Biografia di Paul Orndorff - TUTTOWRESTLING.COM -=Tutto Sul Mondo Del Pro Wrestling=-
 
TUTTOWRESTLING HOMEPAGE
 
USERNAME PASSWORD     RICORDAMI REGISTRATI
 
 22.9 Cero Miedo
 21.9 5 Star Frog Splash
 21.9 WWE 205 Live Report
 20.9 WWE Smackdown Report
 19.9 WWE Raw Report
 18.9 Wrestling Cafe
 20.9 TW Web Radio
 
 





 
 
 


PAUL ORNDORFF


Paul Parlette Orndorff, Jr nasce il 29 ottobre 1949 a Brandon, in Florida. Dopo un’ottima esperienza nel mondo del football americano, dove arriva addirittura ad un passo dal debutto in NFL, decide di allenarsi per diventare un pro wrestler. Comincia la sua carriera nel 1976 nella Mid-Southern Wrestling, dove comincia una rivalità con un giovane Jerry Lawler. Conquista il Mid-Southern Heavyweight Title proprio ai danni di Lawler sconfiggendolo il 7 giugno 1977, per poi perderlo contro 'The King' e abbandonare la federazione.

Comincia successivamente a lavorare nella NWA Tri-State dove comincia un feud con Ernie Ladd, con quest'ultimo che verrà sconfitto da Orndorff per il titolo assoluto NWA per ben due volte in una serie di match titolati (29 maggio 1978 e giugno 1978). Paul continua la sua esperienza in NWA confrontandosi con altre star come The Masked Superstar e comincia a farsi chiamare 'The Brandon Bull', un soprannome utilizzato durante la sua esperienza da giocatore di football americano. Orndorff conquista successivamente i titoli di coppia NWA insieme a Jimmy 'Superfly' Snuka, sconfiggendo Greg Valentine e Baron Von Raschke nel dicembre del 1978. Orndorff e Snuka mantengono i titoli per 5 mesi per poi perderli proprio contro Baron Van Raschke e il suo nuovo partner Paul Jones il 28 aprile 1978.

Orndorff comincia così a lottare nella Southeast Championship Wrestling in Alabama, dove lotta spesso in coppia con Dick Slater, arrivando a vincere i titoli di coppia NWA Southeast ai danni di Jimmy Golden e Norvell Austin nell'ottobre del 1979. Il loro regno dura solo un mese, dato che a sconfiggerli saranno Dennis Condrey e David Schults. Orndorff vincerà nuovamente i titoli di coppia insieme al suo ex rivale Norvell Austin alla fine del 1979, per poi perderli contro Dennis Condrey e Randy Rose a causa del tradimento di Norvell Austin, il quale forma i Midnight Express con i nuovi campioni di coppia. Orndorff lascia il territorio dell'Alabama nel 1980 per concentrarsi principalmente in quello del Mid-South, dove ha una rivalità con Ken Mantell che termina con successo. Orndorff guadagna anche una possibilità al titolo North American di Grappler, ma la sera del match non si sveglia in tempo (storyline) e viene sostituito da Jake 'The Snake' Roberts, il quale sfrutta al meglio l'occasione e vince il titolo.

Orndorff comincia così una rivalità con Jake 'The Snake' Roberts con conseguente heel turn per il muscoloso atleta americano, il quale vince così il titolo North American sconfiggendo Jake Roberts il 4 luglio 1981. Orndorff comincerà poi alcune rivalità con Ted DiBiase, JYD, Dusty Rhodes e Dick Murdoch sempre da campione assoluto, per poi perdere il titolo contro Ted DiBiase nel novembre del 1981. Non ottiene un re-match titolato per colpa del suo ex amico Bob Roop, il quale provoca dei danni alla macchina di Orndorff per non farlo arrivare all'evento e sostituirlo nel match (storyline). Orndorff compie così un face turn e comincia una rivalità con Roop per poi lasciare il territorio Mid-South.

