Tutti gli orari sono UTC + 1 ora




Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 438 messaggi ]  Vai alla pagina Precedente  1 ... 12, 13, 14, 15, 16, 17, 18 ... 30  Prossimo
  Stampa pagina

Re: TWC - Friday Night Indoor War
Autore Messaggio
MessaggioInviato: 14/08/2015, 14:18 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: 26/04/2011, 12:11
Messaggi: 10597
Località: Il topic su che gel usa CM Punk
Siamo di nuovo in onda con Friday Night Indoor War ed una musica risuona nell'arena di Boston.



ImmagineImmagine


Si tratta dell'inedita theme song di Simon B, accompagnato dal suo nuovo accolito, Finn Wheelan. L'ex Bosiko cammina altezzosamente lungo la rampa, mentre l'irlandese lo applaude ed invita il pubblico a sostenerlo ottenendo in risposta solo degli ovvi fischi. Il Who You Want to B non se ne cura e raggiunge il quadrato.



Immagine


Ed ecco che arriva il suo avversario, Nick Carroll! Il beniamino di casa è di nuovo accolto con un'ovazione, moltiplicata dal fatto che l'ingegnere si è presentato sullo stage indossando una casacca dei Boston Celtics. Simon B osserva disgustato il rivale salire sul ring passando tra le corde, mentre Carroll non lo degna di uno sguardo e si gode il secondo bagno di folla della serata.

Immagine


L'arbitro di questo importante incontro, Jonathan Good, richiama i due all'ordine e dà il via alla contesa.

TWC 15 Championship Tournament Second Semifinal
Nick Carroll vs Simon B


La campanella suona e Carroll corre verso Simon B, evitando un braccio teso ed atterrandolo con un Crossbody dopo essere rimbalzato alle corde. Bosiko accusa il colpo e scende velocemente dal ring. Nick si carica col pubblico e dopo aver preso la rincorsa, tenta una Baseball Slide sull'avversario. Ma Simon se ne avvede e blocca le gambe del bostoniano per poi tirarlo al di fuori del quadrato e fargli sbattere violentemente la testa la suolo. Il ragazzo di Miami sorride soddisfatto, mentre Finn lo incoraggia. Ora B colpisce Carroll con dei pugni alla nuca e successivamente con dei ripetuti calci alla schiena. Il Who You Want to Be rientra soddisfatto sul ring, sperando di vincere per count out, ma l'ingegnere striscia all'interno delle corde al conto di 7. Simon non si perde d'animo e dopo alcuni Stomp rialza Carroll e lo lancia all'angolo con una Irish Whip. Bosiko fa un cenno d'intesa a Wheelan, dopo di che va a segno con delle Chop. Il pubblico gli è totalmente avverso e non fa nemmeno partire i classici "WOOO". L'ex wrestler della TWNA non ci fa nemmeno caso e si sposta all'angolo opposto... rincorsa e Corner Clothesline connessa!

Immagine


Pin, ma solo conto di 1! B applica allora immediatamente una Chinlock. La sua strategia è ovviamente quella di bloccare il dinamismo di Carroll e di vincere il match risparmiando più energie possibili per il confronto con Gaty. Ma il bostoniano, sostenuto a gran voce dai suoi fan, si rimette in ginocchio... e poi in piedi! Serie di gomitate all'addome di Nick, che fanno piegare Simon, il quale lascia la presa. Carroll ne approfitta, nuova gomitata al viso per slacciarsi definitivamente e poi Jumping Forearm! Il Brain Damager si carica ed ora sbatte più volte a terra la testa del rivale, fino a quando Good è costretto a fermarlo. Nick si allontana ed aspetta che l'avversario cerchi di rimettersi in piedi... Roundhouse Kick! No, B evita e tenta un Roll Up! No, Carroll rotola oltre e va ora a segno col Roundhouse Kick!

Immagine


Schienamento: 1, 2, no! Kick out di B, che viene però chiuso in una Sleeper Hold. Il lottatore di Miami soffre, il suo volto arrossisce rapidamente. Con un grande sforzo, Bosiko si riporta in piedi sostenendo tutto il peso del rivale e si lancia di schiena contro il paletto, facendo impattare Nick contro di esso. Simon si libera così dalla presa e nonostante il fiato corto comincia a rifilare una serie di gomitate in faccia all'avversario. Anche in questo caso l'arbitro deve intervenire a separare i due contendenti e mentre B lo distrae lamentandosi, Wheelan colpisce velocemente con un potente destro l'inerme Carroll. Bosiko sfrutta a pieno l'astuzia del suo sottoposto e va verso Carroll: B-Orgasm connesso!

Immagine


Pin immediato! 1, 2, no! Carroll si salva! Simon è contrariato e chiama un'altra delle sue mosse d'impatto: tentativo di Excellence Kick in Springboard, ma il biondo evita e sulla corsa va a segno lui con lo Springboard Dropkick! L'ingegnere non perde tempo e imbraccia B per la Shutdown... Roll Up di Bosiko! 1, 2, no! Il bostoniano si rialza immediatamente e sfrutta la posizione dell'avversario per uno Shining Wizard!

Immagine


Nuovo tentativo di schienamento: 1, 2, NO! Stavolta c'è mancato poco! Gesto di disappunto di Nick, ma ora Simon B è stordito ed in difficoltà! Carroll lo sa e lo aspetta al varco con un Superkick... a segno! Wheelan a bordo ring si mette le mani nei capelli, niente sembra poter fermare il beniamino di casa, che si prepara di nuovo alla Shutdown...

Spoiler:


Attenzione! La musica di BBB risuona nell'arena e Carroll si volta verso lo stage. Ma il mascherato non arriva e dopo pochi attimi di incertezza Nick riporta la sua attenzione su Bosiko... il quale ha però avuto il tempo di rifiatare e dopo un calcio all'addome colpisce con la Whisper in the Grudge!

Immagine


1, 2, 3! Finisce qua, Simon B va in finale e Carroll viene di nuovo fregato da Big Black Boom!

JR: The winner of this match is Siiiiiimoooon B!

ImmagineImmagine


Ed ecco ora presentarsi finalmente sulla rampa BBB, accompagnato da Jane Murphy. Il mascherato fa un segno di vittoria a Simon B, il quale sta ritornando nel backstage felice ma piuttosto malconcio, aiutato da Finn Wheelan. Bosiko ricambia e dopo un'ultima esultanza va dietro alle quinte a rimettersi per il secondo incontro della sua serata. Boom compie invece il percorso inverso, lanciandosi all'attacco di Carroll! Il bostoniano tenta coraggiosamente di difendersi ma subisce una Clothesline dal Perfidy in a Mask! BBB se la ride e cerca ora la Cut to Black... NO! Carroll lo spinge via, Superkick! Nick è sfinito e tenta di strisciare fuori dal ring per sfuggire alla trappola, ma Jane si para davanti a lui bloccandogli la via d'uscita. Scambio di sguardi tra i due, con Carroll che è stato preso alla sprovvista e non sa cosa fare. Ma ecco che BBB si rimette in piedi e si avventa su Nick! Il mascherato coglie di sorpresa The Engineer e...

Immagine


Cut to Black a segno! BBB e Jane se la ridono, mentre Carroll è inerme a terra e noi andiamo in pubblicità!


Top
 Profilo  
Rispondi citando  

Re: TWC - Friday Night Indoor War
MessaggioInviato: 14/08/2015, 14:21 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: 26/04/2011, 12:11
Messaggi: 10597
Località: Il topic su che gel usa CM Punk
Le immagini ci riportano in onda, con Nick Carroll al tappeto e Big Black Boom che regge un microfono in mano, Jane è sul ring a braccia conserte e guarda duramente l’ingegnere.

Immagine


Il mascherato ride guardando la sua nemesi a terra.

BBB: Pensavi di avermi fatto fuori, Nick? Pensavi davvero che non sarei più tornato?

Il pubblico fischia pesantemente Triple B, che quasi non riesce a parlare.

BBB: Pensavi che ti avrei risparmiato di fronte ai tuoi stupidi concittadini?

La reazione del pubblico è sempre più veemente, ma ora BBB aggrotta lo sguardo.

BBB: Voi che lo amate e lo idolatrate, questo è ciò che rimane di Nick Carroll, the engineer of T-W-C!

Il perfidy in a mask si prende qualche secondo di pausa.

BBB: Colui che vi ha promesso di sconfiggere la Fox’s Army, colui che vi ha fatto credere di essere un cavaliere senza macchia, colui che si è nascosto dietro il suo faccino da bravo ragazzo dal primo giorno in cui ha calcato questo fottutissimo ring e che ancora non ha deciso di buttare via la maschera!

Il tono di voce di Triple B è molto furente e il pubblico prova ancora a zittirlo con i fischi.

BBB: Non c’è bisogno che mi fischiate, so bene quanto ci tenete a questo pezzo di merda. Dopotutto, non siete diversi da lui qui a Boston: tutti figli di papà, nati già in giacca e cravatta, che piangono quando a sedici anni non ricevono una Rolls Royce con autista per il compleanno, e che riescono ad entrare ad Harvard grazie allo zio petroliere o alla nonna senatrice!

Il mascherato si ferma nuovamente, sentendosi sommerso dai fischi.

BBB: Volete cazzo farmi parlare, fottuti idioti?

Il pubblico aumenta ancora di più il volume della sua reazione, BBB dà un’occhiata a Jane, questa è un po’ interdetta.

BBB: Voi avete deciso di prendere le parti di questo schizzo di fango qui a terra, pensate di conoscerlo, lo sentite vicino, lo capisco. Ciò che mi stupisce è la vostra ottusità: nonostante abbiate visto cos’ha fatto a me, in che modo mi abbia colpito alle spalle, con quanta rabbia repressa e l’infortunio che mi ha causato; nonostante abbiate visto e sentito quello che ha dovuto subire Jane, quello che ha vissuto, il modo in cui l’ha trattata e quello in cui ha distrutto la sua famiglia; voi continuate a pensare che sia un bravo ragazzo.

Boom scuote la testa.

BBB: Voi non avete capito un cazzo. Voi volete vedere solo quello che vi pare, vi siete fatti imporre il concetto del bene e del male: il supereroe e il cattivo, il faccino pulito e la maschera nera. Ma chi porta la maschera qui? A cosa serve mostrare il proprio volto, quando si nasconde la propria indole, il passato, ciò che siamo realmente? Tu sei un pezzo di merda, Nick. Ma vuoi nasconderti, vuoi far credere a tutti di essere cioccolata. E hai ben pensato di dimostrarlo rompendo i coglioni a me. Be’ Nick, questo è quello che ti saresti dovuto aspettare. Ti avevo chiesto di abbassare lo sguardo quando mi avresti incrociato nuovamente, qualche mese fa. Ma invece non l’hai fatto.

Triple B fa roteare il microfono guardandosi in giro.

BBB: Sei venuto nel mio ring, mi hai guardato negli occhi, e io in quegli occhi ho letto il tuo dolore, tanto dolore, che ti porti dietro. Mi è bastato cercare un po’, chiedere a qualche amico, ed ecco spiegato da dove è nato.

Jane annuisce.

BBB: La tua famiglia, la tua ragazza, una storia a dir poco commovente. Se non fosse che dietro tutto questo, c’è la tua arroganza, la tua avidità, la tua vanità. Con me non ci riesci Nick, con me non riuscirai mai a nascondere nulla. Io ho scavato nel tuo passato, ho trovato il tasto più doloroso e l’ho premuto senza pietà. Mi spiace non sia bastato per allontanarti, e spiace anche a te, visto che ora stai gemendo dal dolore come un bambino.

Nick Carroll prova ad alzarsi e di slancio si fionda contro BBB! Jane però lo fa cadere e ora il brain damager è in ginocchio davanti aggrappato ai pantaloncini di Big Black Boom, che dopo essersi guardato intorno gli rifila un colpo di microfono in faccia!

Immagine


Non pago, il mascherato afferra Nick da terra e lo butta fuori dal ring!

BBB: Vedo che non impari Nick, vero? Tuo padre non ti ha insegnato nulla? L’abbandono del tuo amico non ti ha insegnato nulla? Quello che ti ha fatto Jane neanche?

Big Black Boom si gira verso una porzione del pubblico.

BBB: Vediamo se impari ora.

Il mascherato consegna il microfono a Jane ed esce dal ring, dirigendosi verso uno spettatore che indossa la sua stessa maschera e una maglia della Fox’s Army.

Immagine


BBB fissa lo spettatore per qualche secondo e poi lo scaraventa nella zona a bordo ring! Lo rialza e lo butta contro le scalette!

Immagine


La security prova a fermare il mascherato che però se ne libera e lancia il povero fan sul ring, che neanche si muove più! Una volta salito anche lui si fa ridare il microfono da Jane, la quale appare molto stupida e quasi incredula, visto l’inaspettato atteggiamento di Big Black Boom. Il perfidy in a mask poggia un piede sulla schiena del povero malcapitato che ora giace prono al centro del ring.

BBB: Nick, ti sei mai chiesto come sono riuscito a contattare Jane? Ti sei fatto molti nemici nel tuo passato, uno di questi è un mio caro vecchio amico, una telefonata e sono riuscito a contattarla, lei è stata subito molto disponibile a parlare con me. Mi ha raccontato tutto di te, della tua famiglia, di tuo fratello Daniel.

Il solito ghigno appare sulle labbra del mascherato mentre si inginocchia verso il ragazzo a terra.

BBB: Daniel, vuoi salutare tuo fratello Nick?

Big Black Boom leva la maschera allo spettatore esanime sul ring…

Immagine


Che si rivela essere Daniel Carroll! Il fratello di Nick era presente allo show, nonostante i consigli dell’engineer! Nick ha le mani tra i capelli, sembra gli si sia gelato il sangue nelle vene, ma anche Jane non ha propriamente una reazione composta: prova a spostare Triple B, il quale di tutta risposta la allontana con un braccio. Sia Nick che Jane gridano il nome di Daniel, ma BBB non prende bene questa reazione della ragazza: le lancia un’occhiataccia, al ché la ragazza si ammutolisce e si allontana, anche lei con le mani tra i capelli. Big Black Boom poggia di nuovo un piede sulla schiena di Daniel.

BBB: Nick, quando concedo la possibilità di scappare, non è per dare un vantaggio, ma è per lasciare libera la preda, per permettergli di godersi la vita finché può. Le mie battute di caccia sono estenuanti, ma porto sempre qualcosa a casa: tuo fratello pensava di sfuggirmi, pensava che una maschera bastasse per separarlo da tutto questo. Ma non è così, mi è bastato poco per capire. Amorevole il tuo fratellino, è voluto venire a vederti nonostante tutto. Guarda cosa ne è rimasto. Ti conosco Nick, conosco il tuo passato ormai, conosco il tuo futuro. E non è diverso da quello di Daniel, a meno che tu non lo voglia.

Il mascherato assume uno sguardo torvo nei confronti dell’ingegnere e gonfia il petto, da una ripresa dal basso vediamo la testa di Daniel Carroll schiacciata dal piede sinistro di Big Black Boom e Jane sullo sfondo che gli intima di lasciarlo, senza però ricevere nemmeno un’occhiata da Triple B. Su questa immagine ci salutiamo, linea alla pubblicità.


Top
 Profilo  
Rispondi citando  

Re: TWC - Friday Night Indoor War
MessaggioInviato: 14/08/2015, 14:25 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: 26/04/2011, 12:11
Messaggi: 10597
Località: Il topic su che gel usa CM Punk


Il riff di Love Bites risuona e il pubblico subito si scalda. La spartana fa la sua comparsa sullo stage con una giacchetta di pelle nera borchiata sopra ad un top e degli shorts, sempre neri, mentre calza delle All-star borchiate, anch'esse di colore nero

Immagine

Elektra scruta il pubblico per poi percorrere la rampa cavalcando di lato. Sale sull'apron e ritrae la testa all'indietro urlando "SHAZAM!" per poi entrare nel ring con un sorriso stampato in faccia e farsi passare un microfono


ELK:Sapete, questo è veramente un periodo bellissimo per me. Per la prima volta nella mia vita sembra che tutto vada come deve andare. Dopo tutto ciò che ho passato in precedenza sembra incredibile: ho un bellissimo ragazzo che mi adora, ho di nuovo un'amica, ho il supporto di tutti voi e soprattutto: fra un po' avrò il titolo WFSS!

Reazione molto positiva del pubblico che rende felice la greca

ELK:Quel titolo significa molto per me. Lotto sin da quando ho 13 anni, certamente non a questi livelli, ma il ring è sempre stata tutta la mia vita. Purtroppo però non ho mai avuto la possibilità di sfondare e di conquistare titoli per via dei problemi che si sono presentati nella mia vita ma ora è diverso! Sono pronta a dimostrare quanto valgo e sono pronta a stringere quel titolo tra le mie mani! So di potercela fare, se la scorsa volta ho perso è stata soltanto sfortuna. Questa volta non fallirò!

Elektra fa a malapena in tempo a finire il discorso che risuona la theme di Lucy.



Immagine


La WFSS Woman Champion, titolo in spalla, compare sullo stage armata di microfono. La ragazza sorride ai cori.

Leon's Girlfirend! Leon's Girlfirend! Leon's Girlfirend!


Lucy si avvia sulla rampa, poi rotola tranquillamente sotto la terza corda e sale sul paletto, alzando la cintura con un braccio. La ragazza abbraccia Jessica Rose, poi si ferma davanti alla greca, sorridente.

LF: Di solito non interrompo le persone che parlano. Soprattutto se mi stanno simpatiche. Però Elektra, mi sembrava che tu stessi dimenticando un particolare.

Lucy si sistema il titolo in spalla.

LF: Vedi, oggi io divento non solo la più longeva campionessa femminile in WFSS, non solo con le mie ventidue difese televisive la persona che ha vinto più match titolati in WFSS, ma con quattrocentonovantadue giorni, anche la più longeva campionessa WFSS in assoluto. Nessun'altro uomo o nessun'altra donna ha mai tenuto così a lungo un titolo in quella federazione. Ho difeso questo titolo in match a più donne, in match estremi, in situazioni difficili. Ho combattuto contro Brunild Wagner, la conosci? Probabilmente una delle donne più letali al pianeta. Non mi ha battuto. Io mi alleno da quando ho quattordici anni, ho girato il mondo per questo. Sono considerata, nel mio piccolo, una leggenda in Messico.

Lucy fa una pausa, ascoltando il pubblico, che ora sta cantando il suo nome.

LF: Sarà che vado in giro con persone che non hanno certo il difetto della modestia, ma mi ritengo un ostacolo da non sottovalutare. E, se mi permetti, non è stata solo sfortuna quella che ti ha impedito di battermi. Forse era anche il fatto che io non sono così semplice da battere. Anzi, voglio farti fare una prova. Tieni, mettitelo in spalla.

La campionessa tende il titolo alla futura avversaria che, titubante, decide di prendere la cintura e mettersela in spalla con un ghigno sul volto

ELK:Lucy, io ti rispetto moltissimo, e spero che questo match non comprometta la nostra amicizia ma... Questo è ciò di cui ha bisogno la WFSS!

Elektra alza la cintura al cielo con aria superiore

ELK:Ormai l'aria attorno a questo titolo è diventata stantia, c'è bisogno di aria fresca. Ti ammiro molto per tutti i record che hai stabilito ma ora è il MIO turno. E' tempo anche per me di avere l'opportunità di affermarmi come lottatrice e non c'è altro modo se non conquistare questo titolo!

Elektra inizia a scaldarsi ma tenta di mantenere la calma facendo un grande respiro

ELK:Lucy, è più di un anno che tieni questo titolo, è ormai tempo di passare il testimone e far sì che qualcuno possa cogliere l'eredità di tutto ciò che hai compiuto privandoti di questo titolo, e quel qualcuno sarò io! E fidati delle mie parole quando ti dico che ti batterò, so per certo che è così. Ti ho già dominata una volta, sono nel periodo più bello della mia vita e non permetterò a nessuno di rovinarlo, neanche alla mia unica amica. Stavolta nessuna distrazione mi terrà lontana dal titolo!

La campionessa ridacchia.

LF: Cosa senti tenendo quel titolo in spalla? Qual è la sensazione? Non ti sembra pesante? Lo è. Più di quanto tu possa pensare. È faticoso tenerlo. È una responsabilità. Ma non mi sento di passare il testimone, non ancora. Questo titolo... questo titolo mi rende speciale. Li hai sentiti anche tu. Leon's Girlfriend. Qui non mi vedono come una lottatrice, ma come la fidanzata di Black. Non la sono nemmeno. In TWC non ho ancora dimostrato nulla. Ho vinto un match senza riuscire a combattere, ne ho pareggiato un altro. Contro di te dimostrerò di essere la migliore.

Lucy si sistema una ciocca di capelli con un dito, facendola passare dietro l'orecchio.

LF: Magari fra un po' la gente canterà Lucy's Boyfriend a Black.

La campionessa tende la mano per farsi ridare il titolo. Elektra si toglie il titolo dalla spalla, lo guarda per diversi secondi totalmente rapita dalla cintura ma infine decide di renderlo a Lucy digrignando i denti

ELK:Sì, è pesante e pregno di responsabilità ma è una vita che sono abituata a convivere con dei fardelli pesanti addosso... Però, 400 giorni e rotti e ancora non ti basta? Andiamo, non partire con questi vittimismi!

Elektra, nervosa, si sistema i capelli con una mano

ELK:L'intera folla era in delirio per il match contro quella stronzetta di Brunild! Se sono riuscita a farmi amare da loro è soltanto perché ho dimostrato il mio valore contro di te perché per loro sei una garanzia! Non farti quindi condizionare dal coro di qualche cafone e non pretendere di essere una perdente quando non lo sei! Hai uno dei titoli femminili più prestigiosi al mondo da un anno e mezzo e fai la vittima! Tu non hai neanche idea di quello che ho passato io quindi non fare la vittima!

