Tutti gli orari sono UTC + 1 ora




Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 13 messaggi ] 
  Stampa pagina

TWC - Zero Hour 2017
Autore Messaggio
MessaggioInviato: 15/12/2017, 22:29 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: 24/12/2010, 18:48
Messaggi: 12423
Località: Baretto Kurabu
Immagine


Immagine

Kickoff Time! Le immagini ci accompagnano presso la Oracle Arena, Oakland, California: il sole sta tramontando e a breve i campioni della TWC si daranno battaglia nell'ultimissimo evento dell'anno, Zero Hour, dove Kevin Manson e Andy Moon si affronteranno per il titolo di campione dei pesi massimi della TWC, i più longevi campioni di coppia, gli ex campioni del mondo Leon Black e Sigfried Jaeger, sfideranno il nuovo, demoniaco duo formato da Damien e dall'ex Diamond Champion Sean Morgan; e, dulcis in fundo, sia il TWC Undisputed World Women's Championship sia il TWC Diamond Championship verranno difesi per la prima volta all'interno della Chamber Zero, dove sei donne e sei uomini metteranno in palio tutto, la carriera, la salute, la vita, per raggiungere il sogno, per diventare campioni... L'epica conclusione di un'altra grande stagione sta per cominciare!

Immagine

Fred Franke, l'ex Diamond Champion, siede in un angolo, la schiena contro la parete di un lungo corridoio desolato. Lo sguardo concentrato, fisso nel vuoto. Si odono dei passi, Fred alza la testa, poi la ricaccia subito giù, la faccia accigliata. Sbuffa.

??: Mi dispiace. Sono stato un cattivo maestro e un pessimo amico, e ti chiedo scusa dal più profondo del mio cuore. Scusa, Fred.

Immagine

Mac Hawkes, in piedi davanti al tedesco, lo guarda visibilmente commosso; questi, invece, pare non volergli prestare attenzione, chiuso in un assordante silenzio.

MH: Ero in buona fede, devi credermi; volevo aiutarti, salvarti la vita, ma la realtà è che non ho creduto in te e tu mi hai dimostrato che mi stavo sbagliando completamente, non solo sopravvivendo all'inferno, ma anche vincendo quel titolo che al mio fianco non sei mai riuscito a ottenere.

Silenzio.

MH: Sei un grande, Fred, un vero campione, e stasera sono qui per fare la cosa giusta; sono qui per te, per fare il tifo per te.

Mac abbassa il capo. Un profondo respiro.

MH: Ma, penso che purtroppo non vincerai questa sera.

L'ex general manager di Indoor War lancia una fugace occhiata verso Fred.

MH: Sei sopravvissuto alla guerra contro Sean, sei sopravvissuto al fuoco del dragone e sopravvivrai anche alla camera dell'eliminazione; ma non ne uscirai vincitore, ne sono certo.

D'un tratto il tedesco scatta in piedi e fa per andarsene...

MH: Fred, ascoltami!

Mac gli appoggia una mano sulla spalla, Fred la guarda con occhi avvelenati.

MH: Io non ho paura di te, così come non ne hanno i tuoi avversari, così come non ne ha quell'impertinente di Shawn Gates, che continua a farsi beffe di te, o Matt Thunder, che per poco non ti ha ammazzato e che ora non fugge da te, anzi, ti affronta, a testa alta, faccia a faccia. Tu forse non hai paura di loro, ma di certo loro non hanno paura di te, per questo, alla fine, sei destinato a perdere, oggi, domani e per sempre; per questo Sean si godrà il prossimo Natale come nuovo campione di coppia del mondo, mentre tu anche quest'anno te ne tornerai a casa, da tuo fratello, in mezzo alla merda e al fieno, e insieme a lui festeggerai un altro insulso compleanno augurandoti un felice anno nuovo, con la testa piena di speranze e sogni già infranti. Dannazione, tu sei molto più forte di quel figlio di puttana! Vi ho allevati entrambi come pari, come un padre coi suoi due unici figli, ma fin dal primo giorno sapevo che eri tu il prescelto, eri tu quello migliore, eri tu quello destinato alla grandezza, perché avevi tutto per sfondare: forza, coraggio, genitori stronzi da smentire... Fred, amico mio.

Fred non gli risponde, Mac, cupo, gli leva la mano. Sospira.

MH: Davvero credi di conoscere l'inferno? Perché ti è capitato di incontrarlo una volta in tutta la tua vita? No, tu non sai che cosa sia l'inferno, faresti persino fatica a darne una definizione convincente; io invece l'ho vissuto, esso mi ha plasmato, mi ha cambiato, mi ha reso più potente e più sicuro. In carcere, durante le gelide notti d'inverno e le soffocanti giornate estive, ho trovato il pentimento, ma anche il perdono; e ora sono pronto a ricominciare, con te al mio fianco.

L'ex Diamond Champion si volta, i suoi occhi incrociano quelli di Mac, che gli sorride, un sorriso enigmatico, a tratti amichevole, a tratti, invece, pieno di pura malvagità.

MH: Insieme, amico mio, siamo più forti; insieme, tu e io, saremo i più forti. La scorsa volta abbiamo fallito, è vero, e per poco non siamo stati annientati, vittime dei nostri catastrofici errori; ma c'è stata data una seconda chance: Dio, il fato, Satana stesso, non importa chi ce l'abbia data, quel che conta adesso è afferrarla e glorificarla, perché non ne capiterà una terza.

Mac tende la mano a Fred.

MH: Fred, amico mio, stringimi la mano e ti prometto che stasera diventerai il nuovo Diamond Champion; stringimi la mano, ora, e presto tu e io diventeremo i padroni della TWC e di tutto l'universo del wrestling.

Fred gli stringe la mano.

FF: Addio, Mac.

Poi si volta e se ne va, mentre alle sue spalle Mac gli scaglia fuoco e fiamme attraverso gli occhi.

MH: Dove diavolo vai?! Vai a prendere botte? E poi? Oh certo, poi ci sarà tuo fratello a consolarti, oppure Ally, la tua amichetta, che mi duole informarti non offra chissà quali servizi, ma penso tu possa chiedere conferma a metà del roster...

Fred si volta, gli va incontro, lo afferra per il colletto della camicia e lo solleva portandolo con le spalle contro il muro!

MH: Dimmi, che cosa vedi, Fred Franke? La mia faccia oppure quella di Rick Frye, o di Gates, o di Thunder? Oppure la faccia di tua madre? Già, so quanta rabbia ti abbia provocato, me lo hai detto tu, ricordi? Ma alla fine hai ricambiato il favore; sì, anche lei sei riuscito a deludere, anzi, si può dire che tu l'abbia fatta morire di crepacuore quella poveretta...

Fred gli tira un pugno in faccia! Mac cade terra, la bocca sporca di sangue; Fred gli lancia un'ultima occhiata minacciosa, dunque si ritira senza più voltarsi indietro.

MH: IO NON HO PAURA DI TE!

Mac Hawkes, visibilmente frastornato, seduto al centro di un corridoio desolato, sghignazza malefico, guardando poi con sdegno la bianca camicia sporca di rosso.



/----------------------------------------------/



Zero Hour è in procinto di iniziare, noi ci troviamo tra i corridoi dell'arena. Qui incrociamo la campionessa femminile, Elektra Kellis, che a breve dovrà difendere il suo titolo nella temibile Chamber Zero. Indossa una felpa nera twc con cappuccio tirato su e pantaloni di tuta felpata dello stesso tipo. In spalla porta la sua cintura.

Immagine


La vediamo un po' tesa in volto quando va a bussare alla porta di uno spogliatoio per poi entrare.

ELK:La vuoi una cattiva notizia?

Immagine


Viola Vixen è in piedi, nel suo camerino, e dà le spalle alla telecamera, la schiena completamente nuda, ricoperta di cicatrici ed ematomi. La Toxic Avenger indossa un paio di jeans, e si sta infilando un reggiseno sportivo.

VV: Entra pure Elektra, non ti preoccupare.

Viola sospira, scuotendo la testa e muovendo i capelli corvini.

VV: Sono stata licenziata di nuovo?

ELK:Non così brutta. Sei ancora sotto contratto e dentro la Chamber, ma ti toccherà affrontarla dall'inizio insieme alla sottoscritta.

Viola sbuffa.

VV: Ti dispiace darmi una mano ad allacciarlo, occhibelli?

La Vixen si indica il laccio del reggiseno sulla schiena.

VV: Ti dirò, me lo aspettavo. È solo un ostacolo in più da superare.

ELK:Sicuro, ma ne avrei fatto volentieri a meno, di ostacoli ce ne sono già abbastanza.

La campionessa poggia la cintura e va ad allacciare il reggiseno della mora.

ELK:Fatto. Però, hai una collezione interessante di cicatrici, magari un giorno ti faccio vedere la mia. Ma non aspettarti che finisca come in Arma letale tre.

Viola sorride, girandosi e recuperando il suo corpetto.

VV: Sai, non ne vado fiera di quello che porto sulla pelle. Non credo sia un pregio sacrificare il proprio corpo. Questi segni sono solo la controindicazione di dover combattere quando il tavolo è contro di te. Questi segni sono il risultato di dover combattere contro chi non ha alcun amore per questa disciplina.

Viola si infila il corpetto.

VV: E, nonostante tu sia una bella ragazza, io sono felicemente fidanzata. Mi spiace, ma niente treno Viola per te.

La Vixen ridacchia, facendo l’occhiolino. Elektra sorride.

ELK:Non preoccuparti, preferisco usare altri mezzi. Io invece ne sono molto fiera, perché sono i marchi di una guerriera. Sono i marchi di guerre che ho vinto, e le cicatrici di quelle che non ho vinto mi ricordano i miei errori. Vedremo questa sera chi ne regalerà una all'altra.

Viola scuote la testa.

VV: Ma le guerre non portano solo queste cicatrici, e lo sai bene, vero? E non parlo solo di quelle che porti ai polsi, ma quelle che ti si formano nella mente e nel cuore. Io non voglio avere la cicatrice di non essere riuscita a vincere questo match, e non voglio la cicatrice di deludere chi amo. No, non sono fiera, e non capirò mai come tu possa essere fiera, di quei segni.

ELK:Averle sulla mia pelle mi ricorda dei miei errori e delle mie vittorie, saranno sempre lì, e così non potrò mai scordare quello che ho fatto. Nel bene e nel male.

VV: Buon per te.

Viola si chiude il corpetto per poi prendere una felpa verde “Learn the Etiquette” ed infilarsela.

VV: Mi raccomando, solo perché inizierò per prima, non aspettarti che io parta lentamente. Darò tutta ne stessa dal primo secondo all’ultimo e cercherò di finire questo match nel minore tempo possibile.

La Vixen si scompiglia i capelli, per poi tendere la mano verso Elektra.

VV: E prova a divertirti.

La campionessa ride e stringe la mano alla Sick Chick.

ELK:Sarà difficile trovare spazio per il divertimento con tutta la pressione che ho addosso, ma ci proverò. Spero di avere la tua compagnia fino alla fine del match, almeno saprei che c'è qualcuno messo male come me, perciò vedi di non farti eliminare. A meno che tu non finisca tra le fauci della sottoscritta.

VV: Non ti preoccupare, lo vincerò.

Viola osserva un istante Elektra.

VV: Non ti perdere, Elektra Kellis. Non ci sono abbastanza spalle in questa federazione per sorreggere il peso di questo presente.

Elektra annuisce.

ELK:Non ho intenzione di andare da nessuna parte, e neanche lei.

La campionessa batte una mano sul titolo.

ELK:Ti lascio preparare per il match, Viola, che io dovrò fare altrettanto. Non c'è spazio per la minima possibilità di errore stasera. Ci si vede sul ring.

La Vixen annuisce.

VV: Ci si vede sul ring.

La greca annuisce a sua volta ed esce dallo spogliatoio, chiudendosi la porta alle spalle. Viola sorride, scuotendo il capo, poi si volta, recuperando delle fasce, avvolgendosele sulle mani. La Vixen poi annuisce, prendendo il suo bomber smanicato ed infilandoselo. Viola poi prende un borsone che era per terra e lo apre, sorridendo di nuovo.

VV: Comincia lo spettacolo.



/----------------------------------------------/



Siamo finalmente arrivati al momento più eccitante di questo Kick Off di Zero Hour, cari amici telespettatori. Tra pochi istanti, infatti, Gunther Schmidt, l’invincibile Mastino della Baviera, se la vedrà con Ben Roberts, membro della gang di biker di Vincent Cross, nel primo Ultimate Beer Drinking Fight della storia della TWC!

Immagine


Come vediamo, l’Oracle Arena è già piena per il pay-per-view. Il pubblico sta già iniziando a intonare cori per i propri beniamini, mentre gli official stanno sistemando in giro dei tavolini con sopra appoggiate numerose lattine di birre, casse chiuse di birre, e birre singole qua e là. Inoltre anche il pubblico nelle prime file viene rifornito di lattine da passare ai lottatori.

Immagine


Ma ora la parola va a Jessica Rose per gli annunci.

Immagine


JR: Ladies and gentlemen, the following contest is an Ultimate Beer Drinking Fight!!!

Boato del pubblico di Oakland per l’annuncio. Jessica Rose e i vari referee sparsi per l’arena si mettono in attesa per l’ingresso dei lottatori.



Ed ecco risuonare la theme personale di Ben Roberts!

Immagine


Dopo qualche secondo vediamo il membro dei bikers emergere sullo stage. Ad affiancarlo, naturalmente c’è il fido Street Dog Raymond, oltre alla pietra dello scandalo, Spoony!

ImmagineImmagine


Come vediamo, il principe dei truzzi è più gasato del solito, e per l’occasione sfoggia degli occhiali da sole personalizzati con due cuori al posto delle classiche croci. Per lui questa sera si tratta della resa dei conti, e la sconfitta non è ammessa, altrimenti il sogno d’amore termina una volta per tutte. Per Raymond invece si prospetta una serataccia, visto che dovrà tenere a bada l’amico dal provocare il Mastino e concupire l’adorabile Agnes a match inoltrato…

JR: Introducing first. Making his way to the ring, accompained by Spoony and Street Dog Raymond. Weighting 238 pounds, and standing 6-feet-1-inch tall. Coming from None of your business and representing the Bikers, he is… BEEEEEN… ROBEEEEEERTS!!!!!

Mentre Roberts si avvia verso il ring, vediamo Spoony precederlo tutto tronfio, manco fosse lui coinvolto nel match. Una volta arrivati ai piedi del ring, vediamo Ben balzare sull’apron e passare le corde, mentre Raymond procede verso i gradoni, e Spoony beh… Spoony arringa la folla distribuendo volantini con il fotomontaggio di lui abbracciato ad Agnes. Subito dopo eccolo scivolare sotto le corde ed entrare nel ring, dove Raymond e Ben lo aspettano per fargli l’ennesima serie di raccomandazioni pre-match, come avviene da due settimane a questa parte ormai. E ora è il momento del Mastino…

Immagine


Le luci si abbassano, mentre un enorme cane digrigna i denti sul titantron.

Immagine


Subito dopo ecco comparire il classico logo rosso della BDK Inc. per il giubilo di tutti i fan.



Ed ecco risuonare la possente theme degli Amon Amarth, Gunther Schmidt is here!

Immagine


Il mostruoso lottatore sceso dai monti della Baviera si fa largo tra la nebbia nello stage, guardandosi intorno.

ImmagineImmagine


Dietro di lui, oltre alla prevedibile presenza dell’amatissima Agnes Schneider, ecco comparire a sorpresa Fritz Mayer! Giustamente Gunther non si fida a lasciare la sua ragazza in balia di Spoony durante l’incontro, da qui la scelta di affidarsi a uno degli amici più fedeli ad accompagnarlo nella battaglia imminente.

JR: And his opponent! Making is way to the ring. Weighting 276 pounds, and standing 6-feet-1-inch tall. Accompanied by Fritz Mayer and the lovely Agnes Schneider. Representing the Bruderschaft Der Krahe Incorporated and the League of Extraordinary Gentlemen. From Ravensburg, Germany, he is the Brutal Crow... GUNTHEEEEER... SCHMIIIIIDT!!!!!

Il trio cala lungo la rampa tra il delirio della gente, con Gunther piuttosto accigliato e un Mayer preoccupatissimo, mentre invece Agnes saluta sorridendo i fan della TWC. Una volta arrivato ai piedi del ring, il trio si divide, con Gunther che va a salire i gradoni, mentre Fritz accompagna Agnes verso l’area di commento. Una volta sull’apron, il Mastino passa le corde e va subito faccia a faccia coi Bikers. Spoony, troppo distratto da Agnes, manco se ne avvede. Poi si volta, e trovandosi a pochi centimetri dal gigante bavarese, caccia un urlo di paura, balzando via e scivolando giù dal ring, seguito dappresso da Street Dog Raymond. Ci siamo, tutto è pronto per questo delirante incontro. Le regole le sapete già: venti minuti, uso di armi consentito, niente interferenze permesse a Spoony e Agnes, vince che beve il maggior numero di birre nel tempo consentito. Il referee Simon DeJano fa le dovute raccomandazioni ai due lottatori, dopo di che eccolo dare il segnale. Triplice rintocco della campanella! Si parte!!!


**Ultimate Beer Drinking Fight**

Gunther Schmidt (BDK Inc.) vs. Ben Roberts (Bikers)


Vediamo inquadrati in primo piano Gunther e Ben Roberts. I due si osservano a lungo, poi entrambi avanzano l’uno verso l’altro e iniziano a discutere a centro ring. Il Mastino indica Agnes Schneider, che lo saluta tutta felice, e fa segno che è la sua fidanzata. Poi punta il dito verso Spoony, che si mette perentoriamente in una strana posa di sfida stile “Le Bizzarre Avventure di JoJo”, e fa capire a Roberts che è lui che vuole spezzare, non Ben. Quest’ultimo scuote il capo, dopo di che rifila un pugnazzo al gigante bavarese. Questi abbassa lo sguardo, si gratta la barba, poi fa un sorriso e replica con un papagno a sua volta! E scatta la rissa tra i due! Serie violenta di pugni tra il Biker e il Mastino. Ha la meglio Gunther, che dopo alcuni poderosi fendenti, afferra per un braccio Ben e lo getta alle corde. Rimbalzo di Roberts, Schmidt si abbassa per il Back Body… Calcio dal basso verso l’alto da parte del Biker! Gunther si tira su e lo guarda malissimo. Brutality! No! Ben si rilancia alle corde, e poi si tuffa sull’avversario per la Lou Thesz Press! No! Il Mastino lo abbranca al volo e lo schianta a terra! GuntherBuster!

Immagine


Mentre Roberts fa una smorfia di dolore, vediamo Spoony si mettersi le mani nei capelli. Il Brutal Crow osserva l’avversario a terra, poi va alle corde, indica un fan della BDK e gli fa segno di lanciargli la lattina che stringe in mano. Eseguito. Gunther apre la birra e la scola avidamente in pochi attimi, poi accartoccia la lattina e la getta via. Dopo un paio di minuti, il Mastino ha aperto le danze. Subito dopo eccolo andare ad abbrancare il biker. Risposta perentoria da parte di Roberts, che sferra una serie di colpi allo stomaco dell’avversario. Gunther allora lo afferra a forza. Viking Suplex! No! Headbutt di Ben! Seconda Headbutt! Terza Headbutt! La stretta dell’Hound si soezza e i due wrestler barcollano tenendosi il capo. Poi si voltano e si lanciano l’uno addosso all’altro. Deutsche Big Boot di Gunther e Big Boot di Ben! In contemporanea! I due wrestler si respingono a vicenda, rimbalzano alle corde, calcio allo stomaco da parte di Gunther. Sollevamento per la Mastiff Press Slam! No! Roberts si libera, atterrando alle spalle del roccioso bavarese, correndo alle corde. Il Brutal Crow si volta imbufalito… E viene steso con un Bicycle Kick!

Immagine


Il Mastino rovina a terra. Il Biker lo osserva mentre arretra appoggiandosi alle corde, poi si volta e si fa lanciare una birra da un fan. La apre e se la beve, pareggiando i conti dopo tre minuti per la gioia di Spoony, che poi si volta e soffia un bacio verso Agnes. Che non se ne accorge. Ad accorgersene è Fritz, che scuote il capo indicando se stesso e facendo capire allo strano individuo vestito da truzzo che non è interessato. Spoony lo manda a quel paese. Street Dog Raymond prende il rubacuori per la collottola e lo riporta a distanza di sicurezza dai tedeschi. Ben si volta verso l’amico, va a sporgersi alle corde e gli fa segno di starsene buono. Ma Gunther lo afferra alle spalle e lo atterra con un Bayern DDT! Il colosso si rialza, fa per abbrancare Ben, poi però osserva Agnes, guarda Spoony, riguarda Ben, si volta verso un tavolo pieno di birre nei paraggi del ring… Infine passa le corde e salta giù dal quadrato. Il Brutal Crow afferra una lattina e dà il via all’abbuffata di nettare degli dei. Una lattina. Boato dei fan. Due lattine. Boato dei fan. Tre lattine. Boato dei fan. Quattro lattine. Boato dei fan. Il Mastino apre la quinta lattina… Ma Ben Roberts, ripresosi e accortosi di quello che stava accadendo, si lancia in corsa dal ring e lo travolge con un Suicide Dive!!!

Immagine


Gunther finisce spinto all’indietro, rovesciando il tavolo di birre. Il Biker, sotto cinque birre a una, si rialza, abbranca il gigante e lo getta addosso ai gradoni. Dopo di che eccolo raccogliere due lattine, aprirle e berle alla goccia una dopo l’altra. Cinque a tre per Gunther dopo un quarto di match. Ben butta via le lattine vuote, ne apre altre due e lo rifà. Altra lattina finita in pochi secondi! Ed ecco quella del pareggio… No!!! Gunther interrompe l’operazione gettando la parte superiore dei gradoni addosso al Biker come fosse un proiettile, travolgendolo! Vediamo Roberts dimenarsi a terra urlando. The Hound va a tirarlo su per la testa e lo lancia tra il pubblico! Dopo di che il Mastino passa le transenne e gli va dietro. L’azione si sposta in mezzo ai fan! Vediamo Ben Roberts rialzarsi e allontanarsi dal tedesco, afferrando una birra in mano a un tifoso e bevendosela nel frattempo. Cinque pari! Il Mastino strappa di mano una lattina a un altro fan e la trangugia avidamente. Sei a cinque per il tedesco. I due iniziano ad aggirarsi in mezzo al pubblico, perdendosi e bevendo birre su birre. Alla fine della fiera ritroviamo Ben che ritorna alle barricate finendosi la decima birra. Il Biker sorride e si gira…

Immagine


E Gunther Schmidt lo travolge in corsa sfondando le barriere nella foga!!! Un’azione di una brutalità inaudita! Dopo qualche secondo il Mastino, forte di dodici birre terminate in sette minuti di match, si rimette a sedere, spingendo via il Biker. Eccolo tirarsi su e guardarsi intorno, dopo di che avanzare verso Spoony, che lo sta dileggiando a distanza. Street Dog Raymond si interpone e fa segno al dubbioso referee che il Biker rubacuori non sta interferendo. Il Mastino sbuffa, poi va a raccogliere un fusto da dieci litri di birra nella zona del timekeeper per poi andare verso Ben. Lo vuole usare come oggetto contundente! Il Mastino solleva il fusto, ma Roberts lo colpisce allo stomaco con una Sacrifice improvvisata! Gunther lascia cadere il fusto di birra e arretra tenendosi lo stomaco. Ben Roberts ne approfitta per prendere l’oggetto e scagliarlo addosso al tedesco, tramortendolo! Anzi no! Gunther, leggermente ferito alla testa, digrigna i denti e guarda male l’avversario. Poi parte di corsa verso di lui lanciando un urlo belluino… E finisce per essere schiantato dal Biker su un tavolo pieno di birre con un Back Body Drop impressionante!!!

Immagine


Mentre Gunther si dimena imprecando a terra, Ben Roberts raccoglie un paio di lattine e se le scola, pareggiando i conti a dodici birre a testa. Dopo di che eccolo abbrancare il Mastino. Irish Whip verso il paletto! No! Gunther sferra un calcio al pilastro metallico facendo tremare il ring, fermandosi. E girandosi. Ben Roberts deglutisce, poi si guarda intorno e va a mettere mano a una cassa di metallo piena di ghiaccio e birre.

Immagine


Il Biker raccoglie un paio di lattine… E inizia a scagliarle addosso al tedesco! Il Mastino, colto di sorpresa, arretra dopo un paio di botte subite, poi si ritira in lontananza e una volta messo mano anche lui a una cassa, risponde per le rime. Quello che si scatena è un pericolossissimo lancio di oggetti, con parte del pubblico delle prime file che fugge via per non essere colpita. Agnes, Fritz, Spoony e Raymond si nascondono dietro i commentatori, evitando gli oggetti che volano a destra e a manca. Una volta che le scorte sono terminate, Gunther e Ben si lanciano addosso le casse vuote, poi si tuffano sul ring e si ritrovano in piedi a fissarsi tra il clamore generale. Dopo uno scambio di sguardi che manco Clint Eastwood e Lee Van Cleef, vediamo i due voltarsi verso i fan e incitarli a lanciargli qualche birra da bere. La risposta è immediata, e assistiamo a un pericolosissimo lancio di birre sul ring in stile sedie ECW!

Immagine


Il Mastino e il Biker, a braccia incrociate, resistono al lancio continuando a fissarsi. Poi, pieni di lividi, si mettono a sedere a centro ring l’uno davanti all’altro. Entrambi raccolgono una lattina, ed ecco ripartire la sfida a chi beve di più! Mentre il pubblico rumoreggia, i due wrestler trangugiano una quantità enorme di birra, come se non ci fosse un domani. Il referee è costretto a fare gli straordinari per non perdere il conto. Sul punteggio di venti birre a testa, ecco che Gunther e Ben si guardano intorno straniti, poi si alzano di scatto, e si stendono a vicenda con doppio Lariat! Siamo ormai a metà match e il punteggio resta solidamente in parità. Mentre il referee ripulisce il ring dalle lattine piene e vuote gettate a destra e a manca, i due non danno segni di vita per ora. Nel frattempo però, sta succedendo qualcosa. Spoony si è avvicinato ad Agnes approfittando della bolgia e ha osato prenderla per mano cominciando a cantarle una serenata! Interviene Fritz Mayer! Il fedelissimo del Mastino spinge via lo spasimante improvvisato della giovane tedesca e scatta il duello tra i due! Entrambi strappano un pezzo della giacca di Michael Campbell e se lo legano alla testa come fascia. Vediamo poi Fritz che inizia a mimare improbabili mosse di kung fu. Spoony replica allora raccogliendosi nella segretissima mossa della gru!

Immagine


E scatta lo scontro! I due si scambiano una serie di schiaffi e calci con un’intensità che non si registrava dai tempi delle famose risse scolastiche di Mike Hill. Subito dopo eccoli strattonarsi per i vestiti e rotolare a terra. Infine passano alle armi vere e proprie, prendendo due kendo st… Ehm no, due spade laser, con le quali iniziano a battagliare di fronte a una perplessa Agnes e con la theme di Star Wars in sottofondo scandita dai fan! Ma ecco che interviene Street Dog Raymond, che con due pugni alla Bud Spencer addormenta entrambi per la delusione dei fan proprio quando Spoony sta rivelando a Fritz di essere suo padre… Agnes va a sincerarsi delle condizioni di Fritz, poi guarda Raymond con gli occhi lucidi. Uno sguardo che scioglierebbe il ghiaccio su Marte. E difatti uno scosso Street Dog arretra trascinandosi via il compare stordito. Ma ecco che Gunther si riprende! Il Mastino vedendo il ring svuotato di lattine, decide di andare a rifornirsi. Eccolo scivolare sotto la prima corda e avvicinarsi a un altro tavolo, dove afferra una lattina…

Spoiler:
Che lo aggredisce a tradimento! Madre de Dios! Ma quella non è una lattina di birra, è Esagon Junior!

Immagine


L’ingovernabile wrestler messicano ha messo messo a segno un altro tiro mancino dei suoi, travestendosi da lattina di birra e cogliendo così completamente di sorpresa un Gunther i cui sensi ferini evidentemente sono indeboliti dai litri di alcol ingeriti. Il Titubante Lestofante sferra un pugno al Brutal Crow, seguito da uno Swinging Neckbreaker! Gunther si rialza. Double Axe Handle di Esagon Jr.! Niente da fare. Diving DDT dal tavolo! Gunther si rialza. Dropkick dal tavolo. Gunther si rialza. Buzzsaw Kick e Spinning Heel Kick. Gunther si rialza. Hurracanrana! E Frog Splash!!! Gunther si rialza. Low Blow! Gunther si accascia a terra e non si rialza… Subito dopo Mucho Rudo afferra il tavolo e lo getta addosso a Street Dog Raymond! Spoony se la dà a gambe nascondendosi sotto le gonne di Hikari Stern. Fritz vedendosi arrivare contro il malfattore mascherato gli getta addosso una cassa di birre, poi col coperchio inizia a parare il lancio di lattine da parte del Titubante Lestofante.

Un lancio in particolare risalta tra tutti, quello di una lattina che colpisce Agnes Schneider! La ragazza si piega a terra, in lacrime. Pubblico commosso sul punto di linciare il messicano per il gesto atroce. Fritz che trema. Esagon che fa una risata grottesca, poi si gira…

Immagine


E viene arato da Gunther Schmidt con una Brutality!!! Il Mastino è una furia! Eccolo raccogliere Esagon. Seconda Brutality! Terza Brutality! Quarta Brutality! Dopo di che lo carica, e lo lancia addosso al tavolo di commento con un’Auf Wiedersehen stratosferica!

