Biografia di Alberto Del Rio - TUTTOWRESTLING.COM -=Tutto Sul Mondo Del Pro Wrestling=-
 
TUTTOWRESTLING HOMEPAGE
 
USERNAME PASSWORD     RICORDAMI REGISTRATI
 
 26.7 WWE Smackdown Report
 25.7 WWE Raw Report
 24.7 BATTLEGROUND 2017 REPORT
 26.7 TW Web Radio
 23.7 Wrestling Cafe
 25.7 TW Web Radio
 24.7 WWE Main Event Report
 
 





 
 
 


ALBERTO DEL RIO


Alberto Rodríguez nasce il 25 maggio 1977 a San Luis de Potosì, in Messico. Figlio del luchardor Dos Caras, nipote di leggende del calibro di Mil Mascaras e Sicodelico, cugino di Sicodelico, Jr. e Hijo de Sicodelico, da giovane decide comunque di studiare e di combattere contemporaneamente, riuscendo anche a laurearsi in architettura. Nello stesso periodo si allena nella lotta greco-romana, riuscendo ad entrare nella squadra nazionale ed arrivando, nel 1997, terzo nella sua categoria ai mondiali giovanili che si tengono nella Repubblica Ceca. Rodriguez riesce anche a vincere per ben tre volte i Giochi dell’America Centrale e dei Carabi ed una volta ai Pan American Games. Avrebbe dovuto lottare nelle Olimpiadi di Sydney del 2000, ma per motivi economici il Messico non può inviare il suo team in Australia.

Deluso, Rodriguez abbandona il mondo della lotta greco-romana e diventa un professional wrestler, allenato per questo da suo madre. Con il nome di Dos Caras, jr. esordisce il 9 maggio del 2000 in uno show della AAA, salvando suo padre da un attacco di El Texano, Pirata Morgan ed Espectro, Jr. Lotta il suo primo match solo il 29 settembre 2000 nella AAA: insieme a Sangre Chicana, El Alebrije e La Parka, Jr. sconfigge Los Consagrados (El Texano, Pirata Morgan, Espectro, Jr. ed El Cobarde) a AAA Verano de Escándalo. Nelle settimane successive Rodriguez si reca in Gappone, poi torna in Messico e continua il suo feud contro Los Consegrados. Nel 2002 lotta di nuovo a Verano de Escandalo ed insieme a Gronda ed El Hijo del Solitario batte il trio composto da Pirata Morgan, Sangre Chicana ed El Brazo. Nel 2004 debutta anche nella Hustle, in Giappone, con il nome di Kamen Gold, lottando nel team dei Kamen Rangers, insieme a Kamen Red e Kamen Silver. Dal 2001 al 2010 si dà da fare anche come Mixed Martial Artist, lottando più volte in Giappone, in Messico ed in Honduras, vincendo contro avversari affermati ed ottenendo un palmarès di tutto rispetto con nove vittorie e cinque sconfitte nella sua carriera. Continua a lottare da “tecnico”, cioè da face, nella AAA anche negli anni seguenti, finchè nel 2005 passa alla rivale CMLL.

Dos Caras, jr. debutta nella CMLL nella prestigiosa Copa jr. ma il suo cammino si ferma davanti a Dr. Wagner jr. Ben presto si trova a combattere sia per il CMLL World Heavyweight Championship che per il CMLL World Light Heavyweight Championship, non riuscendo, però, a conquistare nessuno dei due. Il 31 marzo 2006 Dos Caras, jr. lotta di nuovo nella Copa Jr. e riesce a sconfiggere sia Dr. Wagner, jr. che Heavy Metal ed Apolo Dantes, arrivando in finale, dove affronta e sconfigge Héctor Garza, vincendo il titolo. Poco dopo Lizmark, jr. debutta nella CMLL e visto lui e Dos Caras, jr. avevano già lottato insieme in Giappone, la compagnia decide di farli diventare un tag team di figli di grandi luchadores del passato. Dos Caras, jr. ha anche dei fued con Ultimo Guerrero e Kenzo Suzuki ma resta impantanato nel midcarding della CMLL. Nel 2007 ha tre opportunità contro il CMLL World Heavyweight Champion Universo 2000: le prime due volte viene battuto, la terza porta a casa il titolo.

