Biografia di Bobby Roode - TUTTOWRESTLING.COM -=Tutto Sul Mondo Del Pro Wrestling=-
 
TUTTOWRESTLING HOMEPAGE
 
USERNAME PASSWORD     RICORDAMI REGISTRATI
 
 28.6 WWE Smackdown Report
 27.6 BEST IN THE WORLD REPORT
 27.6 WWE Raw Report
 28.6 TW Web Radio
 26.6 Wrestling Cafe
 25.6 WWE Planet
 25.6 Sala Stampa
 
 





 
 
 


BOBBY ROODE


Robert F. Roode nasce il 1 gennaio del 1977 a Peterborough, Ontario, Canada. La sua storia nelpro wrestling comincia verso la fine degli anni ’90, quando inizia gli allenamenti nella sua città natale, alla corte di Sean Morley e Shane Sewell. Dopo un anno di addestramento, lotta il suo primo match nel mese di giugno del 1998. Per l’occasione, adotta il ring name di “Total” Lee Awesome e combatte contro Pete Rock. In seguito lotta per diverse promotion indipendenti canadesi, oltre che a fare alcune apparizioni nella più famosa World Wrestling Council, celebre federazione portoricana. Nel 2001 inizia a lavorare per la Real Action Wrestling, dove forma una stable heel conosciuta come “The Cenardinal Sinners”, insieme a Kingman (Peter Smith) e Mike Hughes.

Nel frattempo, Robert effettua una serie di apparizioni per la World Wrestling Entertainment nei primi anni del Duemila, dove lotta numerosi dark match. In particolare, sono degni di nota quello del 18 marzo 2002, dove in coppia con Kingman affronta Billy Kidman e Tommy Dreamer, e quello del 3 di novembre dove affronta i Three-Minute Warning (Jamal e Rosey), insieme a Mark Maraculi. Compare poi nella puntata di Saturday Night Heat del 2 marzo 2003, perdendo contro Al Snow. Pochi mesi più tardi, combatte a Velocity contro Sean O’Haire, perdendo. Il periodo di Roode in WWE continua su questa falsariga fino all’inverno del 2003, quando perde contro Orlando Jordan e ritorna a combattere per le indies canadesi. Nel maggio del 2004, viene ingaggiato dalla Total Nonstop Action Wrestling, su consiglio di Scott D’Amore.

Sebbene sotto contratto con la TNA, Bobby continua a prendere parte a vari eventi indipendenti nel suo paese natale, in particolare quelli della Blood Sweat and Ears e della Border City Wrestling (il cui owner è proprio Scott D’Amore). Durante questo periodo, si riunirà a Kingman e Hughes nel loro “Wrestling Reality”, show trasmesso sul Fight Network. A causa delle obbligazioni contrattuali con la TNA, però, Roode non comparirà mai negli episodi. Il debutto nella promotion di Dixie Carter avviene come membro del Team Canada. Prende parte alla World X-Cup, che viene però vinta dal Team USA. La sua stable rivaleggerà poi con i 3Live Kru e gli America’s Most Wanted. In quanto membro più grosso e più potente del Team, Roode agisce come l’enforcer del gruppo. Roode si fa chiamare “The Canadian Enforcer”, ed inizia a presentarsi sul ring in vesti raffinate, sullo stile reso popolare dai Four Horsemen e da Rick Rude negli anni ’80. Agli inizi del 2005, inizia una rivalità con Dustin Rhodes, che culmina al PPV Lockdown in un best of three falls Steel Cage match, in cui l’ultimo incontro viene disputato da entrambi con una benda sugli occhi.

Si tiene poi impegnato fino all’estate in rivalità minori, prima con Lance Hoyt e i Naturals. Dopo una vittoria contro Jeff Hardy al PPV Unbreakable nel mese di settembre, Bobby e il Team Canada continuano la loro faida con i 3Live Kru. A Final Resolution, la carriera in singolo del primo Bobby Roode prende il via, sebbene egli sia ancora parte del Team Canada, sconfiggendo Ron Killings. Cinque mesi dopo, nella puntata di TNA Impact del 29 giugno il Management Director della TNA, Jim Cornette, costringe la stable di Roode a sciogliersi, dando però loro un’ultima chance di rimanere uniti, ma solo in caso di vittoria nel loro incontro con Jay Lethal, Rhino e il Team 3D. Il Team Canada perde, e la stable è costretta a sciogliersi una volta per tutte. Dopo la definitiva rottura della stable, Bobby inizia a riferirsi a se stesso come “il miglior free agent TNA”. La compagnia inizia a realizzare segmenti in cui vari manager della TNA come Simon Diamond, Jim Mitchell e Shane Douglas si dicono interessati ad averlo come cliente, ma alla fine Roode li rifiuta tutti. Altri segmenti vengono trasmessi, in cui il canadese effettua colloqui a grandi manager del passato, come Bobby “The Brain” Heenan, Col. Robert Parker e Sherri Martel.