Immagine


Il Titubante Lestofante, probabilmente in fin di vita, viene trascinato via per i piedi da un paio di official. Gunther però non si calma. Eccolo spazzare via anche Raymond con una Brutality, mentre Fritz se la sta già dando a gambe in cima alle gradinate. Poi il gigante, non vedendo più nessuno da pestare nei dintorni, va ad accertarsi delle condizioni di Agnes. La giovane tedesca si tira su asciugandosi le lacrime e annuendo verso il gigante, che può tornare a calmarsi e a pensare al match… Per accorgersi che Ben Roberts lo sta osservando bevendosi la sua ventisettesima birra… A cinque minuti dalla fine, Ben Roberts è in vantaggio di sette birre! Il Brutal Crow non perde tempo, apre quattro lattine e se le beve come se non ci fosse un domani. 24-27 il punteggio. Il Biker sgrana gli occhi e ne beve altre due. 24-29. Eccolo poi barcollare vistosamente, prenderne un’altra, la trentesima, aprirla… E venire steso con una Brutality! Gunther Schmidt lo ha sorpreso con un assalto disperato! Subito dopo il gigante afferra l’avversario e lo getta nel ring, dove non ci sono birre. Eccolo poi iniziare una ronda attorno al quadrato, dove raccoglie e beve altre cinque! 29-29! Sono pari! Sono pari! Quando mancano circa due minuti alla fine il Brutal Crow è a un passo dalla vittoria. Eccolo respirare a fatica appoggiato alle transenne, guardandosi intorno in cerca di lattine disponibili. Non ce ne sono più! Non ce ne sono più! Ma ecco che all’improvviso spunta da sotto il ring…

Spoiler:
Immagine


UNA MANOH!!!!!!!!!! CHE REGGE UNA BIRRA!!!!!!!!!!

Immagine


OH MY GED! IT’S STENG!

Il misterioso personaggio porge la preziosissima lattina al Mastino e poi svanisce nel nulla da dove è arrivato. Gunther Schmidt annuisce e fa per aprirla… Ma Ben Roberts rinviene e gli balza addosso dall’apron ring con una Lou Thesz Press volante! I due lottatori si disputano la lattina ferocemente! Ora passa in mano a Ben, ora a Gunther. Alla fine vediamo la birra rotolare nel ring. I due contendenti si tuffano sotto le corde e si tuffano per prenderla. Ha la meglio Gunther!... Ma Ben Roberts lo afferra e lo stende con una Spinebuster alla disperata! Clamoroso! La lattina rotola in terra… Ben l’afferra per un soffio prima che cada giù dal ring… E la apre!!! Pochissimi secondi alla fine! Eccolo che comincia a bere… E’ in difficoltà!... Gunther si scrolla e striscia verso di lui!... Il countdown è quasi scaduto!... Il Biker riprende a bere sul filo di lana mentre il Mastino gli afferra un piede… Ma Ben finisce la birra sul suono della campanella!!! E' VALIDA! E' VALIDA! ED E’ FINITA! E' FINITA! BEN ROBERTS HA VINTO L’ULTIMATE BEER DRINKING FIGHT CON TRENTA BIRRE BEVUTE CONTRO LE VENTINOVE DI GUNTHER SCHMIDT!!!!!

JR: The winner of the Ultimate Beer Drinking Fight… BEEEEEN… ROBEEEEEERTS!!!!!

Il Biker si accascia a terra, esausto. Gunther si trascina alle corde e si mette seduto, mettendosi una mano in faccia. Subito dopo ecco Agnes Schneider che va a sedersi accanto a lui, consolandolo e sussurrandogli parole di conforto. Il referee dà una mano a Roberts ad alzarsi, poi gli alza la mano al cielo in segno di vittoria. Ben sorride, si gira e va a pargere la mano al temibile avversario in segno di rispetto per la prova di stasera… Quando all’improvviso eccolo sgranare gli occhi, tenersi la pancia e lasciare il ring di corsa, correndo con la cadenza di un ubriaco verso il backstage in cerca di un bagno! Il Biker così non riesce a festeggiare adeguatamente la grandissima vittoria ottenuta. Ma qualcun altro può farlo… Spoony, tronfio e con un sorriso a trecentosessantacinque gradi, sale sul ring mic alla mano.

Immagine


SPN: Gioite! Gioie tutti! Questa sera ho vinto! Spoony ha vinto e Gunther ha perso! Il drago è stato abbattuto e il cavaliere di cuori ha trionfato!

Il biker si volta e sorride ad Agnes.

SPN: Dolce pulzella, come hai visto, ho sconfitto quel troll puzzolente con le mie forze. E tutto questo solo per te!

Poi eccolo far segno con la mano alla ragazza di avvicinarsi a lui.

SPN: Adesso vieni via con me, Agnes cara. Molla lì il tuo ignobile passato, segui me, il tuo roseo futuro, e gettiamoci subito nelle braccia dell’amore, senza neanche aspettare il nostro appuntamento!

Agnes Schneider si alza in piedi… E si avvicina a Spoony! Che succede qua?! Il biker rubacuori gonfia il petto.

SPN: Brava Agny, lascia perdere quel barbone screanzato! E ora, dammi subito un bel bacio a glorificare questa sera piena di letizia e di gioia in tutto il globo terraqueo…

Agnes Schneider si volta a guardare Gunther, che in piedi, a qualche metro di distanza abbassa la testa, mortificato. La ragazza poi guarda Spoony, che punta le labbra verso di lei, gli occhi chiusi…

Immagine


E la ragazza di Wuppertal sferra un calcione negli zebedei al rubacuori!!! Boato dei fan! Spoony, colpito a morte, barcolla nel ring zoppicando… E andando a sbattere su Gunther Schmidt! Questi abbranca il povero rubacuori, lo solleva in verticale, e lo impala a terra!!!

Immagine


Rage of the Titans! Vediamo Spoony finire distrutto al centro del ring, il sorriso sul volto pur avendo perso i sensi, mentre gli occhi guardano a destra e a manca seguendo delle immaginarie Agnes in bikini che volano attorno a lui. Ecco poi che Street Dog Raymond ha la decenza di afferrare Spoony per un piede e trascinarlo fuori dal ring, caricandoselo in spalla e portandolo via… Gunther e Agnes, rimasti soli sul ring si guardano intorno, poi si sorridono a vicenda e si abbracciano, commossi, facendo sospirare tutte le donne e applaudire tutti gli uomini dell’Oracle Arena. E con l’immagine da cartolina di un’Agnes Schneider nonostante tutto felice, che si fa cullare tra le braccia di Gunther Schmidt, termina qua il Kickoff di Zero Hour. Ora spot per noi e poi si comincia con l’ultimo pay-per-view dell’anno. Don’t. Change. The Channel!!!





Up Next: Zero Hour 2017


Ultima modifica di Elban Rattlesnake il 17/12/2017, 23:28, modificato 1 volta in totale.

Top
 Profilo  
Rispondi citando  

Re: TWC - Zero Hour 2017
MessaggioInviato: 15/12/2017, 22:33 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: 24/12/2010, 18:48
Messaggi: 12423
Località: Baretto Kurabu
Immagine
Immagine



And now, from the Oracle Arena, Oakland, California, TWC proudly presents: Zero Hour


Immagine


Immagine


Amici e amiche della Total Wrestling Corporation, benvenuti all’ultimo appuntamento di questa splendida annata della federazione di New York. Benvenuti alla notte della resa dei conti. Benvenuti a Zero Hour!

Immagine


Questa sera si chiuderà forse per sempre la lunga storia di un’amicizia tormentata; due eroi dovranno difendere i loro titoli dall’assalto di due uomini senza scrupoli; tre vendette aspettano solo di essere consumate, comunque vada a finire; e infine due titoli verranno messi in palio nella demoniaca struttura nota come Chamber Zero. Noi siamo pronti a vedere tutto questo ben di dio, e voi?

Immagine


Oh my… Si parte subito in quarta! Luci abbassate e Chamber Zero che inizia a calare inesorabilmente per la prima volta in questa serata! La parola passa immediatamente a Jessica Rose per l’annuncio dell’opener di questa sera.

Immagine


JR: Ladies and gentlemen. The following contest is a Chamber Zero Match, and is for the TWC Undisputed Women’s World Championship!!!

Boato del pubblico di Oakland che assiepa l’Oracle Arena! Saranno le ragazze della divisione femminile ad aprire il pay-per-view all’interno della Chamber Zero. Pian piano vediamo la gigantesca gabbia scendere giù fino a toccare terra. Un nugolo di referee e official si fa intorno alla struttura e termina i preparativi in quattro e quattr’otto. Resta ora da vedere chi inizierà l’incontro per prima e chi invece dovrà attendere il proprio turno e risparmiare le forze all’interno delle quattro celle poste agli angoli della Chamber Zero durante le prime fasi dell’incontro.



Grande reazione da parte dei fan della Total Wrestling Corporation non appena parte la theme di Alice Angel! Dopo un paio di secondi, ecco la One Winged Angel comparire sullo stage e scatenare la folla con un urlo.

Immagine


La giovanissima lottatrice poi inizia a dirigersi verso l’enorme gabbia, dando il cinque ad alcuni giovani fan che indossano la sua t-shirt “Unbreakable Wings”.

JR: Introducing first, making her way to the ring, from Los Angeles, California. Weighting 94 pounds and standing 5-feet-3-inches tall, representing the Midnight Hunters, she is the One Winged Angel… Aliceeeee Angeeeeel!!!!!

Una volta arrivata alle porte della struttura demoniaca, la giovane Alice passa dal sorriso alla concentrazione più totale. Eccola salire i gradoni d’acciaio, ed entrare dentro. Salto a scavalcare la terza corda e atterraggio con pugno piantato a terra, infine ecco la giovane eroina obbedire al referee che le indica una delle celle della Chamber Zero. Una volta dentro, la porta della cella viene chiusa con una catena da un referee posto all’esterno, e Alice si appoggia alla parete di plexiglass, sospirando.



La seconda che farà il proprio ingresso non è altro che Lisa Lisa!

Immagine


La veterana del puroresu fa il suo ingresso sullo stage, raccogliendo un buon pop da parte dei tifosi della TWC. Dopo essersi guardata intorno un attimo, vediamo Lisa calare lungo la rampa, diretta verso la Chamber Zero.

JR: Making her way to the ring, weighting 168 pounds and standing 5-feet-11-inches tall. From Osaka, Japan. She is the Sorrow Bringer… Lisaaaaa… Lisaaaaa!!!!!

Una volta arrivata ai piedi della gabbia, Lisa getta via la maschera da ninja, rivolge un saluto rispettoso in direzione della struttura d’acciaio, dopo di che sale i gradoni ed entra dentro. Eccola passare le corde e salire a un angolo, dove fa il gesto della cintura. Poi Lisa si volta e osserva a lungo Alice Angel. Dopo lo scambio di sguardi tra le due, la lottatrice nipponica annuisce verso il referee e va a prendere posto nella seconda delle quattro celle vuote, che viene subito chiusa.

Immagine


Attenzione! Le luci si abbassano e diventano intermittenti, mentre un corvo solitario compare sul titantron!

Immagine


Pubblico che rumoreggia nell’arena. Logo giallo della BDK Inc. su tutti gli schermi. La terza lottatrice a fare il proprio ingresso sarà Brunild “The Armbreaker” Wagner!



Sulle note della theme dei Puscifer, cantata da Milla Jovovich, ecco emergere la Valkyria dalla foschia alzatasi sullo stage.

Immagine


Brunild, in tenuta da combattimento, indossa una maglietta personalizzata BDK “Now is My Time” con luogo, scritta e data di Zero Hour scritti sul retro della t-shirt. Eccola fermarsi sulla cima della rampa, lo sguardo gelido puntato verso la Chamber Zero. Poi la tedesca prende un lungo respiro e si avvia verso la gabbia con decisione.

JR: Making her way to the ring, weighting 135 pounds and standing 5-feet-7-inches tall. From Ravensburg, Germany. Representing the Bruderschaft Der Krahe Incorporated and the League of Extraordinary Gentlemen. She is the Smiling Crow... Bruniiiiild… Wagneeeeer!!!!!

L’International Sensation raggiunge l’ingresso della gabbia, si toglie la maglietta e la lancia ai fan, restando solo in ring gear, infine sale i gradoni e mette piede nella struttura d’acciaio. Una volta dentro, la Valkyria passa le corde e va a centro ring, dove fa la taunt della Bruderschaft Der Krahe Incorporated tra il delirio della folla. Poi eccola scambiarsi alcune occhiate di sfida con Alice e Lisa. Alla fine la tedesca accenna un sorriso e va a prendere posto nella cella di competenza, che viene poi chiusa con la catena. Resta soltanto una cella vuota, poi le ultime due lottatrici a entrare saranno coloro che daranno via al match, e se avete visto il Kickoff sapete già di chi si tratta…



Violentissima salva di fischi non appena risuona la theme di Cornelia!

Immagine


La lottatrice austriaca fa il proprio ingresso sullo stage, venendo accolta dai buuu del pubblico. La cosa non la infastidisce affatto. Eccola fare un ghigno soddisfatto, mentre procede a dirigersi verso la Chamber Zero ignorando tutto e tutti.

JR: From Innsbruck, Austria. Making her way to the ring, weighting 191 pounds and standing 5-feet-10-inches tall. She is the Queen of Strong Style… Corneliaaaaa!!!!!

La potente lottatrice mitteleuropea va immediatamente a salire i gradoni d’acciaio, entrando nella Chamber Zero e andando via via a confrontarsi con le altre tre lottatrici chiuse nelle celle. Subito dopo eccola scuotere il capo e rivolgere un gestaccio al referee mentre si dirige verso l’unica cella vuota nella struttura. Una volta chiusa dentro, Cornelia si mette a braccia incrociate ad attendere l’inizio del match. Ed ecco che le luci si abbassano, mentre una leggera nebbiolina si diffonde per lo stage.



Boato del pubblico, mentre Come As You Are dei Nirvana, la nuova theme song di Viola Vixen, risuona nell'arena. Le telecamere inquadrano il centro dello stage, immerso nel buio. Dopo qualche secondo una luce verde di forma ellittica si accende. Passa ancora qualche secondo, poi una luce, della stessa forma, ma viola, si accende a fianco di quella verde. Passa ancora un istante, e poi una scritta luminosa bianca si accende sotto le luci verde e viola. "Toxic Avenger". Boato del pubblico, mentre un occhio di bue illumina quello spazio, rivelando Viola Vixen girata di spalle, con indosso un paio di jeans blu, delle All Stars verdi, una felpa verde e un bomber smanicato nero, sulla cui schiena c'è il simbolo di Viola, una maschera antigas con una lente verde ed una viola, che a quanto pare sono illuminate, esattamente come la scritta sotto. La Vixen rimane in quella posizione per qualche secondo, poi si volta di scatto, e proprio mentre lo sta facendo la luce sotto cui è si spegne. Di nuovo cala il buio, ma le due luci di prima, quella verde e quella viola, sono ancora presenti. Le luci si muovono a sinistra e a destra, poi brevemente in basso, per poi tornare subito su, e di colpo l'arena torna completamente illuminata, rivelando Viola con indossa la maschera antigas del suo simbolo. Boato del pubblico, che imita subito la Toxic Avenger, che ha eseguito la sua taunt, la Etiquette, portando il pugno sinistro contro la spalla destra e tendendo davanti a sé il braccio destro. Dopo qualche secondo Viola si toglie la maschera dal viso con la mano sinistra, mentre con la destra si sfila i cappucci della felpa e del bomber, per ottenere la terza buona reazione della serata.

Immagine


La Vixen poi si appende la maschera antigas al lato della giacca, iniziando a scendere la rampa.

JR: From Seattle, Washington. Making her way to the ring, standing 5-feet-10-inches tall and weighting 130 pounds. Representing the Sick Chicks, she is the Toxic Avenger… Violaaaaa… Vixeeeeen!!!!!

Arrivata ai gradoni si ferma un istante, osservando la gigantesca struttura in cui sta per entrare, per poi passarsi una mano sulla fronte, ancora segnata dall'attacco subito ad Indoor War e dal match sostenuto con Lucy Fisher. Viola poi sale di colpo tutti i gradini, entrando nella gabbia ed afferrando le catene, quasi a testarle. Dopo qualche istante annuisce ed entra nel ring, guardandosi attorno. Poi, lentamente, si dirige verso la cella di Alice, arrampicandosi sulla seconda corda, per poi guardarla ed annuire, un mezzo sorriso sulle labbra. Viola poi salta giù dalle corde e va ad osservare invece la gabbia di LisaLisa, questa volta scuotendo la testa. La Vixen poi si avvicina alla cella di Cornelia, arrampicandosi ancora alla seconda corda e indicando l'austriaca, toccando con il dito il vetro, per poi urlarle di non avere paura di lei. Infine Viola si avvia verso Brunild Wagner, passando sotto le corde ed andando davanti all'uscita della tedesca, per poi colpire con un pugno il plexiglass, provocando nella tedesca lo spuntare di un sorriso feroce. Viola scruta per qualche istante Brunild, poi torna sul ring, annuendo ed eseguendo la sua taunt a favore di telecamera, per poi gettarsi contro le corde ed afferrarle. La Toxic Avenger si toglie il bomber e la felpa e le consegna all'arbitro, che provvede a portarle fuori dalla gabbia, e poi si dirige verso l'angolo con la cella di Alice, sedendosi lì, in modo da guardare lo stage. Cinque contendenti sono entrate, all'appello manca solo lei. La campionessa in carica, la donna che ha tutto da perdere in questo match, la spartana, la killer queen, l'indistruttibile Elektra Kellis. Sembra però che si faccia attendere e tutto il pubblico in attesa inizia ad intonare cori con il suo nome. Passano diversi secondi e le luci si spengono, una musica inizia a suonare per tutta l'arena.



Le luci adesso illuminano lo stage, ancora vuoto. Gli irrigatori dell'arena iniziano a far cadere acqua sullo stage come fosse pioggia, sempre più insistentemente. Una figura celata da un impermeabile entra sullo stage e rimane sotto la pioggia ad osservare l'arena e l'infernale struttura.

Immagine


La pioggia diminuisce sempre più d'intensità fino a smettere. Poco dopo la musica si interrompe, la figura nell'impermeabile rimane immobile quando si spegne anche la luce sullo stage. L'arena ora viene illuminata dallo scoppio di alcuni fuochi d'artificio sullo stage e tutte le luci tornano a risplendere mentre una nuova canzone risuona per l'arena.



L'impermeabile vola a terra e la figura si rivela essere la campionessa Elektra Kellis che si sfila la cintura dalla vita e la solleva in aria.

Immagine


Capelli mossi e ricci, pantaloni lunghi rosa shocking con la scritta in bianco "UNBREAKABLE" lungo le gambe. Indossa una giacca di paiette argentata che brilla sotto la luce dei riflettori di vari colori che adesso impazzano sullo stage. Al collo le solite fasciature, un grande sorriso stampato sul volto. Si esibisce in un moonwalk sullo stage tenendo la cintura in aria. Si porta ad una delle estremità dello stage e salta giù dando il cinque a tutti i fan nelle prime file. Fa lo stesso dall'altro lato e poi risale sullo stage. Danzando e saltando percorre la rampa sorridente accompagnata da luci di vari colori. Arriva a bordo ring e si ferma. Si sfila la giacca rivelando la parte superiore del ring attire fatto anch'esso con varie paiette, di colore rosa. Tiene la cintura in una mano mentre con l'altra tasta la consistenza delle catene. Osserva con attenzione la struttura infernale che le si para davanti, le avversarie chiuse nelle celle e Viola che la attende nel ring. Sale le scalette senza lasciare la porta della gabbia che ora chiude con forza dietro di sé. Entra nel ring e sale su tutti e quattro i paletti, alzando la cintura in faccia alle avversarie e poi verso il pubblico. Adesso si avvicina a Viola alzando di nuovo la cintura ed Unbreakable di Michael Jackson smette di risuonare. Il tempo della festa è finito, che inizi il massacro. La campionessa consegna la cintura all'arbitro e si osserva ancora intorno saltellando sul posto con ansia. L'ufficiale solleva la cintura in aria ed Elektra la osserva attentamente mentre l'arbitro la porta via, senza staccarle gli occhi di dosso. La campanella suona, la Chamber Zero ha inizio!


Immagine

**TWC Women’s World Championship - Chamber Zero Match**

Elektra Kellis (c) vs. Viola Vixen vs. Alice Angel vs. Brunild Wagner vs. Lisa Lisa vs. Cornelia


La campanella suona e questo storico match ha inizio. Il pubblico è in visibilio, Elektra e Viola osservano l'infernale struttura attorno a loro, visibilmente tese, e si avvicinano una all'altra con molta cautela. Cinque minuti prima che una delle quattro camere si apra e faccia entrare un'altra opponente, cinque minuti che vanno capitalizzati al massimo, tentando di sbarazzarsi dell'avversaria prima dell'arrivo della prossima. Ed è proprio quello che tenta Viola. Dopo un breve clinch torce il braccio di Elektra e glielo chiude con una hammerlock, le passa dietro la schiena, lascia il braccio e la cinge con una waistlock. Afferra l'altro braccio di Elektra attorno alla vita e la fa roteare per la Acid Rainmaker! Elektra passa sotto! Ma non si stacca dal braccio di Viola ed ora è lei a tirare l'avversaria verso di lei con l'Acid Bite the Dust!

Immagine


Viola crolla a terra ed Elektra tenta subito il pin: 1, 2, no! Adesso le afferra le gambe per iniziare la Wolfess' Bite ma Viola si trascina all'indietro, Elektra riesce ad infilare la sua gamba in mezzo a quelle di Viola, tenta di rovesciarla ma Viola si aggrappa al suo stivale e riesce a ribaltare la situazione portando Elektra a terra con lei che le tiene le gambe. La rovescia per mettere a segno la Vix Fix ma Elektra la spinge via con le gambe. Viola finisce alle corde ed al ritorno Elektra la manda a terra con un drop toe hold, le rotola subito sopra la schiena e la blocca in una side headlock. Viola muove le mani cercando una via d'uscita e riesce ad afferrare Elekta attorno alla vita. Si porta su un ginocchio e poi si alza, con una mano ora prende le gambe di Elektra mentre la tiene sollevata. Si dirige verso le corde e si prepara a scaraventarla sul duro acciaio posto fuori dal ring! Elektra se ne avvede ed inizia a dimenarsi, riesce a portarsi alle spalle di Viola e qui la ribalta intrappolandola immediatamente in una Bully Choke!

Immagine


Viola emette un gorgoglio per il soffocamento e rapidamente striscia fino alle corde, ma in questa struttura infernale non c'è spazio per il rope break perciò Viola deve fare affidamento sulla sua schiena infortunata, con Elektra sopra di essa, per sorreggerla mentre tenta di sollevarsi afferrandosi alle seconda corda con entrambe le mani. Adesso porta la sinistra sulla terza e riesce a portare anche la destra che ora sposta verso le gambe di Elektra mentre la sinistra la porta verso il collo, la aggiusta sulle sue spalle in posizione di argentine backbreaker: BURNING HAMMER SULL'ACCIAIO! NO! Elektra fortunatamente atterra in piedi. Indietreggia per l'atterraggio e dal suo sguardo sembra realizzare quello che ha appena rischiato. Rimane ferma per alcuni secondi quando Viola decide di seguirla sulle piastre d'acciaio. La campionessa si sblocca e va incontro all'avversaria incontrandosi di nuovo in un clinch. Viola riesce a portare indietro la Killer Queen fino a farla impattare con la schiena sulle catene che circondano la gabbia! Elektra irrigidisce la schiena e Viola si abbassa caricandola sopra la sua schiena in perpendicolare. Adesso la schianta con un Alabama Slam sull'acciaio ma Elektra si afferra con entrambe le mani alle catene! Viola fa forza affinché si stacchi ma la presa di Elektra è salda. La Vixen allora decide di lasciarla andare di scatto, prendendola di sorpresa. Le gambe di Elektra toccano terra e Viola la afferra immediatamente alla vita per un German Suplex! Elektra viene sollevata in aria ma riesce a scampare al pericolo dandosi la spinta con i piedi sulle catene in modo da poter atterrare in piedi. Anche il gesto più insignificante può diventare letale su questo acciaio imperdonabile e le due sembrano esserne ben consapevoli. Adesso è Elektra a tenere per la vita Viola ma questa si libera subito con una gomitata. Tenta un Lariat ma Elektra si abbassa, portandosi verso le catene. Viola ferma quindi la corsa e scalcia all'indietro piegando l'avversaria con un calcio all'addome. Nuovo Lariat ma Elektra si abbassa... e la rovescia con un back body drop sull'acciaio! Viola Vixen è la prima a subire il contatto con l'acciaio della Chamber e dalle sue grida possiamo solo immaginare cosa voglia dire.

Immagine


Elektra riprende fiato mentre Viola urla per il dolore alla schiena infortunata. Adesso Elektra testa la consistenza delle catene, osserva Viola a terra... ed inizia a salire! Si arrampica sulla grata delle catene quando Viola si rialza e la ferma con un colpo alla schiena. Adesso la afferra per il collo, la stacca... E la fa precipitare con un violento neckbreaker sull'acciaio delle grate! Il match è appena iniziato ma queste due guerriere non hanno intenzione di risparmiarsi! Elektra si tiene il collo, da parecchio infortunato, con una smorfia di dolore mentre anche Viola rimane a terra per il contraccolpo sulle grate. La Vixen ora si rialza ed afferra la greca, rispedendola nel ring. La manda sopra la terza corda, sale sulla seconda e la afferra per il suo Super Piledriver ma Elektra la contrasta con una testata, la scavalca e mette a segno una sunset flip bomb! Entrambe le contendenti ora sono a terra. Recuperano le forze sul terreno quando per loro sfortuna inizia il countdown per la prima entrata di questa Chamber Zero:

10, 9, 8, 7, 6, 5, 4, 3, 2, 1...

Immagine

LISA LISA!


Lisa è la prima ad entrare nella Chamber! Attende freneticamente che l'arbitro posizionato fuori finisca di slacciare la catena della sua cella. La porta si apre e la nipponica schizza dentro al quadrato! Elektra si rialza ma Lisa la rimanda a terra con un forearm smash. Stesso trattamento per Viola, Elektra si rialza, Silver sword per lei! La Vixen la sorprende alle spalle con una waistlock ma la giapponese si libera facilmente e la afferra per la nuca, facendola volare oltre la terza corda, dritta sopra l'acciaio! Corre alle corde mentre Elektra si rialza per l'ennesima volta e mette a segno lo Hierophant's Horn! Dritto sul collo infortunato!

Immagine


Lisa non lascia andare la presa dopo il colpo e sfrutta la posizione avvolgendo il torso di Elektra con una bodyscissor e compiere così una Guillotine Choke! Elektra, conscia del pericolo, si porta immediatamente su un ginocchio e poi si alza con Lisa addosso che continua ad applicare la presa. La campionessa infligge un paio di pugni al fianco per poi afferrare una gamba. La schiaffeggia varie volte, riuscendo a farla staccare dalla sua schiena, e subito la aggancia. La libra in aria per una repentina All-new SHAZAM ma Lisa ribalta tutto in una culla: 1, 2, no! Elektra interrompe lo schienamento, Lisa le è ancora avvinghiata con una facelock e tenta di ristabilire la bodyscissor ma Elektra si rialza prima che ci riesca. Lisa, tuttavia, riesce a spingerla verso l'angolo dove usa il paletto come sponda e sfrutta la spinta per riportare Elektra a terra. Ristabilisce la bodyscissor ma sposta le mani dal collo al braccio, piegandolo e mettendo a segno la Shi Ni!

Immagine


Elektra non ha modo di usare le gambe, bloccate dal peso di Lisa, ed il braccio chiuso nella sottomissione. L'unica arma che può usare per liberarsi è il braccio libero ed è con questo che dirige colpi ben assestati al fianco della giapponese. Aumenta l'intensità dei colpi sempre di più ma Lisa non lascia, perciò sfodera l'arma segreta a sua disposizione: la testa, letteralmente. Con una testata la colpisce sul petto e la destabilizza. Lisa molla la presa e con un'altra testata finisce momentaneamente al tappeto. Non fa in tempo a rialzarsi che la campionessa è balzata in piedi e le è precipitata addosso con un Knee Drop! Adesso corre alle corde, ma Viola da fuori le abbassa e Elektra atterra malamente all'indietro sull'acciaio! Viola rientra nel quadrato ma una furiosa Elektra torna in gioco e la atterra da dietro con un Bite the Dust sulla nuca! Lisa ne approfitta e stende la greca con un Roundabout improvviso!

Immagine


Ancora danni per il collo di Elektra e Lisa si rialza con una capriola dall'altro lato e mantiene la presa per un secondo Roundabout consecutivo ma viene seccata dal Gates are open di Viola! Rialza Elektra e le salta addosso con una Hurricanrana che la fa atterrare sopra di Lisa. La rialza ancora ma Elektra questa volta la respinge con una testata. Viola indietreggia ed Elektra crolla su un ginocchio. Si rialza poco dopo ma è già troppo tardi e Viola la riempie di chop a mano aperta. Elektra stringe i denti ed indietreggia fino ad un angolo. Qui Viola continua la sua sequenza pestifera di chop che martoria il petto della campionessa facendogli assumere ogni sfumatura di rosso e viola fino a tornare al rosso, di sangue questa volta, con la pelle che inizia ad aprirsi sotto i micidiali schiaffi che Viola continua ad infliggere a grande velocità. Elektra riesce a stopparla con un'altra testata e segue con un Bite the Dust da ferma all'improvviso! Secondo Bite the Dust sul posto! Terzo, quarto, quinto! Il cranio di Viola rimbalza sulle ginocchia di Elektra come un pallone da basket! Elektra va alle corde per infliggere un Bite the dust a piena potenza ma al ritorno trova Lisa in piedi. Vede dall'altro lato Viola che le corre incontro, all'insaputa di Lisa, ed entrambe tendono un braccio schiacciando la giapponese nel mezzo di un sandwich di clothesline! Le due ora la prendono e la scaraventano fuori ring, anche Lisa fa la conoscenza del terribile acciaio e le due ora sono libere di tornare a duellare tra loro. Viola tenta un'altra chop ma Elektra blocca il braccio per poi spostarsi dietro di lei e proiettarla con un Back Suplex ma una volta a terra la Vixen riesce a bloccare la testa di Elektra in una legscissor e poi sfruttare le gambe per sbatterle la testa al tappeto. Adesso sposta le gambe all'indietro e tende il collo di Elektra in una temibile sottomissione.

