Tutti gli orari sono UTC + 1 ora




Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 438 messaggi ]  Vai alla pagina Precedente  1 ... 22, 23, 24, 25, 26, 27, 28 ... 30  Prossimo
  Stampa pagina

Re: TWC - Friday Night Indoor War
Autore Messaggio
MessaggioInviato: 04/12/2015, 22:00 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: 18/04/2011, 23:52
Messaggi: 26144
Ci troviamo all'interno del backstage di Indoor War, le telecamere ci mostrano Micheal Edwards all'interno del suo locker room intento ad allenarsi.

Immagine


Il lottatore originario di New York è intento a lavorare sulle braccia con dei piccoli manubri, quando all'improvviso qualcuno bussa alla porta.

ME: Avanti!

La porta si apre e da essa compare Lance Murdock, in completo porpora sopra ad una camicia nera, che si appoggia alla colonna a braccia incrociate guardando Edwards

LM:Dovresti usare qualcosa di più che dei semplici manubri per prepararti al Main Event.

Murdock accenna una risata

LM:Salve, Edwards. Prima che tu me lo domanda ti dirò perché sono qui: semplice visita di routine... Volevo controllare se avevi riacquistato la voce. Due settimane fa sembravi averne così poca...

Il Golden Boy lascia i manubri e fissa Murdock

ME: Sì, la voce è tornata, non preoccuparti. Due settimane fa è stato un caso, diciamo che non era un ottimo momento e non avevo tanta voglia di parlare, poi con te.

Michael si alza e si sposta poco lontano a cercare qualcosa nella sua sacca.

ME: Sei venuto solo per questo o hai altro da aggiungere? Sai non vorrei predere tempo per stasera, devo concentrarmi per ripassarti per bene prima di "The End is Near".

LM:Qualcos'altro ci sarebbe, in effetti. Per metterla nei vostri termini: un po' di psicanalisi spicciola.

Lance sorride

LM:Vedi, Edwards, è un po' che ho notato come tu stia cercando di evitarmi. Qualcosa non va?

ME: Il problema non sei tu. Il problema è tutto questo.

Edwards fredda con uno sguardo Lance, che resta impassibile.

ME: Io e te non saremmo dovuti essere su quel ring stasera, non ci sarebbe stato nessuno scontro. Questa cosa riguardava me e Leon, poi si è aggiunto Kevin, può andare. Ma tu? Tu perché sei qui? Pensi di essere un nuovo BlackBlood? Pensi di poter emulare Leon?

LM:Emulare Black è l'ultima cosa che mi passa per la mente, fidati. Quindi il problema è che ti brucia dentro il fatto che le luci della ribalta non siano tutte concentrate su di te. Avevo ragione sin dal principio, dunque. Svegliati, bimbo! I tuoi 15 minuti di celebrità ormai sono scaduti, la gene già si sta iniziando a stufare di te. Tra qualche mese la gente neanche si ricorderà di te.

ME: Non sarebbe la prima volta, come non sarebbe l'ultima! Non mi servono le luci della ribalta, se voglio strabiliare posso farlo in qualsiasi momento! Il problema è che qui vi state concentrando tutti su di me, come se io fossi il campione, ma non lo sono. Non sono nessuno, assolutamente nessuno! "Ma tu sei il cocco di Leon!". Non sono nulla, sono solo Michael Edwards!

Lance accenna una risata

LM:Il problema è proprio questo: non sei nessuno ma hai avuto tutte le attenzioni addosso come se fosse nata una nuova stella. E non pretendere che io mi beva la tua maschera come hanno fatto gli altri: tu ti nutri di luci della ribalta e delle attenzioni altrui. Sono tutto per te!

Mike va a muso duro con Lance.

ME: Io non porto nessuna maschera, io non indosso nulla. Io sono quello che vedi caro Lance. Non un falso salvatore, non un menzoniere. Io sono Michael Edwards, potrei essere una nuova stella, potrei essere il nuovo campione, ma stanne pur certo. Io. Non. Porto. Maschere.

Il Preacher sbuffa

LM:Non mi aspettavo di certo una reazione diversa ma rimango comunque deluso. Prima o poi la verità verrà a galla.

Il diavolo custode si dirige verso la porta

LM:Sarà meglio levare il disturbo, non vorrei rovinare i tuoi faticosi allenamenti. Ti auguro una discreta giornata, Edwards. Ci si vede a The End is Near e lì farò cadere la maschera che indossi.

E sull'ultimo scambio di sguardi tra Lance e Michael i collegamento si chiude.

Up Next: Avvocati


Top
 Profilo  
Rispondi citando  

Re: TWC - Friday Night Indoor War
MessaggioInviato: 04/12/2015, 22:14 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: 18/04/2011, 23:52
Messaggi: 26144
Torniamo in diretta dal backstage di Friday Night Indoor War, precisamente da un corridoio che dà direttamente sugli spogliatoi. Proprio davanti alla porta di uno spogliatoio le telecamere vanno a trovare il Pain Deliverer della TWC, Jack Keenan.

Immagine


Il wrestler di Atlanta, impegnato questa sera nel Pick your Poison contro Cross, non pare aver tempo da perdere e, dopo aver bussato, aspetta ben poco prima di entrare nello spogliatoio, seguito dalla telecamera.

Keenan: Sono l'amichevole Pain Deliverer di quartiere, spero di non aver interrotto nulla.

Le immagini vanno a spostarsi sul suo interlocutore, che si rivela essere un leggermente stupito Lance Murdock.

Immagine


Keenan: Scusa per l'intrusione, Lance: considerando la situazione che si sta creando in zona Main Event - un Manson da psicanalizzare, un Black ultimamente ancor più da psicanalizzare, un Edwards a cui fare abbassare la cresta... le solite cose, insomma - immagino che tu sia pieno di impegni come non mai, quindi sarò il più breve possibile. Ho 5 minuti del tuo tempo?

LM:Mi fa piacere che comprenda la mia mole di impegni ma se sei così diretto vedrò di ritagliarmi un po' di tempo per te. Spara pure.

Keenan accenna un sorriso vagamente ironico.

Keenan: Gentile.

Il Pain Deliverer scuote la testa e abbassa la mano in un cenno di noncuranza, per poi voltarsi verso Murdock con un sorriso stavolta sincero sul volto.

Keenan: Bene, stavo dicendo: non è precisamente un mistero che, fra tutte le persone con cui mi sono scontrato qui in TWC, sul ring sei quello che più ho potuto apprezzare e rispettare, nonchè l'unico che riconosco avermi sconfitto pulito in un match onorevole - non serve che ti ricordi cosa penso degli incontri con Drake e Schmidt, vecchie storie. Non dimenticarti mai che siamo comunque sull'1-1... ma lascia stare, scusa, è un altro discorso. Quello che conta è che stasera io e Cross abbiamo un pick your poison match e tu, sinceramente, saresti l'avversario perfetto per lui.

Murdock sembra voler rispondere subito, ma con un gesto Keenan mostra di voler proseguire.

Keenan: Ripeto, so benissimo quanto sei impegnato per la questione Main Event, quindi se non è fattibile non preoccuparti; se invece hai voglia di tenerti in allenamento e riscaldarti per The End is Near, beh, sei la mia scelta.

Keenan controlla ora l'orologio che porta al polso sinistro.

Keenan: 3:16 minuti, ho fatto pure meglio del previsto.

Murdock si gratta il mento

LM:Beh, come hai detto tu sono abbastanza impegnato per quanto riguarda i très amigos... D'altro canto però non mi dispiacerebbe proseguire sul filone delle scorse puntate ed andare lì fuori e mostrare a tutti quanti quello che posso fare.

Il diavolo fa un sorriso beffardo

LM:Ci sto. Ricordati però: mi devi un favore ora.

Keenan accoglie la risposta con un sorriso sempre più largo ed un occhiolino.

Keenan: Quando vuoi.

LM:Splendido. E' un piacere fare affari con te, Jack.

Murdock allunga il pugno e Keenan risponde al saluto, prima di voltarsi ed uscire, sempre a passo veloce, dallo spogliatoio.

Up Next: Finalmente un match


Top
 Profilo  
Rispondi citando  

Re: TWC - Friday Night Indoor War
MessaggioInviato: 04/12/2015, 22:20 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: 18/04/2011, 23:52
Messaggi: 26144
Torniamo dalla pubblicità direttamente in zona ring, dove in questo momento sta risuonando una musica d'ingresso conosciuta.



Immagine


Sulle note dei Motorhead fa la sua entrata Vincent Cross, in tenuta da biker ed occhiali da sole, pronto per "prendere il suo veleno": è il momento del suo incontro nel Pick your Poison match con Keenan. Il motociclista, ostentando una certa sicurezza, a passo lento si avvicina al ring: una volta arrivato, si solleva da terra con la sola forza delle braccia, mettendosi poi all'angolo, in attesa del suo avversario.



Immagine


Ed ecco il suo avversario, che come sapevamo già è Lance Murdock, il Savior di Hell's Kitchen. Murdock percorre, come suo solito, la rampa facendo una serie di giri su sè stesso, sotto l'occhio critico di Vincent Cross. Arrivato sotto l'apron, Murdock lascia cadere il mantello ed entra sul quadrato con un balzo: siamo pronti per iniziare.

Pick your Poison match: Vincent Cross vs Lance Murdock


I due avversari sembrano impostare subito una fase di Clinch, ma all'ultimo istante Murdock si abbassa, evita le braccia dell'avversario ed inizia a colpirlo con una serie di Low Kicks alle gambe. Cross ritiene allora più saggio prendere nuovamente qualche metro di distanza: i due si squadrano per qualche istante, poi si avvicinano nuovamente. Il copione è lo stesso di prima: Cross cerca di impostare un Clinch, Murdock propende per un'altra strategia, tuttavia questa volta il biker è pronto ed afferra la gamba dell'avversario, neutralizzando il calcio che stava per colpirlo. Ora in posizione di vantaggio, Cross ne approfitta per iniziare una serie di pugni che lo porta a chiudere Murdock all'angolo: decide allora di lanciarlo verso quello opposto con una Irish Whip e di rincorrerlo di conseguenza, ma Murdock, dandosi lo slancio con il turnbuckle, lo scavalca e tutto ad un tratto è Cross a trovarsi chiuso all'angolo. Il Savior cerca di approfittarne con una nuova sequenza di calci, ma Vincent, facendo appello alla maggior stazza, rovescia nuovamente la situazione prendendo Murdock di peso e mettendolo con le spalle all'angolo. Nuova Irish Whip di Cross verso l'angolo opposto e altrettanto nuovamente il Preacher riesce a darsi lo slancio all'indietro per superare l'avversario e rotolare verso il centro del ring... ma quando Murdock si volta questa volta Cross è pronto e lo stende con un Big Boot.

Immagine


Cross prova subito uno schienamento, ma è decisamente troppo presto ed ottiene a malapena un conto di 1. Il suo obiettivo, ora, pare decisamente essere quello di rallentare l'incontro, perciò procede chiudendo l'avversario in una sorta di Abdominal Stretch mentre è ancora in posizione seduta. Murdock, però, sfruttando la sua stazza inferiore riesce in poco tempo a girare la presa in un tentativo di roll-up... ma Cross rimane in equilibrio e per ora sono quelle di Murdock le spalle al terreno: 1.... 2...... Murdock si libera in tempo. Il Savior riesce ora a rialzarsi: Cross gli va incontro rapidamente, ma non quanto l'avversario, che gli sguscia alle spalle tentando un roll-up in stile school-boy; anche questa volta però Murdock non riesce a trascinare al terreno i 130 kg del biker, il quale, ristabilito un equilibrio, afferra la testa del Preacher e lo solleva da sotto le sue gambe. L'azione, tuttavia, è tutt'altro che conclusa: Murdock evita un jab di Cross abbassandosi e passa al contrattacco con una serie di calci a gambe alternate, a cui questa volta il biker non sembra in grado di rispondere. Cross si ritrova costretto alle corde e l'avversario gli si lancia addosso, facendo finire entrambi fuori ring. Murdock si rialza immediatamente, torna sul ring e da lì colpisce l'Hell Biker con una Baseball Slide, sufficiente a lasciarlo stordito per un paio di secondi: abbastanza perchè il wrestler di Hell's Kitchen si sposti sull'apron ring e connetta uno Springboard Moonsault senza la minima sbavatura.

Immagine


Il pubblico va in delirio per la perfetta esecuzione della mossa, va in delirio soprattutto quando Murdock va a sdraiarsi sulle barricate per esultare con i fans. Subito dopo, il Savior torna all'attacco, facendo rotolare (non senza sforzo) Cross sul ring e salendo di nuovo sull'apron: Murdock aspetta che l'avversario si rialzi, si lancia dalle corde, gli afferra il collo con le gambe e va con una Springboard DelivRana... o quantomeno ci prova, perchè ancora una volta Cross riesce a rimanere in piedi. Notevole prova di forza da parte del biker, che ora solleva a peso morto l'avversario in posizione Powerbomb, lo alza ancora un po' per una Deadly Bomb... ma Murdock riesce a liberarsi e ad atterrare alle spalle di Cross. Il wrestler di Denver, però, si gira immediatamente ed afferra per il collo Murdock: lo solleva, ma ancora una volta il Savior si libera dalla presa ed evita di essere schiacciato al terreno. Cross non demorde, si volta di nuovo e si lancia a tutta velocità per connettere la Street Speed... Murdock si abbassa! Altro attacco evitato, di rimbalzo Cross viene poi colpito da un calcione agli addominali. Cross si piega in due, Murdock allora prova a sollevarlo per una Suplex: apparentemente senza il minimo sforzo, però, è invece il biker a tirarlo verso l'alto ed a preparare una delle sue mosse conclusive, la Road End... ma con una ginocchiata Murdock riesce a ribellarsi ed a tornare al terreno sulle sue gambe. Murdock ora si ritira per qualche istante all'angolo, con il fiato corto, ben consapevole di aver rischiato, in pochi secondi, di subire tutte le mosse decisive dell'avversario. Il Savior nota però che la ginocchiata che ha dato a Cross per liberarsi ha avuto un certo effetto, allora prova a lanciarsi in corsa per un nuovo attacco... ma l'avversario evita abbassandosi, lo afferra alle spalle e con un German Suplex lo scaglia contro il turnbuckle!

Immagine


Murdock impatta in pieno con la nuca e rotola sull'apron, non riusciamo a capire se coscientemente o per pura inerzia, dopo il colpo ricevuto. Sfortunatamente per lui, Cross è pienamente cosciente e, dopo essersi concesso qualche istante di pausa, scende dal ring e sistema l'avversario in modo che il suo busto e la sua testa siano a contatto con il paletto: posizione assai scomoda, che diventa dolorosa nel momento in cui Cross afferra un braccio ed una gamba di Murdock ed inizia a tirare facendo leva sul paletto, finchè glielo concede l'arbitro. Il biker prende ora la rincorsa e si lancia verso la testa dell'avversario, che è ancora appoggiata al paletto... ma Murdock all'ultimo si tira indietro e Cross riesce ad evitare solo parzialmente di schiantarsi contro il metallo. Il Savior ha l'occasione di rifiatare per qualche istante, poi fa un passo indietro e cerca di proiettarsi attraverso il tendicorde per la sua Special 4DT... riesce a prendere Cross per il collo, ma il gigantesco motociclista non cade e, ristabilito pienamente l'equilibrio, schianta Murdock contro l'apron con una Spinebuster.

Immagine


Vincent Cross pare abbastanza soddisfatto di come si sta sviluppando il match e si prende qualche secondo per godersi il momento, indirizzando un occhiolino al pubblico. Nel frattempo, però, seppur con il fiato mozzo, Murdock è riuscito a rotolare nuovamente sul ring ed allora Cross decide di seguirlo (anche perchè l'arbitro non era tanto lontano dalla fine del conto di 10, ndr). Il motociclista rialza ora l'avversario prendendolo per il collo e poi, da questa posizione, inizia a colpirlo con una serie di pugni al volto. Murdock non riesce a reagire immediatamente all'offensiva, Cross allora decide di tornare alle corde dietro di sè e da qui darsi lo slancio per un Big Boot... ma out of nowhere DD si abbassa, fa un giro su sè stesso e riesce a sgambettare Cross con un calcio da terra! L'azione è stata piuttosto rapida e non tutti, nel pubblico, sembrano averla colta, fatto sta che ora Cross si ritrova sdraiato al terreno e Murdock prova ad approfittarne: fa un giro su sè stesso, allargando le braccia nella sua tipica taunt, poi si volta di spalle e connette uno Standing Moonsault... che però Cross blocca alzando le ginocchia! La situazione si inverte di nuovo, ora è il biker quello in piedi: Cross, ridendo sotto i baffi, imita la taunt di Murdock, poi si volta di spalle. Che voglia provare uno Standing Moonsault pure lui?? In effetti pare così, ma all'ultimo Cross si gira di nuovo, scuote la testa e mette a segno un più comodo Leg Drop.

Immagine


1..... 2..... nope. Cross non si fa comunque impensierire dal kickout di Murdock, arrivato senza problemi, e torna ad occuparsi dell'avversario con una serie di pestoni. Il biker può ora prendersi qualche momento per osservare dall'alto in basso l'avversario scelto per lui da Keenan: successivamente, gli si avvicina di nuovo e lo prende per il collo con una mano e lo solleva di peso da terra, costringendolo il posizione eretta. Cross sembra pronto per la sua Chokeslam, la Crash, ma Murdock non ci sta e riesce a reagire con un paio di Low Kicks, seguiti da una potente ginocchiata all'addome: Cross si piega ed è costretto a lasciare la presa, il Preacher di Hell's Kitchen ne approfitta allora per arretrare all'angolo e salire sulla seconda corda, da cui si lancia... ma Cross lo prende al volo per il collo e questa volta connette davvero la Crash!

Immagine


Invece no! All'ultimo, Murdock riesce a ribaltare la mossa in una DDT! Entrambi gli atleti sono ora a terra e l'arbitro inizia a contare: il primo a rialzarsi è Cross, che lo fa tenendosi la nuca con una mano, seguito pochi istanti dopo da Murdock, forse leggermente più barcollante. Il biker si avvicina al suo avversario e per l'ennesima volta lo prende per il collo, ma questa volta la reazione di Lance è ancora più fulminea, composta da una nuova serie di Low Kicks. Cross riesce però ad interrompere il contrattacco dell'avversario con una potente ginocchiata, che fa crollare in ginocchio Murdock: ora l'Hell Biker di Denver si lancia alle corde, prende lo slancio... e va incontro ad un improvviso Last Call Superkick! Cross barcolla, ma non cade ed allora Murdock decide di colpirlo con un secondo Last Call! Ancora una volta il biker non crolla a terra, ma questa volta finisce in ginocchio... e viene fatto vittima di un terzo Superkick mentre è in questa posizione! Murdock non sembra aver ancora finito, si lancia alle corde a tutta velocità e travolge l'avversario con un fenomenale DDKneeKick!!

Immagine


1........ 2.......... non basta! Sembrava che il colpo avesse stordito definitivamente Cross, invece il motociclista ne ha ancora nel serbatoio! Murdock si dispera e batte il pugno contro il tappeto più volte: poi, con le forze che gli rimangono, costringe l'avversario a rialzarsi e si infila la sua testa fra le gambe, pronto per la Requiem... ma Cross fa valere la sua forza fisica: grazie ad un improvviso scatto di energia è infatti lui a sollevare Murdock ed a portarlo alle corde, dove con rinnovata foga inizia a colpirlo più e più volte alla testa ed al corpo con dei rapidi jab. Il Savior, che probabilmente non si aspettava questa reazione improvvisa, non riesce a difendersi, ed in breve tempo è inerme alle corde: Cross prova a continuare nella sua offensiva con un attacco in corsa, ma Murdock abbassa le corde e 130 kg di Vincent Cross volano fuori dal ring. Il biker atterra in piedi, ma nel frattempo, sul ring, l'avversario non ha perso tempo, lanciandosi in corsa per un attacco in volo... MA VIENE INTERCETTATO! EAT IT!

Immagine


Grandi riflessi da parte di Cross e Murdock piomba al tappeto! Il motociclista sa di non aver tempo da perdere, solleva immediatamente di peso il flyer e lo getta sul ring, dove Murdock rotola fino al centro del quadrato. Cross si apposta all'angolo ed inizia a caricare il braccio per la mossa che potrebbe portargli una vittoria di enorme peso, Street Speed in arrivo... MURDOCK LO ANTICIPA CON UN SUPERKICK! Quarto Superkick del match a segno per Murdock! Cross ne rimane stordito, il Savior allora si mette in punta di piedi per prenderlo per il collo, corre verso l'angolo e connette con la Poetry in Motion!

Immagine


Cross crolla al tappeto e Murdock, invece di andare per lo schienamento, torna a salire in alta quota. Il pubblico accompagna la sua scalata, Murdock ora è sulla terza corda e chiama la Excelsior...

Spoiler:
... ma Cross riesce in qualche modo a rialzarsi e si lancia sulla terza corda! Murdock ne viene sbilanciato, cade decisamente male sulla corda stessa e finisce fuori ring! Il motociclista si appoggia ora alle corde per riprendere fiato, osservando intanto Murdock, a terra fuori dal quadrato...

Immagine


Immagine


E' KEENAN! Jack Keenan è sbucato tutto ad un tratto dal pubblico, è salito sul ring armato di una sedia ed ha colpito alle spalle Cross!!! L'arbitro chiama immediatamente la squalifica, ma Keenan sembra a malapena rendersene conto e continua a colpire il rivale con la sedia. Il Pain Deliverer decide di fermarsi soltanto quando Murdock sale sull'apron, visibilmente irritato, chiedendogli spiegazioni: Keenan allora getta a terra la sedia e, un po' a gesti, un po' urlando, risponde facendogli i complimenti per il match, ma dicendo che di Cross se ne occupa lui. La discussione va avanti per qualche secondo ancora, poi Murdock decide di lasciar stare e, sempre decisamente irritato, torna verso il backstage. Keenan invece rimane sul ring, per buona misura dà un altro paio di sediate a Cross, dopodichè scende dal quadrato per prendere un'altra sedia ed un microfono.

Keenan: Due settimane fa hai detto che eravamo pari, Cross. Sai una cosa? Ora siamo davvero pari.

Detto ciò, Keenan sistema la prima sedia sotto la testa del rivale... CON-CHAIR-TO!!!

Immagine


Keenan: Justice through Pain, buddy. Ci vediamo a The End is Near.


Up Next: Dannata burocrazia


Top
 Profilo  
Rispondi citando  

Re: TWC - Friday Night Indoor War
MessaggioInviato: 04/12/2015, 22:28 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: 18/04/2011, 23:52
Messaggi: 26144
Immagine


Welcome back to FridayNight Indoor War, live from the Tucson Convention Center, Tucson, Arizona! Siamo arrivati finalmente a uno dei momenti più attesi di questa splendida puntata.

Immagine


Come potete vedere, tra pochi istanti, Elektra Kellis, l’attuale WFSS Woman World Champion e FWP Women’s Champion, incontrerà un’ultima volta la sua acerrima nemica, Brunild Wagner, per la firma del contratto riguardante il match che le due lottatrici disputeranno il 18 dicembre a TWC End is Near! Le immagini si spostano direttamente nell’ufficio del General Manager della Total Wrestling Corporation, il veterano di mille battaglie Virgil Brown Junior.

Immagine


Qui vediamo il GM seduto alla sua scrivania, sgombrata di ogni oggetto, a parte una cartellina e una penna. Ai due lati sono state sistemate rispettivamente un paio di sedie. A fianco di Virgil, in piedi, troviamo i suoi uomini di fiducia, ovvero i mitici Adam Jones e Alex Wilson, ovvero la A&A Security.

ImmagineImmagine


Mentre il General Manager sorseggia il suo thè caldo, Jones e Wilson appaiono nervosi. Eccoli infatti sobbalzare non appena qualcuno bussa con forza alla porta. Virgil brown Jr. sospira.

VB: Avanti, è aperto!

La porta dell’ufficio si apre immediatamente, ed ecco fare il proprio ingresso la Valkyria della TWC, Brunild Wagner, in compagnia di “Superstar” Sigfried Jaeger.

ImmagineImmagine


Come vediamo, lo Smiling Crow indossa la sua classica mise con tuta, felpa e cappuccio alzato sulla testa, mentre il Corvo è in jeans, maglietta e ovviamente TWC World Tag Team Title fisso in spalla.

VB: Miss Wagner, Jaeger. benvenuti.

La Valkyria fa un cenno impercettibile con la testa, poi se ne va a prendere posto su una delle due sedie poste alla sinistra della scrivania del General Manager. Il Best from the West chiude la porta, poi raggiunge l’amica e compagna di stable. Il tutto sotto lo sguardo nervoso della A&A Security e del compiaciuto GM.

VB: Sapevo che tra i membri della BDK Inc., la cara Wagner avrebbe scelto te per accompagnarla qui. Il migliore amico. Visto? Con un pò di ragionevolezza, tutto può funzionare a meraviglia, Jaeger.

SGF: Si certo, come no. Se ti riferisci a quel bigliettino che le tue marionette ci hanno recapitato prima dello show, allora ragionevolezza un corno. La BDK Inc. è una e indivisibile, non vedo perchè non potessimo venire tutti quanti a supportare la nostra Valkyria. A meno che tu non stia escogitando qualche tiro mancino dei tuoi, Junior.

Il GM sospira.

VB: Senti da che pulpito viene la predica. Non c’è nessun giochetto o tranello in ballo, Jaeger. Semplicemente la situazione tra Miss Wagner e Miss Kellis è piuttosto complicata, per cui è giusto che entrambe ricevano il supporto di una persona a testa. Una e basta però. Ormai conosco fin troppo bene la Bruderschaft Der Krahe Incorporated, le vostre azioni parlano per voi. Raggruppati tutti insieme siete totalmente ingestibili, e io non voglio risse nel mio ufficio, né ora, né mai.

Al ché il Corvo accenna un sorriso.

SGF: Beh, vedremo, Junior. Vedremo. Piuttosto, quando diavolo arrivan...

Il tedesco s’interrompe. Qualcun’altro ha bussato alla porta. Virgil Brown Jr. non si scompone.

VB: Avanti!

La porta si apre bruscamente e da essa si intravedono le figure di Elektra Kellis e Lance Murdock.

Immagine Immagine


La spartana si presenta con sguardo accigliato, jeans neri e giacca di pelle dello stesso colore sopra alla quale troneggiano le sue due cinture. Dietro di lei il Daredevil con una mano sulla sua spalla, in un completo porpora sopra ad una camicia nera.

VB: Buonasera Miss Kellis. Signor Murdock. Accomodatevi pure!

Il General Manager della TWC indica con la mano i posti vuoti alla destra della scrivania. Lance saluta il GM con un cenno del capo mentre la spartana rimane impassibile con gli occhi rivolti verso la rivale

LM:Buonasera, Signor Brown.

Mentre Brunild Wagner fissa in tralice Elektra Kellis fin dal primo passo nella stanza, Sigfried Jaeger si batte il polso sinistro con la mano destra.

SGF: Alla buon’ora!

Poi fa un cenno verso Lance Murdock.

SGF: Toh, abbiamo pure lo psicologo fallito del gruppo. Ci sarà da divertirsi.

VB: Taci, Jaeger! Voi, accomodatevi pure.

Sigfried piega la testa, accarezza il suo titolo appoggiato in spalla, poi fa l’occhiolino a Lance Murdock, sorridendogli ironicamente. Il Salvatore sbuffa divertito mentre insieme alla sua compagna prende posto al lato della scrivania.

LM:Detto da un un eroe fantoccio come te lo prendo quasi come un complimento. Buonasera, Jaeger... Spiacente di avervi fatto attendere. Procediamo pure, prima iniziamo e prima finiamo.

Brunild ed Elektra restano in silenzio, a fissarsi gelidamente. La bicampionessa alza in aria i suoi due titoli per poi posarli sulla scrivania.

ELK:Già, così possiamo subito passare alla fase dove scoppia la rissa.

La greca poggia i gomiti sulla scrivania rivolgendo uno sguardo pieno d'odio alla sua rivale mentre Lance con un cenno della mano le fa segno di calmarsi. Virgil Brown Jr. scuote leggermente la testa.

VB: Perchè invece non cominciamo a comportarci da persone civili. Tutti quanti. E a tal proposito, qualcuno di voi vuole una tazza di thè?

Il Corvo sbuffa.

SGF: Ma neanche per idea.

Brunild invece scuote leggermente la testa, lo sguardo di fuoco fisso su Elektra Kellis, che ricambia.

LM:Volentieri, Signor Brown. In altre circostanze anche Elektra avrebbe accettato ma immagino che oggi abbia altro per la testa.

ELK:Già...

Il GM Alza una mano.

VB: Adam, porti una tazza di thè a Lance Murdock, per cortesia.

Jones annuisce, poi va ad armeggiare con una brocca e delle tazze alle spalle del Savior. Il General Manager della TWC sorseggia un pò di thè, dopo di che inizia a parlare.