Nell’autunno del 2006, a Bound For Glory, rivela il suo manager: Traci Brooks. Cambia anche gimmick ,adottando quella di un broker di Wall Street. Si rivolge alla sua manager col nome di “Ms.Brooks” e con l’appellativo di “Chief Executive Offender” (CEO). Il suo primo feud dopo il cambiamento di character è con Eric Young, poiché Roode si dice contrariato del fatto che i fan non tifino per lui, bensì per Young. Dopo che EY sconfigge la Brooks in un bikini contest, chiede alla stessa di ingaggiarlo nella “Robert Roode Inc.” Durante il pay-per-view Against All Odds 2007, Traci convince Young a firmare il contratto e Bobby inizia a controllarlo dandogli degli ordini. Young, comunque, inizia a ribellarsi, seguendo i consigli di un “amico misterioso”.

A Lockdown 2007, Roode affronta Petey Williams, poiché ritenuto l’amico misterioso di EY. Nonostante Young cerchi di aiutare Williams, il match viene vinto da Roode. La settimana seguente, Eric rivela che Williams non era in realtà chi Roode pensava fosse, e il suo “capo” gli dà una settimana di tempo per rivelarglielo. L’amico misterioso di Eric si scopre essere Jeff Jarrett. Double J e Roode si affrontano quindi a Sacrifice, e Bobby vince. La lotta intestina tra i due membri della “Robert Roode Inc.” continua a Slammiversary 2007. Roode ottiene il conto di tre dopo aver colpito il suo sottoposto con una sediata. Mentre si accinge a licenziarlo, Jim Cornette ordina che il match venga fatto ripartire, e Young ottiene la vittoria, preservando il suo “posto” al fianco di Roode.

Bobby e la sua manager si uniscono poi alla Christian’s Coalition, per aiutarli nelle loro battaglie contro Sting e Abyss, e nel mese di luglio Mike Tenay annuncia che Roode si è ufficialmente unito alla stable. Alcune settimane dopo, Eric Young perde un match contro il Team 3D e il suo “capo” lo ricopre di catrame e di piume. Nella puntata di TNA Today del 7 agosto, Young sfida quindi Robert a uno “Humiliation Match” da disputarsi ad Hard Justice, in cui il perdente avrebbe dovuto essere ricoperto di catrame e piume. Roode vince, ma a finire incatramata è Ms. Brooks, mentre il suo cliente si limita a guardare senza far nulla. Dopo che lei lo interroga sulla sua lealtà, lui le si rivolge in malo modo, dando il via ad una storyline. Bobby rivaleggia con Kazarian, stufo di vedere Ms.Brooks maltrattata. I due si affrontano a No Surrender 2007 e a vincere è Roode. Ben presto, altri wrestler si rivelano solidali con Traci, fino a quando non viene rivelato che lei in realtà è alle dipendenze di Roode in quanto necessitava di soldi per la sua madre malata.

In seguito, il canadese prende parte al Fight for the Right Tournament, perdendo il match d’apertura contro Junior Fatu. In questo periodo, oltre a prendersela con Traci in modo anche maggiore, Roode inizia a dare segni di autentica misoginia nei confronti di altre donne, tra cui Karen Angle, Gail Kim e Sharmell. Dopo la sconfitta con Fatu, Traci reagisce agli abusi e ride quando Roode subisce la stinkface da Fatu. Nella puntata di Impact dell’8 novembre 2007, Traci si ribella finalmente a Bobby, spingendolo via ed impedendogli di attaccare Chris Harris. Robert forma poi una partnership con Christin Cage contro il nuovo arrivato in TNA. Booker T, dicendo che quelli come lui guadagnao subito il main event solo a causa del loro nome, a discapito dei vari talenti come lui. I due si alleano quindi con Kurt Angle, entrando nella Angle Alliance. Ciò dura soltanto una notte, poiché l’Alliance affronta, perdendo, il team formato da Samoa Joe, Kevin Nash, Kazarian, Booker T ed Eric Young. Cage e Roode hanno quindi un faccia a faccia sul ring, che termina con la cacciata di Cage dalla stable.

