Biografia di Jerry Lawler - TUTTOWRESTLING.COM -=Tutto Sul Mondo Del Pro Wrestling=-
 
TUTTOWRESTLING HOMEPAGE
 
USERNAME PASSWORD     RICORDAMI REGISTRATI
 
 28.5 WWE Planet
 27.5 5 Star Frog Splash
 27.5 Impact Wrestling Report
 27.5 WWE NXT Report
 26.5 EPW Live In Cinecittà World
 26.5 The Other Side
 25.5 Stamford Report
 
 



 
 
 


JERRY LAWLER


Jerry O'Neil Lawler nasce a Memphis, nello stato del Tennessee, il 29 novembre 1949. Ben presto per il lavoro del padre si trasferisce nell’ Ohio. È proprio in questo stato che inizia ad appassionarsi al wrestling. Inizia a seguire la trasmissione “Big Time Wrestling”della federazione di Edward Farhat (The Original Sheik) con base a Detroit, che trasmette in tutto il Midwest. Diventa anche un grande tifoso dei Cleveland Indians di baseball e dei Cleveland Browns di football. Durante l’adolescenza fa il suo ritorno a Memphis. Nella terra natia la passione per il wrestling continua a crescere, il padre, infatti, trova lavoro come usciere presso l’ Ellis auditorium di Memphis, Jerry inizia quindi a seguire gli spettacoli del vivo delle federazioni locali, i suoi idoli sono Jackie Fargo, The Interns, e i Blue Infernos (Gypsy Joe & Frank Martinez).

Si diploma alla Treadwell High School di Memphis, dove fa parte della squadra di Baseball e Fooball. Inizia quindi a frequentare la Memphis State University. Nonostante pratichi molti sport, la materia per la quale sembra più portato è il disegno. Fin da bambino infatti, trova posto in lui uno spiccato senso artistico. La passione per il wrestling lo porta a disegnare le caricature dei wrestlers, vengono fatte talmente bene che finiscono anche per essere trasmesse dalla tv locale. Del suo talento si accorge anche Lance Russell commentatore di wrestling, che subito segnala il ragazzo a Jackie Fargo, che poco dopo ingaggia il ragazzo. Insegne, pareti e tanto altro del NightClub del wrestler vengono dipinte dal giovane Jerry. Fargo diventa anche proprietario di una compagnia di cartelloni pubblicitari e anche in questo caso si avvale del talento di Jerry.

All’ università, nel frattempo, si iscrive alla facoltà di arti commerciali. Si dedica anche al wrestling universitario, ma non avendo l’ateneo una squadra di wrestling, impara soltanto i principi fondamentali. Durante un concorso universitario, conosce un giovane DJ emergente, Scott Shannon (futura stella radiofonica a livello nazionale), il quale va pazzo per i disegni di Jerry e lo convince a pubblicizzarli durante gli show della radio del campus. Sempre grazie a Shannon, che lo aiuta a registrare un demo, Lawler viene assunto da Eddie Bond (fra le altre cose socio di Jackie Fargo) direttore dei programmi della WMAK, radio di Memphis.

Il sogno di Jerry è comunque quello di entrare a far parte del mondo del wrestling professionistico , anche se sa di non essere pronto non essendosi mai allenato, ed è per questo che non ritenendosi all’ altezza non sfrutta la conoscenza con Fargo. Un giorno, un giovane wrestler di nome Jerry Vickers fa visita al locale di Fargo in cerca di lavoro nella zona di Memphis. Fargo però è assente, il caso vuole che Vickers incontri Jerry Lawler, che confida al nuovo conoscente il suo sogno di entrare nel mondo del wrestling. Vickers suggerisce a Lawler di andare a fare una visita ad Aubrey Griffith promoter in Arkansas, che forse potrebbe fargli fare un periodo di prova. Griffith si dimostra fin da subito molto scettico sul futuro di Lawler nel pro-wrestling, infatti giudica il ragazzo basso e senza atletismo, senza dimenticare che non ha alcuna esperienza sul ring. Questo comunque non fa desistere il ragazzo che offre un po’ di pubblicità radiofonica gratis alla compagnia di Griffith in cambio di un opportunità sul ring.

Nel 1970 arriva quindi il debutto nel pro wrestling, senza mai essersi allenato. Lawler e Vickers sono sconfitti dagli Executioners, durante il match Lawler sbatte anche violentemente la testa, perde conoscenza ma questo non lo fa desistere. Nei mesi successivi sempre in cambio di uno spazio pubblicitario radiofonico l’ aspirante wrestler continua a lottare nell’ Arkansas. Jackie Fargo viene a conoscenza di quanto fatto da Jerry e si offre immediatamente di allenarlo personalmente, ma in cambio Lawler dovrà smettere di fare pubblicità alle compagnie dell’Arkansas. Per diventare un wrestler a tempo pieno Lawler decide di abbandonare il college e il lavoro di DJ.

Nel 1971, può quindi debuttare a Memphis. Durante il primo match viene completamente distrutto da Tojo Yamamoto. Nello stesso anno, Lawler si sposa con Kay Williams. Nel debutto televisivo, in coppia, con un jobber viene sconfitto da The Interns. Fargo decide quindi di far fare esperienza a Lawler iniziando a farlo lottare nei territori dei vari Nick Gulas, Roy Welch, Jerry Jarrett, Bill Golden. Da Golden, a Montgomery, in Alabama, Lawler lotta in coppia con il “fratello” Steve Lawler (Steve Kyle) . Nel 1971, vediamo Lawler per lo più impegnato come jobber e in diverse occasioni anche come arbitro, ma sul finire dell’ anno Fargo decide di lanciare il proprio protetto. Arrivano i primi allori per Jerry che in settembre conquista il Tri-States Heavyweight Title. Il 10 gennaio 1972, nasce Brian Christopher Lawler figlio di Jerry e futuro wrestler. 10 mesi dopo, nascerà anche il secondogenito, Kevin Christian. Lawler sfrutta anche il suo talento per il disegno, pubblicando una striscia di fumetti dal titolo "The Patriot" per una magazine di wrestling.

L’ ascesa di Lawler è molto veloce: lo vediamo impegnato nella categoria tag-team, in coppia con Jim White. I due sono un ottima coppia di cattivi, hanno come manager prima Jim Kent e in seguito Sam Bass. Novembre 1972, Lawler & White, conquistano l’ N.W.A. Tennessee Tag Team Title. Il regno di Lawler e White ha vita breve, infatti l’ 8 dicembre, il titolo viene conquistato da Tommy Gilbert & Bearcat Brown. Fra il 1972 e il 1973, Lawler e White sono protagonisti di un feud contro Ken Lucas e Dennis Hall. I due sfidano più volte anche due leggende del wrestling come Lou Thesz e Pat O’Connor. Inizia il 1973, Lawler e White lanciano l’ assalto agli NWA Southern Tag Team Title, detenuti da Jackie Fargo & Jerry Jarrett. Il 28 marzo, riescono a sconfiggere Fargo in un handicap match conquistando le cinture. Il 18 aprile, i titoli tornano in possesso di Fargo e Jarrett. Il 9 maggio, White e Lawler ritornano campioni. Il 30 giugno, assistiamo ad un nuovo passaggio di cinture, questa volta infatti, Jarrett torna campione lottando in coppia con Johnny Marlin, ma solo sette giorni dopo White e Lawler conquistano i titoli per la terza volta in meno di quattro mesi. I due però finiscono con il separarsi, Lawler resta campione, White viene sostituito da Scorpion. Il 15 agosto, Tommy Gilbert & Eddie Marlin sconfiggono Lawler & Scorpion diventando i nuovi campioni.

Nel frattempo, Len Rossi che si era infortunato in un incidente automobilistico, fa il suo ritorno nella federazione, per assistere al match fra il figlio Joey e Sam Bass, Rossi Jr. riesce a portare a casa il successo finale, ma nel post match arrivano White e Lawler che insieme a Bass attaccano brutalmente i Rossi. Questi fatti portano ad una serie di match fra Len Rossi in coppia con Bearcat Brown (wrestler afro-americano) , contro White e Lawler. Durante l’ estate, Lawler lotta anche sporadicamente in diverse compagnie nello stato della Georgia. È proprio in questo stato che si scrive uno dei capitoli più importanti della sua carriera. Il wrestler di Memphis infatti, in diverse occasioni lotta in coppia con Bobby Shane, soprannominato “King of Wrestling”. Proprio Shane decide di “cedere” il titolo di King a Lawler, e “incorona” il partner prima di un match. Nasce il personaggio di Jerry “The King” Lawler.

Nel aprile del 1974, Lawler rafforza la sua fama di cattivo infortunando Jackie Fargo e costringendolo ad uno stop di 2 mesi. Nel maggio del 1974, si vendica di Gilbert sconfiggendolo e conquistando l’ NWA Southern Junior Heavyweight Title. Il 4 maggio, sconfiggendo Steve Kovac, Lawler conquista l’ N.W.A. United States Junior Heavyweight Title , che due mesi dopo viene conquistato da Don Greene. Un feud con il rientrante Fargo è prossimo. Il 20 luglio Fargo conquista il Southern Junior Heavyweight Title, ma dopo soli sette giorni il titolo viene riconquistato da Lawler. Nel frattempo il titolo viene rinominato Southern Heavyweight Title.

Dopo soli 4 anni nel mondo del wrestling, Lawler è ormai una leggenda del wrestling di Memphis. In stato di grazia, riesce a sconfiggere stelle come: Terry Funk, Dory Funk, Jr., The Sheik, Bobo Brazil, Dick the Bruiser, e Mr. Wrestling II (quasi tutti sconfitti per squalifica) conquistandosi il ruolo di primo sfidante del campione del mondo NWA Jack Brisco. Il 16 settembre, assistiamo al primo match fra Lawler e Brisco, i due si affrontano in un match di 60 minuti che si chiude in pareggio. Nel re-match, The King, sembra portare a casa il match dopo aver colpito l’ avversario con una catena lo schiena, l’ arbitro però accortosi dell’ accaduto inverte il risultato del match dando la vittoria a Brisco.

Sam Bass abbandona Lawler diventando il manager di Al Greene & Phil Hickerson, questo porta al passaggio a face (buono) di The King. Nuovo partner per il Re, che fa coppia con Tojo Yamamoto. Tutto questo getta le basi quindi per un feud fra i due tag-team. In settembre, Hickerson & Greene diventano i nuovi campioni di coppia, togliendo i titoli a Tommy Gilbert & Ricky Gibson. A novembre, i titoli vengono conquistati da Lawler e Yamamoto, che però li perdono a dicembre, sempre per mano di Greene e Hickerson. Anche questo regno è di poca durata, sempre a dicembre infatti Lawler e Yamamoto tornano in possesso delle cinture. Il 23 ottobre, Robert Fuller sconfigge Lawler conquistando il Southern Heavyweight Title, Fuller resta campione per una sola settimana venendo sconfitto il 30 ottobre da Lawler. Il 1974 è finito, Jerry Lawler a soli 25 anni è ormai la stella più luminosa del wrestling di Memphis, superando in popolarità persino il suo maestro Jackie Fargo. 1975, sorgono diversi problemi anche fra Lawler e Yamamoto, che finiscono con il separarsi. Il titolo passa quindi nelle mani di Yamamoto & Eddie Marlin.

Lawler, comincia a farsi un nome anche nello stato della Georgia, combattendo contro alcune delle stelle più lucenti del wrestling georgiano, come: Bob Backlund, Jerry Brisco, Don Muraco, Rocky Johnson(padre del futuro The Rock) e un giovane Larry Zbyszko. The King combatte anche un mese in Florida sotto l’ identità di Masked Man N° 1, lottando con Masked Man N° 2 (Don Greene). I due formano i Masked Superstars con manager Sam Bass. In Florida, Lawler lotta occasionalmente anche sotto la sua vera identità. The King torna ben presto nella sua terra natia. Nel gennaio del 1975 Fuller riconquista il titolo. In ottobre, Lawler conquista la cintura per la terza volta. Sul finire del 1975, assistiamo al feud fra Jerry Lawler e "Superstar" Bill Dundee.

The King inizia quindi a fare coppia anche con "Bullet" Bob Armstrong incominciando un feud con i The Interns (Tom Andrews & Jim Starr) con manager Dr. Ken Ramey, ma incredibilmente Lawler tradisce il compagno di tag-team tornando sotto l’ ala protettrice di Sam Bass. Armstrong e Lawler iniziano quindi un feud, ad ottobre Armstrong riesce a fare suo il Southern Heavyweight Title, ma dopo qualche giorno deve cederlo a Lawler, a novembre è di nuovo Armstrong a prevalere. Il 19 novembre, Lawler in coppia con Jackie Fargo conquista gli NWA Mid-America United States Tag-Team Title, i due sconfiggono Phil Hickerson & Dennis Condrey, che a dicembre riconquisteranno le cinture. Il 15 dicembre 1975, Il Southern Title torna alla vita di Lawler che vince un torneo per l’ assegnazione sconfiggendo prima Dick the Bruiser in semifinale e poi Ron Fuller nella finalissima . In questo periodo, Lawler lotta diverse volte insieme a Bass e Toru Tanaka contro il trio di buoni formato da Dundee, Armstrong e Yamamoto. Disputa anche diversi spettacolari match contro il giovane Tommy Rich.

The King torna a lottare nella categoria tag-team, iniziando a fare coppia con Stan “Plowboy” Frazier (1931-1992, conosciuto alla WWF come Uncle Elmer) . In realtà, Jerry ha ben poco rispetto per il compagno, che prende spesso in giro chiamandolo stupido e grassone. Nel aprile del 1976, Lawler & Fraziern conquistano i Southern Tag Team Title, che vengono dopo qualche giorno conquistati da Bill Dundee & Big Bad John. Frazier però finisce col tradire Lawler alleandosi con Jerry Jarrett, Lawler invece continua ad essere accompagnato da Bass, fra i quattro ha inizio quindi un feud ricco di molti match. A luglio, Lawler perde il Southern Title sconfitto da Gorgeous George Jr., ma riesce a riconquistarlo subito. Il 26 luglio 1976, Sam Bass manager e grande amico di Jerry Lawler, perde la vita in un incidente automobilistico, con il manager perdono la vita anche Pepe Lopez (vero nome Reuben Rodriquez) e Frank Hester conosciuti come i Masked Dominoes.

A 2 anni di distanza dal primo incontro ritroviamo di fronte Lawler e l’ ex campione NWA Brisco. Il 10 agosto, Jack Brisco riesce a sconfiggere nuovamente il re di Memphis conquistando il Southern Heavyweight Title. Dopo qualche settimana il titolo torna alla vita di Lawler che lo conquista per la sesta volta. The King ha quindi una nuova occasione per conquistare il titolo del mondo NWA. Questa volta, come ostacolo fra lui e il titolo trova Terry Funk, i due si affrontano in nuovo match di oltre 60 minuti, anche questa volta il titolo sfugge a Lawler.

14 marzo 1977, vediamo riunirsi per una sera la coppia formata da Lawler e White, i due infatti partecipano al torneo per l’ assegnazione dell’ AWA Southern Tag titles. Questa è l’ ultima card in cui Jerry Jarrett e Nick Gulas lavorarono insieme come promoter. I due infatti si dividono. Jarrett fonda la Jarrett Promotions, Inc. riesce ad ottenere il controllo delle città più importanti del ovest Tennessee, come Memphis e Louisville , mentre a Gulas vanno le città dell’ est dello stato come Nashville e Birmingham. Jarrett decide di puntare su Jerry Lawler come stella del suo territorio, e da vita alla Continental Wrestling Association. Gulas punta su Jackie Fargo come wrestler più rappresentativo. Il fatto che grazie a Lawler, Jarrett sia riuscito ad aggiudicarsi le città più importanti dello stato a discapito di una leggenda come Fargo, non fa altro che dimostrare che la nuova leggenda del wrestling nel Tennessee è proprio The King.

Il 1976 si era chiuso con Rocky Johnson in possesso del Southern Heavyweight Title, Lawler decide quindi di tentare nuovamente l’ assalto al titolo, per andare contro Johnson fonda anche la Lawler's Army, nella quale oltre a The King, trovano posto anche Private Diamone, Gorgeous George Jr. e Porkchop Cash. Il gruppo di Lawler ha vita molto breve ma questo non impedisce a The King di sconfiggere il campione nel aprile del 1977 e di tornare in possesso del titolo. In questo periodo Lawler si rende anche protagonista di un esilarante episodio: è protagonista di una sfida verbale con l’ attore Adam West, interprete e protagonista del telefilm e del film Batman. King infatti si presenta all’ intervista vestito come superman solo che al posto della S ha una corona stampata sul petto e si fa chiamare “SuperKing”.

Arriva quindi un breve feud con Mongolian Stomper. Giugno 1977, Lawler perde momentaneamente il titolo per mano di Bob Armstrong, ma dopo qualche giorno riesce a riconquistarlo. Un nuovo pretendente al titolo si fa subito sotto, questa volta è il rookie Paul Orndorff. Il 7 luglio, Orndorff riesce a sconfiggere il campione, diventando il nuovo possessore della cintura.

Nel frattempo, Lawler torna a farsi affiancare da un manager, questa volta è il turno di Mickey Poole. Proprio il nuovo manager è fra le altre cose il fratello del presidente fan club internazionale di Elvis Presley. Proprio tramite questo legame di parentela, Lawler contatta Vernon Presley, fratello di Elvis proponendogli di disputare un Karate vs. Wrestling Match contro il “re” ma questa volta contro il re del rock, Elvis infatti è cintura nera di Karate. Purtroppo non se ne fece mai nulla anche perché il 16 agosto 1977, a Memphis, a soli 42 anni muore Elvis Presley vittima di un aritmia cardiaca.

Nuovo feud per Jerry, che si trova a dover affrontare nuovamente Bill Dundee. I due si affrontano in diversi match fra i quali è da ricordare un violentissimo barbed wire and lights out match, che viene vinto da Dundee che con questa vittoria riesce a portarsi a casa la Cadillac di Lawler, altra stipulazione del match è la rasatura dei capelli di Poole. Tuttavia, dopo una settimana Lawler e Poole sono intervistati dal commentatore Lance Russell, Poole si presenta con un folta chioma, Lawler dice che era stato Sam Bass a passargli un tonico miracoloso per la crescita dei capelli, e lui l’ ha passato a Poole. L’ intervista si ferma quando arriva una donna arrabbiatissima che aggredisce Lawler.Bill Dundee arriva sul set dell’ intervista trascinando via la donna. L’ Assalitrice si rivela poi essere Beverly Dundee, moglie di Bill. Assistiamo ad un nuovo match fra Lawler e Dundee, questa volta abbiamo in palio i capelli della moglie di Dundee. A vincere è Lawler, Beverly perde quindi i capelli.

Lawler annuncia quindi il suo ritiro dal mondo del wrestling lottato (in realtà si tratta di un angle) , motivando il tutto con il desiderio di seguire i suoi affari. The King sembra dedicarsi alla musica nel mondo del wrestling lanciando la Rock ‘n’ Wrestling connection, va anche in tour con il gruppo dei Gentrys, dove incontra un suo ex amico di gioventù, Jimmy Hart. Lawler lancia anche un suo singolo, “Bad News” con tanto di video. Durante lo spettacolo di wrestling e musica ideato da The King, Lawler fa il suo debutto come cantante, ma viene attaccato da Jimmy Valiant che distrugge una chitarra in testa al neo cantante. Questo porta Lawler alla decisione di uscire dal ritiro e di sfidare Valient per l’ AWA Southern Heavyweight Title. Valiant, il 25 settembre, aveva vinto il torneo per l ‘assegnazione del primo AWA Southern Heavyweight Title. Si crea una polemica in quanto anche la compagnia di Nick Gulas avevo il suo Southern Heavyweight Title, il tutto si risolve con il passaggio della leggenda Lou Thesz alla corte di Jarrett, così facendo il titolo della federazione di Gulas viene abbandonato. In poco tempo si creano due coppie, Jerry Lawler e Bill Dundee (tradito da Valiant) contro Jimmy e Johnny Valiant. Ottobre 1977, Lawler riesce a sconfiggere Valiant conquistando il suo primo Southern Title sotto lo stemma AWA (American Wrestling Association) . A Memphis approda quindi il campione del mondo NWA, Harley Race, il quale concede un match per il titolo a Lawler, ed è proprio Jimmy Valiant a non far vincere Lawler fracassandogli una bottiglia di birra sopra la testa. A novembre, assistiamo a ben tre cambi di “padrone” per quanto riguarda il Southern Title. Passa infatti prima a Mr. Wrestling, per poi essere riconquistato da Lawler il 21 novembre, ma solamente temporaneamente in quanto il 28 è Jimmy Valiant a conquistare il titolo. Il 5 dicembre, Lawler fa sua la cintura per la terza volta in due mesi.

Dopo diverso tempo ritroviamo The King impegnato nella categoria tag-team, in coppia con Bill Dundee. I due arrivano a piegare la resistenza dei campioni di coppia Dennwas Conrey e Phil Hickerson, conquistando così gli AWA Southern Tag Team Titles. Nell’ estate del 1978, un nuovo pericoloso avversario sfida il re di Memphis, questa volta il nemico è il boscaiolo canadese Jos Leduc. Il quale arriva al punto di colpirsi un braccio con la propria ascia perdendo molto sangue facendo così un voto di sangue promettendo di concludere la carriera di Lawler. In maggio LeDuc e Jean Louie sconfiggono i campioni di coppia impossessandosi dei titoli. Il 7 agosto 1978 Leduc riesce a sconfiggere Lawler conquistando anche il titolo di campione.

