Tutti gli orari sono UTC + 1 ora




Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 154 messaggi ]  Vai alla pagina Precedente  1 ... 4, 5, 6, 7, 8, 9, 10, 11  Prossimo
  Stampa pagina

Re: TWC - Friday Night Indoor War (#25-???)
Autore Messaggio
MessaggioInviato: 22/04/2016, 21:21 
Connesso
Avatar utente

Iscritto il: 21/03/2012, 18:23
Messaggi: 8561
Bentornati alla ventottesima puntata di TWC Indoor War! La telecamera si porta immediatamente sul ring dove si trova Virgil Brown Jr. con un microfono in mano pronto a prendere parola.

Immagine


VB:Bene signore e signori, non voglio togliere ulteriore tempo allo show, quindi cercherò di essere breve. Sono tornato su questo ring per risolvere il problema riguardante i prossimi sfidanti per i titoli di coppia. Ho riflettuto bene sulla situazione, sui fratelli Powell e su Smith ed Anderson, e...



Attenzione, la musica dei campioni di coppia della TWC risuona nell'arena! Miller e Gates dopo pochi secondi si presentano sullo stage armati di microfono osservando Virgil con sguardo serio. Una volta sfumata la musica Travis prende la parola mentre i due cominciano a scendere la rampa.

ImmagineImmagine


TM: Mi spiace Signor Brown ma temo che questa decisione dovrà attendere, in questo momento ci sono ben altri problemi riguardanti i campioni di coppia. Non ci importa quale dei due team ha scelto per affrontarci, noi non abbiamo alcun interesse in nessuno dei due.

Miller si ferma per qualche secondo arrivando in zona ring.

TM: Non per screditare nessuno dei due team, assolutamente. Se ci tengono così tanto potranno anche affrontarci in un 4 contro 2 in futuro e saremo più che felici di fargli passare i peggiori 10 minuti della loro vita, ma prima che questo possa succedere c'è una questione più importante di cui occuparsi.

I No More Heroes raggiungono l'apron ed entrano nel ring portandosi faccia a faccia con Virgil Brown Jr.

TM: Ci sono altre due persone che nelle ultime settimane hanno deciso di fare l'errore più grande delle loro vite, e noi non abbiamo alcuna intenzione di perdere il nostro tempo con nessun team improvvisato o con atleti di quarta categoria fino a quando non ci sarà data un'opportunità di poter mettere le mani su quei due rifiuti.

Gates mantiene uno sguardo serio, fissando il GM.

SG: Questa volta i Dawn Of The Empire si sono spinti troppo oltre. Hanno superato ogni limite. La BDK nel corso della nostra rivalità è stata sleale, arrogante, odiosa, infantile, ma non ha mai, e dico mai, osato coinvolgere fisicamente i nostri cari. Sean Morgan e Fred Franke hanno deciso di portarla sul personale. Possa io morire fulminato se non riuscirò a mettergli le mani addosso. Non mi interessava davvero niente di quei due fino a due settimane fa, ma quello che hanno fatto ha superato il limite della legalità. Hanno coinvolto mio figlio, e il maestro di Travis. E fortunatamente per loro mio figlio non è tornato a casa con danni fisici. Ma non mi interessa della cicatrice. L'unica cosa che mi interessa in questo momento è mettere le mani addosso a quei due figli di puttana.

VB: Mi dispiace, ma regalare ai Dawn of The Empire un match contro i campioni di coppia dopo le azioni riprovevoli che hanno compiuto nel corso delle ultime settimane sarebbe come premiare il loro comportamento, e non è una cosa che sono disposto a fare.

SG: Virgil, io ti rispetto sia come essere umano che come general manager. Io e Travis abbiamo e abbiamo avuto talmente tanto rispetto nei tuoi confronti da esserci dovuti più volte sorbire le accuse di chi ci credeva dei lecchini, dei raccomandati o chissà che cosa. Ma io giuro che se non ci darai la possibilità di mettere le mani addosso a quei due...

Gates prende un respiro profondo.

SG: ...Io giuro che ti prendo a calci in culo qui e ora.

Il pubblico reagisce incredulo alle parole del texano.

SG: Ti prego, non farmi arrivare a tanto. Io non voglio farlo, ma lo farò, e non mi interessa delle conseguenze. Perché tu mi stai impedendo di vendicarmi su chi ha letteralmente rapito mio figlio, chi lo ha sequestrato per trenta ore riportandolo indietro con una cicatrice in più. Sfido chiunque nella mia posizione a non lasciarsi andare alla rabbia. Sfido anche te, Virgil. Prova ad immaginare che lo stesso possa succedere alla tua amata nipotina. Dimmi, non vorresti trovare i responsabili e fargliela pagare? Io sì. Talmente tanto che potrei distruggere il mio rapporto con te e la compagnia non rispondendo più delle mie azioni, se avrai il coraggio di dirmi un'altra volta, in faccia, che non potrò mettere le mani addosso ai Dawn Of The Empire.

Gates si mette faccia a faccia con Virgil Brown.

SG: Allora, vecchio Se tua nipote fosse stata rapita, cosa avresti fatto?

Virgil osserva Shawn dopo la domanda.

TM: Le assicuro che non farebbe un favore a loro mettendoli su un ring con noi. Ci dia la possibilità di affrontarli e li renderemo un esempio per chiunque sia disposto a ricorrere a mezzi simili per ottenere una title shot. Li faremo pagare per ogni scelta sbagliata. Li faremo scoppiare in lacrime di fronte ad un pubblico di centinaia di persone e se necessario metteremo fine alla loro carriera. Dimostreremo che in questa federazione le ricompense si possono ottenere solo con il duro lavoro, e che in TWC non c'è pietà per persone come Fred e Morgan.

Brown rimane a riflettere per qualche secondo e successivamente riprende il microfono.

VB: Va bene, vi concederò un match contro i Dawn of The Empire. Però non lascerò che quei due si prendano semplicemente la priorità rispetto a tutto il resto della categoria Tag Team. Settimana prossima avrete comunque un match valevole per i vostri titoli di coppia, e sarà contro i Fratelli Powell!

SG: Ti ringrazio, Virgil, davvero. So quanto questo possa costare alla compagnia in termini di responsabilità. Te ne rendo merito.

TM: Ha fatto la scelta giusta, Signor Brown. Le assicuro che presto i Dawn of The Empire non creeranno più alcun problema da queste parti.

I No More Heroes escono dal ring e sulle note della loro theme song si dirigono verso gli spogliatoi. Ora una pausa pubblicitaria, Stay Tuned!


Top
 Profilo  
Rispondi citando  

Re: TWC - Friday Night Indoor War (#25-???)
MessaggioInviato: 22/04/2016, 21:28 
Connesso
Avatar utente

Iscritto il: 21/03/2012, 18:23
Messaggi: 8561
Nuovamente il backstage, nuovamente una porta chiusa, nuovamente Michael Edwards.

Immagine


Il locker room questa volta è quello di Leon Black, ma Edwards non bussa nemmeno stavolta ed entra.

ME: Ciao principessa!

Leon Black è seduto sulla panca a gambe incrociate e occhi chiusi, in jeans e con addosso una maglietta nera di Lance Murdock.

Immagine


Il gigante sospira, aprendo gli occhi.

LB: Devo chiudere a chiave quando medito. Lucinda, ti va una birra?

Lucy Fisher, in un angolo, alza gli occhi da un libro e alza le spalle. La ragazza è in abiti civili, una maglietta e dei pantaloni di tela, e il TDPW Women Title è appoggiato vicino a lei.

Immagine


LF: Se c'è ancora una bottiglia di quella aranciata stupenda, ne prendo un bicchiere.

Black si alza in piedi e si dirige verso il frigobar, aprendolo ed estraendo due lattine ed una bottiglia, da cui versa un bicchiere di liquido rosso.

LB: Ecco a te.

Il gigante consegna il bicchiere, poi si dirige verso Edwards, dandogli una lattina.

LB: Salva Michael.

Michael apre la lattina e prende un sorso.

ME: Ciao Lucy.

Il Golden Boy sorride alla ragazza che continua a leggere non curandosi del saluto.

ME: Grazie Leon, sempre ottime le tue birre. Come va? È un po' che non ci si vede? Che mi raccontate di bello? Passavo di qua e mi son detto "perché non salutare quel burlone di Leon?". E ora mi trovo qui... e nessuno mi ascolta, fantastico! Siete i soliti.

ME osserva il suo mentore di nuovo seduto sulla panca con la birra in mano e la Fisher intenta a leggere.

ME: Mi sento un bimbo di dieci anni che tenta di ottenere attenzioni. Sono tornato alla mia infanzia e nessuno mi ha detto nulla?

Michael osserva la sua maglietta e le sue mani.

ME: Non penso che un bambino di dieci anni possa avere dei tatuaggi, quindi no, ho ancora ventidue anni, ma penso non sia cambiato nulla.

Lucy sospira.

LF: Non che tu abbia mai salutato.

LB: Lucinda, non essere aggressiva.

LF: Non lo sono. Gli facevo presente che è un ipocrita.

LB: Lucinda...

LF: Ok.

Black annuisce e guarda Michael, bevendo un altro sorso.

LB: Ti sei sfogato tu? Ora hai intenzione di parlarmi normalmente oppure credi che ti sottovaluti anche io?

Il Dragon Kid prende un sorso di birra.

ME: Scusatemi tutti e due, è stato solo un attimo. Comunque sì, mi sono sfogato.

Michael fa qualche passo verso Black.

ME: Ti starai chiedendo perché sono qua, perché sono venuto a romperti le palle... Hai mai visto Scrubs?

Edwards aspetta per un momento la risposta del campione TWC.

ME: Non importa, tento di essere veloce e spiegarti. Facciamo finta che io sia uno specializzando in medicina e tu il dottore che mi fa da mentore. Facciamo ancora finta che tu non abbia mai deciso di essere il mio mentore, ma sono io che vengo a stressarti ogni volte. Ecco diciamo che sono qua per stressarti.

ME sorride.

ME: Sono in ansia. Virgil mi ha inserito in quel ladder per WOC II, ma sono in ansia. Ultimamente mi sento legato sul ring, non riesco ad esprimermi, sbaglio diverse cose, poi Lance mi ha battuto, non riesco a vincere. Mi sento stressato, non trovo sbocchi, ho visto morire il mio maestro, nulla va come dovrebbe andare, perché Leon?

Black alza improvvisamente la testa.

LB: Aspetta, cosa?

Il gigante si alza in piedi.

LB: Chi, come e perché è morto? Non puoi dirmi queste cose così.

Michael si volte e cerca un muro, sedutosi con le spalle contro esse beve ancora dalla birra.

ME: Due mesi fa, nel seminterrato di uno dei palazzi di mio padre ho ritrovato il corpo esanime e senza occhi di Sanshkin, il maestro del mio dojo di arti marziali a Seattle. Dà più di un anno eri prigioniero, se così si può dire, del suo stesso figlio, il quale l'ha torturato, massacrato e poi ucciso brutalmente. Quest'uomo ha poi rapito i miei amici, rinchiudendoli nello stesso seminterrato e torturandoli, sono riuscito a salvare loro, ma non...

Edwards scoppia a piangere.

ME: Non ce la faccio Leon, io non... Non sono te, non sono un supereroe io non reggo tutto questo... Ogni dannata volta qualcosa si rompe e scivola via dalla mia vita. Mi sento troppo sottopressione, il ladder arriva forse nel periodo peggiore della mia vita...

Ultimo sorso, poi l'ex giocatore di basket esegue un canestro con la lattina vuota nel cestino.

ME: Ogni, maledetta cosa va male. E nessuno se ne accorge, sono solo, non posso parlare con nessuno. Michelle mi evita, Thomas è tornato in Kansas, Anthony è muto come un pesce. Quella casa è piena di morti e io sono solo. Sono sempre stato solo.

Black si avvicina a Michael, poi gli si siede accanto.

LB: Ti sbagli Michael, non sei da solo.

Anche Lucy osserva Edwards, con il libro appoggiato sulle ginocchia.

LB: A cosa servo io se non ad aiutarti quando hai bisogno. Tu sei una persona fantastica, con un coraggio ed una caparbietà che difficilmente ho visto in altre persone. Tu dici che non sei come me, ed io ti rispondo che è un bene.

Leon ridacchia, poi beve un sorso della sua birra.

LB: Non devi arrenderti. Sarebbe la cosa più stupida del mondo. Ho imparato una cosa nella vita Eddie. Quando la situazione ti sembra disperata, e non sai più come andare avanti, non puoi permetterti di non combattere. Proprio quando la tua vita va in pezzi, non devi fermarti. È l'unica salvezza.

Black mette una mano sulla spalla del ragazzo.

LF: Sì, il wrestling è quello su cui ricostruirai la tua vita, non preoccuparti. Tu sei bravo sul ring. Non pensare che non lo sappia. Sei l'unico ad aver battuto Leonard in un Match uno contro uno in TWC. Non è qualcosa di cui dimenticarsi.

Eddie guarda Leonard.

ME: Lucy ricordo di essere stato l'unico. Ricordo quel momento, ricordo quanto stavo bene. Ma dopo?

Lo sguardo di Michael diventa vacuo.

ME: Non so cosa sia successo. È questo mi ha destabilizzato, io non sono nulla. Sono quel record, ma solo quello. Chi mi ricorderà per qualcosa di diverso? Chi ricorderà Edwards perché è Edwards? Io ho sempre fallito. E anche a War Of Change fallirò. Chi è Michael Edwards?

Black si alza in piedi.

LB: Sì, perderai.

Il gigante tende la mano verso Edwards.

LB: A meno che tu non smetta di fare così. Alzati in piedi. Io non so chi è Michael Edwards. Non posso darti le risposte che cerchi. Anche io sto cercando le mie risposte. Ma posso dirti questo. Stando seduto per terra a piangere, non farai nulla. In piedi, su.

Michael guarda Lucy e poi di nuovo Leon.

ME: Va bene...

Edwards si alza.

ME: Combattere è l'unica cosa che mi resta. Ma non so se ripagherò tutto tutta la gente che crede in me. Non so cosa mi accadrà. Ma devo combattere, questo lo so.

Il Golden Boy abbraccia il veterano.

ME: Grazie Leon, per tutto questo. Grazie anche te Lucy, alcune volte serve essere duri per comprendere qual è la nostra strada.

LB: Spesso è l'unico modo. Dai, adesso vai la fuori e dimostrami che ce la puoi fare.

Edwards annuisce ed esce dalla stanza.

LF: Non sta bene.

LB: No, ma ora non posso aiutarlo troppo. Devo concentrarmi su Sigfried. Passato tutto questo, gli darò una mano.

LF: Speriamo non sia troppo tardi.

LB: È un ragazzo forte, se la caverà. Comunque riprendo a meditare. Ne ho bisogno.

LF: Chiudo la porta a chiave?

LB: Decisamente.

E sulle immagini di Lucy che chiude la porta e Black che si rimette a sedere sulla panca, noi andiamo in pubblicità.


Top
 Profilo  
Rispondi citando  

Re: TWC - Friday Night Indoor War (#25-???)
MessaggioInviato: 22/04/2016, 21:33 
Connesso
Avatar utente

Iscritto il: 21/03/2012, 18:23
Messaggi: 8561
Bentornati amici telespettatori a Friday Night Indoor War lo show televisivo di wrestling numero uno nel mondo!

Immagine


Dopo una breve panoramica sul caldissimo pubblico che gremisce l’Hulman Center di Terre Haute, è arrivato il momento di uno dei match più attesi della serata. Il neonato Wolfpack, composto dall’FWP World Heavyweight Champion, Chris Drake e dal “Pain Deliverer” Jack Keenan, sta per affrontare in un Handicap Match la Bruderschaft Der Krahe Incorporated al gran completo.

Immagine


JR: Ladies and gentlemen. The following contest, scheduled for one fall is a Tag Team Handicap Match!!!

E mentre attendiamo l’ingresso delle due fazioni, un brevissimo recap ci mostra quanto successo due settimane fan el backstage, con la discussione tra “Superstar” Sigfried Jaeger e Jack Keenan sfociata poi in alterco tra il tedesco e Chris Drake. Il tutto si conclude con la sfida del Pain Deliverer al Corvo ben presto trasformata in un incontro tra il Wolfpack e il trio di Ravensburg al completo.

Immagine


Ma ecco che le luci si abbassano e diventano intermittenti, mentre sul titantron compare l’immagine di un corvo oscuro, che esplode trasformandosi in migliaia di piccoli corvi, mentre il pubblico dell’Indiana inizia già a rumoreggiare.

Immagine


Mentre il logo della BDK Inc. campeggia successivamente su tutti gli schermi, una foschia grigia si diffonde sullo stage, creando una densa coltre.



E infine ecco partire la Main Theme della Bruderschaft Der Krahe Incorporated. Mentre il pubblico reagisce dividendosi tra fischi e incitamenti, ecco che la BDK Inc. fa la sua comparsa, sbucando dalla nebbia dello stage.

ImmagineImmagineImmagine


“Superstar” Sigfried Jaeger, “The Armbreaker” Brunild Wagner, che ha in spalla il suo WFSS Woman World Championship, e “The Hound” Gunther Schmidt, si guardano intorno. Il Best from the West si avvicina alla telecamera, tira fuori di tasca un bigliettino con su scritto “Chris Drake, the Undisputed Legend” e lo strappa in due, buttandolo via. Poi dice qualcosa.

SGF: True heroes are stronger than false legends and advocates. Because this, is our World!

Dopo di che il Corvo fa la taunt della BDK Inc. e scende la rampa assieme ai suoi compagni.

JR: Introducing first. Making their way to the ring, for a combined weight of 635 pounds. From Ravensburg, Germany; they are "Superstar" Sigfried Jaeger, "The Hound" Gunther Schmidt and "The Armbreaker" Brunild Wagner... The Bruderschaft Der Krahe Incorporateeeeed!!!!!

Una volta arrivati ai piedi del quadrato, i membri della BDK Inc. procedono verso i gradoni d’acciaio, salendoli e irrompendo alla spicciolata sul ring. Ecco Gunther e Sigfried fare più volte la taunt della BDK Inc. verso il pubblico, mentre una cupa Brunild alza con un braccio il suo WFSS Woman World Championship. Subito dopo i tre si tolgono e consegnano agli addetti felpe e accessori vari, restando in tenuta da combattimento. Eccoli infine mettersi a parlottare tra loro in attesa dell’arrivo dei loro avversari.



L'ululato risuona nell'arena ed il pubblico emette una reazione decisamente positiva. Le luci si abbassano leggermente ed i riflettori puntano sullo stage...

ImmagineImmagineImmagine


Chris Drake, Jack Keenan ed Alisa Drake compaiono sullo stage amplificando la reazione del pubblico. Jack è a sinistra, Chris, titolo alla vita, è a destra ed Alisa è al centro, ed ora dopo aver guardato con soddisfazione l'arena i tre si avviano di gran carriera verso il ring.

JR: And their opponents. Making their way to the ring accompanied by Alisa Drake, for a combined weight of 448 pounds. From Woodbury, New Jersey, and Atlanta, Georgia; they are “The Wild Dragon” Chris Drake and “The Pain Deliverer” Jack Keenan... The Wolfpaaaaack!!!!!

