Tutti gli orari sono UTC + 1 ora




Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 154 messaggi ]  Vai alla pagina Precedente  1, 2, 3, 4, 5, 6, 7 ... 11  Prossimo
  Stampa pagina

Re: TWC - Friday Night Indoor War (#25-???)
Autore Messaggio
MessaggioInviato: 25/03/2016, 21:45 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: 21/03/2012, 18:23
Messaggi: 8563
Bentornati amici telespettatori a Friday Night Indoor War lo show televisivo di wrestling più apprezzato dal pubblico e dalla critica. Dopo una breve panoramica sul caldissimo pubblico che gremisce il Wells Fargo Center di Philadelphia, andato sold out già da diverse settimane, è arrivato il momento di uno dei segmenti più attesi della serata. Vediamo infatti che sul ring, coperto con un telo nero, si trovano un paio di sgabelli, oltre a un divano in pelle, il classico frigobar marchiato BDK, e uno schermo televisivo appeso al centro a mezz’altezza.

Immagine


Come potete vedere dall’immagine che campeggia su tutti gli schermi, è arrivato il momento di gustarci una nuova puntata di Sigfried Jaeger’s Achtung, il talk show più in voga e apprezzato della Total Wrestling Corporation!

Immagine


Ecco comparire la solita immagine di un corvo oscuro, che esplode trasformandosi in migliaia di piccoli corvi, mentre il pubblico di Philly inizia già a ribollire e le luci si abbassano diventando intermittenti.

Immagine


Mentre il logo della BDK Inc. campeggia, come sempre, sul titantron, una foschia grigia si diffonde sullo stage, creando una densa coltre.



E infine ecco partire la Main Theme della Bruderschaft Der Krahe Incorporated. Mentre il pubblico reagisce dividendosi come ormai capita sempre coi tedeschi di Ravensburg, ecco che la BDK Inc. fa la sua comparsa, sbucando dalla nebbia dello stage.

ImmagineImmagineImmagine


“Superstar” Sigfried Jaeger, “The Armbreaker” Brunild Wagner, che ha in spalla il suo WFSS Woman World Championship, e “The Hound” Gunther Schmidt, si guardano intorno, cupi in volto dopo quanto accaduto nella House of Heroes pochi minuti fa. Dopo qualche secondo, il Corvo sospira e inizia a calare dalla rampa verso il ring, seguito dai suoi fedelissimi compagni di stable.

Immagine


JR: Ladies and gentlemen. Please welcome the Bruderschaft Der Krahe Incorporateeeeed!!!!!

Una volta arrivati ai piedi del quadrato, i membri della BDK Inc. procedono verso i gradoni d’acciaio, salendoli e irrompendo alla spicciolata sul ring. Qui vediamo Sigfried prendere subito il mic appoggiato su uno dei due sgabelli, mentre Gunther si fionda sul frigobar e preleva tre birre. Brunild Wagner alza al cielo la sua cintura, ottenendo un buon pop da parte del pubblico, che però scema subito non appena prevvede a cacciare Jessica Rose dal ring. I tedeschi sono nervosi, e non è buon segno. Il Mastino lancia al volo la birra al Corvo, che si mette a sorseggiarla mentre se ne sta appoggiato alle corde, guardandosi intorno. Infine Brunild prende la sua birra e si accomoda sul divano accanto a Gunther. Una volta che la theme della BDK Inc. è sfumata del tutto, Jaeger termina alla goccia la sua birra e lancia la lattina al volo verso Michael Campbell, che se la fa sfuggire.

SGF: Hey, stà più attento! O lo riferirò a UltraDumm, così comincia a perseguitare anche te.

Vedendo il commentatore raccogliere da terra la lattina accartocciata più veloce che può, il Best from the West si fa una breve risatina. Dopo di che eccolo fare dietro front e piazzarsi a centro ring, dove inizia la sua disamina una volta che il pubblico ha finito di fare baccano.

Immagine


SGF: Ladies and gentlemen. Welcome everyone to Friday Night Heroes War!!!

Mentre il pubblico di Philadelphia reagisce fischiando il tedesco, Jaeger si guarda intorno scuotendo il capo.

SGF: Beh lo so. Immagino il motivo di tutto questo vostro disagio. Lo stesso disappunto che in questo momento pervade anche i tumultuosi ed eroici cuori di noi membri della Bruderschaft Der Krahe Incorporated.

Il Monster Hunter annuisce.

SGF: E come non poteva restare turbata Philadelphia, nota a tutti come la “Città dell’amore fraterno”, di fronte alla sofferta ma coraggiosa decisione presa poco fa da “The Hunter ”Christophorus Schmidt, ovvero lasciare il nostro glorioso sodalizio con effetto immediato.

Applausi e cori d’approvazione a tradimento, da parte del pubblico del Wells Fargo Center! Sigfried si guarda intorno e storce il naso.

SGF: Dimenticavo che questa città era anche la patria di molti mentecatti a quanto vedo. Mi sa che stasera hanno aperto le gabbie e quasi tutti si trovano qui oltretutto. Io sto parlando di un eroe che decide di lasciare il gruppo più importante della federazione per percorrere da solo e senza supporto una strada difficile che porta verso l’ignoto, e voi vi mettete ad applaudire?! Tutto ciò non è affatto eroico. Bah!

Sigfried va avanti, stizzito.

SGF: Prima di passare oltre, voglio perciò augurare il meglio a Christophorus Schmidt.

Eccolo girarsi verso la telecamera.

SGF: Chris, sei stato uno di noi per sei mesi. Insieme abbiamo condiviso momenti positivi, in primis il nostro storico regno di TWC World Tag Team Champions, oppure lo straordinario successo ai danni dei No More Humans e dei Fall of the Empire a End is Near. Insieme abbiamo condiviso anche i momenti negativi, come la sfortunata sconfitta di Alpha Horizon, coi nostri legittimi titoli finiti in mano a un vecchio bacucco indegno e a un troglodita analfabeta più che indegno. Da stasera le nostre strade si sono divise, ma sò per certo che un giorno torneremo a calcare il ring insieme. Non fa differenza se da alleati o da avversari. Sono certo che daremmo comunque spettacolo. Perchè i membri della Bruderschaft Der Krahe Incorporated sono e resteranno sempre i migliori al mondo, qualunque cosa facciano. See ya, Hunter!

I tre tedeschi annuiscono verso la telecamera, piuttosto a disagio. Poi però Jaeger alza una mano.

Immagine


SGF: Basta così. Ora voltiamo decisamente pagina e parliamo finalmente di qualcosa di estremamente positivo. Perchè, quando la BDK Inc. entra in azione nel suo terreno di caccia preferito, ovvero il ring, la gente torna a casa sempre soddisfatta e con molti aneddoti eroici in più da raccontare. Come sapete, Alpha Horizon era l’evento importantissimo che dava il via alla fase più importante dell’anno di questa federazione, e la BDK Inc. non si è fatta trovare impreparata, aggiungendo un nuovo commovente e capitolo alla sua gloriosa storia.

Il Deadly Crow si gira e indica il Brutal Crow.

SGF: Il nostro possente Mastino ha dato una lezione di wrestling a quel folle essere che risponde al nome di UltraDumm. Sfortunatamente, quella banda di idioti che risponde al nome Illvminati, ha scelleratamente attaccato Gunther alla fine del suo incontro, infilandosi in una vera e propria valle di lacrime. Sarebbe stato meglio fossero rimasti invece a nuotare come nutrie sul fiume Hudson, visto che questa sera il Mastino ha già dato un assaggio della sua furia a quei pagliacci. Per loro è solo l’inizio del meritato calvario.

Mentre il Wells Fargo Center tributa un’ovazione a Gunther, vediamo il Mastino annuire ferocemente e contrarre i giganteschi bicipiti. Poi il Corvo passa allo Smiling Crow.

SGF: La somma Valkyria della TWC, invece, ha confermato la sua aura d’imbattibilità ottenendo una vittoria di tutto prestigio su un’avversaria altrettanto pericolosa. Brunild ha difeso il suo WFSS Woman World Championship, e cinque giorni fa, ha fatto la storia, vincendo il suo primo titolo mondiale nelle arti marziali miste. Se ci fosse ancora bisogno di dirlo, siete di fronte a un’atleta unica, come mai se ne sono viste prima d’oggi e mai se ne vedranno per molti decenni, se non secoli.

Il pubblico non può fare altro che applaudire Brunild Wagner, che sorseggia la sua birra accennando un piccolo sorriso.

SGF: E infine il sottoscritto, il Corvo di Ravensburg, ha stupito ancora una volta il mondo del wrestling, trionfando nel match più brutale e pericoloso della giovane storia della Total Wrestling Corporation. Nel Main Event di due settimane fa, sei lottatori agguerriti, si sono affrontati e letteralmente massacrati all’interno di una struttura mostruosa composta da dieci tonnellate d’acciaio. Porto ancora le cicatrici di quell’incontro, e sinceramente ne vado fiero. Sei sono entrati. Uno solo poteva uscirne vincitore. E come previsto, al termine di una battaglia memorabile, quel vincitore sono stato io, l’eroe di tutti voi, Sigfried Jaeger.

Jaeger si guarda intorno in modo fiero, a lungo. Ma non è che il pubblico sia felice, visto che partono cori pro Moon, Drake, Miller e perfino uno pro Manson. Sigfried si fa una risatina sentendo i cori, poi torna serio.

SGF: Ma Alpha Horizon ormai è il passato. Ora si guarda al futuro, gente. Il 3 giugno 2016, a War of Change II, disputerò il mio secondo Main Event su due nello show più importante della TWC. Ma a differenza del precedente incontro del 2015, stavolta la posta in palio sarà l’alloro massimo di questa federazione, il TWC World Heavyweight Championship. Il giusto premio di un’intera carriera. Il giusto premio per la persona che più di tutte ha dimostrato su questo ring, e con questo mic, di meritare di far parte dell’elite del pro wrestling mondiale. Il giusto premio per un vero eroe al passo con i tempi. Il giusto premio per me, dopo tutto quello che vi ho regalato in oltre un anno qui in TWC.

Dopo di che il Corvo conclude con un proclama dei suoi, ignorando i fischi.

Immagine


SGF: Gli Stati Uniti d’America e il suo popolo amano definirsi “Land of the Free” e “Home of the Brave”. Una volta che War of Change II andrà agli archivi vedendovi incisi a caratteri d’oro i trionfi della Bruderschaft Der Krahe Incorporated, a queste due definizioni se ne aggiungerà per sempre una terza, “Nation of the Heroes”. Because this, is Our World!

Mentre il Best from the West riscuote l’appaluso dei suoi compagni, il pubblico non sembra affatto entusiasta. Jaeger fa spallucce, poi procede a introdurre il suo ospite.

SGF: Ma dedichiamoci al presente, per un pò. Come sapete, ci sono state molte lamentele su questo show. Troppo lungo, troppe chiacchiere e bla bla bla. Il nostro pessimo General Manager, ovviamente, ha prestato orecchio alle maldicenze piuttosto che al buonsenso. Per cui, dopo averci vietato il “Gunther’s Point of View” e “C’è Posta per Brunild”, da stasera siamo costretti a cassare anche i nostri prestigiosi “Special Event Awards”.

Mentre l’arena esplode, Sigfried sospira.

SGF: Ergo, introdurrò adesso l’ospite speciale di questa sera. Senza dubbio il più importante della storia di Sigfried Jaeger’s Achtung, e con cui avrò certamente un bel da fare nei prossimi mesi. Ecco a voi il TWC World Heavyweight Champion, Leon Black!



Boato del pubblico, che accoglie il campione positivamente, come al solito.

Immagine


Leon Black si presenta sullo stage in camicia bianca, giacca sportiva marrone e jeans, con il titolo in spalla e microfono alla mano. Il gigante sorride e si avvia verso il ring, salendo sui gradoni, per poi stare in piedi sull'apron per qualche istante, guardare il paletto, e poi scavalcare la terza corda. La Unglorified Legend si guarda intorno, poi si avvicina al divano su cui sono seduti Gunther Schmidt e Brunild Wagner. Tende la mano alla WFSS Woman World Champion, che gliela stringe fissandolo negli occhi, poi la tende a Gunther, che dopo un'attenta riflessione e una gomitata al fianco della Valkyria, gliela stringe, sbuffando. Poi si dirige verso il frigobar, sotto il vigile sguardo del Mastino, e si prende una birra, sotto l'ostile sguardo del Mastino.

LB: Posso?

Il gigante indica la bottiglia, per poi aprirla con una mano.

LB: Sai qual è la cosa migliore di Achtung? Non ci sono degli sgabelli scomodi che si sfondano.

Black beve un sorso di birra.

LB: Ora, dovrei dire breve, ma sappiamo che non è assolutamente vero.

The Knight fa un mezzo sorriso, poi va ad appoggiarsi alle corde.

LB: Ma, non divaghiamo. Sappiamo entrambi che non sono qui con intenti bellicosi, altrimenti avrei gentilmente declinato il tuo invito. D'altro canto non ti ho nemmeno chiamato nazista, né faccio troppa pressione sul fatto che tu sia tedesco. Quindi direi di aprire questa chiacchierata con un clima di pacata distensione. Cosa ne dici?

Black beve ancora un sorso di birra, poi fa un passo in avanti.

LB: Prima che mi dimentichi, devo parlare dell'elefante nella stanza. C'è il cinquanta per cento di Schmidt in meno nella Fratellanza dei Corvi. E il cento per cento di mediocrità in meno. È un sollievo, non se ne poteva più.

Sigfried scuote il capo.

SGF: Dovessi scegliere un lato del tuo carattere da eliminare assolutamente, direi che quello è l'ironia. Pessima. By the Way, sono contento che tu ti senta già a casa tua quando sei in nostra compagnia, servendoti al frigobar e salutando i miei amici. D'altronde per due mesi e mezzo noi due saremo legati a doppio filo l'uno all'altro. E quel filo sarà il World Heavyweight Championship.

Jaeger accenna un sorriso.

SGF: Quanto alla battutina su Chris. La Bruderschaft Der Krahe Incorporated avrà pure perso a malincuore un cinquanta per cento di Schmidt. Ma Leon Black adesso si ritrova sul groppone un cento per cento di Sigfried Jaeger. E ti avverto, la storia insegna che è sempre deleterio per i miei rivali avere a che fare con me.

LB: Vedi Sig, prima che tu vada avanti, voglio fare qualche precisazione. Questa, per quanto tu possa arredarla ed abbellirla, per quanto tu la possa definire così, non è più casa tua. L'hai lasciata vuota troppo a lungo, ne hai parlato male troppo a lungo perché restasse casa tua. E se ti stessi chiedendo di chi è questa casa...

Il gigante indica il pubblico, che risponde con un boato.

LB: Questa è casa nostra. E poi non sono io che avrò a che fare con te. No. Sarai tu ad avere a che fare con me. E se la storia insegna che Sigfried Jager è deleterio per i suoi avversari, la storia insegna che non si entra sul ring con Leon Black senza uscirne una persona diversa. Michael Edwards, Lance Murdock, Kevin Manson, Big Black Boom, Fred, Chris Drake, Yakow Adams, Azrael, Mark Arvesti ed anche il tuo grande nemico, Akuma Fujihara, sono tutti usciti dai loro match contro di me diversi da come ci erano entrati. Ma prego, puoi proseguire.

Jaeger si fa scuro in volto.

SGF: Casa tua. Casa loro. My World.

Poi fa spallucce.

SGF: Punti di vista, Leon. E' soltanto una mera questione di punti di vista. Ma ora non voglio perdere tempo a discutere su questo dettaglio. Sarà il ring di War of Change a decretare a chi apparterrà il corpo e l'anima della TWC. Piuttosto, voglio parlare subito con te di qualcosa di più materiale, di più reale, di più stringente. Sai, Leon. C'è una cosa riguardo te che attualmente mi sta disturbando, e non poco.

Breve pausa del tedesco.

SGF: Mi riferisco ovviamente a questa specie di streak che stai portando avanti da settembre a questa parte. Difendere il tuo titolo mondiale puntata dopo puntata, avversario dopo avversario. Di per se una sfida epica, anche se è un mostro a condurla, ribaltando i ruoli delle storie. E non fraintendere, non me ne frega nulla delle tue ipotetiche motivazioni, anzi, se tu ora mi dicessi che lo fai per soddisfare il tuo immenso ego, si capirebbero molte cose e mi soddisferebbe ancor di più batterti a War of Change, facendo crollare questa enorme impalcatura dalle fondamenta d'argilla su cui intendi creare la tua leggenda.

Jaeger si fa serio.

SGF: Il problema è che finchè le nostre strade erano divise, di questa "streak" me ne fregava il giusto. E il tutto si risolveva con qualche battuta salace. Ora però che mi sono conquistato la mia chance con sangue, sudore e sacrifici, tutto questo non mi va più giù. Sappiamo entrambi che io sono diverso dagli tutti altri. Che sono l'unico dei tuoi avversari che la sua shot se l'è conquistata legittimamente, senza mendicare un match con te, oppure ridursi a fare il pagliaccio come Kevin Manson pur di restare in orbita titolata. Quel che mi rode è innanzitutto la possibilità di ritrovarmi gentaglia tra i piedi a War of Change II. Se tu perdessi contro Keenan ad esempio, finiremmo in un Triple Threat Match nel Main Event titolato. Immagino già Junior che si sfrega le mani. E io non voglio nessun impiastro di mezzo tra me e te, come non voglio che nessuno osi frapporsi tra l'eroe e il lieto fine di questa saga. Devo essere io colui che ti batterà definitivamente. E nessun altro. Per questo tra due settimane ad esempio inizierò a far pulizia dei tuoi scheletri nell'armadio, spazzando via Manson una volta per tutte.

Black annuisce e sorride.

Immagine


LB: Vedi, a te non interesserà, ma ci sono due motivi precisi per cui ho continuato ad accettare di lottare per il mio titolo, anche quando non ce n'era bisogno. Anche quando avrei potuto starmene nel backstage a riposare. Il primo è molto semplice. Non credevo di essere degno di portare questo titolo sulla spalla. Ho dovuto mettermi alla prova, sentire che ero davvero un campione. Sentire che ogni singolo membro del pubblico fosse d'accordo con me.

Il gigante beve un sorso.

LB: Quando ho avuto questa certezza, si è formato nella mia testa il mio secondo obbiettivo. Vedi, ogni volta che vincevo un match, questo titolo acquistava importanza. Ogni singola volta che sconfiggevo qualcuno, ogni volta che un nome si aggiungeva alla lista degli sfidanti, ogni volta che questo titolo rimaneva alla mia vita, lo rendevo un premio più importante. Questo è un titolo del mondo non perché sulla placca c'è scritto World Heavyweight. Questo è un titolo del mondo perché non c'è nulla di più importante in questa federazione che strapparmelo dalle mani. Terminare il mio regno titolato è l'obiettivo ultimo di ogni wrestler della TWC. Lo so io, lo sai tu, lo sanno tutti. E questo è il punto. Tu sei qui per questo. Ho voluto io che tu fossi qui. Mi è bastato parlarti due volte per farti arrivare qui. Mi è bastato nominare l'ipotesi che tu potessi difendere i titoli di coppia ad Alpha Horizon perché tu andassi da Virgil Brown Jr., che ha giustamente deciso di fare quello che ha fatto. Mi è bastato dare le informazioni giuste alle persone giuste, e ti sei trovato alla soglia della Chamber of Annihilation obbligato a vincere. E mi è bastato ricordartelo per vederti trionfare.

Mentre il pubblico sostiene con dei cori le tesi di Leon Black, Sigfried lo guarda e scuote il capo seccamente.

SGF: Hey, come ti permetti di dirmi queste cose, Leon. Non ridurmi a un Michael Edwards qualsiasi. Tu non sei il mio Deus Ex-Machina. Da quando ho iniziato ad allenarmi per diventare un wrestler, le uni che persone che hanno potuto influenzare le mie scelte si contano nelle dita di una mano. Due sole si trovano su questo ring, non tre.

Il Corvo indica con orgoglio Brunild Wagner e Gunther Schmidt, che lo osservano silenziosamente.

LB: Non che tu abbia chiesto a Brunild e Gunther il loro parere sulla tua unione ai Flames of Destruction, giusto? Quand'è stata l'ultima volta che hai accettato i loro consigli, oppure hai chiesto consigli a loro due? Più volte ti sei fatto scudo di loro, e hai usato la loro amicizia incondizionata. Ma non altrettante volte hai condiviso la loro morale. O sbaglio?

Il Best from the West scuote ancora di più la testa, visibilmente innervosito. Il gigante sbuffa.

LB: Ma non è importante. Non ora.

Jaeger guarda nuovamente Brunild e Gunther. Il Mastino stringe i pugni talmente forte da sbiancare le nocche delle mani. La Valkyria fissa il Corvo negli occhi. Sigfried si calma e sospira.

SGF: Ti consiglio di lasciar perdere, Leon. Ci sono provocazioni ammesse, e altre intollerabili. Anyway, se ho fatto quello che ho fatto. Se ho vinto la Chamber of Annihilation, lo devo al mio cuore e al mio spirito combattente. Non alla paura di rimediare un'umiliazione. Perchè perdere la Chamber non avrebbe cambiato di una virgola quello che sono adesso. Sigfried Jaeger ormai è immune alle sconfitte disastrose. E poi tu che ne sai di umiliazioni?!

Sigfried punta il dito su Black.

SGF: Hai mai gettato nella mischia tutti tuoi sogni, le tue speranze, i tuoi desideri, i tuoi valori e i tuoi sacrifici in un'unico momento, perdendo?! Io l'ho fatto, e ne sono uscito distrutto. Dopo quello che è successo col tuo "amico", avrei potuto mollare tutto e sparire nell'oblio, come successo a tante persone normali, dedite all'autocommiserazione. E ne conosco tanti, anche in questa federazione. Ma io non sono una persona qualunque, e lo sai. Ho riforgiato me stesso come un eroe di questi tempi, e se mi trovo in questo momento davanti a te come First Contender alla cintura che porti in spalla, lo devo unicamente a me stesso. E basta.

Black abbassa il capo un istante, poi sospira.

LB: Tu fuggi da una sconfitta come solo un codardo può fare. Non venire ad insultare la mia intelligenza e quella di questo pubblico sulla sconfitta. Tu temi la sconfitta come nessun altro a questo mondo. I tuoi premi, il tuo parlare per ore. Provi a mascherare questa paura, ma io la sento, dal primo istante. Mi basta guardarti per vedere che non sei l'uomo che dici di essere. Una tua sconfitta avrebbe significato la tua fine. Hai persino paura di dire il suo nome, come se fosse una maledizione.

Il gigante alza lo sguardo.

LB: Akuma Fujihara. Basta nominarlo per vedere una scintilla di paura nel tuo sguardo. Akuma Fujihara. Un uomo con cui ho camminato. Akuma Fujihara. Un uomo che mi ha insegnato molte cose, Sigfried Jager. Akuma Fujihara. Un uomo che è caduto e si è rialzato. Akuma Fujihara. Un uomo che ho superato.

La Unglorified Legend annuisce.

LB: Molti di noi sono caduti, Sigfried Jager. E parecchi si sono rialzati. Migliori di quelli che erano. Tu sei caduto nella polvere e sei rimasto per terra, rannicchiato. Ma io, Sigfried Jager, sono qui per tenderti la mano.

Sigfried arretra di un passo.

SGF: No! Mio padre mi ha insegnato che chiedere aiuto è lecito quando si è in un estremo momento di bisogno. Non è questo il caso. Ma quale aiuto?! Io non ho bisogno di alcun aiuto. E se anche fosse, io non vorrei mai una mano da te. Quella sì che significherebbe la morte definitiva di Sigfried Jaeger.

Poi il Deadly Crow punta il dito sul campione.

SGF: Smettila di fare il saggio illvminato della situazione, e pensa piuttosto alla tua condizione. Ora che tutto il mondo sa che a War of Change II saremmo faccia a faccia, quello in difficoltà sei diventato tu. Io il mio posto nel Main Event ce l'ho bello che garantito. E non sarò tanto scemo da mettere in palio la mia shot. Quindi a chiunque nel locker sia passata per l'anticamera del cervello questa opzione irreale, farebbe bene a rassegnarsi. Tu, invece, con questi incontri titolati della malora, stai continuamente e volutamente giocando alla roulette russa, da tipico autolesionista. Stasera affronterai Jack Keenan. Molto probabilmente lo batterai. Ma se perdessi? Riesci ad immaginare le conseguenze che scaturirebbero da una tua perdita del titolo?! A confronto nessuna umiliazione sarebbe pari a questa per te. Diventeresti di punto in bianco l'ex-campione più fesso della storia del wrestling. Ergo ti ribadisco un'ultima volta il mio consiglio. Manda a quel paese Keenan in qualche modo. Se vuoi ci penso io, visto che sarò nei paraggi. E basta giocare col fuoco. Perchè poi potresti bruciarti irrimediabilmente e mandare a donne di facili costumi tutta quella legacy che stai metodicamente cercando di costruire, lasciandomi per le mani un titolo che non vale più niente.

Black ridacchia.

LB: Questo è il punto. Sigfried Jager è morto. Morto per questa gente. Tutta quella gente che credeva in Sigfried Jager. Ora ne rimane una pallida ombra, che è solo un insulto a quello che era una volta.

The Knight butta giù un sorso di birra.