VB: Sapete come mai ho deciso di farvi firmare qui il vostro contratto?

Sia la Spartana che la Valkyria fanno un cenno di diniego.

VB: E' molto semplice. Essendo una persona meticolosa, ho osservato bene il comportamento, il livello fisico, le doti e l'attitudine di tutti i miei atleti in questi mesi. Perfino di quelli che potrei definire tecnicamente delle canaglie.

Il GM guarda un'attimo Jaeger, che alza un sopracciglio e piega la testa.

VB: Elektra Kellis. Brunild Wagner. Potenzialmente voi sareste due stelle di prima grandezza, proprio come la vostra amica veterana Lucy Fisher, se non oltre. Tuttavia, a differenza sua, quando siete qui a Indoor War mostrate entrambe un carattere che definire terribile sarebbe un eufemismo. Siete fin troppo simili voi due. Sempre a cercarvi per picchiarvi o a nascondervi di proposito per poi ordire qualche colpo basso. Non ascoltate nessuno, e se lo fate è solo per poco, tanto poi decidete sempre col fare di testa vostra. Sbaglio?

Nessuna delle due wrestler muove un muscolo del viso.

VB: In questo momento, se ci trovassimo al centro dell'arena, tra lo strepitio dei fan e con l'adrenalina a mille, credo proprio che la rissa tanto agognata da lei, Miss Kellis e immagino altrettanto da Miss Wagner, sarebbe già in pieno svolgimento. Col risultato che mi vedrei costretto a prendere seri provvedimenti. Arrivando perfino alla sospensione se necessario.

Sia Brunild che Elektra si girano di scatto verso il General Manager, che accenna un sorriso.

VB: Allora in fin dei conti questo vecchio dirigente sa ancora come ottenere l'attenzione delle nuove leve. Molto bene.

Il Corvo fa per intervenire in modo caustico, quando Brunild mette una mano sulla sua spalla e lo ferma. Virgil Brown Jr. continua il proprio discorso.

VB: Brunild. Elektra. Le vostre doti sul ring sono indiscutibili. Il vostro comportamento, purtroppo, lo è eccome. La vostra amica Lucy Fisher ha tentato di farvi ragionare, fallendo più volte. Questo lo accetto, d'altronde siamo una federazione di wrestling, non un cerchio dell'amicizia. Per cui mi limiterò soltanto a dirvi che una volta firmato questo contratto, non potrete più incrociarvi nel backstage o altrove, nè tantomeno mettervi le mani addosso fino a che la campanella che darà inizio al vostro WFSS Woman World Championship Match di End is Near non farà il triplice rintocco.

Il GM annuisce verso entrambe.

VB: Ergo, direi che se dovete dirvi un'ultima cosa prima che parli il ring una volta per tutte, questo è veramente il momento ideale.

La spartana si sposta sulla sedia mantenendo sempre lo sguardo fisso sulla Valkyria.

ELK:Non ho nulla da dire a questa stronza, preferirei che a parlare fossero i pugni...

Lance sospira mentre Elektra sbatte i pugni sul tavolo. Nel frattempo Adam Jones porge al Savior la sua tazza di thè.

ELK:Dopo tutto quello che mi hai fatto passare, mi hai fatto anche colpire la mia migliore amica, la colpa è soltanto tua! Vi piace tanto riempirvi la bocca su discorsi sul rispetto, beh, sai cosa? Tu non te lo meriti il rispetto! Nè il mio nè quello di nessun'altro!

La Valkyria storce la bocca.

BND: Detto dalla persona meno rispettata nel business tutto ciò suona un pò strano. E non osare tirare in mezzo Sig, questa faccenda è soltanto tra te e me.

Brunild punta il dito sui titoli WFSS e FWP.

BND: Le cinture che vedo qui davanti appartengono a due federazioni nelle quali nessuna donna ti rispetta, nè mai lo farà finchè continuerai a comportarti con la solita odiosa boria che ti contraddistingue fin da quando sei approdata qui, ovvero proclamarti la migliore senza aver dimostrato un bel nulla. Non solo ai miei occhi.

Lo Smiling Crow poi scuote il capo.

BND: E se sei arrivata ad aggredire Lucy in modo gratuito, la colpa non è affatto mia. Per settimane ti ho dato la possibilità di affrontarmi, e farla finita una volta per tutte. Ma tu, a parte rifilarmi un morso nel collo a tradimento, ti sei sempre ben guardata dal farlo. Hai avuto un sacco di chance per colpirmi. Non l'hai fatto. Poi, quando hai deciso di farlo, hai colpito Lucy. Shame on you, Elektra.

Elektra si getta all'indietro sullo schienale con una risata isterica

ELK:Quindi sarebbe colpa mia?! Certamente... Sono io quella che la stringeva per il braccio, sono io quella che non ha fatto altro che provocare e provocare per settimane.

La spartana si batte l'indice sul petto mentre sentenzia con tono furente

ELK:Non mi sono MAI sognata di proclamarmi la migliore, mi son sempre fatta valere coi fatti ma voi, dall'alto del vostro pregiudizio, dovete per forza accusarmi e mettermi i bastoni tra le ruote perché ho fatto più io in questi mesi di quanto abbiate fatto in tutte le vostre carriere! Adesso però basta, a End is Near dimostrerò una volta per tutte il mio valore. Imparerete a rispettarmi, in un modo o nell'altro...

La Valkyria sospira.

BND: Vedi, il tuo problema è che quando esprimi un concetto, spesso e volentieri riesci a ritorcerlo contro te stessa. Prima dici che non ti sei mai sognata di proclamarti la migliore, dopo di che tranquillamente provi a seppellire tutti dicendo di aver raggiunto più risultati in pochi mesi rispetto alla mia carriera e a quella di tante altre persone.

Brunild guarda negli occhi Elektra.

BND: Comportandoti così, manchi di rispetto a molta gente che si fa il mazzo da anni in questo business. Gente da cui avresti molto da imparare, visto che rispetto a loro sei soltanto una ragazza alle prime armi. Perciò, piantala subito con questa storia dell'invidia per i tuoi titoli. Se qualcuno ce l'ha con te è per come ti comporti e basta.

Poi lo Smiling Crow guarda un'attimo Lance Murdock.

BND: Ma queste sono cose che mi aspettavo ti fossero già state dette da Murdock. Se solo cominciasse ad aiutarti seriamente, invece passare il tempo a fare lo Yes Man allupato.

Accanto a Brunild, il Corvo si trattiene a fatica dal ridere.

VB: Jaeger...

SGF: No, scusatemi, sta faccenda dello Yes Man allupato mi ha piegato. Ora sarò serio, promesso.

Murdock sorseggia il tè per poi posare la tazza sulla scrivania scuotendo la testa con molta calma

LM:E io che speravo di dovere intervenire soltanto nel caso la situazione sfuggisse di mano, a quanto pare però Elektra qui non è la più immatura, eh? Per una volta, Sigfried, faresti meglio a tenere quella bocca chiusa.

Lance, sempre con estrema tranquillità, rivolge uno sguardo alla sua compagna che ritrova parzialmente la ragione e si aggiusta sulla sedia annuendo verso il Salvatore che riprende in mano la tazza

ELK:Come sei patetica, Brunild, dirottando il discorso su Lancelot... Se non sai di cosa stai parlando fai meglio a tenere la bocca chiusa, vedo però che è un vizio che condividete... Sarà un difetto di fabbrica di voi tedeschi.

BND: Umph. La mia era solo una chiara constatazione su quello che è un dato di fatto, né più, né meno. Aspetto ancora la tua giustificazione rispetto a quello che ho detto prima della battuta su Murdock.

Poi Brunild fa spallucce.

BND: Altrimenti possiamo già passare a discutere del nostro match.

ELK:Te le segni proprio tutte, eh? Che tristezza...

Elektra sospira portandosi indietro i capelli con una mano

ELK:Non si tratta soltanto del mio comportamento visto che non faccio neanche in tempo a salire su quel dannato ring che subito mi gettate addosso tonnellate di veleno dandomi l'etichetta della ragazzina immeritevole ancor prima che abbiate la possibilità di sapere chi sono.

La spartana porta le mani sul tavolo avvicinandosi ad esso

ELK:Se sei soddisfatta adesso possiamo passare a questo dannato match.

Brunild guarda in tralice Elektra.

BND: Bene. Come preferisci.

Poi fa un cenno a Virgil Brown Jr., che le passa la cartellina col contratto. La Valkyria inizia a scorrere le pagine.

BND: Ecco, stipulazione. Questo m'interes... Cosa?! Singles Match?

Lo Smiling Crow guarda male il General Manager mentre Elektra accenna una risata

ELK:Oh, non ci pensare neanche che io mi accontenti di un normale singles match...

BND: Guarda che neanche io voglio un match normale. La nostra storia si deve concludere in un modo spettacolare oltre che sanguinoso.

Le due continuano a guardarsi in cagnesco. Virgil Brown Jr. finisce il suo thè e interviene.

VB: Alt. Ho deciso io quale sarà la vostra stipulazione. Niente incontri Hardcore o senza squalifiche. Se proprio ci tenete a rendere il vostro match memorabile, lo dovrete fare sfruttando le vostre tecniche e abilità costruite negli anni.

Brunild sbotta.

BND: Non sono per nulla d'accordo. E se proprio vuole che io sfrutti al massimo le mie abilità, le ricordo che ho combattuto per oltre un anno in Total Destruction Pro Wrestling, ergo pretendo...

VB: Ma questa non è la Total Destruction Pro Wrestling, Miss Wagner. Qui siamo in TWC, la federazione più importante al mondo, inoltre comando io, se non le dispiace. Gli incontri a stipulazione speciale non possono essere usati ogni due per tre, ma solo in casi di estrema necessità, soprattutto quelli che mettono maggiormente a repentaglio la salute dei miei wrestler.

Elektra interviene.

ELK:Signor Brown, ritengo che questo sia uno di quei casi... Un singles match non riuscirebbe a contenere il nostro odio. Preferirei evitare controversie di qualsiasi tipo durante il match.

VB: E' il vostro primo incontro ufficiale, comunque simili misure potrebbero essere prese in considerazione solamente se le ruggini tra voi dovessero continuare a crescere l'anno prossimo. In tal caso non avrei scelta. Quanto alle controversie, non ce ne saranno, Miss Kellis. Vi prometto che nessuno interferirà nel vostro match, sarete solo voi due, un ring e un arbitro. E che vinca la migliore.

Wagner sbuffa.

BND: Umph. La ragazzina si stava riferendo a me, GM...

Poi Brunild guarda Elektra.

BND: Non ti preoccupare, armi o non armi, l'incontro finirà senza controversie di sorta. Con te a terra che ti reggi un braccio spezzato e io che festeggio. Più chiaro di così.

Lo Smiling Crow firma il contratto, chiude la cartellina e la lancia roteandola dall'altra parte del tavolo, con la Spartana che l'afferra al volo all'ultimo istante, prima che le finisca addosso.

ELK:Questa è l'ultima volta che mi provochi... Tra due settimane quella maledetta boccaccia sarà messa così male che ti passerà la voglia di istigare la gente!

Elektra poggia violentemente la cartella sulla scrivania per poi alzarsi in piedi con sguardo di fuoco rivolto verso la Valkyria. Quest'ultima non è da meno e si alza a sua volta. Improvvisamente entrambe cercano di andare faccia a faccia, se non ché Lance Murdock e Sigfried Jaeger riescono a interporsi tra loro in tempo. Virgil Brown Jr. fa un cenno alla A&A Security di fare qualcosa, ma sia Adam Jones, che Alex Wilson vengono fulminati con lo sguardo dal Savior e dal Corvo. Il GM scuote il capo, poi si alza e parla ad alta voce.

VB: Basta! Tutte e due! Raffreddate i bollenti spiriti e tornate a sedere, per Dio! Miss Kellis, la prego di sedersi e firmare il contratto. Miss Wagner, lei si dia una calmata.

Dopo alcuni secondi interminabili, sia la Spartana, che la Valkyria fanno un passo indietro e tornano a mettersi a sedere. Per precauzione, Lance e Sigfried restano in piedi accanto a loro. Elektra mantiene lo sguardo sulla rivale per poi aprire la cartella e prendere in mano la penna firmando il contratto.

ELK:Non è così bello essere provocati, mh? Ti piace nasconderti dietro la tua maschera di ghiaccio ma basta una scintilla per farti andare a fuoco.

La spartana fa scivolare la cartella verso il General Manager tenendosi la penna. Ora avvicina a lei le sue cinture con calma per poi lanciare con forza la penna verso la Valkyria! Quest'ultima fa appena in tempo a chinarsi, evitando il proiettile, dopo di che si rialza di scatto, cercando nuovamente di raggiungere la campionessa Spartana.

BND: Dummkopfe che non sei altro!

Elektra Kellis non aspetta altro, eccola provare a tirare stavolta la tazza di thè del suo compagno, ma ancora una volta Lance Murdock la trattiene, mentre lo stesso fa Sigfried Jaeger con Brunild Wagner.

ELK:Sporca puttana!

BND: Come osi, Plappermaul senza cervello!

Nel frattempo che le due si offendono platealmente, Virgil Brown Jr. si mette le mani in faccia, poi taglia corto.

VB: Ho capito, ci rinuncio. Il contratto è valido. Potete andarvene adesso, ma ricordate: niente incontri o giochetti di alcun tipo fino a End is Near. Pena l'annullamento del match.

LM:Adesso ne ho abbastanza, Ele. Meglio se leviamo il disturbo, ok? Non stare al suo gioco, ti sfogherai soltanto a End is Near, chiaro?

La spartana annuisce soffiando come un toro, poi riprende le sue cinture e se ne va. Dopo che Elektra è uscita spalancando a forza la porta, ecco che il Savior fa per seguirla, quando Sigfried Jaeger gli si avvicina una volta lasciata la Valkyria a sbollire la rabbia.

SGF: Hey, Salvatore. Prima che tu tolga il disturbo per andare a rimettere il guinzaglio alla tua donna, ti dò un consiglio da eroe: lascia perdere il tentativo di psicanalizzare Leon Black. Fondamentalmente è inutile, sprechi il tuo tempo. Piuttosto cerca di dare un'occhiata quel dannato Fetzig di Chris Drake. Da quando qualche idiota gli ha permesso di tornare, è peggiorato tantissimo e ormai gira senza controllo a disturbare la gente. O peggio, gli eroi, come questa sera.

VB: Idiota? Chi sarebbe l'idiota?

Il Savior alza un sopracciglio.

LM:Vedrò di fare il possibile, Sigfried. Un vero eroe però sarebbe il primo a scendere in linea in occasioni del genere invece di rintanarsi scocciato. Ti auguro una discreta giornata.

Il Daredevil con un cenno del capo saluta il Corvo per poi salutare il GM alzando il braccio, dopo di che esce dalla stanza. Sigfried lo segue con lo sguardo, grattandosi la barba e parlando tra sé e sé.

SGF: Naaah. Un vero eroe lascia perdere gli psicopatici al loro destino...

Improvvisamente si sente tuonare il General Manager.

VB: Jaeger, ti devo parlare! Chiudi quella porta e vieni subito qui!

SGF: Ecco, ci risiamo.

Il Corvo si gira sorridendo al General Manager, che vediamo rosso in volto, così come Brunild Wagner, che si è rimessa a sedere col cappuccio della felpa nera alzato. Infine Jaeger chiude la porta con un colpo di tacco, e le immagini sfumano. Pubblicità per noi, ma Friday Night Indoor War continua! Don't. Change. The Channel.

Up Next: Una stipulazione in ballo


Top
 Profilo  
Rispondi citando  

Re: TWC - Friday Night Indoor War
MessaggioInviato: 04/12/2015, 22:36 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: 18/04/2011, 23:52
Messaggi: 26144
Bentornati in diretta con TWC Friday Night Indoor War, cari amici spettatori, live dal Tucson Convention Center. Siamo arrivati adesso a uno dei momenti più attesi e hypati della serata.

Immagine


Come ci mostra la grafica, tra qualche istante si terrà il Triple Threat Match che vedrà messa in palio la stipulazione del TWC World Tag Team Championship Match di End is Near tra i detentori della Bruderschaft Der Krahe Incorporated e le coppie sfidanti, i No More Heroes, e l’Unstoppable Team. La linea passa alla nostra Jessica Rose, pronta ad annunciare il match al centro del ring, in compagnia dell’arbitro designato per la contesa, Simon DeJano.

Immagine


JR: Ladies and gentlemen. The following contest, scheduled for one fall, is a Triple Threat Match!!!

Applausi e cori da parte del caldissimo pubblico di Tucson, che inneggia pure alla splendida annunciatrice, in attesa dell’ingresso dei tre wrestler che combatteranno questo match.



Improvvisamente, ecco risuonare una nuova theme nell’arena. E il pubblico esulta non appena fa la sua apparizione sullo stage il mitico Shawn “Gaty” Gates!

Immagine


Il wrestler proveniente da San Antonio accenna un sorriso, poi scende la rampa con ferrea determinazione e si dirige verso il ring.

JR: Introducing first. Making his way to the ring, weighting 198 pounds and standing 6-feet-2-inches tall. From San Antonio, Texas, representing the No More Heroes. He is The Ultimate Rebel... Shaaaaawn... Gaaaaates!!!!!

Gates sale rapidamente sull’apron, passa sotto la terza corda ed entra sul quadrato. Dopo di che eccolo andare a un angolo e salire sulle corde per ricevere l’applauso dei suoi fan, accorsi numerosissimi a seguirlo. Poi il veterano si appoggia alle corde in attesa dei due avversari. Ricordiamo che a due settimane dall’annuncio di questo match da parte di Virgil Brown Jr, solo i No More Heroes hanno scoperto apertamente le proprie carte, optando per far combattere l’incontro a Gates. E se questa sera dovesse vincere il War Machine, a End is Near si terrà ufficialmente un Triple Threat Tag Team Elimination Match per i titoli di coppia.

Immagine


Attenzione!! Le luci si spengono!



Nell’arena suona a manetta la theme del German Superman, Fred Franke! L’arena s’illumina di nuovo, e Fred compare sullo stage.

Immagine


Pare proprio che sarà lui il prescelto a partecipare a questo match in rappresentanza dell’Unstoppable Team. Ma mentre i fan lo offendono e gli intonano cori contro, il German Gorilla non muove un muscolo e resta immobile dove si trova. Sul ring Shawn Gates fa cenno platealmente a Franke di farsi avanti e combattere.



Improvvisamente la theme di Fred si interrompe e parte quella di Sean Morgan!

Immagine


Dopo qualche istante ecco sbucare l’Orphan sullo stage. Sean si affianca a Fred Franke, poi i due membri dell’Unstoppable Team si stringono la mano e il German Superman se ne torna nel backstage, mentre Morgan punta il dito verso il ring e inizia a scendere rapidamente la rampa. Sarà lui allora a combattere!

JR: Introducing second. Making his way to the ring, weighting 212 pounds and standing 5-feet-8-inches tall. From Kansas City, Missouri, representing the Unstoppable Team. He is the Unstoppable Machine... Seaaaaan... Morgaaaaan!!!!!

Una volta arrivato a bordo ring, Morgan si gira e va a salire i gradoni d’acciaio, dopo di che irrompe sul quadrato, andando subito a dire qualcosa a Shawn Gates, che lo fronteggia a muso duro. Mentre Simon DeJano ha il suo bel da fare per calmare i due wrestler, ricordiamo che in caso di vittoria da parte di Sean Morgan, a End is Near i titoli di coppia verranno messi in palio in un Triple Threat Tag Team Ladder War Match. Una volta tornata la calma, un fischiato Orphan va ad appoggiarsi all’angolo opposto rispetto a Gates. Manca solamente un partecipante a questo match, e l’adrenalina del pubblico si alza sempre più.

Immagine


Ma ecco che su tutti gli schermi compare la minacciosa immagine di un corvo in movimento. E’ arrivato il momento di scoprire quale sarà il rappresentante della Bruderschaft Der Krahe Incorporated!

Immagine


Le luci si abbassano e diventano intermittenti tra il clamore generale, mentre sul titantron inizia a campeggiare il logo della BDK Inc. e sullo stage si diffonde una nebbia grigiastra.



E attenzione, la theme degli Amon Amarth rivela che sarà “Superstar” Sigfried Jaeger a raccogliere la sfida questa sera! Sul ring vediamo un’ombra di soddisfazione sia in Shawn Gates che in Sean Morgan.

Immagine


Dopo qualche istante il Corvo di Ravensburg sbuca tra il fumo nello stage, ricevendo un sacco di fischi e anche una parte di applausi. Sigfried come al solito fa la sua taunt rivolto in camera, dopo di che alza al cielo il suo TWC World Tag Team Title.

Immagine


Una volta messosi la cintura in spalla, Jaeger inizia a scendere la rampa, osservando da lontano i suoi avversari sul ring.

JR: And introducing third. Making his way to the ring, weighting 215 pounds and standing 6-feet-3-inches tall. From Ravensburg, Germany, representing The Bruderschaft Der Krahe Incorporated. He is the Best from the West... Sigfrieeeeed Jaegeeeeer!!!!!

Una volta finite la rampa, il Monster Hunter si dirige verso i gradoni, li sale con calma e infine entra nel quadrato con cautela, sempre tenendo d’occhio Shawn Gates e Sean Morgan. Nel frattempo ricordiamo che se fosse Jaeger a vincere, l’incontro di End is Near tra BDK Inc, Unstoppable Team e No More Heroes diventerà un Triple Threat Fall Count Anywhere Tag Team Match. Vediamo ora Sigfried fare l’occhiolino verso gli avversari fingendo di avvicinargli la sua cintura. Dopo di che Jaeger bacia il suo titolo e lo consegna a Simon DeJano, che lo passa a uno degli official. Il Deadly Crow infine si toglie la felpa nera marchiata BDK Inc. e la getta fuori dal ring. Ci siamo, tutti e tre i contendenti si sono piazzati in tre angoli e si scrutano sospettosamente a vicenda. Il referee, una volta date le ultime disposizioni, dà il segnale al Timekeeper. E la campanella finalmente suona, il match ha inizio! Here. We. Go!!!


**Triple Threat Match**

Sigfried Jaeger (B.D.K. Inc.) vs. Shawn Gates (N.M.H.) vs. Sean Morgan (U.T.)


Vediamo subito Jaeger fare cenno a Morgan e Gates di farsi sotto. Il wrestler di San Antonio non se lo fa ripetere due volte e parte immediatamente uno scambio alternato di pugni tra i due. Alla fine pare avere la meglio Shawn, che rifila quattro pugni consecutivi al Corvo. Quest’ultimo barcolla all’indietro, poi si rifugia alle corde. Sean Morgan ne approfitta subito per colpire alle spalle Gates, mentre Jaeger rotola volontariamente giù dal ring. Ecco Sean prendere per la testa The Legend, portarlo all’angolo e mandarlo a sbattere con la testa sul tornbuckle. L’Orphan ripete l’operazione una seconda volta, ma al terzo tentativo, Shawn si oppone forzando sulle corde con una gamba, poi avverra a sua volta la testa di Morgan e gliela manda a sbattere a sua volta all’angolo per cinque volte, tra gli applausi del pubblico. Dopo di che il War Machine esegue un Irish Whip e lo manda a sbattere all’angolo opposto. Gates parte per un braccio teso, ma l’Orphan lo respinge con una gomitata, dopo di che stende Gates con una poderosa Running Clothesline!

Immagine


Shawn Gates cade a terra dopo il colpo subito e Morgan gli rivolge un gestaccio. Improvvisamente, però, Sigfried Jaeger compare alle sue spalle, lo blocca e lo atterra con un Deutsche Legsweep! Il Corvo si rialza scuotendo il capo, dopo di che va ad abbrancare l’Orphan e lo scaraventa fuori dal ring, oltre la terza corda. Poi Sigfried corre verso Gates e gli rifila una ginocchiata allo stomaco, dopo di che lo ribalta a terra con un Bruderschaft Suplex! Il tedesco poi rialza nuovamente l’avversario. Dopo un paio di pugni, il Best from the West rifila uno schiaffo all’Ultimate Rebel e lo lancia alle corde. Reverse disperata da parte del nativo di San Antonio, che poi si tuffa a terra, venendo scavalcato da Sigfried. Il tedesco rimbalza nuovamente alle corde e torna di nuovo su Shawn, che lo ribalta con un perfetto Scoop Slam!

Immagine


Tentativo di conteggio. 1... Kickout immediato di Jaeger! Il War Machine si rialza e prova subito a punire Sigfried prendendogli una gamba per l’Ankle Lock! Ma Sean Morgan afferra Shwn per le caviglie sporgendosi dall’apron e lo butta a terra, trascinandolo poi fuori dal ring. Qui i due cominciano a colpirsi violentemente a vicenda. Nel frattempo il campione di coppia si rialza, e notando la scena prende la rincorsa, tuffandosi addosso ai due! Morgan però se ne accorge e si sposta in tempo, così solamente Shawn Gates cade vittima dello spettacolare Flug von Selbstmord del tedesco! Mentre il pubblico rumoreggia, l’Unstoppable Machine abbranca prontamente Sigfried Jaeger e lo sbatte alle transenne, dopo di che lo afferra per un braccio, si guarda dietro, e infine manda il Corvo di Ravensburg a schiantarsi addosso ai gradoni d’acciaio!

Immagine


Sigfried Jaeger finisce così a terra tenendosi la spalla dolorante per lo schianto. Nel frattempo Morgan afferra Gates e lo getta sul ring, poi lo segue. Non appena il wrestler di San Antonio prova a rialzarsi, ecco che l’Orphan lo abbranca da dietro e lo stende con una perfetta Reverse Neckbreaker. Dopo di che ecco un tentativo di schienamento ai danni del War Machine. 1... No! Shawn alza una spalla quasi al conto di due. Morgan sospira, si rialza e prende per la cintura Gates, sollevandolo con una prova di forza e gettandolo alle sue spalle con un perfetto German Suplex! L’Orphan fa il gesto di pulirsi le mani, poi va a tirare su l’avversario. Che però reagisce con un pugno allo stomaco del wrestler di Kansas City. Morgan replica con un pugno al volto, ma Shawn è indomabile e risponde con un Uppercut. I due iniziano a colpirsi nuovamente a vicenda, quando il pubblico comincia a rumoreggiare. Gates e Morgan si girano, e vengono travolti entrambi da Sigfried Jaeger con un micidiale Panzerfaust!

Immagine


I due wrestler finiscono entrambi a terra violentemente. Sigfried si rialza e attende che uno dei due si rialzi per primo. E questo è Sean Morgan, che viene preso a colpi di Deutsche Uppercut e poi lanciato alle corde dal tedesco, che infine gli blocca una braccio dietro la schiena e lo stende con una delle sue mosse più potenti, la Gegen Monstrum! Dopo di che il Corvo va per lo schienamento immediato. 1... 2... No! Shawn Gates si tuffa addosso Sigfried, interrompendo il conteggio! Mentre Morgan rotola via, Sigfried si rialza furentem e va per colpire Shawn, che però lo intercetta con una gomitata al volto e lo atterra con uno Snap DDT! Bella mossa da parte dell’ex-Gaty, che poi schiena l’avversario. 1... 2... No! Kickout da parte del Monster Hunter sul conto di due. Il War Machine si rialza frustrato, poi però intercetta un tentativo di Clothesline da parte di Sean Morgan, e lo chiude in una Sleeper Hold!

Immagine


Morgan tenta immediatamente di liberarsi, ma Shawn approfitta del vantaggio d’altezza per mantenere una presa ferrea sull’avversario che si sbraccia impotente. Dopo alcuni secondi, l’Unstoppable Machine sembra sul punto di perdere le forze, finchè eccolo spingersi all’indietro e mandare Gates a sbattere di schiena all’angolo, liberandosi. Dopo di che il wrestler di Kansas City si gira, afferra l’avversario e lo stende con una perentoria STO! Subito dopo Morgan rotola via e va per rialzarsi, ma Sigfried Jaeger è già lanciato per la Stay Down! Non va! Morgan schifa il colpo all’ultimo istante, poi afferra il Corvo, se lo carica sulle spalle e prova una Powerslam. Ma il Best from the West si libera con una gomitata violenta, atterrando in piedi alle spalle di Sean, infine lo colpisce al volo non appena si gira con un poderoso Hunter’s Kick!

Immagine


Applausi da parte del pubblico per l’ennesima grande mossa dell’incontro. Fischi subito per Sigfried, non appena si rialza e fa la propria taunt. Il tedesco non fa in tempo a replicare in modo sarcastico, che Shawn Gates, tornato in azione, lo afferra e gli rifila un doloroso Atomic Drop, seguito subito dopo da una perfetta Spinebuster! Il War Machine si rialza tra i cori dei fan, dopo di che guarda Jaeger e decide di salire sul paletto! Eccolo arrampicarsi sulla terza corda e mettersi in equilibrio a fatica, col pubblico che lo sostiene. Ma Sean Morgan si rialza e si butta sulle corde, facendo perdere l’equilibrio a Gates, che finisce per frantumarsi i gioielli di famiglia cadendo a sedere sulla parte scoperta dell’angolo! Che dolore! Subito dopo l’Orphan ne approfitta per arrampicarsi appresso all’avversario, colpendolo un paio di volte sulla schiena e tirandolo su lentamente. Vuole provare un Superplex! Ma Sigfried si aggrega a modo suo, infilandosi sotto Morgan! E connettendo un’incredibile mossa combinata!!!