Paul Orndorff riappare all'inizio del 1982 nella Georgia Championship Wrestling sfidando immediatamente l'NWA National Heavyweight Champion Buzz Sawyer. Il 20 giugno 1982 è il giorno della conquista dell'alloro. Durante l'estate rende però vacante il titolo per potersi concentrare sull'NWA World Champion, “The Nature Boy” Ric Flair. Fallisce più volte l'assalto al titolo, tornando sui suoi passi ed all'alloro reso vacante. Orndorff fallisce la conquista dell'NWA National Heavyweight Championship venendo sconfitto in un torneo da The Super Destroyer, il quale riesce a portare a casa la cintura. Il 19 agosto 1982 Orndorff batte The Super Destroyer riprendendosi il titolo. Successivamente avvengono una serie di scambi di titolo sia fra Orndorff e The Super Destroyer che fra Orndorff e The Masked Superstar. Uno dei contendenti alla cintura detenuta da Orndorff, Larry Zbyszko, paga 25.000 dollari Killer Tim Brooks per vincere il titolo al posto suo. Brooks batte così Orndorff, prendendo la cintura e consegnarla a Zbyszko. Il presidente della NWA, Bob Geigel invalida però la conquista della cintura da parte di Zbyszko e rende il titolo vacante.

Orndorff comincia poi a lottare nella New Japan Pro Wrestling nella quale è protagonista di due tour. Uno in aprile, durante il quale affronta Riki Choshu, Kengo Kimura e Akira Meda, e fa poi coppia con Ed Leslie per affrontare Seiji Sakaguchi ed Antonio Inoki. In ottobre partecipa al secondo tour, lottando in coppia con Big John Studd per affrontare Maeda e Sakaguchi ed infine Maeda in una serie di match singoli.

Paul Orndorff firma per la World Wrestling Federation alla fine del 1983 facendo il suo debutto nel programma “Championship Wrestling” nel novembre dello stesso anno. Inizialmente viene preso sotto l'ala protettiva di “Rowdy” Roddy Piper, al quale va attribuito il merito di aver coniato il soprannome che lo accompagnerà per tutto il resto della sua carriera: “Mr. Wonderful”. Il 23 gennaio 1984 è una data da ricordare per Paul Orndorff, in quanto fa il suo debutto al Madison Square Garden contro Salvatore Bellomo. Per tutti i fan di wrestling questa data invece rimarrà impressa come quella della Nascita dell'Hulkamania. Infatti, nel main event della stessa serata, Hulk Hogan vince il suo primo titolo mondiale WWF sconfiggendo The Iron Sheik. E proprio Orndorff, a meno di un mese dal debutto, riesce a sfidare Hogan per il titolo mondiale WWF, che però non riesce a conquistare. Nel frattempo Orndorff lotta con altri avversari, tra i quali il campione Intercontinentale dell'epoca, Tito Santana.

Successivamente, durante un famoso segmento del Piper's Pit fra Roddy Piper e Jimmy Snuka, con il primo che colpisce con una noce di cocco la testa del secondo, Orndorff fa sia da manager a Piper durante questa faida, sia il suo partner di coppia, affrontando lo stesso Snuka e The Tonga Kid. Alla fine del 1984 Roddy Piper assale la cantante Cindy Lauper, iniziando così una faida fra Piper ed Orndorff e la coppia formata da Hulk Hogan e Mr. T. Orndorff inizia dunque a prendere confidenza col Main Event, interferendo nel match fra Hulk Hogan e Roddy Piper di The War To Settle The Score. Nello stesso evento Orndorff sconfigge Tony Atlas. Tutto questo porta alla prima edizione di Wrestlemania, e per Orndorff al primo ed unico Main Event nella storia della competizione. Infatti Paul Orndorff e Roddy Piper, con al proprio angolo “Cowboy” Bob Orton, affrontano Hulk Hogan e Mr. T con al proprio angolo “Superfly” Jimmy Snuka. Orndorff non riesce a vincere il match e si prende anche lo schienamento decisivo a causa di un errore di Orton che, saltando dal paletto, colpisce col gesso che ne copriva l'avambraccio il povero Orndorff al posto di uno scaltro Hogan.

Dopo quanto accaduto, Orndorff, nel primo episodio di Saturday Night's Main Event, viene attaccato da Orton e Piper che lo accusano di essere stato l'anello debole del loro Team. Nella stessa serata, salva Hulk Hogan dall'assalto di Piper ed Orton e licenzia Bobby Heenan, nel frattempo diventato suo manager, compiendo un definitivo face turn. Hulk Hogan e Paul Orndorff cominciano a fare coppia insieme, affrontando Roddy Piper e Bob Orton in ogni parte del paese. Mentre Hogan difenderà il suo titolo contro vari avversari, Orndorff si concentrerà invece sulle sfide singole con Orton e Piper che però non avranno mai un chiaro vincitore. In più, l'ex Manager Bobby “The Brain” Heenan, con il dente avvelenato, mette una taglia su Orndorff affinché qualcuno lo possa infortunare. Partendo da una cifra di 25.000 dollari, Heenan arriva a mettere sul piatto addirittura 50.000 dollari che Roddy Piper tenta immediatamente di accaparrarsi cercando di infortunare Orndorff durante alcuni match. Neanche la presenza del leggendario Bruno Sammartino riesce a placare gli animi fra Piper e Orndorff che infatti continuano a darsele di santa ragione durante i match con Sammartino come arbitro speciale.