LB: E non ti preoccupare, perché nessuno in questa federazione mi impedirà di arrivare a War of Change con questo titolo in palio. Questo sarà il mio modo di dimostrarti quanto tu ti sbagli. Batterò Jack Keenan. Come ho battuto Fred, Sean Morgan, Shawn Gates, Travis Miller, Christophorus Schmidt, Big Black Boom, Kevin Manson, Lance Murdock, Chris Drake, Michael Edwards, Vincent Cross, Nick Carroll, come chiunque abbia incrociato in questa federazione.



Risuona la theme di Andy Moon! Inaspettatamente, ecco che il ragazzo si presenta sullo stage!

Immagine


Il giovane ha un microfono nella mano sinistra e una sedia nella mano destra. Andy apre quest'ultima al centro dello stage e ci si siede sopra, poi batte la mano sul microfono più volte. Come vediamo, Sigfried non ha preso bene l'ingresso di Moon. Eccolo andare a parlottare in tedesco con Gunther e Brunild, indicando ripetutamente lo Skull Kid. Black invece si è appoggiato di nuovo alle corde, ed ha un mezzo sorriso sulle labbra.

AM: Scusate l'interruzione, oscuri gentiluomini e falsi eroi, ma non ho potuto far altro che sentirmi chiamato in causa.

Sigfried vorrebbe prendere la parola ma Moon lo precede.

AM: Ah-ah-ah, Jaeger, non me ne frega un cazzo di aver interrotto il tuo show. Con tutto il rispetto. Quel che mi ha richiamato è l'affermazione di Leon Black, che non è del tutto esatta.

Andy fa una piccola pausa, è visibilmente nervoso.

AM: Leon Black non ha battuto chiunque abbia affrontato in questo roster. No. Lasciate che vi riporti ad un anno fa, più o meno in questo periodo. Quando Sigfried Jaeger, insieme ad altri tre perditempo, decise di cercare di mettere a ferro e fuoco la neonata TWC, è emerso un gruppo in difesa della federazione. Leon Black, Andy Moon, Travis Miller, Michael Edwards e Kevin Manson. Ma è nato tutto da un match. Andy Moon contro Leon Black, 13 Marzo 2015. Ve lo ricordate? Io sì. Le mie spalle non sono mai rimaste a terra per un conto di tre. Quel match non è mai finito. Ma prima che arrivi al punto, voglio raccontarvi un piccolo aneddoto su Alpha Horizon. Sarebbe scorretto non farlo.

Andy si schiarisce la voce.

AM: Chamber Of Annihilation. Sigfried Jaeger mi schiena in maniera assolutamente pulita e vince. Potrei lamentarmi del fatto che io fossi il primo entrato in quella gabbia e sia stato l'ultimo ad uscirne, ma non lo farò perchè non ce n'è motivo. Potrei lamentarmi dell'attacco di Kevin Manson ma non lo farò. Ho perso, senza appello. E per questo applausi a te, Sigfried Jaeger. Non sei comunque l'eroe che ti proclami. In ogni caso, facciamo un po' come quegli spin-off che riprendono il punto di vista dei personaggi secondari nei film o nei romanzi: abbiamo Leon Black e Sigfried Jaeger sul ring, con un main event di War Of Change già fissato e con il pubblico in visibilio. In quel momento, Andy Moon è seduto sulla rampa e guarda la scena, mentre realizza e accetta la sua sconfitta. Poi però gli balena subito un'altra idea in testa. E cioè che è uno dei pochi nel roster a non aver ancora avuto la sua chance per il titolo contro Leon Black.

Improvvisamente Il Corvo sbotta, anticipando il campione mondiale.

Immagine


SGF: No, no, e ancora una volta no! Non ho alcuna intenzione di assistere stasera anche questa pantomima. Per di più nel mio prestigiosissimo talk show. Con che faccia tosta osi presentarti qui e interrompere il mio show, eh?!

Jaeger guarda malamente Moon.

SGF: Sono stufo e meravigliato. Stufo del fatto che tu, Andy, persista nel cercare subdolamente di metterti in competizione con me, comportandoti come il Manson della situazione, quando tutti sanno la notevole differenza fisica, tecnica e morale che passa tra noi. Un divario di valori che speravo ti fosse rimasto chiaro in testa dopo che ti ho battuto ad Alpha Horizon. A te che ti definisci il Wanna Be Hero, termine coniato da me col chiaro intento di farti capire ciò che sei, un Wanna Be, e ciò che non potrai mai essere. Ovvero uno come me, The Hero.

Sigfried prosegue.

SGF: Meravigliato invece per la completa mancanza d'amor proprio che hai avuto nel presentarti qui, esponendoti al pubblico ludibrio con quella che è la tua palese richiesta ventilata a Leon Black.

Il Corvo punta un dito verso Andy e si volta verso il pubblico.

SGF: Ladies and gentlemen, ecco a voi il nuovo mendicante ufficiale per il TWC World Heavyweight Championship! Andyyyyy... Mooooon!!!!!

Jaeger fa un sorrisetto sarcastico, nonostante i fischi del pubblico schierato con lo Skull Kid, poi il tedesco torna serio. Guarda un attimo Leon Black e poi torna a fissare Moon.

SGF: Beh, rispondo io per Black a sto giro. La risposta è semplice e chiara: NO! Primo, perchè già abbiamo un altro mendicante in carica al titolo mondiale, Jack Keenan. Ergo la tua mancanza di civiltà e la tua ignoranza ti hanno portato perfino a scavalcare le gerarchie di voi wrestler fallimentari. Secondo, perchè è arrivato il momento di porre fine a questa giostra inutile delle Open Challenge, visto che qui c'è già un First Contender ufficiale per War of Change. Cosa che in TWC molta gente tende troppo spesso ormai a dimenticare.

Sigfried annuisce seccamente, poi conclude la filippica contro Moon.

SGF: Per cui, prendi armi e bagagli, prendi le tue storielle e giustificazioni riguardanti oscuri episodi del passato dimenticati da tutti, e vattene a fare qualcos'altro. C'è sempre posto in TWC per le mezze cartucce come te, tipo far coppia con Vincent Cross ad esempio. Basta con le manie di protagonismo, Andy, vattene!

Leon Black appoggia una mano sulla spalla di Sigfried, annuendo e spostandolo di peso. Il Best from the West finisce un paio di passi più in là, con Gunther e Brunild che balzano immediatamente in piedi e cercano di calmarlo.

LB: Scusami Sig, lascia parlare me un secondo.

Il campione del mondo, sospira.

LB: Ora, come immaginerai, non mi piace essere interrotto. Non mi piace per nulla. Stavo parlando con il nostro comune amico. Ed era una chiacchierata proficua. Che tu ci creda o no.

La Unglorified Legend si massaggia la fronte con una mano.

LB: Ma non si può essere arrabbiati a lungo con il ragazzo d'oro di SAVANNAH!

Il pubblico urla insieme al wrestler il nome della città.

LB: È un piacere vederti Andy. Ne è passato di tempo dall'ultima volta che abbiamo fatto una chiacchierata seria. Cos'era, prima o dopo partissi per il Giappone? Non mi ricordo.

Black beve un sorso di birra.

LB: Ed hai ragione quando dici che non ti ho mai schienato, che sei l'unica persona che io abbia affrontato e non abbia battuto. Ogni altra persona che abbia incrociato in TWC ha perso contro di me, mentre questo ragazzino di SAVANNAH!

Il pubblico urla di nuovo.

LB: Non è mai stato sconfitto. Ma...

Il gigante annuisce.

LB: C'è un ma. Ha ragione Sigfried quando dice che c'è già Jack Keenan in linea ad aspettare il suo match, ed è anche vero che ha diritto ad un match uno contro uno, contro di me, a War of Change. E ti posso assicurare che io voglio questo match molto più di lui. E non permetterò a niente e a nessuno di mettersi in mezzo.

AM: SBAGLIATO!

Moon letteralmente freme, il suo volto si contrae in un'espressione di rabbia.

Immagine


AM: Ecco dov'è il problema. Parlate tanto di chi vuole questo e chi vuole quell'altro, pensando che il vostro ego possa superare quello degli altri. Sigfried Jaeger vuole il main event di War Of Change per soddisfare il suo desiderio di potersi definire "eroe" senza sembrare un buffone. Leon Black vuole il main event di War Of Change contro di lui per poter dire successivamente di aver scelto il suo stesso cammino. Kevin Manson vuole il main event di War Of Change per poter dire di essere più forte di Leon Black. Il vostro problema è che tutte queste motivazioni non sono niente, e ripeto, NIENTE, in confronto al fuoco che brucia nella mia testa, nella mia anima e nei miei pugni e calci!

Boato del pubblico.

AM: Certo, c'è Jack Keenan stasera. Ma noi tre sappiamo benissimo che questa non è l'ultima ora del regno da campione del mondo di Leon Black. Visto che parlate tutti del perchè volete quel match, lasciate che lo faccia anche io. Ho due errori da rimediare, e sono due errori grossi. Il primo è l'aver perso la Chamber. Vincerò quel titolo prima di War Of Change, e cancellerò quella sconfitta. Il secondo è averla persa contro Sigfried Jaeger. E quando entrerò a War Of Change da campione, ed uscirò a War Of Change da campione, Sigfried Jaeger finalmente starà ZITTO una volta per tutte e lascerà parlare chi il nome di "eroe" cerca di guadagnarselo tramite la lotta contro le avversità e non con i giochi politici e i tradimenti. E qui lo dico per scriverlo nella storia, seduto su una sedia sullo stage, esattamente come lo ero la sera del mio debutto. Mark. My. Words.

Il gigante piega la testa di lato, osservando Moon.

LB: Forse non ti è chiaro. Non interrompermi, per favore.

Black fa un gesto con la mano a Sigfried, come a volerlo calmare. Il Corvo lo guarda in silenzio.

LB: Capisco cosa vuoi dire, ma quando parli così credi davvero di essere qualcosa di diverso da una persona che cerca di soddisfare il proprio ego? E non cercare di capire le mie ragioni, non sono complicate, ma non sono semplici come tu possa credere. E ti assicuro che non permetterò nemmeno a te di fermarmi. Io ti rispetto, ma ti stai mettendo davanti a qualcosa di molto più grande di te.

La Unglorified Legend fa una pausa.

LB: E non sto parlando di me. Per questo, alla prossima puntata di Indoor War, quando io e te saremo su questo ring, in un match, non ti lascerò possibilità di vittoria. Da quando abbiamo lottato l'ultima volta, sei diventato un'altra persona. Ma anche io sono un'altra persona. Un anno fa sei entrato nel ring con il miglior wrestler della TWC. Fra due settimane entrerai nel ring con un uomo con una missione. E a quel punto realizzerai che almeno una cosa di quello che ho detto stasera è indubitabile. Lottare contro Leon Black ti cambia la vita.

Il gigante lancia il microfono in direzione del ragazzo di Savannah, poi si avvia verso le corde, scavalca la terza e scende dal ring con un salto, dirigendosi verso il backstage.



Mentre il TWC World Heavyweight Champion inizia a risalire la rampa con la propria theme che suona a manetta, un perplesso Sigfried Jaeger sbotta.

SGF: Hey! Non avevo finito di parlare con te, bestione! Torna qui Leon! Leon!

Ma Black ignora le parole del tedesco. Una volta arrivato sullo stage, The Knight si ferma a guardare negli occhi Andy Moon, ora in piedi, che lo fissa. Infine il campione se ne va e sparisce nel backstage. Nel frattempo Jaeger butta via il microfono e scuote il capo, dopo di che eccolo guardare in modo vendicativo lo Skull Kid, spalleggiato dai suoi compagni di stable. E con le immagini di Andy Moon e Sigfried Jaeger che si guardano in cagnesco, anche questa edizione di Achtung va agli archivi. Mentre per noi c’è la pubblicità. Via con gli spot!


Top
 Profilo  
Rispondi citando  

Re: TWC - Friday Night Indoor War (#25-???)
MessaggioInviato: 25/03/2016, 21:50 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: 21/03/2012, 18:23
Messaggi: 8563


La theme dei No More Heroes risuona nell'arena, accolta da un enorme boato del pubblico. Nessun segno del duo antieroico per il momento. Sul titantron compare parte del testo della theme dei nuovi tag team champions

You said I've never make it
That I colud only fail
But I'm the one who's standing
And look what's happened to you!
Now that we’ve said goodbye to you
We’ve started something new!
Your heroes are dead
They were all in you head
When nothing is left we’ll start again
Your Heroes are gone
They left with the Dawn
Now its just us we'll carry on!


Immagine
ImmagineImmagine


E da sotto il titantron finalmente vediamo sbucare i nuovi campioni di coppia TWC! Cintura in spalla per Miller, alla vita per Gates, i due si avviano verso il ring battendo il cinque ai fan. I nuovi campioni indossano abiti ordinari, e mettono in bella mostra le loro nuove magliette. Salgono sul ring, il texano passando tra la seconda e la terza corda, lo scozzese passando sopra la terza. I due, entrambi armati di microfono, si godono per un po' l'ovazione del pubblico. Quando questa scema, Gates inizia a parlare.

SG: TWC UNIVERSE!

Boato esaltato del pubblico.

SG: There are... No. More. Heroes!

Altro boato del pubblico.

SG: E' incredibile percorrere quella rampa, per la prima volta, con una cintura in spalla. Pensare a come tutto sia iniziato un po' per caso, a come settimana dopo settimana i No More Heroes siano cresciuti e con noi anche i nostri sostenitori. Pensare a come la nostra crociata contro i falsi eroi sembrava essere naufragata dopo The End Is Near e ritrovarci qui, adesso, con questi titoli alla vita è un'emozione davvero indescrivibile.

Gates si ferma e guarda il pubblico che fa partire cori a favore dell'antieroico duo.

SG: Ce l'abbiamo fatta. Ed è anche grazie a voi. Ed è per voi che manterremo e difenderemo queste cinture nei mesi a venire con tutti noi stessi. Non sappiamo quando sarà la nostra prima difesa titolata, né sappiamo contro chi sarà. Ma sappiamo sicuramente contro chi non sarà. La nostra prima difesa titolata NON sarà contro la BDK Inc.

Reazione disomogenea da parte del pubblico, tendente al positivo.

SG: E non perché temiamo in qualche modo che possano riprendersi le cinture. Dopo essere stati loro a subire il pin, dopo averci più volte negato una shot quando l'abbiamo chiesta, e soprattutto dopo aver tenuto il titolo per qualcosa come sette mesi senza averlo mai vinto, noi No More Heroes crediamo che loro siano davvero gli ultimi che potrebbero meritare una shot per questo prestigioso titolo.

Il texano si ferma un attimo.

SG: Ma adesso basta pensare al futuro. Il titolo sarà difeso presto, ma adesso dobbiamo pensare al presente, e nel presente noi siamo i campioni, e siamo in vena di celebrazione. Ma adesso c'è una persona che io, Shawn Gates, vorrei ringraziare davvero per quanto fatto in questi mesi.

Il Ribelle si volta verso Miller.

SG: Travis, quando abbiamo iniziato a far coppia ci conoscevamo a malapena. Tu mi avevi battuto in un match, sconfitta che mi ha costretto a fare il timekeeper, e se devo dirla tutta questo non ti ha reso il più simpatico qui dentro ai miei occhi. Ma col tempo ho imparato a conoscere il vero Travis Miller, e ho scoperto una grande persona, un grande compagno ed un immenso wrestler. Qui non parlo a nome dei No More Heroes, parlo a nome mio. Quando sono tornato dopo quattro anni di assenza in cuor mio non credevo che sarei arrivato a tenere finalmente in mano un titolo e se ce l'abbiamo fatta è anche, e forse soprattutto, per merito tuo. So di averti già detto queste cose in privato, ma voglio che il TWC Universe tutto sappia quanto realmente vale Travis Miller.

Travis sorride ed attende che il pubblico si calmi per poi prendere la parola.

TM:Beh questa non me l'aspettavo, direi che a questo punto posso raccontarvi una breve storiella a mia volta.

Travis si ferma per qualche secondo.

TM:Perché certo, ora mi vedete qui al centro del ring sorridente con una cintura sulla spalla, ma chi è nuovo fra di voi probabilmente non saprà che fino a qualche mese fa le cose erano diverse. Un anno fa Travis Miller raggiunse quello che credeva fosse l'apice della sua carriera, e per i mesi successivi la sua frustrazione per non essere in grado di soddisfare le aspettative di tutti si è accumulata ed è cresciuta fino a raggiungere il suo culmine a Night of Gold, dove un suo match venne interrotto perché a nessuno importava più della persona che poco tempo prima aveva concluso il primo Special Event della federazione da vincitore.

Travis riflette prima di riprendere il discorso.

TM:Direi che posso anche dirlo, a quel punto Travis è stato MOLTO tentato dall'idea di mollare. Sentiva che nonostante ogni suo sforzo prima o poi qualcosa l'avrebbe trascinato di nuovo sul fondo della catena alimentare e che quella federazione non facesse più per lui, gli mancava qualcosa. E' attorno a questo periodo che l'allievo della Zanna Glaciale si ritrovò costretto a collaborare con un relitto di una federazione deceduta, un vecchio texano che nessuno era in grado di prendere sul serio. Questo non aiutò la situazione di Miller, che passò dal dover trovare un modo per affermare se stesso ad un modo per salvare anche la carriera del vecchio. Entrambi sembravano ormai vicini al fallimento totale, ma con il passare delle settimane quella coppia funzionava sempre di più, e questo perché le possibilità offerte dalla categoria tag team avevano risvegliato qualcosa nel texano, avevano tolto di mezzo il diversivo comico "The Gaty" ed avevano risvegliato "L'Ultimate Rebel" Shawn Gates. E sempre per voi nuovi spettatori, imparate questo nome, perché non avrà combattuto molti main event nella sua carriera, ma pochi come lui in questa federazione hanno diritto di essere considerati una leggenda. Shawn Gates è un uomo estremamente determinato e che soprattutto ama questa disciplina molto più di ogni altro wrestler che abbia mai conosciuto. Questo era ciò che Travis aveva perso e che Gates ha resuscitato, la passione per il suo lavoro. E' grazie al suo entusiasmo se Travis Miller ha ancora una carriera in questa federazione, è grazie alla sua voglia di dare il meglio senza preoccuparsi dei fallimenti se i No More Heroes esistono, ed è grazie a Shawn Gates se oggi i No More Heroes sono qui davanti a voi come i TWC Tag Team Champions!

il pubblico reagisce al discorso di Miller che dopo diversi secondi riprende in mano il microfono.

TM:Ora, direi che abbiamo parlato abbastanza di noi, è ora di parlare del cambiamento che porterà il regno dei No More Heroes. Perché è su questo che si basa la stessa esistenza del nostro team, migliorare la federazione, e si comincerà dalla categoria Tag Team. Nonostante non si possa fare nulla per i contratti di Schmidt e Jaeger, posso assicurarvi che almeno per quanto riguarda questi titoli i due tedeschi non saranno un problema per molto tempo, e senza di loro si può avere finalmente una rinascita della categoria Tag Team. Vi assicuro che siamo entusiasti quanto voi di aver la possibilità di vedere nuove facce tentare l'assalto ai titoli e di avere la possibilità di aggiungere nomi alla lista delle persone che i No More Heroes hanno sc...

Immagine

...ATTENZIONE!! LE LUCI SI SPENGONO!! Sull'arena cala il buio e un silenzio assordante...

[/quote]


Trionfale, risuona all'interno dell'arena "March to the Empire", la musica d'ingresso del "Dawn of the Empire", accolta da numerosissimi fischi da parte del TWC Universe, che attende l'arrivo sullo stage dei due membri di "The Unstoppable Team", che non si fanno attendere...

ImmagineImmagine

Ed ecco che "The Unstoppable Machine" Sean Morgan e "The German Superman" Fred fanno il loro trionfale ingresso all'interno dell'arena: il pubblico rumoreggia, molti sono i fischi, c'è anche qualche applauso di apprezzamento, alla chiassosa atmosfera che si è creata, Fred e Morgan non destano particolare attenzione mentre con passo lento e solenne si avvicinano verso il ring, percorrendo la lunga rampa d'accesso, tenendo entrambi lo sguardo rivolto in avanti e in alto. Giunti presso il quadrato, i due membri di "Dawn of the Empire" si fermano, dopo alcuni secondi proseguono sotto lo sguardo vigile di Shawn Gates e Travis Miller; vediamo ora Fred e Morgan, la cui attenzione è costantemente rivolta verso i campioni di coppia del mondo, compiere un giro attorno al quadrato, dopodiché, attraverso i gradoni d'acciaio, fanno finalmente il loro ingresso sul ring: il pubblico rumoreggia, c'è chi fischia, chi pare apprezzare la scena che si apre davanti ai propri occhi, Gates e Miller nel frattempo si fanno subito avanti, ora sono faccia a faccia coi loro ormai storici nemici; Sean Morgan ha uno sguardo freddo, distaccato, ora rabbioso, ora indifferente, sul volto di Fred invece notiamo un sorriso enigmatico; l'attenzione è rivolta ora verso le cinture dei No More Heroes, ora verso Gates e Miller, che sono pronti ad un nuovo scontro, quando ecco che... i Dawn of the Empire si allontanano!! Fra i fischi del TWC Universe, Fred e Morgan scendono dal ring e, senza mai voltarsi all'indietro, si dirigono dietro le quinte sotto lo sguardo visibilmente perplesso dei No More Heroes, che si scambiano anche qualche occhiata reciproca. Gates si avvicina il microfono alla bocca.

SG: Questa non l'ho capita davvero.

TM: Già. Fred muto mi ha fatto piacere però.

SG: Beh, non permetterò al duo di arrampicatori sociali di rovinare l'atmosfera. D'altronde la nostra, praticamente profetica theme song dice chiaramente "Your heroes are gone, they left with the Dawn".

TM:Esattamente, ed una volta levati di torno anche loro rimangono solo Travis Miller e Shawn Gates, i TWC Tag Team Champions. La rinascita della categoria Tag Team può ufficialmente cominciare!

La theme dei No More Heroes risuona nuovamente, mentre Gates e Miller alzano le cinture al cielo e le immagini vanno in dissolvenza. Stay tuned.


Top
 Profilo  
Rispondi citando  

Re: TWC - Friday Night Indoor War (#25-???)
MessaggioInviato: 25/03/2016, 21:55 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: 21/03/2012, 18:23
Messaggi: 8563
Siamo finalmente di ritorno dalla pubblicità, il pubblico del Wells Fargo Center è pronto per il prossimo match in programma.



E il match in questione è quello tra Michael Edwards e BBB, annunciato e programmato da Virgil Brown poco prima nella serata. Il primo a fare il suo ingresso in scena è proprio il ragazzo di NY, che nell'ultimo Special Event è stato battuto da Lance Murdock. La sua tenuta da ring oggi è leggermente diversa. Pantaloncini da gioco neri dei Philadelphia 76sixer con il numero 3 di Allen Iverson ben in vista. ME si avvicina al ring a passi felpati, mentre il pubblico lo saluta calorosamente. Salito sul ring si posiziona al centro ad aspettare il suo sfidante.



Ed ecco Big Black Boom accolto come al solito dai fischi del pubblico. Il ragazzo di South Park si presenta come al solito con il suo completo nero e gli stivali bianchi. Dopo qualche battibecco con il pubblico BBB sale sul ring osservando Edwards che lo aspetta sorridente.

Immagine vs Immagine



Michael Edwards vs Big Black Boom


L’arbitro avvia la solita procedura pre-match per il controllo dei due sfidanti, dopo di chef a segno al time-keeper che fa suonare la campanella. I due iniziano a studiarsi al centro del ring, per poi agganciarsi subito in un clinch. Edwards sembra subito avere la meglio, Boom agilmente con le sue leve si divincola dalla morsa, sorriso dei due che sembrano voler scherzare. Altro Clinch, ma stavolta Boom decide di sgusciare via ed esegue un Back Suplex.

Immagine


BBB: Fossi Black saresti già inchiodato a terra per il tre!

Boom sfotte Edwards mentre questo si rialza. Low Dropkick da parte dell’uomo mascherato, che lascia sul ginocchio Michael, poi subito dopo tenta un calcio all’addome, fermato con le mani dal Golden Boy che si rialza e inizia a colpirlo con una serie di pugni al volto. BBB lascia spazio all’offensiva del nativo di New York, che lo lancia alle corde, sul rimbalzo il Perfidy in a Mask colpisce con una ginocchiata al volto il suo avversario, che si era abbassato per proiettarlo in aria, prende nuovamente il rimbalzo alle corde ma stavolta è lui ad essere intercettato con una ginocchiata, girato e finire vittima di un Back Suplex.

Immagine



ME: Chi di Back Suplex ferisce…

Ma Edwards non ha il tempo di completare la frase che Triple B si lancia subito contro di lui colpendolo ripetutamente in volto. Michael riesce a staccarsi assestando una gomitata al suo avversario e sorridendogli nuovamente. Ennesimo clinch del match, stavolta a portarlo a casa è il Dragon Kid che chiude in una Head Lock il suo avversario, per poi alzarlo e schiacciarlo a terra mantenendo ben salda la presa.