Tuttavia la CMLL non sembra di sapere cosa fare con lui, poiché nei mesi seguenti gli fa difendere la cintura raramente: solo quattro title match nei 533 giorni che Dos Caras, jr. detiene la cintura ed addirittura tra una difesa contro Universo 2000 e la successiva passano ben nove mesi. Nell’autunno del 2008 Rodriguez affronta un provino con la World Wrestling Entertainment, che gli offre un contratto. Quando, alcune settimane dopo, Dos Caras, jr. perde il suo titolo contro Ultimo Guerrero sembra evidente che stia per debuttare nella WWE, tuttavia il luchador decide di restare nella CMLL, che gli offre più soldi e firma un nuovo contratto quadriennale.

Dos Caras, jr. diventa poi “rudo” cioè un heel. Prima in maniera non chiara, quando comincia ad essere causa delle sconfitte dei team in cui lotta poiché si distrae, poi in maniera aperta, quando, l’11 aprile 2009 tradisce i suoi compagni e diventa il primo luchador della sua famiglia a lottare da “cattivo”. Subito dopo inizia un feud contro Shocker, che ha breve durata. Infatti il 18 giugno del 2009 Rodriguez conferma alla stampa messicana di aver firmato un contratto triennale con la WWE dopo aver rotto il suo accordo con la CMLL. Nelle settimane seguenti debutta nella FCW, federazione satellite della WWE, lottando contro Kris Logan con il nome di “Dos”. Nelle settimane seguenti cambia altri nomi, diventando Dorado, El Dorado, Alberto Banderas, finalmente un personaggio senza maschera. Subito dopo Wrestlemania, nel mese di aprile del 2010, viene aggregato al main roster della WWE, lottando in numerosi house show, lottando alternativamente con la maschera o senza. A maggio lotta con la WWE in Messico, lavorando con la sua maschera, con il nome di Dos Caras, jr. come face ed ottenendo una reazione strepitosa.

Il 25 giugno 2010 a Smackdown va in onda per la prima volta una vignetta che lancia un nuovo personaggio: Alberto Del Rio, Dos Caras, jr. senza maschera, che si presenta come un uomo facoltoso, intelligente e potente che vuole conquistare la WWE. Nelle settimane seguenti lotta in diversi dark match prima di Raw e Smackdown, finchè, il 20 agosto 2010 avviene il suo debutto sul ring, sconfiggendo per sottomissione nientemeno che Rey Mysterio. La settimana seguente, dopo che Kane ha sconfitto Rey Rey, Alberto appare per attaccarlo, massacrandolo, e poi sconfigge un jobber, Carlos Sanchez. Il 30 agosto 2010 Del Rio fa il suo debutto a Raw attaccando Evan Bourne. Alberto comincia quindi il suo primo feud, con Christian. I due hanno delle scaramucce per alcune settimane, poi il 24 settembre 2010 Del Rio attacca il suo avversario nel backstage, infortunandolo e mettendolo fuori gioco per diversi mesi.

Il primo ottobre 2010 a Smackdown Alberto Del Rio si scusa con un chihuahua che indossa una maschera di Rey Mysterio e lo bacia su una guancia finchè non arriva il vero Rey Rey che prova ad attaccare Del Rio, il quale scappa. Il 3 ottobre 2010 Del Rio debutta in pay-per-view effettuando un promo a WWE Hell in a Cell finchè non arriva Edge ad interromperlo. Cinque giorni dopo a Samckdown si tiene un grudge match tra Mysterio e Del Rio ed è il primo a vincere. Il 15 ottobre Del Rio batte Chris Masters e conquista un posto nel Team Smackdown per WWE Bragging Rights. Il 22 ottobre Del Rio batte John Morrison e due sere dopo, al pay-per-view il suo team batte quello di Raw, anche se Alberto non riesce ad arrivare fino alla fine, facendosi squalificare intenzionalmente parecchi minuti prima.

