Biografia di Cesaro - TUTTOWRESTLING.COM -=Tutto Sul Mondo Del Pro Wrestling=-
 
TUTTOWRESTLING HOMEPAGE
 
USERNAME PASSWORD     RICORDAMI REGISTRATI
 
 28.7 Cero Miedo
 28.7 Lucha Underground Report
 27.7 Stamford Report
 27.7 5 Star Frog Splash
 26.7 WWE Smackdown Report
 25.7 WWE Raw Report
 24.7 BATTLEGROUND 2017 REPORT
 
 





 
 
 


CESARO


Claudio Castagnoli nasce il 27 dicembre 1980 a Lucerna, in Svizzera. Comincia ad allenarsi da giovane con SigMasta Rappo, anche lui svizzero, facendo il suo debutto nel pro wrestling il 24 dicembre 2000 ad Essen, in Germania, per la Westside Xtreme Wrestling (WXW). Castagnoli utilizza inizialmente una gimmick da giapponese, per poi diventare un bancario svizzero con Ares, in un tag team conosciuto come Swiss Money Holding. Lottando in Inghilterra, Claudio si allena anche con Dave Taylor. Conosce Chris Hero (conosciuto successivamente come Kassius Ohno) e Mike Quackenbush, i quali invitano i Swiss Money Holding ad esibirsi negli Stati Uniti.

Castagnoli lotta così in varie federazioni indipendenti come la IWA Mid-South e Chikara, allenandosi spesso con Chris Hero per poi ritornare in Europa. Nel 2004 ottiene il permesso di residenza degli USA e si trasferisce lì, cominciando a lottare in pianta stabile in Ring of Honor e Chikara. Castagnoli e Ares fanno il loro debutto in Chikara il 7 maggio 2003 nel Tag World Grand Prix '03 venendo eliminati dai SuperFriends (Chris Hero e Mike Quackenbush). L'anno successivo in Chikara cambia tag team partner e si allea con Arik Cannon, gruppo che viene rinforzato con l'aggiunta di Chris Hero (il quale tradisce Quackenbush) formando la stable dei Kings of Wrestling.

Cannon lascia la Chikara e Castagnoli e Hero continueranno a lottare in coppia formando uno dei tag team dominanti delle federazioni indipendenti. Nel 2004 entra anche a far parte della Combat Zone Wrestling (CZW) con Chris Hero, vincendo i titoli di coppia CZW con una vittoria sui Tough Crazy Bastards (Necro Butcher e Toby Klein). Castagnoli e Hero perdono i titoli contro Eddie Kingston e Joker ma li riconquistano dopo che Joker lascia la federazione. In finale battono Human Tornado e Justice Pain diventando per la seconda volta campioni di coppia CZW. In questo periodo i KOW (Kings of Wrestling) detengono i tre titoli delle federazioni indipendenti americane principali (Chikara, ROH e CZW).

I due vincono, infatti, anche il 2006 Tag World Grand Prix della Chikara, diventando campioni di coppia (Chikara Campeones de Parejas). Nel frattempo Castagnoli debutta anche in ROH, dove inizialmente ha una rivalità con Nigel McGuinness, vinta da quest'ultimo e lotta anche, sempre con Chris Hero, nel corso della 'CZW Invasion', in un evento promozionale tra le due federazioni indipendenti. Claudio si schiera inizialmente con il team ROH, ma poi decide di affiancarsi a Chris Hero, Super Dragon e Necro Butcher aiutandoli a sconfiggere il team ROH in un six-man tag team match che li vede contrapposti a Samoa Joe, BJ Whitmer e Adam Pearce. Il 15 giugno 2006, a Death Before Dishonor 4, il team ROH sconfigge il team CZW in un Cage of Death match terminando la rivalità. Claudio rimane comunque a lottare in ROH. Nei mesi seguenti conquistai anche i titoli di coppia con Chris Hero sconfiggendo Austin Aries e Roderick Strong a Glory By Honor V Night 2 il 16 settembre 2006.

Debutta anche nella Pro Wrestling Guerilla il 2 settembre 2006, dove perde contro Jack Evans nel torneo Battle of Los Angeles. Prova con Chris Hero a conquistare più volte i titoli di coppia PWG, ma fallisce contro i campioni Super Dragon e Davey Richards. I KOW perdono i titoli di coppia CZW contro i BLKOUT (Sabian e Robbie Mireno) e i titoli di coppia ROH a Dethroned, il 25 novembre 2006 contro Christopher Daniels e Matt Sydal. Nel novembre 2006 Castagnoli firma un contratto con la WWE, ma dopo un segmento nel backstage viene licenziato per motivi mai ben chiariti.