Elektra, con la voce rotta, termina il discorso per poi nascondere il volto e i singhiozzi dietro le mani per una manciata di secondi. Ripresasi si sfrega gli occhi col dorso della mano per poi restare in silenzio con lo sguardo rivolto a terra. Lucy le appoggia leggermente una mano sulla spalla.

LF: Non faccio la vittima. Faccio quello che devo. Guarda.

Lucy alza il braccio sinistro, mettendo in mostra una sottile, ma lunga cicatrice bianca.

LF: Io combatterò. Come se fosse il primo giorno di regno. Come se fossi l'ultima arrivata. Non avrebbe senso di lottare, ne per te, ne per me, se non volessi tenerlo questo titolo.

La spartana sbuffa e si scosta i lunghi capelli corvini mostrando una cicatrice che le corre tra spalle e collo

ELK:E ce ne sarebbero molte altre da mostrare... Hai ragione a dire che non avrebbe senso lottare se non cui ha bisogno la WFSS!
voglio che mi sia regalato, ma voglio guadagnarlo ma...

Elektra si fa più scura in volto

ELK:Non dire di lottare come una scolaretta appena arrivata perché non lo sei e non ti comporti come tale! Sei piena di esperienza e la sfrutti pienamente nei tuoi match e così deve essere! Ancora una volta, non autocommiserarti, per favore!

Elektra inizia a respirare pesantemente per poi portarsi all'indietro i capelli con una mano mentre tenta di contenere la rabbia che scorre perennemente nelle sue vene.

LF: Non mi fraintendere. Intendevo solo come voglia di vincere. Ma lo vedrai. Ah, Elektra, ho parlato un po' con la mia amatissima presidentessa. Vedi Lavinia Davari, parlando con il nostro amatissimo Fox Olon...

Il pubblico fischia rumorosamente.

LF: Lo so, lo so. Il nostro simpaticissimo Fox Olon. Comunque. Ha ottenuto che il nostro match fosse a Night of Gold. Durante il secondo Special Events TWC, il titolo WFSS sarà in palio. Contenta?

Lucy si sistema il titolo in spalla. La spartana sembra ritrovare la quiete dopo questa rivelazione

ELK:Assolutamente! Un evento migliore non poteva esserci per dare spettacolo. Sarebbe bellissimo poter vincere in una notte così importante dove si coronerà il primo TWC World Champ, con tutto il mondo che ci osserva mentre diamo il nostro meglio...

La Black Widow fissa con sguardo serio il titolo sulla spalla di Lucy per qualche secondo

ELK:Lo voglio, lo voglio assolutamente! Mi dispiace, Lucy, ma non esiste che io perda di nuovo! E' arrivato per me il momento di brillare sotto la luce dei riflettori.

LF: Quello che è sicuro, è che ci divertiremo.

La campionessa alza il titolo con il braccio e si avvicina ad Elektra che le va sotto il muso, quasi sfiorandola, guardandola negli occhi con sguardo determinato

ELK:Quello senza dubbio ma non sono qui per divertirmi, sono qui per vincere!

La spartana lascia cadere il microfono a terra e dopo un ultimo sguardo di fuoco scende dal ring e si dirige verso il backstage con passo deciso, senza voltarsi. Lucy da dentro il ring la guarda mentre torna nel backstage.

Still to come: Sigfried Jaeger vs Travis Miller


Top
 Profilo  
Rispondi citando  

Re: TWC - Friday Night Indoor War
MessaggioInviato: 14/08/2015, 14:27 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: 26/04/2011, 12:11
Messaggi: 10597
Località: Il topic su che gel usa CM Punk
Tornati dalla pubblicità le immagini ci mostrano l'area intervista dove è pronta la nostra Ally Sullivan per un intervista.

Immagine


AS: Date il vostro benvenuto al protagonista del nostro main event valido per il secondo turno del torneo valido per il TWC World Heavyweight Championship: il membro della Fox's Army Christophorus Schmidt.

L'inquadratura si allarga per mostrarci il Berlin Brawler.

AS: Chris prima di farti qualche domanda sul match di stasera puoi dirci perchè non eri presente due settimane fa?

Schmidt ride divertito per questa domanda.

CS: Semplice, non avevo nulla da fare.
Non ero impegnato per il torneo, non dovevo lottare in nessun altro match e non c'era nessun Nolan da menare perciò ho pensato di prendermi una serata libera.
Vai con la prossima domanda.

Prima che Ally possa riprendere la parola compaiono due personaggi che abbiamo imparato a conoscere da una settimana a questa parte: Gerald e Ernst Heinrich.

ImmagineImmagine


Schmidt non sembra felice di vederli, tutt'altro.

CS: Voi cosa ci fate qui?
Ho un match stasera e non ho tempo per voi, mi dispiace.

Ernst, non particolarmente un tipo tranquillo, è già sul punto di esplodere ma Gerald lo ferma.

GH: Volevamo vedere come te la caverai stasera e anche per farti vedere che il contratto è pronto, se lo vuoi vedere eccolo qui.

Gerald tira fuori il contratto.

Immagine


GH: Se vuoi puoi firmarlo già ora.

CS: I patti non erano questi, sbaglio o dovevate aspettare dopo il match?
Sempre se voglia firmare sia chiaro.

GH: Hai ragione, volevamo solo provarci.
Andiamo Ernst, lasciamo Chris da solo per farlo preparare per il main event.

Ernst, ancora incavolato, e Gerald se ne vanno lasciando Schmidt solo con Ally che ha passato tutto il tempo ad assistere alla scena.

AS: Ripren...

CS: Scusa Ally ma quei due mi hanno fatto passare la voglia di continuare l'intervista, tanto lo sai cosa avrei detto.

Se ne va pure Schmidt lasciando Ally senza parole.

Up Next: Leon Black è in dolce compagnia.


Top
 Profilo  
Rispondi citando  

Re: TWC - Friday Night Indoor War
MessaggioInviato: 14/08/2015, 14:33 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: 26/04/2011, 12:11
Messaggi: 10597
Località: Il topic su che gel usa CM Punk
Questo va dopo il promo fra Lucy Fisher ed Elektra.

Le immagini ci portano in un camerino, in cui vediamo le figure di Leon Black e Lucy Fisher.

ImmagineImmagine


Leon Black è vestito con una camicia panna e dei jeans, sostenuti da una cintura in pelle nera. Il gigante sta giocherellando con un anello d'argento, mentre Lucy, in un angolo, vestita con un corto vestito nero, sta scrivendo qualcosa al telefono. I due rimangono in silenzio per un po', finché Lucy non ripone il telefono nella sua borsetta.

LF: Non la capisco proprio. A volte è così aggressiva, a volte è così tenera.

LB: Autocritica?

LF: Idiota.

LB: Visto?

La ragazza sbuffa.

LB: Cosa c'è?

LF: Niente.

LB: Sarà... Comunque guarda che se ti danno fastidio quei cori, puoi sempre andare ad abitare da un'altra parte.

Lucy guarda il gigante.

LF: Ti do fastidio?

LB: Ma no, non ti preoccupare.

LF: Sicuro?

LB: Ma sì. L'ho detto solo e soltanto per te. Non pensare che lo faccia per cacciarti da casa. Lo sai che mi fa piacere che tu stia da me. Su, non offenderti.

LF: Non sono offesa.

LB: Lo spero. E comunque dobbiamo andare a festeggiare per il tuo record.

LF: Pensa piuttosto a vincere stasera.

LB: Non ti preoccupare, sono concentrato. A quanto pare l'obbiettivo di Schmidt non è solo battermi, ma mandarmi all'ospedale.

LF: C'è qualcuno che non vuole farlo in questa federazione?

LB: A mente direi di no. Comunque sarà divertente vedere come ci prova.

LF: Occhio a non fartici mandare davvero.

LB: Lo sai che l'ho studiato. E nonostante sia uno degli elementi più pericolosi del suo gruppo, non dovrebbero esserci problemi. Sono più bravo di lui al suo gioco. Quindi ha due possibilità. O tira fuori dal cappello qualcosa che non ha ancora mostrato, oppure non ha speranze.

Lucy scuote il capo.

LF: Speriamo.

LB: Tu devi pensare a cosa fare con Elektra. È una ragazza simpatica.

LF: Anche una ragazza complicata.

LB: Anche tu sei complicata.

LF: Meno di quanto tu creda.

E su Lucy che riprende a messaggiare, le immagini sfumano.

Lance Murdock vs Abra!!


Top
 Profilo  
Rispondi citando  

Re: TWC - Friday Night Indoor War
MessaggioInviato: 14/08/2015, 14:36 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: 26/04/2011, 12:11
Messaggi: 10597
Località: Il topic su che gel usa CM Punk
Di ritorno dalla pubblicità vediamo Adil Abhra già pronto sul ring che danza goffamente un ballo tradizionale indiano

Immagine

Nel frattempo al tavolo di commento i commentatori, Jacob Price e Michael Campbell, ci introducono Jack Keenan che è lì presente su una sedia con le cuffie in testa in via di commentatore eccezionale per questo prossimo incontro

Immagine Immagine Immagine

Price: Benvenuto, Jack, è un piacere averti qui con noi. Vuoi dire anche al pubblico a casa perchè hai deciso di reinventarti commentatore per la puntata di oggi?

Keenan: Intanto grazie per il benvenuto, Price, Campbell. Beh, se proprio volete sentirlo, semplicemente sono un uomo di wrestling, ogni aspetto di questo sport mi affascina, per questo se posso sperimentare qualcosa di nuovo e al tempo stesso assistere ad un match come quello che ci aspetta da bordo ring, invece che dal backstage, non mi tiro certo indietro.

Jack Keenan accompagna queste parole con un occhiolino alla telecamera.

Campbell: Ed è una coincidenza che questo tuo "esperimento" cada proprio in occasione di un match di Lance Murdock?

Keenan: Michael, sinceramente sarei un ipocrita se ti rispondessi di sì. Insomma, non è propriamente un mistero che io e Murdock abbiamo avuto qualche scambio di opinioni abbastanza acceso ultimamente, nè il fatto che lo incontrerò nuovamente in tribunale fra pochi giorni - in diretta su twc.com, non perdetevelo -, quindi penso sia più che naturale essere quantomeno interessato ad un incontro che lo vedrà protagonista. Comunque, non preoccupatevi sulla mia imparzialità o su eventuali interferenze: in primis, non ne avrei interesse, ma soprattutto essendo impiegati in un processo io e lui non potremmo in ogni caso entrare in contatto fisico... c'è il rischio di spiacevoli conseguenze in aula, se capite quello che intendo. Prendete questo fatto come una dimostrazione della mia buona fede, e anche forse come un avvertimento per il signor Murdock.



Risuona proprio in questo momento Dies Irae e Murdock, con la sua mantella, si presenta sul ring a braccia aperte sotto una buona reazione del pubblico, senza però farsi mancare dei fischi. A passo svelto si dirige verso il ring, con un balzo salta sull'apron e con una capriola sopra la terza corda entra nel ring dove consegna la mantella a Jessica Rose. Scambia uno sguardo di fuoco con il rivale per poi andare faccia a faccia con Abra ed il match può iniziare

Immagine

Lance Murdock vs Adil Abhra


I due si incontrano in una fase di clinch che viene vinta dall'indiano facilmente grazie alla sua stazza e scaraventa via Murdock. Questi però lo atterra prontamente con un basso dropkick sulle fragili gambe del gigante. Ora corre verso le corde, Adil però si rialza dopo che Murdock gli passa sopra e avanza lentamente con un braccio teso che il DD afferra per compiere una crucifix headscissor!

Immagine


Murdock riesce a portare a terra il gigante che cade goffamente e poi corre verso le corde per saltare e mettere a segno una corscrew senton sulle gambe del gigante! Ora lo rialza con fatica e con una irish whip lo manda all'angolo, no! Abhra riesce a sfruttare la sua forza e reversa la irish whip facendo finire Murdock contro l'angolo, NO! Murdock si arrampica sul paletto e connette con un Whisper in the dark!!

Immagine


SChienamento: 1, 2, no! Abhra riesce ad uscire!

Price: Questo match è iniziato decisamente con un buon ritmo, soprattutto da parte di Murdock direi.

Keenan: Beh certamente, d'altra parte è la strategia che Murdock sa di dover usare contro un gigante come quello che ha di fronte: sfruttare la sua minore velocità per cercare di metterlo a terra. Tra l'altro, questo è decisamente il campo di Murdock... deve stare attento a non sottovalutare Abhra però: rispetto a molti lottatori della sua stazza ha una tecnica migliore di quello che si possa pensare, basti vedere come si è ben comportato contro Brunild Wagner e Gunther Schmidt, che proprio scarsi non sono. Soprattutto, Murdock deve stare attento a non farsi prendere: personalmente, eviterei volentieri qualunque contatto tra le mani di Abhra ed il mio collo...

Campbell: E di Murdock, invece, cosa pensi?

Keenan: Mmmm... il suo stile sul ring è piuttosto evidente, come ho detto poco fa. Sicuramente è un ottimo lottatore, non ho mai detto nulla contro quello che sa fare sul quadrato, chiedere a Christophorus Schmidt per ulteriori conferme. Ha un parco mosse efficace, per quanto lo esponga a rischi... ecco, c'è una cosa che però non ho mai capito. "Fly Murdock Fly". Quando io dico "Kill Keenan Kill", è perchè questo è quello che faccio nel ring: posso accanirmi contro qualsiasi avversario e trovare il modo in cui infliggergli maggiore dolore, come se dovessi ucciderlo. Perchè il pubblico dovrebbe cantare "Fly Murdock Fly"? Certo, può essere spettacolare vedergli eseguire una Excelsior, ma se quello a cui punti è farti ammirare per il modo in cui voli il tuo posto probabilmente è in un circo... quando voli su un ring non sai mai cosa potresti trovare nel momento dell'atterraggio.

Murdock va all'angolo per la rincorsa e come il gigante si rialza compie un enorme balzo e gli salta addosso per una Hurricanrana, no! Il gigante lo cattura in aria. Murdock va con dei pugni ma l'indiano mantiene salda la presa. Adil va quindi con una powerbomb, no! Murdock sguscia alle spalle e, con fatica, riesce a connettere una sunset flip bomb sul gigante che rovina a terra!

Immagine


Mantiene la presa per il pin ma al conto di 2 Murdock decide di lasciare la presa per andare sull'apron indicando Keenan provocandolo a parole e poi sale sulla terza corda, il gigante è di nuovo in piedi quindi va con un MIssile Dropkick!! Il gigante viene stordito però non cade, Murdock va quindi con un altro dropkick basso sulle gambe. Abhra cade in ginocchio ma non vuole sapere di andare a tappeto. Ecco però che, senza perdere un attimo, va con l'Eyes Wide Shut che fa crollare finalmente l'indiano!

Immagine


Murdock sposta faticosamente il gigante in vicinanza dell'angolo e poi con un balzo esce sull'apron ed a braccia aperte ghigna verso Keenan provocandolo ancora. Sale sul paletto, si innalza prendendo l'equilibrio a braccia aperte per poi rivolgere lo sguardo verso Keenan e dirgli "guarda bene, subirai la sua stessa fine!" Ecco che spicca il volo... Excelsior a segno!!!! Il pubblico va in delirio nel vedere la manovra ad alto rischio connessa!

Immagine


Price: Spettacolare!! Excelsior eseguita alla perfezione!!!

"L'unica ed originale, diffidate dalle imitazioni fenicee!" pronuncia Murdock mentre a pancia all'aria si sdraia sopra Abhra per il pin. L'arbitro conta mentre lo sguardo di DD non si stacca da Keenan: 1, 2, 3!

Spoiler:
THE WINNER OF THIS MATCH BY PINFALL: LANCE MURDOCK!


Keenan: Ecco, Murdock vi ha appena mostrato cosa non dovrebbe fare un wrestler. Prima di connettere la sua mossa finale, che tra l'altro è piuttosto rischiosa, si è persino preso il tempo di "lanciarmi un messaggio", ed ha fatto lo stesso prima di chiudere il match con un pin. Lo chiamate spettacolare? Io lo chiamo poco efficiente. Questa volta gli è andata bene, perchè aveva come avversario Adil Abhra che, con tutto il rispetto, una volta messo a terra senza l'aiuto di un elefante per gamba non si rialza, ma come sarebbe finita con un altro su quel ring? Inoltre, perchè Murdock dovrebbe minacciarmi con una Excelsior? Il posto dove ci stiamo affrontando non è un ring, è un tribunale. Ora, se volete scusarmi...

Senza aspettare una risposta da parte dei commentatori, Keenan si toglie le cuffie e sale sul quadrato, raggiungendo Murdock, che sta ancora festeggiando la vittoria. Il Savior si fa immediatamente serio e va faccia a faccia con Keenan: la distanza tra i due volti è di solo qualche millimetro ora. I due si squadrano a lungo, lanciandosi sguardi gelidi, ma tutto ad un tratto il Pain Deliverer arretra di un paio di metri ed allarga le braccia, come sfidando Murdock a colpirlo. Il wrestler di Hell's Kitchen evidentemente non vorrebbe altro, ma al tempo stesso il pensiero del processo pare bloccarlo. Per qualche secondo le telecamere riprendono la lotta interiore di Murdock, che ora alza il pugno destro e lo avvicina lentamente a Jack Keenan... ma poi da quel pugno alza il dito indice, che scuote avanti e indietro, in un inequivocabile "no", prima di uscire dal ring e dirigersi verso il backstage. A metà della rampa Murdock si volta verso il ring ed urla a Keenan "ci vediamo mercoledì!", in tutta risposta il Pain Deliverer annuisce, mentre il suo sorriso si fa sempre più beffardo. Pubblicità.

Up Next: The voice of Fred!


Top
 Profilo  
Rispondi citando  

Re: TWC - Friday Night Indoor War
MessaggioInviato: 14/08/2015, 14:38 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: 26/04/2011, 12:11
Messaggi: 10597
Località: Il topic su che gel usa CM Punk
Immagine




Immagine

Immagine


"Double F, The German Superman, The Master of German Suplex, The Future Legend of Pro Wrestling, The King of Wrestling, The Perfect Wrestling Machine, Mr. Pink, questi sono solo alcuni dei soprannomi con cui è conosciuto il leader della FOX's Army, Fred Franke."

Immagine


"Mi chiamo Friedrich Franke, sono nato il 25 dicembre 1990, millenovecentonovantasette anni dopo la nascita di Gesù di Nazaret; esattamente come il Cristo, anch'io sono nato in un posto dimenticato da Dio, anch'io ho avuto genitori di merda, inutili perdenti, e a causa dei loro fallimenti sono stato costretto a lavorare fin da bambino; non avevo amici, solo nemici; passavo giornate intere in mezzo ai campi a zappare, col sole, con la pioggia, con la grandine, con la neve, SEMPRE! Fui, al tempo stesso, un bambino prodigio, infatti iniziai giovanissimo a competere nelle migliori compagnie di pro wrestling del mio paese e a ventitré anni divulgai il Verbo all'estero, e, a suon di uppercut e testate, conquistai rapidamente gli Stati Uniti, prima abbattendo e NEUTRALIZZANDO un gigante che nemmeno il biblico Golia avrebbe saputo anche solamente scalfire, poi mandando quasi al cimitero una leggenda che nessuno, NESSUNO, prima di me, riuscì a mettere a tacere, non definitivamente; come il Cristo, anch'io mi circondai di discepoli e insieme a loro conquistai il mondo intero, insieme a loro presi le redini del pianeta, decidendone le sorti, e, come il Nazzareno che fu ispirato da Dio, anch'io seguì la via indicatami dal nostro capo, il salvatore del mondo, il giustiziere, che, attraverso il suo ESERCITO, premierà tutti gli uomini perbene e di buona volontà, e punirà tutti i malvagi e i FALSI IDOLI che non obbediranno alle Regole da lui dettate...mi chiamo Friedrich Franke, sono il Messia del pro wrestling e sono il volto della TWC, il prossimo TWC World Heavyweight Champion!!"

Immagine

Ci troviamo presso Gehlberg, un comune di appena 674 abitanti, che è situato nella Turingia, uno dei più piccoli stati federati della Germania. Questo piccolo villaggio di montagna è collocato ad un altezza di circa 700 metri, è percorso da una fittissima rete sentieri che attraversano le tante foreste che dominano il paesaggio. Per la povera popolazione del paese, prevalentemente fatta di contadini, sono le piccole cose che contano: un fiore sul ciglio della strada, prati rigogliosi, il dolce soffiare del vento, l'acqua fresca che, giunta da fonti di alta montagna, si riversa in piccoli ruscelli che bagnano le verdeggianti colline o il cervo libero di pascolare serenamente durante queste calde giornate d'estate, perché qui, a Gehlberg, l'essere umano è in piena armonia con la fauna e la flora del luogo...

??: Friedrich!! Friedrich!!

...ecco che improvvisamente la serenità e il silenzio che regnavano sull'intero paesaggio, vengono sovrastati da qualcuno...

Immagine

...l'uomo, un anziano dallo sguardo crucciato e dai baffi grossi e cespugliosi che scendono lungo le labbra e salgono all'insù, solleva il braccio destro, cercando di richiamare l'attenzione di qualcuno, questi, però, non pare accorgersi della sua presenza, perciò, con atteggiamento un po' goffo e passo claudicante decide di rincorrerlo e, finalmente, lo raggiunge...

Immagine

...è Fred, la superstar della TWC!! "The German Superman" sta camminando lungo una delle tante vie che s'inoltrano tra la vegetazione, quando il signore anziano dai baffi buffi gli si avvicina, ansimando.

??: Friedrich?! Friedrich, mein lieber junge!!

Improvvisamente "The King of Pro Wrestling" si ferma e, lentamente, si volta verso l'uomo alla cui vista sul suo volto compare un sorriso. Ecco che anche l'anziano signore comincia a sorridere, dai suoi occhi addirittura scendono delle lacrime, ora i due si gettano l'un l'alto in un affettuoso abbraccio che si protrae per diversi momenti.