Immagine


Boom riesci a liberarsi dopo qualche secondo di sofferenza con delle ginocchiate alla schiena e modifica la mossa in un Arm-Bar, ma Edward facendo leva con l’altro braccio riesce a riportarsi in piedi e alle spalle del suo avversario, pronto per un ennesimo Back Suplex viene fermato dalle gomitate al volto di Boom, che preferisce prendere un rimbalzo alle corde e stenderlo con un Font Kick!

Immagine


Primo tentativo di schienamento: 1.. Edwards è ancora fresco e anche Boom lo sa. Subito lo rialza e lo lancia alle corde, tentativo di Lariat da parte dell’uomo mascherato, schivato dal Golden Boy che a sua volta ribalza alle corde e prova una Shoulder Block, ma BBB si sposta e lui cade rovinosamente a terra. Dropkick basso e al volto da parte del giocatore più sporco del gioco, che prende iniziativa e blocca il suo avversario in una Chickenwing Crossface.

Immagine


Edwards si sta avvicina alle corde rantolando dal dolore, ma stranamente Boom lascia la presa. Infatti il lottatore di South Park è stato colpito da Christophorus Schmidt!

Immagine


Il tedesco abbranca immediatamente il lottatore mascherato e lo schiaccia al suolo con la sua Berlin Bomb!

Immagine


ME si è rialzato e chiede spiegazioni al membro della BDK. Inc. il quale però non sembra voler parlare molto, gli piazza un calcio all’addome e lo carica per la sua Neutralisator.

Immagine


L’arbitro non può che chiamare il no-contest!

Spoiler:
JR: This match is resulting in a no contest.


Mentre il lottatore di Berlino troneggia su i due corpi esanimi e noi andiamo in pubblicità.


Top
 Profilo  
Rispondi citando  

Re: TWC - Friday Night Indoor War (#25-???)
MessaggioInviato: 25/03/2016, 22:00 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: 21/03/2012, 18:23
Messaggi: 8563
Bentornati LIVE dal Wells Fargo Center di Philadelphia per il ventiseiesimo episodio di Friday Night Indoor War! Il pubblico è caldissimo e si scatena ancor di più quando la theme di Nick Carroll inizia a risuonare nell'arena.



Immagine


Il bostoniano si presenta sullo stage in abiti civili, sorridente. Il bostoniano alza al cielo entrambe le braccia: con la destra tiene in alto la sua cintura di TWC 15 Champion, con la sinistra fa il segno del quattro. Carroll si sistema il titolo sulla spalla e percorre la rampa. Prima di salire sul ring il campione si munisce di microfono, poi sale sull'apron e sale nel ring passando tra la seconda e la terza corda. L'ingegnere si piazza al centro del ring e alza nuovamente il titolo in cielo, provocando un'altro boato del pubblico. Nick ridacchia scuotendo la testa, aspettando che il pubblico si plachi.

NC: Quattro. Lo sapete bene, quattro è il numero di vittorie che ho ottenuto negli Special Event. Ma non è il numero di cui voglio parlare stasera. Mi interessa di più discutere del trentaquattro.

Nick annuisce.

NC: Trentaquattro sono i minuti che sono stati necessari per vincere il match contro Jack Keenan.

Nick si tocca il braccio sinistro con la mano destra.

NC: Sicuramente è stato un incontro che il mio braccio non dimenticherà tanto facilmente. Avevo detto a Jack che sarebbe stata una battaglia e lui mi ha promesso una guerra. Ha mantenuto la sua parola.

Carroll guarda dritto verso la telecamera.

NC: E non si è trattato semplicemente di una guerra per vincere il titolo. Si può dire che fosse una guerra per dimostrare chi fosse il migliore, ma per me è stata qualcosa in più. È stato uno scontro tra idee e convinzioni, è stata una ricerca della strada giusta su cui proseguire.

Nick si porta una mano sul petto.

NC: Ed io credo di averla trovata. In questo modo sono riuscito a vincere l'incontro. In questo modo sono riuscito a riportare a casa con me questa.

L'ingegnere dà una pacca sulla cintura.

NC: Sono riuscito a mettere al suo posto il primo frammento, ho eliminato il primo fattore destabilizzante. E mi fa sentire così bene.

Nick sospira chiudendo gli occhi.

NC: E questo è soltanto l'inizio. Tante cose possono cambiare e nulla mi è precluso se lo affronto nel modo giusto.

Il bostoniano avvicina di nuovo il microfono alla bocca per continuare, ma...



Immagine


La theme del Savior risuona e Murdock fa la sua apparizione sullo stage accolto da una reazione mista. Giacca aperta sopra la sua t-shirt ufficiale, pantaloni neri ed occhiali da sole calati sul viso. Compie un giro su se stesso a braccia aperte per poi avvicinarsi verso una telecamera e mostrare un grande sorriso picchiettando con il dito i denti che Edwards ha calciato via ad Alpha Horizon. Prende un mic ed inizia a parlare mentre sale sui gradoni ed entra nel ring passando sotto la terza corda.

LM:Mi spiace di aver interrotto la tua festicciola, Nick, davvero. Negli ultimi mesi sono stato avvolto in un vortice di rabbia e malessere, immagino anche tu abbia passato qualcosa di simile. Fatto sta che era ora per me di tornare ad impersonare il ruolo del Buon Samaritano e, Nick, in questo momento credo tu ne abbia bisogno.

Murdock caccia una mano in tasca ed inizia a ronzare attorno a Carroll.

LM:Keenan può essere un osso veramente duro da addentare, lo so bene... Però su una cosa sono certo, il caro avvocato non ha un grande interesse nell'entrare dentro la testa delle persone. Eppure con te l'ha fatto molto facilmente, sfruttando le tue problematiche personali. Continui a ripetere da tempo, insieme al tuo compagno di merende, di aver trovato la via giusta verso la quiete ma... Sei proprio sicuro di averla trovata? Caro Nick, credo ti abbiano dato delle indicazioni sbagliate perché questa strada non porta neanche lontanamente vicino alla quiete.

Carroll ridacchia e alza un palmo della mano, come a fermare Murdock.

NC: Aspetta un attimo, Lance. Innanzitutto, nessun problema per l'interruzione. Che festicciola sarebbe senza invitati? Inoltre i tuoi nuovi denti meritavano un palcoscenico adatto per essere mostrati per la prima volta.

Il bostoniano fa una smorfia con la bocca, poi comincia a passeggiare avanti e indietro.

NC: Devo però dire che nonostante la tua visita non sia un problema di per sé, ci sono alcune cose che hai detto su cui sono costretto a dissentire. Primo, non sottovaluterei le capacità persuasive di Keenan. Hai detto bene, non ero nelle condizioni mentali giuste per affrontarlo, ma ti consiglio di non sminuire il suo operato.

Nick si ferma e guarda verso il Savior.

NC: Seconda cosa, molto più importante: non ho bisogno del tuo aiuto. Ti ringrazio del pensiero, veramente, ma non ho assolutamente intenzione di seguire i tuoi consigli, qualunque essi siano. Ho già delle persone fidate con cui confrontarmi. Esiste una ragione per cui io debba ascoltare te piuttosto che Michael? Lui è il mio migliore amico, l'uomo che considero come un secondo fratello. Tu sei uno sconosciuto che si aggira per il backstage proclamando di poter salvare la gente, ma quali sono stati i tuoi risultati concreti?

Carroll inclina la testa, scuotendola leggermente.

NC: Farti prendere a sediate da Manson? Rischiare di essere ucciso da Black? Per non parlare di Paz, Jeffrey, Ares o come diavolo vuole farsi chiamare ora. A cosa ha portato tutta l'agitazione creata per risollevarlo dalla difficile situazione in cui era? Prima avevamo un uomo distrutto, dipendente dalle droghe e ormai inutile sul ring. Adesso abbiamo un uomo che sembra essere uscito di testa e che ha dimostrato di essere un buon lottatore sul ring. Peccato però che non abbia più un lavoro. Guardacaso, per mano di Lance Murdock. Un aiuto davvero strano direi.

Nick si avvicina al Preacher e gli appoggia una mano sulla spalla.

NC: Perciò, riguardo alla tua proposta Lance... Grazie, ma no, grazie.

Il Diavolo custode sbuffa divertito

LM:Caro Nick, io ho soltanto seminato per ora. Deve ancora giungere il tempo della raccolta. Jeffrey ha tentato di anticipare i tempi e questo non lo potevo permettere perché, come dimostrato, non è ancora abbastanza maturo.

Murdock si tira su gli occhiali da sole con l'indice

LM:Non ho nulla contro il tuo migliore amico ma direi che è fin troppo coinvolto in questa faccenda per avere un punto di vista oggettivo. Quello di cui hai bisogno è di un terzo che osservi i fatti in maniera imparziale, senza che ne guadagni o perda nulla. Una persona come me, ad esempio.

Murdock accenna un sorriso, mentre il volto dell'ingegnere ora è serio.

NC: Sei stato sfortunato, Lance. Purtroppo per te sono una persona concreta e anche abbastanza scettica e non avendo visto la semina, non sarò convinto del tuo lavoro finché non sarà il momento della raccolta.

Carroll fa spallucce.

NC: Inoltre Michael è abbastanza intelligente da saper essere oggettivo, nonostante ci sia dentro fino al collo. Cosa che tu non puoi sapere, visto che non lo conosci. Tra l'altro credo che i miei problemi privati siano stati trattati pubblicamente fin troppo ed il discuterne con te non gioverebbe di certo alla mia privacy. Perciò, la mia risposta rimane no. Ripeto, grazie mille per il pensiero, se mai avessi bisogno di qualcosa verrò a bussare al tuo spogliatoio. Ma adesso, per favore, lascia perdere.

Murdock sospira

LM:Possibile che qua dentro siate tutti così cocciuti? Possibile che non lo vedi? Dove ti ha portato questa strada finora? Certo, hai il tuo bel titolo attorno alla vita, non è cosa da poco. Ma per il resto? Un bel niente. Quella cinta finirà per succhiarti la linfa vitale.

Il Preacher si sfila gli occhiali appendendoli alla maglietta e guarda Nick negli occhi

LM:Tu ed il resto degli spettatori dovreste conoscermi ormai, quindi immagino tu sia conscio del fatto che questa storia non finisce qui. Chissà se stavolta riuscirai a reggere la pressione.

Un sorriso sarcastico si apre sul volto di Nick.

NC: Sai cosa? Sapevo che il discorso sarebbe andato in questa direzione. Magicamente il titolo è entrato nella nostra inattesa conversazione. Questo spiega il fatto che tu ti chieda retoricamente dove mi ha portato la strada che seguivo. Al nulla, in effetti. È proprio questo che mi ha spinto a cambiarla. E tutto questo l'ho già detto, anche stasera, e non credo affatto che tu sia stupido e non lo avessi capito.

Carroll posa per qualche secondo lo sguardo sulla cintura, poi torna a fissare Murdock.

NC: Questa cintura pesa. L'ho saputo dal momento stesso in cui l'ho presa in mano per la prima volta. Col passare del tempo ho capito che il suo peso era ancora maggiore di quello che pensassi. Questo titolo richiede un ammontare di energie fisiche e mentali incredibili. Ogni Ironman Match ti lascia più stanchezza, più ferite e più botte del precedente. E non c'è tempo per rifiatare, perché ogni volta c'è una nuova sfida da affrontare ed altri quindici minuti - se si è fortunati - da affrontare per dimostrare ancora una volta di essere il campione di ferro. Non è assolutamente facile, te lo assicuro. Resistere alle pressioni in queste condizioni è veramente difficile.

L'ingegnere fa un cenno del capo verso Lance.

NC: Credo che tu sappia tutto questo. E credo che tu sia uscito fuori stasera con l'idea di vedere quanto queste pressioni mi abbiano debilitato. Vuoi forse vedere se puoi continuare sul tracciato di Keenan? E magari riuscire dove lui ha fallito?

Il Brain Damager fa qualche passo avanti e alza la cintura davanti al volto di Murdock.

NC: Dimmi, Lance. È per questa che sei venuto a parlare con me in realtà?

Lance scuote la testa amareggiato

LM:No, Nick, l'oro non è il mio obiettivo. Non quello primario per lo meno... Il peso della cintura che giustamente citi ti ha ormai schiacciato. So quanto possa essere difficile resistere a quelle pressioni, lo vedo su di te. Ti ha sovrastato. Vivi nella paranoia, in un costante stato di pericolo e infelicità. Non sei tu a possedere quella cintura, è quella cintura a possedere te.

Carroll sbuffa palesemente.

NC: Chiacchiere. Inutili chiacchiere. Sono stufo di sentirti pontificare riguardo cose sulle quali non hai la più pallida idea, esponendo le tue idee come se fossero verità universali.

Nick osserva la cintura che tiene in mano.

NC: Non ti interessa veramente questa? Lo vedremo. Lo hai detto tu stesso, sai essere molto insistente e so già che ritornerai all'attacco. Hai due settimane di tempo per smentirmi e convincermi, usalo bene.

Il TWC 15 Champion osserva l'orologio al suo polso.

NC: E a proposito di tempo. Ne ho già perso abbastanza rimanendo a questa noiosa festicciola e non ho intenzione di perderlo ancora. Perciò...

Nick alza una mano e la scuote in segno di saluto.

NC: Au revoir, Lance. Ci si vede.

Il bostoniano gira le spalle a Murdock e scende dal ring senza voltarsi indietro, mentre il Preacher lo guarda andare via scuotendo leggermente la testa. Su questa inquadratura andiamo in pubblicità. A tra poco con Friday Night Indoor War!


Top
 Profilo  
Rispondi citando  

Re: TWC - Friday Night Indoor War (#25-???)
MessaggioInviato: 25/03/2016, 22:05 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: 21/03/2012, 18:23
Messaggi: 8563
Bentornati per questa favolosa puntata di Indoor War che fino ad ora ci sta regalando sorprese stratosferiche tra cui l'impensabile e shockante vittoria del FWP World Wrestling Championship da parte di Chris Drake. L'attenzione si sposta nel backstage, precisamente nell'area interviste dove troviamo una raggiante Ally Sullivan.

Immagine


Ally: Ladies and gentleman, please welcome the new FWP World Wrestling Champion... Chris Drake!

Boato assordante proveniente dall'arena mentre Chris Drake compare sorridente affianco ad Ally con il suo FWP World Wrestling Championship in spalla.

Immagine


Ally: Chris, incredibile ciò che tu hai fatto stasera. Hai letteralmente shockato il TWC Universe incassando la tua title shot per il FWP World Wrestling Championship durante il Samy's Playground Match tra Devil Antonius e Franklin Dixon. Nessuno si aspettava un risvolto del genere...

C.Drake: Esatto Ally! Nessuno si aspettava che io, Chris Drake, potessi vincere il mio, e ripeto MIO, primo titolo mondiale in questa maniera. Ma d'altronde cosa vuoi farci, il pubblico TWC è abituato a degli show scontati e senza il minimo pathos ed ormai non si aspetta più delle autentiche e favolose sorprese come quella che ho fatto stasera! Come vado dicendo da mesi a questa parte mia cara Ally, io sono The Best In The Business, e solo dal migliore poteva nascere una sorpresa del genere, una sorpresa che mi ha consentito di divenire campione mondiale davanti al pubblico della città in cui sono nato, e non potevo sperare in una cornice migliore per la realizzazione del mio sogno!

Un boato si leva nuovamente dall'arena.

Ally: Ma Chris, spiegaci come sia stato possibile che tu sia riuscito ad incassare la tua title shot durante lo svolgimento di un altro match.

C.Drake: Semplice Ally, la title shot era anytime, anywhere ed io da bravo Predatore quale sono ho aspettato che il campione ed il suo sfidante fossero ridotti ai minimi termini prima di renderli entrambi mie Prede. Inoltre trovo poetico aver vinto questo titolo schienando proprio l'uomo che mi ha dato la mia prima sconfitta per schienamento in TWC, e perlopiù nel match che costrinse la mia adorata sorellina Alisa a lasciare la TWC.

Ally: A proposito di tua sorella Alisa, anche il suo ritorno è stato uno shocking moment non indifferente visto che tutti credevamo che il suo contratto con la TWC fosse stato terminato proprio dal main event di Indoor War dodici che hai citato poc'anzi.

Ma ecco che sentiamo una voce schiarirsi. L'inquadratura si allarga mostrando Alisa Drake che è appena arrivata e si è posizionata affianco al fratello che intanto le lancia un'occhiata soddisfatta.

Immagine


Il pubblico emette un nuovo boato per Alisa che ora si avvicina ad Ally.

Alisa: E così tu sei Ally Sullivan... Mio fratello mi ha parlato di te.

L'intervistatrice arrossisce mentre Alisa mostra un sorrisetto.

Alisa: Visto che stavi parlando di me lascia che sia io stessa a delucidarvi sulle modalità del mio ritorno. Vedi Ally, il mio contratto fu terminato da Mr. Fox Olon ed ora con Brian Philips di nuovo al potere e con Virgil Brown jr. come General Manager non è stato difficile avere un nuovo accordo con la TWC. Ora in molti si staranno chiedendo perché ora e non ai tempi del ritorno di Philips... Beh semplice, ora è il momento giusto per farla pagare a quelle persone che hanno reso la mia vita e quella di mio fratello un inferno. Direi che la vittoria di Chris di stasera è un buon inizio visto che è andato a ledere gli interessi proprio dei tre maggiori responsabili delle nostre disavventure.

Ally: Samantha Hart, Franklin Dixon ed Aleki Maivia... Quindi il vostro obiettivo sono i Guardians O...

Ma ecco che Alisa blocca l'intervistatrice.

Alisa: No, no, no Ally, hai sbagliato l'ultimo nome. Aleki Maivia è un burattino e non è lui la terza persona a cui mi riferivo.

Ally: A chi allora?

Alisa: Una persona che noi conosciamo da molto tempo e che quando io avevo solo tredici anni mi ha fatto questo...

Miss Drake solleva il polsino che ha sul braccio destro mostrando una cicatrice sul dorso del polso.

Alisa: Carino no? Una bella incisione con un coltello ad una ragazzina di tredici anni, e la cosa più assurda è che questa persona è...

La giovane Alisa e Chris puntano lo sguardo oltre Ally. La telecamera si sposta inquadrando Rachel Fortuna che si sta avviando verso i tre.

Immagine


Miss Fortuna raggiunge l'area interviste e punta lo sguardo, duro, su Alisa Drake.

Alisa: Ciao Miss Fortuna, posso aiutarla?

La Chairwoman della FWP non risponde e continua a fissare dritta negli occhi Alisa.

Alisa: Per caso vuole le mie scuse per aver inavvertitamente mandato Samantha Hart ad impattare contro di lei, o forse è qui per impedirmi di dire una cos...

Rachel: FAI SILENZIO SGORBIO!

Dei fischi si sentono dall'arena mentre Alisa comincia a ridere divertita. Chris intanto è serio e fissa Rachel.

Rachel: Sono qui per riportare un messaggio di Virgil Brown jr. che vuole che il collegamento si interrompa. Avete sforato e bisogna andare in pubblicità.

Alisa: Sei pessima Rachel. Forse non te ne sei resa conto, ma questa non è la FWP e qui tu non conti un cazzo!

Ma ecco che Rachel strappa il microfono dalle mani di Ally Sullivan per poi gettarlo a terra! Altri fischi si levano nell'arena mentre l'intervistatrice appare sempre più interdetta. Miss Drake e Miss Fortuna si avvicinano l'una all'altra arrivando a pochi centimetri di distanza. Entrambe hanno uno sguardo duro e si fissano reciprocamente senza battere ciglio. Instanti di tensione intercorrono tra le due ragazze, ma ecco che Rachel colpisce con un violento schiaffo Alisa! Il pubblico dall'arena reagisce con sgomento mentre Alisa arretra di qualche passo e si tiene la guancia tuttavia non togliendo lo sguardo da Rachel.

Alisa: Continui tu Chris?

Chris, che pure lui non smuove lo sguardo da Rachel, annuisce per poi raccogliere il microfono gettato da Rachel e passarlo ad Ally. Miss Fortuna tenta di strapparglielo nuovamente, ma non appena allunga la mano Miss Drake gliela prende girandole il braccio e chiudendola in un Hammerlock! Fatto ciò le blocca la testa con l'altro braccio chiudendola in una Standing Chickenwing Crossface! Il pubblico emette un boato di sgomento mentre Rachel tenta inutilmente di divincolarsi dalla presa di Alisa. Chris intanto solleva il braccio di Ally avvicinando il microfono alla propria bocca.

C.Drake: Alisa prima stava parlando di questa terza persona che ci ha ostacolato in ogni modo, una persona che noi conosciamo da tanto, troppo tempo. Questa persona non solo ha inciso il braccio di mia sorella Alisa quando lei aveva solo tredici anni, non solo ha provato a fare lo stesso con me qualche mese fa, ma è la diabolica stronza che muove i fili di Samantha Hart ed i Guardians Of Truth. Questa persona non si fa scrupoli ad approfittare della gente per conseguire i suoi scopi, e l'esempio lampante di questa sua natura è che ha sottoposto me all'inserimento di un chip sottocutaneo chiamato TS-19 che ha modificato la mia volontà rendendomi Dragon Drake. Stessa cosa ha fatto con Franklin Dixon, che tuttavia è grato di ciò, ed Aleki Maivia, che come detto da mia sorella minore è solo un burattino...

Miss Fortuna è impietrita mentre Ally Sullivan alza un sopracciglio.

Ally: Sorella minore? Perché ne hai anche una maggiore?

The Predator sorride.

C.Drake: Sì Ally, ho una sorella maggiore ed è la persona che ho appena descritto.

Boato di sgomento del pubblico con Ally che appare quasi disgustata da questa rivelazione. Rachel intanto ha gli occhi lucidi e fissa Chris scuotendo la testa.

C.Drake: Brutta storia vero? Quale sorella minaccerebbe la vita del fratello e della sorella minore? Quale sorella godrebbe per l'infortunio che ha terminato la carriera del fratello minore?! Quale sorella godrebbe per l'incidente stradale che ha causato un aborto nella sorella minore?!

Chris aumenta il tono di voce mentre parla divenendo sempre più rabbioso.

C.Drake: Quale sorella impianterebbe un diabolico chip nel fratello minore solo per averlo nuovamente dalla sua parte?! Quale sorella costringerebbe la sorella minore alla clandestinità?! QUALE SORELLA PENSEREBBE CHE DOPO TUTTO CIO' IO SIA DISPOSTO ANCORA A STARE DALLA SUA PARTE?!

The Predator punta il suo furente sguardo su Rachel Fortuna che vediamo avere il viso rigato dalle lacrime.

C.Drake: Ally... Vuoi sapere che sorella farebbe tutto questo?

L'intervistatrice annuisce leggermente mentre Chris resta con lo sguardo fisso su Rachel Fortuna.

C.Drake: Rachel Drake Fortuna!

Boato di sgomento da parte del pubblico mentre Rachel inizia ad urlare dalla disperazione.

Rachel: NOOOOOOOOOOOO!!! BASTARDO!!! FIGLIO DI PUTTANA!!!

Ed ecco che Alisa spinge via Rachel mandandola ad impattare di testa contro lo stage dell'area interviste distruggendolo!!! Miss Fortuna perde immediatamente i sensi mentre Chris ed Alisa torreggiano su di lei con sguardo serio.

C.Drake: What goes around comes around sis.

I Drake Siblings si scambiano uno sguardo d'intesa.

Immagine


Fatto ciò i due si allontanano insieme lasciando sola un'interdetta Ally Sullivan ed un esanime Rachel Fortuna che viene prontamente raggiunta da alcuni paramedici che le prestano soccorso. Ally fa cenno alla telecamera di staccare e noi andiamo in pubblicità.


Top
 Profilo  
Rispondi citando  

Re: TWC - Friday Night Indoor War (#25-???)
MessaggioInviato: 25/03/2016, 22:10 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: 21/03/2012, 18:23
Messaggi: 8563
Signore e signori, è arrivato il momento che tutti stavano aspettando: it's time for the Main Event! Il Main Event di stasera, che sarà il match titolato fra Leon Black e Jack Keenan, si apre su un'ampia inquadratura che ci mostra l'arena di Philadephia, gremita, passando pochi metri sopra il pubblico. Molti tifosi, nel vedersi ripresi sul titantron, alzano i cartelli, o salutano la regia. Regia che, pochi secondi dopo, stacca su una immagine completamente diversa: Jack Keenan, seduto nel suo spogliatoio, a capo chino, con un asciugamano sul collo.

Immagine


Il Pain Deliverer alza la testa e punta il suo sguardo dritto verso la telecamera.

Keenan: E' l'ora.

Detto ciò, Jack Keenan si alza ed esce dallo spogliatoio. Nuovo stacco delle immagini, che ci riportano all'interno dell'arena. Seguono alcuni, lunghissimi, secondi di silenzio assoluto, da qualche parte nello stadio parte un timido applauso, senza seguito. Poi, ecco finalmente illuminarsi il titantron e diffondersi la theme di Jack Keenan.



Appena risuona la prima nota, sullo stage si diffonde una nebbia, inizialmente leggera, poi sempre più fitta. Nel momento in cui termina l'introduzione musicale ed inizia "Hysteria", improvvisamente la nebbia si dirada e dal basso, con un'esplosione, schizza in aria quella che pare una nuvola di carte da gioco. Quando le carte cadono a terra, fa finalmente la sua comparsa Jack Keenan, con lo sguardo puntato solo e soltanto di fronte a sè, verso il ring. Il Pain Deliverer muove qualche passo in avanti, poi si china a terra e raccoglie una carta: la solleva, la osserva per un secondo, poi la gira a beneficio della telecamera.

