Tutti gli orari sono UTC + 1 ora




Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 857 messaggi ]  Vai alla pagina Precedente  1 ... 15, 16, 17, 18, 19, 20, 21 ... 58  Prossimo
  Stampa pagina

Re: TWC - News from Indoor War
Autore Messaggio
MessaggioInviato: 06/08/2015, 8:43 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: 18/04/2011, 23:52
Messaggi: 26144
Immagine


Immagine


Le immagini ci mostrano un aeroporto e il via vai di gente con le numerosi informazioni che provengono dagli alto parlanti in sottofondo.
L'inquadratura però si sofferma su una delle panchine su cui è seduto una persona di nostra conoscenza.

Immagine


Christophorus Schmidt, vestito come al suo solito, sembra spazientito da qualcosa come testimonia il continuo sbuffare.

CS: Quanto cavolo ci vuole? Ti pareva che non ci fossero dei ritardi.

20 MINUTI DOPO


Il tedesco, ancor più incavolato, è ancora seduto sulla panchina fino a quando non si alza dopo aver notato qualcosa che ha catturato il suo sguardo.

CS: Era ora, quanto cazzo ci avete messo?

Queste parole sono rivolte a due uomini che Schmidt sembra conoscere molto bene a cui stringe le mani e poi i tre si siedono sulla panchina.

ImmagineImmagine


???: Se tu sei incavolato figurati quanto lo siamo noi.

???: Maledette linee americane, non potevi continuare a lavorare in Germania? Le federazioni di wrestling le abbiamo anche noi.

CS: Volevo espandere i miei orizzonti Ernst, proprio come tu e Gerald mi avete insegnato in tutti questi anni.
Allora, a cosa devo il piacere della visita da parte dei famosi fratelli Heinrich, a cui devo i miei più sentiti ringraziamenti per l'avermi tolto dalla strada e introdurmi nel mondo del wrestling?

GH: Prima di dirtelo, lasciaci dire che abbiamo chiuso la nostra scuola di wrestling e abbiamo deciso di trasferirci qui in America.

CS: Aspetta un attimo, come chiusa? Non ditemi che l'avete fatto per problemi finanziari perchè quando l'ho lasciata un anno fa era tutto a posto dal punto di vista finanziario.

EH: Non è per questo che l'abbiamo fatto, semplicemente non avevamo più gli stimoli. Dopo che te ne sei andato tutti quelli che sono venuti dopo ti si sono rivelati completamente inutili, si vedeva chiaramente che non erano tagliati per questo mondo.

CS: Ora che farete?

GH: Qualche giorno prima di chiudere la scuola ci è arrivata un'offerta per fare i talent scout per la TDPW, era molto buona e abbiamo accettato subito, anche per il motivo che ti abbiamo detto prima.

EH: E qui entri in gioco tu.

Schmidt guarda stranito il suo ex allenatore.

CS: Io? Forse vi siete confusi con le sigle, faccio della TWC non della TDPW.

Ernst all'improvviso va su tutte le furie.

EH: Senti ragazzino, con chi credi di avere a che fare?
Non saremo di primo pelo io e Gerald ma non siamo neanche dei vecchi rincoglioniti in preda alla demenza senile, lo sappiamo benissimo con chi cazzo sei sotto contratto.

GH: Ernst calmati, non intendeva quello.

Ernst sembra calmarsi ma continua a guardare in malo modo Schmidt.

GH: Tu entri in gioco perchè abbiamo notato che l'America ti ha, come posso dire...rammollito.

CS: Rammollito? Mi sa che avete sbagliato persona.

GH: Non come pensi, sei sempre la persona violenta che abbiamo tirato su orgogliosamente io e Ernst ma non sei ai livelli di quando combattevi in Germania dove ogni sera mandavi qualcuno all'ospedale.

EH: Finora oltre che mandarci un ragazzino non hai fatto un cazzo.

GH: Non so se c'è un blocco inconsapevole a livello psicologico ma noi siamo qui anche per questo, per aiutarti ed è anche uno dei motivi se non il motivo principale per cui abbiamo accettato il posto in TDPW, federazione che sai benissimo essere molto estrema e di conseguenza il posto più adatto allo scopo.
In TWC sarai anche ancora in lotta per diventare il primo TWC World Heavyweight Championship ma questo non basta se non fai provare timore nel vero senso della parola al tuo avversario di turno.

EH: Eccoti il nostro ultimatum: se non solo non vinci contro Leon Black settimana prossima ma non lo sistemi anche per le feste le settimane di pausa dalla TWC le passerai a spaccarti le ossa in TDPW.

CS: Mi dispiace per voi ma non abbiamo contratti aperti in TWC.

GH: Lo sappiamo, infatti settimana prossima ne parleremo con Olon nella speranza di fartene ottenere uno, sarà un po più facile visto che fai parte del suo gruppo.

Schmidt, tutto incavolato, si alza.

CS: Sentite, mi fa piacere il vostro interessamento per voi ma la mia risposta è no. Non mi sono rammollito come dite voi, probabilmente state veramente a cominciare a perdere colpi.

Sentendo queste parole Ernst si alza di scatto e molla un ceffone a Schmidt.

EH: STAMMI BENE A SENTIRE, FIGLIO DI PUTTANA. TU SEI UNA NOSTRA CREATURA E SAPPIAMO DI COSA SEI CAPACE, NOI SIAMO QUI PER IL TUO BENE, PER AIUTARTI A TIRARE FUORI TUTTO IL TUO POTENZIALE ASSOPITO.

La gente si volta sentendo Ernst urlare e si alza anche Gerald per calmare il fratello.

GH: Calmati e cerca di non dare spettacolo. Siamo tutti di pessimo umore, noi due per il viaggio infinito che abbiamo appena fatto e Chris per averci aspettato più del previsto.
Riguardo a te Chris capisco benissimo la tua reazione e ti dico solo di pensarci, noi parleremo lo stesso con Olon e riprenderemo il discorso dopo Indoor War.
Ora usciamo da questo aeroporto e andiamo in albergo.

I tre si avviano verso l'uscita mentre le immagini sfumano.


Top
 Profilo  
Rispondi citando  

Re: TWC - News from Indoor War
MessaggioInviato: 06/08/2015, 20:15 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: 20/03/2011, 19:09
Messaggi: 14965
Località: Somewhere between the sacred silence and sleep
Immagine


The Trial

Part 0


In diretta su TWC.com, su gentile concessione della autorità giudiziaria, è arrivato uno dei momenti più discussi e chiacchierati dell'ultimo periodo: il processo Bennett c. Murdock, per l'ottenimento di un ordine restrittivo nei confronti dell'autonominatosi Savior. Le immagini ci mostrano dapprima una panoramica del tribunale di New York, dove avrà luogo nelle prossime settimane il suddetto processo...

Immagine


... per poi spostarsi all'interno del tribunale stesso, verso l'aula adibita al procedimento, su cui spiccano la bandiera americana e la scritta "La legge è uguale per tutti".

Immagine


Alla destra del posto riservato al giudice, ancora vuoto, vediamo la giuria al completo, seduta ordinatamente ed in silenzio, in attesa dell'inizio.

Immagine


Allo stesso modo, in attesa sono anche le due parti, poste dinanzi al seggio destinato al giudice: da una parte, Jack Keenan, con una espressione imperturbabile sul volto, e Jeffrey Bennett, che pare abbastanza nervoso...

Immagine Immagine


... dall'altra, Casey Keenan e Lance Murdock, che stanno discutendo a bassa voce fra loro.

Immagine Immagine


In questo momento fra i membri della giuria se ne alza uno, che immaginiamo essere il presidente della giuria stessa, che si schiarisce subito la voce, costringendo subito l'intera aula ad un silenzio quasi surreale.

Immagine


Giurato: Si apre il procedimento Bennett c. Murdock, con oggetto la richiesta di ordine restrittivo da parte del suddetto Jeffrey Bennett contro l'imputato Lance Murdock. Presiede la seduta il giudice Surillo, in piedi grazie.

Tutta l'aula si alza in piedi, come richiesto, mentre fa la sua entrata in scena il giudice, che raggiunge rapidamente il suo seggio.

Immagine


Giudice: Procedimento 142/2015, causa Bennett c. Murdock. Se una delle parti ha annotazioni precedenti al procedimento da fare, o se l'accusa ha intenzione di ritirare la richiesta, questo è l'ultimo momento per farlo.

Lo sguardo del giudice si sposta verso le parti: da entrambe non ottiene che un silenzioso diniego.

Giudice: Molto bene. Avvocati, conoscete la procedura: avete una settimana per depositare prove, deposizioni, opinioni o memorie in merito al processo, terminata questa fase inizierà il contraddittorio in aula. Il tribunale si aggiorna tra una settimana, dunque, per la prima udienza: per il momento, la seduta è tolta.

Il giudice Surillo batte il martelletto per sottolineare la fine della primissima fase e l'aula inizia a svuotarsi. Le due parti opposte si alzano dai rispettivi seggi quasi nello stesso momento e ugualmente raggiungono quasi insieme la porta d'uscita: qui vediamo Casey Keenan girarsi verso il fratello Jack.

Casey Keenan: Beh, fratellino, vediamo di dimostrare chi è il Keenan migliore.

Detto questo, Casey si allontana con Murdock, lasciando sulla porta un Jack Keenan pensieroso al fianco di un Jeffrey Bennett piuttosto preoccupato.

[to be continued]


Ultima modifica di straight edge savior il 07/08/2015, 12:20, modificato 1 volta in totale.

Top
 Profilo  
Rispondi citando  

Re: TWC - News from Indoor War
MessaggioInviato: 07/08/2015, 12:11 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: 13/04/2011, 19:41
Messaggi: 5772
Località: Sicilia
Immagine


Le immagini aprono con The Gaty seduto sul suo letto d'ospedale, intendo a cambiarsi una fasciatura al braccio; è vestito con abiti ordinari e barba leggermente incolta.

Immagine


Qualche secondo dopo un'infermiera entra nella camera di Gaty, informandolo che è stato dimesso, il braccio non è compromesso ed è libero di andare; Gaty raccatta la sua roba e esce dall'edificio.


Appena uscito dalla porta principale dell'ospedale MCG estrae dalla tasca del suo giubbotto un pacco di Lucky Strikes Rosse, dà un paio di colpetti sul fondo del pacchetto per facilitare la fuoriuscita della sigaretta ed estrae l'accendino.

Fa freddo e tira vento, l'accendino fatica a funzionare. Dopo una ventina di tentativi, rassegnatosi ormai all'idea di non poter fumare, MCG lancia l'accendino in mezzo alla strada, imprecando a bassa voce. Si toglie la sigaretta dalla bocca, tenendola nervosamente in mano. Dopo qualche secondo, una mano leggera tocca la spalla della War Machine.

Gaty avverte un brivido. Non un brivido di paura. Un brivido a metà strada tra la pelle d'oca data per il freddo e delle inaspettate farfalle nello stomaco. Lentamente si gira per vedere di chi è la mano poggiata sulla sua spalla

Immagine




La donna sorride, Gaty anche.

???: Problemi ad accendere?

GTY: N-no. Cioè, voglio dire, s-si. Sai, con questo vento...

La ragazza sorride dolcemente, poi estrae dalla tasca un pacco di fiammiferi, prende dalla mano dell'MCG la sigaretta che poco prima non era riuscito ad accendere e gliela avvicina alla bocca. Gaty impacciato afferra con le labbra la sigaretta, la ragazza accende il fiammifero, lo ripara dal vento con la mano e accende la sigaretta.

???: Con questo vento è sempre meglio usare i fiammiferi.

GTY: G-già.

???: Comunque piacere, Rebecca.

Rebecca porge una mano a Gaty, mentre tiene l'altra nella tasca dell'impermeabile

GTY: G-Gaty. The Gaty.

The War Machine stringe la mano di Rebecca e avverte di nuovo quel brivido.

REB: Ci siamo mai visti prima?

GTY: Non credo, ma forse mi hai visto in TV

REB: Sei un attore o qualcosa del genere?

GTY: Sono un wrestler

REB: Davvero? Sembra forte.

Nel frattempo Gaty butta la sigaretta ed esce nuovamente il pacchetto, lo porge quindi a Rebecca

REB: No grazie. Sto cercando di smettere.

GTY: Perchè giri con dei fiammiferi in tasca allora?

Gaty prende un'altra sigaretta e se la mette tra le labbra

REB: Perchè potrei sempre incontrare qualche bel ragazzo che non riesce ad accendere.

Mentre dice ciò Rebecca prende un altro fiammifero e accende la sigaretta di Gaty, il quale è palesemente emozionato: trema leggermente e arrossisce in faccia

REB: Cosa ti porta da queste parti?

GTY: Intendi all'ospedale?

REB: No! Sul marciapiede!

The Gaty sorride per l'ironia di Rebecca, in condizioni normali non avrebbe sorriso, l'avesse fatta chiunque altro quella battuta probabilmente si sarebbe beccato un Gatykick, ma detta da lei suonava quasi divertente. Sorridere gli veniva naturale.

GTY: Hai presente la storia del wrestler?

Gaty mostra a Rebecca la fasciatura al braccio, coglie l'occasione anche per mettere in mostra il bicipite.

REB: Capita spesso?

Rebecca si mostra impressionata, non sappiamo se più dal bicipite o dalla fasciatura.

GTY: Più di quanto dovrebbe...

REB: Ne vale davvero la pena?

GTY: Si, ne vale la pena più di ogni altra cosa. Tu invece cosa fai per vivere?

REB: In questo momento diciamo che sto cercando me stessa

GTY: E in cosa consiste questa ricerca, se posso chiedere?

Gaty butta il mozzicone di sigaretta sul marciapiede, se ne pente subito dopo per paura dell'etichetta di "incivile" che Rebecca potrebbe attribuirgli vedendo che butta le cose a terra. Pensa allora di raccoglierla, ma si ferma per paura dell'etichetta di "perfettino". L'istinto naturale dettato dall'ansia, per Gaty, è allora quello di accendersi un'altra sigaretta, la terza in dieci minuti, ma si ferma. Non vuole che lei pensi che sia una specie di tossico.

REB: Incontrare persone, visitare posti, vivere esperienze!

Rebecca riflette su quello che ha detto, anche lei si fa trascinare nella paranoia. "Adesso mi crederà una sorta di hippie fattona che si buca di eroina! Cazzo! Era così carino! Ho mandato tutto a puttane anche questa volta!"

GTY: Sembra interessante

REB: Davvero?

GTY: S-sì. Cioè, voglio dire, le donne avventurose sono sempre le più affascinanti, no?

"Cazzo! Sto correndo troppo! Ora penserà che io sia un maniaco sessuale o qualcosa del genere! Poi perchè le ho detto che faccio il wrestler?! Dovevo dirle che facevo l'avvocato ambientalista o qualcosa del genere! Ora le sembrerò una sorta di Chris Benoit Maniaco Sessuale!" pensa The Gaty nella sua testa

REB: G-già. Forse hai ragione.

Rebecca sorride e arrossisce per il complimento

Una folata di vento gelido sorprende i due, Rebecca batte i denti per il freddo, Gaty trema.

"Quanto vorrei abbracciarla per tenerle caldo! Però non posso! Ci conosciamo da tipo venti minuti... Ma forse potrebbe farle piacere se la riscaldo... Okay, vediamo se mi manda qualche segnale..." pensa Gaty.

"Cazzo quanto vorrei che mi abbracciasse in questo momento! Farei la prima mossa io ma poi sicuramente penserebbe che sono una zoccola... Okay, proverò a lanciargli un segnale..." pensa Rebecca.

Rebecca si avvicina di qualche centimetro a Gaty, poi lo guarda negli occhi.

"Okay, è il momento di fare la mia mossa. O la va o la spacca" pensa Gaty

MCG abbraccia Rebecca e le sfrega le mani sul giubbotto per riscaldarla

"NO CAZZO! STAI GIU'! NON E' IL MOMENTO! STAI GIU'!" pensa The War Machine, visibilmente in difficoltà

Gaty allontana leggermente il suo bacino da quello di Rebecca pur mantenendo l'abbraccio stabile.

Dopo circa trenta secondi di abbraccio Rebecca si stacca. Gaty è sollevato per l'essere riuscito a non fare brutte figure

REB: Ti va se andiamo in un Pub a prenderci qualcosa? Fa così freddo qua fuori...

GTY: Ottima idea!

REB: Su dai! Conosco un ottimo Pub proprio dietro l'angolo. Offro io!

GTY: Credo di amarti!

Gaty pronuncia questa frase in tono ironico. In cuor suo però sa di non essere tanto ironico.

Le immagini sfumano mentre i due si incamminano verso il pub e inizia a cadere qualche fiocco di neve.


Top
 Profilo  
Rispondi citando  

Re: TWC - News from Indoor War
MessaggioInviato: 07/08/2015, 12:46 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: 21/03/2012, 18:23
Messaggi: 8563
Spoiler:


Immagine


Immagine


07/08/2015, 02:31. Somewhere in Japan.

Immagine


In mezzo ad una stanza illuminata solo da un paio di candele, c'è Lilith Williams, seduta a gambe incrociate e con gli occhi chiusi. Esattamente nello stesso punto dove aveva iniziato a meditare mesi fa. Il volto della giovane è rilassato, ma poi si fa lentamente corrucciato. Finchè...

Immagine


LW: Maestro.

Maestro: Ben tornata.

LW: Adesso sono pronta.

Maestro: Sì.

Immagine


Immagine


Nel vialetto che porta al tempio, un individuo incappucciato rimane con le mani in tasca. Si può vedere un sorriso sotto al cappuccio, poi l'uomo se ne va, verso la città.

"Cody. Fratello. Ormai è passato un anno. Un anno da quando te ne sei andato, lasciandomi sola. Senza più una vera famiglia. Ma non ho smesso di cercarti, e non smetterò neanche adesso. La mia ricerca mi ha portata qui, in questo tempio, dove ho imparato a essere quel che devo essere. Per te, e per chiunque altro. E io ti prometto, ti prometto su tutto quel poco che mi è rimasto a cui tengo, che ti troverò. Non sarà facile, ma forse ho già trovato un aiuto. E poi torneremo a casa insieme. Tu hai sempre badato a me, anche quando le cose sono precipitate. Anche quando mamma e papà se ne sono andati. C'eri sempre, anche se non lo vedevo. Sono stata una pessima sorella per molto tempo, e ti ho ferito. Stavolta è il mio turno. Sarò io ad aiutarti. Te lo prometto."


Top
 Profilo  
Rispondi citando  

Re: TWC - News from Indoor War
MessaggioInviato: 08/08/2015, 19:00 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: 23/12/2010, 9:22
Messaggi: 17032
Immagine

PRESENTA

Immagine

Shoot To Thrill


Ci troviamo all'esterno della Guardians Mansion, simbolo d'imponenza a grandezza.

Immagine


Seduta su una sedia vicino alla piscina troviamo Samantha Hart.

Immagine


La ragazza ha un'aria diversa rispetto al solito, è seria tanto che non sembra la Samantha di sempre. Passa qualche istante e la ragazza viene raggiunta da Drake anche lui abbastanza serio e senza lo sguardo folle e spiritato che lo contraddistingue.

Immagine


The Dragon va a sedersi su una sedia affianco a Samantha ed ora i due guardano verso la telecamera con sguardo serio.

Samantha: Come avete notato ieri non è andata in onda il primo episodio di How I Met Your Samy, ma i fatti avvenuti negli ultimi giorni hanno scombussolato tutto. Come ben sapete gira voce che potrei annunciare il mio ritiro ma prima di ciò ci sono alcune cose che devo dire...

La Hart Princess si prende una breve pausa.

Samantha: Non mi piace rompere la chiave nella fabe, ma purtroppo non mi si è lasciata altra scelta.

Drake: E' necessario Samantha.

Samantha: Lo so Drake. Allora TWC Universe, vi sono piaciute le mie avventura fino ad ora? Scommetto che il mio atteggiamento è stato recepito male come al solito, gne gne gne Samantha è troppo volgare, gne gne gne viene dalla TWNA dove le sue storie erano ampiamente concluse, gne gne gne ci lamentiamo di lei solo perché è arrivata dopo di noi in TWC ed ha già fatto ciò che la maggior parte di noi farebbe in un anno di tempo! Blah, blah, blah! Drake cosa ne pensiamo di questo atteggiamento?

