Biografia di Owen Hart - TUTTOWRESTLING.COM -=Tutto Sul Mondo Del Pro Wrestling=-
 
TUTTOWRESTLING HOMEPAGE
 
USERNAME PASSWORD     RICORDAMI REGISTRATI
 
 26.5 EPW Live In Cinecittà World
 26.5 The Other Side
 25.5 Stamford Report
 25.5 WWE 205 Live Report
 25.5 TW Risponde
 24.5 WWE Smackdown Report
 23.5 WWE Raw Report
 
 



 
 
 


OWEN HART


Owen Hart era considerato da molti come uno dei migliori talenti nel mondo del wrestling, per la sua tecnica, agilità e le sue non indifferenti doti aeree. Pur essendo sempre stato sottovalutato nella WWF è riuscito ugualmente a togliersi innumerevoli soddisfazioni, tra cui le più importanti avute nel paese del Sol Levante. Owen era il più giovane dei figli del leggendario Stu Hart, il quale allenò personalmente il figlio nel Dungeon. Nel 1986 Owen era finalmente pronto per passare professionista, così fece il suo esordio nella Stampede Wrestling (federazione di suo padre); ma l'inizio non fu molto facile così decise di allenarsi ulteriormente per migliorare ancora di più il suo repertorio, lavorò con così tanto impegno da risultare il più promettente rookie che la storia della federazione abbia mai visto. Owen disputò grandi match nella Stampede ed ebbe anche un interessante feud con Mike Shaw (Bastion Booger). Dopo pochi mesi di permanenza nella federazione aveva già vinto il titolo di International Tag Team champion in coppia con Ben Bassarab sconfiggendo Duke Myers e Kerry Brown il 9 Agosto 1986 ad Edmonton. Owen inoltre vinse il titolo anche come singolo, infatti il 25 Ottobre dello stesso anno conquistò il British Commonwealth Mid Heavyweight Title a spese di Les Thornton. Il 19 gennaio 1987 vinse, nella finale del torneo contro Makhan Singh, il North American Heavyweight Title, titolo che perse undici giorni dopo sempre contro Singh, per poi rivincerlo il 10 Aprile.

Nel 1988 inizia la sua importante avventura giapponese nella New Japan Pro Wrestling. Il 27 Maggio Owen diventa il primo atleta occidentale a conquistare l'IWGP Junior Heavyweight Title, avendo sconfitto Hiroshi Hase a Sendai. Owen riesce a difendere il titolo fino al 24 Giugno, quando in un grandissimo match contro Shiro Koshinaka è costretto a lasciare la corona. Owen ritorna così negli USA, dove la WWF lo mette immediadamente sotto contratto. In questa nuova avventura è costretto a cambiare identità, infatti da vita al personaggio di Blue Blazer; pur non avendo cambiato di molto il suo modo di combattere rispetto all'esperienza giapponese, Owen non riesce a trovare un ruolo di rilievo nella federazione, tant'è vero che a WrestleMania V jobba contro Mr. Perfect, visto il trattamento avuto dopo poco tempo lascia la WWF. Nei due anni successivi cerca di farsi un pò di esperienza girando per Messico, Canada, Giappone ed Europa, ma anche (questo non lo sapevate) una brevissima permanenza nella WCW. In Messico Owen perde la maschera di Blue Blazer contro El Canek. Dopo essere stato smascherato ritorna nella WWF, dove forma la coppia chiamata New Foundation con Jim Neidhart; il team non durò a lungo perchè la coppia non riuscì mai a mettersi il mostra ad alti livelli (naturalmente la colpa non fu di Owen), visto anche il continuo confronto che si faceva con la più collaudata coppia Bret Hart & Jim Neidhart cioè la Hart Foundation. Così Neidhart lasciò la WWF, ed Owen decise di creare un nuova coppia con Koko B. Ware chiamata High Energy, ma anche loro due non ebbero successo, pur essendo molto spettacolari, e così anche a causa di un infortunio alla gamba di Owen la coppia si sciolse alla fine del 1992. Al suo ritorno sul ring lo ritroviamo con il soprannome di "The Rocket", cioè il razzo. Il 21 Giugno 1993, una volta passato alla USWA, conquista lo Unified World Heavyweight Title sconfiggendo Papa Shango, per poi perderlo due settimane dopo contro Jerry Lawler.