Nel percorrere la rampa i due uomini scambiano cinque con i fan in prima fila mentre la ragazza, leggermente zoppicante, raggiunge i piedi del ring. Chris e Jack la raggiungono per poi sollevarla e posizionarla sull'apron, e fatto ciò i due scivolano sotto l'ultima corda per poi allargare le stesse agevolando l'ingresso nel ring della ragazza. I maschi salgono su due rispettivi paletti per poi simulare un ululato mentre Alisa allarga le braccia indicandoli. Dopo di che i due scendono dal paletto, Can't Cage The Wolves si interrompe, e il Wolfpack guarda di sbieco la BDK Inc., che li scruta ai piedi del ring. Infine Drake consegna il titolo a un official e poi assieme a Jack, aiuta Alisa a scendere dal ring. Dopo molti secondi conditi dai richiami del referee Good, ecco che i membri della BDK Inc. interrompono un breve conciliabolo e salgono sull’apron. Sarà Sigfried Jaeger il prescelto dei tre per dare il via all’incontro. Dall’altra parte un Drake scatenato obbliga praticamente Jack Keenan a farsi da parte e a mettersi al loro angolo. Ci siamo. Triplice rintocco della campanella. Here. We. Go!


**2-on-3 Handicap Tag Team Match**

The Wolfpack vs. BDK Inc.


Chris Drake si fa subito sotto a Sigfried Jaeger, ma improvvisamente il Corvo si gira e dà il cinque a Gunther Schmidt! Jaeger guarda Drake e scuote il capo, snobbandolo, mentre il gigantesco Mastino della Baviera entra nel ring per fronteggiare il Wild Dragon. Drake, per nulla intimorito si fa avanti e si chiude in un clinch col Mastino. Dopo poco però Gunther sfrutta la maggiore potenza e getta via l’avversario! Chris fa una capriola a terra, poi si rialza e guarda male The Hound, poi nota alle spalle del tedesco Sigfried e Brunild che ridacchiano e non ci vede più. Carica di Drake su Schmidt. Il Wild Dragon inizia a sferrare una gragnuola di colpi sul roccioso avversario, che replica a suon di botte al corpo. A un certo punto sembra che Drake abbia la meglio, ma poi Gunther gli rifila una violentissima ginocchiata al costato, letteralmente sollevandolo per il contraccolpo, dopo di che lo lancia alle corde. Chris rimbalza, evita un Deutsche Big Boot, effettua un altro rimbalzo e poi balza sull’avversario, atterrandolo con un Jumping DDT!

Immagine


Il Braumeister finisce al tappeto e Drake ne approfitta subito per schienarlo. 1... No! Kickout immediato da parte di Gunther Schmidt. Il Wild Dragon si rimette in piedi, fa un sorriso ironico verso Jaeger, poi rifila una serie di calci al Mastino mentre questi cerca di rialzarsi. Drake poi strattona Gunther e prova a lanciarlo all’angolo. Reverse di Gunther, che manda l’avversario a schiantarsi all’angolo, poi parte alla carica. Ma Chris lo respinge con un calcio al volto, poi prova a continuare l’offensiva con un Double Underhook DDT. Non va! The Hound si libera rabbiosamente, poi solleva sul posto Chris e lo schianta violentemente a terra con una poderosa Mastiff Press Slam! Dopo di che ecco che è lui stavolta a prendere a calci l’avversario, non disdegnando di colpire Drake là dove sono più evidenti gli acciacchi riportati nel match di domenica. Poi il violento Mastino solleva l’avversario tenendolo per il collo e con uno sguardo rabbioso prova una Brutality immediata! Drake schiva, e poi colpisce Gunther alla schiena con una Headlock Backbreaker!

Immagine


The Hound finisce di nuovo a terra. A questo punto Chris Drake si rialza, indolenzito, e annuisce verso l’impaziente Jack Keenan, a cui dà il tag. Applausi per il Pain Deliverer, che parte subito di corsa, rimbalza alle corde, e rifila un Hyper Elbowdrop al Mastino. Dopo di che eccolo schienare l’avversario. 1... No! Kickout quasi sul due. Keenan si rialza e abbranca il tedesco, caricandoselo a fatica sulle spalle. Vuole tentare una Spirit of Sorrow immediata! Ma il Mastino si scuote e si libera con un paio di gomitate, dopo di che prova un Bruderschaft Suplex. Connesso! Anzi no! Jack con una spinta riesce ad atterrare alla bene e meglio in piedi, dopo di che attende che il tedesco si rimetta in piedi e lo colpisce in pieno con uno strepitoso BDE! Il Mastino, colpito al volto, barcolla fino a uno dei due angoli liberi e vi si appoggia. Per tutta risposta Keenan prende le misure e dà inizio alla Lethal Combination! Clothesline all’angolo, seguita dal Running Enziguri. Eccolo andare per lo Snapmare... Ma il bavarese si libera disperatamente e gli rifila una testata sulla nuca, poi lo afferra per il collo e connette il Bayern DDT!

Immagine


Mentre Jack Keenan è a terra che si tiene la testa, vediamo The Hound rialzarsi barcollando e andare a dare il cambio a Sigfried Jaeger. Ecco il Corvo entrare in campo con cautela, mentre osserva Jack Keenan rialzarsi. I due si studiano per diversi secondi mentre iniziano a girare in cerchio poi passono immediatamente al Clinch. Scarto di Sigfried che applica una presa al braccio di Jack, torcendoglielo. Capriola a terra di Keenan, che poi rovesica la mossa piazzandosi alle spalle del tedesco. Sigfried storce la bocca, si rigira, passa sotto al braccio del Pain Deliverer, che allora per liberarsi spinge verso l’angolo, lo scala al volo e si tuffa, proiettando via il Corvo tra gli applausi del pubblico. Sigfried si rialza, fa una smorfia e torna all’attacco. Feroce scambio di pugni tra i due avversari. Ha la meglio Sigfried, che poi prende per il collo Jack e gli rifila un’Oden Blade alla nuca! Keenan barcolla, mentre il Corvo corre all’angolo e torna alla carica per il Nibelungen Nacht! No! Jack schiva all’ultimo e per tutta risposta travolge il tedesco con un perfetto Killshot!

Immagine


I due wrestler sono entrambi a terra. Dopo un paio di secondi ecco che il Pain Deliverer inizia a rialzarsi tenendosi la nuca, mentre Sigfried si tira su massaggiandosi la mascella. I due ricominciano a colpirsi. Serie di pugni e chop da parte di Keenan a cui Sigfried replica con dei violenti Deutsche Uppercut. Biss des Krahen improvvisa del tedesco! E schienamento immeditato. 1... 2. No! Kickout del Pain Deliverer al due. A questo punto il Corvo abbranca Jack e prepara la Balder’s Fall. Sollevamento e, no! Reverse di Keenan e I Know It Hurts a segno! Jaeger finisce al tappeto. Ancora applausi per Jack, che poi va subito a scalare il paletto. Vuole provare l’Atlanta Hangover! Ecco il volo. No! Il Best from the West si sposta all’ultimo e Keenan atterra male sul ring! A questo punto, mentre il Pain Deliver si tira su con una smorfia di dolore, Sigfried lo afferra lo affonda con un Deutsche Legsweep!

Immagine


Nuovo tentativo di schienamento. 1... 2... No! Jack alza una spalla. Il tedesco si mette a sedere, sospira, poi si rialza e tira su Keenan. Ma questi fa resistenza. Pugni allo stomaco del tedesco seguiti da una testata! Jaeger barcolla e finisce per appoggiarsi alle corde, mentre Jack rotola via e dà il cambio a Chris Drake! Il Wild Dragon entra sul quadrato, nuovamente carico, ma il Corvo appena lo vede fa tre passi e va a dare il cambio a Brunild Wagner! Mentre la Valkyria entra sul quadrato, Drake, così come sua sorella, scuote il capo. Eccolo dare del vigliacco a Sigfried e ordinare a Brunild di levarsi di mezzo. Per tutta risposta la gelida Armbreaker gli rifila un Valkyrie Kick, seguito dal Lieblingsspiel! Chris Drake, è costretto a difendersi seriamente dai colpi della MMA Fighter, poi tenta di replicare immediatamente provando a chiudere la furiosa tedesca in una Chickenwing Crossface, ma Brunild replica con un paio di gomitate, seguite da un violento Valkyrie Takedown!

Immagine


Eccola forzare subito lo schienamento. 1... No! Drake si scuote come un ossesso. La tedesca non perde tempo. Tentativo immediato di Valkyrie’s Rage! No! Il Wild Dragon si rigira e la schiena di peso! 1... 2... No! Brunild riesce a uscire dal Pin. Ecoola rotolare via e mettersi in piedi. Hunter’s Kick in pieno volto a Mr. TWD! Quest’ultimo arretra alle corde, rimbalza, e poi la colpisce in pieno con un brutale Pendulum Lariat! Che botta! La Valkyria per sua fortuna è vicino all’angolo della BDK Inc., ed ecco che Sigfried Jaeger le dà il cambio! Il tedesco parte subito verso Drake, che non appena realizza si fa sotto. I due cominciano a colpirsi selvaggiamente a vicenda. La rabbia di Chris pare avere la meglio. Tentativo di TWD! No! Gomitata laterale del tedesco, che poi si rigira e va immediatamente di Blitzkrieg! Drake schiva di un soffio e spinge il tedesco alle corde. Sigfried rimbalza, evita un Lariat, poi imprigiona Chris bloccandogli un braccio dietro alla schiena, e mette a segno la Gegen Monstrum!!!

Immagine


Ecco Sigfried mettere Drake supino e schienarlo. 1... 2... No! Kickout da parte di Mr. TWD. Sospiro di sollievo di Alisa Drake, che sorride, mentre Jack Keenan è sul punto di irrompere sul ring. Il Corvo se ne avvede e lo indica all’arbitro, che va a redarguire il Pain Deliverer. A questo punto Sigfried si rialza e pianta il piede sulla testa di Drake premendo con tutto il suo peso! Il Wild Dragon grida per il dolore, finchè il referee non torna e conta il tedesco. 1... 2... 3... 4... Sigfried molla la testa di Chris, dopo di che eccolo prenderlo a calci metodicamente, là dove ha riportato i danni maggiori nel massacrante incontro con Kid The Wizard. Eccolo che lo rialza. Loki’s Tie a segno da parte del Corvo, che poi fa un sorrisetto all’indirizzo di Keenan e Alisa Drake. Altro schienamento. 1... 2... No! Drake c’è! Tentativo di Bruderschaft Suplex. No! Chris si libera rabbiosamente, evita un Whisper of the Hero, e mette a segno una Backstabber sul Best from the West!

Immagine


Sigfried finisce a terra tenendosi la schiena. Questo dà tempo a Chris di rifiatare qualche secondo. Eccolo poi abbrancare il Corvo e mettere a segno uno Snap DDT! Schienamento. 1... 2... No! Sigfried alza una spalla. Drake ansima, e lo tira su. Vuole provare uno Snap Suplex, ma il tedesco si libera. La battaglia ricomincia a suon di pugni, chop e uppercut. Sigfried pare in vantaggio. Whisper of the Hero! Drake barcolla e viene chiuso in una presa ferrea dal Best from the West, che lo trascina verso il proprio angolo. Tag di Gunther Schmidt. Il Mastino bavarese si carica Chris Drake sulle spalle, mentre Jaeger dà la scalata alle corde. Vogliono distruggere il Wild Dragon con la Winds of the North! Ma Chris reagisce! Gragnuola di pugni sulla testa di Gunther, che non può far altro che mollarlo. Mr. TWD atterra e fa una capriola verso il proprio angolo. E c’è il tag con Jack Keenan! Spettacolare Springboard Forearm del Pain Deliverer su The Hound!

Immagine


Subito dopo, Jack prova a chiudere il Mastino nella Pain Infliction... Ma viene colpito da Jaeger con una Twilight of the Thunder God! Il tedesco infatti era rimasto in agguato sul paletto a osservare gli sviluppi, prima di agire violentemente. Il referee ordina subito al tedesco di uscire dal ring. Mentre Gunther si mette s sedere e Jack è ancora a terra, Sigfried rotola via dal ring, dopo di che eccolo far polemica col pubblico mentre se ne va in zona timekeeper. E attenzione, il 34th Street Hero si è preso l’FWP World Heavyweight Championship!

Spoiler:
Immagine


Il Corvo guarda un attimo la cintura, dopo di che la butta in terra come fosse un oggetto inutile e vi pianta sopra un piede, alzando un braccio al cielo e facendo infine la taunt della BDK Inc. in camera. Poi il tedesco si gira... E viene aggredito da Chris Drake, che lo colpisce in pieno con una TWD Outta Nowhere!

Immagine


Il Wild Dragon si rialza, prende la cintura, e la alza al cielo battendosi il pugno al petto, insultando Sigfried che si tiene la testa a terra. Ma dall’apron ecco sopraggiungere come un proiettile Brunild Wagner! Panzerfaust su Chris Drake, che finisce gettato oltre le transenne! Nel frattempo sul ring Jack Keenan mette in difficoltà il Mastino. Keenan Special! Il Braumeister incassa la serie di gomitate, ma resta in piedi. A questo punto Jack prende la rincorsa e mette a segno la Kill Keenan Kill! Il Mastino finisce sbattuto all’angolo e il Pain Deliverer aiza la folla. E’ tempo di Pain Delivery! Ecco che Keenan prende per il collo il tedesco, ma Gunther reagisce e lo stende con un GuntherBuster alla disperata! Poi prova lo schienamento. 1... 2... No! Jack effettua il Kickout! Il gigante tedesco tira su l’avversario rabbiosamente. Brutality! No! Jack evita la decapitazione, e uncina le braccia del Mastino e lo atterra con un Dragon Suplex!

Immagine


Keenan mantiene la proiezione tenendo Gunther spalle a terra! 1... 2... No! Interviene Brunild Wagner, che rifila un calcio al costato di Jack! Keenan rotola via e si tira su aggrappandosi alle corde. Il Mastino striscia verso il proprio angolo e dà il cambio alla Valkyria, che fa segno all’avvocato di farsi sotto. Nel frattempo vediamo Sigfried tornare sull’apron, tenendosi ancora la faccia dopo la TWD subita a terra. Anche Drake sta ritornando al proprio angolo, seguito da Alisa, che ora custodisce l’FWP World Heavyweight Championship. Jack Keenan parte verso Brunild. STO(p me if you can) evitata. Brunild’s Kiss a segno! Keenan barcolla all’indietro tenendosi il viso. Tentativo di Geheimnisnacht! No! Jack si libera. Killshot sulla tedesca! La Valkyria ruzzola all’indietro e finisce all’angolo. Ed ecco la Lethal Combination! Running Forearm. Running Enziguri Kick. Snapmare. Ed è completata con la gomitata in corsa!

Immagine


La Valkyria resta a terra dolorante, con Jack che va per lo schienamento. 1... 2... e 3! No, quasi 3! Brunild effettua il Kickout sul due e mezzo! A questo punto Keenan passa sull’apron. Keenan Landing pronto. Jack lo effettua. Ma Brunild rotola via, evitandolo. Il Pain Deliverer riesce a effettuare una capriola in tempo, evitando danni. La Valkyria si tuffa verso il proprio angolo e Sigfried Jaeger si prende il cambio, tornando sul ring. Jack sorride e annuisce, invitando il Corvo a farsi nuovamente avanti, poi però si gira, richiamato dalle urla di Drake. Il Wild Dragon spinge per entrare e fare a pezzi il tedesco per l’affronto fatto al suo titolo. Jack guarda si guarda intorno, poi annuisce e dà il cambio a Drake! Quest’ultimo si precipita addosso a Sigfried, e la battaglia riprende. Pugni di Drake su Sigfried. Irish Whip alle corde. Reverse del tedesco. Ma Chris rimbalza alle corde e lo investe con un Jumping Knee Smash!

Immagine


Sigfried prova subito a tirarsi su. Tentativo di Lariat su Drake, che replica con una Wild Neckbreaker! Subito dopo il Wild Dragon prova a schienare il Corvo. 1... 2... No! Kickout di Sigfried. A questo punto Chris si carica col pubblico, prende le misure e parte per avviare la Wild Dragon Rage! Jumping Reverse Bulldog a segno! Ed eccolo rialzare Jaeger per chiudere la finisher. Ma Sigfried si libera disperatamente, e lo colpisce in pieno volto con un Blitzkrieg! Out of nowhere! Chris Drake crolla a terra stordito, mentre anche il Corvo si accascia a terra per riprendere fiato. Dopo qualche secondo il Best from the West copre Chris. 1... 2... e 3! No! Drake alza un braccio all’ultimo! Sigfried si mette in ginocchio e guarda male il referee. Dopo di che solleva Chris Drake e gli dice qualcosa di brutto in tedesco prima di tentare un secondo Blitzkrieg. No! Mr. TWD schiva. Superkick su Jaeger! No! Il tedesco blocca la gamba di Drake. Che lo colpisce con un Enziguri!

Immagine


Sigfried cade nuovamente a terra. A questo punto, Drake si guarda intorno ansimando. Vediamo Alisa che lo incita a dare il cambio Jack Keenan, che è pronto all’angolo. E stavolta Chris annuisce brevemente e striscia verso il compagno di team. Eccolo allungare la mano... MA ATTENZIONE! Jack Keenan salta giù dall’apron, non concedendo il tag!!! Colpo di scena! Il Pain Deliverer fissa negli occhi uno stupefatto Wild Dragon, poi scuote il capo. Chris fa per dire qualcosa, ma arriva in corsa Sigfried Jaeger e lo pianta a terra di faccia con una devastante Stay Down! Il Corvo guarda un attimo Keenan, poi fa spallucce e trascina via Drake. Jack si gira e fa per andarsene col pubblico nelle prime file che inizia a fischiarlo. Alisa Drake, scioccata, cerca di fermarlo sbarrandogli la strada e chiedendogli spiegazioni. Il Pain Deliverer a malapena la degna di uno sguardo, cerca poi di scartarla di lato, senza per questo aumentare la velocità, nè dare l'impressione di interessarsi della cosa. Alisa si sposta e gli sbarra nuovamente la strada, JK a sua volta si sposta dall'altro lato: la scena si ripete ancora un paio di volte, dopodichè Keenan decide semplicemente di tirare dritto, dando una leggera spinta con la spalla alla ragazza, che si ritrova seduta a terra. Dopo di che eccolo risalire la rampa, fermarsi, e girarsi a vedere cosa accade sul ring. Qui, dopo un altro schienamento infruttuoso, Sigfried dà il cambio volante a Gunther, che tira su immediatamente Drake, che sta sanguinando dal naso, e lo decapita con una Brutality!!!

Immagine


Dopo di che il Mastino schiena il wrestler di Philadelphia. 1... 2... e 3! No! Kickout di Drake per un soffio! Gunther guarda il Corvo, che fa pollice verso. The Hound va per una seconda Brutality, tirando su per un braccio Chris. Inside Cradle! Inside Cradle! 1... 2... e 3! No!!! Per un pelo Mr. TWD non strappava la vittoria! Il bavarese si tira su urlando e trascina Drake all’angolo della BDK Inc., dove assieme a Sigfried comincia prenderlo a pugni e calci. Come vediamo, le ferite dell’Hell in a Cell ricominciano a sanguinare. La BDK Inc. vuole massacrare letteralmente Drake, mentre Jack Keenan resta sullo stage a braccia incrociate. Il referee fatica a portare ordine, costringendo Sigfried e Gunther a mollare il Woodbury Made. A questo punto Brunild Wagner si prende il tag, lo solleva e lo abbatte violentemente a terra con una Geheimnisnacht!