Immagine


La campionessa riesce a portarsi sulle ginocchia e poi ad alzarsi ma prima che possa tentare un'offensiva Viola la butta giù con una headscissor takedown. Elektra si rialza stordita e viene afferrata da Viola, Scissored DDT! NO! Elektra riesce a spingerla via, le due corrono una addosso all'altra e impattano entrambe una testata che le lascia stordite. Spartan Kick di Elektra, Viola scarta di lato. Remember Me della Vixen, Elektra si abbassa... Doppia Silver Sword di Lisa Lisa che abbatte le due partecipanti insieme! Lisa rialza Elektra e la colpisce con una serie di pugni quando parte il count out per la prossima entrata.

10, 9, 8, 7, 6, 5, 4, 3, 2, 1...

Immagine

ALICE ANGEL!


Alice Angel joins the battle! L'arbitro posto fuori slaccia la catena ed apre prontamente la porta della cella. La Angel schizza fuori e salta sulla terza corda abbattendosi con uno splash su di Lisa ed Elektra! Viola si è appena rimessa in piedi e la rispedisce giù con la Twist of Light! Viola rotola fuori ring per l'impatto, Lisa tenta un colpo alle spalle della Angel ma questa evita e la colpisce con un calcio all'addome. La campionessa sta tornando in piedi, Alice afferra per il collo Lisa e sfrutta Elektra come sponda per una Tornado DDT! Entrambe finiscono a terra ed Alice corre alle corde, prende il rimbalzo e vola oltre la terza corda gettandosi con un'incredibile somersault senton su Viola fuori ring!

Immagine


Alice subisce il contraccolpo dell'incontro con l'acciaio ma dopo poco torna in piedi. Sale sul paletto di corsa e si getta su di Elektra con una Frog Splash: Morning Light! Di corsa torna in piedi e balza sul paletto dell'angolo opposto, spalle al ring, senza neanche controllare si getta con un moonsault su Lisa: Daylight, ma Lisa rotola via! Alice impatta sul tappeto e con un dropkick basso Lisa la manda a sedere addosso all'angolo. Mette lo stivale in faccia e carica l'Hamon's Charge! Corre dall'altro lato dove la campionessa si sta rialzando, appoggiandosi all'angolo. Lisa la travolge con un uppercut in corsa e con una Irish whip la manda a sedere sopra Alice: doppio Hamon's Charge!

Immagine


Va a prendere Viola ancora fuori dal ring. Da dentro la rialza e la butta nel ring con una hip toss. La getta sopra le altre due ed ora connette un triplo Hamon's Charge, NO! Viola schizza in piedi ed abbatte Lisa con un Lariat! Ora è Elektra a tornare in piedi ed abbatte Viola con un Knee smash! Ed Alice abbatte Elektra con uno shotgun dropkick! La killer queen viene sbalzata fuori dal ring, la Anarchy Red corre e balza agilmente sopra al paletto, dopo di che si tuffa fuori dal ring ed abbatte Elektra con una DDT volante! Elektra finisce di faccia sulle grate d'acciaio!

Immagine


Lisa da dentro il ring afferra Alice e la butta dentro con un Belly to Back suplex. Nel frattempo le telecamere riprendono Elektra, in ginocchio, e la vediamo perdere copiosamente sangue dalla fronte dopo l'urto con le grate. Debolmente si rimette in piedi, barcolla e per non perdere l'equilibrio si appoggia ad una delle celle di plexigas. All'interno di questa c'è Brunild Wagner che osserva Elektra disgustata. La campionessa incontra il suo sguardo. A denti stretti poggia il viso contro il plexigas della cella e osserva la valkyria in silenzio con il respiro pesante e lo sguardo truce. Batte un pugno sulla cella e si stacca, lasciando una macchia di sangue sul plexigas. Dentro al ring vediamo la giapponese sdraiarsi su di Alice ma Viola la afferra da dietro e la sbatte addosso all'angolo con un Deadlift German Suplex! Elektra tenta di tornare nel ring ma crolla su un ginocchio. Viola si butta su Lisa con uno sliding forearm smash all'angolo. Alice torna in in piedi, balza sopra la terza corda e si getta su Elektra. Questa però indietreggia, le afferra le gambe al volo e la lascia sbattere a terra per poi lanciarla sulle catene con un Rocket Launcher! La Blazing Angel finisce addosso al muro di catene, Elektra riprende fiato un secondo e poi carica un Bite the Dust che pianta la Midnight Hunter ancora contro le catene!

Immagine


Alice finisce a terra e così fa Elektra per la fatica. Torniamo all'azione nel ring dove Lisa colpisce Viola con uno schiaffo di destra e di sinistra, roundhouse kick alla gamba, spinning backfist e Lariat: Checkmate a segno! La fondatrice delle Sick Chicks crolla a terra e viene schienata a forza dalla lottatrice giapponese. 1… 2… No! Kick Out di Viola sul due e mezzo. Lisa Lisa si tira su, scuotendo il capo, poi fa il gesto del tagliagole e va ad abbrancare la Vixen. Attenzione! Sta preparando la Crossfire Hurricane, la sua mossa risolutiva! Ecco che la Reina Perlada effettua il caricamento e inizia a camminare a centro ring… Ma Viola si scuote, arriva Elektra Kellis, e stende la giapponese con un fenomenale Double Knee Facebuster che manda Lisa al tappeto, mentre la Toxic Avenger cade a terra e finisce in ginocchio alle loro spalle. Applausi a scena aperta del pubblico della Oracle Arena! Mentre Lisa è a terra che si tiene la mascella e sbatte un piede, ecco che Elektra si trascina alle corde e si tira su, pulendosi il sangue dalla faccia. Viola la guarda, a fatica si alza in piedi, poi rivolge un sorriso di sfida verso la campionessa del mondo. Ma un attimo dopo, ecco ripartire, inesorabile il countout per il terzo ingresso. Una tra Brunild Wagner e Cornelia sta per entrare a rimescolare pesantemente le carte…

10, 9, 8, 7, 6, 5, 4, 3, 2, 1...

Immagine

BRUNILD WAGNER!


Oh. My. Godness… E’ scattata finalmente l’ora della Valkyria! Mentre il pubblico rumoreggia e le luci si riaccendono, vediamo Brunild Wagner sorridere gelidamente, allacciarsi i guanti MMA e attendere con calma mortale che la porta della sua gabbia venga aperta dal referee. Una volta aperta la porta, la Valkyria esce fuori e osserva la situazione. Vede Alice che cerca di aggrapparsi alle catene della Chamber, per poi ricadere a terra, scorge Lisa che si trascina lentamente via dal ring, infine punta lo sguardo verso Elektra e Viola. Le due la osservano di rimando, poi si guardano un attimo… E corrono subito addosso alla Valkyria non appena questa va a passare le corde! Serie di colpi diretti addosso alla tedesca da parte della Toxic Avenger e della Killer Queen. Entrambe poi afferrano lo Smiling Crow per un braccio e la lanciano alle corde. Brunild rimbalza, evita un Double Punch di entrambe, altro rimbalzo, e Double Clothesline da parte della Valkyria, che atterra violentemente entrambe. Mentre Viola a terra si tiene la schiena e impreca, l’International Sensation le guarda entrambe, poi riparte alle corde, rimbalza, punta direttamente su Elektra, che cerca di tirarsi su, e le atterra addosso con un terrificante Valkyrie Knee Drop!

Immagine


Direttamente sul collo provatissimo della campionessa! La Killer Queen resta a terra, dimenandosi e tenendosi la nuca. Schienamento! 1… 2… No! Elektra esce alzando una spalla! Brunild si rialza, le grida di restare a terra, simula per un secondo di avere un mal di collo, poi si volta e va addosso a Viola. Calcio diretto alla testa dell’aversaria. Evitato! Rotazione della tedesca, e Geist Kick a segno! Il calcio fantasma manda al tappeto la Vixen. Altro schienamento! 1… 2… No! Anche la Vixen riesce a resistere con difficoltà alla prima ondata di attacchi della Valkyria. Brunild a questo punto tira su Viola e la lancia attraverso le corde, mandandola a rotolare sull’acciaio. La tedesca esce dal ring andandole dietro, la vediamo poi voltarsi verso l’ultima cella della Chamber ancora occupata e rivolgere un mezzo sorriso verso Cornelia, che la guarda malamente. Serie di calci della tedesca a Viola Vixen, che si copre come può. Brunild finge per un attimo di avere un mal di schiena, sorride e fa per rialzarla nuovamente, ma l’indomita Toxic Avenger replica con un ceffone, facendola imbufalire. Brunild’s Kiss! No! Viola schiva e balza sulla schiena della tedesca, chiudendola in un Mata Leon in piedi. La Valkyria cerca di scrollarsela di dosso. Non ci riesce. Allora va all’indietro e manda la schiena malandata della Vixen a sbattere addosso alla gabbia, dopo di che riesce a prenderla per la testa e un braccio, e a ribaltarla con una mossa di judo, facendo impattare l’avversaria di schiena sull’acciaio! Viola perde la presa emettendo un grido di dolore. Brunild però non ha pietà di lei, la tira su e l’abbatte nuovamente a terra con un violento Bruderschaft Suplex!

Immagine


Che botta! La Valkyria si tira su un’altra volta, scuote il capo osservando le condizioni di Viola, poi rientra nel ring a caccia di Elektra Kellis… Nel fare ciò, non si avvede dell’arrivo di gran carriera di Alice Angel! Half-Light! Half-Light clamorosa messa a segno da parte della giovane Angel! Che poi ricade a terra e appoggia un braccio sull’avversaria… 1… 2… No!!! Kickout di Brunild Wagner! Mentre i suoi fan tirano un sospiro di sollievo, vediamo la tedesca tenersi la testa e strisciare verso le corde dopo la grande paura. Alice Angel sospira e a fatica si tira su. Una volta in piedi, ecco che la tedesca si volta verso di lei e annuisce. Le due poi si avvicinano pericolosamente. Scambio di pugni. Tentativo mancato di Brunild’s Kiss! Alice prova a bloccare la tedesca per l’Anarchy A, ma la Valkyria si libera, dopo di che investe la giovane Angel con il Lieblingsspiel! La ragazza si difende come può dalla sequenza mortifera di pugni e calci, finendo all’angolo. Irish Whip di Brunild dall’altra parte. Alice si schianta all’angolo, la tedesca parte per una Running Clothesline. No! Alice schiva e la tedesca finisce addosso all’angolo. Alice la blocca e Twist of Light! No! Respinta alle corde, e abbattuta con un Valkyrie Kick devastante!

Immagine


Alice finisce immobile a terra, e la Valkyria va a schienarla… 1… 2… No! Alice alza una spalla sul due e mezzo. Brunild si mette a sedere, giusto in tempo per incrociare lo sguardo con Lisa Lisa. Quest’ultima è tornata nel ring, e osserva la tedesca. Brunild si tira su. Le due si guardano. Annuiscono. Poi Lisa fa segno alla Valkyria di farsi sotto! Brunild non se lo fa ripetere. Eccole partire con un fulminante scambio incrociato di pugni. Ha la meglio Lisa, che poi prova immediatamente a bloccare alle spalle la tedesca per effettuare la Legacy! No! Gomitate della tedesca, che si libera! Player Kick da parte della Reyna Perlada! Lo Smiling Crow arretra all’indietro, rimbalzando alle corde… Hunter’s Kick su Lisa Lisa! Entrambe finiscono a terra. Eccole poi alzarsi in ginocchio, guardarsi un attimo, e poi partire l’una verso l’altra! Brunild’s Kiss a segno! Lisa barcolla a sua volta addosso alle corde, prende slancio, e colpisce la Valkyria con la sua Silver Sword! Entrambe sono nuovamente a terra, senza fiato. E ancora una volta si rialzano pian piano. Si guardano. Sorridono. E una volta in piedi si avvicinano… Ma finiscono per essere centrate entrambe da uno spettacolarissimo doppio Missile Dropkick dal paletto messo a segno dalle redivive Elektra Kellis e Viola Vixen!!!

ImmagineImmagine


Applausi a scena aperta da parte del pubblico per queste gladiatrici del ring. Vediamo Brunild rotolare verso le corde, mentre Elektra fa per rialzarsi, ma ricade a terra, senza equilibrio. Nel frattempo Viola Vixen si trascina alle corde e le afferra. Eccola avanzare verso Lisa Lisa… Scissored DDT! No! Lisa si libera all’ultimo istante, balza oltre alla Toxic Avenger, e la chiude nella Global Frequency!!! 1… 2… e 3! No!!! Kickout di un soffio da parte di Viola Vixen! Lisa non può crederci! Eccola rialzarsi e afferrare l’avversaria… Inside Cradle! 1… 2… No! Lisa si tira su rabbiosamente. Silver Sword! A vuoto! Viola le afferra però un braccio durante l’incrocio… E la schianta con l’Acid Rainmaker! La lottatrice giapponese finisce a terra, con Viola che torreggia su di lei, esausta. Lisa però non si arrende, eccola che disperatamente prova a tirarsi su afferrando i pantaloni dell’avversaria, che tira il fiato, la rialza, e l’abbatte nuovamente con una seconda Acid Rainmaker!!! Subito dopo, la ragazza crolla sulla giapponese, schienandola. 1… 2… e 3!!!

Spoiler:
JR: Lisa Lisa has been eliminated!


Ultima modifica di Elban Rattlesnake il 15/12/2017, 22:40, modificato 1 volta in totale.

Top
 Profilo  
Rispondi citando  

Re: TWC - Zero Hour 2017
MessaggioInviato: 15/12/2017, 22:38 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: 24/12/2010, 18:48
Messaggi: 12423
Località: Baretto Kurabu
Siamo arrivati alla prima eliminazione dell’incontro. Mentre l’indomita Lisa Lisa viene aiutata dal referee a lasciare il ring, vediamo Viola Vixen guardarsi intorno per studiare la prossima mossa… Ma ecco partire l’ultimo countdown del match, e per le quattro lottatrici rimaste, ora saranno guai seri.

10, 9, 8, 7, 6, 5, 4, 3, 2, 1...

Immagine

CORNELIA!


La temibile lottatrice austriaca inizia a inveire contro il referee, troppo lento a suo dire nella procedura di apertura della porta della gabbia. Una volta liberata, eccola accorrere improvvisamente verso la vicina Lisa Lisa, che sta uscendo sorretta da un referee… E la stende con un Big Boot! Fischi da parte del pubblico di Oakland per l’antisportività di Cornelia, che poi scalcia via la giapponese fino a farla ruzzolare fuori dalla porta aperta della Chamber. Subito dopo eccola voltarsi verso le avversarie rimaste, ignorando le proteste e le minacce degli arbitri. L’Austrian Blacksmith passa le corde e parte immediatamente per un braccio teso su Viola Vixen. La Toxic Avenger evita di un soffio la mossa, ma non Elektra Kellis, appena rialzatasi, che viene travolta dall’austriaca! Cornelia si volta poi lentamente verso Viola e fa un ghigno. La Vixen le si avvicina, intercetta un paio di pugni, dopo di che colpisce con alcuni calci alla gamba l’avversaria. Eccola poi tentare un caricamento. Vuol provare una Burning Hammer impossibile su Cornelia! L’austriaca, troppo fresca, si libera con facilità, afferra Viola Vixen come fosse un fuscello, e per tutta risposta la schianta a terra con uno Spinebuster!

Immagine


Ancora una volta Viola atterra male e grida di dolore. Non paga, Cornelia le pianta un piede sulla schiena e preme, ridacchiando. Poi però lascia perdere e si volta, trovandosi di fronte Brunild Wagner, in piedi, che la squadra. Le due, per la prima volta l’una contro l’altra, si fissano a lungo tra le grida della folla impazzita, dopo di che eccole scatenarsi in un violento scontro fisico. Feroce scambio di pugni tra la tedesca e l’austriaca, che poi passano ad alternarsi i colpi. Dopo poco dai pugni si passa alle Chop… Chop di Brunild. Chop di Cornelia. Chop di Brunild. Chop di Cornelia. Chop di Brunild. Chop di Cornelia. Chop di Brunild. Chop di Cornelia. Chop di Brunild. Chop di Cornelia. La tedesca arretra, stringe i denti, e rifila un Deutsche Uppercut all’austriaca. Che però replica malamente con un terribile Big Boot al volto della Valkyria. Brunild cade a terra violentemente. Cornelia la rialza e la lancia alle corde. Rimbalzo della tedesca. Evitata una Clothesline da parte dell’International Sensation, che poi continua a correra, rimbalza di nuovo… E viene stesa da Cornelia con un impressionante Dropkick!

Immagine


Lo Smiling Crow finisce a terra, diventando immediatamente preda dello schienamento da parte di Cornelia. 1… 2… No! Kickout della tedesca. Cornelia allora si rialza, l’afferra, e la getta violentemente oltre la terza corda, mandandola ad atterrare sull’acciaio. Mentre la tedesca digrigna i denti per il dolore, vediamo Cornelia fare qualche passo e rifilare un altro calcio nella schiena a Viola Vixen, che accusa il colpo. Poi la potente lottatrice austriaca riprende la caccia a Brunild Wagner. La Valkyria si sta rialzando sfruttando le catene della Chamber, ma Carnelia l’afferra, e comincia a sbatterle la testa sulla parete. Una, due, tre, quattro, cinque volte di fila, dopo di che eccola abbrancare lo Smiling Crow, e sollevarla in un impressionante Vertical Suplex… Che chiude in Powerslam sull’acciaio!!! Grido di dolore da parte di Brunild Wagner, e pubblico a bocca aperta per la dimostrazione di forza da parte di Cornelia… L’Austrian Blacksmith si tira su con calma. Si guarda intorno. Far per andarsene, ma poi si blocca. Brunild, infatti, si sta rialzando a fatica nei pressi di una delle gabbie, e sta dileggiando in tedesco l’Empress of Pain. Cornelia aggrotta lo sguardo. Brunild le fa segno di farsi sotto, sorridendole. E per tutta risposta, l’austriaca la carica e la manda a schiantarsi addosso alla parete della cella con una mastodontica Spear, sfondando incredibilmente tutto!!!

Immagine


Che mossa assurda! Mentre il pubblico dell’Oracle Arena rumoreggia, ecco che l’Austrian Blacksmith si rialza. La vediamo barcollare fuori dalla cella, dove Brunild è rimasta a terra, con un rivolo di sangue che le scorre sulla fronte a seguito delle testate precedenti. Cornelia passa nel ring, dove vediamo Elektra Kellis pulirsi il sangue dalla fronte e deglutire. La lottatrice austriaca avanza verso la campionessa del mondo e fa il gesto della cintura alla vita. Poi prova ad afferrarla. Elektra schiva, e le rifila uno Standing Bite The Dust! Cornelia arretra fino all’angolo tenendosi il volto. La Spartana allora si mette in posizione addosso a lei e va ad avviare i suoi micidiali Spartan Elbows! E la sequenza di colpi va a segno! Elektra grida di rabbia incitando i fan, poi si gira verso l’avversaria ancora ferma all’angolo, ma Cornelia l’afferra a due mani per il collo e la lancia via! La campionessa infortunata atterra malamente e grida di dolore. L’austriaca fa segno che è finita, poi però Alice Angel spunta nuovamente dal nulla, le sferra un calcio allo stomaco, e l’atterra con una perfetta Twist of Light!

Immagine


La giovane Angel schiena immediatamente Cornelia! 1… 2… No! La rocciosa lottatrice austriaca effettua il kickout sul conto di due. La lottatrice più giovane della federazione si rialza, afferra l’avversaria e l’abbranca, tirandola su bloccandola per la Anarchy A… A segno! Cornelia sbatte violentemente a terra. Alice si mette a sedere, si guarda intorno, poi osserva il paletto e annuisce. Eccola andare a salire le corde tra il tripudio generale dei fan. Una volta in piedi, pare pronta per uno dei suoi march di fabbrica, il Night Time Drive. Eccola saltare… Ma Cornelia la intercetta al volo e l’abbatte con un Pop-Up European Uppercut incredibile! La giovane Angel finisce col rotolare a terra fuori dal ring, tenendosi il volto tumefatto dalla gomitata dell’Austrian Blacksmith. Cornelia, furiosa, la segue passando le corde. Qui la vediamo prendere a calci la ragazza gridandole frasi sconnesse in tedesco. Dopo di che eccola guardare direttamente in camera e fare un sorriso feroce. L’Empress of Pain abbranca Alice Angel caricandosela in spalla, la rovescia, e la mette in posizione di Piledriver! Oh, no! Don’t do it! Don’t do it!

Immagine


Terribile Piledriver su Alice Angel, direttamente sull’acciaio! La giovane lottatrice finisce immobile a terra, tramortita dalla devastante mossa di Cornelia. Questa si rimette in piedi e osserva il risultato della manovra con un sorrisetto dipinto sul volto. Dopo di che eccola afferrare Alice per un braccio e trascinarla verso il ring. L’Austrian Blacksmith molla Alice, passa le corde, poi fa per riprenderla per un braccio… Ma interviene a sorpresa Viola Vixen! La Toxic Avenger non è riuscita a evitare il supplizio inferto alla giovane Angel, ma con gli occhi iniettati di sangue, riesce a sferrare un Superkick da fuori il ring direttamente sul volto di Cornelia! Mentre la Vixen si accascia nuovamente, l’austriaca, una volta incassata la Gates are Open, barcolla a centro ring, dove Elektra Kellis la stende con uno Spartan Kick! Una volta atterrata la pericolosa avversaria, Elektra non perde tempo e inizia a chiuderla nella Wolfess’ Bite! Dopo averle bloccato le gambe, eccola afferrarle un braccio! Ma Cornelia reagisce in modo feroce e le impedisce di completare la mossa! Elektra allora molla tutto, le si butta sopra, e la chiude in una Bridging Crossface!

Immagine


Attenzione! Cornelia è in difficoltà! Eccola dimenarsi come può e cercare di ribaltare l’avversaria, che però tiene duro. Dopo diversi secondi, ecco che l’austriaca inizia a cercare di rompere la presa usando le braccia… Ma interviene Brunild Wagner! Interviene Brunild Wagner! La lottatrice tedesca, il viso una maschera di sangue, sia affianca all’avversaria di sempre, storce via il braccio destro di Cornelia, e lo chiude attorno a sé forzandolo in una Kneeling Fujiwara Armbar, imitando Beverly Bayley!!!

Immagine


Doppia sottomissione! Doppia sottomissione sull’Austrian Blacksmith, che ora si ritrova assolutamente senza via di scampo, senza possibilità di ribaltare la mossa sfruttando le sue doti fisiche, senza possibili alleate a liberarla, e senza la chance di raggiungere le corde per salvarsi dato che siamo nella Chamber Zero... Il referee si tuffa a terra e inizia a chiedere ripetutamente alla donna se cede. Dopo diversi secondi di inutile resistenza, di grida rabbiose e di imprecazione, alla fine Cornelia è costretta ad arrendersi, battendo debolmente l'unica mano libera a terra! Ha ceduto! Ha ceduto!

Spoiler:
JR: Cornelia has been eliminated!

Sia Brunild, che Elektra, mollano la presa sull’austriaca, che viene spinta via dall’arbitro delicatamente in direzione del lato di uscita dalla gabbia. Mentre Brunild ed Elektra arretrano verso due angoli opposti pulendosi il sangue, Viola Vixen prende posto con difficoltà a un terzo angolo. Alice Angel, invece, è ancora a terra fuori dal ring che si tiene la testa e scuote il capo, stordita dal colpo micidiale subito. Nel frattempo vediamo Cornelia lasciare la Chamber Zero imbufalita, tenendosi la testa e il braccio, gridando promesse di vendetta e insultando official e arbitri che la scortano verso il backstage. Le tre rimaste in piedi si scambiano sguardi che neanche la sequenza finale de il buono, il brutto e il cattivo e poi partono una addosso all'altra. Elektra carica un Bite the dust verso Brunild che evita ma finisce nella Hurricanrana di Viola! La Vixen si rialza ed Elektra la prende alle spalle e la miete con l'ElektraShock!

Immagine


Ma la campionessa viene travolta da un Brunild's Kiss non appena in piedi! Barcolla pesantemente e finisce su un ginocchio ma si rialza prontamente e Brunild le fa ingoiare un secondo Brunild's Kiss! Elektra finisce di nuovo in ginocchio, sputa un grumo di sangue dalla bocca e ringhia. La valkyria va con uno sliding Brunild's kiss ma Elektra riesce a scansarsi di lato all'ultimo istante. Cala un knee drop sul collo e poi la afferra per la cinta. Con fatica la solleva per un Deadlift German quando Viola torna in corsa nella partita e cinge a sua volta Elektra alla vita dando il via ad una catena di German Suplex!

Immagine


Viola si dirige verso Brunild che rotola vai per schienarla ma viene abbattuta da uno Springboard dropkick improvviso di Alice Angel! Viola viene fiondata via ed Alice la raccatta immediatamente e mette a segno il Revolution Fire, il suo rolling release suplex! Copre per lo schienamento: 1, 2, no! La rialza e la manda alle corde con una irish whip ma Viola si stoppa alle corde. Alice le corre contro ma la mora si abbassa e fa finire la Anarchy red sull'acciaio, no, con l'agilità di un gatto la ragazza atterra in piedi! Viola se ne avvede e la stordisce con un forearm smash. La raggiunge sulle grate ma Alice attacca all'improvviso e la ribalta con un'impressionante Spanish fly sull'acciaio! Botta tremenda per la schiena di Viola che urla a squarcia gola come una dannata.

Immagine


Alice si riporta in piedi ed osserva dentro al ring dove Elektra si sta rialzando. La campionessa le sorride e le fa cenno di farsi sotto. La Angel non se lo fa ripetere e va faccia a faccia con la campionessa ma non appena mette piede nel ring Brunild torna in piedi e la blocca per un German Suplex. Alice però si libera, si porta alle sue spalle e la spinge in avanti dove la tedesca finisce vittima di un double knee facebuster di Elektra! L'urto porta Brunild di nuovo verso Alice che la stende con la Twist of Light! Ma attenzione, Elektra tira giù la angel con un roll-up: 1, 2, no! La midnight hunter è ancora in gioco e riesce a connettere un Enziguiri Kick sul collo di Elektra che digrigna i denti e si blocca sul colpo. La Angel ne approfitta e mette a segno un altro Enziguiri. Elektra barcolla tenendosi il collo ed Alice va all'angolo per prendere la rincorsa. Parte in corsa per la Half-Light ma Elektra riesce ad intercettarla con un Lariat improvviso! Alice però torna immediatamente in piedi ed impala Elektra con una ReverseRana! La campionessa rimane immobile dopo l'ennesimo colpo al collo ed Alice sale sulla terza corda. Sale in piedi, calcola le misure... e sposta lo sguardo dietro di lei sul tetto della cella! Alice si arrampica sopra la camera per il boato del pubblico. Si alza in piedi, con un leggero tremolio di gambe, si aggrappa alle catene del tetto per assicurarsi l'equilibrio e guarda l'abissale distanza che la separa da terra. Prende un respiro profondo mentre il pubblico intona i "Please don't die!" e si prepara all'enorme volo ma la Killer Queen torna in piedi! La giovane ragazza si blocca per un secondo ed Elektra balza sopra al paletto. Afferra la hunter ad una gamba ma questa la scalcia via, la greca si aggrappa al plexigas per non cadere. La Anarchy Red con cautela sporge una gamba per spingerla giù ma la greca evita e riesce a beccare il volto di Alice con un dritto sinistro in salto! Alice viene presa in pieno ed Elektra si mette sulle punte per riuscire ad afferrarla al collo. La afferra ad una gamba, mio dio... Super superplex dalla cima della cella!

Immagine


Volo incredibile per le due! Elektra impiega un po' di tempo per riuscire a strisciare sopra di Alice e quando lo fa si accorge che è rotolata fuori dal ring. Con una smorfia si rialza e la va a prendere ma Brunild la attende ad un angolo alle sue spalle. La tedesca fischia per attirare la sua attenzione e non appena la campionessa si volta la travolge con una Friendship impressionante, che le sbalza attraverso le corde, ed Elektra finisce sull'acciaio!

Immagine


Elektra si tiene la pancia dolorante, incapace di muoversi. Emette lamenti di dolore e Brunild la rialza ed allora la greca scocca una testata improvvisa! Brunild indietreggia ma risponde con una testata a sua volta! Ed ancora testata di Elektra! Le fronti insanguinate delle due guerriere continuano a collidere, seconda testata di Elektra, terza! Irish whip che manda Brunild contro il plexigas! Alice tenta di tornare in piedi ma il tremendo piledriver subito sulle grate deve farsi sentire perché ha un mancamento e cade a terra tenendosi la testa. La greca adesso carica in corsa verso la rivale di sempre ma questa la blocca prendendola alla vita! La ribalta in aria... E la schianta attraverso il plexigas con un Belly to Back suplex! Il plexigas si rompe quando viene attraversato dal collo della campionessa!