Immagine


Mentre l’arena rumoreggia, vediamo Sean Morgan al tappeto così come Shawn Gates. Intanto Sigfried gattona verso il primo e lo schiena. 1... 2... No! L’Orphan si scuote, uscendo dallo schienamento. Jaeger scuote il capo e ci prova con Gates. 1... 2... No! Anche il wrestler nativo di San Antonio effettua in tempo il Kickout! A questo punto il Corvo rompe decisamente gli indugi, blocca la gamba di Gates a terra, e lo chiude nella sua terribile Untersuchung, la sua mossa di sottomissione per eccellenza! Shawn Gates tenta immediatamente di liberarsi. Eccolo provare a rompere la presa delle mani del tedesco al collo, ma Jaeger gli grida che è tutto inutile e che è finita. L’Ultimate Rebel scuote leggermente la testa e prova allora a raggiungere le corde. Eccolo trascinarsi lentamente, sempre più lentamente verso la salvezza rappresentata dalla prima corda. E’ vicinissimo! Sigfried allora lo molla all’improvviso, si alza, lo trascina a centro ring, e lo chiude nuovamente nell’Untersuchung!!!

Immagine


Mentre il wrestler di San Antonio boccheggia, privo di forze, Sigfried urla a DeJano di controllare immediatamente se Gates è svenuto. Ma un secondo dopo la richiesta diventa inutile, poichè arriva Sean Morgan di gran carriera a rifilare una ginocchiata sulla nuca del tedesco, che finisce per mollare Shawn, mezzo stordito dalla botta tremenda. L’Orphan continua a pressare Sigfried. Ecco che i due si sferrano un paio di Uppercut a testa, poi il tedesco prova un’improvvisa Oden’s Blade, ma Morgan effettua una Reverse, blocca Jaeger e lo scaraventa via con un Belly to Belly Suplex! Il Corvo si rialza mezzo stordito e barcolla finendo a un angolo. Running Clothesline da parte di Sean Morgan sul Monster Hunter, che poi viene caricato sulle spalle dallo scatenato wrestler proveniente dal Missouri, che infine lo schianta a terra con una Powerslam distruttiva!

Immagine


Dopo di che l’Orphan, soddisfatto, schiena il tedesco. 1... 2... e 3! No! DeJano interrompe il conteggio, indicando il piede di Sigfried appoggiato sulla prima corda a un imbufalito Morgan. Quest’ultimo allora si rialza e sferra una pedata dalla gamba del tedesco, che grida di dolore. Sean ridacchia, poi si gira... E viene travolto e sbalzato oltre le corde da una Clothesline suicida di Shawn Gates! Entrambi i lottatori finiscono per colpire l’apron ring e ruzzolare a terra nei paraggi della zona di commento, mentre i fan rumoreggiano e applaudono. Passano i secondi, e mentre sul ring vediamo Sigfried Jaeger che si tiene la gamba e si trascina via, ecco che l’Ultimate Revel e l’Unstoppable Machine danno segni di vita. Shawn Gates si tira su aiutandosi col tavolo di commento, mentre Morgan inizia a trafficare sotto al ring. L’Orphan tira fuori una sedia, tentando di approfittare del fatto che in teoria non esistono squalifiche, ma Gates se ne accorge in tempo e lo schianta a terra con una Texas Guillottine prima che si rialzi! Poi, col sostegno del pubblico, Shawn abbranca l’avversario, lo solleva sulle spalle, e lo schianta sul cemento con una incredibile Gates of Hell, la sua nuovissima finisher!!!

Immagine


Pubblico in piedi ad applaudire il veterano del Texas, che poi si rialza e riprende fiato. Shawn osserva un attimo Morgan, immobile a terra, poi vede Sigfried Jaeger in piedi a un angolo, allora eccolo passare sull’apron e rientrare sul ring tra le grida dei fan. Qui Gates e Jaeger si guardano a lungo, poi si avvicinano lentamente, scambiandosi sguardi di fuoco. Il Corvo, espertissimo nel trash talking, provoca subito il wrestler di San Antonio, che replica con un pugno che fa barcollare all’indietro il tedesco. Sigfried replica con un pugno a sua volta, facendo arretrare Gates. Ed ecco divampare nuovamente la rissa tra i due. Ginocchiata allo stomaco da parte di Jaeger. Gates barcolla all’indietro, poi risponde con una violenta Chop, seguita da una seconda e da una terza. Gates prova ora un’Irish Whip verso le corde, ma Jaeger effettua una disperata Reverse, dopo di che ribalta al volo il texano e lo colpisce con una durissima Achterbahn!

Immagine


Shawn Gates accusa duramente il colpo alla schiena un tempo operata, contorcendosi a terra. Al ché il Best from the West gli si getta addosso e lo chiude nello schienamento bloccandogli una gamba. 1... 2... e 3! No! Sigfried batte un pugno a terra e guarda male DeJano, che fa spallucce e indica un conteggio di due. A questo punto il Corvo si asciuga il sudore e si rialza. Dopo aver rifilato un paio di Stomp a Gates, eccolo sgranchirsi la gamba e poi alzare platealmente il gomito. Pare sia arrivato il momento di puntare sulle armi pesanti. Il tedesco si appoggia a un angolo e prende le misure per il Blitzkrieg. Shawn Gates, ignaro del pericolo, si rialza a fatica aggrappandosi alle corde, mentre i fan cercno in qualche modo di avvertirlo. Ecco che parte Jaeger a tutta velocità, giravolta del tedesco per caricare il colpo... Che va a vuoto! L’Ultimate Rebel si abbassa una frazione di secondo prima e schiva la gomitata della morte! Dopo di che carica il peso del corpo su una gamba e prova il suo micidiale GatyKick! Ma Sigfried riesce a bloccargli il piede appena in tempo. Jaeger scuote sarcasticamente il capo verso l’avversario, che però per tutta risposta gli rifila un Enziguiri Kick alla testa!!!

Immagine


Il Best from the West, colpito out of nowhere, barcolla all’indietro e rimbalza alle corde. Nel frattempo Shawn si tira su dando fondo alle proprie energie, e scarica un terrificante GatyKick direttamente in faccia a Sigfried!!!

Immagine


Che botta inaudita! Il Corvo finisce direttamente al tappeto sputando sangue dalla bocca dopo il colpo mortifero di gates. Quest’ultimo, caduto a terra nella foga del colpo, dopo qualche istante striscia verso il ferito Sigfried e lo copre per lo schienamento decisivo! 1... 2... e 3!!!!!

Spoiler:
NOOOOO!!!!!

Immagine


Colpo di scena! Il redivivo Sean Morgan, approfittando della situazione, è riuscito a salire sul paletto dando fondo alle riserve d’energia e a connettere la sua Last Chance direttamente addosso a Gates e Jaeger mentre l’arbitro contava, proprio a un soffio dal 3!!! Dopo la botta tremenda, Gates rotola un paio di metri più in là, tenendosi la schiena, sulla quale è praticamente atterrato Morgan. Jaeger, schiacciato dal colpo spettacolare dell’Orphan, resta a terra, con una smorfia di dolore sul viso, mentre il sangue continua a colargli dalla bocca. Sean Morgan si mette in ginocchio,guardando gli avversari con uno sguardo feroce, dopo di che non ci pensa due volte e va a schienare Sigfried Jaeger! Simon DeJano si tutta a terra e va col conteggio! 1... 2... e 3!!!!! Ed è finita! Sean Morgan ha vinto questo intensissimo Triple Threat Match!

JR: And the winner of this match: Seaaaaan... Morgaaaaan!!!!!

L’Orphan rotola via e si mette in ginocchio, mentre un sorriso gli si disegna sul volto. Intanto ecco partire subito la sua theme, mentre il pubblico lo fischia deluso per la non vittoria di Shawn Gates. Con questa preziosissima vittoria, non solo Sean Morgan ha dimostrato di poter competere subito con avversari più quotati sulla carta, ma soprattutto ha di fatto stabilito che a TWC End is Near assisteremo dunque a un Triple Threat Tag Team Ladder War Match per le citure di coppia detenute dalla Bruderschaft Der Krahe Incorporated. E che match si prospetta, se questo era solo un primo assaggio.



Ecco che il referee DeJano alza il braccio destro di Sean in segno di vittoria non appena questi è in piedi. Nel frattempo vediamo un deluso Shawn Gates trascinarsi a un angolo e appoggiarvisi scuotendo il capo. Invece Sigfried Jaeger è scivolato fuori dal ring. Vediamo il tedesco seduto con la schiena appoggiata alle transenne, mentre sputa a terra un grumo di sangue e si controlla la bocca. Una volta spintonato via il referee, Morgan sorride verso Gates e gli rivolge un’offesa, poi zoppica verso le corde e da là punta il dito verso Sigfried per poi fare chiaramente segno che vuole la sua cintura.

Immagine


Il Best from the West scuote decisamente il capo e lo guarda male a sua volta mentre stringe a se il suo TWC World Tag Team Title, appena riconsegnatogli da un official. Infine il wrestler di Kansas City lascia il ring e si avvia verso lo stage, alzando un braccio in segno di vittoria mentre cammina all’indietro e guarda gli avversari. E con le immagini dell’Orphan che festeggia stage, di un Corvo che si alza in piedi e inizia ad andarsene tenendo una mano alla bocca, letteralmente inferocito, e di un Gates che vediamo in piedi sul ring che sospira e non le manda a dire, è arrivato il momento dei consigli per gli acquisti.


Pubblicità, non andate via. Friday Night Indoor War continua!

Up Next: Stavolta Leon Black arriva davvero, non preoccupatevi.


Top
 Profilo  
Rispondi citando  

Re: TWC - Friday Night Indoor War
MessaggioInviato: 04/12/2015, 22:47 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: 18/04/2011, 23:52
Messaggi: 26144
Bentornati a TWC Indoor War! Le telecamere ci portano nel backstage, dove Kevin Manson passeggia fischiettando.

Immagine


Lo sfidante, già in tenuta da ring, si avvicina ad un angolo, poi si ferma qualche secondo. Respira, e finalmente lo svolta. Arrivato davanti ad una porta, la apre lentamente. Entra nella stanza, seguito a pochi metri dal cameraman. Finalmente, le immagini ci portano all'interno di uno spogliatoio.

Immagine


Leon Black, in jeans e camicia porpora è seduto su una panca, appoggiata ad una parete, e si tiene la fronte con le mani, sospirando. Il gigante alza lo sguardo, osservando Manson, poi sospira di nuovo.

LB: Vattene.

The Animal scuote la testa, sorridendo.

KM: Ti ricordavo più disponibile.

Kevin si guarda intorno.

KM: Oggi siamo soli, eh Leon? Sai cosa ti farebbe bene? Una bella chiacchierata con la tua nemesi preferita. O almeno, così mi riterresti se non fossi a metà tra il dannatamente egocentrico e l'autistico. Ma, dicevamo, una chiacchierata. Ora prendo una sedia, mi metto comodo e scambiamo le nostre ultime parole con il ruolo rispettivamente di "sfidante ossessionato" e "campione altezzoso". Perchè dopo stasera, i ruoli cambieranno.

LB: Ascoltami Kevin, non vedo l'ora di salire su quel ring e sfogarmi un po' quindi vedi di non farmi accelerare la pratica, va bene?

Manson scuote la testa.

KM: Non voglio accelerare alcuna pratica, no no. Non ne ho interesse. Voglio solo fare una conversazione con te, per scambiare due parole, sai. Neanche io vedo l'ora di affrontarci su quel ring, proprio per questo sono qui. Ingannare l'attesa.

Kevin fa segno con la mano destra a Leon di non muoversi, va a prendere una sedia appoggiata al muro, la posiziona di fronte a Black e si siede accavallando le gambe.

KM: Perfetto. Allora.. Non so, comincerei parlando del tuo umore. Non si vuole uno psicologo per capire che qualcosa non va. Quindi... Hai così tanta paura di me? Ho sempre saputo che sotto sotto mi temi, ma nemmeno nelle mie più rosee aspettative ti avrei immaginato così inquieto. E' appagante tutto ciò, Leon. Quasi mi fa venire voglia di aspettare altre due settimane per toglierti quel titolo. Quasi.

LB: Cosa vuoi Kevin? Se vuoi posso combattere con una mano legata dietro la schiena. Oppure con entrambe. Oppure bendato. Oppure tutto insieme. Non voglio giocare a fare lo psicologo con te. Esci di qui e vatti a preparare per il nostro match. Almeno psicologicamente, intendo.

Manson sorride.

KM: Di solito, quando una persona risponde a delle provocazioni con delle spacconerie simili, significa che le parole gli sono entrate sottopelle. E ti assicuro che mi divertirebbe molto, moltissimo, chiederti di tener fede alle tue parole e farti combattere senza poter usare le braccia o senza vedere il mio volto mentre tu sarai a terra e io ti riderò in faccia compiaciuto. Davvero, sarebbe divertentissimo. Ma non sarebbe abbastanza. Tu devi essere sconfitto per mano mia, e non devi avere la possibilità di accampare alcun tipo di scusa. E quando parli di prepararti psicologicamente, so che mi ritieni un ragazzino che fa la voce grossa per esorcizzare la propria paura dell'uomo nero. Avrai tutto il tempo necessario a cambiare idea, quando tornerai in questo spogliatoio dolorante e rassegnato.

Kevin fa l'occhiolino a Leonard.

KM: E tu? Sei psicologicamente pronto? Sai, oggi sei particolarmente espressivo. Direi quasi malinconico.

LB: Lasciami essere franco. Tu non puoi battermi. Quindi, quando dico che ti devi preparare psicologicamente, lo dico perché non voglio massacrarti dopo il match perché mi attacchi in preda all'ira. Stasera, come sono solito fare, dimostrerò pubblicamente come tu sia un fallimento, come Goldman, Fred e Drake prima di te.

Black si passa una mano fra i capelli.

LB: Sai come mi facevo chiamare una volta? L'annullatore di nullità. Stasera tu sei la nullità Kevin. E non c'è nulla che tu possa fare. Nulla. Perché ti ho già battuto una volta, per poi due settimane dopo combattere due match e vincerli. In questa federazione ti sei fatto notare facendo il buffone e bullizzando i deboli, ma appena sono arrivate le difficoltà ti sei fermato. Tu non stai fra i grandi di questa federazione. Tu non stai nemmeno fra quelli degni di nota. Ed io farò in modo che tu te lo ricordi.

Il gigante si alza in piedi.

LB: Puoi sopportare un'altra sconfitta? Puoi sopportare il fatto che stasera ti inchioderò al tappeto, dopo averti malmenato? Puoi sopportare il fatto che lo farò anche tra due settimane? Te lo dico io. Non puoi.

Manson si avvicina a Black, alzandosi anch'egli.

KM: Esatto. Non posso. E' per questo che non mi schienerai. Stasera, è la serata in cui Kevin Manson entra tra i grandi di diritto. Stasera, è la serata in cui ti osserverò inerme al tappeto ed alzerò la cintura nel cielo.

Kevin si avvicina ancora di più a Leon.

KM: Stasera, è la serata in cui perdi tutto quel poco che ti è rimasto. E tornerai in questo spogliatoio, vuoto anche per quanto riguarda i trofei.

LB: Non puoi farlo Kevin. Tu non ne hai le capacità. Io ti ho visto e ti ho capito fin da subito. Io ti ho neutralizzato. Stasera ti ridurrò in uno stato fisico e mentale tale da concludere la tua carriera.

Kevin sorride.

KM: Forse. Lo scopriremo stasera. Ma lasciatelo dire.. Non mi fido troppo delle tue parole. D'altronde, chi si fida di te se ne pente. Conoscendoti, la assenza di altre persone in questo spogliatoio potrebbe voler dire che Lucy ha fatto la stessa fine di Elena, e la stessa fine che farà la cintura. Persa.

Black sorride a sua volta.

LB: Sai Kevin, so perfettamente cosa stai cercando di fare. Stai cercando di farmi arrabbiare. Ma non puoi riuscirci, mi spiace. E sai perché?

Black si passa una mano fra i capelli.

LB: Sono già arrabbiato.

Leon afferra la testa di Manson e la sbatte contro il muro, per poi sollevarlo e scaraventarlo fuori dal camerino, mandandolo a sbattere contro un muro. Il gigante si chiude la porta alle spalle, e sulle immagini di alcuni addetti del Backstage che vanno a vedere come sta Manson, noi andiamo in pubblicità.

Up Next: Uno degli show secondari WWE


Top
 Profilo  
Rispondi citando  

Re: TWC - Friday Night Indoor War
MessaggioInviato: 04/12/2015, 23:00 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: 18/04/2011, 23:52
Messaggi: 26144


Immagine


Kevin Manson appare sullo stage in tenuta da combattimento, pronto per il main event della serata, in cui sfiderà Leon Black per cercare di arrivare a The End is Near come campione del mondo TWC. The Animal cammina piuttosto lentamente verso il ring, mentre qualche coro per lui viene sommerso dai fischi del pubblico.Lentamente sale sul ring e si siede in un angolo, aspettando il suo avversario.



Leon Black compare sullo stage, in tenuta di combattimento ed immobile.

Immagine


Il gigante lentamente alza il braccio tenendo il titolo in mano. Lentamente l'arena cala nel silenzio, lasciando solo la theme song del lottatore. La Unglorified Legend, a capo chino lentamente alza lo sguardo, annuisce e fa scattare in avanti il braccio.

BOOOOOOOOOOOOOOOOM!


Il pubblico, in sincrono, accompagna Leon Black, che urla per caricarsi. Il gigante si avvia verso il ring, mentre una telecamera lo riprende da vicino.

LB: The end is near.

Black allontana con una leggera manata la telecamera e finalmente arriva al ring iniziando a salire i gradoni d'acciaio. La Unglorified Legend scavalca la terza corda e si trova sul ring, dove alza di nuovo il titolo sopra la testa, accompagnato dai cori in suo favore, poi lentamente torna al suo angolo.

JR: Introducing first, in the corner to my left, from Parts Unknown, he stands 5-feet-10-inch tall, weighing 279 pounds, he is the Animal, Kevin Manson!

Manson alza un braccio.

JR: And his opponent, in the corner to my right, from Chicago, Illinois, he stands 7-feet-2-inch tall, weighing 392 pounds, he is the first ever and currently reigning TWC World Heavyweight Champion, the Unglorified Legend, Leon Black!

Black alza nuovamente il titolo, poi lo consegna all'arbitro della contesa, che lo alza ai quattro lati del ring, facendo poi segno al timekeeper di suonare la campanella.

TWC Championship Match: Leon Black (c) vs Kevin Manson


Leon Black e Kevin Manson si fissano. L'Unglorified Legend non stacca gli occhi dall'avversario, The Animal invece sposta nervosamente lo sguardo dalla cintura, ai fan, finalmente al TWC Champion. Il pubblico gradisce, incitando in modo piuttosto rumoroso l'attuale detentore della cintura. Manson fa una smorfia, sale sul paletto urlando di essere il nuovo campione ed indicandosi il volto, ricevendo fischi. Spazientito, torna a guardare Black e gli si avvicina. Leon è immobile. Kevin gli urla di essere il futuro campione e che per la vergogna Black non si mostrerà più, proprio come Elena e Lucy. L'Ultraviolent Veteran scatta e atterra Kevin con un blocco, dopodichè lo colpisce con dei pugni chiusi ottenendo un boato degli spettatori. L'arbitro conta fino a 4, allorchè il campione molla. La tregua per Kevin dura poco, visto che dopo un paio di secondi torna ad essere oggetto di una furiosa serie di Stomp che lo costringono ad uscire come può dal quadrato. Black lo insegue, gli prende il volto e lo manda a sbattere contro il paletto d'acciaio posto all'angolo del ring, poi contro le transenne, di nuovo contro il paletto, di nuovo contro le transenne, paletto, transenne, paletto, transenne e poi si torna sul ring. Manson cerca riparo avanzando gattoni verso l'angolo, ma una volta arrivato a destinazione viene colpito da altri pugni dell'Unglorified Legend. L'arbitro conta ancora una volta, arrivando a 4 e frapponendosi tra i due sfidanti. Il direttore di gara chiede spiegazioni a Leon, che lo sposta da davanti a sè e torna all'attacco. La scena si ripete, Black spazientito urla all'arbitro che non gli interessa essere squalificato in quanto rimarrebbe campione, poi colpisce Kevin con un altro paio di pestoni e gli lascia finalmente tregua andando ad appoggiarsi all'angolo opposto. Rincorsa del campione TWC, travolge l'avversario all'angolo. Irish Whip verso il corner opposto, seconda Running Avalanche, poi lo cinge alla vita tentando il sollevamento per la Mark Of The Veteran... Gomitate di Manson sulla nuca di Black, che costringono quest'ultimo a mollare la presa. Reazione istantanea del TWC Champion, che spinge in avanti Kevin e lo fa ruzzolare fuori dal ring. Rincorsa, rimbalzo contro alle corde del lato opposto, pubblico in piedi e Runaway Dive!

Immagine


Applausi degli spettatori verso Leon Black, che ora va ad alzare Kevin Manson per la mano destra, quella fasciata. The Animal urla e reagisce istintivamente con un calcio nel ginocchio dell'avversario, ottenendo un break e tornando rapidamente sul ring. L'Unglorified Legend lo segue immediatamente, prova a connettere con un Lariat ma Kevin si abbassa, nuovo tentativo in rebound... Allahu Akbomb!

Immagine


Manson subito al pinfall: 1, NO! Kickout immediato ad una delle manovre conclusive di The Animal, che si porta le mani ai capelli, stringendoli e strappandosene alcuni. Kevin si rialza e prova a capitalizzare il vantaggio con alcuni Stomp, impedendo a Black di rimettersi in piedi, poi prende una rincorsa brevissima e connette con una Senton! Leon accusa il colpo ma punta nuovamente le mani per rimettersi in piedi, allora c'è una seconda Senton. 360 Legdrop e pinfall: l'Ultraviolent Veteran alza la spalla prima ancora che il direttore di gara possa mettersi in posizione per contare. The Animal lancia un urlo di stizza e intima all'arbitro di muoversi a contare, dopodichè si rigira verso l'avversario, in ginocchio. Pugni di Kevin Manson, ma Leon non crolla sotto i colpi, anzi, risponde con un destro alla mandibola e riesce ad allontanare il nemico da sè. Il Painmaker si tocca i denti, poi riparte alla carica in corsa ma viene steso da un Big Boot del gigante. Black osserva stizzito Manson che si mette in ginocchio e cerca di rialzarsi, poi gli pesta la mano bendata! Urlo di dolore dello sfidante, che poi viene colpito da una nuova serie di pugni in testa e crolla prono al tappeto. L'Unglorified Legend ora imita Kevin allargando le braccia, dopodichè mette a segno una Senton, poi una seconda ed un 360 Legdrop. Il pubblico applaude il campione, che ci mette del suo e chiude la combo con un Lionsault.

Immagine


Pinfall: 1, 2, solo 2. Leon Black sorride, dopodichè osserva Kevin che cerca di rialzarsi con uno sforzo addominale.. E lo stende con un calcio in faccia. Il Painmaker si tiene il volto, dopodichè fa leva con le braccia cercando lo slancio per rimettersi in posizione eretta. Leon va a segno con un calcio al costato. Manson urla, ma continua a cercare di rimettersi in piedi ed ora è in ginocchio. Ginocchiata in faccia. Kevin accusa il colpo, ma aggrappandosi a Black riesce finalmente a raggiungere la posizione stante. Uppercut dritto alla gola! The Animal si tocca la giugulare e arretra di qualche passo tossendo, poi torna lentamente faccia a faccia con il campione.. E lo colpisce con uno schiaffo. Il TWC Champion si tocca la guancia, dopodichè scatta e mette a segno una Running Clothesline. Kevin si rialza immediatamente, e subisce una Discus Clothesline. Ancora Kevin, di nuovo in piedi, Jumping Clothesline - no, intercettata da un Superkick! E Discus Lariat di Manson! Ma Black non cade. Il Painmaker scuote la testa, viene spinto via, rimbalza contro alle corde e subisce la Jumping Clothesline del gigante. L'Unglorified Legend comincia a scalare la terza corda, vuole chiudere la sequenza con una Flying Clothesline... A segno! G.O.L.I.A.T.H. Project!

Immagine


Pinfall, conto di 2. Black osserva l'avversario, poi gli afferra la mano destra e gli strappa le fasciature. Ci sono alcune ferite, in rimarginazione. Leon scuote la testa, dopodichè stende il braccio di Kevin lungo il ring... E lo pesta! No, Kevin leva la mano. Il campione TWC gli è ancora addosso... Small Package! 1, 2, solo 2! L'Unglorified Legend torna all'attacco e stavolta non lascia a Manson il tempo di riprendersi: va in posizione montante e lo colpisce con una serie rapidissima di pugni chiusi al volto. Una Fury Of A Hundred Punches, a terra. Il pubblico va in visibilio, mentre The Animal ha di nuovo le mani al volto. Ora con la sinistra cerca le corde per rialzarsi, mentre con la destra continua a toccarsi la faccia. Leon Black lo attende. Dopo qualche secondo, Kevin Manson è su. Il TWC Champion si avvicina, chiude la mano a pugno.. Dita negli occhi! Kevin mette le dita negli occhi a Leon! Noncurante dei rimproveri del direttore di gara, The Animal si avventa sull'avversario, lo piega con un calcio alla bocca dello stomaco, Vart-Breaker!

Immagine


Kevin si lascia cadere sull'avversario: 1, 2, 2. Il Painmaker scuote la testa, poi si lascia andare ad un sorriso. Si rimette in piedi, allarga le braccia e fa per urlare qualcosa al pubblico, ma desiste. Osserva Leon che si rialza, lo colpisce con un violento pestone alla nuca. Ora Manson rialza Black a peso morto, gli chiude la testa tra le cosce e lo solleva: caricamento per la FN' Assassin Drop... No, pugni di Black! Il campione si ribella, seppur da una posizione piuttosto scomoda.. E dopo un colpo particolarmente duro alla tempia il Painmaker cade. Leon si rialza, la posizione è ottimale, dunque dà le spalle all'avversario e sale sulla terza corda: Phoenix Splash! Manson alza le ginocchia! Brutto colpo per il gigante, ora i ruoli sono invertiti: lo sfidante comincia infatti a scalare le corde, giunge alla terza, si lancia! Ma Leon si è spostato. Il contraccolpo è duro anche per Kevin, che cerca di rialzarsi ma è disorientato: Mark Of The Veteran, no, atterra in piedi. Superkick di Kevin! Black è immobile. Secondo Superkick! Ancora nulla. Terzo Superkick, a cui segue immediatamente un quarto! Ancora nulla da fare. Manson si ferma, sbuffa divenendo rosso in volto, poi porge la guancia a Black e gli dice di colpire: In Memoriam! Kevin barcolla, rimbalza contro alle corde e si ferma di fronte all'avversario, indicandogli di nuovo la propria faccia. Seconda In Memoriam! Le gambe di The Animal si afflosciano, ma questi rimane in piedi e sputa in faccia al campione: terza In Memoriam e lo sfidante crolla.

Immagine


Pinfall di Black: 1, 2, solo 2 ancora una volta. Il pubblico gradisce la contesa e si alzano cori entusiastici. Il TWC Champion si mette le mani ai fianchi, dopodichè osserva l'avversario.. E gli calpesta la mano destra! Una serie di pestoni durissimi sulla mano infortunata di Manson, che urla e porta il braccio al corpo cercando di proteggerlo. Pestone anche sulla faccia, e Kevin sembra quasi aver perso i sensi. Leon lo rialza a peso morto. Se lo carica sulle spalle. Forward Fireman Carry Slam... No, Kevin gli scivola alle spalle, lo spinge via, Allahu Akbomb! Black aumenta la spinta del proprio corpo e finisce alle spalle dell'avversario, aspetta che si giri e lo afferra al collo, Chokeslam.. No, The Animal riesce a liberarsi durante il sollevamento, poi prende la rincorsa rimbalzando contro alle corde, evita una In Memoriam abbassandosi, secondo rimbalzo e Knife Party di Kevin Manson!

Immagine


Leon Black cade al suolo, Kevin lo copre immediatamente uncinandogli le gambe! 1, 2, NO! Buona parte del pubblico è in piedi, si alza quasi all'unanimità un coro in favore di Andy Moon mentre lo sfidante comincia a prendere a pugni il tappeto in preda allo sconforto. Manson si rimette finalmente in piedi, va a rialzare Black, chiama a gran voce la Mark Of The Veteran ricevendo in risposta qualche fischio.. Ma il TWC Champion lo colpisce con una gomitata all'indietro, dritta al naso, creando separazione tra i due. Kevin crolla in ginocchio. Leon si gira lentamente, prende per le orecchie l'avversario e lo rimette in piedi.. Ma Kevin risponde al campione con una serie di testate! Il pubblico si esalta per la violenza dello spettacolo offerto mentre The Animal continua a colpire con delle Headbutt, dopodichè cinge l'avversario andandogli alle spalle, posizione di Back Suplex, lo solleva...

