Biografia di Finlay - TUTTOWRESTLING.COM -=Tutto Sul Mondo Del Pro Wrestling=-
 
TUTTOWRESTLING HOMEPAGE
 
USERNAME PASSWORD     RICORDAMI REGISTRATI
 
 27.5 5 Star Frog Splash
 26.5 EPW Live In Cinecittà World
 26.5 The Other Side
 25.5 Stamford Report
 25.5 WWE 205 Live Report
 25.5 TW Risponde
 24.5 WWE Smackdown Report
 
 



 
 
 


FINLAY


Dave “Fit” Finlay nasce Belfast, in Irlanda del Nord, il 20 ottobre 1958 ed è allenato da Ted Betley, artifice dell’inizio della carriera di "The British Bulldog" Davey Boy Smith e the Dynamite Kid. Fa il suo debutto in Irlanda, ma si trasferisce presto in Gran Bretagna, dove si fa accompagnare dal ring dalla sua prima moglie, che opera come sua manager, Princess Paula. La prima vittoria di rilievo di Finlay è datata giugno 1982, quando batte Kilby, vincendo il British Heavy Middleweight Championship. I due wrestlers hanno un lungo feud e tra il 1982 ed il 1983 vincono e perdono più volte il titolo dall’altro. Subito dopo la fine di questa rivalità, Finlay ne comincia uno per la versione Britannica del World Mid-Heavyweight Title, dove affronta numerose volte Marty Jones, a cui strappa il titolo e a cui lo rende numerose volte. I due lottano spesso anche per conquistare il British Light Heavyweight Title.

Nel febbraio del 1990 Finlay sconfigge Tony St. Clair vincendo il British Heavyweight Title. Finlay lo difende vittoriosamente per quasi anno, quando poi lo perde contro Dave Taylor. Finlay lotta poi insieme al suo vecchio arcinemico Marty Jones, insieme al quale vince i CWA Tag Team Titles battendo St. Clair e Miles Zrno. Qualche mese dopo saranno Zrno e Franz Schumann a strappare le cinture al duo britannico. Schumann e Finlay danno poi vita ad un feud per il CWA Middleweight Title. Alla fine, quando per Finlay arriverà la chiamata dagli Usa, il lottatore irlandese avrà vinto ben 16 titoli tra la Gran Bretagna e la Germania.

Nel 1995 Finlay, con il nome “the Belfast Bruiser” debutta nella World Championship Wrestling, dove però è relegate al ruolo di lowcarder. The Bruiser ha il suo feud più importante contro l’inglese Lord Steven Regal, che affronta ad Uncensored 1996 in un match da cui Regal esce fuori con un naso rotto e perdente per squalifica a causa di una una interferenza dei Blue Bloods. Il feud tra i due termina poco dopo e Finlay torna a lottare solo negli show minori, dove riprende il vecchio nome di David “Fit” Finlay. Finlay partecipa a World War III 1997, ma viene ben presto eliminato dalla battle royal con sessanta atleti.

Per mesi e mesi Finlay è solo un comprimario nella WCW, finchè non gli viene data l’opportunità di lottare per il WCW World Television Title, detenuto da Booker T, che era impegnato in un intenso feud contro Chris Benoit. Il 4 maggio 1998, durante Monday Nitro, Finlay si giova di una interferenza di Benoit per schienare Booker e vincere la cintura. Finlay e Benoit si affrontano a Slamboree 1998, ma è Booker T ad intervenire, stavolta, a svantaggio di Benoit, permettendo a Finlay di riportare a casa la cintura. Mentre Chris Benoit e Booker T lottano in una serie di sette match per stabilire chi sia il primo sfidante al titolo, Finlay continua a difendere vittoriosamente la cintura a Nitro. A Great American Bash 1998 è Booker T a vincere la serie di sette match e poi a schienare, nel suo secondo match della serata, Finlay, riconquistando la cintura. Poco dopo, Finlay torna nel lowcarding.