Il 29 ottobre 2010 a Smackdown Edge diventa primo sfidante al titolo mondiale battendo sia Del Rio che Mysterio. Sette giorni dopo un match tra Edge e Del Rio viene interrotto da The Nexus e viene, quindi, sancito un incontro per la stessa serata tra un Team Smackdown (composto da Edge, Kane, Del Rio, Kofi Kingston e Big Show) e The Nexus, che viene vinto da quest’ultimo. Il 12 novembre 2010 a Smackdown Del Rio batte Kofi Kingston per sottomissione, poi arriva Rey Mysterio a salvare Kingston da un attacco post-match. Il 15 novembre, a Raw, Del Rio batte Sgt. Slaughter, che deve essere salvato da MVP. Il 19 novembre, nuovo scontro tra Rey Rey ed Alberto, vinto dal primo per squalifica. Nella stessa sera si tiene una battle royal che vede protagonisti i membri del Team Rey Rey e del Team Del Rio, approntati in vista di WWE Survivor Series 2010, che vede vincitori i face ed unici sopravvissuti Rey Mysterio e Big Show. Il 21 novembre il Team Rey Rey vince a Survivor Series ed anche stavolta Mysterio e Big Show sono gli unici sopravvissuti.

Il 26 novembre 2010 Del Rio batte a Smackdown Big Show per count-out e si qualifica per il torneo King of the Ring. Nella stessa serata aiuta Cody Rhodes a sconfiggere Rey Rey, per farlo estromettere dalla competizione. Tre sere dopo, a Raw, Del Rio batte Daniel Bryan nel primo turno del torneo, ma in semifinale viene sconfitto da John Morrison. Il 7 dicembre 2010 Alberto Del Rio diviene il “pro” di Conor O’Brian a WWE NXT. Il 10 dicembre 2010 a Smackdown Rey Rey ed Edge battono Kane ed Alberto Del Rio. Sette giorni dopo Alberto aiuta The Miz a sconfiggere Mysterio. Del Rio si prepara, quindi, per un TLC match all’omonimo pay-per-view: pochi giorni prima dell’evento viene inserito nel quadro del titolo mondiale, che però non riesce a conquistare un 4-way match che vede Edge sconfiggere lo stesso Del Rio, Mysterio e Kane.
Del Rio punta, quindi, alla Royal Rumble 2011 proclamando che il suo destino è vincerla. Nel percorso continua ad offrire delle ottime prestazioni, come quella del 7 gennaio 2011 a Smackdown, quando batte Rey Mysterio in un best of 3 falls match. Tre giorni dopo Alberto è a Raw: sconfigge prima R-Truth, poi interrompe Shawn Michaels, a cui il pubblico tributa grandi onori per l’annuncio della sua introduzione nella WWE Hall of Fame. Shawn non gradisce l’intervento di Del Rio e senza dire una parola lo colpisce con un superkick al volto, mandandolo al tappeto. Il 14 gennaio 2011 a Smackdown Del Rio fa coppia con Cody Rhodes ma i due perdono contro Rey Mysterio e R-Truth e quattro giorni dopo Alberto assiste all’eliminazione del suo rookie Conor O’Brian da NXT.

Il 21 gennaio 2011 Del Rio sconfigge a Smackdown R-Truth, mentre tre giorni dopo, a Raw, insieme a King Sheamus, batte Mark Henry e John Morrison. Il 25 gennaio a NXT Del Rio torna ad avere un rookie, quando viene scelto da Brodus Clay, che abbandona così Ted DiBiase. Il 28 gennaio a Smackdown Del Rio e Kane vengono sconfitti da Kofi Kingston e Rey Mysterio. Due giorni dopo Alberto Del Rio va incontro al suo destino vincendo la Royal Rumble 2011, entrando come numero 38 ed eliminando per ultimo Santino Marella. Del Rio si guadagna, così, il diritto a lottare per uno dei due titoli mondiali a Wrestlemania e la sera dopo annuncia che sfiderà Edge per il World Heavyweight title.