Immagine


Keenan lascia poi cadere a terra la carta e, senza indugi, si dirige definitivamente verso il quadrato. JK sale sul ring e lì, per la prima volta, copre con lo sguardo tutta l'arena. Si gira poi verso lo stage, dove con ogni probabilità sta per fare la sua comparsa il campione e fa il segno della pistola in quella direzione.


Immagine


E il secondo ad arrivare è Leon Black, il World Heavyweight Champion, cintura in spalla e sorriso da una parte sola come al suo solito. Il pubblico, come da tradizione piano piano diventa silenzioso, mentre il campione alza il titolo sopra la testa, tendendo il braccio. Dopo qualche istante poi lo lascia cadere, mentre, come al solito il pubblico è al reparto effetti sonori.

Booooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooom!

Il gigante sorride al pubblico e si avvia verso il ring, riposizionandosi il titolo sulla spalla. Un cameraman gli si avvicina, e, essendo ripreso da vicino, il gigante dice qualcosa.

LB: This is about pain.

Black spinge via con una mano la telecamera e si arrampica sui gradoni, per poi salire sul paletto. In piedi il gigante alza il più possibile la cintura, annuendo alla telecamera. Il punto più alto che un uomo da solo potrà raggiungere con un titolo, come più volte ha ripetuto. Il gigante salta giù e annuisce a Keenan, che risponde con lo stesso gesto. Poi si avvicina a Jessica Rose e la saluta con uno scambio di baci sulle guance. Infine osserva l’arbitro Thomas Kiley, che annuisce. L'annunciatrice indica gli angoli ai due, poi prende il microfono.

JR: Introducing first the challenger, in the right corner, from Atalanta, Georgia he stands 6-feet tall, weighing 198 pounds, he is Pain Deliverer, Jack Keenan!

Keenan alza un braccio, prendendosi la reazione mista da parte del pubblico.

JR: And his opponent, in the left corner, from Chicago, Illinois, he stands 7-feet-2-inch tall, weighing 392 pounds, he is the current reigning and first ever TWC World Heavyweight Champion, the Unglorified Legend, Leon Black!

Il gigante, sollevando il titolo sopra la testa, annuisce e fa segno a Miller di farsi sotto. Kiley si avvicina e prende la cintura da Black e la fa vedere a Keenan, che annuisce, poi la mostra ai quattro lati del ring. Infine la consegna a Jessica Rose, che scende dal ring, e fa segno al timekeeper, che fa suonare la campanella.


Leon Black© Vs. Jack Keenan

Singles Match for the TWC World Heavyweight Championship


Jack Keenan, Leon Black, uno di fronte all’altro. Uno degli incroci più attesi dai fan TWC in tutto il mondo. I due si squadrano per qualche istante, poi Black ridacchiando dice qualcosa che non possiamo sentire. Il suo avversario rimane impassibile, e il gigante fa spallucce. I due si chiudono in un Clinch a centro ring, in cui ha rapidamente la meglio il campione del mondo. La Unglorified Legend porta il suo avversario alle corde, che vengono sfruttate proprio per spingere via Black, che rimbalza dall’altro lato. Keenan si butta a terra davanti al campione, che lo salta e rimbalza ancora. Jack si rialza. Shoulder Block del campione, che manda il suo avversario a ruzzolare lontano. The Knight annuisce, poi alza un pugno, godendosi la reazione del pubblico. Keenan si rialza, osservando Black che gli propone un altro Clinch. Il Pain Deliverer scuote la testa, poi carica a testa bassa Black. Il campione evita la corsa del suo avversario con uno scarto laterale, poi tenta di afferrarlo, ma questi gli sfugge e tenta di colpirlo con un calcio. Black afferra la gamba del suo avversario, poi lo tira a se. Requiem! No, Keenan salta alle spalle del suo avversario. Roll Up! No, Black fa una capriola all’indietro e si rimette in piedi, Keenan tenta a sua volta di scattare in piedi. In Memoriam! No. Keenan si abbassa quel tanto che basta ad evitare il colpo, Lariat. Il campione non cade a terra, quindi Keenan si butta alle corde. Back Body Drop improvviso. Keenan atterra ancora in piedi. Tentativo di Enziguri, ma Leon abbassa la testa ed evita il calcio, poi prende Keenan al volo, evitandogli gentilmente una brutta caduta, e connette un Deadlift German Suplex.

Immagine


Specialità del campione, che poi va a coprire Keenan. 1… 2… No. Lo sfidante alza una spalla, tenendosi nel match. Black annuisce, rialzandosi ed appoggiandosi alle corde. Il Pain Deliverer si rialza lentamente, massaggiandosi il collo, poi osserva il campione del mondo appoggiato alle corde, lancia un urlo e gli si getta ancora contro. Nuovo Clinch, spezzato da una serie di pugni dello sfidante, che fanno arretrare Black passo dopo passo. Serie di Chop al petto da parte di Keenan, che porta il suo avversario all’angolo. Irish Whip, ribaltata da Black. Keenan però si aggancia alle corde dall’altra parte del ring, evitando di tornare verso il suo avversario. Clothesline del campione, che manda il suo avversario fuori dal ring. Keenan impatta al terreno, mentre Black annuisce ed alza un braccio. Il wrestler di Atalanta si rialza appoggiandosi all’apron, e la Unglorified Legend lo vede. Il campione del mondo prende la rincorsa, rimbalza alle corde, e RunAway Dive!

Immagine


Come al solito Black si diletta nel utilizzare manovre aeree, mentre il pubblico di Philadelphia è tutto per lui. Il gigante si rialza e fa un inchino, venendo ripagato da ulteriori applausi, poi rialza Keenan e lo ributta sul ring. Anche il campione del mondo rotola su con lui, poi lo chiude in una Headlock, rifiatando. Keenan cerca subito di liberarsi con la forza, cercando di aprire la presa con le mani, ma dopo qualche infruttoso tentativo, cambia strategia. Il Pain Deliverer cerca di spostarsi lateralmente, in modo da far perdere l’equilibrio a Black, che però se ne accorge e lo riporta in posizione originale. Keenan cerca allora di buttarsi dall’altra parte, ma ancora una volta Black si ributta dall’altra. Keenan però improvvisamente lo colpisce con un calcio in faccia. Black allenta la presa, e Keenan sfrutta il momento per liberarsi e rimettersi in piedi. German Suplex di Black. No! Jack atterra in piedi, si butta du Black per una DDT, ma viene lanciato indietro. Uppercut del campione, che manda il suo avversario alle corde. Serie ripetuta di Uppercut alle corde, poi Irish Whip, Keenan rimbalza dall’altro lato del ring. Dropkick del campione. Keenan finisce a terra, ma rotola rapidamente sulla apron, rialzandosi con l’aiuto delle corde. I due si guardano negli occhi, poi Keenan rientra sul ring, passando fra la seconda e la terza corda. I due vanno faccia a faccia, e per un istante stanno immobili. Calcio alla gamba destra da parte di Keenan. Black subisce il colpo, ma prova a rispondere con un pugno. Altro calcio da parte di Keenan. E poi un altro, ed un altro, ed un altro, ed un altro. Serie di calci alla gamba destra del gigante, ancora malandata dopo il match contro Big Black Boom. Il campione cade in ginocchio e il Pain Deliverer sfrutta la cosa per rifilargli una ginocchiata in faccia. Black rimane stordito dal colpo, Keenan fa qualche passo indietro, prende la rincorsa, e poi lo colpisce con un Soccerball Kick alla testa. Black cade a terra, e il suo avversario lo copre. 1… 2… No! Black alza una spalla. Jack non si perde d’animo, e lo chiude subito in una Figure 4 Leg Lock.

Immagine


Ancora pressione sulla gamba destra, cercando di capitalizzare il lavoro fatto da BBB due settimane fa. Black cerca subito di liberarsi, ma Keenan mantiene la pressione e comincia a colpirlo con svariati pugni sulla gamba. Dopo una decina di colpi il gigante lancia un urlo di dolore, per poi iniziare a trascinarsi verso le corde, portandosi dietro il suo avversario. Jack prova a fermarlo, facendo resistenza con la braccia, ma dopo qualche secondo Black riesce a raggiungere la corda più bassa, afferrandola con il braccio destro. Keenan mantiene la presa per un istante, poi lascia la gamba del gigante, rotolando indietro. Thomas Kiley lo rimbrotta, ma Keenan lo sposta con un braccio, riportando il suo avversario a centro ring. Serie di gomitate alla gamba del campione del mondo. Keenan riprende fiato e poi connette una serie di calci al corpo del suo avversario. Black però si sta rialzando, quindi il Pain Deliverer, lo colpisce con vari pugni al volto. Il campione del mondo prova a rispondere, ma è fermato da un pestone alla gamba destra, che gli strappa un urlo di dolore. E Keenan connette una DDT per non farsi mancare nulla. Serie di pugni al volto, poi Keenan si avvia verso il paletto, lo scala e fissa Black che si sta rialzando.

Immagine


Flying Assassination! Keenan si butta sulla carcassa di Black. Schienamento. 1… 2… Black alza la spalla. Keenan batte una mano sul tappeto, respirando profondamente, poi si alza in piedi e colpisce con una serie di calci la gamba malandata di Black. Il campione del mondo rotola sull’apron per proteggersi dai colpi, ma Keenan lo raggiunge. Scambio di pugni, ma ancora una volta Keenan ha il sopravvento grazie ad un calcio alla gamba. La Unglorified Legend arretra di qualche passo, tenendosi la gamba. Kill Keenan Kill! Dropkick micidiale del lottatore di Atalanta, che manda il suo avversario ad impattare violentemente contro il palo di sostegno del ring. Impatto incredibile per nuca e collo, ed il campione cade giù, ruzzolando vicino ai gradoni d’acciaio. Keenan osserva il suo avversario, poi il pubblico, poi di nuovo il suo avversario. Anche lui scende dall’apron, solleva Black, lo appoggia sui gradoni d’acciaio prono, ritorna sul ring, si arrampica sul paletto. FLYING ASSASSINATION! Sui gradoni d’acciaio! Il rumore è difficilmente descrivibile, mentre Jack riporta il suo avversario sul ring, lo segue rapidamente e va a schienarlo. 1… 2… NO! Black alza una spalla, mentre Keenan scatta in piedi a litigare con Thomas Kiley, reo di aver, a suo dire, contato troppo lentamente. Keenan poi va a tirare un calcio alla corda più bassa. Poi osserva Black che prova a rialzarsi, prende la rincorsa e colpisce la gamba destra del gigante con un calcio.

Immagine


Urla di dolore per il gigante, che si tiene la gamba a terra. Keenan riprende a respirare a fondo, poi inizia a girare intorno a Black come un predatore. Prima un calcio alla gamba, poi uno alla testa, uno al busto, un altro alla gamba, ed un altro, ed un altro, ed un altro, ed un altro, ed un altro, ed un altro. Black urla di dolore e prova a rispondere, ma Keenan lo rimette a cuccia con altri calci. Il Pain Deliverer lancia un urlo, poi rialza Black e prova a sollevarlo per la Pain Delivery. Headbut! Headbut! Headbut! Keenan barcolla, ma anche Black ha difficoltà a stare in piedi, pugno di Keenan, gomitata di Black, pugno di Keenan, gomitata di Black. Tentativo di pugno di Keenan, Black si abbassa, Pelé Kick!

Immagine


Surprise! Black colpisce Keenan, che barcolla, poi prova a scattare in piedi, ma viene investito da un Lariat. Entrambi i contendenti barcollano. Scambio di pugni in mezzo al ring, dove finalmente la meglio ce l’ha Black, che riesce a fare indietreggiare fino alle corde il suo avversario. Irish Whip, Clothesline. Keenan si rialza, Discus Clothesline. Black si butta alle corde. Jumping Clothesline. The Knight inizia ad arrampicarsi sul paletto, mentre Keenan sta cercando di rialzarsi. Flying Clothesline. No, Keenan si sposta appena in tempo, ma Black fa una capriola e si rialza in piedi. Keenan gli corre in contro. Allahu Akbomb! No, Keenan si getta dietro di Black. Superkick di Keenan! No, Black lo evita. Il gigante prova ad afferrare il suo avversario, ma Jack è rapido a passargli sotto il braccio e a buttarsi verso le corde. Blitzkrieg!

Immagine


Black connette con la manovra migliore di Sigfried Jager. Schienamento. 1… 2… 3! NO! Jack Keenan alza la spalla all’ultimo secondo disponibile. Black si lascia cadere a fianco di Keenan, massaggiandosi la gamba. Poi prova a rialzarsi, ma Keenan lo afferra e lo chiude in una Inside Cradle. 1… 2… NO! Black alza le spalle in tempo, e si rimette in piedi. Anche Keenan è scattato in piedi. Scambio di colpi sempre più rapido. Calcio di Keenan alla gamba di Black, e poi DDT! Black crolla a terra, dolorante. E Keenan si guarda intorno, poi vede il paletto ed inizia ad arrampicarcisi sopra. Il campione però si è rialzato a sua volta. E lo insegue. Scambio di colpi anche lì, con Keenan sulla terza corda e Black sulla seconda. Gomitate dello sfidante, pugni del campione. Black sembra in vantaggio, poi la sua gamba destra cede, facendogli perdere il bandolo della matassa per un istante. Keenan si libera del suo avversario con una gomitata, facendolo ruzzolare giù, poi inizia a girarsi lentamente, ma Black è già in piedi! Keenan salta per un Double Axe Handle, ma viene travolto da una spallata del gigante, che lo prende sulla gamba sinistra e lo fa volare di schiena al tappeto. Keenan si rialza in piedi subito, urlando, poi si getta contro Black! Scambio di pugni, ma Keenan è in piena scarica di adrenalina. Ed infatti si guadagna il vantaggio per qualche secondo, finché non viene colpito in pieno stomaco dal suo avversario. Un montante devastante, che lo alza dal terreno. Pugno seguito da un gancio, ed un jab di sinistro. E poi uno di destro. E poi un sinistro, ed un destro, ed un destro, ed un sinistro. E un altro pugno, ed un altro ancora, ed un altro, ed un altro. La serie di pugni si infittisce sempre di più Fury of a Houndred Punches! La grandine di pugni si infrange su Keenan, mentre il pubblico festeggia la tipica manovra di Black. Terminata la scarica il gigante si controlla le nocche, per vedere che siano ancora intere, poi alza lo sguardo ed osserva Jack Keenan che lo sta osservando, un rivolo di sangue che gli cola dalla bocca, gli occhi completamente spiritati, un ghigno in volto. Boato del pubblico e serie di calci e pugni da parte del Pain Deliverer, che colpisce in ogni centimetro quadrato del corpo il suo avversario, poi lo afferra. PAIN DELIVERY! NO! La gamba destra di Keenan cede mentre prova a sollevare il suo avversario. Black connette una ginocchiata in faccia a Keenan, poi lo volta.

Immagine


Mark of The Veteran! Black si lascia cadere sul suo avversario. 1… 2… 3! Thomas Kiley fa segno al time keeper di suonare la campanella. Leon Black ha vinto il match!

JR: The winner of the match, and still TWC World Heavyweight Champion. Leon Black!

Mentre il pubblico del Wells Fargo Center esulta, vediamo il campione rialzarsi a fatica aiutandosi con le corde. Dopo essersi asciugato il sudore dalla fronte, Leon Black zoppica leggermente a centro ring, dove riceve il suo TWC World Heavyweight Championship da Thomas Kiley, che gli alza il braccio in segno di vittoria.



La musica d'ingresso del campione risuona a manetta, e mentre vediamo Leon parlottare col referee che chiede lumi sulla gamba del gigante di Chicago, con Black che fa capire che non c'è nulla da preoccuparsi, Jack Keenan nel frattempo è scivolato giù dal ring, lo sguardo segnato dalla sofferenza e soprattutto dalla delusione per essere andato vicino a realizzare un'impresa titanica. Ma attenzione, perchè qualcuno si è fatto vivo sullo stage. Si tratta di "Superstar" Sigfried Jaeger, spalleggiato dai suoi due compagni d'avventure della BDK Inc., la micidiale Brunild "The Armbreaker" Wagner e il colossale Gunther "The Hound" Schmidt!

ImmagineImmagineImmagine


Il Best from the West, fischiato dal pubblico, si fa avanti fino alla rampa, osservando gelidamente il ring, dove il suo sguardo è ricambiato fermamente da Leon Black, che istintivamente alza al cielo il TWC World Haevyweight Championship. Il Corvo annuisce leggermente, batte un paio di volte le mani e abbozza una specie di sorriso, che però muore subito. Dopo di che, con un volto cupo, gira i tacchi e se ne va via, seguito dappresso dallo Smiling Crow e dal Brutal Crow. E con le immagini di Leon Black che guarda a lungo verso lo stage per poi girarsi nuovamente e sorridere ai fan che festeggiano con lui, termina qui la ventiseiesima puntata di Friday Night Indoor War. Appuntamento tra due settimane, quando la TWC farà tappa in Ohio, più precisamente alla Nationwide Arena di Columbus. La Road to War of Change è ufficialmente partita, restate sul carro, e godetevi il viaggio. Stay tuned!




CM-Cena, Il Capitano, Elban Rattlesnake & Dims
KTW, Il ragazzo Woo Woo, NotOnlyWWE, hbkbestfan, straight edge savior, The Hawk, SimoAF, Stevester, Phil Is Wrestling, Christian, Simon, Liontamer & Woo Woo Woo Man


Top
 Profilo  
Rispondi citando  

Re: TWC - Friday Night Indoor War (#25-???)
MessaggioInviato: 25/03/2016, 22:22 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: 21/03/2012, 18:23
Messaggi: 8563
Immagine


La theme song dello show sta sfumando e la gente sta piano piano abbandonando l'arena, c'è chi si ferma a mangiare qualcosa o a comprare dei gadgets, del merchandising o chissà che cosa. E poi c'è qualcuno che non ha ben digerito l'andamendo delle cose.

Immagine


Sto parlando di Simon B!!! Il Who You Want To B si aggira minaccioso per il backstage tirando calci a tutto ciò che trova sulla sua strada. Tra le mani brandisce addirittura un piede di porco, con il quale riesce a spaccare una porta tirando un colpo ben assestato. Simon sembra indemoniato.

SB: ROOOOSSSEEEENNN!!!!

B urla con tutta la forza che ha in corpo, e poi ribalta un tavolo pieno di torte e bevande! Ansima, è nervoso...

Immagine


VC: B! Ehy, Simon!

Vincent Cross! Il Biker raggiunge il suo ex rivale.

VC: Ascolta, dobbiamo unirci. Possiamo vincere, ma non da soli.

Simon guarda in cagnesco Vincent Cross, non sembra contento della sua presenza.

VC: Devi ascoltarmi, Simon! Questa battaglia può essere la NOSTRA battaglia!

SB: Non ho chiesto il tuo aiuto! Mi hai solo rovinato la vita, vai via che è meglio!

VC: Non capisci? Dobbiamo collabora-

Simon tira una mazzata col piede di porco al ventre di Vincent Cross, che urla dal dolore e si piega a metà!!! Simon lancia via il piede di porco... e rifila anche una Whisper In The Grudge a Vincent Cross!

Immagine


B si allontana mentre i soccorsi arrivano per il povero Biker...

---------------------

Immagine

Ci troviamo live dal Wells Fargo Center, Philadelphia, dove si è appena concluso il ventiseiesimo episodio di Friday Night Indoor War, il primo dopo Alpha Horizon, l'ultimo special event della TWC prima di War of Change, che andrà in onda in diretta e per la prima volta solo in PPV il prossimo 3 giugno dall'Husky Stadium di Seattle. Le immagini ci conducono all'interno dell'arena, dove, armata di microfono, troviamo la bellissima e raggiante intervistatrice della TWC, Ally Sullivan, pronto per una nuova intervista.

AS: Signore e signori, ecco a voi i miei ospiti, i Dawn of the Empire, Sean Morgan e... Fred!

ImmagineImmagine

... "The Captain" Fred e "The Unstoppable Machine" compaiono alla sinistra di Ally Sullivan, la quale, alla comparsa del tedesco, stringendosi le labbra, abbassa lo sguardo. "The German Superman", col volto avvolto fra le pieghe di un asciugamano di colore grigio, inizialmente mostra un sorriso sul volto, poi si fa serio, mentre Sean Morgan ha uno sguardo impassibile, freddo, glaciale. Passato qualche secondo, la giovane intervistatrice, sul cui volto è scomparso quel sorriso che mostrava poco fa, prende la parola, ponendo la sua prima domanda ai Dawn of the Empire.

AS: Due settimane fa, a Alpha Horizon, i No More Heroes hanno conquistato i titoli di campioni di coppia del mondo e questa sera hanno festeggiato la vittoria; durante la celebrazione, siete intervenuti anche voi: qual è il motivo di questa vostra apparizione?

"The Captain" annuisce, poi prende la parola.

FF: Al Madison Square Garden hanno vinto loro, i No More Heroes, che hanno dimostrato definitivamente che appartengono a questo mondo, che meritano di stare ancora sul ring e combattere dopo averlo fatto per tanti anni. Shawn Gates, Travis Miller, loro sono veterani di questa disciplina, veri veterani, e l'hanno dimostrato a noi e a tutto il mondo. La vittoria di due settimane fa è stato sicuramente il momento più alto delle loro carriere. Perciò, stanotte, Fred e mio fratello Sean, che siamo prima di tutto persone sincere e autentiche, abbiamo voluto mostrare loro il nostro rispetto, tutto qui.

SM: Semplicemente, è ciò che due persone abituate a vincere, come noi due, fanno. Vanno dai vincitori a congratularsi per la fortuna avuta pur sapendo di essere migliori e di non esser stati effettivamente schienati. Insomma, ciò che abbiamo appena fatto è stato una dimostrazione di come, pur essendo vincenti nati, io e Fred sappiamo pure accettare la sconfitta dimostrando la nostra sportività.

AS: Quali sono i prossimi obiettivi per i Dawn of the Empire?

Fred sospira, poi, dopo una pausa silenziosa, prende la parola.

FF: A Alpha Horizon i No More Heroes hanno vinto, è un fatto, ma noi non abbiamo perso, assolutamente no. Schmidt ha perso, Sigfried ha perso, noi no, noi siamo ancora imbattuti, perché, vedi, nel wrestling cosa significare essere imbattuti? Significa che nessuno è riuscito a tenerti con le spalle al tappeto per uno, due, tre secondi o a farti urlare come una puttanella e costringerti alla resa... perciò noi, i Dawn of the Empire, siamo e rimaniamo imbattuti, e ciò ci rende il più pericoloso e forte team attualmente in circolazioni in TWC, è un fatto. Ma, nonostante ciò, entrambi consideriamo questo come un capitolo concluso: ora i No More Heroes andranno per la loro strada, difenderanno i titoli e dimostreranno di esserseli meritati, noi invece faremo altro, combatteremo le ingiustizie, continueremo la nostra crociata contro i traditori dopo aver dato un'adeguata punizione alla BDK... insomma, faremo ciò che siamo soliti fare, e lo faremo con vigore e con un inimitabile stile, il nostro stile.

"The German Superman" abbassa ora la testa, assumendo sul volto un'espressione seria.

FF: E comunque, sì, il capitolo No More Heroes è concluso, ma solo momentaneamente: presto o tardi, quelle cinture le vinceremo e lo faremo solo passando attraverso gli attuali campioni. Perché è vero, noi non abbiamo perso, ma non abbiamo nemmeno vinto, e noi vogliamo vincere, sempre.

SM: Pur ampliando i nostri orizzanti, siamo ancora consapevoli di essere i meritevoli campioni di questa federazione e poco importa se quella cintura oggi non è alla nostra vita, perché un domani di certo lo saranno. No More Heroes, godetevi questo vostro regno da campioni, perché in futuro torneremo a prenderci ciò che ci appartiene. Tornando ai Dawn of the Empire, direi che è un po' presto per focalizzarci già su un nuovo obiettivo, per cui io ed il mio compare ora andremo a casa a pensare bene sul da farsi e tra due settimane, durante Indoor War, ve lo comunicheremo. See You There!

Morgan si allontana da Ally trascinando pure Fred, ancora cupo in volto.

---------------------

Le immagini ci portano nel parcheggio del Wells Fargo Center dove vediamo uno stanco Jack Keenan uscire dall'arena, borsone in spalla, sospirando mentre si passa una mano fra i capelli.

Immagine


Il Pain Deliverer cammina a passo svelto diretto verso un autobus parcheggiato poco più avanti, ma ecco che la sua attenzione viene catturata da qualcuno appoggiato su una macchina.

Immagine


E' il nuovo FWP World Wrestling Champion Chris Drake che, con un leggero sorriso tatuato sul viso, sta osservando Jack. Quest'ultimo si ferma e ricambia lo sguardo del nuovo campione mondiale, ed ora Chris si avvicina a lui.

C.Drake: Fossi un altro adesso ti starei prendendo in giro sul fatto che io sono campione mondiale e tu no, ma visto che sei tu lasciami semplicemente dire che mi dispiace davvero che tu non abbia battuto quel coso lì.

Keenan: Hey, Black è pur sempre Black. Una sconfitta contro di lui è l'ultima cosa di cui vergognarsi.