L’ assenza di Lawler dalla lotta per il titolo, ha vita molto breve. Il 4 dicembre 1978, sconfigge il neo campione Don Fargo tornando in possesso del titolo. Il giorno di natale, Lawler è sconfitto da Austin Idol, che conquista il Southern Title, imminente un feud fra i due. Durante uno scontro, Austin spruzza una soluzione chimica sul volto di The King, il quale subisce dei danni agli occhi che lo costringono ad una pausa di quattro mesi. Idol viene sospeso per quanto accaduto ma riesce ad eludere la sospensione tornando sotto le fattezze di The Masked Idol. Nel frattempo, Jarrett e Gulas risolvono alcune delle loro divergenze, questo permette a Jackie Fargo di lottare anche per Jarrett. Grazie a tutto ciò a assistiamo ad un match leggendario, con Lawler e Fargo che sconfiggono Austin Idol e la leggenda messicana Mil Mascaras nel corso di uno show memorabile.

Nei mesi precedenti Lawler era riuscito anche a conquistare gli AWA Southern Tag Team Title lottando in coppia con Bill Dundee, i due sconfiggono i Bounty Hunters (David Novak e Jerry Novak). Il 18 dicembre 1978 perdono i titoli per mano di Dennis Condrey e Phil Hickerson. 4 giugno 1979, Lawler e Dundee tornano campioni di coppia sconfiggendo i leggendari Toru Tanaka e Mr. Fuji, Prende quindi il via un feud fra i campioni e i Blond Bombers, Larry Latham e Wayne Farris (cugino di Lawler e più conosciuto in seguito come Honky Tonk Man). I quattro lottatori si affrontano al Tupelo Concession Stand Brawl, in uno dei match più importanti nella storia di Memphis. l’ incontro è violentissimo, i quattro lottatori finisco a combattere in mezzo al pubblico colpendosi anche con oggetti contundenti come bidoni della spazzatura, deve arrivare perfino la security per dividere le due coppie, durante l’ incontro vengono coinvolti Danny Davis manager dei Bombers e Jerry Jarrett che esce dal ritiro per aiutare Lawler e Dundee. Alla fine a prevalere sono i Blond Bombers.

In questo periodo un giovane wrestler di nome Terry Boulder arriva a Memphis, in futuro diventerà il leggendario Hulk Hogan, agli esordi invece è sconfitto più volte da Lawler. I due lottano più volte anche in coppia affrontando The Mongolian Stomper & Gorgeous George Jr. Nuovo feud per Lawler che questa volta se la deve vedere con Jimmy Golden ( in seguito Bunkhouse Buck alla WCW) appena diventato cattivo. La contessa fra i due si chiude con Lawler che sconfigge l’ avversario in un loser-leaves-town match. Arriva quindi una nuova occasione di conquistare un titolo importante. Il campione del mondo AWA, Nick Bockwinckel arriva a Memphis e sfida più volte l’ idolo locale, riuscendo sempre a mantenere il titolo.

Dopo diversi anni dalla parte dei buoni, a settembre Lawler gira ad heel facendosi accompagnare da un manager esordiente, l’ ex musicista Jimmy Hart. Anche Jimmy Valiant gira ad heel diventando cliente di Hart e al contempo alleato di Lawler. Inizia quindi un feud fra Lawler e il suo vecchio compagno Dundee, che ad agosto riesce a conquistare il Southern Heavyweight Title sconfiggendo Ron Bass. Il 15 ottobre Lawler sconfigge Dundee conquistando il titolo per la tredicesima volta.

Il 12 novembre il wrestler di Memphis sconfigge la leggenda Billy Graham conquistando il CWA World Heavyweight Title, solo due anni prima Graham era campione del mondo della WWWF(World Wide Wrestling Federation) . Il 3 gennaio 1980 Jimmy Valiant sconfigge Lawler conquistando il Southern Heavyweight Title. Il 1980 è un anno nero per Jerry Lawler. Giocando a football con Jerry “the Crippler” Calhoun, arbitro di wrestling del circuito di Memphis, si rompe una gamba ed è costretto a stare fuori per 6 mesi. Per questo rende vacante il CWA World Title. Durante l’ estate fa qualche apparizione come commentatore. Nel frattempo, Jackie Fargo si ritira dal wrestling, Nick Gulas vende il proprio territorio di promoter a Edward Welch (Buddy Fuller), figlio di Roy Welch e padre di Robert (Colonel Parker nella WCW) e Ron Fuller, con Gulas si ritira anche il suo socio Harry Thornton.

Nel contempo, Jimmy Hart inizia a dire che Lawler non si riprenderà mai dall’ infortunio, e si sceglie un nuovo cliente: Paul Ellering, che Hart definisce il nuovo The King. In questo periodo Valiant torna dalla parte dei buoni abbandonando Jimmy Hart, ma, cosa più importante, inizia a presentarsi agli show con il mantello e la corona di Lawler. Sul finire del 1980, Lawler fa il suo rientro ricordando a Hart cosa aveva fatto per lui, cercando vendetta. Lawler fa anche rientro sul ring affrontando diverse volte “Killer” Karl Krupp, altro protetto di Hart. Proprio inseguito a questi match, Hart si presenta agli show completamente bendato e impossibilitato a parlare cercando di dare l’impressione di aver ricevuto dei colpi veramente violenti da Lawler, ovviamente fa tutto questo per far passare il pubblico dalla sua parte. Il campione di Memphis ha comunque affrettato il ritorno sul ring, per questo è costretto a fermarsi nuovamente.

Per dare risalto al ritorno di Lawler, settimanalmente vengono trasmessi diversi promo durante gli show televisivi della federazione, nei quali vengono mostrati i progressi di The King che si prepara al ritorno. Hart frattanto lancia un suo nuovo protetto, Dream Machine (Troy Graham), che ha il solo scopo di porre fine alla carriera di Lawler una volta tornato. Per dimostrare la propria forza Machine sconfigge lottatori su lottatori. Il 29 dicembre 1980 alla Mid-South Coliseum, Lawler fa il su ritorno gridando vendetta. Si capisce da subito che il migliore resta sempre lui, infatti si sbarazza facilmente della creatura di Hart a Dreamland, come da stipulazione pre-match, Lawler resta sul ring con Hart per 5 minuti, pestandolo per bene per la gioia dei tifosi. L’ ex manager di The King però non si rassegna e manda nuovamente Ellering contro Lawler, ma anche in questo caso vede un suo cliente essere completamente annientato.

Per Lawler è giunto quindi il momento di tornare AWA Southern champ. Il 2 marzo 1981, riesce nell’ intento sconfiggendo Jimmy Valiant e conquistando il titolo per la sesta volta sotto lo stemma AWA. I due si affrontano anche in un loser-leaves-town match, ma anche questa volta a vincere è Lawler, Valiant invece abbandona mestamente Memphis. Il neo campione diventa nuovamente AWA Southern Tag-Team Champion, conquistando il titolo in coppia con Bill Dundee, i due sconfiggono Tojo Yamamoto e Wayne Farrwas, il 23 marzo i campioni diventano Masa Fuchi e Mr. Onita (Atsushi Onita), che sconfiggono Lawler e Dundee.

Hart fa quindi arrivare dalla Florida i famosi fratelli Terry e Dory Funk Jr. Anche per loro il compito è uno soltanto: eliminare Lawler. The King affronta e sconfigge Dory in uno storico Cage Match. Poi è il turno di Terry, anche lui sconfitto, per countout. In suo soccorso Lawler chiama Jerry Brisco, avversario storico dei Funk. Ben presto Dory e Brisco lasciano Memphis, il feud è quindi fra Terry Funk e Lawler. Durante un intervista con Lance Russell, Funk dichiara che è impossibile sconfiggere Lawler a Memphis, in quanto sono tutti dalla sua parte, arbitri, fans e perfino la polizia locale. Decide quindi di sfidare Lawler in un empty arena match, da disputarsi in un arena vuota, alla presenza solamente di Lance Russell come commentatore, un cameraman, e un fotografo. Senza nessuno che aiuti The King, Funk vuole dimostrare chi è il vero uomo e il migliore. Lawler accoglie le richieste di Funk. Arriva il giorno del match, oltre ai due wrestler sono presenti, Russell, il cameraman Randy West, ed un fotografo di una rivista specializzata. Gli 11,300 posti del Mid-South Coliseum sono vuoti. Per primo si presenta Funk che minaccia Russell, ma arriva anche Lawler. Prima che parta il match, Funk sicuro di sé offre a Lawler la possibilità di ritirarsi ricevendo ovviamente risposta negativa. L’ incontro è violentissimo, il match si svolge soprattutto a bordo ring, dove i due si scambiano violentissime sediate in testa. L’ azione si sposta sul tavolo del ring, dove Funk sbatte Lawler, Terry chiede a Russell di chiedere a Lawler se ha avuto una punizione sufficiente. I due rientrano sul ring dove Funk prova a colpire Lawler negli occhi con un appuntito pezzo di legno proveniente dagli scalini per salire sul ring, ma la scheggia di legno gli finisce in un occhio. Il wrestler piangendo inizia a urlare ripetutamente "il mio occhio!" mentre Funk viene soccorso dallo staff medico, Lawler lascia l’arena proclamandosi vincitore. I due si affrontano in altri incontri, meno violenti, che si concludono per lo più in squalifica, in poco tempo anche Funk decide di lasciare Memphis.

Il feud tuttavia non si conclude qua. Dopo qualche settimana Funk (che porta una benda sull’occhio infortunato) riappare durante uno show tv chiedendo a Lawler di presentarsi sul ring e di concedergli un re-match. Russell da una brutta notizia a Funk, in quanto lo informa del fatto che Lawler si trova a lottare in Florida. Funk arrabbiatissimo per la notizia, fa prima strage di wrestler che accorrono sul ring per farlo andare via, mettendoli ko. Non soddisfatto inizia a colpirsi da solo con una sedia, prima dando pugni e poi sbattendosela in testa. Tenta anche di colpire Russell. Lo scontro fra Lawler e Funk si sposta quindi in Florida. Questo grande feud non fa altro che accrescere la popolarità a livello nazionale di Lawler.

Durante uno show televisivo Lawler riceve un riconoscimento dal Messico: infatti deve essere premiato essendo il “"Most Popular TV Wrestler". Per premiarlo dal Messico arriva il famoso wrestler messicano The Masked Black Diamond, che indossa una maschera nera e gialla e un lungo mantello nero. Il messicano prima regala un sombrero a Lawler, va poi per consegnarli un trofeo, ma lo colpisce con lo stesso. Diamond colpisce ripetutamente The King, fino a quando la sicurezza non accorre sul ring per portare via l’ idolo locale, rimasto solo Black Diamond si strappa la maschera e rivela di essere Austin Idol. Riprende quindi dopo due anni, lo scontro fra Lawler e Idol. Dietro al ritorno di Idol si scopre esserci Jimmy Hart. Arriva quindi il momento dell’ incontro. Anche in questo caso ad uscire vincitore è The King, che infatti sconfigge Idol, come da stipulazione pre-match si fa consegnare il disco d’ oro che Hart aveva vinto quando era un membro dei Gentrys nel 1966 con la hit "Keep On Dancin’". Il disco finisce nel acque fangose del fiume Mississippi, dove lo lancia Lawler.

Hart frattanto ha riunito tutti i suoi scagnozzi in un'unica unita formando la “first family”. Decide di mandare due nuovi wrestler contro Lawler, Gypsy Joe e The Angel. I due affrontano The King in un loser-leaves-town handicap match, che prevede in caso di sconfitta, per Lawler il suo ritorno dalla parte di Hart. È una nuova vittoria per Lawler che respinge l’ ennesimo attacco di Hart. La vittoria di Lawler è un duro colpo per Hart, che si ritrova con Valiant , Joe e Angel sconfitti e mandati via da Lawler, Wayne Farris infortunato e Yamamoto che decide di cambiare manager passando sotto la protezione di Masa Fuchi e Mr. Onita. Hart, non essendo riuscito ad estromettere Lawler dal mondo del wrestling, durante lo show del sabato mattina, con le lacrime agli occhi annuncia il ritiro. Lawler prende in giro Hart fingendo di piangere e fa sapere di non credere al ritiro del suo rivale. Infatti il tutto si rivela una farsa, in quanto Hart non si arrende. Nel corso dello show, Lawler insieme a Koko B. Ware affronta i Bounty Hunters (Jerry Novak & David Novak) scortati dal manager Jimmy Kent. L’ incontro si chiude con l’ interferenza di Kent seguita dall’ arrivo di Hart, El Toro e di The Turk. I tre attaccano violentemente Lawler. Continua quindi il feud Lawler-Hart. In appoggio di Lawler arriva però Kevin Sullivan. Almeno così sembra: infatti durante un three handicap match, Sullivan attaccando Lawler si rivela essere un altro alleato di Hart. Il feud si conclude comunque con una nuova vittoria di Lawler, da ricordare diverse divertenti interviste in cui Lawler prende in giro il dialetto tipico di Boston di Sullivan.

È proprio il manager ha conquistare finalmente una vittoria importante ai danni di Lawler, riesce infatti a conquistare il Southern title, grazie all’ aiuto dei suoi protetti. Non essendo un wrestler, Hart decide di cedere il titolo a Chick Donovan, ma la dirigenza decide che ciò non è valido e rende il titolo vacante. Il Titolo passa quindi a Lawler, che però lo perde nuovamente sconfitto da Sabu the Wildman (Coco Samoa). Il titolo viene nuovamente dichiarato vacante, e viene assegnato a Steve Keirn che lo conquista sconfiggendo Bugsy McGraw, il 20 luglio 1981, nella finale del torneo per l’ assegnazione del titolo. In agosto il titolo torna a Lawler, che sconfigge Keirn. Ma anche questo regno ha vita breve: poco dopo il campione è spogliato nuovamente del suo alloro. Il 7 settembre Lawler affronta Dream Machine: per l’ occasione l’arbitro speciale del match è Sweet Brown Sugar (Koko B. Ware), che conta Lawler fuori dal ring dando la vittoria e il titolo a Machine, con Sugar che passa fra le file dei wrestler di Hart, per poi cominciare un breve feud contro Lawler.

Lawler continua i suoi scontri con gli uomini di Hart, affrontando, fra gli altri, Karl Krupp. Durante il post-match di uno di questi incontri, Lawler colpisce Hart con un Piledriver. La settimana successiva, Hart si presenta su di una sedie a rotelle e si arrabbia vedendo il pubblico divertirsi. Hart si alza quindi improvvisamente dalla sedia e presenta la sua nuova creatura, The Masked Super Destroyer (Bill Dromo). Hart chiede quindi a Lawler di affrontare Dromo in un match, promettendogli, in caso di vittoria, un match Hart vs Lawler. L’ incontro fra Hart e Destroyer è molto violento: il match si sposta sulla rampa di accesso al ring Super Destroyer, i due arrivano a bordo ring dove Lawler viene lanciato contro il paletto che sostiene il ring, uno sfregio si apre sulla sua fronte. Destroyer continua il suo brutale assalto e l’arbitro Jerry Calhoun decide di fermare il match in quanto il sangue ha circondato l’ occhio destro di Lawler. Poco dopo, Lawler, molto debole, rilascia un intervista mentre il pubblico in religioso silenzio mentre il wrestler promette che non avrà pace finché non avrà cacciato Jimmy Hart da Memphis.

Il 1982 inizia nel migliore dei modi. Il 18 gennaio il titolo torna in possesso di Lawler, che sconfigge Dream Machine. Il 14 febbraio 1982, dopo aver divorziato dalla prima moglie, Jerry Lawler si sposa per la seconda volta prendendo come moglie Paula Jean Carruth. Il giorno stesso del matrimonio, Lawler perde il titolo in favore di Dutch Mantell. Il primo marzo torna in possesso della cintura, che il 22 marzo viene riconquistata da Mantell. Prima dell’ estate, Lawler riesce a chiudere il feud in modo vittorioso riconquistando la cintura.

Il 1982 è l’ anno che fa conoscere Lawler a livello nazionale: tutto grazie ad un feud con un personaggio televisivo. Nel 1979 la star televisiva Andy Kaufman (1949-1984), grande appassionato di wrestling fin da bambino, crea il “Campionato Nazionale di Wrestling Misto”, che lo vede opporsi sempre a delle donne. Kaufman per anni sfida le donne che trova fra il pubblico promettendo 1.000 dollari ad ogni donna che lo schienerà. Kaufman dice anche che è pronto a sposare la donna che lo sconfiggerà. Nel 1982 Kaufman ha sfidato già sfidato oltre 400 donne. Una sera, mentre si trova a Memphis, dopo aver sconfitto tre donne viene raggiunto sul ring da Jerry Lawler, che accusa Kaufman di infangare il buon nome del wrestling, facendolo passare per una stupidaggine. The King fa lottare Kaufman contro una donna allenata personalmente da lui, di nome Foxy Brown. Nonostante tutti gli sforzi di Lawler, l’attore riesce a portare a casa il match e a questo punto The King chiede se ha il coraggio di affrontare un uomo, Jerry Lawler. Kaufman all’ inizio sembra rifiutarsi e promette di usare le sue conoscenze ad Hollywood, i suoi soldi e il suo potere per fermare Lawler. Dopo un po’ però accetta di affrontare The King.

Il 5 aprile 1982 si svolge il match, entrato nella leggenda del wrestling. Il Mid-South Coliseum di Memphis conta 8,091 spettatori e ad inizio serata Lawler sconfigge The Mork in un match di “allenamento”. Arriva quindi il momento dello scontro con Kaufman. Lawler fa vittima per due volte l’avversario del suo terribile Piledriver (mossa vietata per la sua pericolosità nel territorio di Memphis) dandogli la vittoria per squalifica, ma soprattutto mandandolo all’ospedale per un serio infortunio alla colonna vertebrale (il tutto è, in realtà un work). La notizia fa il giro degli Stati Uniti, e la stampa va ad intervistare Kaufman in ospedale. Il 28 luglio i due contendenti sono ospiti del “Late Night with David Letterman”, trasmesso dal canale nazionale NBC. Durante la serata fra i due scoppia una rissa, con Lawler che schiaffeggia l’ attore che a sua volta insulta lo insulta pesantemente e gli getta il caffè di Letterman in faccia prima di lasciare lo studio. Kaufman (anche questo fa parte del feud) minaccia di denunciare Lawler e la NBC per quanto accaduto da Letterman. Kaufman rilascia una dichiarazione al giornalista Geraldo Rivera dove annuncia che in caso di vittoria sulla NBC, farà diventare la rete televisiva un canale con solo wrestling trasmesso 24 ore su 24. Tutti questi episodi hanno una enorme eco sui media e non fanno che accrescere la popolarità di Lawler e del wrestling di Memphis.

Nel frattempo Lawler e Mantell riescono ad appianare le loro divergenze, incominciando a lottare in coppia. I due provano a dare l’ assalto ai titoli di coppia detenuti dai protetti di Hart, Bobby Eaton & Sweet Brown Sugar, ma non riescono nel loro scopo. The King per un breve periodo inizia a lottare in Florida, dove si scontra con il manager J.J. Dillon. Gli scontri fra i due proseguono al ritorno di Lawler a Memphis, Dillon infatti “sbarca” a Memphis con i suoi clienti Kendo Nagasaki e Kimala. Durante le prime settimane estive, Dillon riesce ad infliggere un duro colpo a Lawler, infatti Nagasaki conquista il Southern Title. In poco tempo però è Lawler a tornare in possesso del titolo. Il 7 giugno 1982 è l’ altro cliente di Dillon, Kimala a conquistare l’ alloro più importante. Il 7 agosto è Lawler a tornare campione. Il feud continua, e avviene qualcosa di clamoroso: Lawler e Hart decidono di mettere da qualche parte per un po’ le loro divergenze per unirsi contro un nemico comune, Dillon. I due sembrano trovarsi talmente bene insieme che Hart pensa di riuscire a far tornare definitivamente Lawler sotto il suo controllo, ma Lawler la pensa diversamente. L’alleanza fra i due dura una settimana, il tempo di rispedire la banda di Dillon in Florida, poi Lawler si separa nuovamente da Hart. Riprendono gli scontri fra i due, con Hart che prende anche Kimala come suo cliente. Lawler ha quindi un breve feud con The Iron Sheik, il più grande heel del periodo in tutti gli Usa.

Nel frattempo, Hart continua la sua guerra personale contro Lawler. Riesce a far sì che Carl Fergie, cugino di Lawler, passi dalla sua parte. Nel agosto del 1982, il leggendario "Nature Boy" Ric Flair, campione del mondo NWA arriva a Memphis. Flair firma un contratto con il promoter Eddie Marlin,per la disputa di un match con in palio il titolo del mondo NWA e il Southern Title. Durante uno show, Lawler va sul ring per parlare di Hart e del cugino, ma poi si rivolge a Ric Flair, invitandolo a salire sul ring. Flair arriva in quanto è in programma un suo match con Ric McCord e chiede divertito a Lawler chi sia, prendendolo in giro per quanto accaduto con Kaufman in TV da David Letterman. Lawler cerca di entrare nelle simpatie di Flair parlando di lui come qualcuno che può sconfiggere chiunque a Memphis e riesce ad ottenere un match con Flair.