Ad Halloween Havoc 1998 Finlay viene sconfitto dal tedesco Alex Wright. A Starrcade Finlay lotta in coppia con Jerry Flynn contro i membri della nWo Hollywood Brian Adams e Scott Norton, che vincono il match grazie ad una interferenza di Vincent. A gennaio 1999 Finlay lotta contro Van Hammer a Souled Out, vincendo. Ancora una volta, però, Finlay torna nelle retrovie della compagnia. A Bash at the Beach 1999 Finlay ha un’altra possibilità per tornare ad avere un po’ di visibilità, lottando in un Hardcore Junkyard Invitational match, una durissima battaglia all’aperto che alla fine riesce a vincere uscendo per primo dal recinto di uno sfasciacarrozze. A Finlay viene così consegnato un Hardcore Trophy, che viene quasi subito rubato da Jimmy Hart e dalla sua First Family. E’ l’inizio di un nuovo feud, ma per Finlay arriva l’infortunio più terribile della sua carriere. Il 25 giugno 1999, nel corso di un house show tenuto a Jackson, MS, “Nasty Boy” Brian Knobbs, getta Finlay su di un tavolo e l’irlandese si distrugge un nervo in un ginocchio. I medici che lo operano dicono a Finlay che la sua carriera è finita e che ha soltanto il 50 percento di possibilità di tornare a camminare di nuovo.

Alla fine del 1999 avviene, però, l’impensabile. Finlay torna sul ring, assalendo Knobbs, con il quale dà vita ad un breve feud., seguito da una ancor più breve alleanza e da un nuovo feud. A Starrcade 1999 si disputa un match per l’Hardcore Title in possesso di Knobbs, a cui partecipano anche Finlay, Meng e Norman Smiley. Il match viene vinto da Knobbs e Finlay si prende un’altra pausa dal wrestling poiché il ginocchio gli dà problemi.

Il suo ritorno sul ring avviene nel marzo 2000, quando inizia un breve feud contro Vampiro, poi si allea di nuovo con Knobbs e con “The Dog” Al Green. Finlay e Vampiro si scontrano ad Uncensored 2000: è un Falls Count Anywhere match vinto da Vampiro. Con l’arrivo, nell’aprile del 2000, di Vince Russo ed Eric Bischoff nel booking committee quasi tutte le storylines in atto vengono cancellate e Finlay torna nel dimenticatoio, lottando pochissimo nei mesi successivi. L’ultima apparizione di Finlay nella WCW è nel novembre 2000, nel corso dello show Millennium Final, che si disputa in Germania. Finlay partecipa prima ad una battle royal che viene vinta da Mike Awesome, poi perde contro Norman Smiley. Nelle settimane successive Finlay lascia la WCW e torna a lottare in Europa.

Nel marzo del 2001 la WWE acquista la WCW e Finlay torna in America per lavorare come allenatore e road agent. Negli anni seguenti Finlay allena tutte le Divas della WWE diventando un punto di riferimento per la categoria. Nel frattempo sua moglie Mel dà alla luce il primo figlio della coppia, nel settembre 2002. Alla fine del 2005 Finlay decide di tornare a lottare. Vince McMahon decide che il suo posto è Smackdown! e nel mese di dicembre vengono teletrasmesse alcune vignette in cui Finlay viene presentato al pubblico della WWE con il suo nuovo slogan: “My name is Finlay and I love to fight!”

Finlay debutta a Smackdown! il 20 gennaio 2006 facendosi squalificare nel corso di un match contro Matt Hardy. Dopo il match Finlay continua a prendersela con Hardy sbattendogli violentemente la testa contro i gradini di accesso al ring. Sette giorni dopo Finlay batte facilmente Funaki, poi continua a massacrarlo e l’arbitro cambia la sua decisione e Finlay viene squalificato. Finlay batte Brian Kendrick nell’edizione di Sunday Night Heat precedente la Royal Rumbe 2006. Finlay viene scelto come sostituto dell’infortunato Booker T per una difesa del titolo US contro Chris Benoit. Finlay perde il match per squalifica, poi lui e Booker T massacrano Benoit.

Nelle settimane successive, sempre a Smackdown!, Finlay lotta insieme a John Bradshaw Layfield contro Chris Benoit e Bobby Lashley: Finlay e JBL ne escono vincitori. Finlay non ha un match a No Way Out, ma si presenta lo stesso all’arena, interrompe un’intervista di Kristal Marshall, la porta a viva forza nel ring e chiama fuori Bobby Lashley, che arriva e tra I due inizia una rissa. Arriva, poi, JBL, avversario di Lashley designato e Finlay lascia il ring per poi tornare a fine match per colpire Lashley con una nuova arma, lo shillelagh, permettendo a JBL di eseguire una Clothesline From Hell e vincere il match.