??: Sohn, wie geht es dir?

FF: Una meraviglia! Vielen Dank!

L'anziano sorride, felice.

??: Mi manchi tanto, manchi a tutti noi, Fred! Che ci fai qui, figliolo?

FF: Ne è passato di tempo da quando ero un marmocchio col moccio al naso che sognava di diventare una grande star del wrestling! Beh, posso dire che i miei desideri sono divenuti realtà, sono una superstar e combatto in una compagnia nordamericana dal livello e prestigio internazionale, e sono, infatti, reduce da un lunghissimo tour estero, ecco perché sono qui, in Germania!

??: Eh, allora un po' di nostalgia ti è venuta...

FF: NO!

Fred interrompe bruscamente l'anziano signore.

FF: Non sono venuto qui né per i miei genitori né per ricordare gli anni passati, sono qui, perché...perché...insomma, non lo so, sono qui è basta!

Ecco che l'uomo dai buffi baffi afferra la mano di Fred, il quale, però, divenuto all'improvviso scontroso, la ritrae.

??: Non ti preoccupare, figliolo, ora sei un uomo, hai una carriera importante, è giusto che tu vada per la tua strada, staccandoti da questo piccolo paese di montagna e anche da me; del resto, che te ne fai di un vecchio rincoglionito, giusto?

Fred sorride, anche il signore anziano ora sorride.

??: Mi ha fatto molto piacere vederti, non dirò a nessuno della tua visita, ora vai, va!

Fred annuisce, si volta e prosegue il proprio cammino sotto lo sguardo dell'anziano che, dopo aver osservato il suo "figliolo" per qualche momento, con le lacrime agli occhi e un sorriso pieno di gioia decide di andarsene, dalla parte opposta.

"Perché sono venuto qui? Perché?! Non lo so forse Herbert Ziegler ha ragione, forse, nonostante tutto, nonostante abbia rinnegato la mia patria e i miei genitori, alla fin fine sento la loro mancanza...NO! So che non è così, NON può essere così! Sono comunque contento di essere tornato, sono contento di aver rivisto Ziegler; devo molta parte del mio successo a quell'uomo, è lui, che, all'insaputa di quei bastardi di mamma e papà, mi parlò, per la prima volta, di quello straordinario mondo che è ora la mia vita, il wrestling; è lui, che, quando ero ancora un ragazzino, un bambino per molti, mi aiutò e, senza dire nulla a quella puttana di mia madre e di quel puttaniere di mio padre, prima mi fece iscrivere alla scuola di Erfurt, e poi, quando anche quell'ambiente divenne stretto per me, credendo nel mio talento, fece in modo che potessi competere nelle maggiori leghe di pro wrestling della Germina e, poi, di tutta l'Europa."

Mentre procede il proprio cammino verso una destinazione ignota, ignota persino a lui, immerso tra i propri pensieri, ecco comparire sul suo volto un sorriso.

"Devo moltissimo al buon Herbert, lui è Mr. Fox Olon sono le uniche persone in questo fottutissimo mondo che posso chiamare amici, le uniche che mi hanno dato davvero una mano, le uniche persone che mi sono state vicine, quando vecchi di merda decisero, da un giorno all'altro, di pianificare la MIA vita e decisero che io ero destinato a spalare letame, e quando altri vecchi di merda, più eleganti, ma non migliori, cercarono in tutti i modi di farmi fallire, senza, però, riuscirci. Herbert Ziegler, però, ha ragione: non devo più pensare al passato, sono l'uomo del momento, la stella più brillante nel panorama del pro wrestling, tutti parlano di me, TUTTI! Non posso permettermi di indugiare su qualche felice ricordo della mia vita precedente, sono un uomo, un campione, ho delle grosse, grossissime responsabilità; sono il futuro della TWC, prestissimo ne diventerò il volto, il campione, tutto dipenderà da me, tutti guarderanno me un esempio da seguire."

Immagine


"Quello contro quest'uomo, Kevin Manson, è stato l'incontro più duro che abbia mai affrontato nella mia intera carriera; più volte sono arrivato al punto di cedere e consegnare la vittoria all'avversario, ma poi, come sempre, ho vinto. Manson è stupido, però devo congratularmi con lui, perché sa menare la gente come pochissimi altri. In realtà, non sono stati i suoi pugni, i suoi calci, le sue mosse...a darmi maggiore fastidio, in realtà è stato il pubblico, la gente che, ad un certo punto, per qualche motivo, ha cominciato a tifare per me...andate a fare in culo, COGLIONI! I fan mi disgustano, ogni volta che salgo tra quei quattro lati e sento le loro urla, i loro applausi, i loro fischi...mi viene da vomitare, cioè, è mai possibile che IO, la più grande superstar di questa generazione, debba esibirmi in mezzo a quel chiasso insopportabile?! E poi, mi fa venire il voltastomaco l'idea che siano loro a dover decidere chi sia bravo e chi no; nel wrestling, in realtà, c'è un solo giudice, IL RING! E voi, ipocriti, anziché pronunciare il mio nome in vano, anziché applaudirmi o fischiarmi, fareste bene a starvene tutti ZITTI, muti, perché di quei quattro soldi che buttate nel cesso per intrattenervi un paio d'ore, non devono impedirmi di fare il mio LAVORO e di diventare quello che voi non potrete mai diventare, perciò, fottuti ipocriti, fatevene una ragione, accettate la realtà e, la prossima volta, tacete, farete sicuramente una migliore figura..."

Fred, che stava camminando in mezzo ad un verde prato, giunto presso una via che conduce all'interno di una foresta fitta in cui sembrano quasi non penetrare i raggi del sole, si ferma, sorride, dopodiché, improvvisamente, comincia a correre, corre, corre, senza che sappia da quale parte andare, corre...

Immagine


"Leon Black. Ancora lui. A Indoor War Christophorus se la vedrà proprio col leader degli "State of Anarchy"; non amo fare pronostici, anche se spesso c'azzecco, comunque fin dal suo debutto in TWC, Schmidt è sempre stato malvisto, lo hanno criticato, sminuito, ostacolato...lui, però, ha sempre smentito tutti coi FATTI! Sì, posso dire di conoscere meglio di chiunque altro Christophorus e so bene che a lui non piace salire sul ring, prendere il microfono e parlare, parlare, parlare, parlare...no, a lui piace picchiare, perciò nell'era del "politically correct" targata Philips Brian, lui era ai margini della catena alimentare; ora, invece, nell'era delle meritocrazia lui è al top insieme a noi prescelti; perciò, non ho dubbi che a Indoor War Schmidt renderà Black la sua puttana e gliene darà tante, tante...ma, non sono sicuro che sarà a lui a vincere, perché conosco bene la storia del "dio", Fox me ne ha parlato continuamente, mi ha detto che è lui il nostro vero avversario; e, se sarà Black a vincere, benissimo, avrò un motivo in più per spezzargli il collo!"

Ecco che improvvisamente, dopo una lunghissima corsa, Fred Franke si ferma, ritrovandosi in mezzo alla foresta, circondato da alti arbusti, attraverso cui si inoltra camminando, tutto assorto fra i propri pensieri.

"C'è gente che pensa che la FOX's Army sia l'erede di The Predators Army, insomma, crede che siamo cinque persone prese a casaccio e messe assieme per un unico scopo, proteggere il nostro presidente; beh, vi sbagliate, perché noi non siamo mercenari, siamo una Famiglia, un gruppo di atleti provenienti da luoghi e contesti differenti, che lottano insieme per affermare loro stessi e, soprattutto, in nome di ciò che amano, il wrestling, il nostro vero capo; perché, che lo accettiate o no, noi non siamo cattive persone e se foste veri fan, capireste che stiamo facendo tutto ciò, in parte, anche per voi".

"Simon B. è spassosissimo, sono felice che si sia unito al nostro gruppo, ci racconta sempre delle barzellette nello spogliatoio; Big Black Boom è uno dei giovani più talentuosi che abbia mai incontrato, ha una forza notevole, ma è l'impegno la sua vera arma, la voglia di prevalere sull'avversario, quella è e sarà la chiave del successo, un grande! E poi c'è lui, "The German Nightmare", Christophorus Schmidt, beh, che dire? Fuori dal ring rimane lo stesso, non parla molto, è schivo, però crede nella FOX's Army, ci crede fin dal primo giorno e gli voglio bene come ad un fratello...se avrà costanza e manterrà quel suo innato istinto assassino avrà sicuramente successo, non servono mica tante parole per vincere qui! Infine..."

Improvvisamente vediamo Fred Franke fermarsi, vediamo ora il suo sguardo farsi serio, focalizzato su qualcosa che pare trovarsi dinnanzi a lui...

Spoiler:
Immagine


...è Sigfried Jaeger! Il leader della BDK Inc. si avvicina lentamente a "The German Superman", i due sono faccia a faccia, si scrutano, si osservano ciascuno guardano l'altro dritto negli occhi... Dopo di che il Corvo fa un passo indietro e fa un sorrisetto.

SGF: Ehilà, Fred! Un uccellino che lavora alla Lufthansa mi ha detto di averti notato ieri che sbarcavi all'aeroporto di Frankfurt am Main. Visto che bazzico spesso da quelle parti, dovendo fare la spola tra Ravensburg e New York, la cosa mi ha particolarmente incuriosito, dati i tuoi continui proclami d'odio nei confronti della tua patria e della tua famiglia. Per cui mi son detto: Sigfried, tu che in quanto eroe adori le storie a lieto fine, non puoi assolutamente perderti il momento in cui il figliol prodigo torna nella sua casetta di campagna in Thüringen. Ed eccoci qui!

L'uso del plurale da parte del Best from the West, incuriosisce il German Superman, che alza lo sguardo dietro al Corvo e individua Brunild Wagner seduta su una staccionata che lo osserva con uno sguardo cupo.

Immagine


Al ché la Valkyria lo apostrofa.

BND: Beh?! La cosa ti meraviglia? Dove va il Corvo vado pure io, d'altronde siamo amici. Inoltre mettiamo subito le cose in chiaro: io non mi fido affatto di te, Herr Franke. Né lo farò mai.

Fred sorride.

FF: No, non mi meraviglia affatto, dolcezza, solo che penso che l'amico Sigfried non abbia bisogno di una guardia del corpo per scambiare quattro chiacchiere con un FEDELE alleato, perciò puoi anche andartene a fare due passi, cara, di paesaggi da vedere ce ne sono molto qui...oppure, se proprio non puoi farne a meno, rimani pure, ma in silenzio, MUTA, okay, dolcezza?!

Brunild Wagner si volta verso Best from the West, irritata, mentre quest'ultimo fa spallucce annuendo silenziosamente. Poi i due si scambiano uno sguardo d'intesa.

FF: Bene, credo tu abbia capito!

Fred sorride verso la Valkyria, la quale replica con uno sguardo glaciale che è tutto un programma. Il superuomo tedesco riprende a parlare.

FF: Adori le storie a lieto fine, eh amico Sigfried? Beh, allora non perderti Night of Gold, la notte in cui tutti i miei sacrifici, miei, non di mamma e papà, verranno ricompensati, quando alzerò al cielo il World Heavyweight Championship, coronando un sogno durato quasi dieci anni, THAT'S THE REALITY!

Il Corvo alza un sopracciglio. Non sembra molto convinto.

SGF: Mah, dopo aver visto come hai combattuto contro Manson, credo proprio che ormai soltanto tu possa credere a questa cosa. Scusa ma è così. E ora ti spiego.

Jaeger continua imperterrito sotto lo sguardo interrogativo di Fred.

SGF: Vedi Fred, non ci vuole di certo uno psicologo per capire che il match della settimana scorsa rappresenta molto più di una semplice tappa della tua carriera. Prima dell'incontro di Dublino, non avevi trovato alcun ostacolo realmente insidioso in sei mesi di TWC, escludendo il Civil War Match che ci ha coinvolti tutti ma che abbiamo vinto. Dopo quello che è successo con l'Animal, però, ecco il primo serio campanello d'allarme. Non puoi negare che contro un avversario leggermente più accorto a quest'ora saremmo a parlare dello spettacolare crollo della Fox's Army in quel di Dublino. Sei arrivato a un pelo dalla disfatta, Fred. Per di più dopo aver subito un brutale pestaggio. Questo è innegabile. E perciò la domanda che sovviene è: sarebbe questo il massimo che Fred Franke è in grado di fare contro vero avversario d'alto livello e non un decerebrato tipo Tyler Nolan o Ultraman?

Il Corvo sospira. Alle sue spalle Brunild Wagner fa un sorriso sarcastico.

SGF: Se fosse così, amico, ti conviene smetterla di fare vuoti proclami. Anzi, faresti meglio a non presentarti nemmeno a Night of Gold, visto che a differenza di Manson, io, Sigfried Jaeger, il Best from the West, difficilmente commetto errori a livello tattico durante un match. Specie in quelli dove la posta in palio è talmente importante che un minimo sbaglio potrebbe essere fatale. Quanto poi a menare come se non ci fosse un domani, ti basta vedere qualche video dei miei match più famosi per capire quale sarebbe l'andazzo.

FF: Here comes the psychologist!

Fred scuote la testa, sorridendo.

FF: Sigfried, hai ragione, il match di settimana scorsa rappresenta molto più di una semplice tappa della mia carriera, rappresenta quel che sono, possiamo dire che si stato l'emblema della mia vita: sacrificio, sofferenza, resistenza e, alla fine, il riscatto! Così è stata fin'ora la mia carriera qui, in TWC, così il match contro Manson, così la mia intera esistenza, un esempio di virtù unico al mondo! Non mi vergogno quando dico che due settimane fa ho rischiato di perdere, non mi vergogno di dire che Kevin Manson è uno dei lottatori più dotati e pericolosi che abbia mai incontrato, in assoluto il migliore che quella patetica banda, gli State, siano in grado di offrire, ma ora posso orgogliosamente dire che io sono stato il migliore, che io sono più talentuoso di Manson, di Leon Black, di Edwards, Moon, Miller...

Fred si ferma improvvisamente, il Corvo si fa serio.

FF: E a proposito di Travis Miller, che mi dici di War of Change 2015? Che mi dici del tuo match contro "The Child of Ice", dove tu hai perso? Perché, amico mio, contro avversari del calibro di Manson, hai ragione, ho sofferto, molto, moltissimo, ho rischiato di fallire, più volte, ma alla fine io sono uscito vincitore, io ho sconfitto i miei rivali, io ho trionfato; tu, invece, Sigfried, nell'unico match impegnativo della tua carriera in TWC, quello dello scorso giugno, hai fallito, sei stato sconfitto, umiliato...questo come lo spieghi, professore?

Fred sorride, mantenendo fisso lo sguardo sul suo alleato, il quale, a capo chino, pare riflettere sulle parole del superuomo tedesco.

FF: Non vorrai mica dirmi che consideri Nick Carroll un avversario impegnativo e la tua una vittoria importante?! Per favore!

Il membro della Company of Heroes alza lo sguardo.

SGF: Cosa vuoi che me ne freghi di Nick Carroll, andiamo Fred.

Eccolo poi articolare un lungo discorso con calma e fermezza.

SGF: Sai Fred, a differenza tua, io ho sempre avuto uno splendido rapporto con mio padre. E ce l'ho tutt'ora. Lo considero la persona più saggia e intelligente che abbia mai conosciuto. Non è uno a cui piace parlare, mio padre. Tuttavia, quando apre bocca, ogni suo consiglio rappresenta per me un insegnamento prezioso. E uno di questi calza a pennello proprio in questo momento: quando si vuole esprimere con forza un messaggio, questo non dipende affatto dal mero risultato da cui esso scaturisce, che sia una vittoria, oppure una sconfitta.

Il Corvo continua a ruota libera.

SGF: Questo significa, se intendi capirlo, che solo gli sciocchi subordinano la percezione e il successo di quello che fanno a una futile statistica basata sulle vittorie e sulle sconfitte. Solo in rarissime occasioni i nodi vengono al pettine, e la vittoria diventa questione di vita o di morte, ma non era certo il caso di War of Change. Il messaggio che ho voluto trasmettere in cinque mesi di battaglia contro Travis Miller è stato recepito da tutti, meno che da te mi sa. La sconfitta contro di lui è avvenuta al termine di un match mostruoso da cui tu, con tutto il rispetto, saresti uscito in barella se non peggio. Invece di ipotizzare umiliazioni che non esistono, perchè non ti chiedi come mai la mia fama non sia stata per nulla intaccata dai fatti di War of Change, perchè non ti chiedi come mai Mr. Fox Olon non mi abbia mai messo in discussione, ma anzi abbia accettato di partecipare alla fondazione della BDK Inc. senza alcuna obiezione, perchè non ti chiedi come mai io sia considerato uno dei favoriti per la vittoria del TWC Championship, mentre di Travis Miller si parla poco. Te lo dico io, dipende tutto dal messaggio.

Sigfried fa spallucce sorridendo, poi continua.

SGF: Il messaggio che ho voluto dare col brutale match di War of Change, è che in Total Wrestling Corporation, tutti prima o poi dovranno fare i conti con me, l'eroe, se vogliono dimostrare di essere veramente qualcuno. Perfino te. Prova a chiedere in giro se ti va, riceverai soltanto conferme. E rifletti su questo: se perfino le sconfitte aumentano la mia aura di eroe, prova a immaginare cosa succederà quando Sigfried Jaeger chiuderà TWC Night of Gold con la cintura di campione alla vita. Ti rispondo io: nascerà una leggenda. Eh sì, Fred.

Fred ha ascoltato molto attentamente le parole decise del suo interlocutore, ora abbozza un sorriso che, pochi istanti dopo, scompare sul proprio volto. La tensione è alta.

FF: Mr. Fox Olon è il mio migliore amico, il mio maestro, l'unico su questo pianeta di cui possa fidarmi, tientelo bene a mente, "eroe", hai capito?! Eh, hai capito?!

I due sono ora faccia a faccia. Sigfried alza un sopracciglio.

FF: Ma non è questa la questione; forse non ho colto il messaggio che hai lanciato PERDENDO, chissà perché; comunque sia, tu, a quanto parte, vivi fuori dal mondo, perché altrimenti sapresti bene che questo è un posto di merda e lo è soprattutto questo fottutissimi business, dove alla gente non frega una cazzo dei messaggi che vuoi lanciare, alla gente importa solo vederti vincere, se vuoi conquistarli, con le buone o con le cattive, devi seguire solo una e categorica regola: VINCERE! Quando perdi, se ne fottono del fatto che tu abbia dominato l'avversario, hai perso, punto; quando vinci, invece, puoi permetterti di lanciare qualsiasi messaggio tu voglia, perché tu hai vinto, capisci?!

Il Corvo ascolta molto attentamente le parole dell'autoproclamatosi superuomo tedesco.

FF: Del resto in questo business occorre avere qualcos'altro oltre ai muscoli e alla parlantina, che di certo non ti manca; bisogna avere un cervello, bisogna avere i nervi saldi e saper escogitare sempre una strategia, avere sempre un piano b, questa è la chiave del successo qui in TWC così come altrove, questo io ho dimostrato nell'incontro con Kevin Manson: ho dovuto cambiare tattica, ho dovuto sopportare i violenti colpi dell'avversario e, alla fine, ho vinto! E questo è ciò che conta, certo, adesso tutti sanno chi è Kevin Manson, sanno quanto tosto sia questo ragazzo, ma sanno anche che alle semifinali non è arrivato lui, ma io, Fred; alla fine ci si può anche chiedere, "sarebbe veramente cambiato qualcosa se Manson avesse perso in quel modo oppure dopo appena qualche secondo?"...

Jaeger sospira.

SGF: Sarà, ma ai miei occhi piuttosto che un cambio di tattica ragionato, il tuo mi è sembrato invece un tentativo disperato di sopravvivere di fronte a un avversario più "affamato" di te. E alla fine la fortuna ti ha premiato, visto che Manson si è fatto prendere dalla sua solita follia e non ha avuto l'astuzia di batterti con un semplice count out.

Fred scuote la testa, irritato.

SGF: Comunque ti ripeto, questi colpi di fortuna possono funzionare una sola volta nella vita, Fred. Una volta che mi sarò liberato di Miller, a Night of Gold te la vedrai con me. E sarà tutta un'altra storia, visto che m'interessa soltanto il titolo. Ergo per me puoi pure bivaccare mezz'ora fuori dal ring, non verrò certo a raccattare la tua carcassa per poi rischiare di fare un figuraccia come l'Animal. Anche perchè dopo c'è la finale, sai com'è.

Dopodiché il Corvo si guarda intorno e comincia a passeggiare scrutando il panorama agreste di Gehlberg. Eccolo girarsi verso il German Superman.

SGF: Sai una cosa, mi aspettavo di peggio da questo posto. Da come l'avevi descritto sembrava tu fossi uscito da una specie di campo di concentramento. Qui invece vedo campi coltivati, allevamenti di bestiame, persone tutte d'un pezzo che si spaccano la schiena.

Poi Sigfried fa un sorriso.

SGF: Fossi in te la smetterei di disprezzare le tue origini. Anzi, faresti meglio già che ci sei a tornare nella tua casetta e ringraziare i tuoi genitori di cuore. Immagino ti chiederai il perché. Te lo dico subito. Quando verrà il giorno in cui gli acciacchi, gli infortuni, e le umiliazioni subite saranno abbastanza, cosa credi che farai una volta ritirato? Teoricamente finiresti solo soletto, senza amici, magari in una clinica di riabilitazione vita natural durante, con l'unica uscita settimanale rappresentata dal solito giro al cimitero sulla tomba di un Olon passato a miglior vita.

Vediamo un Fred ora più che mai irritato.