Claudio torna nelle indies, dove comincia ad affermarsi da singolo, data la vittoria del ROH's Race to the Top Tournament, un torneo da 16 uomini di due serate, in cui sconfigge in finale El Generico. Ottiene una possibilità al titolo assoluto ROH ma viene sconfitto da Brent Albright. Anche in Chikara il 16 febbraio 2007 Claudio comincia a lottare da singolo, utilizzando una maschera e facendosi chiamare "Very Mysterious Ice Cream", dei Los Ice Creams. Comincia così una rivalità con il suo ex compagno di tag team Chris Hero, con un match tra i due che prevede il ritorno dei KOW in caso di sconfitta di Castagnoli. Il match viene perso e i KOW si riuniscono, allargandosi in una super stable con Larry Sweeney e il Team FIST, e successivamente con Mitch Ryder, Max Boyer e Shayne Hawke. A Cibernetico & Robin, i KOW vincono l'annuale Torneo Cibernetico, con Castagnoli, Hero e Mitch Ryder come unici sopravvissuti. Il match prevede però un solo vincitore, e i tre sono costretti ad affrontarsi. Castagnoli costringe così Hero ad arrendersi, guadagnandosi la libertà dai KOW. Il 9 dicembre 2007, Castagnoli sconfigge Hero terminando la loro lunga rivalità.

In ROH Hero e Castagnoli si affrontano nuovamente a Rising Above, con la vittoria dello svizzero. I due sono rivali anche in PWG, con una serie di scontri tra i due. Il match finale lo si ha il 21 marzo 2008 con Castagnoli che sconfigge Hero in un grudge match. Nel 2008, Castagnoli ottiene numerose ed importanti vittorie in ROH, sconfiggendo Bryan Danielson e ricevendo una possibilità al titolo assoluto ROH contro Nigel McGuinness. I due si affrontano il 26 luglio in un match che vede McGuinness vittorioso. Hanno un rematch il 2 agosto, ma il campione riesce nuovamente a mantenere il titolo. Compie un turn heel attaccando Bryan Danielson in un 4-man elimination match, dando la vittoria a McGuinness. Da heel Castagnoli comincia a definirsi "Very European", entrando a far parte della stable “The Embassy” di Prince Nana e lottando più volte con Brent Albright.

In Chikara inizia intanto un feud con Brodie Lee, il quale viene sconfitto da Castagnoli nel primo steel cage match della storia della Chikara. A fine 2008 Castagnoli vince anche un 7 on 7 Global Gauntlet match dove i wrestler della Chikara affrontano i wrestler della BJPW in un evento interpromozionale. In Chikara Castagnoli entrerà nel King of Trios 2009, alleandosi con Bryan Danielson e Dave Taylor in quello che è il Team Uppercut. Il team avanza in finale, ma viene sconfitto da Team Fist (Icarius, Akuma e Chuck Taylor).

Claudio Comincia quindi una rivalità con Eddie Kingston, la cui squadra era stata eliminata da quella di Castagnoli durante il King of Trios. I due si affrontano il 24 maggio 2009 con la vittoria di Eddie Kingston. Si riaffrontano nella Young Lions Cup 2009 con la vittoria di Castagnoli per count-out e si affrontano per la resa dei conti il 22 novembre 2009. Claudio vince, ma Kingston lo attacca nuovamente dichiarando che lui e Chris Hero, suo ex compagno di tag team, non meritano rispetto. A fine show compie il suo ritorno Ares, ex compagno di coppia di Castagnoli in Svizzera, e i due compiono un turn heel attaccando Mike Quackenbush. Dopo aver sconfitto molti face, i due formano la stable dei Bruderschaft des Kreuzes insieme a Tursas, Pinkie Sanchez, Tim Donst, Sara del Rey e Daizee Haze. Ares, Tursas e Castagnoli vincono anche il King of Trios 2010 sconfiggendo in finale The Colony (Fire Ant, Soldier Ant e Green Ant). Claudio Ha la possibilità di diventare Chikara Grand Champion, ma viene sconfitto sia da Mike Quackenbush che, addirittura, da Sara del Rey, sua compagna di stable.