Drake: Ho controllato su internet per vedere se c'era il sito del cazzo che me ne frega.com.

Samantha: E c'era?

Drake: No, infatti ho chiamato il mio geometra ed ha acconsentito a condonarmi il gran cazzo che me ne frega di tutto l'astio verso di noi.

Samantha: Perfetto, era proprio quello che speravo. Vedete cari amici del TWC, o meglio TWNA Universe, le vostre critiche, il vostro astio, la vostra gelosia, i vostri rancori pregressi ed ogni problema personale che avete con me non mi tangono più. Quante occasioni abbiamo avuto per chiarirci? Quante volte ci siamo detti a telecamere spente che negli anni passati tutti noi avevamo sbagliato in parte e che ora era acqua passata?

Drake: Tante volte Samy, ma evidentemente i chiarimenti erano solo una cosa di facciata.

Samantha: Bravo Drake. I nostri amici ci sorridono quando passiamo davanti a loro, ma poi quando non ci siamo ci gettano addosso la peggio merda...

Ma ecco che il telefono di Drake squilla...



The Dragon rifiuta la chiamata e spegne il telefono.

Samantha: Bella, come si chiama questa suoneria?

Drake: Whatsapp.

I due sorridono in maniera beffarda guardando verso la telecamera con sguardo furbo.

Samantha: Sono venuta a sapere delle cose, tipo che ho paura di perdere. Ah ah ah, cazzate! In un modo o nell'altro io vinco sempre, ricordatevelo.

Drake: Già, ti ricordi THE END IS COMING?

Samantha: Certo che me lo ricordo. Io ho ammesso di aver sbagliato nel comportarmi lì, ma evidentemente a qualcuno non è andato giù per il semplice fatto che avevo ragione. Infatti qualche mese dopo... Beh lo sapete tutti come è andata. Ah! Hai sentito Drake, sembra che la TWNA sia finita per colpa mia!

The Dragon prende una rivista e la mette a forma di cono amplificando la sua voce.

Drake: "AVETE SENTITO?!"... "LA TWNA E' FINITA PER COLPA DI SAMANTHA HART!!!"... "SIAMO PERICOLOSAMENTE SPORTI SULL'ORLO DEL PRECIPIZIO DELLA CAZZATA!!!"...

La Hart Princess sorride per poi accendersi una sigaretta.

Immagine


Samantha: Cioè che poi un paio di quelli che criticano di più sono proprio alcuni dei veri artefici della distruzione della TWNA e c'è gente che gli crede, che gli va dietro e che pende dalle loro labbra. Ah, il revisionismo storico...

Drake: Magari cercano di giustificare il loro fallimento in TWNA dando la colpa a chi l'ha sorretta per la stragrande durata della sua storia. E' facile prendersela con chi non è presente o con chi è sempre stato bravo e disponibile con tutti.

Samantha: Probabile.

Drake: Che poi l'anno dopo il fallimento a chi l'hanno affidata la reunion?

Samantha: Indovina un po'?! Eh eh eh...

I due scuotono la testa mentre sorridono in maniera beffarda.

Samantha: Tornando al motivo principale che ha scaturito questo promo, ovvero il nostro eventuale ritiro, e posso confermare che è un'idea che ho in mente. Che cosa dovrei restare a fare in un ambiente dove diverse situazioni arrivano a rasentare il patetico, in un ambiente dove chi ha fatto del bene viene denigrato e chi ha veramente distrutto una cosa a cui molti tenevano viene apprezzato ed idolatrato?! Mi sembra che le cose qui funzionino al contrario e in un contesto del genere proprio non voglio farne più parte! Ero sicura, avevo scelto di ritirarmi ma poi ci ho riflettuto su e, anche grazie al consiglio di amici fidati, mi sono resa conto di una cosa... Questi individui si divertono a parlare alle mie spalle? Bene, ora se hanno le palle mi risponderanno faccia a faccia mentre se resteranno nascosti dietro ai loro schermi sperando che io non sappia i loro nomi e fingendo che tutto vada bene allora mi renderò conto finalmente che sono persone piccole e subdole le quali non vale nemmeno la pena spendere il mio tempo. Ora starete pensando, e allora perché sto facendo questo promo? Semplice amici cari, voglio farvi sapere cosa penso di voi, voglio spronarvi a tirare fuori i coglioni ed a parlarmi faccia a faccia, voglio vedere che tipo di persone siete e se alla fine vi rivelerete piccoli e subdoli allora non vi concederò più un secondo di attenzione, poiché che attenzioni si possono riservare a persone così?

Drake: Alcuna attenzione, anche alla luce che le nostre attenzioni si potranno concentrare maggiormente su persone che le meritano davvero e che, soprattutto sono vere e si sono sempre dimostrare sincere con noi.

Samantha: Queste persone vere di cui stiamo parlando ci hanno sempre mostrato lealtà, fiducia, sincerità, affidabilità e, soprattutto, amicizia. Loro sono veri e che siano degli amabili cazzoni, dei compagni fidati con cui ho gestito la TWNA per anni, giovani che anni fa si sono fatti un brutto nome per la loro irascibilità, dei compagni di mille avventure durate mesi e mesi cumulativi, dei bravissimi ragazzi che nonostante siano contrari a scommesse e pronostici si sono sempre dimostrati pieni di passione verso questo progetto, dei ragazzi con cui ho scherzato fingendo di abusare di potere su di loro il tutto nel nome della goliardia ed infine dei ragazzi che non abbiamo ritrovato in TWC ma che restano comunque degli amici con i quali vorrei condividere questa avventura. MALEDIZIONE uomo, sapete che sto parlando di voi due.

The Tiger sorride sinceramente verso la telecamera.

Samantha: In definitiva resto e non mi ritiro sia per loro e sia per rompere il cazzo ai miei detrattori che mi avranno tra le palle ancora per tanto, tanto tempo.

The Dragon prende la rivista arrotolata e se la poggia su un orecchio facendo finta di ascoltare qualcosa.

Drake: Ehi Samy, sto sentendo bestemmie provenienti dall'Italia.

Samantha: Lasciali bestemmiare, sono solo delle pecore che seguono un pastore... Ehi! Involontariamente tutta questa situazione combacia esattamente con i The Lone Souls!

Drake: Cazzo è vero! C'è un tizio che parla, che guarda caso di chiama Sheperd, pastore, e un gregge di pecore che lo seguono senza mostrare un minimo di carattere ma seguendo solo l'opinione comune. Che figata! Pensa che bello quando li prenderò a calci nel culo, sarebbe una metafora perfetta.

Samantha: E lo sarà Drake, lo sarà. D'altronde come dico sempre, I always win!

Drake: I fatti ci danno ragione Samy e tutto il revisionismo storico di questo mondo non cancellerà ciò che di bello abbiamo creato, che stiamo creando e che creeremo! Inoltre finché ci saranno persone vere e fidate niente ci potrà fermare!

Samantha: Le loro parole sono solo menzogne, la verità è scritta qui e mai come ora è appropriata la frase: Words creates lies, Samy can be trusted!

Drake: E fidati, ci sono persone who trusts Samy.

Samantha: Lo so Drake ed io mi fido di loro. I miei detrattori non mi abbatteranno, non mi sconfiggeranno e questo promo è a dimostrazione della loro sconfitta, della loro piccolezza e di quanto non me ne fotta più un cazzo di loro!

Drake: Esatto, inoltre ho chiamato il mio avvocato, quella brava persona che a detta di alcuni fa i wallpost leccaculo, e mi ha consigliato di far partire un procedimento sul gran cazzo che me ne frega di tutta questa gente!

Samantha: Non deve fregarcene nulla. Come ho detto prima, se hanno le palle si faranno avanti, tanto so chi sono questi tizi, mentre se vorranno restare nascosti capirò il vero tipo di persone che sono e quindi 'sti cazzi delle loro opinioni. Bene amici io ho finito, la palla passa a voi, e if you aren't down with that...

Immagine


Samantha: ... GO FUCK YOURSELVES!

La Hart Princess getta la sigaretta a terra e la schiaccia con un piede come a simboleggiare il modo in cui lei, Drake e tutti i loro alleati schiacceranno tutto e tutti coloro che si metteranno nella loro strada. Le immagini si interrompono lasciandoci con una canzone abbastanza esplicativa su tutta la questione.



[Offline]


Top
 Profilo  
Rispondi citando  

Re: TWC - News from Indoor War
MessaggioInviato: 08/08/2015, 20:23 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: 24/12/2010, 18:48
Messaggi: 12066
Località: Baretto Kurabu
Immagine


Le immagini provengono da Dublino, la splendida capitale della verde Repubblica d’Irlanda.

Immagine


Come tutti sanno, la scorsa settimana si è tenuto qui l’ultimo show della Total Wrestling Corporation, a coronamento del primo strepitoso TWC Europan Tour. E come sempre, una volta terminati gli impegni, è scattato il liberi tutti per i wrestler della federazione di New York, che si ritroveranno tutti insieme solo per il 14 agosto a Boston, dove si terrà la quattordicesima puntata di Friday Night Indoor War.

Immagine


Dopo una carrellata aerea sulla città, la videocamera si sposta su una via del centro di Dublino. Molte persone sono in giro a passeggiare in questa calda serata estiva. Tra queste, due sono delle nostre vecchie conoscenze.

ImmagineImmagine


Si tratta infatti di “Superstar” Sigfried Jaeger e Brunild Wagner, membri della Bruderschaft Der Krahe Incorporated. Il Corvo e la Valkyria sono a caccia di un pub dove passare la serata prima di ripartire per la Germania con un volo già prenotato per la mattina successiva. Diverse persone li riconoscono per strada, ma la dubbia fama dei due, ulteriormente rafforzata dal comportamento tenuto all’evento dell’O2 Arena il 31 luglio, porta la gente a stargli alla larga onde evitare problemi. E a i due tedeschi la cosa sembra non dispiacere affatto. Ma eccoli finalmente arrivare all’entrata di un pub piuttosto carino.

Immagine


Sigfried studia bene il listino dei prezzi e soprattutto l’elenco delle bevande somministrate.

BND: Allora? Neanche questo va bene?

Il Corvo ci pensa su, poi dà finalmente parere positivo.

SGF: Questo dovrebbe andar bene, non hanno soltanto questa bevanda nera imbevibile che spacciano per birra. Anche se non conosco le altre marche ci accontenteremo, dai.

Dopo di che i due entrano. Visto dall’interno, il locale pare molto accogliente e diviso in due piani, con quello superiore posto su un soppalco di legno dove si trovano dei tavoli liberi. Sotto invece c’è abbastanza ressa.

Immagine


Nell’aria risuonano delle canzoni tipiche locali, tuttavia l’atmosfera allegra sembra spegnersi non appena l’attenzione si sposta sui due nuovi arrivati. Molte paia di occhi scrutano Sigfried e Brunild. Non sono sguardi che ispirano fiducia. Il Corvo si guarda attorno per un attimo, poi accenna un sorriso divertito e si fa largo verso il bancone, con la gente che si sposta volutamente dalla sua strada. Ogni tanto vola qualche parola in una lingua sconosciuta ai due, che però non se ne curano affatto. Una volta arrivati nei paraggi del barista, ecco che Sigfried attira la sua attenzione.

SGF: Hey, oste della malora! Dacci una birra bella forte, una pinta ciascuno.

Il barista, un giovane omaccione col basco, si gira e scruta i due tedeschi.

Immagine


Al ché sia Sigfried che Brunild stringono gli occhi, studiandolo a lungo.

SGF: Mi pare di averlo già visto da qualche parte...

BND: Anche a me il suo volto non mi è nuovo.

Il barista si innervosisce.

Barista: Hey, anch’io vi ho visti. In televisione, e non mi piacete per niente. Ma mi piacciono i vostri soldi. Per cui invece di prendervi a pedate, vi darò da bere, basta che poi vi leviate da qui e ve ne andiate a sedervi qualche tavolo lontano senza disturbare la mia clientela. Intesi?!

I membri della BDK Inc. scrollano le spalle. Il barista prepara due pinte R.I.P. Beer e li serve al Corvo e alla Valkyria, che pagano e lasciano il bancone. L’atmosfera è ancora gelida. Sigfried si guarda intorno e nota un paio di persone che giocano a freccette. Ma non fa in tempo ad avvicinarsi che viene fermato da alcuni individui in cerca di noie.

Tizio 1: Ehi crucco, dove credi di andare?!

Tizio 2: Se credi che ti daremo il permesso di giocare a freccette te lo scordi. Sappiamo che sei bravo, è uscito un articolo su di te sulla mia rivista preferita, TuttoDarts. Noi irlandesi non siamo scemi, per cui non faremo la figura dei cretini per farti ubriacare a nostre spese.

Tizio 1: Hai capito? Smamma, fellah!

Sigfried e Brunild si guardano intorno. L’aria si fa incandescente. Decine di persone li osservano, curiosi di vedere come andrà a finire. Dopo qualche secondo, però, il Corvo replica sorridendo.

SGF: Certo, ragazzi. Giocate pure. Fate con comodo, non vi disturberò.

La tensione si stempera quando il Best from the West gira i tacchi e assieme a Brunild Wagner sale gli scalini e prende posto a un tavolo sul soppalco, nei pressi della ringhiera, dando le spalle alla gente sottostante. Quassù non c’è quasi anima viva, e mentre sotto la folla riprende a rumoreggiare, il Corvo e la Valkyria possono chiacchierare in tutta tranquillità, senza essere disturbati da nessuno. Dopo un breve brindisi, entrambi assaggiano la birra, particolarmente forte e corposa.

SGF: Uhm, molto meglio rispetto a quella brodaglia schifosa della Guinness.

BND: Già. Comunque non vedo l’ora di lasciare quest’isola di bifolchi rissaioli. E’ già un miracolo che finora tu non abbia steso nessuno. Stai migliorando in fatto di pazienza, Corvo.

SGF: La pazienza è la virtù dei forti, no? E poi sono un eroe, sono forte e miglioro per definizione.

Poi Sigfried fa un sorrisetto, tracanna un altro sorso e conclude.

SGF: E comunque la notte è ancora giovane dopotutto. Eh eh eh.

Brunild sospira, poi cambia argomento.

BND: Ma senti un po’, parliamo di cose serie piuttosto. Sei proprio sicuro che tutto quello che hai imbastito con quella Samantha Hart servirà al nostro tornaconto? No, perché Leon Black se n’è già uscito dicendo che accordandoci con lei abbiamo gettato al vento l’idea della Bruderschaft Der Krahe Incorporated.

SGF: E tu lascia pure blaterare quel mascalzone. Ricordi come lui e il suo minion commentarono la notizia del nostro nuovo contratto esclusivo? Se ne uscirono dicendo che non valeva nulla ed era inutile. Ora invece afferma il contrario e mi dà dell’idiota. Figurati se m’interessano le scemenze di quel Plappermaul troppo cresciuto. Lasciamolo cuocere nel suo brodo. Tanto prima o poi verrà il giorno della resa dei conti, e ti prometto che gliele farò pagare tutte con gli interessi. Rimpiangerà ogni singola stupidaggine detta nei confronti della nostra Bruderschaft.

Dopo un altro sorso, il Corvo continua.

SGF: E poi se ci pensi, tutto sta già volgendo a nostro vantaggio. Come prevedibile, Samantha e i tre disgraziati che la servono hanno subito cominciato a combinare guai mettendosi contro Fox Olon e infortunando gente a caso. Se tutto va come previsto, entro fine anno la TWC precipiterà nel caos. E quando tutto sembrerà perduto, a chi vuoi che si volgeranno gli sguardi di tutti, dirigenti compresi? Chi imploreranno di aiutarli a riportare ordine e giustizia? A chi affideranno le loro ultime speranze? Ovviamente a noi, gli eroi della Bruderschaft Der Krahe. Così, oltre a essere il campione del mondo, assumerò la guida spirituale della TWC, diventando il modello ideale da seguire nella nostra Age of Heroes. Altro che Leon Black e compagnia cantante. Divertente, no? Sono un figo, non c’è niente da fare.

BND: Si, vabbè. Ricorda però che uno dei punti salienti di questo piano consiste nel vincere il titolo del mondo. Una non vittoria potrebbe risultare catastrofica per i tuoi progetti.

SGF: Vai tranquilla, Nildy. La preparazione al match contro Miller procede nel migliore dei modi. Sono giorni che mi alleno duramente, e conto di continuare così fino alla vigilia dell’incontro. Ho visto, rivisto e stravisto ogni singolo fotogramma di Travis sul ring. Il gameplan del match del 14 agosto è ormai pronto, infine c’è la sorpresina che abbiamo elaborato per vincere definitivamente la resistenza di quel cocciuto scozzese d’inverno, ovvero Ragnarok. Eh sì, a Boston ne vedremo proprio delle belle. Mio padre dice sempre che un vero eroe non perde mai due volte contro lo stesso nemico. Non esiste proprio, lo devo distruggere a tutti i costi.

BND: Anche perché se perdi ti distruggo io, Sig. Non ti conviene fare errori, ti tengo d’occhio.

SGF: Lo so, Nildy. Lo so. E non mi aspetto di meno.

Il Monster Hunter si gira un attimo a dare un’occhiata alla folla al piano di sotto. Ogni tanto qualcuno incrocia il suo sguardo e inizia a confabulare col vicino di posto. La cosa non piace affatto a Sigfried.

SGF: Sai, sono in questi momenti che sento di più la mancanza di Gunther. A quest'ora tutta questa marmaglia ce la saremmo letteralmente div...

Ma ecco che Brunild lo tira per un braccio e indica uno degli schermi televisivi posti nel pub.

BND: A proposito del Mastino. Guarda, parlano di lui al notiziario irlandese.

I due si mettono a seguire il servizio di una preoccupatissima giornalista sull’anabasi di Gunther Schmidt e Thomas Bell.

Irish News ha scritto:
Immagine


Immagine


Giornalista: [...] Una volta sbarcati a Cardiff il primo agosto, i due famigerati wrestler hanno lasciato nottetempo il traghetto semiaffondato e fatto perdere le proprie tracce nella campagna inglese. Alcuni testimoni credibili raccontano di aver visto successivamente tali Gunther Schmidt e Thomas Bell intenti a darsi battaglia su due carri di buoi usati a mò di bighe lungo tutta l’arteria autostradale del sud dell’Inghilterra, diretti verso Dover. Tutto questo accadeva nel primo weekend agosto. Mercoledì scorso, il Premier Cameron ha riferito alla Camera dei Comuni, che i due pericolosi individui hanno lasciato la Gran Bretagna, pagandosi un passaggio in nave fino a Calais con i soldi che il losco ex-militare Schmidt aveva rubato a un passante inerme una volta abbandonati i carri nei pressi del porto di Dover. Le notizie confermate che ci giungono dalla Francia riguardo questa folle impresa, parlano di un camion pieno di pane sequestrato dall’americano Thomas Bell mercoledì scorso e di un record di baguette divorate dall’affamato Schmidt. Dopo aver interpellato il proprietario del camion, una commissione di saggi appartenente al Guinness World Record ha stabilito che le baguette mangiate sono state quattrocentoventisette, nuovo record mondiale. Di conseguenza, ad ora anche un giudice dell'associazione sta cercando Schmidt per consegnargli la targa premio. Le imprese francesi dei due famigerati wrestler annoverano anche una folle corsa in monociclo fino ai Campi Elisi, e non solo. Dopo aver seminato i gendarmi nei pressi del Louvre, Thomas Bell ha creato scompiglio all'annuale Fiera del Vino di Parigi, tuffandosi e restando in apnea per quasi trentacinque minuti e quarantasette secondi all'interno di una vasca di vino Bordeaux, altro Guinness World Record, finchè il suo compare tedesco non si è messo a svuotarla bevendone via via il contenuto con un tubo al fine di obbligare l'americano a uscire allo scoperto. Le ultime informazioni in nostro possesso, davano per certa la presenza di Gunther Schmidt e Thomas Bell all'interno di un autobus in Germania Occidentale. Un testimone oculare riferisce di come il wrestler di colore abbia dirottato il veicolo minacciando di versare addosso al conducente una tazza di caffè tiepido, aggiungendo anche questo crimine abominevole al lungo elenco delle ribalderie commesse in precedenza.

L’inviata si mette poi la mano all’orecchio.