Immagine


Altro schienamento decisivo! 1... 2... Roll Up Improvviso del drago ferito! 1... 2... Stay Down di Jaeger su Chris Drake a interrompere il conteggio! A questo punto l’Armbreaker uncina un braccio del Wild Dragon... Ed è Valkyrie’s Revenge! Chris Drake urla di dolore e prova a liberarsi, ma è troppo stanco e ferito. Eccolo cercare le corde con la mano libera e scuotere le gambe per tentare di rovesciare la mossa. Brunild tende il braccio più forte che può. Vuole romperglielo! Ma Drake resiste e inizia a spostarsi lentamente! E’ vicino alle corde... Brunild se ne accorge e lo molla! Tag con Sigfried, che si mette in ginocchio davanti a Drake e lo apostrofa malamente dopo avergli rifilato un paio di schiaffi sulla testa.

SGF: Time to lose, Undisputed Fetzig!

Ma Drake si solleva gli sputa addosso! Il Corvo digrina i denti e gli rifila una ginocchiata al volto, stordendolo, dopo di che lo chiude di cattiveria nell’Untersuchung!!!

Immagine


Chris Drake è chiuso irrimediabilmente nella stretta mortale del tedesco, ma cerca comunque di reagire. Come vediamo, la pressione alla testa lo sta facendo sanguinare copiosamente da fronte e naso. Alisa Drake, affranta e dolorante, non può far altro che vedere il fratello soffrire. Eccola girarsi verso lo stage e zoppicare verso l’immobile Jack Keenan, gridandogli di intervenire. Il pubblico incita Drake. Il Wild Dragon prova disperatamente a trascinarsi in avanti con le braccia. Jaeger allora aumenta la pressione sul collo, facendo gridare di dolore l’avversario, che poi resta immobile! Il referee scuote il braccio di Drake, che non reagisce. Eccolo chiamarlo, ma senza risposta. Chris Drake è svenuto! A questo punto, l’arbitro si alza in piedi e chiama immediatamente la fine del match!!! E’ finita! E’ finita! La Bruderschaft Der Krahe Incorporated ha vinto sul Wolfpack al termine di un match molto combattuto, ma rovinato dalla clamorosa defezione di Jack Keenan!!!

Spoiler:
JR: Ladies and gentlemen. The winners of this match, by Knock Out... The Bruderschaft Der Krahe Incorporateeeeed!!!!!


Il Corvo molla il Wild Dragon inerme a terra e si rialza, non senza prima sbattere a terra un'ultima volta la testa di Drake con una mano. Poi si piazza a centro ring, dove assieme a Brunild Wagner e Gunther Schmidt alza le braccia al cielo in segno di vittoria.



Dopo aver fatto la propria taunt, il trio di Ravensburg lascia alla spicciolata il ring, mentre nell’arena risuona la theme della BDK. Mentre si avviano sulla rampa, Sigfried, Gunther e Brunild non rivolgono nemmeno un'occhiata ad Alisa Drake, che si appoggia alla balaustra. Infine lasciano lo stage senza fermarsi, con facce cupe, ignorando anche Jack Keenan, che li guarda andarsene. Una volta usciti i corvi di Ravensburg, la loro theme si interrompe, e tutti gli occhi si volgono verso il Pain Deliverer. Lo stesso Pain Deliverer, in questo momento, inizia a camminare verso il ring, senza fretta. Nel frattempo, Alisa Drake è scesa dal quadrato e ha preso una bottiglietta d'acqua offertale da un fan, che ora, risalita sull'apron, sta usando per cercare di far tornare cosciente il fratello. Jack Keenan, sempre con estrema calma, si porta ora a centro ring e osserva dall'alto in basso Chris Drake... il quale dal nulla si laza in piedi e attacca il Pain Incarnate con una serie di calci e pugni. Drake è una furia, ma Keenan riesce a scrollarselo di dosso spingendolo con forza verso le corde e mandandolo dritto addosso ad Alisa!! La ragazza perde la presa sulle corde e cade a bordo ring, sbattendo il collo infortunato a Path of Legends! Chris Drake, visibilmente scioccato, si gira per controllare la sorella...

Immagine


MA ALLE SUE SPALLE KEENAN METTE A SEGNO UN LOW BLOW!!! Drake, con una smorfia di dolore indescrivibile dipinta sul volto, si affloscia al terreno. Jack Keenan, tornato a torreggiare su di lui, non sembra aver finito: solleva di nuovo il Woodbury Made, lo carica sulle proprie spalle...

Immagine


... e connette con quella che ha tutta l'aria di essere una Divine Revenge, la vecchia mossa finale di Chris Drake!! L'FWP Champion stramazza definitivamente a terra, rimanendo immobile. Jack Keenan allora, per la prima volta da quando ha abbandonato il match, si guarda intorno, lasciando vagare lo sguardo per l'arena che si è schierata, compatta, tutta contro di lui. Il Pain Deliverer annuisce gravemente, poi sorride. Forse per inerzia, forse caricato dai cori a suoi favore, Chris Drake riesce a fatica a mettersi in ginocchio e, per un attimo, guarda negli occhi l'ex compagno di squadra... giusto in tempo per essere investito da un devastante calcio alla tempia.

Immagine


Forse finalmente soddisfatto, Jack Keenan esce dal ring e si dirige verso il backstage, lo sguardo dritto davanti a sè. Solo una volta arrivato sullo stage si volta per un istante, per contemplare quello che si è lasciato dietro. Infine, abbandona anche lo stage, nel mezzo di un pubblico che si divide tra fischi e silenzio sbigottito. Dopo questo momento scioccante, andiamo in pausa. Pubblicità!


Top
 Profilo  
Rispondi citando  

Re: TWC - Friday Night Indoor War (#25-???)
MessaggioInviato: 22/04/2016, 21:38 
Connesso
Avatar utente

Iscritto il: 21/03/2012, 18:23
Messaggi: 8561
Siamo nel backstage, e vediamo Leon Black che si sta riscaldando per il suo match.

Immagine


VC: Ehm.

Ad interrompere il TWC Heavyweight Champ è la voce di Vincent Cross, AKA Reginald Smithsonian Rossen.

Immagine


Il Biker, con le braccia incrociate, si avvicina al campione, fissandolo.

VC: Andrò dritto al nocciolo della questione, Leon: non spupazzarlo troppo, 'stasera.

Black osserva Cross.

LB: Non credo di potertelo restituire esattamente com'era prima, però.

VC: Ma magari, guarda.

Cross si stiracchia per un paio di secondi, poi torna composto.

VC: Lo sta facendo giusto giusto per il sottoscritto. Non so se esserne onorato o preoccupato.

Black fa un sospiro.

LB: Ascoltami Vincent. So che sembra strano, ma cerca di dare una possibilità a Simon. So che adesso sembra un coglione, e lo è sempre stato. Ma è un amico, in certi sensi. Credo possa solo peggiorare, se continua così.

VC: Lo so... E' solo che ho paura che non finirà bene, in futuro. Non voglio che si faccia troppo male, ne ha già passate tante.

Cross da una pacca sulla spalla sinistra di Black.

VC: Fai quello che devi fare.

LB: Lo faccio sempre. Non ti preoccupare.

VC: E questo è il motivo per cui sei il TWC Heavyweight Champion.

Cross se ne va, e Black riprende il suo esercizio di riscaldamento.


Top
 Profilo  
Rispondi citando  

Re: TWC - Friday Night Indoor War (#25-???)
MessaggioInviato: 22/04/2016, 21:43 
Connesso
Avatar utente

Iscritto il: 21/03/2012, 18:23
Messaggi: 8561
Torniamo la pubblicità e risuona la theme di Ayumi Haibara, la TWC World Women's Champion!



Immagine


L'asiatica è vestita in abiti civili, sorride e porta fieramente la cintura sulla spalla. Cammina lungo la rampa e una volta arrivata sul quadrato, si fa passare un microfono.

AH: Il mio nome è Ayumi Haibara. Vengo da Osaka, in Giappone. Ho vinto titoli ovunque io sia andata.

La ragazza si toglie la cintura sulla spalla e la guarda.

AH: Mi è stato detto che questa federazione era la migliore al mondo, e che se avessi voluto dire di essere qualcuno, avrei dovuto vincere anche qui.

Piccola pausa.

AH: Eppure, ad oggi, ho disputato due match. Li ho vinti entrambi in pochi minuti. E sono bastati per diventare la TWC World Women's Champion. E non mi sembra certo di aver lottato contro le migliori che questa federazione aveva da offrire.

Ayumi allarga le braccia e...



Immagine


Brunild Wagner! La WFSS Woman World Champion appare sullo stage, decisa, e porta con se la sua cintura. La Smiling Crow procede veloce sulla rampa, mentre Haibara sorride. Le due vanno faccia a faccia, il pubblico è caldissimo...



Immagine


Attenzione perchè anche Elektra Kellis, con un boato della folla, si presenta sullo stage! Haibara e Brunild si girano verso di lei, che avanza sulla rampa scuotendo la testa, Titolo FWP in mano. La Spartana si unisce alle due sul quadrato e...



Immagine


Lucy Fisher si unisce alla festa! Campionessa TDPW, non è da meno alle tre colleghe e si incammina decisa verso il ring. Giunta sul quadrato, le quattro si lanciano sguardi intensi... poi Haibara alza il titolo! Boato del pubblico, ma Brunild fa lo stesso! E così anche Elektra, e poi Lucy! Boato del pubblico, le quattro regine del wrestling femminile mondiale si squadrano, a cosa porterà? Noi intanto andiamo in pubblicità. Don't. Change. The Channel!


Top
 Profilo  
Rispondi citando  

Re: TWC - Friday Night Indoor War (#25-???)
MessaggioInviato: 22/04/2016, 21:47 
Connesso
Avatar utente

Iscritto il: 21/03/2012, 18:23
Messaggi: 8561


Immagine


Simon B. si presenta sullo stage, sorridente. Il pubblico, come al solito, lo accoglie con un insieme di fischi e di urletti femminili eccitati. Il Who You Want to B. è in tenuta da ring, quindi questo può voler dire una sola cosa. Il prossimo match della serata sarà il match per il titolo del mondo. B. Si dirige verso il ring e ci sale attraverso i gradoni d’acciaio, per poi appoggiarsi all’angolo con fare strafottente.



Immagine


E il secondo ad arrivare è Leon Black, il World Heavyweight Champion, cintura in spalla e sorriso da una parte sola come al suo solito. Il pubblico, come da tradizione piano piano diventa silenzioso, mentre il campione alza il titolo sopra la testa, tendendo il braccio. Dopo qualche istante poi lo lascia cadere, mentre, come al solito il pubblico è al reparto effetti sonori.

Booooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooom!


Il gigante sorride al pubblico e si avvia verso il ring, riposizionandosi il titolo sulla spalla. Un cameraman gli si avvicina, e, essendo ripreso da vicino, il gigante dice qualcosa.

LB: What do I want to be? That’s a good question.

Black spinge via con una mano la telecamera e si arrampica sui gradoni, per poi salire sul paletto. In piedi il gigante alza il più possibile la cintura, annuendo alla telecamera. Il punto più alto che un uomo da solo potrà raggiungere con un titolo, come più volte ha ripetuto. Il gigante salta giù e guarda Simon B., che lo ignora. Poi si avvicina a Jessica Rose e la saluta con uno scambio di baci sulle guance. Infine osserva l’arbitro Thomas Kiley, che annuisce. La annunciatrice indica gli angoli ai due, poi prende il microfono.

JR: Introducing first the challenger, in the right corner, from Miami, Florida, he stands 6-feet-2-inch tall, weighing 222 pounds, he is Who You Want to B., Simon B.!

Simon alza un braccio, prendendosi la reazione mista da parte del pubblico.

JR: And his opponent, in the left corner, from Chicago, Illinois, he stands 7-feet-2-inch tall, weighing 392 pounds, he is the current reign and first ever TWC World Heavyweight Champion, the Unglorified Legend, Leon Black!

Il gigante, sollevando il titolo sopra la testa, annuisce e fa segno a B. di farsi sotto. Kiley si avvicina e prende la cintura da Black e la fa vedere a Simon, che annuisce, poi la mostra ai quattro lati del ring. Infine la consegna a Jessica Rose, che scende dal ring, e fa segno al timekeeper, che fa suonare la campanella.

Singles Match for the TWC World Heavyweight Championship:

Leon Black© Vs. Simon B.


È tutto pronto per il match, e Simon B. e Leon Black sono agli angoli opposti del ring, appoggiati. Il pubblico è tutto dalla parte di Black, che annuisce in direzione del suo avversario e si porta a centro ring. Attimi di attesa per B., che poi si stacca a sua volta dall’angolo e si avvicina al suo rivale. Il campione del mondo offre una prova di forza, e Simon, dopo qualche esitazione, accetta. Il gigante passa rapidamente in controllo e chiude il suo avversario in una Side Headlock, poi lo ribalta con un Judo Toss e lo blocca a terra nella Headlock. B. però fa ponte e trasforma la presa in uno schienamento. 1… Black lo riporta giù nella Headlock, poi lo arpiona ad un braccio e lo porta in uno schienamento a sua volta. 1… Simon è rapido a liberarsi e scatta in piedi. Tentativo di calcio da parte del Who You Want to B, ma Black si abbassa e schiva il piede, per poi rialzarsi e buttarsi alle corde. Clothesline! B. Rotola fuori dal ring, tenendosi il volto. Scambio di sguardi fra i due, con Simon che si tiene la mascella. Lo sfidante inizia a camminare nei pressi dell’apron, avanti ed indietro, poi si ributta dentro al quadrato. Scambio di pugni fra i due, in cui il campione ha la meglio. Irish Whip da parte della Unglorified Legend, che poi si piega. Calcio al colto connesso da Simon B. Lo sfidante afferra il campione. DDT! Schienamento. 1… Black si mette a sedere, sbalzando lontano Simon, che rotola sull’apron. Black si avvicina. Hot Shot! B. manda il collo di Black ad impattare sulle corde, poi corre verso il paletto ed inizia ad arrampicarsi. Quando è sulla terza corda si tuffa per un Double Axe Handle, ma Black lo prende al volo! Bear Hug! B. Finisce nello stritolante abbraccio di Black, che inizia a scuoterlo come un bambolotto di pezza. Simon prova a liberarsi di forza, ma non ci riesce, quindi inizia a colpire il suo avversario con una serie di pugni al volto. Uno, due, tre, quattro, cinque, sei, sette, otto, nove, Belly to Belly Suplex!

Immagine


Black annuisce, mentre B. prova a rotolare fuori dal ring. Il campione del mondo se ne accorge e lo afferra per le gambe, trascinandolo a centro ring. B. prova a liberarsi con una serie di calci, ma il campione gli risponde con una serie di gomitate al ginocchio destro. Black annuisce e si rialza, chiedendo al pubblico di seguirlo, poi si avvicina a B. e connette un Leg Drop. Schienamento. 1… 2… B. Alza una spalla. Black annuisce e chiude il suo avversario in una altra Headlock. Ma B. risponde con un dito in un occhio! Black lascia andare la presa e si porta le mani al volto, mentre Simon si rimette in piedi. La Unglorified Legend è arretrata alle corde e si controlla l’occhio ancora un istante. Simon Says!

Immagine


B. copre il suo avversario. 1… 2… No. The Knight alza una spalla. Simon scuote la testa e colpisce con un paio di pugni l’avversario, per poi rialzarsi ed urlare al pubblico “WannaB”. Shoulder Block del campione, che si è rimesso in piedi. B. cade a terra e si accorge del suo errore, ritirandosi all’angolo. Black lo va a raggiungere, ma B. si mette fra le corde, chiedendo un Timeout. Il direttore di gara fa presente a Black che non può colpire il suo avversario in quella posizione, poi si mette fra lui e B. Black alza le mani e fa per allontanarsi, ma Simon gli spinge addosso l’arbitro. Black perde un secondo l’equilibrio, ed è quanto basta a Simon B. per connettere un Dropkick. Il campione arretra e Simon si getta alle corde. Lariat. Black è in ginocchio. B. si butta ancora alle corde e connette con una ginocchiata al volto, stendendo il campione. A questo punto l’arbitro lo raggiunge ed inizia a rimbrottarlo, cosa che B. ignora con una sonora scrollata di spalle. Side Headlock dello sfidante su Black, che però si libera subito e prova un offensiva, ma viene fermato da una gomitata al volto. Il gigante si tiene la mascella un istante e B. lo colpisce con una testata, per poi rialzarsi in piedi e buttarsi alle corde. Travolgente Clothesline di Black, che manda B. fuori dal ring. Il campione sorride al pubblico, indica B. fuori dal ring nei pressi del tavolo dei commentatori, e si butta alle corde.

Immagine


RunAway Dive! Black urla al pubblico, che gli risponde con cori a favore. Il gigante annuisce e va a dare il cinque a Jacob Price e Michael Campbell. Poi si concentra su B., che sta cercando di rialzarsi con l’aiuto delle barricate. Il gigante lo raggiunge e lo afferra per la testa, ma B. ha una reazione fulminea e scaraventa il suo avversario sui gradoni d’acciaio. Impatto violento per il campione, seguito subito da un Big Boot dello sfidante. E per non farsi mancare nulla B. appoggia la testa del campione al paletto e connette con una ginocchiata in corsa. Simon annuisce vistosamente, poi nota una bionda in prima fila, le sorride e le dice qualcosa. Dopo qualche istante la ragazza annuisce ed estrae un telefono dalla tasca dei jeans. B. allora va a recuperare Black, lo trascina fino alle barricate, e i due si fanno un selfie con il cadavere del campione. B. poi lascia andare Black e prende un foglio ed una biro che la ragazza gli porge ed inizia a scrivere il proprio numero di telefono. Dopo qualche istante riconsegna il tutto alla donna. Ma Black si è ripreso. Tentativo di Clothesline di B., ma Black lo evita e connette con un Atomic Drop sulle barricate.

Immagine


Brutta posizione per B., con il campione che rotola dentro il ring e poi fuori per resettare il conteggio, arrivato oramai a sette. Black annuisce, poi si arrampica sull’apron, prende la rincorsa e connette un Flying Dropkick sul suo avversario, che finisce fra il pubblico. La bionda di prima si precipita a controllare le condizioni del suo eroe, e Black le si avvicina, scavalcando le barricate e recuperando il telefono che ha lasciato a terra. La Unglorified Legend si guarda intorno e poi si fa un selfie con la ragazza che cerca di far riprendere B. Il gigante sposta la bionda e rialza Simon, lanciandolo dentro l’area ring. Leon scavalca le barricate di nuovo e ributta B. sul ring. Il campione entra nel quadrato e sorride, poi inizia a girare intorno a Simon B. guardandolo come un gatto guarda un topo. Simon lentamente riprende la posizione verticale, ma viene colpito da un pugno. E poi un altro. Simon B. si lascia cadere e rotola sull’apron, per poi rialzarsi in piedi e urlare a Black di essere troppo intelligente per lui. Black non pare impressionato e si avvicina, afferrando B. Tentativo di Hot Shot, ma Black impedisce a Simon di cadere, per poi colpirlo con una serie di pugni. B. non sembra più in grado di difendersi, e Black lo afferra per un Suplex. Morso di B.! Black si stacca e Simon connette un altro Hot Shot! L’arbitro rimbrotta Simon B., che però non ha tempo da perdere.

Immagine


Whisper in the Grudge! Simon B. schiena. 1… 2… NO! Black alza la spalla all’ultimo istante, uscendo dalla manovra migliore di Simon B. Sospiro di sollievo dal pubblico, che poi inizia ad incitare Black. Il gigante è appoggiato all’angolo, seduto, mentre B. è di nuovo in piedi e sta urlando al pubblico, nuovamente, che sono tutti WannaB. Serie di calci ai danni di Black da parte di B. Lo sfidante si passa una mano fra i capelli, poi si butta alle corde e connette con un Big Boot all’angolo. Simon poi rialza Black e connette un B-orgasm. Schienamento. 1… 2… No. Simon riprende l’arbitro per aver contato troppo lentamente, poi rialza Black e lo afferra alla testa per connettere un altro B-orgasm. Pugno nel costato da parte della Unglorified Legend. E poi allo stomaco, poi al volto, un altro al volto, uno allo stomaco, uno al fianco. I pugni si fanno sempre più ravvicinati. Fury of a Houndred Punches! B. crolla a terra, e Black si strappa via le fasce alle mani, lanciandole fra il pubblico. Il gigante osserva B. a terra, poi lo rialza.