A Final Resolution 2008, Roode fa coppia con Ms.Brooks per affrontare Booker T e Sharmell. Dopo aver perso il match, Bobby completa il suo turn contro Traci, e mentre Sharmell cerca di tornare sul ring per fermarlo, Roode colpisce la moglie di Booker T. Mentre lo stesso Booker fa per aiutare la consorte, Bobby scappa dal ring e realizza di aver colpito la persona sbagliata. Nella puntata di Impact successiva al PPV, Roode licenzia Traci e cerca di colpirla, ma viene fermato da Jim Cornette. Successivamente, una donna precedentemente nota solo come “la fan numero 1 di Roode” attacca Traci e prende il suo posto al fianco di Bobby, rivelando il suo nome, Ms. Payton Banks. Il feud tra Bobby e Booker T continua. I due si affrontano ad Against
All Odds 2008, dove il canadese lascia il match e scappa in auto.

A Destination X, i due atleti prendono parte ad uno Stand By Your Man Strap match, in cui la manager dello sconfitto (Banks per Roode, e Brooks per Booker) avrebbe subito dieci frustate dalla manager del vincitore. Roode vince in maniera sporca, ma Sharmell ritorna e prende tutti a colpi di cinta, incluso Jim Cornette. La settimana seguente, ad Impact, Cornette sancisce un mixed tag match tra Sharmell e Booker T e Roode e Payton Banks. Il match viene vinto da Booker e Sharmell, dopodiché Bobby si rivolge in malo modo a Payton, ponendo fine alla loro alleanza. Nell’episodio di Impact del 12 giugno, Robert fa coppia con James Storm e insieme sfidano i LAX per i titoli di coppia. Roode e Storm vincono in maniera sporca, e il match viene fatto ripartire dopo che Hector Guerrero, manager dei LAX, informa l’arbitro della scorrettezza. I messicani vincono e sfidano i due avversari ad un Fan’s Revenge Lumberjack match a Victory Road. Roode e Storm iniziano a farsi chiamare “Beer Money Inc.”, con riferimento alle loro gimmick (Beer per Storm, Money per Bobby). A Victory Road, però, perdono a favore dei LAX.

La gloria è solo rimandata, poiché a Hard Justice 2008 i Beer Money vincono i titoli di coppia dai LAX dopo aver colpito Homicide con una bottiglia di birra. Continuano a difenderli con successo fino all’inizio del 2009, quando vengono sconfitti ad Impact dal team composto da Jay Lethal e Consequences Creed. Tre giorni dopo si tiene il PPV Genesis, e i Beer Money vincono nuovamente le cinture. Il secondo regno di Roode e Storm si interrompe poco dopo, a Lockdown, contro il Team 3D in un Philadelphia Strret Fight match, che vede in palio anche gli IWGP Tag Team Titles degli ex Dudleyz.

Il 21 di maggio 2009, Bobby e James passano tra le fila dei face, quando soccorrono il Team 3D dopo un attacco della British Invasion. A Sacrifice, i Beer Money sconfiggono gli inglesi diventando primi sfidanti ai titoli del Team 3D. Il match si disputa a Slammiversary, e Roode e Storm diventano campioni di coppia per la terza volta. Anche questo regno non è molto lungo, poiché perdono le cinture un mese dopo, a Victory Road 2009, contro Booker T e Scott Steiner della Main Event Mafia. I due team (MEM e Beer Money) incrociano poi le loro strade con il Team 3D e la British Invasion, impegnati anch’essi in una rivalità. Le lotte tra questi quattro team durano per tre mesi, con alterne vicende. Quando Hulk Hogan ed Eric Bischoff prendono de facto il controllo della TNA, però, le apparizioni televisive dei Beer Money iniziano a diminuire.