Immagine


Gran mossa di Kevin Manson, quasi una combinazione tra l'Allahu Akbomb e la Mark Of The Veteran! The Animal si lascia cadere a peso morto sul campione. 1, 2, 3, NO! Leon Black alza la spalla! Sul ring intanto vediamo una macchia di sangue piuttosto larga, proveniente da una ferita apertasi sulla fronte dello sfidante dopo la raffica di testate precedente. E' proprio Kevin a rialzarsi con l'aiuto delle corde, barcollando e mantenendo a stento l'equilibrio. Il Painmaker lancia un'occhiata alla postazione dei timekeeper, dove giace il TWC Championship, perdendo qualche secondo ad osservarlo. Il pubblico rumoreggia, si alza qualche flebile coro pro-Manson che viene rapidamente soffocato dai fischi della maggioranza dell'arena. The Animal si gira, osservando Leon Black che si sta rialzando, poi si passa la mano destra sul volto insanguinato e si lecca le dita.. Manson all'attacco con una serie di pugni chiusi, proprio con la mano destra, quella ferita. Dopo una decina di pugni Kevin si ferma, scrollandosi la mano, poi riparte all'attacco... In Memoriam alla mano! Kevin si gira portando il braccio al corpo e trattenendo a stento un urlo, Black lo cinge..

Spoiler:
E Mark Of The Veteran!

Immagine


A segno! Leon Black connette con una delle sue manovre migliori! Eccolo girarsi e strisciare verso l'avversario per schienarlo... Ma Kevin Manson è fuori dal ring. Lo sfidante è caduto all'esterno del quadrato. Il campione scuote la testa, poi si rimette in piedi mentre l'arbitro conta fuori The Animal. Siamo a 5.. Black esce rompendo il conteggio. Il gigante rialza l'avversario e lo riporta al centro del ring. Risale, ma Manson ha la forza per rotolare di nuovo fuori dal quadrato. Il Campione sospira, poi lo va a prendere una seconda volta.. Ma Kevin ha preso qualcosa da sotto al ring!

Immagine


Squalifica. Leon Black rimane campione, ma ora è a terra. The Animal è stizzito, lancia la sedia per terra e lancia qualche occhiata verso gli spalti, sbuffando nervoso. Contestazioni. Manson colpisce con un calcio la balaustra e rivolge uno sputo ad un gruppo di fan particolarmente scontenti e rumorosi. Lo sguardo dell'ormai ex sfidante ora torna a posarsi su Black, che cerca di mettersi in ginocchio e rialzarsi. Manson gli scatta addosso, lo colpisce con un paio di pestoni, poi lo rialza. Lo solleva.

Immagine


Powerbomb sull'apron. Black cade a terra, contorcendosi. Kevin non sembra soddisfatto, lo riporta di peso al centro del ring e entra anch'egli, portando con sè la sedia usata in precedenza. Sediata sulla schiena. Un'altra. Anche una terza ed una quarta. I fischi sono sempre più insistenti, qualcuno lancia alcuni oggetti verso il ring. The Animal li ignora. Alza la sedia al cielo, mirando la nuca di Leon Black.

Immagine


Lance Murdock! Il Daredevil corre verso il ring sotto lo sguardo stupito di Manson, poi si frappone tra lui e Black, ancora steso a terra. Il wrestler di Hell's Kitchen chiede spiegazioni a Manson, che si appoggia ad un angolo e posa la sedia, osservando Murdock, la fronte aggrottata, senza dire nulla. Il Painmaker sbuffa, poi dà la schiena al Salvatore, che allarga le braccia continuando a chiedergli spiegazioni. Passa qualche secondo, Kevin continua ad avere la testa china, appoggiata al cuscinetto della terza corda, allorchè Lance sospira e va a verificare le condizioni del gigante, che non sembra riprendersi. Il pubblico rumoreggia, mentre Kevin lancia un'occhiata al titantron e si accorge della scena. Chiude le mani a pugno, poi le riapre. Si china, riprende la sedia, si gira di scatto. Murdock se ne accorge, si avvicina al Painmaker.

Immagine


Sediata in testa anche per Murdock. Manson troneggia su due dei suoi avversari di The End Is Near.

Immagine


Il quadro si completa, ecco anche Michael Edwards! Il Golden Boy si precipita sul ring e va a muso duro con Kevin. Manson sgrana gli occhi di fronte all'amico. Attimi di silenzio, qualche coro per Edwards. Finalmente, Mike sussurra qualcosa all'ex compagno dello State Of Anarchy. Dal labiale possiamo captare la parola "fermati". The Animal lo osserva sbuffando, paonazzo. Il Golden Boy gli dà le spalle, la guardia completamente abbassata. Kevin si rigira la sedia tra le mani, con gli occhi lucidi. Rivolge lo sguardo ovunque, dai fan che lo fischiano, ai corpi a terra di Murdock e Black, alla schiena dell'amico, di nuovo alla sedia. Scuote la testa.

Immagine


Michael Edwards crolla a terra. Kevin continua a scuotere la testa, osservando la superficie della sedia, leggermente piegata. Mike striscia, si aggrappa a Manson, cercando di mettersi in ginocchio. Il Painmaker lo osserva, quasi in lacrime. Gli urla di stare giù. Edwards invece si rialza. Ora è lui a scuotere la testa.

Immagine


Seconda sediata, sul cranio. Il Golden Boy è giù, sembra aver perso i sensi. Kevin Manson si passa una mano sugli occhi, asciugandoseli, poi guarda i dorsi di entrambe: la destra bagnata di sangue, la sinistra di qualche lacrima malcelata. Passano alcuni secondi sotto il gelo del pubblico. Kevin abbassa le braccia, assumendo un'espressione assente. Afferra per un braccio il corpo di Leon Black e lo trascina al centro del ring. Lo stesso fa con Murdock, posizionato sopra Leon. Infine, è il turno di Edwards. Kevin si ferma per qualche secondo. Poi procede. I tre avversari di The End Is Near, tra due settimane, sono praticamente impilati. The Animal scende dal quadrato, si avvicina alla postazione dei time keeper, afferra il TWC Championship. Sale di nuovo sul ring, di fianco ai corpi dei tre futuri rivali. Alza il braccio. Quello destro.

Immagine


Una bordata di fischi rompe il silenzio venutosi a creare. Kevin Manson non si scompone, statuario e silenzioso, osservando la telecamera. Giusto il tempo di un'ultima inquadratura della scena: il sangue che sporca il tappetino del ring, gli sguardi contrariati dei fan, le bende finite all'esterno del quadrato, la sedia piegata, i tre corpi senza sensi di fianco al Painmaker che alza la cintura, non ancora sua, non stasera. Una scena che potrebbe ripetersi tra due settimane, a The End Is Near. E proprio a The End Is Near noi vi diamo appuntamento, per uno Special Event che si preannuncia il più importante di tutta la storia di questo primo ciclo di TWC. Buon proseguimento di serata a tutti.


NotOnlyWWE, CM-Cena, Il Capitano
Elban Rattlesnake, The Hawk, straight edge savior, SimoAF, Dims, Il Ragazzo Woo Woo, Stevester, Phil is Wrestling, Christian, Simon, Woo Woo Woo Man


Top
 Profilo  
Rispondi citando  

Re: TWC - Friday Night Indoor War
MessaggioInviato: 04/12/2015, 23:04 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: 18/04/2011, 23:52
Messaggi: 26144
Immagine


E dopo questa grandissima puntata di Friday Night Indoor War, le immagini si spostano nel backstage del Tucson Convention Center!

Immagine


Più precisamente ci troviamo davanti all’infermeria dell’arena. Dall’interno sentiamo del brusio misto a schiamazzi. L’operatore apre la porta, accedendo alla stanza, dove troviamo la Bruderschaft Der Krahe Incorporated al gran completo.

ImmagineImmagineImmagineImmagine


Come vediamo, “Superstar” Sigfried Jaeger, reduce dal violento incontro perso contro Sean Morgan e Shawn Gates, è seduto sul lettino mentre alcuni dottori lo stanno medicando alla bocca, sporca ancora di sangue. In disparte, “The Hunter” Christophorus Schmidt, Brunild “The Armbreaker” Wagner, e un corrucciato Gunther “The Hound” Schmidt, restano in silenzio a osservare.

SGF: Ehi, datevi una mossa. Voglio andarmene da qui il prima possibile.

Dottore: Io le consiglierei un salto in ospedale per questa ferita alla bocca. Non abbiamo gli strumenti adatti.

SGF: Ospedale?! Io finire in ospedale per così poco? Non sarebbe... Eroico! Perciò no. Mettete dei punti temporanei, poi a New York vedrò il da farsi.

Improvvisamente Jaeger alza lo sguardo e nota la telecamera che lo inquadra. Eccolo scostare i due dottori, balzare giù dal lettino e invitare l’operatore ad avvicinarsi.

SGF: Tu, vieni qui e inquadra bene questo.

Dopo di che il Corvo mostra bene la bocca in primo piano.

Immagine


SGF: Ecco cosa ha combinato quel lurido vecchio Dummkopfe poco fa!

Il Best from the West scuote il capo, poi parte a ruota libera guardando in camera.

SGF: Gates! Immagino che tu adesso stia ridendo di me assieme a Bigfoot, dopo avermi fatto saltare due denti. Sappi che invece di demoralizzarmi, la tua pedata ha contribuito a risvegliare ulteriormente la mia rabbia, e soprattutto il mio spirito di eroe!

Sigfried poi alza il gomito destro.

SGF: Preparati, perchè a End is Near, il mio gomito d’acciaio vendicherà sulla tua faccia quello che hai combinato stasera. Oltretutto farmi questo non ti è servito proprio a niente, perchè poi hai perso come prevedibile con un Morgan più sculato del solito. Bah!

Poi il Corvo si gira e prende il suo TWC World Tag Team Title, mettendolo infine in primo piano.

SGF: Questa sera potrai pure vantarti di avermi preso due denti. Ma a End is Near, nè voi No More Humans, nè gli Unuseful Team, riuscirete nella mostruosa impresa di strappare alla BDK Inc. i titoli che le appartengono per eroico diritto manifesto. Ridete quanto vi pare ora, perchè alla fine saremo noi a trionfare in cima alla scala. E a ridere per ultimi. Because this...

Sigfried si mette accanto a Christophorus Schmidt, che annuisce e sfrega il titolo che ha in spalla.

SGF: ...is Our World!

Dopo un paio di secondi, Jaeger sospira e rivolge un gestaccio verso il cameraman.

SGF: E ora fuori, che qui dobbiamo da fare con questi macellai.

Il Berlin Brawler prende il suo bastone.

CS: Esci immediatamente, sciocco!

Gunther Schmidt interviene subito, spintonando via il cameraman.

GNT: Tu via!

Una volta buttato fuori l’operatore, il Mastino rientra e chiude la porta dell’infermeria, sbatacchiandola. Le immagini sfumano.

--------------------------------------------


Siamo nel corridoio principale, che porta all'uscita, dell'arena dove si è appena conclusa la puntata di Indoor War. Vediamo Lance Murdock con una mano sulla testa camminare svelto con espressione dolorante.

Immagine


Chiama la persona davanti a lui che però non risponde, accelera il passo e la raggiunge fermandola con una mano sulla spalla

LM:Si può sapere cosa diavolo ti è passato per la testa?! Eh, Manson?!

Immagine


Kevin si ferma, continuando però a dare la schiena al suo interlocutore.

KM: Lance. Non è il momento.

LM:Spiacente se sei indisposto ma non ci sarà un altro momento quindi dammi delle spiegazioni. Dammi una buona ragione.

Kevin sospira. Lentamente, si gira verso Murdock.

KM: Va bene. Come vuoi. Mi sfogherò ora con te prima che io sia costretto a farlo su un ring per spiegare a qualche fan che si sente urtato il mio gesto.

The Animal incrocia le braccia.

KM: Io ho fatto di tutto per dirtelo. Quando abbiamo parlato del Triple Threat con Edwards, ti ho detto che anche io lo avrei colpito se avesse avuto la guardia abbassata per raggiungere il mio obiettivo. Quando abbiamo parlato nel backstage, ho provato a metterti in testa l'idea che io non sia il paffutello amico di tutti ma un uomo pericoloso che può attaccarti da un momento all'altro se lo ritiene necessario. Io ti ho dato tutti questi indizi. Se non hai saputo coglierli ed agire di conseguenza, non so che dirti. Mi dispiace.

Kevin abbassa lo sguardo.

KM: E poi, penso abbiamo capito entrambi chi sia il tuo vero obiettivo. Non fraintendermi, non ho mai accettato l'idea che tu volessi rendermi diverso da ciò che sono, ma ho apprezzato lo sforzo nel cercare di mettermi a mio agio. Per un attimo, è sembrato che ti importasse. Per un attimo e uno soltanto. Perchè nel momento stesso in cui io ho preso una sedia e ho cominciato a colpire Leon Black, tu sei stato messo di fronte ad una scelta. Potevi startene nel backstage, e non sarebbe successo nulla. Oppure potevi arrivare ad aiutare il tuo caro Leonard, sapendo che avresti avuto un appiglio per riallacciare i rapporti con lui ma sapendo allo stesso tempo che io non avrei accettato il tuo gesto. E hai scelto. Hai scelto lui. Lo accetto. Ma a quel punto torni ad essere un ostacolo come un altro al TWC Championship. E gli ostacoli li elimino.

Manson si volta nuovamente.

KM: Spero che con queste parole la situazione sia chiara e non debba dilungarmi oltre.

L'uomo senza paura soffia dal naso

LM:No, Kev, io non ho scelto tra te e lui. Sinceramente me ne sbatto di riallacciare i rapporti con Black ma non potevo rimanere ad osservare inerme. Non voglio che Black arrivi allo special martoriato dopo il tuo vile attacco, voglio una lotta alla pari. Mi importa di te ed è anche per questo che ti sono venuto davanti tentando di farti trovare la ragione piuttosto che aggredirti alle spalle... Sai, due settimane fa mi dicesti che il mio odio verso Edwards era quasi irrazionale. Tra te e Black è la stessa cosa.

Kevin trattiene a stento un ringhio.

KM: Irrazionale, quindi. Irrazionale. Lance, lascia che io ti rinfreschi la memoria, perchè forse quella sediata che ti ho dato in testa ti ha scombussolato le idee: Leon Black è quello che ha cominciato a denigrarmi. A ritenermi tutto fumo e niente arrosto. Io non ho mai avuto nulla contro Black, finchè lui non ha deciso che io dovrei avercela con lui. E' molto bravo in questo. Tu, invece, sei quello che un giorno ha deciso di salire su un ring e sparlare di un ragazzo che in sei mesi ha conquistato molto più di quello che tu abbia ottenuto, e sei riuscito ad inserirti in un Fatal Four Way match titolato con la scusa di "assicurarti che Edwards non vinca il match".

Il Painmaker fa una pausa ad effetto.

KM: Ma d'altronde, sono io quello ad avere comportamenti irrazionali. Non l'uomo che arriva vicino al prenderti a pugni solo perchè vuoi aiutarlo e dice un mucchio di cazzate sul suo "io interiore", la sua pericolosità, la sua forza sovraumana e bla, bla bla. Certo, mi sembra legittimo.

LM:Andiamo, Kev, non fare così. Sei stato tu ad ingigantire tutto il rapporto con Black e riempirlo di mazzate a tradimento non è il modo migliore per risolvere i problemi.

Kevin scuote la testa.

KM: A tradimento? Stavamo disputando un match. Avrebbe dovuto fare attenzione a cosa io stessi facendo. Ma ho già capito su che binari andrà questo discorso. Quindi, boh, hai ragione? Hai ragione. Ma forse, anche tu stai ingigantendo un po' la cosa. Non ti ho attaccato. Volevo solo vedere come funzionasse la forza di gravità su uno come te, di persona. E' stato interessante. Mi sta persino venendo voglia di rifarlo.

Lance, rosso in faccia, si avvicina all'animale urlandogli in faccia

LM:E ALLORA FALLO! SONO STUFO DI TUTTI VOI! UNO CERCA DI AIUTARVI ED IL MASSIMO CHE SAPETE FARE E' MINACCIARLO DI BOTTE!

Lance dà un calci contro uno scatolone lì presente

LM:Ti lamenti tanto di Black e poi ti comporti come lui.

Manson si ferma per qualche secondo, respirando pesantemente ed osservando l'avversario, per poi sbottare anch'egli.

KM: IO - NON SONO - BLACK! METTETEVELO IN TESTA TUTTI, IO NON VOGLIO ESSERE COME LUI! NON L'HO MAI VOLUTO ESSERE! SE FACCIO QUELLO CHE FACCIO E' PERCHE' VOGLIO RIMUOVERE UN CANCRO, E QUI DENTRO MI SEMBRA DI ESSERE L'UNICO CON LE PALLE NECESSARIE PER FARLO! E SE PER GIUNGERE A QUESTO OBIETTIVO DOVRO' MANDARE ALL'OSPEDALE TE, LO STESSO BLACK, PERSINO MIKE, LO FARO'!

Manson si ferma, poi abbassa il capo.

KM: Vuoi la verità? Non lo so neanche io perchè l'ho fatto, ma le cose stanno così. Te l'ho detto che non era il caso di parlarne.

LM:Sai cosa? Forse era meglio... Ci vediamo a End is Near, Kev. Non avrò alcuna pietà...

Murdock gira i tacchi e con le mani in tasca si dirige con lo sguardo basso e il passo svelto verso l'uscita.


Top
 Profilo  
Rispondi citando  

Re: TWC - Friday Night Indoor War
MessaggioInviato: 15/01/2016, 20:59 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: 02/01/2011, 18:39
Messaggi: 8684
Località: Interesting
Immagine


Benevenuti live dal Manhattan Center dove questa sera andrà in onda il primo Indoor War dell'anno. Dopo una breve panoramica all'interno dell'arena dove vediamo i fan entrare e prendere posto, le telecamere ci portano nel backstage dove vediamo Chris Drake che è appena arrivato.

Immagine


The Wild Dragon, che questa sera dovrebbe annunciare il proprio ritiro, cammina nei corridoi con il suo borsone e si dirige rapidamente verso la zona degli spogliatoi, ma ecco che Ally Sullivan compare con un microfono alla mano pronta ad intervistarlo.

Immagine


Ally: Chris, mi dispiace disturbare ma...

C.Drake: Se ti dispiace allora perché lo hai fatto?

Ally: Ehm... Io, così come il TWC Universe, vorrei sapere se questa sera annuncerai il tuo ritiro o se nelle ultime settimane hai avuto modo di ripensarci.

C.Drake: Credo proprio che dovrai aspettare la diretta di Indoor War per avere la risposta che cerchi bambolina bella.

La ragazza alza un sopracciglio.

C.Drake: In ogni caso sappi che sono stato bene con te, quando Fred arriverà dove sono stato già io ricordati di dirgli che Chris Drake was there before.

Mr. TWD fa l'occhiolino all'intervistatrice che resta abbastanza interdetta mentre le telecamere continuano a seguire Chris che continua a dirigersi verso gli spogliatoi...

???:
Parli del dimenticatoio? Perchè nel caso non preoccuparti, ci siete già entrambi e da molto tempo.

Immagine


Kevin Manson compare nell'inquadratura, osservando Drake e roteando gli occhi.

KM: Normalmente ti avrei ignorato come ho sempre fatto con gli idioti qui dentro, ma non sono dell'umore adatto per ascoltarti fare il bambino capriccioso ancora una volta e stare zitto. Ritiro, non ritiro, permettimi di essere sincero con te: a nessuno frega un cazzo. Se vuoi andartene dopo il tuo ennesimo fallimento, cammina. La porta è aperta. Non fare tutte ste scenate come se tu fossi qualcuno di importante nelle dinamiche dello show. Sai, ti avrei volentieri perso per strada qualche promo fa, in uno dei tuoi ennesimi deliri da schizzofrenico dopo una delle tue ennesime sconfitte. Sei in tempo per rimediare, è il tuo momento. E il parcheggio è nella direzione opposta. Gira i tacchi e smamma.

The Predator mantiene la testa alta ed osserva per in silenzio qualche secondo Kevin Manson prima di iniziare a parlare.

C.Drake: Kevin Manson... Non so perché ma lo sapevo che avresti avuto qualcosa da dire sulla mia situazione. Infondo io e te non siamo molto diversi, entrambi veniamo da una cocente sconfitta a The End Is Near, io contro il mio rivale Simon B. che mi ha portato via la possibilità di coronare il mio sogno e tu contro la tua nemesi, la tua ossessione, Leon Black che ti ha portato via la possibilità di coronare il tuo sogno e, soprattutto, ti ha portato via la tua dignità.

The Animal sbuffa, ma prima che possa rispondere Chris riprende la parola.

C.Drake: Sarà pur vero che la sconfitta contro Simon B. è un fallimento, l'ennesimo, ma sentirmi fare la predica da uno che il suo fallimento lo ha ottenuto nel match principale subendo lo schienamento è un qualcosa che stride abbastanza. Vedi Kev, io magari non sarò importante nelle dinamiche dello show, ma c'è qualcuno a cui importa di questa mia scelta e lo portai vedere più tardi durante la diretta di Indoor War. Naturalmente quello che farò non sarà per dimostrare qualcosa a te, ma è per avere delle risposte che sto cercando da diverso tempo ormai.

Kevin incrocia le braccia.

KM: Ho provato a darti il consiglio più spassionato che mi venisse in mente. Promettimi che non mi interromperai con qualcuna delle tue catchphrase da spaccone che erano vecchie negli anni Settanta, perchè non ho intenzione di giocare al tuo gioco. Chiaro?

Manson allunga il braccio verso Drake, facendogli cenno di far silenzio.

KM: Non voglio interromperti, quindi lo premetterò adesso: domanda retorica. Ma hai parlato di persone a cui importa del tuo ritiro, quindi perchè non continuare a discutere su questo punto! Perchè, ehi, io il tuo punto di vista tutto sommato lo capisco. Pensi che quelle persone che faranno la faccina triste quando darai loro la cattiva notizia tengano davvero a te.. E' tenero, davvero. Ma... Non è così. Passeranno due minuti dopo che tu te ne sarai andato, entrerà un nuovo beniamino delle folle e cominceranno tutti ad urlare e dimenarsi, godendosi lo spettacolo come se non fosse successo nulla. Sei una semplice parte del meccanismo per loro, Chris. Non fraintendermi, non sto dicendo che sia giusto. Sto dicendo che è così.

Kevin si schiarisce la voce.

KM: Aspetta, m'è venuto un dubbio... Che nel tuo caso i fan abbiano ragione a non essere emotivamente coinvolto nelle tue vicende? Perchè sì Chris, ora ci provi dannatamente a diventare un esempio per tutti e ti fa piacere quando le persone cantano il tuo nome tutte insieme, ma chi cazzo è Chris Drake? Non penso tu lo sappia. Di sicuro non lo saprà il bambino in prima fila che da grande vuole fare il wrestler, e di sicuro quel bambino non vorrà mai, mai diventare come te. Anche tu sei un bambino, e ironicamente rifuggi da te stesso. Tu vuoi fare il KTW, è per questo che sei qui. Ma penso di non essere l'unico a dire che no, grazie, ne è bastato uno. Torniamo alla domanda originale, che è meglio: tu chi sei, Drake? Hai intenzione di cambiare personalità il prossimo mese? Quello dopo? Non te ne dò più di tre, conosciamo le cinquanta sfumature della tua personalità. Aspetta, mi è venuta in mente una cosa davvero davvero divertente.. Ricordami come giustifichi questi cambiamenti repentini, ti prego.

Chris sbuffa.

C.Drake: Nasco come Christian Edward Drake, vivo un'infanzia del cazzo fuggendo di casa quando ero poco più di un adolescente insieme a mia sorella Alisa, coltivo la passione per il wrestling, divento wrestler, vado in Giappone per lavoro, mia sorella conosce e si fidanza con Dave Jackson restando incinta di lui e perdendo il bambino in un incidente stradale, Dave Jackson abbandona mia sorella, io mi prendo cura di lei, trascuro la mia carriera, affronto Akuma Fujihara venendo gravemente infortunato. Cado in depressione, supero la depressione, si presenta la possibilità di tornare a fare il wrestler, rifiuto, il sopracitato Kid The Wizard mi fa cambiare idea, torno a combattere e Samantha Hart mi fa il lavaggio del cervello, Alisa mi fa tornare in me, Samantha mi fa un altro lavaggio del cervello, perdo match importanti e vado in crisi per via del bipolarismo che si era sviluppato in me, mi ribello ed eccoci qui.

Mr. TWD si appoggia spalle ad un muro mentre continua a fissare Kevin.

C.Drake: Vuoi sapere chi è Chris Drake? E' quello che hai davanti in questo preciso istante Kev. Niente controlli da parte di esterni, niente maschere, niente catchphrases, niente soprannomi, niente cazzate... Questo è ciò che sono, ma per delucidazioni più approfondite ti consiglio di seguire attentamente quando entrerò nel ring più tardi.

The Wild Dragon si stacca dal muro ed accenna un sorriso.

C.Drake: Ma basta parlare di me Kev, mi stai dando troppa importanza nonostante prima hai detto che a nessuno frega un cazzo di me. Parliamo di te.

The Predator si sgranchisce il collo.

C.Drake: Tu chi sei Kevin Manson? Sei un frustrato? Parli così del pubblico perché ti ha deluso o perché il tuo redivivo amico Andy Moon è stato dimenticato in tempo record? Non riesci a sopportare l'idea che Leon Black ti abbia schienato a The End Is Near? Mi hai intercettato qui solo perché pensi che sia in una condizione peggiore della tua e quindi sei venuto a fare il bulletto? Eh Kev?

Kevin mugugna.

KM: Mi dispiace che tu abbia voluto così ardentemente cambiare il focus del discorso, perchè la faccenda del lavaggio del cervello mi diverte da morire ogni singola volta. Ma, visto che insisti, arriviamo alla parte più interessante della conversazione, quella in cui si parla di me. Chi è Kevin Manson? Un frustrato, sostieni. Facciamo così: io mi presenterò a te, visto che non ho mai avuto il dispiacere di parlarti prima, e poi trarremo le nostre conclusioni insieme.

Manson abbassa lo sguardo a terra, appoggiando la schiena al muro e chiudendo la mano destra a pugno.

KM: Io sono Kevin Manson. Sono il vincitore del primo main event della storia della TWC. Non so se tu seguissi già la federazione e non so se il tuo "lavaggio del cervello" ti abbia reso troppo lobotomizzato per ricordarti ciò che hai visto, nel caso recuperatelo. Sono stato un membro dello State Of Anarchy, quello che ha permesso in ben due occasioni alla squadra di non finire in inferiorità numerica. Diciamocelo chiaro e tondo, sono stato il membro più utile alla causa. Se Raymond fosse qui, mi darebbe ragione. Ma torniamo al discorso originale. Sono stato un vincente, sono stato un paladino della giustizia, ho combattuto durissime battaglie solo e solamente per la gioia del pubblico: e qui arriviamo a quella che è la storia della mia vita, o almeno, della breve porzione di vita che mi ricordo. Non importa cosa io faccia, Kevin Manson sarà sempre un individuo poco raccomandabile, instabile direbbero alcuni, un uomo crudele e sadico da fischiare. Nota bene, tutto questo da ben prima che io arrivassi in TWC. Se una madre camminando per strada mi incrociava, spostava il figlio e lo stringeva a sè guardandomi con disprezzo. Ora quella stessa madre sarà a casa sua a dire a suo figlio di non diventare come Kevin Manson, perchè non è un esempio per nessuno. Io... Io non so il perchè. Io non ho mai voluto questo ruolo, me lo sono ritrovato cucito addosso. E non importa cosa io faccia, la gente non cercherà mai di guardarmi per quello che sono.

The Animal prende una pausa, stringendo il pugno anche della mano sinistra.

KM: L'unico modo per riuscire ad elevarmi ai loro occhi è eliminare colui che fin dal primo giorno mi ha cucito addosso e ha portato loro a cucirmi addosso questa immagine, cioè Leon Black. Quello che segue lo sai, e non ho intenzione di parlarne. Quindi, sono un frustrato? Opinabile. In ogni caso, avrei le mie ragioni per esserlo.

Kevin rialza lo sguardo, rilassando i muscoli.

KM: Oh, hai parlato di Andy Moon. Ti sei tirato contro il nemico sbagliato, Drake, fossi in te cercherei di cavarmi da questa situazione ed evitare l'ennesima sconfitta. Sei sempre in tempo a farti fare il lavaggio del cervello da qualcuno per giustificare il tuo fallimento, ti consiglio di farti ipnotizzare verso un Drake mimo. Tutti odiano i mimi, quindi la gente si divertirebbe a vedere gli altri pestarti. In più, cosa ancora più appagante, non parleresti. Tanto di guadagnato per tutti.