SGF: Invece, grazie agli sforzi dei tuoi vecchi nell'insegnarti un mestiere dignitoso, potresti venirtene qua a dirigere una bella azienda agricola, con molti lavoratori ai tuoi ordini, diventando pure un produttore agricolo di successo. E la sera te ne andresti in birreria a intrattenere gli amici con racconti e aneddoti sulla tua carriera, tra cui il ricordo di aver conosciuto dal vivo un vero eroe. Non sarebbe una prospettiva così spiacevole, se paragonata al ginepraio in cui ti stai cacciando tutt'ora, no?

Brunild Wagner, ancora seduta sulla staccionata, si fa una risatina silenziosa, mentre Fred osserva rabbioso il Corvo, il quale sorride.

FF: Quando qualcuno nasce con un sogno, quando qualcuno nasce con una dote speciale, particolare, fuori dal comune, e c'è gente che fa in modo di impedirgli di coltivare questa straordinaria abilità e di incoronare i suoi sogni, ecco che nasce il risentimento, la rabbia...l'odio, verso tutta questa gente. Quando ero bambino, qui d'estate ogni mercoledì si organizzavano delle feste paesane: le bambine andavano a ballare o a truccarsi, noi maschi, invece, ci incontravamo nel pub di Gehlberg; lì trascorrevamo intere serate a guardare le gesta di lottatori, grandi professionisti che si spaccavano il collo, la schiena, che mettevano in palio le loro stesse vite per ciò che piaceva loro fare, il wrestling! Lì, proprio lì, è nata la mia passione, lì, guardando quei veri eroi, ho capito cosa volevo fare da grande, non l'astronauta, non l'esploratore, ma il lottatore professionista!

Fred sospira, osservato attentamente dal suo interlocutore.

FF: Capisci, capisci cosa voglio dire?! Fin da quando ero alto così il wrestling è stato l'unico mio sogno, l'unica cosa che mi interessava fare e che mi piaceva fare; quando, dopo quelle magiche serate, tornavo a casa e dicevo con convinzione il mio sogno a mia madre e a mio padre, da questi partivano rimproveri, da quell'altra sberle, perché ai loro occhi, agli occhi di quegli infami io, il loro unico figlio, ero solamente una macchina, non diverso dalla zappa o dal trattore, uno strumento, e il mio unico scopo era quello di permettere alla "famiglia" la sopravvivenza, ma che cazzo di vita è questa?! Dimmelo! I miei genitori hanno calpestato i miei sogni, i sogni di un bambino innocente, mi hanno insegnato solamente disprezzo e odio...farei meglio a tornare e ringraziare i miei genitori di cuore?!

Fred fissa intensamente Sigfried.

FF: Che crepino e finiscano fra le fiamme dell'inferno, quei fottuti bastardi!

SGF: Occhio, Fred. L'odio è una bestia che prima ti seduce, poi ti possiede, infine ti consuma inesorabilmente. E come dice mio padre, l'odio sopravvive a chi odia. Sempre. Continuando su questa strada, di te si ricorderà solo la rabbia, e nessuno mai ti rimpiangerà.

Il Corvo annuisce, poi però alza un dito e formula una domanda.

SGF: Ma rispondi a questa domanda, sono curioso: perchè sei qui, adesso?

Il Best from the West si porta accanto a Franke e continua a parlare.

SGF: Non credo proprio che tu sia tornato a Gehlberg per farne una nuova Centralia, ovvero pestando l'intera popolazione per divertimento. Nè mi sembri un tipo così spregevole da alzare le mani sui propri genitori. Quelle sono cose che in genere fanno i mostri. E Oden solo sa quanto io tenga in bassissimo conto i mostri. Ergo, perchè sei venuto qui?

Il Corvo gira dietro al German Superman e torna accanto a lui ma dall'altra parte.

SGF: Forse, dopo il match con Manson, ti sei sentito inadeguato e volevi un'ulteriore conferma che abbandonare il luogo natio era stata la scelta giusta? Avevi bisogno di certezze. Quelle certezze che nemmeno Mr. Fox Olon, per quanto tuo amico avrebbe potuto darti. Quelle certezze senza le quali il tuo sogno si trasformerebbe in un incubo e tutta la tua vita vissuta finora in un mero e spettacolare spreco di anni.

Sigfried torna a fronteggiare Fred e gli sorride.

SGF: Allora, dimmi. Perché sei qui?

Fred rimane immobile, apparentemente impassibile, il capo è chino, accenna un sorriso, poi, però, torna immediatamente serio, rabbioso, alza ora la testa...e afferra Sigfried per la maglietta! Brunild Wagner, con uno scatto, salta giù dalla staccionata, pronta ad intervenire. Il Corvo, dopo un attimo di preoccupazione e sorpresa, mostra nuovamente un sorriso beffardo, che irrita parecchio "The German Superman".

FF: Perché sono qui?! No, tirare qualche pugno o prendere a calci in culo vecchi decrepiti non è nel mio stile, forse nel tuo, eroe, non nel mio; perché sono qui?! Forse perché ho bisogno di rinfrescare la mia memoria, ho bisogno che la mia mente soffra, ricordando spiacevoli episodi della mia infanzia e giovinezza, ricordando quanto schifosa fosse la mia vita precedente; forse ho bisogno di ricordare, forse solo così, a Night of Gold, quando incoronerò il MIO sogno, il sogno di una vita, un sogno covato fra le lacrime, il sangue e il sudore per oltre dieci anni, quando alzerò al cielo il TWC World Heavyweight Championship, quando diverrò, finalmente, il volto di questa fottuta compagnia, quando tutti quei bastardi nello spogliatoio e quei cafoni seduti sugli spalti dovranno inchinarsi a me, tutti, incluso te, quando tutto ciò avverrà, allora potrò gustarmi meglio il momento, potrò assaporare ogni attimo di quella magica e indimenticabile notte, la migliore della mia intera vita, il giusto e tanto desiderato riscatto per tutto ciò che ho patito, e che tu MAI potrai capire!

I due si guardano dritti negli occhi.

FF: Perché sono qui?! Perché ho bisogno di affrontare il mio passato, sconfiggerlo, solo allora diverrò campione, solo così...nascerà una leggenda!

Detto ciò, Fred lascia andare il Corvo, spingendolo via. Questi, infastidito, si sistema la maglia prima di tornare faccia a faccia col "German Superman".

SGF: Hey, bel modo di aggredire un alleato! Mi domando cosa penserebbe la Volpe se ti vedesse in questo momento. Non credo proprio sarebbe contento di vedere i suoi punti di riferimento principali nella lotta contro quei fottuti anarchici a un passo dal menarsi. Per di più a una settimana dal mio match contro uno dei ribelli nel torneo. Attento a quello che fai, Fred. Paradossalmente in questo momento stai mettendo in pericolo tutto quanto tu e Fox Olon avete costruito finora, più di quanto avvenne nel Civil War Match. Per cui tienti da parte i bollenti spiriti per occasioni migliori.

Sigfried resta in attesa di una risposta da parte di Franke, mentre la Valkyria resta in tensione ma immobile.

FF: Lo stesso Civil War Match, dove IO ho fatto vincere il mio team, ottenendo il pin vincente...

Sigfried sembra interdetto ma rimane in silenzio, ancora in attesa di una risposta da parte di Fred.

FF: Comunque, Sigfried, ti confido un segreto: in realtà, ti ho sempre mal sopportato, dal primo giorno in cui hai messo piede in questa compagnia ti ho visto con sospetto; ma ho accettato il tuo ingresso nel mio gruppo, ti ho sopportato e ti continuo a sopportare, e l'ho fatto per due motivi: per la guerra contro gli State e, soprattutto, per rispetto nei confronti di Mr. Fox Olon, stop. Se ci incontreremo a Night of Gold, se la prossima volta in cui incontrerai Miller riuscirai a vincere veramente e non a inviare "messaggi" di qua e di là, beh, non dovrò trattenermi e potrò asfaltarti! Stai attendo, "eroe", la Ruspa dell'Ordine e della Giustizia ha fame, non guarda in faccia a nessuno e, soprattutto, è implacabile, senza regole!

Il Corvo scuote la testa, dopo di ché si gira e fa un cenno a Brunild Wagner. Questa gli si avvicina continuando a squadrare malamente Fred. Dunque entrambi sembrano pronto ad allontanarsi...

FF: Sigfried, dimmi tu piuttosto: perché, perché hai scelto di unirti a noi? Perché hai deciso di metterti sotto il mio giogo, dato che, che ti piaccia o non ti piaccia, io sono il capitano della FOX's Army, io tengo serrate le fila; come mai? Perché hai avuto bisogno di NOI, di me, di Fox e degli altri, se ti consideri così bravo? Eh, eroe?!

Il Corvo ci pensa su un attimo, grattandosi la barba.

SGF: Mah, mi annoiavo e mi son detto, quasi quasi mi unisco a una fazione e faccio bordello... A parte gli scherzi, è semplice. Do ut des. Io faccio un favore a voi, voi ne dovete uno a me e così via. Un esempio? Unirmi a voi mi ha fruttato il Main Event del primo Special Event della storia della compagnia, la nascita della BDK Inc., e presto mi frutterà un certo titolo mondiale istituito ad hoc. Tutto secondo i piani. E già che ci siamo chiariamo una cosa, io faccio accordi solo con Fox Olon. Con te non voglio avere nulla a che fare al di fuori dei doveri dell'Army. Per me puoi pure continuare a vantarti in giro con la favola del capitano, del giogo e del serrare le fila. Tanto lo sanno tutti che sono sciocchezze, perfino Ultraman se glielo chiedessi. E a Night of Gold finalmente finirai per capirlo pure te, quando la ruspa si incepperà e verrà rottamata dall'unico vero eroe della federazione.

Una volta terminato di parlare, il Best from the West fa per andarsene, poi si gira e dice un'ultima cosa a Fred Franke, che lo osserva con uno sguardo granitico.

SGF: Ah, un'ultima cosa prima che tu vada a combinare qualche guaio in paese. Visto che odi così tanto le tue origini, dimostra un pò di coerenza e levati quei soprannomi strampalati che ti sei dato: German Superman, German Gorilla, The Master of German Suplex, German di qua, German di là, ecc... Se ti fa così schifo essere un tedesco, cambia cittadinanza e diventa americano. Di certo qui nessuno sentirà la tua mancanza, e nemmeno tu di loro, no?

BND: Sig, andiamo.

SGF: Ok. Ci si vede a Boston, Fred. E mi raccomando, goditi lo spettacolo di Sigfried Jaeger vs. Travis Miller II. Vale sempre la pena assistere alle imprese di un eroe. Nessuno resta mai insoddisfatto. Eh eh eh...

Dopo aver fatto un ironico cenno di saluto, i due membri della Bruderschaft Der Krahe Incorporated si allontanano chiacchierando tra loro lungo la strada sterrata. Il tutto sotto lo sguardo cupo di Fred Franke.

FF: Fottuto tedesco...

"A Indoor War scoprirò il mio avversario: Travis Miller o Sigfried Jaeger? Pensavo che avrei assistito a questo incontro disinteressatamente, fregandomene del risultato, d'altronde chiunque ne uscirà vincitore dovrà vedersela con me a Night of Gold e solo un miracolo potrà tenermi lontano dalla finalissima; MA, adesso, a dir la verità, nonostante vederlo sconfitto ancora una volta sarebbe spassoso, spero che, in qualche modo, sia Sigfried, perché? Perché voglio metterlo a tacere e vincere il titolo non basterebbe; lo voglio affrontare, faccia a faccia, uno contro uno, sul ring, voglio affermare le mie parole coi fatti e smontare le sue sempre coi fatti, voglio che lui capisca finalmente ciò che, pur fingendo di non sapere, ormai tutti hanno capito, cioè quanto pericoloso sia Fred Franke; a Night of Gold non voglio combattere contro uno qualsiasi, voglio combattere contro di lui, perché voglio sconfiggerlo, asfaltarlo, fargli capire chi sia il vero campione, chi sia l'unico ed indiscusso capitano della FOX's Army, l'indiscutibile volto della TWC!"

Il Corvo e la Valkyria non si vedono più...

"Chi l'avrebbe mai detto? Un umile contadino di Gehlberg, che emigra negli Stati Uniti con quattro stracci addosso e un grande sogno, e, appena due anni dopo, diventa il nuovo volto del pro wrestling nel mondo...incredibile! Voglio quel titolo, voglio quel fottutissimo titolo, mi spetta, che cazzo ha fatto per averlo Leon Black?! Vive di rendita, è lì solo e solamente perché è un veterano, un vecchio di merda, che ha alle spalle anni e anni di sconfitte, stop! Che cazzo ha fatto Miller per averlo?! Che cazzo ha fatto Sigfried? In questa fottuta compagnia sono l'unico, l'UNICO, che merita di esserne il volto, di rappresentarla, l'unico che può e deve ambire al World Heavyweight Championship...date a Cesare quel che è di Cesare, datemi quel che mi spetta, quel che mi appartiene! Manca poco, mancano poche settimane, Night of God è LA notte, la MIA notte, a Night of Gold avrò il riscatto che mi ha fatto trascorrere insonne tante e tante notti, che mi ha spinto ad allenarmi ore e ore ogni giorno, che mi spinge a salire sul ring con massima determinazione e desiderio; a Night of Gold conquisterò il mondo e dedicherò la mia vittoria a tre uomini, Herbert Ziegler, Mr. Fox Olon e...Fred Franke!"

Up Next: Kevin Manson!


Top
 Profilo  
Rispondi citando  

Re: TWC - Friday Night Indoor War
MessaggioInviato: 14/08/2015, 14:44 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: 26/04/2011, 12:11
Messaggi: 10597
Località: Il topic su che gel usa CM Punk
Signore e signori, bentornati in diretta ad Indoor War 14!



Immagine


Kevin Manson fa capolino sullo stage, con la sua solita maglietta smanicata e i suoi pantaloni della tuta, accolto da una reazione mista dei fans presenti nel palazzetto. The Animal, come di consueto nell'ultimo periodo, avanza a testa china e lancia qualche occhiata intorno a sè, sbuffando di tanto in tanto e posizionandosi al centro del ring dopo aver ottenuto un microfono, con il quale gioca un po' rigirandoselo tra le mani prima di avvicinarlo alla bocca.

KM: Ormai Kevin Manson che parla al centro del ring sembra essere diventato una costante di Indoor War, sbaglio? Cercherò di essere breve questa volta.

Kevin si gratta la testa.

KM: Per stasera non ho nessun avversario, dunque questa mattina mi sono svegliato con l'idea di dare una possibilità a qualcuno. Non uno dei jobber iperpompati che siete abituati a veder perdere in una manciata di secondi, ma qualche volto nuovo, qualche volto fresco, qualcuno che possa davvero mettermi in difficoltà, ed il caso vuole che io abbia trovato un wrestler locale che mi abbia davvero convinto. Un ragazzo pieno di cuore, un ragazzo disposto a superare mille ostacoli pur di arrivare qui, un ragazzo... In gamba.

Manson si volta verso il titantron e lo indica con l'indice.



Immagine


Ed il suo avversario è tale Tanner Davids, questo il nome comparso sul titanton, un giovane wrestler indipendente locale con la particolarità di non avere la gamba sinistra: è evidente il fatto che cammini con una protesi. Kevin Manson gli applaude, causando una reazione mista tra chi pensa che abbia voluto concedere una possibilità a chi difficilmente ne avrebbe ricevute e chi è convinto che The Animal abbia intenzione di fare una carneficina gratuita contro un avversario con un handicap fisico importante. L'arbitro comincia a controllare che nessuno dei due abbia oggetti contundenti nascosti, ma ecco che una figura compare sullo stage!

Immagine


Fox Olon si ferma sullo stage, tenendo un microfono in mano ed attendendo che il pubblico faccia silenzio.

FO: Signore e signori, vi chiedo qualche secondo di attenzione prima che voi possiate godervi l'azione in-ring. Come ben sapete, siamo reduci da un tour europeo che per più di un mese ha tenuto i nostri atleti lontano da questa città e ritengo che questa puntata di Indoor War debba essere più adrenalinica possibile per celebrare il nostro ritorno a Manhattan, perciò grazie al potere conferitomi dalla mia carica di General Manager rendo ufficialmente questo incontro un No Disqualification Match!

Olon sorride, cercando e trovando lo sguardo di Manson. Il Painmaker è confuso, lo scruta con aria interrogativa, poi abbozza un sorriso... Il GM torna nel backstage e l'arbitro dà finalmente il via al match!

No DQ Match - Kevin Manson vs Tanner Davids


I due si avvicinano l'uno all'altro, il pubblico è diviso e Davids porge immediatamente la mano all'avversario. Kevin Manson lo guarda, dopodichè guarda il pubblico, indeciso se stringergliela o meno. Allunga timidamente il braccio, poi lo ritrae portandosi le mani ai fianchi, sotto i fischi di parte del pubblico. The Animal osserva nuovamente i fans, sbuffa, dopodichè si decide a stringere la mano di Tanner e tornare al proprio angolo. I due si scambiano un cenno d'assenso per aprire le danze, finendo subito dopo in fase di Clinch: vince Kevin, che lancia il proprio avversario all'angolo opposto, facendolo cadere gamba all'aria. Tanner si rialza a fatica, aiutandosi con le corde, dopodichè si giunge ad un nuovo Clinch: il vantaggio rimane a The Animal, che applica una Headlock all'avversario e lo atterra con un Takedown. Kevin tiene la presa salda, mentre il Wrestler Handicappato cerca di rialzarsi, sfavorito dalla propria menomazione fisica. Con la sua unica gamba naturale, la destra, riesce ad uncinare il collo dell'avversario e costringerlo a mollare la presa, dopodichè sfrutta la protesi per chiudere una Headscissor. Il Painmaker è in difficoltà visto che la protesi in metallo è più dura di una gamba normale e dunque contribuisce ad aumentare la pressione, ma dopo qualche secondo afferra la gamba buona di Tanner e la sposta, riuscendo ad uscire dalla morsa e rimettersi in piedi. Lo stesso fa il giovane combattente locale, che ora si ritrova nuovamente faccia a faccia con Kevin... Gut Kick di Manson! Tanner non sopporta il contraccolpo e cade al suolo, dopodichè viene reso oggetto di una serie di Stomp rivolti principalmente al cranio ma non solo, alcuni vengono messi a bersaglio anche sulla gamba destra... Kevin ora lo rialza e lo lancia sotto la terza corda, facendolo ruzzolare fuori dal quadrato. The Animal esce anche lui ma rimanendo sull'apron, osserva il rivale supino... E gli si lancia addosso con una Senton!

Immagine


Tanner Davids si tiene le costole dopo il brutto impatto subito. Kevin Manson scoppia in una risata, dopodichè prende una pausa ed il suo sguardo si fa accigliato: si porta le mani di fronte, le osserva, dopodichè lancia un'occhiata al rivale a terra e abbassa subito lo sguardo. Lo riporta al centro del ring, schiena. 1, 2, solo 2. Manson non ci sta e copre di nuovo, 1, 2, ancora 2. Terzo tentativo di pinfall, con poca convinzione, solo 1. The Animal si rialza sbuffando, si porta le mani ai fianchi e osserva Davids che si rialza usandolo come appoggio: il Painmaker scuote la testa, incontra lo sguardo di Tanner e alza le braccia, remissivo. Gli chiede di stare giù e basta. Il ragazzo fisicamente menomato si rialza come può, tenendo gli occhi su quelli dell'avversario... E gli molla un ceffone! Tanner Davids rifiuta la compassione di Kevin, che non reagisce e ricomincia a scuotere la testa, solo per prendersi un secondo schiaffo! Ora Manson sembra spazientito, si gira verso Davids puntandogli il dito al petto e viene sopraffatto da dei pugni: uno, due, tr - no, il terzo è stato parato, ora è il Painmaker a mettere a segno una combo di testate micidiali. Tanner viene tenuto in piedi per le orecchie, dopodichè sollevato sulle spalle, Death Valley Driver di The Animal! Ma non è finita, Manson si rialza immediatamente e costringe il ragazzo handicappato a fare lo stesso, gli rifila uno schiaffo e lo solleva... Brainbuster... Davids prova a ribellarsi muovendo le gambe ma ne ha solo una funzionante ed è piuttosto piccolo, quindi Kevin può bullarsi tenendolo sollevato sopra la propria testa... E sale sulla seconda corda! The Animal continua a tenere l'avversario nella posizione ideale per la sua caduta sulla testa... Ed ora la esegue, con impatto sul cuscinetto del turnbunckle! Ma ancora, non è pago, mette in piedi per l'ennesima volta la sua vittima e finisce l'opera con un Pumphandle Neckbreaker!

Immagine Immagine


The Animal sfoggia un sorriso ed alza il braccio sinistro al cielo in segno di vittoria, mettendo allo stesso tempo il piede sul petto dell'avversario per il pinfall: 1, 2, 3, no! Tanner Davids riesce ad uscire dallo schienamento, dimostrando una caparbietà lodevole, forse anche incoscienza. Lo squilibrio delle forze in campo è troppo alto, e Manson sembra divertirsi. Kevin ricomincia con una delle sue scariche di Stomp, come sempre concentrandosi sul cranio, poi rimbalza contro le corde ed esegue il suo 360 Legdrop! Stavolta non copre: preferisce rimettere in piedi l'avversario e lanciarlo fuori dal ring. Esce anche il Painmaker, andando a rovistare sotto al ring ed estraendo una kendo stick: la maneggia come se fosse uno spadaccino ma gli cade, ricevendo sberleffi dal pubblico a lui ostile. Kevin soffia, corruga la fronte, riprende la mazza cadutagli e comincia a fustigare alla schiena il povero Davids per sfogarsi! E' lecito, questo incontro segue le regole del No DQ, dunque qualsiasi oggetto contundente è ammesso. Dopo aver piegato la kendo stick, Kevin la lancia in mezzo ai fans e cerca qualcos'altro sotto al ring... Passa qualche secondo e The Animal non sembra trovare nulla, dopodichè lancia un'occhiata curiosa verso il corpo di Tanner e... La protesi! Kevin Manson stacca la protesi di Tanner Davids, ed ora la usa come arma per colpirlo ripetutamente! Il pubblico rumoreggia, chi fischiando per la sadicità della scena chi incitando alla carneficina, ma ecco che si sente un boato maggiore degli altri!