Sul volto di Keenan si dipinge un leggero sorriso e il lottatore di Atlanta lancia un occhiolino verso Drake.

Keenan: Piuttosto, complimenti a te, Chris.

C.Drake: Grazie Jack. Magari non traspare, ma aver realizzato il mio sogno davanti la città in cui sono nato è un qualcosa di eccezionale. Non potevo pensare a modo migliore per divenire campione mondiale.

The Predator mostra un nuovo sorriso.

C.Drake: Comunque direi che viaggiare su uno squallido autobus non sia il massimo. Coraggio Jack, ti accompagniamo noi.

I due si incamminano verso l'auto di Chris, e dopo qualche metro la raggiungono trovando Alisa Drake appoggiata su una portiera mentre sta smanettando con il suo telefono.

Immagine


Non appena i due wrestler raggiungono Miss Drake, quest'ultima alza la testa scambiandosi uno sguardo con Keenan. La ragazza mostra un leggero sorriso.

Alisa: E' un piacere rivederti Jack.

Keenan: Ciao, Alisa. Spero che tu non ti illuda che un passaggio possa ripagare il viaggetto a cui mi hai costretto giusto un anno fa. Ho fatto un paio di conti, per seguire le tue tracce ho pagato qualcosa che si avvicina molto a quattromila dollari.

Ed ecco che finalmente un leggero sorriso beffardo compare anche sul viso di Jack.

Alisa: Tranquillo Keenan, se la mia idea andrà in porto quattromila dollari saranno una bazzecola in confronto a ciò che guadagnerai.

The Wolf Dame sorride nuovamente per poi entrare in auto nel posto conducente, ma prima di chiudere la porta apostrofa il fratello e il Pain Deliverer.

Alisa: Meglio che guidi io visto cosa è successo l'ultima volta che voi due siete stati in auto insieme.

Miss TWD chiude la portiera mentre Chris e Jack si scambiano uno sguardo.

Keenan: Fa sempre così?

The Predator sorride.

C.Drake: Nah! In genere è più rompicoglioni!

Keenan: Quasi quasi preferisco la famiglia Rossen...

Chris sorride divertito mentre Jack scuote la testa.

Keenan: Allora, qual è il programma per il resto della serata? Champ buys the beer?

C.Drake: The Champ's sister buys the beers!

Il campione FWP sorride divertito mentre Alisa scuote la testa in macchina per poi incitare i due ad entrare. Chris e Jack entrano in auto ed Alisa sgomma via per le strade di Philadelphia.

---------------------

Allie Sullivan è nel backstage accanto ad Andy Moon.

ImmagineImmagine


La Sullivan sorride alla telecamera.

AS: Signore e signori, sono nel backstage insieme ad Andy Moon. Andy, qualche dichiarazione da fare?

Il ragazzo di Savannah sorride.

AM: Oh si, decisamente. Purtroppo l'Achtung è finito prima che avessi l'occasione di dire un paio di cosette.

AS: Riguardo al tuo match con Black fra due settimane?

AM: Non solo. Vedi, Allie, a discapito di qualsiasi cosa dica Sigfried, il suo match con Black a War Of Change, uno contro uno, per il titolo, ha fascino e vende. Vende parecchio. Scommetto che Virgil sia contentissimo della cosa e, al contrario, sia profondamente intimorito dalla possibilità che quel match non accada. Ormai ci sono poster su poster, promo pronti ad esser mandati in onda ed altro materiale che punta a vendere Black vs Sigfried. Dream match. One year in the making. Dannatamente catchy, lo riconosco. Centinaia e centinaia di fan aspettano quel match da mesi e Virgil Brown è pronto a darglielo perchè il wrestling è anche business, e Black vs Sigfried è buon business.

Piccola pausa.

AM: Il problema sorge quando una persona decide che del business non gliene frega niente. E non gliene frega niente nemmeno di Sigfried e i suoi scleri Fred-eschi, o di Black e le sue oscure motivazioni. Quello che non ha capito il buon Leon è che sì, anche il mio è egoismo, quando dico che voglio quel main event di War Of Change, ma sono anche sicuro al cento per cento che la mia forza di volontà sia superiore alla sua e a quella di chiunque altro. Non importa quanto LORO pensino sia importante avere quel match, non hanno idea di cosa rappresenti per me. L'idea non essere il main event di War Of Change è come un incendio che mi brucia e mi disintegra ogni singolo secondo.

l'Hunter pronuncia le ultime tre parole con decisione.

AM: Io vincerò fra due settimane. Non è uno dei miei soliti proclami, come li ho sempre fatti, no. È un fatto. Sarei curioso di sapere cosa rappresenterebbe per Black una sconfitta adesso, sempre che la prenda in considerazione e credimi, farebbe meglio a prenderla. Siamo in una situazione in cui io non ho assolutamente niente da perdere, perchè se non posso essere nel main event di War Of Change, tanto vale non esserci proprio all'evento: non sprecherò il mio talento per qualche battle royale a caso. Al contrario, Leon Black ha tutto da perdere: titolo, e piani. Perchè Leon ha scelto Sigfried come suo avversario, ed ha un piano per lui, e questo mi manda in bestia.

Di nuovo, enfasi sulle ultime parole della frase.

AM: Nella sua mente, Leon Black è il mostro che sta creando l'eroe che probabilmente lo distruggerà. Peccato abbia scelto male. Mi delude molto, questo. Capirà con le cattive che il Davide al suo Golia l'ha sempre avuto sotto il naso. E fra due settimane, be ready to change the posters, and the promos. Andy Moon is going to War Of Change with that title.

Lights out.


Top
 Profilo  
Rispondi citando  

Re: TWC - Friday Night Indoor War (#25-???)
MessaggioInviato: 08/04/2016, 20:00 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: 21/03/2012, 18:23
Messaggi: 8563
Immagine


Il collegamento si apre all'interno dello spogliatoio della TWC, dove troviamo uno dei due TWC tag Team Champions, Shawn Gates, che si riscalda mentre il figlio Jimmy da un'occhiata in giro.

ImmagineImmagine


SG: Ricordi quando ti portavo con me in TWNA, vero?

JM: Eccome. I rapimenti, le torture, la yakuza. Tutto molto bello.

SG: Lascia stare. La TWNA era un covo di pazzi. Qui è completamente diverso. Cose del genere non succedono.

JM: Ma dai, era divertente in fondo. Nessuno si è fatto male, e credo che la ragazzina giapponese sia stata la mia prima cotta in assoluto.

Gates guarda verso la sua cintura di campione di coppia, appoggiata su una sedia.

SG: Stasera ho la mia prima difesa titolata. Non mi sembra vero.

JM: Contro quei freaks poi. Tu e Travis li farete neri.

SG: Piuttosto. Dove diamine è finito Travis?

Improvvisamente la porta dello spogliatoio si apre ed al suo interno entra l'altro TWC Tag Team Champion, Travis Miller, con la cintura in spalla.

Immagine


TM: Ehi Shawn!

Travis si avvicina al compagno ma dopo pochi passi si ferma e nota Jimmy dall'altra parte della stanza.

TM: Oh ciao Jimmy, alla fine sei riuscito a venire, ottimo. Carico per stasera?

JM: Eccome! Non vedo l'ora di vedervi in azione.

SG: Alla fine hai trovato qualcuno da portare?

TM: Oh giusto, è rimasto un attimo indietro a parlare con un suo ex collega. Aspetta, controllo a che punto è.

Travis va ad aprire la porta del locker room e controlla l'esterno.

TM: Oh ecco, venga pure.

Travis rientra e va ad appoggiare il suo borsone e la cintura, mentre pochi secondi dopo di fronte all'entrata compare l'ex Wrestler TWNA Gorislav Kowalczyk, con un braccio ancora ingessato, che rimane fermo sulla soglia per qualche istante ad osservare l'ex collega.

Immagine


Il gigante entra sorridente chiudendo la porta e va a stringere la mano a Gates, che sorride.

GK: Здравствуйте Shawn, ti trovo benone.

SG:Gorislav! Quanto tempo; ti trovo bene anch'io. Ehi, ti ricordi di Jimmy?

GK: Oh, ma certo, tu sei Jimmy! sei cresciuto tantissimo dall'ultima volta che ci siamo visti, probabilmente nemmeno ti ricordi.

JM: Eccome se mi ricordo. Ricordo di quella volta che tu e mio pad...

SG: Abbiamo fatto quel match a Violence, come dimenticarsene.

GK: Cavolo, sembra passata un'eternità dall'ultima volta che ci siamo visti... e tu combatti ancora tutt'oggi Shawn. Non solo, sei anche riuscito a vincere i titoli di coppia con uno dei miei migliori allievi, sei cresciuto molto dai tempi della TWNA.

SG: Quattro anni di stop mi hanno dato il tempo di crescere e maturare. Ma questi titoli sono soprattutto merito di quello scozzesaccio lì. Tu piuttosto lotti ancora? Mi piacerebbe l'idea di affrontarti un giorno.

Gorislav accenna una risata.

GK: Temo non sia possibile ormai, la mia carriera da wrestler è conclusa, ora ho una palestra da gestire. Anche se devo ammettere che questo ambiente mi manca...

Gorislav sospira e si guarda attorno per qualche secondo, successivamente si siede ed osserva Travis mentre si riscalda.

GK:Tы готов?

TM: Да, да, не беспокойся.

Travis si riscalda ancora per qualche secondo e poi si volta verso il compagno.

TM: Quindi, prima difesa titolata dei No More Heroes. Sei pronto?

SG: Il mio nome completo è Shawn Pronto Gates.

JM: No, non lo è.

SG: Ma davvero?

TM: Ottimo, questo è lo spirito. Stasera sarà una serata storica. E proprio perché sarà direi di approfittarne visto che siamo tutti qui a Columbus. Concludiamo la serata come si deve dopo il nostro match e festeggiamo la nostra prima difesa vittoriosa noi quattro assieme, che ne dite?

JM: Ma sì, sarà divertente.

SG: Ci sto. Non vedo l'ora di parlare con Gorislav dei bei tempi andati.

GK:Xорошо, ci sto. Però concentratevi sul vostro match ora, è quella la priorità.

TM: Oh, stia tranquillo maestro. Siamo pronti a qualsiasi cosa la TWC abbia da offrirci.

I No More Heroes continuano il loro riscaldamento mentre le immagini sfumano.

--------------------------

Immagine

Ci troviamo all'esterno della Nationwide Arena di Columbus, dove fra poco andrà in scena il ventisettesimo episodio di Friday Night Indoor War, il secondo dopo Alpha Horizon, l'ultimo special event della TWC prima di War of Change, che andrà in onda in PPV il prossimo 3 giugno dall'Husky Stadium di Seattle. Mentre calano le ombre della notte, vediamo un grande assembramento dinnanzi all'accesso all'arena: numerosissimi fan, fotografi e giornalisti si accalcano lungo le transenne appositamente posizionate e ben sorvegliati da varie guardie della sicurezza.

Immagine

Fra la folla notiamo anche Daniel Carson, il giovane intervistatore della TWC, che, armato di microfono, sistematosi la cravatta e la giacca, comincia a parlare, mostrando un brillante sorriso verso le telecamere.

DC: Signore e signori, benvenuti nel kickoff del ventisettesimo episodio di Friday Night Indoor War; siamo in attesa dell'arrivo di...

... ed ecco che si sentono delle grida, Daniel Carson si volta immediatamente...

Immagine

... dinnanzi ad un elegante tappeto rosso allestito per l'occasione, vediamo fermarsi una lussuosissima limousine bianca. L'autista, elegantemente vestito, scende dal posto di guida e apre la portiera del passeggero...

ImmagineImmagine

... da cui escono Matthew J. Truman e sua moglie, Melania Truman! Il membro del Consiglio d'Amministrazione della TWC scende un po' goffamente e, tenendo la moglie mano nella mano, mostra uno splendente sorriso verso i fan accorsi sul luogo, salutandoli con entusiasmo, mentre Melania, seria, cerca di tenere basso il capo; molti sono i fan che cercano di stringergli la mano, ma le guardie della sicurezza li tengono a distanza, ricorrendo anche alla forza...

DC: Ecco Matthew J. Truman, uno dei membri del Consiglio d'Amministrazione della TWC, che ha annunciato di volersi candidare per il ruolo di nuovo general manager di Indoor War... signor Truman!! Signor Truman!!

... Daniel Carson cerca di richiamare l'attenzione del magnate, sbracciandosi... ATTENZIONE!! VOLA UNA SCARPA!! L'oggetto spunta fra la folla e sfiora il volto del magnate, che non ancora accortosi bene di quanto successo, si guarda attorno, mentre le sue guardie del corpo cominciano a mobilitarsi, lo stesso fanno le guardie della sicurezza...

Immagine

... le telecamere inquadrano un uomo, il cui volto è coperto da una maschera blu e d'argento, il quale, fra la folla di fan accalcatasi lungo le transenne, rapidamente tenta di togliersi la scarpa sinistra; notiamo solo ora che l'altro piede è scalzo, quando ecco che l'uomo mascherato è riuscito nel suo intento e ora brandisce l'inusuale "arma" che prova a lanciare direttamente contro Truman... quando intervengono le guardie della sicurezza, che lo placcano, dunque lo ammanettano, mentre, fra l'agitazione generale, il magnate e sua moglie Melania vengono prelevati dalle sue personali guardie del corpo, che di forza lo trascinano al sicuro, all'interno dell'arena... il collegamento viene bruscamente interrotto.


Top
 Profilo  
Rispondi citando  

Re: TWC - Friday Night Indoor War (#25-???)
MessaggioInviato: 08/04/2016, 20:05 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: 21/03/2012, 18:23
Messaggi: 8563
Immagine

And now, from the Nationwide Arena of Columbus, Ohio, TWC presents Friday Night's Indoor War!

Immagine


Immagine


Benvenuti alla ventisettesima puntata di Friday Night Indoor War, cari amici telespettatori vicini e lontani! La seconda spettacolare Road to War of Change continua, e questa sera lo show di punta della TWC fa tappa nell’Ohio, più precisamente alla Nationwide Arena di Columbus. Due grandi match annunciati: Leon Black, il First Ever e Undisputed TWC World Heavyweight Champion mette in palio il suo titolo contro la star del futuro, Andy Moon, in quello che potenzialmente è un match a cinque stelle. Tante quante potrebbero essere assegnate all’incontro tra “Superstar” Sigfried Jaeger, il First Contender ufficiale per il Main Event di War of Change II, e il sempre più imprevedibile Kevin Manson. Oltre a ciò, tante sorprese e colpi di scena ci aspettano stasera, per cui allacciate le cinture, perchè il viaggio ha inizio!

Immagine


Dopo un’ultima panoramica sul pubblico, le immagini si focalizzano su Jessica Rose, a centro ring.

Immagine


Triplice rintocco della campanella ed eccola procedere con l’annuncio.

JR: Ladies and gentlemen. The following contest is scheduled for one fall!

Immagine


E qui si parte subito col botto! Ecco comparire, infatti l’immagine di un corvo oscuro, che esplode trasformandosi in migliaia di piccoli corvi, mentre il pubblico dell’Ohio inizia già a ribollire e le luci si abbassano diventando intermittenti.

Immagine


Mentre il logo della BDK Inc. campeggia, come sempre, sul titantron, una foschia grigia si diffonde sullo stage, creando una densa coltre.



E infine ecco partire la Main Theme di Sigfried Jaeger! Mentre il pubblico reagisce tra cori negativi e fischi intermittenti, ecco il 34th Street Hero sbucare sullo stage guardandosi intorno.

Immagine


Sigfried accenna un sorriso furbo, poi fa la nuova taunt della BDK Inc., mentre alle sue spalle emergono “The Hound” Gunther Schmidt e “The Armbreaker” Brunild Wagner.

ImmagineImmagine


I due compagni si affiancano al Monster Hunter. Poi quest'ultimo procede verso il ring, seguito da Brunild, che ha con se il WFSS Woman World Championship, e Gunther, munito per l’occasione di uno Sledgehammer.

JR: Introducing first! Making his way to the ring. From Ravensburg, Germany, weighting 216 pounds and standing 6-feet-3-inches tall. Representing the Bruderschaft Der Krahe Incorporated, he is The Best from the West... SIGFRIEEEEED... JAEEEEEGEEEEER!!!!!

I tre membri della BDK Inc. irrompono ben presto sul ring, con Sigfried che piega il braccio e alza minacciosamente il gomito destro a favore di camera, mentre Gunther fa la taunt della BDk Inc., e Brunild che alza il suo titolo femminile guardandosi gelidamente intorno. Dopo di che, mentre la Valkyria e il Mastino scendono dal ring, il Corvo si toglie la felpa e la lancia via, andando infine ad appoggiarsi a un angolo, in attesa del suo avversario di stasera, Kevin Manson. Solo che dell’Animal non c’è traccia! La theme di Jaeger sfuma, lasciando carta bianca al pubblico che fischia il tedesco. Ma a Sigfried non interessa questo. Eccolo andare a parlare col referee De Jano, che fa spallucce. Dopo altri secondi senza che accada alcun ché, il Best from the West inizia a discutere nervosamente coi compagni di stable, da cui si fa dare lo Sledgehammer e un microfono. Poi il Corvo si porta a centro ring, martellone bene in vista appoggiato sulla spalla, e inizia a parlare rivolto verso lo stage.

SGF: Hey Kevin! Tanto lo sò che mi ascolti lì nel buco in cui ti sei nascosto. Sei stupido o cosa?! Due settimane fa ti avevo detto che sarebbe successo se non ti presentavi qui sul ring per affrontarmi. Vedo che hai fatto la scelta peggiore, mi hai proprio deluso. Oltre a essere un rimbambito, si scopre che sei pure un codardo.

Il tedesco indica lo stage con lo Sledgehammer.

SGF: Ma non c’è problema. Adesso vengo là dietro, ti acchiappo, e ti rompo il cranio a martellate. Dovessi passare la sera a sfondare muri e camerini, riuscirò a trovarti e a darti quello che mer...



Attenzione! La theme di Kevin Manson risuona nell’arena e interrompe il discorso minaccioso di Sigfried Jaeger!

Immagine


Ed ecco l’Animal fare la sua comparsa sullo stage! Il Corvo annuisce cupamente, dopo di che butta via il microfono e scende dal ring, andando a ridare lo Sledgehammer a Gunther Schmidt, che se lo mette in spalla. Poi dice qualcosa a lui e Brunild, e vediamo i due spostarsi nei paraggi della zona del timekeeper.

JR: And his opponent. Making his way to the ring, weighting 280 pounds and standig 6-feet tall. From Parts Unknown, he is The Painmaker... KEVIIIIIN... MAAAAANSOOOOON!!!!!

Kevin arriva a bordoring, lanciando un'occhiata cupa al suo avversario. Decide poi di continuare a circumnavigare il perimetro del ring e strappa in malo modo il microfono a Jessica Rose, appena uscita dal quadrato.

KM: Farò in modo che tu abbia paura di me.

Di poche parole Kevin, che lancia il microfono lontano e sale sul ring. Ecco che la sua theme inizia a sfumare. Sigfried Jaeger a questo punto sale i gradoni d’acciaio e rientra con cautela sul quadrato, piazzandosi all’angolo opposto rispetto al Tear Suppressor. Tutto è pronto per l’inizio di questo inedito e soprattutto attesissimo match. E mentre il pubblico della Nationwide Arena è scatenato, De Jano fa un cenno a entrambi i lottatori e poi dà l’ordine di far suonare la campanella. Triplice rintocco! Si parte!!!


**Singles Match**

“Superstar” Sigfried Jaeger (BDK Inc.) vs. “The Animal” Kevin Manson


E si comincia! Il pubblico è una bolgia, perfettamente diviso tra i due contendenti. Kevin Manson e Sigfried Jaeger: uomini completamente diverse, accomunati da un solo grande rivale, Leon Black. E' Manson a fare la prima mossa ed allargare le braccia, urlando all'avversario di colpirlo. Il Tedesco lo scruta con sufficienza, facendo qualche piccolo passo avanti.. Ed è Blitzkrieg!

Immagine


Kevin Manson rimane in piedi, barcollando e rimbalzando contro alle corde! Seconda Blitzkrieg!

Immagine


The Animal crolla, Jaeger copre con il piede sul petto dell'avversario: 1, SOLO 1! Bolgia sugli spalti! Sigfried strabuzza gli occhi, incredulo. Kevin striscia verso le corde, in cerca di un appiglio per rialzarsi.. E viene colpito da una raffica di Deutsche Uppercut, dritti alla mandibola. Sigfried colpisce come un pazzo, venendo contato dall'arbitro in virtù della vicinanza del Tear Suppressor alle corde. Arrivati a 4, Jaeger molla borbottando qualcosa nella sua lingua madre, poi riparte alla carica con una Clothesline che fa caracollare il rivale all'esterno del ring. Azione no-stop, il Best from the West rimbalza alle corde e si getta con un Flug von Selbstmord, volo suicida all'esterno del quadrato! Kevin si contorce a terra, viene reso oggetto di un paio di Stomp e poi rialzato, Irish Whip contro al paletto di sostegno del ring. Brutta botta al volto. Jaeger entra ed esce dal ring per far ripartire il conteggio arbitrale, poi afferra l'Animale per i capelli e lo manda a sbattere con il muso contro alle transenne per un paio di volte. Gomitata disperata di Kevin, che si crea un varco e cerca di tornare sul ring. Sale sull'apron, ma ecco che il Tedesco lo blocca prendendolo per un piede, poi sale anche lui sull'apron e comincia la battaglia. Deutsche Uppercut! Testata! Deutsche Uppercut! Testata! Deutsche Uppercut! Testata! Deutsche Uppecut, ma è Manson ad eseguirlo! Poi una Chop! Ed una nuova testata! Il membro della BDK barcolla rischiando di cadere, reggendosi alle corde evita di caracollare giù ma si ritrova a voltare le spalle a Kevin, Mark of the Veteran sullo spigolo!

Immagine


Gran colpo di coda di Manson, che ora si tocca la mascella dolorante e abbozza al nemico un sorriso: un sorriso che si tramuta dopo un paio di secondi in una smorfia di rabbia, il Painmaker si carica il rivale cercando una Powerbomb sull'apron! Sollevamento! Ma Sig si ribella con dei pugni e finisce in sull'apron, salvo. Panzerfaust da lì! Jaeger riprende in mano le redini dell'incontro. Applauso di qualche sparuto gruppetto tra il pubblico per la manovra ad alto rischio del Tedesco, che rialza l'avversario e porta a referto un nuovo Uppercut. Kevin viene riportato al centro del quadrato, lo segue subito Jaeger. The Animal si rialza goffamente, per ritrovarsi lo stivale del membro della BDK stampato sul naso, Nibelungen Nacht!

Immagine


Pinfall: 1, 2, solo 2. Sigfried si mette le mani sul fianco, poi chiude una Side Headlock. Kevin è stordito e non riesce a muoversi. Passano alcuni secondi, il Tear Suppressor riacquista la percezione della situazione e si dimena in ogni direzione cercando di allentare la presa al proprio collo. Eccolo sfruttare il proprio peso per mettersi in ginocchio, poi in piedi. Sigfried prova a chiudere una Hangman's Clutch improvvisa, ma Kev gli torce tre dita alla mano sinistra. Ennesima testata di Manson, che poi lancia il rivale contro all'angolo. Prova a franargli addosso, ma il Monster Hunter si fa da scudo con le ginocchia. Di nuovo stordito Kev, Sigfried si appollaia sulla seconda corda... Viene spinto giù! Brutta caduta del Best from the West, seguita da un replay che ne evidenzia la collisione tra il collo e l'apron ring. The Animal rotola anche lui fuori dal quadrato, poi si tuffa sull'avversario con dei pugni chiusi per capitalizzare. Eccolo saltare sull'apron.. Senton!

Immagine


Che botta! Sigfried è piegato in due. Kevin fa una smorfia in direzione dell'arbitro, entra e riesce dal quadrato per evitare di essere contato fuori, poi va a prendere il Tedesco che sta cercando di rimettersi in piedi appoggiandosi ad una transenna.. Di nuovo una Mark of the Veteran, di nuovo con caduta su uno spigolo!

Immagine


Il N1 Contender al TWC Championship si accascia al suolo, con la schiena appoggiato alle barricate stesse. Rincorsa folle di Kevin, Cannonball a chiudere la combo.