Giornalista: Si?... D'accordo. Attenzione, abbiamo un'importante ultim'ora. Sembra che i due ricercati siano stati avvistati nei paraggi del Reichstag di Berlino, verso il quale sembra che stiano marciando inesorabilmente. Alcuni esperti parlano di un tentativo di colpo di stato imminente. Il Cancelliere Angela Merkel sembra abbia lasciato in fretta e furia la capitale tedesca, invitando la popolazione a restare chiusa in casa, mentre le forze di polizia della città sono in stato di massimo allarme. E' tutto per ora, vi restituisco la linea.





ImmagineImmagine
---Se vedete questi due uomini, barricatevi in casa e chiamate la polizia---


Sigfried e Brunild scuotono il capo e ridacchiano.

BND: Beh, almeno si sta divertendo a quanto pare.

SGF: Esatto, sono contento per lui. Ma chissà perché quando l’abbiamo salutato al porto di Dublino si è messo a imprecare.

La Valkyria fa spallucce.

BND: Boh, forse non ci ha riconosciuti.

Entrambi bevono un altro sorso di birra. Quando all’improvviso un’enorme figura oscura la telecamera, portandosi davanti al loro tavolo.

???: Ehi, volete denunciare il barista per furto di identità?

Immagine


A parlare è stato Vincent Cross, il biker della TWC!! Siegfried e Brunild, stupiti dalla sua presenza, se lo vedono sedere davanti a loro con estrema tranquillità e noncuranza...

VC: E non preoccuparti comunque, ho già fatto in modo che tutto vada sul tuo conto, grazie per avermi offerto la birra...

Sorride in modo maligno il Biker, già con un boccale di birra scura in mano... Il Corvo fa una smorfia.

SGF: Certo che è piccolo il mondo. Di tutti i pub di Dublin dovevamo finire in uno dove lavora una specie di sosia giovane di Cross, dopo di che ecco l'originale finire al nostro tavolo.

BND: Per non parlare della birra che ti ha appena scroccato in combutta con quel barista pelo rosso.

Cross ride leggermente.

VC: Oh non preoccuparti, c'è un giro anche per voi!

SGF: Uhm, adesso sì che si ragiona. Ma dì un pò, Cross, che diavolo ci fai ancora da queste parti? Pensavo fossi già tornato in America a fare la guardia al tuo parco moto. Dopo che Carroll te ne ha rigata una e Manson sabotata fatta distruggere un'altra, io fossi in te dormirei notte e giorno in garage. Magari proprio in questo momento l'Animal sta pisciando su un altro dei tuoi adorati pezzi di metallo, mentre tu, ignaro di tutto, te ne stai qua in nostra compagnia. No?

VC: Sto girando a piedi.

Nel dire ciò, Cross ha assunto un'aria molto seria.

VC: Autobus, metropolitane, passaggi vari. Si può trovare di tutto se compri della birra e la offri alla gente, non lo sapevate? Specialmente da questi parti, poi.

Cross beve dal suo boccale l'ultimo sorso di birra e poi lo poggia sul tavolo con un bel tonfo.

VC: Ci voleva. Comunque quel tizio non lo conosco, ma considerando che secondo certe dicerie ogni uomo ha sette sosia sparsi per il mondo, potrebbe anche essere uno di quei sette. Che poi se questa teoria fosse vera spiegherebbe perché le teste di cazzo si assomigliano un po' tutte.

Ecco che arriva un cameriere portando con sé tre grossi boccali di birra dorata alla spina per tutti e tre i membri della TWC. Cross li prende e li porge ai due tedeschi...

VC: Ecco qualcosa per sciacquarvi la gola! La puzza di tedesco che ho sentito quando siete entrati era accompagnata dal tipico odore di chi cerca birra da lungo tempo.

Brunild Wagner scruta un attimo Cross, sospettosa. Sigfried Jaeger invece fa un sorrisetto, si scola la sua prima pinta e passa al boccale offerto da Vincent Cross.

SGF: Beh, almeno questa R.I.P. Beer serve a mettere un fermino. Non sai quanto mi manca la vera birra, quella del mio paese. Mi fa sentire a casa nonostante la distanza che c'è tra New York e Ravensburg, dove stanno i nostri amici. Per cui puoi immaginare quanto abbia sofferto in questi giorni, su un'isola che fa di una brodaglia nera uno dei suoi simboli nazionali. Puah!

Il Corvo poi si rivolge a Cross.

SGF: Tu, piuttosto. Di te si sa ben poco, a parte l'ossessione per le tue motociclette. Prima di passare alle solite note dolenti proprie delle persone che non seguono la Weltanschauung di noi eroi, rispondi a questa domanda, sono curioso. Non senti mai la mancanza di casa, sempre se ne hai una, visto che le bande di motociclisti sono praticamente come gli zingari, sempre in giro a fare danni e mai con una fissa dimora. E in questo caso, non hai mai pensato di mettere radici da qualche parte? Magari in una cittadina isolata, con un'officina accanto? Eh?

Il biker non smuove di un millimetro la sua espressione spavalda.

VC: Ho un bar con annessa officina, se proprio vuoi saperlo. Trovatelo da solo, non voglio avere subito la tua combriccola a far danni. Chiama prima che così prepariamo il campo di battaglia, dai.

Dopo aver detto ciò il fearless torna serio.

VC: Comunque, la mia casa è il mondo intero, mi basta avere la certezza di rimanere vivo un altro giorno e sono a posto. Può sembrare scontata, ma questa per me è la miglior vita. Un giorno dopo l'altro. Sopravvivendo.

Cross beve un altro po' dal suo boccale...

VC: Ahh, che bellezza stare qui con due tedeschi che amano menar le mani pronti a bere birra fino a notte fonda, da un momento all'altro mi aspetto qualcosa a rovinare la situazione...

Sigfried alza un dito e sospira.

SGF: Beh, tecnicamente la tua situazione è già compromessa, e da bel un pezzo direi. Te ne vai in giro in TWC da quanto, sei mesi, e non hai combinato praticamente niente. Nè una vittoria di prestigio, nè uno spunto che abbia lasciato a bocca aperta gli altri. Insomma, non vorrei dirlo ma rischi di finire per essere ricordato come quello che batte gli sfigati e non appena il gioco si fa duro le prendi e basta. Ora, non dico che dovresti sparire nel nulla come Kraky, però un addio dignitoso ci starebbe tutto, no? Per quello ti chiedevo se avessi una vita al di fuori del wrestling, almeno adesso sappiamo che quando ti rilasceranno non finirai a mendicare sotto un ponte.

Poi il Best from the West ridacchia e batte un pugno d'intesa con quello di Brunild, anche lei divertita.

VC: Oh, questa l'avevi preparata da quanto, tre mesi?

Cross non sembra essere stato intaccato dalle parole di Sigfried...

VC: Sig, sai, posso chiamarti Sig vero, sì che posso... Ecco, a me non importa vincere o perdere. Conta il divertimento. So che alle tue orecchie tedesche che ancora non si sono abituate all'inglese passerà come una scusa, ma che ci posso fare, è la verità. Dammi un pugno come si deve e so che mi divertirò, questo conta. Titoli, match importanti... Screw that! Io voglio avversari veri! E se per averli dovrò andare a cercarmeli, così sia! Vedremo poi dove ci troveremo. Io so solo che sarò contento.

Il Monster Hunter ci riflette su.

SGF: Mmm... Una scelta di vita piuttosto interessante, anche se nel tuo caso piuttosto controproducente. Lo sai vero che ogni tanto sarebbe anche utile avere la meglio, altrimenti non vedo che differenza ci sarebbe tra te ed elementi inutili tipo UltraDumm. Se poi a te piace essere pestato per divertirti, basta chiedere. Un eroe non rifiuta mai una sfid... E no, non ci posso credere, eccone un altro. Come se Cross non fosse sufficiente.

Sigfried storce la bocca, mentre l'oggetto delle sue ultime parole compare in camera parandosi davanti al tavolo che lui e Brunild condividono già malvolentieri con Vincent Cross.

Immagine


KM: Vincere, divertimento, prendere pugni... Uffa... Per fortuna che ci sono io ad alzare il livello della conversazione, che vinco prendendo pugni per divertimento!

Kevin si accorge che al tavolo sono finite le sedie ed invece di prenderne altre nel locale con una manata sposta i boccali di birra dei colleghi creandosi spazio, poi si siede sullo stesso tavolo dondolando le gambe.

KM: Dannazione, c'era una festa e nessuno mi ha invitato, per di più da due dei miei più grandi amici! Sigfried Jaeger, il tedesco chiacchierone e perdente invischiato in una quantità di gruppi superiore alle moto distrutte di tale Vincent Cross... Cazzo, Vince, tu sei il personaggio più grottesco. Un duro ipocrita. Ed anche un sopravvissuto, se capisci cosa intendo.

Manson guarda duramente il Biker, dopodichè si gira verso Brunild.

KM: Ah già, ci sei anche tu. Piuttosto carina per essere un transessuale, davvero. Ehi, tieni le mani sotto al tavolo, non voglio che tu interrompa la tua attività masturbatoria e non desidero nemmeno picchiare una donna, sono un bravo ragazzo!

Kevin emette un sonoro rutto.

KM: Aria pura, la birra mi fa schifo, quello che la gente fa da ubriaca io lo faccio 24 ore su 24. Piuttosto, qualcuno mi spiega a che cosa si festeggia qui? Potrei offendermi per non averne saputo nulla.

Il Corvo e la Valkyria osservano disgustati l'Animal, dopo di che Brunild lo guarda negli occhi e gli risponde a tono.

BND: Non si festeggia un bel niente, anzi, direi che il tuo arrivo ha rovinato già la pessima atmosfera creata da Cross. Tuttavia, ora che mi ci fai pensare, noi tre potremmo farti un bel battuto e ridurti a un ammasso di carne sanguinolenta. Allora sì che comincerebbero dei festeggiamenti decenti.

KM: Figa, ma mi ascolti quando parlo? Ho appena detto che non voglio fare una rissa con te, legalmente sei una creatura di sesso femminile. Piuttosto, fammi un sandwich con tacchino e rucola.

Sigfried trattiene a stento la sua migliore amica. Poi si rivolge al divertito Kevin.

SGF: La tua presenza può solo significare che stasera i manicomi hanno liberato le gabbie. Di tutti i posti dove potevi imbucarti per disturbare il prossimo, proprio in questo pub dovevi infilarti?! Che fine hanno fatto gli psichiatri e gli specialisti che di solito la federazione mette a disposizione per monitorare e tenere a bada quelli che possiamo classificare come "casi umani"? Mica te li sarai mangiati, vero? Lo sai che il cannibalismo è proibito nell'odierna società civile? Sarebbe una cosa mostruosa, Kevin.

Manson porta le mani alle guance.

KM: Oh, nose! I mostri! Gli eroi! Gli eroi cacciano i mostri! Ma smettila, ste manfrine erano passabili nel Medioevo, i tempi in cui la tua amica Brunild effettivamente cucinava e Cross non inquinava l'aria che respiro ma si destreggiava con un cavallo. Che poi, che ti frega di cosa mangio, mica sei dietologo. Al massimo, un wrestler scarso. Non che Vinnie sia messo meglio... Figa Vinnie, cosa fai in silenzio? Sei una lingua lunga, illuminaci con una delle tue perle di saggezza, Vinnie!

Cross non sembra contento, per ovvi motivi, della presenza di Manson.

VC: Ohi, ohi, ohi. Indovina un po' chi c'è qui, come è piccolo il mondo... Ho il timore che dovrei denunciarti per stalking, Kev.

Cross beve un altro po' di birra. Poi poggia il boccale sul tavolo.

VC: E comunque, il fatto che si chiamamo per soprannome è tra l'inquietante e il divertente, devo ammetterlo. Kev, Jaggy, Bruny, potremmo andare avanti per giorni! Forse è la birra a farmi parlare così...

Cross alza il volto guardando dritto dritto nella faccia di Manson...

VC: Oppure è il fatto che quando cercavo una giornata tranquilla arriva proprio il tizio con cui sto avendo un po' di incomprensioni, per così dire, a fare casino con me attorno. Che coincidenza.

Kevin alza le spalle.

KM: Te l'ho già detto, sei ipocrita e debole, sei una vittima facile che nonostante ciò può darmi soddisfazioni mentre viene pestata. Il meglio era occupato, sai com'è. Dovresti essermi grato, maledettamente grato di aver rilanciato la tua carriera, sai, stai feudando con uno che è praticamente un main eventer. Non mi credi? Beh, ho dei dati che lo dimostrano, ma essendo tu stupido da sobrio non pretendo che tu mi ascolti ora.

Kevin si gratta la barba.

KM: Di solito, nei film, tra poco si scatenerebbe una rissa. Certo, sarei io con tre palle al piede contro una quantità imprecisata di gente. Sarebbe svantaggioso per il sottoscritto.

Cross non può fare a meno di alzarsi e guardare sotto nella parte più affollata del locale, occupata invero da un grande numero di persone.

VC: Beh, a giudicare dal loro aspetto sono sicurissimo che un praticamente Main Eventer saprebbe sconfiggerli tutti con una mano dietro la schiena.

Nel dire quest'ultima parte della frase Cross si è girato per guardare con un sorrisetto sul viso Manson.

VC: Ma aspetta, qua di gente che ha visto il "Main Event" c'è solo Sigfried. E lo ha pure perso. Direi che siamo a cavallo!

Manson e Siegfried non hanno delle facce contentissime dopo l'ultima affermazione di Cross...

VC: Aspetta, non è che state ponderando quello sto ponderando io?

Al ché Sigfried fa un sorrisetto e annuisce.

SGF: Hey, visto che sembriamo tutti così impazienti di menare le mani, credo che questo sia proprio il momento per divertirci un po’. Voglio vedere se oltre a essere dei notevoli Plappermaul, avete pure un po’ di fegato per stare dietro a un eroe quando si imbarca in un’avventura spericolata.

Immagine


Cross e Manson non fanno in tempo a replicare, che Sigfried finisce la propria birra e butta il boccale di vetro alle sue spalle, mandandolo di sotto a spaccarsi sulla testa di uno degli scorbutici avventori che bevono al bancone! Subito dopo il Corvo si alza in piedi e invita i due a seguirlo, mentre Brunild si copre il volto, presa dallo sconforto, mentre scuote la testa. Jaeger, Cross e Manson scendono la scala a chiocciola, trovandosi di fronte la scena di uno dei due tizi che in precedenza avevano offeso il Corvo, semisvenuto, col viso sporco di sangue vetri piantati, e con alcuni amici che lo soccorrono.

SGF: Va beeeneee!!!

Numerose facce cupe si girano verso i tre wrestler fermi ai piedi della scala.

SGF: Va bene, va bene! Si è beccato una bicchierata. E nessuno esce di qui finchè non scopriamo chi è stato!

L’amico del ferito si avvicina.

Tizio 1: E tu che cazzo vuoi, crucco di merda?!

Il Corvo fa un ghigno gioioso.

SGF: Siii!!!

Dopo di che rifila un violentissimo calcio ai genitali al tizio, che si accascia a terra urlando di dolore. Un istante dopo scoppia, inevitabilmente, la rissa. Sigfried Jaeger si butta in mezzo alla folla menando pugni e calci. Vista la scena, Cross e Manson si guardano un attimo, fanno spallucce, dopo di che eccoli munirsi di una sedia ciascuno e gettarsi a capofitto nella calca, colpendo a destra e a manca. Dopo aver steso con un destro in pieno volto un irlandese ubriaco, il Corvo si ritrova a fronteggiarne tre. Uno di loro balza sul tedesco, che però si sposta e sfruttando la perdita d’equilibrio dell’aggressore lo manda a schiantarsi su un tavolo, che si rovescia con lui. Una altro prova prendere Sigfried alle spalle, abbrancandolo e colpendolo con dei pugni al fianco. Per tutta risposta il Best from the West rifila una gomitata allo stomaco del malcapitato e lo atterra con un Deutsche Uppercut ben assestato. L’ultimo dei tre afferra una bottiglia di birra e la spacca su un tavolo, minacciando poi il membro della BDK Inc. con la pericolosa arma improvvisata.

Tizio 3: Fatti sotto, nazista!

Il ceffo tenta di ferire il Corvo con la bottiglia rotta, ma questi schiva il colpo gli blocca da dietro il collo e poi gli rifila una micidiale Oden’s Blade che manda a dormire anche questo tipo.

Immagine


Kevin Manson, non da meno degli altri due colleghi in campo di rissa, mulina colpi con la sedia centrando uomini a caso in parti del corpo a caso. Quattro o cinque avventori vengono sopraffatti da queste sediate poco ortodosse, quelli più scafati le evitano, uno di loro con un calcio riesce finalmente a disarmare The Animal che sbadiglia, poi incrocia lo sguardo dell'omaccione che è riuscito a disarmarlo e sorride, scrocchiandosi le dita e il collo. Uno dei tizi di prima ne approfitta per andare alle spalle del Painmaker, ma questi si abbassa e nella foga lo stolto finisce addosso all'altro omaccione, che gli rifila un destro. Si crea un piccolo gruppo di scommettitori ubriachi sul confronto tra Kevin e lo sconosciuto, con nessuno degli ubriachi omini che osa gettarsi in mezzo a questi due.

KM: Prima di fare il culo a qualcuno che possa garantirmi un buon tasso di sfida sono solito chiedere il suo nome.

Tizio Grosso: Il mio nome è -

KM: Pfui!

Kevin molla un gancio sinistro sul volto dell'uomo, che arretra di qualche passo.

KM: Tu non sei una sfida, ragazzone.

Boato degli alticci avventori, che alzano i boccali al cielo. Uno di loro fa schizzare della birra verso Kevin Manson, che si pulisce immediatamente il braccio disgustato e lo va a prendere per il bavero della camicia, salvo poi lanciarlo contro ad un frigorifero dove vengono conservate alcune lattine di birra del locale.

KM: Ubriacarsi fa male.

Fischi degli spettatori, che si buttano addosso a Manson inferociti. Essendo ubriachi fradici contro il Painmaker, sobrio, ognuno di loro viene steso con relativa facilità da The Animal, che non ha fatto i conti con il ritorno di Tizio Grosso, che lo spinge facendogli perdere l'equilibrio sul corpo inerme di uno degli uomini pestati dal Painmaker. Questi si rialza, sbuffando, dopodichè si lancia all'attacco in maniera completamente disordinata verso Tizio Grosso che gli molla un pugno che per poco non gli prende il naso, poi una ginocchiata nello stomaco, poi lo rilancia contro una parete. Kevin Manson non cade ma impreca, sputando per terra, poi carica la saliva e sputa di nuovo, stavolta dritto in mezzo agli occhi di Tizio Grosso: tale affronto è troppo per l'energumeno, che si getta a sua volta contro al wrestler TWC ma inciampa sul corpo di un altro individuo mezzo svenuto. Si mette in ginocchio per rialzarsi, Kevin lo intercetta con un Superkick. L'uomo rimane in ginocchio, intorno ai due c'è anche qualcun altro che cerca di rimettersi in piedi, allora Kevin si diverte e dà inizio ad un Superkick Party.

KM: Vince l'ultimo che cade!

Superkick su un tizio mingherlino e pallido, che finisce supino al suolo sul colpo. Kevin mugugna deluso, poi va a prendere un pel di carota discretamente piazzato e col viso coperto dalle lentiggini: lui sopporta il primo Superkick.

KM: Hai le lentiggini, per te un turno è rappresentato da due calci.

Secondo Superkick, e il lentigginoso va giù. Il terzo ed ultimo, a quanto pare, è un vecchietto con la barba molto lunga. Si prende un Superkick. Resiste.

Tizio Vecchio: Visto? Non puoi buttarmi giù al primo calcio!

Secondo Superkick.

Tizio Vecchio: Visto? Non puoi buttarmi giù al primo calcio!

Manson si ferma un attimo, poi lo colpisce di nuovo.

Tizio Vecchio: Visto? Non puoi buttarmi giù al primo cal -

Il vecchio cade a terra.

KM: Suppongo che valga come primo calcio subito... Che cosa simpatica, l'Alzheimer. Magari ce l'ha anche Sig, si spiega come si dimentichi con facilità delle sconfitte e si spiega anche il nome maledettamente tedesco.