Subito dopo aver perso l'alloro, Owen torna alla WWF, e durante Survivor Series 1993, combatte in team con Bret, Bruce e Keith formando il gruppo Hart Family, i quali erano opposti al team formato da Shawn Michaels e tre cavalieri mascherati; il match si evolveva nettamente a favore degli Hart quando Owen venne colpito involontariamente da Bret provocando così l'eliminazione del primo. Alla fine la Hart Family vinse ugualmente il match, ma Owen non riusciva ad accettare il fatto di essere stato eliminato per "colpa" di Bret, da questo momento inizia un'ossessione per Owen, il quale non sopportava l'idea di restare all'ombra del fratello Bret. Owen era furioso con The Hitman, tanto da chiedergli di affrontarlo in un match, Bret rifiutò e cercò di far ragionare il fratello; alla fine ci riuscì tanto che i due decisero di formare un team, il quale ebbe un title-shot durante Royal Rumble 1994, contro gli allora campioni Quebecers; i fratelli persero il match per referee-stop quando Bret si infortunò alla gamba; Owen non ci vide più dalla rabbia e cominciò ad colpire Bret sulla gamba infortunata. Ora un match fra i due era inevitabile infatti, a Wrestlemania X, si trovano faccia a faccia, l'incontro fu molto tecnico e spettacolare, alla fine ebbe la meglio Owen, il quale però non potè gioire fino in fondo visto che nel main event del PPV Bret conquistò per la seconda volta il titolo del mondo, innescando in Owen ancor più gelosia. Owen voleva un'altro incontro con Bret, ma per avere questo avrebbe dovuto vincere il torneo King of the Ring. Owen si qualificò al torneo sconfiggendo Adam Bomb; nel primo round sconfisse Tatanka; in semifinale sconfisse, in un bellissimo incontro, 1-2-3 Kid utilizzando lo sharpshooter. In finale Owen si trovò di fronte Razor Ramon, il match fu molto difficile per Owen viste le qualità dell'avversario, così grazie all'aiuto di Jim Neidhart riuscì a sconfiggere Ramon diventando King of the Ring dell'edizione 1994. Subito dopo la vittoria Owen si autoproclamò anche King of Harts. Con la vittoria del torneo Owen aveva diritto ad un title-shot a SummerSlam, con stipulazione speciale infatti si trattò di uno Steel Cage Match, l'incontro fu molto appassionante con vari tentavi di entrambi i fratelli di uscire dalla gabbia, l'epilogo si ebbe quando tutti e due i wrestlers erano alla sommità della gabbia e Bret fece sbattere la testa di Owen contro di essa, quest'ultimo stordito incastrò un braccio fra le sbarre dando così l'occasione a Bret di uscire facilmente dalla gabbia e vincere l'incontro. The British Bulldog felice della vittoria di Bret andò subito ai bordi della gabbia per festeggiare, ma immediatamente Jim Neidhart lo attaccò mandandolo esamine al tappeto. Owen e Neidhart portarono di nuovo Bret all'interno della gabbia per malmenarlo, fino a che Bulldog ripresosi dall'attacco entrò anch'egli sul ring in aiuto del cognato. Successivamente Owen e Bret disputarono un Lumberjack match, dove Neidhart era uno dei lumberjacks, durante l'incontro The Anvil colpì Bret alle spalle consentendo ad Owen di effettuare lo schienamento sul fratello, Owen già festeggiava la conquista del titolo del mondo, quando un secondo arbitro ribaltò la decisione a favore di Bret. La guerra di famiglia terminò quando Jim Neidhart lasciò la federazione all'inizio del 1995. Owen intraprende così la carriera in tag prendendo come manager Jim Cornette, Owen ha subito l'opportunità di vincere il titolo di coppia WWF contro gli Smoking Gunns, a WrestleMania XI, dove avrebbe anche presentato il suo partner misterioso, che altro non sarebbe stato che Yokozuna. Owen e Yokozuna sconfissero i Gunns con relativa semplicità, e diventarono così i nuovi campioni di coppia WWF; Owen vince il suo primo titolo nella World Wrestling Federation. Owen e Yoko mantegono il titolo per circa sei mesi, per poi perderlo contro gli Smoking Gunns, ma in realtà il titolo lo avrebbero perso contro Diesel e Shawn Michaels durante In Your House 3 (24 Settembre 1995), ma il fatto che British Bulldog abbia sostituito Owen nell'incontro (anche se fu schienato Owen, che entrò a sorpresa durante il match), fece in modo che il titolo non passò di mano. Comunque una volta perso il titolo di coppia Yoko e Owen sciolsero il team per affrontare la carriera da singoli. Per il resto del 1995 e fino all'estate 1996, Owen jobba con le altre superstar della federazione. Durante una puntata di Monday Night Raw, Owen colpì Shawn Michaels con un calcio alla testa, questa mossa costrinse Michaels a stare lontano dal ring per alcune settimane. Allo Slammy Awards 1996, Owen vince uno Slammy per l'incidente con Michaels, dopo l'evento si definisce Slammy Award Winning Owen Hart.