A fine 2009 Castagnoli torna ad allearsi con il suo storico tag team partner Chris Hero, attaccando i campioni di coppia ROH dei Briscoe Brothers. I due prendono anche Sara del Rey come loro aiutante. Il 2 aprile 2010 i due conquistano per la seconda volta i titoli di coppia ROH sconfiggendo i Briscoe Brothers all'evento “The Big Bang”. I due difendono con successo i titoli più volte, con una vittoria di rilievo sul Wrestling's Greatest Tag Team (Charlie Haas e Shelton Benjamin). A Final Battle 2010, i KOW terminando la loro rivalità con i Briscoe Brothers in un 6-men tag team match che vedeva coinvolti anche il padre dei Briscoe e Shane Hagadorn. Claudio perde il match ma non i titoli. Il primo aprile i KOW perdono i titoli di coppia contro il World's Greatest Tag Team dopo un regno di 363 giorni da campioni ed anche tutti i rematch.

Nel 2010 Castagnoli torna dopo qualche anno d’assenza in PWG, partecipando al torneo Battle of Los Angeles, nel quale elimina Ricochet e Roderick Strong, per poi venire sconfitto dal futuro vincitore Joey Ryan in semifinale. Riesce però ugualmente ad ottenere una possibilità per il titolo assoluto PWG e vince un fatal 4 way match che vedeva coinvolti anche Joey Ryan, Brandon Gatson e Chris Hero, diventando per la prima volta campione assoluto PWG. Castagnoli difende il titolo contro El Generico a WrestleReunion 5 del 29 gennaio 2011. Nel frattempo continua anche a lottare in coppia con Chris Hero. Il 9 aprile difende il titolo assoluto PWG contro Joey Ryan e il 27 maggio contro Chris Hero. Difende il titolo anche contro Low Ki. Il 23 luglio difende il titolo nuovamente contro Chris Hero. A fine match Claudio accetta una sfida di Kevin Steen che lo porta ad un match nel quale perde il titolo assoluto PWG dopo ben 287 giorni. Successivamente Castagnoli e Hero falliscono più volte alla conquista dei titoli di coppia PWG.

Nel settembre 2011, Castagnoli firma un contratto con la WWE, cominciando a lavorare nel suo settore di sviluppo, la Florida Championship Wrestling (FCW), utilizzando il nome di Antonio Cesaro. Fa il suo debutto in house show FCW il 17 settembre 2011 perdendo contro Seth Rollins. Il suo debutto televisivo in FCW coincide con una vittoria su Mike Dalton. Il 6 gennaio debutta in un house show WWE, lottando insieme a Michael McGillicutty in un match perso contro Alex Riley e Mason Ryan. Tre giorni dopo debutta anche nel dark match precedente alle registrazioni di WWE Superstars, in cui viene sconfitto da Alex Riley. Nel marzo 2012 Cesaro comincia una rivalità con Richie Steamboat per il titolo FCW 15. I due si affrontano in un match il 18 marzo con il titolo in palio ma che termina in parità. Cesaro lotta un altro dark match, stavolta precedente alle registrazioni di Smackdown, il 17 aprile, sconfiggendo the UK Kid.

Cesaro fa il suo debutto televisivo in WWE il 20 aprile 2012 a Smackdown, apparendo nel backstage in un segmento con Aksana e Teddy Long, assistente del Genereal Manager di Smackdown. Quest'ultimo andrà a parlare con il GM di Smackdown John Laurinaitis offrendogli un contratto. Nella storyline, Cesaro viene descritto come un poliglotta che ha fatto parte dell'esercito svizzero, per poi cominciare una carriera nel rugby, terminata successivamente per 'eccessiva aggressività'. La settimana successiva Cesaro sconfigge Tyson Kidd. Dopo una serie di vittorie, Cesaro sconfigge Santino Marella, campione degli Stati Uniti WWE, per ben due volte in un match senza titolo in palio.