Al loro ritorno in pianta stabile negli show teletrasmessi, per la precisione l’8 marzo 2010, il team passa tra le fila degli heel attaccando Jeff Jarrett e diventando in seguito i mastini di Bischoff. A Destination X, sfidano il team composto da Matt Morgan ed Hernandez per i titoli di coppia, perdendo. A Lockdown fanno poi parte del Team Flair (insieme a Sting e Desmond Wolfe) ed affrontano nel classico Lethal lockdown match il Team Hogan (formato da Abyss, Jeff Jarrett, Rob Van Dam e Jeff Hardy). Il Team Flair viene sconfitto. Nella primavera dello stesso anno, i Beer Money hanno una breve faida con il team composto da Jeff Hardy e Mr.Anderson (The Enigmatic Assholes). I due team si sfidano a Slammiversary VIII, e Strom e Roode perdono ancora. Nella puntata di Impact successiva all’evento, Ric Flair, allora alleatosi con i Beer Money ed altri wrestler (AJ Styles, Desmond Wolfe e Kazarian), annuncia di voler riformare i Four Horsemen, stavolta con il nome di Fourtune.

Ognuno dei lottatori deve guadagnarsi il posto, e per farlo, i Beer Money devono diventare gli Ole Anderson e Tully Blanchard del gruppo. Dopo che i titoli di coppia vengono resi vacanti nel mese di giugno, i Beer Money entrano a far parte di un torneo atto a decretare gli avversari dei Motor City Machine Guns a Victory Road. Vincono il torneo sconfiggendo il Team 3d e gli Ink Inc., ma vengono sconfitti al PPV. Subito dopo Victory Road, i due team (Beer Money e Motor City Machine Guns) si affrontano in una serie di incontri al meglio dei cinque, per i titoli di coppia. James e Bobby vincono i primi due match, e ottengono così il posto in Fourtune. Nonostante macnhi loro una vittoria per diventare di nuovo campioni di coppia, non riescono ad ottenerla, e finiscono addirittura per perdere la serie 3-2.

Più tardi, quella stessa sera (12 agosto 2010) Flair aggiunge altre due persone al team, ovvero Douglas Williams e Matt Morgan, e la stable attacca EV 2.0 (un team composto da vecchie glorie della ECW). Nelle settimane precedenti a Bound For Glory 2010, il nome della stable diventa Fortune, visto che i membri sono molto aumentati. Al PPV, Fortune affronta EV 2.0 in un Lethal lockdown match, perdendo. Il giovedì seguente, Fortune si allea con la stable capitanata da Hogan e Bischoff, Immortal. A Turning point 2010, Fortune affronta e sconfigge EV 2.0 in un ten men tag team match, facendo licenziare un membro della stable avversaria, Sabu. Il mese successivo, i Beer Money diventano primi sfidanti ai titoli di coppia sconfiggendo gli Ink Inc. Il 9 gennaio 2011, a Genesis sconfiggono i Motor City Machine Guns vincendo gli allori di coppia per la quarta volta.

Durante le registrazioni di Impact del 31 gennaio, la Fortune passa tra le fila dei “buoni” attaccando la stable degli Immortals. Flair, però, tradisce la Fortune passando dalla parte di Hulk Hogan ed Eric Bischoff. Il 17 aprile 2011 a Lockdown, la Fortune sconfigge Immortal in un Lethal Lockdown match, concludendo la faida. Il 15 di maggio, durante il PPV Sacrifice, i Beer Money difendono con successo le cinture dall’assalto di Matt Hardy e il rientrante Chris Harris, ex partner di James Storrn negli America’s Most Wanted. La settimana seguente, Bobby viene infortunato da un pestaggio cinque contro uno da parte di Immortal. Bischoff fa per privare i Beer Money dei titoli, ma Alex Shelley (membro dei Motor City Machine Guns e privo di un partner, poiché Chris Sabin è anch’egli fermo), si offre di affiancare Storm nel match per i titoli di coppia di Slammiversary IX. Il match si tiene, e Storm e Shelley vincono.

Roode torna il 23 giugno, e per l’occasione affianca James Storm in un match contro Crimson e Matt Morgan, perdendo. Il 13 di luglio 2011, i Beer Money diventano i campioni di coppia più longevi della storia della TNA, scavalcando il precedente record di AJ Styles e Tomko del 2007. Il 7 agosto, ad Hardcore Justice, difendono i titoli contro la Mexican America, per poi perderli due settimane dopo ad Impact, sempre contro gli stessi avversari, interrompendo il loro regno a 212 giorni. Da giugno a settembre 2011, Bobby Roode è coinvolto nelle Bound For Glory Series, un torneo per decretare il primo sfidante al titolo mondiale, detenuto da Kurt Angle.