Nelle settimane seguenti Del Rio si impegna in un feud con Kofi Kingston, che batte agevolmente a WWE Elimination Chamber e poi prosegue la sua Road to Wrestlemania: insieme a Brodus Clay ingaggia un feud con Edge e Christian che lo porta a scontrarsi allo “Showcase of Immortals” con la Rated R Superstar, il quale lo sconfigge, mantenendo il suo titolo. Due settimane dopo Wrestlemania, però, Edge è costretto a ritirarsi dal mondo del wrestling e ad Alberto viene data una nuova opportunità: sfidare Christian a WWE Extreme Rules per il titolo vacante. Il 25 aprile Del Rio viene spostato a Raw durante uno speciale draft e decide di voler portare la cintura con lui battendo Christian ma gli va male: è quest’ultimo, infatti, ad uscire vincitore dal ladder match disputato a WWE Extreme Rules, diventando per la prima volta campione del mondo nella WWE.

Del Rio punta, quindi, al titolo mondiale di Raw ma non riesce a diventare primo sfidante, poiché The Miz vince un first contender triple threat match il 9 maggio 2011, sconfiggendo sia Del Rio che Rey Mysterio. Lo stesso Mysterio batte Del Rio la settimana successiva per squalifica, mentre il 23 maggio inizia un feud con Big Show, che viene investito da una automobile guidata da Ricardo Rodriguez, l’annunciatore personale da Alberto. Del Rio e Big Show si scontrano il 19 giugno 2011 a WWE Capitol Punishment e l’incontro viene vinto da Del Rio per decisione arbitrale poiché Big Show non è riuscito a riprendersi dall’infortunio alla gamba subito nell’investimento. Il 27 giugno Del Rio batte ancora Big Show a Raw, stavolta in uno steel cage match, con l’aiuto di Mark Henry.

Sette giorno dopo Del Rio diventa primo sfidante per il titolo mondiale vincendo un triple threat match con R-Truth e Rey Mysterio, tuttavia l’annuncio del ritorno del precedente primo sfidante CM Punk, che era stato cacciato della compagnia, vanifica il suo sforzo. Partecipa al Money in the Bank ladder match di Raw durante l’omonimo pay-per-view e conquista un contratto per lottare per il titolo del mondo in qualsiasi momento durante i dodici mesi successivi: Vince McMahon gli chiede di giocarsi questa opportunità la sera stessa per sconfiggere il neocampione CM Punk, ma questi riesce a fuggire dall’arena ed il match non ha neppure inizio. CM Punk lascia, quindi, la WWE e Vince McMahon indice un torneo per decretare il nuovo campione mondiale, Del Rio vi partecipa ma viene sconfitto da Kofi Kingston al primo turno e viene eliminato.

Sette giorni dopo sconfigge Kingston in un rematch e nella seguente puntata di Raw Evan Bourne. Il 5 agosto affronta il rientrante CM Punk, non riuscendo a strappargli la cintura di campione. Il 12 agosto, invece, batte Daniel Bryan. Lotta a WWE Summerslam 2011 in team con R-Truth e The Miz ma il trio perde contro John Morrison, Kofi Kingston e Rey Mysterio. Al termine della serata, però, si laurea campione della WWE per la prima volta nella sua carriera, incassando il Money in the Bank dopo che CM Punk ha sconfitto John Cena nel main event ed è stato successivamente attaccato a tradimento da Kevin Nash. La sera successiva, a Raw, affronta la sua prima difesa: sconfigge il suo arcinemico Rey Mysterio ma poi viene sfidato da John Cena, che afferma di volergli strappare il titolo appena conquistato.