Immagine


Elektra rimane bloccata dove un tempo c'era la cella, immersa tra frammenti di plexigas. Emette dei forti lamenti di dolore, senza riuscire a muoversi. Rimane così scomposta, con una gamba finita tra le catene della parete. Continua a singhiozzare per il dolore e Brunild... viene asfaltata da un Suicide Dive di Viola che la spinge contro la parete di catene! La Vixen torna di corsa nel ring e connette un secondo Suicide dive, questa volta oltre la terza corda, ed abbatte Brunild! Ora la carica sulle spalle per la Burning Hammer ma la tedesca riesce ad afferrarsi alle corde ed evitare che Viola la atterri. Scalcia e si dimena e riesce a scendere dalle spalle di Viola, tornando nel ring. Viola la segue poco dopo ma non appena entra viene abbattuta dal jiu jitsu takedown. Brunild la carica sulle spalle per la mossa della notte delle streghe. Viola si dimena e fa indietreggiare Brunild. Riesce a scendere ed atterra sulle grate. Tenta un Gates are open da fuori a dentro ma Brunild evita e la sua gamba rimane bloccata sopra la terza corda. La valkyria cala un colpo sulla gamba iperestesa, sale velocemente sulla seconda corda e cala un double axe handle sulla gamba! Viola riesce a ritrarre la gamba dolorante. Brunild si sporge oltre la seconda corda e come Viola è in posizione adatta si getta fuori aggrappandosi al collo di Viola e farla precipitare con una Valkyrie DDT sulle grate!

Immagine


Viola si rialza stordita, si passa una mano sulla fronte e la ritrova imbrattata di sangue. La mora sembra abbastanza preoccupata dalla fuoriuscita del sangue mentre Brunild la manda con una irish whip contro la parete di catene. La tedesca indietreggia mentre la Vixen rimane contro la parete. Parte in rincorsa ma Viola riesce a spostarsi all'ultimo e spingere Brunild contro le catene! La valkyria finisce di petto sulle catene e si gira dolorante verso Viola che ne approfitta per caricarla sulle spalle... BURNING HAMMER SULLE GRATE! BURNING HAMMER SULLE GRATE! MAMMAMIA!

Immagine


Mio dio, Viola impala Brunild con una Burning Hammer sull'acciaio! Impiega qualche secondo per recuperare le forza ed a fatica striscia sopra la valkyria. L'arbitro accorre subito fuori ring per il conteggio: 1... 2... 3... NO! Brunild esce all'ultimo istante! Viola sbuffa e si passa di nuovo una mano sulla fronte, trovandola ancora più coperta di sangue. Si rialza ed afferra Brunild quando la spartana le si avvicina! Barcollante peggio di un'ubriaca, cammina raso alla parete, sfruttandola per non cadere. Zoppicante si avvicina a Viola ma cade faccia a terra! Viola la osserva impietosita per un istante poi la prende per il collo, le passa una gamba attorno alla testa e la schianta con la Scissored DDT, no! La campionessa con un grido di forza si tira su, caricandosi Viola, e la schianta con una powerbomb addosso alle catene!

Immagine


La schiena infortunata di Viola viene grattugiata contro la parete e gran parte delle ferite dovute all'attacco di Alisa si riaprono! Elektra crolla di nuovo ma si rialza dopo qualche secondo. Afferra Viola e la chiude nel double underhook. Miodio, vuole provare la Song of Ice and Fire sulle grate! Fortunatamente però Viola rimane ancorata al tappeto ed Elektra non ha la forza di alzarla. Lascia la presa e le prende il volto tra le mani piantandole un ginocchio in faccia! Adesso la prende in posizione cradle, SHAZAM! No! Viola riesce a farla indietreggiare verso le corde e farla cadere attraverso facendo cadere entrambe dentro il ring. Le due impiegano molto tempo prima di riuscire a rialzarsi con l'ausilio delle corde. Come zombie si avvicinano una all'altra, Elektra carica uno Standing Bite the Dust... a segno! Viola indietreggia fino alle corde... Rebound Lariat! La greca crolla, si mette in ginocchio, a gattoni ma crolla di nuovo. Si fa forza sulle braccia e si rialza, Viola da dietro le afferra un braccio e la ruota... ACID RAINMAKER! Ma Viola non lascia andare il polso di Elektra! Con un grande sforzo la riporta in piedi spingendola verso di lei: seconda Acid rainmaker! NO! Ginocchiata volante di Elektra! Viola rimane stordita, Elektra crolla su un ginocchio ma ancora si rialza. La prende in posizione cradle, con uno sforzo sovrumano trova la forza per sollevarla in aria... All-new SHAZAM!

Immagine


Elektra crolla sopra la mora, è la fine dei giochi per lei: 1... 2... 3... SI! NO! Viola alza la spalla! Viola alza la spalla! Elektra non trova le forze neanche per lamentarsi. Con fatica si rialza e la chiude ancora nel Double underhook ma non riesce a sollevarla. La riempie di colpi sulla schiena e tenta ancora il sollevamento col double underhook ma Viola crolla in ginocchio e lei non riesce a sollevarla e la lascia andare. Adesso le prende le braccia, indietreggia un passo: Bohemian Rhapsody! No, Viola stacca un braccio e con l'altro riesce a tirare Elektra verso di sè: ACID RAINMAKER! Mantiene il polso e la tira ancora a sé. Questa volta Elektra non ha via di scampo e subisce una seconda completa Acid Rainmaker ma no! Elektra crolla a terra esausta prima che Viola possa mettere a segno il colpo!

Immagine


Anche Viola finisce a terra ed impiega un po' di tempo prima di riuscire a rialzarsi. Si avvicina ad Elektra e la rialza, Elektra crolla con la faccia sul suo petto. Viola la carica sulle spalle per la Burning Hammer ma miracolosamente Elektra riesce a scendere alle sue spalle, cadendo a terra. Balza in piedi e con una testata volante colpisce Viola sul petto! Seconda e terza testata! La prende in posizione cradle e cade all'indietro, quasi involontariamente: SHAZAM! SHAZAM a segno! Con grande fatica adesso la rotola e le rimane sdraiata sopra per il pin: 1... 2... 3... NO! Viola è ancora in gioco! Elektra si aggrappa all'arbitro per riuscire a rialzarsi, nuovo tentativo di Song of ice and fire ma di nuovo il sollevamento non le riesce e Viola crolla in ginocchio. Elektra le riafferra le braccia e questa volta mette a segno il Bohemian Rhapsody! Non la lascia: secondo Bohemian Rhapsody consecutivo! Tenta ancora di sollevarla col double underhook ma nulla da fare. Sposta la presa attorno alla vita ed ora riesce a sollevarla... SONG OF ICE AND FIRE!

Immagine


Elektra riesce finalmente a mettere a segno una variante della sua manovra definitiva e crolla senza forze sopra le gambe dell'avversaria: 1... 2... 3... SI! Elektra riesce ad eliminare Viola!

Spoiler:
JR: Viola Vixen has been eliminated!

Elektra rimane a terra esausta mentre un gruppo di paramedici entra nella gabbia, solleva la Vixen e la aiutano ad uscire dalla struttura infernale sotto gli applausi scroscianti del pubblico. La campionessa non ha tempo di recuperare fiato che Alice Angel sgattaiola sulla terza corda: SYH! Mio dio, Alice connette la See you in heaven all'improvviso su Elektra!

Immagine


Copre per lo schienamento: 1... 2... 3... NO! Elektra non molla! Alice la tira subito su ma lei risponde con una testata improvvisa! Segue con un Double knee facebuster che stordisce Alice facendola voltare e connette anche l'ElektraShock! A malapena la campionessa riesce a reggersi in piedi, tira fuori un grido di battaglia e la solleva, Superkick improvviso di Alice! Elektra le dà le spalle e lei la branca per la sua Unprettier: Anarchy A! NO! Elektra si stacca e la solleva per la vita, chiude la full nelson: Wolfess Suplex che la manda sulle grate!

Immagine


Elektra è in fiamme, vede Brunild che sta rientrando nel ring e la asfalta con un Bite the Dust! Corre alle corde, secondo Bite the Dust! La prende in posizione cradle: All-new SHAZAM! All new SHAZAM su Brunild! Elektra ce la può fare! Ma Brunild rotola sulle grate e lei non riesce ad afferrarla in tempo. La campionessa si mette le mani tra i capelli, col fiato corto. Ennesimo sforzo per rialzarsi, si sporge dalle corde per acciuffare la valkyria ma Alice torna nel ring e la colpisce con una 619 improvvisa sull'addome! Elektra indietreggia dentro il ring, cade su un ginocchio ed Alice la asfalta con la Half-Light! Half-light! Alice mette a segno la sua finisher sulla campionessa e copre per il pin: 1... 2... 3... NO! ELEKTRA NON HA INTENZIONE DI PERDERE! Alice la rialza e la stende con la Twist of light, no, Elektra la spinge alle corde e con una clothesline la manda sulle grate! Miracolosamente riesce a seguirla senza cadere, la rialza e la manda a testa in giù. Barcolla un attimo ma poi riesce a trovare l'equilibrio. Altro grido di guerra, 360... MARIEANTOINETTE SULL'ACCIAIO!

Immagine


MioDio, secondo piledriver sull'acciaio per Alice questa sera! Elektra le crolla sopra per il pin: 1... 2... 3... NO! Neanche Alice ha intenzione di andarsene troppo in fretta! La bionda si tiene la testa con lo sguardo assente mentre la greca si rialza con una smorfia di dolore aggrappandosi alle catene. Getta Alice dentro il ring e poi sale sulla terza corda. Afferra Alice e la fa salire con lei, la abbranca ad una gamba ed al collo: SUPER SHAZAM! NO! Alice si aggrappa alla corda con una mano! Elektra perde la presa per la troppa fatica, Alice le piazza la testa sopra di lei e con uno sforzo di schiena la manda al tappeto con un backbody drop! Elektra atterra sul collo con un grande lamento di dolore. Alza un braccio in aria senza riuscire a muovere nient'altro mentre Alice guadagna la terza corda. Alice sale in piedi... ed ancora una volta si arrampica sulla cima di una cella! Elektra agita le braccia in aria tentando di rialzarsi o di trovare un appiglio per aiutarsi ma non riesce a fare nulla. Crolla con le braccia a terra, tenta di girarsi piantano un braccio a terra ma crolla. Urla di disperazione mentre delle lacrime si fanno strada tra la maschera di sangue sul suo viso. Alice è in cima alla cella, in iperventilazione, con le mani aggrappate al tetto, osservando la campionessa sotto di lei. La diciottenne riesce a trovare la forza per gettarsi... SEE YOU IN HEAVEN! SEE YOU IN HEAVEN DAL TETTO DELLA CELLA!

Immagine


Alice vola per sette piedi ed atterra sulla campionessa perfettamente! Elektra non grida più, non si lamenta e non si muove, gli occhi sbarrati. Alice striscia verso di lei e le poggia un braccio sopra: 1... 2... 3... SI! O mio dio, la campionessa è appena stata eliminata! L'indistruttibile Elektra Kellis è stata rotta, il suo regno infranto! Questa sera avremo una nuova campionessa!

Spoiler:
JR: Elektra Kellis has been eliminated!

La porta della gabbia si apre mentre Elektra non si muove minimamente. L'arbitro controlla le sue condizioni e fa un segno ai paramedici che entrano con una barella. Con cautela mettono il collare e spostano sulla barella la ormai ex campionessa. La sollevano ed escono dalla gabbia sotto la preoccupazione del pubblico. Percorrono la rampa ed Elektra alza un braccio per poi posarlo sul volto per coprire le lacrime che fuoriescono copiosamente ma non può coprire i singhiozzi di disperazione. Il pubblico le riserva una standing ovation mentre i paramedici la trasportano nel backstage. L’attenzione ora si sposta completamente all’interno della gabbia, dove vediamo Alice Angel strisciare a fatica verso le corde e girarsi, tenendosi la testa. Poco lontano Brunild Wagner si è appena messa a sedere, il sangue che le scorre ancora copiosamente dalla ferita al volto. La Valkyria si guarda un’attimo intorno, vede solo Alice e inizia stranamente a ridere. Dopo di che il suo sguardo incrocia la giovane Angel. Brunild sospira, fa uno sforzo e si rimette in piedi aiutandosi con le corde, dopo di che eccola tornare dentro il ring e barcollare verso Alice. Quest’ultima prova a reagire, ma è troppo debilitata e perde l’equilibrio, finendo quasi con l’abbracciare la tedesca… Che l’atterra violentemente con un Valkyrie Takedown!

Immagine


E schienamento immediato a forza. 1… 2… e 3! No!!! Ennesimo kickout sul filo di lana da parte di Alice Angel. La Valkyria si pulisce il sangue dalla faccia, si mette in ginocchio e osserva l’avversaria, che allunga un braccio e prova ad aggrapparsi a lei. La tedesca scuote il capo, si alza in piedi, e si toglie platealmente i guanti MMA, gettandoli via. Poi trascina su nuovamente la Angel e le sferra un pugno, mandandola a barcollare all’indietro. Alice si volta e le si fa nuovamente incontro. Altro pugno violento della Valkyria. La Angel finisce all’angolo. Poi torna in avanti. Terzo violento pugno dello Smiling Crow. Niente da fare, Alice non si arrende. Quarto pugno. Quinto pugno.La One Winged Angel cade a terra davanti all’International Sensation. Ma poi le afferra un piede e cerca di rialzarsi per l’ennesima volta. Brunild scuote il capo, si guarda intorno, quasi commossa, infine tira su Alice con uno strattone, le dice qualcosa e se la carica sulle spalle. Vuole porre fine a tutto con una Geheimnisnacht!!! No! No! Alice si scuote all’ultimo istante, atterra, sferra un calcio a Brunild, e connette un’altra improvvisa Twist of Light!

Immagine


Le due lottatrici finiscono entrambe a terra, stordite ed esauste. Mentre passano i secondi, il pubblico si infervora e grida a gran voce i nomi di queste due magnifiche rappresentanti della disciplina. Dopo un po’, ecco che Alice Angel dà i primi segni di vita. Eccola tirarsi su a fatica, prendere una breve rincorsa, e schiantare a terra Brunild con una Something In The Way!!! Alice ricade poi a terra per diverso tempo, dopo di che eccola rinunciare al conteggio, tirarsi su, afferrare per un piede Brunild e girarla in posizione ideale per l’angolo. Poi, tra le grida del pubblico dell’Oracle Arena, la One Winged Angel punta il dito verso l’angolo. E va ad arrampicarsi! Come a Homeland! Come a Homeland! Alice si tira su a fatica, portandosi in equilibrio precarissimo. Poi è pronta per la Broken Wings!... No!!! Con uno scatto dettato dalla disperazione, Brunild Wagner dà fondo alle proprie energie e si tuffa verso Alice, facendola cadere malamente a sedere sul paletto! Subito dopo ecco che vediamo la lottatrice di Ravensburg tirarsi su a forza, afferrare l’avversaria, e caricarsela sulle spalle! Brunild compie rapidamente un paio di passi verso il centro del ring, e nonostante un altro tentativo di liberarsi da parte di Alice, mette a segno la sua Valkyrie Profile: Brunild!!!

Immagine


Geheimnisnacht connessa con successo! Nel momento decisivo dell’incontro, l’inerzia pare passata dalla parte della tedesca, che ora si tira su con le forze residue e le lacrime agli occhi. Eccola scavalcare Alice Angel, rimasta immobile a terra, e arrampicarsi con due balzi sul paletto dando le spalle al ring… Dopo di che il tempo sembra quasi fermarsi mentre tutti assistiamo al volo mortale della Valkyrie Profile: Sylmeria…

Immagine


A segno! A segno! A segno! E schienamento decisivo! Schienamento decisivo! Il referee si tuffa e batte la mano a terra… 1… 2… e 3!!!!!!!!!! E’ FINITA! E’ FINITA! E’ FINITA! BRUNILD WAGNER HA VINTO LA PRIMA, STORICA, CHAMBER ZERO FEMMINILE! BRUNILD WAGNER FINALMENTE E’ RIUSCITA A CORONARE IL SUO SOGNO PIU’ GRANDE DA QUANDO E’ IN TWC, DIVENTANDO LA NUOVA TWC WOMEN’S WORLD CHAMPION!!!

Spoiler:
JR: The winner of this match, by pinfall, and… Neeeeew... Undisputed TWC Women’s World Champion… Bruniiiiild Wagneeeeer!!!!!

Mentre nell’aria risuona la theme dei Puscifer, vediamo Brunild Wagner rotolare accanto ad Alice e mettersi poi a sedere respirando a fatica. Il volto della tedesca è una maschera di sangue mista a lacrime. Eccola passarsi le mani sul viso per ripulirlo, dopo di che la Valkyria si abbassa e dice qualcosa all’orecchio di Alice, dandole una carezza e poi alzandosi in piedi con difficoltà. La porta della granitica Chamber Zero viene aperta e un official dà il titolo mondiale all’arbitro, che lo consegna a Brunild Wagner, alzandole il braccio in segno di vittoria tra gli applausi generali. La tedesca si guarda intorno con un caldo sorriso sul volto ferito, poi ricade in ginocchio, rimirando la cintura e stringendola a sé, quasi non fosse vero. Nel frattempo l’attenzione si sposta su Alice Angel, che vediamo essere aiutata a passare le corde e fatta uscire dalla Chamber a spalla da due official. Mentre risale la rampa, la giovane lottatrice riceve una standing ovation da parte dei fan per la grande prova disputata, e per aver retto fin quasi alla fine in modo incredibile nonostante i due terrificanti Piledriver subiti sull’acciaio. Una volta che Alice è rientrata nel backstage, le immagini tornano su Brunild Wagner, in piedi al centro del ring, che alza al cielo nuovamente la cintura e poi fa la taunt della Bruderschaft Der Krahe Incorporated. Subito dopo la Valkyria lascia lentamente il ring ed esce dalla Chamber a sua volta. La vediamo risalire la rampa pian piano tra gli applausi del pubblico e una volta arrivata in cima, girarsi e salutarli alzando la cintura. Ma ecco spuntare un gruppo di persone dal backstage che l’applaude e tutti indossano la maglietta con cui si è presentata all’incontro.

Spoiler:
ImmagineImmagineImmagineImmagine
ImmagineImmagineImmagineImmagine


Si tratta delle persone che hanno da sempre accompagnato la carriera della tedesca in giro per il mondo, Sigfried Jaeger, Gunther Schmidt, e degli amici più cari della tedesca, Fritz Mayer, Ullrich Muller, Dieter Hoss, Ludwig Weber, Agnes Schneider, ma soprattutto Sylmeria Sorensen. Questa va per prima ad abbracciare a lungo l’amica, tenendole poi il volto con le mani, sussurrandole belle parole, dopo di che la Valkyria viene letteralmente seppellita di abbracci e carezze dai suoi amici. Infine il Mastino e il Corvo se la caricano sulle spalle sollevandola tra il delirio dei fan. E con le immagini del trionfo finale di Brunild Wagner al termine di un match incredibile, si chiude un’altra avvincente pagina di storia della divisione femminile della TWC. Il regno fantastico di Elektra Kellis è finito, inizia ora l'Era della Valkyria. E noi andiamo direttamente in pausa cedendo la linea alla zona interviste, dove ci attende il mitico Daniel Carson.





Up Next: Daniel Carson with a special guest


Ultima modifica di Elban Rattlesnake il 15/12/2017, 22:41, modificato 1 volta in totale.

Top
 Profilo  
Rispondi citando  

Re: TWC - Zero Hour 2017
MessaggioInviato: 15/12/2017, 22:39 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: 24/12/2010, 18:48
Messaggi: 12423
Località: Baretto Kurabu
E dopo gli spot natalizi della TWC, le immagini si spostano nell’area interviste dell’Oracle Arena di Oakland, California!

Immagine


Qui troviamo l’esimio Daniel Carson, in compagnia di un ospite veramente importante.

DC: Ladies and gentlemen, è qui con noi l’unico e inimitabile Akuma “Pain” Fujihara.

L’obiettivo della telecamera si allarga ed ecco arrivare il leggendario wrestler giapponese.

Immagine


Mr. Pain, in completo nero elegante, si toglie gli occhiali da sole e rivolge un ghigno in camera. Nel frattempo alle spalle dei due ecco ammassarsi la cricca del Demone, ovvero Tanaka, Hiroshima, Nagasaki e Felisin.

ImmagineImmagineImmagineImmagine


Carson osserva un attimo il gruppo, deglutisce, poi si rivolge al suo interlocutore.

DC: Ehm… Mr. Pain, prima di parlare dell’incontro tra Jack Keenan e Vincent Cross, ha per caso qualcosa da dire riguardo il bellissimo Chamber Zero Match per il TWC Women’s World Championship appena finito?

Akuma aggrotta lo sguardo e incenerisce con gli occhi l’intervistatore.

FJH: E secondo te cosa diavolo dovrei dire di un match insignificante del genere?! Sai quanto me ne frega delle donnine della TWC, dei loro sacrifici, dei loro sogni, dei loro incontri irreali e sciocchezze varie?!

Il giapponese fa un gesto eloquente con la mano.

FJH: Zero.

Poi schiocca le dita e guarda malamente Carson.

FJH: Toglietemi di torno questa nullità.

Daniel sgrana gli occhi.

DC: Eh?! Mah… Io non ho fatto nul…

Improvvisamente i due colossi dell’Atomic Club afferrano l’intervistatore e lo trascinano via a forza. Mentre si sentono le grida e le proteste di Carson affievolirsi, Pain Fujihara si sistema la giacca, con Tanaka e Felisin che gli si portano accanto. Dopo di che eccolo rivolgersi alla telecamera.

FJH: Molto bene, “carissimi” fan della TWC… Quello a cui state assistendo è uno show che passerà alla storia. Non certo per l’inutile Chamber Zero appena finita o per l’altro incontro delle donnine. Non per la distruzione della Lega dei Pagliacci Straordinari. Non per l’umiliazione di quel parassita di Murdock. Non per l’altra Chamber Zero praticamente già vinta dal mio amico Big Black Boom. E sicuramente non per l’incontro per il titolo mondiale meno interessante della storia della federazione…

Akuma scuote il capo.

FJH: No, questa sera a fare la storia della Total Wrestling Corporation, sarà l’incontro che vedrà terminare una volta per tutte la triste saga di Reginald Rossen per mano del mio allievo prediletto, Jack Keenan.

Il Demone continua.

FJH: Due settimane fa, dopo l’insensato e barbaro gesto compiuto da Reginald ai danni dell’adorabile famiglia Keenan, un disperato Jack mi ha chiesto aiuto a cuore aperto. Io, in quanto Demone della Leggenda e benefattore, non me la sono sentito di rifiutare, accettando di sottoporlo a un allenamento “speciale”…

Mr. Pain fa un ghigno.

FJH: E ora, sono particolarmente lieto di annunciare a tutti voi, che qui a Oakland assisterete alla nascita di un nuovo Jack Keenan. Più forte rispetto al passato, più determinato, più consapevole dei propri mezzi, ma soprattutto una creatura riforgiata nel dolore, più cattiva e affamata di vittorie che mai.

Akuma alza un dito.

FJH: Ora, se Reginald Rossen avesse un po’ di sale nella zucca, dopo quello che ho appena detto se la darebbe a gambe in quattro e quattr’otto. Ma lui ha la testa bacata, piena di vermi, e perciò gli auguro di gustarsi fino in fondo il sapore delle sofferenze a cui sta per andare incontro.

Poi il Legend’s Creator conclude.

FJH: Per quanto riguarda invece il resto delle mezze cartucce e dei clown che amano farsi chiamare “eroi”, ho da dire solo una cosa: quando sono arrivato in TWC ho detto chiaramente quali erano i miei intenti, ovvero portare Jack Keenan a dominare questa federazione in lungo e in largo, scatenando il caos. Ma voi vi siete messi a ridere come dei deficienti… A Nemesis!, con la distruzione di Andy Moon, avete ricevuto il primo avvertimento. Ma voi ci avete ignorati ancora una volta… Questa sera, a Zero Hour, abbiamo in pasto per voi il secondo avvertimento, ossia l’annientamento del vostro amico Vincent Cross. Così vedremo se avrete ancora da ridere come cretini… World creates lies, Pain can be trusted!

Subito dopo Fujihara gira i tacchi e se ne va via ridacchiando, seguito dappresso da Felisin e Tanaka. Pausa per noi, ci rivediamo tra poco per il prossimo match!





Up Next: Singles Match - Lance Murdock vs. Sanshkin


Ultima modifica di Elban Rattlesnake il 15/12/2017, 23:15, modificato 2 volte in totale.

Top
 Profilo  
Rispondi citando  

Re: TWC - Zero Hour 2017
MessaggioInviato: 15/12/2017, 22:50 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: 24/12/2010, 18:48
Messaggi: 12423
Località: Baretto Kurabu
E' tempo del match tra Sanshkin e Murdock, e la posta in palio è in alta. In caso di sconfitta Sanshkin dovrà cedere la maschera mentre Murdock dovrà riconoscere il valore del suo avversario. Ed ecco che la theme del dragone risuona e Sanshkin fa la sua comparsa sullo stage.



Immagine


Con calma percorre la rampa fino a raggiungere il bordo ring. Sale sui gradoni ed entra nel ring tra seconda e terza corda ed attende l'avversario.



Immagine


La theme di Murdock risuona ed il diavolo compare sullo stage, senza il suo tipico mantello, e corre velocemente durante la rampa. Scivola sotto il ring e scatta addosso all'avversario ma viene frenato dall'ufficiale che lo fa indietreggiare e poi fa suonare la campanella.

SINGLES MATCH:
LANCE MURDOCK VS SANSHKIN


I due si incontrano in un clinch che Sanshkin spezza mandando a terra Lance con la forza. Il diavolo si rialza, indispettito, e riprova il clinch salvo però finire nuovamente a terra. Di nuovo in piedi alza un braccio in aria per una prova di forza, Sanshkin fa altrettanto ma sfrutta l'altezza maggiore e il suo braccio svetta ben più in alto di quello di Murdock. Lance allora scarica la mano aperta che ha in aria sul petto di Sanshkin con una chop. Con un paio di pugni lo fa indietreggiare fino alle corde e qui lo manda all'altro lato con una irish whip e al ritorno lo stende con una DevilRana! Sanshkin viene sbalzato via e rotola fuori dal ring, calciando i gradoni per la rabbia. Lance ghigna e lo incita a tornare nel ring ma Sanshkin la prende con calma, girando attorno al ring. Lance allora prende il rimbalzo delle corde e vola oltre la terza corda. Sanshkin si scansa prontamente per evitare il colpo ma Murdock si è limitato a finire sull'apron. Coglie di sorpresa Sanshkin con un calcio alla faccia e ora vola davvero con un Asai DevilSault!

Immagine


Lo afferra e lo sbatte contro le barricate. Lo schianta sulla rampa con una Tornado DDT usando le barricate come sponda. Lo spinge a terra e poggia uno stivale sulla sua faccia per poi saltare sopra le barricate e connettere un Devilsault su Sanshkin a terra! Lo indica con scherno ed urla al pubblico di ammirarlo e vedere quanto è patetico. Si becca una scarica di fischi e manda Sanshkin contro i gradoni d'acciaio che si spostano per l'urto. Lo allontana con un calcio nell'addome per poi salire sui gradoni e volare su di lui con una shooting star press! Urla al pubblico di ammirare quanto sia ridicolo. Ora gli prende la faccia con due mani e gli urla in faccia che la sua maschera è una bugia per poi spingerlo di muso contro il paletto d'acciaio! Ora rotola dentro al ring per azzerare il count out. Si sposta sull'apron mentre Sanshkin gattona dolorante, cercando di tornare in piedi. Murdock urla al pubblico di ammirare la sua miseria, incapace persino di alzarsi in piedi e poi si getta su di lui con un Apron shooting star double knee drop!

Immagine


Sanshkin torna a terra mentre Murdock ghigna soddisfatto, urla che è un lavoro facile mentre si dirige verso il tavoli degli annunciatori e lo sparecchia. Raccoglie Sanshkin e lo trascina per la maschera fino a farlo salire sopra il suddetto tavolo. Lo rialza e lo afferra al collo e lo solleva leggermente per i pantaloni schiantandolo sul tavolo con una Elevated DDT! Il tavolo però non si rompe, Murdock scalcia Sanshkin giù da esso e gli urla che è così incapace da non riuscire neanche a rompere un tavolo. Scende anche lui, il count out sta arrivando al limite, perciò Murdock butta Sanshkin dentro al ring e lo segue, salvo poi tornare subito sull'apron. Sale in cima al paletto urlando durante la salita che il match è già finito perché Sanshkin non è in grado di offrire una prestazione decente. Giunto in cima si porta in piedi, prende l'equilibrio e vola: si avvita in aria e... CONNETTE L'EXCELSIOR! Murdock mette già a segno la sua manovra definitiva!

Immagine


Con nonchalance copre Sanshkin, urlando che è stato facile, e conta con le dita il conto dell'arbitro: 1... 2... 3... NO! Sanshkin riesce ad alzare la spalla! Murdock strabuzza gli occhi per poi riempire il volto dell'avversario di pugni. Gli urla che non deve permettersi e torna di nuovo in cima al paletto. Si prepara alla seconda Excelsior consecutiva, modo in cui sconfisse Michael Edwards ad Alpha Horizon, prende il volo, si avvita in aria, atterra... Sulle ginocchia alzate del dragone! Lance finisce dall'altro lato del ring tenendosi l'addome dolorante. Entrambi i contendenti rimangono a terra per alcuni secondi, Murdock è il primo a portarsi in piedi, furioso, ed afferra Sanshkin per la maschera. Il Dragone però scatta in piedi e si carica Murdock sulla schiena, schiantandolo con la Damnation!