Roode riesce a vincere il torneo, e nelle settimane precedenti Bound For Glory viene
persuaso dal campione a sfidare tutti i suoi compagni di Fortune, settimana dopo settimana. Bobby sconfigge prima Kazarian, poi Styles e poi James Storm. Il 16 ottobre, però, fallisce l’occasione di vincere il titolo, perdendo contro Angle e recriminando con l’arbitro, reo di non aver notato il suo braccio sotto le corde.
Il giovedì successivo, scopre di non poter ottenere un altro match contro Angle per il titolo. L’opportunità va al suo compagno di tag team, James Storm, che riuscirà infine a diventare campione. Nella puntata seguente, Roode batte Samoa Joe, diventando primo sfidante al titolo. Il 3 di novembre, Bobby diventa nuovamente heel, sconfiggendo Storm dopo averlo colpito con la sua stessa bottiglia di birra.

I Beer Money sono sciolti e Roode è campione del mondo. Il 10 novembre, Storm ottiene il rematch per il titolo, ma viene attaccato nel backstage e perde copiosamente sangue, finendo per svenire a causa delle ferite riportate e permettendo a Bobby di mantenere il titolo. Dopo il match, AJ Styles, ex compagno di entrambi in Fortune, sfida Roode per la cintura. A Turning Point 2011, Roode difende il titolo con successo, vincendo in maniera sporca. I due si affrontano poi a Final Resolution, in un Iron Man match che termina in parità.

Le difese titolate di Roode lo vedono affrontare vari lottatori, da AJ Styles, a James Storm, passando per Sting. L’ex membro dei Beer Money riesce sempre a vincere, diventando così il campione del mondo più longevo della storia della compagnia. Il suo regno da record si interrompe dopo 256 giorni, quando Austin Aries lo sconfigge a Destination X, l’8 luglio 2012. I due si affrontano di nuovo ad Impact Wrestling del 19 luglio, ma il match termina in no contest quando entrambi vengono attaccati da una stable nota solo come Aces & Eights. Dopo un breve periodo di assenza, Bobby ritorna il 9 di settembre a No Surrender, costando al suo ex partner James Storm un match valevole per le semifinali delle Bound For Glory Series. Si scatena quindi una rivalità tra i due, che culmina a Bound For Glory 2012, dove Storm si prende la sua rivincita su Bobby.

L’11 novembre, a Turnig Point 2012, prende parte ad un incontro a tre valevole per il titolo di primo sfidante al massimo alloro. La stipulazione del match prevede che lo sconfitto non possa ottenere opportunità titolate fino a BFG 2013. Roode perde, ma è AJ Styles a venire schienato. Il vincitore è James Storm. Nella puntata successiva di Impact Wrestlig, Storm affronta Roode mettendo il palio la sua posizione di number one contender, e Roode vince il match. Il 6 dicembre si rivela come colui che ha pagato gli Aces & Eights per far sì che alla fine dello show, essi attaccassero il campione del mondo Jeff Hardy. Tre giorni dopo, a Final Resolution, fallisce la vittoria del titolo, poiché sia lui che Hardy vengono attaccati dagli Aces &Eights. La rivalità tra Roode e Hardy coinvolge anche Austin Aries, ossia quello che ha a sua volta pagato la stable per far sì che Roode non diventasse campione. La lotta a tre per la cintura termina a gennaio 2013, quando a Genesis, Jeff Hardy mantiene il titolo in un triple threat match.

Durante le successive registrazioni di Impact Wrestling nel Regno Unito, poi, Roode vince per la quinta volta i titoli di coppia, stavolta proprio insieme alla nemesi Austin Aries, sconfiggendo Chavo Guerrero ed Hernandez. La prima difesa titolata è il 10 marzo 2013 a Lockdown, dove vincono un three way match, a cui prendono parte anche gli ex campioni e i Bad Influence. Questo regno però dura poco, appena 76 giorni, poiché Roode ed Aries vengono sconfitti in un Two out of three falls match, proprio dagli ex detentori dei titoli, Chavo Guerrero ed Hernandez. Il 25 aprile tentano nuovamente l’assalto ai titoli, ma perdono dopo un’interferenza dei Bad Influence. Il 9 maggio 2013, Bobby ed Aries sfidano iBad Influence in un number one contender’s match, che termina in no contest dopo che l’arbitro speciale dell’incontro, James Storm, rifila il suo Last Call Superkick ad Aries e Daniels.