Immagine


E' Vincent Cross! Il Biker corre di gran carriera verso il bordoring mentre Kevin non si accorge di lui, completamente assorto nella punizione corporale che sta infliggendo al ragazzo handicappato... E Cross va addosso a Manson! Posizione di vantaggio di Vincent, che tempesta di pugni l'avversario, dopodichè lo spinge contro al paletto d'acciaio con la schiena, ed ancora, morsa al collo! Crash! Crash a segno, Kevin Manson rantola in terra, nel frattempo il Biker va a sincerarsi delle condizioni di Davids... che schiaffeggia anche lui! Tanner vuole vincere questo incontro da solo, ma i suoi modi non sembrano essere stati accettati dal Motociclista, che lancia dure parole al ragazzo handicappato... E si prende un pugno! Cross risponde, e il suo destro letale manda nuovamente a terra Davids! Il Careless scuote la testa, si gira verso Manson... E si becca un Superkick! Ma rimane in piedi! Street Speed di Cross, no, Armtrap Neckbreaker di Kevin Manson! Ora sono tutti e tre a terra, con il Painmaker e l'Hell Biker girati sul fianco, guardandosi in faccia, che si scambiano pugni al volto senza sosta! Manson, Cross, Manson, Cross, Manson, Cross, Manson, Cross, Manson, Cross, Manson, Cross, Manson, Cross, Manson, Cross, Manson, Cross, Manson, Cross, Manson, Cross.. Continuano a passare i secondi e i due non si staccano, intanto Tanner Davids è salito sul ring e... cosa?! Sta salendo sulla terza corda! Nonostante possa contare su una gamba sola Tanner Davids è riuscito a mettersi in equilibrio sulla terza corda, osserva i due stesi a terra che si stanno massacrando... E SI LANCIA ALL'ESTERNO DEL RING CON UN FROG SPLASH!

Immagine


Senza paura, il ragazzo handicappato con una manovra suicida che gli vale un caloroso boato del pubblico! Dimostra ancora una volta di non volere aiuti, di non volere interferenze, di essere determinato abbastanza per provare a sconfiggere Kevin Manson da solo... Prova a rialzarlo prendendolo con i capelli, ma i suoi limiti fisici gli impediscono di portare a termine il sollevamento con successo e viene spinto contro al paletto di ferro all'angolo del ring, dopodichè sbatte la fronte contro le transenne con uno Slingshot! The Animal si rimette in piedi, rabbioso, dopodichè va a prendere qualcosa sotto al ring... Un casco da giocatore di baseball! Che fa? Lo mette in testa a Tanner Davids, che non può opporsi, dopodichè solleva il suo avversario odierno.. Prende la rincorsa... E lo usa come ariete contro Cross! L'arma improvvisata di Manson accascia l'Hell Biker, che subisce un secondo colpo con l'"oggetto contundente" stavolta rivolto verso la testa e rovina al suolo. Il Painmaker ride, ora decide di lanciare Davids dentro al ring facendolo passare sotto la prima corda, rientra anche lui sul quadrato e rialza lentamente il nemico... Ma si prende una testata da Tanner, che sfrutta il casco! Kevin sembra aver incassato il colpo, eccolo però tornare addosso al ragazzo con una gamba sola... E comincia a prenderlo a testate sul casco! Mossa suicida di Kevin Manson, intenzionato a mostrare la durezza della propria scatola cranica, peccato che ciò lo porti a cadere a terra... Sorride beffardo ma sembra incapace di muoversi, Tanner nota il momento di difficoltà del membro dello State Of Anarchy e si avvicina alle corde per scalarle... Ma Cross si piomba al centro del ring e lo colpisce con una Street Speed!

Immagine


Tanner Davids, nonostante il casco a proteggerlo leggermente, accusa il colpo... Cross sorride, dopodichè toglie il casco all'esanime avversario e si prepara per infierire su di lui ulteriormente, con una nuova Street Speed a quanto pare.. Ma Kevin Manson è tornato in piedi e rifila un Dropkick sulla nuca di Vincent, facendolo cadere fuori dal ring, poi si lancia sopra al ragazzo handicappato: 1, 2, 3! Kevin Manson ottiene una vittoria e scappa fuori dal ring!

Spoiler:
JR: The winner of this match... Keviiiin Maaaaansooooonn!!


The Animal fugge verso la rampa, inseguito subito dopo dall'Hell Biker che si è già rimesso in piedi... Il Painmaker continua a correre, torna nel backstage e se ne perdono le tracce, seguito da Cross, mentre sul ring viene tributato rispetto a Tanner Davids per la prestazione gagliarda nonostante la pericolosità della stipulazione e la sua menomazione fisica. Pubblicità.

Up Next: I Lone Souls.


Top
 Profilo  
Rispondi citando  

Re: TWC - Friday Night Indoor War
MessaggioInviato: 14/08/2015, 14:47 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: 26/04/2011, 12:11
Messaggi: 10597
Località: Il topic su che gel usa CM Punk
Bentornati live from Boston per questa puntata di Indoor War, le luci si abbassano, adesso è il momento dei Lone Souls!



La theme della stable risuona nell'arena venendo accolta abbastanza freddamente dal pubblico di Boston mentre i tre compaiono sullo stage.

ImmagineImmagineImmagine


I tre, illuminati da un occhio di bue, si avviano verso il ring a passo lento venendo seguiti dall'unica luce accesa. Una volta ai piedi del quadrato i tre vi entrano e vanno a prendere possesso di un microfono mentre le luci restano spente con il solo occhio di bue che illumina i Lone Souls.

Shepherd: I Guardians Of Truth...

Fischi da parte del pubblico.

Shepherd: Quattro individui così diversi ma allo stesso tempo così simili tra loro. Quella donna è il male... Quella donna ha inciso pesantemente nelle nostre vite, quella donna ci ha rovinato! Come avete potuto sentire nel suo show da quattro soldi lei ha esplicitamente ammesso di aver manomesso i freni dell'autobus che avrebbe dovuto portare al Citrus Bowl di Orlando i Lone Souls formati all'epoca da me, Aleki Maivia ed un altro tizio di cui non voglio parlare. Lei aveva paura di noi, lei ci ha voluto distruggere e adesso Maivia le è addirittura grato!

Il misterioso uomo scuote la testa.

Shepherd: Ma ciò che non aveva calcolato quella donna è che io sono invincibile e che prima o poi sarei rinato aggregando a me nuove Anime Solitarie in cerca di vendetta... Ah ah ah!

Dave: Io sono stato il primo. Ero solo, in collera con il mondo per il dolore che ho dovuto affrontare. Shepherd mi trovò e mi ha dato speranza, mi ha dato nuova vita! Ora io ho uno scopo, voglio vendicare ciò che è stato fatto al mio mentore, voglio vendicare ciò che è stato fatto al mio amico Mishima e voglio vendicare ciò che è stato fatto ad Alisa Drake.

Reazione abbastanza positiva del pubblico al sentire il nome di Alisa.

Dave: Per chi non lo sapesse io un tempo sono stato il compagni di Alisa, eravamo felici insieme e purtroppo una brutta cosa ci successe. Io non riuscivo più a vivere con me stesso, figuriamoci con altre persone, e quindi la lasciai vivendo in totale solitudine, ma adesso non sono più solo, ora ho due Anime Solitarie con me.

Mishima: Watashi wa Shepherd ni ōku o otte imasu.

Pubblico: WHAT?!

Dave: Ha detto che deve molto a Shepherd.

Mishima: Drake! Anata wa watashi no kyaria, watashinojinsei o hakai shitakatta. Kore wa yurusarenai!

Pubblico: WHAT?!

Dave: Ha detto che Drake voleva distruggere la sua carriera e la sua vita e che questo è imperdonabile.

Mishima: Watashi wa idaina Akuma Fujihara ga anata ni naniwoshita ka watashi ni yatte mitakattaga,-chigai Drake o mite kudasai. Watashi wa nenmiman-go ni kōka shite ite, kawarini soko ni wa, shi o irete iru! Anata wa, yowai watashi wa tsuyoi to omoi, watashi no fukushū wa anata ni chakuyō shite itadakimasu!

Pubblico: WHAT?!

Dave: Ha detto che Drake ha provato a fare a lui ciò che il grande Akuma Fujihara fece a The Dragon. L'unica differenza è che Mishima ci ha messo meno di un anno e guarire mentre Drake quattro anni e che ora Mishima è in cerca di vendetta.

Shepherd: Come avete potuto vedere ognuno di noi ha un motivo per disprezzare i Guardians Of Lies e non ci fermeremo fin quando non li avremo distrutti una volta per tutt...



Ma attenzione! La theme dei Guardians Of Truth risuona nell'arena venendo accolta dai copiosi fischi del pubblico del TD Garden!

ImmagineImmagine


Le luci si riaccendono ed i quattro compaiono sullo stage. Samantha ha il solito sorrisetto beffardo in volto mentre i tre Little Monster hanno uno sguardo duro mentre osservano i Lone Souls.

Samantha: Ladies and gentleman, ecco a voi le lamentele di chi non ce la fa ed incolpa gli altri!

Fischi da parte del pubblico.

Samantha: No ragazzi, seriamente, ma davvero non avevate meglio da fare? Preciso che delle vostre idee me ne fotte tanto quanto delle opinioni di Andy Moon, ma qui stiamo davvero esagerando! Prendiamo i tre stronzi nel ring uno ad uno, abbiamo The Shepherd, uno che era stato chiamato per fare il lacchè all'ultimo show di una promotion, poi abbiamo Dave Jackson che accusa Drake e Dixon di aver tradito Alisa quando in realtà lui è stato il primo a sfancularla, ma a differenza di The Dragon e The Phoenix, lui la abbandonò nel momento in cui lei ne aveva più bisogno, ovvero dopo aver abortito a causa di un incidente stradale. Per chi non lo sapesse il suddetto Dave era alla guida della macchina eh!

Jackson osserva con disprezzo Samantha.

Samantha: E poi abbiamo Taichi Mishima. Io non parlo Giapponese... Drake.

Drake: Saigo no jikan wa, anata ga umaku ittaga, anata ga shuchō suru baai, watashi wa watashi ga hajimeta shigoto o oeru koto ga dekimasu!

Pubblico: WHAT?!

Drake: Ho detto che la scorsa volta ti è andata bene, ma se proprio ci tieni posso finire l'opera che avevo iniziato!

Mishima: Ringu ni zehi, ichido, subete no mondai o kaiketsu!

Drake: Anata ga yarō o shitai to omoimasu!

La Hart Princess inizia a spazientirsi.

Samantha: E basta! Già non capisco una mazza quando parla Nick Carroll con quel suo accento bostoniano del cazzo!

Una pioggia di fischi investe Samantha che sorride divertita.

Samantha: Comunque il succo del discorso è che qualsiasi cosa voi proverete a fare contro di noi verrete semplicemente spazzati via come chiunque osi interferire con i nostri piani, ma visto che si sta parlando in svariate lingue vi farò un gesto che non ha lingua...

Immagine


Fischi da parte del pubblico e reazione divertita da parte di The Shepherd mentre Dave e Taichi restano impassibili.

Shepherd: Ehi donna! Conosco un altro gesto che non ha lingua, ed in genere si svolge in questo ring! Perché tu ed i tuoi amici non venite qui e ci dimostrate di che pasta siete fatti?!

The Tiger fa finta di pensare alla proposta alzando lo sguardo e mettendosi una mano sotto il mento.

Samantha: Mmh... No! Mi dispiace, ma non siete degni del nostro tempo.

I Guardians Of Truth si girano di spalle verso il ring e se ne tornano nel backstage lasciando interdetti i Lone Souls mentre il pubblico fischia pesantemente, e su queste immagini noi andiamo in pubblicità.

Up Next: TWC Championship Tournament: Jaeger-Miller!


Top
 Profilo  
Rispondi citando  

Re: TWC - Friday Night Indoor War
MessaggioInviato: 14/08/2015, 14:51 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: 26/04/2011, 12:11
Messaggi: 10597
Località: Il topic su che gel usa CM Punk
E dopo i classici consigli per gli acquisti per le famiglie, bentornati a Friday Night Indoor War, live dal TD Garden di Boston, Massachusetts! Dopo tanti match interessantissimi e colpi di scena degni di un film di Alfred Hitchcock, siamo arrivati a uno dei momenti più attesi di questa fantastica serata, come potete vedere dalla grafica.

ImmagineImmagineImmagine


Sigfried Jaeger, il Best from the West della BDK Inc., affronta Travis Miller, il Child of Ice sceso dale fredde brughiere scozzesi, nel primo dei due match che completeranno il secondo turno del TWC World Heavyweight Championship Tournament, e che consegneranno ai vincenti il pass per le finali del torneo che si terranno a Night of Gold. Chi tra il Monster Hunter e il Child of Ice andrà a raggiungere Michael Edward e Fred Franke tra gli ideali magnifici quattro della federazione? Lo scopriremo tra poco. Ma ora la parola passa alla mozzafiatante Jessica Rose, che vediamo pronta a centro ring in tutto il suo splendore.

Immagine


JR: Ladies and gentlemen. The following contest, scheduled for one fall, is a Second Round Match for the TWC World Heavyweight Championship Tournament!!!

La caldissima platea di Boston rumoreggia dopo l’annuncio, mentre la bella annunciatrice si porta accanto al referee designato per l’incontro, Vincent Good, in attesa dell’ingresso dei lottatori.



Ed ecco risuonare a manetta An Honest Man, forse la theme più bella tra quelle utilizzate dai wrestler della federazione di New York! Pubblico in piedi ad appludire, è arrivato il momento di accogliere nell’arena Travis Miller! Dopo qualche secondo il Child of Ice sbuca sullo stage, raccogliendo letteralmente un’ovazione da parte dei fan accorsi in massa per vedere i propri beniamini.

Immagine


Il wrestler scozzese si ferma in cima alla rampa e si guarda intorno, il volto che traspare concentrazione e fiducia.

JR: Introducing first. Making his way to the ring, weighting 209 pounds and standing 6-feet-2-inch tall. From Inverness, Scotland. He is the Child of Ice... Traviiiiisssss Miiiiilleeeeer!!!!!

Dopo aver annuito brevemente, eccolo scendere lentamente la rampa e una volta arrivato ai piedi del ring, salire i gradoni d’acciaio e irrompere sul quadrato passando tra la seconda e la terza corda.

Immagine


Dopo un breve giro sul ring a osservare la folla esultante, il Child of Ice si appoggia a un angolo, mettendosi a scrutare con uno sguardo gelido lo stage, in attesa dell’ingresso di quello che attualmente è il suo avversario per antonomasia, fin quasi dalla nascita della federazione.

Immagine


Dopo che An Honest Man è sfumata, l’atmosfera del Garden cambia radicalmente non appena le luci diventano intermittenti e una coltre di fumo si alza sullo stage. Come potete vedere dall’immagine che compare sul titantron, è arrivato il momento dell’ingresso di “Superstar” Sigfried Jaeger!



Ecco partire a manetta Cry of the Black Birds, la violenta theme del Corvo di Ravensburg, che copre la reazione violenta dei fan in previsione dell’arrivo di Sigfried Jaeger. Dopo qualche secondo, vediamo il Monster Hunter sbucare fuori dalla coltre di fumo grigio.

Immagine


Sigfried, con indosso la solita felpa Adidas, non bada ai fischi dei tifosi e fa la propria taunt direttamente davanti alla videocamera, poi si ferma a osservare da lontano il ring e Travis Miller, che lo aspetta. Accanto al Corvo, un attimo dopo, fa la sua comparsa Brunild Wagner, la Valkyria della TWC, che in assenza di Gunther Schmidt, si è accollata l’onere di portare i rifornimenti di birra a bordo ring.

Immagine


L’Armbreaker, in jeans, maglietta, e felpa con cappuccio abbassato, si affianca al Corvo, squadrando con un gelido sguardo l’arena. Subito dopo i due membri della Bruderschaft Der Krahe Incorporated scendono la rampa, ignorando le offese del pubblico di Boston, parte dei quali di chiare origini irlandesi e perciò in cerca di vendetta per alcuni fatti accaduti a Dublino al termine del mitico TWC European Tour.

JR: And his opponent. Accompained to the ring by “The Armbreaker” Brunild Wagner. Weighting 215 pounds and standing 6-feet-3-inch tall. From Ravensburg, Germany, representing the Bruderschaft Der Krahe Incorporated and The Fox’s Army. He is the Best from the West... Sigfriiiiieeeeed Jaeeeeegeeeeer!!!!!

Una volta arrivati ai piedi del ring, il Corvo e la Valkyria si sussurrano qualcosa dandosi in cinque, poi Brunild se ne va di gran carriera verso l’area di commento, dove prende posto accanto al time keeper. Sigfried invece sale sui gradoni ed entra sul quadrato con circospezione, tenendo d’occhio Travis Miller. Ricordiamo infatti quanto siano tesi i rapporti tra i due wrestler. L’odio che pareva essersi temporaneamente sopito dopo il grande Main Event di War of Change, puntualmente è riesploso non appena i due son stati sorteggiati l’uno contro l’altro nel torneo. Basti pensare alla rissa di due settimane fa, con un Miller che ha aggredito Jaeger dopo le parole sprezzanti espresse dal tedesco a Dublino nei confronti dello scozzese.

Immagine


Ecco ora Vincent Good prendere carico delle operazioni in attesa dell’inizio del match. Dopo aver fatto un altro paio di volte la sua plateale taunt, Sigfried si toglie la felpa, la passa a un addetto che la ripone, e si mette a studiare l’avversario all’angolo opposto.

Immagine


Nel frattempo Jessica Rose, una volta scesa dal ring, viene costretta a sedersi accanto a Brunild Wagner, che le mette una birra in mano, dicendole poco gentilmente di bere alla loro salute. Ci siamo, tutto è pronto per l’inizio di questo attesissimo incontro dai molteplici interessi. Sigfried Jaeger per la rivincita su Miller dopo War of Change e per portare in vantaggio la Fox’s Army nel torneo. Travis Miller per chiudere una volta per tutte il conto col tedesco e per diventare il secondo membro dello State of Anarchy ad approdare alle semifinali di Night of Gold. Ma soprattutto entrambi per continuare il loro sogno di diventare il TWC World Heavyweight Champion inaugurale della federazione. Dopo che entrambi i wrestler han dato il loro assenso al referee Good, questi fa un segno inequivocabile al time keeper. Triplice suono della campanella, Sigfried Jaeger vs. Travis Miller II può finalmente iniziare!!!


TWC World Heavyweight Championship Tournament: Second Round

“Superstar” Sigfried Jaeger vs. “The Child of Ice” Travis Miller II


Spoiler:


Mentre il pubblico rende l’atmosfera ancora più incandescente con cori e grida, Jaeger e Miller cominciano a camminare in cerchio sul ring, studiandosi alla distanza per molti secondi. Eccoli finalmente avvicinarsi e chiudersi nel Clinch iniziale. Entrambi spingono al massimo delle loro forze. Nessuno vuole cedere per primo l’iniziativa all’avversario. Dopo alcuni secondi interminabili, i due sciolgono la presa e si fissano per un istante. Altro giro di studio e altro Clinch. Ancora una volta nessuno cede di un millimetro, finchè alla fine è Miller che ha la meglio, riuscendo a prendere il braccio sinistro dell’avversario e girandolo dietro la schiena del Corvo con una chiave articolare. Sigfried fa una smorfia di dolore, si batte la spalla sinistra con la mano destra, dopo di che eccolo tentare di liberarsi con una capriola. Reverse del tedesco, che con due mani gira il braccio destro di Travis e prova a chiuderlo per un improvviso Deutsche Legsweep. Ma il Child of Ice si oppone con forza, strattonando il Best from the West e mandandolo alle corde. Il Corvo rimbalza e una volta tornato a centro ring finisce preda di un violento Shoulder Block!

Immagine


Sigfried sembra accusare il colpo, eccolo rotolare di proposito fuori dal ring e mettersi a camminare nervosamente avanti e indietro in zona di commento. Qui si fa dare un sorso di birra da Brunild Wagner. I due iniziano a parlottare tra loro mentre i fan li bersagliano di fischi. Ma Travis Miller è tutt’altro che interessato a perdere tempo. Il Child of Ice salta giù dal quadrato e si avvicina pericolosamente ai membri della BDK. Brunild arretra alzando le mani pacificamente, mentre Sigfried si dà alla fuga, inseguito da un imbufalito Miller. Il tedesco si tuffa sotto la prima corda, si rialza e non appena il Child of Ice torna sul ring seguendolo a ruota, lo aggredisce a pugni e calci. Travis si difende come può, finché Jaeger non prova a chiuderlo nella letale Gegen Monstrum. Serie di gomitate da parte del Child of Ice, che si libera. Irish Whip di Miller. Reverse di Sigfried che manda l’avversario a rimbalzare alle corde. Travis evita un tentativo di Bruderschaft Kick e prosegue la sua corsa. Altro rimbalzo e tentativo a metà tra una Clothesline e una Cut Down to Size da parte dello scozzese, anche questa abortita perché il Best from the West evita l’appuntamento abbassandosi e lanciandosi a sua volta alle corde dall’altra parte. I due rimbalzano e finiscono per collidere violentemente a centro ring. Double Clothesline!