Nell’agosto del 1982, dopo diversi anni, si ripresenta per Lawler l’occasione di conquistare l’ NWA World Heavyweight Title. Il limite di dieci minuti di tempo per il match scade, mentre Lawler è bloccato nella figure four leglock di Flair e l’incontro si chiude in pareggio. Flair però non ci sta e chiede cinque minuti suppletivi di match. L’incontro riprende, Lawler si mette in posizione di prova di forza quando incredibilmente Flair prende la sua cintura di campione e abbandona il ring. Lawler si dichiara vincitore e reclama la cintura. Qualche minuto dopo Flair riappare accompagnato da Marlin e Jimmy Hart. Flair dichiara nulla la vittoria di Lawler dicendo di non aver firmato alcun contratto per il match, Marlin conferma tutto restituendo il titolo di campione a Flair. Flair offre poi 10.000 dollari a Jimmy Hart se riuscirà a far eliminare Lawler prima del suo ritorno a Memphis. Fergie, Dutch Mantell e Baron Von Raschke provano senza successo a raccogliere l’invito di Flair.

Un altro campione del mondo, Nick Bockwinckel, tre volte campione AWA, arriva a Memphis. L’ 11 ottobre 1982, Nick Bockwinkel conquista il Southern Title sconfiggendo Lawler e le due cinture in suo possesso vengono unificate. Il mese successivo, Lawler ottiene una delle vittorie più importanti di sempre: l’ 8 novembre, infatti, nel rematch, sconfigge Bockwinkel, in un match in cui sono in palio Southern Title e i capelli del re di Memphis. Il nuovo regno ha vita molto breve: pochi giorni dopo la cintura passa al giovanissimo canadese Jerry Roberts (Jacques Rougeau Jr.)

Lawler lascia quindi Memphis per lottare un po’ in giro per l’ America. Ha un feud con Bob Sweetan nella Texas' Southwest Championship Wrestling e dopo ben 10 anni fa il suo ritorno ad Atlanta, nella Georgia. Ad Atlanta torna dalla parte dei cattivi, viene sanzionato un match fra lui e il grande Roddy Piper. Sfortunatamente, Piper lascia la Georgia per problemi con la dirigenza. Gli show dell’ Atlanta's World Championship Wrestling vengono trasmessi a livello nazionale e questo inizia a creare molti problemi nei dirigenti di Memphis. Lawler infatti comportandosi da cattivo ad Atlanta potrebbe confondere i giovani fan della sua città natale, per il quale è un idolo. The King decide quindi di fare il suo ritorno a Memphis, dove manda in onda diversi promo per spiegare ai suoi fan le sue azioni ad Atlanta.

Il 27 dicembre 1982, Lawler torna a competere per il titolo del mondo AWA affrontando nuovamente Bockwinckel. Durante il match, l’arbitro Jerry Calhoun si scontra con Lawler perdendo conoscenza. Dopo qualche secondo Lawler riesce a schienare Bockwinckel, con il campione AWA che ha il piede sulle corde: l’arbitro conta fino a 3 e da la vittoria a Lawler. Eddie Marlin ed altri wrestler raggiungono il ring per rendere omaggio a Lawler, che è annunciato da Randy Hales come il nuovo campione del mondo AWA. Lawler ha finalmente realizzato il suo sogno. Bockwinckel chiede immediatamente a Russell di ammettere la vittoria sporca di Lawler, ma Russell è estasiato per la vittoria di Lawler e fa festa con tutti i tifosi del Mid-South Coliseum. Il presidente della AWA, Stanley Blackburn, guarda poi la registrazione delle fasi finali del match e strappa il titolo a Lawler decidendo di rimetterlo in palio in un rematch (il titolo è comunque vacante solamente nel territorio di Memphis, nel resto degli Stati Uniti resta in possesso di Bockwinckel). Bockwinckel annuncia la presenza nel suo angolo durante il match del suo manager nella AWA e tutti, ad iniziare da Lawler, capiscono che con lui ci sarà Bobby Heenan. The King fa di tutto quindi per tenere Heenan lontano da Memphis, ma il 10 gennaio 1983, giorno del rematch, fra la sorpresa generale, Bockwinckel si presenta non con Heenan ma con il nemico di sempre di Lawler, Jimmy Hart.

Sul finire del 1982 Lawler aveva affrontato e infortunato Hart in un cage match. Da quel momento Hart era apparso a tutti gli show televisivi e agli house show completamente bendato, come una mummia. Lawler non fidandosi di Hart, chiede a Bill Dundee di stare a bordo ring per sorvegliarlo. Quando Hart tenta di interferire, l’arbitro Paul Morton e Dundee lo fermano. Mentre i due vengono distratti dal match incredibilmente dall’angolo opposto del ring appare... Jimmy Hart ! Non è lui, quindi, l’uomo bendato. Lawler è sorpreso e tutto questo permette a Bockwinckel di schienare Lawler conquistando la vittoria e il titolo. Nel post match Hart smaschera la mummia rivelando a tutti che si tratta di Andy Kaufman! Il celebre attore si è quindi vendicato delle umiliazioni subiti per colpa di Lawler.

Nelle settimane successive Lawler, Sweet Brown Sugar, da poco uscito dalla banda di Hart, e Terry Funk, di ritorno a Memphis per un breve periodo, iniziano un feud con Bobby Eaton, Ferie e Sabu the Wildman. Nei primi mesi del 1983 Lawler diventa socio di affari di Jerry Jarrett. Lawler, infatti, diventa co-proprietario della compagnia. Jarrett riesce a fargli condurre settimanalmente ogni domenica mattina un talk show di 30 minuti sulla rete locale WMC TV 5, show nel quale Lawler incontra cantanti e attori e dove trova spazio anche la nuova moglie di The King.

Il 7 marzo 1983 Lawler sconfigge Austin Idol conquistando l’AWA International Heavyweight Title. Idol comunque torna face e occasionalmente lotta qualche volta in coppia con Lawler. The King affronta, in questo periodo, anche Tully Blanchard. Nel frattempo c’è anche un nuovo match fra Lawler e Bockwinckel ed anche in questo caso The King viene sconfitto per colpa di Jimmy Hart, che, sfruttando l’ arrivo del suo socio Jim Cornette sul ring per distrarre l’arbitro, permette ad Hart di intervenire. Il 25 aprile Lawler partecipa a AWA Super Sunday, dove sconfigge John Tolos. Inizia quindi un feud con Ken Patera per l’AWA International Heavyweight Title. Il 16 maggio 1983 il titolo viene conquistato da Patera, che lo perde il 25 luglio, a vantaggio di Lawler. L’incontro decisivo fra i due si disputa il 15 agosto e a vincere è Patera che torna campione.

Ad aprile lo scontro Lawler-Kaufman viene riproposto al “Late Night with David Letterman”. Una settimana dopo Kaufman fa il suo ritorno a Memphis mettendo una taglia di 5.000 dollari sulla testa di Lawler. Lawler, sapendo della voglia di vendetta dell’attore, chiede un rematch fra i due. Kaufman però fa sapere di aver trovato qualcuno che possa aiutarlo in questa sfida, “The Colossus of Death”, ma i due sono sconfitti da Lawler in un handicap match. Lo scontro Lawler-Kaufman è messo da parte per qualche settimana, in quanto riprende un feud storico, Jerry Lawler vs Bill Dundee. Il 6 giugno1983, The King sconfigge Bill Dundee conquistando il Southern Title e costringendo l’ avversario a lasciare il circuito di Jarrett, sconfiggendolo in diversi loser-leaves-town match nelle città più importanti del territorio. Kaufman alza la sua taglia portandola a 10.000 e Hart si prodiga per conquistare la somma. Kaufman decide di mandare Man Mountain Link contro Lawler ed il 20 giugno il nuovo protetto di Kaufman conquista l’AWA Southern Heavyweight Title. Il 4 luglio il titolo torna comunque in possesso di Lawler.

The King vuole Hart e Kaufman fuori dai piedi e decide di affrontarli in un handicap match. I due riescono a vincere ma solo per squalifica, visto che vengono massacrati da Lawler che li fa vittima di diversi Piledriver. La settimana successiva, allo show tv, Kaufman si presenta nuovamente con un collare protettivo per il collo. Kaufman è ancora molto arrabbiato, ma il suo intervento è per lo più contro Jimmy Hart, che è accusato di averlo spinto fra le braccia di Lawler. Hart arrabbiatissimo fa la sua comparsa accusando Kaufman di essersi comportato come un codardo durante il match. Fra i due scoppia una rissa con Lance Russell che tenta di fermarli. Incredibilmente, il feud Lawler vs Hart & Kaufman diventa Hart vs Kaufman. I due si affrontano in un match che si chiude con l’ interferenza di Sweet Daddy O, nuovo protetto di Hart, che colpisce Kaufman. La settimana seguente durante lo show tv, Kaufman ricompare per fare una strana offerta: l’ attore infatti offre 10.000 dollari a Jerry Lawler, l’uomo che aveva cercato di eliminare, chiedendogli di lottare in coppia con lui contro Hart e Masked Assassin I (Don Bass). Lawler accetta ma ad una condizione: Kaufman può tenersi i soldi ma dovrà promettere che se lotterà con Lawler quello sarà il suo ultimo match e dovrà ritirarsi. Kaufman accetta. Lawler però fa male a fidarsi: durante il match Kaufman tradisce Lawler permettendo ad Hart e ai Masked Assassins di attaccarlo violentemente. I Masked Assasins lo colpiscono con due piledriver. Kaufman ha finalmente avuto la sua vendetta nei confronti di Lawler.

Nello show televisivo seguente, Kaufman paga gli Assassins per essere riuscito ad infortunare Lawler ed averlo fatto vittima del piledriver. Nel corso dello show mentre assistono ad un match degli Assassins, alle spalle di Kaufman e Hart sbuca Jerry Lawler che colpisce Kaufman ad una spalla, prima di lanciargli addosso una “fireball”. Lawler chiede quindi a Austin Idol di lottare con lui per sconfiggere i Masked Assassins e conquistare i CWA Tag Team Title.

Nel frattempo Ken Patera prova nuovamente senza successo ad eliminare Lawler. Durante l’estate gli scontri fra i Masked Assassins e Lawler & Idol si moltiplicano. Impegnato indistintamente in due feud, Lawler finisce per fare un regalo non voluto a Jimmy Hart: infatti l’ex manager di Lawler contatta il presidente AWA Stanley Blackburn, facendogli notare come Lawler non difenda il Southern title da più di 30 giorni. Blackburn quindi, come da regolamento, non può fare altro che togliere il titolo a Lawler e renderlo vacante. Viene quindi indetto un torneo per assegnare il titolo. A parteciparvi sono quattro wrestler, tre ex campioni e il primo contendente al titolo. Dennis Condrey viene nominato primo contendente, mentre Lawler e Dutch Mantel sono due degli ex campioni. Il terzo viene scelto da Jimmy Hart, che, fra la sorpresa generale presenta Bill Dundee, il quale, solo tre mesi prima, era stato mandato via da Memphis da Lawler. Lawler riesce comunque a vincere il torneo sconfiggendo Dundee in finale.

Hart decide quindi di far arrivare dalla Florida, Jesse “The Body” Ventura per iniziare un feud con Lawler. Ventura entra a far parte della "Jimmy Hart First Family", facendo coppia con Stan Hansen: i due hanno un violentissimo feud con Lawler e Austin Idol. Nel settembre del 1983 “The Body” conquista l'AWA Southern Heavyweight Title sconfiggendo Lawler. Il 3 ottobre, viene sconfitto proprio da Lawler perdendo cosi il titolo, che riconquisterà due settimane dopo sconfiggendo sempre The King. Nel novembre del 1983, Ventura lascia quindi Memphis senza aver perso il titolo. La federazione comunica ufficialmente, invece, che Lawler ha sconfitto Ventura e riconquistato il titolo in un match a Chicago, che in realtà non si è mai svolto. Da segnalare un match fra Lawler e Ventura disputtatosi prima della partenza di The Body. Ventura accompagnato da Hart affronta Lawler accompagnato dalla mascottte dei San Diego Padres di baseball, un pollo. In caso di vittoria di Lawler, la settimana successiva Hart si sarebbe dovuto vestire da pollo in tutti gli shows. A vincere è Lawler. La settimana seguente assistiamo ad un nuovo match fra Lawler e Ventura, accompagnato da Hart vestito da pollo. In realtà non si tratta di Hart, che arriva a match inoltrato e distrae Lawler, permettendo a Ventura di vincere l’ incontro.

Nel novembre del 1983 Kaufman fa il suo ritorno accompagnando the Masked Russian Invader, che è in feud con Jerry Lawler. Da ricordare l’episodio in cui Invader sbatte un sacco con 100 libbre di grano sulla testa di Lawler. Queste sono le ultime apparizioni di Andy Kaufman nel mondo del wrestling: Il 26 gennaio 1984 fa la sua ultima apparizione televisiva, partecipando alla trasmissione “The Top” e presentando la debuttante Cindy Lauper. Il 16 maggio 1984, a soli 35 anni, Andy Kaufman, uno dei più grandi e strani comici della sua generazione, nonché un vero appassionato di wrestling, muore per un cancro ai polmoni.

Sul finire del 1983 la ICW in Kentucky, federazione di Angelo Poffo, chiude. Pur odiandolo, Lawler decide di assumere il grande talento Randy Savage, figlio di Angelo Poffo. Nel dicembre 1983, il feud Hart-Lawler si prende un periodo di pausa, ma un nuovo nemico arriva a fronteggiare Lawler, un wrestler che non ha chiesto l’aiuto di Jimmy Hart, Randy Savage. Molti si aspettano che fra i due possa scoppiare qualche rissa extra wrestling per la rivalità avuta in passato fra le due federazioni, ma Savage si dimostra un vero professionista. Il feud comunque non raggiunge il livello sperato in quanto non si nomina quasi mai la rivalità CWA-ICW.

Nell’ultimo show dell’anno a Memphis vengono opposti due face, Lawler e Austin Idol, con il vincitore che guadagna una title shot contro l’AWA champion Nick Bockwinkel. La scelta era caduta su Lawler ed Idol in quanto possessori dei maggiori titoli della zona. Nelle settimane precedenti Jimmy Hart supplica Lawler di entrare nella First Family e di farsi accompagnare durante il suo match con Idol, in quanto vuole avere l’onore di accompagnare il campione del mondo. Lawler però rifiuta in maniera molto decisa. Hart chiama quindi Idol offrendogli dei soldi per farlo diventare un suo cliente. Idol accetta. I fans si mostrano molto perplessi per tutta la situazione creatasi. Durante il match accade però qualcosa di impensabile: Hart infatti tradisce Idol permettendo a Lawler di conquistare il match. I tifosi iniziano a chiedersi quindi se ci fosse stato un accordo fra Lawler e Hart e quali erano i loro veri rapporti. Lawler dice fin da subito che non sa perché Hart gli ha fatto vincere il match con Idol e trova il tutto molto strano. Inoltre fa sapere che il suo unico pensiero è il match con Bockwinckel dell’1 gennaio 1984. I fans continuano comunque a chiedersi quali fossero i veri rapporti fra Hart e Lawler. È quindi il giorno del match fra Bockwinckel e Lawler, ancora una volta è il campione AWA a mantenere il titolo anche se per squalifica, in quanto Lawler picchia l’arbitro Jerry Calhoun.

Lawler torna quindi a difendere il Southern Title affrontando Sabu The Wildman in uno show televisivo. Incredibilmente, Hart interferisce nuovamente in un match di Lawler per farlo vincere. Lawler continua ad essere molto sorpreso dal comportamento di Hart, il quale continua a chiedere a Lawler di riprenderlo come manager. Hart ha quindi rivelato il perché dei suoi interventi in favore di Lawler. Hart annuncia che James J. Dillon, vecchio rivale dei due, sta preparando il ritorno a Memphis con i suoi protetti. Hart, che teme che la presenza di un manager carismatico come Dillon possa oscurarlo, chiede alla star più grande di Memphis di allearsi nuovamente con lui. Ricordiamo che nel 1982 i due si riunirono proprio per contrastare Dillon. Questa volta però, Lawler si rifiuta decisamente di aiutare Hart. Dillion, d'altra parte, inizia lentamente a farsi vedere come aveva fatto due anni prima. Per prima cosa, durante gli show televisivi vengono mandati in onda dei suoi interventi registrati. Iniziano quindi ad arrivare i primi wrestler, i Zambuie Express (Kareem Mohammad & Elijah Akeem) e King Konga. Gli Express conquistano fin da subito i Southern Tag Title, grazie al forfait degli avversari i Fabulous Ones (Steve Keirn e Stan Lane). Il titolo però viene reso vacante in quanto non è possibile un cambio di titolo per forfait. Il 31 gennaio, comunque gli Express conquistano nuovamente le cinture vincendo un torneo che vede impegnati ben 13 tag-team: i due sconfiggono Jerry Lawler & Austin Idol nei quarti di finale, i Fabulous Ones in semifinale e i Pretty Young Things (Norvell Austin e Sweet Brown Sugar) in finale. Austin e Sugar conquisteranno i titoli il 6 febbraio, ma il 14 tornano in possesso degli Zambuies.

Dillon inizia a far capire che Jerry Lawler è uno dei suoi obiettivi. In un six-man tag match Lawler, con Tommy Rich e Austin Idol affronta Konga e i Zambuies. Il match si chiude quando Jos LeDuc (nel frattempo entrato nella First Family), mandato da Hart, arriva sul ring colpendo i Zambuies con bidoni della spazzatura. Dillon lancia quindi un ultimatum al promoter Eddie Marlin. Annuncia infatti di voler portare i Southern Tag Title in Florida, nel suo territorio e che ci sarebbe stata solo un'altra difesa a Memphis. Dillon chiede poi che in questo ultimo match gli Zambuies affrontino Jerry Lawler e Jos LeDuc. I due accettano. Il 12 marzo si disputa il match che vede la vittoria di Lawler e LeDuc, che quindi salvano i Southern Tag Title, facendoli restare a Memphis. L’ alleanza fra i due neocampioni però dura molto poco. LeDuc, con Hart, tradisce Lawler nel corso di un 6-man tag match. I due, dividendosi, non difendono più i titoli che vengono dichiarati vacanti e in seguito conquistati da Tommy Rich & Eddie Gilbert, che sconfiggono i Pretty Young Things (Norvell Austin & Koko B. Ware) . Inizia quindi un feud fra LeDuc e Lawler. In alcune occasioni Lawler per contrastare si Hart e LeDuc si fa accompagnare da Dillon. Memorabile in questo feud un arm wrestling contest disputato durante uno show televisivo da Lawler e LeDuc dove la mano del perdente sarebbe stata fatta bruciare su una candela ardente. Lawler si dimostra più furbo di LeDuc gettandogli il fuoco addosso. Allora LeDuc pesta il promoter Eddie Marlin e viene sospeso dalla federazione di Memphis.

Nel frattempo, Hart aveva eletto Savage a leader della First Family. 12 aprile 1984, Lawler e Randy Savage si affrontano a Lexington, Kentucky, ex dimora della ICW. Lawler riesce a vincere strappando l’NWA Mid-America Heavyweight Title dalla vita di Savage. Lawler difende raramente il sito, che in settembre viene reso vacante. Inoltre Lawler in coppia Valient affronta più volte Savage che lotta in tag con il fratello Lanny Poffo, sempre in Kentucky.

Lawler si trova quindi a dover contrastare il wrestler Lord Humongous (Mike Stark) altro protetto di Hart. Humongous (la cui gimmick è tratta dal film "Mad Max II: The Roadwarrior" del 1982) si presenta come il “The original Road Warrior". Lawler si dimostra subito in difficoltà, in quanto è sovrastato fisicamente dall’ avversario. Il 30 aprile, Humongous riesce a sconfiggere Lawler conquistando il Southern Title. Solo 2 giorni dopo, il 2 maggio, il titolo torna in possesso di The King. Lawler riprende quindi il feud che aveva iniziato in dicembre con Randy Savage.

Lawler durante l’ estate inizia quindi un feud con la giovane promessa Rick Rude, che si fa accompagnare da Jimmy Hart e dalla valletta Angel. Precedentemente, Rude era uscito vincitore da un feud con Austin Idol diventando molto popolare. Il feud si fa più duro dopo che Lawler fa vittima Angel del piledriver e Rude per vendicarsi distrugge l’auto di Lawler, una Lincoln Continental con una mazza da baseball. Grazie a questo feud rivediamo Lawler in coppia con Jimmy Valiant e, a sorpresa, con Randy Savage, perché Rude inizia a farsi affiancare dal mastodontico King Kong Bundy, altro cliente di Jimmy Hart. L’11 giugno 1984, Rude riesce a sconfiggere Jerry Lawler diventando il nuovo AWA Sotuhern Champion. Fra Rude e Bundy iniziano a sorgere diversi problemi e Rude alla fine passa a face, alleandosi con Lawler e Jimmy Valient. I tre iniziano un feud con Bundy e i Dirty White Boys (Tony Anthony & Len Denton) . Il 30 giugno 1984, Lawler sconfigge One Man Gang, durante Florida Lords of the Ring, show NWA.