Kevin di fronte allo stordito Tizio Grosso, vedendo che nessun altro è rimasto. Superkick! Tizio Grosso rimane in ginocchio.

KM: Beh, teoricamente sei il primo a resistere al Superkick. Ti concederò di dirmi il tuo nome, prima di essere messo KO.

Tizio Grosso: Io mi chiamo -

Secondo Superkick, seguito immediatamente da un terzo, un quarto, un quinto no perchè Tizio Grosso è riuscito ad accasciarsi al suolo e sembra aver perso i sensi.

KM: Fanculo a tutti quelli che nella rissa vanno di pugni a caso. Come se la mia disciplina fosse finta, bah.

Nel frattempo Sigfried Jaeger si ferma e scoppia a ridere vedendo Cross e Manson indaffarati a colpire come fabbri tutti quelli che si tentano di colpirli. All’improvviso però qualcuno rompe un boccale in testa al Monster Hunter, che barcolla e si gira infuriato, incrociando così lo sguardo col barista incazzato.

Barista: Beccati questo, stronzo di un tedesco. Ti avevo detto di startene buono a un angolo, no?!

SGF: E tu che cazzo vuoi, brutto sosia di Cross?!

Il Corvo agguanta una sedia e la tira verso il barista, che si abbassa. Il pericoloso oggetto volante si schianta addosso alle bottiglie in un mare di vetri infranti, che finiscono sul malcapitato giovane col basco. Dopo di che Jaeger spicca un balzo e scavalca il bancone.

Barista: Ma sei impazzito, crucco?!

SGF: No, sto solo giocando, pelo rosso!

Subito dopo il tedesco riempie di pugni il barista e lo scaraventa aldilà del bancone, mandandolo a ruzzolare addosso ad altri avventori che cadono a terra. Poi Sigfried si versa un whisky, lo beve alla goccia, osserva un attimo la scena infernale di fronte a se, infine sorride e spacca la bottiglia che ha in mano sulla testa di uno sconosciuto manesco che sta tentando di raggiungerlo, tramortendolo.

Immagine


Subito dopo l’azione si focalizza su Vincent Cross, che stende un irlandese pelato con un gran destro alla mascella ed evita una sedia che vola abbassandosi! Nel frattempo Manson indietreggia difendendosi dai colpi di un nerboruto barbuto che cerca di prendergli la testa, ma no, HEADBUTT di Manson che fa sanguinare l'uomo, steso poi con un calcio dritto all'addome! I due wrestler TWC ora arretrano entrambi, fino a toccarsi con le spalle!

VC: AHHH!

KM: AHHH!

I due si girano, trovandosi l'uno di fronte all'altro, e si calmano...

VC: Ok, ok, senti, Tattica 47!

KM: CHE CAZZO E' LA TATTICA 47!?

VC: QUESTO!!

CROSS PRENDE MANSON PER LA MAGLIETTA E LO LANCIA CONTRO UN GRUPPO DI UOMINI INTENTO A PICCHIARSI, E LI TRAVOLGE TUTTI!

VC: STRIKE!! 20 punti per me!

Dopo essersi gustato la scena incredibile, Sigfried Jaeger salta in piedi sul bancone e rifila un violento calcio in bocca a un ubriaco che tentava di bloccargli una gamba, poi balza di sotto colpendo con i piedi in pieno petto un altro energumeno, che crolla addosso ad altre persone, sbilanciato dal Panzerfaust del Corvo. Jaeger si rialza in fretta, prendendosi comunque una dose di calci. Una volta in piedi stende un tizio con una Blitzkrieg e ne manda KO definitivamente un altro che tentava di rialzarsi con un classico Stay Down.

Immagine


Dopo di che eccolo venire circondato da altri irlandesi urlanti.

SGF: Ma chi cazzo sta spawnando tutti questi peli rossi?!

Cross nel frattempo si è rifugiato nei pressi del bancone per riposarsi, lontano dall'azione, cercando una birra dai refrigeratori... Ma ecco che accanto a lui compare Kevin Manson, con quello che sembra essere Thè alla pesca in mano!

VC: E quello dove l'hai preso?

KM: Dispensa pubblica.

I due sporgono la loro testa oltre il bancone...

KM: Bello spettacolo, vero?

VC: Già, Odio su Tela.

Nel frattempo alle spalle di Jaeger, più lontano, compare un uomo nero con un coltellino nella mano!

Immagine


UNG: Imparerà a non bere, il crucco di merda!

Ma all'improvviso l'uomo viene preso alle spalle e girato da un altro nero più muscoloso e forzuto che lo guarda arrabbiato!

Immagine


UNA: QUANTE VOLTE DEVO DIRTELO CHE LA TEORIA DEGLI ELEMENTALI CONTENUTA NELLA CRITICA ALLA RAGION PURA DI KANT E' COMPLETAMENTE SBAGLIATAAAAAA?!?!?!?!?!?!

Detto ciò l'uomo più grosso lancia l'altro sino al bancone con quella che sembra una Gorilla Press! Questi arrancando riesce a rialzarsi sul bancone... Ma Cross è ancora lì e lo colpisce con una birrata in testa! Manson, al suo fianco, se ne accorge...

KM: Ehi!

VC: Tieni il conto perché mi sa che siamo 13 a 11.

I due poi si guardano intorno in cerca di avversari da pestare. E Brunild Wagner? La Valkyria della TWC se ne sta seduta a sorseggiare la sua birra mentre osserva dal parapetto lo svolgimento della colossale rissa. Ad ogni “prodezza” di Sigfried, questa sospira e scuote il capo. A un certo punto, però, la Valkyria sente vibrare il cellulare e lo tira fuori dalla tasca della felpa, rispondendo alla chiamata nonostante il casino che le si fa attorno.

BND: Hallo?

???: ...

BND: Amica mia! Che piacere sentirti, come stai?

???: ...

BND: Io sto benissimo. Mi hai vista in tv? Come ti sono sembrata?

???: ...

BND: Danke shön, amica mia. E il 23 agosto torno sull’Octagon per un altro match! Mi raccomando seguimi e fammi sapere, la tua opinione è importante per me, visto che questo era il nostro sogno. Verrai a vedermi presto?

???: ...

BND: Peccato. Però non hai detto di no, eh. Pensaci, amica mia.

???: ...

L’Armbreaker si guarda intorno, tappandosi l’orecchio libero per diminuire la cacofonia che domina il pub e sentire meglio la sua interlocutrice.

BND: Scusami, non ti sento molto bene!

???: ...

BND: Eh, hai indovinato, siamo ancora in Irlanda. E anche stavolta mi ritrovo in un locale in mezzo a una rissa.

???: ...

BND: Ovvio che l’ha iniziata lui. Ma è stato provocato prima.

???: ...

BND: Come vuoi che stia? E’ il solito Sig.

???: ...

BND: Non dire così. Lui lo dà poco a vedere, ma ti pensa spesso.

???: ...

BND: Evidentemente per lui non è ancora arrivato il momento. E penso anche per te, amica mia.

???: ...

BND: Stai tranquilla, prima o poi tutto si risolverà, in un modo o nell’altro.

All’improvviso un malintenzionato si avvicina al parapetto con l’intenzione di gettare una sedia dall’alto addosso a Sigfried. Ma non ha fatto i conti con Brunild, che si alza, finisce la sua birra e con nonchalance spacca il boccale in faccia all’uomo, che barcolla e cade di sotto impattando sul bancone urlando. Jaeger alza lo sguardo e sorride facendo un cenno a Brunild, poi raccoglie una gamba di una sedia e la usa a mò di mazza, respingendo via la folla di irlandesi inferociti. Brunild riprende a parlare al telefono.

BND: Adesso però mi sa che devo lasciarti, la situazione sta totalmente degenerando.

???: ...

BND: Certo, ci penso io a prendermi cura di lui e Gunther, come al solito. Però quei due sono duri come pigne verdi quando ci si mettono, e spesso se ne approfittano mettendomi in minoranza.

???: ...

BND: Eh eh eh. Mi manchi tanto, amica mia. Viemmi a trovare appena puoi.

???: ...

BND: D’accordo. Auf Wiedersehen, Sylmy!

La Valkyria, soddisfatta si mette il telefono in tasca, dopo di che si avvia alle scale. Un uomo enorme tenta improvvisamente di afferrarla da dietro, ma Brunild sfrutta la stazza del tizio e lo rovescia davanti a sé, mandandolo a ruzzolare per la scalinata a chiocciola. Un’incurante Brunild scende le scale e scavalca il corpo accartocciato dell’aggressore arrivato in fondo. Dopo di che si fa largo tra la massa di corpi a terra e di persone che barcollano ferite, colpendo chiunque si avvicini troppo a lei. L’azione intanto si sposta altrove. Attenzione, ecco che ora Cross scavalca agilmente un tavolo...

Immagine


...PEM, PEM E STRAPEM contro uno degli Irlandesi pronto a colpirlo! Cross passa a colpire un altro ubriacone del bar con un altro pugno in faccia, mandandolo in ginocchio al tappeto, mentre un altro ancora cerca di prenderlo alle spalle! Cross però gli blocca il braccio...

Immagine
+

.... BIS DI CAZZOTTI! E non appena quello in ginocchio prova a colpirlo da dietro Cross si gira e lo colpisce con un destro da antologia! Intanto vediamo Kevin Manson lanciare la gente oltre i loro stessi tavoli, ridendosela della grossa! Uno di loro prova a girarlo e piantarli un cazzotto in bocca...

Immagine


... NO, CEFFONE IN FACCIA PER LUI! Manson inizia a distribuire schiaffi a destra e a manca...

Il locale è praticamente devastato. Ormai restano poche persone in piedi, ma la voglia di menare le mani contro i wrestler della TWC sembra essere del tutto scemata, viste le “prodezze” di Cross, Manson e Jaeger. Brunild Wagner raggiunge un soddisfatto Sigfried Jaeger, non prima di aver steso con un dritto un altro ubriaco.

BND: Eccomi. Dal sorriso mi pare di capire che tu sia soddisfatto.

SGF: Sì, mi sono divertito abbastanza. E’ stato un bell’allenamento.

BND: Io direi di andare.

Sigfried guarda un attimo gli ultimi focolai di rissa che al momento coinvolgono ancora Manson e Cross, poi fa spallucce e annuisce. I due si avviano verso una porta di servizio che dà sulle cucine. Prima però, il Corvo raccoglie da terra una freccetta solitaria. Eccolo prendere la mira, e lanciarla con mostruosa precisione verso il bersaglio che si trova dall’altra parte della sala. Il dardo, inquadrato da dietro in slow motion, vola dritto nella sua traiettoria come un proiettile, passando tra facce tumefatte e corpi in movimento, senza sfiorare nessuno per pochi centimetri. Eccolo passare vicino a Cross, proprio mentre rifila un pugno a un tizio, liberando involontariamente la traiettoria, infine si pianta sul bersaglio circolare con l’inquadratura che torna a velocità normale... A pochi centimetri dalla faccia di Kevin Manson. Questi, sbigottito, si gira. Centro perfetto. Per tutta risposta l’Animal stacca a forza il bersaglio e lo rompe in testa al primo malcapitato che è a tiro.

KM: Pfui.

Manson poi cerca Jaeger con lo sguardo, ma questi è sparito dal locale, assieme a Brunild. Intanto il barista, malconcio per i colpi di Siegfried, cerca di squagliarsela lentamente, ma ecco che incappa in Vincent Cross! Il Biker lo guarda dall'alto in basso...

VC: Nulla di personale, ma è da quando ti ho visto che voglio farlo!

Immagine


Terrificante cazzotto di Cross contro il povero barista! Questi inizia a barcollare per il colpo subito, si volta... Ed ecco che davanti a lui appare Kevin Manson!

KM: Anche io se per questo!

Immagine


E partono schiaffoni a raffica di Manson che intotiscono ancor di più il poveraccio! Il rosso si gira barcollando nuovamente verso Cross...

Immagine


E questi lo finisce con un devastante Super Slap of Eternal Doom!!! Il barista crolla a terra, e i due lottatori, nel bel mezzo degli ultimi focolai della furibonda rissa ancora in corso, si guardano...

VC: Non so perché ma ho una strana voglia di Birra e Salsicce.

KM: Pfui.

E le immagini all’interno del pub devastato sfumano definitivamente.

(Esterno del Temple Bar – Dublino, Irlanda)


Il video riprende sulla strada principale nei paraggi del Temple Bar. Come vediamo, all’esterno del locale c’è una gran confusione. Diverse persone contuse se ne stanno andando, altre sono a terra che si lagnano per le ferite. Nel frattempo però sta arrivando la polizia. Vediamo infatti arrivare diverse auto a sirene spiegate che inchiodano davanti al Temple e un nugolo di uomini in divisa uscirne fuori. Molte persone si danno alla fuga, altre invece, messe peggio, possono solo aspettare che arrivino anche le ambulanze. Tra la folla che assiste curiosa a quanto accade, vediamo Sigfried Jaeger e Brunild Wagner.

ImmagineImmagine


SGF: Beh, che dire, è stata una serata proficua direi. Mi son sentito come ai vecchi tempi. Quante serate come queste in ECW, eh?

BND: Già.

I due vedono gli agenti, una volta in assetto antisommossa, prepararsi ad entrare nel pub in massa.

BND: Mah, per lo meno non siamo tanto scemi da farci prendere dai poliziotti.

SGF: Esatto, un eroe sa sempre quando è il momento di uscire di scena. Né troppo presto, e, soprattutto, né troppo troppo tardi. Ma dì un po’ Nildy. Con chi stavi parlando al telefono mentre menavo quei farabutti?

La Valkyria sorride.

BND: Ora ti racconto per strada.

Sigfried e Brunild si girano e infine si allontanano nella notte, mentre le immagini sfumano definitivamente.







Fine delle trasmissioni



Spoiler:
All’interno dei resti del locale Cross e Manson, intanto, sono finalmente faccia a faccia, pronti a menare le mani. I due si guardano negli occhi, soddisfatti dei corpi semicoscienti che han lasciato in terra. La tensione è palpabile... Ma si apre una porta, e la polizia irrompe violentemente.

VC: Merda!

KM: Zitto, ho un piano...

Poliziotto: Mani in alto!

KM: Aiuto, i banditi!

The Animal si sbraccia con veemenza, colpendo di proposito un estintore. L'oggetto esplode sul colpo, facendo fumo e permettendo ai due di correre.

VC: Ok, questa era buona, ma la prossima volta che ci vedremo non sfuggirai al mio pestaggio, sappilo.

KM: E tu non sfuggirai mai alla mediocrità...

I due corrono fuori dal locale utilizzando la stessa uscita secondaria presa dalla BDK, dopodichè corrono più veloce che possono in due direzioni opposte. Cross gira l'angolo, Kevin è alle strette e si fionda in un bidone della spazzatura. I poliziotti inferociti finalmente escono al loro inseguimento, ma non vedono più nessuno.

Poliziotto 2: Dannazione, li abbiamo persi, sono andati troppo lontano. Certo, da quello ben fisicato me lo aspettavo, ma ci siamo fatti scappare pure il ciccione... Bah.

Gli agenti di polizia tornano nel locale per assicurarsi delle condizioni degli uomini stesi a terra, intanto Manson caccia la testa fuori dal cassonetto.

KM: Non sono ciccione, sono di costituzione robusta!

(The End)


Ultima modifica di Elban Rattlesnake il 12/11/2015, 21:21, modificato 2 volte in totale.

Top
 Profilo  
Rispondi citando  

Re: TWC - News from Indoor War
MessaggioInviato: 09/08/2015, 12:44 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: 18/04/2011, 23:52
Messaggi: 26144
Immagine


Immagine

Ci troviamo nel quartier generale della Total Wrestling Corporation, a Manhattan, New York, siamo all'interno del locale principale del palazzo, l'ufficio personale di Mr. Fox Olon, dove troviamo il New York Guy, il quale, immerso nel lavoro, sta consultando varie carte, quando...

...TOC...TOC...

...ecco che sentiamo dei colpi alla porta, qualcuno sta bussando!

FO: Avanti!

Ecco che la porta si apre...

ImmagineImmagine

...e fanno la loro comparsa i fratelli Heinrich, Gerald e Ernst!! Alla loro vista il general manager di Friday Night Indoor War fa uno scatta, si alza immediatamente dalla poltrona e si avvicina ai due talent scout della TDPW, salutandoli affettuosamente e stringendo loro le mani.

FO: Che piacere, Gerald! Che piacere, Ernst! Accomodatevi, prego!

Gerald e Ernst, un po' sorpresi da questa calorosissima accoglienza, sorridono a Fox che li fa accomodare su due sedie poste dinnanzi alla sua scrivania, dopodiché il New York Guy si risistema sulla sua poltrona.

FO: Schmidt mi ha raccontato molte cose sul vostro conto, è anche merito vostro se lui è quel che è ora, perciò mi fa piacere aver l'occasione di ringraziarvi di persona per aver addestrato al meglio uno dei miei ragazzi, grazie!

I fratelli Heinrich annuiscono.

FO: Ma ditemi pure, che posso fare per voi, signori?

GH: La proposta che siamo venuti a farle è molto semplice.
Come abbiamo detto a Chris qualche giorno fa appena siamo arrivati in America siamo stati assunti come talent scount per la TDPW, io e Ernst ci siamo detti che sarebbe stato un ottimo primo colpo portare Schmidt in TDPW, anche per aiutarlo ad affinare ancor di più le sue già eccezionali qualità sul ring.

EH: In pratica le stiamo proponendo di far firmare a Schmidt un contratto aperto simile a quello che hanno i membri della BDK Inc., Guardians of Truth e Lucy Fischer.

Mr. Fox Olon, dopo aver ascoltato in silenzio la richiesta fattagli dai fratelli Heinrich, pare un po' titubante, non del tutto convinto.

FO: Mah; siete venuti dal sottoscritto, il presidente della più grande federazione di pro wrestling fra quelle emergenti in tutto il mondo, nel mio ufficio per cosa?! Per chiedermi di cedere a qualcun altro un mio dipendente, una delle migliori superstar di cui disponiamo?! Voi siete matti!

Ernst cerca di intervenire, ma ecco che viene immediatamente interrotto da Mr. Fox Olon...

FO: Insomma, la mia risposta è no, no, NO! Non posso rischiare di perdere Schmidt, non posso rischiare che combatta in altri eventi e che magari si infortuni, per chi mi avete preso, pensate forse che io sia deficiente?! Senza contare che c'è il rischio che con questo "contratto aperto" Schmidt finisca per venire meno agli impegni presi con la TWC, no, non posso proprio, scusatemi, potete andare ora...

EH: Lei ha frainteso la nostra proposta, non intendiamo portarle via Christophorus in nessun modo.
Se ha paura di probabili infortuni siamo ben disposti a inserire nel contratto una clausola che, in caso di infortuni, la TWC sarà risarcita di una somma di denaro a sua scelta.

GH: Per quanto riguarda invece le apparizioni di Schmidt le garantiamo e metteremo nero su bianco che non salterà nessun show della TWC e che combatterà per noi solamente durante la settimana di pausa che si prende la TWC tra una puntata di Indoor War e l'altra.
Come può vedere non solo non rischiate di perdere Schmidt ma ve lo ritroverete meglio di prima, specialmente per la sua lotta agli State of Anarchy.

Dopo gli ulteriori chiarimenti vediamo un Mr. Fox Olon ancora titubante...

FO: Mah, insomma, fatemi pensare...okay, mi avete convinto!

Gerald e Ernst annuiscono, esultando.

FO: A breve farò preparerò il contratto a Schmidt e glielo farò firmare, sempre che riusciate a convincerlo...okay?!

Gerald e Ernst annuiscono.

FO: Perfetto! Ora, signori, se potete scusarmi, ho parecchio da fare, arrivederci!

Mr. Fox Olon si alza in piedi, lo stesso fanno i suoi interlocutori, i quali, dopo una stretta di mano, lasciando, contenti, l'ufficio del New York Guy, il quale, rimasto solo, si ferma per qualche momento, fa un cenno col capo, dopodiché torna al lavoro.


Top
 Profilo  
Rispondi citando  

Re: TWC - News from Indoor War
MessaggioInviato: 10/08/2015, 12:15 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: 13/04/2011, 19:41
Messaggi: 5772
Località: Sicilia
Immagine




Le immagini aprono inquadrando un The Gaty saltellante e visibilmente di buon umore, intento a fare piroette intorno a pali della luce e ad abbracciare passanti a caso. L'MCG è vestito di tutto punto e ben pettinato.