Immagine


Entrambi i wrestler finisco a terra tra gli applause del pubblico. Come vediamo il danno riportato da entrambi non è così importante. Sigfried e Travis si rialzano dopo pochi istanti e si scrutano malamente a vicenda. Il tedesco dice qualcosa ad alta voce allo scozzese. Tutti e due avanzano fino a portarsi faccia a faccia tra grida, esultanze e cori del pubblico caldissimo. Eccoli arrivare fronte contro fronte e inscenare un vero e proprio scambio verbale di vedute, mentre entrambi si spingono con la testa. E la battaglia ricomincia improvvisamente con un terribile scambio alternato di pugni! Ecco che Miller sembra avere la meglio, eccolo respingere un pugno di Sigfried e rispondere con un pugno. Altra parata e risposta, seguita da una terza. Jaeger barcolla, poi però replica con un violento Deutsche Uppercut, riequilibrando la situazione. Altro Deutsche Uppercut da parte del tedesco, che poi arretra di qualche passo e tenta un’immediato Blitzkrieg! Ma Travis riesce a evitare la finisher di Jaeger, tanto pericolosa, quanto facile e improvvisa da usare. Calcione di Miller allo stomaco del Best from the West, che poi viene abbrancato e rovesciato alle spalle dello scozzese!

Immagine


Freeze! messo a segno! Jaeger resta intrappolato a terra, conto dell’arbitro... 1... Kickout da parte del Monster Hunter, che tenta subito di rialzarsi. Miller è più lesto e prova a connettere un Frost Bite, ma il tedesco risponde scuotendosi e liberandosi con una gomitata. Una volta scivolato alle spalle di Travis, il Corvo lo chiude con una presa al collo e lo stende con un preciso Willkommen! Schienamento improvviso da parte di Jaeger... 1... Ma Travis alza un braccio poco dopo il conto di uno. Sigfried allora rialza l’avversario rapidamente e tenta di abbrancarlo. Reazione da parte di Miller, che si libera e tenta una Clothesline. Schivata da parte di Jaeger, che blocca da dietro il Child of Ice e lo abbatte al tappeto con un Bruderschaft Suplex! Che botta per Travis, che rotola tenendosi la nuca. Il Corvo, sentendosi in vantaggio, guadagna fiducia. Eccolo riprendere Miller e lanciarlo violentemente a un angolo con un Irish Whip. Subito dopo il tedesco prende la rincorsa e gli balza addosso per un braccio teso. Ma lo scozzese risponde con un’improvvisa gomitata, che manda l’avversario a barcollare all’indietro. Travis allora afferra Sigfried e lo sbatacchia addosso al turnbuckle con un perfetto Regret!

Immagine


Sigfried finisce a terra dimenandosi. Ma il suo avversario decide di non perdere tempo per un pinfall. Eccolo passare sotto la terza corda e salide dall’apron sul paletto. Tra l’esultanza dei fan, l’allievo di Gorislav Kowalczyk si porta in precario equilibrio sulla terza corda. Dopo di che spicca il balzo e atterra sul Best from the West con un perfetto Diving Foot Stomp! Che dolore per Sigfried Jaeger! Ecco ora un nuovo tentativo di pinfall da parte di Miller... 1... 2... No! Sigfried si scuote ed effettua il kickout sul conto di due. Travis allora afferra per la testa l’avversario, tirandolo su a sedere e inizia a colpirlo violentemente alla schiena con la sua Obsession. Il pubblico rumoreggia ed esulta per ogni ginocchiata che si abbatte sulla schiena del tedesco. Dopo un ultimo colpo, Jaeger finisce per dimenarsi a terra dal dolore. A questo punto il Child of Ice ne approfitta e torna ad arrampicarsi alle corde. Una volta in piedi sulla terza corda, Miller prende le misure. E’ tempo di Sacrifice! Eccolo saltare per l’Headbutt...

Immagine


A segno con successo! Subito dopo, nonostante il danno autoinflitto per la testata, Miller tenta lo schienamento... 1... 2... No!!! Kickout di Jaeger, ancora una volta. Il Best from the West rotola via lentamente e cade giù dal ring, mentre Travis si alza e discute col referee Vincent Good. Vediamo intanto Brunild Wagner alzarsi e incitare il compagno di stable a riprendersi. Ma ecco che Travis scivola giù dal ring e si avvicina, intimando la Vlakyria a togliersi dai piedi. L’Armbreaker fronteggia per un attimo il Child of Ice, poi arrestra esibendo il suo solito, gelido sorriso. Miller procede ad abbrancare Jaeger, andando per l’Irish Whip verso i gradoni. Reverse improvvisa da parte del Best from the West, e Travis finisce col travolgere gli scalini d’acciaio impattando con la spalla! Jaeger barcolla accennando un sorriso, dopo di che afferra l’avversario e lo getta direttamente addosso al tavolo di commento, mandandolo a finire contro Jacob Price e Michael Campbell, che finiscono per cadere dalle proprie sedie! Fischi per il Corvo, che vediamo poi rotolare sotto la prima corda, rialzarsi dentro il ring e incitare l’arbitro a contare fuori Travis! 1... 2... 3... 4... 5... Vediamo Miller che si tira su a fatica... 6... 7... Eccolo barcollare fino all’apron... 8... E alla fine riuscire a tornare sul ring evitando una clamorosa sconfitta per count out. Sigfried però non gli dà tregua, e una volta bloccatolo prendendolo per il collo, lo proietta a terra con una Loki’s Tie!

Immagine


Altra grande mossa del match, e altro schienamento! 1... 2... No! Il Child of Ice alza una spalla! A questo punto è Sigfried a decidere di salire sulle corde. Fischi del pubblico mentre il tedesco sale sul paletto e si alza in precario equilibrio. Jaeger fa la sua taunt, è in arrivo una Twilight of the Thunder God. Ma Miller inizia a rialzarsi, per cui Sigfried cambia tattica, aspetta che Travis sia in piedi, e poi lo travolge con un violentissimo Panzerfaust! Il Child of Ice finisce per sbattere la schiena a terra, curvarsi e terminare il volo all’indietro a faccia in giù. Il Monster Hunter si mette a sedere e fa una faccia soddisfatta, dopo di che si alza e si appoggia a un angolo prendendo le misure sull’avversario che nel frattempo inizia a dare segni di vita. Travis si tira su ignaro del pericolo, quando ecco partire Jaeger. Tentativo di Nibelungen Nacht da parte del Monster Hunter! Mancato! Travis schiva la mossa e prova un German Suplex prendendo da dietro l’avversario. Serie di gomitate da parte del tedesco, che si libera e prova a chiudere lo scozzese nella Gegen Monstrum! Ma Travis si libera con una testata e spinge alle corde l’avversario, dopo di che lo afferra e lo schianta a terra con un Frost Bite!

Immagine


Il wrester allenato nella temibile Zanna Glaciale di Gorislav Kowalczyk mantiene chiusa solidamente la presa, tenendo schiena a terra il Best from the West! E l’arbitro conta... 1... 2... No! Kickout da parte di Sigfried, che riesce a liberarsi all’ultimo istante. Travis Miller non si dà per vinto, dopo aver rifilato un paio di schiaffi alla testa dell’avversario, eccolo lavorare sulle sue gambe, incrociandole. Sta preparando una delle sue specialità, la Grief! Jaeger se ne accorge, e dimenandosi come un corvo impazzito, trova la forza di aggrapparsi alla prima corda. Miller tenta comunque di chiudere la mossa di sottomissione, ma ben presto viene ripreso da Vincent Good, che lo conta... 1... 2... 3... 4... Il wrestler di Inverness scuote il capo, si rialza e discute con il referee, mentre Sigfried striscia via e si tira su all’angolo. Il Child of Ice corre verso di lui, ma con astuzia Jaeger si sposta e con uno sgambetto lo manda ad impattare sul turnbuckle. Travis barcolla e si gira, al ché il Corvo gli blocca nuovamente il collo, effettua una rotazione alle sue spalle, e lo abbatte violentemente rifilandogli una delle sue mosse più pericolose, l’Oden’s Blade!

Immagine


Altro colpo, altro conteggio. Ecco infatti Jaeger girare Travis, caduto a pancia in giù, ed effettuare lo schienamento... 1... 2... e 3! No! Il Child of Ice allunga una gamba e l’appoggia alla prima corda sotto lo sguardo vigile del referee! Sigfried si rialza e prende a male parole il povero Good, che altro non fa che il proprio dovere. A questo punto il Best from the West fa segno platealmente che è finita, arretrando mentre scalda il braccio destro roteandolo tra i fischi del pubblico bostoniano, totalmente schierato per il membro dello State of Anarchy. Mentre il mai domo Child of Ice si aggrappa alle corde rialzandosi, il Corvo prepara il Blitzkrieg. Eccolo finalmente partire per colpire Travis... Ma quest’ultimo schiva per un soffio la mossa letale del tedesco, lo colpisce con un calcio allo stomaco facendogli perdere il fiato, dopo di che eccolo abbrancarlo e schiantarlo a terra con la sua Fear! Che mossa da parte del wrestler scozzese, che però non intende dare tregua al pericolosissimo avversario in difficoltà. Eccolo usare le energie rimaste per sollevare Jaeger e caricarselo in spalla. E’ tempo di Frost Bite. Travis parte di corsa verso un angolo, schiantandovi di schiena il Corvo, dopo di che completa il tutto con la Powerslam!

Immagine


Una volta che il Frost Bite è completo, il wrestler proveniente dalla Zanna Glaciale procede al pinfall tra gli applausi dei fan. Vincent Good si butta a terra e conta... 1... 2... No! Altro conteggio interrotto da parte di Sigfried Jaeger che all’ultimo si scuote, salvandosi. Anche Miller comincia a essere frustrato. Eccolo dire qualcosa a Jaeger, dopo di che rialzarlo e metterlo in posizione di Powerbomb. Vuole tentare di mettere il Corvo in gabbia con la Helplessness. Sollevamento da parte Travis, ma Jaeger si scuote ancora una volta come impazzito e atterra alle sue spalle. Miller si gira... E si ritrova un calcione stampato in faccia! Hunter’s Kick disperato a segno! Il Child of Ice finisce giù a tenersi la mascella, mentre Jaeger ha tempo di riprendere il fiato. Dopo alcuni secondi, il Best from the West torna in azione, rialza Travis e lo lancia alle corde. Vuole provare a chiudere col Valhalla Rising! Ma Miller riesce a bloccare il tedesco prima di essere lanciato in aria. Tentativo immediato di Frost Bite! No, gomitate seguite da un Deustche Uppercut da parte del Corvo, che ora blocca un braccio dietro la schiena dell’avversario, intrappolandolo. Ahi, Travis è in grave pericolo! Jaeger procede con forza bloccando il collo dell’avversario, poi incrocia una gamba con la sua. E lo schianta faccia a terra!

Immagine


Gegen Monstrum! Gegen Monstrum a segno! Dopo aver effettuato la mossa micidiale, Sigfried procede al conteggio decisivo. 1... 2... No! Kickout di Miller! Per un ciuffo d’erba! Un furioso Jaeger rifila un paio di colpi gratuiti al corpo dell’indomito avversario, rifiutando quanto successo, poi lo copre di nuovo, bloccandogli a forza entrambe le braccia. 1... 2... No! Travis sfrutta le gambe dandosi la spinta per rompere anche questo tentativo di Pinfall. Il Monster Hunter scuote il capo. Eccolo rialzarsi ed afferrare per il collo Travis, tirandoselo su. Dopo di che, il tedesco da il via a una delle sue mosse più terrificanti, la Nibelungenlied! Dopo una serie di rotazioni, il Corvo sbatte ancora di faccia a terra il roccioso scozzese, dopo di che cambia strategia. Eccolo infatti alzarsi, afferrare una gamba del Child of Ice, bloccarla e poi gettarsi sull’avversario che sta a faccia in giù, tentando di chiuderlo nell’Untersuchung. Travis tenta di reagire ma è troppo tardi. Sigfried blocca la testa dell’avversario e avvia la micidiale pressione della sua mossa di sottomissione preferita!

Immagine


Il Child of Ice si trova subito a mal partito, mentre il pubblico si inalbera gridando a gran voce il suo nome, cercando così di spronarlo a reagire. Ecco Travis che cerca disperatamente di strisciare verso le corde. Jaeger intanto scoppia a ridere e gli urla di cedere. Niente da fare, il wrestler scozzese non demorde e tra gli applausi si avvicina di più alla salvezza. Ma Sigfried a questo punto usa tutte le energie per aumentare la pressione dell’Untersuchung. Sembra quasi voglia spezzargli il collo! Miller si blocca a un passo dalle corde. Non reagisce, eppure manca solo un ultimo sforzo. Il Corvo grida al referee di dargli la vittoria. Vincent Good va a controllare, pronto a interrompere tutto... Ma con un ultimo sforzo, Travis brucia le energie residue e riesce ad agguantare la prima corda! Sospiro di sollievo da parte dei fan! Frustrazione enorme da parte di Jaeger, che dopo essere redarguito dal referee, molla la presa e trascina il Child of Ice a centro ring, con tutta l’intenzione di riprendere con l’Untersuchung. Ma attenzione, reazione di Miller, che afferra il tedesco, facendogli perdere l’equilibrio e chiudendolo in un’Inside Cradle!

Immagine


Il Best from the West si dimena, mentre il referee si tuffa e conta immediatamente! 1... 2... e 3! No!!! Stavolta il tedesco si è trovato a un soffio dalla beffa! Eccolo rialzarsi più rapidamente di Travis, fare qualche passo indietro e tentare di tramortirlo con la Stay Down! Ma lo scozzese si sposta, rialzandosi alle spalle del tedesco che ha quasi perso l’equilibrio, dopo di che tenta un’improvvisa Failure! Sigfried però fiuta il pericolo e si libera immediatamente. I due iniziano allora a colpirsi al volto senza risparmiarsi, col pubblico che esulta per ogni pugno di Travis messo a segno, e invece fischia ogni colpo del Best from the West. A un certo punto sembra avere la meglio Sigfried, che afferra Miller e lo lancia alle corde. Il Child of Ice rimbalza, schiva un tentativo di Bruderschaft Kick, rimbalza nuovamente alle corde, e travolge Jaeger con la Cut Down to Size! Il Corvo finisce immobile a terra, mentre Travis lentamente rotola via, allontanandosi. Eccolo sfruttare le corde per tirarsi su. E’ in piedi, mentre Sigfried, in difficoltà, a fatica inizia a tirarsi su. A questo punto Miller annuisce e prende la rincorsa. Vuole chiudere il match con la Redemption!

Immagine


E va a segno tra l’esultanza generale! E’ fatta! Il wrestler di Inverness, rimasto a terra per la stanchezza, striscia verso l’avversario tramortito. E infine lo copre appoggiando un braccio sul suo petto. Ed ecco il conteggio decisivo! 1... 2... e 3! No!!!!! Con un’ultima stilla d’energia, Jaeger alza una spalla! Incredibile! Delusione da parte dei fan di Boston, mentre Brunild Wagner, preoccupata, tira un sospiro di sollievo dopo essersi alzata in piedi e aver gettato via la birra. Eccola incoraggiare il Best from the West, che debolmente striscia verso le corde. Il Child of Ice si mette a sedere e guarda il referee facendo ripetutamente il gesto del tre con le dita. Ma Good scuote il capo rispondendo con un due. A questo punto il wrestler di Inverness si rialza puntando il tedesco e alzando platealmente il gomito destro. Vuole rubargli la finisher! Mentre il pubblico rumoreggia, Travis Miller carica la mossa in attesa che Jaeger sia in piedi e si giri. Eccolo farsi vicino al tedesco e poi andare di Blitzkrieg...

Spoiler:
Ma appena girato, Sigfried spara a sua volta un’improvvisa Blitzkrieg... E RIESCE AD ANDARE A SEGNO UN ATTIMO PRIMA DEL CHILD OF ICE!!!

Immagine


Travis Miller barcolla in piedi dopo il devastante impatto! Sembra di rivivere a parti invertite i momenti cruciali del Main Event di War of Change. E per Jaeger questa è l’occasione che attendeva da inizio match! Eccolo abbrancare quello che sul campo finora si è sempre rivelato come l’avversario più ostico in questa avventura in TWC. E dopo averlo sollevato sopra la spalla, lo schianta al suolo con una tanto nuova quanto spettacolare mossa!!!

Immagine


E RAGNAROK SIA!!! Mentre l’arena si ammutolisce per la tensione, Sigfried riesce a girare il Child of Ice tramortito e stancamente lo copre mentre Vincent Good conta... 1... 2... e 3!!!!!!!!!! E’ FINITA! E’ FINITA! QUESTA VOLTA SIGFRIED JAEGER L’HA SPUNTATA, RIUSCENDO AD AVERE LA MEGLIO AL TERMINE DI UN BELLISSIMO INCONTRO RIMASTO INCERTO FINO ALL’ULTIMO ISTANTE!

JR: The Winner of this Match: Sigfriiiiieeeeed... Jaeeeeegeeeeer!!!!!

Dopo due mesi di sole parole, Sigfried Jaeger riesce a scacciare anche con i fatti i fantasmi di War of Change, cogliendo una vittoria importantissima ai danni di un granitico Travis Miller, che conferma comunque la propria aura di pessimo cliente per chiunque. Vediamo ora Corvo di Ravensburg, provatissimo, mettersi in ginocchio e accennare un primo sorriso di compiacimento.



Mentre nell’arena risuona la theme degli Amon Amarth, a coprire i fischi e la delusione dei fan, il referee Vincent Good attende che Jaeger si metta in piedi, dopo di che alza il suo braccio al cielo. Un attimo dopo, però, il Best from the West si stacca bruscamente e arretra lentamente verso le corde tenendosi un braccio sul corpo contuso e gridando qualcosa ad alta voce nei confronti di un Travis Miller che lentamente si sta trascinando verso un angolo.

SGF: This is my world, Travis! My World!!!

Dopo di che il tedesco passa dale corde e scende dal quadrato, dove viene accolto da una sorridente Valkyria. I due si danno il cinque, e mentre Brunild grida la sua solita catchphrase al pubblico, irridendo molti fan, eccoli dirigersi verso la rampa. Dopo aver fatto segno che mancano due match al traguardo di una carriera, Jaeger fa chiaramente segno che sarà lui il primo TWC World Heavyweight Champion.

Immagine


Infine il Best from the West risale la rampa lentamente, con uno sguardo torvo, fino a scomparire nel backstage scortato da Brunild Wagner. Dal canto suo, Travis Miller, resta seduto a un angolo, alternando qualche smorfia di dolore a sguardi che trasmettono pura rabbia. Non solo per l’occasione persa, ma soprattutto per averla ceduta a una delle persone che più disprezza. Per le prossime settimane non possiamo aspettarci altro che un Travis Miller particolarmente furioso e in cerca di vendetta. Visto che non sarà alle finali del TWC World Heavyweight Championship Tournament, con tutta probabilità riverserà la propria rabbia sulla missione che lo State of Anarchy persegue da molto tempo, ovvero la distruzione del regime di Fox Olon e della sua Army.


Insomma, ne vedremo proprio delle belle. Per quanto riguarda il torneo, con la vittoria di Sigfried, la Fox’s Army porta a due il numero di membri che staccano il biglietto per le finali di Night of Gold. A questo punto diventa particolarmente decisivo il match tra Leon Black e Christophorus Schmidt, perché un’eventuale vittoria del secondo costringerebbe lo State of Anarchy a riporre le proprie speranze nel torneo sul solo Michael Edwards, con l’eventuale rischio di una finale tra soli membri della stable al servizio della Volpe della TWC. Ma lasciamo da parte le supposizioni e le ipotesi, poiché a breve il Main Event della serata ci toglierà ogni dubbio. Noi intanto, sulle immagini di un comunque applaudito Travis Miller che risale la rampa, andiamo puntualmente in pubblicità. Restate con noi, perché Friday Night Indoor War continua! Don’t. Change. The Channel!

Spoiler:
Immagine






Up Next: Simon B vs The Gaty


Top
 Profilo  
Rispondi citando  

Re: TWC - Friday Night Indoor War
MessaggioInviato: 14/08/2015, 14:55 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: 26/04/2011, 12:11
Messaggi: 10597
Località: Il topic su che gel usa CM Punk
Siamo giunti ad un match atteso da settimane: Simon Bosiko contro The Gaty! Il match doveva tenersi durante lo scorso Indoor War, ma B ha assaltato nel backstage il suo avversario proprio pochi secondi prima che esso potesse andare in scena. Questa volta gli addetti si sono occupati di tenere a debita distanza i due, per evitare altri episodi di questo tipo. Ecco che risuona la nuova ed inedita theme di B!



ImmagineImmagine


Eccolo che arriva, sempre odiato e sommerso dai fischi, il nativo di Miami che fa spallucce e si dirige verso il ring sicuro di se accompagnato dal "nuovo" Finn Wheelan che lo applaude ed incita il pubblico a venerarlo. B ha già portato a casa la qualificazione al match per il TWC 15 Championship durante la serata ed è già affaticato, per questo dovrà stare attento durante questo match contro il riposato Gaty...



Immagine


… Che arriva proprio in questo momento sullo stage, esultando come al solito e mandando in delirio il pubblico. Il Texano percorre la rampa dando il cinque ai fan delle prime file, si ferma a guardare Rebecca tra le prime file! Poi entra sul ring e si gasa sul paletto... ma Bosiko lo attacca alle spalle e l'arbitro fa suonare la campana!