La CWA è in continua crescita, quando una nuova minaccia spunta all’ orizzonte: la WWF infatti inizia a trasmettere i suoi show a livello nazionale e quindi anche a Memphis. Per combattere questo, NWA, AWA, CWA e parecchi altri territori formano una grande alleanza dando vita alla Pro Wrestling USA, che viene irradiata in territorio WWF, nel nord est del Paese, tramite la ESPN. Jerry Lawler e Jerry Jarrett convincono le altre federazioni a registrare il primo show a Memphis. Lo show si registra il 18 settembre e alcune delle star più importanti di Memphis, come Dutch Mantell, Phil Hickerson, e i Dirty White Boys, si vedono relegati al ruolo di jobber per wrestler più famosi come Rick Martel, Harley Race, e i Road Warriors. Lawler invece mantiene il suo ruolo di star. Da segnalare comunque che lo show non viene trasmesso proprio a Memphis, e quindi la maggioranza dei fan apprendono i risultati solo dai giornali. Gli shows della Usa Pro Wrestling non hanno il successo sperato e ben presto la CWA inizia a collaborare con il territorio della Georgia, che fa capo a Ole Anderson e Lawler diverse volte va a lottare in Georgia.

La CWA si allea anche con l’ NWA's Mid-Atlantic e grazie a questo possiamo vedere per la prima volta insieme i due leggendari commentatori Lance Russell e Gordon Solie. Il 12 novembre 1984, Lawler conquista per la ventunesima volta l’AWA Southern Title sconfiggendo King Kong Bundy, grazie soprattutto a Rick Rude, arbitro speciale del match. Tuttavia, durante un tag match, Lawler accidentalmente colpisce Rude con la sua fireball e fa iniziare un nuovo feud fra i due.

Il 1985 si apre con Lawler che annuncia un eventuale ritiro se non riuscirà a conquistare il titolo del mondo. Lawler si deve quindi confrontare con il giovane Eddie Gilbert (figlio della leggenda di Memphis Tommy Gilbert), un nuovo protetto di Jimmy Hart. Gilbert dichiara che Lawler è da troppo tempo la star di Memphis, e che è ora che passi la torcia a qualcuno come Gilbert, come Jackie Fargo aveva fatto in passato proprio con Lawler. Gilbert presenta il segmento "Jerry Lawler, This Is Your Life”, in cui fa intervenire personaggi collegati al passato di Lawler, tra cui Jim White, storico partner di Lawler. White, si presenta talmente ubriaco e non riesce a ricordare molto su Lawler. Il 27 gennaio 1985 Gilbert riesce a sconfiggere Lawler conquistando l’ AWA Southern Title. Lawler si sposta allora in Giappone per un tour. In questo periodo Hart e Gilbert ne approfittano per spadroneggiare a Memphis. Durante un match disputatosi a Memphis, colpita da una forte tempesta di neve, Hart svuota un sacco di farina sopra la testa di Lance Russell prendendolo in giro. Il promoter Eddie Marlin non è presente allo show a causa della neve ed è per questo che Russell, l’ unico uomo a non essersi mai alleato con Hart, sospende Hart per 30 giorni dicendo che Marlin appoggerebbe il suo operato. Negli show seguenti , Hart fa pervenire un promo registrato in cui annuncia che farà lottare Eddie Gilbert contro un wrestler scelto da Marlin. Il promoter sceglie Jerry Lawler. Hart scegli anche la stipulazione del match, sarà un loser-leaves-town-for-a-year match. Sarà il suo ultimo compito come manager alla CWA. Se Lawler perdesse l’ incontro, le sue speranze di conquistare un titolo del mondo entro fine anno sarebbe minime, in quanto non sarebbe molto considerato fuori dalla CWA e difficilmente riceverebbe un match per il titolo e Lawler finirebbe per ritirarsi. Un’altra stipulazione prevede che in caso di vittoria di Gilbert la sospensione di Hart venga annullata immediatamente, mentre, in caso di vittoria di Lawler, Hart non sarebbe più apparso nella AWA.

Arriva il giorno del match: Hart non accompagna Eddie Gilbert in quanto sospeso (in realtà, Hart ha già firmato con la WWF ed è già andato a lavorare per la federazione di Vince McMahon). Il wrestler si fa accompagnare da un fan che imita Hart di nome Tommy H. 12 febbraio 1985, Jerry Lawler sconfigge Eddie Gilbert riconquistando l’ AWA Southern title e mandando via Jimmy Hart da Memphis e chiudendo un feud lungo 5 anni. Un video con i momenti più importanti del feud Lawler-Hart è stato mandato in onda prima del match, il tutto condito dalle note di “The Famous Final Scene” suonata da Bob Seger e dalla Silver Bullet Band. Il titolo della canzone è anche il nome dello show. Hart è il secondo manager dopo Bobby Heenan ad arrivare alla WWF, dopo aver lasciato l’ AWA. Malgrado la partenza di Hart, il feud Lawler – Gilbert continua. Gilbert forma la “Gilbert Army”, come aveva già fatto Lawler negli anni 70. Il feud si conclude di colpo perché Gilbert lascia Memphis per andare nella promozione di Bill Watts.

Lawler ha quindi un nuovo feud con Randy Savage e il manager Tux Newman. Newman, che in precedenza era stato commentatore a Los Angeles, sotto il suo vero nome, Jeff Walton, si presenta a Memphis come vecchio amico di Andy Kaufman, uno dei personaggi più odiati del territorio. Il 17 marzo, Savage riesce a conquistare il Southern Title. Alla CWA è tempo di cambiamenti e per sopperire alla partenza di Hart si lanciano molti giovani. Nel frattempo David Schultz debutta e si allea con Savage poche settimane dopo essere stato licenziato dalla WWF ed essere finito su tutti i tg nazionali per aver schiaffeggiato John Stossel, un giornalista della Abc, durante la trasmissione 20/20. Per combattere questa nuova coppia, Lawler si allea con uno dei più grandi pazzi del mondo del wrestling, Bruiser Brody, che ha da poco lasciato la New Japan per una disputa finanziaria. Brody però ben presto finisce per tradire Lawler diventando un cliente di Newman. Per alcune settimane abbiamo quindi un feud fra Lawler e Brody, mentre Savage è impegnato con Jerry Oski.

Brody si allea con Kareem Muhammad (Ray Candy) membro degli Zambui Express per affrontare Lawler e Bill Dundee, di ritorno per un breve periodo. A Lawler si unisce anche Austin Idol. Ben presto il feud torna ad essere una questione privata fra Brody e Lawler. Di Brody è molto nota nell’ ambiente del wrestling la propensione a non concedere job ma in questo feud si scontra con Jerry Lawler, idolo di casa, che certamente non può essere sconfitto da un neoarrivato. I match fra i due quindi finisco per concludersi quasi sempre per squalifica o in no contest, per la rabbia dei tifosi. In uno dei match, l’arbitro Tom Branch (Tom Regesto III) ammonisce Lawler ogni volta che provava a colpire l’ avversario con un pugno, scatenando le ire del pubblico. Il feud fra i due si conclude senza che ci sia un vincitore netto.

Randy Savage decide poi di lasciare la CWA per passare alla WWF e il 3 giugno 1985, viene sconfitto da Jerry Lawler in un loser-leaves-town match con in palio l’AWA Southern title. Due settimane dopo, il 17 giugno Lawler, in coppia con Nick Bockwinckel, partecipa ad un torneo per l’ assegnazione dell’AWA Southern Tag-Team Title. I due sconfiggono Norvell Austin & Koko B. Ware nel primo turno e passano anche il secondo non avendo avversari. Tuttavia, i due vengono sconfitti nei quarti di finale da Billy Travis & Ron Sexton, che vincono quando l’arbitro, Branch, squalifica Lawler dopo che questi l’aveva spintonato. Il torneo viene vinto dai Fabulous Ones (Steve Keirn & Stan Lane) che sconfiggono Sexton e Travis. Il 24 giugno 1985, Lawler perde il Southern Title per mano di Bota the Witch Doctor dopo che l’ arbitro del match, Jerry Calhoun, viene colpito per sbaglio e finisce ko. Sul ring accorre Branch che conta il tre su Lawler, appena attaccato anche dal manager di Bota, Leslie Floyd Creachman III. Nel post match Branch inizia a colpire Lawler. Branch viene quindi sospeso come arbitro iniziando quindi a lavorare come wrestler e manager.

Il 15 luglio 1985 Lawler sconfigge Rick Link conquistando l’NWA Mid-America Heavyweight Title. Il 29 luglio, Bota attacca Michael Hayes in soccorso del quale arriva Lawler. Più tardi nel corso della serata, Lawler sconfigge Bota conquistando il suo 24esimo AWA Southern Title (dichiarando quindi vacante l’ NWA Mid-America title). Dopo il match però Lawler viene attaccato da Bota e Branch (diventato manager di Bota). In aiuto del neo campione arriva quindi Hayes, che però per sbaglio finisce per essere colpito in faccia da una fireball di Lawler indirizzata verso Bota. Il 16 agosto 1985, Tarras Bulba riesce a sconfiggere Lawler conquistando il Southern Title grazie all’aiuto di Hayes. Hayes porta poi a Memphis il suo partner nei “Fabulous Freebirds” Terry Gordy per vendicarsi di Lawler, mentre The King chiede aiuto a Idol, Bill Dundee e Jimmy Valiant, ma tutti rifiutano. Qualcuno però offre il suo aiuto a Lawler: Phil Hickerson uno dei più grandi heel di Memphis. Hickerson ha da poco conquistato l’AWA International Title sconfiggendo Terry Taylor, ma nonostante questo sente di non ricevere il rispetto che merita. Offre quindi il suo aiuto a Lawler, che però non vuole avere niente a che fare con lui. Hickerson riesce però a dimostrare il suo valore salvando Lawler da un attacco dei neozelandesi “Sheephearders” (diventeranno più famosi in seguito come i Bushwackers, Luck e Butch) . Nella vita reale, Lawler e Hickerson sono, tra l’altro, soci in affari in un nightclub a Jackson, Tennessee. Per il match contro i Freebirds, Lawler e Hickerson si presentano sul ring indossando delle corone. Il match è violentissimo, Hickerson e Gordy combattono per tutta l’arena mentre Lawler e Hayes lottano intorno al ring. Questo match però non risolve i problemi fra le due coppie: Hayes attacca Lawler durante uno show tv con un bidone dell’ immondizia di metallo nei giorni seguenti. I Freebirds si rinforzano con l’ arrivo di un terzo elemento, Buddy Roberts. Anche Lawler però ha un nuovo alleato: The Mongolian Stomper, che però tradisce i due compagni nel corso di un match tre contro tre. Poco dopo i Freebirds lasciano il territorio di Memphis.

Il 6 settembre Lawler sconfigge Tarras Bulba conquistando il suo Southern Title numero 25. Nel frattempo Tom Regesto (padre di Tom Branch) diventa il nuovo promoter. In settembre Regesto spinge per avere un match fra Lawler e Stomper ma Lawler si rifiuta, in quanto si deve preparare per un match con l’ NWA World champion Ric Flair, in visita a Memphis. Questo manda su tutte le furie Regesto che accusa Lawler di essere coccolato da troppo tempo a Memphis e gli dice che con il suo approdo in federazione le cose cambieranno. Per calmare la situazione arriva Eddie Marlin, nominato General Manager, che dà ragione a Lawler, capendo che dopo tutti questi anni di carriera Jerry merita un riconoscimento come il match con Flair. Regesto però non ci sta e accusa Lawler di aver minacciato Marlin per fagli dichiarare quelle cose. Se la prende anche con i commentatori Lance Russell e Dave Brown accusati di “trainare il carro di Lawler”. Infine, anche l’owner Jerry Jarrett viene chiamato in causa, ma questi, essendo tornano sul ring come wrestler, non può prendere alcuna decisione. Marlin decide di licenziare Regesto che non ci sta e annuncia di essere il nuovo manager di Mongolian Stomper. I due causano molti problemi a Lawler che comunque alla fine vince il feud.

Per Lawler arriva quindi il momento di affrontare Ric Flair. I fatti occorsi fra Lawler e Regesto non hanno fatto altro che far crescere l’attesa per l’incontro. Ad inizio anno, nel corso del feud che ha portato alla dipartita di Jimmy Hart dalla CWA, Lawler aveva annunciato il ritiro se non fosse riuscito a conquistare il titolo del mondo entro i dodici mesi. La dirigenza della NWA era pronta a dare il titolo a Lawler, che, nei piani, doveva sconfiggere Flair a settembre. Poco prima dell’evento, il board della NWA cambia inaspettatamente idea. Lawler, allora, cerca di convincere il board dell’AWA a fargli sconfiggere il campione del mondo Rick Martel. L’AWA ha però altri piani e tre mesi più tardi, il 29 dicembre, il titolo passa da Martel a Stan Hansen. Il 1985 finisce e Lawler dovrebbe quindi ritirarsi. The King però decide di mettere da parte l’orgoglio annunciando in tv che se anche non è riuscito a conquistare il titolo del mondo nel 1985, calcherà il ring finché non avrà raggiunto il suo scopo.

Lawler cambia i piani per la sua federazione: gira heel Bill Dundee, che aveva perso un loser leaves the town match contro Steve Keirn sul finire del 1983 e da allora aveva lavorato come booker in altri territorio. Al suo ritorno a Memphis collabora momentaneamente con Lawler, affrontando i Fabulous Ones (Steve Kiern e Stan Lane) per gli AWA Southern Tag titles. Lawler però non è per niente interessato ai titoli di coppia essendo Southern Champion. Questo fa arrabbiare moltissimo Dundee che da dell’egoista a Lawler. Dundee tradisce quindi il partner durante un match con Keirn e Lane. Il 19 ottobre 1985, Dundee sconfigge Lawler per l’AWA Southern title colpendo l’avversario con un oggetto contundente. Lawler chiede quindi un rematch per poter affrontare Ric Flair da campione, ma Regesto si rifiuta di concedere il rematch per vendicarsi di Lawler che si era rifiutato di affrontare Stomper. Dundee alla fine accorda il match a Lawler, solo dopo che The King minaccia di distruggere l’auto di Dundee a colpi di mazza da baseball: in ogni caso Lawler perde di nuovo. Mentre Lawler si barcamena in questi feud, Ric Flair lascia Memphis, quindi, senza aver mai affrontato Lawler.

Lance Russell intervista Lawler per chiedergli come si senta per non essere riuscito a conquistare il titolo del mondo, ma Jerry è completamente ubriaco. Nei giorni successivi la federazione è inondata di proteste per l’angle di cattivo gusto e Lawler è costretto a scusarsi pubblicamente, esortando i giovani spettatori a girare alla larga dall’ alcool; nella vita reale, Lawler ha detto diverse volte di non aver mai bevuto una bevanda alcolica. Lawler riesce poi a prendersi una piccola vendetta quando, in coppia con Austin Idol, il 9 dicembre, sconfigge Dundee e Dutch Mantell conquista gli AWA Southern Tag Team Title. Il 21 dicembre 1985, Lawler sconfigge Dundee in un hair vs. hair match (è la moglie di Dundee a doversi radere a zero), conquistando il Southern Title per la 26esima volta. Il 30 dicembre 1985, è in programma un loser-leaves-town match fra i due. Prima dell’incontro, Tony Falk gettato del liquido negli occhi di Lawler, accecandolo. Dundee ne approfitta colpendo Lawler e schierandolo velocemente, sancendo l’allontanamento da Memphis della leggenda cittadina.

Lawler parte quindi per un tour alle Hawaii. Il 26 gennaio 1986, vince il Polynesian Heavyweight title sconfiggendo Lars Anderson a Singapore. Mentre Lawler è via Dundee e il suo nuovo socio, Buddy Landell spadroneggiano a Memphis. La goccia che fa traboccare il vaso è quando i due attaccano il figlio di Jerry Jarrett, Jeff, che ha da poco debuttato come arbitro mentre si allena per diventare un wrestler. Eddie Marlin usa il suo potere per annulare la stipulazione del loser-leaves-town che aveva sancito l’ abbandono di Lawler e invita Lawler a tornare a due mesi dalla sua partenza. Viene organizzato un “intervento” telefonico di Lawler con Marlin in cui il wrestler annuncia di non vedere l’ ora di tornare per mettere le mani addosso a Dundee e Landell. Al suo ritorno Lawler inizia a fare coppia con Dutch Mantell in diversi match contro Dundee e Landell. Jeff Jarrett fa il suo debutto come wrestler per iniziare ad affiancare Lawler, Mantell contro Dundee, Landell e Tony Falk. Il 26 marzo, Lawler ritorna alle Hawaii per perdere il Polynesian title sconfitto Super Fly Tui Selinga. L’ 8 aprile 1986, Lawler sconfigge Dundee conquistando il Southern Title per la 27esima volta sotto lo stemma AWA e per la 35esima in totale.

Un mese dopo, il 2 maggio, il titolo torna in possesso di Dundee. Lambell e Dundee si sono divisi iniziando un feud fra loro, chiudendo così di fatto il feud con Lawler. The King torna quindi a fare coppia con il suo vecchio partner di dieci anni prima, Plowboy Frazier, che ora lotta con Giant Hillbilly Elmer. Il 23 giugno i due conquistano i titoli di coppia sconfiggendo la MOD Squad (Basher & Spike) , per poi perdere i titoli il 18 luglio 1986, contro Fire (Don Bass) & Flame (Roger Smith). Il giorno dopo, Lawler sconfigge Dundee conquistando per la terza volta in carriera l’ AWA International Title.

Lawler inizia quindi un feud con il rookie Bam Bam Bigelow “The Beast from the East”. L’ inizio del feud fra i due è molto strano: la compagnia di Jerry Jarrett organizza una partita di softball per beneficenza e molti wrestler partecipano all’evento. Durante la partita Lawler con una palla colpisce Bigelow che si trova in prima base e scoppia una rissa fra i due con gli altri wrestler che cercano di separarli. Il 28 luglio 1986 Bigelow vince una Battle Royal che assegna il Southern Title vacante. Nel feud vengono coinvolti anche "Pretty Boy" Larry Sharpe “mentore” di Bigelow e The Killer (Eddie Crawford) alleato di Lawler. 8 settembre 1986, Lawler sconfigge Bigelow conquistando l’ ennesimo Southern Title. Dopo questa vittoria, l’ AWA International Title diventa vacante. Ben presto Bigelow si allea con Lawler contro Sharpe e Man Mountain Link. Sempre in settembre, Bigelow lascia Memphis.

Lawler si scontra quindi con Fire & Flame e il loro nuovo alleato Torch. Billy Spears è per un breve periodo il manager dei tre. In aiuto di Lawler c’ è Tommy Rich. Lawler affronta i tre wrestler mascherati in tv uno alla settimana. Sconfigge prime Torch e poi Fire, affronta quindi Flame che però viene aiutato dai suoi compagni che attaccano Lawler dandogli la vittoria per squalifica. Lawler e Rich affrontano e sconfiggono Fire e Flame e come da stipulazione pre-match, li costriggono a togliersi le maschere. I tre si rivelano essere: Don Bass (Fire), Roger Smith (Flame) e Larry Wright (Torch) .

Il 3 novembre, Lawler, vince quindi gli AWA Southern Tag titles in coppia con Big Bubba (Fred Ottman) sconfiggendo Bass e Smith, Bubba però tradisce immediatamente Lawler, rendendo così i titoli vacanti. Anche l’ alleanza fra Lawler e Rich finisce in quanto entrambi si considerano i primi pretendenti all’ AWA World Title a Memphis. Lawler sconfigge Rich in un babyface vs. babyface match conquistando la title shot quando l’arbitro Jerry Calhoun, ferma il match per l’eccessivo sanguinamento di Rich. Rich, furioso per la decisione dell’ arbitro, diventa heel alleandosi con Idol e iniziando un feud con Lawler. Idol, chiede a Bockwinckel di concedergli un match con Lawler: il vincitore avrebbe affrontato Bockwinckel subito dopo, ma il campione AWA rifiuta seccamente. Idol attacca quindi Lawler prima del suo match per il titolo del mondo con Bockwinckel, ma Lawler affronta comunque il campione del mondo NWA in un 60-minute time limit draw, che vede uscire campione ancore Bockwinckel. Lawler accetta quindi di affrontare Idol e Rick in incontri separati nella stessa serata. Perde il primo match con Rich per squalifica dopo avergli lanciato una fireball sul volto, sconfigge invece Idol per squalifica quando Rich accorre sul ring per aiutare l’alleato. In uno dei momenti più famosi del feud, Rich e Idol lanciano Lawler sul ringpost infortunandolo. L’11 gennaio 1987 Lawler è quindi costretto a rendere vacante l’AWA Southern Title che viene vinto da Idol, vincitore di un torneo. Lawler, una volta tornato capisce di aver bisogno di un alleato per combattere Idol e Rich e viene quindi aiutato da Bockwinckel. Lawler e Bockwinckel infortunano Rich ad un braccio durante un match e questo porta Idol ad introdurre un nuovo alleato, Lord Humongous (Sid Vicious), che servirà per combattere Lawler e Bockwinckel.

Il manager Paul E. Dangerously (in seguito diventerà più famoso come Paul Heyman) arriva a Memphis, diventando il manager di Idol e Humongous. Durante un match, Lawler accidentalmente colpisce Bockwinckel, che lo abbandona, lasciandolo solo contro Idol ed Humongous che lo sconfiggono facilmente. Lawler chiede quindi aiuto a Bigelow ed i due hanno una serie di match violenti con Idol e Rich che vede i quattro wrestler colpirsi dappertutto nell'arena con armi di diversi tipi. Bigelow e Lawler infortunano Rich mentre è in fase di recupero: per questi fatti Lawler e Bigelow vengono multati. Bigelow si rifiuta di pagare e viene sospeso (in realtà ha firmato per la WWF).