Poche settimane di schermaglie e Del Rio già perde la tanto agognata cintura: il 18 settembre 2011, a WWE Night of Champions, Alberto perde il WWE Championship contro Cena, tuttavia lo rivince il 2 ottobre a WWE Hell in a Cell, sconfiggendo non solo Cena ma anche CM Punk. Il 23 ottobre, a WWE Vengeance, Del Rio mantiene il suo titolo sconfiggendo Cena in un Last Man Standing match, grazie, però, alle interferenze di The Miz e R-Truth. Il 20 novembre 2011, a WWE Survivor Series, Del Rio viene battuto da CM Punk, che gli strappa il WWE Championship

Alberto sfida Punk in un rematch: il 28 novembre a Raw Del Rio viene sconfitto, però, nuovamente. Il 18 dicembre 2011, a TLC: Tables, Ladders & Chairs, Del Rio prova ancora a vincere ancora una volta la cintura in un Triple Threat TLC match, vinto da CM Punk, che vede impegnato anche The Miz. La sera successiva, a Raw, Alberto si infortuna ad un polso ed è costretto a farsi operare. Per lui ci sono alcune settimane di stop e torna in tv solo a febbraio per delle apparizioni negli show della WWE ma senza lottare. Il suo ritorno sul ring avviene solo ad aprile, quando sfida Sheamus, campione del mondo di Smackdown, sancendo il suo approdo allo “show blu”.

Lo scontro tra Del Rio e Sheamus avviene il 20 maggio a WWE Over the Limit, in un match a quattro a cui prendono parte anche Chris Jericho e Randy Orton e che Sheamus riesce a vincere. Cinque sere dopo, a Smackdown, Del Rio batte Kane e Randy Orton, diventando il nuovo primo sfidante al titolo di Sheamus. Il 5 giugno a Smackdown Alberto Del Rio si infortuna: i medici gli diagnosticano una commozione cerebrale, che lo costringe a stare qualche settimana lontano dal ring e soprattutto a rinunciare ad un nuovo match per il titolo a WWE No Way Out 2012. Alberto torna sul quadrato a Raw il 18 giugno, sconfiggendo facilmente lo U.S. champion Santino Marella.

Il 26 giugno prende parte ad un triple threat per il World Heavyweight Title in un match che vedeva coinvolti anche il campione Sheamus e Dolph Ziggler, senza vincere, poiché Sheamus aveva schienato lo show-off. Dopo di questo, il 2 luglio, Theodore Long annuncia che Del Rio avrà una title shot sempre il titolo del mondo dei pesi massimi a Money in the Bank, il 15 luglio. Alberto perde anche in quell’occasione. Il 16 luglio, vince a Raw contro Zack Ryder, venendo attaccato da un rientrante Rey Mysterio a fine match. Perde poi per squalifica nel successivo episodio di Smackdown in coppia con Dolph Ziggler contro Sheamus e Mysterio e perde nel millesimo episodio di Raw in un six men tag team match in squadra con Dolph Ziggler e Chris Jericho contro Sheamus, Sin Cara e Rey Mysterio.

Durante la puntata di Smackdown del 27 luglio, batte Daniel Bryan, Kane e Rey Mysterio in un fatal 4 way valevole per il posto di #1 Contender al World Heavyweight Title di Sheamus a Summerslam. Durante l’evento tenutosi il 19 agosto, però, il messicano subisce un’altra sconfitta, anche se a causa di un’irregolarità: Sheamus, infatti, lo schiena mentre sta tenendo un piede sulla terza corda. A nulla valgono le proteste fatte a fine match e negli show successivi. Nonostante tutto, il nuovo GM di Smackdown Booker T lo mette in un match per il posto di #1 contender contro Randy Orton, nel main event di Smackdown del 24 agosto. Del Rio sottomette sorprendentemente Orton e guadagna un match titolato a Night of Champions, il 16 settembre.

In preparazione di quel match, Del Rio si avvale dell’aiuto legale di David Otunga per dimostrare a Booker T la pericolosità del Brougue Kick di Sheamus. Il GM di Smackdown bandisce tale finisher allo scopo di evitare cause legali da parte del miliardario di San Luis Potosì. Ma poco prima che il World Heavyweight Championship match tra Sheamus e Alberto abbia luogo, ne permette nuovamente l’uso motivando tale scelta col fatto che il calcio alla testa non è veramente letale come Del Rio voleva dimostrare. Alberto perde ancora una volta contro l’irlandese.