THE GATY VS SIMON BOSIKO


Furia di pugni e calci su Gaty che non si aspettava l'attacco alle spalle di B che adesso rialza l'avversario e lo blocca al paletto, serie di Chop veloci, poi Simon prende una rincorsa... e colpisce con una Clothesline! Gaty sbatte contro l'angolo e poi ricade per terra, B lo schiena: 1...e Gaty esce. Bosiko rialza l'Hall Of Famer e lo alza per una Bodyslam, ma Gaty si libera e cade alle sue spalle, B si gira e viene mandato fuori dal ring con una Clothesline. L'MCG sul ring si gasa mentre Bosiko fuori sbatte un pugno per terra, ecco che Gaty esce dal ring... e Bosiko scappa dall'altro lato! The Gaty si mette a rincorrerlo intorno al quadrato, Simon rientra su esso e approfitta del piccolo vantaggio per colpire Gaty ancora chinato per passare sotto la prima corda, gomitate alla schiena, Irish Whip e poi al rebound Who You Wanna B colpisce l'avversario con un Dropkick. Schienamento, ma Gaty esce ancora all'uno. B mette in ginocchio il Most Cool Guy che però lo colpisce con svariati pugni allo stomaco facendolo allontanare, Gaty si rimette in piedi e carica Simon con una Lou Thesz Press. B si protegge il volto con gli avambracci ma l'Hall Of Famer colpisce duro e riesce a togliere le difese a Simon, pugni al volto, l'arbitro va a richiamare Gaty che sta colpendo a mano chiusa. Il texano lascia Bosiko e si rialza, poi lo colpisce con vari pestoni al corpo e alla testa. Adesso Gaty sale sul paletto... Flying Elbow Smash!

Immagine


Schienamento: 1...2, e B esce. Il Who You Wanna B tenta di rotolare fuori dal ring ma Gaty lo riprende, lo solleva, Deadlift German Suplex. Simon si tiene il collo, Gaty lo rialza nuovamente, gli tira un ceffone, poi Gut Kick e Snap DDT. Schienamento: 1...2 e B esce ancora. L'MCG scuote la testa e tira un altro ceffone a Simon ancora stordito a terra. Il pubblico esulta per Gaty che pur con la scorrettezza iniziale di B ha ripreso in mano il match con ferocia. La Leggenda rialza B, Irish Whip e poi Atomic Drop, seguito da uno Spinning Kick. Simon cade in ginocchio ma gattona via verso l'angolo e si rialza, Gaty lo carica ma Bosiko riesce a respingerlo con una gomitata, poi Enzeguri Kick da parte del Divo. B sfrutta il tempo in cui Gaty è a terra per rifiatare, stanco, poi solleva Gaty e corre verso l'angolo, Buckle Bomb!

Immagine


Ancora secondi di riposo per B. Simon sale sul paletto... ma Gaty si rialza immediatamente, con un balzo salta sulla seconda corda, Superplex!

Immagine


Schienamento: 1...2... Ma Bosiko fa kick-out! Gaty batte un pugno sul tappeto. Simon striscia fino alle corde e le usa per rimettersi in piedi, l'MCG lo carica ma il Who You Wanna B abbassa la terza corda e Gaty cade fuori dal quadrato. B si gasa e chiama il Suicide Dive, corre contro il lato opposto del ring ma fuori Gaty alza una gamba per un Superkick, pensando di vedersi Simon arrivare addosso. B tuttavia si ferma prima di lanciarsi, scuote la testa ridendo e si butta con uno Springboard Splash! I due rimangono stesi fuori dal ring, mentre l'arbitro inizia a contare: 1...2....3....4...B si rialza, usando le barricate come sostegno, poi ritorna sul ring...6. Bosiko vuole vincere per count out! Siamo al conto di sette, ma Gaty si sta rialzando, lentamente...8...9...e Gaty rientra sul ring! B lo assalta, Simon Says!

Immagine


Schienamento: 1...2..e Gaty esce. Simon riprende Gaty, lentamente, per via della fatica... ma quest'ultimo lo spinge via, GATYSTUNNER! GATYSTUNNER! FROM OUTTANOWHERE!

Immagine


Schienamento: 1...2..3NO! Bosiko esce! Gaty è incredulo, va all'angolo e inizia a battere il piede mentre B, lentamente, si rialza. Gaty parte, GatyKick! Ma attenzione! B si abbassa e Gaty colpisce l'arbitro che era dietro di lui! L'MCG si accorge dell'errore e si mette le mani nei capelli... e da dietro Bosiko lo colpisce con un Low Blow! Whispers In The Grudge!

Immagine


B chiama un altro arbitro, poi si getta a schienare: 1...2...NO! Gaty esce! B strabuzza gli occhi, poi va a lamentarsi dall'arbitro, gli ripete che era un conto di tre...e Bosiko lo stende con una Clothesline. Il nativo di Miami viene fischiato dalla folla ma non se ne cura, esce dal ring e fruga sotto di esso, tirando fuori una sedia. Il Who You Wanna B rientra dentro lo squared circle con le peggiori delle intenzioni, alza la sedia e prova a colpire Gaty che si è rimesso in piedi... ma Gaty si abbassa, GatyKick sulla sedia che colpisce il volto di B!

Immagine


Gaty va a schienare, l'arbitro originale del match si è ripreso: 1...2...Piede sulla corda di Simon! Assurdo! Gaty si mette le mani nei capelli, è assurdo. Il Most Cool Guy torna sul paletto... si gasa... si butta con un secondo Flying Elbow Smash! Ma B si sposta! Il Who You Wanna B si rialza, si getta alle corde... WANNABE!

Immagine


Schienamento: 1...2...3! Bosiko chiude il match!

Spoiler:
JR: The Winner Of This Match...Siiiiimoooon B!


Il nativo di Miami però non è soddisfatto e continua ad assaltare Gaty ancora per terra, aiutato da Finn Wheelan. La campana suona più volte ma i due bibanti non hanno alcuna intenzione di fermarsi...



Immagine


Attenzione, risuona la theme dello State Of Anarchy! Andy Moon arriva a corsa dallo stage con una sedia e Bosiko e Finn scappano fuori dal quadrato, Simon scavalca le barricate mentre Finn gli copre le spalle, per poi seguirlo a ruota! Andy si sincera delle condizioni di Gaty mentre noi andiamo in pubblicità.

Up Next: The maaaaain event!


Top
 Profilo  
Rispondi citando  

Re: TWC - Friday Night Indoor War
MessaggioInviato: 14/08/2015, 14:59 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: 26/04/2011, 12:11
Messaggi: 10597
Località: Il topic su che gel usa CM Punk


E al ritorno dalla pubblicità veniamo accolti dalla musica di ingresso di Christophorus Schmidt, segnale che è tempo del Main Event della serata! Il tedesco compare sullo stage, sguardo concentrato ed espressione corrucciata, silenzioso come al suo solito.

Immagine


Diversi fischi per il lottatore, che però pare non curarsene e si avvia verso il ring.

JR: Introducing first, coming down the ramp, from Berlin, Germany, he stands 6-feet-3-inches tall, weighing 224 pounds, representing the Fox’s Army, he is the Hunter, Christophorus Schmidt!

Il tedesco raggiunge finalmente il ring, dove sale passando sopra la seconda corda, e poi inizia a saggiare l’elasticità delle corde, rimbalzandoci qualche volta sopra. Finalmente si ferma al centro del ring e osserva Jessica Rose, per poi muoversi verso un angolo.



Black compare sullo stage, tenuta da combattimento e maglietta dello State of Anarchy, sorridente.

Immagine


JR: And his opponent, making his way to the ring, from Chicago, Illinois, he stands 7-feet-2-inch tall, weighing 392 pounds, representing the State of Anarchy, he is the Unglorified Legend, Leon Black!

Il gigante si inginocchia sullo stage, sorridente, tocca il terreno con un dito, poi fa il gesto con la pistola con la mano, lentamente la solleva e la punta verso il ring.

BOOOOOOOOOOOOOOOOOOOM!


Black alza il braccio di scatto, come se avesse sparato e il pubblico urla con lui. Il gigante scatta in piedi e inizia a distribuire cinque e abbracci al pubblico nelle prime file sulla rampa, accompagnato dai cori in suo favore. La Unglorified Legend si avvia a lottare contro Schmitd per l’ultimo posto delle semifinali, dove il vincitore affrontera Michael Edwards. Il gigante infatti si avvicina ai gradoni e non sta più sorridendo, ma anzi si scrocchia il collo mentre sale. Una volta entrato nel ring il wrestler saluta affettuosamente Jessica Rose, per poi sedersi sulla corda per aiutarla ad uscire. Quando la ragazza è uscita il gigante si sposta verso il suo avversario, che a sua volta si muove verso di lui. I due vanno faccia a faccia, squadrandosi. Black dice qualcosa, che non riusciamo a dire, e Schmidt gli risponde. Leon riprende a sorridere ironico, e il tedesco dice ancora qualcosa, con il gigante che ridacchia. Pugno di Schmidt, a cui Black risponde subito. L’arbitro prova a dividerli, ma una volta constatato il fatto di non poterlo fare, da il segnale al timekeeper di suonare la campana.

Christophorus Schmidt vs. Leon Black


Scambio di pugni violento fra i due. Destro di Black, a cui Schmidt risponde con due colpi rapidi. Black barcolla indietro, ma poi blocca un destro con l’avambraccio e risponde con una gomitata. Il tedesco indietreggia confuso, ma riesce a connettere con una testata. L’offensiva del gigante si interrompe subito e Schmidt continua a colpirlo, connettendo un destro al volto, poi un uppercut ed infine una ulteriore testata. Ginocchiata del gigante, seguita da un uppercut. Schmidt deve arretrare, lasciando a spazio ad una serie di pugni, che vengono seguiti da una testata. Schmidt arretra tenendosi il naso e urla qualcosa contro Black in tedesco, che gli risponde nella stessa lingua. Gomitata del tedesco, e risposta del gigante. I due barcollano leggermente, e Christophorus sfruttando il momento colpisce il suo avversario con una gomitata sul collo. Black indietreggia e Schmidt continua a colpire il gigante con una serie di pugni al volto. Black indietreggia fino alle corde e Schmidt prova a colpirlo di nuovo. Colpo parato con una manata del gigante, e poi destro. Schmidt barcolla. Sinistro di Black. Destro. Sinistro. Schmidt indietreggia sotto la raffica di pugni. Sinistro, sinistro, sinistro, destro, sinistro, destro, destro. Il pubblico conta a ritmo dei pugni di Black, che si ferma solo al centesimo. Fury of a Hundred Punches! Schmidt si accascia e Black si controlla le mani, a vedere i danni. Il gigante poi alza il pugno sopra la testa e il pubblico gli tributa un applauso. Black fa un inchino e poi afferra il suo avversario. Headlock. Black apporta pressione sul collo del suo avversario, riprendendo fiato. Schmidt prova a allentare la presa torcendo il polso del gigante, ma il suo avversario stringe la presa e sposta il suo peso sulla schiena del tedesco. A questo punto Christophorus è costretto a cercare un’altra strada. Infatti lentamente striscia verso le corde, ma Black si alza in piedi, tirandosi dietro Schmidt. Improvvisamente il tedesco non tocca con i piedi. Standing Hangman Hold! In to a German Suplex! Schmidt viene sbalzato via e Black si scrocchia di nuovo il collo. Il cacciatore ora è all’angolo, che si sta rialzando.

Immagine


Running Corner Uppercut! Black uncina la gamba del suo avversario. 1…2. No! Schmidt esce subito dello schienamento, e Black lo osserva annuendo. Headlock. No! Schmidt fa leva e manda Black ad impattare di testa contro l’angolo. Il gigante barcolla. Discus Elbow Smash! Black crolla a terra e Schmidt si tiene il gomito. Finalmente il tedesco può riorganizzare i pensieri e getta via i suo occhiali da sole, mezzi rotti. Poi si toglie la giacca, e la camicia. Ora che è a petto nudo si siede sul suo avversario, per prenderlo a pugni in viso, poi gli strappa la maglietta e la getta via. Schmidt, recuperata la calma si massaggia una piccola ferita che ha vicino all’occhio sinistro, poi va a bloccare Black in una Armbar, ma quest’ultimo con una carpiola si libera.

Immagine


Spinebuster di Schmidt, che da una prova di grande forza. Pin. 1…2… No! Black alza la spalla e il German Nightmare dice qualcosa all’arbitro, convinto fosse un tre. Dopo qualche scambio di parole, Schmidt alza Black per la testa e lo lancia alle corde, aspettandolo per il rimbalzo piegato. Jumping Double Foot Stomp! Il gigante salta letteralmente sulla schiena del suo avversario. Black si rialza mentre Schmidt rotola fuori dal ring. Black lo osserva, guarda le corde dietro di se, guarda di nuovo Schmidt, poi si lancia alle corde e connette con il RunAway Dive. I due ora sono a terra, fuori ring, fra i cori del pubblico. Il primo a rialzarsi e proprio Black, che scuote la testa, come a svegliarsi. Il gigante poi solleva il suo avversario e lo porta verso il ring, ma il tedesco improvvisamente lo fa sbattere contro l’apron. Black barcolla e subisce una serie di pugni che lo spingono verso i gradoni d’acciaio. Big Boot di Schmidt, che manda Black ad impattare contro il metallo. Il tedesco poi afferra la testa del suo avversario e la fa sbattere contro l’angolo dei gradoni. L’arbitro nel frattempo ha raggiunto il conto di sei. Schmidt rientra sul ring, facendo segno all’arbitro di accelerare. 7…8…9… Black si tuffa sul ring, accolto subito da un Lariat di Schmidt, che stende il gigante. A questo punto il tedesco prova uno schienamento. 1…2… No. Black esce di nuovo dallo schienamento. Schmidt si gratta la testa, poi solleva il suo avversario e connette una Impaler DDT!

Immagine


Altro schienamento. 1…2… No. Black esce dallo schienamento. Il German Nightmare si alza parlando animatamente con l’arbitro, che indietreggia, convinto del conteggio corretto. Finita la sua sfuriata Schmidt si avvicina a Black, che però da per terra lo colpisce con un calcio e salta in piedi. Lariat di nuovo da parte di Schmidt, che stende il suo avversario. Poi il tedesco si siede sul petto di Black e inizia a prenderlo a pugni. Destro, sinistro, destro, sinistro. Black afferra il collo dell’avversario e inizia a rialzarsi. Schmidt continua a colpirlo con delle gomitate. Requiem! Pin di Black. 1…2… No. Kick Out! Schmidt riesce ad uscire da una delle manovre principali del wrestler. Black si rialza tenendosi alle corde, poi osserva il suo rivale, aspetta che si rialzi e connette una Running Clothesline!

Immagine


Discus Clothesline.

Immagine


Jumping Clothesline.

Immagine


E poi il gigante si arrampica sul paletto, aspetta che il suo avversario si rialzi e lo stende con una Flying Clothesline!

Immagine


Schienamento! 1…2… No! Black pesca dal suo repertorio, ma nemmeno la sua tipica serie di bracci tesi riesce a tenere giù l’avversario. Il gigante si tiene le mani nei capelli, mentre Schmidt si sta rialzando. Tentativo di In Memoriam, ma Schmidt lo evita. Schmidt colpisce l’avversario con un Gut Kick, e va per la Neutralisator, ma Black lo colpisce con dei pugni ai fianchi. Il tedesco è costretto ad abortire il tentativo, e Black connette con la In Memoriam. Schmidt barcolla leggermente, ma poi connette con un altro Lariat. I due crollano a terra, stremati. L’arbitro si avvicina ai due, controllando che stiano bene. Assicuratosene, e visto che si stanno rialzando non fa partire il conteggio. Il primo a rialzarsi è Black, che abbranca il suo rivale e lo chiude in una Bear Hug. Schmidt viene stritolato dall’abbraccio del gigante, ma cerca di liberarsi con una serie di pugni. Black subisce una serie di colpi al volto, ma poi connette con un Belly to Belly Suplex. Schmidt rotola fuori dal ring, tenendosi la schiena. Black osserva il rivale, mentre questi si riprende appoggiandosi alle barricate. Schmidt inveisce contro il gigante e si dirige verso il tavolo di commento. Insultando il timekeeper lo incita a spostarsi, poi prende la sedia su cui era seduto e si dirige verso il ring. La Unglorified Legend guarda il suo avversario con gli occhi socchiusi, mentre quest’ultimo litiga con l’arbitro, che gli sta facendo gesti per dirgli di lasciare la sedia. Il tedesco rientra sul ring sedia alla mano, ma l’arbitro l’afferra e si gira, consegnandola ad un addetto. Black nel frattempo si è avvicinato a Schmidt. Pugno di Schmidt! Black crolla, mentre il tedesco lancia qualcosa di piccolo e brillante fra il pubblico. L’arbitro si gira, mentre Schmidt solleva Black, lo carica e connette la sua Neutralisator!

Immagine


Pin. 1…2…3… 3! Sì! Sì! Sì! Schmidt ottiene il Pin vincente! Schmidt va alle semifinali! Schmidt salta in piedi e festeggia! Il tedesco non ci crede.

Spoiler:
Ma l’arbitro lo ferma ed indica Leon Black, che ha una gamba sulle corde. Schmidt non ci crede e spintona il direttore di gara, facendogli segno di alzargli il braccio. Ma l’arbitro gli dice di no, e gli fa segno di riprendere. Christophorus biascica qualcosa in tedesco, poi si avvicina a Black e lo solleva.

Immagine


Cut-To-Black. Leon sorprende il suo avversario, colpendolo con una manovra di Big Black Boom, poi lo osserva e indica il paletto, che è alla distanza perfetta per provare un Phoenix Splash. Black si arrampica, controlla che il suo avversario sia a terra, prende le misure e…

Immagine


CONNETTE COL PHOENIX SPLASH! PIN! 1…2…3! Sì questa volta davvero! L’arbitro fa segno al timekeeper di suonare la campanella! Black ha vinto il match!

The winner of this match: Leeeeeeeeeeeeeeeeeon Blaaaaaaaaaaaaack!

Il Gigante si mette le mani nei capelli, poi si rialza, tenendosi il viso, su cui si vede chiaramente una ferita sullo zigomo. La Unglorified Legend si strappa via le bende dalle mani e le getta via, appoggiandosi alle corde. Sappiamo quindi i quattro semifinalisti, Fred, Sigfried Jager, Michael Edwards e, alla fine, Leon Black. Il gigante sale sul paletto, alzando il pugno in segno di vittoria.


E sulle immagini del vincitore che ancora sorpreso festeggia, noi vi salutiamo.

Degano,NotOnlyWWE, CM-Cena
Il Capitano, Dims, SimoAF, Straight Edge Savior, Elban Rattlesnake, Christian, Nickjr98, Phil is Wrestling, The Hawk.


Top
 Profilo  
Rispondi citando  

Re: TWC - Friday Night Indoor War
MessaggioInviato: 14/08/2015, 15:03 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: 26/04/2011, 12:11
Messaggi: 10597
Località: Il topic su che gel usa CM Punk
Immagine


Lo show è appena tornato ma le immagini continuano ad andare in onda e ci troviamo nello spogliatoio dove su una delle panche è seduto un mesto Christophorus Schmidt.

Immagine


Schmidt è ovviamente deluso per l'aver perso contro Black e di conseguenza eliminato dal torneo per decretare il primo TWC World Heavyweight Champion.
La porta a un centro si apre e nella stanza entrano Gerald e Ernst Heinrich con il tedesco che scatta subito in piedi.

ImmagineImmagine


CS: Dov'è?

Ernst dalla giacca tira fuori il contratto che una volta firmato farà di Schmidt un wrestler della TDPW, oltre che della TWC.

EH: Eccoti la penna.

Schmidt firma subito il contratto.

GH: Hai fatto la scelta giusta Chris, vedrai che non te ne pentirai.
Presentati mercoledì allo US Airways Center, ti garantiamo che avrai subito il tuo match di debutto.

A questo punto i tre escono dallo spogliatoio e le immagini sfumano.


Top
 Profilo  
Rispondi citando  

Re: TWC - Friday Night Indoor War
MessaggioInviato: 28/08/2015, 18:47 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: 26/04/2011, 12:11
Messaggi: 10597
Località: Il topic su che gel usa CM Punk
Immagine

And Now From Madison Square Garden, New York City, New York, TWC presents Friday Night Indoor War!

Immagine


Immagine

TODAY IS A SPECIAL DAY TO BE A TWC FAN!! Infatti, per la prima volta Friday Night Indoor War, lo show fenomeno, la vera rivelazione per quanto riguarda il panorama del pro wrestling, va in onda LIVE dalla Mecca del wrestling, il prestigiosissimo Madison Square Garden di New York City, New York!! Il pubblico newyorchese mostra tutto il suo tipico e caratteristico calore, intonando cori favorevoli alla TWC, "T-W-C!! T-W-C!! T-W-C!!", e a vari lottatori della federazione, tra cui anche alcuni non proprio amati dalle tradizionali tifoserie, del resto siamo a New York! Dopo i fuochi d'artificio e una bellissima panoramica interna, i nostri due telecronisti, Price e Campbell, ci danno il loro benvenuto direttamente dalla postazione di commento, dicendosi anch'essi elettrizzati e ricordandoci che l'episodio odierno è l'ultimo prima del prossimo special event, Night of Gold, durante il quale avranno luogo le due semifinali e la finalissima del torneo che incoronerà il primo e indiscusso campione del mondo dei pesi massimi! Stanotte, dunque, avremo le ultime dichiarazioni da parte degli ultimi quattro partecipanti al torneo, Sigfried, Fred, Michael Edwards e Leon Black.

Immagine

Le telecamere indugiano ora sul ring, al cui centro si trova Mr. Fox Olon, cittadini newyorchese, che, però, non riceve nessun applauso dalla propria città, bensì solamente fischi, un reazione negativa a cui reagisce prima con atteggiamento serioso, poi col suo solito sorriso, dopodiché, tenendo in mano un microfono, comincia a parlare, aprendo ufficialmente l'attesissimo quindicesimo episodio di Friday Night Indoor War.

FO: Gentilissimi signori, gentilissime signore, spettabile pubblico di New York City, il mio nome è Mr. Fox Olon e sono il general manager di Friday Night Indoor War, il presidente esecutivo e Director of Operations della TWC, il fondatore nonché portavoce della forza più distruttiva che abbia mai calcato un ring di pro wrestling, la FOX's Army, e sono...un New York Guy!!