Immagine


Copre per lo schienamento: 1, 2, no! Lo rialza e lo getta alle corde, asfaltandolo con un Big boot al ritorno. Lo riempie di stomp sull'addome. Murdock tenta di sfuggire ma Sanshkin continua il pestaggio. Lo rialza, scivola alle sue spalle, e lo manda lontano con un Dragon Suplex! Murdock, stordito, si riporta in piedi e Sanshkin lo fa vittima di un altro Dragon Suplex! Questa volta mantiene la presa così da poter connettere comodamente il terzo che lo manda addosso all'angolo! Lo rialza, prendendolo alle spalle, e così lo piazza sopra al paletto. Lo chiude in una full nelson, mio dio, vuole tentare un Dragon Suplex dal paletto! Lance però pone resistenza e riesce a staccare Sanshkin prima che chiuda la presa. Lo afferra al collo con entrambe le mani e si arrampica sul paletto per la Poetry in Motion, la sua Asai DDT ai più nota come Sliced Bread #2 sennò dopo rompete il cazzo che non si capiscono le signature, ma Sanshkin lo stoppa con un violento pugno al centro della schiena e lo scaraventa con un improvviso Dragon Suplex!

Immagine


Che botta tremenda per Lance Murdock che atterra di collo, Sanshkin si sbriga a coprirlo per il pin: 1, 2, no! Sanshkin si rialza e posiziona Murdock tra le gambe, lo afferra per il costume sollevandolo in aria... Mio dio, piledriver di Sanshkin! Nuovo pin: 1, 2, no! Sanshkin posiziona nuovamente Murdock tra le gambe e lo solleva, questa volta gli cinge una gamba: Gotch style piledriver! Sanshkin tremendo, ancora una volta tentativo di pin: 1, 2, no! Sanshkin urla di rabbia ed inizia a sbattere la testa di Murdock sul tappeto. Lo scaraventa con violenza dall'altro lato del ring. Lo rialza, Murdock si regge a malapena in piedi, e finisce addosso a Sanshkin per non cadere. Questo gli passa un braccio attorno al collo e lo trascina a terra con una Reverse STO! Velocemente tira su le gambe mentre stringe le braccia attorno al collo del diavolo, passa anche esse attorno al collo e lo chiude nella 280216!

Immagine


Sanshkin chiude Murdock nella sua sottomissione più letale, andando ad infierire sul collo. Lance stringe i denti e striscia cercando di raggiungere le corde, dopo un grande sforzo riesce ad afferrarle! Al conto di tre dell'arbitro Sanshkin finalmente lascia la presa. Rialza Murdock e lo butta alle corde, qui però Murdock si ferma invece di prendere il rimbalzo. Sanshkin gli corre contro ma Murdock alza le ginocchia e lo stordisce. Non fa in tempo a passare all'offensiva però che il dragone gli va nuovamente contro e con una clothesline lo manda fuori dal ring! Scivola anche lui fuori dal ring, recupera Murdock che stava strisciando via afferrandolo per il costume da dietro e lo rialza. Lo abbranca alla vita e lo scaraventa sopra i gradoni d'acciaio con il Mark of Liar!

Immagine


Murdock ritrae la schiena per la botta presa e cade dai gradoni. Striscia via dolorante, si aiuta con il tavolo dei commentatori per rialzarsi ma arriva Sanshkin in corsa che lo travolge e lo fa finire dall'altro lato. Il dragone sale sul tavolo e recupera l'avversario, portandolo sopra con lui. Lo alza afferrandolo alle spalle per la vita: Mark of Liar sul tavolo dei commentatori, e questa volta esplode! I due finiscono a terra, Murdock è immobile mentre Sanshkin si rialza dopo pochi secondi. Rotola nel ring per azzerare il count out ed esce di nuovo. Osserva Murdock e poi si dirige verso l'altro tavolo dei commentatori! Inizia a smantellarlo ma Murdock gli salta addosso sulla schiena! Lo inizia a colpire con dei pugni sul volto mentre il dragone si dimena e si scuote. Si scuote così violentemente da riuscire a scrollarsi Murdock di dosso. Lo afferra di nuovo attorno alla vita, lo solleva e con un terzo Mark of Liar lo manda dritto di collo sul tavolo dei commentatori ancora apparecchiato!

Immagine


Lance rotola a terra, immobile ora. Sanshkin continua ad accanirsi sul collo di Murdock ed ora lo rispedisce dentro al ring. Copre per lo schienamento: 1, 2, no! Sanshkin lo rialza e lo chiude in un Double underhook, ribaltandolo per una Dragon Bomb, NO! Murdock a mezz'aria riesce a mettere a segno una DevilRana! Osserva Sanshkin a terra tenendosi il collo, con il fiato corto. Si poggia sopra di lui ed inizia a calare colpi pesanti e caricati sulla faccia di Sanshkin. Gli tira la maschera come a volerla strappare. Con il volto contratto dalla rabbia si alza in piedi ed inizia a calare degli stomp sul dragon fino ad arrivare alle sue spalle. Lo porta a sedere ed inizia a riempirlo di una serie di gomitate incredibili tra spalla e collo. Stessa sequenza che ha portato alla vittoria con la Blood Eagle contro Sean Morgan!

Immagine


Adesso però non applica la Blood Eagle ma sfrega il gomito sulla fronte di Sanshkin, quasi a consumare la maschera. Affonda le unghia nel tessuto a voler aprire un varco. Visti gli scarsi risultati ora prende la maschera dal bordo inferiore e tenta di sfilarla ma è legata strettamente e non si muove. Murdock lascia la maschera furioso e si getta ripetutamente su di Sanshkin con delle ginocchiate e double axe handle in caduta. Lo tempesta di stomp sulla faccia, fuori controllo dalla rabbia. L'arbitro lo richiama ma lui neanche lo sente e continua a pestare Sanshkin. L'ufficiale è costretto ad intervenire fisicamente ma Murdock, sovrappensiero, lo spinge via! L'arbitro finisce a terra e Murdock rimane bloccato per un attimo. Ripresa consapevolezza rotola subito fuori dal ring e solleva il telo sotto una pioggia di fischi. Dopo alcuni secondi riemerge dal telo con un paio di forbici in mano. Le impugna come un coltello e risalito nel ring le pianta nella fronte di Sanshkin! Riesce ad aprire un varco nel tessuto ed anche nella pelle, di fatti il drago inizia a sanguinare. Adesso le apre ed inizia a tagliare, esponendo un occhio di Sanshkin! Il dragone però riesce finalmente a reagire e colpisce con un backfist Murdock all'orecchio. Balza in piedi, caricandosi Lance durante la salita, e lo schianta con la Death of the Dragon! Lo tira subito su e lo ribalta nuovamente, con un double knee backbreaker!

Immagine
Immagine


Prende in mano le forbici ma poi le getta fuori ring, vuole ammazzarlo con le sue mani. Gli serra le mani attorno alla gola, strangolandolo, e con questa presa lo porta in aria. Lance scalcia in aria mentre va in debito d'ossigeno! L'arbitro, stordito, si sta rialzando e quindi Sanshkin butta l'avversario a terra con una two handed chokeslam. Lo rialza, lo chiude con un double underhook e questa volta riesce a connettere la Dragon Bomb! Lo ribalta e lo chiude di nuovo in un double underhook, seconda Dragon Bomb!

Immagine


Copre per lo schienamento: 1, 2, 3, no! Murdock riesce ad uscire all'ultimo. Riesce a portarsi a malapena in ginocchio, stremato. Sanshkin corre alle corde e lo butta giù con El mago reluciente! Con le braccia tremolanti Lance riesce con fatica a portarsi ancora in ginocchio e Sanshkin lo secca con un Discus Roundhouse Kick! Il dragone lo rialza e lo carica sulle spalle. Murdock riesce a trovare la forza di reagire e prende a gomitate la faccia di Sanshkin, gli gira attorno e mette a segno Caput Mundi! NO! Sanshkin lo ferma, lo rigira e lo getta a terra con una Running Powerslam! Sanshkin lo rialza e Murdock tenta il Pelè Kick ma il dragone evita con facilità facendolo schiantare sul terreno. Lance dà fondo a tutte le sue energie e balza di nuovo in piedi. Tenta il wrath of the devil ma Sanshkin lo blocca e lo butta giù con l'ennesimo Mark of Liar! Lance striscia verso le corde, dolorante, senza riuscire a mettere a segno uno dei suoi colpi. Il dragone si avvicina ma lui si sposta col torso oltre la prima corda invocando il rope break. Murdock è nel panico e si sposta sull'apron tentando di elaborare una strategia. Sanshkin lo va a raccogliere e lo afferra per i capelli e questa volta riesce a mettere a segno il Pelè Kick! Atterra però di schiena sulla parte più dura del ring e non riesce a capitalizzare. Quando riesce a tornare in piedi Sanshkin lo travolge con uno shoulder block che lo scaraventa fuori dal ring, addosso alle barricate! Lentamente Murdock striscia verso il ring, sempre più dolorante, e Sanshkin neanche si degna di andarlo a recuperare. Lance con difficoltà rotola dentro il ring. Sanshkin lo prende e lo trascina a centro ring. Murdock tenta di controbattere con dei pugni all'addome del mascherato che però neanche lo scalfiscono. Sanshkin lascia giocare l'avversario e quando si stufa lo prende per un braccio ed una gamba e lo carica con facilità sulle sue spalle. Lo catapulta... Dragon's Fire!

Immagine


Sanshkin mette a segno la sua manovra definitiva e Murdock prende un altro terribile colpo sul collo. Sanshkin lo copre per lo schienamento: 1, 2, 3! ... SI, Sanshkin riesce ad aggiudicarsi già la vittoria!

Spoiler:
THE WINNER OF THIS MATCH BY PINFALL: SANSHKIN


Muedock si porta a sedere, tenendosi il collo, con il fiato corto. A bocca aperte e gli occhi strabuzzati, completamente shockato dalla situazione. Rimasto senza parole osserva l'arbitro che alza il braccio a Sanshkin. Ma le parole farà bene a trovarle in fretta, Sanshkin rotola giù dal ring e recupera un microfono. Torna dentro e lo sbatte sul petto di Murdock che lo guarda confuso. Rimane a guardarlo a testa bassa, lo prende in mano e si rialza mantenendo la testa bassa.

LM:Sanshkin... Sanshkin... Sanshkin è un avversario degno, ho sbagliato giudizio sul suo conto.

Lance lascia cadere il microfono ed esce dal ring, percorre la rampa mantenendo il capo chino fino a tornare nel backstage mentre Sanshkin ride sul ring. Ennesima fine dell'anno amara per il povero Lance Murdock, cosa ci riserverà il futuro? Per scoprirlo restate con noi.





Up Next: TWC World Tag Team Championship - Tables, Ladders & Chairs Match - League of Extraordinary Gentlemen (c) vs. Every Virtue Ends


Top
 Profilo  
Rispondi citando  

Re: TWC - Zero Hour 2017
MessaggioInviato: 15/12/2017, 22:57 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: 24/12/2010, 18:48
Messaggi: 12423
Località: Baretto Kurabu
Zero Hour continua! Siamo arrivati adesso a un altro degli incontri titolati della serata. Tra poco infatti, gli eroici campioni della League of Extraordinary Gentlemen metteranno in palio i titoli di coppia vinti a War of Change e difesi con successo a Homeland e Nemesis!, in un terrificante TLC Match contro i temibili sfidanti noti come Every Virtue Ends.

Immagine


Dopo una panoramica sul pubblico in festa dell’Oracle Arena di Oakland, la parola passa immediatamente alla bellissima Jessica Rose, pronta per introdurre l’incontro.

Immagine


JR: Ladies and gentlemen. The following contest is a Tables, Ladders and Chairs Match for the World Tag Team Championships!!!!!

Boato assordante del pubblico californiano per l’annuncio, dopo di che inizia la spasmodica attesa per l’ingresso dei lottatori. Poi all'improvviso l'Oracle Arena di Oakland si fa tutta buia.



Una nuova canzone risuona forte nell'arena, accompagnata da un fumo rosso che lentamente per tutta l'uscita dal backstage arrivando a circondare un trono posto in cima alla rampa, su questo trono vediamo seduto Damien.

Immagine


Il membro degli EVE mostra un sorriso abbastanza inquietante sul suo volto, continuando a voltarsi per scrutare attentamente tutta l'arena. Dopo qualche istante, il Devil Incarnate si alza in piedi facendo a sua volta partire quattro fiammate lungo lo stage, con il wrestler che si trova esattamente a metà, tra le due fiamme alla sua destra e le due alla sua sinistra. Sul titatron, rimasto nero fino a quel momento, appare una scritta:

Titatron ha scritto:
You Say
I'm A Freak
I Say
I'm Free


E con queste parole il trono posto al centro dello stage viene ribaltato da un lato, cortesia di Sean Morgan che entra così nell'arena raggiungendo il suo tag team partner all'inizio della rampa.

Immagine


I due si guardano negli occhi, per poi voltarsi e puntare verso il ring.

JR: Introducing first, the challengers. Making their way to the ring. For a combined weight of 401 pounds, from Kansas City, Missouri, and Parts Unknown, they are “The Orphan” Sean Morgan and “The Sinner” Damien… Every! Virtue! Eeeeends!!!!!

I membri degli Every Virtue Ends vengono accolti da tanti fischi, ma a loro sembrano non importare, difatti nulla li distrae durante la loro camminata lungo la rampa, accompagnati dall'unico fascio di luce che illumina in questo momento l'arena. E' una luca rossa, accesa e terrificante, che li accompagna passo passo verso il quadrato. Giunti dentro le corde torna la luce in tutta l'Oracle Arena e possiamo notare come entrambi gli sfidanti abbiano addosso la maglietta già indossata da Morgan durante l'ultimo Indoor War.

Immagine


Morgan si posiziona in un angolo, seduto sulla terza corda, mentre Damien si mette proprio sotto di lui, seduto però direttamente sul tappeto, in attesa dei campioni. Ma ecco che le luci nuovamente si abbassano e parte una serie di immagini con una theme epica in sottofondo.



Vediamo immagini di un mondo in pericolo, devastato da rivolte, disordine, atti di codardia, ridotto a caos e desolazione sotto il dominio di uomini malvagi. A un certo punto, però, ecco che le persone innocenti in fuga e senza speranza si fermano davanti a una coltre di nebbia, dalla quale emergono due eroi… Leon Black e Sigfried Jaeger. E come accade sullo schermo, ecco che dalla nebbia sullo stage, sbucano Black e Jaeger con indosso due ring attire ispirati ai leggendari Capitan America e Thor, provocando un terremoto di giubilo da parte del pubblico dell’Oracle Arena.

ImmagineImmagine


Mentre sul titantron vediamo il proseguo della storia, con la gente rincuorata che si unisce agli eroi nella riscossa contro i malvagi, ecco partire la theme della League of Extraordinary Gentlemen!



Ecco ora Sigfried che come sempre va verso la telecamera a fare la taunt della BDK Inc., mentre Leon si porta all’inizio della rampa. Il gigante alza il braccio, mentre il pubblico ammutolisce…

Booooooooooooooooooooooooooooooooooooooooom!


Risposta che fa tremare l’arena da parte dei fan non appena Black abbassa il braccio destro. Subito dopo gli eroi avanzano verso il ring.

JR: And introducing the Champions. Making their way to the ring, for a combined weight of 609 pounds. From Chicago, Illinois, and Ravensburg, Germany, they are the reigning, defending, Undisputed TWC World Tag Team Champions, “The Unglorified Legend” Leon Black and “The Best from the West” Sigfried Jaeger… The League of Extraordinary Gentlemeeeeen!!!!!

Una volta arrivati ai piedi del ring, i TWC World Tag Team Champions si guardano intorno sorridendo, poi si avvicinano ai gradoni, salgono sul paletto da due posizioni diverse e alzano al cielo le cinture, scatenando la festa di tutto il pubblico dell’arena. A parte due persone sul ring che scuotono il capo e sogghignano. I campioni scendono nuovamente sull’apron, poi irrompono nel quadrato, alzando le cinture di fronte a Morgan e Damien, che replicano con delle ingiurie. Infine eccoli cedere i titoli al referee.

Immagine


L’arbitro alza i titoli al cielo, dopo di che va a chiuderli attorno al gancio che penzola a centro ring. Una volta fatto, ecco che i titoli salgono verso l’alto sotto gli occhi dei quattro lottatori. Ci siamo. Segnale lanciato al timekeeper! Triplice rintocco! Buon match a tutti!


Immagine

**TWC World Tag Team Championship - Tables, Ladders & Chairs Match**

League of Extraordinary Gentlemen (c) vs. Every Virtue Ends


Tutto è pronto, e la League of Extraordinary Gentlemen e gli Every Virtue Ends stanno ai rispettivi angoli. Leon Black si sta scaldando aggrappandosi alle corde e Sigfried Jaeger sta colpendo con delle gomitate le protezioni dell’angolo, mentre dall’altra parte Sean Morgan si sta scaldando il collo e Damien si è appoggiato all’angolo con gli occhi chiusi. Passano alcuni secondi, poi tutti e quattro si fermano ed iniziano a dirigersi verso il centro del ring. Le due coppie si osservano per un istante, poi iniziano di colpo a scambiarsi pugni. Sean Morgan contro Leon Black, Sigfried Jaeger contro Damien. Lo scambio continua per un po’, finché Black non prende il sopravvento su Morgan, che è costretto ad indietreggiare sotto la furia di colpi. Damien prova immediatamente ad aiutare il compagno, ma questo lo apre ad un Uppercut di Jaeger, che lo manda al tappeto. Leon nel frattempo travolge con una Clothesline Sean, mandandolo fuori dal ring, e i due membri della League si guardano, per poi annuire. Entrambi i lottatori scendono dal ring, andando ad alzare il telo del ring. Leon e Sigfried estraggono una sedia a testa, che sfruttano per colpire gli EVE, che stavano cercando di rialzarsi, per poi gettarle sul ring. Jaeger e Black non hanno alcuna intenzione di partire con il freno a mano tirato, e iniziano a prendere i giocattoli. Mentre l’European Hero continua a gettare sedie sul ring, Black estrae una pila di tavoli. Uno, due, tre, quattro, cinque, sei, sette tavoli! Il gigante afferra i primi sei e li solleva, facendoli scivolare sul quadrato, poi prende l’ultimo rimasto e lo apre sulla rampa, annuendo. Il tedesco, nel frattempo, ha buttato sul ring più sedie di quante se ne riesca a contare, ed ora è passato alle scale. Sigfried estrae una scala media e cerca di farla scivolare sul ring, ma Sean Morgan afferra il fondo, fermandolo. I due cercano di strapparsi l’oggetto a vicenda, mentre nel frattempo Damien è partito di gran carriera verso Leon Black.

Immagine


Ma il gigante non si lascia cogliere impreparato e lo ribalta con un Back Body Drop, mandandolo a spezzare il tavolo che aveva appena piazzato. L’American Knight annuisce e si dirige verso Sean e Sigfried, che stanno ancora lottando per il controllo della scala, e va a prendere l’oggetto a sua volta, annuendo verso Sigfried. I due improvvisamente spingono verso Morgan, mandandolo a sbattere contro le barricate, per poi incastrare la scala contro il ring, bloccando the Orphan. Leon e Sigfried poi vanno a recuperare un’altra scala da sotto il ring, facendola scivolare sul quadrato. Entrambi i lottatori poi rientrano sul ring, prendendo di nuovo la scala e piazzandola al centro del quadrato. Leon si piazza a tenerla ferma, mentre Jaeger inizia ad arrampicarsi, cercando di fare il più presto possibile. Ma Morgan nel frattempo si è liberato, e si getta sul ring, afferrando Sigfried per una gamba e tirandolo giù dalla scala. Sean però viene subito afferrato per il collo da Black, che tenta una Requiem. Morgan però sfrutta il movimento per saltare oltre Black, atterrandogli dietro e recuperando una sedia. Il gigante si gira e riceve una sediata in volto, che gli fa fare un passo indietro. Sean però deve subito buttare a terra la scala, visto che Sigfried si è buttato per arrampicarcisi sopra, e questo lo distrae quel tanto che basta perché Black colpisca la sua sedia con un calcio, accartocciandogliela in mano. Sigfried è riuscito ad atterrare in piedi, ma Morgan gli lancia addosso quello che gli rimane della sedia, colpendolo al volto, e Black viene improvvisamente investito da una sediata di Damien, che si è gettato dall’angolo con l’arma fra le braccia. Leon barcolla all’indietro, e Sean recupera un’altra sedia da terra, colpendolo sullo stomaco. Damien connette una sediata sulla schiena dell’American Knight, che cade su un ginocchio, e i due iniziano a tempestare di colpi sulla schiena l’avversario, fino a che questi non crolla definitivamente a terra. Sean e Damien gettano via le sedie completamente piegate, per poi andare a recuperare un tavolo e montarlo sotto un angolo. Jaeger si sta rialzando, e Morgan lo travolge con una sediata, per poi trascinarlo verso il tavolo appena montato. L’Orfano appoggia gentilmente il tedesco sul legno, per poi fare segno al Diavolo di salire sull’angolo. Damien annuisce, arrampicandosi sulla terza corda, per poi fare segno al compagno di passargli la sedia. Sean obbedisce, e lancia l’oggetto all’alleato.

Immagine


Arabian Facebuster! Damien rimane sopra Sigfried, avendo subito parte dell’impatto a sua volta, e Sean va a raccogliere la scala, tenendola come un ariete e caricando verso Black. Il gigante però riesce ad afferrare l’oggetto prima che lo colpisca, bloccando Sean. Il campione di coppia cerca di prendere la scala dalle mani del suo avversario, ma Damien interviene ancora, questa volta con una sediata al volto. Leon non poteva neppure portare le mani al volto, e si è preso tutto il colpo, ed ora crolla a terra, lasciando la scala a Morgan, che la va ad appoggiare all’angolo. Damien nel frattempo rialza il gigante, ed ora gli EVE afferrano l’American Knight e lo spingono contro la scala di schiena, mandandolo a spezzarla. Leon cade a sedere all’angolo fra i resti del pezzo di mobilio, e Damien e Morgan iniziano ad apparecchiare il campo da gioco. Sean recupera un tavolo e lo monta all’angolo opposto a quello dove c’è Leon, per poi prenderne un altro ed appoggiarcelo sopra, raddoppiando la razione di legno, mentre il Diavolo è sceso dal ring ed ha montato due tavoli appena oltre l’apron, per poi recuperare una scala e farla scivolare sul quadrato. Damien rientra sul ring a sua volta e va ad incastrare una sedia contro il volto di Black, per poi indicare il paletto a destra di quello dove sta Leon. The Sinner poi si dirige rapidamente verso l’angolo, arrampicandocisi sopra, ma Sigfried lo afferra e se lo carica sulle spalle, portandolo verso il centro del ring. Sean Morgan carica verso il tedesco con una sedia, ma Jaeger esegue una rotazione con Damien sulla schiena e connette un Nibelungen Nacht. Bellissimo Discus Big Boot, che colpisce la sedia, mandandola a sbattere contro il volto dell’Orfano. Sean crolla a terra, e Sigfried si carica in posizione di Air Raid Siren Damien, connettendo la mossa sulla scala che il Diavolo aveva portato sul ring. Entrambi i lottatori si contorcono sull’oggetto, ma Sigfried rotola via, mentre Damien rimane lì. Black si è rialzato, nel frattempo, e appoggia una sedia sul Diavolo, per poi arrampicarsi sulla seconda corda.

Immagine


Frog Splash! La sedia, la scala e Damien si danneggiano irreparabilmente! Black si rialza, tenendosi lo stomaco, e recupera una coppia di sedie, aprendole e mettendole una di fronte all’altra. Sigfried nel frattempo si è rialzato, e scende dal ring, estraendo una scala ed appoggiandola contro il tavolo dei commentatori spagnoli, per poi appoggiarne il fondo sull’apron, creando un ponte. Il tedesco annuisce e sistema una scala nello stesso modo, solo appoggiandola al tavolo dei commentatori americani. Finito il lavoro rotola dentro il ring, annuendo al compagno di tag, che nel frattempo ha sistemato altre due sedie a formare un bel piano. Sean si sta rialzando, e Sigfried va a recuperare un tavolo, mentre Black ha preso un’altra sedia e va a colpire sulla schiena il suo avversario. Sean crolla in ginocchio, e il gigante lo afferra per la collottola e lo trascina all’angolo, mettendolo a sedere e poi incastrandogli la sedia davanti al viso. Leon poi inizia a colpire la sedia con dei pugni, che diventano sempre più rapidi, fino a diventare indistinguibili. La raffica si ferma solo al cento, lasciando una sedia completamente deformata, che il gigante lancia fuori dal ring. Jaeger nel frattempo ha appoggiato il tavolo sulla seconda corda, tenendolo in equilibrio all’angolo, per poi annuire soddisfatto. Sigfried va poi a recuperare Damien, afferrandolo per i capelli e rialzandolo, ma questi connette un Low Blow, per poi recuperare una sedia e colpire in testa Sigfried. Damien avanza verso Black, ma subisce un In Memoriam in pieno volto, cadendo di nuovo a terra. Morgan però si è rimesso in piedi e si è arrampicato sulla seconda corda e connette un Flying Knee Strike su Black, mandandolo in ginocchio. Morgan barcolla e va a recuperare uno dei due tavoli rimasti ancora non montati sul ring e lo usa per caricare Leon, sbattendoglielo in faccia. Il gigante ha gli occhi vitrei, ma è ancora in ginocchio, e Sean recupera una sedia. The Orphan appoggia la testa del gigante sulla seduta, incastrandogliela sotto lo schienale, poi si dirige verso il paletto e ci si arrampica sopra.

Immagine


Diving Double Foot Stomp! La sedia si spezza, e probabilmente anche il gigante. Sean scende dal ring, andando a recuperare rapidamente una scala da sotto il ring, e facendola scivolare sul quadrato. Baseball Slide! Sigfried connette una Baseball Slide andando a fare impattare l’oggetto sul volto del suo avversario, per poi rialzarsi e afferrare il fondo della scala, unica parte rimasta sul ring, e trascinare tutto dentro. Sigfried si sistema i capelli, poi porta la scala verso il centro del ring, sistemandola per bene ed iniziando a salire. Arrivato a metà però viene interrotto da Damien, che lo afferra per la gamba sinistra, cercando di fermarlo. Jaeger però scalcia via il Diavolo e continua la sua scalata, costringendo Damien ad iniziare ad arrampicarsi dall’altro lato. The Sinner è costretto anche ad accelerare per recuperare il considerevole svantaggio accumulato rispetto al tedesco, che è a pochi passi dal recuperare le cinture. Damien riesce a colpire con un pugno al fianco il suo avversario proprio mentre sta sfiorando i titoli, fermandolo. Sigfried però risponde con un Forearm Smash, per poi allungarsi di nuovo. Damien lo recupera ancora, colpendolo questa volta alla bocca dello stomaco, e raggiungendolo in altezza. Sigfried però lo colpisce con una testata, guadagnando ancora spazio e tentando per la terza volta di raggiungere i titoli. Damien lo afferra per il braccio e lo colpisce con una gomitata. Sigfried perde per un istante l’equilibrio, e il Diavolo cerca di raggiungere i titoli a sua volta. Il tedesco però improvvisamente lo afferra per la testa e lo manda a sbattere contro il pianale della scala di viso, stordendolo. L’European Hero poi sale di un altro gradino e afferra per la vita il suo avversario.

Immagine


Sunset Flip Powerbomb! Damien rotola fuori dal ring, distrutto, ma anche Jaeger rimane a terra, tenendosi la gamba destra. Il tedesco deve aver messo giù male il piede nella manovra, e la sua gamba ha subito dei danni. Ma Leon è in piedi, barcollante, ed inizia a salire sulla scala. Non c’è nessuno per fermarlo, ed il gigante ha via libera per arrivare a titoli. Ma, quando l’American Knight è a metà salita, Sean Morgan entra sul ring con una scala a sua volta, che usa per far pendere la scala del campione, che riesce a cadere in piedi. Sean carica il suo avversario, che passa sotto la scala con una capriola e si rialza tenendo una sedia in mano. Morgan prova a colpirlo con la scala, ma Black si para con la sedia. Il gigante poi colpisce l’altra estremità della scala con la sedia, che gli si spezza in mano, permettendogli di guadagnare il tempo di afferrare Sean e connettere una fulminea DDT, facendo cadere la scala al suo avversario. Il gigante annuisce, poi si guarda intorno, osservando le ultime quattro sedie rimaste dalla pila che aveva creato Sigfried. Non sembrava possibile, ma sono quasi finite! Black annuisce e ne prende due, aprendole vicino alle altre quattro che aveva aperto in precedenza. Ora c’è un piano di sei sedie, ma Leon non ha ancora finito, e recupera le ultime due. Black le apre vicino alle altre, creando un piano da otto sedie, poi si gira, giusto in tempo per bloccare la scala che gli ha lanciato Sean. Morgan però si getta fulmineamente sulla scala che Black sta inavvertitamente tenendo diritta, cercando di arrivare a recuperare il titolo al volo, ma il gigante non ci sta e si mette sulle spalle la scala, riuscendo ad afferrare per la testa e per la vita Sean, bloccandolo in una posizione di Fireman’s Carry, solo con la scala fra i due. Leon annuisce, poi inizia a girare su sé stesso. Airplane Spin! Black gira per circa trenta secondi prima di appoggiare Sean a terra, gettando poi via la scala. Morgan barcolla, stordito dalle rotazioni, mentre Black a sua volta ci mette un attimo a ritornare pienamente operativo. Leon poi colpisce Sean con un European Uppercut, mandandolo a coricarsi sulle otto sedie. Black annuisce, voltandosi e dirigendosi verso il paletto, iniziando ad arrampicarcisi sopra. Arrivato sulla terza corda indica il suo avversario, ma questi si alza di colpo e lo raggiunge sulla terza corda.