Piper ed Orton prendono dunque di mira Sammartino, il quale comincia a fare team con Paul Orndorff per affrontare il malvagio duo, con Orndorff che successivamente si avvale anche dell'aiuto di André The Giant ed altri wrestler per prendersi la giusta rivincita contro Piper ed Orton. Nel febbraio 1986, Heenan sfrutta un match fra Hogan e Don Muraco per far attaccare il Campione WWF da King Kong Bundy, che avrebbe portato allo Steel Cage Match nel main event di Wrestlemania 2, e Orndorff affronta nella stessa sera Don Muraco, in un match che si risolverà per Double Count-Out.

Dopo alcuni risultati negativi, Adrian Adonis, durante il suo talk show personale, il Flower's Shop, deride continuamente Orndorff definendolo Hulk Jr. Orndorff non prende bene queste accuse ed il fatto di essere un sottoposto di Hogan. Durante una telefonata in diretta, Orndorff chiama Hogan ma gli viene detto che lo stesso Hulk non può rispondere al telefono perché occupato ad allenarsi. Successivamente affronta insieme ad Hogan i Moondogs e durante il match dà poco spazio all’Hulkster lottando praticamente da solo e riuscendo ad ottenere lo schienamento vincente. La settimana successiva i due fanno nuovamente coppia per affrontare Big John Studd e King Kong Bundy, clienti di Bobby Heenan. Nel mezzo dell'incontro, Hogan ed Orndorff si scontrano e Paul cade fuori dal ring. Hogan rimane in balia degli avversari, visto che Orndorff non interviene adducendo al fatto di aver ricevuto un colpo in un occhio. Quando Studd e Bundy sono sul punto di avere la meglio su Hogan, Orndorff decide finalmente di intervenire a scacciare i due mastodontici atleti, per poi aiutare Hogan a rialzarsi, alzargli il braccio in segno di vittoria, e poi colpirlo con una clothesline e con il suo marchio di fabbrica: il Piledriver.

Incredibile heel turn dunque per Mr. Wonderful, il quale poco dopo tornerà sotto l'ala protettiva di Bobby Heenan. Comincia così un feud con Hulk Hogan, durante il quale non arrivano risultati chiari. Viene dunque annunciato per lo speciale Saturday Night's Main Event uno Steel Cage Match fra il Campione WWF Hulk Hogan e Paul Orndorff. Il match si conclude ancora una volta in maniera rocambolesca. Entrambi i lottatori escono dalla gabbia nello stesso momento, toccando il pavimento fuori dal ring in contemporanea. Il match viene fatto ripartire e finalmente abbiamo un vincitore: Hulk Hogan a seguito del suo Legdrop, grazie al quale riesce facilmente ad uscire dalla gabbia. Con questo incontro finisce un feud lungo circa sei mesi che è stato uno dei più famosi dell'epoca.

Purtroppo questo feud ha degli strascichi per Orndorff, il quale subisce un infortunio al braccio destro; Mr. Wonderful non accetta però di fermarsi e continua fino alla fine del feud con Hogan, senza alcuna operazione o riabilitazione. Subito dopo la fine della faida, Orndorff lotta sempre di meno e poi si ferma a causa dell'infortunio. Nel frattempo, al posto di Orndorff, nella scuderia di Bobby Heenan, la Heenan's Family, arriva “Ravishing” Rick Rude. Orndorff torna nella WWF per licenziare nuovamente Heenan ed iniziare un feud contro il suo nuovo protetto, per poi prendere come manager Oliver Humperdink. In uno dei suoi ultimi match degni di nota nella WWF, prende parte al match di eliminazione di Survivor Series il 26 Novembre 1987 insieme ad Hulk Hogan, Ken Patera, Don Muraco e Bam Bam Bigelow contro il Team formato da “Ravishing” Rick Rude, “The Natural” Butch Reed, King Kong Bundy, The One Man Gang ed il vincitore nonché unico sopravvissuto del suo team, André The Giant. Orndorff viene eliminato fra i primi a causa di un Roll-Up di Rick Rude.

