Tutti gli orari sono UTC + 1 ora




Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 856 messaggi ]  Vai alla pagina Precedente  1, 2, 3, 4, 5, 6, 7 ... 58  Prossimo
  Stampa pagina

Re: TWC - News from Indoor War
Autore Messaggio
MessaggioInviato: 19/03/2015, 21:45 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: 02/01/2011, 18:39
Messaggi: 8683
Località: Interesting
Immagine


17 Marzo 2004
Old Luie's Pub, Seattle, Washington

Spoiler:
Per una maggiore godibilità, lor signori sono pregati di leggere il promo con questa canzone di sottofondo, magari con una birra media e un po' di gente intorno.



Siamo in una stanza spaziosa, con diversi tavoli e parecchia gente. L'arredamento è in un piacevole stile anni '20, e insieme all'accogliente rumore della folla e al rumore di piatti e bicchieri, si sente musica Blues, suonata da delle casse perfettamente nascoste. Il barista e proprietario del locale è dietro il bancone, mentre la figlia, una bella ragazzina, gira tra i tavoli servendo rapidamente gli avventori. Qualcuno, ogni tanto si alza e se ne va, ma viene sostituito rapidamente da qualcun altro, non lasciando mai vuota la sala. In un tavolo piuttosto piccolo troviamo un uomo sulla quarantina e una ragazzina piuttosto alta, entrambi in attesa di ordinare.

ImmagineImmagine


???: Lucy, visto che oggi è un giorno speciale direi che puoi prendere una birra. Piccola si intende, ovviamente.

Lucy fa una faccia imbronciata, per poi sorridere subito dopo.

LF: Grazie papà. Volevo prendere un panino, tu cosa prendi?

L'uomo sembra riflettere.

???: Direi una bistecca. E delle patatine.

La ragazza assume una espressione seria e alza l'indice.

LF: Goloso.

I due ridono insieme. A quel punto arriva la cameriera, che abbraccia caldamente Lucy.

Immagine


???: Lucy, che bello vederti all'aria aperta e non in una palestra. E ciao anche a te, John.

Lucy sorride all'amica, mentre l'uomo ridacchia.

JF: Finalmente hai smesso di chiamarmi Signor Fisher.

???: Mi sono allenata. Come mai qua? Festeggiate qualcosa?

John indicando con un gesto della mano sua figlia le risponde.

JF: Vedi Sam, questa ragazza domani fa il suo grande debutto nel mondo del pro Wrestling.

Lucy muove la testa in modo da mettersi i capelli davanti al viso.

LF: Dai pa, arrossisco.

Samantha la guarda ridacchiando.

SM: Ma è il tuo sogno da due anni! Dillo che sei contenta.

La ragazza con uno sbuffo sposta una ciocca di capelli, facendo comparire un occhio verdissimo, che brilla.

LF: Felice.

Le due si abbracciano di nuovo.

SM: Dai, cosa vi porto?

I due al tavolo guardano rapidamente i menù appoggiati sul tavolo.

LF: Per me un Old Luie's Ifrit. Con le patatine.

JF: io prenderò una Tagliata Humamba. Cottura media. E le patatine.

Samantha annuisce.

SM: Potremmo aver finito la Humamba. Se non ci fosse cosa ti porto?

L'uomo assume una espressione pensierosa per qualche secondo.

JF: Una Tomberry.

SM: Ottimo. Da bere?

L'uomo si gratta il sopracciglio destro con l'indice.

JF: Per me una Franziskaner media.

Lucy invece sta leggendo nomi e caratteristiche delle birre con aria assorta. Dopo qualche secondo annuisce.

LF: Per me una Kilkenny. Media.

JF: Piccola.

La cameriera segna tutto sul blocco, poi sorride gentilmente ad entrambi.

SM: Arrivo subito con le vostre cose.

JF: Grazie.

LF: Grazie Sam.

Samantha si allontana, mentre padre e figlia si sorridono, complici.

LF: Non ci credo. Domani è il grande giorno.

John annuisce, tranquillo.

JF: Già. E devi dare il meglio di te. Non ti ho lasciato allenare perché tu perdessi il tuo match di debutto.

La ragazza alza il braccio destro e ridendo finge di gonfiare il muscolo.

JF: Ok, ok. Non esagerare che mi spavento.

I due continuano a ridere insieme.

LF: Mamma faceva il turno serale?

L'uomo schiocca la lingua.

JF: Si, purtroppo. O per fortuna, che così noi ci divertiamo di più.

In quel momento ritorna Samantha, con due birre medie.

SM: Non ricordavo più se la Kilkenny fosse media o piccola. Di chi è di voi due.

John sbuffa, mentre la cameriera ammicca alla amica.

JF: Va bene, avete vinto. Prendi la media.

Samantha appoggia le birre, poi scambia un cinque con Lucy.

SM: Ah, vi ho portato un po' di stuzzichini. Offre, ovviamente, la casa, per il debutto in pompa magna di questa guerriera.

LF: Grazie Sam.

La cameriera fa un gesto vago con la mano.

SM: Cosa vuoi sia. Vi lascio mangiare quelli, intanto che sono ancora caldi, così poi vi porto il resto.

Samantha si allontana ancora, mentre i due iniziano a mangiare il cibo, utilizzando dei bastoncini di legno appuntiti. C'è silenzio fra loro per un po', ed entrambi assaggiano le loro birre. Alla ragazza rimane un po' di schiuma sul naso e il padre glie la pulisce con un dito. I due si sorridono, sempre in silenzio e riprendono a mangiare. Lentamente svuotano il piatto, silenziosi.

LF: La mamma riuscirà ad esserci?

JF: Non lo so. Ma credo di si. Di sicuro non lavora. Spero solo non sia reperibile.

La ragazza fa una espressione corrucciata.

JF: Dai, non te la prendere. Sono sicuro ci sarà, e nel caso non ci fosse, sarà con te col cuore.

La ragazza sospira debolmente.

SM: Non sospirare, mia bella. Ti ho portato il cibo.

Samantha appoggia i piatti davanti ai due commensali, poi fa l'occhiolino e sparisce di nuovo.

JF: Quella ragazza ti adora.

Lucy fa sporgere il labbro inferiore.

LF: Ci vogliamo bene. E poi la conosco da quando avevamo cinque anni. È il mio braccio destro.

John ride.

JF: Temo che lei ti definirebbe il suo braccio destro.

LF: Non è importante. Mangia che sennò si raffredda.

I due iniziano a mangiare, concentrandosi sul cibo. Si scambiano solo qualche rara parola mentre lo fanno. Il primo a finire e John, che poggia forchetta e coltello e beve un sorso di birra.

JF: Davvero buona.

Lucy annuisce, mentre sta tagliando l'ultimo quarto del suo Hamburger.

LF: Anche il mio è buono.

JF: La birra?

Lucy sorride.

LF: Credo di aver scelto bene.

L'uomo ride divertito.

JF: Beh, in Europa è una birra piuttosto famosa.

La ragazza lo guarda stupita.

LF: E qui da noi no?

JF: Eh no. Temo che il buon Vecchio Continente sia avanti a noi in fatto di birra. Certo non dappertutto. In Francia la birra è terribile. Anzi, la birra francese è terribile. Qualcosa di decente la lo recuperi sempre.

John annuisce serio, mentre la ragazza lo guarda interessata.

JF: Oh, prima che me lo dimentichi. Ho qualcosa per te.

L'uomo prende un pacco regalo da vicino a lui e la ragazza sgrana gli occhi.

LF: Davvero?

L'uomo annuisce, mentre la ragazza scarta il pacco, rivelando un attire da lottatrice. Il vestito è completamente bianco, composto da dei pantaloni lunghi e un top.

JF: Però, promettimi una cosa.

La ragazza lo guarda, attenta.