Immagine


L'inquadratura poi si sposta verso una macchina dai vetri leggermente oscurati, parcheggiata dall'altra parte della strada rispetto al marciapiede dove si trova The Gaty. Dalla macchina intravediamo due sagome, una più alta alla guida ed una più bassa sul sedile passeggero. L'inquadratura va quindi a rallentatore e dalla macchina vediamo scendere due figure a noi note.



Immagine
Immagine


Sono Jim "The American Eagle" Smith e James "Little Jimmy" Hickenbottom, rispettivamente migliore amico e figlio sedicenne della War Machine.

I due seguono The Gaty mantenendo una certa distanza, mentre The Legend continua ad importunare passanti con abbracci e baci.

JIM: Si può sapere che gli è preso a tuo padre?

JMY: Non lo so, l'ultima volta che lo vidi così fu dopo aver vinto il suo match a Summerslam 2011

JIM: Lo scopriremo

Vediamo intanto The Gaty fermarsi entrare da un fioraio ed uscirne poco dopo con un mazzo di rose in mano. Un paio di isolati dopo Gaty suona il citofono di un palazzo in centro.

???: Chi è?

GTY: Sono io.

???: Arrivo.

Nel frattempo Jim e Jimmy guardano la scena mantenendo le distanze, cercando di non dare troppo nell'occhio.

JIM: Secondo me quel vecchio marpione di tuo padre ha un appuntamento...

JMY: Ottimo lavoro detective Conan, un altro caso risolto...

JIM: Noto una leggera punta di sarcasmo.

JMY: Sarà impressione tua...

Nel frattempo, la porta d'ingresso del palazzo si apre e da lì vediamo uscire Rebecca O' Haire, ragazza incontrata qualche giorno prima da The Gaty, anche lei ben vestita. Vediamo MCG porgerle il mazzo di fiori, lei dice qualcosa e poi gli getta le braccia al collo. Tutta la scena è inquadrata dal punto di vista di Jim e Jimmy

JIM: Ammazza...

JMY: Porca vacca...

Gaty e Rebecca si mettono in cammino, Jim e Jimmy continuano a seguirli a distanza.

Dopo un paio di minuti vediamo l'amorevole coppietta entrare nel ristorante "Le Roi De France" e chiedere un tavolo per due, Jim e Jimmy entrano anche loro poco dopo; all'entrata lì accoglie un cameriere.

Immagine


JIM: Un tavolo per due.

CAM: Oui, seguitemi.

Il cameriere fa accomodare i due in un tavolo ad una decina di metri di distanza da Gaty e Rebecca

JIM: Ehm, scusi cameriere, un'altra cosa.

CAM: Oui, mi dica Monsieur

JIM: Mi potrebbe portare un giornale per cortesia?

CAM: Mais Oui, arriva subito.

Il cameriere va a prendere il giornale, Jimmy nel frattempo esprime una sua perplessità

JMY: A che ti serve il giornale?

JIM: Aspetta e vedrai

Il Garçòn porta il giornale a Jim, il quale fora grossolanamente il giornale con le dita, in modo da creare due buchi da cui poter vedere e fa finta di leggerlo coprendosi il volto con esso di modo da non farsi notare da Gaty

JMY: Sei un fottuto genio..

Jim annuisce fiero, non cogliendo l'evidente sarcasmo di Jimmy, il quale nel frattempo, per non farsi notare dal padre, scivola sulla sedia in modo da far sporgere sopra il tavolo solo gli occhi.

L'inquadratura si sposta su Gaty e Rebecca, pronti ad ordinare.

GTY: Per me Escoargòt avec Foie Gras, mercì.

REB: Per me Fondue du Fromage e un bicchiere di Bordeaux.

Il cameriere prende nota, ritira i menù e si allontana. L'inquadratura ritorna dai due in incognito.

JIM: Davvero? Foie Gras? La cosa più raffinata che gli ho visto mangiare da quando lo conosco è una vaschetta di patatine mangiata con la forchetta.

JMY: Ah... L'amour...

JIM: L'amour sto' cazzo, non dimenticarti perchè siamo qui. Siamo qui perché tuo padre, anche se non lo sa, ha bisogno di noi, dobbiamo salvarlo dal diventare un rammollito, deve concentrarsi sulla sua carriera da wrestler. E soprattutto deve battere Bosiko.

JMY: Lo so, lo so, siamo qui per aiutarlo e bla bla bla...

Nel frattempo il Garçon arriva anche al tavolo dei due James per ritirare le loro ordinazioni.

JIM: Per me andrà bene un French Toast

JMY: Per me delle French Fries

CAM: Oui, vedrò che posso fare...

Il cameriere ritira i menù con un sorriso ipocrita dipinto in volto e si allontana.

CAM: Stupidi americani...

Nel frattempo l'inquadratura torna al tavolo di Gaty e Rebecca

GTY: Ascolta... domani dovrò prendere un aereo per Boston e non tonrerò in Irlanda chissà per quanto tempo... Per cui volevo chiederti... So che è presto e che ci conosciamo solo da qualche giorno ma io vedo una cosa speciale in noi... Ecco ti ho portato questi.

Gaty esce dalla tasca due biglietti.

GTY: Sono due biglietti. Uno è un biglietto aereo per Boston, puoi venire con me, viaggiare per tutto il mondo, vedere posti nuovi e stare insieme a me. Hai detto che eri in cerca di te stessa no? Quale migliore occasione?

REB: Già... e l'altro biglietto?

GTY: L'altro è un posto in prima fila per lo show di venerdì a Boston, ci terrei che tu fossi lì, è il mio primo match in quattro anni. Ad ogni modo, non devi darmi la risposta ora, prenditi il tuo tempo, e se vorrai ci vedremo direttamente a Boston.

REB: Grazie... Mi piaci tanto, ma ho bisogno di un po' di tempo per pensarci...

GTY: Nessun problema, spero solo di vederti tra il pubblico venerdì...

REB: Vedremo...

Diversi minuti dopo, i due piccioncini chiedono il conto, nel frattempo Jim e Jimmy decidono che è giunto il momento di entrare in scena, per cui si alzano e vanno dietro Gaty, Jim tira una cozzata all' MCG.

GTY: Ma che cazz...

JIM: Vecchio mio!

GTY: Jim! Jimmy! Che cazzo ci fate qui!

REB: Gaty, chi sono questi tizi?

JIM: Piacere, Jim Smith, ex wrestler e miglior amico di Gaty

Jim porge la mano a rebecca che gliela stringe riluttante.

JIM: E questo qui è Jimmy, il figlio di Gaty

Rebecca stringe la mano anche a Jimmy, poi guarda Gaty con aria confusa.

REB: Non mi avevi detto di avere un figlio...

GTY: Infatti... è...è mio figlioccio! Già, è il figlio di Jim, io l'ho battezzato e quindi lo chiamo "mio figlio", ma... ma... non è mio figlio!

JMY: Papà! Ti vergogni di me?

REB: Basta così!

Rebecca si alza ed esce dal locale, mentre Gaty la insegue. Usciti dal ristorante The War Machine riesce a raggiungere Rebecca e le mette una mano sulla spalla.

GTY: Aspetta... So che sembra un casino: i viaggi continui, il figlio... So che pensi che questa vita non fa per te, ma questa è la mia vita, e fidati, è molto più semplice di quanto sembri.

Rebecca guarda Gaty, senza dirgli niente.

GTY: Avevi dimenticato questi sul tavolo...

MCG porge i biglietti a Rebecca

REB: Grazie... Ora devo andare...

Rebecca dà un bacio sulla guancia a Gaty, poi va per la sua strada. Nel frattempo Jim e Jimmy raggiungono Gaty, Jim mette una mano sulla spalla alla Leggenda.

JIM: E' andata?

GTY: Qualcosa mi dice che la rivedrò a Boston. Ad ogni modo, si può sapere perché siete qui?

JMY: Ci mancavi.

JIM: Già, e in più è giunto il momento di rimettere insieme il Dream Team. Di nuovo insieme, tutti e tre, come ai vecchi tempi, a combattere i cattivi.

Jim pronuncia queste parole con uno sguardo particolarmente ispirato.

GTY: Già... come ai vecchi tempi.

JMY: Vi va di andare a mangiare qualcosa? Intendo cibo vero.

GTY: Massì, un hamburger è quello che ci vuole.

I tre si incamminano, poi a Smith sorge un dubbio.

JIM: Ma l'hai pagato il conto?

GTY: Che si fottano.

Le immagini sfumano.


Top
 Profilo  
Rispondi citando  

Re: TWC - News from Indoor War
MessaggioInviato: 10/08/2015, 19:54 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: 21/03/2012, 18:23
Messaggi: 8563
Let's play a game. Heads or tails?


It's amazing what happens, just when you change a variable.


HEADS


Spoiler:


Once upon a time, there was a young boy...

Immagine


My name is Manuel Angel, and I'm gonna be the greatest pro-wrestler of all times!


That was his dream. He trained, and trained, and trained, until...

I'm gonna be the greatest meteora, here, in this federation called TWNA. A white meteora who's gonna purify this place. I give you my word.


Immagine


He was finally there. He just had to keep fighting. But sometimes, a fight is harder than it seems.

Immagine


I'm not gonna stop. Not now.


But he kept losing. His heart became weak, and his soul lost his way. And in the end, everything crashed in front of him.

Immagine


Everything is over.


And even when he had one last chance, he failed.

WrestleMania IV ha scritto:
The winner of this Citrus Bowl Street Fight Match : the Criminal,the Killer,the longest-reigning TWE Champion... CJ, CHRISTIAN JEEEEEEEEERICHOOOOOOOOOOO!


Now that boy is a man, and lives in the shadows, waiting for someone to reach what he never reached.

But what if I chose tails?

TAILS


Immagine


Laaaaaaaadies and gentlemeeeeeeeeeeeen, my name is Aaaaaandy Moooooooon!


THAT'S WHY HE'S THE ONE
THAT'S WHY HE'S THE ONE


Top
 Profilo  
Rispondi citando  

Re: TWC - News from Indoor War
MessaggioInviato: 11/08/2015, 13:11 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: 23/12/2010, 9:22
Messaggi: 17032
Immagine

PRESENTA

Immagine

EPISODIO 1


Le immagini ci portano all'interno dello studio televisivo di Samy TV.

Immagine


Qui troviamo una Jessica Rose con un'espressione leggermente preoccupata che guarda in camera.

Immagine


Jessica: Ladies and gentleman, please welcome... The Guardians Of Truth.

Ed ecco che nello studio fanno il proprio ingresso i Guardians Of Truth al gran completo.

ImmagineImmagine


I Guardians fissano famelici l'annunciatrice TWC che intanto gli indica le poltrone su cui accomodarsi, ma i quattro restano a fissarla per qualche secondo prima che Samantha abbozzi un sorriso.

Samantha: Tranquilla Jessy, non ti faremo nulla... per ora.

Miss Rose deglutisce mentre Drake, Dixon e Maivia vanno ad accomodarsi sulle poltrone.

Immagine


L'annuciatrice va a sedersi di fronte a loro mentre Samantha si allontana andandosi a sedere su una sedia disinteressandosi dell'intervista ed iniziando a giocherellare con il suo smHartphone. Jessica Rose la guarda interdetta non sapendo se parlarle o meno, ma ecco che The Dragon schiocca le dita attirando l'attenzione dell'annunciatrice.

Drake: Siamo noi quelli che devi intervistare, Samy ha altro a cui pensare.

Jessica: O-ok... Allora ragazzi parlatemi dei Guardians Of Truth e dei loro obiettivi.

Samantha: NAH!

Vediamo Samantha che sta guardando in cagnesco Jessica Rose che ora cambia subito domanda.

Jessica: Ok, allora parlatemi dell'assalto ad Ultraman ed al disdegno causato da questo attacco.

Samantha: NAH!

Miss Rose inizia a spazientirsi ma non si scompone e fa un'altra domanda.

Jessica: Che ne dite di parlare dei The Lone Souls e della loro aggressione...

Samantha: NAH!

L'annunciatrice si volta verso Samantha.

Jessica: Vuoi farle tu le domande?!

La ragazza immediatamente si rende conto di aver alzato la voce contro le persone sbagliate ed ora vediamo Drake e Dixon ridere diabolicamente mentre Maivia resta serio e fissa Jessica con sguardo duro. Intanto vediamo Samantha che senza degnare di uno sguardo la ragazza ripone il suo smHartphone nella tasca dei pantaloni per poi alzarsi lentamente, togliersi il cappuccio ed avvicinarsi verso Jessica Rose che ora spaventata deglutisce ancora. Una volta arrivata vicino a Jessica, The Tiger va a sedersi sulle sue gambe iniziandole ad accarezzare i capelli...

Samantha: Cosa hai appena detto Jessy?

Jessica: N-niente...

Samantha: Non farmi incazzare e rispondi... Cosa hai appena detto?

Jessica: S-se vuoi farle t-tu le domande...

Samantha: Interessante. La serva ha finalmente tirato fuori un briciolo di coglioni.

Jessica: I-io non volevo...

Samantha: Hai fatto bene invece. Non so se hai notato, ma da quando sono arrivata in TWC non ti ho trattata molto bene...

Jessica: Sì, ma n-non fa niente...

Samantha: Non essere accondiscendente solo perché hai paura. E' una cosa che odio.

Jessica: Ok...

Sul volto di Samantha compare una smorfia contrariata ed ora stringe i capelli di Jessica Rose che tira fuori un piccolo urlo di dolore.

Samantha: Ti ho detto di non essere accondiscendente!

La Hart Princess stringe la presa facendo ancora più male a Jessica.

Jessica: Cosa vuoi che faccia?!

Samantha: Il tuo lavoro!

The Tiger molla la presa ed ora finalmente guarda negli occhi Jessica Rose.

Samantha: Provami a chiedere perché me la sono presa con te dal mio debutto in TWC?

La Hart Princess si alza e va a sedersi in braccio a Maivia che inizia ad accarezzarle la schiena.

Jessica: Perché te la sei presa con me sin dal tuo debutto?

Samantha: Semplice Jessy, tu sei solo un'umile serva. Pensi che mi sia scordata del tuo rapporto speciale con Kid The Wizard?

Jessica: Era solo professionale...

Samantha: Quindi tutte le scopate che ti ci sei fatta erano solo a scopo professionale? Anche quando il tuo ragazzo venne ucciso era solo a scopo professionale? Scommetto anche che con John Corleone scopavi solo a scopo professionale... Sai chi scopa per professione?

Miss Rose abbassa la testa.

Samantha: Rispondi porco ***!

Jessica: Le puttane...

Samantha: Le puttane! Yeah! Ecco cosa sei Jessica, una semplice puttana!

Gli occhi dell'annunciatrice si fanno lucidi mentre Samantha inizia a ridere imitata da Drake e Dixon.

Jessica: Perché mi state facendo questo?

Samantha: Perché è mio scopo di vita vendicarmi di Kid The Wizard e visto che per il momento non si fa vedere ho pensato che prendermela con le persone a cui tiene possa spronarlo a farsi vivo... Ah no, contando che non si è fatto vedere quando il figlio morì e quando la fidanzata del suddetto figlio si autodistrusse con droghe ed antidepressivi causando la morte del bambino che lei stessa aveva in grembo penso proprio che non si farà vedere nemmeno ora per proteggere una delle tante troie che si è scopato. Peccato. Allora cambio la mia risposta dicendoti che ti sto facendo questo solo per mio personale diletto. I do everything I want when I want!

Jessica: Mi dispiace per te, per John e per tuo figlio Samantha, ma prendertela con gli altri non li riporterà indietro.

La ragazza tira su con il naso mentre sul volto di Samantha compare un'espressione dura.

Samantha: Non. Provare. A. Nominarli. E' CHIARO?!

L'annunciatrice annuisce timidamente ed abbassa la testa mentre delle lacrime iniziano a rigare il suo viso.

Samantha: Guardatela, piange. Che donna di merda!

The Dragon e The Phoenix iniziano a ridere ed a sbeffeggiare l'annunciatrice mentre Mavia resta serio ed ora da un buffetto sulla spalla di Samantha che si scambia uno sguardo d'intesa con lui per poi alzarsi dalle sue ginocchia ed andarsi a sedere su quelle di Dixon mentre The Turtle si alza e va a muso duro con Jessica Rose che alza o sguardo ed ora spaventata osserva il samoano.

Immagine


Maivia: Se non sbaglio abbiamo un'intervista da fare.

Jessica: S-sì...

Maivia: Allora smettila di frignare e fai le tue domande.

Miss Rose osserva tutti i Guardians ed annuisce timidamente mentre Maivia torna a sedersi al suo posto.

Dixon: Eh Mavia, lo sappiamo tutti che sei un gran figo e con le donne sei un vero campione..

I Guardians, eccetto Maivia, ridono ancora mentre Jessica si ricompone e dopo essersi asciugata le lacrime sbafando il mascara si appresta a fare le domande, ma eccola che Drake la interrompe.

Drake: Uh guardate, così sembra un clown!

Dixon: Più che un Clown assomiglia a una battona di strada pronto a prenderlo in culo da un Clown, non proprio male ah!

Altre risate da parte di Drake, Dixon e Samantha.

Samantha: Bella questa Phoenix! Ah ah ah!

I tre continuano a ridere ancora per qualche istante.

Samantha: Ok, vai con le domande che il comportamento da duro di Maivia mi ha messo un certo arrapamento addosso e voglio sbrigarmela subito con questa rottura di palle.

Jessica: Allora... Posso riproporre le prime domande o sono taboo?

Samantha: Fai come vuoi.

Jessica: Allora, parlatemi dei Guardians Of Truth e dei loro obiettivi.

Samantha: Dominare il panorama del pro-wrestling tutto in ogni sua categoria. Siamo quattro individui perfettamente assortiti: abbiamo Drake, il folle figlio di puttana che pur di vincere le sue battaglie morirebbe nel ring, abbiamo Dixon, un bastardo doppiogiochista e macchinatore che fa dell'agilità, la tecnica ed i mind games i suoi punti di forza, poi abbiamo Maivia, un apatico bastardo che non prova emozione alcuna e quindi non disdegna di arrecare torture fisiche ai propri avversari grazie alla sua pura ed esplosiva potenza, ed infine ci sono io, Samantha Hart che come hai potuto vedere in TDPW sono in grado di combattere ad altissimi livelli ed a vincere senza troppe difficoltà. Con un assortimento del genere noi ne giro di pochissimo tempo domineremo le competizioni singole, tag team e femminili in TWC e non solo. Believe That!

Miss Rose abbastanza soddisfatta dalla risposta annuisce e continua a porre domande.

Jessica: Parliamo dell'aggressione ad Ultraman ed il tumulto che essa ha generato tra i fan che adorano The Defender Of Nature.

Samantha: Ma 'sti cazzi dei fan! Andiamo Jessy ma chi se ne è mai fregato dei fan?! Comunque l'aggressione ad Ultraman è sia una vendetta per averci messo i bastoni tra le ruote due settimane fa e sia perché qualcuno doveva fare da esempio per la devastante Monsters Fury.

Jessica: Invece per quanto riguarda l'arrivo dei The Lone Souls? Chi sono, cosa vogliono da voi?

Samantha: Eh eh eh, The Lone Souls...

Vediamo Maivia che si schiarisce la voce attirando l'attenzione di tutti.

Maivia: Su questa rispondo io.

La Hart Princess annuisce e lascia la parola a The Turtle.

Maivia: The Sheperd, quell'uomo incontrerà molto presto il mio pugno fotonico! Lo scorso anno io ero uno di loro, ero un Lone Soul!

Reazione abbastanza sorpresa da parte di Jessica Rose.

Maivia: Dovevamo debuttare in TWNA, dovevamo spalleggiare Randy Parks, ma qualcuno manomise i freni del nostro autobus facendoci schiantare. Quella persona mi salvò la vita, mi liberò dal giogo che Sheperd ha sui suoi adepti e poi quella stessa persona mi accolse nei Guardians Of Truth. Grazie Samantha.

Samantha: Non c'è di che Maivia.

Jessica: Quindi Sheperd ce l'ha con voi perché Samantha manomise i freni del suo autobus e perché Maivia lasciò il suo gruppo?