All'inizio del 1988 Paul Orndorff si ritira a causa dell'infortunio al braccio. Manda avanti un'attività incentrata sul bowling mentre si spargono voci sulla sua morte. Invece Orndorff si è semplicemente preso del tempo per curarsi dall'infortunio al braccio ed al collo, non avendoli curati attentamente per molto tempo. Ricomincia ad allenarsi e torna ad avere un fisico per il quale si era guadagnato il soprannome di “Mr. Wonderful”. Il braccio destro di Orndorff ha però un visibile calo, essendo più piccolo e debole, a causa dell'intaccamento di un nervo durante l'operazione subita al collo. Nel 1990 torna sul ring per affrontare sulle scene indipendenti Kerry Von Erich in alcuni incontri. Nell'estate del 1990 firma per la World Championship Wrestling entrando immediatamente a far parte del gruppo denominato “Dudes With Attitudes”, che comprende lui, Sting, gli Steiner Brothers, The Junkyard Dog e Lex Luger. Questo gruppo aiuta Sting durante il suo feud con i Four Horsemen. A Clash of the Champions XI Orndorff batte Arn Anderson per poi battere ancora una volta Anderson, affiancato da Sid Vicious e Barry Windham, insieme a The Junkyard Dog ed El Gigante, in quel di Great American Bash 1990. Verso la fine dello stesso anno Orndorff lascia la WCW.

Dalla fine del 1990 torna nelle indipendenti, lottando in maniera particolare nella Universal Wrestling Federation di Herb Abrams. Lì ritrova amici e nemici dei tempi andati, tra i quali Jimmy Snuka, Don Muraco, i Killer Bees, Lou Albano e Bob Orton Jr., con il quale inizia una faida e al quale strappa lo UWF Southern States Championship il 22 Giugno 1992 che detiene fino al momento in cui lascia la federazione, regalando così il titolo di nuovo a Orton. Un anno prima partecipa anche al primo ed unico PPV della UWF, Beach Brawl, battendo in uno Strap Match Col. Debeers. Ma la faida meglio riuscita, tanto da essersi guadagnata l'appellativo di “Signature Feud” per la UWF, è quella fra Paul Orndorff e “Dr. Death” Steve Williams, il quale inizia la rivalità attaccando di sorpresa Orndorff per poi affrontarlo in molti eventi della federazione. Lascerà definitivamente la federazione all'inizio del 1993. Mentre milita nella UWF, lotta anche per la American Wrestling Federation battendo Stan Lane il 16 dicembre 1991 e diventando AWF Heavyweight Champion. Quando lascia la federazione nel febbraio 1992, Orndorff rende vacante il titolo. Diviene anche campione di coppia nella National Wrestling League insieme a Brian Blair.

Nel 1992 inizia lottare per l'appena nata Smoky Mountain Wrestling. Nella SWF Orndorff deve affrontare alcuni match preliminari per poter partecipare al torneo per l'assegnazione del titolo mondiale della federazione. Dopo aver battuto lottatori come Hector Guerrero, Tim Horner e Robert Gibson, Orndorff approda in finale dove perde però per squalifica contro Brian Lee, che vince match e cintura. Successivamente inizia una faida proprio contro Lee e Guerrero trovando un alleato in Dirty White Boy. Lee convince Ron Garvin a lottare con Orndorff, in una sfida pubblicizzata come il “Piledriver Match”, incontro vinto da Garvin. Orndorff viene poi licenziato per aver colpito un arbitro con il Piledriver in un attimo di nervosismo.

Alla fine del 1992 Paul Orndorff torna nella WCW ed nel gennaio 1993 inizia una faida con Cactus Jack con il quale si contende la nomina di prescelto del Manager Harley Race al posto dell'infortunato Rick Rude per Clash of The Champions. Durante l'incontro fra i due, Vader attacca Cactus Jack e permette ad Orndorff di vincere l'incontro ed il posto nel team di Race. Inizia dunque un feud con Cactus Jack che lo vede sconfitto sia in un Thunderdome Match che in un Falls Count Anywhere Match a SuperBrawl III. Dopo questa faida, Orndorff si concentra sul WCW World Television Championship che viene assegnato tramite un torneo a 16 lottatori. Battendo in successione 2 Cold Scorpio, Cactus Jack, Johnny B. Badd ed Erik Watts, Paul Orndorff riesce a vincere il suo primo titolo in WCW. Insieme all'ex nemico Rick Rude, allora Campione degli Stati Uniti, fa frequentemente coppia, come a Slamboree, PPV nel quale il duo vince contro Kensuke Sasaki e Dustin Rhodes.