Immagine


Il Tear Suppressor si rimette in piedi urlando, rosso in volto. Reazione mista, forse con una leggera prevalenza positiva. Ecco che Kevin fa a rialzare Sigfried prendendolo per la testa, lo manda a sbattere contro al paletto per non farsi mancare nulla e poi riporta l'avversario al centro del ring. The Animal, non pago, decide di salire sull'apron, dando la schiena all'avversario. Phoenix Splash in arrivo.. Ma Sigfried è su dopo una miracolosa ripresa, e con un Whisper Of The Hero alla nuca stende il rivale, che rimane afflosciato in avanti sulla seconda corda. Serie di Deutsche Uppercut sempre alla nuca da quella posizione, poi Sig abbranca l'avversario alle spalle, Release Bruderschaft Suplex! Torna a controllare Jaeger, che si sgranchisce il collo. Kevin cerca di rialzarsi, a gattoni al centro del ring. Stay Down! Il membro della BDK non pinna, lasciando il proprio piede sulla testa del rivale ed alzando il braccio destro al cielo, assumendo una posa orgogliosa ed eroica. Il Painmaker si toglie di forza lo stivale dell'avversario dal capo in un moto d'orgoglio, poi prova a rimettersi in piedi... Stomp al cranio, durissimo. Sigfried lascia di nuovo che il suo piede rimanga sulla testa del rivale, pulendosi anche la suola ed esprimendo platealmente il suo sdegno per Kevin. Dopo qualche secondo fa il segno dell'orologio con la mano, dopodichè mima uno sbadiglio e decide di lasciare a Manson il tempo necessario per rialzarsi. Il Tear Suppressor punta i pugni, alzando il capo, poi cerca il contatto visivo con Sig. Gli sputa in faccia, ma il Tedesco si sposta ed evita la saliva del nemico. Buffetto sulla nuca. Manson si solleva di poco digrignando i denti. Buffetto sulla nuca. Kevin è in ginocchio.. Spinge l'avversario verso le corde con tutte le sue forze, si rialza di scatto e va per il Pop-Up, Jaeger però gli atterra alle spalle. The Animal se ne avvede, rimbalza contro le corde, prova a caricare l'avversario.. Pop-Up del Best From The West e Valhalla Rising a segno!

Immagine


Che botta. Ma Kevin è atterrato praticamente in piedi! Sigfried sgrana gli occhi, Manson lo osserva con occhi vitrei. Ed infatti crolla, prono. Sul volto di Jaeger compare un sorriso sornione, mentre va per il pinfall. 1. 2. 3... NO! Colpo di reni! Il membro della BDK sembra cominciare a spazientirsi. L'Eroe si rimette in piedi, portando le mani ai fianchi. Stomp alla testa. Stomp. Stomp. Stomp. Stomp. E via con una serie che finisce solo al conto di 4 del direttore di gara. Sigfried fa cenno che è finita. Mostra il gomito. The Animal si rialza lentamente, è ancora stordito. Rincorsa di Sigfried, giravolta... Blitzkrieg, evitata! Manson si abbassa e corre verso le corde, corre anche il Tedesco, rebound contro alle corde e...

Immagine


BOMA YE, anche conosciuta come Akuma Ye in TDPW! Entrambi finiscono a terra. Il primo a rialzarsi, dopo alcuni secondi, è Manson, con l'aiuto delle corde. Il Tear Suppressor guarda l'avversario steso a terra, poi sul suo volto si apre un sorriso sornione.. Va a rialzare l'avversario, ma si prende un Bruderschaft Kick. Kevin risponde con la medesima manovra, Superkick. Bruderschaft Kick. Superkick. Bruderschaft Kick. Superkick. Bruderschaft Kick. The Animal barcolla, afferra per il braccio il Tedesco e lo trascina con sè al tappeto, poi è lesto a chiudere una Crossface! Anzi... E' una Fujihara Special! Un altro richiamo di Kevin al demone giapponese, una delle nemesi storiche di Sigfried. Il Tedesco è in difficoltà, trattiene dei gemiti di dolore mentre cerca di avvicinarsi alle corde.. Passano i secondi, diminuisce la distanza, è vicino... Kevin rompe tutto e lo riporta al centro del ring afferrandolo per la gamba, poi cambia submission, Red Dragon Clutch!

Immagine


Il Tedesco si dimena come un folle, ma le corde stavolta sono troppo lontane e Kevin sfrutta al meglio il proprio peso per tenere lì l'avversario. Il pubblico rumoreggia.. Il Tedesco riesce a rompere la presa con la forza delle braccia! Kevin sembra sbigottito, si rimette in piedi più velocemente che può, Somersault of the Demon sulla nuca di Sig che rimane dunque a terra. Il Painmaker scuote la testa, poi allarga le braccia verso il pubblico, ora più tiepido verso di lui per la sua rinnovata spavalderia. Il membro della BDK intanto è in ginocchio, stavolta è lui a fargli segno di darci dentro.. Kevin sorride beffardo, gli manda un bacio, poi va per la Kiss of the Demon.. Ma il suo Superkick viene parato! Jaeger si rimette in piedi, continuando a tenere a sè la gamba di Kevin che rimane in equilibrio precario.. The Animal non si scompone, alza le braccia al cielo ed incrocia le dita medie delle due mani. E' la taunt dei Criminals! Sigfried rimane sorpreso per un attimo, venendo sorpreso da un Enziguri Kick! Il Painmaker si rialza, scrollandosi il sudore dalla fronte, poi imita il rivale e gli piazza il piede sulla testa. Vantaggio di The Animal, che poi osserva intensamente il paletto e parte verso di esso. Comincia la sua scalata, piuttosto lenta per le bombe che gli ha tirato Jaeger fino ad ora. Eccolo sulla terza corda, ma di nuovo, il Monster Hunter è indomito e si appiglia al piede di Manson impedendogli di lanciargli. Deutsche Uppercut, poi sale sulla prima corda. Subisce una testata, risponde con un nuovo Uppercut, poi raggiunge la seconda corda. Tentativo di sollevamento per una Falcon Arrow.. Kevin è inamovibile. Testate di The Animal. Jaeger è stordito. Risponde con un Uppercut, ma poi si prende due dita negli occhi. L'arbitro richiama il Tear Suppressor che lo ignora, mentre chiude un Double Underhook sull'avversario e si dà lo slancio.

Immagine


LA PAINMAKER DI AKUMA FUJIHARA, UN SUPER PEE-DIGREE! La mossa con cui il Demone Giapponese ha sconfitto Sigfried in TDPW! Entrambi accusano la botta, Kevin con il braccio sinistro riesce a spingere l'avversario girandolo ed a coprirlo. 1. 2. 3. 3! NO! No! Boato del pubblico, scroscio di applausi! Brunild e Gunther tirano un grossissimo sospiro di sollievo, questo match combattutissimo non è terminato! Jaeger c'è! Manson non ha la forza di rimettersi in piedi, rimane per terra rannicchiandosi e mettendosi le mani nei capelli. Se ne strappa alcuni. Eccolo ora che si rimette in piedi alla disperata con l'aiuto delle corde, gli occhi ancora sgranati, rimuginando sul da farsi. Sembra avere un'idea, intanto Sigfried si rialza dandogli la schiena. Kevin si avvicina furtivo.. Mark of the Veteran, Sig gli atterra alle spalle. Blitzkrieg!

Immagine


A SEGNO! Ma Kevin rotola fuori dal ring, dove non può essere schienato! Brutto colpo di sfortuna di Sigfried, che si rialza a fatica mentre il pubblico è per buona parte in piedi. Un match nato quasi per caso che ci sta regalando emozioni, un inedito da Special Event. Jaeger, una volta in piedi, decide di andare a prendere Manson, che non si è ancora rialzato. Gli va addosso con fare bellicoso.. Ma da terra Kevin mette a segno un Low Blow con il piede. E' squalifica. E' squalifica.

Spoiler:
JR: The winner of this match, by disqualification.. Sigfried Jaeger!


L'entusiasmo è calato mortalmente nell'arena. Jaeger crolla a terra, rantolando, mentre Manson sbatte i pugni per terra e si rialza, mosso da furia. Si guarda in torno, beccandosi una buona dose di fischi. Eccolo sporgersi alle transenne prendere a forza una sedia di metallo a un malcapitato spettatore. Il Tear Suppressor stringe tra le mani, se la sbatte sulla testa un paio di volte e poi gli dà persino una leccata. The Animal è impazzito. Attende soltanto che il Monster Hunter si rimetta in piedi per fracassargliela in testa, quando ecco sopraggiungere Gunther Schmidt armato di Sledgehammer! Schmidt carica il colpo imitato da Manson...

Immagine


E la sedia vola via lontano! L'Animal arretra e si gira, finendo poi per essere gettato via a sua volta da Brunild Wagner con un Harai Goshi! Kevin rotola via dimendosi, poi si rialza e si allontana barcollando verso la rampa, mettendo distanza tra se e il resto della Bruderschaft Der Krahe Incorporated.



E mentre nell'arena risuona la theme della BDK Inc., vediamo un Manson furioso lanciare strali e minacce verso il trio di Ravensburg mentre arretra pian piano verso lo stage, fino ad andarsene via con uno sguardo spiritato. Con Gunther Schmidt di guardia col suo martello, ecco che Brunild Wagner dà una mano a Sigfried Jaeger a rialzarsi. I due chiacchierano tra loro a bassa voce, ma dagli sguardi e dai gesti si vede bene quanto sia scocciato il Corvo dopo tutto quello che è successo, oltre a essere provato. E con la Bruderschaft Der Krahe Incorporated che se ne va via compatta e con facce cupe verso il backstage, noi andiamo in pubblicità. Don't. Change. The Channel.


Up Next: Tre Razzisti Ed Una Gamba


Top
 Profilo  
Rispondi citando  

Re: TWC - Friday Night Indoor War (#25-???)
MessaggioInviato: 08/04/2016, 20:10 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: 21/03/2012, 18:23
Messaggi: 8563
Immagine

Al termine di una sosta pubblicitaria, le immagini ci conducono nuovamente live dalla Nationwide Arena, Columbus, dove si sta svolgendo il ventisettesimo episodio di Friday Night Indoor War, lo show rivelazione della scorsa stagione. Pronta per una nuova intervista, troviamo la giovane e raggiante intervistatrice della TWC, Ally Sullivan, armata di microfono.

AS: Signore e signori, ecco a voi i miei ospiti, uno dei membri del Consiglio d'Amministrazione della TWC, Matthew J. Truman, e Melania Truman!

ImmagineImmagine

Un sorridente Matthew J. Truman, accompagnato dalla moglie, l'affascinante modella Melania Truman, compare alla sinistra di Ally Sullivan, che accoglie i suoi due ospiti con un sorriso.

MT: Che bella ragazza, meravigliosa!

Il magnate, facendo una smorfia, allarga entrambe le braccia, agitando il braccio destro, Ally arrossisce, mentre Melania, seria, china leggermente il capo.

MT: Voglio una promozione per questa ragazza, sì, se la merita; domani vado al Consiglio e batterò i pugni per avere questo, contaci, alla faccia di quella cagna di Virginia...

La giovane intervistatrice, col volto ormai divenuto rosso, smorza un sorriso di cortesia, poi prende la parola.

AS: Truman, stanotte ci sarà un match di coppia fra i fratelli Powell e il duo formato da Gary Smith e Gus Anderson, il vincitore, come è stato da le annunciato durante lo scorso episodio di Indoor War, potrà avere il suo appoggio; che cosa significa?

Matthew sorride.

MT: Nella mia trentennale carriera da imprenditore, ho costruito palazzi, i più alti al mondo, ho creato intere catene di alberghi, i più lussuosi che possiate trovare su questo pianeta, ho stretto accordi plurimilionari con le più importanti personalità della Terra, ho dunque acquisito un certo prestigio, ma soprattutto ho conquistato un potere che in pochissimi possono vantare, di certo non il nostro presidente né il signor Virgil Brown, Jr.; perciò, carissima, chi vincerà stanotte potrà contare sull'appoggio di uno degli uomini più potenti e ricchi del pianeta, con tutto ciò che comporta...

Matthew J. Truman fa l'occhiolino all'intervistatrice, che, dopo un altro smorzato sorriso, prosegue con l'intervista.

AS: Qual è il suo pronostico per il match di stasera? Quali sono le sue aspettative?

MT: Sei davvero fantastica, Ally, sei una dea, chi ti merita dovrebbe essere uno in grado di ricoprirti d'oro, regalarti gioielli, diamanti...

AS: Gary Smith e Gus Anderson oppure i fratelli Powell, chi preferisce?

Matthew J. Truman si fa serio, perdendo sul volto il sorriso.

MT: Chi preferisco? Sono quattro ragazzi fantastici, divertenti, simpatici, condividono i miei stessi ideali, sicuramente meriterebbero più attenzione da parte di questa pseudo amministrazione, più occupata a fare affari col Messico, l'India, l'Arabia Saudita o la Cina, piuttosto che preoccuparsi dei propri talenti; quando sarà il nuovo general manager di Friday Night Indoor War, tutti saranno felici, anche chi mi critica, perché gente come Gus Anderson, gente come Greg... Gary Smith, gente come i Powell saranno rispettati per i talenti che sono, questo ci chiede la nostra gente...

??: Ehi!

Immagine

... fa il suo ingresso in scena un sorridente Maximilian Powell! Il fratello di Max, indossando il suo ormai tradizionale cappello da cowboy e tenendo fra le mani l'ormai celebre computer portatile, si accosta ai tre.

MP: Ciao, Ally, ciao, Matthew, ciao, Melania, come state?

Matthew J. Truman, dopo un attimo di spaesamento, sorride, annuendo, mentre Melania rimane seria, Ally invece guarda stranita il membro della famiglia Powell, che freneticamente digita sulla tastiera del suo portatile...

MP: Lo sapevate che il Palazzo Truman, situato a New York, più di mille piedi?!

Il magnate annuisce, soddisfatto.

MP: Io credo in Truman, se si candidasse anche per la Casa Bianca, lo voterei, lui è il mio presidente! Da imprenditore a imprenditore, Matthew, hai il mio appoggio: con te la TWC tornerà grande, ancora! Qui non passa lo straniero...

... un urla interrompe Maximilian Powell, è Melania Truman, che, terrorizzata, fa uno scatto in avanti...

Immagine

... alle sue spalle ecco comparire il secondo dei fratelli Powell, Max!! Truman accoglie fra le sue braccia la moglie disperata, Ally si fa da parte, mentre Max, tenendo basso il capo, si stringe i capelli, facendo di tanto in tanto qualche verso animalesco...

MP: Qui non passo lo straniero... Gary Smith, Gus Anderson sono stranieri, vogliono impadronirsi del nostro territorio, rubare e mangiare i nostri bimbi, stuprare le nostre donne... qui non passa lo straniero...

... Max si avvicina minacciosamente verso Melania, stretta fra le braccia del marito, poi il suo sguardo si rivolge verso quest'ultimo, che, tenendo gli occhi spalancati, lo osserva, visibilmente spaventato...

MP: Mammina, papi, Truman è il padrone di casa buono? E' l'oste che ci accoglie e ci dà un buon pasto? Di lui possiamo fidarci? Oppure è il poliziotto cattivo, che ci farà del male? Di lui possiamo fidarci?

... lentamente, tenendo ben stretta la moglie Melania, Matthew J. Truman si allontana, uscendo poi di scena sotto lo sguardo alienato di Max, mentre al suo fianco Maximilian sorride...

MP: Ciao, Matthew, ciao, Melania!


Up Next: B heading to the ring


Ultima modifica di CM-Cena il 08/04/2016, 20:16, modificato 1 volta in totale.

Top
 Profilo  
Rispondi citando  

Re: TWC - Friday Night Indoor War (#25-???)
MessaggioInviato: 08/04/2016, 20:15 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: 21/03/2012, 18:23
Messaggi: 8563
Weeeeeelcome back laaaaadies and WannaB!!! Bentornati live per questa puntata di Indoor War che fino ad ora ci ha regalato grandissime emozioni.




Welcome to the end of everything that haunts me
Somehow I pretend all was meant to be
I am not the saint here, never the good son
Hell has taken over and I know

When I say go...run away, run away
When I say go...run away, run away
When I say go...run away, run away
When I say go...run away, run away, run away


Immagine


Più elegante che mai Simon B si presenta sullo stage accolto da una bordata di fischi! Simon si guarda intorno e fa un sorriso quasi sconsolato. Il Who You Want To B avanza lentamente sistemandosi prima la giacca e successivamente la cravatta che gli stava un po' stretta. Oggi però sembra diverso, sembra un po' amareggiato, addirittura leggermente rabbioso. Mentre il ragazzo di Miami si avvia sul ring possiamo notare tra il pubblico un vecchio che alza al cielo festante un cartellone con scritto "We Want Jeff Gaia", talento straordinario di una federazione indipendente che, a quanto pare, sembra molto vicino a firmare un contratto con la Total Wrestling Corporation. B sale sul ring passando per i gradoni, come i Signori, e si fa passare un microfono da un addetto vicino al timekeeper.

SB: Meh..

Nemmeno il tempo di aprire bocca, che un ironico "meh" di risposta parte dalle gradinate accompagnato da una moltitudine di fischi! Simon scuote la testa..

SB: Che sia ben chiaro: non sono venuto qui a farvi la predica o ad insultarvi, ma.. avete già rotto il cazzo, senza timore di smentita.

B sorride, passeggia nervosamente per il ring avanti e indietro, avanti e indietro...

SB: Uno nove otto nove. Vengo al mondo in inverno, Dio mi parla nel sonno... e mi dice che sarà un inferno. Un fottutissimo inferno, come le ultime settimane, come adesso. Se torno nel backstage ora mi trovo un centinaio di persone davanti senza sapere se vogliano aiutarmi o vogliano spaccarmi la faccia a tutti i costi. Incredibile quanto le mie parole, le mie reazioni, le mie gesta e le mie scelte pesino così tanto sull'umore, sull'andamento del backstage.

Simon viene sommerso dai fischi.

SB: E' inutile che fischiate, adesso tutti hanno paura. Adesso tutti mi temono, perchè sanno che con un bastone da kendo in mano, con un piede di porco, o anche semplicemente a mani nude potrei fargli male, veramente tanto male. Non è più come prima, non è come quando mi ero aggregato a quel gruppo di psicopatici inutili... com'è che si chiamavano? Ah, sì... La Fox's Army! Tutti nel backstage ci reputavano dei falliti, ed è questo che infondo erano e sono ancora! Fred, Big Black Boom, Christophorus Schmidt, Sigfried Jaeger.. oltre ad avere nomi impronunciabili, solo anche delle persone di merda! E poi, sono tedeschi...

Il Who You Want To B fa le spallucce e sorride, mentre il pubblico accenna una timida risata per le parole dell'uomo che tutti noi vorremo essere.

SB: Capisco perfettamente le vostre risate, perchè c'è un po' di "Schmidt" in tutte le superstar di questo roster. Tutti hanno sempre e costantemente da ridire su ogni cosa che fai, su ogni mossa che esegui e su quale scelta fai. Tutti quanti, quando gli passi davanti senza degnarli di uno sguardo, ti squadrano dall'alto verso il basso con aria di superiorità, con arroganza, con saccenza, con superbia, come se avessero il cazzo d'oro senza rendersi conto del loro non essere nessuno e del non valere un cazzo fuori da queste tre corde. E se provi a farglielo notare loro, sempre in modo sfacciato e con aria altezzosa, arrivano anche a minacciarti. Idioti...

Il ragazzo di Miami si slaccia un bottone della giacca mentre il pubblico sembra un po' confuso da questo discorso di Simon. Dove vuole arrivare?

SB: Ma adesso basta, è ora di mettere la parola fine a questa storia. Non sarà più un Simon B spoccioso, tutto fumo e niente arrosto, solo chiacchiere e distintivo. Avevo dato un avvertimento due settimane fa, facendo fuori mezzo roster a suon di mazzate, mettendo al tappeto ogni persona che mi si presentasse davanti e facendo piazza pulita sul ring, mentre Vincent Cross se ne stava tremante come un piccolo cucciolo di tigre indifeso nascosto dietro il tavolo dei commentatori per paura che la mia furia travolgesse anche lui. Ah, a propisito...

Lo Youngblood si schiarisce la voce tossendo abbastanza ironicamente.

SB: Vincent Cross, io ti odio. Te lo dico con il cuore in mano, io ti odio. Ma non ti odio solamente perchè mi hai fatto perdere il mio titolo del mondo, o perchè mi hai sconfitto ad Alpha Horizon, o perchè mi hai in poche parole rovinato la vita. Io ti odio perchè non riesco a capirti. Non riesco prorpio a capirti... Due Venerdì fa sono intervenuto nel tuo match non per salvarti, ma per attaccare Rossen e Benjamin che appena hanno visto le brutte se la sono data a gambe levate. Lì mi hanno attaccato in sette, in otto, nemmeno me lo ricordo... e tu che hai fatto? Te ne sei stato per conto tuo, nel tuo angolino, senza muovere un muscolo.

Simon B si passa la mano fra i capelli aggiustandosi il ciuffo, come se ce ne fosse bisogno.

SB: E poi.. meh.. ti aspetti che io mi fidi di te? Ti sembra normale venirmi a chiedere un'alleanza dopo tutto ciò che c'è stato tra noi, e dopo tutto ciò che mi hai fatto passare? Cos'hai nella testa? Balle di fieno? Giù le maschere, Vince. Io ti odio. Nello straordinario e meraviglioso mondo di Simon B non c'è posto per Vincent Cross. Nella favolosa vita di Simon B, Vincent Cross non è nemmeno un personaggio secondario, nemmeno un piccolo cameo. Tu per me nemmeno dovresti esistere. Hai interrotto il mio grande regno, mi hai sconfitto in un modo quantomeno discutibile, ti sei preso gioco di me... ma alla fine di War Of Change sarai soltanto un altro nome nella lista, l'ennesimo iscritto all'albo degli sconfitti.

Discorso bomba di Simon B.

SB: Fatto sta che io voglio continuare da solo perchè non ho bisogno di nessuno, di nessuno! Non esistono più i Criminals, non esistono più i Cool, Ink nè tantomeno la Fox's Army. Simon B va avanti da solo nei suoi due obiettivi principali.

E poi, quasi declamando...

SB: Prendere a calci nel culo Richard Rossen e quel ciccione patentato che si porta appresso... e distruggere ancora una volta Vincent Cro-



Immagine


Il Biker, sulla rampa, fissa il proprio avversario mentre la canzone smette di risuonare. B invita chiaramente l'avversario a salire sul Ring, ma ecco che Cross alza per un attimo l'indice della sinistra dell'aria.

VC: Non così in fretta, Simon.

Cross fa qualche passo in avanti verso la zona del ring. Si guarda attorno, prestando occhio ai fans.

VC: Non amo parlare a vanvera o fare grandi discorsi pieni di tante parole che non vogliono dire nulla, e questo immagino lo sappiate tutti quanti. Sono una persona pratica, che preferisce l'azione al blaterare. Ma oggi dovrò accantonare questa mia tendenza.

Rossen, ormai vicino all'apron Ring, inizia a camminare attorno al quadrato, fissando Simon B che fa la medesima cosa, scrocchiandosi le nocche.

VC: Sono stato tante cose, Simon: un figlio modello, uno studente esemplare, anche se nessuno lo direbbe guardandomi, un abbandona famiglie, uno che molto probabilmente ha preferito fuggire piuttosto che lottare, un biker non esattamente di natura, forse uno che ha scelto una vita di ripiego, non lo so, ormai tutto è ben noto e lascio che siate voi, te come coloro che sono tra il pubblico della TWC, a giudicarmi.

Ora il biker sale sull'Apron Ring. Non ha distolto lo sguardo. Tiene stretta la terza corda con la mano sinistra.

VC: Ma ci sono cose che non sono e che non sarò mai più, e tra queste non ci sono sicuramente né uno stupido, né un bastardo. Due settimane fa, dolorante e fasciato, ho affrontato una battaglia quasi disperata. Ma poi sei arrivato tu, Simon. Li hai stesi tutti. Mi hai fatto quasi paura, ecco perché non sono intervenuto. Non eri venuto a picchiare me quella volta, eri venuto a combattere chi ti aveva usato e poi gettato via. Mi hai ricordato molto me stesso, per quanto so che questa frase ti faccia schifo ora. Ma non posso dire diversamente.

Cross entra nel quadrato, tenendosi alla larga dallo Youngblood. Si appoggia all'angolo.

VC: Io non ti odio, Simon. Non credo di aver mai effettivamente odiato qualcuno, e non inizierò ora. Ho voluto punirti per esserti schierato con la persona sbagliata volontariamente, ma ora hai capito cosa significa avere rapporti con mio fratello. Per questo voglio offrirti una seria possibilità. Insieme, contro di lui. Capisci?

B incrocia le braccia.

VC: Probabilmente non vuoi ascoltarmi, probabilmente vuoi solo pestarmi. Io no, io voglio solo concentrami sulla vera minaccia. Ed è per questo che te lo dico chiaro e tondo: io non voglio più lottare con te a War of Change non ci sarà nessun Rematch!

Brusio tra il pubblico alle parole del biker. B spalanca la bocca.

SB: Ma che cazzo stai dicen-

Simon butta via il microfono e inizia a sbottonarsi la camicia... ma la sua attenzione viene richiamata da qualcuno sullo stage, che arriva tra le urla del pubblico... chi sarà mai?

Immagine


Ma è il nostro General Manager!!! Virgil Brown arriva sullo stage e fa segno a qualcuno di muoversi... ed ecco che arriva un gruppo di gente della Security della TWC!

Immagine


"L'esercito" vestito di nero sale in fretta sul ring e accerchia velocemente sia Simon B che Vincent Cross, non lasciandogli alcuna via di scampo! Brown rimane fuori dal quadrato ed annuisce in direzione di quanto accaduto, mentre sia Simon B, sia Vincent Cross, sia tutto il pubblico è abbastanza confuso! Simon è il primo che prova a ribellarsi e a spintonare i membri della Security che però sono in netta superiorità numerica ed arrestano immediatamente il tentativo di ribellarsi di B che è costretto ad arrendersi e a lasciarsi trasportare via. Stessa cosa per Vincent Cross che sfrutta la sua potenza fisica e la sua stazza per liberarsi di qualche membro della sicurezza e prova a chiedere spiegazioni senza ricevere alcuna risposta anche perché viene subito ripreso e costretto a stare zitto. I due wrestler si guardano attorno freneticamente, solamente Brown sembra avere la situazione sotto controllo e ordina alla security di portare Cross e Simon B nel backstage.