Durante l'estate 1996 British Bulldog, che nel frattempo era diventato cliente di Jim Cornette dalla fine del 1995, e Owen decidono di formare un team consci che la loro squadra avrebbe avuto ottime possibilità di conquista del titolo. Infatti, il 22 Settembre 1996, durante In Your House 10, i due sconfissero gli Smoking Gunns e conquistarono il titolo di coppia, in questo match ci fu anche il cambio di manager per la coppia, che infatti lasciò Cornette per Clarence Mason. Con l'arrivo del nuovo manager e la conquista del titolo farebbero pensare ad una situazione di squadra ottima, ma non fu così infatti i primi contrasti fra i tre furono immediati e questa situazione faceva pensare che il team non sarebbe durato a lungo. Alla Royal Rumble 97, Owen elimina "accidentalmente" British Bulldog dalla rissa. Ma il peggio non era ancora arrivato, infatti Bulldog decise di licenziare Clarence Mason dopo aver perso un incontro con Crush (anche lui cliente di Mason). Owen cercò di far cambiare idea a Davey ma non ci fu verso. Nel Febbraio 1997, venne incoronato il primo WWF European Champion in un torneo disputrato in Germania. La finale vide opposti proprio Owen al suo compagno di coppia British Bulldog, il match naturalmente fu molto bello e decretò vincitore Davey Boy Smith. Nel 1997 Owen perde un'altra finale di un torneo, cioè quello disputato in Kuwait, dove perse contro Tiger Ali Singh. Allo Slammy Awards 1997, Owen "vinse" un'altro Slammy. La coppia campione del mondo continuò comunque ad essere in contrasto, e la tensione fra i due era evidente. Al Raw is War successivo a WrestleMania 13, Owen e Bulldog ebbero un match contro gli Headbangers per il titolo. Ne uscirono vincitori ma alla fine ebbero dei diverbi che spinsero Owen a chiedere un incontro per il titolo Europeo al Raw is War della settimana seguente, Bulldog accettò con piacere la sfida.