Continua poi a difendere il titolo TV contro Marcus Alexander Bagwell, mettendo le gambe sopra le corde pur di mantenere l'alloro, dopo aver precedentemente rifiutato alcune sfide per la cintura contro lo stesso Bagwell e Ron Simmons. Orndorff e Rude danno poi l'assalto al titolo di coppia della federazione. Riesce a mantenere stretto il titolo TV dall'assalto di Johnny B. Badd, vincitore per squalifica a causa dell'interferenza di Maxx Payne. Dopo questo evento, Payne, Orndorff e Chris Benoit stipulano un'alleanza. Il 18 Agosto 1993, a Clash of The Champions XXIV, si conclude l'avventura come Campione Televisivo per Mr. Wonderful, il quale deve cedere la cintura a Ricky Steamboat. Durante l'inverno del 1993 tenta di riconquistare la cintura nelle mani di Steamboat, senza successo. E proprio adesso è il momento di abbandonare la carriera singola per concentrarsi in quella Tag Team.

Infatti, dopo aver lottato al PPV Battlebowl, Orndorff, insieme a “Stunning” Steve Austin lotta a WCW Saturday Night contro due membri dei Four Horsemen, Arn Anderson e Paul Roma. Durante l'incontro, Roma rimane indifferente nei riguardi del match e di Anderson. Ancora, Roma lotta insieme ad Erik Watts contro Austin ed Orndorff. Roma compie un heel turn attaccando Watts a tradimento, dichiarandosi il nuovo compagno di coppia di Paul Orndorff. Orndorff e Roma prendono con loro il manager Masked Assassin, che li guida alla vittoria contro Marcus Alexander Bagwell e 2 Cold Scorpio. Poco dopo i due separano le loro strade per concentrarsi nelle proprie carriere singole, finché non tornano a lottare insieme nel Maggio 1994. Senza Masked Assassin come Manager, i due tentano l'assalto ai titoli di coppia WCW detenuti da Cactus Jack e Kevin Sullivan. Durante un incontro fra questi ultimi ed i Nasty Boys, durante il quale mantengono le cinture, i Pretty Wonderful intervengono per assaltare i campioni con la stampella del fratello infortunato di Kevin Sullivan, Dave. I due prendono di mira sia Sullivan che Cactus Jack, per poi infierire anche sui Nasty Boys. Nascono così i Pretty Wonderful.

A Bash at the Beach 1994 i Pretty Wonderful vincono le cinture di coppia WCW sconfiggendo Kevin Sullivan e Cactus Jack, con quest'ultimo che viene schienato da Orndorff a causa di Paul Roma che tiene le gambe di Jack a terra, permettendo così a Mr. Wonderful di ottenere il pin vincente. Successivamente vengono sfidati dai Nasty Boys, che però non saranno in grado di strappar loro le cinture. Vengono dunque sfidati dagli Stars & Stripes (Marcus Alexander Bagwell e The Patriot) uscendo vincitori da Fall Brawl 1994, ma sconfitti la settimana successiva dallo stesso duo. Ad Halloween Havoc 1994 i Pretty Wonderful riescono a riprendersi le cinture dagli Stars & Stripes con Roma che colpisce Bagwell durante uno schienamento su Orndorff con un Flying Elbow Smash, dando così la possibilità ad Orndorff di chiudere il match e di riprendersi le cinture. L'ultima sfida fra le due coppie avviene a Clash of The Champions XXIX, in quanto gli Stars & Stripes ottengono l'ultima Title Shot alle cinture di coppia WCW ed anche una clausola secondo la quale in caso di sconfitta, The Patriot si sarebbe smascherato. Gli Stars & Stripes pareggiano con i Pretty Wonderful, schienandosi in contemporanea, ottenendo poi la vittoria secondo un successivo giudizio arbitrarle diventando quindi di nuovo campioni di coppia. I Pretty Wonderful, nelle settimane seguenti, non riescono più a riprendersi le cinture.