LF: Cosa?

JF: Promettimi che ci metterai tutto il tuo impegno. Promettimi che qualunque cosa succeda, ci metterai tutto il tuo impegno. Che non ti fermerai per un incidente di percorso. Io ti ho sostenuto sempre in questo tuo sogno, so cosa vuol dire averne uno. So cosa significa lottare per ciò che si ama. Ma voglio che tu ci metta tutta te stessa. Io so che tu ce la puoi fare, puoi diventare il meglio, ho visto quello che sai fare e ho osservato quello che sanno fare le altre. Tu hai tutto, tutto, per essere fra il meglio. Quindi promettimi che farai di tutto per andare fino in fondo.

La ragazza si fa seria e annuisce.

LF: Te lo prometto. Ti prometto che sarò la migliore. Sempre.

L'uomo sorride, tranquillo.

JF: Bene, dai finisci la tua birra. Che poi andiamo a dormire, che domani devi essere in forma.

La ragazza beve l'ultimo sorso, poi i due si alzano e vanno a pagare, salutando Samantha.


Top
 Profilo  
Rispondi citando  

Re: TWC - News from Indoor War
MessaggioInviato: 21/03/2015, 21:24 
Connesso
Avatar utente

Iscritto il: 24/12/2010, 18:48
Messaggi: 12049
Località: Baretto Kurabu
Immagine


Immagine


Top
 Profilo  
Rispondi citando  

Re: TWC - News from Indoor War
MessaggioInviato: 22/03/2015, 16:01 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: 09/05/2011, 16:01
Messaggi: 6495
Località: I am the one who knocks.
Immagine

Exclusive Footages


DISCLAIMER: Le immagini fanno riferimento alla giornata di TWC Friday Night's Indoor War #4, andato in scena la sera del 13 Marzo 2015.
I personaggi ripresi hanno acconsentito alla pubblicazione del filmato.


Siamo in tarda mattinata e ci troviamo all'esterno di un pub di Midtown, a pochi passi dal Manhattan Center. C'è un grande via vai di gente, come di consueto nel quartiere new yorkese, ma il locale non è molto affollato. Le telecamere vanno quindi ad inquadrare Raymond Evans-White, il wrestler che si fa chiamare "Street Dog", in compagnia di un uomo più anziano di lui.

Immagine

Immagine Immagine


SDR: "Harry, non credi sia un po' in ritardo? L'appuntamento era per le 10, mi sembra siano passate da più di mezz'ora ormai. Non vorrei che..."

HH: "Sta' tranquillo, Ray. Sai come sono questi businessman di New York... gli tocca dare un occhio a Wall Street ed un altro alle notizie del New York Times. Non deve essere semplice trascorrere le giornate contando soldi..."

Harry, l'uomo seduto al fianco di Raymond, continua a consumare la sua colazione, mentre quest'ultimo sta guardando qualcosa sul suo tablet...

TWC Friday Night's Indoor War #3 ha scritto:
Immagine


SDR: "...e questo è l'Algor Mortis"

BIZARRE viene colpito in pieno e Raymond ritorna sul ring, andando a schienarlo... 1... 2... no! BIZARRE fa un miracolo! Anzi, non proprio. Il Portsmouth Boxer ridacchia e finge di disperarsi dopo aver smesso di schienare l'avversario, forse per umiliarlo ancora di più. Il britannico si inginocchia e urla qualcosa nell'orecchio di BIZARRE... poi si abbassa... non si capisce dove voglia arrivare... ATTENZIONE! KIMURA LOCK!

Immagine


E BIZARRE cede immediatamente!

Spoiler:
The winner of this match is... STREET DOG RAYMOND!


Fischi incommensurabili del pubblico, con l'arbitro che alza il braccio al neo-arrivato. BIZARRE non ha avuto tregua contro il debuttante, che va poi ad urlare qualcosa al team di commento: "That was not a Kimura... that was the Final Bite!". Quindi esce dal ring, non ritrovando più Manson che era stato precedentemente portato via dallo staff medico. Un facile squash al debutto, nel più classico dei match a senso unico. Ciò che interessa al pubblico, però, è capire se Manson vendicherà il gesto subito e quando lo farà. Break pubblicitario.


HH: "Stai ancora continuando a vederlo, vero?"

SDR: "Cosa c'è di male? È stato decisamente un bel debutto, non lo pensi?"

HH: "Non montarti la testa, ragazzo. Hai sconfitto l'ultimo degli ultimi e ciò non ti rende ancora un fenomeno"

SDR: "Ultimo degli ultimi o primo dei primi, quel match l'ho vinto. Era ciò che importava in quel momento. Presto saprò dimostrare quanto valgo confrontandomi anche con nomi più imp..."

HH: "Manson. Kevin Manson. È lui il nome che cerchi"

SDR: "Perché mai dovrei sporcarmi le mani con quel folle? Dai, lo hai visto Harry. È uno squilibrato, un fuori di senno, un pazzo... wrestler è l'ultimo degli appellativi che gli darei. Magari saprà anche saper lottare, ma il contorno..."

HH: "Il contorno è questo: tu lo hai provocato, gli hai rubato un match, hai fatto qualcosa che la federazione non voleva e che può compromettere il tuo ingaggio. Se ci dicessero che stasera avresti l'opportunità di ripresentarti, cosa ti aspetteresti? Insomma, può essere un pazzo come lo definisci tu - e come lo definirei anch'io - ma lo hai attaccato, lo hai infortunato, non credo che al ritorno starà al suo posto e ti ignorerà"

SDR: "Non hai tutti i torti, Harry, ma lui è l'aperitivo. Non è lui che mi interessa"

HH: "Sono convinto che quando ti ripagherà con la stessa moneta cambierai idea, fidati. Sarò pur vecchio, ma ancora ho una visione lucida del mondo, e soprattutto del wrestling. Altrimenti non avrei neppure puntato su di te"

I due interrompono la discussione all'improvviso, notando un uomo avvicinarsi e sedersi al loro tavolo.

Immagine


HH: "Buongiorno, Mr. Ace. È un piacere vederla"

MA: "Il piacere è mio. Lei deve essere Harry Harfield ed il suo cliente, beh, sappiamo bene chi è"

La faccia di quello che sembrava essere il personaggio atteso mostra un sorrisetto beffardo, mentre Raymond resta in silenzio.

HH: "Dunque, la riunione è terminata? Abbiamo notizie?"

MA: "Sì e no"

HH: "In che senso?"

Mr. Ace si accomoda ed ora sembra piuttosto rammaricato.

MA: "Sai Michael, la burocrazia... ed inoltre il comp..."

Raymond si alza di scatto ed afferra Mr. Ace per il collo.

SDR: "Cosa? Cosa? È tutto definito, signor Ace. Non spari cazzate!"

Harry distacca Raymond dal dirigente, guardandolo in malo modo.

MA: "Wow, bel caratterino il ragazzo. Peccato che non sappia nulla riguardo la gestione dei contratti ed i vari cavilli, e non possa tanto meno lamentarsi con me. Harry, Raymond era in prova, non doveva nemmeno apparire due settimane fa, eppure lo ha fatto. Non abbiamo voluto negargli quel match né interromperlo perché ciò ci avrebbe messo in cattiva luce davanti al network"

I due restano in silenzio, lasciando parlare Ace.

MA: "Voglio essere franco con voi, non voglio dirvi nulla di falso. L'interesse verso Raymond c'è, ha dimostrato di saper lottare, ma il tempo stringe ed è impossibile assicurargli un contratto entro oggi. Ma... possiamo fare altro, se rimarrete pazienti"

Ace guarda Raymond dritto negli occhi, con quest'ultimo che sembra ancora arrabbiato per la risposta.