Come da programma quindi durante Raw is War ha luogo il match per il titolo Europeo fra Owen e British Bulldog. Il match iniziò in modo molto brutale, infatti Bulldog utilizzò una sedia d'acciaio per colpire Owen ancor prima che salisse sul ring. Bret Hart intervenne subito per dividere i due, cercando di fargli capire che la WWF e i fans americani stavano facendo ogni cosa in loro potere per distruggerli; e che fra di loro sarebbero dovuti andare daccordo ed unire le loro forze per combattere Steve Austin, la WWF e i fans americani. Naturalmente Owen e Davey accettarono di buon grado la proposta di Bret e così prese corpo la nuova Hart Foundation; nelle settimane successive si uniranno al gruppo anche Brian Pillman e Jim Neidhart. Due settimane dopo essere entrato a far parte della nuova gang Owen vince in modo pulito il titolo Intercontinentale contro Rocky Maivia (Raw is War, 28 Aprile 1997). Owen finalmente ha conquistato il suo primo titolo da singolo nella WWF. Il 26 Maggio 1997 (Raw is War) Owen e Davey perdono dopo ben otto mesi il titolo di coppia a favore dell'inedito team composto da Shawn Michaels e Steve Austin. In questo periodo Owen da comunque il meglio di sè sconfiggendo Goldust e HHH in un three way dance (Raw is War), ma a SummerSlam perde il titolo IC contro Steve Austin, che in quell'incontro si infortunò alla schiena, ed è proprio per questo motivo che il match finì in modo ridicolo con Stone Cold che schienò con una culla pietosa Owen Hart. Ma passano solo due mesi (5 Ottobre 1997) ed Owen riconquista il titolo Intercontinentale sconfiggendo Farooq (con l'aiuto di Steve Austin) nella finale del torneo per la riassegnazione del titolo reso vacante da Stone Cold per infortunio, durante il PPV In Your House 18 -Badd Blood. A Survivor Series Owen affronta nuovamente Austin ed anche questa volta ne esce sconfitto, in un match breve per via degli infortuni di entrambi i wrestlers. Ma Survivor Series dà un'altra delusione a Owen che vede il fratello Bret perdere in modo inverosimile (la storia la sapete già) contro Shawn Michaels il titolo del mondo, da questo momento Owen decide di stare lontano dal ring finchè non si fosse chiarita la storia fra Bret e il proprietario WWF Vince McMahon. Il suo ritorno avviene durante il PPV Degeneration X, circa un mese dopo Survivor Series, dove Owen attacca Shawn Michaels alla fine del main event contro Shamrock. A Raw is War, 26 Gennaio, Owen incontra HHH per il titolo Europeo, ma la Degeneration X, decide di non far entrare sul ring il vero HHH ma The Artist Formerly Known As Goldust camuffato da HHH pensando che se anche Goldust avesse perso contro Owen il titolo non avrebbe cambiato mano, naturalmente il match lo vinse Owen e grazie all'intervento del Commissioner WWF Slaughter riuscì anche a portare a casa la cintura di campione Europeo. Ma il suo regno durò poco visto che il vero HHH riconquista la cintura il 17 Marzo 1998, naturalmente grazie all'aiuto di Chyna che colpì Owen con una mazza da baseball infortunandolo alla gamba. A WrestleMania 14 Owen incontra di nuovo HHH nel tentativo di rivincere il titolo, ma anche per le precarie condizioni fisiche, infatti aveva subito un infortunio ai legamenti della caviglia destra in un incontro che lo vedeva opposto a Barry Windham, la sua sconfitta (nuovamente con la complicità di Chyna) in quel match era scontata. Nel Raw is War successivo al PPV In Your House 21 -Unforgiven-, Owen combatte in coppia con Ken Shamrock e si apprestava ad affrontare Rocky Maivia e Mark Henry, quando avviene il suo ritorno ad heel, infatti colpisce il suo partner Shamrock con un low blow ed applica su di lui lo Sharpshooter, Owen entrava ufficialmente nella Nation of Domination.

Nella NOD Owen ottiene subito un bel successo durante il PPV Over the Edge, dove risolve l'incontro fra la Nation e la Degeneration X eseguendo il Pedigree su Hunter Hearst Hemsley. Nelle settimane precedenti a King of the Ring, Owen e la Nation continuano ad affrontare la DX in diversi match. Il 22 Giugno durante Raw is War Owen perde il match di qualificazione a King of the Ring contro Dan Severn grazie all'intervento di X-Pac che lo colpì alla testa con una sedia, iniziando così una nuova rivalità con l'ex 1-2-3 Kid. A KOTR 1998 Owen affronta X-Pac in un Grudge Match dove ancora una volta ha la meglio il membro della DX, che per vincere il match ha usufruito del decisvo intervento di Chyna. La sera successiva affronta Ken Shamrock e HHH in un three way dance, il match lo vinse Shamrock, ma dopo la fine del match Owen ebbe comunque l'opportunità di infliggere una lezione a Shamrock chiudendolo in una figure four leglock massacrante. Il feud fra i due era ormai in pieno svolgimento, infatti si riincontrano all' In Your House 23 -Fully Loaded- dove si affrontarono in un submission match nella Hart Family Dungeon, con arbitro speciale Dan Severn. Il match fu molto bello con azioni rapide e ben eseguite, le fasi finali del match videro Owen afferrare da terra un manubrio per i pesi e colpire alla testa Shamrock lasciandolo esanime al tappeto. Quindi, proprio mentre Severn si sta riprendendo dal calcio accidentale subito dal fighter, Owen sottomise Shamrock, sempre incosciente, e raggirò Severn battendo lui stesso il braccio di Shamrock in segno di resa, Severn abbocca e decreta Owen Hart vincitore dell'incontro. Al Sunday Night Heat del 2 Agosto, Owen e Rocky Maivia sconfiggono il team composto da Kane e Mankind guadagnandosi così uno shot per il titolo WWF Tag Team, allora in possesso di Steve Austin e Undertaker. Il match ebbe luogo al Raw is War del 3 Agosto 1998, dove però i due wrestlers della NOD perdono l'incontro anche grazie agli interventi esterni di Kane e Mankind e dei New Age Outlaws. Il 10 Agosto, Owen avrebbe dovuto partecipare ad un Four Corners Tag Team Match per il titolo di coppia insieme a Maivia, ma un attacco di Ken Shamrock prima dell'inizio dell'incontro lo costrinse a non essere della partita. In questo periodo Owen lascia la Nation of Domination.