Immagine


SUPERPLEX ATTRAVERSO TUTTE E OTTO LE SEDIE! Black e Morgan si contorcono a terra, nei resti delle sedie distrutte. Ma ecco che Sigfried si è rimesso in piedi, leggermente claudicante, spostando una scala e prendendo l’altra. Il tedesco sistema l’oggetto precisamente al centro del ring, annuendo, per poi massaggiarsi la gamba destra, cercando di riprendere sensibilità. Eccolo che inizia lentamente a scalare, quando improvvisamente viene colpito sulla schiena da un tavolo lanciato da Sean Morgan. The Orphan si è rialzato, e ferma l’ascesa del suo avversario, per poi montare il tavolo dietro di lui. Sean guardava un istante il tavolo, poi raggiunge Sigfried, afferrandolo per una Powerbomb, cercando di schiantarlo sul legno. Jaeger però risponde con una serie di pugni al volto, fermando l’intento malvagio del suo avversario, per poi riuscire a scendere, toccando con i piedi per terra, prima di essere colpito nello stomaco da un tavolo. Damien si è unito alla festa, colpendo il tedesco con l’ultimo tavolo rimasto. Sigfried si piega a metà, mentre Sean si è ripreso a sua volta, e va ad afferrarlo, pronto per sollevarlo per uno Stereo Suplex. Damien annuisce e si unisce alla festa, e i due sollevano Jaeger. No! Sigfried riesce a tenersi ancorato al terreno, e risponde con una serie di gomitate, guadagnandosi un po’ di spazio. Sean indietreggia, e Sigfried sfrutta il momento per colpire con una ginocchiata al volto Damien. Anche il diavolo indietreggia, e Sigfried scatta in avanti, connettendo un Bicycle Knee Smash, che fa crollare a terra Damien. Sigfried barcolla all’indietro, tenendosi la gamba destra, e Morgan carica verso di lui.

Immagine


Scoop Powerslam! Il tedesco trova la forza per schiantare Morgan sul tavolo, infrangendolo. Sigfried osserva da terra la scala, ancora in posizione perfetta, poi inizia a trascinarsi verso la vittoria, senza nemmeno rimettersi in piedi. Il campione di coppia arriva fino alla scala, osservandola dal basso, per poi iniziare a salire, cercando di fare forza solo sulla gamba sinistra. La scalata è lenta, ma il tedesco arriva praticamente alla cima, quando improvvisamente Damien si rialza e gli afferra la gamba destra, incastrandogliela fra i pioli. Sigfried si tocca la gamba, che ora si sta torcendo in maniera innaturale, e Damien lo afferra per il busto, tirandolo indietro. Sigfried si sbilancia e rimane appeso in posizione di Tree of Woe, con la sola gamba destra a sostenere tutto il peso. Damien cade a sedere, stanco, poi si rimette in piedi e inizia a colpire con dei pugni sul viso Sigfried, bloccandolo definitivamente. Il diavolo poi inizia a salire la scala, passando dal lato opposto rispetto a quello del suo avversario, ma arrivato a metà viene bloccato da Leon Black, che si è finalmente rialzato. Il gigante blocca a metà salita il Diavolo, afferrandolo per la vita con un braccio e tirandolo giù. Damien sbatte di sedere a terra, e Black fa un passo indietro, per poi rifilargli una El Mago Reluciente. Bella Shining Wizard di Black, che poi si rimette in piedi tenendosi la schiena. Leon si avvicina al suo compagno di tag, cercando di aiutarlo, ma Morgan lo assale da dietro, iniziando a colpirlo con una serie di colpi alla nuca. Black si gira, rispondendo con dei pugni, e i due iniziano a scambiarsi colpi a centro ring. Leon sembra avere la meglio, ma Sean improvvisamente parte con un calcio diretto alle parti basse. No! Black para il colpo con un calcio di sinistro, ruotando su se stesso e colpendo il suo avversario con una gomitata di destro. Sean crolla in ginocchio, e Black lo afferra per il collo, pronto per una Requiem. Sean però colpisce il braccio dell’avversario con le mani, liberandosi il collo, per poi tentare un braccio teso, schivato dal suo avversario, che poi lo afferra per un braccio, tentando una Irish Whip, ribaltata.

Immagine


Irish Whip sui due tavoli all’angolo, che si spezzano! Black rimane al tappeto fra i pezzi di legno, mentre Morgan si rialza e riprende a salire sulla scala, ancora dal lato opposto a dove sta penzolando Sigfried. The Orphan si sforza di arrampicarsi il più velocemente possibile, e riesce ad arrivare in cima, fino a sfiorare i titoli. Sigfried, però, nel frattempo, è riuscito a passare la gamba sinistra nella scala, ed improvvisamente, solo di forza di addominali, si tira su, arrivando ad affrontare Sean faccia a faccia. Jaeger inizia a riempire di colpi al volto il suo avversario, che è ancora con le braccia alzate. Morgan è costretto ad aggrapparsi alla scala per non cadere, e Sigfried sfrutta l’istante per sistemarsi meglio, sfilando le gambe da dove sono incastrate. Morgan colpisce il tedesco con una testata, per poi allungarsi di nuovo verso i titoli, ma il Best from the West lo colpisce con una serie di pugni allo stomaco, fermandolo di nuovo. Sean allora afferra la testa di Sigfried e la struscia contro la parte più alta della scala, per poi fare un passo in su e allungarsi ancora verso la vittoria. Sigfried, per quanto stordito, riesce però ad afferrarlo e a caricarselo sulle spalle in posizione di Fireman’s Carry. Sean si agita ed inizia a tempestare di gomitate la testa del suo avversario, costringendolo a scendere di un gradino per non cadere. Morgan però non si ferma, e continua con i colpi, che lentamente costringono Sigfried a fare tutta la scala, fino a riportare entrambi a terra. The Orphan non smette con i colpi, e devasta la testa dell’European Hero, costringendolo in ginocchio e riuscendo a mettere i piedi a terra. Sean prova a fare un passo indietro, ma Sigfried si rialza di colpo, sollevandoselo ancora sulle spalle.

Immagine


Samoan Drop! Sigfried usa le sue ultime energie per connettere un Samoan Drop direttamente sul tavolo. Il tedesco rimane riverso vicino a Morgan, mentre Damien si sta rialzando. Il ring è un insieme di schegge di legno e ferraglia accartocciata, ma il Diavolo si dirige subito verso la scala, cercando di salire. Sigfried, però, da terra, la calcia, facendola cadere a terra. Damien osserva l’oggetto un istante, poi sospira ed inizia a pulire il ring con un piede, spazzando via da buona parte del ring resti di sedie, tavoli e scale. Finito questo lavoro di pulizia si dirige verso Sigfried, afferrandolo per i capelli e rialzandolo. Il Diavolo trascina il suo avversario fino all’angolo, dove lo corica sul tavolo in equilibrio sulla seconda corda. Damien si passa una mano nei capelli, poi inizia ad arrampicarsi, ma viene raggiunto da Leon Black, che lo trascina lontano dal paletto, cercando di connettere un German Suplex. The Sinner però colpisce il suo avversario con una gomitata e gli passa alle spalle, tentando a sua volta un German Suplex, per connettere la sua Plague. Black però è troppo pesante, e Damien non riesce a staccarlo da terra. Black si volta e connette un European Uppercut, che fa barcollare all’indietro Damien. Leon parte in corsa e connette una Running Clothesline, per poi rimbalzare alla corde e connettere un Discus Clothesline. L’American Knight rimbalza ancora, connettendo una Jumping Clothesline. NO! Damien lo intercetta con la scala, sbattendogliela contro durante il salto, e la scala si spezza a metà. Il Diavolo poi afferra Black e lo getta fuori dal ring, annuendo, per poi dirigersi di nuovo verso Sigfried, che si sta rimettendo in piedi. Damien lo colpisce con dei pugni sul volto, rimettendolo lentamente coricato sul tavolo, per poi lentamente iniziare ad arrampicarsi di nuovo sul paletto. Arrivato sulla terza corda si guarda intorno, per poi dare la schiena al ring e prepararsi a saltare, quando Sigfried si rialza di nuovo in piedi e lo va ad afferrare. Il tedesco cerca di proiettarlo con un German Suplex, ma Damien si afferra alle corde e glielo impedisce, rispondendo con una serie di testate all’indietro, che portano lentamente il campione di coppia a barcollare. Damien si gira e finalmente riesce a domare di nuovo il Best from the West, ributtandolo sul tavolo. Il Diavolo barcolla leggermente, poi si rimette in posizione e si prepara a saltare, mettendosi in piedi.

Immagine


Moonsault! Ed il tavolo va in mille pezzi! Damien cerca di rimettersi in piedi, ma barcolla vistosamente, e riesce solamente ad appoggiarsi alle corde. Nel frattempo, fuori dal ring, Black ha aperto tre tavoli, mettendoli uno di fianco all’altro vicino all’apron. Sean invece si sta rialzando, e cammina zoppicante fino dal Diavolo, appoggiandosi vicino a lui. Gli Every Virtue Ends parlano un istante, mentre Black ha recuperato un altro tavolo, e lo fa scivolare dentro il ring. Il gigante poi prende un ultimo tavolo dall’ultimo lato lasciato libero e lo monta vicino all’apron, per poi rotolare sul quadrato. La Unglorified Legend si mette in piedi e annuisce, facendo segno ai suo avversari di farsi sotto. Gli EVE lo osservano per un istante, poi annuiscono, caricando verso di lui. Black impatta contro Damien e Morgan, e i tre iniziano a scambiarsi colpi. Per qualche istante gli sfidanti sembrano avere la meglio, ma Leon improvvisamente risponde con una serie di gomitate, creandosi lo spazio necessario per afferrare per il collo Damien. Morgan però ritorna alla carica con una Chop, fermando gli intenti dell’American Knight. Sean poi connette una serie di Forearm Smash, facendo indietreggiare il suo avversario. Damien nel frattempo recupera il tavolo e lo apre, per poi correre verso Black, tentando una Clothesline. Il gigante però evita il colpo e connette un In Memoriam, stendendo il Diavolo, lasciandosi però scoperto nei confronti di Morgan, che lo colpisce con un Discus Lariat sulla nuca, mandandolo a terra. The Orphan afferra per la testa il gigante e lo trascina verso il tavolo appena aperto, rialzandolo e afferrandolo per un Suplex. Tentativo di sollevamento da parte di Morgan, che non va a buon fine, visto che Leon rimane ben incollato al terreno. Sean scuote la testa, poi afferra meglio il suo avversario e cerca di sollevarlo nuovamente, ma è Black a sollevare lui. Relase Suplex! NO! Black fa atterrare in piedi il suo avversario, afferrandolo per il collo.

Immagine


REQUIEM! Che transizione! Il gigante barcolla, avvicinandosi alle corde per aggrapparcisi, ma Damien sfrutta il momento per saltargli sulla schiena, applicandogli una Sleeper Hold. Il gigante prova a scrollarsi di dosso il suo avversario, ma il Diavolo ha una bella presa, e non si stacca per alcun motivo. Black cade su un ginocchio, e Damien annuisce, soddisfatto, ma improvvisamente il suo avversario si rialza, caricando verso un angolo e mandandoci a sbattere il Diavolo di schiena. Damien però non lascia la presa, e quindi Black è costretto a fare un’altra corsa, sbattendo sull’angolo opposto. Questa volta the Sinner è costretto a lasciare andare, e Black connette un Uppercut che manda il suo avversario all’angolo. Leon barcolla all’indietro, tenendosi il collo, mentre Damien cerca di allontanarsi dal paletto. Corner Splash! La Unglorified Legend travolge il suo avversario, schiacciandolo in un angolo. Damien crolla a sedere, mentre il gigante si appoggia alle corde. Leon si passa una mano sul viso, poi afferra il Diavolo e lo solleva, mettendolo a sedere sulla terza corda. Il gigante poi inizia ad arrampicarsi a sua volta, pronto per una Super Requiem. La Unglorified Legend, infatti, ha afferrato lo sfidante per il collo, ma Damien inizia a colpirlo con una serie di pugni al busto, salvandosi per il momento. Leon cerca di mantenere l’equilibrio, e scende sulla seconda corda, permettendo a Damien di colpirlo con un paio di testate. Black connette però una gomitata direttamente al viso del suo avversario, facendolo accasciare sulla terza corda. Il gigante si tiene, evitando di cadere, poi cerca di nuovo di raggiungere la terza corda, quando, improvvisamente, il Diavolo ha un guizzo di energia e lo colpisce con un doppio calcio alle ginocchia, facendolo cadere indietro ed impattare di viso contro la protezione del paletto. Damien annuisce, mentre Black barcolla indietro. NIbelungen Nacht! Discus Big Boot di Sigfried Jaeger, che si è appena rialzato, ed investe a piena forza Damien, facendolo accasciare di nuovo sul paletto. E Black non perde tempo, sfruttando l’occasione per afferrare per il collo il Diavolo e lanciarlo.

Immagine


SUPER REQUIEM DIRETTAMENTE SUL TAVOLO SINGOLO FUORI DAL RING! Black e Jaeger si guardano un istante, poi annuiscono, scendendo dal ring ed alzando la copertura, estraendo una scala e facendola scivolare sul quadrato. I due poi ne prendono un’altra e Black la prende in consegna, portandola dove ci sono le due scale in equilibrio fra Apron e tavoli dei commentatori, appoggiandola perpendicolare alle altre due, a formare una “H”. Nel frattempo Sigfried ha estratto un’altra scala e l’ha fatta scivolare sul ring, ed ora ne estrae un’altra ancora. Sigfried rientra sul quadrato con l’ultima scala e la appoggia contro le corde, facendone un simpatico piano inclinato. Poi recupera una delle due scale libere e la appoggia contro l’angolo. Il tedesco annuisce, mentre Black rientra sul ring e prende l’ultima scala, piazzandola al centro del ring e facendo segno al suo compagno di salire. Sigfried annuisce ed inizia la scalata, mentre Leon tiene ferma la scala. Jaeger percorre un bel po’ di strada, ma improvvisamente Morgan carica Black con una sedia, colpendolo alla schiena, per poi lanciare l’oggetto contro il tedesco, che ha quasi raggiunto i titoli. Sigfried si blocca, inarcando la schiena, e Morgan lo raggiunge, afferrandolo per la gamba destra e tirandolo a sé, caricandoselo in spalla per la Kansas Bomb. Sigfried però risponde con una serie di pugni al volto, riuscendo a impedire al suo avversario di connettere con la sua manovra finale, per poi scendergli dalle spalle e colpirlo con un Forearm Smash alla nuca, facendo poi un passo indietro e partendo per la Blitzkrieg. Sean si abbassa ed evita il colpo, per poi spingere il suo avversario alle corde.

Immagine


BACK BODY DROP SULLA SCALA! Che si spezza! Sigfried si rotola a terra, tenendosi la schiena, mentre Black si sta rialzando alle corde. Morgan lo vede e prende la rincorsa, buttandosi su di lui con una Clothesline che getta entrambi fuori dal ring. I due atterrano più o meno in piedi, con Black che si prende la parte peggiore della caduta, e Morgan lo colpisce subito con una serie di pugni al volto, costringendolo in ginocchio. Sean si guarda intorno, poi osserva la costruzione di scale vicino al tavolo dei commentatori, ed afferra per la testa Leon, lanciandolo contro il paletto d’acciaio di faccia. Black rotola verso le barricate, mentre Sean recupera quattro tavoli, portandoli lentamente verso le scale ed iniziando ad appoggiarceli sopra. Il lavoro prosegue per qualche istante, e The Orphan crea un piano di quattro tavoli, che coprono perfettamente lo scheletro di tre scale. Morgan poi recupera la Unglorified Legend, sollevandolo ancora per la testa, e lo fa rotolare sull’apron, per poi salirci sopra a sua volta. Sean sale a sua volta e afferra Black per la testa, rialzandolo lentamente, per poi piazzarselo fra le gambe, pronto a sollevarlo per una Powerbomb. Morgan lancia un urlo e tenta il sollevamento, ma Black si aggrappa alla seconda corda e sfrutta il suo peso per impedirglielo. Sean non ci sta e lo colpisce con vari pugni alla schiena, poi tenta nuovamente di sollevarlo, ma Black ancora una volta si salva. The Orphan scuote la testa, poi colpisce con una serie di colpi sul fianco il suo avversario, tentando il terzo sollevamento, ancora una volta infruttoso. Ed improvvisamente Leon scatta in avanti, mandando Morgan a sbattere di schiena contro il paletto d’acciaio. Sean si accascia a sedere sull’apron, mentre Leon si aggrappa alle corde per non cadere. L’American Knight si dà un paio di schiaffi sul volto, quasi a volersi svegliare, poi guarda il suo avversario lì seduto e lo va ad afferrare, sollevandolo e mettendolo a sedere sulla terza corda. Cosa ha in mente il gigante? Black inizia ad arrampicarsi a sua volta, raggiungendo la cima del paletto ed annuendo, per poi prendere il braccio di Morgan e piazzarselo sul collo. NO! NO! NO! Black sta pensando di connettere un Superplex verso l’esterno del ring! Leon si mette in piedi sulla terza corda, e parte.

Immagine


SUPERPLEX VERSO L’ESTERNO DEL RING! ATTRAVERSO I TAVOLI E LE SCALE! Tutto si rompe! Le scale, i tavoli, i lottatori! Gli arbitri accorrono a controllare la situazione dei due lottatori, e dopo qualche secondo di preoccupazione, fanno segno che l’incontro può procedere! Tutti i lottatori di questo match hanno subito ben più di quanto dovrebbe subire un corpo umano, ma stanno continuando a combattere! Sul ring, nel frattempo, Sigfried Jaeger sta dando segni di vita, rialzandosi. Il tedesco zoppica vistosamente, ma si dirige verso la scala, ancora aperta a centro ring, perfetta per raggiungere i titoli. Il Best from the West afferra la scala e tenta di salire il primo gradino, ma Damien ribalta l’oggetto, impedendogli di iniziare la salita. Sigfried e il Diavolo si guardano negli occhi, poi Damien parte, afferrando Jaeger per la Devil Kiss, ma il tedesco spinge via il suo avversario e poi parte, facendo un giro su sé stesso. BLITZKRIEG! L’impatto è così forte che Sigfried finisce fuori dal ring, mentre the Sinner crolla a terra, tenendosi il volto, e quando lo scopre vediamo come si sia tagliato sopra il sopracciglio destro. L’European Hero cerca di rialzarsi, aggrappandosi ad un oggetto che non possiamo vedere sotto la copertura del ring, ma cade all’indietro, tirandolo leggermente fuori e rivelando la cima di una scala. Sigfried si rimette in piedi, poi afferra la scala ed inizia a farla strisciare fuori. E la scala sembra non finire mai. Boato dal pubblico, mentre Sigfried estrae da sotto il ring una scala altissima! Il campione di coppia la appoggia sull’apron, per poi farla faticosamente scivolare sul ring. Lentamente rientra anche lui, per poi portare la scala al centro del quadrato e metterla in piedi. Sigfried poi crolla al tappeto, dove afferra la scala che Damien ha ribaltato. Ancora una volta si rialza, appoggiando la fine della scala che ha raccolto alla terza corda, per poi incastrare la cima a metà di quella che ha piazzato a centro ring. Il tedesco poi sfrutta questa scala in orizzontale per issarsi su con la forza delle braccia, evitando di appoggiare così la gamba destra. Il Best from the West poi inizia la scalata di quello che gli rimane per recuperare i titoli e ottenere così la vittoria. Sigfried arriva a pochi centimetri dalle cinture, e le sfiora con la punta delle dita. RED MIST! Damien utilizza la Red Mist su Sigfried Jaeger, accecandolo! Il Diavolo è riuscito a risvegliarsi in tempo per fare di corsa buona parte dei gradini che lo separavano dal tedesco, e il resto della strada l’ha coperto con la Red Mist. Sigfried si porta le mani agli occhi, e Damien passa dall’altra parte della scala, appoggiandosi su quella messa in orizzontale e prendendo Sigfried.

Immagine


PACKAGE PILEDRIVER! La scala si piega, e Sigfried crolla a terra, svenuto, mentre Damien rimane coricato sulla scala, senza energie. Ma Black si è arrampicato sul paletto, dio solo sa con quali energie, e dà le spalle al ring. DIANA’S ARROW! Phoenix Splash direttamente su Damien, e questa volta la scala si spezza! Tutti i lottatori sono a terra, senza sensi, e per qualche secondo nessuno si muove, finché… Sean Morgan! The Orphan si rimette in piedi, un profondissimo taglio sulla nuca che sanguina abbondantemente ed una espressione spiritata in volto. Sean rotola sul ring, poi afferra la scala ed inizia la salita. Nessuno può fermarlo, è da solo, solo con i titoli! Sean sale gradino dopo gradino, arrivando alla cima della scala, e si allunga per toccare i titoli, quando Leon Black afferra il gradino più basso da terra e SOLLEVA IL LATO DELLA SCALA OPPOSTO A SEAN! LA SCALA SI RIBALTA E MORGAN CADE DIRETTAMENTE FUORI DAL RING! THE ORPHAN SI INFRANGE SUI TRE TAVOLI MONTATI DA BLACK! Che caduta! Sean si contorce fuori dal ring in preda a degli spasmi involontari, mentre Damien, Black e Jaeger sono immobili sul quadrato, uno vicino all’altro. Il primo a muoversi, forse sorprendentemente, è Damien, che rotola fuori dal ring, afferrando una sedia, che usa come gruccia, rientrando sul ring e rimettendosi in piedi. Il Diavolo alza debolmente la sedia, cercando di colpire Black che si è rimesso in piedi, ma Sigfried gliela prende da dietro, impedendogli di colpire il compagno di tag. Damien si volta, e viene colpito allo stomaco. Jaeger apre la sedia davanti a sé, poi prende Damien in posizione di Double Underhook.

Immagine


DREAM TEAM! DDT SULLA SEDIA, CHE SI ROMPE! E WHEELBARROW SUPLEX SULLA SCALA APPOGGIATA ALL’ANGOLO! Ed anche quella si rompe! Damien rotola fuori dal ring, k.o., ma anche la League of Extraordinary Gentlemen rimane a terra. Questo match ha pesato anche su Black e Jaeger. I due però lentamente iniziano a rialzarsi, aggrappandosi alle corde. I due, barcollanti, zoppicanti, si avvicinano alla scala rimasta sul ring, quella altissima, e la posizionano di nuovo al centro del ring, per poi appoggiarcisi, quasi a riposarsi. Poi i due annuiscono, iniziando a salire in contemporanea. Gradino dopo gradino la League si avvicina ai suoi titoli di coppia. Nessuno dei due degli EVE può fermarli, e la strada è spianata. Black e Sigfried lentamente continuano il loro percorso, ed arrivano quasi a poter toccare le cinture. Il gigante si allunga, sfiorando la vittoria. MA ENTRAMBI VENGONO COLPITI ALLA SCHIENA DA UNA SCALA! DAMIEN E MORGAN SONO ANCORA IN PIEDI! Gli Every Virtue Ends hanno recuperato una scala a testa e l’hanno usata per colpire la League of Extraordinary Gentlemen. Come fanno quei due ad essere ancora in questo match? Damien e Morgan colpiscono ancora sulla schiena i loro avversari. E poi di nuovo, riuscendo a far scendere entrambi i lottatori di diversi gradini. I due poi appoggiano le scale sui pioli della scala centrale, e poi sulle corde, creando due ponti. Morgan e Damien lentamente poi si arrampicano, afferrando Black e Sigfried rispettivamente, mettendosi in posizione di Powerbomb.

ImmagineImmagine


DOPPIA POWERBOMB ATTRAVERSO LE SCALE! Gli EVE hanno fermato ancora una volta la League, ma non sembrano aver finito, ed infatti rotolano entrambi fuori dal ring. Damien recupera un sacchetto, mentre Morgan prende una sedia. I due rientrano sul ring, e, mentre Sean inizia a tempestare di colpi sulla gamba destra Sigfried, il Diavolo apre il sacchetto, rovesciando per terra il contenuto. Due manette e del nastro da pacchi! Damien ridacchi, poi va ad afferrare Black e lo gira prono, afferrandogli le braccia e portandogliele dietro la schiena, per poi chiudergliele nelle manette. Ma il Diavolo non ha finito, e prende anche le altre manette, mettendo il secondo paio sempre su Black, per poi avvolgergli i polsi nel nastro da pacchi, facendo circa venti giri. Damien ridacchia, gettando via il nastro nero e poi colpendo con un calcio nei fianchi il gigante. Nel frattempo Morgan ha chiuso la gamba di Sigfried nella sedia e si è arrampicato sulla seconda corda, per poi colpire il tutto con un Double Foot Stomp. La sedia si contorce in maniera inquietante, stritolando la gamba del tedesco, e Morgan sfila l’oggetto in maniera ruvida, gettandolo fuori dal ring. Damien annuisce, poi fa segno a Sean di scalare. The Orphan annuisce, fra i fischi del pubblico, e mette il piede destro sul primo gradino, ma Sigfried gli afferra il piede sinistro. Sean lo osserva un istante, poi lo colpisce con un calcio in faccia e riprende la scalata. Dall’altra parte del ring Black si sta rialzando, e Damien lo colpisce con dei pugni al volto. Morgan ha salito qualche gradino quando Sigfried si aggrappa ancora a lui, bloccandolo di nuovo. TESTATA DI BLACK! Il gigante colpisce in pieno naso Damien, mandandolo a terra, poi si dirige verso la scala, ma il Diavolo si rialza subito e lo blocca, colpendolo con una serie di ginocchiate alla schiena. Sean colpisce con dei calci Sigfried, liberandosi ancora di lui, poi sale un altro gradino, ma il tedesco fa qualche gradino dall’altra parte solo con la forza delle braccia, per poi afferrare il suo avversario attraverso la scala, prendendogli entrambe le caviglie. Damien nel frattempo ha chiuso una Mandible Claw su Black, e sta cercando di portarlo a terra, ma Leon morde la mano del suo avversario con tutta la forza che ha, costringendolo a lasciare la presa. Damien barcolla all’indietro, tenendosi la mano, poi urla di rabbia e fa un passo in avanti, pronto a usare la sua Red Mist.

Immagine


BLUE MIST! BLUE MIST DI LEON BLACK! Questa è nuova! Damien crolla a terra, tenendosi il viso e rotolando sull’apron. Il Diavolo si rialza, tenendosi alle corde con la mano destra e cercando di pulirsi il viso con la sinistra. IN MEMORIAM! SUPERKICK IN PIENO VOLTO! Damien perde la presa con la mano destra, e cade all’indietro, svenuto, ANDANDO AD INFRANGERE I DUE TAVOLI CHE ERANO RIMASTI FUORI RING! Morgan però nel frattempo si è liberato di Sigfried, e sta andando a recuperare i titoli di coppia. Jaeger non può salire la scala perché non può usare le gambe, Black non può salire la scala perché non può usare le braccia, gli EVE hanno vinto il match! Leon osserva la situazione per un istante, poi corre verso la scala, inginocchiandosi e mettendo la sua testa fra le gambe di Sigfried, caricandoselo in posizione di Electric Chair. Leon appoggia il piede sul gradino più basso, e Jaeger afferra un piolo, e i due iniziano a scalare la scala come un uomo solo! Morgan è arrivato ai titoli, e afferra il moschettone che li tiene agganciati, aprendolo, ma improvvisamente si trova davanti Sigfried Jaeger. Sean rimane immobile un istante, le pupille che si dilatano.

Immagine


BLITZKRIEG! SEAN MORGAN PRECIPITA! Sigfried Jaeger ha la strada libera e si allunga, afferrando il moschettone. Sigfried sta sganciando le cinture, e ci riesce! Boato del pubblico, la League of Extraordinary Gentlemen ha mantenuto i TWC World Tag Team Championship!

Spoiler:
The winners of this match, and still the TWC World Tag Team Champions: Leon Black & Sigfried Jaeger, the League of Extraordinary Gentlemeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeen!


Che match incredibile! Uno scontro di resistenza in cui nessuno dei due team si è risparmiato nulla. Ma, da questo incidente d'auto, è la League of Extraordinary Gentlemen ad uscirne in piedi. Leon lentamente scende, portandosi in schiena Sigfried, che sta alzando le cinture al cielo. L'American Knight si china, facendo scendere l'European Hero, mentre un team di medici sta controllando le condizioni di Sean Morgan e Damien. Degli arbitri invece salgono sul ring, andando a tagliare il nastro che tiene bloccato Black, per poi aprire le manette con le chiavi. Il gigante annuisce, per poi dare una mano a Sigfried, che si è inginocchiato, non riuscendo ad appoggiare la gamba destra. Leon cinge la vita del tedesco con un braccio, mettendolo in piedi, e questo gli passa un braccio intorno al collo, per poi consegnarli il suo titolo. I due annuiscono, sorridendo, per poi alzare le cinture al cielo. Lentamente i due poi escono dal ring, dirigendosi verso le barricate. Leon aiuta Sigfried a scavalcare, poi lo segue, e i due si fanno un bagno di folla. Nel frattempo gli Every Virtue Ends stanno venendo accompagnati nel backstage da un team di medici. Applausi anche per loro, per aver dato una prova di resistenza e di tenacia incredibile. Ma la festa è tutta in casa della LoEG. Black e Jaeger infatti stanno posando con i titoli circondati dal resto della Lega. E sulle immagini della League of Extraordinary Gentlemen che è riuscita nella titanica impresa di rimanere completamente imbattuta per tutto il corso del 2017, noi andiamo in pubblicità. Ma non cambiate canale, che manca ancora del grande wrestling.





Up Next: ?????


Top
 Profilo  
Rispondi citando  

Re: TWC - Zero Hour 2017
MessaggioInviato: 15/12/2017, 23:00 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: 24/12/2010, 18:48
Messaggi: 12423
Località: Baretto Kurabu
Immagine


“...avvenne allora che il corpo straziato e l'anima ferita sanguinarono l'uno nell'altra; e mescolandosi in tal modo lo fecero diventar pazzo.”


Spoiler:
Prossimamente






Up Next: Singles Match - Vincent Cross vs. Jack Keenan


Top
 Profilo  
Rispondi citando  

Re: TWC - Zero Hour 2017
MessaggioInviato: 15/12/2017, 23:07 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: 24/12/2010, 18:48
Messaggi: 12423
Località: Baretto Kurabu
Torniamo in diretta e, senza introduzioni o indugi di qualsiasi sorta, è già ora di un nuovo match!