MA: "Nel meeting ho chiesto ed ottenuto di darti un match per la prossima puntata, a patto che per questa sera non metterai piede al Manhattan Center. Fra due settimane avrai la tua opportunità di entrare ufficialmente in federazione, e lo farai in una maniera piuttosto particolare. Il tuo comportamento non è piaciuto alla dirigenza, ne sei al corrente vero?"

Raymond lo continua a guardare fisso negli occhi.

MA: "Vogliono metterti realmente alla prova e sotto pressione. Per questo motivo il tuo contratto resta ancora in sospeso e fra due settimane lotterai per averlo... in un One on One match con in palio il contratto stesso. Lotterai contro un altro wrestler scoutato. Se perderai, inutile dirlo, potrai dire addio alla TWC. Arrivederci"

Raymond si alza in piedi, ma Harry lo ferma nuovamente. Ace, invece, se ne va a passo spedito.

SDR: "Mi vogliono fottere, Harry! Vogliono farmela pagare!"

HH: "Stai calmo, Ray. Rifletti. Volevi la tua grande opportunità? Non c'è modo migliore per ottenerla! Lotterai per quel contratto, sputerai sangue per quel contratto, chiunque ti si pari davanti! I riflettori saranno puntati su di te. Dovrai solo stare attento a Manson..."

Raymond si tranquillizza, e poi mette una mano sulla spalla di Harry.

SDR: "Se è questo quello che vogliono, lo avranno. Fra due settimane dimostrerò a tutti il motivo per cui mi chiamano Street Dog... mostrerò alla dirigenza di che pasta è fatto il Portsmouth Boxer. Il malaugurato che mi capiterà per le mani fra 14 giorni non avrà la forza di rialzarsi dopo il match... because nobody can stop an unleashed dog without a master"

Detto questo, i due lasciano il locale ed il filmato termina.


Top
 Profilo  
Rispondi citando  

Re: TWC - News from Indoor War
MessaggioInviato: 22/03/2015, 19:34 
Non connesso

Iscritto il: 04/01/2012, 8:02
Messaggi: 18343
Immagine


....LA PROSSIMA ESTATE....
....LA TOTAL WRESTLING CORPORATION....
....ARRIVA A....

Spoiler:
Immagine
....MILANO!!!!


Top
 Profilo  
Rispondi citando  

Re: TWC - News from Indoor War
MessaggioInviato: 27/03/2015, 19:11 
Non connesso

Iscritto il: 04/01/2012, 8:02
Messaggi: 18343

Immagine

FRIDAY NIGHT'S INDOOR WAR,
10TH APRIL 2015,
MIKE HILL VS. BIG BLACK BOOM


Top
 Profilo  
Rispondi citando  

Re: TWC - News from Indoor War
MessaggioInviato: 28/03/2015, 22:00 
Non connesso

Iscritto il: 04/01/2012, 8:02
Messaggi: 18343

Immagine

FRIDAY NIGHT'S INDOOR WAR,
10TH APRIL 2015


Top
 Profilo  
Rispondi citando  

Re: TWC - News from Indoor War
MessaggioInviato: 28/03/2015, 22:36 
Connesso
Avatar utente

Iscritto il: 24/12/2010, 18:48
Messaggi: 12049
Località: Baretto Kurabu
Immagine


Amici della Total Wrestling Corporation, abbiamo il piacere di annunciarvi che nel prossimo imperdibile episodio di Friday Night Indoor War, live dal Manhattan Center di New York City, si terrà per la seconda puntata dell’esclusivo talk show made in Bruderschaft Der Krahe: "Sigfried Jaeger’s ACHTUNG!"

Immagine


Ecco in anteprima gli argomenti principali del talk show: "Superstar" Sigfried Jaeger farà il punto della situazione della BDK in TWC a due settimane dalla durissima lezione inferta a Travis Miller a Indoor War; a grande richiesta ritorneranno le amatissime rubriche “Gunther’s Point of View” e “C’è posta per Brunild”. Infine, ma non meno importante, avremo ben due ospiti speciali in questo episodio di ACHTUNG!, ovvero Simon B. e Andy Moon, che avranno un'opportunità importante per confrontarsi e chiarirsi tra loro una volta per tutte sotto l'imparziale moderazione del Deadly Crow di Ravensburg. Stay Tuned.



#BestFromTheWest #MyWorld #BDK #TWCAchtung! #WhoYouWantToB #InfiniteKid #FridayNightIndoorWar


Top
 Profilo  
Rispondi citando  

Re: TWC - News from Indoor War
MessaggioInviato: 29/03/2015, 9:28 
Non connesso

Iscritto il: 04/01/2012, 8:02
Messaggi: 18343

Immagine

FRIDAY NIGHT'S INDOOR WAR,
10TH APRIL 2015


Top
 Profilo  
Rispondi citando  

Re: TWC - News from Indoor War
MessaggioInviato: 31/03/2015, 22:01 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: 04/07/2012, 13:48
Messaggi: 933
Immagine


Le immagini ci portano nel soggiorno di una casa arredata in stile moderno. L'ambiente è molto luminoso, due finestroni permettono ad una grande quantità di luce di entrare nell'appartamento. Osservando attraverso i vetri si può vedere un quartiere situato in una zona collinare.

Immagine


La telecamera si gira verso l'interno della stanza ed inquadra Nick Carroll.

Immagine


NC: Bel panorama, vero? Il quartiere Beacon Hill di Boston è un posto fantastico dove vivere. Da qui si può vedere anche la Massachussets State House. Quando sono pensieroso mi piace mettermi davanti alla finestra ad osservare fuori: posare lo sguardo su questi luoghi familiari mi aiuta a rilassarmi ed a ragionare meglio.

Nick si muove verso l'interno della stanza, telecamera in mano. The Engineer la appoggia su un sostegno e si mette a sedere su uno spazioso divano nero.

NC: Devo dire che in questi giorni mi sono ritrovato spesso a riflettere osservando il panorama: ciò che è successo venerdì a Indoor War mi ha dato da pensare. Non riesco proprio a capirlo, quel bastardo.

Carroll, che si sta evidentemente riferendo a Cross, cambia nervosamente posizione e cerca di mettersi più comodo.

NC: Questo venerdì sono stato snobbato in maniera ancora più evidente rispetto all'episodio precedente. Per tutta la serata sono stato in agguato, pronto ad aggredire Cross non appena avesse messo il naso nell'arena... Ma di lui non si è visto nemmeno l'ombra.

Un espressione di disappunto è dipinta sul volto del bostoniano.

NC: Mi sono ritrovato a chiedermi cosa avrei fatto io al suo posto: come mi sarei comportato se un lottatore a mio modo di vedere insignificante avesse continuato a ronzarmi intorno, a chiamarmi fuori e ad insultarmi regolarmente?

Carroll si alza dal divano e comincia a passeggiare nervosamente.

NC: La conclusione a cui sono giunto è che sarebbe successo qualcosa di molto simile a ciò che è accaduto con Powell nell'ultimo Indoor War. Quel wrestler di infimo livello stava occupando il ring proprio quando io volevo uscire e rivolgermi a Cross, mi aveva decisamente infastidito. Perciò l'ho raggiunto sul quadrato e l'ho distrutto come si meritava. Anzi, l'ho utilizzato per rendere il mio messaggio per il Biker ancora più forte e chiaro.

The Engineer riprende la telecamera e si riprende di nuovo da vicino come all'inizio del suo messaggio.

NC: Anche il nostro Buddy potrebbe fare lo stesso con me, no? Sballottare a destra e a manca quel fastidioso piccoletto biondino che non accenna a togliersi di torno non potrebbe essere un buon modo per dimostrare la sua tanto decantata pericolosità?

L'espressione di Nick si fa più dura.