C.Drake: Il fatto che dai la colpa di tutto a Leon Black è abbastanza esplicativo, non penso che ci sia bisogno di altro. Assumiti le tue responsabilità, cresci, migliora e vedrai che le etichette che ti senti cucito addosso spariranno senza che nemmeno te ne accorga. Non penso che sarà facile per te visto che sostieni un tizio che mi ha attaccato quando ero fisicamente ed emotivamente ferito, e tutto ciò solo per colpire Samantha Hart, una donna con cui non ho più alcun tipo di rapporto.

Manson fa per rispondere ma Drake lo blocca parlando prima di lui.

C.Drake: Non serve che tu aggiunga altro sia in tua difesa e sia in difesa del tuo amico Kev. Se ti fa sentire meglio puoi divertirti a prendere in giro i problemi psicologici che ho passato, tanto sei solo tu che con questo atteggiamento appari come una piccola ed insignificante persona che, senza valide argomentazioni, infierisce con colpi bassi... un po' come Samantha infondo.

Chris mostra un lieve sorriso a Kevin.

C.Drake: Ci si vede Kev.

The Predator scrolla le spalle per poi allontanarsi verso gli spogliatoi lasciando un turbato Kevin Manson che lo fissa andar via. Passati alcuni secondi, il Painmaker scuote la testa. Batte un pugno contro al muro, poi si gira e si avvia verso il corridoio, sino alla pora d'uscita dell'arena. Si gira, lo sguardo glaciale, poi esce dall'arena e si sbatte la porta alle spalle. Kevin Manson non sarà ad Indoor War.

/----------------/


Immagine


Le immagini mostrano l’esterno del célèbre Manhattan Center di new York City, la casa della Total Wrestling Corporation, dove per si terranno ben quattro episodi consecutivi di Friday Night Indoor War, prima di spostarci tutti al mitico Madison Square Garden per Alpha Horizon, lo Special Event di marzo della TWC. A un certo punto le inquadrature si spostano sul retro dell’edificio, nella zona dove è previsto unicamente l’ingresso degli addetti ai lavori. E qui, vediamo sfilare al gran completo nientemeno che la Bruderschaft Der Krahe Incorporated, pronta a nuove avventure per questo 2016.

ImmagineImmagineImmagineImmagine


“Superstar” Sigfried Jaeger, “The Hunter” Christophorus Schmidt, “The Armbreaker” Brunild Wagner e “The Hound” Gunther Schmidt, sfilano tranquillamente davanti alla telecamera, mormorando qualche frase di circostanza.

SGF: Gli eroi sono qua!

CS: Pronti a spaccare culi.

BND: Now, you will know...

GNT: Io fame.

Una volta entrati nell’edificio, ecco però che da una biforcazione del corridoio spuntano le teste di Adam Jones e Alex Wilson, meglio noti come la A&A Security.

ImmagineImmagine


Non appena la BDK Inc. si accorge dei due, il gruppo si ferma, dopo di che invece allunga minacciosamente il passo. A questo punto Alex Wilson lancia una busta e se la dà a gambe assieme al fido e impavido compare. Sigfried Jaeger scuote il capo, poi raccoglie la busta e tira fuori un biglietto.

SGF: Questo servizio di corrispondenza inventato da “Junior” è la cosa più patetica che abbia mai visto in vita mia.

CS: Che dice il vecchiaccio?

Il Corvo legge il messaggio, poi l’accartoccia e lo passa a Christophorus, palesemente infuriato. L’Hunter dà un’occhiata e scuote il capo, poi dà il biglietto alla Valykria, il cui sguardo, dopo una breve scorsa, stranamente si illumina. Addirittura sembra fare un sospiro di sollievo. Per ultimo è Gunther a leggere il messaggio. Dopo un minuto ad attendere che il Mastino abbia finito di leggere le scritte in inglese, Sigfried fa cenno di proseguire verso la House of Heroes. Il gruppo si allontana e gira l’angolo, seguito a ruota del gigante bavarese, ancora intento nella difficilissima traduzione. Dopo alcuni secondi, però si sente terribile un urlo belluino in lontananza.

GNT: DAS IST SCHEIßE!!!

Le immagini sfumano.

/-----------/


Ci troviamo nel backstage, appoggiato ad un muro c'è Nick Carroll, con il suo TWC 15 Championship in spalla, che messaggia.

Immagine


Pochi secondi dopo però il giovane si distrae e guarda alla sua destra.

NC: Ehi.

ImmagineImmagineImmagine


L'inquadratura si allarga e mostra Andy Moon, accompagnato da Ayumi Haibara ed Alice Angel. Andy fa un cenno di saluto con la testa a Nick e poi abbassa lo sguardo sulla sua cintura. Nick aggrotta le sopracciglia... poi però Moon sorride, tranquillo, e gli da una pacca sulla cintura.

AM: Fanne buona custodia.

I tre superano Nick e continuano a camminare diretti verso gli spogliatoi, lasciando il TWC 15 Champion un po' confuso, un po' soddisfatto.


Top
 Profilo  
Rispondi citando  

Re: TWC - Friday Night Indoor War
MessaggioInviato: 15/01/2016, 21:04 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: 02/01/2011, 18:39
Messaggi: 8684
Località: Interesting
Immagine

And Now From Manhattan Center, New York City, New York, TWC presents Friday Night's Indoor War!

Immagine


Immagine


E dopo la sosta invernale, LIVE dal Manhattan Center di New York City, New York, torna lo "Show Fenomeno", torna l'appuntamento fisso del venerdì per ogni appassionato di wrestling, torna Friday Night Indoor War!! Dopo la nostra nuova sigla e i fuochi d'artificio, ha ufficialmente inizio il ventiduesimo episodio dello show arancione, che segna l'avvio della seconda stagione della Total Wrestling Corporation, un anno dopo quello storico 30 gennaio 2015, quando, sempre all'interno del Manhattan Center, ebbe luogo la primissima puntata di Indoor War. Il popolo di New York ci accoglie con entusiasmo, tutti elettrizzati ed entusiasti: c'è chi urla, chi applaude festoso, chi mostra alle telecamere qualche cartello in cui si inneggiano i propri idoli, tutto è pronto, l'atmosfera è quella delle grandissime occasioni! Le immagini, ora, indugiano sulla postazione di commento a bordo ring, dove troviamo i due telecronisti della TWC, Jacob Price e Michael Capbell, che, dopo averci dato un caloroso benvenuto, parlano di quanto successo un mese fa nell'ultimo show della prima stagione, "The End Is Near", e, successivamente, di ciò a cui assisteremo questa notte.

Immagine

Dopo un'altra panoramica interna dell'arena, le immagini indugiano ora sul ring, al centro del quale, sorridente, troviamo la bellissima annunciatrice della TWC, Jessica Rose, che riceve, con un po' di imbarazzo, gli apprezzamenti di gran parte del pubblico.

JR: Gentili signori, gentili signore, bentornati a Friday Night Indoor War!!

Il pubblico risponde con entusiasmo al saluto della Rose, che, dopo qualche secondo di pausa, riprende la parola.

JR: E ora, per cortesia, alzatevi in piedi e rendete omaggio al nostro general manager, il signor Virgil Brown Jr.!!


Immagine


Leon Black, e non il nostro egregio General Manager, compare sullo stage, sorridente, titolo del mondo sulla spalla e in camicia bianca con giacca nera, portati su un paio di jeans, e si avvia sotto i cori del pubblico verso il ring.

Welcome home! Welcome home! Welcome home!


Il gigante spolvera la cintura con una mano e si ferma a metà rampa alzando il titolo e indicando la targhetta con scritto sopra il suo nome. Il pubblico lo apprezza e risponde con un boato. Il campione del mondo riprende il suo cammino e si indirizza verso i gradoni d'acciaio, ci sale sopra, si arrampica sul paletto ed alza il titolo sopra la testa, rimanendo in piedi. Il gigante salta giù e si scambia un bacio sulla guancia con Jessica Rose, poi ci parla brevemente sottovoce, finché questa non gli lascia il microfono. Black porta il microfono alla bocca e annisce.

LB: New York.

Boato del pubblico.

LB: Casa.

Welcome home! Welcome home! Welcome home!


LB: Sia mia, sia della TWC. Anche se per me è solo adottiva, oramai quando mi chiedono di dove sono, rispondo "New York". E poi dai, anche se siamo stati in posti più grandi, non ho ancora visto un pubblico così caldo.

We are awesome! We are awesome! We are awesome!


LB: Esatto. Cosa dire, come avete passato la fine dell'anno? Io in famiglia.

Lucy's Boyfriend! Lucy's Boyfriend! Lucy's Boyfriend!


Black sorride, abbassando il microfono un istante.

LB: Ok, me lo merito. Però non siate troppo invidiosi, va bene? Ma non parliamo solo della fine dell'anno, parliamo anche di The End is Near. Quanto spettacolo abbiamo visto, quante sorprese. Sinceramente mi ha stupito vedere Brunild Wagner sconfiggere Elektra Kellis in uno dei migliori match dell'anno. Ed onore ai campioni di coppia, i nostri tedeschi di vocazione Sigfried Jager e Christophorus Schmidt, la BDK Inc. che hanno mantenuto il loro titolo in un bel match. Per non parlare di Nick Carroll, che ci ha dimostrato che la costanza nei risultati viene ripagata. Vediamo se riuscirà a difendere il suo titolo, ma per adesso, bel lavoro. E poi c'è stato il Main Event, che credo di star spoilerando solo essendo qui. Ma immagino vi starete chiedendo dove sia Virgil Brown, il nostro GM. Perché Leon Black sta facendo il suo lavoro?

Il gigante fa una pausa di un istante.

LB: Perché Alpha Horizon, il nostro prossimo Special Event avrà un match molto particolare, per determinare il primo sfidante a questa cintura, per il Main Event di War of Change II. Gli ingredienti per questo match? Sei contendenti dalle grandissime qualità, un ring e sedici tonnellate d'acciaio. La TWC infatti annuncia euforicamente che ad Alpha Horizon avremo la prima Chamber of Annihilation di questa federazione.

Un boato si spande per l'arena, mentre Black annuisce.

LB: Dodici persone hanno la possibilità di entrare in questo match, ma solo sei ne avranno l'opportunità. Come sarà deciso? Semplice, sei match di qualificazione, e sta sera ne vedremo due. Pronti per continuare?

Yes! Yes! Yes!


LB: Bene perché stasera io difenderò il mio titolo del mondo. Chi sarà il mio sfidante? Non ho ancora deciso. Sorprendetemi.


LA THEME DEI NO MORE HEROES RISUONA NELL'ARENA!


Dopo circa trenta secondi dall'inizio della theme song finalmente vediamo spuntare l'antieroico duo da sotto il titantron. Gates e Miller camminano con passo lento mentre il pubblico urla e si dimena.
I due scendono la rampa e salgono sul ring, Gates passa tra la seconda e la terza corda, Miller passa sopra la terza. I due si pongono di fronte a Leon Black, che rimane impassibile sorridendo da un angolo della bocca. Gates ha in mano un microfono, che porta alla bocca girandosi verso il pubblico.

SG: NEW FUCKIN' YORK!

Il pubblico si fa sentire.

SG: Your Champ is Here!

Altra reazione molto positiva del pubblico.

SG: Leon Black signore e signori, l'ultraviolent veteran! Io e quest'uomo abbiamo iniziato dallo stesso posto, ma lui ha avuto un po' più di fortuna. Ed una schiena rotta in meno.

Gates fa una smorfia, poi si rivolge a Leon Black, mentre Miller resta impassibile davanti a Black.

SG: Ti dirò, Leon, tu non sei di certo la mia persona preferita. Ma ti rispetto. Hai dimostrato ancora una volta di essere l'uomo da battere in TWC, e questo ti fa onore, davvero. Tu sei un vero eroe.

Gates offre una stretta di mano al campione, che accetta, poi riprende a parlare, con un tono leggermente più polemico.

SG: Esatto, sei un vero eroe. Ma noi, se non si fosse capito, non siamo esattamente dei fan degli eroi. La gente ti idolatra, ti venera. In TWNA giocavi a fare il dio e forse sei anche rimasto un po' intrappolato nel personaggio. Tu sei il frontman di quella banda di manichini sorridenti che appaiono nei poster dei nostri eventi, nelle pubblicità, sulle tazze. Tu sei l'Uomo Immagine, sei la star, sei l'idolo dei bambini, delle ragazzine. Tutti amano Leon Black!

Il pubblico approva l'ultima affermazione del Texano.

SG: Beh, noi non tanto. E per quanto ti consideriamo davvero un valido wrestler sappiamo benissimo le logiche che ci sono dietro al tuo successo. Tu sei una macchina da soldi, sei un burattino del business. Eppure, nonostante tutto questo, resti un lottatore con le palle d'acciaio, un wrestler capace di tenere testa ai migliori al mondo.

Il Ribelle fa una pausa

SG: Come Shawn Gates e Travis Miller. Te la butto lì Blackie, Leon Black contro un No More Heroes a tua scelta, qui, stasera, live on Indoor War! Non ti resta che scegliere chi vuoi affrontare.

Il pubblico esulta, mentre Black fa un passo avanti, osservando i due componenti del tag team.

LB: Questa mi sembra una ottima idea Shawn. Guarda che bravo, che ti chiamo con il tuo vero nome. Leon Black contro uno dei membri del tag team più hot del momento.

Il gigante sorride.

LB: Ma chi, il veterano che non ha mai raggiunto in carriera e che ha fatto un miracolo con la sua schiena?

Cori d'approvazione del pubblico.

LB: Oppure l'allievo di uno dei wrestler meno vincenti della TWNA?

I cori si fanno più forti.

LB: Shawn Gates, il wrestler rinato?

I cori aumentano ancora.

LB: O Travis Miller, l'affabulatore più silenzioso della storia?

We Want Miller! We Want Miller! We Want Miller!


LB: Molto bene, Travis, preparati per questo match, che sarà il più duro della tua vita, e probabilmente la coronazione della tua carriera. Ci stai?

TM: Sfida accettata Leon, ci vediamo più tardi.

Black annuisce.

LB: Molto bene. Leon Black contro Travis Miller per il TWC World Heavyweight Championship. Preparatevi, perché sarà un gran match.

E sulle immagini di Black e Miller che sono faccia a faccia, noi andiamo in pubblicità.

Up Next: Simon Bah


Top
 Profilo  
Rispondi citando  

Re: TWC - Friday Night Indoor War
MessaggioInviato: 15/01/2016, 21:09 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: 02/01/2011, 18:39
Messaggi: 8684
Località: Interesting
Weeelcome back Ladies and wannabe e ben tornati a questa prima puntata di Indoor War targata 2016! Splendida carrellata sull'altrettanto splendido pubblico presente qui in arena che alza cori in favore dei beniamini della federazione e mostra cartelli e striscioni, fino a quando non risuona una theme song che fa iniziare una bordata di fischi!!



Welcome to the end of everything that haunts me
Somehow I pretend all was meant to be
I am not the saint here, never the good son
Hell has taken over and I know

When I say go...run away, run away
When I say go...run away, run away
When I say go...run away, run away
When I say go...run away, run away, run away


Runaway!!! La theme song di Simon B riecheggia nell'aria e qualche gruppo di fans addirittura si gira dall'altra parte in segno di protesta!!! Simon B arriva sullo stage sorridente ed elegante, ma vicino a lui c'è qualcuno... E quel qualcuno è Finn Wheelan!!!

Immagine
Immagine


Torna dopo circa un mese il Perfect Two dopo il brutale e devastante assalto subito dai Guardian Of Truth che lo hanno spedito dritto dritto in ospedale! Timidi applausi per Wheelan, mentre Simon B è fischiatissimo come al solito. L'FWP World Wrestling Champion si avvia verso il ring con un sorriso maligno stampato sul volto, deridendo a destra e a sinistra chi gli passa a tiro, mentre Wheelan lo incoraggia e gli da una pacca sulla spalla. Alla fine, molto lentamente, i due salgono sul quadrato passando attraverso i gradoni d'acciaio, come i Signori. Microfono alla mano, Simon prova a zittire il pubblico.

SB: Meh..

Ma guardatelo, così bello, così elegante, così.. perfetto. Con quel vestito ricercatissimo d'alta moda, fatto, cucito e ricucito solo ed esclusivamente per lui... Come si fa a fischiarlo?

SB: Ok, ok. Anno nuovo, stessi vizi dell'anno scorso. Ma sappiate che anche io non sono cambiato.. Della vostra opinione me ne sbatto completamente il cazzo.

Iniziamo bene.

SB: Potete fischiarmi quando volete, ma la verità è una sola. Ho vinto, ho vinto io, ho stravinto, ho umiliato Chris Drake sconfiggendolo e facendolo addirittura svenire. L'ho mandato K.O. senza manco sforzarmi più di tanto. Che bella la vita da Simon B.. Comunque, avete visto chi è tornato fra noi? E io che pensavo che fossi morto.. Vieni qua..

Simon si avvicina a Finn e i due si abbracciano, scambiandosi anche delle forti pacche dietro la schiena!!

SB: Che bello riaverti qui, Finn... Sono così felice che stasera potrei quasi deliziare tutti i presenti con un mio match, meh...

Fischi del pubblico che già non sopporta Simon B quando parla, figuriamoci quando lotta.

SB: Sì perchè per dimostrarmi un campione valido, di gran lunga superiore a Leon Black o a quell'altro.. com'è che si chiama? Quello della cintura quindici... Meh, non mi viene, non mi viene in mente..

B fa quasi finta di mettersi a pensare..

SB:... Vabbè, insomma, dicevo... ah sì.. Per questa sera metterò in palio l'FWP World Wrestling Championship in una Open Challenge!

Grande annuncio da parte di Simon B! Avremo dunque un match titolato questa sera!

SB: Può presentarsi chiunque, è una competizione aperta a tutti quanti. Uomini, donne, bambini di tutte le età e tu qualsiasi sesso... Gli unici ad essere esclusi sono gli ebrei perchè sono ebrei, i negri perchè.. meh, sono negri.. e anche gli omosessuali non sono ben accetti. Queste sono i requisiti per partecipare alla grande sfida... Che indovinate un po'?

Cosa?

SB: Inizia... 3.. 2.. 1.. ora!!!

Simon getta a terra il microfono ed inizia a sbottonarsi la camicia!! Si fa sul serio, chiunque verrà fuori dal backstage, chiunque esso sia, avrà la possiblità di sfidare Simon B in un match valido per il titolo del mondo FWP!!! B toglie la camicia e da la cintura a Finn Wheelan, ma qualcosa lo turba...




WHAT??? Theme song mai sentita qui ad Indoor War..


Immagine



WOW!!! Chi è questo??? Un vero e proprio animale di oltre 2 metri e 10 centimetri, farà più o meno 140 kg ad occhio! Simon B improvvisamente cambia espressione e dal sorriso passa ad una tremenda paura.. non si aspettava assolutamente una cosa del genere!! Quel coso enorme si avvia lento e barcollante verso il quadrato con lo sguardo cattivo fisso sugli occhi di Simon B!! Il gigante pelato arriva sul ring e ci sale passando oltre la terza corda, andando faccia a faccia con Simon B!!

SB: CUT THE MUSIC!!!! I SAID CUT THE FUCKING MUSIC!!!! Chi cazzo sei tu???

Simon lancia il microfono verso il gigante che si presenta.

TY: "Sono il grande e fortissimo Tyron."

SB: Di poche parole il ragazzone...

Simon lo deride, e poi lancia un'occhiata a Finn Wheelan... che parte all'attacco!!! KNOCK-OUT PUNCH IMPROVVISO DA PARTE DI QUESTO TYRON CHE MANDA K.O. FINN!!!

Immagine


Crolla a terra come una pera cotta Finn Wheelan preso in controtempo e letteralmente sdraiato da parte di questo Tyron!! Tyron fissa il corpo devastato di Finn Wheelan a terra... ma non si accorge del Low Blow di Simon B a tradimento!!!

Immagine



Whisper in the grudge!! Simon B mette fuori gioco Tyron e poi trascina fuori dal ring Finn Wheelan prima che quest'ultimo possa riprendersi!! Tra i fischi assordanti del pubblico Simon e un dolorante e ancora storditissimo Finn si dileguano mentre sul ring Tyron si tocca dolorante la parte lesa... piccolo spot pubblicitario per noi che ci lasciamo con una domanda: chi cazzo è 'sto Tyron?

Up Next: Wibbly Wobbly Timy Whimy Stuff


Ultima modifica di Il capitano il 15/01/2016, 22:46, modificato 1 volta in totale.

Top
 Profilo  
Rispondi citando  

Re: TWC - Friday Night Indoor War
MessaggioInviato: 15/01/2016, 21:14 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: 02/01/2011, 18:39
Messaggi: 8684
Località: Interesting
Bentornati amici telespettatori a Friday Night Indoor War, lo show televisivo di punta della Total Wrestling Corporation, giunto alla season premiere di questo nuovo anno.

Immagine


Dopo una breve panoramica sul pubblico che gremisce il piccolo ma confortevole Manhattan Center di New York City, andato sold out come sempre, è arrivato il momento di uno dei segmenti più attesi e apprezzati della serata. Vediamo infatti che sul ring, coperto con un telo nero, si trovano diversi sgabelli oltre a un divano in pelle, il classico frigobar marchiato BDK, e uno schermo televisivo appeso al centro a mezz’altezza.

Immagine


Come potete vedere dall’immagine sul titantron, è arrivato il momento di gustarci una nuova puntata di Sigfried Jaeger’s Achtung, il talk show di riferimento della Total Wrestling Corporation, frutto della mente geniale dei membri della Bruderschaft Der Krahe Incorporated!

Immagine


Ecco comparire la solita immagine dei corvi oscuri su tutti gli schermi, mentre il pubblico del Center inizia già a ribollire e le luci si abbassano diventando intermittenti.

Immagine


Mentre il logo della BDK Inc. campeggia enorme sul titantron, una foschia grigia si diffonde sullo stage, creando una coltre impenetrabile dalle telecamere.



E infine parte una theme epica, mai sentita in TWC. Mentre il pubblico reagisce stranito, ecco che la BDK Inc. fa la sua comparsa al gran completo, sbucando dalla nebbia dello stage.

ImmagineImmagineImmagineImmagine


Ecco il sorridente “Superstar” Sigfried Jaeger, con accanto il perennemente cupo “The Hunter” Christophorus Schmidt. A loro si affiancano infine “The Armbreaker” Brunild Wagner e “The Hound” Gunther Schmidt. Mentre si guardano intorno, gli indiscussi TWC World Tag Team Champions accarezzano le proprie cinture, appoggiate sulle spalle, mentre il WFSS Woman World Championship, conquistato a End is Near dalla Valkyria della TWC al termine di un incontro eccezionale, spicca in mano sua.

ImmagineImmagineImmagine


L’unico senza cinture è Gunther Schmidt, ma non sembra interessargli troppo la cosa. Dopo alcuni secondi, il gruppo inizia a scendere la rampa, ma nonostante i fischi da parte della maggioranza dei fan, Sigfried non si scompone, anzi, sorride e saluta il pubblico allegramente, a differenza dei suoi compagni di team.

Immagine


JR: Ladies and gentlemen. Please welcome the Bruderschaft Der Krahe Incorporateeeeed!!!!!

Una volta arrivati ai piedi del quadrato, i membri della BDK Inc. procedono verso i gradoni d’acciaio, salendoli e irrompendo alla spicciolata sul ring. Qui vediamo Sigfried, Christophorus e Brunild alzare al cielo i propri titoli in segno di trionfo, tra gli applausi di un felice Gunther Schmidt e di parte del pubblico che gremisce il Center, finchè non arriva a sfumare la musica epica. Dopo di che, ecco che il Mastino e la Valkyria vanno ad accomodarsi al proprio posto, mentre il Corvo e l’Hunter si prendono un paio di microfoni appoggiati sugli sgabelli. E come sempre, sarà Jaeger a partire per primo con la sua disamina. Una volta che il pubblico si è calmato, Sigfried sorride e inizia a parlare.

Immagine


SGF: Ladies and gentlemen. Welcome everyone to Friday Night Heroes War!!!

Il Corvo alza il mic al cielo e chiude gli occhi in attesa della reazione del pubblico, che però resta sulle sue. Sigfried si fa una risata, poi fa spallucce e continua.

SGF: Dopo un mese d’assenza la TWC è tornata a casa, e cosa c’è di meglio se non iniziare questo magico 2016 con una bella puntata di Achtung, eh?!

Fischi da parte del pubblico, con Sigfried che si gratta la barba e poi si fa una risata con Christophorus.

SGF: Pubblico veramente "simpatico" stasera, non c'è che dire. Cominciamo, va. Dunque, ormai è passato quasi un mese da End is Near, Un evento che rimarrà inciso a lettere d’oro negli annali di questa federazione. Una serata che noi della Bruderschaft Der Krahe Incorporated ricorderemo a lungo. Uno show che ci ha visto rasentare la perfezione, ed uscire da Las Vegas sulle ali della vittoria. Volendo fare un accostamento con Vegas, è tutto chiaro e semplice: BDK Inc. si è seduta al tavolo da gioco, ha valutato la situazione, e nel momento decisivo ha giocato il tutto per tutto facendo saltare il banco con un all-in d’altro tempi, rimandando a casa con le pive nel sacco un sacco di gente, in primis i nostri diretti avversari.

Il Monster Hunter annuisce soddisfatto. Poi fa spallucce di fronte alle proteste dei fan, schierati per la maggioranza a favore dei No More Heroes.

SGF: Oh, non protestate. Ormai è andata, e niente può stravolgere quanto successo. Nemmeno i pianti e le recriminazioni da parte dei No More Humans e dell’Unuseful Team che ho avuto il dispiacere di scoprire giorni fa. Io stesso l’avevo promesso ai nostri fan in quel mirabile giorno di San Graziano, riguardatevi i filmati se volete. Mentre i nostri antagonisti si lanciavano in proclami di vittoria e vacui trionfalismi, da vero eroe ho scelto di usare un’arma micidiale, ovvero l’umiltà e la fierezza che dovrebbe contraddistinguere ogni persona. Prima del nostro match, Christophorus e io eravamo gli unici ad avere tutto da perdere, a differenza dei nostri sfidanti. Grazie all’umiltà, unita alle nostre grandi capacità e a quel senso di predestinazione proprio dei veri eroi, noi due siamo riusciti a prevalere contemporaneamente su Fred Franke, Sean Morgan, Travis Miller e Shawn Gates.

Sigfried stringe il pugno sinistro.

SGF: E che match monumentale è stato. Più volte siamo andati vicini alla sconfitta, più volte i nostri avversari sono arrivati a un passo dal sogno. Tuttavia, la nostra superiorità di eroi ancora una volta si è dimostrata infrangibile, come già ampiamente dimostrato in tutto il 2015. A End is Near la BDK Inc. ha lottato, ha sanguinato, ha dato tutta se stessa. E alla fine è uscita sulle proprie gambe da quella trappola di match che è stato il Ladder War. Vittoriosa.

Jaeger allarga le braccia, poi prende il suo titolo, lo bacia e lo alza al cielo tra i cori negativi. Infine se lo rimette in spalla.

SGF: Ciò significa che la Campagna d’Autunno della BDK Inc. è ufficialmente terminata con un successo che va aldilà delle più rosee aspettative.

Christophorus, accanto a lui annuisce.

SGF: Non solo abbiamo valorizzato in modo enorme questi titoli di coppia, ma la BDK Inc. ha potuto pure aggiungere alla sua sterminata serie di successi nella sua storia, anche il WFSS Woman World Championship. E questo grazie all’impresa di Brunild Wagner, la nostra Valkyria di Ravensburg.

Il Best from the West si gira indicando Brunild Wagner, che riceve una salva di applausi.

SGF: Quanto eroismo in una sola persona. La Valkyria ha dovuto combattere contro una creatura selvaggia e mostruosa di nome Elektra Kellis, riuscendo a prevalere dopo uno scontro semplicemente magnifico. Un altro passo verso la leggenda per Brunild. E noi tutti siamo fieri di lei. Più che fieri.

Sia Jaeger, che i cugini Schmidt applaudono lo Smiling Crow, che fa spallucce e sorride soddisfatta.

SGF: Ma non dobbiamo affatto dimenticarci del Mastino. Nonostante stavolta sia rimasto nell’ombra, Gunther è un punto di riferimento imprescindibile per tutti. E poi ammettetelo, nessuno può rivaleggiare con lui per astuzia, spirito critico e fluidità di linguaggio. 141 e 2/3, un numero che tutti noi ricorderemo sempre con affetto. Così come tutti i fan.

Gunther scoppia a ridere, poi annuisce alza la sua birra a mò di brindisi ideale, mentre i fan applaudono l'eroico Mastino della Baviera.