Lawler affronta quindi Idol in diversi match con stipulazioni diverse. Prima un match senza arbitro sul ring, poi un lumberjack match, poi ancora, il 20 aprile 1987, Lawler sconfigge Idol in un chain match quando con una sua catena, tenuta nascosta colpisce Idol riconquistando il Southern Title. Una settimana dopo, si svolge uno degli incontri più famosi nella storia di Memphis: infatti Lawler affronta Idol in un match in cui sono in paio titolo e capelli di Lawler e i capelli di Idol, ed è uno Steel Cage Match, con la gabbia di acciaio che circonda l’intera aria intorno al ring. Dangerously promette di rimborsare tutti i fans accorsi all’arena in caso di sconfitta di Idol. Con un incasso stimato in 50.000 dollari è impensabile rimborsare tutti i fans ma e altrettanto impensabile aspettarsi una sconfitta di Lawler e la perdita dei suoi capelli. Siamo nelle fasi finali del match quando Lawler fa vittima Idol del Piledriver il match sembra quindi avere un vincitore quando all’improvviso da sotto il ring sbuca Rich che fa vittima proprio Lawler di un piledriver. Idol schiena Lawler vince il titolo e inizia a rasare la testa di Lawler dentro la gabbia in quanto all’ esterno i tifosi sono letteralmente infuriati per l’ esito dell’ incontro. Iniziano a nascere addirittura delle risse fra il pubblico con gente che cerca di scalare la gabbia. Idol, Rich e Dangerously sono costretti a restare dentro la gabbia per qualche minuto per la loro sicurezza prima di poter tornare nel backstage scortati da polizia e sicurezza che controlla i fans scatenati. Idol e Rich hanno umiliato The King, è giunto quindi il momento per gli amici di Lawler di aiutarlo.

Bill Dundee dopo un anno fuori dalla compagni fa il suo ritorno. Torna anche Rocky Johnson che affianca Dundee. I due affrontano quindi i protetti di Dangerously in un match: nel post match Downtown Bruno, Paul Diamond e Pat Tanaka accorrono sul ring attaccando i due e iniziando con delle forbici a tagliare i capelli di Dundee. All’improvviso fa il suo ingresso un wrestler completamente mascherato che dal fisico ricorda molto Jerry Lawler ed il wrestler aitua immediatamente Dundee: tira una fireball su Dangerously prima di mandare ko e iniziare a tagliare i capelli di Bruno, per poi scomparire. Qualche settimana dopo Rich sta firmando degli autografi dopo aver disputato un incontro ed una donna gli si avvicina chiedendogli l’autografo. Rich si avvicina alla donna, che invece lo attacca rivelandosi come Jerry Lawler.

Lawler affronta quindi Rich in una serie di match, mentre Idol si scontra con Dundee. I quattro si affrontano quindi in una serie di match di coppia. È giugno, e per Lawler è arrivato il momento di riconquistare il Southern Title. L’8 giugno 1987 Lawler riesce a sconfiggere Idol e a vincerlo nonostante l’ arbitro speciale del match, Brickhouse Brown attacchi The King. Lawler resiste all’ attacco di Brown e schiena Idol quando dal backstage arriva Jerry Calhoun per effettuare il conteggio. Il feud però non finisce qui: Lawler e Dundee sconfiggono Idol e Rich in una serie di scaffold match (match in cui i wrestler lottano sopra un’impalcatura). Poco dopo, Rich e Dangerously lasciano Memphis seguiti dopo qualche settimana da Idol: uno dei feud più importanti nella storia di Memphis si conclude quindi bruscamente.

Lawler vuole vendicarsi di Brickhouse Brown e nasce un feud che sfocerà anche nel campo del razzismo. Brown ruba la corona di Lawler e inizia a farsi chiamare “The Black Prince”, il principe nero. Brown è il leader della Commission (che include Don Bass, Pat Tanaka, Paul Diamond, Big Bubba, Goliath, Downtown Bruno e King Carl Fergie) che si scontra con Lawler, Dundee e gli altri importanti face della federazione. Il 6 luglio 1987, Lawler perde il Southern Title per mano di Brown, ma una settimana più tardi, il 13 luglio, Lawler riconquista il titolo sconfiggendo Brown. Lawler sconfigge quindi Nick Bockwinkel, nonostante la presenza di Don Bass come arbitro speciale del match, diventando il nuovo contendente numero uno dell’AWA World champion Curt Hennig. Tuttavia, Hennig riesce a sconfiggere Lawler grazie all’interferenza di Brown (vestito da donna con tanto di scarpe col tacco) che fa vittima Lawler di un piledriver. Brown viene quindi sospeso per le sue azioni. Lawler decide quindi di mettere in palio il Southern Title in un tag-team match, in cui lui e Rocky Johnson affrontanoBass e Brown. Il 3 agosto 1987, giorno della contesa, a vincere è Bass che sfrutta la presenza di Big Bubba come arbitro speciale del match. Il 31 agosto, Lawler riesce a riconquistare la cintura, sconfiggendo Bass in un Steel Cage Match e costringendo il manager di Bass, Downtown Bruno (Harvey Wippleman), a lasciare Memphis. Il feud comunque si rivela un fiasco e si decide di interromperlo.

Lawler può finalmente iniziare a lottare a livello nazionale e non più solo a Memphis. L’ 11 ottobre 1987, conquista la vittoria più importante della sua carriera fino a questo momento: in coppia con Dundee infatti sconfigge Soldat Ustinov & Doug Somers (che sostituisce Boris Zukhov, passato dalla AWA alla WWF) conquistando gli AWA World Tag Team Title. Il regno dei neocampioni ha vita breve in quanto una settimana dopo, il 19 ottobre il titolo viene conquistato da Dr D. (Carl Styles) & Hector Guerrero che sfruttano un interferenza di Steve Keirn, che in precedenza era stato colpito per errore da una fireball di Lawler. 26 ottobre 1987, i titoli tornano in possesso di Lawler e Dundee. Quattro giorni più tardi però, il 30 ottobre sono Dennis Condrey & Randy Rose clienti del vecchio nemico di Lawler, Paul E. Dangerously, a sconfiggere i campioni conquistando le cinture. Questi due regni di campione di coppia AWA non sono serviti molto ad accresce la popolarità di Lawler in quanto molto brevi, tuttavia è il segnale di una stretta collaborazione fra AWA e CWA. Durante questo periodo, Lawler decide di lasciare vacante l’AWA Southern Title per potersi concentrare solamente sulla lotta per aggiudicarsi gli AWA Tag Titles. La sua scelta comunque non si rivela molto saggia e decide infatti di correre ai ripari. Il 21 novembre, infatti affronta e sconfigge Bobby Jaggers che era diventano il nuovo Southern Champ.

Il 1987 sta finendo, ma cosa più importante ci sono stati molti cambiamenti nel mondo del wrestling business e anche l’area di Memphis prova ad adattarsi. È quindi tempo di unificare tutti i massimi titoli dello stato del Tennessee: il 7 dicembre 1987 viene organizzato il torneo “The Lord of the Ring”. Lawler, AWA Southern champion, sconfigge l’NWA Mid-America champ Jeff Jarrett e Manny Fernandez possessore dell’International Heavyweight Title. Dall’unificazione dei tre titoli nasce il CWA Heavyweight title. L’AWA Southern Title, vinto da Lawler per ben 42 volte in 13 anni va in “pensione” dopo essere nato nel 1952 sotto il nome di Southern Jr. Heavyweight Title. Lawler chiude il 1987 sconfiggendo il campione del mondo AWA Curt Hennig in un non-title match. Nel 1987 Lawler aveva aspramente criticato la WWF, in quanto la federazione di Vince McMahon aveva soprannominato Harley Race (che nel 1987 aveva vinto la seconda edizione di King of the Ring) "The King of Wrestling", cosa che fa molto arrabbiare Lawler. Il wrestler di Memphis decide infatti di portare la WWF in tribunale ed ottiene che a Race sia impedito di usare il titolo di re quando la WWF svolge show a Memphis (in qualsiasi altro luogo comunque a Race era permesso usare il soprannome di The King). Lawler appare quindi in tv proclamandosi orgogliosamente “King of Memphis”. Per Lawler è una piccola vittoria, ma comunque la vittoria di un piccolo territorio sulla WWF.

Inizia il 1988 e Lawler difende con successo più volte il CWA Heavyweight Title contro Dundee, ma l’8 febbraio deve cedere il titolo al neo arrivato Max Pain (Daryl Peterson). Riprende quindi brevemente il feud con Tommy Rich, per poi iniziare un feud con la famiglia Gilbert, i fratelli Eddie e Doug, il padre dei due Tommy e la moglie di Eddie, Missy Hyatt. Mentre affronta Rich, Lawler viene attaccato da Doug. Quindi è il turno del clamoroso ritorno a Memphis di Eddie Gilbert che torna alla grande lanciando una fireball sul volto di Lawler, mentre Tommy attacca Eddie Marlin presente a bordoring. Con Lawler fuori dai giochi, i Gilbert prendono il comando della federazione, anche perché ben presto anche Dundee viene messo fuori gioco. Eddie arriva addirittura a tirare una fireball sul volto di Jerry Jarrett e l’annunciatore Randy Hales: questa è la scintilla che fa decidere a Lawler di tornare in azione nonostante non abbia ricevuto l’assenso dei medici. In questo periodo si svolge un epico scontro nel parcheggio dell’arena di Memphis tra Lawler ed Eddie Gilbert, ed una settimana più tardi Lawler si vendica di Eddie colpendolo con una fireball. Gilbert piazza quindi una taglia di 25.000 dollari sulla testa di Lawler.

L’AWA World champion Curt Hennig arriva a Memphis per affrontare Lawler e guadagnarsi i 25.000 dollari ed anche questa volta Lawler si deve inchinare a Hennig. Nelle fasi finali del match un uomo mascherato fa la sua comparsa: tutti pensano sia Eddie Gilbert ma in realtà si rivela essere Scotty The Body, che aveva debuttato nel wrestling pochi mesi prima. Mentre Lawler guarda The Body, alle sue spalle arriva Eddie che lo manda ko, permettendo a Hennig di schierarlo. Scotty rivela quindi che Eddie gli ha promesso un appuntamento con Hyatt se l’avesse aiutato a non far vincere il titolo a Lawler. La Hyatt però dice che Scotty avrebbe dovuto colpire Lawler per ottenere l’appuntamento, venendo meno alla promessa. Gilbert, una volta ripresosi dalle ustioni ricevute per la fireball, mette una taglia sulla testa di Lawler. Dory Funk Jr. e Robert Fuller rispondono all’appello di Gilbert e per l’ incontro fra Lawler e Fuller si pensa ad una stipulazione speciale. In caso di vittoria di Lawler, la Hyatt sarà la sua cameriera per una settimana, se vincesse Fuller invece, Lawler farà da servo a Missy Hyatt. Lawler vince e la settimana seguente al match Hyatt è costretta a lavare l’auto e il bagno di Lawler. Gilbert torna e decide di affrontare Lawler nel match decisivo in cui saranno in palio i capelli di Missy Hyatt. Gilbert vince l’ incontro grazie all’ aiuto del rientrante Paul E. Dangerously. Il feud si chiude quindi con la partenza dei Gilbert che con Dangerously lasciano Memphis.

Il 9 maggio 1988, Lawler riceve una nuova title shot per il titolo del mondo AWA. Lawler promette quindi nuovamente di ritirarsi in caso di mancata conquista della cintura di campione. Jackie Fargo idolo di gioventù e maestro di Lawler è l arbitro speciale del match, che Lawler dopo 24 minuti di battaglia riesce a vincere schierando Hennig e realizzando quindi il suo sogno, ben 13 anni dopo il suo prima match per il titolo del mondo. Dopo il match viene tenuta una conferenza stampa in cui sembra chiaro che la vittoria di Lawler si è trasformato in un evento storico per Memphis. Lawler dice che molti anni prima aveva promesso a Bill Dundee che sarebbe stato il suo primo avversario se mai fosse riuscito a conquistare il titolo del mondo, mantiene la promessa e sconfigge Dundee durante uno show della CWA. Il neo campione del mondo difende il titolo unificato AWA, CWA, World Class e Continental, contro grandi avversari del calibro di Kerry von Erich, Tatsumi Fujinami, Iceman Parsons, Ronnie Garvin, Jimmy Garvin, Austin Idol, Dutch Mantell, Tommy Rich, Kamala, e molti altri ancora. Da segnalare, come in questo periodo, Brian Christopher figlio di Jerry Lawler, debutti a Memphis come wrestler anche se comunque i rapporti di parentela fra i due non vengono mai resi pubblici.

Siamo verso la fine del 1988, è qualcosa sta per cambiare per sempre gli scenari del mondo del wrestling. Fritz Von Erich proprietario della World Class vende la maggioranza della sua compagnia a Ken Mantell ed i suoi figli Kerry e Kevin, che rivendono il tutto a Jerry Jarrett, proprietario della CWA. Con Jarrett proprietario di due federazioni e il suo socio Lawler campione del mondo AWA, le tre aziende sembrano quasi unite e Jarrett e Lawler sono diventati due degli uomini più importanti nel mondo del wrestling americano: probabilmente soltanto Vince McMahon e Jim Crockett hanno più potere.

Il 13 dicembre 1988, AWA e World Class Wrestling tengono un pay-per-view in comune sotto il nome di SuperClash III: è il primo PPV realizzato da una federazione che non sia WWF o NWA. Nel main-event dell’ PPV, Lawler affronta il campione del mondo della World Class Kerry Von Erich in un match di unificazione. I due wrestler si sono già affrontati diverse volte nei mesi che precedono il PPV, con Lawler nella parte di idolo di Memphis e Von Erich idolo in Texas. La maggioranza dei match fra i due termina per squalifica. Tuttavia, il 23 ottobre 1988, a Memphis, Lawler riesce a sconfiggere Von Erich conquistando il World Class Heavyweight Title. Il 4 novembre 1988, il titolo torna in possesso di Von Erich che sconfigge Lawler a Dallas. Non essendo in palio il titolo di campione del mondo AWA in questi match, non c’è alcuna unificazione. Arriva quindi il giorno di Superclash III: ci sono grandi attese dal fatto di vedere ben tre compagnie organizzare un PPV, ma a pochi giorni dall’evento succede qualcosa che rischia di rendere il tutto un fallimento: Von Erich infatti, nei mesi precedenti aveva perso un piede per colpa di un incidente motociclistico, ma mantiene il fatto segreto. Una sera, nel corso di un match contro Col. DeBeers la protesi si stacca e il segreto viene divulgato. McMahon, tenta quindi di sabotare il PPV, richiedendo alla commissione atletica dello stato che a Von Erich sia sospesa la licenza in quanto uno statuto vecchio di 60 anni vieta ai wrestler senza arti di poter lottare. Il tentativo disperato di McMahon fallisce, ma anche il PPV Superclash III. Il grave errore dei promoters è stato quello di disputare l’ evento a Chicago, città collegata alla AWA, ma senza niente da spartire con il texano Von Erich e “The King di Memphis”, Lawler. Soltanto 1.500 fans sono presenti allo show e 30.000 sono gli acquisti registrati dagli spettatori a casa. L’undercard dello show è orribile e il finale del main event è deludente, in quanto l’arbitro chiude il match dando la vittoria a Lawler per l’eccessivo sanguinamento di Von Erich, che aveva bloccato l’avversario nella sua mossa finale la The Claw.

Lawler diventa quindi il primo possessore dell’ USWA Unified World Heavyweight Title, che unisce i titoli del mondo AWA, CWA e World Class. Questa vittoria per la prima volta fa diventare Lawler una stella nazionale al livello dei mitici Hulk Hogan e Ric Flair. Tuttavia, questo periodo di grande popolarità dura ben poco. La CWA e la World Class cessano di esistere e nasce la United States Wrestling Association. La nuova federazione disputa show sia a Memphis che in Texas e Lawler difende il titolo solo in territorio USWA e non dove ha base l’AWA, in Minnesota. Il proprietario dell’AWA Verne Gagne ricorda che il titolo più prestigioso dei tre uniti era chiaramente il titolo AWA. Lawler ignora i reclami di Gagne al quale risponde che lui e molti altri wrestler della CWA e della World Class non sono stati pagati per la loro apparizione a Superclash III e quindi Lawler non lotterà per Gagne fino a quando non sarà pagato. Gagne risponde che il PPV si è rivelato un fallimento dal punto di vista economico e non può permettersi di pagare. Jerry Jarrett non si trova d’accordo con il proprietario dell’AWA e dice che Gagne sta esagerando nel descrivere la situazione economica così tragicamente.

Il 20 gennaio 1989, Gagne strappa il titolo del mondo AWA a Lawler, in quanto il wrestler non ha difeso il titolo. Inoltre Gagne annuncia pubblicamente la fine dei rapporti fra la sua federazione e la USWA, ed apparentemente ciò porta alla fine dell’ USWA Unified World title. Lawler e Jarrett rifiutano di accettare la decisione di Gagne e ribattono che Lawler sta difendendo il titolo anche se non in territorio AWA e quindi non è giusto spogliarlo della cintura. Lawler continua quindi a farsi chiamare USWA Unified World champ anche se in realtà indossa solamente la cintura di campione della World Class. Lawler, successivamente, insulta Gagne e la AWA nel corso di una trasmissione televisiva in onda a Memphis. Lawler annuncia quindi che sta per restituire la cintura AWA a Gagne ma che lui, in quanto USWA Unified champ resta l’unico vero campione del mondo. Gagne appare quindi durante gli show televisivi della sua federazione insultando Lawler e dicendo che lo USWA Unified Title non alcun valore e che l’ AWA non lo riconosce. La situazione creatasi è veramente ridicola e finisce per danneggiare entrambe le parti. L’ AWA, decimata nel roster dalla WWF, aveva progettato di poter avere a disposizione i migliori talenti della USWA, ma a questo punto la federazione di Gagne si trova senza stelle. Il 7 febbraio 1989, Larry Zbyszko, genero di Gagne, vince una Battle Royal conquistando il vacante AWA World Title, eliminando per ultimo Tom Zenk. Meno di due anni dopo, nel dicembre del 1990, l’AWA chiude trovandosi senza talenti in quanto la WWF e altre federazioni avevano fatto razzia del roster di Gagne, il quale dichiarerà, poco dopo, bancarotta.

Nel frattempo, sorgono anche problemi per Lawler e la USWA. Molte persone infatti considerano lo USWA Unified World Title un titolo senza valore, e se anche i fans di Memphis gli sono rimasti fedeli, l’immagine di Lawler ha subito un duro colpo in molti territori nei quali i fans lo giudicano come un traditore e il responsabile della distruzione della grande tradizione del titolo del mondo AWA. Il primo feud di Lawler come USWA Unified champion non aiuta di certo la situazione. Il primo avversario infatti è Dutch Mantell, ottimo heel durante gli anni di Memphis ma che non può essere considerato un grande pretendente ad un titolo di livello nazionale. Per rendere il tutto ancora più difficile, Mantell nel gennaio del 1989 riesce a sconfiggere Lawler e a conquistare il titolo grazie alla presenza di Ricky Morton come arbitro speciale del match, in sostituzione dell’arbitro ufficiale dell’ incontro. Il titolo viene quindi restituito immediatamente a Lawler.

Le cose a Memphis vanno di male in peggio: a febbraio il mitico commentatore Lance Russell lascia Memphis e firma per l’ NWA/WCW. Un altro punto basso lo si raggiunge il primo aprile 1989, il rookie Master of Pain (Mark Calloway, noto alla WWE come Undertaker), a Memphis, sconfigge Lawler e conquista il titolo. Per rendere la situazione ancora più confusa, il cambio di titolo non viene riconosciuto nel territorio USWA in Texas dove Lawler continua ad essere il campione in feud con Kerry Von Erich, con il titolo che viene addirittura dichiarato vacante dopo un match terminato in pareggio fra i due. Lawler il 25 aprile riesce a sconfiggere Pain a Memphis riconquistando il titolo. A questo punto ormai, a seguito di litigi “politici”, scarso booking, finali con screwjob, veloci cambi di titoli e contendenti al titoli di scarsa qualità, il prestigio del titolo viene distrutto in soli 4 mesi di storia. Lawler ha quindi un feud con Eric Embry in Texas.

Tornato a Memphis, si scontra con The Soultaker (The Godfather alla WWF) che punta senza successo alla conquista del titolo. Il 23 ottobre 1989, il regno di Lawler lungo 6 mesi finisce dopo essere stato sconfitto da Soultaker in un Lumberjack match dopo che Dutch Mantell, arrivato sul ring per colpire Soultaker con kendo stick, finisce per colpire Lawler. Nel rematch un nuovo intervento di Mantell crea problemi: l’arbitro finisce ko e sul ring Lawler se la deve vedere con Soultaker e i suoi due alleati Tony Anthony e Nate Whitlock. Mantell arriva sul ring e fa piazza pulita, ma l’arbitro, ripresosi e visto Mantell sul ring, squalifica Lawler per interferenza esterna. Lawler furioso minaccia Mantell dicendogli di non mettere più il naso in un suo match. Il 6 novembre 1989, Lawler riconquista il titolo sconfiggendo Soultaker in uno Steel Cage Match, ma nel post match però arrivano nuovamente Anthony e Whitlock a massacrare Lawler. Mantell arriva quindi nuovamente in soccorso di Lawler, ma questa volta Lawler è già riuscito a lasciare il ring da solo, mentre Mantell resta sul ring e viene massacrato dagli heels. Lawler, che è stato heel in Texas e in altri territori per alcuni anni, inizia il suo turn heel a Memphis dove è face dal 1981. Dundee si lamenta con Lawler del suo nuovo atteggiamento ma per tutta risposta The King sfida l’ ex compagno ad un match in cui prima lo colpisce con una catena per poi farlo vittima di un piledriver sull’asfalto. In questo periodo, Lawler sostituisce Russell diventando il nuovo commentatore con Dave Brown, dimostrandosi un ottimo color commentator nella parte del cattivo. Il 12 dicembre 1989, Lawler sconfigge Kerry Von Erich conquistando il Texas Heavyweight Title.