A SummerSlam 1998 Owen si trova di fronte ancora Shamrock in un Lion's Den Match, in pratica un match in cui il ring è simile allo stile UFC, Owen perde l'incontro per sottomissione pur essendo andato vicino alla vittoria quando riuscì a chiudere Shamrock in una chiave particolare insegnatagli da Dan Severn, che per l'occasione era presente a bordo ring come secondo di Owen; ma la fine del match sancì l'inizio di un nuovo feud per Owen visto che era stato Severn a gettare la spugna credendo che Owen volesse cedere. Durante Raw is War del 28 Settembre, Owen affronta proprio Severn, il quale nel subire un piledriver rimane immobilizzato al tappeto (naturalmente era solo un angle) tanto che i paramedici intervennero subito su Dan e lo portarono direttamente all'ospedale. Nella settimana successiva al match McMahon proibì ad Owen di utilizzare nuovamente il piledriver, sempre in questa settimana Owen "distrutto" per l'infortunio capitato a Severn decide di ritirarsi. Ma il 12 Ottobre a Raw is War, fa la sua ricomparsa sul ring nuovamente travestito da Blue Blazer, il suo intervento consistette nell'attaccare Steve Blackman e Ken Shamrock, fatto che si ripeterà frequentemente anche nelle settimane successive ma solamente contro Blackman, questo feud fu portato avanti per circa un mese e non fu mai molto apprezzato anche per i continui cambiamenti del wrestler che interpretava Blue Blazer (Owen, poi Steve Blackman e poi altri ancora). Il vero ritorno di Owen lo abbiamo il 13 Dicembre al PPV Rock Bottom dove affronta Steve Blackman, il match fu molto bello e con un tifo calorosissimo per Owen visto che il PPV si svolgeva in Canada, comunque per dovere di cronaca l'incontro lo vinse Blackman per countout, a parere di tutti una fine strana visto che Owen senza alcun motivo lasciò il ring per avviarsi verso gli spogliatoi facendosi contare fuori. Nel RIW successivo Blue Blazer intervenne in aiuto di Jarret che si trovava in difficoltà con Goldust, ma intervenne sul ring anche Blackman che smascherò Blazer, che altri non era che Owen, il quale si prese comunque una rivincita la sera stessa colpendo con la chittarra di Double J Steve Blackman. Owen e Jeff Jarrett (in seguito si fecero chiamare The Canadian Country) iniziano la loro collaborazione combattendo sempre più spesso in coppia, ed a dimostrare l'affiatamento dei due è l'incontro del 3 Gennaio dove sconfiggono i campioni di coppia Shamrock e Big Boss Man in un no-title match. Nel RIW successivo alla Royal Rumble 1999 Owen e JJ sconfiggono i New Age Outlaws e conquistano un title shot per il WWF Tag Team Title; una settimana dopo (25 Gennaio 1999) i due riescono a conquistare il titolo sconfiggendo Ken Shamrock e Big Boss Man, grazie all'aiuto di un uomo di colore (Koko B.Ware? Mo?) mascherato da Blue Blazer che colpì BossMan con una chitarra senza che l'arbitro se ne accorgesse permettendo così a Jarrett di schienare BossMan.