Nella successiva puntata di Smackdown!, Finlay lotta insieme a Randy Orton e JBL contro Lashley, Benoit e Rey Mysterio: alla fine sono questi ultimi a vincere. Nella prima edizione di Smackdown! Del mese di marzo del 2006, Finlay e Lashley si affrontano uno contro uno, facendosi entrambi squalificare. I due lottano anche la settimana successiva in un “Money In The Bank Qualifying Match” che neppure inizia poichè i due cominciano una rissa fuori dal ring e fino al parcheggio dell’arena.

Per chiudere i conti, Teddy Long, General Manager di Smackdown!, ordina lo svolgimento di un Lumberjack Match tra Finlay and Lashley, che va in scena nel corso della puntata successiva: il match alla fine viene vinto da Finlay, dopo che questi colpisce Lashley con lo shillelagh, non visto dall’arbitro: Finlay entra così nel Money in te Bank Match di Wrestlemanja. Il 24 marzo Finlay affronta Rey Mysterio, battendolo grazie ad un aiuto di Randy Orton, poi, il 31 marzo insieme agli MNM lotta contro Lashley, Matt Hardy eTatanka, che vincono l’incontro.

A Wrestlemania 22 Finlay lotta nel Money In The Bank Ladder Match, dove affronta Lashley, Matt Hardy, Ric Flair, Shelton Benjamin e Rob Van Dam, che alla fine si aggiudica la vittoria. Nelle settimane successive Finlay affronta e batte Gunner Scott, che a fine match viene salvato dal suo mentore Chris Benoit. Finlay e Benoit si scontrano nel primo match valido per il nuovo King of the Ring tournament ed è Finlay ad avere la meglio dopo aver colpito illegalmente Chris con una sedia. Nella semifinale Finlay incontra Lashley, che vince e va diritto alla finale del torneo contro Booker T.

Il 19 maggio Finlay e Booker T affrontano Chris Benoit e Gunner Scott ma perdono a causa di una interferenza di Lashley. A Judgment Day 2006 Finlay affronta Chris Benoit che lo sconfigge facendolo cedere al dolore. Nella puntata di Smackdown! dopo il PPV FInaly torna alla vittoria sconfiggendo facilmente Paul Burchill. Alla fine del match, però, Finlay cerca qualcosa sotto un ring… ed esce fuori un midget vestito di verde, che sarà presto conosciuto come “Little Bastard”, un leprecauno, figura mitologica delle terre irlandesi. Finlay getta prima il leprecauno su Burchill, poi lo butta di nuovo sotto il ring, in una mossa che sembra a tutti stranissima. La scena si ripeterà numerose volte nelle settimane successive.

Nel corso dello speciale WWE vs. ECW, il 7 giugno 2006, Finlay lotta nel Team WWE in una “Team Battle Royal” che vede vincere Big Show, compagno di squadra di Finlay, che però, alla fine, tradisce il Team WWE e passa alla ECW. Il 9 giugnno Finlay batte Rey Mysterio a Smackdown! grazie ad una interferenza di Sabu. Nelle settimane seguenti Finlay ottiene una vittoria clamorosa contro Bobby Lashley: il 14 luglio a Smackdown! batte il campione di colore e conquista il titolo degli Stati Uniti. Finlay inizia un breve feud contro William Regal, che batte il 23 luglio a Great American Bash, poi continua a mantenere il titolo anche nelle successive difese. Nel settembre 2006 Finlay inizia un feud contro Batista attaccandolo a tradimento con lo shillelagh l’8 settembre a Smackdown!. Sette giorni dopo Lashley batte Finlay per squalifica e diventa primo sfidante al titolo mondiale di Smackdown! detenuto da King Booker. Finlay entra, comunque, nella sfera degli aspiranti al titolo: a No Mercy lotta in un four way match contro King Booker, Lashley e Batista, ma alla fine la cintura resta alla vita di Booker.

Batista diventa primo sfidante il 13 ottobre, sconfiggendo Lashley e Finlay, ma la settimana dopo è proprio Finlay ad attaccare Batista nel suo match contro King Booker, costandogli la conquista della cintura. Il 3 novembre Batista e Finlay sono protagonisti di una rissa, sette giorni dopo Batista batte Finlay in un match senza squalifiche. Il 24 novembre 2006 Finlay batte il campione degli Stati Uniti Chris Benoit in un match in cui non è in palio il titolo ma poi viene presto eliminato nell’importante match si Survivor Series che vede opposto il team di John Cena, con Lashley, Kane, Rob Van Dam e Sabu, a quello di Big Show, con Test, MVP, Umaga ed appunto Finlay.