SGF: E poi c’è il mio compagno d’avventure, Christophorus Schmidt. Un uomo di cui tutti parleranno nei mesi a venire. Avanti Chris, racconta a tutti le tue impressioni e i tuoi pensieri inerenti End is Near. Il mic è tuo.

Immagine


CS: I nostri avversari hanno pagato per il trattamento che io e Sigfried abbiamo ricevuto prima di End is Near. Ci hanno sottovalutato per il motivo di non aver vinto questi titoli in un match, ma avevamo dimostrato già ampiamente di meritarceli difendendoli, e ce li meritiamo tutt'ora visto che sono ancora sulle nostre spalle. Quei ceffi ci hanno offeso. Ripetutamente. Ogni volta che aprivano quelle fogne che loro chiamano bocca, usciva sempre la parola nazisti.

L’Hunter scuote il capo.

CS: Dio santo quanto vivete di stereotipi e luoghi comuni voi americani. Per tutto questo loro hanno pagato.

Chris accenna un sorriso, poi continua.

CS: Il Ladder War è stato un match duro e massacrante. Morgan e Fred pensavano di partire con un vantaggio personale, essendo stati loro a scegliere la stipulazione. Ma diciamoci la verità, quando si combatte contro degli eroi non ci sono vantaggi ma solo svantaggi. Noi eravamo i migliori, siamo i migliori e saremo sempre i migliori. Come dimostrato concretamente a End is Near.

Poi il tedesco alza una mano per fermare la montante marea di fischi.

CS: Ora ci terrei a fare un commento sui nostri ormai ex-avversari. Per carità, breve, visto che non voglio subito tediarvi al primo show del 2016. Sean Morgan ha pagato l'errore che di solito commettono i nuovi arrivati. Appena giunti in federazione si credono chissà cosa, e invece finiscono sempre per fare il passo più lungo della gamba. Se poi si allea pure con uno come Fred, la frittata è fatta.

Accanto a lui, Sigfried annuisce.

CS: Proprio Fred Franke ha dimostrato, invece, che senza me, senza Sigfried e senza Big Black Boom, lui non è niente. Infatti, ogni volta che non ha ricevuto aiuti, ha solo colto insuccessi dimostrandosi per il fallito che è.

Anche qui il Corvo e gran parte del pubblico si trovano d’accordo.

CS: Che dire invece di quel matusa di Shawn Gates, venuto in TWC per tentare di dimostrare di non essere affatto un perdente, di voler vivere un ultimo momento di gloria? Dico che faceva meglio a continuare la vita del povero invalido visto che finora non ha ottenuto nulla. Zero. Nada. Niente.

Poi il Berlin Brawler passa al suo vecchio avversario Travis Miller.

CS: Per concludere, come non parlare di Travis Miller, che per tentare di rilanciare la sua carriera si è alleato sempre con Gates, raccogliendo così solo figuracce prevedibili.

L’Hunter si gira verso la telecamera.

CS: Miller! Fox Olon ci ha buttato da un burrone, ma almeno io sono riuscito a salvarmi, mentre tu sei ancora lì che tenta disperatamente di farlo. Tanti saluti Travis.

Il tedesco saluta in camera, poi si gira verso il pubblico.

CS: Per tutti coloro che speravano e sperano ancora in un mio fallimento, sappiate che non è ancora finita. Nonostante le difficoltà sul mio cammino, mi sono preso una bella rivincita facendovi anche avere qualche problema al vostro fegato. Mi sono rialzato, e questo titolo dimostra che sono un wrestler, nonchè un uomo, assolutamente migliore di Sean Morgan, Fred Franke, Shawn Gates e Travis Miller.

I suoi compagni della BDK Inc. applaudono. Il pubblico un pò meno.

CS: Per concludere momentaneamente, voglio fare dei ringraziamenti alle persone presenti sul ring per essere stati gli unici a sostenermi.

Sia Sigfried, che Brunild e Gunther annuiscono verso Christophorus. Poi il Corvo cambia argomento.

SGF: Veniamo ora al presente, nonché al futuro. Non credo di fare alcun proclama strampalato quando vi dico con estrema certezza e coerenza fin da ora, che il 2016 sarà l’anno della Bruderschaft Der Krahe Incorporated. Siamo i più fighi, i più forti, i più carismatici. Nessun ostacolo può frapporsi tra noi e i nostri obiettivi. Perchè siamo eroi fatti e rifiniti, a differenza delle pallide imitazioni presenti nel backstage.

Jaeger fa un gestaccio verso lo stage, scuotendo il capo.

SGF: E parlando di obiettivi. Chiusa una campagna, se ne apre un’altra. Ebbene sì, da stasera inizia ufficialmente la Campagna d’Inverno della Bruderschaft Der Krahe Incorporated. Oltre a continuare sulla strada tracciata in autunno, ovvero la valorizzazione dei titoli di coppia quali cinture ambitissime e irraggiungibili per tutti, io, Sigfried Jaeger da Ravensburg, sono pronto per una nuova sanguinosa crociata che porti un ulteriore salto di qualità nel grandioso stint della BDK Inc.

Sigfried annuisce, poi continua.

SGF: L’obiettivo ultimo di questa crociata, è nientemeno che la possibilità di ottenere un match per il TWC World Heavyweight Championship, detenuto da quel tale di nome Leon Black!

Grossa reazione da parte del pubblico. Jaeger alza una mano.

SGF: Eh certo, apparentemente sembra una cosa facile, visto che mi basterebbe invadere il suo locker e chiedere una shot direttamente a lui e voilà match assicurato. Tuttavia ci sono dei fattori che cozzano totalmente con questo semplice meccanismo. Mi conoscete, non sono per nulla abituato a mendicare un match, come fanno e faranno sicuramente nei prossimi mesi molte persone assolutamente prive di amor proprio e dignità.

Il Monster Hunter guarda dritto in camera.

SGF: Sono un eroe, non un vile plebeo. La mia corsa al titolo mondiale deve essere una cavalcata epica, non un semplice “ti sfido e poi perdo”, come capitato a un sacco di pagliacci nel backstage. E’ perciò con questo spirito, che io, Sigfried Jaeger, annuncio che voglio partecipare al Chamber of Annihilation Match che si terrà ad Alpha Horizon a marzo e che vedrà messa in palio una shot al titolo mondiale in quel di War of Change II, proprio come detto dal nuovo galoppino di "Junior" a inizio puntata. War of Change, non esiste posto migliore di quello per consacrarmi TWC World Heavyweight Champion. Sì. Proprio così.

Il Corvo sorride mentre i fan rumoreggiano. Poi conclude il suo discorso.

SGF: Detto ciò mi rivolgo all’eminenza grigia della federazione. Junior! In quella gabbia ci sono sei posti vuoti. Uno è prenotato. Che ti piaccia o no. Because this...

Improvvisamente, Christophorus Schmidt interrompe Sigfried, che si gira verso di lui, incuriosito.

CS: Scusami Sig, ma qui siamo in due a non aver mai avuto una chance per il TWC World Heavyweight Championship, e non mi far pensare nuovamente alla gentaglia che invece l'ha avuta. Ciò mi disgusta.

Sigfried annuisce.

CS: Noi due abbiamo anche in comune il non mendicare nulla, a dispetto di ciò che dicono alcuni. Una cosa che io mai e poi mai farò nella mia vita.

Poi l’Hunter accenna un sorriso.

CS: Ehi, non penserai mica di essere l'unico tedesco qui a meritarsi un posto nella Chamber of Annihilation. Anch'io voglio un posto all'interno della Chamber, proprio come te. Quindi bisogna aggiornare i numeri, visto che piaccia o non piaccia al vecchio Virgil, da ora i posti prenotati sono due, non uno.

Il Corvo si fa pensieroso, mentre Schmidt continua.

CS: Pensaci bene Sig. Non vorrai mica che uno spirito guerriero come te si annoi dentro quella gabbia contro altri cinque falliti. Di perdenti ce ne saranno lo stesso, ma almeno saranno in quattro, non cinque. Lo sanno persino i muri che la vera sfida in quell'occasione sarà tra me e te. Tra due eroi che si rispettano, mentre gli altri quattro poveri malcapitati saranno solo comparse all'interno di una storia che sarà ricordata solo per le nostra gesta. Non trovi? Che ne dici, amico?

L’Hunter infine porge la mano al compagno di team. Il Corvo guarda Christophorus per qualche secondo, poi annuisce e sorridendo stringe la mano destra di Schmidt. Poi entrambi si abbracciano calorosamente.

SGF: Bel discorso Chris. Questo è parlare da eroi. Ad Alpha Horizon ne vedremo delle belle. Tutto sta procedendo e sempre più si focalizzerà in funzione delle imprese della BDK Inc., eccellente. Davanti a voi c’è il presente e il futuro della TWC, amici. Ormai niente può fermarci. L’Age of Heroes predetta da tempo sta arrivando, e quando sarà il momento, scuoteremo come un terremoto questa federazione. Fino alle fondamenta. Because this, is Our World!

Mentre i fan fischiano, Sigfried sorride e dà il cinque a Schmidt. Poi però qualcosa lo turba. Eccolo cambiare argomento in modo repentino.

SGF: E ora però parliamo di una bruttissima faccenda che riguarda proprio Achtung. Questa sera il General Manager della TWC, “Junior”, non solo ha mostrato al mondo di come si sia messo in combutta con Black facendone il suo fido portavoce, ma addirittura, tramite il solito sistema della letterina a pronta consegna, ci ha fatto sapere che due rubriche divertentissime quali il Gunther’s Point of View e C’è Posta per Brunild sono state tagliate dall’abituale script di Achtung a causa di una riduzione dei tempi di messa in onda del nostro acclamato show.

Jaeger si guarda intorno, sospirando. Alle sue spalle vediamo Brunild Wagner fare quasi un sospiro di sollievo, mentre Gunther s'incupisce e mormora un'imprecazione.

SGF: E sapete perchè?! Pare che diversi fan abbiano reagito negativamente a quella che considerano un’eccessiva durata di Achtung... Come direbbe quel buono a nulla di Simon Bosiko: M-E-H-!

Sigfried scuote il capo, disgustato anche dalla reazione dei fan. Questi infatti sembrano felici della notizia.

SGF: E va bene. Non volete più sentire le puntuali disanime di Gunther? Peggio per voi. Non vi piace sapere quali domande gli astuti fan pongono puntualmente a Brunild? Peggio per voi. In compenso, ora vi beccate tutti la prossima rubrica. E zitti.

Il Corvo si gira verso la telecamera e fa platealmente il gesto del silenzio portandosi l’indice della mano sinistra alla bocca. Nonostante ciò il pubblico rumoreggia spazientito dalla provocazione. Nel frattempo ecco comparire sugli schermi il logo dell’unica rubrica rimasta ad Achtung, ovvero i TWC Special Event Awards.

Immagine


Mentre Christophorus si accomoda sul suo sgabello, ecco che Brunild si alza dal divano, e con un foglietto in mano e il mic datole dall’Hunter, si mette a fianco di Sigfried, che introduce i premi di questa edizione.

SGF: End is Near è stato un evento incredibilmente ricco di alti, ma anche di bassi. Non c’è niente di meglio per cominciare questo 2016, se non premiare il meglio e il peggio dello Special Event di fine anno. I nostri TWC “End is Near” Awards sono pronti per essere assegnati!

Alle spalle di Brunild e Sigfried, vediamo Gunther tirar fuori da uno scomparto del frigobar i soliti strambi trofei e appoggiarli accanto a sé sul divano.

SGF: Iniziamo subito con il TWC End is Near “Dummkopfe” Award!

Il Corvo accenna un sorriso.

SGF: Questa categoria, ovviamente, riguarda coloro che si sono distinti per la loro stupidità nell’arco dello Special Event di dicembre. Brunild, a te la parola per le nomination!

La Valkyria sospira, poi comincia.

BND: And the nominees are...

Spoiler:
Immagine

BND: Virgil Brown Jr.. Per aver visto andare in fumo tutti i suoi piani, le sue trame e i suoi tiri mancini orditi per tre mesi contro la Bruderschaft Der Krahe Incorporated una volta che Sigfried Jaeger e Christophorus Schmidt si sono confermati campioni di coppia ribadendo la superiorità di BDK Inc. su qualsiasi tag team della federazione.



ImmagineImmagine

BND: The Nolan Brothers. Per essere riusciti nella notevole impresa di farsi umiliare su tutta la linea da due pagliacci complottari rimbambiti durante il Kickoff di End is Near.



Immagine

BND: Chris Drake. Per essere riuscito a conseguire l’invidiabile impresa di dominare per mesi in lungo e in largo un avversario nettamente in crisi, finendo poi per perdere totalmente la faccia e le proprie chance titolate per la terza volta su tre in nemmeno quattro mesi.


SGF: And the Award goes to...

Spoiler:
Immagine


SGF: Chris Drake!!!


SGF: Premio assolutamente meritato per questo cialtrone tutto chiacchiere e distintivo. Non vedo l’ora di gustarmi il suo discorso d’addio al wrestling. Sempre se lo farà, visto che con i Fetzig non si può mai sapere cosa diavolo potrebbe succedere. Peccato per “Junior”, arrivato secondo per pochissimi voti. Magari si rifarà la prossima volta, sempre se avrà voglia di ridicolizzarsi nuovamente contro la stable dominante della TWC.

Il Mastino afferra l’Ultraman Trophy per il vincitore del TWC Night of Gold “Dummkopfe” Award e lo lancia al volo al best from the West che lo mostra in primo piano.

Spoiler:
Immagine


SGF: Gut! Questo bel premio lo faremo mandare a Drake per posta privata, oppure tramite il servizio di corrispondenza nel backstage creato da “Junior” e i suoi leccapiedi della A&A Insecurity. Di certo non vogliamo rivederlo mai più.

Solo una parte del pubblico sembra d’accordo con quanto detto da Jaeger nei confronti di Drake. Molti infatti restano in silenzio oppure fischiano. Ma come sempre il Corvo non se ne cura.

SGF: Ora passiamo al secondo premio della serata, l’ambitissimo TWC End is Near “Plappermaul” Award!

Il Monster Hunter si guarda intorno sorridendo.

SGF: Questa categoria, come potete capire dal nome simpaticissimo, riguarda coloro che si sono distinti più con i loro discorsi a vanvera e vanterie, che con le prestazioni sul ring durante End is Near. And the nominees are...

Spoiler:
Immagine

BND: Tyler Nolan. Per il vergognoso comportamente tenuto nei confronti di una donna che stava svolgendo soltanto il suo lavoro nel backstage a pochi minuti dalla disfatta subita dagli Illuminati e il tradimento del misero fratello minore.



ImmagineImmagine

BND: The Unuseful Team. Per i continui, inutili e fastidiosi proclami di vittoria tenuti prima del loro match per i titoli di coppia, risoltosi con una disfatta su tutta la linea per loro. Nota di (de)merito, il goffissimo tentativo da parte di Fred Franke di sedurre un’intervistatrice della federazione.



ImmagineImmagine

BND: No More Humans. Per essersi messi in ridicolo in mondovisione proclamandosi sicuri di poter battere la BDK Inc. nel match per i titoli di coppia, finendo poi, come prevedibile, per fare un’emerita figura da cioccolatai ed essere rispediti al mittente con la coda tra le gambe.


SGF: And the Award goes to...

Spoiler:
ImmagineImmagine


SGF: No More Humans!!!


SGF: Grandissimi! Se lo sono davvero meritati. Perlomeno ora sanno che tutti i disastri combinati in questi mesi sono serviti a vincere comunque un bel trofeo sponsorizzato dalla BDK. Devo dire che è stata una lotta serratissima contro quel mezzo rimbambito di Fred Franke e il suo amichetto di Kansas City. Quanto al misogino sex offender che se n’è andato in FWP, meglio stendere un velo pietosissimo.

Dopo di che Sigfried si gira e si dare l’Andy Moon Trophy da Gunther.

Spoiler:
Immagine


SGF: Perfetto. Questo riconoscimento lo faremo recapitare ai No More Humans quanto presto. Magari se li incrociamo nel backstage ci toglieremo perfino l’impiccio di doverglielo spedire.

Jaeger fa un sorriso sardonico in camera, poi ridà il premio al Mastino e annuncia il terzo Award, il più importante.

SGF: Ed eccoci alla premiazione più interessante. Siamo arrivati al mio premio preferito, il TWC End is Near “Held” Award, il premio che andrà a colui che più di tutti si è distinto per coraggio, senso dell’onore e indomito eroismo durante lo scorso Special Event. And the nominees are...

Spoiler:
Immagine

BND: Leon Black. Per essere riuscito miracolosamente a sopravvivere all’assalto titolato da parte di tre avversari contemporaneamente. Vuoi per meriti propri, vuoi per demeriti palesi dei tre perdenti in questione, alla fine la fortuna ha assistito il campione mondiale. Almeno stavolta.



Immagine

BND: Andy Moon. Per essere tornato col botto, ovvero dando una bella lezione al Fetzig Drake, ridotto in poltiglia sul ring dopo aver perso da Simon B. per l’ennesima volta. Nota di merito l’apparente cambiamento dell’attitudine di Moon, da idiota completo a persona leggermente matura. Leggermente.



ImmagineImmagineImmagineImmagine

BND: Bruderschaft Der Krahe Incorporated. Per non essersi piegata mai al brutale regime di Virgil Brown Jr., aver affrontato sfide terribilmente ostiche e pericolose contro una serie di mostruosi avversari, ed essere uscita da End is Near sulle ali del trionfo e della gloria imperitura. A ciò si aggiunge l’impareggiabile apporto fraterno e carisma di Gunther Schmidt, capace di pronosticare con esattezza matematica il risultato della BDK Inc. a End is Near.


Sigfried Jaeger sospira soddisfatto, mentre legge la nomination dell’intero gruppo presente sul ring.

SGF: And the Award goes to...

Spoiler:
ImmagineImmagineImmagineImmagine


SGF: Evvai! Bruderschaft Der Krahe Incorporated!!!


Per la terza volta di fila ad Achtung, Sigfried Jaeger esulta come se avesse vinto un’altra cintura. Eccolo abbracciare prima Brunild, poi Christophorus, infine Gunther, che gli porge la statuetta. E mentre il pubblico rumoreggia palesemente insoddisfatto, il Best from the West fa spallucce.

Spoiler:
Immagine


Dopo di che, sempre stringendo a sé la statuetta del “Sigfried The Hero” Trophy, fa un breve discorso di ringraziamento.

SGF: Nessun premio finora è mai stato più meritato. Questo trofeo rappresenta idealmente il simbolo della nostra impresa di End is Near. La BDK Inc. ha dato lustro al wrestling, e tutti e quattro, chi più, chi meno, abbiamo comunque fatto la nostra parte, non fosse altro per il forte sostegno reciproco che contraddistingue l’idea stessa del nostro gruppo fin dalla sua nascita che risale a ben cinque anni fa.

Sia la Valkyria che il Mastino annuiscono fermamente.

SGF: Per quanto riguarda gli altri nominati, francamente Black non poteva competere con noi, visto che tra l’altro ha sì sconfitto tre persone, ma noi ne abbiamo battuti ben quattro. Anche Moon non poteva avere alcuna chance, perchè un conto è intervenire contro un povero derelitto appena dopo il suo match, un’altro è disputare un five star match come ha fatto la nostra cara Brunild.

Sigfried dà una pacca sulla spalla dello Smiling Crow e poi le cede il trofeo. Brunild annuisce e poi se ne torna a sedere sul divano, dove il prode Gunther le dà una birra. A questo punto Jaeger si rivolge al pubblico.

SGF: E ora che abbiamo terminato con la premiazione, è arrivato il momento di passare alla terza e ultima parte di Achtung, di solito la più controversa. Anche se stavolta potrebbe andare diversamente dal solito.

Il Corvo fa un sorrisetto, poi continua.

SGF: Ebbene sì, non potevamo non invitarlo dopo il suo improvviso ritorno sulle scene a End is Near. L’ultima volta che l’ho incontrato era un bamboccio rompiscatole di prima categoria, ma l’esilio l’ha cambiato. In meglio si spera.

Il Corvo punta il dito prima sui tre sgabelli vuoti, poi verso lo stage.

SGF: Ladies and Gentlemen, BDK Inc. gives to you... Andy Moon & His Girls!!!



Risuona New Dawn Fades dei Joy Division, e sullo stage compare il trio di Andy Moon, Ayumi Haibara e Alice Angel.

ImmagineImmagineImmagine


I tre, con sguardi seri, camminano sullo stage, Andy davanti e le due ragazze appena dietro di lui. I tre raggiungono il quadrato, Sigfried fa cenno a Moon, Haibara e Alice ci accomodarsi sugli sgabelli. Una volta che i tre si sono seduti e hanno preso il proprio microfono, la theme sfuma, lasciando ampio spazio alle grida dei fan, piuttosto divisi riguardo Andy Moon. Al ché Sigfried interviene subito.

Immagine


SGF: Lasciate perdere, ragazze, Non so se Andy ve l'ha detto, ma il pubblico della TWC è uno dei peggiori che si siano mai visti nel business. Dico bene?

I fan replicano con una bordata di fischi al tedesco, che annuisce e poi fa spallucce verso gli ospiti.

SGF: Veniamo a noi. Innanzitutto, bentornato Andy. Ammettilo, in questi mesi hai sicuramente sentito la mancanza di questo posto, specialmente di me e dei tuoi amici della BDK Inc. suppongo. Eh?

Andy ghigna divertito.

AM: Ma certo. Mi sembra di averti già detto almeno una volta che mi diverto molto con voi tre, anzi ora quattro. E questa volta...

Andy indica con un cenno del capo Ayumi ed Alice, sedute alla sua destra.

AM: ... Anche io ho compagnia.

Sigfried e Christophorus osservano le due ragazze. Il Berlin Brawler poi fa spallucce. Evidentemente non gli interessa nemmeno chi siano.

SGF: Uhm... Haibara so chi è. Gunther Schmidt ha bazzicato il Giappone anni fa, mentre la nostra Valkyria mi tiene sempre informato su tutto.

Il Corvo poi si rivolge ad Alice Angel.

SGF: Tu invece non ho la più pallida idea di chi sei. Anyway mi presento, "Superstar" Sigfried Jaeger da Ravensburg, l'eroe dai molti soprannomi. Meglio che non stia a elencarteli tutti.

Poi il Monster Hunter dà una pacca sulla spalla a Chris.

SGF: E lui è Christophorus Schmdt, il cacciatore silenzioso, nonchè indiscusso TWC World Tag Team Champion assieme al sottoscritto. Da ben quattro lunghi mesi.

Sigfried conclude.

SGF: E dietro di me puoi vedere il prode Mastino della Baviera, Gunther Schmidt, e la WFSS Woman World Champion in carica, la Valkyria della TWC, Brunild "Armbreaker" Wagner.

Mentre Gunther resta immerso nei suoi pensieri, Brunild risponde con un impercettibile movimento del capo e il classico sguardo gelido che la contraddistingue. Lo sguardo di Alice è piantato proprio su di lei, o meglio, sul titolo WFSS, con un sorriso appena accennato sul volto e arricciandosi con l'indice una ciocca di capelli. Andy se ne accorge e le da un leggero colpetto.

AM: Ali?

La giovane si riscuote e si rivolge a Sigfried.

AA: Oh, perdonatemi, certe volte tendo a distrarmi. Il mio nome è Alice Angel, ho debuttato stasera. Ho visto molto di voi. In effetti, ho visto tutto quello che è succeso in TWC dalla sua nascita quindi arrivo qui... preparata. Tu non lo saprai, ma mio fratello era collega di un tuo nemico, Sigfried.

Il tedesco si gratta la barba, incuriosito.

SGF: Mmm... Nella mia carriera ho avuto diversi nemici. Alcuni erano e sono attualmente degli emeriti idioti, altri invece evito di nominarli. Evocano solo brutti ricordi. Di chi si tratta? E come si chiama tuo fratello?

AA: Mio fratello si faceva chiamare Manuel Angel e il tuo nemico si chiamava...

Alice ancora una volta accenna un sorriso.

AA: Fujihara. Non si sono mai affrontati direttamente, ma mio fratello lo disprezzava.

Al che Jaeger s'incupisce e scuote il capo.

SGF: Quel cognome è maledetto e porta male a chi ne accenna. Cerca di tenerlo a mente la prossima volta. Quanto a tuo fratello lo conosco poco. Non era malaccio sul ring, solo che fondamentalmente non aveva lo spirito che contraddistingue i veri eroi. Ma d'altronde questa è una categoria troppo elitaria per le persone normali. A proposito, è un pò che non si hanno sue notizie nel business. Per caso si è già ritirato?

Alice abbassa lo sguardo e balbetta qualcosa, Andy getta uno sguardo eloquente a Sigfried e Haibara, che fin'ora se n'era rimasta in silenzio, interviene.

AH: Ha avuto problemi personali.

Christophorus Schmidt si intromette replicando con nonchalance.

CS: E con questo? Chi più, chi meno, tutti quanti abbiamo avuto problemi personali. Basta non farsi dominare dalle emozioni e il gioco è fatto. Le persone deboli ed emotive in questo mondo fanno semplicemente pena.

Ayumi sembra volersi alzare ma Alice la trattiene afferrandole un braccio, tenendo la testa bassa.

AA: Ha ragione.

Andy scuote il capo.

AM: Nah, Alice, fa finta che non abbia parlato nessuno. Se ti perdi nelle loro chiacchiere poi non ne esci più. Dopotutto è Sigfried quello interessante con cui parlare.

Il Berlin Brawler si alza in piedi.

CS: Hai quasi ragione, Moon. Io sono quello che preferisce piuttosto pestare invece che parlare.

Andy non si fa per nulla intimorire e si alza a sua volta in piedi. Ma ecco che Sigfried interviene.

SGF: Forza, non cominciamo subito. Almeno non stavolta.

Schmidt e Moon si guardano a lungo, poi entrambi si siedono sui rispettivi sgabelli. Così Sigfried cambia argomento.

SGF: Allora Andy, veniamo al sodo. Il tuo ritorno in TWC è stato tanto inaspettato, quanto soddisfacente ai miei occhi. Ridurre in poltiglia quel tanghero di Chris Drake dev'essere stato molto appagante. Beh, mi complimento con te, perlomeno ci hai risolto un grosso intralcio per il presente e per il futuro, dato che con quello svitato nei paraggi ultimamente non si faceva più vita da queste parti.

AM: Grazie. Ma non è finita. Chris Drake ha un enorme bersaglio addosso, e probabilmente sarà difficile che se ne vada del tutto. Come avrai capito lo colpisco per far male, traversalmente, a Samantha Hart. So che c'è una qualche alleanza fra di voi, quindi avrai ben notato come la cara Sammy sia particolarmente ossessionata dal voler avere controllo sopra Drake. Vedi, se distruggere il suo giocattolo le fa male, allora non mi farò problemi a farlo. Dopotutto è una guerra, e in una guerra ci sono delle vittime.

Jaeger annuisce.

SGF: Uhm, sembri cambiato. Evidentemente l'aria del Giappone deve averti fatto bene, o forse sono le donne, eh...

Il Corvo fa l'occhiolino verso Haibara, che fa una smorfia di disgusto.

SGF: By the way, sono contento che tu abbia capito finalmente come ci si deve comportare in questo ambiente. Il fine giustifica i mezzi, diceva un vecchio fiorentino. Peccato che tu abbia puntato la persona sbagliata. Concentrati su Drake e dagliene di santa ragione, quello va benone. Samantha Hart ormai non è più quella di un tempo, non sò nemmeno che fine abbia fatto. Agire per vendetta contro una persona attualmente ridotta ai minimi termini come lei, dopo tutti questi mesi, lo trovo... Poco eroico diciamo.

AM: Guarda, io non so che fine abbia fatto e onestamente se si facesse più vedere sarebbe un bene per tutti. Ma credimi, Samantha Hart è una persona che cerca guai. Quindi tornerà, e tornerà per aiutare Drake. Tu che farai allora? La giustificherai ancora? Chip, non chip, quelle sono cazzate e non m'interessano. Io so solo che ho un obiettivo al momento: farla pagare alla Hart, qualora si ripresenti e CREDIMI, lo farà. L'avevo già detto l'estate scorsa: una volta finito l'affare B mi sarei occupato di Drake, Samantha, Rachel Fortuna e tutta la loro cricca. C'è voluto giusto un po' più del previsto e mi sono ritrovato con più di un bersaglio già fuori dai giochi, come Dixon e Maivia, ma il piano sta andando in porto. Estinguere la feccia. Ma sapevo che tanto non l'avrei potuto far da solo. E per quanto Black e gli altri mi stiano simpatici, non possono e non devono guardarmi le spalle ogni volta. Quindi ci sono Alice e Ayumi. Loro mi proteggono, io proteggo loro. Funziona così. Abbiamo tutti e tre qualcosa da provare.

Ayumi addocchia anche lei il titolo WFSS, mentre Alice sembra di nuovo assorta nei suoi pensieri, lo sguardo fisso sul pavimento. Sigfried si accorge dello sguardo della giapponese.