Ottiene così una possibilità titolata a Summerslam 2013, nel pre-show, che Cesaro sfrutta al meglio sconfiggendo Santino e conquistando il titolo degli Stati Uniti WWE. Il 3 settembre, a Raw, Cesaro difende con successo il titolo contro Santino. A Night of Champions difende il titolo con successo anche contro Zack Ryder. Il 21 settembre termina la sua relazione con Aksana, che gli era stata affiancata fin dal suo esordio, dopo che una sua distrazione lo porta ad una sconfitta in un non-title match contro Santino Marella. La settimana successiva Cesaro batte nuovamente Santino conservando il titolo. Il 22 ottobre, a Raw, subisce una sconfitta contro Justin Gabriel in un non-title match e i due si affrontano quindi ad Hell in a Cell 2012, con un match titolato che termina con la vittoria di Cesaro.

Comincia quindi una rivalità con R-Truth, dopo che quest'ultimo aveva salvato Kofi Kingston da un attacco meschino di Cesaro dopo il loro match. Il 31 ottobre, a NXT, Cesaro difende con successo il suo titolo contro Tyson Kidd. Il 18 novembre, a Survivor Series 2012, Cesaro sconfigge R-Truth e conserva il titolo degli Stati Uniti WWE. La rivalità continua quando R-Truth sconfigge Cesaro in un non-title match in un episodio di Smackdown. Cesaro sconfiggerà poi R-Truth altre due volte, la prima a Raw del 3 dicembre 2012 (in un fatal 4-way match che vedeva coinvolti anche Kofi Kingston e Wade Barrett) e la seconda al PPV TLC 2012 in un match singolo, difendendo il titolo. Il 31 dicembre, a Raw, Cesaro sfida l'Hall of Famer WWE Sgt. Slaughter sconfiggendolo e mantenendo il titolo. Il 2 gennaio 2013 Cesaro sconfigge anche il gigante The Great Khali nella puntata di Main Event, mantenendo ancora una volta il titolo.

Lo svizzero comincia così una rivalità con The Miz, con quest'ultimo che difende l'America dagli insulti di Cesaro. Nel pre-show di Royal Rumble 2013, Cesaro sconfigge The Miz e mantiene il titolo degli Stati Uniti WWE. Sempre a Royal Rumble 2013, Cesaro entra nel match con il numero 22 e viene eliminato dal futuro vincitore John Cena. Cesaro continua la sua rivalità con The Miz il 17 febbraio ad Elimination Chamber 2013, dove Cesaro lo sconfigge per squalifica. Cesaro e Miz si affrontano quindi in un 2 out of 3 falls match il 1 marzo a Smackdown, dove Cesaro difende con successo il titolo. Il 21 marzo, nell'edizione di NXT Clash of Champions, Cesaro batte Adrian Neville e conserva il suo titolo.

Il 15 aprile, a Raw, Cesaro perde il suo titolo contro Kofi Kingston, terminando il suo regno da campione dopo 240 giorni, il quarto regno più lungo della storia del titolo in WWE. Cesaro riceve un rematch contro Kofi il 1 maggio a Main Event, ma viene nuovamente sconfitto. Dopo la perdita del titolo, Cesaro lotta vari match a Main Event, Raw, Smackdown e NXT. Mette anche su una rivalità con Sami Zayn a NXT con una serie di match tra i due vinti per la maggior parte da Cesaro. Il 17 giugno, a Raw, Cesaro viene rivelato come il secondo cliente del manager Zeb Colter, sconfiggendo William Regal ed entrando a far parte della 'Colter's Militia', stable di cui fa parte anche Jack Swagger.

Sia Cesaro che Swagger il 14 luglio partecipano al World Heavyweight Championship Money in the Bank Ladder Match ma è Damien Sandow a staccare la tanto ambita valigetta. Il 22 luglio a Raw, Daniel Bryan deve lottare in un Guantlet Match per dimostrare il suo valore come primo sfidante: sconfigge Jack Swagger poi è il turno di Cesaro,il quale viene sconfitto ma solo dopo un match spettacolare. Nel preshow di Night of Champions combattono un #1 contenders’Tag Team Turmoil Match ma vengono eliminate per ultimo dai Prime Time Players.
A Battleground 2013, i Real Americans (Cesaro & Swagger) ottengono una vittoria contro The Great Khali e Santino Marella e nelle successive puntate di Raw e Smackdown cadono sotto i loro colpi ancora Marella e Khali ma anche i Tons of Funk.
A Survivor Series, Cesaro e Swagger, in squadra con i tre membri di The Shield, sconfiggono il team con Rey Mysterio, Usos, Goldust e Cody Rhodes in un 5 vs 5 Survivor Series Elimination Match. Nella puntata di Smackdown del 6 dicembre i Real Americans perdono contro Big Show e Rey Mysterio e pochi giorni dopo a Raw, nella puntata dedicata agli Slammy Awards combattono assieme a Ryback e Curtis Axel perdendo contro Cody Rhodes, Goldust, Rey Mysterio e Big Show.