Immagine


Fisherman Suplex del campione, che non rilascia la presa ma rende tutto uno schienamento a ponte. 1… 2… B. si libera con un colpo di reni. Black annuisce all’arbitro che gli fa segno che è solo due, poi si rialza in piedi e si dirige verso il paletto. Potrebbe essere il momento perfetto per il tipico volo del gigante, il Phoenix Splash. Black inizia ad arrampicarsi, ma B. si è rialzato e lo blocca con una gomitata alla schiena. Black perde quasi l’equilibrio, ma riesce a rimanere sulla seconda corda. Serie di pugni da parte di B., che poi inizia ad arrampicarsi a sua volta. Risposta di Black, che cerca di impedirglielo, ma B. connette con una Backstabber. L’impatto è equiparabile ad un disastro ferroviario. Sia B. che Black infatti ne escono piuttosto malconci. Simon si avvicina alle corde, tenendosi le gambe, mentre Black è a centro ring, con le mani sulla schiena. Lo sfidante osserva il campione e a fatica si rialza in piedi. Si avvicina al suo avversario e gli fa segno di alzarsi. Tenendosi una gamba Simon B. aspetta Black al varco, urlandogli addosso improperi. Finalmente La Unglorified Legend inizia a rialzarsi, tenendosi la schiena. Il campione è in ginocchio.

Immagine


Whisper in the Grudge! Ancora! Schienamento. 1… 2… 3! NO! Black alza la spalla destra. Simon B. Inizia a sbraitare contro il direttore di gara, si rialza e inizia a riempire di stomp il suo avversario. Who You Want to B. si asciuga il sudore dalla fronte e prova a ricomporsi i capelli. Simon B. si massaggia la gamba, poi si dirige verso l’angolo. Lo saggia un istante ed inizia ad arrampicarsi. Black lo afferra alle spalle. Deadlift German Suplex! NO! B. si attacca all’angolo. E BLACK TRASCINA B. CON SE, RIMUOVENDO LA PROTEZIONE PIÙ ALTA DEL PALETTO. Black si avvicina al suo avversario per schienarlo. Roll Up dello sfidante. 1… 2… No, Black si libera. Simon B. si rialza di corsa, inseguito da Black. Il gigante lancia B. contro l’angolo opposto a quello senza protezione. Running Corner Uppercut. Simon si sposta e tenta una Irish Whip, ma Black la ribalta. Black riesce a fermarsi un istante prima di impattare contro il paletto non protetto. Big Splash di Black. B. si sposta! Black va ad impattare di volto contro l’anello di ferro del paletto. Roll Up di B., che si tiene anche ai pantaloncini del suo avversario. 1… 2… 3! NO! Black si libera.

Immagine


In Memoriam del campione! B. barcolla verso le corde, e va per un Pendulum Lariat. WannaBe! NO! Black evita il colpo abbassandosi.

Immagine


Mark of Light! Schienamento a ponte del campione. 1… 2… 3! 3! L’arbitro fa segno al timekeeper di far suonare la campanella!

Spoiler:
The winner of this match: Leeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeon Blaaaaaaaaaaaaaaaaaack!


Il campione del mondo si rialza, prendendo il titolo dall’arbitro ed alzandolo al cielo. Cori per lui da parte del pubblico, mentre Simon B. rotola fuori dal ring, tenendosi la schiena. Il gigante nel frattempo è salito su un paletto ed alza il titolo al cielo. E su queste immagini noi andiamo in pubblicità. Non cambiate canale!


Top
 Profilo  
Rispondi citando  

Re: TWC - Friday Night Indoor War (#25-???)
MessaggioInviato: 22/04/2016, 21:51 
Connesso
Avatar utente

Iscritto il: 21/03/2012, 18:23
Messaggi: 8561
Backstage. Ci troviamo dentro quello che sembra essere un camerino. L'inquadratura è fissa e si possono notare oggetti come uno specchio, delle pance e un borsone da palestra. E una sedia di legno davanti la telecamera. Ecco che, con tranquillità, una figura si siede, guardando fissa nell'obbiettivo.

Immagine


LA: Ti prego, dimmi che funziona...

La donna si sporge un po' in avanti per controllare la camera, poi si rimette nuovamente composta.

LA: D'accordo, visto che stiamo registrando, ecco, come posso dire... Questo è necessario.

Guarda fisso in telecamera, senza muovere la testa.

LA: Questo accadrà ad ogni puntata di Indoor War finché rimarrò in TWC. E' un piccolo diario personale raccontato a voce, per i fans non solo dell'America, ma anche per tutti quelli che mi seguono sin dall'inizio, dal Giappone e dal Messico, e anche da tutta l'Europa... Ma soprattutto per mio marito e per mio figlio.

La ragazza mima un bacio ed un saluto verso la telecamera.

LA: Siccome questo è un "diario personale", alcune cose potrebbero annoiarvi, ma ci tengo a narrarvele. Vedete, sono in America da appena un mese e l'impatto con questo paese è stato più "inaspettato" del previsto. Voglio dire, ho già lavorato per compagnie Americane, ma per periodi brevissimi o comunque con contratti particolari. Tutto ciò... E' nuovo per me, ma è anche meraviglioso.

Lisa sorride.

LA: Stamattina all'hotel hanno provato a farmi mangiare una specie di brioche con la maionese e il ketchup, e a pranzo ho visto un ristorante italiano che serviva pasta cotta nel brodo di pollo. Però ho sentito alcuni clienti lamentarsi di ciò come se non fosse italiano, poi non so. Ma immagino che se qualcuno preparasse il sushi di tonno con le carote avremmo di che lamentarci anche noi.

LisaLisa ride per un paio di secondi, poi ritrova la propria compostezza.

LA: E' questa... varietà che mi piace di più, tra tutte le altre cose. E' per questo che ho scelto di viaggiare per il mondo, e anche se ho messo su famiglia non smetterò. Alcuni potrebbero contestarmi, e lo capisco, ma anche mio marito lo fa. Credo sia in Inghilterra in questo momento... tra un po' ci rivedremo, e non sto nella pelle, ma devo rimanere concentrata. Perché io sono innanzitutto una lottatrice, una professionista.

La Reina Perlada diventa seria tutto d'un tratto.

LA: E non sono giunta qui solo per parlare di me, ma anche e soprattutto per lottare. Per dimostrare che Ichiban non è solo una paroletta che i Gajin imparano alla buona e meglio per fare i gradassi, ma che ha un senso profondo. E chiunque si parerà sulla mia strada capirà cosa intendo. Per me, per mio marito, per mio figlio, e per chiunque ha creduto in me sin dall'inizio. LisaLisa è giunta in TWC. E vuole restarci.

Lisa si avvicina alla telecamera. Dopo un po' il collegamento va sul nero.


Top
 Profilo  
Rispondi citando  

Re: TWC - Friday Night Indoor War (#25-???)
MessaggioInviato: 22/04/2016, 21:56 
Connesso
Avatar utente

Iscritto il: 21/03/2012, 18:23
Messaggi: 8561
Immagine

Al termine di una sosta pubblicitaria, torniamo nuovamente in diretta dallo Hulman Center, Terre Haute, dove si sta svolgendo il ventottesimo episodio dello "Show Fenomeno", Friday Night Indoor War, terzultima tappa prima della seconda edizione di War of Change, il primo PPV nella storia della TWC. Le immagini ci conducono dietro le quinte, dove, armata di microfono, troviamo Ally Sullivan, la giovane intervistatrice della Total Wrestling Corporation, che, mostrando un sorriso raggiante, è pronta per una nuova intervista in questa serata ancora una volta faticosa e impegnativa.

AS: Signore e signori, ecco a voi il mio nuovo ospite, "The Star" Samuel Nolan!

Immagine

Accanto alla Sullivan, ecco dunque che fa la sua comparsa il fratello minore di Tyler Nolan, Samuel, che annuisce, serioso, mentre la giovane intervistatrice riprende la parola.

AS: Samuel, due settimane fa, a Indoor War, tuo fratello Tyler Nolan è tornato, venendo poi letteralmente cacciato via dal ring; quali sono le tue impressioni sul confronto avuto due settimane fa, il primo dopo i fatti di Alpha Horizon?

Samuel sospira profondamente. Poi prende la parola.

SN: Tyler, questo Tyler, non è mio fratello, perché mio fratello è morto quattro mesi fa, a The End Is Near, quando anziché la lealtà, gli affetti, la famiglia, ha scelto il successo ad ogni costo, l'egoismo, la prepotenza, cose che né nostra madre né mio padre né certamente il suo ci hanno insegnato; Tyler vuole la fama, vuole donne, soldi, questo io non posso darglielo... posso però dargli un pugno in faccia, un calcio, ed è questo ciò che è successo due settimane fa, ed è questo ciò che succederà quando ci incontreremo, di nuovo...

AS: E' ormai ufficiale: il prossimo 3 giugno, a Seattle, nel primo PPV della TWC, War of Change II, vi affronterete in uno scontro che non ha precedenti nella storia della nostra federazione, uno scontro fratricida...

Samuel Nolan annuisce, serioso.

AS: Che cosa ti aspetti da questo incontro? Come andrà a finire?

"The Star" rimane in silenzio per qualche secondo, capo chino. Poi solleva la testa e, dopo aver respirato profondamente, prende la parola.

SN: Certi dicono che sono cambiato, hanno visto un "nuovo" Samuel Nolan, non è così; Tyler è cambiato, ho solo accettato questo fatto, ho accettato di avere davanti non un fratello, non un alleato, ma un nemico, che vuole sconfiggermi, umiliarmi, distruggermi... così vuole lui, così adesso voglio io, la guerra l'ha cominciata lui, sarò invece io a concluderla, a War of Change, perché non permetterò a nessuno di porre fine al mio sogno, nemmeno a colui senza il quale ora non sarei qui, colui che mi ha ispirato questa passione, che per me ora è diventata questione di vita o di morte... a Seattle sarà lui a finire col culo per terra... di nuovo...

??: Ecco a voi... Vacant!

Immagine

L'uomo più misterioso del TWC Universe, interrompendo Samuel Nolan, fa il suo ingresso in scena, comparendo proprio dinnanzi a "The Star", che, visibilmente infastidito, si ammutolisce, mostrando a Vacant uno sguardo severo, serrando i pugni...

Vacant: Gentili signore, gentili signori, fanciulli, fanciulle, per la prima volta nella storia della TWC, in diretta da Friday Night Indoor War, eccovi l'uomo dai cento nomi senza volto, il pluricampione del mondo, ecco, qui, per voi... Vacant!

Silenzio.

Vacant: Pubblico difficile... Samuel, tu non mi conosci, io conosco te e credo che tu sia l'astro più luminoso nel firmamento della TWC, no, del pro wrestling, no, del mondo intero e, credimi, di stelle ne ho conosciute, io sono una stella, una gigante rossa, no, una nana bianca, no, una stella gialla...

SN: Non è il momento... e comunque per me e per il mondo intero rimani solo un buffone in una ridicola calzamaglia da quattro soldi...

Detto ciò, Samuel Nolan si fa avanti, va faccia a faccia con Vacant, che rimane immobile, lo osserva severamente, rabbiosamente, poi si allontana sotto lo sguardo celato dell'uomo in calzamaglia.


Top
 Profilo  
Rispondi citando  

Re: TWC - Friday Night Indoor War (#25-???)
MessaggioInviato: 22/04/2016, 22:03 
Connesso
Avatar utente

Iscritto il: 21/03/2012, 18:23
Messaggi: 8561
Signore e signori, bentornati a Friday Night Indoor War! Tutto è pronto per il Main Event, che vedrà Lance Murdock e Nick Carroll fare coppia per affrontare Andy Moon e Kevin Manson, in un match con un'importante posta in palio: due posti nel Ladder Match di War of Change.



Ecco che risuona la theme di Kevin Manson risuona nell’arena e scatena la classica reazione mista del pubblico!

Immagine


Ed ora l’Animal fa la sua comparsa sullo stage! Kevin si dirige verso il bordoring, lanciando occhiate cupe in giro.

JR: Introducing first. Making his way to the ring, weighting 280 pounds and standnig 6-feet tall. From Parts Unknown, he is The Painmaker... KEVIIIIIN... MAAAAANSOOOOON!!!!!

Il Tear Suppressor sale sul ring in attesa del suo compagno.



Ed ecco che la theme Andy Moon viene diffusa nell'arena.

Immagine


L'Infinite Kid compare sullo stage, da solo.

JR: And his partner. From...

SAVANNAH!

JR: ... Georgia, weighting 171 pounds, Andyyyyyyy Mooooooooooooon!

Il giovane si avvicina lentamente al ring, con le mani in tasca e lo sguardo che va da una parte all'altra dell'arena. Andy entra sul quadrato passando sotto la prima corda ed esulta, per poi piazzarsi ad un angolo, scambiando qualche parola col suo tag team partner.



Le prime note di "Dies Irae" risuonano nell'arena, facendo presagire l'ingresso di Lance Murdock.

Immagine


The Savior si incammina trionfalmente sulla rampa, dispensando strette di mani al pubblico.

JR: And their opponents. Introducing first: from Hell’s Kitchen, New York, weighting one hundred and ninety-eight pounds… He is the DaaaareDevil: Lance Murdock!

Una volta salito sul ring, il Savior lancia via il mantello, raccolto da un bambino in prima fila. Il Preacher sale su di un paletto e guarda i suoi avversari con un sorriso sarcastico dipinto sul volto.



"Fireproof" non si fa attendere e dopo qualche istante ecco arrivare Nick Carroll, che alza al cielo il titolo degli Ironman.

Immagine


Carroll guarda negli occhi Murdock, che ricambia il suo sguardo mantenendo il sorriso sulle labbra.

JR: And his partner! From Boston, Massachussets, he stands six feet tall, weighing one hundred and eighty-three pounds, he is the TWC Fifteen Champion: the Engineer, the Brain Damager, Nick Carroll!

Il bostoniano raggiunge il quadrato e va immediatamente e consegna il titolo all'arbitro Simon DeJano, il quale lo lascia a sua volta a Jessica Rose, per poi dare il via alla contesa.


**Main Event - Tag Team Match**

Nick Carroll & Lance Murdock vs. Kevin Manson & Andy Moon


Mentre Kevin Manson è già pronto, ecco che dopo un lungo scambio d’opinioni sarà Lance Murdock il primo a cominciare l’incontro. Ma mentre Carroll esce dal ring, ecco che l’Animal arriva di gran carriera e colpisce il Savior con un Running Lariat non appena questi si gira! Mentre Carroll scuote il capo, il Tear Suppressor rialza Lance e lo getta all’angolo con un Irish Whip, poi parte di corsa per un secondo braccio teso, ma Murdock risponde con una gomitata al volto dell’Animal. Manson arretra tenendosi la bocca, poi riparte alla carica a suon di pugni. Violento scambio tra i due, che non si affrontano fin dal lontano Main Event di End is Near 2015. Ha la meglio Murdock, che poi prende a forza l’Animal e lo getta alle corde. Reverse di Manson. Murdock rimbalza, schiva un Big Boot, e colpisce in pieno Kevin con la Far from any road!

Immagine


Manson cade al tappeto, rotola via ed esce dal ring, frustrato. L’Animal non dà retta agli ammonimenti di Andy Moon, e dopo aver gridato qualcosa ai fan nelle prime file, balza sull’apron. Baseball Slide di Lance Murdock, che manda Kevin a sbattere alle transenne! Il Savior si rialza e fa l’occhiolino all’accigliato Nick Carroll, dopo di che si avvede della posizione di Manson e si lancia dalla parte opposta del ring. Rincorsa del Preacher e tentativo di DDD! No! Il Tear Suppressor si scansa all’ultimo ed evita il proiettile umano, mandando Murdock a schiantarsi alle transenne! Che botta! Il DareDevil si tiene un braccio e impreca. Manson non ci va per il sottile e gli rifila una serie di Stomp, insultandolo. Poi si avvede del conteggio dell’arbitro e abbranca l’avversario, ributtandolo sul quadrato. Ed ecco il primo schienamento del match. 1... No! DD si scuote subito. Manson allora gli rifila un Jumping Knee Drop!

Immagine


Secondo Jumping Knee Drop da parte di Kevin Manson. L’Animal si alza e vede che Moon vuole entrare, ma lo ignora. Rincorsa alle corde e tentativo di Running Senton! A vuoto! Lance Murdock si sposta in tempo. Mentre Manson è a terra che si lamenta per la schienata, il DareDevil si tira su massaggiandosi il braccio, poi punta Kevin e gli rifila un’Eyes Wide Shot al volto, atterrandolo! Schienamento. 1... 2... No! Kickout di Manson. Lance lo rialza e lo lancia alle corde. Ancora Reverse di Kevin, che sfrutta la stazza maggiore. Lance rimbalza, ma nel mentre Carroll allunga la mano e gli dà il cambio! Big Boot devastante di Manson su Lance Murdock! Il Preacher rovina a terra e l’Animal prova a schienarlo, ma l’arbitro gli fa segno che non è Lance l’avversario legale nel match. Kevin non fa in tempo a rendersene conto che Carroll lo travolge con un Missile Dropkick!!!

Immagine


Il Tear Suppressor ruzzola via dimenandosi, poi approfitta della vicinanza di Andy Moon per ottenere il cambio e uscire dal ring a leccarsi le ferite. E attenzione, pubblico diviso mentre Andy Moon e Nick Carroll si ritrovano da soli sul ring. I due annuiscono l’un l’altro, poi si chiudono in Clinch. Headlock da parte di Carroll, che poi rovescia a terra Moon e stringe la presa. Lo Skull Kid pian piano si rialza e tira su l’avversario che gli stringe la testa con una presa ferrea. Moon spinge Nick alle corde e prova a spingerlo via. Niente da fare. Carroll lo blocca. Altro tentativo. Gomitate allo stomaco da parte di Moon, che si libera e lancia alle corde l’Engineer. Nick rimbalza. Spallata a Moon che finisce a terra. Nick si lancia alle corde. Rimbalzo e Moon a terra che si fa scavalcare. Altro rimbalzo e Moon stavolta salta, facendosi passare di nuovo da Nick. Terzo rimbalzo. Heartbeat Overdrive! No! Carroll schiva la pericolosa finisher del Wanna Be Hero e lo atterra prendendolo da dietro. Zig Zag a segno!

Immagine


Applausi del pubblico per Nick, che poi solleva Andy e lo prende per il collo per la Swinging Neckbreaker. Ma lo Skull Kid non ci sta. Doppia rotazione. Calcio allo stomaco dell’Engineer, seguito da una serie di calci alle ginocchia. Carroll si piega e finisce in ginocchio. Calf Kick di Moon su Nick e Wintershot completata con successo! Ed ecco lo schienamento. 1... No! Nick si scuote. Andy allora lo rialza e prova la Time Warp! No! Pugni allo stomaco da parte di Carroll, che completa il tutto con un Back Body Drop da fermo piuttosto pericoloso. Lo Skull Kid atterra violentemente. L’ingegnere prende le misure, poi prende la rincorsa e rifila una Shining Wizard su Andy Moon! E poi lo schiena! 1... No! Calcio a Nick da parte di Kevin Manson. Carroll si rigira e fa per aggredire l’Animal, ma questi è lesto a rotolare fuori dal ring, ridacchiando. Il Brain Damager torna su Moon, lo rialza, ma finisce preda di un Keep It Alive!