I fischi da parte del TWC Universe, ora, si intensificano; Fox adesso pare un po' deluso da questa reazione.

FO: Lo so, lo so, dopo quanto successo il 25 luglio dello scorso anno, il rapporto tra me e voi, il mio pubblico, la mia città, la mia famiglia, si è guastato, ma è per questo che ho preso possesso della TWC, è per questo che ho trasformato una compagnia di pro wrestling in declino in una delle più importanti realtà attualmente esistenti, perché possa riconquistarvi ed voi possiate di nuovo tornare a gridare il mio nome, con gioia, entusiasmo, adrenalina...

"YOU SUCK!! YOU SUCK!! YOU SUCK!!", il pubblico continua ad intonare cori contro Mr. Fox Olon, il quale, veramente deluso, finge ora di asciugarsi lacrime inesistenti dai propri occhi, dopodiché riprende la parola.

FO: Pazienza, me ne farò una ragione; comunque sia, non sono qui per parlare di quanto successo quel 25 luglio né per tentare di farvi tornare dalla giusta parte, fatti vostri! Sono qui, invece in veste di presidente di questa compagnia, per sponsorizzare il prossimo evento speciale, Night of Gold, che si terrà tra due settimane, il prossimo 11 settembre, LIVE dallo Staples Center di Los Angeles, California, e che vedrà l'incoronazione del primo ed indiscusso campione mondiale dei pesi massimi della Total Wrestling Corporation!

"YES!! YES!! YES!!", il pubblico accoglie favorevolmente le parole di Mr. Fox Olon, il quale, dunque, annuisce prima di continuare il suo discorso.

FO: Sì, ne vedrete delle belle, davvero! Ci sarà tanto spettacolo, tanto wrestling di qualità, tanti fuochi d'artificio...ma, se volete gustarvi al meglio lo show del prossimo 11 settembre, vi consiglio di lasciare l'arena o spegnere i vostri televisori, perché sto per anticiparvi il risultato che più attendente: nel main event di Night of Gold, nel primo match valido per il TWC World Heavyweight Title, chi vincerà sarà...un membro della FOX's Army!

Ricominciano, a questo punto, i fischi del pubblico e gli insulti, a cui, questa volta, Fox reagisce con atteggiamento divertito.

FO: Già, gentilissimi signori e gentilissime signore, non c'è alcun motivo per cui pensare che dal prossimo special event uscirà col titolo alla vita l'ex "dio" Leon Black o il figlio di papà Michael Edwards, nossignore; chi abbandonerà Los Angeles, la città delle star, da vera superstar e con il prestigiosissimo alloro tra le mani, sarà uno dei miei uomini, "The German Superman", "The King of Pro Wrestling", "The German Submission Machine", "The Perfect Wrestling Machine", "The Future Legend of Pro Wrestling", Fred Franke oppure Sigfried Jaeger...la sfida si riduce a questi due ultimi nomi, e, badate bene, la mia non è una previsione, no, il mio è uno SPOILER!

Altra valanga di fischi contro Mr. Fox Olon il quale, però, continua imperterrito il proprio discorso, l'ennesima celebrazione della sua creatura, la FOX's Army.

FO: Il mio Fred e Sigfried sono i maggiori rappresentanti del wrestling che ho cercato, riuscendoci, di mettere in pratica all'interno della MIA compagnia, quel wrestling duro, spettacolare, aggressivo, acrobatico, non proprio di saltimbanchi, ma nemmeno di quegli energumeni, quei grassoni che fino all'anno scorso andavano tanto in voga nelle federazione di questo sport...no, il mio wrestling è quello di Fred, un tipo di wrestling selettivo, che non tutti possono praticare, nemmeno chi ha tanta passione può addentrarsi, se non possiede le doti giuste...in TWC solo i migliori sopravvivono e solo i migliori diventano campioni e tra due settimane capirete, per l'ennesima volta, chi sono i migliori e i campioni, e chi sono i perdenti, i pezzenti che non potranno MAI, MAI ottenere qualcosa finché ci sarà il sottoscritto al comando di questa federazione e di questo business, MAI!

Altra reazione negativa, a cui si aggiungo cori favorevoli a Leon Black e Michael Edwards.

FO: Night of Gold, però, dista ancora due settimane, stanotte c'è un nuovo episodio di Friday Night Indoor War, il settimo della mia era, è dunque doveroso festeggiare e dare a tutti voi uno spettacolo degno di questo show che, grazie a me, dopo i bassi risultati che ottenne durante l'era di Tidus (è ancora vivo?) e Brian Philips (chi l'ha visto più?), sta crescendo, sempre di più, e diverrà, presto, molto presto, il primo programma di pro wrestling al mondo!

Mr. Fox Olon sorride, trionfante, vedendosi chissà quale immagini nella propria mente.

FO: Stanotte, avremo gli ultimi confronti tra i semifinalisti prima dei loro rispettivi incontri, ma c'è dell'altro, signore e signori; infatti, qui, ora, su questo ring, in questo momento, vi garantisco, anzi vi prometto che entro la fine della serata, la Forza dell'Ordine e della Giustizia, le Fiamme della Libertà, la FOX's Army, lancerà un messaggio chiaro e forte contro quelli lì, quei cinque, sei, o quanti diamine sono, che, dopo un'esistenza nell'anonimato, una vita mediocre, hanno deciso di INVADERE il MIO show, creando un gruppo che ha come unico fine il caos. Noi, uomini della FOX's Army, UNITI vinceremo ancora una volta, vinceremo l'ennesima battaglia e faremo cadere tutte le forze del male che cercano di ostacolarmi, stanotte faremo quel che deve essere fatto e, tra due settimane, a Night of Gold, completeremo l'opera e prenderemo il pieno controllo di questa compagnia, portando a casa ciò che ci spetta, il simbolo stesso della TWC, la cintura di campione dei pesi massimi! Fatevene una ragione!

Altri fischi piovono su Mr. Fox Olon che è ormai ostile a ciascuno dei quasi ventimila fan che stanno occupando il Madison Square Garden, lo stesso dove, un tempo, il general manager veniva idolatrato e venerato come un mito della città, un'icona da imitare.

FO: Vedrete tutto questo e molto altro ancora, stanotte, a Friday Night Indoor War! Buon proseguimento di serata e buon divertimento!

Detto ciò, Mr. Fox Olon getta a terra il microfono e, velocemente, si allontana dal ring, scortato dai fischi dell'intera arena.
Il general manager ha annunciato che stanotte la sua formazione lancerà un "forte e chiaro" messaggio contro tutti i loro oppositori, che cosa significa? Lo scopriremo presto, a Indoor War! Stay tuned!

Up Next: Simon B e Finn Wheelan!


Top
 Profilo  
Rispondi citando  

Re: TWC - Friday Night Indoor War
MessaggioInviato: 28/08/2015, 19:19 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: 26/04/2011, 12:11
Messaggi: 10597
Località: Il topic su che gel usa CM Punk
Ladies and Gentelmen, dopo una breve pausa pubblicitaria ci ritroviamo live dallo storico Madison Square Garden di New York City! Il pubblico è bello caldo e si sta sicuramente divertendo in questa puntata che precede di quattordici giorni la disputa di Night of Gold, ma ecco che qualcosa fa cambiare il loro umore..

Welcome to the end of everything that haunts me
Somehow I pretend all was meant to be
I am not the saint here, never the good son
Hell has taken over and I know

When I say go...run away, run away
When I say go...run away, run away
When I say go...run away, run away
When I say go...run away, run away, run away

Runaway!!



Fa il suo ingresso in scena l'Irlandese di Ferro, il nuovo “schiavetto” di Simon B.. Finn Wheelan!

Immagine


L'irlandese si presenta elegantissimo sullo stage sotto lo sguardo curioso di tutti i presenti.. Simon B gli ha sicuramente insegnato come vestirsi! Finn osserva tutti i presenti con aria di superiorità, sicuramente appresa dal suo maestro, e poi dopo essersi sistemato i capelli (come spesso fa il suo “pro”) maneggia il microfono esattamente nel modo in cui lo maneggia l'ex Bosiko e inizia a parlare schiarendosi la voce.

FW: Madison Square Garden. New York City, giusto? L'ennesimo pubblico che Simon detesta. Oh, scusate, non mi sono ancora presentato. Il mio nome è Finn, Finn Wheelan. Sono nato il 4 Gennaio del 1991 in quel di Kilmallock, una piccola cittadina nella contea di Limerick, in Irlanda. E sono qui grazie a Simon B.

Il pubblico, che fino a quel momento aveva ascoltato con attenzione le parole dell'irlandese, inizia a borbottare non appena viene rinominato colui-che-tutti-noi-vorremmo-essere.

FW: E a proposito di Simon B, gli ho già rubato troppo tempo probabilmente... Lasciatemi introdurre l'uomo che tutti noi dovremmo prendere come esempio... Non credo ci sia bisogno di dirvelo, tutti in piedi per Mister Simon B!!

Immagine


Ed eccolo qua!! Non si fa attendere il Who You Want to B che appare sullo stage e si gusta l'inchino che Finn Wheelan fa nei suoi confronti. I due si dirigono verso il quadrato subissati dai fischi come al solito, ma si fermano a fare qualche selfie con gente in prima fila che sembra molto cotnrariata. Simon sale sul ring passando dai gradoni, come fanno i Signori, e subito dopo indica i gradoni anche al suo fido ragazzone. I due girovagano per il ring col microfono in mano...

Immagine


SB: Meh..

Boato di disapprovazione!!

SB: Due settimane. Appena due settimane e anche la pratica “Andy Moon” verrà archiviata. Non che già non l'avessi fatto, ma finalmente sarà ufficiale, sotto gli occhi di tutti. Già l'ho battuto una volta, la storia dovrebbe già essersi conclusa..

FW: Simon, Simon.. non sprechi nemmeno il fiato a parlare di Andy Moon.. Lasci che sia io sporcarmi la bocca parlando del ragazzino un po' schizzato.

SB: Grazie, prego.

FW: Ma ora che ci penso, sul ring ci siamo io e te.. Ti sembra il caso di inserirci in mezzo Andy Moon?

SB: Sinceramente no.. Meh, con Jennifer poi come ti è andata?

FW: Ho semplicemente imparato dal maestro..

Ma ad interrompere il teatrino dei due chi arriva?



Immagine


Andy Moon appare sullo stage accompagnato dalla theme dello State Of Anarchy. Il ragazzo viene accolto da un boato del pubblico, e si dirige tranquillo verso il ring. Il giovane una volta sul quadrato si fa passare un microfono, andando a faccia con Bosiko senza rivolgere nemmeno un'occhiata a Finn.

AM: Si dice che certe cose accadano per una ragione, Simon Bosiko.

Andy sorride.

AM: E ad oggi, come potresti negarlo? Sono passati sette mesi. E che lo volessimo o meno, siamo ancora qui. Io e te di nuovo faccia a faccia. Di nuovo alle porte di un match. Ma questa volta c'è una variante di cui sappiamo nome e cognome. Il TWC 15 Championship.

Il pubblico approva con diversi applausi.

AM: Sai, volevo farti notare una cosa, anche se l'avevamo appurata già da tanto tempo. Cioè che sei un grande, grandissimo imbecille. Sei intervenuto nel mio match del torneo per il World Heavyweight Title. Pensavi non avrei reagito dopo quello. Se tu te ne fossi rimasto al tuo posto, io sarei rimasto al mio. E oggi ci staremmo contendendo un titolo del mondo. Ma no. Hai distrutto quell'immagine, d'accordo, affari tuoi. A me non importa, darò lustro al 15 Championship tanto quanto ne avrei dato al World Heavyweight. Perchè sì, a Night Of Gold vincerò e finirò questa storia una volta per tutte. Per mesi ci siamo scambiati vittorie, sconfitte, pareggi, e hai ragione: basta. Basta così. L'undici settembre ci sarà il chiodo definitivo sulla tua bara. E quale match migliore per sentenziare la nostra rivalità, se non un Iron Man Match. Chi ha più schienamenti vince. Esatto. Questo è il concetto. E avrò più schienamenti di te alla fine. E non è una promessa. È un fatto.

Finn Wheelan fa per rispondere, quando Simon B lo ferma e gli chiede la parola.

SB: Basta così, l'hai detto anche tu. L'undici Settembre è una data importante per gli Stati Uniti e per tutti gli americani. L'undici Settembre è il giorno in cui gli Stati Uniti sono stati rasi al suolo, distrutti, attaccati da qualsiasi fronte, vittima del terrorismo..

FW: O forse vittima di un complotto.

Aia. Finn, da irlandese, non può perfettamente capire ciò che gli americani hanno passato, e infatti rimane quasi stupido dalla reazione dei fans che fischiano più del solito e gli lanciano anche gravi insulti.

SB: Probabile, possibile. L'unica certezza dell'undici Settembre del 2001 è che le Twin Towers sono state distrutte, rase al suolo, abbattute..

FW:.. metaforicamente sconfitte. E, senza timore di smentita, la stessa fine toccherà a te, Andy Moon. Verrai sconfitto per l'ennesima volta da Simon B. Uno, due, tre, quattro schienamenti, quanti ce ne vorr... Oh, ma aspetta! Non mi sono ancora presentato! Il mio nome è Finn, Finn Wheelan.

Finn allunga sorridendo la mano verso Andy Moon che guarda con smarrimento prima la mano e poi Finn.

AM: E tu da dove diavolo sbuchi fuori?! Ah già, già, mi avevano avvertito che Simon B si era assunto un piccolo schiavetto. Sì, mi ricordo di te. Salve Wheelan. Non posso dire di essere contento di conoscerti. Il che mi porta al perchè sono qui.

Andy si gira di nuovo verso Simon.

AM: Lo troverai strano, ma non sono quì per insultarti e ridicolizzarti. Non solo. E per la seconda cosa, basti tu da solo. Il punto è che sono stato mandato ad illustrarti le modalità del nostro match.

Il ragazzo si sporge verso gli addetti a bordo ring.

AM: Sedia, please.

Gliene viene subito procurata una, Bosiko e Finn si allontanano di qualche passo ma Moon non è intenzionato ad usarla su di loro, anzi, si mette comodamente a sedere, ed invita B a fare lo stesso.

AM: Scusate se mi metto comodo, ma non sarà una cosa propriamente breve. Vedi Simon, da quando mi sono qualificato per il match titolato ho passato i giorni a pensare ad una stipula che potesse essere interessante. Ovviamente, adatta anche al mio avversario. E fermo, fermo, fermo, ti sento di già: "Ma Andy, il match è un Iron Man Match gnegneh"! Fanculo, ok?! Sì, sarà un Iron Man Match da trenta minuti, ma mi sono permesso di dargli un tocco personale. E ho l'autorizzazione di Olon che è stato... stranamente accondiscente. Quindi apri bene le orecchie e metabolizza bene quello che sto per dirti perchè non mi ripeterò due volte.

Andy si schiarisce la gola mentre Simon B lo guarda contrariato.

SB: Fermo fermo fermo.. Un tocco personale? Cos'è? Tutto d'un tratto siamo passati dall'essere Total Wrestling Corporation, ad essere Andy Moon Faquellocheglipareation? Meh..

Finn Wheelan nel frattempo sbuffa dando ragione al suo datore di lavoro.

SB: Dovresti imparare a rispettarmi. Sono quasi otto mesi che ci rincorriamo come Willy il Coyote e Beep Beep, come Titti e Silvestro, come Tom e Jerry (per fare degli esempi adatti alla tua età..) e ancora non hai ben capito le regole. Non puoi cambiare a tuo piacimento i match, inserendo qualche regola, qualche impedimento, qualche qualsiasi cosa che sicuramente ricadrà a tuo favore. Vuoi bannare Finn da bordoring? Va bene, fallo. Non mi farò problemi a vincere lo stesso. Vuoi partire con un +1? Va bene, fallo. Recupererò in un batter d'occhio e mi dimostrerò superiore per l'ennesima volta.

Poi Simon si batte una mano sulla testa, scuotendola..

SB: Che sbadato! Mi sono scordato di rispondere al tuo inutile discorso prima, visto che Finn è giustamente interventuo mettendoti a tacere. Hai ragione, se non fossi intervenuto nel tuo match magari adesso staremo firmando un contratto per il match valido per il TWC World Heavyweight Championship. Ma.. sarebbe stato giusto?

Un po' confusi tutti i presenti, Andy Moon compreso.

SB: Sarebbe stato giusto per i 20000 paganti, più gli abbonati al TWC Network vedere Simon B trionfare nel Main Event e portarsi a casa finalmente il suo primo titolo mondiale in carriera.. Sarebbe stato giustissimo.

FW: Avrei pagato anche io da bordo ring!

SB: Meh.. sarebbe stato giusto, invece, per i 20000 paganti, più gli abbonati al TWC Network, più tutta la gente che lo vedrà in streaming.. avere nel Main Event Andy Moon? La peggior cosa capitata al wrestling dopo Gold Man e White Rebel? Dovevo evitarlo. Assolutamente.

Fischi, fischi, solamente fischi per Simon B che si morde le labbra per non ridere.

SB: Magari hai ragione, intervenendo nel tuo match anche io mi sono giocato la possibilità di essere nel match di cartello di Night of Gold. Ma non mi faccio tanti problemi.. Dopo aver vinto il TWC 15 Championship il mio status verrà spedito nella stratosfera, mentre tu, Andy.. Precipiterai nello stesso burrone dove sono precipitati i Raymond, i Tyler Nolan, i Micheal Edwards...

Finn finge di essere commosso dalle parole di Simon e batte forte le mani, mentre Moon fa una smorfia di disgusto.

SB: L'unica cosa che possiamo fare è prenderci le luci della ribalta, sfornare uno dei nostri match a cinque stelle. Checchè se ne dice ne abbiamo la possibiltà. Io sicuramente, tu dovrai impegnarti per stare al mio livello. Dovremo rendere il nostro match indimenticabile, un Instant Classic della nostra federazione, uno di quei match da far vedere ai nostri figli. Abbiamo la possiblità di prenderci lo Show.

Simon sospira.

SB: Facciamolo.

FW: Fatelo.

Simon e Andy si girano verso Finn e gli dicono di stare zitto. L'irlandese abbassa il capo e i due wrestler riprendono il discorso.

AM: Te l'ho già detto, IL TUO capo mi ha dato il permesso, quindi posso fare quel che cazzo mi pare. E no, non avrò nessun punteggio a favore iniziale, e sì, la tua puttanella non sarà a bordoring, e nemmeno nel backstage o fra il pubblico. BANNATO DALL'ARENA. Il match finirà PULITO. Le regole rimangono quelle di un Iron Man, 30 minuti, ma se finisce in pareggio si va all'overtime. Si combatte ancora finchè qualcuno non ottiene uno schienamento, e in quel caso sarà vincitore. Ho fatto questo per far in modo che non finisca come l'ultima volta. Nessun pareggio. Ma non è questo il punto.

Andy ghigna.

AM: Ho sentito che in quella vecchia federazione chiamata TWNA, ti piacevano tanto le stipulazioni speciali, una in particolare: Extreme Steel Barbed Wire Cage. Creativo, davvero. Si dia il caso che anche a me piacciano i match a stipualzione speciale. Quindi lotteremo in una gabbia, ma non nella tua. Ne ho progettata una io, personalmente. Per garantire il divertimento.

Andy allarga il braccio destro e si alza.

AM: Tre lati del ring saranno circondati da lastre di vetro rinforzato incastrate insieme. Non c'è il tetto, ne una lastra a dare sulla rampa. Potremmo uscire dal ring, da quel lato ma... sarà sconsigliabile. L'intera area ring sarà piena di tavoli di vetro, lastre, specchi e cose del genere. Ah, e ce ne saranno un paio anche dentro il ring appoggiate agli angoli. Questo sarà il nostro campo di battaglia. Il progetto è già in corso. Tutto questo ha un nome. SMOKE & MIRRORS MATCH!

Boato del pubblico.

SB: Meh..

Simon B e Finn si guardano, ed entrambi sbraitano verso Andy Moon!

SB: Hai solo paura! Sei perfettamente consapevole che in un match uno contro uno normale, senza regole estreme nè regole speciali non avresti scampo, e per questo cerchi di arrampicarti sugli specchi, di aggrapparti a qualcosa pur di non cadere giù.

L'ex Bosiko va faccia a faccia con Moon.

SB: Ma sappi che sono disposto a tutto pur di darti la spinta decisiva per farti sprofondare nell'anonimato.

Simon sorride e chiama con un gesto il suo compagno; mentre fanno per andarsene, però, Moon richiama per l'ultima volta la loro attenzione.

AM: Sai non ho chiamato questo match "Smoke & Mirrors" a caso, Bosiko. Fumo negli occhi. Significa che è progettato per spingere al limite i suoi partecipanti e farne uscire la vera natura. Non c'è modo di usare trucchi in questo match. A Night Of Gold, nuoti o affoghi. E voglio proprio vedere come questa volta ti terrai a galla, perdente.

Moon sorride, tiene il microfono con l'indice e il pollice e poi lo lascia cadere. Infine, se ne va dando una pacca sulle spalle a B.

SBeFW: Meh..


Detto ciò i commentatori chiamano la pubblicità, tra i fischi che i due odiati del pubblico si beccano.

Up Next: La BDK al completo!


Top
 Profilo  
Rispondi citando  

Visualizza ultimi messaggi:  Ordina per  
Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 438 messaggi ]  Vai alla pagina Precedente  1 ... 12, 13, 14, 15, 16, 17, 18 ... 30  Prossimo

Tutti gli orari sono UTC + 1 ora


Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno


Non puoi aprire nuovi argomenti
Non puoi rispondere negli argomenti
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi

Cerca per:
Vai a:  
phpBB skin developed by: eXtremepixels
POWERED_BY
Traduzione Italiana phpBB.it