regno di Steiner e Booker e termina, poche ore dopo, anche l’avventura di Booker T e di sua moglie Sharmell nella TNA. I due, infatti, chiudono i propri rapporti con la compagnia. Nelle settimane seguenti si parla molto di un suo approdo nella WWE ma la compagnia di Stamford non ne vuole sapere di metterlo sotto contratto. Il 6 gennaio 2010 Booker T è a Puero Rico per lo show della IWA Hysteria Boricua ma perde per squalifica contro Colossus in un match valevole per lo status di primo sfidante al titolo assoluto della compagnia.

Nei mesi seguenti lotta qualche volta in alcune federazioni indipendenti e torna one night only nella TNA, perdendo contro Rob Van Dam in un match valevole il titolo mondiale il 21 maggio 2010 in un house show. Nel gennaio 2011 firma un contratto con la WWE ed il 30 lotta nel Royal Rumble match, venendo presto eliminato da Mason Ryan. Il 4 febbraio 2011 entra nello staff di commento di Smackdown ed a fine mese inizia anche a lavorare come trainer nel format televisivo della WWE Tough Enough.

In questo nuovo stint, Booker combatte pochi incontri, fatta eccezione per un match vinto per count out contro Jack Swagger, a Raw il 6 luglio 2011 e una breve faida, iniziata sempre nel 2011, con l’allora Intercontinental Champion Cody Rhodes, proprio per la cintura di quest’ultimo. Il primo match tra i due si tiene il 18 dicembre 2011 al Pay-Per-View TLC e a vincere è Rhodes. Nel Raw del 26 dicembre, Booker batte Cody in un non-title match. Successivamente riguadagna una seconda shot. Il 6 gennaio 2012, a Smackdown, Booker perde il suo secondo ed ultimo title match contro Cody Rhodes.

Prende parte, poi, alla Royal Rumble 2012, il 29 gennaio, senza però vincere.
Il 26 marzo, viene aggiunto al team che Theodore Long stava formando per contrastare la squadra che avrebbe rappresentato John Laurinaitis a Wrestlemania XVIII. La squadra di Booker non vince il match, l’1 aprile. Il 3 agosto viene nominato da Vince McMahon nuovo GM di Smackdown. Booker si farà assistere dall’ex GM Teddy Long e da Eve Torres.

I rapporti con i suoi collaboratori non sono però idilliaci : Eve comincia ad interessarsi al titolo femminile, che riuscirà a conquistare, snobbando il ruolo da assistente, mentre Teddy Long, una volta rimasto l’unico assistente dopo che Eve ha lasciato la federazione, prende decisioni senza il consenso di Booker. Il 18 marzo, Booker T viene annunciato come membro della Hall of Fame Class per il 2013 e la sera prima di Wrestlemania 29 viene introdotto dal fratello Stevie Ray. Poche settimane dopo Booker è costretto ad uscire temporaneamente dalle scene per un’operazione al tricipite; in questo modo Long ottiene pieni poteri. Fa il suo ritorno a Smackdown il 19 luglio 2013 ma una brutta sorpresa lo aspetta : Vince McMahon annuncia che il nuovo GM di Smackdown è Vickie Guerrero, appena licenziata come GM di Raw. Da allora, lavora nella WWE esclusivamente con il ruolo di commentatore.

Realizzazione a cura di Michele M. Ippolito, Giovanni Pantalone e Matteo Soldo

   

Questo sito non è in alcun modo affiliato con alcuna organizzazione professionistica.
I nomi dei programmi, dei lottatori e dei marchi WWE e TNA sono proprietà delle rispettive federazioni.
Copyright © 2017 - Tuttowrestling.Com - P. IVA n° 08331011000

TUTTOWRESTLING HOMEPAGE