Una volta conquistato il titolo la coppia inizia a sfidare vari team riuscendo sempre ad uscirne vincitori (non è da dimenticare comunque il grandissimo aiuto della loro manageressa Debra McMichael che puntualmente in ogni incontro cercava di distrarre gli avversari dei suoi assistiti mostrando il suo prorompente fisico), durante il loro regno affrontano D-Lo Brown e Mark Henry (St. Valentine Day Massacre), HHH e X-Pac, i Too Much, i DOA e i Brood, con questi ultimi hanno sicuramente disputato gli incontri più spettacolari. Al Sunday Night Heat prima di WrestleMania XV, si disputa la battle royal fra coppie che avrebbe decretato gli sfidanti al titolo del mondo, i vincitori della rissa risultano essere D-Lo Brown e Test. Durante la serata del PPV Owen e Jeff Jarrett difendono le loro cinture contro i due inediti sfidanti. La sera successiva durante Raw is War si riconfermano campioni sconfiggendo la Legion of Doom, ma anche in questa occasione c'è voluta una scorrettezza per vincere l'incontro (Jarrett colpì alla testa Animal con la chitarra). Al Raw is War del 5 Aprile 1999, Kane e X-Pac sconfiggono Owen e Jarrett e conquistano il titolo di coppia; al Sunday Night Heat successivo Owen e Jeff hanno l'occassione per riappropriarsi delle cinture in un three way dance con i New Age Outlaws e i campioni X-Pac e Kane, ma il tentativo risultò vano visto che il match si risolse in breve tempo con lo schienamento di Gunn da parte di X-Pac. Il 12 Aprile, durante Raw is War, Owen e Jeff si scontrano contro gli Acolytes, ma il match fu solamente una rissa generale con gli altri membri della Ministry of Darkness, nel frattempo Undertaker cercò di sacrificare Debra, fortunatamente questo non accadde grazie all'intervento di Ken Shamrock. Jeff e Owen tentano in ogni modo di riappropriarsi delle cinture, tanto che al Sunday Night Heat del 18 Aprile, attaccano i campioni X-Pac e Kane cercando di creare una rivalità che avrebbe consentito loro di avere un incontro per il titolo. Il 25 Aprile al In Your House 28 -Backlash- Owen e Jarrett perdono l'occasione di avere un incontro per il titolo visto che perdono il Number One Contenders Match contro i New Age Outlaws. A questo punto i due wrestlers tentano ancora la strada da singoli, infatti a WWF Smackdown, il 29 Aprile, Owen, di nuovo sotto le vesti di Blue Blazer sconfigge Val Venis per schienamento. Nell'intervista successiva al match Owen disse che la WWF aveva bisogno di un eroe ed è per questo motivo che ha deciso di riprendere i panni di Blue Blazer. Ma nemmeno un mese dopo il suo ritorno da lottatore mascherato Owen scompare tragicamente durante il pay per view WWF Over The Edge 99 tenutosi il 23 Maggio a Kansas City, Missouri; la morte di Owen, è avvenuta in un modo assurdo ed inconcepibile, infatti sempre sotto le vesti di Blue Blazer avrebbe dovuto effettuare una sorta di entrata sul ring, stile supereroe (tipo quelle di Sting), nel match valido per il titolo Intercontinentale WWF che lo avrebbe visto opposto a Godfather. Owen si sarebbe dovuto calare, appeso ad un imbragatura, dalla sommità dell'arena fino all'interno del quadrato di gara. Inspiegabilmente l'imbragatura pare abbia ceduto ed il povero Owen è così precipitato da un altezza stimata di oltre 16 metri cadendo dapprima sulle corde, per poi rimbalzare all'interno del ring. Owen Hart è stato poi trasportato d'urgenza in ambulanza al Truman Medical Center di Kansas City dove però è giunto cadavere a causa di un arresto cardiaco. Questa morte ha scosso in modo incredibile il mondo del wrestling, e già nel Raw Is War successivo al PPV, la WWF (ma anche la WCW ha dimostrato rispetto facendo rintoccare tre volte il gong) ha dedicato l'intero show alla memoria del grande Owen, di certo non lo riporterà in vita comunque rimane un gesto molto bello e significativo. Owen Hart lascia la moglie Martha e i due figli di 10 e 7 anni.

Realizzazione a cura di Paolo & Andrea Lanati

   

Questo sito non è in alcun modo affiliato con alcuna organizzazione professionistica.
I nomi dei programmi, dei lottatori e dei marchi WWE e TNA sono proprietà delle rispettive federazioni.
Copyright © 2017 - Tuttowrestling.Com - P. IVA n° 08331011000

TUTTOWRESTLING HOMEPAGE