Comincia così un'aspra rivalità con Randy Orton, con i due che hanno una rissa il 28 settembre a Smackdown. Del Rio ed Orton si scontrano ad Hell in a Cell e Randy emerge vittorioso. Orton prevale su Alberto anche in un Falls Count Anywhere match nell'episodio di Smackdown del 6 novembre. La rivalità continua un Traditional 5 on 5 elimination tag team match a Survivor Series 2012, in cui il team del messicano (con a capo Dolph Ziggler) termina sconfitto dal team di Orton (con a capo Mick Foley). I due terminano la rivalità nella successiva puntata di Raw, in cui Orton lo sconfigge in un Two Out of Three Falls match.

A TLC 2012 Del Rio compie un face turn salvando il suo amico Ricardo Rodriguez dell'attacco dei 3MB (Heath Slater, Drew McIntyre e Jinder Mahal), i quali, avevano preso di mira anche i commentatori in lingua spagnola a bordo ring. Proprio a TLC Del Rio combatte con The Miz e la leggenda Brooklyn Brawler sconfiggendo i 3MB in un six-man tag team match. La sera successiva, a Raw, Del Rio combatte con The Miz e Tommy Dreamer sconfiggendo nuovamente i 3MB.

Nella puntata di Smackdown del 28 dicembre, Ricardo Rodriguez, fedele amico di Del Rio, guadagna un match per il titolo del mondo dei pesi massimi contro il campione in carica The Big Show. Tuttavia Big Show mette KO Rodriguez nel backstage e Del Rio prende il suo posto. Il match termina in no contest per l'interferenza di Sheamus. Il 31 dicembre Big Show decide nuovamente di difendere il suo titolo contro Ricardo Rodriguez e durante il loro match Del Rio interviene attaccando il campione. L'8 gennaio 2013, nel corso dei tapings di Smackdown, il personaggio di Del Rio viene tramutato in quello di un "eroe dalle origini latine", sconfiggendo Big Show in un Last Man Standing match e diventando per il nuovo campione dei pesi massimi. Il messicano difende il titolo contro Big Show il 27 gennaio al PPV Royal Rumble 2013, nuovamente in un Last Man Standing match, e vince il match grazie all'aiuto di Ricardo Rodriguez che lega le gambe di Big Show alle corde con del nastro adesivo.

La rivalità si conclude con un nuovo match titolato ad Elimination Chamber 2013, il 17 febbraio, quando Del Rio sottomette Big Show alla cross armbreaker mantenendo il titolo. In seguito alla vittoria dello Smackdown Elimination Chamber è Jack Swagger la nuova minaccia al titolo del mondo dei pesi massimi di Del Rio. Swagger e il suo manager Zeb Colter hanno idee politiche molto rigide riguardo il trattamento degli immigrati in America e considerano Del Rio una minaccia al Paese. Il 18 marzo, a Raw, Swagger rompe inoltre la caviglia di Ricardo Rodriguez con la sua mossa finale di sottomissione, la “Patriot Act”. Del Rio continua così la sua rivalità con il "Real American" sconfiggendo per squalifica il suo manager Zeb Colter dopo che quest'ultimo ha cominciato ad attaccare il messicano con le stampelle di Ricardo Rodriguez. A Wrestlemania 29, Swagger e Del Rio si affrontano con il titolo del mondo dei pesi massimi in palio; a spuntarla è Alberto Del Rio, che sottomette Swagger mantenendo il titolo. La notte successiva a Raw, Del Rio sconfigge Swagger e Colter in un handicap match, venendo però attaccato brutalmente a fine match da Swagger; Del Rio rimane così debole e vulnerabile, e Dolph Ziggler ne approfitta utilizzando la sua valigetta del Money in the Bank togliendogli il titolo dopo pochi minuti.