Samantha: Esatto.

Jessica: E perché mai gli hai manomesso i freni?

Samantha: Non volevo rischiare che si intromettessero nel main event.

The Tiger sorride mentre Jessica la osserva interdetta ma procede con le altre domande.

Jessica: E gli altri due cosa vogliono da voi?

Samantha: Si vede che sei poco informata... Drake.

The Dragon si avvicina a Jessica a prende la parola.

Immagine


Drake: Gli altri due ce l'hanno con me. Eh eh eh! Il giapponese è quello che massacrai lo scorso autunno arrivando quasi a terminare la sua carriera mentre l'altro era fidanzato con Alisa ma lui la abbandonò dopo che lei perse il suo bambino in un incidente stradale.

Ed ecco che anche Dixon prende la parola.

Dixon: Sono sicuro che Dave ce l'abbia ancora con me dopo quanto accaduto con Alisa, il tradimento mio e di Drake deve averlo fatto infuriare. Ma a dirla tutta magari sono insensibile, ma il bamboccio lo ritengo un grande ipocrita visto che in fin dei conti è stato lui il primo ad abbandonarla..

Jessica: Visto che avete tirato fuori l'argomento, parlatemi di Alisa. A quanto pare ora non ti fai più problemi a nominarla Drake al contrario dei tuoi primi mesi in TWC.

Drake: Eh eh eh, allora ero abbastanza instabile e la dolce Samantha ha cercato in ogni modo di proteggermi da eventuali turbamenti. Ora sono diverso, ora so che Alisa è semplicemente la causa di ogni mia sventura! Se non fosse stato per lei e per quell'incidente del cazzo io non sarei stato preoccupato la sera del match contro Akuma Fujihara e quindi non mi sarei fatto prendere alla sprovvista! E' colpa di Alisa se ho perso quattro anni di carriera, solo colpa sua! Ma finalmente ho ottenuto la mia vendetta!

Jessica: E tu Dixon? Tu hai avuto una relazione con lei, anche tu sei sulla stessa lunghezza d'onda di Drake?

Dixon: Io non porto rancore, è da stupidi conservare astio, per questo non ho niente contro Alisa. Era debole e andava sacrificata per il bene del grande piano, è stato fatto ciò per una buona causa, niente di personale.

The Phoenix sorride in maniera beffarda verso Jessica.

Immagine


Jessica: Ok... Passiamo al vostro contratto di non-esclusività firmato con Sigfried Jaeger che vi rende membri non ufficiali della BDK Inc. ma allo stesso tempo vi fa godere dei loro benefici contrattuali.

La Hart Princess sorride e prende la parola.

Samantha: E' una genialata Jessy non trovi? Pensaci attentamente, siamo in una compagnia major emergente nel panorama del pro-wrestling mondiale dove già abbiamo una TNA in declino, una NJPW che si inculano solo i giapponesi ed i nerd, la AAA che si inculano solo i messicani ed i nerd, la WWE che monopolizza la scena ed infine la TWC nata pochi mesi dopo la fine della TWNA e che volente o nolente va a strizzare l'occhio proprio ai vecchi fan TWNA. La TWC è giovane, è ambiziosa, questa compagnia vuole consolidarsi come più grande realtà di wrestling sulla piazza e quindi mira a non commettere gli stessi errori commessi dalla TWNA. E qui arrivo io.

La ragazza sorride perfidamente.

Samantha: Cosa può essere più scomodo ad una compagnia così ambiziosa? Un'alleanza di anarchici? Non credo. Frizioni all'interno dell'esercito privato del Chairman della compagnia stessa? Non credo. Due stronzi che giocano a chi si deve fottere il tossico mettendo di mezzo cause legali? Non credo.

The Tiger si passa una mano sui capelli scostandoseli dal volto.

Samantha: La cosa più scomoda per il managment TWC attualmente sono i Guardians Of Truth, un'alleanza composta da quattro individui così diversi ma così simili. L'ambizione di essere i migliori ad ogni costo si sposa alla perfezione con questo contratto di non-esclusività poiché dal momento che i Guardians non ottengono ciò che vogliono loro sono liberi di non presenziare agli show TWC, prendersi il regolare stipendio visto il contratto stipulato con la TWC ai tempi della nostra assunzione e presenziare regolarmente in shows di altre promotion creando un danno d'immagine notevole ad una compagnia giovane come la TWC. Cioè Jessy ti immagini l'opinione pubblica come si accanirebbe se noi sfanculassimo la TWC? Già mi vedo i giornali ed i siti internet che condannano un managment debole ed incapace di trattenere tra le loro file il wrestler più potente e cattivo in circolazione, The Turtle... Maivia!

The Turtle annuisce mostrando una smorfia di rabbia.

Samantha: Mi immagino le critiche verso la TWC per essersi fatti scappare il wrestler tecnicamente più dotato, più intelligente ed in assoluto più spettacolare in circolazione, colui che ha debuttato direttamente nel main event di Indoor War, The Phoenix... Dixon!

The Phoenix sorride soddisfatto.

Samantha: E come non parlare del wrestler più completo in assoluto nel mondo? Un uomo che è andato in guerra con Akuma Fujihara ed è sopravvissuto nonostante dovesse portarsi dietro quel peso di Alisa, un uomo che è attualmente imbattuto in TWC, un uomo che con un solo gesto è capace di spezzare carriere, The Dragon... Drake!

The Dragon mostra un sorriso folle mentre si sfrega le mani.

Samantha: Ed infine come reagirebbe l'opinione pubblica se la TWC si facesse scappare la personalità più famosa che hanno nel roster? Una ragazza che a soli 22 anni gestiva la TWNA, una ragazza che ha distrutto la stable più dominante della storia della TWNA, una ragazza che è andata in guerra con feccia umana del calibro di Akuma Fujihara, Christopher Corleone, Devil Antonius e tanti altri uscendone sempre vincitrice! Una ragazza, anzi no, una donna che si è fatta da sola e che non ha, non ha mai avuto e mai avrà paura di nessuno, The Tiger... Samantha Hart!

The Tiger mostra uno sguardo determinato.

Samantha: Io sono la più grande stella di questa compagnia, io sono LA Main Eventer dell'ultimo evento in assoluto in TWNA, io sono semplicemente perfetta!

Miss Rose deglutisce intimorita dalle parole di Samantha che ora continua a parlare.

Samantha: La TWC avrebbe potuto sopravvivere senza di noi solo se non ci avesse mai messo sotto contratto, ma ormai siamo qui e perderci sarebbe una sconfitta clamorosa per loro. La gente può amarmi o può odiarmi, non mi interessa, ma è innegabile che quando Samantha Hart entra nel ring, prende un microfono o si appresta a prendere a calci in culo qualche bastardo come ha sempre fatto nella sua vita, l'attenzione ricade sempre e solo su di lei! Le mie gesta hanno oscurato il torneo per il TWC World Heavyweight Championship, hanno oscurato la battaglia tra lo State Of Anarchy e la FOX's Army, hanno oscurato qualsiasi cosa non sia direttamente collegata a me, e se questi bastardi non accontenteranno ogni mia richiesta allora me ne andrò altrove insieme ai miei Little Monsters lasciando questa compagnia diretta verso la sua lenta ed inesorabile fine! Samy can be trusted!

La Hart Princess mostra un sorriso che velocemente si trasforma in una risatina che a sua volta diventa una vera e propria risata beffarda.

Immagine


Samantha: Ah ah ah ah ah ah!

Miss Rose osserva stranita il comportamento di Samantha e dei suoi Little Monsters che sorridono diabolicamente, eccetto Maivia che mostra un ghigno rabbioso.

Jessica: Cosa significa quest...

Ma ecco che Drake mette una mano davanti a Jessica bloccandola.

Drake: L'intervista è finita, l'unica cosa che posso dirti è che questa sera il mondo del wrestling cambierà per sempre. Believe that, and believe in Fortuna!

L'annunciatrice della TWC annuisce e lascia lo studio mentre Samantha continua a ridere perfidamente, e su queste immagini la prima puntata di How I Met Your Samy termina. Ci risentiamo presto, sempre qui sulle pagine di samhacker.com.

[Offline]


Top
 Profilo  
Rispondi citando  

Re: TWC - News from Indoor War
MessaggioInviato: 12/08/2015, 14:23 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: 20/03/2011, 19:09
Messaggi: 14965
Località: Somewhere between the sacred silence and sleep
Immagine


The Trial
Part 1


Una settimana è passata dalla fase preliminare al processo Bennett c. Murdock: settimana, questa, adibita alla raccolta delle ultime prove e delle ultime annotazioni. Con oggi, però, entriamo davvero nel vivo del procedimento: si entra infatti nella seconda fase, quella del contraddittorio. Ecco perciò che le telecamere di TWC.com, che ha ottenuto il permesso di riprendere questo evento, ci riportano nel Tribunale di New York, all'interno dell'aula in cui si svolgerà questa seconda fase.

Immagine


Immagine


All'interno dell'aula, la situazione è la stessa di una settimana fa: seggio del giudice momentaneamente vuoto, alla sua destra la postazione della giuria, dinanzi ad esso le due parti, tutti in silenziosa e concentrata attesa. Sempre come una settimana fra, tra i giurati il Presidente si alza in piedi, schiarendosi la voce.

Immagine


Giurato: Si apre la fase dibattimentale del procedimento Bennett c. Murdock, con oggetto la richiesta di ordine restrittivo da parte del suddetto Jeffrey Bennett contro l'imputato Lance Murdock. Presiede la seduta il giudice Surillo, in piedi grazie.

Il giudice Surillo, vestito con una toga classica, compare da un'uscita laterale rispetto al suo seggio, come gli abbiamo già visto fare, e va a prendere il suo posto.

Immagine


Giudice: Procedimento 142/2015, causa Bennett c. Murdock, si apre la fase dibattimentale. Chiamo al banco dei testimoni la parte proponente, nella persona di Jeffrey Bennett.

Immagine


Jeffrey Bennett si alza dalla sedia e si dirige verso uno scranno a sinistra di quello del giudice, sebbene più basso. Lo segue immediatamente il suo avvocato, Jack Keenan, che sarà il primo ad interrogarlo.

Immagine


Jack Keenan: Dunque, signor Bennett, potrebbe ricordare ai signori della giuria il motivo per cui siamo qui oggi?

JB:Certamente. Siamo oggi qui presenti per via dell'emissione di un ordine restrittivo nei confronti di Lance Murdock che ultimamente è stato molto oppressivo nei miei confronti.

Jack Keenan: Beh, certo, questo può leggerlo chiunque dagli atti del procedimento, ma in che senso si è sentito "oppresso" dal qui presente Lance Murdock?

JB:E' come una persecuzione, più e più volte mi ha importunato nel tentativo di "salvarmi" secondo i suoi perversi ideali, arrivando persino a mettermi le mani addosso in più occasioni

Jack Keenan: Quindi stiamo parlando di violenza fisica, oltre che morale. Non dimentichiamo però che il signor Bennett svolge un lavoro, quello di wrestler professionista, che implica di per sè un contatto fisico con altri lottatori all'interno di strutture a ciò adibite... ebbene, signor Bennett, questi episodi di "persecuzione", come li ha definiti, sono avvenuti soltanto dentro tali strutture di cui stiamo parlando, non, ad esempio, all'interno del suo domicilio, o sbaglio?

JB:Purtroppo sbaglia, Signor Keenan, mi ha aggredito prorpio all'interno del mio domicilio.

Casey Keenan: Obiezione, Vostro Onore: l'avvocato ha praticamente messo le parole in bocca al suo cliente!

Jack Keenan: In verità, Vostro Onore, il mio esempio derivava da una ipotesi tipizzata, la libertà di domicilio appunto, contemplata dalla nostra stessa Costituzione. Se la controparte vuole mettere in dubbio la mia buona fede e la mia professionalità, la materia dovrà essere trattata in altra sede, temo.

Giudice: Obiezione respinta. Ma stia più attento con gli esempi, avvocato Keenan.

Jack Keenan: Assolutamente, Vostro Onore. Signor Bennett, passiamo ad un'altra domanda: mi risulta che, poche settimane fa, lei abbia manifestato al signor Murdock l'intenzione di liberarsi dal suo rapporto di lavoro con la federazione denominata TWC; lavoro che, mi pare, lei ha svolto per molti anni, in altre federazioni. E' corretto?

JB:Giustissimo, Signor Keenan. Giunsi a quest'ardua decisione perché ormai l'ambiente di lavoro era per me invivibile a causa delle continue molestie riportate da Mr. Murdock.

Jack Keenan: E la sua condizione economica era tale da permetterle di rinunciare al suo lavoro?

Casey Keenan: Obiezione: faziosa. Non stiamo trattando della condizione economica del signor Bennett, ma delle cosiddette "persecuzioni" che avrebbe subito dal mio cliente, Lance Murdock.

Giudice: Accolta.

Jack Keenan: Va bene. Mi limiterò a chiedere questo, allora: qual è stata la reazione del signor Murdock quando lei gli ha esposto la sua intenzione di lasciare la TWC?

JB:Violenta e mi ostacolò in ogni modo nel perseguire la mia decisione di lasciare la federazione.

Jack Keenan si volta verso il giudice, allargando le braccia, con un'espressione soddisfatta.

Jack Keenan: E io che pensavo che esistesse la libertà di autodeterminazione. Ho finito, Vostro Onore.

Jack Keenan torna a sedersi nella sua postazione, nel momento stesso in cui Casey si alza e va a mettersi di fronte a Jeffrey Bennett.

Immagine


Casey Keenan: Vorrei tornare al discorso sul suo lavoro, signor Bennett, visto che il suo avvocato ha voluto introdurlo: come considera la sua posizione, a livello meramente gerarchico, sul suo posto di lavoro?

Jeffrey si passa una mano sul collo agitato

JB:Non molto alta...

Casey Keenan: Le chiedo scusa, signor Bennett, non mi intendo assolutamente di wrestling e sinceramente la risposta "non molto alta" non mi è molto chiara... potrebbe cortesemente precisarla meglio?

L'ex Paz deglutisce sempre più agitato

JB:Beh, diciamo che non ho una grande importanza all'interno della federazione...

Casey Keenan: Uhm, vedo che l'argomento non sembra metterla molto a suo agio, quindi mi farò bastare questa risposta. Quello che vorrei invece chiederle è se ritiene che questa sua "scarsa importanza" sia dovuta alle "persecuzioni" che a suo dire avrebbe ricevuto dal mio cliente, Lance Murdock.

Jeffrey sospira

JB:No, direi di no... Era così anche prima che arrivasse e lo è sempre stato...

Casey Keenan: Capisco, quindi immagino che la frustrazione che l'ha portata ad arrivare molto vicino ad abbandonare il suo lavoro non sia da imputare totalmente al mio cliente. Vogliamo aggiungere un altro elemento? Mi potrebbe parlare del suo rapporto con droghe o sostanze simili?

JB:I-in passato ho avuto dei problemi con sostanze stupefacenti ma è da tempo che non ho più alcun problema...

Casey Keenan: Da quanto tempo, precisamente?

JB:Da qualche mese, all'incirca

Casey Keenan: Quindi, all'incirca, da quando conosce il mio cliente, il signor Lance Murdock... coincidenze?

JB:Esatto. S-solamente una coincidenza, nulla di più...

Jack Keenan: Obiezione, Vostro Onore: qui stiamo analizzando fatti, non supposizioni o coincidenze.

Giudice: Accolta, ma la materia investe comunque la trattazione di questo procedimento.

Casey Keenan: Esattamente. Signor Bennett, quello che vuole dire a questa giuria è dunque che il signor Murdock non ha mai cercato di stimolarla ad abbandonare le sue - chiamiamole così - poco salutari abitudini?

Jeffrey inizia a sudare sempre più nel panico

JB:Beh, n-non esattamente... Ma se ne sono uscito senza dubbio non è merito suo. Le sue persecuzioni mi provocavano l'effetto opposto. Più volte sono stato tentato di ricominciare perché non sostenevo più la s-situazione!

Casey Keenan: Capisco, ne è stato "tentato" ma non lo ha più fatto... e, come ha ricordato il suo avvocato, in questa sede contano i fatti. Bene, signor Bennett, ho un ultimo tema da proporle: la prego di parlarmi di una persona di nome John Dorian e del rapporto che è intercorso tra voi.

JB:JD è un wrestler che lavorava per la TWNA, la federazione per cui lavoravo in precedenza. Anche lui, come Murdock, si offrì di aiutarmi a risollevarmi. A differenza sua però era una persona perbene e fu per questo che accettai i suoi consigli. Non capisco però cosa c'entri JD adesso...

Casey Keenan: Consideriamola una analogia, oppure un "precedente", vista la sede in cui ci troviamo: anche il signor Dorian aveva cercato di aiutarla, a quel che mi risulta, ma per sua stessa ammissione è solo dopo l'interessamento da parte del mio cliente che lei si è effettivamente disintossicato... eppure è il mio cliente, il signor Murdock, quello che è stato portato in tribunale. Ho finito, Vostro Onore.

Casey Keenan torna alla sua postazione e l'attenzione dell'aula si sposta verso il giudice.

Giudice: Termina la prima udienza. In virtù dello spostamento a Boston dei signori Bennett, Murdock e Keenan, la seduta si aggiorna fra una settimana esatta.

Sull'immagine del giudice che sottolinea le sue parole battendo il martelletto si interrompe il collegamento.

[to be continued]


Top
 Profilo  
Rispondi citando  

Re: TWC - News from Indoor War
MessaggioInviato: 14/08/2015, 12:04 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: 26/04/2011, 12:11
Messaggi: 10597
Località: Il topic su che gel usa CM Punk
Ci troviamo in aereoporto, dove molte delle superstars della TWC stanno per volare verso Boston dove si svolgerà la prossima puntata di Indoor War.

Immagine
Immagine
Immagine



C'è chi saluta qualche fan, chi si ferma a fare qualche autografo, chi fa delle foto e chi invece se ne sta in disparte a smanettare col telefonino.

Immagine
Immagine



Tra la folla però, spiccano e si fanno spazio due soggetti: Simon B e quel ragazzo irlandese che aveva incontrato mentre sbraitava uscendo dalla palestra di Dublino. I due senza degnare di uno sguardo i fans che chiedono autografi e foto si dirigono verso il check-in in modo abbastanza sbrigativo.

Immagine



SB: Buongiorno, Simon B e Finn Wheelan.

Finn Wheelan, ecco il cognome del ragazzo. Simon e Finn presentano i loro documenti e pesano i bagagli, ma qualcosa non va.

Addetta: Simon B posto 27 C, ma per Finn Wheelan non c'è nulla di prenotato. Ci deve essere un errore, mi dispiace.

Proprio in quel momento passa Luke Stones.

Immagine


SB: Stones, prendi l'altro volo. Anzi, non venire proprio che sei inutile.

Stones abbassa la testa e annuisce, tornando a sedersi nei seggiolini cedendo il suo posto a Finn Wheelan. Simon sorridendo se ne va, ne vedremo delle belle ad Indoor War.


Top
 Profilo  
Rispondi citando  

Re: TWC - News from Indoor War
MessaggioInviato: 14/08/2015, 16:02 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: 22/01/2011, 17:17
Messaggi: 19927
Località: Di notte, quindi all'alba
Cut Down To Size


Immagine


11\8\2015

Il collegamento si apre di fronte ad una casa ad Inverness, in Scozia. La strada su cui si affaccia l'abitazione pare vuota, se non per il passaggio del wrestler TWC Travis Miller, il quale si avvicina rapidamente al cancello con una bottiglia di birra in mano. Una volta arrivato di fronte alla casa suona il campanello, ma dopo diversi secondi nessuno risponde. Travis prova a suonare una seconda volta ma anche stavolta invano, quindi tira fuori il cellulare dalla tasca e fa una chiamata.

TM:Hey, io sono qui, puoi aprirmi?

...

TM:Che?

...

TM:No vabbè, nessun problema. Improvviso. Tanto sarai qui tra poco, no?

...

TM:Ottimo, a dopo allora.

Miller termina la chiamata e rimettere il cellulare in tasca, dopodiché si guarda attorno e successivamente solleva una delle mattonelle della recinzione vicino al cancello. Sotto di essa trova una chiave con cui riesce ad entrare nel giardino della casa. Una volta chiuso il cancello il wrestler di Inverness si guarda attorno e procede lentamente verso l'entrata della casa, ma viene distratto da un'altalena in un angolo del giardino alla quale si avvicina. Una volta raggiunta il Child of Ice ci cammina attorno osservandola, per poi toccarla con una mano.