NC: Invece no! Lui se ne va senza dire una parola, sale su quel suo catorcio e sgomma via! Lui non si degna nemmeno di presenziare allo show! Questo conferma una volta di più quanto egli sia una mezza cartuccia, dimostra come non abbia le palle di rispondere alle sfide!

Carroll riprende fiato.

NC: Cross, so che tutto il TWC Universe e chiunque abbia più di due neuroni funzionanti è d'accordo con me. Ma se vuoi hai ancora l'ennesima possibilità di smentirmi: presentati al prossimo episodio di Indoor War, comportati finalmente come un uomo e stracciami come avevi promesso di fare! Manca più di una settimana al 10 Aprile, hai molto tempo per pensare alle mie parole. Se anche questa volta non ti farai vedere al Manhattan Center dimostrerai definitivamente di essere un grandissimo Senzapalle! And that's it!

Nick chiude il collegamento.


Top
 Profilo  
Rispondi citando  

Re: TWC - News from Indoor War
MessaggioInviato: 01/04/2015, 19:47 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: 02/01/2011, 18:39
Messaggi: 8683
Località: Interesting
Le telecamere riprendono un loft, illuminato dalla luce solare, che entra dalle grandi finestre. Tutto è in perfetto ordine, e un mazzo di fiori freschi è in un vaso con dell'acqua. Solamente ascoltando molto attentamente si riesce a percepire il traffico urbano, distante e bloccato dai doppi vetri. Alle pareti sono appesi diversi ricordi, mentre su un tavolino giace una fotografia di tre persone, in posa, una a fianco dell'altra, tutte e tre sorridenti. Una di queste è Leon Black, ma non riconosciamo le altre. Sempre lì vicino, questa volta incorniciata, una foto di gruppo, contenente sempre un Leon Black sorridente, una Lucy Fisher leggermente a lato, abbracciata a uno dei due sconosciuti della foto di prima, l'attrice Suen Kai-kwan, con il viso giocosamente imbronciato, vicino ad un altro uomo parecchio alto, e altre sette persone, che non riusciamo a riconoscere. Infine sul tavolino vediamo un ritaglio di giornale spiegazzato, che recita: <<Incendio Doloso a Chicago>>. Lentamente una mano gigantesca prende la foto senza cornice e il ritaglio di giornale ed apre un cassetto, in cui possiamo vedere una maschera cinese di bella fattura e una Desert Eagle color acciaio, e li ripone dentro, per poi chiudere il cassetto a chiave. Si sentono dei passi che si allontanano, mentre vediamo i ricordi sul muro, oggetti difficili da descrivere, dei quali la maggior parte evidenzia una provenienza asiatica è una fattura artigianale. Tre Katane sono appese piuttosto in alto, nei loro foderi, è una di queste è completamente nera, come si può notare da alcune incisioni che fanno intravedere la lama attraverso il fodero. Ora sentiamo rumore di qualcuno che accende la televisione e si appoggia su qualcosa di morbido. Per qualche secondo è così, poi sentiamo il rumore di chiavi che girano in una toppa e poi la porta che si apre. La telecamera si sposta lentamente e vediamo Lucy Fisher, in Jeans e maglietta.

Immagine


LF: Tornata.

Da dietro la telecamera si alza la voce di Leon Black.

LB: Ben arrivata. Se vuoi in TV danno The Truman Show, ed è appena iniziato, quindi se vuoi puoi finalmente vederlo.

La ragazza prende il telefonino dalla borsetta, che appoggia in un armadio a muro, e se lo infila in tasca.

LF: Arrivo subito, così smetti di guardarmi male.

La ragazza si sfila le All-star che ha ai piedi calpestando il tallone con la punta dell'altro piede, poi si toglie le calze e si infila le infradito, per poi aprire una porticina di uno sgabuzzino, riporre le scarpe in una scarpiera e buttare i calzini fra la biancheria da lavare. Richiusa la porta la seguiamo mentre si dirige verso il divano, lascia le infradito dietro lo schienale e, appogiandocisi con una mano, lo scavalca con un salto per sedersi a fianco di Black, che vediamo vestito a sua volta con jeans e maglietta.

Immagine


La ragazza poi stampa un bacio sulla guancia al gigante, che per risposta le arruffa i capelli con una mano.

LF: Quando è iniziato?

LB: Mentre aprivi la porta.

LF: Mi sono persa qualcosa di importante?

LB: No, tranquilla.

I due guardano per qualche minuto il film in silenzio.

LF: Pubblicità? Non ci posso credere. Saranno cinque minuti che è iniziato.

Il gigante alza le spalle.

LB: Vuoi una birra?

La ragazza annuisce, sporgendo in fuori il labbro inferiore.

LB: Vado a prenderla.

Il wrestler si alza e si incammina verso il frigorifero, mentre la ragazza si allarga, occupando quasi tutto il divano. Leon torna poco dopo con due lattine di Guinness e due bicchieri, poi vede che la ragazza si è coricata e ridacchia.

LB: Mi spiace, ma se vuoi bere la birra, devi stare seduta.

La ragazza sbuffa, poi cerca di sedersi occupando il maggiore spazio possibile.

LF: Uffa.

Il gigante ride ancora di più e si siede tranquillamente a fianco alla ragazza, per poi consegnarle il bicchiere e versarle la birra scura. Il wrestler poi mesce per se stesso e appoggia le lattine su un pezzo di carta assorbente su il tavolino di servizio che ha fra divano e televisione.

LB: Vedi? Serve a questo, non ad appoggiarci su i piedi.

La ragazza lo ignora, bevendo un sorso dal suo bicchiere, subito imitata da Black.

LB: Non esiste birra al livello di quella irlandese.

LF: Lo fai apposta, vero?

Black assume una espressione da agnellino.

LB: A fare cosa?

LF: A dire queste cose.

Black non riesce a trattenere il suo solito sorriso sghembo.

LB: Dici per infastidire Sigfried? Ovvio che si. È così... tedesco. È proprio più forte di me.

La ragazza ha una espressione fra il divertito e il preoccupato.

LF: Lo sai vero che è l'unico in TWC che mi preoccupa?

Black la guarda, in silenzio.

LF: Tu lo rispetti, alla fin fine. E lui è se ne approfitterà il più possibile.

LB: Beh, io rispetto parecchie persone in TWC.

LF: Cross?

LB: No, ma non vedo cosa centri.

LF: Schmitd?

LB: Chi?

LF: Krakatoa?

LB: No, ma lui è un caso particolare.

LF: Fred?

LB: No, ma non credo sia nemmeno più un wrestler in TWC.

LF: Big Black Boom?

LB: Se avesse un nome serio.

LF: Raymond?

LB: Vabbè, non ho ancora potuto vederlo.

LF: Mike Hill?

LB: Non è Harris?

LF: No, è Hill.

LB: Ah.

LF: Manson?

LB: Un po' è una risposta valida?

LF: Visto? È l'unico che rispetti senza che se lo meriti. Posso capire stessi parlando di Edwards, Moon, Miller o Carroll, ma non uno come lui. Si vede che vuoi affrontarlo ad armi pari, ma lui non vuole farlo. Non ad armi pari, per lo meno.

Black fa un gesto con la mano, poi beve un sorso di birra.

LB: Non ti preoccupare, so di poterlo battere. E so anche perché lui non può battere me.

La ragazza lo guarda di sbieco.

LB: Oh, non fare quella espressione, non te lo dico, sennò rischio di perdere l'effetto sorpresa, no?

La ragazza scuote la testa, fra lo stizzito e il divertito.

LF: Tu sei nato così?

Leon inclina di lato la testa.

LB: Alto due metri e venti?

LF: No, con la passione per gli indovinelli. E per far impazzire me.

Black sorride sardonico, mentre si stiracchia leggermente.

LB: Occhio che riprende il film.