Il regno da campione di Del Rio è durato 90 giorni. In seguito alla sconfitta subita, Del Rio continua la sua rivalità con Swagger e Ziggler. il 29 aprile, a Raw, Ricardo Rodriguez sconfigge Big E Langston e Zeb Colter dando la possibilità a Del Rio di scegliere la stipulazione del triple threat match per il titolo del mondo dei pesi massimi che avverrà ad Extreme Rules. Del Rio sceglie la stipulazione del Ladder match, ma Ziggler soffre una commozione cerebrale qualche settimana dopo e Teddy Long, assistente del GM di Smackdown Booker T, decide di comune accordo con Vickie Guerrero di rimuovere il match da Extreme Rules e di sostituirlo con un “I Quit match” tra Del Rio e Jack Swagger, con il vincitore che avrebbe affrontato il campione Dolph Ziggler in un match valido per il titolo del mondo dei pesi massimi. A vincere ad Extreme Rules è Del Rio. Con Swagger fuori dai giochi e con Ziggler infortunato, è Big E Langston a rappresentare una nuova minaccia per Del Rio, in attesa del ritorno di Dolph Ziggler. Big E Langston e Del Rio si affrontano ben 5 volte tra i mesi di maggio e giugno 2013, con il risultato di 3 incontri a 2 a favore del messicano.

Il 16 giugno a Payback, Del Rio ha finalmente l’occasione per riprendersi il World Heavyweight Championship e non si fa scappare l’opportunità: bersagliando continuamente la testa di Ziggler, reduce da una commozione cerebrale, il messicano ottiene vittoria e titolo. A Money in the Bank 2014 mantiene il titolo sconfiggendo Ziggler per squalifica dopo che AJ,fidanzata di Ziggler e Divas champion, colpisce Del Rio con la cintura delle Divas. Il giorno successivo a Raw,AJ è ancora la causa della definitiva sconfitta di Ziggler nei confronti di Del Rio.

Dopo aver perso un non-title match contro Christian, il messicano è costretto a difendere il titolo proprio contro il canadese: a Summerslam è Del Rio ad uscire dal palazzetto con la cintura alla vita. Nelle settimane successive, Del Rio ha degli screzi con il manager-maggiordomo Ricardo Rodriguez; quest’ultimo passa dalla parte di Rob Van Dam e lo aiuta a sconfiggere Del Rio e guadagnarsi un match titolato. A Night of Champions, il messicano mantiene la cintura facendosi squalificare e 2 settimane dopo a Battleground sconfigge RVD via sottomissione in un Hardcore Match. La sera successiva a Raw, Vickie Guerrero annuncia che Del Rio dovrà difendere la cintura contro John Cena. Ad Hell in a Cell Del Rio non resiste all’assalto di Cena ed è costretto a cedere il titolo dopo 133 giorni. Il messicano ottiene ovviamente il rematch titolato ma anche a Survivor Series deve arrendersi al bostoniano.

Dopo la perdita del World Heavyweight Championship, per Alberto Del Rio inizia un periodo molto buio: viene sconfitto due volte consecutive da Sin Cara ad inizio anno. Alla Royal Rumble entra con il numero 27, ma viene presto eliminato dal rientrante Batista (vincitore poi della Rumble). Dopo varie settimane di confronti faccia a faccia e attacchi a fine match, Del Rio e Batista si affrontano ad Elimination Chamber ma è The Animal ad avere la meglio. A Wrestlemania XXX, Del Rio partecipa alla Andre The Giant Memorial Battle Royal arrivando a giocarsi la vittoria assieme a Big Show, Cesaro (che vince poi la contesa) e Sheamus. E’ proprio l’irlandese ad eliminare Del Rio nel finale. Alberto viene poi impegnato in feud minori e prova anche un assalto al titolo intercontinentale, con scarsi risultati. Il 5 maggio 2014 viene sconfitto dal campione mondiale Daniel Bryan a Raw.

Michele M. Ippolito, Matteo Soldo e Tiziano Contessa

   

Questo sito non è in alcun modo affiliato con alcuna organizzazione professionistica.
I nomi dei programmi, dei lottatori e dei marchi WWE e TNA sono proprietà delle rispettive federazioni.
Copyright © 2017 - Tuttowrestling.Com - P. IVA n° 08331011000

TUTTOWRESTLING HOMEPAGE