Batista batte King Booker e Finlay il primo dicembre mantenendo il suo World Title. Sette giorni dopo Batista batte Finlay per squalifica in un match non valevole per il titolo. Sette giorni dopo Finlay affronta il campione del mondo di Raw John Cena a Smackdown!, ma perde anche quest’altra opportunità. Il 17 dicembre 2006 Batista e John Cena, campioni di Smackdown! e Raw, battono Finlay e King Booker. Il 22 dicembre 2006 sono The Undertaker e Kane a sconfiggere Finlay e King Booker.

Alla Royal Rumble 2007 Finlay entra come numero 2 e resiste una buona mezz’ora, prima di essere eliminato da Shawn Michaels. Finlay inizia poi un feud con The Boogeyman, nel quale rientrano anche i rispettivi partner, Little Boogeyman e Little Bastard. Molti incontri sono dei comedy match, che hanno alterni risultati. A No Way Out 2007, la vittoria arride a Finlay ed al suo piccolo compagno ma il feud non porta da nessuna parte il duo. Il 2 marzo Finlay sconfigge Chris Benoit e MVP e si qualifica per il Money in the Bank Ladder match di Wrestlemania, che terminerà il primo aprile, con la vittoria di Mr. Kennedy.

Già nei giorni successivi lo “Showcase of Immortals” Kennedy diventa il nuovo obiettivo di Finlay, visto che prima di vincere il match di Wrestlemania Kennedy aveva fatto del male all’ex Little Bastard, che ormai ha preso il nome di Hornswoggle. Il 6 aprile Finlay attacca Kennedy alle spalle gridandogli non mettere mai più le mani sul suo amico, ma sette giorno dopo i due sono costretti a fare coppia in un match, poi perso, contro Undertaker e Batista. Il 20 aprile Batista batte Finlay per squalifica e sette giorno dopo, Undertaker e Batista battono ancora Finlay e Kennedy. Nelle settimane successive Finlay non è impegnato in alcun feud specifico, ma lotta più volte a Smackdown! contro Chris Benoit, Batista, Kane, The Boogeyman, Matt Hardy ed anche Ric Flair.

Il 20 luglio 2007 Finlay partecipa, a Smackdown!, ad una battle royal per assegnare il World Heavyweight title, che viene vinta da the Great Khali. Il 10 agosto Finlay viene alle mani nel backstage con Kane, che lo massacra. Più tardi nel corso della serata Kane sconfigge Sylvan Grenier, ma subito dopo il match arriva Finlay che lo assalta al centro del ring. Sette giorni dopo Finlay ha un’altra rissa con Kane, che viene poi aiutato da Batista. Il 18 agosto, a Saturday Night’s Main Event, Batista e Kane sconfiggono Finlay e the Great Khali. Il 24 a Smackdown! Batista batte Finlay per squalifica e due sere dopo, a Summerslam, Kane sconfigge Finlay in un Grudge match. La settimana successiva Finlay prende parte ad un torneo per decretare il nuovo primo sfidante al titolo mondiale, sconfiggendo Kane al primo turno ma venendo battuto in finale da Rey Mysterio. Il 7 settembre, a Smackdown!, Batista e Kane battono Finlay e Great Khali; sette giorni dopo Finlay sconfigge Kane nell’atto finale del loro feud, in un Belfast Brawl match.

A fine settembre Finlay inizia un feud con Rey Mysterio: i due si scontrano sul ring a WWE No Mercy. Il match finisce in no-contest quando Finlay finge di essersi infortunato, ma poi si alza dalla barella ed assale a tradimenti Rey Rey. Qualche settimana dopo, a WWE Cyber Sunday, Rey sconfigge Finlay in uno stretcher match. Il feud tra i due non è ancora finito, però, e l’ultima parola spetta all’irlandese, che il 9 novembre a Smackdown! sconfigge l’alteta di San Diego. Dopo il match Finlay massacra Rey con un computer portatile. Il 18 novembre Finlay lotta alle Survivor Series nel team di Umaga, che viene sconfitto dal tea, di Triple H. Più tardi nel corso dello show Finlay interviene in un match tra the Great Khali e Hornswoggle facendo squalificare il leprecauno, ma salvandolo da una certa carneficina.