Dopo aver perso alcuni match in coppia con Jack Swagger contro gli Usos e il duo formato da Rey Mysterio e Big Show e dopo essere stato eliminato alla Royal Rumble per mano di Roman Reigns, Antonio Cesaro si guadagna un posto nell'Elimination Chamber dell'omonimo pay-per-view avendo la meglio su Dolph Ziggler a Smackdown. Il 14 febbraio 2014 è una data da ricordare per Cesaro, che sconfigge in un non-title match a Smackdown nientemeno che il WWE World Heavyweight Champion Randy Orton, ma poi non riesce a far suo il titolo mondiale a Elimination Chamber, quando viene eliminato da John Cena per sottomissione.

Cesaro colleziona una vittoria a NXT Arrival ai danni di Sami Zayn, ma soprattutto fa sua la prestigiosa Andre The Giant Memorial Battle Royal a Wrestlemania 30, eliminando Big Show nella fase finale, dopo che nel pre show non era riuscito, insieme a Jack Swagger, a conquistare i titoli di coppia in un fatal 4-way contro gli Usos, i RybAxel e Los Matadores. Ci sono parecchie tensioni con Jack Swagger a fine match, al punto che Cesaro viene imprigionato dal suo partner nella Patriot Lock, ma poi risponde con la stessa moneta eseguendo lo Cesaro Swing. La sera successiva a Raw, Cesaro prende definitivamente le distanze da Zeb Colter e da Jack Swagger, ed annuncia che il suo nuovo manager è Paul Heyman: inizia così una rincorsa al WWE United States Championship, con Cesaro che dopo un double countout nel primo match contro il campione Sheamus a Main Event, sconfigge poi il lottatore irlandese a Raw il 19 maggio.

A Payback c'è un ulteriore scontro con Sheamus e con il titolo degli Stati Uniti in palio, ma Cesaro viene battuto e vede interrompersi così la sua winning streak da quando ha Paul Heyman come manager. Il lottatore svizzero sposta poi le sue attenzioni verso il WWE World Heavyweight Championship, e riesce a qualificarsi per il ladder match di Money In The Bank avendo la meglio su Rob Van Dam, ma durante lo show Cesaro, che inizialmente pareva essere uno dei favoriti alla vittoria finale, non riesce a far suo il titolo mondiale. Sfortunatamente per Cesaro c'è una striscia di sconfitte consecutive all'angolo: prima Kofi Kingston, poi Big E, una eliminazione clamorosa da parte di Heath Slater durante una battle royal a Battleground per stabilire il nuovo campione intercontinentale ed ad altre sconfitte contro John Cena, il suo ex tag team partner Jack Swagger e infine Rob Van Dam durante il pre show di Summerslam. Cesaro prova a risalire la china e diventa il primo sfidante al titolo degli Stati Uniti battendo Rob Van Dam durante l'edizione di Raw del 25 agosto, avendo così un match titolato contro Sheamus a Night Of Champions, ma durante il match Cesaro viene sconfitto.

Cesaro vince una battle royal a Smackdown il 26 settembre e diventa il #1 contender al titolo intercontinentale, ma nella stessa sera non riesce a conquistare la cintura venendo sconfitto dal campione Dolph Ziggler. Cesaro non si da per vinto e intraprende una rivalità con Dolph Ziggler che lo porta ad avere un match non titolato durante l'edizione di Raw del 20 ottobre, in cui Cesaro ottiene la vittoria e un match titolato per Hell In A Cell, dove affronta Dolph Ziggler in un 2 Out Of 3 Falls valevole per il WWE Intercontinental Championship: l’incontro va molto male, infatti Cesaro perde per due a zero.

Realizzazione a cura di Tiziano Contessa e Lino Basso

   

Questo sito non è in alcun modo affiliato con alcuna organizzazione professionistica.
I nomi dei programmi, dei lottatori e dei marchi WWE e TNA sono proprietà delle rispettive federazioni.
Copyright © 2017 - Tuttowrestling.Com - P. IVA n° 08331011000

TUTTOWRESTLING HOMEPAGE