Immagine


Cita:
1998


Due ragazzini, un maschio ed una femmina, si trovano sull'altalena. Il ragazzo dondola energicamente, mentre la ragazza rimane ferma limitandosi a spostare la sabbia con i piedi.

T:E poi quello pelato ha colpito quello coi pantaloni rossi con la sua mossa finale ed ha vinto il titolo! è stato fantastico!

H:Senti, te l'ho già detto, il wrestling non mi interessa, è solo violenza inutile e stupida.

T:Non puoi capire, tu sei una ragazza. Il wrestling è bellissimo.

?:Ma non mi senti?! è da due ore che ti sto chiamando!

Una donna si avvicina all'altalena, e vedendola il ragazzo smette di dondolare e si alza.

T:Mamma! ho deciso che farò il wrestler da grande!

M:Sì certo, ti abbiamo lasciato vedere un solo show ed ora ti comporti come un esaltato. Tra una settimana non te ne fregherà già più nulla come tutte le altre volte. Forza, dobbiamo andare, saluta Hailey.

i due ragazzini si salutano e la madre prende il figlio per la mano allontanandolo dall'altalena.


Dopo aver osservato l'altalena Travis si allontana e ricomincia a camminare per il giardino guardandosi attorno, fino a quando non arriva di fronte ad un albero poco lontano. Una volta di fronte al tronco il wrestler TWC alza lo sguardo ed osserva i rami.

Immagine


Cita:
2006


La ragazza, ora cresciuta, si trova rannicchiata su uno dei rami più spessi a qualche metro da terra. Dopo qualche secondo anche il ragazzo si avvicina al tronco dell'albero, guardandosi attorno fino a quando non nota Hailey.

?:Oh, eccoti finalmente, ti ho cercata ovunque.

La ragazza non alza nemmeno lo sguardo sentendo la voce, ma rimane rannicchiata singhiozzando lievemente. Il ragazzo si appoggia ad un ramo che si estende a pochi centimetri da terra e la osserva.

?:Dovresti rientrare, gli altri si stanno cominciando a preoccupare.

H:Io non ho la minima intenzione di tornare là dentro. Tutta questa cerimonia è patetica.

?:Beh ognuno ha i propri modi per affrontare un lutto, ad essere onesto lo trovo anche abbastanza carino come gesto.

H:Mi prendi in giro?! tutta questa serata mi da già il voltastomaco, non ti ci mettere pure tu ora, Neal.

N:Capisco che tu sia ancora turbata, è una ferita ancora recente dopotutto, ma è proprio per questo che stiamo avendo questa cena, per superare il lutto guardando il lato positivo. Tua madre era una persona allegra dopotutto, è così che avrebbe voluto che andasse.

H:Mi chiedete di passare una serata a ridere e scherzare a suo nome mentre lei è morta da nemmeno una settimana.

N:Stanno solo cercando di assimilare il colpo, non c'era la minima intenzione di mancare di rispetto a nessuno qui. Non vedo quale sia il problema, si celebra la sua memoria nella maniera in cui lei avrebbe voluto ed è anche un modo per rafforzare i legami tra i presenti, alcune di queste persone non le vedevo da anni.

H:Come se importasse qualcosa, sono solo altre persone che prima o poi vedrei comunque scomparire dalla mia vita, non ne vale la pena.

N:Non pensarla così.E' il lutto che ti fa vedere le cose in questa ottica, devi solo abituarti alla perdita.

H:A quella mi sono abituata ormai, già da qualche giorno. Pensavo che le cose poi sarebbero migliorate alla lunga, ma ogni giorno che passa ricevo solo altre brutte notizie e perdo altre persone.

N:Che è successo?

H:Come se non lo sapessi, "Travis".

N:Come?

H:Ti ho sentito parlare con Abbie, vuoi cominciare a girare l'Europa con lei per allenarti e smuovere la tua carriera, a breve dovrò dire addio pure a te.

N:Assolutamente no. Ok sì, io ed Abbie ci stiamo organizzando per quello, ma non vuol dire che smetteremo di sentirci del tutto.

H:E' facile dirlo ora... tra quanto partirete?

N:Tra un paio di mesi ci sposteremo in Germania, poi se da lì non si riuscirà ad ingranare ci sposteremo altrove.

H:Un paio di mesi, grandioso. Pensavi di dirmelo la sera prima di partire, conoscendoti.

N:Te ne avrei parlato superato questo periodo, tra una settimana al massimo. In ogni caso, non ti preoccupare per la mia partenza, tornerò a visitare spesso, e ci sentiremo comunque in qualche modo, Internet non è più come nel '99, ormai ci si può fare di tutto.

H:Non sarà la stessa cosa.

N:No, temo di no. Ma purtroppo la vita funziona così, lo sai. A volte la soluzione migliore non si trova nel luogo dove si è più a proprio agio, ma non vuol dire che dopo uno spostamento del genere debba cancellare tutta la mia vita qui. Sarà difficile abituarsi inizialmente, ma è solo questione di tempo, ed a maggior ragione dobbiamo sfruttare al meglio questi mesi prima della mia partenza. Ora, per favore, scendi di lì e torna dentro, ti giuro che finita la serata ne riparleremo.

La ragazza rimane qualche secondo ferma a riflettere e poi lentamente comincia a scendere dal ramo, portandosi alla base dell'albero, di fronte a Neal.

N:Sono riuscito a convincerti di qualcosa, questa è rara.

H:Non credere che stia in alcun modo meglio, voglio solo evitare che qualcun altro esca a cercare di convincermi. Finiamo rapidamente questa buffonata così me ne posso andare a dormire e chiudere questa schifo di giornata.

Il ragazzo appoggia una mano sulla spalla di Hailey, la quale rimane impassibile per poi allontanarsi rapidamente dall'albero, seguita dopo qualche secondo dall'amico.


Travis Dopo aver osservato l'albero si sposta e torna lentamente verso l'entrata della casa. Una volta arrivato riprende le chiavi ed infila la chiave della porta d'entrata nella serratura, salvo poi fermarsi per qualche secondo dopo aver sentito il rumore di un paio di campanelle a vento appese davanti all'entrata.

Immagine


Cita:
1994


Neal, ancora bambino, si trova con sua madre davanti alla porta d'entrata della casa. Per qualche secondo si limitano ad attendere, poi, dopo aver notato le campanelle a vento appese vicino all'entrata, la donna comincia a toccarle facendole suonare. Dopo qualche secondo la porta viene aperta da un'altra ragazza, più o meno della stessa età.

?:Oh, eccovi finalmente, ciao!

M:Scusa il ritardo, i lavori a casa non finivano più.

?:Nessun problema, tranquilla. Questo dev'essere Neal vero? Ehilà! io sono Alice, piacere di conoscerti!

Il bimbo accenna timidamente un saluto.

A:Ok, Hailey è di sopra, aspetta che te la chiamo.

Alice rientra in casa e si avvicina alle scale per poi chiamare a gran voce sua figlia. Dopo qualche secondo ad attendere una risposta torna all'ingresso.

A:Arriverà in un attimo, se volete nel mentre potete accomodarvi.

M:Oh, grazie, però sono abbastanza di fretta, devo tornare a mettere apposto la casa. Neal tu entra p...

La madre si volta verso Neal che però si è allontanato nel giardino per giocare con un gatto.

M:Neal!

A:Tranquilla, il gatto è nostro, non farebbe del male ad una mosca.

M:Mh, ok. Immagino che aspetterò Hailey per salutarla e poi andrò allora.

Tra le due cala il silenzio per qualche secondo. Alice si volta un paio di volte verso l'interno della casa per controllare, mentre la madre di Neal osserva un punto fisso nel vuoto per qualche secondo.

M:Grazie, comunque.

A:Di che?

M:Per l'aiuto che mi stai dando in questi giorni. Non ci siamo sentite per anni ed improvvisamente sono riapparsa solo per chiedere aiuto, stai facendo un grosso favore sia a me che a Neal.

A:Nessun problema, stai passando un brutto momento tra il divorzio, il trasferimento e tutto il resto. Hai bisogno di qualcuno che ti dia una mano, e visto che non hai più molte persone a cui rivolgerti qui sono più che felice di essere io ad aiutarti.

M:E' tutto così assurdo, un mese fa vivevamo a Glasgow ed avevo tutta una vita già programmata. Avevano ragione i miei, quel matrimonio è stata la peggior scelta della mia vita, ora ho bisogno di ricominciare da capo, da Inverness.

A:Ti riprenderai, Chelsea, ti serve solo un po'di tempo. Più che altro mi dispiace per tuo figlio, tutta questa faccenda deve essere molto difficile per lui.

C:Credo abbia un po'assimilato il tutto ora, ma avere qualcuno con cui passare del tempo gli farà bene comunque.

A:Già, aiuterà anche Hailey. Non interagisce molto con gli altri bambini della sua età, forse una faccia nuova le farà bene. A tal proposito, dove cavolo è finita?

Alice si sposta di nuovo rapidamente verso le scale.

A:HAILEY! TI SBRIGHI A SCENDERE?!

H:ARRIVO, ARRIVO!

Alice torna da Chelsea mentre dalle scale si sentono dei passi che lentamente scendono i gradini. Dopo qualche secondo la ragazzina arriva al piano terra e si avvicina a sua madre.

C:Ehi, Hailey, che carina che sei! io mi chiamo Chelsea.

Hailey saluta Chelsea per poi nascondersi dietro a sua madre.

C:Bene, chiamo Neal e poi vado. Grazie ancora, ci vediamo più tardi!

Chelsea si sposta verso Neal, il quale sta ancora giocando con il gatto. Dopo essersi chinata per parlargli il bimbo corre verso l'entrata mentre Chelsea saluta ancora una volta con una mano prima di andarsene.


Travis apre la porta ed entra nella casa, ma dopo qualche passo si ferma per guardarsi attorno.

Immagine


Il Child of Ice si aggira osservando a fondo la casa, passando di stanza in stanza fino ad arrivare alla cucina, dove appoggia la birra. Travis gira per la stanza, mentre dalla porta d'entrata si cominciano a sentire dei rumori. Una chiave viene inserita nella serratura, e questa apre immediatamente l'entrata. Miller ignora i rumori e continua a guardarsi intorno, osservando le calamite provenienti da vari paesi sul frigorifero.

H:Hai sollevato la mattonella, vero?

Travis sentendo la voce si volta.

Immagine


H:Spero tu abbia avuto il buon senso di controllare che nessuno ti stesse guardando prima. E' un metodo troppo comodo, non mi andrebbe di cambiarlo.

Travis si avvicina alla ragazza.

T:Mi parli come se non lo avessi mai fatto prima. So come gestire certe cose, la conosco bene questa casa. Probabilmente la conosco meglio di te.

H:Uuh, parole forti dal tizio che stava osservando la cucina come avesse accidentalmente scoperto un nuovo continente.

T:Beh, cambiare l'arredamento non conta, io parlo della mera struttura. Ci sono tanti di quei segreti in questa casa che...

H:Ok, per quanto mi piacciano le discussioni che terminano con me che ti prendo in giro, sono passati mesi.

Hailey si avvicina rapidamente al wrestler TWC e lo abbraccia.

H:Mi sei mancato, Travis.

Lui la solleva da terra per qualche secondo stringendola per poi rimetterla giù.

H:Abbastanza insolito da parte tua tutto questo affetto.

T:Stavo tentando un Belly to Belly, deformazione professionale.

H:Ok, ricordami di non provare mai più a toccarti.

T:Sto scherzando, mi sei mancata pure tu.

H:Beh, l'umorismo non è cambiato vedo.

T:Ben poco è cambiato in fondo.

H:Già, se non per il fatto che sei grosso più o meno il doppio di quando sei partito.

T:Non è così tanto, dai.

H:Temo di sì invece, di spalle inizialmente ho faticato a riconoscerti.

T:Beh, dev'essere stato l'allenamento in Russia. Se non mi fossi trasferito lì qualche anno fa a questo punto non sarei in TWC. Probabilmente non sarei nemmeno più un wrestler.

H:Già, e pensare che Abbie ti aveva quasi convinto a non andarci, per fortuna te ne sei liberato di quella.

T:Già, mollata tra un viaggio e l'altro per perseguire la carriera. Spero sia riuscita a cavarsela alla fine...

Tra i due cala il silenzio per qualche secondo...

T:Vabbè, non apriamo quell'argomento ora.

Travis prende la birra dal tavolo e la porge ad Hailey.

T:A te il tuo premio. Hai vinto.

H:Ecco, QUESTE erano le parole che volevo sentirti dire.

Hailey afferra rapidamente la birra per poi stapparla e berne un sorso. Dopo averla assaggiata tuttavia si stacca immediatamente dalla bottiglia e la appoggia di nuovo sul tavolo con aria disgustata.

H:Travis...

T:Sì?

H:E' un gesto carinissimo il tuo, l'aver davvero portato la birra e tutto...

T:Ma...?

H:E non starò nemmeno a chiederti dove l'hai presa perché mi fido dei tuoi gusti...

T:Ma...?

H:Ma questa birra è stata creata per avvelenare un dittatore, se me ne offrissi una decente ad un pub di mia scelta?

T:E di questa che me ne faccio?

H:Rimane qui, la berrà Kyle quando rientrerà. Lui non ha standard, la finirà sicuramente.

Travis prende la bottiglia e la mette nel frigorifero.

T:Giusto, Kyle. Che fine ha fatto? mi aspettavo di trovare almeno lui a casa.

H:E' già con gli altri a casa tua. Tra l'altro ti staranno aspettando, sarà meglio non trattenersi qui per molto.

T:Oh, giusto, il mio benvenuto da eroe...

H:Esatto, te n'eri dimenticato?

T:No, trovo solo strano essere considerato un eroe.

H:Non osare dubitare di nuovo di questa faccenda, ho la possibilità di prenderti fisicamente a testate stavolta.

T:Ah no, assolutamente. Non voglio ripercorrere quella discussione, tranquilla. Devo solo abituarmi all'idea di essere visto in questo modo. Anni fa praticamente nessuno qui approvava il mio desiderio di diventare un wrestler, ora invece hanno organizzato una festa appositamente per il mio successo nel picchiare altre persone.

H:Beh, è stata una scelta molto rischiosa la tua, non è una carriera facile da intraprendere, e molti qui non vedevano di buon occhio il wrestling ai tempi. Alla fin fine per loro il problema è stato solo accettare la disciplina ed accettare che quella fosse la strada che hai voluto intraprendere. Certo, non puoi aspettarti che tutti ti chiamino Travis...

T:Sì me l'aspettavo. E' da anni che qualcuno non mi chiama con il mio nome di battesimo, sarà un po'strano.

H:Beh, anche cominciare a chiamarti Travis dopo averti chiamato in altro modo per tutta la vita è abbastanza strano, te l'assicuro.

T:Sì, immagino di sì. Riusciranno ad abituarsi con il tempo in ogni caso, nessun problema.

Travis comincia ad aprire i vari cassetti della cucina osservandone l'interno.

H:Beh certo, alla fi...vuoi smetterla di setacciare casa mia in quel modo?!

Travis alza lo sguardo verso la ragazza e chiude rapidamente il cassetto che stava esaminando.

T:Sì, scusa. Stavo solo guardando.

H:Guardando cosa? avevi paura di esserti scordato come sono fatte delle posate?!

T:No, solo... guardando. Una volta conoscevo questa casa a memoria, vederla così diversa mi lascia un po'disorientato. Tu e Kyle l'avete trasformata completamente, oltre all'esterno non sembra avere più niente in comune con il posto dove siamo cresciuti.

H:Beh, questo perché tu sei un pessimo osservatore. Vieni.

Hailey si dirige fuori dalla stanza seguita da Travis, ed i due percorrono il corridoio fino ad arrivare davanti ad una porta. La ragazza indica lo stipite, sulla quale sono incavate delle linee a diverse altezze con dei numeri affiancati dalle iniziali "N" ed "H".

H:Questo ti ricorda qualcosa?

T:Oddio, eravamo piccolissimi ai tempi. Sono ancora qui dopo tutti questi anni...

H:Beh sì, con gli anni si sono accumulate. Avremmo potuto montare un'altra porta ma questo punto mi spiacerebbe toglierle, sono parte della storia di questo posto in fondo.

T:Meglio così, è rimasto qualcosa della vecchia casa pure all'interno.

Hailey si sposta di nuovo e Travis accorgendosene la segue. I due arrivano all'interno del salotto, e la ragazza si ferma di fronte ad un quadro.

Immagine


T:Ti sei tenuta questo coso? l'ho sempre detestato. E non ti ho mai perdonata per tutte le volte in cui me l'hai appeso davanti al letto mentre dormivo.

H:Sì, neanche a me è mai piaciuto troppo, ma con il tempo mi ci sono abituata. E poi sai che a mia madre roba del genere è sempre piaciuta.

T:Questo maledetto quadro mi ha dato gli incubi per anni.

Travis si guarda attorno cercando di non fissare il quadro finché il suo sguardo non ricade su una porta in fondo alla stanza, alla quale il Child of Ice si avvicina.

T:Oh, ecco. Una cosa che sicuramente non è cambiata è questa. Sono anni che tieni i tuoi ricordi di infanzia qui dentro, no? quella sorta di bizzarro tempio dove mettevi tutta la roba che non volevi gettare via o regalare per motivi nostalgici.

H:Beh...

T:Almeno su questo ho ragione, non sono un così pessimo osservatore, alla faccia tua.

Travis apre la porta rapidamente, ma una volta guardato al suo interno rimane come pietrificato. Hailey si avvicina al ragazzo e lo guarda, mentre lui rimane fisso sull'interno della stanza.

H:Sorpresa...

Immagine


Travis entra nella stanza e si avvicina alla culla per poi farci scorrere la mano sopra osservandola.

T:Beh, questa non è la tua stanza nostalgica...

La ragazza accenna un sorriso.

H:Non più, io e Kyle abbiamo trovato un nuovo modo per utilizzarla.

T:E...da quanto, esattamente?

H:Beh, a questo punto credo sia circa un mesetto. Avremmo preferito aspettare un po' prima di rendere pubblica la faccenda ma... beh, ora tu lo sai.

Travis osserva la culla per qualche secondo per poi accennare un sorriso, inizialmente lieve ma che dopo pochi secondi diventa sempre più evidente, fino a scoppiare in una risata di gioia. Il Child of Ice successivamente si volta verso la ragazza e la abbraccia.

T:Tu avrai un figlio, è fantastico!

H:Wow, non mi aspettavo una reazione così entusiasta.

T:Beh è una notizia magnifica, tu e Kyle sarete ottimi genitori.

H:Lo credi davvero?

T:Certo! magari vi conviene levare il fottuto dipinto del clown inquietante, ma per il resto ve la caverete benissimo. Avete già pensato a dei nomi?

H:Beh, se è femmina io vorrei optare per Alice, ma anche Kyle aveva delle proposte. Se è maschio siamo entrambi d'accordo per Neal.

Miller osserva la ragazza sorridendo per qualche secondo e poi si volta di nuovo verso la culla.

T:Mi spiace non poter essere in giro per vederlo nascere e crescere, probabilmente riuscirò a malapena a conoscerlo l'anno prossimo, ed anche lì sarò "l'amico di famiglia che picchia le persone per lavoro".

H:Beh, entrambi i suoi genitori seguono il wrestling, sentirà parlare molto di te. Gli racconteremo storie del tuo passato, seguirà le gesta di Travis Miller mentre questi gira per il mondo con la TWC e crescerà diventando il tuo fan numero 1. Lui, come noi, sarà sempre dalla tua parte, e ti sosterrà ogni volta che sarai dubbioso riguardo alla strada che hai scelto.

Tra i due cala il silenzio per qualche secondo.

H:Sono o non sono la migliore con i discorsi motivazionali?

Travis accenna una risata.

H:No, è una domanda legittima, rispondi.

T:Ah...6\10.

H:Sei pessimo nelle valutazioni.

T:Solo oggettivo.

H:Come se avessi mai sentito di meglio.

T:Una volta per motivarmi mi promettesti degli waffles. Quello è stato efficace.