La coppia si sfalda quando Paul Roma viene allontanato dalla WCW e Paul Orndorff ritorna alle competizioni singole, mancando il successo a Slamboree contro The Great Muta in un match valido per l'IWGP Heavyweight Championship nelle mani dell'asiatico. Successivamente tenta di nuovo l'assalto al TV Title, sconfiggendo in un torneo Brian Pillman. Grazie a questo risultato, può affrontare il campione televisivo, The Renegade, a Bash at the Beach 1995. Paul Orndorff perde il confronto con il giovane wrestler, che lo batte anche nei match successivi. A questo punto Paul Orndorff comincia a perdere fiducia in se stesso e nelle sue capacità. Perdendo un incontro a WCW Worldwide contro Randy Savage, Orndorff continua a perdere sempre più la concentrazione e non riesce più ad essere quello di un tempo. Dopo l'ennesima sconfitta, Orndorff viene visitato da uno psichiatra che lo sprona a dovere, facendolo ritornare a credere in se stesso ed a ricordare che lui è “Mr. Wonderful”. Da questo punto in poi, Orndorff diventa ancora più arrogante di quanto non lo fosse mai stato prima e comincia a portarsi dietro uno specchio in qualsiasi posto andasse.

L'11 dicembre 1995, a Monday Nitro, Paul Orndorff viene deriso da Brian Pillman, membro dei Four Horsemen. Orndorff dice di rispettare Ric Flair ed Arn Anderson, ma non Brian Pillman. Aggiunge poi che lo stesso Pillman è nella stable a causa del rifiuto di Orndorff di entrare a far parte di essa. Flair ed Anderson tentarono di calmare Orndorff che però, avendo perso la pazienza, attacca Brian Pillman. A questo punto Flair ed Anderson prendono le difese di Pillman ed in tre contro uno massacrano il povero Orndorff, colpendolo con uno Spike Piledriver sul pavimento dell'arena. La WCW annuncia che Orndorff si è infortunato a causa dei colpi subiti e che la sua carriera in-ring fosse finita. In realtà Orndorff è costretto al ritiro a causa degli infortuni subiti nella WWF, che lo portarono all'atrofia muscolare di buona parte del corpo, del quale la parte destra fu completamente colpita.

Dopodiché comincia a lavorare come Road Agent e Trainer per i giovani prospetti messi sotto contratto dalla WCW. Torna a combattere durante Fall Brawl 2000 dalla parte dei Filthy Animals contro i Natural Born Thrillers, lottatori cresciuti nel Power Plant della WCW, centro d'allenamento curato, fra i tanti, dallo stesso Orndorff. Dopo aver eseguito uno Spike Piledriver, Orndorff rimane a terra, completamente fermo. Charles Robinson, l'arbitro del match, ferma l'incontro che verrà ripreso il giorno dopo a Nitro. Paul Orndorff, dopo quel PPV, non torna più a lottare sul ring. Orndorff, oltretutto, continua ad apparire come non-wrestler durante i vari programmi WCW, dando vita allo sfortunato gruppo degli Old Age Outlaws, che comprendeva pure Arn Anderson, Larry Zbyzsko e Terry Funk, che affronta l'nWo 2000.

Il 3 febbraio 2005 “Mr. Wonderful” Paul Orndorff viene annunciato come nuovo introdotto nella WWE Hall of Fame, insieme ad Iron Sheik, Nikolai Volkoff e “Cowboy” Bob Orton, ai quali si aggiungeranno poi “The Mouth of the South” Jimmy Hart, “Rowdy” Roddy Piper e Hulk Hogan. Il 2 Aprile 2005, all'Universal Amphitheatre di Los Angeles, California viene meritatamente introdotto nella WWE Hall of Fame da parte di Bobby “The Brain” Heenan con il quale esegue anche un divertente siparietto comico. Il 5 gennaio 2011 annuncia ad una radio di dover affrontare la battaglia più importante della sua vita: un tumore alla pelle. Non potendo fare alcuna operazione a causa del tipo di tumore, Orndorff non si scoraggia ed il 10 agosto dello stesso anno dichiara di essere libero dal cancro.

Orndorff appare in un siparietto con Hulk Hogan, Roddy Piper e Mr. T (protagonisti del primo main event della storia di Wrestlemania) nell’edizione numero 30 di Wrestlemania. Oggi Paul Orndorff vive a Fayetteville in Georgia, insieme a sua moglie Ronda Maxwell, con la quale ha dato alla luce Paul Orndorff III e Travis Orndorff, i quali, a loro volta, hanno riempito la vita di Paul Orndorff con ben otto nipoti.

A cura di Jacopo Mancino e Tiziano Contessa

   

Questo sito non è in alcun modo affiliato con alcuna organizzazione professionistica.
I nomi dei programmi, dei lottatori e dei marchi WWE e TNA sono proprietà delle rispettive federazioni.
Copyright © 2017 - Tuttowrestling.Com - P. IVA n° 08331011000

TUTTOWRESTLING HOMEPAGE