Immagine


Nick resta in piedi, mezzo stordito, allora Andy prende la rincorsa fino all’angolo e torna indietro su Carroll a gran velocità. Tic Toc a segno! L’ingegnere finisce per sbattere addosso all’angolo opposto! Andy poi si carica, prende la rincorsa nuovamente e lo colpisce appena si mette in piedi con un Corner Enzeguri Kick, a cui segue Pelè Kick! Kickmania completata! Ed ecco Moon che rotola l’ingegnere a terra e lo schiena! 1... DDElbow di Lance Murdock, che prende in pieno lo Skull Kid, interrompendo il tutto! Mentre Moon e Carroll restano a terra, DD si rialza tenendosi lo stomaco e poi fa segno a un inferocito Kevin Manson che ora sono pari. L’Animal scavalca le corde e attacca Murdock! I due iniziano a colpirsi selvaggiamente tra le grida del pubblico. Ginocchiata di Lance allo stomaco del Tear Soppressor. Seconda ginocchiata. Terza ginocchiata. Kevin si appoggia alle corde, senza fiato. Clothesline del DareDevil, che spedisce Kevin giù dal ring! Poi il Savior balza al volo sull’apron. Si gira, e travolge l’Animal con uno stupendo Springboard DevilSault!!!

Immagine


Che volo! E mentre Murdock si prende gli applausi per la proiezione, vediamo che nel frattempo Carroll e Moon sono nuovamente in piedi. Pugni di alternati tra i due, seguiti da un violento scambio di chop. Roundhouse Kick da parte di Carroll. Keep It Alive di Moon. I due barcollano. Superkick di Nick! No! Andy gli blocca la gamba. Enzeguri Kick dell’ingegnere, che atterra Moon! Schienamento. 1... 2... No! Kickout da parte dello Skull Kid! Mentre il pubblico applaude per lo scambio spettacolare tra i due beniamini, vediamo Lance Murdock ora al suo angolo che si sbraccia per chiedere il cambio a Carroll. Questi annuisce di malavoglia, tira su Moon e lo trascina al proprio angolo. Tag di Lance sulla spalla dell’ingegnere. Una volta dentro, eccolo rifilare un violento colpo al costato di Andy. Il Savior affera poi il Prodigy e getta a terra a centro ring, prende la rincorsa, e mette a segno il suo Poison of the Devil!

Immagine


Schienamento immediato: 1... 2... e no! Kickout di Moon! Murdock non demorde e riempie di pestoni l'avversario, poi si accorge che Kevin Manson si è riportato sull'apron e lo travolge con un DDDropkick! Il Savior riporta la sua attenzione sul ragazzo di SAVANNAH, che si sta rialzando. Lance indica le corde e... Kiss of the Devil! NO! Moon lo intercetta al volo con Heartbeat Overdrive!

Immagine


Ora entrambi i contendenti sono a terra, gli occhi vacui che osservano il soffitto dell'arena. Manson si riporta velocemente sull'apron ed incita Moon allungando il più possibile la mano verso di lui. Dall'altra parte del quadrato, anche Carroll fa la stessa cosa con Murdock. I due uomini legali cominciano a strisciare verso i propri angoli quasi contemporaneamente... e danno il cambio ai loro partner! Carroll e Manson si lanciano l'uno contro l'altro, col Tear Suppressor che ha la meglio stendendo l'avversario con un braccio teso. Carroll riparte alla carica, ma viene travolto da un Big Boot! Manson fa segno che è finita e rialza l'ingegnere per poi piegarlo in due con un calcio all'addome. Attenzione, Kevin afferra un braccio di Nick, vuole tentare il Pee-digree! Ma Carroll rovescia improvvisamente la presa e tira il rivale verso di lui...

Immagine


Roundhouse Kick a segno! Manson è stordito e Carroll lo imbraccia immediatamente per la Shutdown... No! Manson solleva da terra il Brain Damager e lo schianta a terra con una sorta di Spinebuster! Manson scrolla la testa per riprendere un po' di lucidità, poi rialza il 15 Champion e lo lancia contro le corde. Allahu Akmbomb!

Immagine


Incredibile! Carroll rovescia la mossa in una DDT al volo! La folla impazzisce! Manson è fermo a terra, si è girato in posizione supina. Nick si avvicina alle corde, in modo da sfruttarle per rialzarsi... Ma ecco che Murdock ricompare sull'apron, si allunga e sfrutta la vicinanza di Carroll per dargli il tag! Il Savior scala il paletto e chiama la sua mossa risolutiva, la Excelsior! Lance si lancia, ma Manson si sposta! Murdock atterra in piedi, ma Kevin è lesto a gettarlo contro le corde... Mandandolo ad impattare contro Carroll, che si era finalmente riportato in piedi! Il bostoniano cade rovinosamente fuori dal ring, mentre il Preacher sgrana gli occhi vedendo il suo partner a terra. Il DareDevil non può perdere tempo e si gira allora a fronteggiare l'ormai ristabilito Kevin Manson. Murdock spicca la corsa, vuole la Devil Rana!

Immagine


Allahu Akbomb Outtanowhere! Fuori dal ring Carroll tenta di rimettersi in piedi ma viene immediatamente rispedito a terra dalla Knife Party del redivivo Moon! Manson si lascia cadere su Murdock, DeJano conta prontamente: 1... 2... 3!

JM: The winners of this match: the team of Andy Mooon & Kevin Mansooon!

Il match è finito! Moon e Manson conquistano due posti nel Ladder Match di War of Change e battaglieranno con Schmidt, BBB ed Edwards per ottenere la preziosa title shot messa in palio da Virgil Brown Jr. I due vincitori rotolano fuori dal ring ed esultano con la folla, per poi dirigersi verso lo stage. Nel frattempo, sul ring, Murdock comincia a riprendersi e si rimette in piedi scuotendo la testa. Anche Carroll risale sul ring e si rende conto che l'incontro è finito. Il bostoniano si avvicina al Savior chiedendo spiegazioni e facendo ampi cenni con le braccia. Lance tenta di spiegarsi, ma Carroll aggrotta la fronte prima di scoppiare in una risata sarcastica. Il Brain Damager indica il Preacher toccandogli il petto col dito, cosa che fa indispettire Murdock ancora di più... Attenzione! Il Savior spintona via Carroll, il quale chiude gli occhi e respira profondamente. Dal labiale sembra che stia mormorando "Ok, ok". Il bostoniano riapre e gli occhi e passa al lato di Lance, ignorandolo. Murdock lo richiama, strattonandolo per un braccio...

Immagine


Ma Carroll lo colpisce con un Superkick, lasciando il pubblico a bocca aperta! L'ingegnere urla qualcosa contro il Savior e poi scende dal ring, lasciandolo disteso inerme a centro ring. Sulle immagini di Carroll che percorre la rampa senza voltarsi indietro, mentre Murdock non dà ancora segni di ripresa, termina la ventottesima puntata di Indoor War! Ma non cambiate canale, restate sintonizzati per il Backstage Fallout!


CM-Cena, Elban Rattlesnake, Dims, Il Capitano
KTW, NotOnlyWWE, Simon, Il ragazzo woo woo, Stevester, straight edge savior, hbkbestfan, Liontamer, The Hawk, woo woo woo man, Christian, simoAF


Top
 Profilo  
Rispondi citando  

Re: TWC - Friday Night Indoor War (#25-???)
MessaggioInviato: 22/04/2016, 22:05 
Connesso
Avatar utente

Iscritto il: 21/03/2012, 18:23
Messaggi: 8561
Immagine


Le immagini ci portano nel backstage, mostrandoci un Jack Keenan in procinto di uscire, trolley alla mano, dall'arena.

Immagine


Il Pain Deliverer ha dipinta in volto la stessa espressione che aveva, prima, quando ha abbandonato Chris Drake alla mercè della Bruderschaft der Krahe. Con lo sguardo fisso davanti a sè, Jack Keenan prosegue per la sua strada. Alcuni addetti ai lavori gli passano accanto, ma lui sembra a malapena farci caso. Poi, ad un tratto, il Pain Deliverer si ferma, i suoi occhi convergono in un punto davanti a lui. La telecamera si sposta, per mostrarci esattamente cosa stia guardando.

Immagine


Jack Keenan e l'uomo di nome Quill si studiano, in silenzio, per un tempo che pare quasi interminabile. Nessuno dei due muove un muscolo. Poi, ad un tratto, il vecchio sorride, un sorriso sbieco.

Quill: Andiamo.

L'ultima cosa che vediamo sono i due procedere, fianco a fianco, nella stessa direzione di prima.

---------------------

Il collegamento si apre nel backstage dove troviamo Daniel Carson in area interviste.

Immagine


DC: Signore e signori date il benvenuto ai miei ospiti, i TWC Tag Team Champions, Shawn Gates e Travis Miller.

I No More Heroes raggiungono l'intervistatore.

Immagine Immagine


DC: Questa Sera avete deciso di reclamare un match contro Fred Franke e Sean Morgan, non vi sembra di stargli concedendo proprio quello che volevano ottenere con le loro azioni?

TM: Capisco non sia esattamente ordinario che i campioni vadano a chiedere un match agli sfidanti, e capisco perfettamente che questo è ciò che loro volevano. Non è una tattica innovativa o particolarmente geniale, è un modo come un altro per attirare attenzione, e sì lanciando la sfida gli abbiamo dato conferma di esserci riusciti. Ma come ho già detto sul ring non possiamo semplicemente lasciare che la passino liscia, li affronteremo e faremo in modo che chiunque capisca che tattiche del genere portano solo a conseguenze molto pesanti.

SG: Noi non abbiamo proprio niente da dimostrare a Sean Morgan e Fred Franke. Li abbiamo già battuti in passato. Scommetto che Fred si ricorda ancora della sconfitta che ha subito nel primo wood match della storia della TWC. Hanno voluto attirare la nostra attenzione, la nostra rabbia con questi odiosi trucchetti. E ci sono riusciti, hanno la nostra attenzione. Ma se ne pentiranno. Appena avrò Sean Morgan tra le mani quel figlio di puttana si pentirà di essere nato.

DC: Durante la serata Virgil Brown Jr. ha sancito un match tra voi ed i Powell valevole per i titoli settimana prossima, cosa pensate di questa scelta?

SG: Penso che non vedo l'ora di mettere le mani addosso a quei due idioti. Saranno un'ottima valvola di sfogo aspettando di avere tra le mani gli altri due. Quanto a Truman, posso solo dire che il nostro miliardario esaltato "sentirà il bruciore".

Immagine Immagine

... accompagnato dalla fedelissima moglie Melania, ecco che fa il suo ingresso in scena Matthew J. Truman! Il magnate, sorridente, saluta Travis Miller e Shawn Gates, facendo un cenno col capo, poi dà un'amichevole pacca sulla schiena dell'intervistatore.

MT: Tutto ok, Daniel? Sono contento! Vedo che il senso dell'eleganza non ti manca mai, anche se questa cravatta stona un po' col resto; ti prometto che quando sarò a capo di Indoor War, avrai a disposizione un enorme numero di cravatte scure, così sarai sempre inappuntabili, va bene, Daniel?

L'intervistatore arrossisce, mostrando un sorriso di cortesia sul proprio volto, mentre Matthew Truma gli dà un'altra pacca, ridendo allegramente.

MT: Comunque, sono un uomo d'affari e dunque ottengo sempre quel che voglio: fra due settimane i miei ragazzi, Max e Maximilian Powell, affronteranno i No More Heroes in un match valido per i TWC World Tag Team Title, incredibile, incredibile!

Il magnate annuisce ripetutamente, sotto lo sguardo serio dei due campioni del mondo di coppia della TWC.

MT: Lo ammetto, voi siete i miei eroi; in pochi mesi infatti avete fatto un po' di pulizia qua dentro, spazzando via un po' di polvere, sconfiggendo un po' di stranieri, alcuni pericolosi in quanto irregolarmente presenti sul nostro territorio, ovviamente col bene placito del nostro capo e di Virginia, che salutiamo; MA siete voi gli stranieri dinnanzi ai due più grandi eroi che questa nazione benedetta da Dio abbia mai visto, dopo il sottoscritto ovviamente, due padri della patria, due veri eroi americani, Max e Maximilian Powell...

??: Ehi!

Immagine

... ed ecco che fa il suo ingresso in scena Bat-Maximilian Powell!

MP: Sono BATMAN!

Maximilian sorride, lo stesso fa Matthew J. Truman, mentre Shawn Gates e Travis Miller sono seriosi...

MP: Ciao, Shaw, ciao, Travis, come va, Daniel? Bella cravatta, forse un po'... un po' troppo... chiara... fra due settimane, a Indoor War, sarà uno scontro fra gentiluomini, l'epica battaglia fra il bene e un altro bene, uno scontro fra due uomini medi e due veri eroi, sarà unico, sarà leggendario! Alla fine, però, è sempre l'uomo con la maschera a vincere, non l'avete visto il film? Quello di Nolan, no, non Tyler e nemmeno Samuel...

??: AIUTO!! AIUTO!! AIUTO!!

Immagine

... MAX!! Il fratello di Maximilian compare improvvisamente alle spalle di Travis Miller e Shawn Gates, che si scansano, inorriditi dalla visione di Max Powell, che tiene entrambe le braccia sul volto, mostrando le mani, su cui notiamo numerosi graffi, da cui fuoriesce del sangue, mentre le unghie sono inaspettatamente ben curate, anzi, alcune sono persino smaltate e colorate...

MP: A TWC Alpha Horizon, l'uomo nero è caduto, due settimane fa Gary Smith e Gus Anderson sono stati vinti e costretti a tornare negli stati del Sud, lì da dove sono giunti irregolarmente; fra quattordici giorni altri due agnelli sacrificali saranno immolati sull'Altare della Patria: innocenti saranno sgozzati, mortali decapitati, sangue sarà versato nel calice della vittoria, da cui noi tutti berremo e brinderemo in onore del nostro illustre sacerdote, nostro padre, Matthew J. Truman, che vuole bene ai suoi figli e vuole permettere loro un'esistenza degna di essere vissuta, una vita gloriosa, eterna...

Matthew J. Truman annuisce, sorridendo convintamente, mentre ecco che lentamente e solennemente Max Powell rivela il proprio volto ai suoi avversari, rivelando sulla fronte una vistosa cicatrice che arriva fino al naso, mentre la bava bagna le sue labbra screpolate e il mento peloso...

MP: Uomini cattivi si aggirano lungo questi corridoi, sono spietati, insensibili di fronte alle disgrazie che noi, uomini civili ed eruditi, patiamo ogni giorno in queste valli incantate, bagnate da fiumi immortali, che scorrono lungo pianure rugiadose e cascano attraverso le dure rocce delle montagne alte, erette in memoria dei nostri antenati... l'Esercito della Verità ha il dovere di liberare le nostre strade da questa immonda immondizia e restituire al nostro popolo i ristoranti, le chiese, i bimbi, i bimbi!! Il futuro ci appartiene, il futuro è nostro... qui non passa lo straniero!

Miller e Gates osservano i due Powell per qualche secondo.

TM: Cazzo quanto mi divertirò a farvi del male tra un paio di settimane.

Miller fa un cenno al compagno ed i due No More Heroes lasciano la zona interviste. Su un'inquadratura dei fratelli Powell il collegamento si chiude.


Top
 Profilo  
Rispondi citando  

Re: TWC - Friday Night Indoor War (#25-???)
MessaggioInviato: 06/05/2016, 20:02 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: 02/01/2011, 18:39
Messaggi: 8683
Località: Interesting
Immagine


Ci troviamo nel backstage prima di Indoor War, dove vediamo Shawn Gates, ancora in abiti civili, con indosso dei Jeans, delle timberland, e la maglia dei No More Heroes, camminare col telefono all'orecchio.

Immagine


SG: Sì Travis, dammi dieci minuti, passo dalla sala fumatori e arrivo. Sì, lo so, ma ho dimenticato l'accendino, lì trovo sicuro qualcuno. Dieci minuti e arrivo. A dopo.

Gates attacca il telefono e se lo mette nella tasca dei jeans, davanti a lui una porta con una targhetta con su scritto "Smoking room". Il texano abbassa la maniglia ed entra.

SG: Ehi, hai da accendere?

La telecamera entra nella stanza e mostra una sola persona al suo interno, appoggiata al muro opposto all'entrata con le braccia incrociate.

Immagine


Alice Angel aggrotta le sopracciglia mentre butta fuori il fumo.

AA: Cazzo, telecamere anche qui, ora?

La ragazzina si mette la sigaretta in bocca e prende il suo pacchetto dalla tasca.

AA: Scusami, texano, niente Lucky Strikes per te. Fumo solo Dunhill.

Alice porge la sigaretta al campione di coppia.

SG: Ti ho chiesto un accendino, ragazzina. Tieniti pure le tue sigarette da lord inglese.

La giovane ghigna e gli lancia il suo clipper.

AA: Tieni. Ci vuole un certo stile per fumare.

SG: Fumi dunhill e accendi col clipper?

Gates sorride mentre l'Half-Winged Angel fa spallucce.

SG: E comunque fai bene a fumare quella roba. Le Lucky Strikes sono per veri uomini.

Alice alza le sopracciglia e sorride.

AA: Potrei farti rientrare il craneo con un calcio in questo momento, poi ricalcoleresti il tuo concetto di vero uomo.

SG: Fidati, non vuoi parlare veramente di calci al cranio con me.

Gates accenna un sorriso sbruffone.

AA: D'accordo, nonno. Mi raccomando, la prossima volta che tiri un calcio attento a non andare in crisi respiratoria.

SG: Almeno ai miei tempi insegnavano il rispetto verso le persone più grandi.

Gates guarda verso Alice.

SG: Ce l'hai almeno l'età legale per fumare?

La giovane fa un sorrisetto furbo.

AA: Queste sono cose che non si possono dire davanti a una telecamera.

SG: Lo prendo come un no.

Gates da un tiro alla sua Lucky Strike.

SG: Tu sei la ragazza che gira con Moon vero? Grande persona. Lui sì che è un ragazzo a modo.

AA: Sarcasmo?

SG: Bella e intelligente. Ti manca la dolcezza però.

AA: Attento, Texas, sono minorenne. E comunque, ti consiglio di evitare di giudicarmi da una chiacchierata in sala fumatori. La gente vede solo quello che gli lascio vedere.

SG: Simpatica questa cosa dei soprannomi. Allora, Taylor Swift, sappi che si può capire molto più di quello che pensi guardando qualcuno fumare una sigaretta.

Gates da un tiro.

SG: Dunhill. Non mi sembri esattamente una tabagista esperta. Devo supporre che fumi questa marca per differenziarti da un mondo che fuma Malboro e Camel. Alla tua età sentirsi diversi è un bisogno piuttosto diffuso.

Altro tiro del Texano.

SG: Clipper. Vuoi fare dare a vedere di essere una ragazza chiusa, ma dentro hai un estro creativo. Le persone aride comprano i bic. Le persone di classe hanno lo zippo. Gli artisti, il Clipper.

Ancora un altro tiro.

SG: Posso continuare se vuoi.

AA: Perchè invece di fare il wrestler non ti sei laureato in psicologia? In ogni caso, non sono queste le cose importanti di una persona. Puoi sapere tutte queste cose, puoi supporre io sia una hipster, ma non puoi capire perchè.