SGF: Non pensarci nemmeno, ragazza. Tu e la tua amichetta siete nuove qua. Presto imparerete che quella donna seduta sul divano è la lottatrice più forte e pericolosa sulla faccia della Terra. Contro di lei non avreste scampo, nemmeno in un handicap match due contro una. La Valkyria è fuori dalla vostra portata, almeno per diversi anni.

CS: Già.

Ayumi ridacchia, sarcastica.

AH: Non preoccuparti, io e la tua amica probabilmente avremo modo di affrontarci prima o poi. Forse per altri contesti, chi lo sa...

Alle spalle del tedesco, Brunild Wagner continua a sorseggiare la sua birra, facendo finta di niente.

SGF: Beh, buona fortuna allora.

Il Corvo poi torna a fissare Andy.

SGF: Tornando a noi. Trovo molto interessante questa tua nuova vocazione di "spazzino". Peccato che ci sia un terribile errore di fondo. La gentaglia da spazzare via, oltre a Drake è altra. Dì un pò, non hai diritto a un rematch per il TWC 15 Championship? Si dà il caso che l'attuale campione sia un tanghero senza speranza, odioso e arrogante. Ecco, dopo che avrai finito con Drake, ti consiglio di darti da fare con Nick Carroll. Quello sì che sarebbe un buon lavoro da portare a termine quanto prima.

AM: E qui, caro Sigfried, ti chiedo io una cosa.

Andy quasi sussurra, avvicinandosi leggermente a Sigfried.

AM: Perchè dovrei farlo... se posso ambire al Titolo Del Mondo?

Lieve boato del pubblico. Moon riprende a parlare normalmente.

AM: Perchè non preoccuparti, Jaeger, io sarò nella Chamber, la vincerò e a War Of Change diventerò campione del mondo. E allora potrò colpire i miei obiettivi quando, e come mi pare, e nessuno potrà più dirmi nulla.

Sigfried alza un sopracciglio, poi si gira verso Christophorus. Dopo qualche secondo i due scoppiano a ridere. Andy alza un sopracciglio a sua volta.

SGF: No, scusa. E' che questa proprio non ce l'aspettavamo. Comunque ti devo dare un'infausta notizia. Anzi, diglielo tu, Hunter.

CS: Innanzitutto tropo difficile che uno come te possa anche solo entrare nella Chamber of Annihilation, con tutta la concorrenza che c'è. Ipotizzare poi una tua vittoria è semplicemente fantascienza.

Moon fa per replicare, ma Jaeger alza una mano.

SGF: Aspetta. Perchè una buona notizia perlomeno c'è. In questo stesso istante ti trovi di fronte al vincitore della Chamber. Quello che resta da scoprire ad Alpha Horizon è solo se sarà Christophorus a vincere, oppure sarò io. Gli altri partecipanti saranno soltanto un piacevole contorno. Punto e basta.

Andy guarda sia Sigfried che Christophorus Schmidt, con un mezzo risolino.

AM: Andiamo per gradi.

Lo Skull Kid indica Schmidt.

AM: Tu non devi permetterti di parlare a ME di concorrenza. Non credere che avere una cintura sulla spalla ti renda più importante di quanto tu non fossi prima di allearti con la persona giusta. Prima, da solo, non riuscivi nemmeno a battere Tyler Nolan, e un tuo match è stato interrotto per pubblica indecenza. Inoltre, ti ho già schienato la sera prima di Night Of Gold. Quindi fammi un favore e lascia parlare quelli che contano.

Adesso il ragazzo passa a Sigfried.

AM: Per quanto riguarda te, ho sempre desiderato incrociarti sul ring per combattere. È successo solo un paio di volte, per breve tempo e in alcuni casi non sapevo nemmeno chi avevo davanti. Quindi alla Chamber non vedo l'ora di prenderti a calci, esattamente come prenderò a calci tutti e gli altri quattro partecipanti, chiunque essi siano.

Sigfried scuote il capo, mentre Christophorus rigira tra le mani il bastone da passeggio, abbastanza innervosito.

SGF: Così non va, Andy. Ti consiglio di desistere subito dai tuoi propositi. E' un consiglio assolutamente amichevole.

Il Corvo continua.

SGF: La Chamber of Annihilation già di per sé rappresenta una prova al limite del sovrumano. Se aggiungi poi ben due membri della BDK Inc. all'interno, il cocktail che ne esce fuori è a dir poco esplosivo. Dai retta a me, perseguita Chris Drake fino ad Alpha Horizon e giocatevela nell'Opener. Sarebbe uno scenario più consono per voi due. I giochi da adulti non fanno per te.

Christophorus annuisce a fianco del Best from the West.

SGF: E soprattutto, in questo tuo momento di rivalsa, sarebbe meglio se evitassi di intralciare i piani della Bruderschaft. Altri l'hanno fatto stupidamente e si sono ridotti a dei piangina derelitti, vedi il tuo vecchio compare di malefatte Travis Miller, che dopo il miracolo di War of Change non ne ha più azzeccata una.

CS: Proprio così.

Il ragazzo si dondola leggermente sullo sgabello.

AM: Travis ha avuto la sua chance. Se non ce l'ha fatta, mi dispiace sinceramente per lui, ma non seguirò la sua strada. Alpha Horizon sarà il nostro orizzonte, e il primo passo per noi: The Midnight Hunters.

Christophorus si acciglia. Ayumi se ne accorge e sogghigna.

AH: Scusami, il nome l'ho proposto io. C'eravamo dimenticati della tua esistenza.

Al ché il Berlin Brawler replica velenosamente.

CS: Tu stà zitta. Nessuno ti ha interpellata, occhi a mandorla.

Poi eccolo apostrofare Moon.

CS: E tu, bimbetto, faresti meglio a seguire i consigli di Jaeger. Lui ha esperienza e ne sa più di voi tre messi insieme. Ma che dico, di trenta di voi messi insieme. Ergo, levati dalla testa la Chamber e fatti i cazzi tuoi, altrimenti il tuo ritorno in TWC durerà lo spazio di nemmeno un paio di mesi, prima di finire in ospedale con le ossa rotte.

Andy si alza dallo sgabello in maniera piuttosto brusca, tant'è che questo cade per terra. Haibara si alza anch'essa e fiancheggia Andy. Alice, dietro di loro, rimane seduta e li segue con lo sguardo, continuando ad arricciarsi i capelli.

AM: L'unica cosa poco duratura sarà la tua permanenza alla Chamber, a meno che la mia cella non si apra per ultima e la tua per prima, Schmidt.

Poi Andy si rivolge a Sigfried.

AM: Quando ho detto che avrei spazzato via la feccia, intendevo anche te, prima o poi.

Il Corvo sospira.

SGF: Mi deludi , Andy. Per un pò avevo creduto che i mesi di esilio volontario fossero serviti a farti maturare un poco. L'aggressione a Drake mi aveva fatto ben sperare, ma come sempre la realtà è ben diversa. Certe persone sono e resteranno a vita degli emeriti, incorreggibili, idioti.

Jaeger punta il dito verso Moon.

SGF: Non solo sei il solito Plappermaul di sempre. Ma adesso addirittura dici scemenze ben peggiori rispetto al 2015. La BDK Inc. non è e non sarà mai considerata feccia, inoltre nessuno, e ripeto, nessuno, potrà mai distruggerla. Vergognati!

Andy fa finta di essere confuso e usa un tono di voce piuttosto stupido.

AM: Oh, davvero? Che peccato, ero davvero contento di aver passato il Sigfried Maturity Exam!

Risate del pubblico, Andy guarda la folla e annuisce, rivolto a loro.

AM: Sono ancora con voi, ragazzi, anche se magari non capite bene quello che sta succedendo. Tornerete tutti con me, alla fine. In ogni caso...

Andy si volta nuovamente verso Sigfried.

AM: Non cercavo il tuo rispetto, Jaeger. Dopotutto, sei un alleato di Samantha Hart. Quanto può essere furba una persona del genere? E non m'interessano nemmeno i tuoi compagni di merende là dietro, le mie due bimbe possono estinguerli anche seduta stante. Ti descrivo bene lo scenario di quest'anno: io sarò sul mio trono, e tu non potrai fare altro che inchinarti, o chiedermi di allearti con te: alla fin fine, allearti con quelli che momentaneamente sembrano potenti è la tua specialità.

Sigfried e Christophorus scoppiano a ridere. Il Best from the West quasi non riesce a smettere. Poi si ricompone.

SGF: No, scusa, questo era veramente troppo, perfino per uno come Drake. Non mi lasci altra scelta allora.

Il Corvo si gira e scambia un cenno d'intesa con Gunther Schmidt, che si gira e tira fuori un sacco da dietro il divano, passandolo a Christophorus, che lo apre e attende che Jaeger parli.

SGF: In questi giorni di ferie, sono stato l'unico a pensare ai miei colleghi. Oggi ho fatto portare un pò di "doni" di bentornato, in stile Jaeger ovviamente. I doni per voialtri, li ho tenuti in standby, ovvero qui con me, indeciso se darteli subito o non darteli proprio, a seconda di come tu e le tue amichette vi sareste comportati. Questa sera, Andy, ancora una volta ti sei rivelato per quello che sei, ovvero un poppante gasato e irrispettoso del prossimo. In particolar modo dei veri eroi.

Jaeger fa una faccia schifata.

SGF: Moonlight Hunters. Pare la parodia di un anime giapponese. Magari vi siete pure ispirati a programmi di merda tipo Sailor Moon. Ecco, Sailor Moon ti starebbe bene come soprannome d'ora in avanti. Vi manca il costumino ma potete rimediare. Intanto però ecco per te una bacchetta coi controfiocchi.

Il Corvo fa un cenno a Schmidt, che lancia al volo una spada laser di plastica modello Kylo Ren, acquistata al Disney Store.

SGF: Comunque non mi sono dimenticato della tua amica Fetzig e di quest'altra bambina tredicenne che ti porti dietro. Sono un eroe dopotutto. Ecco a voi, vai Chris.

Il Berlin Brawler lancia al volo una spillatrice ad Haibara e poi porge una Barbie Raperonzolo ad Alice Angel. Osservando i tre, interdetti con i suoi "regali" in mano, Sigfried fa un breve applauso.

SGF: Siete carinissimi. Ci vorrebbe una foto. Ehi, chi ha un cellulare dietro? Nildy?

Improvvisamente, però, Andy prende in mano la spada laser di plastica e la stritola fino a romperla, per poi gettarla a terra. Ayumi si rigira la spillatrice fra le mani con aria cupa e sembra quasi essere intenzionata a usarla su Sigfried, ma Andy le fa cenno di buttarla per terra e la ragazza esegue, sospirando. Quando Christophorus porge nuovamente la Barbie ad Alice, ancora seduta, questa non sembra avere reazioni visibili. Il Berlin Brawler inizia ad agitarle la bambola davanti agli occhi finchè la Broken Princess non alza lo sguardo su di lui... e gli colpisce il braccio con un calcio, facendo volare via la Barbie. Christophorus sembra scaldarsi, eccolo mettere mano al suo bastone. Ma Andy si frappone fra i due spintonando via Chris, il che crea una sorta di reazione a catena finchè le due fazioni non vanno faccia a faccia: Andy ha davanti Sigfried e Christophorus, Haibara ha Gunther e Alice ha Brunild. Gli Hunters e la BDK sembrano per voler collidere... Ma poi sia Sigfried che Moon fanno indietreggiare le rispettive fazioni, praticamente nello stesso momento.

AM: Non andrà sempre così, Sig. Se continui così, prenderai talmente tante mazzate che non riuscirai più a blaterare. Primo passo: Alpha Horizon.

Con un cenno del capo, Andy fa segno ad Alice e Ayumi di lasciare il quadrato.



Mentre i tre saltano giù dal ring e si avviano sulla rampa, ecco risuonare la mitica theme dei Joy Division ad accompagnarli. Nel frattempo sul ring, la BDK Inc. osserva malamente i Moonlight Hunters. Sigfried Jaeger e Christophorus Schmidt sembrano piuttosto innervositi. Eccoli farsi dare una birra a testa e iniziare a sorseggiarla, puntando comunque lo sguardo verso i tre ospiti che se ne vanno. E con queste immagini, noi andiamo in pubblicità. La corsa che porterà alla monumentale Chamber of Annihilation di Alpha Horizon è alle primissime battute, e come abbiamo appena visto, già tre personaggi di alto spessore si sono candidati per partecipare. Come si evolverà la situazione? Lo scoprirete solo continuando a seguire puntualmente Friday Night Indoor War. Spot per noi! Restate con noi, non andate via.

Up Next: Black cammina nel Blackstage


Ultima modifica di Il capitano il 15/01/2016, 22:48, modificato 1 volta in totale.

Top
 Profilo  
Rispondi citando  

Re: TWC - Friday Night Indoor War
MessaggioInviato: 15/01/2016, 21:19 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: 02/01/2011, 18:39
Messaggi: 8684
Località: Interesting
Siamo nuovamente nel backstage del Manhattan Center, e la telecamera segue Leon Black e Lucy Fisher, che stanno camminando dalla macchina del caffé verso il loro spogliatoio.

ImmagineImmagine


La rossa è appoggiata con la testa contro il gigante, che sta ridacchiando.

LF: Guarda che è vero.

LB: Non lo metto in dubbio, ma non è gentile rompere le braccia agli spasimanti.

LF: Di la verità. La cosa ti fa piacere.

LB: Che tu non mi abbia spezzato un braccio? Abbastanza.

LF: Te lo saresti meritato.

LB: Vero.

Lucinda improvvisamente alza la testa e corre verso un punto fuori camera.

LB: Faccio questo effetto alle ragazze.

Il gigante si muove a passo svelto seguendo la ragazza. La telecamera ricomincia a riprendere Lucy, che salta ed abbraccia di corsa Elektra Kellis, che quasi cade sotto l'impatto.

Immagine Immagine


Lucy si stacca dopo qualche secondo, leggermente rossa in viso.

LF: Scusami, dovevo farlo.

ELK:Non sono esattamente una persona da abbracci però è stato molto carino da parte tua, grazie. Da quanto tempo...

Elektra sorride verso la rossa quando nota Lance che rimane in disparte con le mani in tasca e lo sguardo basso guardando altrove stretto tra le spalle. La spartana lo strattona e lo porta vicino a lei

LM:Ciao Lucy, è sempre un piacere vederti. Spero tu abbia passato bene queste vacanze.

Il diavolo sposta lo sguardo per un istante e compie un lieve cenno col capo grattandosi la nuca

LM:Black...

Il gigante arriva a passo svelto, vede Murdock ed Elektra, sorride e si ferma.

LB: Elektra, Lance, vorrei trattenermi di più ma ho lasciato lo spogliatoio aperto e non vorrei passasse Big Black Boom a rubare qualcosa.

Il gigante si gira, ma Lucy lo trattiene per un braccio.

LF: Leonard...

Black sospira, poi annuisce, girandosi di nuovo verso gli altri.

LB: Elektra, non mi sono ancora complimentato per il match di The End is Near. È un peccato tu abbia perso, ma hai dimostrato qualità che non si vedono in tutte gli esseri umani. I miei più sinceri complimenti. Non fossi fidanzato con la migliore lottatrice della Terra, ti farei una proposta.

Elektra ridacchia con le guance che le si tingono di rosso

ELK:Grazie mille, Leonard. Sono davvero lusingata.

Elektra si scambia uno sguardo fugace con l'amica per pochi istanti con un sorrisino furbo dipinto sul volto

ELK:Lucy, che ne dici di andare a fare due passi da sole? Voglio sapere tutto quello che hai fatto di bello durante le vacanze e non vorrei annoiare i ragazzi con i soliti discorsi da femmine.

Lucy sorride a sua volta.

LF: Devo raccontarti un sacco di cose, in effetti.

La rossa prende sotto braccio l'amica e si allontana rapidamente. Il gigante guarda le due ragazze, poi si appoggia al muro, sospirando.

LB: Odio quando fanno così.

Lance sospira a sua volta facendo qualche passo avanti e indietro con le mani in tasca, tenendo lo sguardo basso tra le spalle strette

LM:Già, almeno su questo posso darti ragione. Quindi... Immagino di dover fare qualcosa per non far calare quel silenzio imbarazzante. Direi di andare sul banale: come stai? Come sono state le vacanze? Cosa ti ha portato Babbo Natale?

LB: Sto bene. Vacanze passate con la famiglia e gli amici, e Babbo Natale mi ha portato un maglione verde e oro, un NES originale con una ventina di giochi, delle cuffie audio nuove e cose più... estemporanee.

Il campione del mondo si stiracchia, poi guarda l'altro e sorride da un lato.

LB: Togliamoci sto peso. Scusa.

Murdock accenna un sorriso sospirando sollevato

LM:Scusami anche tu, sono stato un pelo troppo ossessivo. Ah, congratulazioni per Lucy. Potrai dire quello che vuoi ma sappi che in cuor mio crederò sempre che parte del merito è stata anche mia.

Il diavolo custode emette una risata alzando lo sguardo.

LB: Un pelo troppo ossessivo è l'eufemismo più grande da quando il mio pediatra ha detto che sarei diventato un po' alto.

Black sorride.

LB: Ma forse dovrei ringraziarti. Una persona che ci tiene si sforza così tanto per te. Certo, nel modo più sbagliato possibile, ma è notevole.

Il gigante si gratta la testa.

LB: Per quanto riguarda Lucinda, fottiti.

Leon rimane un secondo in silenzio, poi sorride.

LB: No davvero, perché nessuno mi ha fatto ragionare?

LM:Perché sei troppo testardo per ascoltare le persone al tuo fianco.

Lance alza le spalle

LM:Cerchiamo di non litigare di nuovo però. Ok, ammetto di essere stato un tantino troppo ossessivo. Giuro che a volte mi guardavo allo specchio e mi sembrava di vedere Manson. Mi capita di incaponirmi troppo in alcune situazioni, non posso farci niente. Avresti dovuto vedere la povera Elektra ai tempi, anche se con lei ero decisamente più gentiluomo che con te.

LB: Credo che altrimenti si sarebbe arrivati al limite delle molestie.

Black ridacchia, poi torna serio.

LB: Forse hai ragione. Sono testardo. Ma come ti avevo detto, tento sempre di sistemare quello che faccio di sbagliato. E mi sembra di esserci riuscito abbastanza, no?

LM:Non posso darti torto. Certo, prima che ci riuscissi hai incasinato il mondo intero ma ehi, meglio tardi che mai.

LB: Tu hai dato una mano a fare casino, non dimenticartelo. E poi... ne è valsa la pena.

Black rimane in silenzio per un istante.

LB: Voi invece?

LM:Se è valsa la pena rischiare una denuncia per stalking per poi finire con Elektra? Assolutamente, lo rifarei all'istante. Sai, il fatto che io abbia risollevato la vita di Elektra è ormai noto a tutti. Nessuno però sa che lei diede una spinta in più alla mia mediocre vita, probabilmente neanche lei lo sa.

LB: Ero più prosaico e vi chiedevo come stavate, visto che avete entrambi affrontato un Match pesante ed avete perso, cosa che per il morale non è mai il massimo, ma sono contento tu abbia parlato bene di Elektra. Non lo si fa mai abbastanza.

LM:Beh, di certo non ero al settimo cielo ma non è stato un colpo troppo pesante da incassare. Bene o male me lo aspettavo contando anche quale fosse il mio obiettivo primario. Lei invece l'ha presa molto peggio... Ho fatto di tutto per farla sentire al meglio durante queste vacanze ma aveva sempre quell'aria di amarezza. Era quasi spaventata per incontrare Lucy e credo che ancora non sia riuscita a metabolizzare la perdita del titolo. Spero che un po' di chiacchiere con Lucy possano riuscire dove io ho fallito.

Il Preacher sospira sconsolato mentre abbassa lo sguardo. Black si avvicina, allunga un braccio, si ferma un secondo e poi appoggia la mano destra sulla spalla di Murdock.

LB: Non ti preoccupare. Non sempre possiamo fare qualcosa per tutti, ma tutti si possono salvare. Solo non tutti si salvano allo stesso modo. Hai visto Lucinda? Cambia espressione quando vede Elektra. A volte un amico può fare di più di un innamorato.

LM:Già. Come diavolo è possibile che tu abbia sempre ragione oggi? Che seccatura.

Lance accenna una risata.

LB: Mi capita spesso. Credo sia dovuto al fatto che parlo solo quando sono sicuro di una cosa. Oppure al fatto che sono un genio. Ma quello potrebbe essere secondario. Le due ragazze dove saranno finite, secondo te?

LM:Non troppo lontane. Altrimenti non potrebbero origliare la conversazione.

Lucy Fisher compare da un angolo, seguita a breve distanza da Elektra.

LF: Non è colpa nostra se non sapete controllarvi.

Leon si stacca da Murdock.

LB: Mi so controllare tantissimo.

LF: Una cosa incredibile.

ELK:Come siete carini insieme. Lancelot, non dovrei mica preoccuparmi?

LM:Eccome se devi, signorina!

LF: Giù le mani.

LB: Esatto. Giù le mani.

Il gigante arruffa i capelli di Lucinda con la mano destra, sorridendo.

LB: Bene, credo riprenderò a giocare a Shanghai, se non vi dispiace. È ottimo per la concentrazione.

LF: E dopo una decina di partite diventa anche divertente da guardare.

LM:Non deve essere facile arrivare alla decina di partite guardate. Andiamo anche noi, abbiamo molto lavoro da fare.

ELK:Già, spero di rincontrarci presto. Lucy, mi ha fatto davvero bene stare un po' con te.

LF: Tu devi assolutamente passare a casa nostra. Non sopporto di avere solamente Leonard in casa.

LB: E Lance, mi raccomando. Non essere troppo duro con Michael.

LM:Non posso prometterti niente.

Il gigante fa un saluto con una mano, mentre si gira, allontanandosi. Lucy abbraccia nuovamente Elektra e poi lo segue.

Up Next: Uno dei momenti più attesi! Proprio lui! Eccezionale!


Ultima modifica di Il capitano il 15/01/2016, 22:48, modificato 1 volta in totale.

Top
 Profilo  
Rispondi citando  

Re: TWC - Friday Night Indoor War
MessaggioInviato: 15/01/2016, 21:24 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: 02/01/2011, 18:39
Messaggi: 8684
Località: Interesting
Bentornati live dal Manhattan Center, New York City! Adesso è arrivato uno dei momenti più attesi della serata, Chris Drake si ritirerà? E' il momento di scoprirlo!



Il suono di archi invade l'arena mentre le luci si abbassano ed una coltre di fumo bianco avvolge lo stage. Passano pochi secondi prima che sullo stage faccia la sua comparsa Chris Drake vestito con abiti civili.

Immagine


Il pubblico accoglie la comparsa del wrestler con una buonissima reazione, e The Wild Dragon scruta l'arena mentre le luci si rialzano ed il fumo inizia a diradarsi. Mr. TWD annuisce per poi avviarsi verso il ring a passo deciso, ed una volta percorsa la rampa ed essere arrivato ai piedi del ring, Chris salta sull'apron ed entra nel quadrato passando tra la corda più alta e la corda centrale. Una volta all'interno del ring il Woodbury Made si reca immediatamente verso il lato delle corde che da sulla zona del timekeeper e si fa passare un microfono. Fatto ciò si mette al centro del ring ed attende che questa particolare theme song che sta usando si interrompa. Finita la theme possiamo sentire un applauso che si leva nell'arena, applauso che viene accolto da Chris Drake con un amaro sorriso.

C.Drake: Siete troppo buoni con me qui a New York City.

Ed ecco che un boato d'approvazione si solleva seguito da un coro per Chris.

Pubblico: DRAKE IS AWESOME!... DRAKE IS AWESOME!... DRAKE IS AWESOME!...

C.Drake: Una volta non era: "Drake is weak!"?

The Real One accenna un nuovo sorriso mentre il pubblico rumoreggia.

C.Drake: Infondo non è passato molto tempo da quando cantavate quel coro o altri cori di disprezzo verso di me, evidentemente qualcosa è cambiato ed in tutta sincerità io non so cosa. Se ci rifletto io sono lo stesso tizio che venne accolto con dei fischi durante i festeggiamenti di Simon B. dopo Glorious Revolution, io sono lo stesso tizio che venne ricoperto di fischi dopo aver aggredito Dave Jackson in FWP, io sono lo stesso tizio che è entrato fischiato al Thomas & Mack Center di Las Vegas e ne è uscito sotto gli applausi.

Ed ecco che un nuovo applauso si alza nell'arena.

C.Drake: Se non vi dispiace vorrei vederci più chiaro...

The Predator esce dal ring e si dirige verso le prime file del pubblico, indirizzando la propria attenzione su un ragazzo con indosso proprio una maglietta raffigurante Chris.

C.Drake: Ciao bello.

Chris allunga il microfono verso il ragazzo.

Fan: Grande Chris!!! Sei il migliore!!! Woooah!

C.Drake: Perché?

Il fan osserva interdetto il suo idolo.

C.Drake: Perché mi reputi il migliore? Io non ho fatto nulla per meritarmi questo appellativo, anzi ho fatto il possibile per meritarmi l'appellativo di peggiore, eppure tu sei qui, hai investito soldi in un biglietto di prima fila, hai comprato il mio merchandise ufficiale e non vedevi l'ora che io entrassi nel ring. Ora, io non conosco la tua storia magari mi tifavi già da prima, ma generalizzando tutti i fischi che sono divenuti tifo, come è possibile che io abbia spinto te a credere in me?

Fan: Allora Chris, tu mi sei sempre piaciuto fin dal tuo debutto. Io ero qui al Manhattan Center quando ti presentasti con Samantha ed essendo stato fan di lei in TWNA ero felice di rivederla ed il gradimento per te fu di riflesso nonostante quasi tutti vi odiassero. Poi le prove convincenti contro Jack Keenan a War Of Change, contro The Phoenix a Indoor War e contro Simon B. sia a Glorious Revolution e sia a The End Is Near mi hanno spinto ad eleggerti come mio nuovo wrestler preferito.

C.Drake: Grazie ragazzo.

Il Woodbury Made stringe la mano al fan, decisamente esaltato da questo scambio con il suo wrestler preferito, per poi dirigersi verso altri fan in prima fila. L'attenzione di Chris è catturata da una coppietta formata da un ragazzo con la maglietta di Lance Murdock ed una ragazza con la maglietta di Elektra Kellis.

C.Drake: Ciao ragazzi.

Il wrestler allunga il microfono verso ai due, anche loro molto esaltati per essere stati scelti.

Ragazzo: Ciao Chris!

Ragazza: Wooooooah! Ciao!!!

The Wild Dragon sorride.

C.Drake: Stessa domanda di prima: cosa vi ha spinto dal fischiarmi al tifarmi?

Ragazza: Sei cambiato Chris, è sotto gli occhi di tutti.

Ragazzo: Sì sono d'accordo con Tracy...

Mr. TWD ritrae il microfono.

C.Drake: Scusa, ti chiami Tracy?

La ragazza arrossisce.

Ragazza: Sì...

C.Drake: Oh cazzo!

Il pubblico inizia a ridere mentre Chris finge imbarazzo.

C.Drake: Prego fidanzato di Tracy, continua pure...

Il wrestler allunga il microfono al ragazzo, visibilmente divertito.

Ragazzo: Stavo dicendo... Sono d'accordo con la mia ragazza. Tu all'inizio non mi piacevi... Quando eri con Samantha apparivi come un burattino senza personalità tra le sue mani, e poi quando ti sei ripresentato come The Wild Dragon mi apparivi spocchioso e presuntuoso. Poi però ho capito, tu stavi lottando per un sogno che volevi realizzare, e quando ho visto quel sogno che ti veniva stappato via da uno ancora più spocchioso e presuntuoso di te infierendo su un tuo infortunio allora ho capito l'uomo dietro al wrestler.

C.Drake: Bel pensiero ragazzo di Tracy.

The Predator va a stringere la mano al ragazzo ed alla ragazza per poi dirigersi verso altri fan. Mentre cammina la sua attenzione viene catturata da due ragazze che urlano in maniera isterica. Il wrestler si volta verso di loro alzando un sopracciglio e le ragazze urlano ancora più forte. Chris si dirige verso di loro e si appoggia alla balaustra per poi allungare il microfono verso di loro.

Fangirl 1: Sei un figo Chris!!!!!!!!

Fangirl 2: Sposami ti prego!!!!!!!!!!!

Il wrestler scatta all'indietro sotto l'ilarità del pubblico qui presente per poi accennare un sorriso e dare un bacio sulla guancia ad entrambe le ragazze che continuano ad urlare eccitate. Fatto ciò Chris si dirige verso un tizio con la maglietta della BDK Inc.

C.Drake: Scommetto che a te non piaccio.

Tizio: Hai ancora molto da dimostrare, inoltre la spavalderia è un atteggiamento che mai mi è piaciuto.

Fischi da parte del pubblico.

C.Drake: Mi sembra giusto, punti di vista alla fine.

Chris allunga una mano verso il tizio che comunque gliela stringe. Fatto ciò si dirige verso un padre che tiene in braccio la figlia.