I due rimangono in silenzio per diversi minuti, finché da un bracciolo del divano non parte una suoneria di un telefono, che Black prende e con cui lotta qualche secondo per rispondere, scorrendo più volte il dito sullo schermo.

LB: Carissimo, che piacere sentirti. Come stanno le tue ginocchia? Sempre bloccate come una roccia?

Il gigante ride sotto i baffi, per poi alzarsi e allontanarsi un po' dalla TV per non disturbare Lucy, che coglie l'occasione per coricarsi.

LB: Quindi dici che non ci vorrà tutto quel tempo che immaginavamo? Ottimo, ottimo. Per il ventiquattro credo sia l'ideale. Pericolo? Proprio tu me lo chiedi. Certo che si, è ovvio, ma cosa posso fare? Sai che sono fatto così. Si, si, si, lo so. Ok, ok, ci penso io. Si, non sta venendo male. Si sbagliano tutti, però anche io sbagliavo con il tuo.

Il wrestler ride.

LB: Stai tranquillo, certo, ci penso io. Dai, appena riesco ti vengo a trovare. Si, ciao.

Black si infila il telefono in tasca e torna verso il divano, trovandolo di nuovo occupato. Sospira e, sollevando le gambe della ragazza, si siede, riappoggiandosi le gambe sulle ginocchia.

LB: Il film ti piace?

La Fisher si sta mordicchiando l'unghia dell'indice.

LF: Si, è veramente carino. Chi era?

LB: Non fare la finta tonta. Un vecchio amico che conosci anche tu.

La ragazza lo guarda alzando un sopracciglio.

LF: Ha un cane?

LB: Lo aveva, poi lo hanno investito.

La ragazza fischia, divertita.

LF: Avrà speso un patrimonio.

Black alza le spalle.

LB: Avrà un buon piano.

Lucy si stiracchia a sua volta, stendendo il più possibile gambe e braccia.

LF: Ah, prima ho sentito Andrew, passa di qua sabato e domenica.

LB: Ehi, Arthur passa di qua domenica, possiamo uscire noi quattro. È un sacco che non usciamo.

LF: Più o meno da quando l'ho lasciato.

Il gigante schiocca la lingua.

LB: Dai che siete rimasti in buoni rapporti, e poi mica uscite solo voi, ci siamo anche io e Andrew, non ti fare problemi.

LF: Va bene, ma solo perché è amico tuo.

LB: Esagerata, ti fa piacere uscire un po' con noi, ammettilo.

La ragazza muove la testa, per coprirsi il viso coi capelli.

LF: Forse.

Black rapidamente le afferra la caviglia sinistra in una presa salda ma piuttosto dolce e le fa il solletico sulla pianta del piede. La ragazza prova a fare un po' di resistenza, poi, ridendo e scalciando, confessa.

LF: Va bene, va bene. Mi fa molto piacere.

Il gigante le lascia andare il piede.

LF: Però sei scorretto.

Black alza le mani, serafico.

LB: Direi più efficace.

I due ridono insieme, concentrandosi sul film. Il silenzio cala ancora, finché il film non si interrompe per la pubblicità.

LF: Hai in mente di far lottare ancora Edwards, settimana prossima?

LB: Certo.

LF: Contro chi?

Black fa un gesto vago con la mano.

LF: C'è qualcosa che intendi dirmi?

Black sembra pensarci su.

LB: No, direi di no. Mi piace vederti sorpresa.

La ragazza sbuffa.

LF: A volte mi chiedo perché ti sopporto.

LB: Per il mio incontenibile fascino e il mio naturale carisma?

La ragazza lo pungola ai fianchi con i piedi.

LF: Più probabilmente per il mio incontenibile buon umore e la mia naturale pazienza.

Leon la guarda con gli occhi socchiusi.

LB: Tu sei paziente? Perché mi sono sempre perso questa informazione?

LF: Ma stai zitto.

LB: Agli ordini siamo arrivati?

LF: Perché, non obbedisci?

Black fa un sonoro sbuffo, mentre Lucy continua a pungolarlo.

LB: Seguiamo il film? O hai intenzione di continuare per molto?

LF: Posso andare avanti così all'infinito, seguendo anche il film.

I due guardano per un po' il film, continuando a infastidirsi giocosamente.

LF: E per i Flames of Destruction cosa pensi di fare?

LB: Sarò onesto. Non lo so. Devo parlare ancora bene con Edwards della cosa. Andy mi ha detto che è pronto, ma devo ancora vedere come è messo Michael. Mi sto muovendo, ma non so nulla di preciso. Anzi, dopo faccio un giro di chiamate, e cerco di definire la cosa meglio.

La ragazza smette di pungolarlo e lo osserva in silenzio per un po'.

LF: Andrai fino in fondo, vero? Non riesci a resistere quando capitano queste cose. Quante volte hai sbattuto la porta in faccia alla dirigenza TWNA? Quando ritieni di vedere una ingiustizia, ti butti in mezzo e combatti. E non importa quanto sia una causa persa, sei disposto a morire per difenderla. Perché?

Black alza le spalle.

LB: Sono fatto così.

Il gigante si sfila l'anello che porta all'anulare.

LB: Ritengo che non combattendo per ciò che si ritiene giusto, si muoia.

Lentamente fa ruotare l'anello fra le dita.

LB: E io non voglio morire. Non ancora.

Lucy si siede e gli prende una mano con la sue.

LF: Leonard, ti prego. Sai che non sopporto quando fai così. Sei un'altra persona.

Il wrestler si libera dolcemente dalla presa e si alza dal divano, infilandosi l'anello con un singolo e fluido movimento della mano. Poi guarda la ragazza e le sorride arricciando un lato della bocca.

LB: Scusa. Vado a farmi una doccia. Poi se hai voglia ti porto fuori a mangiare che qui vicino fanno del sushi fantastico. Mi raccomando, finisci il film che è uno dei miei preferiti.

Il gigante si allontana lentamente, estraendo il telefono e scrivendo un rapido messaggio, che vediamo essere indirizzato ad Edwards, mentre la ragazza si raggomitola nell'angolo da cui si è alzato Black, appoggiando il mento al palmo della mano e il gomito al ginocchio, e continua a guardare il film con aria interessata, ma anche con una espressione difficilmente decifrabile.


Top
 Profilo  
Rispondi citando  

Re: TWC - News from Indoor War
MessaggioInviato: 01/04/2015, 19:47 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: 02/01/2011, 18:39
Messaggi: 8683
Località: Interesting
Le telecamere riprendono un loft, illuminato dalla luce solare, che entra dalle grandi finestre. Tutto è in perfetto ordine, e un mazzo di fiori freschi è in un vaso con dell'acqua. Solamente ascoltando molto attentamente si riesce a percepire il traffico urbano, distante e bloccato dai doppi vetri. Alle pareti sono appesi diversi ricordi, mentre su un tavolino giace una fotografia di tre persone, in posa, una a fianco dell'altra, tutte e tre sorridenti. Una di queste è Leon Black, ma non riconosciamo le altre. Sempre lì vicino, questa volta incorniciata, una foto di gruppo, contenente sempre un Leon Black sorridente, una Lucy Fisher leggermente a lato, abbracciata a uno dei due sconosciuti della foto di prima, l'attrice Suen Kai-kwan, con il viso giocosamente imbronciato, vicino ad un altro uomo parecchio alto, e altre sette persone, che non riusciamo a riconoscere. Infine sul tavolino vediamo un ritaglio di giornale spiegazzato, che recita: <<Incendio Doloso a Chicago>>. Lentamente una mano gigantesca prende la foto senza cornice e il ritaglio di giornale ed apre un cassetto, in cui possiamo vedere una maschera cinese di bella fattura e una Desert Eagle color acciaio, e li ripone dentro, per poi chiudere il cassetto a chiave. Si sentono dei passi che si allontanano, mentre vediamo i ricordi sul muro, oggetti difficili da descrivere, dei quali la maggior parte evidenzia una provenienza asiatica è una fattura artigianale. Tre Katane sono appese piuttosto in alto, nei loro foderi, è una di queste è completamente nera, come si può notare da alcune incisioni che fanno intravedere la lama attraverso il fodero. Ora sentiamo rumore di qualcuno che accende la televisione e si appoggia su qualcosa di morbido. Per qualche secondo è così, poi sentiamo il rumore di chiavi che girano in una toppa e poi la porta che si apre. La telecamera si sposta lentamente e vediamo Lucy Fisher, in Jeans e maglietta.