La nuova minaccia per Lawler è King Cobra: Lawler inizia fin da subito a lamentarsi del fatto che Cobra usi il titolo di King. Lawler ricorda quindi a tutti che lui ha vinto un azione legale con la WWF e un tribunale ha stabilito che è l’unico a poter farsi chiamare “King” a Memphis. Lawler minaccia quindi di portare Cobra in tribunale: è l’ inizio del feud. Il 30 dicembre 1989, Cobra riesce a conquistare lo USWA Unified World Heavyweight Title sconfiggendo Lawler. Cobra annuncia di volersi godere pienamente la vittoria e per questo non concederà per almeno 30 giorni un rematch a Lawler. Arriva subito la reazione di Lawler che, salito sul ring durante uno show, si rifiuta di abbandonarlo per far disputare i match in programma fino a quando non gli sarà concesso un nuovo match con Cobra. Dopo essere stato attaccato da Lawler, Cobra accetta di riaffrontarlo nello show successivo. Nell’ultimo show del 1989 viene annunciato che le federazioni di Memphis e Texas si uniscono in un'unica compagnia che prenderà ufficialmente il nome di USWA. Muore quindi per sempre il nome CWA, chiudendo di fatto un era. Il 5 gennaio 1990, Lawler perde lo USWA Texas title sconfitto da Kerry Von Erich. Tre giorni dopo, però, riesce a riconquistare lo USWA Unified Title sconfiggendo Cobra.

Lawler inizia quindi un feud con uno dei suoi storici avversari: Jimmy Valiant. Il 26 febbraio è Valiant a conquistare lo Unified Title. Il 12 marzo il titolo torna in possesso di Lawler, che lo perde nuovamente il 28 aprile per poi riconquistarlo definitivamente il 5 maggio 1990. Il nome CWA è morto, ma la scarsa reputazione del titolo dovuta ai repentini cambi di padrone sembra continuare. Esattamente come l’AWA Southern title, lo USWA Unified title continuerà a girare come una patata bollente fino al giorno in cui sparirà. La politica gestionale di Lawler e Jarrett si rivela un fiasco. All’inizio del 1990, l’USWA ha quasi abbandonato il Texas dove disputa di rado degli show, facendo infuriare la famiglia Von Erich. Kerry e Kevin Von Erich lasciano la USWA: Kerry firma per la WWF mentre Kevin inizia a promuovere degli show in proprio in Texas e lottando nella GWF. Il 18 giugno 1990 il titolo perde ancora più valore quando Lawler lo perde dopo essere stato sconfitto da The Snowman (Eddie Crawford) in un match che vede il pugile Leon Spinks come arbitro speciale. Snowman non difende mai il titolo e il 27 agosto 1990 la cintura viene dichiarata vacante. Viene quindi indetto un torneo per assegnare il titolo: l’8 ottobre 1990 Lawler sconfigge prima "Mean" Mark Callous (Undertaker) negli ottavi di finale, poi Dick Slater nei quarti e Terry Funk in semifinale. In finale batte Austin Idol e si riprende il titolo. Visto il poco talento degli altri wrestlers della federazione, Lawler da heel passa nuovamente a face.

Anche questo nuovo regno di Lawler ha vita molto breve: il 5 novembre 1990 il titolo, infatti, viene conquistato da Terry Funk che sfrutta l’aiuto di Eddie Gilbert. Gilbert odia Funk, ma l’odio nei confronti di Lawler è anche maggiore. Lawler inizia quindi un feud con la “Gilbert Memphis Mafia” (Doug Gilbert, Tony Anthony, Joey Maggs e la giovane promessa Jeff Jarrett, figlio di Jerry). Eddie Gilbert con la propria macchina investe Lawler in un parcheggio durante uno show televisivo della federazione, in uno degli angle più realistici di sempre, visto anche che Lawler si sloga un’anca e la polizia accorre credendo che quanto successo sia tutto reale. Funk mette quindi una taglia su tutti i suoi pi grandi rivali, Lawler incluso, ed è per questo che The King è costretto ad allearsi momentaneamente con Jeff Jarrett e Eddie Gilbert. Tuttavia Gilbert fa il doppio gioco con Lawler e convince i Fabulous Ones (Steve Keirn & Stan Lane) a tradire Lawler. Due ex wrestlers della World Class, Eric Embry e Tom Prichard, affiancano Gilbert nella sua lotta contro Lawler e Jarrett. Durante un promo Embry offende Lawler ma soprattutto lo stato del Tennessee, parlando della superiorità del Texas. Questo fa arrabbiare moltissimo Gilbert, originario del Tennessee. Durante un match di coppia che vede Gilbert e Embry impegnati contro Lawler e Jarrett, Embry colpisce per errore il compagno con una catena, facendolo schienare. Nel post match, Embry e Prichard attaccano Gilbert dandogli la colpa per la sconfitta. Gilbert decide quindi di fare una nuova tregua con Lawler per combattere Embry e Prichard in una violenta e sanguinosa serie di match. Il tutto si rivela quindi una Texas vs Tennessee in uno scontro ai limiti dello shoot, visto che i wrestlers provenienti dalla World Class hanno sempre odiato Lawler e Jarrett per come avevano portato alla chiusura la loro federazione.

Il 4 febbraio 1991 Lawler e Jarrett sconfiggono i Fabulous Ones conquistando gli USWA World Tag Team Title. In un match valevole per il ruolo di primo sfidante del titolo detenuto da Terry Funk, Lawler (rappresentante del Tennessee) sconfigge un rookie chiamato Steve Austin (rappresentante del Texas) conquistando il match per il titolo. La settimana successiva, l’ 11 marzo, Lawler sconfigge Funk riconquistando lo USWA Unified Title grazie al conteggio veloce dell’arbitro speciale dell’ incontro Jackie Fargo, che vuole che il titolo sia detenuto da un wrestler di Memphis. A causa dei troppi impegni, Lawler non può difendere i titoli di coppia con Eddie Gilbert, che deve cambiare partner. Il 26 marzo i titoli vengono conquistati dai Texas Hangmen, Psycho & Killer (Michael Richards e Tom Benninghaus). Poco dopo Lawler è protagonista di un angle in cui il suo medico gli consiglia di prendersi un periodo di riposo se non vuole rischiare danni permanenti al collo o ricadute di vecchi infortuni. Tuttavia, con il feud Texas vs Tennessee all’apice, Lawler rifiuta. Si disputa quindi un “big ten men cage match”, con la squadra del Tennessee (Lawler, Jarrett, Dundee e i fratelli Gilbert) contro la squadra del Texas (Embry, Prichard, Austin e gli Hangmen) . Il Texas porta a casa la vittoria e Lawler viene appeso alla gabbia nel post match: in questa occasione The King riporta anche un infortunio al collo.

La USWA forza Lawler a prendersi un mese di pausa per riprendersi dai suoi problemi fisici. Mentre Lawler è fuori dalle scene, il Team Texas si scioglie per le differenze caratteriali tra i suoi vari componenti. Al ritorno di Lawler Embry assumeo Carl Styles come guardia del corpo per proteggerlo. Lawler si sbarazza facilmente di Styles e riesce ad ottenere la sua vendetta nei confronti di Embry affrontandolo in diversi match. Eddie Gilbert lascia quindi la USWA per andare proprio in Texas, alla GWF. Il 29 luglio, dopo un regno lungo quasi 5 mesi Lawler per lo USWA Unified Title, sconfitto dal debuttante Awesome Kong. Lawler ritorna velocemente in possesso del titolo riconquistandolo il 12 agosto, per poi perderlo il 26 agosto, sconfitto da The Dragon Master (Gary Masters) . Il 2 settembre, il titolo torna in possesso di The King. In questo periodo la vita privata di Lawler subisce dei cambiamenti: il wrestler infatti divorzia dalla seconda moglie Paula Jean Carruth, che scopre una relazione fra il marito e la giovane Stacy Carter. Lawler inizia quindi un lungo feud con Kamala con lo USWA Unified Title che cambia più volte padrone. Il 25 novembre è Kamala a conquistare il titolo, che il 2 dicembre viene riconquistato da Lawler ma viene dichiarato vacante dopo un rematch terminato in pareggio fra i due il 7 dicembre. Due giorni dopo, il 9 dicembre, è nuovamente Kamala ad impadronirsi della cintura chiudendo il 1991 da campione. Il 4 maggio 1992, il titolo torna definitivamente in possesso di Lawler.

Nell’ estate del 1992, Eddie Gilbert lascia la GWF da GWF Heavyweight champ per tornare a Memphis. Gilbert si presenta quindi come lo USWA & GWF Heavyweight champ. Lawler accusa quindi Gilbert di aver lasciato il Tennessee per il Texas e di tornare ora con la coda fra le gambe. L’8 giugno 1992 Lawler sconfigge Gilbert unificando USWA Unified Title e USWA GWF Title. In questo caso comunque non si tratta di una vera unificazione, in quanto la GWF ha Scott Putski come nuovo campione. Una settimana dopo Gilbert sconfigge Lawler diventando il nuovo USWA Unified Champ.

Lawler decide quindi di prendersi una pausa dalle competizioni singole per tornare a lottare in coppia con Jeff Jarrett, per affrontare i Moondogs (Spot, Spike e Cujo). Il feud è fra i più violenti e sanguinosi nella storia della USWA, tanto che a fine anno sarà votato come feud dell’anno dalla rivista specializzata Pro Wrestling Illustrated, la più importante del mondo. Il 29 giugno Lawler e Jarrett conquistano i titoli di coppia sconfiggendo Spot e Spike. Il 6 luglio sono Spot e Cujo a riportare i titoli nelle mani dei Moondogs, ma due settimane più tardi c’è un nuovo cambio di titolo, con Lawler e Jarrett che diventano USWA World Tag Team Champions per la terza volta. Ad agosto assistiamo a due cambi di titolo nel giro di sette giorni: il 10 agosto, infatti, sono Spot e Cujo a riconquistare le cinture, che una settimana più tardi vengono riconquistate da Lawler e dal figlio di Jerry Jarrett. Il feud si chiude quando Jeff Jarrett lascia Memphis per andare alla WWF. Lawler perde quindi le cinture dopo essere stato sconfitto da Spot e Spike in un handicap match.

Il 9 agosto 1992 la WWF disputa uno show alla Pyramid, arena nuova di zecca di Memphis. Jarrett (con Lawler) seduto in prima fila a bordoring, sfida Bret Hart durante lo show, per la gioia e la sorpresa dei fans di Memphis. Hart risponde che se nel corso del PPV WWF Summerslam conquisterà la cintura di campione intercontinentale, la prossima volta che la WWF disputerà uno show a Memphis lui la metterà in palio proprio contro Jarrett. Il mondo del wrestling inizia quindi a chiedersi se quanto successo allo show sia stato un work o uno shoot. La risposta arriva quasi subito: Lawler e Jerry Jarrett, due dei più grandi critici della WWF, hanno iniziato un rapporto di lavoro con i loro più grandi nemici. L’interesse del pubblico per il wrestling all’inizio degli anni ‘90 è in fase calante e la USWA e la WWF credono quindi che una collaborazione fra le due compagnie non può che essere un bene. Per alcuni mesi, sembra che l’accordo non porti a niente di nuovo. Nel frattempo Lawler cerca di riconquistare lo USWA Unified Title: il 2 novembre sconfigge Todd Champion, conquistando il titolo per la 13esima volta. Il 7 dicembre è Koko B. Ware a diventare il nuovo campione, ma il suo regno è molto breve: sette giorni più tardi infatti è Lawler a rientrare in possesso della cintura.

Nel dicembre 1992 Jerry Lawler passa alla WWF dove debutta come commentatore dello show WWF Primetime, sostituendo Curt Hennig, tornato al wrestling attivo. Il 24 gennaio 1993 Lawler disputa il suo primo PPV dopo il fallimentare Superclash III, prendendo parte a WWF Royal Rumble, dove partecipa alla tradizionale Rissa Reale. Lawler, entrato per settimo, viene eliminato da Mr. Perfect Curt Hennig. Dieci anni prima Lawler aveva avuto un feud con Randy Savage in uno scontro fra CWA e ICW: il feud riprende momentaneamente alla USWA, con Savage, wrestler WWF, che invade la USWA attaccando Lawler. The King ha anche numerosi incontri con Lex Luger. Il 21 marzo 1993 Lawler debutta al Madison Square Garden di New York e nel corso di un house show sconfigge Tito Santana. Il 30 marzo sconfigge il campione intercontinentale della WWF, Shawn Michaels in uno show della USWA senza che il titolo sia in palio. Il 3 maggio 1993, Papa Shango, wrestler della WWF, sconfigge Lawler conquistando lo USWA Unified Title. Un mese più tardi il feud WWF vs USWA decolla nella WWF.

Lawler è il commentatore del PPV WWF King of the Ring, che vede Bret Hart vincitore dell’omonimo torneo. La settimana precedente, in uno show della USWA, Lawler si era proclamato l’unico vero “King” del wrestling, promettendo di “incoronare” il vincitore del torneo. Lawler, invece attacca Hart, dopo che il wrestler canadese lo definisce “Burger King”, durante la sua “incoronazione”, colpendolo violentemente (tanto che Hart si infortuna realmente) con lo scettro del re e diventando uno degli uomini più odiati nel wrestling, tranne che a Memphis, dove resta l’ idolo incontrastato delle folle, più popolare che mai. Il 21 giugno il fratello di Bret Hart, Owen deciso a vendicare il fratello, arriva a Memphis, dove conquista lo USWA Unified Title sconfiggendo Papa Shango e inoltre attacca anche Lawler. Due settimane dopo, il 5 luglio, è il turno della vendetta di Lawler, che sconfigge il fratello di Bret riconquistando lo Unified Title e facendo vittima il minore dei fratelli Hart di ben otto piledriver.

Nel frattempo, alla WWF Lawler diventa il commentatore del neonato show “Monday Night Raw”. Sfrutta questo nuovo spazio per insultare l’intera famiglia Hart, compressi i patriarchi Stu e Helen. Vince McMahon in persona risponde a Lawler: fa pervenire un promo registrato alla USWA in cui insulta Lawler e Memphis; si tratta della prima volta che Vince McMahon compare in versione heel. Il 16 agosto 1993 durante uno show USWA, i fratelli Hart sconfiggono Lawler e Jarrett, dopo che Bret colpisce Lawler con un oggetto contundente. Lawler accusa l’arbitro heel Paul Neighbors di aver ignorato di proposito l’uso di un oggetto non consentito da parte di Hart. La settimana successiva Lawler sconfigge Paul Neighbors in uno Stretcher match, ma nel post match arrivano Vince McMahon e Pat Patterson che attaccano Lawler. Viene quindi sanzionato un match per WWF Summerslam che vedrà Jerry Lawler e Bret Hart contendersi il titolo di “King”.

Il 30 agosto 1993 l’incontro, per quanto accaduto nelle settimane passate, coinvolge l’ intera famiglia Hart con Bruce e Owen Hart che sono presenti a bordoring. Durante l’entrata di Lawler però qualcosa sconvolge il pubblico: il wrestler si presenta infatti camminando con le stampelle e con una borsa di giacchio su un ginocchio, in quanto, afferma, “vittima di un grave incidente stradale causato da una signora di Detroit”, città dove si svolge l’evento. Lawler inizia quindi a parlare male di Hart e della gente di Detroit che l’aveva ridotto in quella maniera e parla di sè come di un eroe per essere riuscito a salvare decine di persone dall’incidente in cui era stato coinvolto. Lawler annuncia quindi di non poter combattere e fa arrivare sul ring il suo sostituto, Doink The Clown. Inizia quindi il match fra Hart e Doink che risulta molto equilibrato. Hart blocca Doink nella Sharpshooter, quando Jerry Lawler sale sul ring e colpisce Hart alla testa con le stampelle, svelando la realtà sul suo finto infortunio. Hart vince quindi il match per squalifica. Lawler sta per tornare nel backstage quando arriva il presidente della WWF Jack Tunney. Il massimo dirigente della WWF dice a Lawler che se non disputerà il match che aveva in programma con Hart sarà squalificato per diversi mesi dalla federazione. Prende quindi il via il match fra i due “king”: l’incontro risulta violentissimo con i due che si scambiano colpi di stampelle senza che comunque l’ arbitro chiami la squalifica. È Hart ad aggiudicarsi la vittoria sottomettendo Lawler nella Sharpshooter. Hart non sembra voler mollare la presa e infatti non lo fa per diversi minuti nonostante Lawler abbia già ceduto. Per questo motivo l’arbitro decide di dare la vittoria del match e il titolo di King a Jerry Lawler, che viene portato via in barella, dove viene nuovamente attaccato dai fratelli Hart. Da segnalare come Lawler e Hart si erano affrontanti il giorno prima del PPV in uno Steel Cage Match nel corso di uno show della USWA, dove a prevalere era stato Lawler per schienamento. Nel post match, Owen Hart e Giant Gonzales (El Gigante) avevano attaccato Lawler.

Il 13 settembre Tatanka sconfigge Lawler conquistando lo USWA Unified Title. Una settimana dopo Lawler riconquista il titolo in un elimination match che lo vede in team con Jeff Jarrett e i Moondogs sconfiggere Tatanka, Tommy Rich e i Dog Catchers. Lawler e Jarrett interpretano poi una porticina nel film “Life with Mikey”, con Michael J. Fox. L’11 ottobre 1993 Randy Savage sconfigge Lawler conquistando lo Unified Title. Con WWF Survivor Series alle porte McMahon manda un promo registrato a Memphis in cui sfida i wrestler di Memphis ad un WWF vs. USWA Survivor Series Match da disputarsi a Memphis prima del PPV. Il 18 ottobre Jerry Lawler, Jeff Jarrett e Brian Christopher affrontano Shawn Michaels, Doink the Clown e Koko B. Ware. Christopher, che era stato impegnato in feud con Jarrett nei due anni precedenti, decide di mettere da parte l’odio per la promessa di mandare via la WWF da Memphis. Il match sembra mettersi male per la fazione di Memphis: Lawler infatti è il primo eliminato seguito da Jarrett. Tuttavia, Christopher riesce ad eliminare i 3 wrestler WWF dando la vittoria al suo team nel match migliore di tutta la sua carriera.

Lawler continua a fare il commentatore per la WWF e la sua compagnia non fa altro che ricevere beneficio dalla collaborazione con la WWF. Viene quindi sanzionato un match con Lawler e i 3 “knights” (Greg Valentine, Glen Jacobs e Barry Horowitz) contro i quattro fratelli Hart (Bret, Owen, Bruce e Keith) alle Survivor Series. Lawler, però, non sarà presente allo show: il wrestler infatti viene accusato di violenza sessuale da una fan 15enne e la WWF, per le polemiche scatenatesi per quanto successo, sospende momentaneamente Lawler, chiudendo la collaborazione con la USWA. Le prime conseguenze sono che Savage rende vacante lo USWA Unified Title e Shawn Michaels sostituisce Lawler alle Survivor Series. Due mesi dopo la ragazza rivela di essersi inventata tutto e le accuse nei confronti di Lawler vendono fatte cadere. Lawler torna alla WWF e inizia una nuova collaborazione fra USWA e WWF. Il 22 novembre Jarrett vince lo Unified Title vacante, vincendo una Battle Royal, e poco dopo debutta alla WWF con il personaggio di un cantante country.

I wrestler della USWA non sono contenti che Jarrett si divida tra la loro federazione e la WWF, ma Jarrett li rassicura dicendo che non li abbandonerà. Tuttavia, Jarrett lascia solo il suo compagno di coppia, Christopher, permettendo ai PG-13 (JC Ice & Wolfie D) di conquistare gli USWA World Tag Team Title, diventando heel. Lawler sconfigge quindi Jarrett, riconquistando lo USWA Unified Title il 20 dicembre 1993. Jarrett, pochi giorni dopo, lascia la USWA per diventare un wrestler WWF a tempo pieno mentre nella USWA tornerà altre volte per delle apparizioni fino alla chiusura della federazione. Con l’ arrivo di Jarrett alla WWF si chiude anche il feud WWF vs USWA, anche se comunque i rapporti commerciali e di scambio di talenti fra le due federazione continuano.

Lawler, alla USWA, inizia un feud con uno dei suoi rivali storici, Eddie Gilbert. Lo Unified Title cambia padrone per tre volte nel giro di due settimane. Il 31 gennaio 1994 viene conquistato da Gilbert, che lo perde il 7 febbraio, per poi riconquistarlo il 14 febbraio. Il 7 marzo 1994 a Memphis si svolge una delle migliori card di sempre: Lawler, Christopher e Austin Idol sconfiggono Terry Funk, Eddie e Doug Gilbert. Nel main event Lawler vince un “every-man-for-himself ten men elimination match”. Il 25 marzo, Lawler riconquista il Southern Title.