H:Beh, allora la prossima volta fatti motivare da loro.

T:Ah, magari.

H:Dai, dobbiamo sbrigarci ora. Passami le chiavi di scorta, le rimetto apposto mentre usciamo.

Travis prende le chiavi e le passa ad Hailey mentre i due escono dalla stanza, e su queste immagini il collegamento si chiude.


Top
 Profilo  
Rispondi citando  

Re: TWC - News from Indoor War
MessaggioInviato: 19/08/2015, 8:43 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: 05/01/2011, 14:15
Messaggi: 2619
Immagine


The Trial
Part 2


Mercoledì 19 agosto 2015, ore 9.30: una settimana esatta è passata dalla prima udienza del processo Bennett c. Murdock, che ha visto l'interrogazione di Jeffrey Bennett; ora è il momento di trasferirci di nuovo nelle aule del Tribunale di New York, perchè sta per iniziare la seconda udienza, oggi è il turno alla sbarra dei testimoni per Lance Murdock.

Immagine


Immagine


E' una cornice ormai familiare quella che ci accoglie all'interno del Tribunale: la giuria intenta ad esaminare alcuni incartamenti, le parti, dinanzi al seggio vuoto riservato al giudice, intente a scambiarsi gli ultimi consigli e le ultime osservazioni. In particolare sembrano in fase di piena pianificazione Casey Keenan e Lance Murdock, che lavorano testa a testa, per cui non possiamo capire di cosa stiano discutendo. Il tempo, comunque, è ormai praticamente giunto alla fine, e a dimostrazione di ciò il Presidente della Giuria si alza in piedi, richiamando al silenzio l'aula intera.

Immagine


Giurato: Si apre la seconda udienza del procedimento Bennett c. Murdock, con oggetto la richiesta di ordine restrittivo da parte del suddetto Jeffrey Bennett contro l'imputato Lance Murdock. Presiede la seduta il giudice Surillo, in piedi grazie.

Ecco fare la sua solita entrata il giudice Joseph Surillo, come sempre impeccabile nella sua toga nera, che va ad occupare il suo seggio, di fianco alla bandiera americana ed alla Bibbia.

Immagine


Giudice: Procedimento 142/2015, causa Bennett c. Murdock, si apre la seconda udienza della fase dibattimentale. Chiamo al banco dei testimoni l'imputato, Lance Murdock.

Immagine


Murdock va subito ad occupare il suo posto alla sbarra, seguito dal suo avvocato, Casey Keenan, che evidentemente sarà il primo ad interrogarlo.

Immagine


Casey Keenan: Signor Murdock, anche lei era presente in questa aula quando il signor Bennett ha dichiarato di aver subito numerose "persecuzioni" da lei... ha qualcosa da commentare al riguardo?

LM:Beh, direi che al buon Jeffrey piace drammatizzare le cose. Io ho solo tentato di dargli una mano per far ripartire la sua carriera. Lui però era contrario, evidentemente preferiva una paga misera da sperperare in sostanze stupefacenti. Sono sotto giuramento e quindi sarò sincero: ammetto di aver usato, a volte, dei metodi bruschi vista la sua riluttanza ma senza mai esagerare.

Casey Keenan: Capisco... ritiene che questi "metodi bruschi" abbiano portato a dei risultati?

LM:Direi proprio di sì, come evinto dalla scorsa udienza da quando ho iniziato con questi metodi Jeffrey ha smesso di usufruire di sostanze stupefacenti. Senza contare che grazie a me è riuscito a ricucire il rapporto con la moglie che non voleva più vederlo visti i suoi atteggiamenti infantili!

Casey Keenan: Interessante, questo dettaglio sul rapporto con la moglie non era emerso nella prima udienza... vorrebbe parlarcene più approfonditamente, signor Murdock?

Jack Keenan: Obiezione: non pertinente. Qui stiamo trattando del rapporto fra Jeffrey Bennett e Lance Murdock, non fra gli stessi e persone terze.

Casey Keenan: Propongo di ascoltare prima la risposta del signor Murdock e decidere dopo se sia pertinente o no.

Giudice: Facoltà concessa.

LM:La ringrazio, signor giudice. Il rapporto tra il signor Bennett e la moglie era ormai deteriorato a causa del suo problema con le sostanze stupefacenti. Lei era indignata da tali comportamenti, specialmente in luce del fatto che hanno un bambino di pochi anni ed un padre drogato non è certamente una figura di riferimento esemplare per il piccolo. Successivamente contattai la moglie del signor Bennett e la convinsi a riallacciare i rapporti col suddetto, di dargli una seconda chance perché la sua presenza lo avrebbe sicuramente aiutato a risollevarsi dai suoi problemi. Come può vedere, signor giudice, io non desidero altro che il meglio per il signor Bennett.

Jack Keenan: Toccante. Ma, senza una testimonianza della moglie di Jeffrey Bennett, irrilevante, temo.

Casey Keenan: Se non ha obiezioni da sollevare tenga per sè le sue osservazioni, avvocato. Signor Murdock, in merito a quello che ha appena dichiarato, potrebbe dirci per quale motivo "non desidera che il meglio" per il signor Bennett, la persona che, non dimentichiamolo, l'ha portata dinanzi a questo tribunale?

LM:Durante la scorsa sessione è venuto fuori il nome di John Dorian, la persona che aiutò Jeffrey ai tempi della TWNA. Si da il caso che anche io non ebbi grande successo ai tempi e fu così che JD decise di aiutare anche me. Mi sentivo quindi quasi in obbligo nei confronti della sua persona tentare di succedere dove lui ha fallito, riportando Jeffrey sulla buona strada.

Casey Keenan: Come si può evincere dalle sue parole, lei reputa di aver avuto successo, almeno in parte, dove John Dorian non è riuscito, con il signor Bennett. Secondo lei, a cosa è dovuto questo?

LM:E' dovuto al mio pugno di ferro. JD era troppo permissivo con Jeffrey e persone come lui se non hanno un cane feroce che gli ringhi ordini addosso tornano punto e a capo.

Casey Keenan: Quindi, in conclusione, se dovesse convincere una corte come quella che ha qui davanti, sarebbe pronto a dire di ritenere di essere la persona giusta per aiutare effettivamente il signor Jeffrey Bennett?

LM:Assolutamente! Grandi risultati sono stati raggiunti e intendo raggiungerne altri nel caso la corte prenda la giusta decisione riguardo questo caso.

Casey Keenan: Ho finito, Vostro Onore.

Casey Keenan torna al suo posto, incrociando a metà strada il fratello Jack, che si sta dirigendo invece alla sbarra.

Immagine


Jack Keenan: Dunque, signor Murdock, lei ritiene che il fine giustifica i mezzi?

LM:Direi proprio di sì, Mr. Keenan...

Jack Keenan: Non mi aspettavo risposta diversa, così come credo nessuno in questa corte dubitasse di questa replica o della dichiarazione dei suoi "nobili intenti". Tuttavia, temo di poter affermare che per la legge, che dovunque e soprattutto in questo luogo è uguale per tutti, il fine non giustifica assolutamente i mezzi. Per iniziare, come risponde all'accusa di violazione del domicilio del signor Bennett e di aggressione nel domicilio stesso?

LM:La risposta è molto semplice perché io non ho violato un bel niente. La casa era totalmente aperta ed accessibile a tutti durante la "festa" organizzata da Jeffrey. In quanto all'aggressione, beh, direi che è alquanto esagerato come termine. Qualche schiaffone non ha mai ucciso nessuno, senza contare poi che nel nostro mestiere le botte non si limitano di certo solamente sul quadrato. Infine mi sembra ridicolo caricare accuse su questa "aggressione" nei miei confronti quando in quella casa era presente una quantità di stupefacenti strabordante!

Jack Keenan: Le ricordo che lei è qui per rispondere alle accuse a suo carico, non per formularne di diverse. Va bene, passiamo oltre: mi pare di ricordare che in un suo discorso ha definito il signor Jeffrey Bennett come se fosse in una condizione di interdizione, per cui bisognoso di un tutore che curasse i suoi affari. Ricordo male?

LM:No, incredibilmente, ha ragione. Reputo che il signor Jeffrey non sia in grado di affrontare da solo i problemi che la vita ci pone davanti come ci ha dimostrato ampiamente. Sfortunatamente, però, so come la legge funziona e che queste sono soltanto delle mie illazioni.

Jack Keenan: Bene, vedo che lo riconosce. Eppure, sebbene sapesse come funzionano le cose, si è sentito comunque in diritto di sottoporre il signor Bennett allo stress psicologico di cui abbiamo avuto prova in questa sede. Come giustifica questo suo comportamento ai fini della legge, non ai fini di una sua qualche morale?

LM:Domanda interessante. Beh, se la vogliamo mettere sotto il punto di vista giuridico: prima dello "stress psicologico" avevamo un individuo che faceva largo uso di sostanze stupefacenti che, da quanto ricordo, sono illegali. Ora invece abbiamo un individuo pulito e che non infrange quindi la legge! Non ho dunque fatto un'opera caritatevole anche sotto il fine giuridico?

Jack Keenan: Che dire, complimenti per la sua grande vittoria sul racket internazionale delle sostanze stupefacenti! Ma, se la vogliamo mettere sotto il punto di vista giuridico, sulla base di che autorità avrebbe fatto questa "opera caritatevole"?

LM:Sotto la mia autorità. Non mi pare che ci sia bisogno di un'autorizzazione speciale per motivare una persona nel migliorare la propria vita!

Jack Keenan: Per "motivare"? Certamente no. Per infliggere "umiliazioni", come da lei stesso ammesso, o, come definite dal mio cliente in quest'aula, "persecuzioni"? Per impedire ad una persona di godere della sua libertà di scelta? A questa corte l'ardua sentenza. Signor Murdock, vorrei riportare una sua citazione che credo i signori giurati troveranno in linea con il suo atteggiamento in questa udienza: "bisogna innalzarsi al di sopra delle leggi quando necessario". Questa convinzione, rispetto alla domanda precedente, da quale autorità deriverebbe?

LM:Oh, andiamo! A Jeffrey piace drammaticizzare. Persecuzioni, davvero? Non mi sembra affatto di averlo crocifisso e inoltre vorrei ricordare, ancora una volta, che nel nostro lavoro andare incontro a delle lotte e, di conseguenza, umiliazioni, se non si è capaci di vincere, è la norma.

Murdock sospira

LM:In quanto alla frase da me pronunciata in altre sedi... Beh, direi che è fuorviante riguardo quanto si stia discutendo, specialmente in luce del fatto che è stata presa fuori luogo travisando il contenuto originale

Jack Keenan: Visto che è quello che sembra chiedere a gran voce, possiamo sempre riportare il resto del discorso da cui era stata estrapolata la frase in questione.

Jack Keenan prende allora un foglietto dalla sua tasca, si schiarisce la voce ed inizia a leggere.

Jack Keenan: "Per la legge un individuo come me o te è allo stesso livello di Jeffrey, non lo trovi rivoltante? Un individuo patetico come lui non merita la libertà di scelta, non ne è degno! Bisogna innalzarsi al di sopra delle leggi quando necessario."

L'avvocato di Jeffrey Bennett ripone ora il foglietto in tasca.

Jack Keenan: Trova che ora sia meno fuorviante, signor Murdock?

LM:Non esattamente, Keenan. E' fuorviante citare una frase riportata sul posto di lavoro, senza tener conto della cornice, e che non ha nulla a che vedere con questa situazione giusto per screditarmi dinnanzi alla giuria. Se vogliamo continuare su questa linea che mi dice dei suoi discorsi sul dolore? Un sadico che gode nel malmenare e far soffrire le altre persone non mi sembra certamente la persona più adatta per svolgere il ruolo di avvocato, o sbaglio?

Jack Keenan: In primis, non vorrei doverla richiamare ancora: lei è qui per essere interrogato, non per interrogare.
In secundis, come ho già detto durante la prima udienza in questo caso non si tratta della mia abilitazione al mestiere, ma di lei. Mi lasci solamente aggiungere che nel mio curriculum è scritto "avvocato", non "sadico di professione", ed inoltre che ritengo lei abbia parzialmente frainteso la mia filosofia sul dolore, ma immagino non sia questa la sede adatta per spiegarla.
In tertis, davvero crede che sia "fuorviante" citare una frase riportata sul posto di lavoro, se il posto di lavoro in questione è costantemente ripreso da telecamere e va in diretta sulle reti televisive nazionali?


LM:Lo è se fuori luogo! Senta: nella legge contano soltanto i fatti, e immagino lo sappia bene, e questi dimostrano che la vita di Jeffrey, nonostante a lui piaccia fare la vittima, ha subito solo miglioramenti sin dal mio arrivo. Ne abbiamo ancora per molto? Perché questa situazione sta iniziando ad innervosirmi!

Jack Keenan: La legge considera i fatti, è vero, ma come le ho detto per la legge il fine non giustifica i mezzi: è per questo che siamo qui, signor Murdock. Ho finito, Vostro Onore.

LM:Eppure i mezzi da me usati, sebbene sgradevoli, non sono di certo illeciti nonostante l'esagerazione da parte della difesa. Vorrei infine ricordare che non godo nel far soffrire Jeffrey, al contrario di un sadico avvocato, ma è ciò che ritengo necessario fare. Bene, la ringrazio, posso andare quindi?

Keenan annuisce impercettibilmente con il capo, subito prima di voltarsi e tornare al suo posto. Nel mentre, il giudice si alza in piedi, prendendo in mano il martelletto.

Giudice: Termina la seconda fase d'udienza. La seduta si aggiorna.

Il giudice batte allora il martelletto, per poi allontanarsi dal suo seggio ed uscire dall'aula da una porta laterale: su questa immagine si interrompe il collegamento.

[to be continued]


Top
 Profilo  
Rispondi citando  

Re: TWC - News from Indoor War
MessaggioInviato: 19/08/2015, 12:31 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: 02/01/2011, 18:39
Messaggi: 8684
Località: Interesting
From: collaterallove@hotmail.us
To: Scavenger17@gmail.com
Obj: Sorry
Send: 15/08/15 12:20

Lo so. Non dovrei, ma hai qualcosa

From: Scavenger17@gmail.com
To: collaterallove@hotmail.us
Obj: Re: Sorry
Send: 19/08/15 12:01

Tu hai deciso così. Spero non ti si ritorca contro.

Un allegato. Mostra.

15/08/06
XXX Airport, India
07:28


Le prime immagini che sono chiaramente comprensibili sono quelle di una telecamera di sicurezza di un aeroporto, in bianco e nero, bassa qualità e da lontano. Un cerchio rosso, chiaramente posticcio, circonda una figura che riusciamo a riconoscere con un po' di sforzo.

Immagine


Elena Murray cammina spedita, trolley al seguito, indossando una maglietta ed un paio di jeans. La giornalista si dirige verso un gate ed esce dalla inquadratura. Cambia ripresa. Inquadratura più dal basso, meno persone in camera, tutto da più vicino. La ragazza, ripresa alle spalle, si avvicina ad uno schermo, lo osserva per qualche secondo, poi improvvisamente sbatte un piede a terra. La giornalista estrae un telefono cellulare e compone rapidamente un numero, per poi parlare per qualche minuto, gesticolando ampiamente. Poi ripone il telefono e alza la testa. La giornalista rimane ferma per qualche secondo, poi fa un passo in avanti, un paio di passi di corsa e poi un altro paio camminando. Ritorna la prima inquadratura, e ricompare il cerchio rosso. Seguiamo la ragazza per un altro paio di passi, fino a che non si ferma vicino ad una figura gigantesca.

Immagine


I due si osservano da lontano per qualche secondo, poi fanno entrambi un passo in avanti, parlano per qualche secondo, per poi stringersi la mano. Il gigante e la giornalista (nome da romanzo ndiC) si allontanano verso la parte opposta da cui proviene la ragazza, scomparendo di nuovo. Cambio di inquadratura che ci permette di seguirli per un corridoio, percorso a quanto pare in silenzio. Alla fine entrano in un bar e si siedono ad un tavolino. Le telecamere del bar sono invece a colori, e registrano anche l'audio. Il brusio è molto forte, ma grazie a dei sottotitoli in inglese, appaiati a sottotitoli in cinese, riusciamo a capire il dialogo dei due.

EM: Non so cosa dire.

LB: Dimmi come stai.

EM: Sto bene. Ho girato parecchio. Sono stata in incomprensibilestan, per qualche tempo in incomprensibile e incomprensibile.

LB: Porti ancora l'anello.

La ragazza si tocca il petto.

EM: Non l'ho mai tolto. E tu?

LB: Io? Io mi sono allenato molto. E ho cercato di non pensare troppo.

I due stanno in silenzio per un po'.

EM: Mi hanno cancellato il volo. Devo aspettare due ore prima del prossimo.

LB: Io credo di aver appena perso il mio.

EM: Scusa.

Leon copre una mano della ragazza con la sua.

LB: Grazie.

I due rimangono così per qualche secondo.

EM: Dimmi, trovato qualcuno?

Black sposta la mano da quella della ragazza.

LB: No. Tu?

EM: No.

Compare il cameriere, che parla in un inglese con un fortissimo accento.

Cameriere: Cosa porto?

LB: Per me un succo di pesca e una brioche.

EM: Un caffè lungo e un tramezzino.

Cameriere: Subito.

LB: Caffè lungo?

EM: Lo prendo sempre.

LB: Speravo avessi migliorato un po' i tuoi gusti.

EM: Ma sentilo.

LB: Sei bellissima.

Di nuovo silenzio per qualche istante.

EM: Grazie.

LB: Sai che non devi ringraziarmi.

EM: Non è un complimento, è la verità. Lo so. Non ti ringraziavo per quello che hai detto.

LB: Per cosa allora.

EM: Per avermelo detto. Ne avevo bisogno.

LB: Di sentirtelo dire?

EM: Di sentirmelo dire da te.

Ritorna il cameriere, che appoggia le ordinazioni sul tavolo.

LB: Pago io.

EM: Facciamo a metà.

LB: Lascia stare.

Black prende qualcosa dalla tasca e da delle monete al cameriere, che si allontana.

LB: Sai che è più forte di me.

EM: Non riesci a non offrire alle ragazze. Lo so. Tu sai di essere prevedibile?

LB: È la mia unica qualità. Direi lo sai, ma poi risulterei prevedibile.

EM: Ti amo.

LB: Anche io.

EM: Scusa. Non avrei dovuto dirtelo.

LB: Dovevi invece. È l'unica cosa di cui mi importa. Ho passato gli ultimi otto mesi a sperarlo.

EM: Avevi detto di non aver pensato.

LB: Avevo detto di averci provato.

Il gigante beve un sorso del succo.

EM: Dove stai andando?

LB: Sono diretto in Europa. Ci sto un paio di mesi, poi torno in Giappone. Tu invece?

EM: Io ho finito in Russia, mi sto spostando in Tibet. Quando avrò finito lì, non so. Promettimi una cosa.

LB: Cosa?

EM: Promettimi che quando ci incontreremo di nuovo, resteremo insieme per sempre. Promettimi che non importa cosa succederà, cosa dovremo fare, dove saremo, il resto della nostra vita lo passeremo insieme. Promettimelo.

LB: Te lo prometto. Questa è l'ultima volta che ci separiamo.

EM: Come puoi dirlo così? Sei così convinto. Tu non hai paura del futuro?

LB: Non posso averla. Ho già troppa paura del presente.

EM: Ma potremmo non incontrarci mai più. O incontrarci in una situazione tale che nessuno di noi possa seguire l'altro.

LB: Ci incontreremo. E qualunque cosa succeda, staremo insieme. Qualunque cosa succeda.

Silenzio per qualche minuto.

EM: Il mio aereo.

LB: Quindi questo è un addio?

EM: No, è un arrivederci.

Il video si interrompe bruscamente.


Top
 Profilo  
Rispondi citando  

Visualizza ultimi messaggi:  Ordina per  
Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 857 messaggi ]  Vai alla pagina Precedente  1 ... 15, 16, 17, 18, 19, 20, 21 ... 58  Prossimo

Tutti gli orari sono UTC + 1 ora


Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno


Non puoi aprire nuovi argomenti
Non puoi rispondere negli argomenti
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi

Cerca per:
Vai a:  
phpBB skin developed by: eXtremepixels
POWERED_BY
Traduzione Italiana phpBB.it