Up Next: WELL!


Top
 Profilo  
Rispondi citando  

Re: TWC - Friday Night Indoor War (#25-???)
MessaggioInviato: 08/04/2016, 20:20 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: 21/03/2012, 18:23
Messaggi: 8563
Bentornati live da Indoor War. Adesso è il momento di uno dei wrestler più hot del momento, il nuovo FWP World Wrestling Champion Chris Drake!



No More Secrets, la theme song di Chris Drake risuona nell'arena venendo accolta dal boato del pubblico qui presente! Le luci si abbassano leggermente mentre i fari puntano lo stage dove vediamo comparire con il suo classico sorriso beffardo in viso ed il FWP World Wrestling Championship in spalla, The World Champ Chris Drake in compagnia della sorella Alisa.

ImmagineImmagine


The Predator si ferma ad osservare l'arena mettendosi di taglio la mano destra sulla fronte per poi annuire in maniera vigorosa, battere dei pugni sul titolo con una sola mano ed indicare il ring con la stessa mano per poi alzare al cielo il suo titolo mondiale. Dopo essersi rimesso il titolo in spalla Mr. TWD si incammina sulla rampa a passo deciso seguito dalla sorella, e non appena arrivato ai piedi del ring gira verso destra facendo il giro del quadrato e scambiando dei cinque con i fan in prima fila mentre Alisa si ferma all'altezza della rampa. Finito il giro si posiziona difronte al ring, affianco alla sorella, e dopo aver saltellato sul posto esegue un balzo che lo porta sull'apron ring permettendogli di entrare attraverso la corda più alta e quella centrale. Una volta dentro allo squared circle allarga le due corde più basse agevolando l'ingresso ad Alisa che era salita dai gradoni, ed ora si dirige a passo svelto verso il paletto adiacente alla zona del timekeeper, e una volta salito su alza il FWP World Wrestling Championship al cielo con entrambe le braccia mentre la sorella lo indica con il braccio destro assumendo un'espressione soddisfatta. Fatto ciò scende dal paletto mentre Alisa si fa passare due microfoni da Jessica Rose. L'annunciatrice esegue e dopo aver preso possesso dei microfoni Alisa ne passa uno a Chris che lo impugna come suo solito mettendo il pollice, l'indice ed il medio sul blocco con il logo della TWC, e l'anulare ed il mignolo sul manico, e dopo essersi posizionato al centro del ring attende che la sua theme si interrompa e mostra un sorriso compiaciuto.

Immagine


C.Drake: Ladies and gentleman of Columbus!

Boato del pubblico.

Alisa: How is it going?

Pubblico: WELL!!!

I Drake Siblings sorridono ed ora Chris prende la parola.

C.Drake: Lasciatemi dire una cosa, questo preciso momento è un sogno che si realizza sia per me e sia per mia sorella Alisa, poiché da quando entrambi siamo wrestler questa è la prima occasione che abbiamo di stare al centro di un ring con un microfono in mano a parlare con voi qui nell'arena e con i milioni che ci stanno guardando da casa. Fino ad ora tutte le occasioni che abbiamo avuto per condividere il ring sono state rovinate da Samantha...

Alisa: Non proprio tutte Mr. TWD... Se non sbaglio nello scorso Indoor War e nello scorso Breaking Point siamo stati noi a rovinare i momenti di gloria che Samantha sperava di vivere.

Altro boato d'approvazione del pubblico.

C.Drake: Hai proprio ragione Miss TWD, quasi dimenticavo che due settimane fa Samantha aveva pianificato una trionfale vittoria per il suo adorato Franklin Dixon, ma quando c'è un Predatore in giro i piani ben premeditati possono facilmente andare a farsi fottere, ed infatti il suddetto Predatore ha colpito ben due Prede divenendo The Reigning, Defending, Undisputed Wrestling Champion of the World!

Chris alza il suo titolo al cielo ricevendo applausi, in primis dalla sorella.

Alisa: Ma come volevasi dimostrare la perfida Rachel Drake Fortuna...

Fischi assordanti da parte del pubblico.

Alisa: ... dopo aver finto una commozione cerebrale per cercare di sparire un po' dalle scene in modo far scordare alla gente che la maschera da brava ragazza che portava le è stata infranta rivelando la sua natura da assoluta stronza, ha deciso, sempre in virtù della sua natura da stronza, di lasciare la gestione di Breaking Point a Samantha Hart, e ciò che ne è conseguito è stato un continuo abuso di potere durato tutta la puntata.

C.Drake: Io capisco che Finn Wheelan se lo meriti per il semplice fatto di essere la puttanella di Simon B., ma un Blindfolded Match è davvero da bastardi, così come il licenziare una giovane, promettente e brava ragazza, costandole il visto di permanenza negli Stati Uniti tra l'altro, solo per vendicarsi del fatto che Luisa si era immediatamente distaccata dall'affiliazione con i Guardians Of Truth, affiliazione che mi ha confessato aver fatto solo per non perdere il lavoro. Ironico ed allo stesso tempo triste, non trovate?

Fischi e qualche timido coro per Luisa Mirada.

Alisa: Ma il meglio di se lo ha dato nel main event la nostra cara Samantha Hart.

C.Drake: Esatto Sis, poiché dopo che io ho sconfitto in maniera netta e pulita Devil Antonius rimanendo FWP World Wrestling Champion, Samantha ha ben pensato di mettermi contro il suo burattino Aleki Maivia, e nonostante io avessi appena combattuto un match di alto profilo, ci ho messo solo tre secondi per schiantarlo a terra e tenerlo giù per un conto di tre. E' un record cazzo!

Alisa: Ma non è finita qui Bro...

C.Drake: Eh no che non è finita qui, poiché Samantha la porcata finale l'ha fatta facendomi attaccare alle spalle con una sedia da Franklin Dixon per poi inserirmi un Three On One No Disqualification Handicap Match contro i Guardians Of Truth al gran completo, e sempre per il mio FWP World Wrestling Championship! Ma la cosa bella è che lei ha cercato di schienarmi più volte cercando di vincere questo titolo! Davvero, l'ego di questa donna non conosce limiti!

Miss Drake assume uno sguardo serio.

Alisa: Un limite c'è, e questo limite sono io!

Buonissima reazione del pubblico.

Alisa: Ad Indoor War undici mi hai aggredita alle spalle mentre stavo eseguendo l'ingresso nell'arena, mi hai massacrato con delle sediate, mi hai fatto svenire e poi hai costretto l'arbitro a far partire il match tra noi due ottenendo una facile vittoria. Ad Indoor War dodici invece ti ho fatto cedere al centro di questo ring durante il match tra Chris e quello scarto d'uomo che ti porti dietro e che corrisponde al nome di Franklin Dixon. Direi che siamo pari Samantha, ma a me un pari non basta poiché io so di essere migliore di te, io so di essere in grado di sconfiggerti ed umiliarti una volta per tutte, perciò ti sfido ufficialmente ad un match! Lascio a te la scelta del luogo e del momento in cui farlo, l'importante è che possa avere l'occasione di distruggerti una volta per tutte!

Applausi del pubblico per Alisa che ora si rilassa mostrando un leggero sorriso.

C.Drake: Uuh, sembra proprio una sfida. Ma Ali, io non chiamerei fuori Samantha Hart ed i suoi due cani proprio ora, siamo in inferiorità numerica...

Lo sguardo di Chris si illumina.

C.Drake: Aspetta un momento! Noi non siamo in inferiorità numerica, siamo pari! Quasi mi scordavo che a Breaking Point quell'Handicap Match l'ho vinto nonostante i molteplici abusi di potere, e questa vittoria la devo a te ma anche ad un'altra persona che mi ha aiutato a fare giustizia.

Il pubblico inizia a scaldarsi.

Alisa: Giusto Chris, questa persona ci ha aiutato a fare giustizia attraverso il dolore che ha causato ai Guardians Of Truth tramite violente e precise sediate assestate su quelle teste ormai svuotate dal chip TS-19.

C.Drake: Ladies and gentleman of Columbus...

Alisa: How is it... Ah no, quel pezzo già l'abbiamo fatto. Continua Chris.

Il pubblico ride così come Chris che lancia un'occhiata divertita alla sorella.

C.Drake: ... please welcome The Most Badass Lawyer In The World, One Of The Best There Is, The Pain Deliverer... JAAAAAAACK KEEEEEEEENAAAAAAAAAAAAN!!!



Immagine


Keenan: Ladies and Gentlemen, my name is Jack Keenan and I deliver Pain.

Accolto da una discreta reazione, subito dopo essere stato annunciato dai fratelli Drake il Pain Deliverer fa la sua comparsa sullo stage, in abiti civili, microfono già alla mano. Passano solo pochi secondi prima che JK raggiunge i due sul ring, scambiando un pugnetto con Chris.

Keenan: Ciao Chris, ciao Alisa, grazie per la fin troppo calda introduzione. Voi l'avete chiesto al pubblico, io lo chiederò a voi due: how is it going?

Alisa: Well!

C.Drake: Fucking well!

Chris rimira il suo titolo.

Keenan: Ottimo. Insomma, si parlava di Breaking Point, no? Sapete, nell'ultimo paio di giorni più di qualche persona mi ha chiesto cosa ci facessi lì. E' una domanda tutt'altro che banale, davvero: a parte il fatto che non ho mai tenuto segreto il fatto di essere poco interessato a cosa succede in FWP, bisogna anche aggiungere che io e Chris siamo amici, certo, ma non per questo ho sentito il bisogno di coprirgli le spalle ogni singola volta che si è ritrovato davanti Samantha Hart e compagnia bella, quindi il mio intervento era tutto fuorchè scontato.

JK si schiarisce la voce, prima di continuare.

Keenan: Tuttavia, dopo quel che era successo due settimane fa, nell'ultima puntata di Indoor War, io ed Alisa abbiamo fatto due chiacchiere e abbiamo convenuto sul fatto che probabilmente Samy e Rachel Drake - sì, tuttora è strano chiamarla con questo nome - sarebbero state sul piede di guerra. Quindi, abbiamo preferito prendere qualche piccola misura preventiva, e direi che ne è valsa la pena. By the way, Alisa, ora mi devi 4000 dollari ed un biglietto di Breaking Point. Spero tu mi stia dando almeno la precedenza sul tuo libro rimborsi.

Alisa: Che taccagno...

Jack mostra un sorriso devertito mentre Alisa sbuffa all'insù spostandosi una ciocca di capelli.

Keenan: Inoltre, vale sempre la pena fare qualcosa che possa dare fastidio a Samy Hart. Insomma, la nostra Samy oggi è odiata indistintamente da tutto il TWC Universe, ma il primo ad avere più di qualche screzio con lei, qui, sono stato io, ai tempi di Dragon Drake. Chissà se ricorda ancora quella Pain Delivery che prese da me al primo War of Change. Di per sè, comunque, già il fatto che fosse coinvolta lei è stato sufficiente a convincermi.

Il Pain Deliverer sta ora evidentemente ridacchiando sotto i baffi.

Keenan: A proposito, Chris, Ali, ho addirittura sentito qualcuno lamentarsi del fatto che quel match sia stato vinto schienando una donna. Ragazzi, non dimentichiamo che quella donna era Samantha Hart, suvvia.

C.Drake: Jack, però c'è da dire che il titolo l'ho vinto schienando Franklin Dixon, l'ho mantenuto schienando Aleki Maivia e mica mi potevo far sfuggire l'occasione di mantenerlo ancora schienando Samantha Hart! Inoltre la mossa che l'ha stesa è stata la Lady Wolf di Alisa, quindi io tecnicamente ho solo provveduto a sdraiarmi su di lei, cosa fatta da un centinaio di altre persone prima di me, ed ottenere la vittoria.

Il campione mondiale sorride.

C.Drake: E comunque Alisa ha ragione quando ti definisce taccagno, poiché quei quattromila dollari di cui parli non sono nulla in confronto a ciò che potremmo guadagnare lavorando insieme.

JK ascolta interessato.

C.Drake: E per insieme intendo su questo ring!

Buonissima reazione del pubblico.

C.Drake: Sai Jack, io ho raggiunto il top in singolo, sono divenuto campione mondiale ed ho reso la FWP il mio show, ed è mia stessa intenzione fare lo stesso in TWC solo che dominando la categoria tag team! Pensaci, due dei migliori wrestler al mondo uniti per vincere contro tutto e contro tutti!

Jack Keenan spinge le braccia in avanti, di scatto.

Keenan: Rallenta un momento, Chris... allora, l'offerta è allettante, lo ammetto... ma, senza offesa, tu sai cosa sto cercando. Justice through Pain. Non è necessario per me, chiariamolo, ma è necessario per dimostrare a chiunque che tutto ciò che ho sempre sostenuto non è altro che la pura verità. Chris, lo sai che per legittimarmi ho bisogno di un titolo alla mia vita...

C.Drake: Appunto Jack! Già immagino la scena... War Of Change II, il pubblico più grande della storia della TWC, io e te che festeggiamo la vittoria dei TWC Tag Team Championship!

Jack si gratta il mento pensieroso mentre Alisa prende la parola.

Alisa: Chris non ha tutti i torti Jack... Tu vuoi assolutamente vincere un titolo per legittimare la tua carriera da wrestler, ed i TWC Tag Team Championship sono proprio perfetti per ottenere questo scopo. Pensaci, Christophorus Schmidt non è nulla senza Sigfried Jaeger, Shawn Gates e Travis Miller sono due bravi wrestler che in singolo però non hanno ottenuto molto, tu e Chris invece siete già due delle maggiori stelle del panorama odierno del wrestling da soli, pensa insieme cosa potete fare. Per voi due varrebbe davvero il detto che il cielo è l'unico limite.

C.Drake: Inoltre pensa a che nome figo potremmo avere, tipo... The Painful Predators!

Keenan: Ehm... non mi pare molto appropriato.

C.Drake: Allora, The Predators Of Pain!

Keenan: Hai solo cambiato un aggettivo con un sostantivo!

C.Drake: The Wild Deliverer?

Keenan: Che senso ha?

C.Drake: The Woodbury and Atlanta Made?

Keenan: Ti pare che i No More Heroes siano "The San Antonio and Inverness Made"?

C.Drake: The Wild Predators?

Keenan: Sembra il nome di un programma su dmax.

C.Drake: The Pain Deliverers?

Keenan: Chris, basta...

C.Drake: Guardians Of Pain?

Keenan: Chris, ti prego, fermati...

C.Drake: The Predators Army?

Keenan: E' già stato usato...

C.Drake: Ah già... The Painful Criminals?

Keenan: Pure questo...

C.Drake: The Wild Predators Of Justice Trough Pain?

Keenan: Ma perchè ti sto ancora ascoltando?

C.Drake: The...



Ed ecco che la theme dei Guardians Of Truth risuona nell'arena venendo accolta da una bordata di fischi da parte del pubblico.

ImmagineImmagineImmagine


I tre compaiono sullo stage con sguardi duri stampati in faccia, e Samantha ha un microfono in mano che si avvicina alla bocca quando la sua theme si interrompe.

Samantha: Zitti cazzo, mi state facendo girare la testa!

Keenan: La dose quotidiana non ti ha ancora abituata ai giramenti di testa?

Samantha: Io non ho bisogno di assumere sostante, ma a quanto pare voi sì. Vi consiglierei un po' di viagra per quei due cazzi mosci. Alisa può confermare per entrambi!

The Wolf Dame si appoggia alle corde con le mani fissando con sguardo duro Samantha.

Samantha: Uh, ho trovato il nome per il vostro stupido tag team... The Alisa Fuckers!

Una pioggia di fischi cade su Samantha che continua a sorridere verso i tre non curandosi del pubblico.

C.Drake: Una curiosità Samantha, ma come cazzo ti viene in mente...

Ma ecco che Miss TWD mette una mano davanti al fratello per poi scambiarsi uno sguardo d'intesa con lui. Chris fa un passo indietro lasciando parlare la sorella.

Alisa: Sorvolando sulle tue stupide ed infantili accuse d'incesto tra me e mio fratello che sinceramente non mi fanno ne caldo ne freddo, direi di passare alle cose concrete e reali faccia di troia! Non so se te ne sei accorta, ma ti ho lanciato una sfida prima, ed ora sta a te accettarla. Io e te, un ring, a te la scelta del luogo e del momento.

La Hart Princess inizia a ridere nella sua classica maniera fastidiosa.

Samantha: Ah ah ah! E tu pensi che The Wrestling Goddess possa accettare la sfida di una mezza calzetta come te? Ma non farmi ridere nana di merda, ne hai di strada da fare prima che io, Samantha Hart, decida di condividere il ring con moscerino come te!

Miss Drake sorride in maniera ironica.

Alisa: The Wrestling Goddess, hm carino come soprannome e non penso sia farina del tuo sacco. Qualcuno deve avertelo suggerito, magari mentre eri sotto effetto di Sashish.

The Predator osserva la sorella con sguardo sorpreso mentre Samantha spalanca gli occhi ed osserva con sguardo furioso Alisa.

Samantha: Che cazzo hai detto?!

Alisa: Sashish. Insomma la resina della marjiuana pressata e lavorata. Tutti conoscono il Sashish, e penso anche di sapere l'indirizzo dello spacciatore di Toronto da cui lo...

Samantha: ZITTA STRONZA, ZITTA!!!

Fischi assordanti piovono su una furente Samantha che ringhia in direzione di una sorridente e compiaciuta Alisa.

Samantha: Vuoi affrontarmi?! E sia!!!

Buona reazione del pubblico.

Samantha: Ma non mi sprecherò certo a combattere in una fogna come Columbus...

Fischi per Samantha.

Samantha: No brutta troia, ti umilierò davanti il pubblico della tua hometown così capirai cosa significa mettersi contro Samantha Hart! Perciò tieniti libera il diciassette aprile poiché io e te ci affronteremo ad FWP Path Of Legends!

Reazione tiepida per questo annuncio.

Samantha: E per quanto riguarda voi due coglioni amiconi... Volete giocare a fare i tag team partners? Bene, vi darò modo di giocare questa sera qui ad Indoor War! Voi due dementi affronterete Franklin Dixon ed Aleki Maivia così capirete come un vero tag team agisce.

Keenan: Aspetta un momento, Samy, non corriamo troppo. A parte il fatto che io e Chris non siamo un tag team, al tempo stesso tu non sei una autorità qui ad Indoor War. A dire il vero, non sei proprio nessuno qui in TWC. Quindi, perchè dovremmo seguirti?

Samantha: In parte hai ragione Jacky Keenan, ma dall'altra devi mettere in conto che ho l'autorità per sancire match FWP, e questo è un match FWP poiché il FWP World Wrestling Championship sarà in palio!

Boato di sgomento del pubblico.

Samantha: La stipulazione è applicabile solo per i miei Monsters, e chi tra Dixon e Maivia otterrà lo schienamento vincente sarà il nuovo campione mondiale, e la cosa bella è che lo schienamento può avvenire anche su Keenan ed egualmente avverrà il cambio di titolo!

Fischi del pubblico per Samantha che ora torna a sorridere.

Samantha: Samy always wins!

La ragazza fa cadere il microfono e la theme dei Guardians Of Truth risuona nell'arena. Le due fazioni si scambiano sguardi di sfida mentre Chis lancia occhiate preoccupate al suo titolo, e su queste immagini noi andiamo in pubblicità.


Still To Come: FWP World Wrestling Championship Tag Team Match - Chris Drake & Jack Keenan vs Guardians Of Truth


Top
 Profilo  
Rispondi citando  

Re: TWC - Friday Night Indoor War (#25-???)
MessaggioInviato: 08/04/2016, 20:25 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: 21/03/2012, 18:23
Messaggi: 8563
E dopo i consigli per gli acquisti, torniamo in onda con Friday Night Indoor War, live dalla Nationwide Arena di Columbus, Ohio.

Immagine


Dopo un panoramica dell'ingresso del grande impianto che ospita la ventisettesima puntata dello show di punta della Total Wrestling Corporation, torniamo a bordoring per il prossimo, attesissimo, segmento. Ma ecco che le luci si abbassano, mentre l’immagine di un gigantesco corvo in procinto di attaccare compare sul titantron.

Immagine


Pubblico che si infervora immediatamente, la BDK Inc. torna in azione!

Immagine


Subito dopo ecco comparire il logo del gruppo di wrestler provenienti da Ravensburg, mentre una grigia foschia si diffonde sullo stage.



Infine ecco rimbombare prepotentemente la theme di Gunther Schmidt, il colossale Mastino proveniente dalle impervie montagne della Baviera, nonchè noto veterano della disciplina, avendo lottato in tre continenti.

Immagine


Ed ecco sbucare The Hound dalla nebbia tra le grida di giubilo dei fan! Come vediamo, il tedesco stringe in mano il misterioso grimorio sequestrato due settimane fa al suo arcinemico Jove OM, libro che dovrebbe contenere i più grandi segreti e dottrine della setta degli Enlightend of Pro Wrestling.

Spoiler:
Immagine


La teutonica calma del Mastino si incrina subito non appena da sotto la telecamera sbuca come sempre Thomas Bell, compagno di team di Gunther e membro fondatore dei Pink Unicorn United.

Immagine


I due iniziano subito discutere tra loro, quando ecco sbucare alle loro spalle dalla nebbia nientemeno che Ultraman!

Immagine


L’eroico Difensore della Natura prima si sbraccia per scacciare il fumo che lo infastidisce, poi inizia a girare avanti e indietro sullo stage, gridando a squarciagola la sua catchphrase.

UTM: ONE MORE CHANCE!!!... ONE MORE CHANCE!!!... ONE MORE CHANCE!!!... ONE MORE CHANCE!!!... ONE MORE CHANCE!!!...

Di fronte a questa ennesima improvvisata, la teutonica calma del Brutal Crow finisce appesa un filo. Ma quando Ultraman si ferma davanti a lui e Thomas e gli porge la mano come a sancire una grandiosa alleanza, ecco che la teutonica calma muore definitivamente. Gunther cala lungo la rampa scuro in volto, impettito e scuotendo il capo, seguito da un divertito Bell e da un Ultraman troppo gasato per capire quello che sta succedendo. Tra le grida generali del pubblico i tre raggiungono il ring e vi entrano ognuno per conto proprio. A questo punto, mentre la theme del Mastino sfuma, vediamo Gunther farsi dare un microfono e prepararsi a parlare, mentre Thomas osserva Ultraman che cammina avanti e indietro come un pazzo. Ma ecco che il Difensore della Natura si ferma davanti a Gunther e gli strappa di mano il mic! Che sia la ripresa della loro rivalità?!

Immagine


UTM: TWC UNIVERSE, QUI E’ ULTRAMAN CHE VI PARLA!

Boato del pubblico per Ultraman, che sorride.

UTM: LA SCORSA PUNTATA DI INDOOR WAR HA DIMOSTRATO ULTRACHIARAMENTE CHE LA POTENZA DI ULTRAMAN CONTINUA A PERSISTERE, LIBERA E ULTRASELVAGGIA COME NON MAI! DOPO L’IGNOBILE ULTRAGGRESSIONE SUBITA DAGLI ILLVMINATI AD ALPHA HORIZON, ULTRAMAN NON POTEVA PERMETTERE DI FARGLIELA PASSARE LISCIA! E PER QUESTO I DUE ULTRASERVITORI DELLA LVCE HANNO AVUTO QUELLO CHE MERITAVANO!

Altra reazione positiva del pubblico. Poi Ultraman fa segno che ha altro da dire.

UTM: MA ULTRAMAN NON E' UNA PERSONA COMUNE, E PERCIO' HO DECISO DI APPROFONDIRE LE MIA GIA' VASTE ULTRACONOSCENZE. PER GIORNI E GIORNI, SETTIMANE E SETTIMANE, ULTRAMAN HA LETTO LIBRI, CONSULTATO ULTRAESPERTI IN MATERIA, VISITATO BIBLIOTECHE E MUSEI, PARTECIPATO ATTIVAMENTE A ULTRACONFERENZE RIGUARDO QUESTI SEDICENTI PERSONAGGI. E LA CONCLUSIONE CHE ULTRAMAN NE HA TRATTO E’ LA SEGUENTE...

Ultraman sospira, poi risponde con evidente frustrazione.

UTM: NON C’HO CAPITO NIENTE!!!!!

Il Difensore della Natura scuote la testa.

UTM: TUTTI QUESTI RACCONTI DI ULTRACOMPLOTTI E GOVERNI CORROTTI MI FATTO VENIRE UN TERRIBILE ULTRAMAL DI TESTA! E’ PER QUESTO CHE IL DIFENSORE DELLA NATURA HA DECISO DI SOSPENDERE TEMPORANEAMENTE LE OSTILITA’ CON GUNTHER SCHMIDT E IL SUO AMICO PRESTIGIATORE, AL FINE DI RAGGIUNGERE L’OBIETTIVO COMUNE. DISTRUGGERE GLI ILLVMINATI!!!!!!!!!!

Mentre l'arena esplode, Ultraman annuisce solennemente. Poi si gira verso Gunther e Thomas.