Alla WWF Lawler è sconfitto da “Rowdy” Roddy Piper il 19 giugno nel corso di King Of The Ring 1994. Lawler subisce un infortunio nell’estate del 1994 ed è costretto a rendere vacante lo USWA Unified Title, che viene conquistato da Sid Vicious, stella della WWF. Quando guarisce, Doink The Clown inizia a prendere in giro Lawler mentre commenta Raw e a farlo vittima di diversi scherzi. Questo porta ad un “comedy feud” fra i due. Il tutto culmina ad un match disputato alle Survivor Series, in cui Lawler, con 3 nani (Sleezy, Queasy e Cheesy) sconfigge Doink e altri 3 nani (Dink, Pink e Wink). Il 19 novembre si disputa un torneo per conquistare l’NWA World Title. Lawler non fa comunque molta strada, venendo eliminato da Dirty White Boy al primo turno, mentre Chris Candido vince il torneo. Lawler inizia quindi un feud proprio con Dirty White Boy. Il 28 gennaio 1995 lo sconfigge conquistando lo Smoky Mountain Wrestling Heavyweight Title. Il 6 febbraio Lawler riconquista lo Unified Title, che perde il 25 febbraio, quando viene sconfitto da Bill Dundee. Il giorno dopo partecipa a SMW Sunday Bloody Sunday II, dove perde lo Smoky Mountain Wrestling Title in favore di Bobby Blaze. L’1 maggio The King riconquista lo Unified Title sconfiggendo il wrestler WWF Razor Ramon (Scott Hall).

Nell’ estate del 1995 Lawler riprende il feud con Bret Hart. Il 14 maggio, a WWF In Your House, Lawler sconfigge un Hart, “infortunatosi” ad una gamba in un match disputato qualche minuto prima contro il giapponese Hakushi. Grazie all’interferenza dello stesso Hakushi Lawler porta a casa il match. Nel frattempo, il 18 febbraio 1995, a Puerto Rico, per un attacco cardiaco muore Thomas Edward Gilbert Jr. meglio conosciuto come Eddie Gilbert. Il 10 giugno si svolge “Memphis Memories II”, show in suo onore: nell’occasione viene introdotto nella Memphis Wrestling Hall of Fame. Lawler, nel corso dello show prende parte al torneo per l’ incoronazione del “Best of Memphis Tag Team”. Nei quarti, con Jimmy Valiant sconfigge Phil Hickerson & Jos LeDuc, con Lawler che schiena LeDuc; in semifinale Lawler & Valiant sono sconfitti da Tommy Rich & Doug Gilbert. Il 25 giugno 1995, a King Of The Ring, Lawler è sconfitto da Hart in un "Kiss My Foot" Match ed è quindi costretto a baciare un piede di Hart che lo costringe anche a baciarsi da solo un piede. Lawler introduce quindi il personaggio del Dr. Isaac Yankeem, che impersona il suo dentista personale. Yankeem arriva alla WWF con lo scopo di vendicarsi di quanto fatto da Hart. Il 27 agosto, a WWF SummerSlam, Yankeem accompagnato da Lawler è sconfitto via squalifica da Hart, dopo che Lawler arriva sul ring. Dopodiché, Yankeem cerca di strangolare Hart.

Alle Survivor Series, Lawler è il leader dei Royals (Mabel, Isaac Yankem e Hunter Hearst Helmsley) che vengono sconfitti dal team “Dark Side” (The Undertaker, Savio Vega, Fatu e Henry Godwinn) in un Survivor Series Match che vede il team di Undertaker arrivare alla fine senza avere un solo elemento eliminato, con The Undertaker che da solo elimina tutti i Royals. Il 26 dicembre Lawler conquista Smoky Mountain Wrestling Heavyweight Title: Lawler è l’ ultimo campione nella storia della federazione di Knoxville nel Tennessee, che chiude poco dopo. Inizia il 1996: il 10 gennaio The King vince lo USWA Heavyweight Title sconfiggendo Tex Slazenger. Il 13 gennaio è Tommy Rich a sconfiggere Lawler, diventando il nuovo campione. Lawler partecipa nuovamente alla Royal Rumble dove viene eliminato dal vincitore Shawn Michaels. Il 3 febbraio partecipa all’ NWA 1st Annual Eddie Gilbert Memorial Show, dove è sconfitto da Doug Gilbert. Il 4 marzo, Lawler vince un torneo per l’assegnazione dello USWA Unified Title, vacante per l’ infortunio del campione Jeff Jarrett. Lawler sconfigge prima il figlio Brian Christopher, poi Giant Warrior in semifinale e Mabel in finale.

Il 20 aprile Lawler affronta il rientrante Jarrett. È proprio il figlio di Jerry Jarrett a vincere il match, quando Lawler soccorre l’arbitro Frank Morell che finge un attacco cardiaco permettendo a Jarrett di schienare The King. Il 18 maggio, in coppia con Bill Dundee, conquista lo USWA World Tag Team Title, che diventerà vacante a giugno. Il 20 maggio Lawler conquista per la seconda volta lo USWA Heavyweight Title, sconfiggendo Mabel. Il 26 maggio, a “WWF In Your House VIII - Beware of dog”, è sconfitto dal wrestler di colore Ahmed Johnson in un dark match. L’1 giugno Brian Christopher sconfigge il padre conquistando lo USWA Heavyweight Title. Lawler inizia quindi un feud con il rientrante Ultimate Warrior: il tutto culmina in un match a King Of The Ring 1996, con Lawler che subisce una sconfitta lampo in meno di quattro minuti. Il 24 luglio Lawler conquista per la 23esima volta lo USWA Unified Title. L’1 luglio Lawler e Dundee conquistano nuovamente le cinture di coppia USWA sconfiggendo Flex Kavana (The Rock figlio di Rocky Johnson) & Bart Sawyer. I due ex campioni non si abbattono e una settimana dopo, l’ 8 luglio 1996, detronizzano Lawler e Dundee.

Lawler inizia quindi un feud con Jake “The Snake” Roberts. Lawler parla pubblicamente dei problemi di Roberts con l’alcool, chiamandolo più volte “ubriacone”, in una delle storylines più disgustose della storia della WWF. I due si affrontano a SummerSlam 1996, il 18 agosto. Lawler schiena Roberts dopo avergli sbattuto una bottiglia di liquore sulla testa e dopo il match Lawler inizia a gettare il liquore addosso a Roberts, che nella vita ha da poco smesso di bere e decide di costringerlo ad ingerirlo. A questo punto arriva Mark Henry, sollevatore di pesi che ha partecipato alle Olimpiadi di Atlanta, commentatore speciale del match, ed inizia a rincorrere Lawler. Il 30 agosto, Sid Vicious sconfigge Lawler conquistando lo USWA Unified Title. Il 2 settembre Lawler riconquista il titolo. Il 22 settembre, a “In Your House X - Mind Games” Lawler ed Henry, al suo debutto in ppv nella WWF, vanno l’uno contro l’altro: a vincere il match è il wrestler di colore che riesce a far cedere The King alla bear hug. Il 4 ottobre, Colorado Kid diventa il nuovo USWA Unified Champion sconfiggendo Lawler, ma il 16 novembre Lawler riconquista il titolo. Alle Survivor Series 1996, il 17 novembre, Lawler Crush, Hunter Hearst Helmsley e Goldust vengono sconfitti da Marc Mero, Rocky Maivia, Jake Roberts e Barry Windham in Survivor Series Match, con Lawler primo eliminato e Rocky Maivia unico sopravissuto.

Lawler inizia il 1997 partecipando alla Royal Rumble. Entrato per 22esimo è il 21esimo ad uscire, eliminato da Bret Hart in pochissimi secondi. Il 10 marzo, durante una puntata di Raw a Worchester, Massachusetts, Lawler ha uno scontro verbale con il proprietario della ECW Paul Heyman. Il 15 marzo, Lawler perde lo Unified Title che passa alla vita di Tank. Una settimana dopo è nuovamente Lawler a riconquistare il titolo. Il 12 aprile, Reggie B. Fine sconfigge Lawler impadronendosi della cintura. Il 27 aprile Lawler conquista per la 27esima ed ultima volta lo USWA Unified Title: l’8 agosto 1997 lo perderà, sconfitto da Dutch Mantel e nel novembre 1997 la USWA chiude i battenti. Lawler partecipa quindi per la prima volta al torneo di King of the Ring. Nel primo turno sconfigge Goldust ed il 9 giugno, giorno del PPV, Lawler in semifinale è sconfitto da Mankind (Mick Foley) .

A giugno vediamo Lawler impegnato alla ECW, dove si allea con Rob Van Dam e Sabu contro Tommy Dreamer e The Sandman. Nel corso di Raw del 16 giugno, Lawler e Van Dam interferiscono nel match fra Chris Candido e Brian Christopher, dando la vittoria a Candido per squalifica. Paul Heyman, per l’occasione commentatore speciale del match, rivela il rapporto padre-figlio fra Lawler e Christopher, suscitando la reazione di Lawler che lo schiaffeggia prima di entrare sul ring. Nella stessa puntata Lawler e Van Dam sono sconfitti dagli Headbangers nei quarti di finale del WWF Raw Tag-Team Tournament. I due sono sconfitti per colpa dell’ interferenza di The Sandman che con il suo Singapore cane infligge un colpo basso a Lawler. Nel corso dell’incontro sia Paul Heyman che Tommy Dreamer arrivano sul ring e al termine del match Van Dam li attacca entrambi, prima che arrivi in loro soccorso Sandman, mentre RVD scappa tra il pubblico. Il 19 luglio, a ECW HeatWave, Rob Van Dam, Sabu & Jerry Lawler affrontano Tommy Dreamer, Sandman & Rick Rude in un match che si chiude in no contest. Il 17 agosto a ECW Hardcore Heaven, Lawler viene sconfitto da Tommy Dreamer, che colpisce The King con un colpo basso, per poi schierarlo con la Dreamer DDT.

Nel aprile del 1998 il wrestling torna a Memphis con la nascita della MPPW (Memphis Power Pro Wrestling) di Randy Hales. La federazione è collegata con la WWF e infatti vediamo alcuni giovani talenti della WWF come Kurt Angle lottare a Memphis. Lawler, visto che non lotta se non saltuariamente per la WWF, dove svolge il ruolo di commentatore a tempo pieno, fa qualche apparizione a Memphis. Alla MPPW vediamo Lawler nuovamente contro Bill Dundee. Randy Hales decide di mandare Lawler contro Kane. Hales sospende la fidanzata di Lawler, Stacy per averlo schiaffeggiato dopo aver sanzionato il match con Kane. Lawler chiede quindi un confronto con Hales. The King paragona Hales a Vince McMahon, ma il promoter per tutto risposta dice che Lawler ha paura di Kane. Lawler schiaffeggia quindi Hales, sancendo il passaggio ad heel del promoter e l’inizio del feud fra i due. Il 23 giugno Lawler sconfigge Kane per squalifica a Memphis nel primo show della MPPW alla Mid-South Coliseum. Lawler ha quindi un mini feud con The Giant King (Giant Silva) che il promoter Hales vuole incoronare come nuovo re della PPW. Lawler attacca Hales ma viene a sua volta attaccato da Giant King . Giant King attacca nuovamente Lawler durante le registrazioni di una puntata di Raw. Il 21 luglio è The Giant King (Giant Silva) ad essere sconfitto via countout. Il 3 ottobre, Jerry Lawler & Sid Vicious chiudono in No Contest un match contro Road Warrior Hawk & Bart Gunn. Lawler ha quindi un feud con Billy Travis, protetto di Hales. Il 29 gennaio 1999 si assegna il primo MPPW Heavyweight Title e a vincerlo è Baldo (Albert e poi A-Train alla WWF/E) che sconfigge Lawler nella finale di un torneo.

Il 17 aprile, Lawler conquista gli MPPW Tag Team Titles sconfiggendo da solo (in quanto il suo compagno annunciato, Bill Dundee, non si presenta) Kid Wikkid & Derrick King. In ottobre le cinture passano a Glen Kulka & Mic Tierney, che le ricevono perché vacanti visto che Lawler non le ha difese. Nel frattempo Lawler diventa anche il commentatore di WWF SmackDown! show del giovedì sera della WWF. Stacy Carter, fidanzata di Jerry Lawler, il 23 agosto 1999, debutta a WWF Raw come Miss Kitty, assistente personale di Debra, manager di Jeff Jarrett. Il 13 novembre, Lawler, con Bruiser, conquista i titoli di coppia della MCW (Maryland Championship Wrestling) . Lawler non è disponibile per fare altre date alla MCW prima della primavera e per questo il titolo diventa vacante ad inizio dicembre. Il 23 dicembre 1999, nelle sale cinematografiche degli Stati Uniti esce il film "Man of The Moon" di Milos Forman, film che ripercorre la vita di Andy Kaufman e vede come protagonista Jim Carrey nel ruolo di Kaufman: al film prendono parte anche Jerry Lawler, Jim Ross e Lance Russell. Sempre nel 1999 Lawler, seguendo l’ esempio di Jesse Ventura (diventato governatore del Minnesota), si candida alle elezioni per diventare il nuovo sindaco di Memphis, ma non riesce però a ripetere l’impresa di Ventura in quanto è sconfitto da Willie W. Herenton, pur facendo una ottima figura. Nello stesso anno, Lawler si segnala anche perché presta soccorso in due tragici incidenti occorsi durante degli show della WWF: infatti è fra i soccorritori dello sfortunato Owen Hart, che muore il 23 maggio durante il PPV “Over The Edge” e di Droz, che nel corso di una registrazione il 5 ottobre, subisce un gravissimo infortunio al collo che lo lascia paralizzato.

Ad inizio 2000 a Memphis nasce la MCW (Memphis Championship Wrestling), federazione collegata alla WWF e a Jerry Lawler. Il 25 marzo 2000 Lawler vince il primo MCW Southern Heavyweight Title, sconfiggendo via squalifica Bull Pain, nella finale del torneo per assegnare la cintura, con arbitro speciale Bill Dundee. Pochi giorni dopo il titolo viene reso vacante per una disputa intercorsa con Lawler. Il 12 aprile si disputa una Battle Royal per la riassegnazione del titolo e fra i partecipanti spiccano Jerry Lawler, Bull Payne, Bill Dundee, K. Krush, Curtis Hughes, Lord Steven Regal, Jim Neidhart, Blue Meanie, i Mean Street Posse. A vincere è K. Krush che per ultimo elimina proprio Lawler. Il 25 maggio, Krush affronta Masked Man #1, che dovrebbe essere Bitty Little, ma a sorpresa, dopo aver vinto il match, Masked Man si rivela essere Jerry Lawler. Il 21 giugno 2000, Lawler perde il titolo sconfitto da Lord Steven Regal.

Il 7 agosto 2000, Raw è in scena al Madison Square Garden di New York e Lawler difende il compagno di commento, Jim Ross, dall’ attacco del wrestler Tazz. Tre giorni dopo, a SmackDown!, Lawler viene attaccato da Tazz, che colpisce ad un occhio anche Jim Ross. Tazz all’ inizio sembra avere la meglio portando la leggenda di Memphis a sanguinare, ma alla fine Lawler riesce a massacrare Tazz. A Raw del 14 agosto Tazz viene attaccato da Lawler dopo aver sconfitto Crash Holly. Il 27 agosto 2000, a WWF SummerSlam, Lawler e Tazz si affrontano in un Grudge Match: la contesa si sposta a bordo ring, dove Jim Ross distrugge un contenitore di vetro per caramelle sulla testa di Tazz, permettendo così a Lawler di schienarlo. Il giorno dopo, a Raw, Tazz affronta il neo campione Hardcore Steve Blackman. Nel corso del match scoppia una rissa fra Tazz, Lawler e Ross ed i due commentatori riescono a far perdere il match a Tazz. Devono poi intervenire gli arbitri e la security per tenere lontano Tazz dal tavolo dei commentatori. Tre giorni dopo, a SmackDown!, avviene una nuova rissa fra Lawler e Tazz che per questo perde un match con Chris Jericho. Nella puntata successiva di Raw, Lawler & Chris Jericho sconfiggono Tazz & Mideon in un match di pochi secondi, che Lawler riesce a vincere grazie a uno scaltro roll up. Nel post match, mentre Lawler festeggia, Tazz lo attacca cercando di soffocarlo con una cintura di pelle e colpendolo sulla gola. A SmackDown! è il momento della vendetta per Lawler: il wrestler attacca Tazz alle spalle per poi rincorrerlo nel backstage prima di tornare indietro e prendere gli occhiali da sole di Tazz.

L’ 11 settembre, a Raw, Lawler fa perdere un altro match a Tazz, che viene sconfitto da Al Snow. Dopo il match Tazz, microfono in mano, dice di non poter competere con il potere politico di Lawler e di essere un'altra vittima della WWF. Dopo quanto successo a Raw, durante SmackDown! vediamo Tazz nell’ufficio del commissioner Mick Foley, il wrestler chiede di poter lasciare la federazione. Foley prova a convincere Tazz a restare, sanzionando un incontro fra Tazz e Lawler al successivo PPV, Unforgiven, in cambio, però, Tazz non dovrà attaccare nessuno prima del match. Tazz accetta. Il 24 settembre i due rivali si affrontano in uno “Strap match”, in cui Lawler riesce ad infliggere tre piledriver consecutivi su Tazz. L’arbitro però finisce KO, sul ring arriva quindi Raven che colpisce Lawler con una DDT e per Tazz è un gioco da ragazzi sottomettere Lawler alla TazzMission. Il 29 settembre 2000 Jerry Lawler sposa Stacy Carter, sua fidanzata da una decina di anni, a Las Vegas, nel Nevada.

Il 27 febbraio 2001 la WWF licenzia Stacy Carter: è un vero colpo di scena e Lawler si rifiuta di lavorare ancora per la WWF, visto il trattamento subito dalla moglie. Pochi giorni dopo la WWF decide di licenziarlo. Nel luglio 2001 Lawler sta per diventare commentatore della WCW (acquistata dalla WWF e riproposta proprio nella federazione di Vince McMahon nell’ angle dell’Invasion), ma l’accordo tra le parti salta all’ultimo minuto, in quanto Lawler chiede che anche la moglie possa ritornare, cosa che invece gli viene negata. Lawler viene sostituito da Arn Anderson. Il 21 luglio 2001, sul suo sito internet ufficiale Lawler annuncia la separazione da Stacy.

Nell’ottobre del 2001 Lawler partecipa ad un tour della WWA (World Wrestling All-Star) in Australia, dove, fra gli altri, sono presenti grandi stelle come Bret Hart, Jeff Jarrett e Konnan. Il 2 novembre 2001, Lawler sconfigge The Bruiser a Chestertown, nel Maryland conquistando l’ MCW (Maryland Championship Wrestling) Title. Il 10 novembre il titolo torna a Bruiser. Il 19 novembre 2001, durante nel corso della puntata di Raw immediatamente successiva alle Survivor Series, Vince McMahon in persona dà il bentornato a Jerry Lawler, che riprende la sua vecchia posizione di commentatore della WWF sostituendo Paul Heyman, che deve lasciare il ruolo dopo che la sua fazione, la Alliance, ha perso il suo feud contro il Team WWF.

L’1 maggio 2002, a Colonia, in Germania Jerry Lawler & Trish Stratus sconfiggono Mr. Perfect & Molly Holly nel corso di un house show. Durante Raw del 20 maggio Raven insulta ripetutamente Lawler e Ross accusandoli di non saper commentare. Raven sfida Lawler apertamente ad affrontarlo. Il match però non inizia neanche in quanto Raven lascia il ring dopo qualche secondo dando la vittoria a Lawler per count-out. Il tutto fa parte di un angle che vuole Raven depresso e pronto al ritiro. L’1 giugno Lawler sconfigge "The American Dream" Dusty Rhodes a Nashville durante uno show della USPW. A fine luglio sconfigge Kamala in uno show della IWC. Il 10 agosto è Steve Corino ad essere sconfitto via Piledriver in uno show della JAPW (Jersey All-Pro Wrestling). Cinque giorni dopo, ad uno show della BCW (Border City Wrestling) Lawler prima sconfigge via squalifica Johnny Swinger, poi, subito dopo, con Jerry Lynn, batte Swinger & Simon Diamond. Il 28 settembre, con Pumper & Spellbinder, Lawler è sconfitto da tre leggende del wrestling come Dusty Rhodes e i Road Warriors.

Il 7 ottobre Raw si svolge a Las Vegas e per l’occasione Eric Bischoff decide che tutte le stipulazioni dei match in programma saranno scelte facendo ruotare una roulette. Lawler affronta e sconfigge Steven Richards in un "Legal in Nevada match", conquistando il diritto a passare una notte di passione con le ragazze del Godfather. Il 19 ottobre Lawler è alla ECW Arena a Philadelphia per lo show della 3PW, "A Night for the FlyBoy", in memoria di Ted “Rocco Rock” Petty, dove sconfigge Curt Hennig. Hennig inizialmente schiena Lawler ma aiutandosi mettendo i piedi sulle corde. L’ arbitro si rivolge al pubblico che gli fa capire l’errore e lui fa ripartire il match., che Lawler fa suo con uno scaltro roll up. Il 24 ottobre SmackDown! è di scena a Memphis e per l’occasione Lawler disputa un dark match in cui sconfigge Redd Dogg (Rodney Mack). L’8 novembre 2002, nuova apparizione alla JAPW per Lawler, che sconfigge Slyk Wagner Brown. Il 9 novembre è Syxx-Pac ad essere sconfitto a “NEW Naugatuck Show”.