Immagine


LF: Tornata.

Da dietro la telecamera si alza la voce di Leon Black.

LB: Ben arrivata. Se vuoi in TV danno The Truman Show, ed è appena iniziato, quindi se vuoi puoi finalmente vederlo.

La ragazza prende il telefonino dalla borsetta, che appoggia in un armadio a muro, e se lo infila in tasca.

LF: Arrivo subito, così smetti di guardarmi male.

La ragazza si sfila le All-star che ha ai piedi calpestando il tallone con la punta dell'altro piede, poi si toglie le calze e si infila le infradito, per poi aprire una porticina di uno sgabuzzino, riporre le scarpe in una scarpiera e buttare i calzini fra la biancheria da lavare. Richiusa la porta la seguiamo mentre si dirige verso il divano, lascia le infradito dietro lo schienale e, appogiandocisi con una mano, lo scavalca con un salto per sedersi a fianco di Black, che vediamo vestito a sua volta con jeans e maglietta.

Immagine


La ragazza poi stampa un bacio sulla guancia al gigante, che per risposta le arruffa i capelli con una mano.

LF: Quando è iniziato?

LB: Mentre aprivi la porta.

LF: Mi sono persa qualcosa di importante?

LB: No, tranquilla.

I due guardano per qualche minuto il film in silenzio.

LF: Pubblicità? Non ci posso credere. Saranno cinque minuti che è iniziato.

Il gigante alza le spalle.

LB: Vuoi una birra?

La ragazza annuisce, sporgendo in fuori il labbro inferiore.

LB: Vado a prenderla.

Il wrestler si alza e si incammina verso il frigorifero, mentre la ragazza si allarga, occupando quasi tutto il divano. Leon torna poco dopo con due lattine di Guinness e due bicchieri, poi vede che la ragazza si è coricata e ridacchia.

LB: Mi spiace, ma se vuoi bere la birra, devi stare seduta.

La ragazza sbuffa, poi cerca di sedersi occupando il maggiore spazio possibile.

LF: Uffa.

Il gigante ride ancora di più e si siede tranquillamente a fianco alla ragazza, per poi consegnarle il bicchiere e versarle la birra scura. Il wrestler poi mesce per se stesso e appoggia le lattine su un pezzo di carta assorbente su il tavolino di servizio che ha fra divano e televisione.

LB: Vedi? Serve a questo, non ad appoggiarci su i piedi.

La ragazza lo ignora, bevendo un sorso dal suo bicchiere, subito imitata da Black.

LB: Non esiste birra al livello di quella irlandese.

LF: Lo fai apposta, vero?

Black assume una espressione da agnellino.

LB: A fare cosa?

LF: A dire queste cose.

Black non riesce a trattenere il suo solito sorriso sghembo.

LB: Dici per infastidire Sigfried? Ovvio che si. È così... tedesco. È proprio più forte di me.

La ragazza ha una espressione fra il divertito e il preoccupato.

LF: Lo sai vero che è l'unico in TWC che mi preoccupa?

Black la guarda, in silenzio.

LF: Tu lo rispetti, alla fin fine. E lui è se ne approfitterà il più possibile.

LB: Beh, io rispetto parecchie persone in TWC.

LF: Cross?

LB: No, ma non vedo cosa centri.

LF: Schmitd?

LB: Chi?

LF: Krakatoa?

LB: No, ma lui è un caso particolare.

LF: Fred?

LB: No, ma non credo sia nemmeno più un wrestler in TWC.

LF: Big Black Boom?

LB: Se avesse un nome serio.

LF: Raymond?

LB: Vabbè, non ho ancora potuto vederlo.

LF: Mike Hill?

LB: Non è Harris?

LF: No, è Hill.

LB: Ah.

LF: Manson?

LB: Un po' è una risposta valida?

LF: Visto? È l'unico che rispetti senza che se lo meriti. Posso capire stessi parlando di Edwards, Moon, Miller o Carroll, ma non uno come lui. Si vede che vuoi affrontarlo ad armi pari, ma lui non vuole farlo. Non ad armi pari, per lo meno.

Black fa un gesto con la mano, poi beve un sorso di birra.

LB: Non ti preoccupare, so di poterlo battere. E so anche perché lui non può battere me.

La ragazza lo guarda di sbieco.

LB: Oh, non fare quella espressione, non te lo dico, sennò rischio di perdere l'effetto sorpresa, no?

La ragazza scuote la testa, fra lo stizzito e il divertito.

LF: Tu sei nato così?

Leon inclina di lato la testa.

LB: Alto due metri e venti?

LF: No, con la passione per gli indovinelli. E per far impazzire me.

Black sorride sardonico, mentre si stiracchia leggermente.

LB: Occhio che riprende il film.

I due rimangono in silenzio per diversi minuti, finché da un bracciolo del divano non parte una suoneria di un telefono, che Black prende e con cui lotta qualche secondo per rispondere, scorrendo più volte il dito sullo schermo.

LB: Carissimo, che piacere sentirti. Come stanno le tue ginocchia? Sempre bloccate come una roccia?

Il gigante ride sotto i baffi, per poi alzarsi e allontanarsi un po' dalla TV per non disturbare Lucy, che coglie l'occasione per coricarsi.

LB: Quindi dici che non ci vorrà tutto quel tempo che immaginavamo? Ottimo, ottimo. Per il ventiquattro credo sia l'ideale. Pericolo? Proprio tu me lo chiedi. Certo che si, è ovvio, ma cosa posso fare? Sai che sono fatto così. Si, si, si, lo so. Ok, ok, ci penso io. Si, non sta venendo male. Si sbagliano tutti, però anche io sbagliavo con il tuo.

Il wrestler ride.

LB: Stai tranquillo, certo, ci penso io. Dai, appena riesco ti vengo a trovare. Si, ciao.

Black si infila il telefono in tasca e torna verso il divano, trovandolo di nuovo occupato. Sospira e, sollevando le gambe della ragazza, si siede, riappoggiandosi le gambe sulle ginocchia.

LB: Il film ti piace?

La Fisher si sta mordicchiando l'unghia dell'indice.

LF: Si, è veramente carino. Chi era?

LB: Non fare la finta tonta. Un vecchio amico che conosci anche tu.

La ragazza lo guarda alzando un sopracciglio.

LF: Ha un cane?

LB: Lo aveva, poi lo hanno investito.

La ragazza fischia, divertita.

LF: Avrà speso un patrimonio.

Black alza le spalle.

LB: Avrà un buon piano.

Lucy si stiracchia a sua volta, stendendo il più possibile gambe e braccia.

LF: Ah, prima ho sentito Andrew, passa di qua sabato e domenica.

LB: Ehi, Arthur passa di qua domenica, possiamo uscire noi quattro. È un sacco che non usciamo.

LF: Più o meno da quando l'ho lasciato.

Il gigante schiocca la lingua.

LB: Dai che siete rimasti in buoni rapporti, e poi mica uscite solo voi, ci siamo anche io e Andrew, non ti fare problemi.

LF: Va bene, ma solo perché è amico tuo.

LB: Esagerata, ti fa piacere uscire un po' con noi, ammettilo.