I due ottengono una nuova occasione di vincere gli allori di coppia, stavolta il 2 giugno a Slammiversary XI, in un fatal 4 way tag team match, che viene però vinto da James Storm e Gunner. Successivamente, Bobby prende parte alle BFG Series 2013 in qualità di ex vincitore del torneo. Inizia perdendo molti match (contro Jeff Hardy, Magnus e Austin Aries), ma poi forma un’alleanza con i Bad Influence e riprende a vincere, guadagnando numerosi punti. Roode, Kazarian e Daniels si fanno quindi chiamare EGO, e nonostante non riescano a realizzare il loro proposito di far vincere ad uno dei tre il torneo, rimangono impegnati in una rivalità con Magnus. Lottano anche in un gauntlet match, in cui lo stesso inglese elimina sia Kazarian che Daniels, prima di perdere contro Roode. Dopo questa vittoria, i tre organizzano una pseudo cerimonia di introduzione di Roode nella Hall of Fame TNA (prendendo in giro la reale introduzione di Kurt Angle).

Durante la “cerimonia”, proprio Angle fa il suo ritorno, attaccando gli EGO e sfidando Roode a Bound For Glory. Il match ha luogo il 20 ottobre 2013, e Roode vince, sfruttando a suo vantaggio un infortunio del campione olimpico. I due si affrontano di nuovo ad Impact Wrestling del 31 ottobre. Roode vince ancora, dopo che l’arbitro ferma il match a causa di un attacco di convulsioni violente che colpisce Angle. La rivalità tra i due prosegue nel corso di un torneo per decretare un nuovo campione del mondo, dove Roode costa il match a Kurt Angle, dopo essere stato anch’egli eliminato dalla competizione. Bobby sconfigge ancora Angle in un Two out of three falls match a Final Rrsolution, il 19 dicembre. La rivalità termina a Genesis, nel gennaio 2014, quando Angle batte finalmente Roode in uno Steel Cage match.

Dopo la sua faida con Angle, inizia ad avere numerosi contrasti con Dixie Carter, presidente TNA, lamentandosi di non aver ricevuto un’opportunità al titolo mondiale, malgrado l’abbia aiutata diverse volte nei suoi scopi. Il 20 febbraio, rivela di aver pensato di lasciare la TNA, dopo aver mutato opinione sulla Carter. Viene però dissuaso proprio da Dixie, che gli offre di capitanare il suo Team a Lockdown contro il Team MVP. In caso di vittoria, il 10% delle azioni TNA andranno a lui. Il 2 marzo 2014, Roode prende parte ad un evento della Wrestle-1, promotion giapponese affiliata alla TNA, insieme ad altri lottatori. Durante l’evento, tenutosi a Tokyo, perde contro Masakatsu Funaki. Il 9 marzo a Lockdown, il suo Team viene sconfitto dal Team MVP, dopo che l’arbitro speciale, Bully Ray, lo scaraventa contro un tavolo, permettendo ad MVP di vincere ed ottenere il controllo della TNA.

Ciò scatena una rivalità tra Roode e Ray, con i due che si attaccano reciprocamente in diverse occasioni. Il 9 maggio mostra segni di un possibile passaggio a face, dopo che si scambia complimenti reciproci con il campione del mondo Eric Young ed accetta di affrontarlo per il titolo quella stessa sera. MVP, però, vieta ai due di affrontarsi, poiché ha in mente uno sfidante speciale per EY a Slammiversary XII. Più tardi, quella sera, lo sfidante speciale del campione si scopre essere MVP stesso, che attacca brutalmente Young. Nella puntata di Impact Wrestling del 15 maggio, viene annunciato che Bobby è stato sospeso a tempo indeterminato da MVP.

A cura di Dario Rondanini

   

Questo sito non è in alcun modo affiliato con alcuna organizzazione professionistica.
I nomi dei programmi, dei lottatori e dei marchi WWE e TNA sono proprietà delle rispettive federazioni.
Copyright © 2017 - Tuttowrestling.Com - P. IVA n° 08331011000

TUTTOWRESTLING HOMEPAGE