Risuona difatti immediatamente nell'arena la musica d'entrata del biker della TWC, Vincent Cross. In pochi secondi, la theme è quasi sovrastata dal rombo di un motore: dal lato sinistro della rampa d'ingresso, direttamente comunicante con il parcheggio, sbuca infatti Vincent Cross, a cavallo della propria moto.

Immagine


L'Hell Biker viene accolto da una reazione piuttosto mista del TWC Universe. Cross parcheggia la moto, che pare tirata a lucido per l'occasione, a lato della rampa d'ingresso, per poi togliersi gli occhiali da sole e dare una fugace occhiata a quel che lo circonda. Passando distrattamente la mano sulla carena della moto, Cross lascia che il suo sguardo vaghi per gli spalti; poi, appoggia gli occhiali da sole sul sellino e si avvia senza troppa fretta verso il quadrato. Vincent Cross sale sul ring e scambia due rapide parole con Thomas Kiley, che sarà l'arbitro del match, dopodichè si volta subito verso la rampa d'ingresso, in attesa dell'arrivo del proprio rivale. Ed ecco che tutto ad un tratto, le luci dell’arena si spengono. Sentiamo un paio di gridolini provenire dagli spalti, specie quando la cima della rampa d’ingresso inizia a riempirsi di fumo di colore rossiccio. Improvvisamente, il Titantron si accende e parte un video pre-registrato.

Cita:
Immagine


Keenan: Alcuni pensano che persone come me e Akuma esistano solo per arrecare dolore, ma non conoscano sulla propria pelle cosa sia il dolore.

Jack Keenan, ripreso in primo piano, pare trovarsi in una stanza immersa nella penombra.

Keenan: Non è così. Per essere un vero Pain Deliverer, è necessario aver provato molto più dolore degli altri. E’ necessario aver studiato il dolore nella propria stessa vita. E’ necessario essere cresciuti insieme al dolore.

Nel video, Keenan slaccia distrattamente il polsino della propria camicia. Il suo sguardo rimane sempre puntato nell’obiettivo.

Keenan: Nonostante ciò, non è mai scontato essere pronti a tutto. Oserei dire che, semplicemente, non è possibile. E così, io non ero pronto a vedere la casa in cui sono cresciuto bruciare davanti ai miei occhi.

Uno strano effetto ottico si mostra nello schermo: pare, difatti, che alcune piccole fiammelle scure danzino intorno alla figura di Jack Keenan.

Keenan: E’ successo ed io non ero pronto. Tuttavia, non ha importanza ora. Anzi, ripensandoci, forse era necessario che accadesse. Quando Jack Keenan, alcuni mesi fa, è andato da Akuma ‘Pain’ Fujihara per capire cosa gli servisse per diventare definitivamente il Pain Deliverer, si sbagliava. Jack Keenan non era destinato a diventare il Pain Deliverer. Jack Keenan doveva morire.

Le fiammelle, sullo schermo, non sembrano più un semplice effetto ottico: crescono di numero e dimensione e iniziano non solo a circondare JK, ma ad appoggiarsi a lui, senza per questo spegnersi.

Keenan: E, quella notte, Jack Keenan è morto. E’ morto bruciato in quell’incendio. Ma non tutto il male viene per nuocere. Già gli antichi credevano che il fuoco non fosse altro che forza purificatrice. Morire – bruciare – per risorgere più forti che mai. E così è stato. Quella notte, in quell’incendio, Jack Keenan è morto.

Le fiammelle ormai hanno ricoperto quasi per intero la figura del Pain Deliverer.

Immagine


Keenan: E da quelle fiamme è nato un Demone.


Il video si interrompe, le luci dell’arena tornano, seppure molto soffuse. Ecco ora diffondersi la musica d’entrata di Jack Keenan.



Ed ecco che dalla nube di fumo che ha invaso la rampa d’ingresso inizia a diradarsi e ne emerge una figura.

Immagine


Jack Keenan è ricoperto da capo a piedi – eccezion fatta per la ring gear – di un bodypaint di varie sfumature di rosso e nero, che va a riprodurre in modo piuttosto fedele il simbolo del Red Dragon. Le telecamere catturano le eloquenti reazioni di alcuni membri del pubblico, nonché quella di Cross, che mantiene una espressione impassibile, ma si è spostato di qualche metro in avanti e sta tamburellando con un piede contro il mat. Jack Keenan si fa strada fra le ultime tracce di fumo e, senza degnare di uno sguardo tutto ciò che lo circonda, si dirige verso il ring, con gli occhi puntati solo e soltanto sull’avversario. Raggiunto il quadrato, Jack Keenan si porta immediatamente faccia a faccia con Vincent Cross, costringendo l’arbitro della contesa – Thomas Kiley – a mettersi di mezzo. Il Pain Deliverer rivolge un sorrisetto ironico al biker, quindi si sposta verso l’angolo opposto. Le telecamere si spostano per un istante verso lo skybox di Fujihara, in cui è andato a posizionarsi il Red Dragon al gran completo, per assistere al match da una posizione privilegiata.

ImmagineImmagineImmagineImmagineImmagine


Kiley controlla che sia tutto a posto – fermandosi, in particolare, qualche secondo a parlare a bassa voce con Cross – dopodichè ordina di dare il via al match.

Single match – Vincent Cross vs Jack Keenan


Non appena si sente risuonare nell'aria la campanella, Jack Keenan, con passo calmo, si porta a centro ring, andando immediatamente faccia a faccia con Vincent Cross. Il biker lo scruta per un istante con aria perplessa, grattandosi la nuca. Cross, con aria interrogativa, sussurra qualcosa alla volta di Keenan... che, con un movimento fulmineo, lo colpisce con una Double Palm Strike al collo seguita da una immediata European Uppercut e poi un Back Elbow alla mandibola! Il tutto è successo in meno di due secondi di cronometro e tutto ad un tratto Vincent Cross si trova a terra, tenendosi la mascella, con un'espressione più di sorpresa che di dolore stampata sul volto. Il biker cerca immediatamente di rialzarsi con l'aiuto delle corde, ma Keenan gli è subito addosso con una scarica di pestoni diretti a qualsiasi punto gli sia possibile colpire. Interviene Thomas Kiley, che riesce a separare a fatica il Pain Deliverer dalla vittima del suo assalto. Ora Vincent Cross riesce a rialzarsi e tenta di passare al contrattacco, ma Keenan evita due suoi pugni abbassandosi e mette a segno due colpi di taglio ai fianchi, seguiti da una violenta ginocchiata alla bocca dello stomaco che fa arretrare di nuovo l'avversario alle corde. Vincent Cross tenta di nascondere una smorfia con un ghigno, mentre il volto di JK rimane una maschera di determinazione. Il Careless torna a farsi avanti, ma stavolta non riesce nemmeno a tentare un colpo prima di essere raggiunto, sempre in rapida successione, da un calcio al fianco, uno alla caviglia ed uno allo sterno... no, l'ultimo viene parato e Cross risponde con un fulmineo Eat It!

Immagine


Vincent Cross si lascia andare un urlo belluino, alzando il pugno al cielo. La sua espressione, però, cambia quando i suoi occhi tornano a porsi su Jack Keenan: il Pain Deliverer si è subito rimesso in ginocchio, come se non avesse appena subito uno dei colpi migliori del rivale, e sta rivolgendo uno sguardo truce all'avversario. I due si lanciano di nuovo l'uno contro l'altro e si afferrano a vicenda per la nuca, investendosi di pugni al volto. Anche questa nuova situazione dura poco: nonostante la minore stazza, Keenan riesce a sfruttare lo slancio dell'avversario per proiettarlo alle corde. Cross rimbalza una prima volta, Keenan si abbassa ed evita ogni contato. Secondo rebound alle corde, Leapfrog di Keenan. Terzo rebound, di nuovo il Pain Deliverer si abbassa e si prepara ad accogliere l'avversario all'ultimo rimbalzo con il Best Dropkick Ever... no, Cross si trattiene alle corde e Keenan va a vuoto, crollando al tappeto in posizione supina. Vincent Cross si lancia subito di nuovo alle corde e mette a segno uno Shoulder Block; poi va per un nuovo rebound... ma non appena ha effettuato il rimbalzo si trova davanti JK, che dopo lo schianto si è rialzato immediatamente. Cross rallenta la corsa fino a fermarsi di fronte all'ex avvocato: i due sono di nuovo faccia a faccia ed il pubblico torna a scaldarsi. Questa volta è Cross a lanciare il guanto di sfida con uno Slap all'altezza del collo, ma Keenan reagisce in modo fulmineo: calcio allo sterno, Spinning Back Elbow, Low Kick, Knee Strike alla tempia!

Immagine


Un'altra velocissima sequenza di colpi stordisce Vincent Cross, che cerca un break rotolando fuori ring. Il biker cerca di rialzarsi con l'aiuto dell'apron ring, ma Jack Keenan non sembra avere alcuna intenzione di lasciargli respiro e, presa una lunga rincorsa, si lancia subito verso il rivale con una Baseball Slide. Vincent Cross si fa però trovare inaspettatamente pronto e riesce a bloccare il Pain Incarnate afferrando le sue gambe, per poi trascinarlo fuori dal quadrato. Keenan atterra in piedi, ma viene subito steso da una nuova spallata che lo manda ad impattare con il duro suolo. Per la prima volta da inizio match JK sembra davvero accusare un colpo e rimane a terra. Cross ne approfitta subito: rialza di peso l'avversario e lo scaglia con tutta la propria forza contro le barricate. Cross si concede un istante per rifiatare, poi risolleva Keenan e ripete l'offensiva: questa volta le barricate sembrano spostarsi di più di qualche centimetro. L'Hell Biker rotola sul quadrato per interrompere il conto dell'arbitro, poi torna immediatamente a bordo ring. Questi pochi istanti sono però bastati a Jack Keenan, che contrattacca con un paio di pugni. JK prova una Irish Whip verso i gradoni, ma la manovra viene rovesciata ed è proprio Keenan a finire a tutta velocità contro le scalette d'acciaio, che si dividono in due sezioni. Ora senza troppa fretta, Cross va a prendere in consegna Keenan: lo sistema in posizione prona sopra la sezione inferiore dei gradoni e, con la suola della scarpa, schiaccia il volto dell'avversario contro l'acciaio, strisciando il piede avanti e indietro, come a voler cancellare il facepaint dal viso di Keenan. Il Pain Deliverer digrigna i denti, un'espressione di dolore stampata sul volto, ma riesce ad afferrare per il piede l'avversario e a sgambettarlo, facendolo finire di schiena sui gradoni. Il fiato sembra spezzarsi nei polmoni di Cross, che rimane immobile, sul viso una smorfia terribile. Keenan risale rapidamente sul ring per interrompere il conto dell'arbitro, poi si sposta sull'apron e prende una breve rincorsa. Jack Keenan si lancia per un Double Foot Stomp, ma Cross si toglie all'ultimo istante e il Pain Deliverer colpisce solo i gradoni. Keenan rimane in piedi, ma si tiene una caviglia: Vincent Cross, che nel frattempo si è rimesso in piedi, lo afferra per il collo ed imposta una Crash sui gradoni. Sollevato, Keenan si libera a mezz'aria, ma cade di nuovo sulla caviglia e ritiene più prudente rientrare sul ring. Cross cerca subito di raggiungerlo passando fra la prima e la seconda corda, ma viene accolto da un calcione in faccia e si ritrova di nuovo fuori dal quadrato. Jack Keenan stringe tra le mani la corda più alta e, quando Cross è tornato in piedi, si lancia per un Pescado, ma l'avversario lo afferra al volo e lo proietta di nuovo contro le barricate con una Fallaway Slam.

Immagine


Vincent Cross spinge Jack Keenan sul ring, quindi tenta il primo schienamento del match, ma l'avversario ne esce ancor prima del conto di 1. Senza scomporsi, il biker chiama di nuovo la Crash, mulinando la propria mano a mezz'aria: Cross prende Keenan per il collo, ma prima che possa fare altro il Pain Deliverer lo anticipa con una ginocchiata alla bocca dello stomaco. JK cerca subito di proiettare all'indietro l'avversario con una Irish Whip, ma viene rovesciata ed è Keenan a finire alle corde: tuttavia, per lo slancio Cross rimane piegato in avanti e Keenan ha gioco facile nel colpirlo con un calcione in faccia. Cross, con lo sguardo vagamente annebbiato, carica subito a testa bassa il rivale: Keenan evita il colpo e, al rebound, salta per il Best Dropkick Ever... ma Cross lo afferra per l'addome e lo stende con un Backbreaker spettacolare!

Immagine


Vincent Cross mantiene la schiena di Keenan sulla propria gamba, costringendo il rivale a piegarsi in un modo innaturale. Una smorfia di dolore si disegna sul volto del Pain Deliverer; quando Thomas Kiley gli si avvicina, però, ancor prima che l'arbitro abbia detto alcunchè Keenan gli ringhia di stare indietro. Cross sospira, poi inizia ad applicare ancora più pressione, tenendo bloccata la gamba sinistra dell'avversario con un braccio mentre con l'altro spinge la sua testa verso il tappeto. Jack Keenan, però, riesce ad afferrare un braccio dell'avversario con le proprie mani e, con la gamba libera, inizia a colpire ripetutamente Cross alla tempia, riguadagnando così la libertà. Ancora una volta l'Hell Biker non vuole lasciare nemmeno un istante al rivale e gli si scaglia contro, ma Keenan, che era arretrato alle corde, le abbassa, portando Cross a cadere fuori ring. Subito JK prende la rincorsa e si lancia per un Suicide Dive: il bersaglio viene centrato in pieno, ma Vincent Cross rimane immobile sulle proprie gambe, afferrandolo al volo e spingendolo poi con violenza contro l'apron ring, dove Keenan va a sbattere con la schiena. Al Pain Deliverer sfugge un grugnito di dolore, ma appena Cross fa un passo in avanti è rapido a sgambettarlo con un Drop Toe Hold e tocca al Fearless entrare in contatto ravvicinato con l'apron. Cross pare stordito e barcolla all'indietro, Keenan ha un'occasione d'oro: sale rapidamente sull'apron e da qui mette a segno un Penalty Kick di rara violenza.

Immagine


La luce pare spegnersi negli occhi di Vincent Cross ed il biker si affloscia a terra. Jack Keenan, senza perdere tempo, lo va a sollevare a peso morto - non senza fatica - e lo fa rotolare dentro al ring. Cross tenta subito di rialzarsi, ma tutto quel che gli riesce è di riportarsi in posizione seduta. I suoi occhi vitrei incontrano lo sguardo determinato del Pain Deliverer, che a sua volta è rientrato sul quadrato. I due rimangono immobili, in questa posizione, per un paio di lunghi secondi. Vincent Cross alza i pugni verso l'avversario, facendogli segno di farsi avanti... e Jack Keenan si scatena, iniziando a colpire con calci e pestoni qualsiasi punto del corpo di Cross gli sia possibile raggiungere. Il Pain Incarnate prosegue nel suo assalto per almeno una ventina di secondi, sordo ai tentativi dell'arbitro di farlo desistere. Finalmente JK concede una tregua al suo avversario, che rimane in posizione supina. Keenan si prende un istante per lasciar vagare il suo sguardo tra gli spalti, da cui in questo istante gli piove addosso una salva di fischi. Il Pain Deliverer si passa distrattamente una mano lungo un fianco, fissando poi il bodypaint che gli rimane tra le dita. Un sorriso sinistro si dipinge sul volto del Pain Incarnate, che torna ad avvicinarsi all'avversario. Stomp al braccio sinistro. Stomp alla testa. Stomp al braccio destro. Stomp all'addome. Stomp alla caviglia destra. Stomp alla caviglia sinistra. E così via, con intensità sempre crescente.

Immagine


Di nuovo, trascorre almeno mezzo minuto prima che Keenan sembri soddisfatto del proprio lavoro. Il Pain Deliverer fa un piccolo passo all'indietro per contemplare l'avversario, ancora dolorante; JK appoggia il proprio piede sulla sua testa e, con aria di sufficienza, lo striscia un paio di volte contro la guancia di Cross. Il biker ha una reazione e, con un braccio, spinge all'indietro il rivale, allontanandolo da sè. Keenan rimane immobile per un istante, scuotendo la testa; poi, con un nuovo scatto in avanti, afferra entrambe le braccia dell'avversario e le tira a sè, quindi investe Cross, ancora in posizione seduta, con una scarica di pestoni all'altezza della nuca. Pian piano Vincent Cross sembra abbandonarsi e, quando JK lo lascia andare, si accascia al suolo. Keenan fa per rialzare il rivale, ma questi, con un nuovo moto d'orgoglio, spinge ancora all'indietro il Pain Incarnate, cercando di riguadagnare un po' di tempo e spazio per rimettersi in posizione eretta. JK sbuffa e stampa sul petto del rivale una Front Chop che risuona in tutto il Coliseum... e Cross contrattacca con una serie di Jab che sorprendono Keenan. Il Pain Deliverer tenta a sua volta di reagire, ma Cross si abbassa, evitando un pugno, e si carica il rivale in posizione Fireman's Carry. Keenan, tuttavia, scivola alle spalle di Cross e, quando lui si gira, lo fredda con una Killshot.

Immagine


Vincent Cross crolla in ginocchio, tenendosi una mano all'altezza della tempia. Jack Keenan cerca di spingerlo a terra, forse per tentare un pin, ma tutto quello che ottiene è un nuovo spintone dal suo rivale. Questa volta la cosa sembra davvero stizzire JK, che dopo un paio di calci al costato trascina l'avversario all'angolo e lo costringe a rimettersi in piedi. Keenan mette a segno un paio di Low Kicks, uno alla rotula destra, uno a quella sinistra; dopodichè, il Pain Deliverer si porta all'angolo opposto e prende una lunga rincorsa, lanciandosi poi per una Running Corner Clothesline, seguita immediatamente da un Corner Pelè Kick e da uno Snapmare. Jack Keenan pare intenzionato a lanciarsi alle corde per concludere la Lethal Combination con un Running Low Uppercut, ma all'ultimo ci ripensa e si sposta sull'apron: prende la mira sull'avversario, ancora seduto a terra, e gli atterra addosso con uno Springboard Forearm Smash.

Immagine


Keenan, con un sorriso sinistro ancora stampato sul volto, trascina Vincent Cross a centro ring, ma non va per lo schienamento. Al contrario, JK si prende qualche istante per contemplare l'avversario, girandogli intorno come un avvoltoio. Keenan avvicina il proprio volto a quello di Cross, che sta cercando con una certa difficoltà di rimettersi in posizione seduta: i nostri microfoni a bordo ring riescono a cogliere il sussurro di Jack Keenan, che promette a Cross che lo eliminerà "pezzo per pezzo". Dopo questo break, JK torna all'attacco, colpendo di nuovo con una serie di Stomps ogni parte del corpo di Cross che gli capiti a tiro. Keenan blocca poi il ginocchio destro dell'avversario fra le proprie, lasciandosi poi cadere a terra con un Kneebreaker. Cross urla di dolore, ma deve già preoccuparsi di altro, perchè Keenan ripete subito la manovra sul suo ginocchio sinistro. Il Pain Deliverer, dopo aver dato un nuovo Stomp all'avversario per buona misura, sistema ora il braccio sinistro di Cross in una posizione ad arco, con il palmo che tocca terra ed il gomito sollevato verso l'alto, quindi con un pestone strappa un nuovo urlo al rivale. Jack Keenan si accinge a ripetere la mossa anche sul braccio destro, ma improvvisamente Cross lo afferra per il collo! JK strabuzza gli occhi. Il biker, sempre mantenendo la presa, riesce a rialzarsi in piedi ed imposta la Crash. Alla disperata, Keenan arretra verso le corde e riesce a toccarle con la schiena. Thomas Kiley impone a Cross di lasciare la presa, ma proprio in questo istante Keenan riesce a rovesciare la situazione e a chiudere il rivale in una Rope Hung Armbar.

Immagine


L'arbitro urla immediatamente a Jack Keenan di mollare la presa, poi inizia il proprio conto: solo sul 4 JK lascia andare il braccio dell'avversario, che ha una evidente smorfia di dolore sul volto. Keenan non perde nemmeno un istante e stampa sul volto del rivale un Enzeguiri Kick aiutandosi con le corde. Cross accusa il colpo ed arretra di un passo, rimanendo piegato in avanti. Immediatamente, Jack Keenan sale sulla terza corda e piomba addosso al rivale con una Flying Assassination alla spalla sinistra.

Immagine


Non soddisfatto, il Pain Deliverer rialza subito il biker e, con una violenta ginocchiata allo stomaco, lo costringe di nuovo a piegarsi in avanti. Keenan sale di nuovo sulla terza corda e mette a segno una nuova Flying Assassination, questa volta alla nuca.

Immagine


Non è ancora finita! Jack Keenan sistema la gamba sinistra del rivale sulla prima corda e, per la terza volta di fila, sale in cima al paletto: Flying Assassination sul ginocchio di Cross!

Immagine


Il ginocchio di Cross si piega in un modo che ha ben poco di naturale, causando un boato di sgomento nel pubblico. Jack Keenan si prende qualche istante per rifiatare all'angolo, ridacchiando; quando si accorge che Cross sta già cercando di rimettersi in posizione seduta, sia pur appoggiato alle corde, torna faccia a faccia con il rivale e gli dice, di nuovo, che lo distruggerà pezzo per pezzo. In questo momento, aggrappandosi alle corde e con enorme sforzo, Vincent Cross si rialza. Qualche sparuto coro a favore del biker inizia a diffondersi tra gli spalti. L'espressione di Keenan da divertita si fa stizzita e il Pain Deliverer colpisce il rivale con un calcione alla gamba sinistra, che cede, costringendo di nuovo Cross in posizione seduta. Subito Keenan mette a segno una violenta ginocchiata alla colonna vertebrale dell'avversario e poi, con Cross di nuovo supino, un fulmineo Arm Snap al gomito destro. L'Hell Biker digrigna i denti in una smorfia terribile, ma, di nuovo, cerca subito di rialzarsi. Keenan lo fissa con uno sguardo a metà fra l'incredulità e il fastidio: con rabbia, colpisce il rivale allo stomaco con un Savate Kick, poi lo riporta a terra con uno Snapmare e connette un Low Dropkick dritto alla nuca. Non basta! Vincent Cross punta ancora le proprie braccia al terreno, cercando di rimettersi in piedi. Non appena se ne accorge, Keenan sembra non vederci più: agguanta le braccia del rivale, lo riporta a terra ed inizia a tempestarlo di gomitate alla tempia, al collo ed al volto. Keenan Special!

Immagine


L'offensiva va avanti per una ventina di secondi abbondante e la difesa di Cross, sin da subito non strenua, si fa man mano più pesante. Alla fine Jack Keenan molla la presa e si rimette in piedi, contemplando la carcassa del suo avversario... ma Vincent Cross si rialza a sua volta!! Seppur decisamente barcollante, il biker è di nuovo in posizione eretta e punta il suo sguardo dritto in quello del rivale, arricciando il labbro in quello che pare quasi un sorriso. Jack Keenan scuote ripetutamente la testa, il volto trasfigurato in una espressione di pura collera. Il Pain Deliverer evita facilmente un lento tentativo di colpo e si lancia alle corde, per poi, di rimbalzo, avvinghiarsi intorno al biker con una Crucifix Stretch. I movimenti rallentati di Cross non gli permettono di evitare l'arrivo dell'avversario e ora il Fearless si trova nei guai: rischia persino di crollare di nuovo al tappeto, ma riesce a rimanere in ginocchio. Adesso l'Hell Biker cerca di puntellarsi sulla gamba destra e, con grande sforzo, torna in posizione eretta. In tutta risposta, Jack Keenan stringe la propria presa. Cross barcolla vistosamente, ma riesce a mantenere la posizione ed a sistemare la testa del rivale sotto la propria spalla, lasciandosi cadere all'indietro per una Beer Fall.

Immagine


Un maggior numero di applausi accoglie la manovra di Cross, che per la prima volta negli ultimi minuti riesce a mettere al tappeto Keenan. JK, comunque, il primo a rialzarsi e a tornare a prendere in consegna l'avversario, che era rotolato verso un angolo per rifiatare un po'. Keenan rialza praticamente di peso Cross, la cui reazione è immediata: il biker mette a segno un pugno, un secondo, un terzo, un quarto... no, Keenan si abbassa ed evita, per poi mettere a segno una spallata al costato di Cross, seguita da una Mongolian Chop. Il biker si trova di nuovo messo all'angolo dal Pain Incarnate, che ora urla al pubblico di fare silenzio - ricevendo la sua buona dose di fischi - e poi colpisce il rivale con una Chop udibile almeno fino a San Diego. Vincent Cross si affloscia, finendo seduto al turnbuckle più basso. Jack Keenan si porta all'angolo opposto e mette a segno un Hesitation Dropkick. Il Pain Deliverer regala un piccolo inchino al Coliseum - nuovi fischi per lui. Ridacchiando, JK torna all'angolo opposto e si posiziona lì, in attesa che l'avversario si rialzi. Con l'aiuto delle corde, Vincent Cross lo accontenta e si rimette lentamente in piedi; il Pain Incarnate parte per la Kill Keenan Kill... ma Cross lo anticipa e si immola! Stop Sign!

Immagine


Entrambi i lottatori rimangono al tappeto, Vincent Cross immobile in posizione prona, Jack Keenan tossendo e tenendosi lo stomaco. Thomas Kiley si sincera delle condizioni di entrambi, poi inizia a contare. I due si rialzano più o meno contemporaneamente e Keenan si scaglia subito contro l'avversario, ma Cross lo stende con uno Shoulder Block. L'Hell Biker si lancia alle corde, secondo Shoulder Block. Irish Whip di Cross, Keenan rimbalza ed al rebound si trova davanti il Fearless, che lo proietta sopra la sua testa con un altissimo Back Body Drop. JK atterra piuttosto male con la schiena e rimane a contorcersi a terra. Vincent Cross inizia a mulinare la propria mano in aria, chiamando per l'ennesima volta la Crash. Non appena si rialza, Keenan viene immediatamente abbrancato per il collo; il Pain Deliverer reagisce però in modo fulmineo, con un calcio alla rotula sinistra del rivale, che lo fa finire in ginocchio. Keenan cerca di dare seguito a questo colpo con un Knee Strike alla tempia, ma Cross si sposta all'ultimo ed evita, caricandosi poi in spalla uno sbilanciato JK per mettere a segno la Fall of Man.

Immagine


Vincent Cross va per il pin, ottenendo un conto di due. Senza indugiare troppo, il biker rialza subito Keenan e lo afferra per un braccio, per poi tirarlo verso di sè in un tentativo di Outburst. La Lifting Reverse STO di Cross non riesce, però, perchè Keenan fa un giro completo intorno al suo braccio, atterrando in piedi. Vincent Cross afferra di nuovo il braccio di Keenan per tentare di nuovo la manovra, ma JK ne approfitta per tirare a sè il rivale e colpirlo con una sequenza di Back Elbows alla tempia. Cross accusa il colpo e finisce di nuovo in ginocchio... salvo poi recuperare tutto ad un tratto e tirare a sè Keenan, caricarselo in spalla e mettere a segno la Incoming Danger! Ma attenzione! Cross fa una capriola in avanti, usa questa manovra insolitamente acrobatica per avere di nuovo il rivale sulle proprie spalle e connette una seconda Incoming Danger!

Immagine


Una discreta fetta del TWC Universe applaude l’inusuale sfoggio di atletismo del biker, che tenta di andare per lo schienamento e, di nuovo, ottiene solo un conto di 2. Il Careless si concede finalmente un istante per rifiatare dopo l’azione degli ultimi minuti, dopodichè rialza l’avversario, si porta alle sue spalle e afferra il suo braccio destro con la propria mano sinistra. Tutto è pronto per la Street Speed: Cross spinge in avanti il rivale e lo aspetta al varco per la Short-Arm Clothesline, ma Keenan anticipa tutto voltandosi di mezzo busto e colpendo il braccio sinistro dell’avversario con una sorta di Pelè Kick. Cross molla la presa, dolorante, e JK ne approfitta subito: torce il braccio del rivale dietro la sua schiena e mette a segno una fulminea Pain Delivery!

Immagine


Il tutto è successo nell’arco di un paio di secondi, Cross non ha avuto la minima possibilità di evitare il colpo! Keenan va subito per il pin: 1… 2… kick-out di Vincent Cross! All’ultimo istante! Incredulo, Jack Keenan si scaglia contro Thomas Kiley, che è fermo nel ripetere che il conto è stato solo di 2. Con le mani nei capelli, JK torna a rivolgere la propria attenzione a Cross, che, puntellandosi sulle proprie braccia, sta strenuamente già cercando di rimettersi in piedi. Il Pain Deliverer gli riserva uno sguardo gelido, poi schiaccia la mano con cui stava cercando di puntellarsi al suolo con un violento Stomp. Il biker crolla di nuovo a terra, senza per questo smettere di lottare; JK scuote la testa e poi va con un nuovo Stomp alla nuca. Stomp all’incavo del gomito. Stomp alla schiena. Stomp al ginocchio sinistro. Stomp alla caviglia destra. JK prosegue nell’offensiva in modo lento e metodico. Finalmente soddisfatto, dopo un po’ si allontana dalla sua vittima e si porta all’angolo opposto, prendendo una nuova rincorsa. Cross, ignaro di tutto, sta ancora lottando per rimettersi in piedi e poco a poco ci sta riuscendo. Il biker torna finalmente in posizione eretta e Keenan si lancia in avanti, Kill Keenan Kill…

Immagine


… rovesciata in una Outburst! Grande counter di Cross! Come rinvigorito, l’Hell Biker arretra a sua volta verso l’angolo e questa volta è lui ad aspettare che l’avversario si rialzi, mulinando in aria il braccio. Vincent Cross parte per la Street Speed… no! Intercettato da un altissimo Best Dropkick Ever! Il lottatore di Nashville barcolla, per poi crollare in ginocchio a centro ring. Jack Keenan, senza alcun indugio, si lancia in corsa alle corde per prendere il rebound con la maggiore velocità possibile.