Il 23 dicembre Raw è di scena ad Oklahoma, città natale di Jim Ross. Eric Bischoff, General Manager di Raw decide di mandare Lawler e Ross contro William Regal & Lance Storm e se uno dei due si rifiuterà di lottare entrambi saranno immediatamente licenziati. Il match è il main event della serata e a vincere sono Lawler e Ross, che sfruttano l’interferenza dei Dudley Boyz (D-Von & Bubba Ray) che colpiscono Regal con la loro 3-D mentre Ross stende Storm con il tira pugni di Regal. Il 2003 si apre con un match fra Lawler e Regal: i due si affrontano durante Raw del 13 gennaio 2003 con Lawler che colpisce immediatamente Regal, perdendo il match per squalifica. Il 24 febbraio, Lawler sconfigge Chief Morley (Val Venis) grazie all’ aiuto dei Dudley Boyz. Il 10 marzo, durante Raw, Lawler è il presentatore di un concorso di Miss Maglietta Bagnata con le ragazze dello show televisivo americano “Girls Gone Wild”. L’ 11 aprile 2003, Lawler sconfigge D’Lo Brown ad uno show della TWWA (Trans World Wrestling Alliance). Sette giorni dopo, sconfigge Air Paris a NAWA Rome Show. Il 3 maggio, a 3PW "A Funkin Classic", Lawler è sconfitto da Terry Funk. Due giorni dopo, a Raw, vince un match contro Morley salvando il posto di lavoro di Jim Ross, che era in palio. Il 22 agosto sconfigge Terry Funk a MLW Summer Apocalypse. Il 29 agosto la WWF disputa un house show a Memphis, in cui Lawler, in coppia con Shawn Michaels sconfigge Ric Flair & Triple H.

A fine agosto inizia un feud fra commentatori: Lawler e Ross sono contro i loro colleghi di Heat (show minore della WWE) Al Snow & Jonathan Coachman. Nel corso della puntata di Raw del 25 agosto 2003 Lawler affronta il campione Intercontinentale Christian, che schiena Lawler tenendo per i pantaloni di The King. Poco dopo, nel backstage, Stone Cold Steve Austin sancisce un match fra Coachman e Lawler, da disputarsi sette giorni dopo a Raw. A vincere è Coachman, che sfrutta l’ interferenza di Al Snow (fino a quel momento face), che sbatte Lawler contro un sostegno del ring per poi ributtarlo dentro e permettere al compagno di schienarlo. Sette giorni dopo, a Raw, Eric Bischoff sancisce per Unforgiven un tag team match di loro: la coppia vincitrice commenterà Raw.

Nel corso dello show scoppia anche una rissa fra i quattro, con Coachman e Snow che battono in ritirata. Durante Raw del 15 settembre, sei giorni prima del pay-per-view, Coachman e Snow fanno il loro ingresso vestititi come Ross e Lawler e con le loro theme song. I due prendono il posto al commento di Lawler e Ross, che vedono le loro cuffie di commento staccate. Lawler sfida quindi Al Snow ad un match. La leggenda di Memphis riesce a conquistare una vittoria rapida grazie ad un roll up, mentre alla postazione di commento Coachman colpisce Ross con un pugno. Il 21 settembre 2003, ad Unforgiven, Coachman e Snow diventano i nuovi commentatori di Raw. I due commentatori di Heat sfruttano l’ interferenza di Chris Jericho, che mentre l’ arbitro è fuori dal ring per sedare una rissa fra Snow e Lawler, colpisce Ross e lo posiziona un Coachman dolorante sopra Ross, facendoglielo schienare. Dopo il match Jericho spiega di aver fatto il tutto per colpire Steve Austin, visto che Ross è un grande amico di Austin. Lawler e Ross comunque commentano il resto dell’evento. Il giorno dopo, a Raw, Austin sanziona per la puntata di Raw del 29 settembre un match fra Ross e Coachman ed in caso di vittoria di Ross lui e Lawler riavranno il loro posto.

I due commentatori si affrontano in un “Country Whipping Match”: i due avranno a disposizione una cintura di pelle per colpirsi tra di loro ma il match dovrà chiudersi per schienamento o sottomissione. Nonostante l’interferenza di Jericho, dopo quasi cinque minuti di match, Ross colpisce Coachman con una stunner per il conto di tre: Lawler e Ross riprendono il loro posto di lavoro. Il 29 novembre, durante “Birthday Bash for Jerry Lawler”, a Memphis, Lawler e il figlio Brian Christopher sconfiggono Dutch Mantell e Doug Gilbert. L’1 dicembre, a Raw, il nuovo Co-General Manager Mick Foley manda Coachman contro Lawler e se Coachman perderà sarà licenziato, ma se vincerà lui e Al Snow prenderanno nuovamente il posto di Ross e Lawler. L’incontro dura 51 secondi con Lawler che connette con il pugno volante dal paletto e poi schiena Coach.

Il 12 dicembre, durante uno show della IWC (International Wrestling Cartel) Lawler è sconfitto da Dusty Rhodes in un match che vede Mick Foley come arbitro speciale. La prima edizione di Raw del 2004 si svolge alla Pyramid di Memphis, quindi in “casa” di Lawler. Nel corso dello show, Theodore Long sale sul ring accusando la gente di Memphis di essere razzista. Lawler si alza dal tavolo di commento ed inizia a difendere la sua città e i suoi concittadini. The King si dirige quindi verso il ring mentre Long lo insulta. I due si ritrovano faccia a faccia sul ring, quando alle spalle di Lawler arriva “The Legend Killer” Randy Orton, Lawler va al tappeto, colpito dalla RKO di Orton. Per il resto della serata Long decide di sostituire Lawler con Coachman, nel frattempo reintegrato nella WWE. Lawler fa però il suo ritorno e sotto le minacce di Long riesce a commentare lo show con Coachman e Ross. Il 12 aprile Brian Christopher, figlio di Jerry Lawler, torna alla WWE durante una puntata di Raw. Sarà licenziato molto presto, il 10 maggio 2004.

Il 23 aprile, durante Mid-South Memphis Slam Jam, Lawler & Road Warrior Animal affrontano Money Mike & Bain in un match che si chiude con una doppia squalifica. Il 5 luglio, durante Raw, Lawler prende parte ad un gioco delle sedie musicali. Il tutto è organizzato dal “General Manager per una sera”, Eugene, ed il gioco è vinto da Chris Jericho. Il 10 luglio a “Throwback Night”, a Memphis, è protagonista di una grande serata di wrestling: con il figlio, Brian Christopher sconfigge i Sexy Assassins, Robert Gibson & Todd Morton e poi vince una Battle Royal. La serata si chiude con un match che vede Lawler e il suo rivale storico Jimmy Hart affrontare Kamala & Cory Macklin in un match che si chiude in no contest. Il 28 agosto a Memphis si svolge “Throwback Night II”: nel match principale dell’evento Terry Funk & Cory Macklin sconfiggono Jerry Lawler & Jimmy Hart, in un match in cui l’arbitro speciale è Jimmy Valiant. Il giorno dopo, in uno show della Lethal Attitude Wrestling, che si svolge a Dyresburg, Tennessee, Lawler e il figlio sono sconfitti da Dustin Starr & Derrick King.

Il 2 ottobre, in uno show della Renegades Rampage Professional Wrestling, Lawler & Al Snow sconfiggono D-Lo Brown & Chris Candido, in un match in cui l’arbitro speciale è Mick Foley. Il giorno dopo, alla New England Wrestling, Lawler sconfigge Slyk Wagner Brown, sempre con Mick Foley arbitro speciale. Il 16 ottobre, in uno show della USA Championship Wrestling, Lawler vince il suo match con Kid Kash. Il 30 ottobre, a Memphis, si disputa “Throwback Night III” e nel main event Corey Macklin, Stan Lane e Jackie Fargo sconfiggono i Rock’ n Roll Express & Jerry Lawler. Il 29 novembre, a Raw, Randy Orton, per l’occasione general manager per una sera, fa un regalo di compleanno a Jerry Lawler mandandolo contro Ric Flair in un match fra due leggende, che non si erano mai incontrate in quasi trent’anni di carriera. A vincere il "Legend vs Legend" match è Flair che fa cedere Lawler alla Figure Four Leg Lock aiutandosi con le corde.

Il 26 dicembre, è il momento di “Throwback Night IV”, in cui Lawler vince una Battle Royal ed i 50.000 dollari messi in palio. Nel match principale dell’evento, Corey Macklin & Eugene sconfiggono Lawler & Jimmy Hart in uno Steel Cage Match. Durante la puntata di Raw del 27 dicembre 2004 Lawler ha un diverbio con il wrestler arabo-americano Muhammad Hassan che da dall’infedele a Lawler dopo aver parlato dell’ipocrisia e dei pregiudizi degli americani contro gli arabi. Hassan ed iul suo accompagnatore Koshrow Daivari chiede un match di coppia contro Lawler e Ross a Eric Bischoff, che non glielo concede, sancendo invece una “tribuna politica” in cui Hassan e Lawler potranno chiarirsi. Il 3 gennaio 2005 si svolge un classico dibattito “all’americana”, moderato da Todd Grisham. I due arabi parlano di come siano guardati con timore negli Usa dopo l’11 settembre, la discussione degenera e Hassan colpisce Ross e Lawler, che vengono massacrati. Lawler viene quindi portato in ospedale ma prima riesce ad ottenere un match contro Hassan al PPV New Year's Revolution. Il 9 gennaio 2005, a San Juan, Puerto Rico, Jim Ross è all’angolo di Jerry Lawler, mentre Hassan è accompagnato da Daivari: Hassan sconfigge Lawler in un match noiosissimo, giocando sporco.

Lawler continua a lavorare come telecronista per la WWE e come wrestler in parecchie federazioni indipendenti per tutto il 2005, il 2006 ed il 2007. L'8 agosto 2005 a Raw intervista Shawn Michaels e Hulk Hogan e subisce un superkick da parte di HBK. Nel mese di novembre 2005 la WWE sostituisce il suo partner di commento quando Jim Ross viene rimpiazzato da Joey Styles. Il 2 gennaio 2006 a Raw Gregory Helms se la prende con Lawler, reo di fare commenti negativi sul suo conto e lo sfida ad un match. Sei sere dopo, a WWE New Year's Revolution Helms perde contro Lawler e cinque giorni dopo The Coach batte Jerry in un match di qualificazione per la Royal Rumble grazie all'aiuto della Spirit Squad.

Il primo maggio 2006 a Raw Lawler litiga con Joey Styles, che quindi lascia Raw prendendosela proprio con il suo ormai ex partner. Sette giorno dopo, alla postazione di commento torna il vecchio collega di Jerry, Jim Ross. Nelle settimane successive Lawler inizia un feud con il telecronista di Smackdown! Tazz ed i due finiscono per affrontarsi a ECW One Night Stand II: il match termina in pochi secondi a vantaggio di Tazz che imprigiona l'avversario in una letale Tazzmission. Lawler giustificherà la vergognosa disfatta affermando che la manovra utilizzata da Tazz era illegale. Il 24 giugno 2006 a Memphis Bill Dundee e Jerry Lawler si affontano per "festeggiare" il trentesimo anniversario del loro storico feud: a portare a casa la vittoria è Dundee.

Il 31 luglio 2005 a Raw Jerry viene schiaffeggiato da Randy Orton, che vuole fargli pagare il fatto che sette giorni prima lo aveva gettato nel ring in modo da gettarlo tra le braccia di Hulk Hogan. Lawler sfida allora Orton ad un match, che si svolge il 7 agosto e che vede Randy vincere colpendo l'avversario con un low-blow prima e con una RKO poi. A novembre Jerry inizia un mini-feud contro Chris Masters che lo vede vincente e che serve a rafforzare un altro feud, tra lo stesso Masters e Carlito. Jerry Lawler viene introdotto dalla star del cinema William Shatner nella WWE Hall Of Fame il giorno precedente a Wrestlemania 23, il 31 marzo 2007 a Detroit.

Nell’aprile del 2007 Lawler dovrebbe affrontare Hulk Hogan in un match della Memphis Wrestling, ma l’incontro viene cancellato dalla WWE. Nel mese di luglio Lawler inizia un feud con King Booker che gli chiede di abbandonare la gimmick del “re”. Il 30 luglio Lawler batte Booker, a Raw, per squalifica, ma sette giorni dopo è Booker a vincere un nuovo scontro, il cui perdente, secondo la stipulazione, la settimana successiva avrebbe dovuto “incoronare” il vincitore. Il 13 agosto, però, Lawler si rifiuta di incoronare il suo avversario perché, per diventare “re” avrebbe dovuto battere prima Triple H a Summerslam 2007.

Terminato il feud con King Booker, Lawler torna alla postazione di commento di Raw, ma a novembre ingaggia un breve faida con Santino Marella, che lo vede vincitore. Negli anni seguenti continua a lottare per le compagnie indipendenti e di tanto in tanto appare sul ring anche nella WWE per condurre qualche segmento di Raw, interferire in un match a favore dei face o, sporadicamente, lottare. Il 30 marzo 2008, ad esempio, a Wrestlemania 24, blocca Santino Marella che vuole interferire in un match tra le Divas. Oppure, il 20 luglio 2009 a Raw, affronta e batte The Brian Kendrick. Il 29 marzo 2010, invece, è uno dei “legend lumberjacks” nel match tra Christian e Ted DiBiase a Raw. Per il resto, continua normalmente la sua attività di commentatore di Raw, prima insieme a Jim Ross e poi con Michael Cole.

Nella puntata di Raw del 7 giugno 2010 Lawler viene attaccato brutalmente dai partecipanti di NXT, conosciuti in seguito come The Nexus. Dopo qualche settimana i Nexus intervengono nel momento in cui Lawler, Michael Hayes, Ricky Steamboat, Arn Anderson, Mike Rotunda e Dean Malenko celebravano la carriera di Steamboat, attaccando le leggende e lasciando Jerry incapace di continuare a commentare. Le settimane successive, Lawler riprende il posto al commento e nella puntata di Raw del 26 luglio combatte con Mark Henry, Goldust, Yoshi Tatsu, Evan Bourne e la Hart Dynasty (Tyson Kidd e Davey Hart Smith) in un tag team ad eliminazione contro i Nexus. Nel match, Lawler viene eliminato da Heath Slater.

Nell'episodio di Raw del 29 novembre, Jerry festeggia il suo sessantunesimo compleanno, sfidando The Miz per il titolo WWE. Miz inizialmente rifiuta, ma viene successivamente costretto dal GM di Raw anonimo ad accettare e sfidare Lawler in un TLC match per il titolo WWE. Il match è vinto da The Miz grazie all'aiuto del suo amico Alex Riley e di Michael Cole. Proprio con Michael Cole Jerry comincia una rivalità, visti i dissapori tra i due. Il GM anonimo di Raw, tuttavia, vieta contatto fisico tra i due e decide per il licenziamento di quello dei due che avesse assalito l’altro. Lawler continua quindi la sua rivalità con The Miz e nella puntata di Raw del 20 dicembre affianca Randy Orton e John Morrison sconfiggendo The Miz, Alex Riley e Sheamus in un 6-man tag team match con lo schienamento decisivo di Lawler su Miz.

Lawler e Miz si affrontano nuovamente la settimana successiva a Raw, e Jerry vince per countout grazie all'intervento di John Morrison. Più tardi nel corso della serata Miz attacca da dietro Lawler seduto a commentare lo show. Durante l'episodio di Raw del 10 gennaio 2011, Lawler affianca Orton contro The Miz e Alex Riley. Il match termina nuovamente a favore di Lawler ed Orton. A Raw, il 31 gennaio 2011, Lawler vince una 7-man Raw Rumble match eliminando per ultimo Sheamus e ottenendo la possibilità di affrontare il campione WWE The Miz al prossimo PPV Elimination Chamber 2011. Al PPV, Jerry viene sconfitto da The Miz.

Nel corso delle puntate di Raw successive Lawler si mostra stufo del comportamento di Michael Cole, dopo che quest'ultimo si è preso gioco della recente morte di sua madre. Lawler sfida così Michael Cole ad un match a Wrestlemania 27, ma Cole, in risposta, gli getta dell'acqua in faccia. Nella puntata di Raw del 28 febbraio, Cole accetta la sfida e annuncia che sarà il wrestler Jack Swagger ad allenarlo in vista dello scontro. Nelle settimane successive viene annunciato 'Stone Cold' Steve Austin come arbitro speciale del match tra i due. Nella puntata di Raw del 14 marzo, Cole porta il figlio di Lawler, Brian (conosciuto in WWE sotto il nome di Grand Master Sexay) per sputtanare il vero carattere di Jerry. Brian, nella storyline, dichiara che suo padre non è mai presente nel momento del bisogno, sgridandolo per non averlo mai menzionato al commento di nessuna puntata e vantandosi di aver lottato a Wrestlemania ben prima di suo padre e dicendo di vergognarsi di avere un padre del genere. Brian quindi da uno schiaffo al padre e Cole se la ride. Fa dunque il suo ritorno Jim Ross, che è in procinto di attaccare Cole ma viene fermato da Swagger, il quale attacca anche Lawler alle spalle e applica la sua Ankle Lock su JR. Jerry prova a fermare l'attacco, ma viene imprigionato anche lui nella Ankle Lock, per la felicità di Michael Cole.

A Wrestlemania 27 Lawler vince inizialmente il suo match contro Michael Cole, ma il GM anonimo di Raw cambia la decisione dell'arbitro Steve Austin, dando la vittoria a Cole per squalifica visto l'intervento fisico di Austin ai danni di Cole. Nel corso della puntata di Raw dell'11 aprile, Lawler annuncia che lui e Jim Ross affronteranno Michael Cole e Jack Swagger in un Country Whipping tag team match al PPV Extreme Rules 2011. Il match viene vinto da Cole e Swagger. Lawler sfida dunque il solo Michael Cole al PPV Over the Limit 2011, mettendo in palio il suo anello della Hall of Fame e promettendo di introdurre lui stesso Cole nella HOF in caso di sconfitta. Cole inizialmente rifiuta, ma Swagger accetta la proposta per lui nella stessa puntata. Ad Over the Limit, i due si affrontano in un Kiss my Foot match vinto da Lawler. A fine match, Jim Ross, Eve Torres e Bret Hart intervengono per aiutare Lawler a farsi baciare i piedi da Cole. In seguito al PPV, Cole si scusa con Lawler terminando la loro rivalità.

Lawler partecipa quindi al Royal Rumble match 2012 dell'omonimo PPV, venendo eliminato da Cody Rhodes, dopo aver comunque eliminato Michael Cole con l'aiuto di Booker T. Nell'episodio di Raw del 30 aprile 2012, Lawler affronta Daniel Bryan in un Beat the Clock challenge per determinare il nuovo sfidante al titolo WWE. Il match termina con la vittoria di Daniel Bryan. Il 9 luglio, a Raw, Lawler affronta nuovamente Michael Cole in un Wrestlemania 27 rematch, vinto inizialmente da Lawler, ma l'anonimo GM di Raw cambia nuovamente la decisione arbitrale e assegna la vittoria a Michael Cole per squalifica, visto l'intervento di Booker T ai danni di Michael Cole. Arriva dunque Santino Marella a rivelare chi è per davvero l'anonimo GM di Raw: Hornswoggle, sempre nascosto sotto il ring.

Durante l'episodio numero 1000 di Raw, Lawler commenta l'attacco di CM Punk ai danni di The Rock dicendo che Punk “sta voltando le spalle al WWE Universe”. CM Punk, dopo aver ottenuto il rifiuto di John Cena nel farsi definire 'il migliore al mondo', chiede a Lawler di dirlo, e dopo che quest'ultimo rifiuta, CM Punk lo sfida in un match nel corso della serata, che Punk vince in una gabbia d'acciaio. Nell'episodio di Raw del 3 settembre, Punk e Lawler si azzuffano le backstage, con Punk che colpisce duramente Lawler, costringendolo a ricorrere alle cure dei medici.

Nell'episodio di Raw del 10 settembre 2012, dopo aver partecipato ad un nuovo segmento con CM Punk, Lawler viene colpito da un infarto mentre è al tavolo di commento. Lawler viene sottoposto ad una rianimazione cardio-polmonare dai medici presenti nell'arena, che di fatto gli salvano la vita. I match rimanenti vengono commentati dal solo Michael Cole, il quale aggiorna i fan sulle condizioni di Lawler precisando di come non si tratti di storyline ma di realtà. Jerry viene sottoposto, nelle ore seguenti, ad un intervento di angioplastica coronarica per permettere la circolazione del sangue al cuore. Il 17 settembre, Lawler lascia l'ospedale di Montreal, dove si era svolta la puntata di Raw, e torna a Memphis dalla sua famiglia.

Il 12 novembre 2012 Jerry Lawler torna al commento e riceve una grandissima ovazione dal pubblico. CM Punk e Paul Heyman interrompono l'emozionante momento scherzandoci su e avvisando Jerry che la prossima volta che gli verrà in mente di affrontarlo, Punk lo porterà alla morte diretta. Da quel momento Lawler favorirà sempre gli avversari di Punk al commento. Perso il titolo WWE, Punk si riferirà anche a Lawler come un 'idiota' in uno dei suoi promo. Il 25 maggio 2013, Lawler torna a combattere dopo il suo attacco cardiaco per la Bang!, federazione indipendente del suo amico Dory Funk Jr.

Realizzazione a cura di Michele M. Ippolito e Tiziano Contessa

   

Questo sito non è in alcun modo affiliato con alcuna organizzazione professionistica.
I nomi dei programmi, dei lottatori e dei marchi WWE e TNA sono proprietà delle rispettive federazioni.
Copyright © 2017 - Tuttowrestling.Com - P. IVA n° 08331011000

TUTTOWRESTLING HOMEPAGE