Nelle settimane successive salvare Hornswoggle dal tentativo di suo padre naturale Vince McMahon di dimostrargli quanta durezza ci può essere nell’amore, è il primo compito di Finlay. E’ proprio lui ad aiutare il leprecauno a vincere numerosi match o a salvarlo quando le cose si mettono male. Spesso i due lottano in coppia, in genere vincendo. A dicembre, a WWE Armageddon, Finlay sconfigge the Great Khali, che viene sconfitto da Hornswoggle il 14 gennaio: il leprecauno esce infatti vincitore di una mini Royal Rumbe. L’eccessiva vicinanza tra Finlay ed Hornswoggle indispettisce Vince McMahon, che più di una volta ricorda all’irlandese che il cognome di suo figlio è “McMahon e non Finlay”.

Finlay entra nella Royal Rumble 2008 al numero 27, ma viene squalificato per aver usato lo shillelagh per aiutare Hornswoggle. Il 4 febbraio, a Raw, Vince McMahon tenta di costringere Hornswoggle ad entrare nel Kiss My Ass club, ma Finlay lo istruisce a mordere il sedere del padre piuttosto che baciarlo. L’11 febbraio 2008 a Raw Hornswoggle sconfigge Vince McMahon in uno street fight con l’aiuto di Finlay. Il 17 febbraio a WWE No Way Out Undertaker vince un Elimination Chamber con in palio una title shot a Wrestlemania 24, in cui Finlay partecipa ed esce ben prima della fine dell’incontro. La sera successiva, a Raw, Vince McMahon ed Hornswoggle si dovrebbero affrontare in uno steel cage match, che però non inizia neppure quando JBL attacca Finlay alle spalle e poi comincia a colpire Hornswoggle mentre Finlay è ammanettato alla gabbia. Nelle settimane successive JBL dice a Vince McMahon che in realtà il padre di Hornswoggle non è lui ma è proprio Finlay, che per questo motivo aveva a cuore le sorti del leprecauno. Lo stesso Finlay conferma la notizia il 3 marzo a Raw, ma mentre lui è nell’arena, Hornswoggle è in un ospedale dove, inaspettatamente, si reca JBL, che attacca il “figlio” di Finlay, il quale non può fare altro che disperarsi.

Il 10 marzo, sempre a Raw, Mr. Kennedy sconfigge Finlay per squalifica quando questi si infuria a causa di una interferenza di JBL. Il 24 marzo, Finlay interferisce in un tag team match in cui è impegnato JBL, attaccandolo brutalmente. A Wrestlemania 24 va in scena lo scontro finale tra i due, in un Belfast Brawl Grudge match che viene vinto da Bradshaw. Terminato il feud, la gimmick di Finlay evolve in quello che può essere definito un “comedy carachter” e Fit riprende a fare coppia fissa sul quadrato con Hornswoggle.

Il 21 aprile si tiene, in una sola serata, un torneo per decretare il nuovo “King of the ring”. Hornswoggle perde subito contro William Regal, che a sua volta sconfigge nelle semifinali Finaly, vincitore al primo turno su The Great Khali per squalifica. Il 9 maggio Finlay partecipa ad una Over The Rope Challenge per conquistare il posto di primo sfidante al titolo mondiale, ma non ce la fa a conquistare la title shot. Finlay vince poi un breve feud contro Chuck Palumbo.

Il 10 giugno nella ECW Finlay batte Armando Estrada e poi, in un match successivo, anche Hornswoggle sconfigge lo stesso Estrada. Sette giorni dopo Finlay accompagna al ring Hornswoggle che porta a casa una nuova vittoria su Estrada. Il 25 giugno 2008 sia Finlay che Hornswoggle passano definitivamente alla ECW durante lo speciale Draft mandato in onda nel corso di Raw. Il 29 giugno a WWE Night of Champions Finlay ed Hornswoggle vanno all’assalto dei WWE tag team titles ma vengono sconfitti dai campioni John Morrison e The Miz. Il primo luglio, nella ECW, Finlay lotta insieme ad Hornswoggle e a Matt Hardy per battere Morrison, Miz e Chavo Guerrero. Il feud contro Morrison e Miz prosegue per diverse settimane, ma Finlay ed Hornswoggle non riescono a vincere le cinture, che alla fine terminano alla vita degli Edgeheads.