La ragazza muove la testa, per coprirsi il viso coi capelli.

LF: Forse.

Black rapidamente le afferra la caviglia sinistra in una presa salda ma piuttosto dolce e le fa il solletico sulla pianta del piede. La ragazza prova a fare un po' di resistenza, poi, ridendo e scalciando, confessa.

LF: Va bene, va bene. Mi fa molto piacere.

Il gigante le lascia andare il piede.

LF: Però sei scorretto.

Black alza le mani, serafico.

LB: Direi più efficace.

I due ridono insieme, concentrandosi sul film. Il silenzio cala ancora, finché il film non si interrompe per la pubblicità.

LF: Hai in mente di far lottare ancora Edwards, settimana prossima?

LB: Certo.

LF: Contro chi?

Black fa un gesto vago con la mano.

LF: C'è qualcosa che intendi dirmi?

Black sembra pensarci su.

LB: No, direi di no. Mi piace vederti sorpresa.

La ragazza sbuffa.

LF: A volte mi chiedo perché ti sopporto.

LB: Per il mio incontenibile fascino e il mio naturale carisma?

La ragazza lo pungola ai fianchi con i piedi.

LF: Più probabilmente per il mio incontenibile buon umore e la mia naturale pazienza.

Leon la guarda con gli occhi socchiusi.

LB: Tu sei paziente? Perché mi sono sempre perso questa informazione?

LF: Ma stai zitto.

LB: Agli ordini siamo arrivati?

LF: Perché, non obbedisci?

Black fa un sonoro sbuffo, mentre Lucy continua a pungolarlo.

LB: Seguiamo il film? O hai intenzione di continuare per molto?

LF: Posso andare avanti così all'infinito, seguendo anche il film.

I due guardano per un po' il film, continuando a infastidirsi giocosamente.

LF: E per i Flames of Destruction cosa pensi di fare?

LB: Sarò onesto. Non lo so. Devo parlare ancora bene con Edwards della cosa. Andy mi ha detto che è pronto, ma devo ancora vedere come è messo Michael. Mi sto muovendo, ma non so nulla di preciso. Anzi, dopo faccio un giro di chiamate, e cerco di definire la cosa meglio.

La ragazza smette di pungolarlo e lo osserva in silenzio per un po'.

LF: Andrai fino in fondo, vero? Non riesci a resistere quando capitano queste cose. Quante volte hai sbattuto la porta in faccia alla dirigenza TWNA? Quando ritieni di vedere una ingiustizia, ti butti in mezzo e combatti. E non importa quanto sia una causa persa, sei disposto a morire per difenderla. Perché?

Black alza le spalle.

LB: Sono fatto così.

Il gigante si sfila l'anello che porta all'anulare.

LB: Ritengo che non combattendo per ciò che si ritiene giusto, si muoia.

Lentamente fa ruotare l'anello fra le dita.

LB: E io non voglio morire. Non ancora.

Lucy si siede e gli prende una mano con la sue.

LF: Leonard, ti prego. Sai che non sopporto quando fai così. Sei un'altra persona.

Il wrestler si libera dolcemente dalla presa e si alza dal divano, infilandosi l'anello con un singolo e fluido movimento della mano. Poi guarda la ragazza e le sorride arricciando un lato della bocca.

LB: Scusa. Vado a farmi una doccia. Poi se hai voglia ti porto fuori a mangiare che qui vicino fanno del sushi fantastico. Mi raccomando, finisci il film che è uno dei miei preferiti.

Il gigante si allontana lentamente, estraendo il telefono e scrivendo un rapido messaggio, che vediamo essere indirizzato ad Edwards, mentre la ragazza si raggomitola nell'angolo da cui si è alzato Black, appoggiando il mento al palmo della mano e il gomito al ginocchio, e continua a guardare il film con aria interessata, ma anche con una espressione difficilmente decifrabile.


Top
 Profilo  
Rispondi citando  

Re: TWC - News from Indoor War
MessaggioInviato: 01/04/2015, 22:56 
Connesso
Avatar utente

Iscritto il: 22/06/2011, 16:15
Messaggi: 12872
Località: I NANI! I NANI! I NANI! I NANI!
Immagine


Siamo negli uffici della sede ufficiale della Total Combat Wrestling. Vediamo diversi impiegati intenti a rispondere a telefonate varie, c'è chi porta pile di fogli, chi beve caffè, chi ci prova con le colleghe, il solito insomma. La telecamera gira per vari corridoi fino ad imbattersi in una figura molto conosciuta.

Immagine


Vincent Cross, il Biker e recente nemico di Nick Carroll. Cross si accorge della telcamera, le fa l'occhiolino, per poi continuare nel suo cammino, fino a raggiungere una porta. Quello dell'ufficio del Chairman Philips Brian. Cross si volta nuovamente verso la telecamera e fa cenno che vuole essere seguito, quindi apre la porta.

Immagine


Il Chairman Brian Philips, intento ad osservare dei documenti sul tavolo, alza la testa ed il suo sguardo e quello di Cross si incrociano. Philips sembra abbastanza impegnato, forse per via delle Flames of Destruction, ecco che si accorge della telecamera..

PB: Chi ti ha detto di portare qui un cameraman?

Cross porta le mani alla vita.

VC: Ehi, è lui che ha incontrato me, non potevo lasciarlo a bocca asciutta. Pensi al pubblico, boss.

Brian si passa una mano sulla testa, per poi invitare Cross a sedersi con un gesto della mano.

BP: Dobbiamo parlare. Il cameraman resterà così quello che ti dirò varrà per tutti gli atleti di TWC.

Il biker si siede.

VC: La ascolto, capo.

Phlips osserva Cross, il capo della TWC sorride.

BP: Sai, è per questo tuo atteggiamento che ti ho assunto. I tipi come te variano la nostra audience. I bikers d'America ti adorano.

Philips diventa improvvisamente serio.

BP: Ma se c'è una cosa che non tollero, specialmente in questo momento, è il troppo casino.

Cross inclina il capo di lato.

BP: Sai di che parlo. Carroll ha messo a ferro e fuoco il backstage cercandoti. Tutto a causa tua. Quindi non pensare di cavertela con me.

Cross continua a non sembrare arrabbiato.

VC: Beh, sarei stato presente nell'arena, se lei non mi avesse detto di venire qua per avere un colloquio con lei. Ho aspettato in Hotel per poter parlare con lei come mi aveva letteralmente ordinato con tono abbastanza incazzato, se posso permettermi questo linguaggio, al telefono. Non lo avesse fatto, avrei di sicuro avuto modo di confrontarmi con Carroll, se avessi voluto ovviamente.

PB: "Se avessi voluto"?

Cross sbatte le palpebre, mentre Brian lo punta con l'indice della mano destra.

PB: Mettiamo in chiaro una cosa Cross: io sono il Boss, e non tollero che tu faccia casini e poi non li risolva. Con chi credi si lamenterà Carroll se continuerai ad ignorarlo?

Cross prova a rispondere, ma Philips pone una mano avanti.

PB: Con me, ecco con chi Quindi, nella prossima tu andrai sul Ring e farai un promo dove chiarerai tu una volta per tutte la situazione con Nick Carroll. E questo è un ordine del tuo capo.

Cross si alza dalla sedia.

VC: Altrimenti?

Philips non arretra di un millimetro.

PB: Non penso ci sia bisogno di aggiungere altro, non credi?

Cross continua a fissare Philips. Sorride placidamente, stiracchiandosi.

VC: D'accordo, Boss. Vedrò di evitare altri problemi, come dice lei. La saluto.

Cross fa per andarsene, è già sulla porta.

PB: Un'ultima cosa.

Philips richiama nuovamente l'attenzione di Cross con fermezza, il chairman non è uno che si fa mettere in piedi in testa.