SG: Non è psicologia, figliola. E' capire le persone. Sul perché è difficile fare supposizioni. Potresti farlo per seguire la moda, o per nascondere il dolore. Non entro nel merito, abbiamo tutti i nostri mostri che ci perseguitano.

AA: Ed è lì, che io vinco. Perchè l'unico modo per battermi è rompere quello che ho dentro. E credimi, sono fatta di ghiaccio molto peggio del tuo amico. Tu invece, perchè fumi? Abitudine presa alla mia età?

SG: Bella domanda. Ho iniziato che ero un po' più giovane di te. Ho smesso e ripreso tante volte. Ci sono varie ragioni. La principale è che mi aiuta ad andare avanti.

Alice sorride da un solo angolo della bocca e prende la sigaretta che prima aveva offerto a Gates, poi la piega.

AA: Dipendiamo da qualcosa che è molto più fragile di noi. Un po' patetici, non trovi?

SG: No, non trovo. Guardala in questo modo. E' un po' come l'amore, quando ami una donna, ami una creatura più fragile di te, eppure non ne puoi fare a meno. Lo trovi patetico?

Altro tiro di Gates.

AA: Conosco donne dure come il diamante e uomini che valgono meno delle mie gomme da masticare, ma capisco la visione di voi grandi uomini vissuti.

Tiro di Alice.

SG: Scommetto che ti vedi come una di quelle.

AA: Solo in contesti professionali. Meglio essere così, almeno le mie avversarie non potranno sfruttare i miei punti deboli.[/quote]

SG: Così giovane, eppure così saggia.

Gates da un ultimo tiro alla sigaretta prima di spegnerla nell'apposito posacenere.

SG: Mi piacerebbe restare a chiacchierare ancora un po', ma ho delle cinture da difendere stasera. E' stato quasi un piacere.

Gates si avvia verso l'uscita.

SG: Alla prossima volta che dimenticherò l'accendino. Salutami Andy.

Alice sorride, con la sigaretta stretta fra le labbra.

AA: Alla prossima, Texas.

Le immagini sfumano.


Top
 Profilo  
Rispondi citando  

Re: TWC - Friday Night Indoor War (#25-???)
MessaggioInviato: 06/05/2016, 20:10 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: 02/01/2011, 18:39
Messaggi: 8683
Località: Interesting
Immagine


And now, from the Van Alden Arena, Grand Rapids, Michigan TWC presents Friday Night's Indoor War!


Immagine


Eccoci qui, TWCmaniacs! Abbiamo davanti una grandissima puntata di Indoor War! Le telecamere ci portano nella zona ring e, dopo una panoramica sugli spalti, gremiti, convergono verso lo stage: proprio in questo momento il titantron si illumina e si diffonde una nuova theme song.



Immagine


Puntale come sempre, si presenta sullo stage Jack Keenan, in camicia e pantaloni, sul volto un sorriso freddo che non svanisce, anzi si fa più ampio, nel momento in cui viene accolto dai fischi del pubblico. A seguire il Pain Deliverer troviamo Quill, anche lui in abiti civili, una ventiquattrore nella mano destra.

Keenan: Ladies and Gentlemen, my name is Jack Keenan and I deliver Pain.

Nuovi fischi accolgono queste parole. Jack Keenan fa spallucce, poi inizia a dirigersi verso il ring, sempre seguito da Quill. Arrivati a ridosso del quadrato, i due si dividono: Quill sale subito sull'apron e da lì sul ring, mentre JK si ferma ed inizia a cercare qualcosa sotto il telone che copre l'apron. Il Pain Deliverer ne tira fuori un tavolo, che passa poi a Quill: il vecchio inizia ad aprirlo a centro ring. I fischi vengono ora superati dai cori "We want tables!", ma Jack Keenan pare non aver finito: torna a guardare sotto il quadrato e da lì lancia sul ring una, due, tre sedie. Il pubblico, in particolare la sua ala di indole extreme, si scalda sempre di più, mentre JK va finalmente a raggiungere Quill sul ring. Questi, intanto, ha aperto le sedie e le ha sistemate intorno al tavolo, due lungo un lato, una lungo l'altro: ora, invece, apre la ventiquattrore, tirandone fuori una cartelletta, che passa a Jack Keenan.

Keenan: Ditemi un po': cosa state aspettando, esattamente?

Ripartono i cori, in particolare sempre più alto si fa il "We want tables!". Keenan, in tutta risposta, si limita a ridacchiare e ad alzare la cartelletta, indicandola.

Keenan: Siete fuori strada. Per chi non lo avesse capito, questo non è il momento di vedere due uomini combattere: questo è il momento di vedere due uomini firmare un contratto.

Nuovi fischi piovono da ogni lato dell'arena.

Keenan: Esatto, gente. Questo è il contratto che ho preparato e redatto per il match che si farà a War of Change fra me e Chris Drake. Accetto il fatto che possiate non fidarvi ad occhi chiusi di me, quindi chiunque lo voglia avrà tutto il tempo che desidera per visionarlo, che sia il nostro Chris Drake, la sua sorellina, il suo strizzacervelli - o i suoi strizzacervelli, più correttamente -, il nostro caro General Manager, l'intero CdA della federazione, ogni legale o paralegale presente nell'arena e così via. E' un normalissimo contratto che contiene l'unica condizione imprescindibile per la mia accettazione dell'incontro: il match sarà un Interpromotional Championship match. Una sola, piccola, marginale condizione. Nessuno potrebbe sostenere che ho pretese esagerate, suvvia.

Il pubblico non pare esattamente d'accordo, almeno così sembra potersi dire dalla reazione generale.

Keenan: Bene. Abbiamo la location, abbiamo il contratto ed abbiamo me: direi che manca solo un elemento. Non vi nasconderò che in questo momento ci sono molti altri posti dove vorrei essere e, soprattutto, ben altre persone, eccetto Quill, con cui preferirei condividerli, perciò ho intenzione di trattenermi su questo ring il più brevemente possibile. In fondo, ho già detto tutto quello che era necessario dire nel video che potete trovare su twc.com, non avrei motivo di aggiungere altro. Perciò, Chris Drake, raggiungimi su questo ring e sbrighiamo questa formalità. So che non stai aspettando altro.

Il Pain Deliverer si mette in attesa dell'Undisputed Legend mentre le telecamere si spostano sullo stage...



Out Of Control, la theme song di Chris Drake risuona nell'arena venendo accolta dal boato del pubblico qui presente! Le luci si abbassano leggermente mentre i fari puntano lo stage dove vediamo comparire con espressione seria in viso e l'Interpromotional World Wrestling Championship in spalla, The World Champ Chris Drake in compagnia della sorella Alisa.

ImmagineImmagine


The Predator si ferma ad osservare fisso il rivale per poi incamminarsi sulla rampa a passo deciso seguito dalla sorella, e non appena arrivato ai piedi del ring gira verso destra facendo il giro del quadrato, non distogliendo lo sguardo da Jack Keenan che lo segue con il suo di sguardo. Finito il giro si posiziona difronte al ring, affianco alla sorella, e dopo aver saltellato sul posto esegue un balzo che lo porta sull'apron ring permettendogli di entrare attraverso la corda più alta e quella centrale. Una volta dentro allo squared circle allarga le due corde più basse agevolando l'ingresso ad Alisa che era salita dai gradoni, ed ora si dirige a passo svelto verso JK andando faccia a faccia con lui. Chris alza l'Interpromotional World Wrestling Championship al cielo con un braccio mentre Jack mostra un leggero sorriso ed alza lo sguardo puntandolo sul titolo. La theme di Chris si interrompe mentre Alisa si fa passare due microfoni da Jessica Rose passandone uno al fratello che lo getta immediatamente a terra. Mr. TWD abbassa il suo titolo e continua a fissare Jack Keenan, mentre Alisa prende la parola...

Alisa: Jack Keenan... How is it going?

JK mostra un leggero sorriso beffardo ed inizia a guardare Alisa nonostante Chris non gli tolga lo sguardo di dosso.

Keenan: Mai stato meglio. Tu, cara?

Alisa: Quindi è così che deve sentirsi uno sporco e viscido traditore.

Keenan: Mi dispiace aver preso solo tre sedie, temo che uno di voi due sarà costretto a rimanere in piedi. Comunque, è questo che pensi di me, eh? Cosa direbbe Chris in questo caso?

Jack Keenan alza lo sguardo, grattandosi il mento.

Keenan: Ah, sì. Yawn. Come se mi importasse. Chris, se siamo qui è per una sola ragione ed è questo contratto: perciò, fai un favore ad entrambi, firmalo e avremo avuto tutti quello che vogliamo.

Jack lancia una fugace occhiata a Chris che è ancora fisso su di lui, senza sbattere le palpebre. Con le dita, spinge verso di lui la cartelletta lungo il tavolo.

Alisa: Al contratto ci arriveremo Jack, non preoccuparti. Ma prima voglio sapere una cosa, e voglio che tu ce la dica guardandoci negli occhi... Perché?

Keenan: Twc.com vi darà le risposte che cercate.

Alisa: Ho detto che voglio che tu ce lo dica guardandoci negli occhi.

Keenan: Non sempre possiamo ottenere quello che vogliamo. Non vedo perchè dovrei sprecare il tempo di tutti per ripetere quello che già sapete.

Miss TWD sorride in maniera amara e scuote la testa mentre Chris è ancora con lo sguardo fisso su Jack Keenan.

Alisa: Lo immaginavo, d'altronde cosa aspettarsi da un uomo che si lascia comandare a bacchetta da un sinistro figuro come quel tizio lì dietro.

Jack Keenan si volta verso Quill, scuotendo la testa. Il vecchio, seduto quanto più comodamente sia possibile su una sedia d'acciaio, ridacchia ed altrettanto fa il Pain Deliverer. Alias, imperterrita, continua nel suo discorso.

Alisa: Incredibile come si stia verificando la stessa identica cosa che successe lo scorso anno a parti invertite, visto che questa volta sei tu quello ad essere manipolato, e purtroppo per te non c'è nessuno che possa salvarti dall'errore che hai commesso. Tu hai deciso di metterti contro Chris Drake, ma che sei scemo?! Hai fatto incazzare un uomo che tira fuori tutta la sua crudeltà proprio in preda alla rabbia, e per che cosa poi, per un match titolato che già ti era stato promesso! Davvero Jack, hai compiuto un'azione totalmente senza senso gettando via l'occasione di divenire TWC Tag Team Champion e l'occasione di giocarti amichevolmente l'Interpromotional World Wrestling Championship. Potevi essere multi-campione, ed ora grazie alla tua stupidità fomentata da quel vecchio, ti ritroverai senza nulla in mano e con una carriera probabilmente accorciata da tutte le mazzate che Chris ti darà a War Of Change.

Miss Drake accenna un sorrisino folle.

Immagine


Alisa: Perché è così che andrà a finire Jack, la storia insegna. Guarda Dave Jackson, guarda Franklin Dixon... Entrambi erano amici di mio fratello, entrambi erano miei compagni, entrambi hanno tradito la nostra fiducia, entrambi hanno ricevuto una The Wild Dragon Rage che ha spezzato le loro carriere!Preparati Jack... What goes around comes around.

Keenan: Wow, Ali, gran bel discorso. Ad occhio e croce lo hai provato davanti allo specchio almeno quattro o cinque volte. Peccato che si fondi su una premessa assolutamente sbagliata.

JK indica prima sè stesso, poi Quill.

Keenan: Perchè, vedi, tu hai parlato di manipolazione. In realtà, l'unica manipolazione che io vedo in questa storia è quella con cui io ho fatto sì che voi vi fidaste di me. Il rapporto tra me e Quill, che tu ti permetti di giudicare senza sapere nulla di quello che abbiamo trascorso, non è a senso unico quale quello che c'era tra Samantha e tuo fratello Chris: la manipolazione non c'entra nulla, al più si potrebbe parlare di una decisione congiunta delle strategie.

Miss Drake scocca uno sguardo visibilmente ironico all'indirizzo di Jack Keenan mentre Chris è ancora fisso con lo sguardo su di lui.

Keenan: Guardami come ti pare, è la verità. Inoltre, lascia che te lo dica, è quantomeno ironico che mi parli di essere "comandato a bacchetta" la persona che da vari minuti sta parlando al posto del suo fratello.

JK torna ad alzare lo sguardo verso l'Interpromotional Champion che non ha smesso un secondo di fissarlo.

Keenan: A proposito, ciao anche a te, Chris. Non dimenticarti del contratto.

Keenan spinge ancora un po' di più la cartelletta verso Drake, che non la guarda neanche restando fisso sul nemico, tornando poi a rivolgersi ad Alisa.

Keenan: Il fatto è che Quill mi conosce come nessun altro, sa cosa voglio e quali sono i miei obiettivi e sa qual è il modo migliore per raggiungerli. Non insultare la mia intelligenza, Alisa: so capire di chi posso fidarmi e di chi no. A tal proposito, vuoi una dose di dolorosa verità? Sarebbe andata così in ogni modo: The Wolfpack non ha mai fatto parte dei miei piani, nè la scalata ai titoli di coppia. E non solo perchè non sono una persona da gioco di squadra, come avrai notato, no. Semplicemente, Chris Drake è il partner di cui non mi sarei mai potuto fidare. Tu dovresti capirlo, visto quello che il qui presente "Real One" ha fatto anche a te, fino a non troppo tempo fa - ed anche considerando l'atteggiamento lunatico che ha tenuto sin da quando siete arrivati su questo ring, se vuoi.

Keenan lancia un occhiolino verso Drake, ancora intento a fissarlo; poi torna di nuovo a guardare la sorella.

Keenan: Tu hai considerato senza senso - anzi, stupida - la mia mossa di dimostrare davvero da che parte sto, "tirando fuori la crudeltà" di Chris. Beh, sai che c'è? Negli ultimi mesi, che fosse girare mezza America per riportare Chris alla ragione, o portarti in ospedale dopo il match di Samantha, o salvare il titolo di tuo fratello - certo, per ragioni egoistiche, ma è pur vero che è andata così - e così via, sento di aver comunque fatto molto per i gemelli Drake. Ebbene, in un anno ho ricevuto in cambio due mezze promesse di un incontro, senza alcuna specificazione sul fatto se sarebbe stato per il titolo o meno, nulla di più. Chi poteva dirmi che avrei davvero ottenuto quel che volevo? In questa ottica, mostrare il mio vero schieramento è stato un modo per ricevere senza possibilità di dubbio quello a cui puntavo. Effettivamente, mi manca solo una firmetta su quel contratto, Chris. Inoltre, io volevo e voglio affrontare esattamente questo Chris Drake: crudele, arrabbiato, forse, ma pronto a fare in ogni momento l'errore che io posso capitalizzare.

Di scatto, Jack Keenan si alza in piedi, puntando un dito contro Alisa.

Keenan: E, a proposito... non fate nemmeno per un istante l'errore di credere che io sia un Dave Jackson o un Franklin Dixon qualunque.

Alisa: Bel discorso Jack ma...

Ed ecco che Chris, ancora con sguardo puntato su Jack, mette una mano sul microfono di Alisa abbassandolo. La ragazza lancia uno sguardo al fratello che non la smette di fissare il nemico, e che ora allunga una mano verso la sorella facendosi passare il microfono. The Predator non distoglie lo sguardo dal Pain Deliverer ed ora si avvicina lentamente il microfono alla bocca iniziando a parlare con voce bassa e con tono pacato.

C.Drake: Prova solo un'altra volta a puntare il dito contro mia sorella o ad avvicinarti a lei a meno di un metro e desidererai di essere un Dave Jackson o un Franklin Dixon.

Chris inclina leggermente la testa ed alza le sopracciglia continuando a parlare con calma.

Immagine


C.Drake: Anzi PREGHERAI di essere come quei due a cui ho spezzato la carriera poiché se oserai avvicinarti a lei un'altra volta, solo un'altra volta Keenan allora mi vedrò costretto a spezzarti la vita. E bada bene che non sto parlando in senso figurato, ma in senso pratico che più pratico non si può.

The Predator fa un passo avanti restando fisso con lo sguardo su Jack Keenan.

C.Drake: Oltrepassa quella sottile linea una sola e semplice volta ed io ti ucciderò. Hai presente Evie? Beh non la userò per grattugiarti la fronte, non la userò per aprirti una ferita sulla guancia, non la userò per bastonarti dietro la schiena... Io la userò per toglierti la vita. Tu sarai inginocchiato davanti me Keenan ed io alzerò al cielo Evie per poi vibrare una violenta mazzata sulla tua testa... BANG! La calotta cranica si infrange ed un fiume di sangue comincia a colarti sugli occhi offuscando la visione dei tuoi ultimi momenti... BANG! Un occhio ti salta fuori da un'orbita... BANG! Il cervello fuoriesce dal cranio e si palesa davanti ai miei occhi in tutto il suo splendore... BANG! La tua testa è ormai deforme... BANG! Ciò che un tempo era la tua fronte ora altro non è che carne morta... BANG! Schizzi di sangue e pezzi delle tue cervella mi hanno ormai imbrattato... BANG! BANG!! BANG!!! BANG!!!! BANG!!!!! BANG!!!!!!

Ad ogni colpo corrisponde uno scatto in avanti di Chris Drake che ora è a pochi centimetri da Jack Keenan. Mr. TWD tira fuori la lingua e mostra un sorriso malato mentre continua a guardare fisso negli occhi il rivale.

Immagine


C.Drake: La vita ti scivolerà lentamente e dolorosamente via dal corpo Keenan, e mentre sarai steso in una pozza del tuo stesso sangue io torreggerò su di te pronto a banchettare con la tua carcassa.

Jack Keenan deglutisce mentre Alisa osserva spiazzata il fratello che ora fa un passo indietro ed accenna un sorriso calmo tornando a parlare con il suo normale tono di voce.

C.Drake: Ma questo solo in caso che tu trasgredisca queste regole su Alisa. Se farai il bravo bambino rimedierai solo un pestaggio a regola d'arte ed una carriera spezzata, perciò rendiamo ufficiale quello che in ogni caso sarà il tuo ultimo match e firmiamo questo contratto.

Chris, che appare assolutamente disteso e rilassato, distoglie finalmente lo sguardo da Jack puntandolo sul contratto che firma senza nemmeno leggere.

C.Drake: Volevi questo Chris Drake? Lo hai avuto, ed ora sono cazzi tuoi.

The Predator spinge la cartellina verso Jack Keenan che mostra un leggero sorriso beffardo per poi prendere la penna ed apprestarsi a firmare...



Ma attenzione! Risuona la theme song del General Manager Virgil Brown jr.!

Immagine

Immagine


Il GM compare sullo stage accompagnato da sei uomini della sicurezza. Chris e Jack iniziano a guardare sospetti la scena mentre Virgil raggiunge il ring e vi entra, così come gli uomini della security.

Brown: Gentlemen... Lady...

Miss Drake accenna un lieve inchino mentre il fratello e Jack Keenan fissano entrambi il General Manager, ed anche il misterioso Quill gli lancia qualche occhiata.

Brown: Mi dispiace dovervi interrompere e spero mi perdoniate se ho portato con me questi amici affinché il discorso che voglio farvi fili nel miglior modo possibile.

I due wrestler ascoltano in silenzio in General Manager.

Brown: Sono davvero felice che a War Of Change si svolgerà questo attesissimo rematch tra voi due dopo la battaglia che avete avuto lo scorso anno, ma nonostante ciò penso di non poter soddisfare tutte le vostre richieste. Vedete ragazzi, dopo Path Of Legends ho avuto un colloquio con Rachel Fortuna in cui abbiamo discusso della season hiatus della FWP e di come far approcciare la TWC nei confronti dei suoi campioni visto che sia Chris e sia Elektra fanno parte anche del roster di questa promotion. Per la Kellis non ci sono stati problemi e ci siamo accordati sul fatto che lei possa difendere il titolo in TWC, ma purtroppo per te Drake c'è stata una forte insistenza di Miss Fortuna affinché quel titolo che hai rinominato Interpromotional non possa più venir difeso qui in TWC fin quando sarai il suo detentore.