Finlay inizia quindi un feud con Mike Knox, che però non porta da nessuna parte i due lottatori e che termina il 26 agosto quando Finlay sconfigge Knox in un Championship Scramble Qualifying match. Finlay prende, quindi, parte al primo ECW Championship Scramble valevole per l’ECW title, che viene vinto da Matt Hardy. Gli altri wrestler impegnati sono Chavo Guerrero, The Miz e Mark Henry. Il 9 settembre Matt Hardy e Finlay sconfiggono Mike Knox e Mark Henry e sette giorni dopo Finlay viene schiantato da Henry. Il 23 settembre Finlay sconfigge Bam Neely ed il 3 ottobre Finlay, insieme a Jeff Hardy, Rey Mysterio e Batista batte, a Smackdown, MVP, The Brian Kendrick, JBL e Kane. Il 7 ottobre, alla ECW, insieme a Tommy Dreamer batte Jack Swagger e Mike Knox. Finlay cade un po’ nel dimenticatoio, ma viene poi ripescato per un feud contro Mark Henry che lo porta a combattere un buon match a WWE Armageddon 2008: Finlay chiude bene il 2008 vincendo, infatti, il suo match preferito un “Belfast Brawl”.

Il mese successivo Finlay è nella Royal Rumble: entra come quattordicesimo ma viene presto eliminato da Kane. Nelle settimane seguenti Finlay inizia un feud contro l’ECW Champion Jack Swagger, che però termina a favore di quest’ultimo che vince il match finale a WWE No Way Out. Finlay riesce, poi, ad entrare nella card di Wrestlemania qualificandosi, il 13 marzo a Smackdown, per il Money in the Bank Ladder match sconfiggendo The Brian Kendrick. Il match dello “Showcase of Immortals” viene, però, vinto da CM Punk, che vince una title shot per uno dei titoli mondiali della WWE. Il 7 aprile 2009 nello show della ECW Finlay batte Mark Henry, Tommy Dreamer e Christian in un Elimination Chase match. Sette giorni dopo Finlay sconfigge Tommy Dreamer e Christian nel secondo match della serie. Il 16 aprile a WWE Superstars Finlay sconfigge Christian e ma viene sconfitto nell’ultimo match dell’Elimination Chase da Christian. Finlay inizia poi un breve feud contro la Hart Dynasty, con Tyson Kidd e David Hart Smith che conquistano gran parte delle vittorie e riescono anche ad infortunare l’irlandese ad un occhio. Il feud, comunque, termina dopo alcune settimane senza che ci sia un vincitore. Il 28 giugno 2009 a The Bash Tommy Dreamer vince un Championship Scramble, a cui partecipa anche Finlay, per il titolo.

Finlay si sposta poi prevalentemente a Smackdown dove inizia un feud con Dolph Ziggler, tra luglio ed agosto, mentre a settembre si scontra diverse volte con Mike Knox. Ad ottobre Finlay lotta nel team Smackdown che risulta vincitore a WWE Bragging Rights, mentre alle Survivor Series 2009 è nel Team Morrison che affonta il Team Miz. Tuttavia Finlay viene ben presto eliminato ed il suo team sconfitto, visto che dall’altra parte restano ben tre sopravvissuti: The Miz, Drew McIntyre e Sheamus. Il 23 novembre Sheamus sconfigge Finlay, che comincia poi a diradare le sue apparizioni. Il 22 gennaio 2010 Finlay sconfigge Batista per squalifica, poi partecipa ad una dark battle royal prima di Wrestlemania 26 e ad un'altra battle royal il successivo 4 giugno a Smackdown.

Torna, quindi, ad occuparsi a tempo pieno dei suoi impegni dietro le quinte ma viene licenziato dalla WWE nel marzo 2011 in seguito ad una malaugurata scelta di booking effettuata prima di un house show: fa interrompere l'inno nazionale da The Miz ed alcuni esponenti della Guardia Nazionale, sponsor della WWE, si infuriano chiedendone ed ottenendone la testa. Subito dopo Finlay torna a lottare per alcune indies e fa anche alcune apparizioni nella Ring of Honor, finchè la WWE non decide di rimetterlo sotto contratto nel luglio 2012, affidandogli un ruolo dietro le quinte. Finaly compare anche sporadicamente on screen in WWE, come nell'occasione del ventesimo anniversario di Raw.

Realizzazione a cura di Michele M. Ippolito

   

Questo sito non è in alcun modo affiliato con alcuna organizzazione professionistica.
I nomi dei programmi, dei lottatori e dei marchi WWE e TNA sono proprietà delle rispettive federazioni.
Copyright © 2017 - Tuttowrestling.Com - P. IVA n° 08331011000

TUTTOWRESTLING HOMEPAGE