PB: Sarai scortato sul Ring dalla security. E sarai sorvegliato attentamente fino al momento in cui sarai chiamato a salire sul ring. Prova a non presentarti o ad inventarti scuse e sarai licenziato senza troppi problemi. Chiaro?

VC: Cristallino.

Cross esce tranquillamente dalla stanza, lasciando solo Phlips che si accascia sulla sedia in pelle.

PB: God bless.



(Poco dopo)


Vediamo Cross, nel parcheggio privato vicino agli uffici TWC, che cammina verso la sua moto, con un numero "3" inciso sulla carrozzeria.

Immagine


Raggiunto il mezzo, il Biker inizia a liberarla dalle catene e dei blocca ruote, per prepararsi a partire.

???: E quindi, vuoi dirci che cosa è successo?

Una voce femminile attira l'attenzione di Cross, che si alza e si volta verso una ragazza...

Immagine


???: Dai, sono curiosa. Ti ha insultato e tu gli hai rotto un piede? E' la cosa più probabile, conoscendo te e il tuo caratteraccio.

???: Andiamo Tempy, non credere che Vinnie sia uno stupido.

Questa volta è una giovane voce maschile a parlare, attirando l'attenzione della ragazza.

Immagine


Il giovane, anch'egli un biker, visto che sta portando con sé una moto abbastanza simile a quella di Cross tenendola per il manubrio, avvolge il braccio sinistro attorno alla vita della ragazza.

???: Non così tanto, almeno.

VC: Ho quasi voglia di fare una risata sarcastica, ragazzino. Adoro il tuo umorismo sottile.

???: Ricorda che è solo un ragazzino, Vinnie.

Un terzo uomo arriva sulla scena, anch'egli vestito in maniera simile a quella di Cross, con un jeans scuro, scapre e giaccone di pelle marrone...

Immagine


L'uomo, anch'egli con una bella moto accanto, sale in sella, inizando a prendere il casco.

???: Certo che me lo ricordo, bellicapelli.

???: Oh andiamo Ben, siamo appena arrivati, dobbiamo già andarcene?

BR: Mettiamo in chiaro una cosa: non sono io che mi adatto voi, ma voi a me. Quindi salite sulla vostra moto e andiamocene, abbiamo fatto quello che dovevamo fare. Ho un bar da gestire io, cazzo.

???: Temperance, Noah, dategli retta. Sennò diventa ancora più intrattabile del solito.

Ed ecco arrivare un quarto uomo.

Immagine


VC: Ma tu guarda un po' chi ci fa l'onore di essere qui presente.

L'uomo con gli occhiali da sole osserva Cross divertito.

???: Stai insinuando qualcosa?

Cross è salito sulla moto, casco tra le mani.

VC:Oh niente, solo che pensavo che il grande Spoony dovesse prima visitare metà della popolazione femminile del quartiere prima di andarsene. Devo forse ricordarti che ieri ti sei visto con altre tre delle tue donne?

TMP: E ognuna di loro di loro ti ha dato un ceffone in faccia, ricordiamolo.

Il gruppetto ride alla battuta della donna chiamata Temperance, tranne Spoony.

SPN: Ringraziate la mia meravigliosa persona che non si offende per i vostri giochetti da infanti.

BR: Ma parla in modo normale, cretino.

Ben si è infilato il casco.

SPN: Comunque, non ci hai detto come è andata. Cosa devi fare ora?

VC: Niente, solo "chiarire la situazione", dice lui. Una trappola, dico io. I bodyguard quantomeno dovrebbero essere una garanzia di carne umana in caso di un qualsiasi attacco. Mi piace questo Brian, è uno con le palle. Speriamo non scompaia all'improvviso senza alcun motivo specifico.

Cross ha infilato anche lui il casco, e con la moto si porta alla testa del gruppo.

NH: Vuole ora la "meravigliosa persona" qui presente tornare a casa con noi, prima che venga lasciata sola in mezzo alla strada?

SPN: Vi concederò tale onore, sì.

Spoony ora sale in sella alla moto, inizando ad infilarsi il casco...

VC: E levati gli occhiali, che sulla moto sembri più stupido del solito.

SPN: Vi ho mai detto quanta pazienza ci vuole con voi?

NH: Pensa a quanta ce ne vuole con te.

Tutti sono saliti sulle moto, Temperance abbracciata dietro Noah, caschi sulla testa, giubbotti chiusi, e finalmente il gruppo di bikers si allontana all'orizzonte.


Ultima modifica di Simon il 31/03/2017, 11:35, modificato 10 volte in totale.

Top
 Profilo  
Rispondi citando  

Re: TWC - News from Indoor War
MessaggioInviato: 02/04/2015, 13:28 
Non connesso

Iscritto il: 04/01/2012, 8:02
Messaggi: 18343
Immagine

Immagine

Ci troviamo all'interno di una palestra nei dintorni di Washington. Non c'è nessuno.

Immagine

Sentiamo però dei rumori, ecco dunque in un angolo della palestra una delle star della TWC, Tyler Nolan, alle prese col sollevamento pesi.

Immagine

Al fianco di lui fa la sua comparsa la graziosa intervistatrice della TWC, Ally Sullivan.

Ally Sullivan: Scusami, Nolan. Quali sono le sue intenzioni per il prossimo episodio di Indoor War? Cosa ha in mente per i suoi fan?

Nolan continua a fare sollevamento pesi con sempre più intensità e frenesia.

Ally Sullivan:...

Dopo diversi secondi, finalmente l'ex campione delle MMA lascia andare i pesi, si siede sul lettino sul quale si stava esercitando e finalmente comincia a parlare, col capo chino.

Tyler Nolan:...sono stanco di rimanere col culo per terra...

Detto ciò, Nolan torna immediatamente ad allenarsi, lasciando senza parole la giovane Sullivan.


Top
 Profilo  
Rispondi citando  

Re: TWC - News from Indoor War
MessaggioInviato: 03/04/2015, 22:26 
Connesso
Avatar utente

Iscritto il: 21/03/2012, 18:23
Messaggi: 8561
Immagine


03/04/2015,14:42. Somewhere in Japan.

Passi. L'inquadratura riprende solo l'edificio antico.

??? : Hai fatto molta strada per arrivare qui...

Respiri affannati. Un flebile gemito.

??? : ...devi essere stanca. Fermiamo-

??? : NO!

Silenzio.

??? : Possiamo aspettare domani.

??? : No, no, combatta con me, non sono stanca! ORA!

??? : ...Hai un grande coraggio.

Ancora respiri affannati.

??? : Sono venuta qui per diventare una sua allieva...e se questo significa combattere...

Una giovane e un uomo intorno ai trent'anni sono davanti al tempio, entrambi in posizione di guardia. Lei pare malconcia.

Immagine Immagine


??? : ...Allora combatterò. Adesso.

Il mestro sorride.


Ultima modifica di CM-Cena il 04/04/2015, 13:19, modificato 1 volta in totale.

Top
 Profilo  
Rispondi citando  

Re: TWC - News from Indoor War
MessaggioInviato: 04/04/2015, 9:14 
Non connesso

Iscritto il: 04/01/2012, 8:02
Messaggi: 18343

Immagine


Top
 Profilo  
Rispondi citando  

Visualizza ultimi messaggi:  Ordina per  
Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 856 messaggi ]  Vai alla pagina Precedente  1, 2, 3, 4, 5, 6, 7 ... 58  Prossimo

Tutti gli orari sono UTC + 1 ora


Chi c’è in linea

Visitano il forum: CM-Cena, Elban Rattlesnake, Matt Thunder, Simon


Non puoi aprire nuovi argomenti
Non puoi rispondere negli argomenti
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi

Cerca per:
Vai a:  
phpBB skin developed by: eXtremepixels
POWERED_BY
Traduzione Italiana phpBB.it