Una salva impressionante di fischi piove sul ring mentre sia Chris e sia Jack spalancano gli occhi esterrefatti. Alisa invece scuote la testa contrariata accennando anche un sorriso sarcastico.

Brown: Essendo lei la proprietaria del titolo non ho potuto negarle questa scelta, e quindi il vostro match di War Of Change dovrà per forza di cose essere un No Title Match.

Altri fischi dal pubblico mentre Chris accenna un sorriso ironico.

C.Drake: Quindi fammi capire, Rachel non è riuscita a strapparmi il titolo tramite altri wrestler, ed ora pur di impedirmi di sputtanarle la promotion mi vieta di difendere questo titolo dove avrei la maggior esposizione possibile? Wow, è davvero incredibile che tu ti sia prestato a questo, o meglio è davvero incredibile che il tuo burattinaio si sia abbassato a questi livelli pur di non vedersi messo in secondo piano.

Brown: Brian Philips non è il mio burattinaio e non avrebb...

C.Drake: Non sto parlando di Brian Philips! Sia io e sia tu sappiamo che mi sto riferendo al tuo amicone alto due metri e mezzo che, guarda caso, detiene un titolo definito come mondiale. Siete davvero patetici contando che alla fine siete voi quelli che ci perdete con questo boicottaggio. A me al momento interessa solo massacrare un certo figlio di puttana, perciò...

Chris si gira verso Jack.

C.Drake: Firma il contratto figlio di puttana e prenditi le responsabilità per le tue azioni!

Con un sorriso sarcastico, Jack Keenan prende in mano il contratto ed inizia a leggerlo, senza troppa fretta. Allunga poi il braccio per prendere una penna, con la mano in cui non ha il microfono. Alza poi la testa verso il General Manager.

Keenan: Voi tutti sapete bene cosa intendevo con "unica, insindacabile condizione"...

Detto ciò, lascia cadere a terra la penna e restituisce il contratto a Virgil Brown jr, appoggiandoglielo al petto. A questo gesto, di scatto Chris Drake solleva il tavolo e lo scaglia addosso a Jack, facendogli perdere l'equilibrio: quindi, con il rivale a terra, gli si lancia addosso, cercando di colpire ogni punto scoperto del suo corpo. Entra subito in azione la security, che afferra Drake e, con grande fatica, riesce a sollevarlo da terra e a separarlo da Jack Keenan, trascinandolo ad un angolo. Alisa cerca di andare a parlare con un membro della sicurezza, ma senza risultato, anche perchè suo fratello sta continuando a dimenarsi con sempre maggiore foga, tanto che dal backstage arrivano un altro paio di persone per trattenerlo, per buona misura.

Immagine


Intanto, Jack Keenan si è rialzato e, con molta calma, sta spazzolando la camicia con le proprie mani. Dopodichè, si scrocchia le nocche e fa qualche passo verso l'angolo in cui Drake è a fatica trattenuto, andando faccia a faccia con lui. Subito viene a sua volta circondato dalla sicurezza, ma lo sentiamo dire che non ha intenzione di fare nulla e, con un gesto, lo vediamo convincerli a non trascinarlo via di peso. Jack osserva per un attimo il rivale, che si sta dimenando ogni secondo di più e cerca persino di afferrarlo, liberando un braccio ed allungandolo verso il Pain Deliverer... che in tutta risposta, atteso ancora qualche istante, gli dà un buffetto sulla guancia! Chris Drake, con gli occhi sbarrati, riesce quasi a trarsi fuori dalla morsa degli uomini che lo circondano, ma è tardi: Jack Keenan infatti si è subito voltato ed ora esce dal ring insieme a Quill, dirigendosi verso il backstage, visibilmente contrariato. E su queste immagini noi andiamo in pubblicità.

Up Next: Virgil Brown Jr.


Top
 Profilo  
Rispondi citando  

Re: TWC - Friday Night Indoor War (#25-???)
MessaggioInviato: 06/05/2016, 20:15 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: 02/01/2011, 18:39
Messaggi: 8683
Località: Interesting
Bentornati ad Indoor War, live dalla Van Andel Arena di Grand Rapids, Michigan. Siamo nel backstage, e più precisamente nell'ufficio del nostro amato general manager, Virgil Brown Jr. La leggenda si sta muovendo vicino ad un fornelletto elettrico, fischiettando un motivetto.

Immagine


Virgil fa un piccolo sospiro, poi osserva una foto sulla scrivania per un istante, annuisce e sorride. Si sente bussare.

VB: Avanti.

La porta si apre e Leon Black entra nella stanza, abbassando leggermente la testa.

Immagine


Il gigante è in una camicia viola a righe nere, portata su jeans blu. Dietro a lui Lucy Fisher, splendida come al solito in una camicetta bianca e in una minigonna nera.

Immagine


Black sorride al GM, facendo un leggero cenno con il capo.

LB: Virgil.

VB: Leonard, che piacere.

Lucy arriccia il naso.

LF: Virgil.

VB: Lucy. Visto che ho imparato? Non ne potevo più di vedere i tuoi occhioni verdi che mi fulminavano.

Lucy fa una risata cristallina.

VB: Sedetevi, vi prego, così posso farlo anche io.

La Fisher sorpassa Black e si siede su una sedia, mentre il campione del mondo chiude la porta, per poi raggiungerla e sederlese a fianco.

VB: Stavo facendo il té. Ne gradite?

LB: Se non è di disturbo, sì, lo prendo volentieri.

LF: Anche io.

Lucy Fisher si sistema una ciocca di capelli rossi dietro l'orecchio destro, poi si passa un dito sulle sopracciglia.

VB: Aspettiamo che l'acqua sia calda, però. Odio quei dannati fornelletti. Ci vuole più tempo che a scaldare l'acqua con il sole.

LB: Probabilmente a gas sarebbe più efficace.

VB: Già provati. Da portare in giro sono scomodi. Ma ditemi, perché siete qui?

Black si gratta la barba un istante.

LB: Avevo bisogno di parlare con qualcuno di esperienza.

VB: Qualcuno di vecchio, intendi.

LB: Anche.

VB: Molto bene. Ti ascolto.

LB: Quello che sto facendo con Jager sta funzionando. Lo ha visto.

VB: Sì, ho visto. Certo non si può dire che sia un gentiluomo, ma è sicuramente diverso dal solito. Strafottente, spaccone, ma meno convinto di sé.

LB: Eppure mi manca qualcosa. Come può Sigfried Jager per un solo match, passare da essere quello che era, ad essere quello che è ora?

VB: Un match può essere tutto, nella nostra carriera. Però capisco quello che intendi. Una volontà di ferro non si spezza per un solo colpo deciso. Deve essere stata indebolita in qualche modo. Un match normale non basta.

LB: Un match normale non basta.

Black annuisce.

LB: È come se avessi un puzzle, e lo avessi ricostruito tutto, ma mi mancasse un pezzo. Capisco la figura, so la forma del pezzo, potrei persino fabbricarne uno io. Ma non so cosa ci sia sopra quel pezzo. E ovviamente non posso essere completamente sicuro di quello che la figura effettivamente rappresenti.

VB: Non hai indagato?

LF: Lo ha fatto. E quando usa le sue fonti, di solito, le cose saltano fuori. Qui invece silenzio. Credo potrebbe sapere il cognome da nubile di tua nonna materna, ma non riesce a capire cosa sia successo a Sigfried.

LB: Wesson.

VB: Questa ve la siete preparata.

LF: Sì. Comunque sembra sia impossibile da reperire quella informazione. E non capiamo perché.

LB: E le mie fonti sono davvero affidabili.

VB: Forse basta chiedere direttamente a lui.

LB: Ne dubito. È evasivo, lo sa anche lei.

VB: Magari alla signorina Wagner?

LF: Non credo me lo direbbe, ed in ogni caso non credo sia giusto sfruttare la nostra amicizia così.

VB: I due signori Schmidt direi siano da escludere. Signori, non so che consigli darvi, ma cercherò di scoprire qualcosa anche io. Se c'è qualcuno che ha gli amici giusti per scavare nel passato, quello sono io.

Dal fornelletto inizia ad arrivare un fischio.

VB: Ottimo.

Improvvisamente si sente bussare alla porta. Virgil Brown Jr. si gira e sospira.

VB: Avanti!

La porta si apre, e nell'ufficio si affaccia "Superstar" Sigfried Jaeger.

Immagine


Il Corvo guarda Leon Black e Lucy Fisher, fa un cenno col capo ed entra chiudendosi dietro la porta.

SGF: Leon. Lucy.

Dopo di che eccolo andare a prendersi una sedia e mettersi comodo, mentre il General manager della TWC lo osserva.

SGF: Prima che inizi il solito sproloquio tedioso, Junior, ti dico subito quali sono i tre motivi che mi hanno spinto a presentarmi qua. Da solo.

Sottolineando a voce le ultime due parole, il Best from the West fissa Leon Black. Poi torna a guardare Virgil Brown.

SGF: Primo, un avvenimento. I tuoi saltimbanchi sono stati avvistati nei paraggi della House of Heroes con un busta in mano, evidentemente una convocazione, che tuttavia non ho con me, visto che non appena il Mastino li ha visti se la sono data a gambe. Secondo, un presentimento. Mi aspettavo di trovare Leon black a bazzicare da queste parti, per cui, onde non essere escluso come al solito dalle decisioni riguardanti la mia carriera, spesso e volentieri inique, sono qui a mettere sul piatto della bilancia il peso della mia posizione di Co-Main Eventer di War of Change II. Terzo, un interesse. L'unica cosa positiva emersa dall'incontro di due settimane fa nel tuo ufficio è stata bermi una tazza di buon tè, simile a quello alcuni manigoldi ti rubarono a New York qualche mese fa. Sarò franco, prima di immergermi nel solito caos delle puntate di Indoor War, me ne berrei volentieri un'altra...

Brown fa un piccolo sbuffo, poi si alza e si dirige verso la teiera.

VB: Avevo già messo in conto di fare tè anche per te.

LB: Tè per te.

VB: Cosa?

LF: Italiano, credo.

LB: Già. In italiano suona molto bene.

Brown sospira e si dà da fare con la teiera.

LB: Salve Sig. È una piacevole sorpresa vederti. Sai che stavamo parlando di te?

Il Corvo sospira.

SGF: Beh, la cosa non mi sorprende affatto. D'altronde è da quando ho vinto la Chamber of Annihilation che tu non fai altro che parlare di me. Di quello che ero una volta. Di quello che sono adesso. Di quello che potrei essere un domani.

Sigfried scuote il capo.

SGF: Perchè per una volta non parliamo di te? Non vedo perchè dovrei essere sempre io quello che deve sorbirsi sedute posticce di psicanalisi.

Poi alza un dito.

SGF: Prima però gradirei la mia tazza di tè...

Brown sospira nuovamente, continuando ad utilizzare la teiera.

LB: Non parliamo di me perché non ce n'è bisogno. Io sto facendo quello che devo. Sono qui al tuo posto, a fare quello che dovresti fare tu. Nulla di più, nulla di meno. Possiamo parlare a lungo se quello che sto facendo è utile oppure no, possiamo parlare a lungo di tutti i miei innegabili difetti, ma non credo che si possa dire che quello che faccio io sia sbagliato.

Il Corvo fissa a lungo Leon, poi scuote il capo.

SGF: Io faccio quello che devo. Io faccio la cosa giusta... Ma chi credi di prendere in giro, Leon. Questi discorsi li puoi fare a boccaloni come Michael Edwards, il Plappermaul o a quel disastro vivente dell'Ingegnere. Ma non a me, Sigfried Jaeger.

Sigfried piega il capo.

SGF: Ti ho già detto una volta, a casa tua, che tutto quello che stai facendo, tutti i tuoi propositi, tutte le tue speranze, sulla carta possono avere un senso e un valore. Nella realtà, però, sono pura e semplice utopia. Vedo che la cosa proprio non riesce a entrarti in testa, eh.

Il Best from the West poi si rivolge a Lucy Fisher.

SGF: Lucy, per favore. Potresti dire al tuo uomo di smetterla di fare il sognatore e di tornare con i piedi per terra? Grazie.

LF: Stavolta devo dare ragione a lui Sig. È vero che la sua strada potrebbe essere inutile ed utopistica, ma è anche la strada più sicura. Non per lui, o per me, ma eticamente. Quello che sta facendo nel peggiore dei casi è inutile. Quanto pensi passerà prima che la tua idea di eroe diventi il mostro che tanto temi? Quanto tempo credi ci vorrà prima che qualcuno con la maglietta della BDK creda che sia giusto passare sopra gli altri per i propri ideali? Prima per qualcosa di piccolo, per poi peggiorare sempre di più. E di credi sarà colpa a quel punto? Non sei Big Black Boom, non sei Fred e non sei nemmeno Akuma Fujihara. Sei ancora qualcosa in cui la gente può rivedersi.

Black sta facendo roteare fra le dita una matita recuperata dalla scrivania di Brown, che sta versando il tè in quattro tazze.

VB: Mi permetto di intromettermi. Questa discussione mi ricorda un vecchio aneddoto. Avevo circa vent'anni e militavo in FNCF. In quel periodo stavo lottando contro Cold Warrior, un russo di una certa stazza. E pur di vincere avrei fatto di tutto, tanto che in un match lo presi in un roll up e lo tenni per i pantaloncini. Tre mesi dopo, Fighting American stende El Hijo del Male con una sediata. Un anno dopo Snap Jack rompe il collo a Mohamed Mariachi. Quando i buoni sono disposti a tutto, il male arriva.

Brown sospira.

VB: Comunque è pronto il té.

Il General Manager della TWC prepara le tazze per i suoi ospiti, poi ne passa una a Lucy, poi a Leon, infine a Sigfried. Il Corvo ne beve un sorso, annuendo soddisfatto. Poi però replica ai tre.

SGF: Quando però i buoni finiscono per essere traditi, perfino da coloro che per cui fanno i loro sacrifici, allora si inizia a percepire che c'è qualcosa che non va. E quando qualcosa non va, cosa dovrebbero fare i buoni? Immagino che la risposta giusta sia perseverare, perchè la ragione è e sarà sempre dalla nostra parte. Ma ditemi, ha senso perseverare quando vedi che i risultati sperati non arrivano, e che anzi, nonostante tutti gli sforzi le cose alla fine peggiorano? Ebbene, io ho perseverato. Le cose sono migliorate? No, anzi. E' per questo che diventato sono così. Ho aperto gli occhi dopo aver toccato con mano il male, nel modo peggiore, e ho realizzato che è davvero ovunque. Dentro ognuno di noi, perfino nelle persone più pure come Lucy. Proprio come mi disse una volta mio padre.

Dopo di che il Best from the West punta il dito su Black.

SGF: Tu, più volte hai detto chiaramente di avere un lato oscuro. Come se ci fosse bisogno di saperlo, oltretutto. TWNA. BlackBlood. Per fare quello che hai fatto in carriera laggiù, per essere così diabolicamente perfetto in quello che facevi, dovevi per forza mettere in luce la tua parte peggiore. Ora sei diverso, lo ammetto. Arriverei a supporre che a differenza di quel mostro di Fujihara, la parte "cattiva" che vive in te sia inferiore alla tua parte "buona". Ma chi può dirlo?

Poi Jaeger scuote il capo.

SGF: Perciò la domanda sorge spontanea. Quanto di Leon Black sta muovendo le tue azioni con me? E quanto di BlackBlood? Pensaci. Distruggere, annientare, e perchè no, porre fine brutalmente alla carriera di Sigfried Jaeger nel Main Event di War of Change II. Mi sto preparando anche a questa evenienza, perchè con te dare per scontato qualcosa può rivelarsi fatale. Non mi meraviglierei se tra un mese Batman si togliesse la maschera e si rivelasse essere nientemeno che Two Face...

Black sospira, picchiettando sulla scrivania con la matita.

LB: Non ho mai detto di non avere un lato oscuro. Ho ripetuto fino alla nausea di non essere un eroe per nascita. E proprio per questo dovresti esserci tu, al mio posto. E sì, non credere che mi tratterrò a War of Change. Ti annienterò e distruggerò a War of Change, se non ti difenderai.

Il gigante appoggia la matita e poi prende la tazza di té.

LB: E sì, bisogna perseverare. Non importa cosa succeda. E immaginavo che mi avresti detto qualcosa di simile. E probabilmente non sono l'esempio perfetto, ma si può perseverare. Si deve. Per quanto la nostra oscurità sia profonda, per quanto si sia pericolosi davvero. Si deve perseverare. Sempre.

Sigfried sospira e beve un pò di tè dalla tazza.

SGF: Sei proprio un caso disperato, Leon. E non serve nemmeno che ti spieghi la storia di Don Chisciotte e dei mulini a vento, visto che sei una persona molto istruita.

LB: Don Chisciotte... Apprezzabile esempio. Non mi pare che Don Chisciotte abbia mai potuto fare del male. O sbaglio? Non è disprezzabile, come paragone.

Black beve un sorso di tè, mentre Brown si schiarisce la gola.

VB: Signori, visto che siete qui, non vedo perché dovremmo rimandare ulteriormente la questione. Per stasera ho in mente qualcosa di spettacolare per Indoor War. Ultimamente avete dato prova di una certa affinità, nonostante tutte le vostre divergenze. Quindi vorrei vedere come potrebbe funzionare tutto ciò in una scala più grande. Per questo ho ritenuto rendere ufficiale che nel Main Event di stasera Sigfried Jager e Leon Black faranno squadra contro Big Black Boom e Christophorus Schmidt.

La notizia sorprende il Best from the West, che piega la testa.

SGF: Scusa, come? Mi pare di aver sentito male. Stavi dicendo Sigfried Jaeger e Christophorus Schmidt contro Big Black Boom e Leon Black. Forse ti sei sbagliato per l'emozione, Junior.

Brown beve un sorso di tè, poi scuote la testa.

VB: Jaeger, io so dove sono i soldi. E ad ora, i soldi non sono in una Reunion della Bruderschaft Der Krahe Incorporated, ma in Leon Black e Sigfried Jager che si coprono le spalle a vicenda contro una delle coppie di wrestler più pericolosa dell'industria. E dal sorriso soddisfatto di Black, direi che anche il campione non è contro questa idea.

LB: È un'ottima idea.

Sigfried sbatte la tazza rumorosamente sul tavolo. Un pò di tè schizza sulla scrivania.

SGF: Che significa quello che pensa lui. Si dà il caso che Big Black Boom e Christophorus Schmidt siano suoi nemici giurati, ma non miei. Anzi, Chris ha lasciato BDK Inc. restando in buoni rapporti con noi, mentre Triple B non mi ha mai pestato i piedi finora.

Il tedesco guarda male Brown.

SGF: Junior, ti consiglio di non cercare di farmi terra bruciata attorno nel locker. Perchè prima o poi tutto ti tornerà indietro, e io mi ricorderò di questo sleale tentativo di mettermi in difficoltà facendomi combattere contro gente che non mi ha fatto mai niente.

Black da un buffetto sul naso a Lucy, che si è appoggiata con le braccia alla scrivania e guarda gli altri tre.