UTM: SCHMIDT! BELL! AVETE CAPITO BENE?! DA STASERA ULTRAMAN E’ UFFICIALMENTE UN VOSTRO ULTRALLEATO! ADESSO AVETE UN’ARMA POTENTISSIMA DA OPPORRE AI NOSTRI ULTRANEMICI COMUNI! E QUELL’ARMA ULTRAPOTENTE RISPONDE AL NOME DI ULTRAMAN!!!

Dopo di che Ultraman butta in terra il microfono e ricomincia a girare intondo sul ring gridando a squarciagola la sua catchphrase, lasciando basiti Gunther e Thomas.

UTM: ONE MORE CHANCE!!!... ONE MORE CHANCE!!!... ONE MORE CHANCE!!!... ONE MORE CHANCE!!!... ONE MORE CHANCE!!!...

Appena il Difensore della Natura si calma, vediamo il Mastino raccogliere il mic. Poi eccolo iniziare a parlare mentre sventola il Tomo della Lvce.

Immagine


GNT: Giorni di fa, io preso libro di Luminosi. Mastino provato di leggere, ma capito di nulla. Poi Sig detto me che scritto in linguaggio di Esperide. Tale lingua di Luminosi grande di complicazione. Nessuno in mondo di noi usa di essa in parlata. Neanche in valli nascoste di Alpi. Ma con prezioso strumento di vocabolo, io decifrato segreto di mistero.

Il Brutal Crow improvvisamente diventa cupo in volto e guarda l'antico testo.

GNT: Das ist Scheiße! Questo essere pessimo libro di cucinazione! Io no piace cucina Luminosa. Essa simile di cattivo cibo di Vega. Solo formule di verdura, no carne! Mastino piace carne!!!

Il Mastino butta a terra il libro e inizia a calpestarlo furiosamente, attirando l’interesse di Ultraman, che subodora un nuovo terribile crimine di Ultrainquinamento. A sbrogliare la situazione è Thomas Bell, che raccoglie il grimorio e se lo mette in una delle tasche interne del giacchetto, facendolo sparire.

Immagine


Ma attenzione! Mentre Ultraman e Gunther stavano discutendo, le luci dell’arena si spengono improvvisamente, e una una famigerata theme risuona sinuosa nell’aria.



Quando le luci si riaccendono, sul ring vediamo gli eroici Schmidt, Bell e Ultraman guardare verso lo stage in cagnesco. Ma nessuno però esce fuori, finchè il titantron si illvmina, mostrando in primo piano il divino Jove OM, capo degli Enlightned of Pro Wrestling, in collegamento sicuramente da qualche luogo misterioso e lontano dell’universo.

Spoiler:
Immagine


Il capo degli Illvminati guarda dritto in camera, non curandosi dei fischi del pubblico e inizia a parlare rivolgendosi innanzitutto ai fan.

Jove O.M.: Abitanti del TWC Vniverse, in occasione dell'Anno Santo della Misericordia, noi, Misericordes sicut pater, noi, la Santissima Setta degli Illvminati e dei Benedetti dalla LVCE, abbiamo ricevvto dal Santo Padre, che sempre dal Cielo rivolge un'affetvoso sgvardo verso noi, suoi vnigeniti figli, vn vnico riconoscimento. Infatti, in questa lvminosa notte, i miei araldi, Mars "mvso tosto" e Zevs "faccia dorata", affronteranno i campioni di coppia della Terra, il cosiddetto Travis Miller e l'avtoproclamatosi Shawn Gates... Stanotte il suo volere trionferà, stanotte vn nvovo regno verrà, stanotte si avvereranno le sve volontà... Stanotte trionferà la... LVCE!!

Jove OM stringe il pugno destro.

Jove O.M.: Noi, che siamo vincenti, noi, che siamo benedetti, noi, che siamo eletti, noi, che siamo vnti, noi, che siamo santi, noi, che siamo eterni, noi, che siamo i più belli, i più bravi, i più carismatici, noi, che siamo... IMBATTVUTI... Noi, la Santissima Setta degli Illvminati e dei Benedetti dalla LVCE, sconfiggeremo in singolar tenzone i nostri acerrimi avversari e immoleremo svll'Altare della Vittoria i simboli della fratellanza, i simboli del dvalismo, i simboli del "chi fa da sé fa per tre, chi fa in coppia fa per qvattro". Noi diverremo nvovi padroni di questo mondo e voi, abitanti del TWC Vniverse, abbraccerete il nostro dogma, o perirete fra le fiamme dell'Oscvrità, trafitti dalle lance delle Legioni delle Tenebre...

Dopo di che il misterioso individuo punta il dito verso il ring.

Jove O.M.: Sciocco lo stolto, lo barbaro! Sciocco il svo malo ingegno! Sciocco il svo vvoto di fede! Sciocca la sva mancanza di pietas! Il cosiddetto Gvnther, alla guida della sua tribù di barbari, ci ha sottratto la Magna Carta... Vna copia della Magna Carta! Perché l'originale risiede all'interno del Tempio della LVCE, là, svlle dolci colline dove il Sole non tramonta mai. Là, cvstodito, coccolato, riverito come vn vero re, rifocillato, accarezzato, bramato, temvto... Gvnther, The Vltraman e Thomas Bell non hanno pietas, e la loro demenza costerà loro... ogni cosa!

Dopo di che il capo degli Enlightned of Pro Wrestling unisce le mani in preghiera.

Jove O.M.: PIETAS! Oh, mia dolcissima Pietas, tv che stai là, in alto, gvardinga. Tv che ci salvti dalle dorate nuvole dell'alba, oh, mia signora, in tvo nome scaglieremo la nostra ira contro l'vomo che si crede oltre gli uomini, colui che ha interrotto vn rito sacro, inviolabile, pena la morte... Ve l'avevamo detto, o stolti abitanti del TWC Vniverse, vi avevamo profetizzato che sarebbe scoppiata la diciassettesima Gverra Totale Vniversale, ed eccola qua... Io, Jove O.M., capo degli Illvminati del Pro Wrestling, dichiaro guerra a Gvnther, all'vomo che si crede oltre gli vomini, al malefico stregone e a tvtti i barbari che si accalcano ai confino del mio impero. Noi vinceremo, perché noi abbiamo l'appoggio di Libertas, dea della Libertà, di Pietas, nostra signora, e del Sole, dio della LVCE... E infine abbiamo lvi, la QVARTA COLONNA, vn vero e proprio dio fra la sva gente, vn gigante fra gli vomini, vn COLOSSO, vn vomo la cvi testa arriva fino alle nvole, fino alle stelle dorate del ciel sereno, vn vomo che non parla, profetizza... vn vomo, vn eroe, vn indiano... ADIL ABHRA!!

Ed ecco che sullo stage compare lentamente il titanico wrestler asiatico!

Immagine


Colpo di scena, anche lui si è unito alla setta degli Illvminati!

Jove O.M.: Và, Adil Abhra! Pilastro della Lvce, distrvggi i nemici e proteggi le sacre mvra del nostro regno splendente. Elimina l'vomo che si crede oltre gli vomini, e poni fine al diabolico patto stretto tra lvi e il canide Gvnther! Fallo per la... LVCE!!!

Il mostruoso Abhra replica con la sua parlata indecifrabile.

AA: बृहस्पति, तुमसे वादा किया मुझे खाना, पैसे और महिलाओं के एक बहुत, याद है!

Poi inizia a scendere la rampa con fare minaccioso, con un arbitro che lo tallona, mentre Jove OM fa una risata metallica e interrompe bruscamente il collegamento dal titantron. Una volta arrivato sul ring, il referee Vincent Good va a mettere ordine. Infatti, Gunther, Thomas e Ultraman stanno discutendo animatamente su chi di loro deve affrontare Abhra. Mentre Thomas sta facendo partire una conta, ecco che Good si mette in mezzo e indica Ultraman, che si mette in posa mostrando i muscoli agli altri e poi grida la sua catchphrase.

UTM: ONE... MORE... CHANCE!!!!!

Al ché The Hound fa un gestaccio, gira i tacchi e scende dal ring seguito da Bell. Mentre Adil Abhra sale lentamente sull’apron e scavalca le corde, i due nuovi “alleati” di Ultraman vanno a piazzarsi a bordo ring. Tutto è pronto per questo incontro. Pubblico schierato per Ultraman, ovviamente. Suona la campanella, e noi si parte!!!



**Illvminati Singles Match**

“The Defender of Nature” Ultraman vs. “The Pillar of Light” Adil Abhra


Subito Adil Abhra avanza lentamente verso Ultraman, che nonostante la differenza di stazza accetta la prova di forza e si getta in un Clinch col gigante. Il Difensore della Natura spinge con tutte le forze l’indiano. Abhra fa un passo indietro, poi però spinge via di potenza Ultrmana, mandandolo a rotolare all’angolo. Gunther Schmidt scuote il capo e inizia a parlare in tedesco a Thomas Bell, che pur non capendo nulla annuisce ripetutamente. Ultraman è di nuovo in piedi! Secondo Clinch tra lui e il Pillar of Light. Ancora una volta il Difensore della Natura preme su Adil Abhra, facendolo arretrare di due passi, poi però Abhra lo getta lontano ancora una volta! Mentre Ultraman si rialza con le corde, Gunther cerca di dirgli qualcosa, ma il Difensore della Natura ignora il tedesco e grida a squarciagola la sua catchphrase.

UTM: ONE MORE CHANCE!!!!!

Dopo di che parte alla carica di Abhra, che per tutta risposta lo blocca e gli rifila un’Adil Chop devastante!

Immagine


Ultraman, stordito dalla possente manata sulla testa arretra stordito, finendo all’angolo. Al ché il Pillar of Light prende la rincorsa e lo travolge con un Corner Back Elbow Strike! Ultraman è in difficoltà! Eccolo cadere a terra. Adil Abhra lo prende per una gamba e lo trascina a centro ring. Nel frattempo un preoccupato Thomas Bell tira fuori da una tasca della giacca la solita lavagnetta per gli schemi e inizia a disegnarvi sopra. Intanto serie di Stomp al corpo da parte di Adil sul Difensore della Natura. Dopo di che eccolo tirare su Ultraman e lanciarlo alle corde. Lightning Boot a segno da parte del colosso indiano!

Immagine


Mentre il Difensore della Natura si contorce a terra, Gunther si fa dare una penna da Bell e i due iniziano a discutere animatamente sugli schemi, finchè non si accorgono del tentativo di pinfall da parte di Abhra! 1... 2... No! Ultraman si scuote e alza una spalla nonostante la pressione del gigante che lo copriva. I Pink Unicorn United tirano un sospiro di sollievo. Vediamo Ultraman strisciare verso di loro e guardare nella lavagna dove è disegnato lo schema di Bell e Schmidt. Dalla faccia non sembra molto sicuro di aver capito, ma annuisce. Comunque Adil Abhra non sta con le mani in mano e lo rialza a forza. Prova la Lightning Press Slam, la sua finisher! Ma Ultraman si scuote e atterra alle sue spalle! Il Difensore della Natura si lancia alle corde e prova una spallata! Ma è come sbattere addosso alla Torre di Babele! Irish Whip dell’indiano all’angolo. Tentativo di Splash da parte di Adil. Ma Ultraman si sposta all’ultimo, poi afferra il Pillar of Light e con tutta la forza che ha in corpo lo abbatte al suolo con un’UltraSpinebuster!

Immagine


Ultraman si rialza e urla a squarciagola tra l’esultanza dei fan della Nationwide Arena! In mezzo al putiferio, vediamo il cameraman inquadrare di sfuggita lo schema miracoloso disegnato dai suoi prodi e geniali alleati sulla lavagna, che ha permesso al Difensore della Natura di ribaltare la situazione...

Spoiler:
Immagine


Thomas Bell se ne accorge e si rimette gelosamente in tasca la lavagnetta. Nel frattempo Ultraman prende la rincorsa e si butta sull’indiano. UltraLeg Drop of Nature a segno! Lo scatenato wrestler di Jacksonville ne mette a segno un secondo! E poi un terzo! Applausi del pubblico! Gunther annuisce solennemente! Ed ecco lo schienamento da parte del Difensore della Natura. 1... 2... Ma Adil si scuote e lo getta via! Ultraman, stupito, si mette in piedi e prende le misure per l’Ultraspear, approfittando della lentezza nel rialzarsi da parte del colosso. Mentre Gunther sbadiglia e Thomas legge una rivista tirata fuori da un’altra delle sue tasche, ecco che finalmente Abhra è in piedi. Ultramen perte per Ultraspear! No! Il Pillar of Light lo intercetta… Chokeslam of Light a segno!

Immagine


Ultraman è al tappeto per la delusione generale di tutti! Il Mastino si mette le mani nei capelli e inizia a lanciare insulti e improperi verso chiunque, compreso Thomas Bell, che ripone la rivista e tira fuori da una tasca il cellulare. Evidentemente vuole usare il potente e preciso google traduttore per capire cosa stia blaterando l’amico! Ecco che Adil Abhra appoggia uno dei suoi piedi giganteschi sul petto di Ultraman e chiama il conteggio! 1... 2... e 3! No!!!!! Ultraman effettua il kickout! Ultraman c’è! Il Difensore della Natura è sopravvissuto! Mentre Schmidt sospira, Thomas Bell scrive un sms e poi rimette in tasca il cellulare. Poi tira fuori un piccolo ventilator portatile e lo porge al Mastino, dicendogli di andare a confortare il Difensore della Natura, che vediamo strisciare verso le corde. Ma Gunther scuote il capo rabbiosamente. Bell fa spallucce e rimette l’oggetto in tasca. Uno stufo Brutal Crow, gli mette una mano nella tasca... E si ritrova a tirar fuori un antico ferro da stiro?!

Spoiler:
Immagine


Mentre Bell ride vedendo il disappunto del tedesco ci giunge dalla regia una notizia. Un misterioso ascoltatore ha mandato un messaggio dal cellulare affermando che il grosso cappotto che porta il wrestler di Chicago altri non è che la leggendaria Giacca dalle Mille Tasche, donata a Thomas Bell dal fantasma del grande mago Houdinì in persona! Dopo questa news elettrizzante, torniamo all’azione in ring. Vediamo Adil Abhra afferrare Ultraman, in ginocchio, e chiuderlo in una dolorosissima Nerve Hold! Il Difensore della Natura va in difficoltà mentre viene sottoposto alla mossa di sottomissione nota agli abitanti di una piccola isola del Mediterraneo come Morso dell’Asino! Ma Ultraman non ci sta. Eccolo riuscire a rialzarsi con difficoltà. Gomitate al corpo del gigante e alla fine si libera! Abhra risponde con un’Headbutt!

Immagine


Ma ha la peggio lui! Il Difensore della Natura approfitta della propria testa dura come il granito e rifila un paio di Headbutt in successione al Pillar of Light, che barcolla stordito! Nel frattempo Gunther esulta alzando al cielo il ferro da stiro, mentre vediamo Thomas Bell guardare il ring, alzare un sopracciglio e tirare fuori dall’interno della Giacca dalle Mille Tasche un ‘estintore che appoggia a terra!

Spoiler:
Immagine


Intanto Ultraman continua a colpire Abhra con i suoi Ultra Punch al volto. Dopo di che abbranca l’indiano. Vuole provare un vertical Suplex impossibile! Ultraman ci prova e riprova, ma onestamente il Pillar of Light pesa quanto una montagna e il Difensore della Natura si stacca tenendosi la schiena. Short Arm Clothesline da parte di Abhra! Ultraman va a terra. Tentativo macchinoso di Standing Lighting Elbow da parte di Adil! No! Ultraman rotola via evitando di farsi rompere le costole. Abhra cerca di rialzarsi più veloce che può. Eccolo girarsi verso il Difensore della Natura... Che lo centra in pieno con l’UltraSpear!!!

Immagine


Il Pillar of Light rovina fragorosamente al tappeto, e Ultraman lo schiena! 1... 2... e 3! No!!! Il gigante alza una spalla ed effettua il Kickout per un soffio! Gunther Schmidt è perplesso e sul punto di gettare via il ferro da stiro, ma Thomas Bell gli ricorda di non inquinare, altrimenti Ultraman si distrarrà. A questo punto il Difensore della Natura si alza in piedi e si carica gridando a squarciagola la sua catchphrase, imitato dal pubblico in delirio!

Pubblico: ONE MORE CHANCE!... ONE MORE CHANCE!... ONE MORE CHANCE!... ONE MORE CHANCE!... ONE MORE CHANCE!...

Dopo di che Ultraman rialza Abhra e prova a lanciarlo alle corde. Reverse di Adil, che poi alza una gamba per un altro possente Lightning Boot, ma il Difensore della Natura lo schiva, rimbalza alle corde nuovamente. Adil Chop! No! Altra schivata spericolata da parte di Ultraman, che rimbalza ancora una volta! Short Arm Clothesline! Ma ancora una volta Ultraman evita la mossa dell’indiano, rimbalza un’ultima volta alle corde e a grande velocità lo colpisce con una UltraClothesline! Il gigante indiano barcolla all’indietro e rimbalza goffamente sulle corde, dopo di che Ultraman lo afferra...

Immagine


Spinning Side Slam! Spinning Side Slam! Ultraman ha affondato il Pillar of Light con la sua finisher più potente!!! L’ex-Animal, stremato, si strascina sul colossale avversario e lo copre! 1... 2... e 3!!!!! SI!!! ULTRAMAN CE L’HA FATTA E HA VINTO IL SUO MATCH CONTRO ADIL ABHRA!!!

JR: The winner of this match... THEEEEE ULTRAMAAAAAN!!!!!

Il pubblico della Nationwide Arena esplode! Gunther Schmidt alza al cielo ancora una volta il ferro da stiro... Ma attenzione! Thomas Bell prende improvvisamente l’estintore e lo attiva sotto al ring! Un modo strano di festeggiare la vittoria di Ultraman. Fermi tutti! Dopo poco vediamo emergere un tizio intossicato da sotto il ring!

Immagine


Ma è quel furfante di Esagon Jr., l’ingovernabile wrestler messicano unitosi agli Enlightened of Pro Wrestling due settimane fa! Evidentemente Esagon Jr., noto anche come il "titubante lestofante", stava tramando un nuovo tiro mancino nei confronti dei Pink Unicorn United, ma è stato preso totalmente in contropiede dalla mossa di Thomas Bell. Eccolo rialzarsi e barcollare tossendo e stropicciandosi gli occhi. Ma Mucho Rudo non fa in tempo a girarsi che Gunther Schmidt lo disintegra caricandolo e colpendolo in testa col famoso antico ferro da stiro trovato nella giacca di Bell! Boato da parte del pubblico di Columbus e applausi a scena aperta per The Hound!



Ed ecco risuonare nell’arena la theme di Ultraman! Vediamo Adil Abhra rotolare lentamente per uscire dal ring, mentre Esagon Jr. invece è ormai è finito ancora una volta nel mondo dei sogni. Ultraman, pazzo di gioia sta festeggiando come un matto sul ring. L’arbitro Vincent Good, dopo aver evitato una Clothesline affettuosa, opta per darsela a gambe. Nel frattempo Thomas Bell e Gunther Schmidt se ne vanno via soddisfatti. Il Mastino pare essere improvvisamente fiero del suo nuovo ferro da stiro, mentre Thomas Bell... Sorride in stile Thomas Bell. E con le immagini di Ultraman esulta per poi balzare giù dal ring e avvicinarsi ai suoi nuovi alleati, che per tutta risposta se la danno a gambe, le immagini sfumano. Questa sera, la diciassettesima guerra galattica ha visto i nostri eroi respingere l’assalto della nuova arma di distruzione di massa messa in campo dal mefistofelico Jove OM. Tuttavia la lunga e terribile lotta tra Lvce e Tenebre ben è ancora ben lungi dal concludersi... Pubblicità!


Up Next: Cross And Brown


Top
 Profilo  
Rispondi citando  

Re: TWC - Friday Night Indoor War (#25-???)
MessaggioInviato: 08/04/2016, 20:31 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: 21/03/2012, 18:23
Messaggi: 8563
Ed eccoci nei corridoi dell'arena, dove troviamo un gruppo della security intenta a scortare un poco collaborativo Vincent Cross. Accanto a lui troviamo Virgil Brown.

ImmagineImmagine


VC: Tutto ciò non ha senso Brown, e lei lo sa, cazzo!

VB: Sta zitto! Come B sarai portato al parcheggio e lì rimarrai sotto sorveglianza.

Cross sospira, mentre continua ad essere scortato.

VC: Almeno mi spieghi perché!

VB: Tuo fratello sta arrivando qui.

Cross si ferma sul posto, occhi spalancati. Brown si volta verso di lui.

VB: Non voglio casini nel mio backstage tra voi due e lui, ecco perché vi ho fatti portare via.

VC: Ma-

VB: NIENTE "MA" CROSS! Tuo fratello sta venendo qui ad incontrare quel verme di Truman, da quanto mi hanno riferito dalla direzione, e se gli succede qualcosa non farai altro che aiutarli a screditarmi!

Il biker rimane in silenzio, con la testa bassa.

VC: Le iene stanno in branco, dopotutto.

VB: Esattamente. A proposito di questo, vedi di venire nel mio ufficio nei prossimi giorni. Dobbiamo parlare con più tranquillità. Guardie, portatelo via!

Sulle immagini di Cross che viene scortato le immagini sfumano.

Up Next: From A Brother To Another


Top
 Profilo  
Rispondi citando  

Re: TWC - Friday Night Indoor War (#25-???)
MessaggioInviato: 08/04/2016, 20:37 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: 21/03/2012, 18:23
Messaggi: 8563
Eccoci nel Backstage, ove troviamo, intenti a discutere animosamente, i fratelli Powell! Max ha in mano uno smartphone di ultima generazione, identico a quello che suo fratello ha in mano a propria volta.

ImmagineImmagine


Max: Senti, io non riesco proprio a farlo funzionare, clicco qua, clicco là ma non riesco a fare quella cosa lì, navigare, come lo chiami tu. Sicuro che possiamo fidarci di qualcosa fatto da quei mangia riso?

Maximillian: Fratello mio, non capisci ancora bene l'uso degli smartphone, ma come fai dico io, come fai!? E' solo così che possiamo promulgare la nostra immagine! I social sono il media più importante della storia, e tu li svaluti così? Non riesco a capirti. Mi chiedo come facciamo ad essere fratelli.

???: Eh, lo so che a volte avere dei fratelli è difficile...

I Powell si voltano, mentre un uomo molto odiato dal TWC Universe fa la sua comparsa.

ImmagineImmagineImmagine


Richard Rossen, accompagnato dal fido bodyguard Benjamin e il proprio avvocato di fiducia, Donald Fletcher! Subito Maximillian rimette il telefono in tasca, per poi porgere la mano a Rossen che gliela stringe energicamente.

Maxillian: Richard, eccoti finalmente, quanto tempo! Non ci vediamo dai tempi dell'ultima festa indetta dalla tua compagnia, tre mesi fa come minimo!

RR: Tre mesi e ventitré giorni, mio caro. Le feste della famiglia Rossen non si dimenticano! Permettetemi di presentarvi uno dei miei uomini più fidati, il grande avvocato Donald Fletcner!

Il suddetto stringe la mano a Maximillian, mentre l'altro fratello rimane con le braccia conserte.

DF: Oh, signori Powell, ho sentito molto parlare di voi: Max, la forza devastante, e Maximillian la mente geniale! Voi sì che siete uomini che fanno grande la nostra grande nazione e la nostra storia!

I due fratelli Powell sorridono brevemente.

Max: Grazie per le belle parole...

Max porta una mano sulla spalla del fratello, guardando prima lui e poi Rossen.

Max: Quindi è lei il famoso Rossen? Ho sentito che il signor Truman intrattiene molti rapporti con lei...

Richard rimane in silenzio per un paio di secondi, poi ride leggermente.

RR: Ah, lei mi confonde con mio padre, caro il mio Max. Raymon Sioren Rossen è ormai un pilastro inamovibile della società industriale moderna, ed ha amici ovunque grazie alla sua ricca personalità. Il grande Micheal J. Truman non rappresenta una eccezione. Ed è anche per questo che oggi sono venuto ad incontrarlo, per rinsaldare l'amicizia tra le nostre grandi famiglie!

Rossen conclude l'ultima frase alzando il dito della mano destra al cielo, Fletcher accenna un piccolo applauso.

DF: Siamo riusciti a combinare un incontro col grande e magnanimo signor Truman anche grazie alla mia personale conoscenza con lui. State pur certi, signori Powell, che diremo di voi le cose migliori possibili. E' una decisione personale del signor Rossen.

Maximillian spalanca gli occhi per un attimo.

Maximillian: Oh, Richard, non dovevi! Sei un vero amico, una persona di assoluto valore!

RR: Sono sempre pronto ad aiutare le persone che ne sono degne. Ed ora scusatemi carissimi, ma devo andare. Ho un incontro importante, dopo tutto.

Rossen si allontana, seguito dal suo entourage, e le immagini sfumano.

Up Next: BDK Alert


Top
 Profilo  
Rispondi citando  

Visualizza ultimi messaggi:  Ordina per  
Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 154 messaggi ]  Vai alla pagina Precedente  1, 2, 3, 4, 5, 6, 7 ... 11  Prossimo

Tutti gli orari sono UTC + 1 ora


Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno


Non puoi aprire nuovi argomenti
Non puoi rispondere negli argomenti
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi

Cerca per:
Vai a:  
phpBB skin developed by: eXtremepixels
POWERED_BY
Traduzione Italiana phpBB.it