C.Drake: Se ho fatto breccia nel cuore di questa bambina allora potrò reputarmi un uomo felice.

Il wrestler allunga il microfono verso la bambina che all'inizio si abbraccia al padre, in preda alla timidezza, ma poi proprio sotto il sostegno del padre si volta verso Chris e parla al microfono.

Bambina: Chris doveva vincere contro Simon.

Il pubblico esplode in un boato mentre Chris allarga le braccia come ad esultare. Fatto ciò rientra nel ring scivolando sotto l'ultima corda e torna al centro del quadrato.

C.Drake: Posso considerare il mio sondaggio concluso. Ricapitolando... Un mio fan di lunga data mi apprezza per le mie prove nel ring, una coppietta ha apprezzato sia il mio cambiamento ed ha sviluppato empatia con la mia storia, due ragazze mi adorano per il mio aspetto fisico...

The Predator fa l'occhiolino verso le due ragazze.

C.Drake: ... un fan "hardcore" non si reputa convinto dal mio operato ed infine una ragazzina voleva vedermi vincitore a The End Is Near.

Chris diventa serio.

C.Drake: Ho voluto condurre questo "campionamento" solo per capire davvero cosa ha spinto la quasi totalità dei fan a tifarmi. Ho intervistato cinque tipi di fan totalmente diversi tra di loro ed ho riscontrato quattro pareri positivi ed uno negativo. Magari i fan stile tizio maglietta della BDK avranno trovato questo mio esperimento come una buffonata, altri lo avranno trovato come un siparietto divertente che ha totalmente distolto l'attenzione sul vero motivo della mia presenza qui...

L'arena piomba in totale silenzio.

C.Drake: Mi ritirerò? Sì o no?

Ed ecco che un coro unanime si alza nell'arena...

Pubblico: NO!... NO!... NO!... NO!... NO!... NO!...

Il wrestler abbassa la testa ed avvicina lentamente il microfono alla sua bocca.

C.Drake: Grazie per tutto il vostro sostegno ed il vostro calore, ma io penso di non meritarlo... Io ho sempre vissuto con la convinzione di essere il migliore di default, di essere speciale. Dai tempi della SWP e della Pro Wrestling NOAH mi reputavo un predestinato, e le parole ed il sostegno di mia sorella Alisa non facevano altro che alimentare questa mia convinzione. Poi ci fu l'infortunio che terminò momentaneamente la mia carriera e mi fece sprofondare in uno stato di depressione che superai sempre grazie a mia sorella Alisa. Passarono i mesi, gli anni e alla fine mi ricostruii una vita trovando lavoro come assistente di ufficio e fidanzandomi con Tracy, quella originale, arrivando a pensare seriamente alla possibilità di costruirmi una famiglia con lei. Poi dopo una visita che feci solo per vedere se ero idoneo a giocare a Basketball con gli amici venne fuori che l'infortunio al collo era totalmente guarito e che potevo tornare a combattere. Non vi nego che all'inizio rifiutai questa ipotesi poiché la mia vita era finalmente stabile, ma poi sotto l'incitamento di Alisa, di Tracy, della sorella di Tracy, di Samantha non ancora stronza e di Kid The Wizard decisi di tornare sul ring ad inseguire il mio sogno. Ricevetti un contratto con la PDWF e nel giro di un anno vinsi il mio primo titolo, il PDWF Championship. Nel frattempo voci sulla formazione della TWC iniziarono a circolare nell'ambiente ed io fui eccitato dalla possibilità che una nuova major stesse nascendo e con essa la speranza di divenire finalmente un wrestler internazionale.

Mr. TWD alza la testa mostrando un'espressione contrariata.

C.Drake: E fu lì che venni intercettato da Samantha Hart, divenuta stronza nel frattempo, che mi fece un lavaggio del cervello tale da costringermi ad obbedire ad ogni suo ordine. Grazie alle sue conoscenze mi procurò un contratto con la TWC e mi utilizzò per le sue vendette. Il resto della storia lo sapete: The Dragon mostro distrugge tutto, Alisa compare a War Of Change per salvarlo, Chris torna se stesso, Samantha riesce di nuovo a soggiogarlo aggiungendolo alla sua scuderia, che nel frattempo aveva accolto Franklin Dixon e Aleki Maivia, e costringendolo ad attaccare la sorella Alisa in diretta mondiale, The Dragon mostro distrugge nuovamente tutto, The Dragon perde il match che tanto attendeva per il titolo mondiale contro Leon Black, The Dragon perde il match che tanto attendeva per il titolo mondiale contro Simon B. The Dragon va in coma, Chris Drake sfugge definitivamente al controllo di Samantha Hart divenendo una persona nuova, Chris Drake perde il match che tanto attendeva per il titolo mondiale contro Simon B.

Dei fischi inondano l'arena.

C.Drake: Sono stato di merda nelle passate settimane, davvero. Avevo ricominciato a bere ed a fumare come un dannato, la notte di Natale e la notte di Capodanno le ho passate in compagnia di bottiglie e mozzoni di sigaretta, il tutto condito da un alone di autocommiserazione non indifferente. Se avete visto il Kickoff di Indoor War allora potrete capire che se avessi incontrato gente come Kevin Manson durante quei giorni probabilmente ora sarei in galera per lesioni personali gravi. Quindi ora la domanda sorge spontanea, ed è la stessa che Kevin Manson mi ha fatto nel Kickoff... Chi è Chris Drake?

Il wrestler guarda con uno sguardo determinato verso l'inquadratura.

C.Drake: Chris Drake è una persona che ne ha dovute passare tante per arrivare qui. Chris Drake è una persona che viene derisa per dei cambi di personalità dovuti ad un bipolarismo, ad oggi clinicamente superato, sviluppato attraverso traumi e torture psicologiche. Chris Drake è una persona che ha un sogno! Chris Drake è una persona che vuole diventare una leggenda in questo business!

Il pubblico accoglie la frase di Chris con cori d'approvazione mentre lui continua a parlare aumentando il volume della sua voce.

C.Drake: The Legend is STILL in The Making and The Best In The Business is here to stay!

Ed ecco che un forte boato si leva nell'arena. Chris intanto inizia a camminare smanioso nel ring togliendosi il giubbotto di pelle e gettandolo contro le corde restando in canotta e jeans.

C.Drake: Ci sarà sempre gente che tenterà di sfogare le proprie frustrazioni su di me, gente che deriderà il mio passato, gente che cercherà di ostacolare la mia scalata verso la gloria, ma vi assicuro che uno ad uno cadranno! Nessuno potrà mettersi contro di me e pensare di passarla liscia, perciò ora mi rivolgo a te... Andy Moon!

Reazione mista per Andy Moon.

C.Drake: Tu vuoi un qualcosa che io non posso darti, Samantha Hart, ma visto che in quella testolina bacata non vuole entrarti l'idea che io non ho più nulla a che fare con quella donna penso proprio che te lo farò capire a suon di pedate nel culo! Tu e le tue amichette avete commesso il fatale errore di pensare che, seppur ferito fisicamente ed emotivamente, il Predatore fosse diventato la Preda. Sbagliato ragazzini, ed ora subirete le conseguenze delle vostre azioni divenendo voi stesse le Prede designate per mio puro diletto. You either the Predator or you're the Prey!

Chris continua a guardare con sguardo determinato l'inquadratura.

C.Drake: Voi sarete un simpatico passatempo in attesa dell'inevitabile realizzazione del mio sogno, del mio obiettivo... del mio destino!

The Predator si passa una mano sulla vita.

C.Drake: World Championship!

Boato da parte del pubblico.

C.Drake: Ad Alpha Horizon si terrà una Chamber Of Annihilation per decretare il primo sfidante al TWC World Hevyweight Championship a War Of Change II. Scenario interessante non trovate? Per tanto annuncio la mia candidatura per entrare nella gabbia! Mandatemi contro chiunque vogliate, sarà solo un piccolo ostacolo verso la mia inevitabile ascesa! The Predator Era has officially begun!

Chris getta il microfono a terra con forza facendolo rimbalzare fuori dal ring mentre un'altra, nuova, theme risuona prepotentemente nell'arena.



Il pubblico esulta festante per questo annuncio di Chris che ora sale su un paletto e continua a fomentare i fan per poi fare nuovamente il cenno della cintura alla vita. E su queste immagini noi andiamo in pubblicità.

Up Next: Big Black Boooooooooh


Ultima modifica di Il capitano il 15/01/2016, 22:50, modificato 1 volta in totale.

Top
 Profilo  
Rispondi citando  

Re: TWC - Friday Night Indoor War
MessaggioInviato: 15/01/2016, 21:30 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: 02/01/2011, 18:39
Messaggi: 8684
Località: Interesting
Bentornati in diretta con TWC Friday Night Indoor War! La panoramica del Manhattan Center ci mostra un pubblico festante, il ritorno a casa era molto atteso e i cartelli che ci danno il “welcome back” si sprecano. Jacob Price e Michael Campbell discutono dell’ultimo show del duemilaquindici, The End is Near, che ha fatto registrare il record di ascolti e ha riservato molti colpi di scena, ci vengono mostrati alcuni fotogrammi dello special: vediamo Simon B. alzare la cintura FWP, Andy Moon colpire Drake, Big Black Boom faccia a faccia con Jane, Nick Carroll alzare il Fifteen Championship della federazione. riI due commentato si dicono pronti a credere che questo inizio di duemilasedici ce ne regalerà ancora di più, e proprio su queste parole parte una theme song che conosciamo bene!



Il pubblico ruggisce all’ingresso dell’ormai ex TWC Fifteen Champion, Big Black Boom!

Immagine


Il mascherato si ferma sullo stage e si guarda intorno, vengono inquadrati cartelloni che inneggiano a Nick Carroll, lui scuote la testa e alza il mento, dirigendosi lentamente verso il ring. Viene ripreso un gruppo di persone che indossa una maschera nera, ma BBB non presta loro attenzione. Una volta sul ring, Triple B si fa passare un microfono tra la seconda e la terza corda, ma il pubblico non gli fa neanche iniziare il discorso.

Pubblico: Where’s your title? Where’s your title?

Boom si guarda ancora intorno, e arricciando verso il basso gli angoli delle labbra, annuisce.

BBB: Devo ammettere che avete sviluppato un minimo di intelligenza: pensare che l’ultima volta che ho messo piede qua dentro, c’era qualcuno che tifava per Mike Hill. Siete cresciuti abbastanza da notare che non più il titolo sulla mia vita: complimenti, non penso che nessun altro fosse riuscito a vedere questo dettaglio. Quello che non avete notato, forse, è che tutto ciò che ha portato a questa situazione: non mi aspetto che le persone di New York capiscano, anzi. È proprio quello che aspettavate, il vostro amato paladino ha finalmente sconfitto il male, vero?

Pubblico: Booooring!

BBB: Tutto questo, tutto quello che è successo è la sintesi di ciò che la nostra società vuole vedere. Non vi interessano i meriti, non vi interessano le capacità dimostrate, se il principe biondo della Disney vince, vi va bene. Non vi importa come. O meglio, vi importa solo quando non sono io a vincere.

Il pubblico non risponde a questa provocazione.

BBB: Nick Carroll non è un campione legittimo. Io non ho mai ceduto alla sua presa, e mai l’avrei fatto. Solo un personaggio subdolo e falso come lui avrebbe potuto architettare una farsa del genere. E la cosa più triste è che non ve ne accorgete. Lui e tanti altri in questa federazione non vogliono altro che approvazione, per apparire come buoni ed evitare che quando si fanno una passeggiata in mezzo alla vostra città del cazzo, vengano presi a sputi in faccia. Vi svelo un segreto: i principi Disney non fanno wrestling. Loro non sono diversi da me, sono fatti della stessa merda di cui siamo fatti tutti nel mondo. La differenza è che io non ho mai avuto paura del giudizio di voi coglioni, e mai l’avrò. Al massimo mi fanno schifo gli sputi, è per questo che indosso una maschera.

Dagli spalti si levano forti “boo”.

BBB: Ma ormai ne ho abbastanza di parlare a voi. Voglio la mia cintura, non mi importa se dovrò riprendermela con la forza o meno. Quello che voglio è che Virgil Brown, lo stesso che mi ha messo in questa situazione, si presenti qui e risolva tutto. Hai falsato la competizione regalando al tuo favorito il match che voleva, ora io pretendo il mio. Sii uomo e fatti avanti.



Dal pubblico parte un boato di approvazione, mentre il campione mondiale TWC compare sullo stage, sorridendo con il titolo in spalla, armato di un sorriso appena accennato ed un microfono.

Immagine


Leon Black, in completo bianco con camicia nera, guarda il Manhattan Center, che risponde con qualche coro per lui. Il gigante annuisce, muovendosi lentamente verso il ring, poi sale i gradoni d'acciaio ed entra sul ring, avvicinandosi a Big Black Boom. A qualche passo da lui si ferma, porta il microfono alla bocca e sospira.

LB: Hai per caso chiamato una leggenda il cui cognome inizia per B ed è un colore? È una domanda retorica, ovviamente, non rispondere, non è necessario. Anche perché vedo che a retorica non sei messo male. C'è una cosa che adoro, ed è andare a vedere gli spettacoli di magia. Proprio ieri ne ho visto uno di classe, fatto da un tizio semi sconosciuto, tale Great Jay. Consigliatissimo ragazzi, se volete passare due ore divertenti, andate da lui.

Black sorride alla telecamera.

LB: Ma non è questo il motivo per cui sono qui. Sai, io sono nato a Chicago, ma New York è la mia città adottiva. E in effetti ho notato che non hai più la tua bella cintura. Quello che non riesco a capire, mio amico mascherato, è come tu abbia potuto perdere. Ti ricordo che utilizzare Jane Murphy era parte del tuo piano. Un piano che ha funzionato perfettamente a Night of Gold, dove in fatti sei stato schienato esattamente come prevedevi. Un piano che ha funzionato perfettamente a Indoor War, dove sei riuscito a farti strappare un ulteriore match contro Nick Carroll. Un piano che ha funzionato perfettamente a The End is Near, dove hai fatto la figura dell'incapace. Potremmo dire che tutto quello che poteva andarti male ti è andato male, ma sarebbe una battuta troppo scontata. E vedi, mio poco accorto sceglitore di nomi, se ti togliamo l'abilità di creare piani malvagi, cosa ti resta? Agilità?

Pubblico: NO!

LB: Forza?

Pubblico: NO!

LB: Tecnica?

Pubblico: NO!

LB: Simpatia?

Pubblico: NO!

LB: Titolo?

Pubblico: NO!

LB: Come immaginavo. Potrei continuare così per ore, ma è fin troppo facile. Parliamo di altro. Parliamo di come la tua faccia, o per meglio dire la tua maschera, non valga nulla. Prima facevi un paragone interessante. Dicevi che il pubblico qui vuole vedere fiabe come quelle della Disney. Sai qual è la differenza? Delle fiabe Disney ricordiamo spesso i cattivi. Malefica, Ade, la Strega Cattiva, Jafar. Io se dovessi trovare un paragone con te, lo cercherei nei film action di serie Z, quelli in cui il cattivo è un attore americano sovrappeso che fa un orribile accento russo ed ha un occhio di vetro. Ecco, quello sei tu, completamente fuori parte, poco credibile e vagamente ridicolo. E capiamoci, la storia dei paragoni l'hai tirata fuori tu.

Il gigante si interrompe e allontana per qualche secondo il microfono dalla bocca, poi saluta con un gesto un membro del pubblico.

LB: E per quanto riguarda il fato che nessuno di noi sia un principe azzurro, hai ragione. Siamo tutti fatti della stessa merda, come te. Solo che non tutti noi pensiamo che il pubblico sia fatto da coglioni. Ti faccio un esempio. Prendiamo il wrestler che è con te sul ring, Leon Black. Suppongo, senza stare a fare troppi calcoli, che circa metà delle persone che sono qui sia qui per vedere me. Sarebbe strano ritenerli dei coglioni, non trovi? Sarebbe come ritenersi coglioni da soli. Forse tu non hai questo problema perché nessuno è qui per vedere te. Perfetto. Ma tutti qui sono qui per vedere il wrestling, e il wrestling è anche la tua disciplina. Ripensandoci, vedendoti combattere, non è vero. Sai una cosa? In effetti puoi pensare che siano dei coglioni, in definitiva non ti tange nulla di quello che pensa il pubblico di wrestling. Ma in definitiva non è neanche giusto dirlo così direttamente. Sai, esiste una cosa chiamata rispetto. Quella cosa che mi impedisce di uscire fuori mentre stai parlando solo per dirti che piuttosto che ascoltare i tuoi discorsi preferirei prendere un manico di scopa in culo.

BBB: Sono convinto che gli addetti alle pulizie ne abbiano uno, divertiti.

Il mascherato fa spallucce, il pubblico lo fischia.

BBB: Non mi interessa sapere perché questa gente sia venuta qui. Io, come te, ho firmato per uno stipendio fisso, non varia in base a quanta gente viene a vedere me, tu sembri voler far credere altro. Non è che una presa in giro, un modo come altri per comprare i loro applausi, quello che tu chiami rispetto. Quello non è rispetto, il rispetto si conquista. E forse è proprio perché non me ne frega niente del rispetto di queste persone, che non mi guardo dal dir loro ciò che voglio. È un concetto semplice: se la persona non è rispettabile, non mi interessa aver a che fare lei. So bene che anche tu la pensi così, ma fai parte di quella gente che preferisce i complimenti alle verità. Non sei che un altro prodotto da televisione, una vita tragica alle spalle, un amore non corrisposto che poi diventa una scelta di vita… Bullshit.

Il pubblico continua a schernire BBB, il quale continua impassibile.

BBB: Hai provato a nasconderti dietro questa fiaba, hai attratto i tuoi consensi, e ora pensi di essere tranquillo nascondendoti dietro la tua cintura. Ti ricordo che senza me e gli altri ex-Army, non l’avresti mai portata in vita. Ma non mi aspetto che tu lo ammetta, anzi penso che ora mi dirai che tutto quello non è stato frutto di una tua scelta, ma mia e degli altri. Cosa che comunque non ti ha mai fatto passare in mente se e quanto sia meritato il titolo. Hai evitato il discorso, forse lo farai per sempre, ma sai cosa? Non mi interessa. Fin quando i miei paragoni sulla Disney ti colpiscono tanto da dover trovarne altri per ribattere, non penso che qualsiasi cosa dirai potrà interessarmi.

Il mascherato si prende qualche momento di pausa.

BBB: Quello che è successo da Night of Gold in poi è stato frutto di un ben studiato piano per mandarmi più giù possibile. Non credo in complotti o nulla del genere, so che bisogna aspettarsi di tutto da tutti. Il problema delle persone con cui ho avuto a che fare è che anche loro credono nelle favole, e hanno fatto di tutto per un finale perfetto. Il tradimento, quello che voi buonisti condannate, se effettuato da parte di uno di voi, diventa giustizia. Io me ne sbatto il cazzo della vostra giustizia. Quel titolo mi è stato tolto illegittimamente. Non mi interessa cosa tu o questo pubblico di idioti pensate di me e della mia capacità di stare sul ring. Potrei dimostrare che vi sbagliate in qualsiasi momento. Solo che, mi pare di averlo già detto: non mi interessa un cazzo di voi. Io voglio solo un match per quel titolo, quindi vai a chiamare il vecchietto che ti ha permesso di tenere ancora quella cintura, e poi scopati il palo di scopa finché ti senti a posto con te stesso.

Il campione del mondo osserva per qualche secondo il mascherato, poi porta il microfono alla bocca.

LB: Mi stai dicendo che non lotti al meglio delle tue possibilità, racimolando solo sconfitte, perché non vuoi dimostrare di essere un wrestler a noi? Qualcuno che ride per me?

Il pubblico scoppia a ridere, mentre il gigante dirige il microfono verso le tribune.

LB: Troppo gentili. Non dovresti fare battute così divertenti, svalutano un po' la tua aura da duro senza sentimenti. Non fa bene ai tuoi affari da mercenario barra lacché barra stripper. Ma parliamo del tuo secondo lavoro, che è fare il wrestler. Come saprai perfettamente, non ci pagano a seconda di quanta gente ci viene a vedere, ovviamente, ma ci danno una percentuale sul marketing che vendono con la nostra faccia sopra. Per di più sai come si riconosce una federazione che non ha pubblico? È chiusa. E, visto che, conoscendoti, credo tu sia qui per i soldi, posso assicurarti che una federazione chiusa non ti paga.

Black sorride a Boom.

LB: Ma parliamo di favole, visto che molti qui non l'hanno capito. Dici che la federazione fa di tutto per avere un lieto fine da proporre ai suoi spettatori. E fossi in te, mi aggrapperei a quella convinzione con tutto me stesso. Perché vedi, questa federazione non ha un Davide come campione del mondo, ha il fottuto figlio di Golia. Quindi prendi la tua fionda e stringila al petto, sperando che il lieto fine sia davvero tutto quello che si vede in questa federazione, perché quando afferrerò il tuo sasso con una mano e lo sbriciolerò davanti ai tuoi occhi, la speranza sarà l'unica cosa che ti rimarrà.

Il gigante annuisce.

LB: Ma sai cosa ti dico? Hai chiesto un match, e sono venuto qui per dartelo. Vedi, il signor Virgil Brown mi ha dato la possibilità di darti questa lieta notizia di persona. Stasera lotterai, ma non contro Nick Carroll. Stasera sarai in un match di qualificazione per la Chamber of Anhilation contro uno dei migliori wrestler di questa federazione. Un wrestler che si è allenato in Giappone con alcune delle più grandi leggende dell'Hardcore. Un ragazzo di Savannah. Ma che dico Savannah.

Black sorride, mentre il pubblico inizia a rumoreggiare.

LB: Un ragazzo di SAVANNAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAH!

Il pubblico urla il nomo della città con lui.

LB: Andy Moon!



Immagine


Andy Moon si presenta, stavolta da solo, sullo stage, accolto piuttosto bene dal pubblico. Il giovane cammina con le mani in tasca, sorridendo storto, fino al ring. Una volta entrato, Andy stringe la mano di Leon, che si appoggia alle corde, poi lancia uno sguardo a Boom e si fa passare un microfono. The Prodigy attende che il pubblico si calmi prima di parlare.

AM: Per un paio di giorni ho pensato a cosa avrei dovuto dire in questa situazione. Una volta ritrovatomi faccia a faccia con il diretto responsabile della mia più grande figura di merda in diretta tv.

Moon si avvicina a BBB.

AM: Ed è abbastanza ironico che l'occasione si presenti durante una tua protesta. Una protesta per aver perso un titolo illegittimamente.

The Prestige sillaba più lentamente l'ultima parola.

AM: È ironico, ironico perchè quel titolo non è mai stato tuo. O ma tranquillo, non sono qui per piangere su una cintura già persa e dimenticata. Dopotutto hai ragione tu, Triple B, si parla di business, no? Ti si è presentata un'occasione, l'hai presa. Ti dirò, hai fatto bene! Già, hai fatto bene, e sono abbastanza sicuro che tu non sia come quell'idiota di Samantha che pensava di avermi eliminato per sempre. Nah.

Andy alza le sopracciglia, sempre sorridente.

AM: Tu sapevi che prima o poi sarei tornato. E sei anche sicuro che ciò non rappresenti un problema, giusto?

Il mascherato accenna un sorriso.

BBB: Non pensavo di averti eliminato per sempre. A dirla tutta, a te non pensavo affatto. Credevo che avresti fatto la scelta migliore, che avresti messo la testa sotto la sabbia. Dopotutto, lo scontro con la realtà è stato piuttosto duro. Non fingere, sai bene che la cintura che ti ho sfilato ti pesa ancora, altrimenti non saresti qui, adesso.

Lo sguardo di BBB cambia obiettivo, dirigendosi verso Black.

BBB: Mio poco accorto sceglitore di interlocutori, non avrai pensato che mandarmi il tuo cagnolino contro mi abbia distratto. Che ti sia chiaro: non sono responsabile di quello che tu e i tuoi amici del pubblico capite. Sono responsabile solo di quello che ho detto, e ciò che ho detto è che non mi interessa un cazzo di te, di te, di te, di te…

Triple B indica prima Leon, dopo Moon, poi si mette a puntare il dito contro i settori dell’arena, che accolgono il gesto con numerosi fischi. Intanto viene inquadrato il gruppo di tifosi mascherati da Big Black Boom, che imitano il gesto e annuiscono.

BBB: Così come non mi interessa del marketing, della salute della federazione: un lottatore che in meno di un anno dal suo esordio vince un titolo e lo mantiene per quasi cento giorni in una major, non si trova facilmente. Non dovrò stare fermo anni e aspettare che qualche amico ne apra un’altra per trovare un posto dove rompere il culo alla gente. Così come non dovrò aspettare troppo tempo prima che Golia cada a terra, come ha sempre fatto.

Lo guardo di Boom ritrova Andy Moon.

BBB: Intanto mi divertirò a tirare pietre contro il tuo amichetto. Anche senza fionda, non ne ho bisogno.

Ora il perfidy in a mask mostra un largo sorriso.

BBB: Ci siamo già incontrati due volte, e due volte l’hai presa lì dove piace a Leon. Rispondi alla tua stessa domanda: sei sicuro che ciò non rappresenti un problema, giusto?

Moon guarda prima il pubblico e poi, continuando a sorridere, risponde.

AM: C'è una cosa di cui ti sei dimenticato, Triple B. Anzi, tre.

Andy alza il pollice della mano destra, chiusa a pugno.

AM: Numero uno: Fox's Army. Questo punto coincide anche con la tua vittoria nel nostro primo scontro. Ma non ti biasimo, nemmeno a me piacerebbe riportare alla luce di aver vinto un match grazie a Simon B, chi lo vorrebbe?

Moon adesso alza l'indice.

AM: Numero due: Samantha Hart.

Ondata di fischi per la Hart da parte del pubblico.

AM: Night Of Gold, mi hai attaccato dopo mezz'ora di Iron Man Match, possibilità che non ti sarebbe stata data se Samantha non avesse ricattato quel maiale di Olon. E tu, che già avevi visto la barchetta Army affondare, hai colto l'occasione.

Ora Andy alza anche il medio.

AM: Numero tre: Jane Murphy. Questo non ha veri e propri collegamenti con me, volevo solo far notare come tu abbia cercato un'altra scialuppa di salvataggio nel momento in cui anche la hacker da quattro soldi aveva iniziato a sprofondare negli abissi. L'hai trovata, pensavi di avere un vantaggio dalla tua. Che peccato che non sia stato così.

Piccola pausa del ragazzo che adesso scuote la testa.

AM: Sei sempre stato in una posizione di superiorità numerica, dentro o fuori dal ring. Ma hai visto a cosa è successo a Drake, una volta che ha scelto di andare da solo? Ho preso a calci il suo cranio.

Moon smette di sorridere.

AM: Se solo avessi voluto, quello saresti potuto essere te. Ritieniti fortunato che non ho deciso di infierire pure dopo il TUO match. Adesso anche tu sei solo. Io invece ho compagnia. Tanta compagnia.

Il giovane scrolla le spalle, lancia un fugace sguardo a Black e poi si avvia ad uscire dal quadrato, ma si ferma di scatto e si rigira verso gli altri due.

AM: Ah, sarò io a vincere quel titolo da Leon. Quindi considerate quello di stasera come il primo passo verso la cintura.

LB: Andy, non te ne andare, per favore, rimani qui, non abbiamo ancora finito. Per prima cosa, i miei calcoli mi dicono che Moon contro Big Black Boom è su uno score di due ad uno. O sono l'unico qui dentro che si ricorda di un match cinque contro cinque? Cioé, capisco che il tizio mascherato se ne sia dimenticato, è scapato a metà match, ma tu hai ottenuto il pin vincente. E per quanto non sembri non sono male coi numeri. Gli zeri come Sin Cara qui, i due come Sigfried e l'uno. Che sarei io. Secondo, tipicamente questo tipo di segmento televisivo si dovrebbe chiudere con me che ti faccio una battuta di spirito e poi ti stendo con il titolo. Ma visto che è la prima puntata del duemilasedici voglio essere innovativo.

Black si avvicina al mascherato.

LB: Il vostro match è adesso.

Il gigante annuisce e si allontana da Big Black Boom, passa sopra la terza corda e scende dalla corda. Il gigante si avvia verso il backstage, mentre Moon e Boom si guardano in cagnesco dagli angoli opposti.

Up Next: Big Black Boom Vs. Andy Moon


Ultima modifica di Il capitano il 15/01/2016, 22:51, modificato 2 volte in totale.

Top
 Profilo  
Rispondi citando  

Visualizza ultimi messaggi:  Ordina per  
Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 438 messaggi ]  Vai alla pagina Precedente  1 ... 22, 23, 24, 25, 26, 27, 28 ... 30  Prossimo

Tutti gli orari sono UTC + 1 ora


Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno


Non puoi aprire nuovi argomenti
Non puoi rispondere negli argomenti
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi

Cerca per:
Vai a:  
phpBB skin developed by: eXtremepixels
POWERED_BY
Traduzione Italiana phpBB.it