LB: Su su, Sig. Questa è una ottima occasione. Intanto hai la possibilità di sconfiggere due lottatori che competeranno in un match per avere una shot al titolo che potresti vincere. Poi hai la possibilità di dimostrare che il rapporto che hai con quei due signori è sincero, e lottare un match contro loro due non è un problema. Infine puoi dimostrare che lottare al pari di Leon Black è il tuo pane.

Black beve un sorso di tè.

LB: Certo, se c'è qualcosa di vero in quello che ho detto.

Il Corvo si alza in piedi e squadra Leon gelidamente.

SGF: Cosa diavolo stai insinuando. Non devo certo dimostrare che posso lottare al pari tuo. Quello lo sanno tutti. Fin dal Day One di questa federazione. Quanto al mio rapporto con Big Black Boom, Christophorus Schmidt e quello che potrebbe accadere se finissimo a scannarci l'uno contro l'altro se ci pestassimo i piedi, si vede che te ne intendi poco di politiche del backstage. Occhio, perchè di questo passo inizi a ricordarmi Chris Drake...

LB: Ecco, evita di ricordarlo a me, per favore. Comunque pensa. Io ho lottato contro dei miei amici. E nessuno di loro è ancora venuto a cercare di sgozzarmi nel sonno. Che tu abbia gli amici sbagliati?

Sigfried fa due passi verso la porta, scuotendo il capo, poi si gira e alza una mano.

SGF: Non abusare del significato della parola "amico", per favore. I miei amici sono quelli che stanno nella House of Heroes in questo momento, e per la cronaca, ho combattuto svariate volte contro il Mastino nella mia carriera. Christophorus può essere definito oramai come un potenziale alleato e basta. Big Black Boom è una persona con cui si può coesistere, se lo si lascia in pace. Cosa che tu puntualmente non hai fatto.

LB: Andiamo Sig. Nemmeno Fujihara rifiuterebbe un match del genere.

Il Corvo resta in silenzio un paio di secondi, poi replica disgustato.

SGF: Come di permetti di mettermi sullo stesso piano di quell'essere malefico?! E' logico che Fujihara non rifiuterebbe un match del genere, visto che quel mostro godeva sempre nel far male a chiunque gli si trovasse di fronte, alleato o nemico che fosse.

Sigfried scuote il capo. Poi sospira.

SGF: Sapete cosa c'è? Sono stanco di essere io a fare la figura di Don Chisciotte coi mulini a vento ogni volta che cerco di ragionare di cose serie con te...

Il 34th Street Hero punta il dito su Leon Black.

SGF: E con te.

Il dito di Jaeger va in direzione di Virgil Brown. Poi Sigfried abbassa la mano riguardo Lucy Fisher.

SGF: Con te no, più che altro perchè mi sembri una brava persona. Anche se stai frequentando brutte compagnie.

Eccolo poi tornare alla scrivania e finire al volo il suo tè. Una volta posata la tazza Jaeger alza un dito.

SGF: Volete proprio questo match? Avrete questo match. Ma non vi prometto nulla su quello che può accadere dopo che avrete scoperto questo vespaio.

Infine Sigfried se ne va alla porta, la apre e si gira un'ultima volta, guardando Leon e Il General Manager.

SGF: Ci vediamo dopo, Leon Black. Grazie per il tè, Junior. Almeno quella è una cosa che sai fare.

Poi fa un cenno di saluto verso Lucy ed esce dall'ufficio chiudendosi la porta alle spalle.

LB: Improvviso.

VB: Inatteso.

LF: D'effetto.

Black annuisce.

LB: Comunque vedremo come si comporta stasera. Grazie Virgil. Questo match è stata una ottima idea.

VB: Non l'ho fatto per te.

LB: Immaginavo.

VB: Ma sono contento ti sia utile.

Black fa un mezzo sorriso, poi si alza in piedi.

LB: Virgil, noi andiamo, che non vogliamo disturbare troppo.

Brown fa un gesto con la mano.

VB: Nessun problema. Leonard, Lucy. Se avete bisogno sono qui.

Anche Lucy si è alzata, e lei e Leon fanno un cenno con il capo, per poi uscire a loro volta. Brown osserva la porta per un secondo, poi scuote il capo.

VB: Sognatore.

E mentre Brown riprende a sorseggiare il suo té, noi andiamo in pubblicità.

Up Next: A&A Security


Top
 Profilo  
Rispondi citando  

Re: TWC - Friday Night Indoor War (#25-???)
MessaggioInviato: 06/05/2016, 20:20 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: 02/01/2011, 18:39
Messaggi: 8683
Località: Interesting
Nei corridoi del backstage, gli A&A sono nei pressi del distributore di bevande. Alex è seduto le mani sul viso, Adam sbatte flebilmente il pugno contro il macchinario, mostra una smorfia di dolore.

Immagine Immagine


Si sentono dei passi, una figura si avvicina. I due alzano lo sguardo: Adam sorride, Alex si mette in piedi. È Leon Black, che li fissa, inserisce una monetina nel distributore e pigia alcuni pulsanti.

Immagine


Afferra la bevanda e la poggia sopra il macchinario. Dà un’occhiata ad Adam, una ad Alex, fa spallucce e si mette una mano in tasca, tirando fuori altri spiccioli. Li conta e ne inserisce due nella macchinetta. Il secondo ricade nel vano. Il sorriso di Adam si trasforma in un’espressione preoccupata, Alex scuote il capo. Leon raccoglie la monetina, la gira, la rimette in tasca. Ne inserisce un’altra. Tutto apposto questa volta: pigia alcuni pulsanti, esce una bevanda e la porge ad Alex, ne pigia altri e offre la bevanda che esce ad Adam. Ad Alex trema il labbro, scappa via quasi in lacrime. Adam getta alle sue spalle la bevanda e abbraccia calorosamente Leon. Si sente il rumore di bicchiere calciato, nella tenera scena d’affetto irrompe Big Black Boom.

Immagine


Il mascherato osserva per un attimo.

BBB: Lucy avrà il cuore spezzato.

Adam si accorge del mascherato, guarda Black, guarda Boom, guarda di nuovo Black e fugge via. Il gigante si prende il suo bicchiere e osserva per un lungo istante BBB.

LB: Salve Boomie. Vuoi un caffè anche tu? Ho la moneta dietro.

Il campione del mondo indica la macchinetta.

LB: E, sì, Lucy ha il cuore spezzato davvero. Devo trovare un altro modo per vedermi con quei due. Certo, ho un certo fascino, come avrai notato. Mi basta un caffè e...

Il gigante si ferma un secondo, grattandosi la barba.

LB: Sai, a proposito di quel caffè, ritieni l'offerta non più valida.

La Unglorified Legend beve un sorso della sua bevanda e poi sorride sbilenco.

LB: Hai sentito la notizia, Big Bad Boom? Stasera hai la tua grande occasione di rifarti. Addirittura nel ME. Certo, non so quanto tu ti possa fidare di Schmidt, ma è una grande occasione, no?

Black beve un altro sorso.

LB: Aspetta, tu sei quello che si è fidato di Fox Olon e Samantha Hart. Vero. Complimenti da parte mia.

Boom annuisce.

BBB: E guarda cos’è successo.

BBB inizia a contare sulle dita.

BBB: Ho vinto una cintura, sono nel main event dello show e vincerò un altro titolo nell’evento più importante dell’anno. Passato, presente e futuro della compagnia sono già segnati. Forse hanno fatto male i loro calcoli, i miei sono più che giusti.


Il perfidy in a mask sorride.

BBB: La notizia mi ha fatto felice. Christophorus sa che non mi fido di lui, così come so che lui non si fida di me. Ma una cosa mi fa stare tranquillo: entrambi abbiamo fame. Durante il match non penseremo ad altro che a battere te e Sigfried, dopo si vedrà.

Black beve un altro sorso di caffè.

LB: Quindi, se tu sei di successo, io cosa sono? Il God of Gods?

Il gigante osserva per un istante BBB.

LB: Of Gods.

La Unglorified Legend si gratta il naso.

LB: Of Gods.

Il campione del mondo fa una breve pausa.

LB: Of Gods.

The Knight beve un altro sorso.

LB: Of Gods.

L'ex TWNA sospira.

LB: Of Gods.

Il fu BlackBlood si passa una mano fra i capelli.

LB: Of Gods. Ammettiamolo, per quanto ti piaccia farti passare come uno squalo, tu non sei che una iena. Bello questo paragone con gli animali. Lucinda dovrebbe apprezzarlo. E fidati, le iene hanno delle indubitabili qualità. Ma sentire una iena che si vanta di quanto siano affilati i suoi denti è sempre... Stridente.

Il gigante sbadiglia.

LB: Certo, hai vinto una cintura. Ma sei anche riuscito a perderla in maniera abbastanza imbarazzante. E non so te, ma io smetterei di dire che l'arbitro era di parte. Ti fa passare come un idiota che non sa quello che fa, visto che sei stato tu a tirare in ballo Jane Murphy. Farei battute sulla Legge, ma sarebbe un basso standard pure per me.

Leon fa un piccolo movimento con la mano.

LB: Comunque hai ragione. Stasera sarai nel Main Event. Però devi considerare questa cosa. Quanto sarebbe importante una vittoria contro il campione del mondo e il suo sfidante ad un mese dal Match per il titolo, per qualcuno che può ottenere una shot a sua volta. Vincere significherebbe mettere una enorme quantità di pressione sui propri avversari. Perdere invece significherebbe prendersela addosso. Io fossi in voi penserei davvero solo a quello.

Boom annuisce.

BBB: Pressione. Un uomo fa quello che è suo dovere fare, quali che siano le conseguenze personali, quali che siano gli ostacoli, i pericoli o le pressioni. Se mi schiaccerà, la sfrutterò per saltare più in alto di tutti e prendere l’anello. Lo vedi questo?

Il mascherato si indica un sorriso perfido.

BBB: Non sono i denti affilati, l’arma della iena. Ma il fatto che li usa sempre, per mangiare e per ridere. Cosa intimorisce di più, un uomo che se ne sta fermo coi pugni chiusi o uno che non ha paura di usarli? Io non mi sono mai vantato delle mie capacità. Ma sono bene quando e come usarle.

Occhi negli occhi con Black, Triple B si prende una pausa.

BBB: E poi sono stufo di continuare a parlare di come ho perso il titolo. Ho introdotto io Jane in TWC, vero, ma non l’ho richiamata. Quello che è successo dopo è fuffa. Come lo sarai tu dopo War of Change. Goditi questo successo ora: sei il god of whatever you want. Ti trovi sopra tutto e tutti. La tua caduta sarà rumorosa e dolorosa: io sarò lì, come una buona iena, a ridere. E con l’anello giusto, a farti vedere come si fa a non cadere.

LB: Concentrati sull'adesso Bio Baseball Bat. A War of Change sarà compito mio non cadere, indipendentemente da quello che succede stasera. Ma quello che succede stasera può cambiare la tua storia. Ora, non ti sto dicendo che tu debba dare tutto quello che hai per vincere, ma è dannatamente vero che dovrai tirare fuori il tuo peggio per vincere.

BBB: Ti dai troppa importanza. Se vuoi illuderti, fai pure. Ma non sei tu la variabile della mia carriera. E non lo sei neppure stasera. Sei solo uno dei tanti, sarai più grosso, avrai la cintura, per ora, ma anche tu sarai messo da parte molto presto.

Il mascherato mostra nuovamente il suo sorriso.

BBB: Magari a partire da oggi. Perché vedi, sarai sicuramente capace di prenderti cura da solo di me e Christophorus Schmidt, ma dovrai badare anche a Sigfried Jaeger. Lui sí che non ha pressioni: se vince, ne mette addosso a te. Ma se perde...

Sospiro da parte di Boom.

BBB: Se perde, non è detto che esca sconfitto. Cosa ti fa credere che il suo ex compagno di coppia non abbia organizzato la sua sconfitta? O che non l'abbia fatto con me? E se non l'ha fatto, chi ti assicura che questo non sarà un handicap match?

Piccola pausa.

BBB: La variabile qui non sei tu, Blackie. La pressione è il rapporto tra forza e superficie: finora non hai fatto altro che vantarti di quanto tu sia forte. Ma la superficie sulla quale stai in piedi in questo momento è piccola, è della grandezza della tua cintura. Sei tu quello che ha tutto da perdere. Oggi, come a War of Change.

Black ridacchia, battendo una mano sulla spalla di BBB.

LB: Quindi è questo il tuo piano. Sperare che Jager mi abbandoni. Non è da te, amico mio. Il mio consiglio è che tu te ne faccia un altro. E in fretta. E mi raccomando, visto che tu non hai nulla da perdere da questo match, non impegnarti. Sai, ho proprio bisogno di questa vittoria.

Il gigante ridacchia ancora.

LB: E mi raccomando, cerchiamo di mantenerla sul piano amichevole.

Black sorride pacatamente e inizia ad allontanarsi.

LB: A dopo Boomie.


BBB: Non è il mio piano. È la tua speranza.


Black sparisce dalla inquadratura, Boom ride e volta le spalle alla telecamera, avviandosi alla parte opposta. Il collegamento termina.

Up Next: WannaBe?


Top
 Profilo  
Rispondi citando  

Re: TWC - Friday Night Indoor War (#25-???)
MessaggioInviato: 06/05/2016, 20:24 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: 02/01/2011, 18:39
Messaggi: 8683
Località: Interesting


La theme di Simon B. risuona nell'arnea ed mmediatamente siamo catapultati nell'azione! Il Who you want to B si presenta sullo Stage con espressione seria e passo veloce e deciso.

Immagine


Vestito in uno dei suoi soliti completi eleganti, B raggiunge il quadrato immediatamente, senza fare le sue classiche pose, e si fa passare un microfono da un addetto. Si guarda attorno.

SB: Meh.

Tipico inizio di Simon B.

SB: Questa pagliacciata è durata fin troppo. E voi tutte sapete benissimo di chi sto parlando: di quella merda secca che risponde al nome di Vincent Cross.

Fischi dal pubblico per Simon B.

SB: Ma state zitti voi, e lasciate che siano i grandi a parlare. Io, Simon B., nel corso di tutta la mia carriera come Wrestler, mai e poi mai avrei immaginato di dover avere a che fare con un bastardo del genere! Vi rendete conto di cosa continua a fare quell'uomo!? Io la scorsa sono andato contro Leon Black, il cazzo di campione massimo TWC, e per pochissimo non lo sconfiggevo! Avete capito!? Mi bastava tanto così per strappargli il titolo, diventare campione massimo della federazione e poter quindi tranquillamente bearmi della mia vittoria ignorando del tutto quel motociclista senza arte né parte. L'unico motivo per cui non ci sono riuscito è sempre il sopra citato Cross, che mi ha distratto!

Altri fischi e prese in giro del pubblico verso il Who you want to B.

SB: Pensavoche sarebbe apparso da un momento all'altro, che mi avrebbe fatto perdere, esattamente come fece contro Antonius quando persi il mio FWP Heavyweight Championship! Il pensiero di Vincent Cross mi annebbiava la mente, ed è per questo che Black mi ha battuto, ecco la verità!

Simon gira per il ring, si mette una mano tra i capelli per l'esasperazione.

SB: Cross continua a fare danni, è un bastardo senza onore, lui come tutto il resto della sua famiglia non hanno fatto altro che dannia alla mia persona! Quindi io, il grande Simon B., Who You Want To B, esigo che ora si presenti su questo ring right now, e mi conceda il mio Match per War of Change II! Non è un suo diritto, è un suo dovere nei miei confronti! E' giusto che mi prenda la mia vendetta, e quindi coraggio, Reginald, vieni qua e abbi le palle una buona volta di farti-

Immagine


Ed ecco che risuona l theme del diretto interessato ad interrompere Simon! Vincent Cross si presenta sullo stage con una espressione stranamente più seria del solito, squadrando da sotto il titantron il suo rivale di quest'ultimo periodo.

Immagine[/testocentrato]

Il biker ha già un microfono in mano, B lo incita a salire sul Ring ma Vincent rimane lì, sotto il titantron.

VC: Avrai il tuo match a War of Change II.

Boato del pubblico! B guarda Cross con sguardo curioso, stringe gli occhi.

VC: Questo è quello che ho da dirti. Ed ora se non ti dispiace me ne andrei, se non ti dispiac-

SB: COME SAREBBE A DIRE!?

B si sporge alle corde, scende dal quadrato!

SB: DOPO TUTTO QUELLO CHE HO DETTO QUESTO HAI DA DIRMI! MA CHE CAZZO DI PROBLEMI HAI, CROSS!?

Il biker fissa B senza far trapleare emozioni, inizia ad avvicinarsi a lui dalla rampa.

SB: SEMPRE ZITTO, SEMPRE SENZA UN CAZZO DA DIRE! MI SONO SCOCCIATO! DI' QUALCOSA, CAZZO! TU E LA TUA FAMIGLIA DI MER-

VC: Che cazzo vuoi che ti dica, Simon!?

Cross interrompe B per la gioia del pubblico!

VC: Di tutte le tue parole quello che posso cogliere è che sei solo un cretinetto in cerca di riscatto che non ha autostima! Guardati: tanto superiore e bello, Simon B. La verità è che non sei poi così tanto diverso da me, anzi, direi che siamo praticamente uguali!

B sembra incredulo.

SB: Ti spiacerebbe ripetere?

VC: Oh sì, mi hai capito chiaramente B. Io e te siamo praticamente uguali, e prima che tu possa interrompermi, sai benissimo di cosa sto parlando: entrambi siamo in cerca di riscatto, entrambi abbiamo un passato di cui ci vergogniamo e in cui abbiamo commesso degli errori, qualcosa che rigettiamo completamente! E tu lo fai pure peggio di me perché tu non hai avuto un passato come il mio, anzi!

SB: Che cazzo stai dicendo Cross!?

VC: Devo forse dirlo io ad alta voce davanti a tutte queste persone!? Devo forse dire che tu, il grande Simon B., mister perfezione che tutti noi vogliamo essere e cazzate varie, sei in realtà un coglione che dopo due anni ancora non parla con quella che è praticamente la sua famiglia, una famiglia felice, una famiglia di persone che non sono dei grandissimi complessati stronzi, perché a quanto pare si vergogna troppo di essere stato nei Co-

Cross non fa in tempo a finire la frase che B corre verso di lui e gli si scaglia addosso con una furia mai vista prima, aggredendolo con calci e pugni quasi animaleschi, e urlandogli contro le peggiori maledizioni! In breve tempo però il Biker riesce a far valere la sua maggiore possanza fisica, e riesce a scrollarsi Simon di dosso! Questi però non demorde e tenta un nuovo assalto, scambio di pugni tra i due vinto da Cross che va con una testata su Simon, che indietreggia... E subisce quindi la Street Speed!!


Immagine


STREET SPEED DI CROSS! Ed ora B giace a terra tramortito dal colpo, mentre Vincent si rimette in piedi e inizia ad allontanarsi, ma prima getta un'ultima occhiata verso il proprio avversario di WoC...

VC: Ci vediamo a War of Change.

E sulle immagini di Cross che lascia B dolorante, a terra sulla rampa linea al backstage.

Up Next: The Kevin Manson


Top
 Profilo  
Rispondi citando  

Visualizza ultimi messaggi:  Ordina per  
Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 154 messaggi ]  Vai alla pagina Precedente  1 ... 4, 5, 6, 7, 8, 9, 10, 11  Prossimo

Tutti gli orari sono UTC + 1 ora


Chi c’è in linea

Visitano il forum: CM-Cena, Elban Rattlesnake, Matt Thunder


Non puoi aprire nuovi argomenti
Non puoi rispondere negli argomenti
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi

Cerca per:
Vai a:  
phpBB skin developed by: eXtremepixels
POWERED_BY
Traduzione Italiana phpBB.it