Immagine


STREET SPEED! Jack Keenan fa un giro completo su sé stesso e crolla al tappeto in posizione prona. Vincent Cross si tiene per un attimo il braccio destro, già colpito duramente prima, poi si getta sul rivale per lo schienamento: 1… 2… no! Keenan alza una spalla all’ultimo momento disponibile ed è ancora nel match! Con un cenno della mano, Cross chiede all’arbitro se il conto fosse effettivamente di 2 e Kiley conferma. Il biker stringe i pugni, ma la sua è più che altro una smorfia di rassegnazione. Vincent Cross si rialza e lascia vagare per un istante il proprio sguardo tra gli spalti del Coliseum, poi risolleva quasi a peso morto il rivale e lo mette in posizione per una Suplex. Vincent Cross chiama la Road End! Il biker solleva l’avversario, che però reagisce appena in tempo con una ginocchiata alla tempia, riuscendo a tornare a terra sulle proprie gambe. Keenan cerca di rovesciare la situazione con una seconda ginocchiata, questa volta allo stomaco, ma Cross blocca il colpo e mette poi a segno una testata. Stordito, Keenan si volta di spalle e Cross lo afferra di nuovo per un braccio, preparando il terreno per la seconda Street Speed. Vincent Cross spinge in avanti il rivale e lo tira a sé, ma Keenan si abbassa ed evita il braccio teso, ritrovandosi alle spalle del biker. Immediatamente, JK scatta in avanti, manda l’avversario a sbattere contro il turnbuckle e poi lo lancia all’indietro con una stupefacente Chaos Theory German Suplex!

Immagine


Boato di stupore da parte del TWC Universe, ma non è finita: JK infatti non chiude lo schienamento a ponte, bensì rialza immediatamente Cross E CONNETTE CON UNA SECONDA PAIN DELIVERY!

Immagine


1… 2… 3! 3? No! L’arbitro fa segno che c’è stato il kick-out! Schiumando di rabbia, Jack Keenan va faccia a faccia con Thomas Kiley prendendolo per il colletto. Di fronte alla sua espressione di furore ed all’effetto prodotto dal colare del facepaint lungo il suo volto il referee ha quasi un tentennamento, ma ripete che il conto era solo di 2. JK pare sul punto di esplodere, ma decide di rivolgere la propria furia contro Cross: gli si getta dunque addosso e tenta di chiudere la propria presa migliore, la Pain Injection. Pur con un braccio bloccato dietro la schiena, Vincent Cross cerca di impedire all’avversario di bloccarlo nella morsa, utilizzando la mano libera per evitare che le dita del rivale si chiudano davanti al proprio volto ed al contempo cercando di strisciare verso la corda più bassa. Nonostante gli sforzi, e nonostante la frustrazione che si dipinge sul suo volto, Keenan non sembra riuscire nel suo intento. Tutto ad un tratto, però, il Pain Deliverer sembra cambiare strategia, lasciando la presa sul braccio sinistro di Cross, scivolando al tappeto al suo fianco e chiudendo la Red Dragon Clutch!

Immagine


Jack Keenan blocca Vincent Cross in una delle migliori prese di Akuma ‘Pain’ Fujihara ed il biker sembra nei guai: inchiodato al terreno, sul suo collo viene posta una pressione non indifferente e il suo viso si fa in pochi secondi di un preoccupante colore rossiccio. Il Fearless cerca di alzare la testa, annaspando alla ricerca di aria, e di spezzare la morsa con le proprie braccia, ma la presa di Keenan pare molto salda. Vincent Cross tenta allora di trascinarsi verso le corde, che però sono ancora piuttosto lontane. Cross percorre un paio di metri sui propri gomiti, ma i suoi movimenti si fanno sempre più lenti, mentre il suo viso pare ora violaceo. Nel Coliseum è sceso un silenzio teso, che viene spezzato da un gridolino quando i movimenti di Cross si arrestano del tutto, senza che il biker sia riuscito a liberarsi. Thomas Kiley si avvicina al wrestler di Nashville per sincerarsi delle sue condizioni; poi l’arbitro alza un braccio dell’Hell Biker, che ricade… direttamente sul collo di Jack Keenan, dove vanno a stringere le dita di Cross. Boato del pubblico! JK strabuzza gli occhi mentre la morsa del rivale lo stritola. Il Pain Incarnate cerca di liberarsi, ma così facendo allenta la propria presa e Cross, pur barcollando, riesce a rialzarsi, con la propria mano sempre sul collo dell’avversario. Crash a segno!

Immagine


Vincent Cross deve aggrapparsi alle corde per non cadere a sua volta a terra, e rimane per qualche istante in quella posizione, per riprendere fiato. Quando il suo volto è tornato del suo solito colore, il biker si decide a muovere qualche incerto passo in avanti. Ora il Fearless si massaggia distrattamente i non pochi punti colpiti dall’avversario durante il match, mentre contempla Jack Keenan ancora al tappeto. Poi, Vincent Cross fa il segno del tagliagole, accolto con un boato dal pubblico di Oakland: va a rialzare il Pain Deliverer e, praticamente a peso morto, lo solleva in posizione di Powerbomb. Tutto è pronto per la Deadly Bomb, ma Keenan reagisce con una serie di pugni al volto del rivale che lo costringono a rimetterlo a terra. Keenan mette a segno un pugno, un Low Kick, uno Spinning Backfist, ma poi un suo Middle Kick viene parato e Cross contrattacca con una serie di Jabs che lo costringono all’angolo. Keenan soccombe lentamente alla foga dell’avversario, che ora sistema di nuovo la testa del rivale fra le proprie gambe e lo solleva in posizione di Powerbomb: nel farlo, però, Cross barcolla leggermente in avanti e i due finiscono quasi alle corde, alle quali JK si aggrappa per non subire la Deadly Bomb. Cross cerca di strapparlo da quella posizione, ma con l’aiuto delle corde Keenan sfugge alla morsa di un suo braccio e chiude l’altro nella seconda Rope Hung Armbar del match. Thomas Kiley va subito da Keenan per rimproverarlo ed effettuare il conto di 5, ma Cross è più rapido: con la gamba destra scalcia ripetutamente alla testa JK, costringendolo a mollare la presa. Keenan si affloscia sull’apron, tenendosi la nuca: Cross lo va subito a raggiungere e posiziona la sua testa fra le proprie gambe. Il pubblico ammutolisce, avendo forse capito cosa intende fare il biker. STRAIGHT TO HELL SULL’APRON!

Immagine


E’ impossibile dirsi se sia più forte la reazione del TWC Universe o di Campbell, al tavolo di commento. Jack Keenan crolla a bordo ring, ad occhi chiusi. Anche Vincent Cross, però, scivola nell’area antistante al quadrato e rimane a terra per qualche istante, boccheggiando. Thomas Kiley esce a sua volta dal ring per accertarsi che i due possano continuare il match, poi inizia a contarli fuori dal quadrato. Quando è arrivato ormai al 7, Vincent Cross si rialza e fa rotolare l’avversario sul ring, per poi raggiungerlo immediatamente. Anche sul quadrato è il biker il primo a rimettersi in piedi; nel frattempo, però, pure Jack Keenan è di nuovo in ginocchio. Cross va faccia a faccia con lui. Tra i due volano sguardi di fuoco, poi il Pain Deliverer, con tutta la forza che gli è rimasta, dà uno schiaffo in faccia a Cross! Il rumore del colpo risuona in tutta l’arena, in cui per il resto è il silenzio a farla da padrone. Il biker sgrana gli occhi, ma rimane immobile. Keenan digrigna i denti, poi dà un nuovo schiaffo al suo rivale storico! E ora un altro… ma Cross afferra la sua mano a mezz’aria e lo tira a sé! STREET SPEED!

Immagine


Jack Keenan crolla al tappeto, Vincent Cross rimane in piedi, immobile. Nella propria mano, il biker tiene ancora quella del Pain Deliverer. La scena è esattamente quella di Alpha Horizon. Vincent Cross chiude gli occhi per qualche istante: quando li riapre, brillano di una nuova luce. Dagli spalti partono una serie di cori a favore del biker. Cross inspira a fondo, poi rialza per il braccio il suo ex avvocato e lo tira a sé per la seconda Street Speed.

Immagine


STANDING DOUBLE FOOT STOMP! Jack Keenan si salva! Entrambi rimangono immobili al terreno, lasciando libero sfogo all’entusiasmo del pubblico. Le telecamere tornano per un istante ad inquadrare Akuma 'Pain' Fujihara, nel suo skybox, concentrato praticamente solo sul match. Per quasi una decina di secondi non c’è alcun movimento sul ring, poi JK riesce a rialzarsi e barcolla all’indietro fino all’angolo. Keenan si appoggia qui per rimanere in piedi, dopodichè, recuperata una certa stabilità, il Pain Deliverer sale sulla terza corda. Qui Keenan riesce, non senza fatica, a trovare un equilibrio, ma all’ultimo Cross si lancia contro la corda più alta, facendo cadere l’avversario a cavalcioni del paletto. Sul volto di Jack Keenan si dipinge una smorfia di dolore piuttosto evidente; Vincent Cross, anche lui con movimenti decisamente rallentati, va a raggiungere il rivale in cima alla terza corda ed imposta una Superplex. Jack Keenan riesce, però, ad impedire all’avversario di sollevarlo e cerca di rovesciare la situazione con una Front Suplex: a sua volta, Cross si impunta ed evita problemi maggiori. Cross mette a segno una testata, poi prova di nuovo la Superplex: anche stavolta il tentativo non va a buon fine, ma inoltre Keenan cambia strategia e si lascia cadere fuori ring, facendo così sbattere la testa del rivale contro il paletto d’acciaio! Vincent Cross rimane stordito per il colpo e Keenan, rientrato subito sul ring, ne approfitta per sollevarlo – non senza fatica – in posizione di Electric Chair. Jack Keenan, pur barcollando per il peso dell’avversario, riesce a mantenere questa posizione e a fare un paio di incerti passi verso il centro del ring, poi appoggia una mano sulla nuca di Cross e lo schianta al suolo con una Electric Chair Driver: THE MOON!

Immagine


Jack Keenan mette a segno una delle mosse migliori di Kevin Manson! JK non va per il pin, ma afferra subito per il collo il rivale e connette con una Rolling Cutter. LAST THOUGHT!

Immagine


Non è ancora tutto: Jack Keenan rialza Vincent Cross, gli sussurra qualcosa all’orecchio e poi si accinge a chiudere la sequenza. PACKAGE. PAIN. DELIVERY.

Immagine


1… VINCENT CROSS ESCE DAL PIN AL CONTO DI UNO! Jack Keenan si rialza di scatto e si lancia all’indietro, come tarantolato, con le mani nei capelli e gli occhi sbarrati. Vincent Cross a sua volta si porta immediatamente in ginocchio, con i muscoli del volto tesi in una espressione di rabbia cieca. Gli sguardi dei due si incrociano per più di qualche secondo. Cross urla a pieni polmoni.

VC: Mi hai rovinato la vita, Jack!

L’espressione sul volto di Jack Keenan cambia, il Pain Deliverer ridacchia.

Keenan: Questo è il giorno in cui ti rovino la vita, Cross.

KEENAN OBLITERATION! Jack Keenan si lancia in avanti e centra l’avversario in pieno volto con un violentissimo Forearm! Cross barcolla, ma rimane in ginocchio; anzi, con l’aiuto delle corde cerca persino di rimettersi in piedi. Keenan scuote la testa e carica un secondo colpo… ma subisce invece un potente Eat It dritto in faccia! A sua volta, Jack Keenan non cade, ma è costretto ad arretrare fino al lato opposto del ring e ad aggrapparsi alle corde per rimanere in piedi. Gli sguardi dei due tornano a fissarsi l’uno nell’altro, ancora per qualche istante. Senza distogliere lo sguardo, Jack Keenan si toglie la gomitiera e la getta fuori ring. Boato del pubblico. In risposta, Vincent Cross leva il guanto dalla propria mano destra e lo lascia cadere a terra. Altro boato del pubblico. I due vanno l’uno incontro all’altro e si incontrano a centro ring: KEENAN OBLITERATION, Cross incassa il colpo, EAT IT! Entrambi arretrano, barcollanti, e si appoggiano ai due angoli opposti per non cadere. Vincent Cross si lascia scappare una risata, poi invita l’avversario a farsi avanti; Jack Keenan fa lo stesso. I due si lanciano di nuovo l’uno verso l’altro…

Immagine


… e crollano contemporaneamente al terreno prima di riuscire a raggiungersi! I due rimangono a terra, mentre il pubblico va in visibilio e si prorompe in una serie di cori per i due contendenti. Lentamente, Keenan e Cross riprendono a muoversi e strisciano l’uno verso l’altro: nel momento in cui si raggiungono, i due iniziano a rialzarsi, l’uno appoggiando la testa sulla spalla dell’altro. Una volta tornati definitivamente in piedi, è Jack Keenan a rilanciare l’offensiva. Uppercut di Keenan. Elbow Smash di Cross. Front Chop di Keenan. Chop di Cross. Back Elbow di Keenan. Jab di Cross. Jab di Cross. Jab di Cross. Jab di Cross. Il biker si porta in posizione di vantaggio con questa serie di colpi e si lancia alle corde: al rimbalzo Keenan lo aspetta al varco con una Hurricanrana, ma Cross riesce a rimanere stabile sulle proprie gambe e, con uno sforzo lombare, solleva l’avversario in posizione di Powerbomb. Vincent Cross va per la Deadly Bomb, ma all’ultimo istante Keenan si divincola e mette a segno una spettacolare DDT! Senza indugi, Jack Keenan sale in cima alla terza corda: prima che possa fare qualsiasi cosa, però, Cross si aggrappa alla sua gamba per impedirgli di saltare. Con la gamba rimasta libera, il Pain Deliverer fa allora piovere sul capo e sulle spalle del rivale una violenta scarica di pestoni: ad ogni colpo la presa di Cross si fa meno salda, finchè il biker non lascia andare la gamba dell’avversario. Cross sembra in procinto di afflosciarsi al terreno, ma Keenan lo trattiene e, non senza fatica, lo porta con sé sulla seconda corda. Jack Keenan sistema la testa dell’avversario fra le proprie gambe, sul suo volto si dipinge un sorriso maligno. JACK KEENAN CHIAMA LA GOTTERDAMMERUNG! I fischi del pubblico riempiono l’atmosfera. Il Pain Deliverer solleva l’avversario in posizione di Piledriver, ma Cross ha una reazione di orgoglio e riesce a riportare le proprie gambe sulla seconda corda. Non solo: Cross tenta anche di levarsi di dosso l’ex avvocato con un Back Body Drop. Compreso il pericolo, Keenan cambia posizione e si aggrappa all’avversario in una sorta di Guillotine Choke, sempre in cima alla terza corda. Cross sembra sin da subito faticare a respirare, ma riesce comunque a puntellarsi al meglio sulla seconda corda ed a passare il proprio braccio sopra la testa del rivale.

Immagine


DEADLIFT SUPERPLEX! Straordinaria prova di forza di Cross, nonché déjà-vu dei match di The End is Near e Alpha Horizon! Il biker non va per il pin ma, senza esitare, torna subito sulla seconda corda e sale poi sulla terza, dando le spalle al ring. Vincent Cross dà un ultimo sguardo al quadrato per controllare la posizione di Keenan, poi vola.

Immagine


Biker’s Paradise a segno! Di nuovo, Vincent Cross non tenta lo schienamento, ma rialza Jack Keenan, si porta alle sue spalle e lo afferra per un braccio. STREET SPEED!

Immagine


Attenzione! Cross mantiene la presa sulla mano di Keenan e lo rialza: SECONDA STREET SPEED! STAVOLTA A SEGNO!

Immagine


1… 2… 3! NO! KICK-OUT DI KEENAN! KICK-OUT DI KEENAN! Debolmente, la spalla di Jack Keenan si alza ed il suo corpo rotola di lato. Jack Keenan è sopravvissuto a ben due Street Speed di fila, la stessa sequenza che lo aveva sconfitto quest’anno ad Alpha Horizon. Il volto di Cross rimane quasi inespressivo, il suo sguardo vitreo: non protesta con l’arbitro, non chiede spiegazioni, non si muove, c’è spazio solo per l’incredulità e la rassegnazione. Poi, lo sguardo di Cross cade sulla mano di Jack Keenan, ancora stretta nella sua. Lentamente, in modo grave, Vincent Cross si rialza, portandosi con sé il rivale, il cui corpo rimane in piedi solo perché appoggiato a quello del biker. Tutto il TWC Universe è ormai dalla parte di Cross e lo incita a chiudere il match. L’Hell Biker sussurra qualcosa a Keenan e riusciamo a leggere il labiale: “è la fine, Jack”. Cross spinge in avanti il rivale e lo tira a sé per la terza Street Speed.

Immagine


JACK KEENAN SI AFFLOSCIA AL SUOLO E CROSS VA A VUOTO! Boato di stupore del pubblico! Le ginocchia di Keenan hanno semplicemente ceduto e, così, il Pain Deliverer è passato indenne sotto il braccio teso del biker, che a sua volta è crollato al terreno per la stanchezza. Cross si rialza dopo qualche istante e torna a prendere in consegna Keenan. Il Pain Deliverer viene rialzato dal biker, che lo mantiene in posizione eretta nel momento in cui pare stia di nuovo per afflosciarsi a terra. Vincent Cross sospira, poi mette il rivale in posizione per una Suplex. Tutto è pronto per la Road End, la manovra che chiuse il primo Cross vs Keenan di sempre. Il biker solleva il Pain Deliverer… CHE A MEZZ’ARIA REAGISCE CON UNA KEENAN OBLITERATION! Forse più per la sorpresa che per il colpo effettivamente subito, Cross lascia andare l’avversario, che riesce ad atterrare sui propri piedi. SECONDA KEENAN OBLITERATION! Cross barcolla e finisce in ginocchio. Keenan barcolla a sua volta in avanti e si lascia cadere, ma nel farlo si spinge verso Cross: TERZA KEENAN OBLITERATION, QUESTA VOLTA IN CADUTA! I due rimangono di nuovo immobili, a terra, a pochi centimetri l’uno dall’altro. Forse rinvigorito dalla sua stessa reazione, è Jack Keenan il primo a muoversi, strisciando verso l’angolo opposto del ring; qui, JK si rialza con l’aiuto delle corde, in attesa che l’avversario faccia lo stesso a centro ring. Una manciata di secondi ed anche Cross si rimette in piedi. E’ in questo momento che il Pain Deliverer si lancia in avanti: Kill Keenan Kill a segno! Nonostante l’impatto con il turnbuckle, Vincent Cross rimane in posizione eretta e caracolla in avanti, verso l’angolo adiacente. JK si sposta a sua volta e parte di nuovo: Kill Keenan Kill, di nuovo a segno! Nuovamente, il biker rimane in piedi, stoico, ma questa volta ha bisogno di appoggiare le mani all’altro angolo quando se lo trova di fronte. Un’altra volta, Jack Keenan punta il mirino sul proprio bersaglio.

Immagine


TERZA KILL KEENAN KILL DI FILA! Vincent Cross cade in avanti e finisce di faccia contro il turnbuckle. L’Hell Biker fa un passo all’indietro, per poi crollare in ginocchio, le braccia abbandonate lungo i fianchi. Jack Keenan si rialza lentamente, osservando il proprio grande rivale: gli si avvicina, lo prende per una Pain Delivery E UNA MANO DI CROSS LO AFFERRA PER IL COLLO. Il volto di Jack Keenan si fa subito paonazzo: il Pain Incarnate cerca di liberarsi, ma la presa di Cross è salda, tanto che invece è Keenan stesso ad essere costretto in ginocchio. Ora i due sono l’uno di fronte all’altro, entrambi in ginocchio, la mano di Cross stretta intorno al collo di Keenan. Gli sguardi dei due si incrociano, senza più separarsi: la foga negli occhi di Keenan, la determinazione in quelli di Cross. Nessuno dei due si muove. Nessuno, in tutto il Coliseum, spezza il silenzio surreale che si è creato. Lo scambio di sguardi prosegue per una manciata di istanti che sembrano durare una eternità. Tutto ad un tratto, gli occhi di Cross si socchiudono; la sua testa si abbandona tra le scapole; la sua mano si apre; il suo braccio si affloscia lungo i fianchi. Jack Keenan per un attimo si tasta il collo, come non capisse quello che sta succedendo; poi si rialza e si dirige verso l’angolo opposto, prendendo la rincorsa.

Immagine


REAR YAKUZA KICK!!! Mossa assolutamente inedita da parte di Keenan e Cross si accascia finalmente al suolo. Jack Keenan contempla per un istante il suo avversario, poi, con espressione grave, lo rialza. PAIN DELIVERY!

Immagine


1… 2… 3! Per la prima volta nella sua carriera, Jack Keenan è riuscito a sconfiggere Vincent Cross!

Spoiler:
THE WINNER OF THIS MATCH: JAAAAAAAAAAAAAAAACK KEEEEEEEEEEEENAAAAAAAAAANNNNNNNN!!!


Il Pain Deliverer sembra quasi ricevere l’annuncio di Jessica Rose da un’altra dimensione e rimane quasi impassibile. Sul suo volto e sul suo corpo il bodypaint con il simbolo del Red Dragon è quasi del tutto colato e quel che è rimasto forma strani disegni a tinte scure; i suoi capelli sono praticamente incrostati dal sudore. Jack Keenan, barcollante, si appoggia all’angolo, massaggiandosi distrattamente il collo e le tempie. Le immagini vanno allo skybox di Akuma Fujihara, dove Mr. Pain, con un ghigno soddisfatto sul volto, fa cenno al resto del Red Dragon di andare: la serata, per loro, è evidentemente finita. Nel frattempo Cross, con una espressione di dolore e fatica stampata sul volto, sta cercando di rimettersi quantomeno a sedere, sotto lo sguardo indagatore di Jack Keenan. La theme di JK va in dissolvenza. Il biker si gira di mezzo busto e nota di essere osservato; per quanto gli è consentito dalla stanchezza, Cross abbozza un sorrisetto ironico. Jack Keenan, al contrario, rimane quasi completamente inespressivo. Gli sguardi dei due tornano ad incrociarsi ancora per qualche lunghissimo secondo. Di nuovo, nessuno dei due fa una mossa. Le labbra di Vincent Cross si muovo ed anche questa volta siamo in grado di leggere cosa dicono: “questa è la fine”. Jack Keenan annuisce, con espressione grave. Senza aggiungere altro, il Pain Deliverer abbandona il ring e si dirige verso il backstage; solo una volta arrivato in cima alla rampa d’ingresso si volta per rivolgere un ultimo sguardo al suo rivale storico, per poi sparire dietro la tenda. Sul ring rimane, solo, Vincent Cross. Il biker si guarda intorno, lasciando vagare il suo sguardo per gli spalti del Coliseum. Vincent Cross scuote la testa. Il Careless nota, fuori dal quadrato, il guanto che si è tolto durante il match e che Thomas Kiley ha spostato lì; scende allora dal ring e va a recuperarlo, per poi rientrare sul mat. Vincent Cross guarda per un istante il guanto, poi si toglie anche l’altro, con un vago, quasi impercettibile, lucchichio negli occhi. Ed ecco che si sente un primo applauso nell’aria, poi un secondo, un terzo, un quarto, e tutto ad un tratto gli spettatori nelle prime file si alzano in piedi, seguiti da quelli delle file posteriori e via dicendo, finchè in tutta l’arena non è rimasto nessuno seduto al suo posto. Vincent Cross sorride, quasi imbarazzato, fa un piccolo inchino. L’applauso non si placa. Il biker esce dal ring ed appoggia i propri guanti da combattimento sull’apron, quindi si avvia verso il backstage fra due ali di pubblico. Arrivato in cima alla rampa d’ingresso, si volta e lascia spaziare un’altra volta il proprio sguardo fra gli spalti, emozionato. Poi sorride, questa volta un sorriso spavaldo, e prende posto sulla propria moto, lasciata a lato della rampa d’ingresso: un ultimo saluto e Vincent Cross mette in moto, sparendo nel backstage, mentre l’applauso del TWC Universe continua.





Up Next: TWC Diamond Championship - Chamber Zero Match - Rick Frye (c) vs. Matt Thunder vs. Shawn Gates vs. Big Black Boom vs. Fred Franke vs. Travis Miller


Top
 Profilo  
Rispondi citando  

Re: TWC - Zero Hour 2017
MessaggioInviato: 15/12/2017, 23:42 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: 24/12/2010, 18:48
Messaggi: 12423
Località: Baretto Kurabu
Bentornati a TWC Zero Hour! E' arrivato il momento della Chamber Zero per i titoli Diamond e TMC. Mentre la gabbia viene abbassata la campanella suona, parola all'announcer.

JR:The Following contest is the Zero Chamber! And it is for both the TMC and Diamond Championships!

Una volta posizionata la gabbia le telecamere si spostano verso lo stage, dove stanno per fare il loro ingresso i partecipanti.



La theme di Matt Thunder risuona nell'arena!

Immagine


il ragazzo, tintosi per l'occasione i capelli per metà biondi, scende la rampa velocemente, noncurante dei fischi del pubblico, per poi iniziare a testare la resistenza della gabbia dall'interno, sferrando colpi alle catene. Una volta soddisfatto, Thunder inizia anche a testare la resistenza della sua cabina. Soddisfatto anche di quella, prende posto al suo interno, mentre la theme sfuma.



E' ora il turno di Travis Miller!

Immagine


Il Child of Ice non perde tempo e scende la rampa osservando la struttura imponente di fronte a lui. Una volta arrivato di fronte ai gradoni abbassa la testa e chiude gli occhi per qualche secondo, per poi salire i gradoni ed entrare nel ring. Lo scozzese passa di fronte alla cella contenente Thunder e lo osserva con sguardo serio per qualche secondo, per poi essere inviato dall'arbitro verso la sua cabina in attesa della prossima entrata.



Risuona la theme song dei Whisperers attirando molteplici fischi dagli spalti.

Immagine


Rick Frye fa la sua comparsa sullo stage e i fischi aumentano ancora di più. The Phoenix, TWC Diamond Championship in spalla osserva con sguardo cupo la gabbia. Il diamond champion si avvia lentamente lungo la rampa, avvolto dai fischi del pubblico di Oakland dei quali si bea. Rick entra adesso nella gabbia e si guarda intorno, testando la resistenza del metallo con qualche strattone, poi va a posizionarsi nella cabina a lui assegnata, e la theme si interrompe.



La theme di Shawn Gates risuona nell'arena! Un boato del pubblico accoglie l'imminente arrivo del TMC Champion che dopo diversi secondi sbuca da sotto il titantron.

Immagine


Il texano ha indosso una maglietta nera con su una scritta dorata "True Motherfuckin' Champion", degli anfibi neri, un paio di jeans e l'immancabile cappello. Appoggiato sulla spalla, poi il texano ha un fucile a canne mozze. Gates si ferma sullo stage e imbraccia il fucile. ai piedi del ring, cinque sagome di cartone, raffiguranti Fred Franke, Rick Frye, Big Black Boom, Matt Thunder e Travis Miller. Il texano prende la mira e spara alle sagome prime, facendone polverizzare completamente la parte superiore. Ad ogni sagoma polverizzata, parte un Pyros che esplode nella parte superiore dell'arena. L'unica sagoma a rimanere in piedi è quella di Travis Miller. Il texano percorre la rampa avvicinandosi al ring, regalando il suo fucile ad un giovane fan in prima fila. Poi si avvicina alla sagoma di Miller, unica superstite della carneficina, e la butta giù con un Gatykick. Gates si avvia poi all'interno della gabbia, andando a prendere la sua postazione all'interno della cabina, mentre la theme sfuma.



Solita esitazione sotto il titantron, solito passo lento vero il ring, solita pausa davanti le scalette.

Immagine


La telecamera inquadra Big Black Boom frontalmente per tutto il percorso, lo vediamo indossare una t-shirt con una stampa riferita a Rule of Roses.

Spoiler:
Immagine


Qualche esercizio di stretching sul ring, poi la sua theme si interrompe e Boom entra all'interno della gabbia, scrutando i suoi avversari all'interno delle cabine, e ponendosi in attesa dell'ultimo concorrente.



Festosa è l'accoglienza da parte del popolo della TWC, numerosissimi e scroscianti gli applausi.

Immagine

Fred Franke fa capolino all'interno dell'arena, lo sguardo torvo e concentrato che non tradisce emozione, gli occhi guizzanti di grinta e le spalle larghe. Il pubblico incita l'ex diamond champion che adesso si avvia giù per la rampa e si dirige all'interno della gabbia. Fred lancia uno sguardo a tutti i presenti all'interno della chamber, che rispondono con altrettanta tracotante efferatezza. Chiude poi la porta alle sue spalle, sigillando, da ora alla fine della tremenda battaglia, l'entrata di quell'Inferno.

Zero Chamber for both the Diamond and TMC Championships: Rick Frye(c) VS Shawn Gates(c) VS Fred Franke VS Travis Miller VS Big Black Boom VS Matt Thunder


La campanella suona ed i due contendenti cominciano a muoversi per il ring studiandosi. Fred scatta in avanti tentando la prova di forza, ma Boom gli scivola alle spalle in modo da potergli afferrare le gambe ed atterrarlo. Una volta a terra Boom si lancia verso la testa dell'avversario per bloccarla e connettere una serie di pugni alla nuca, ma dopo pochi secondi il tedesco riesce a liberarsi e spingerlo via. Entrambi i contendenti si rimettono in piedi. Fred si scrolla i colpi di dosso e comincia ad avanzare verso l'avversario, che si guarda attorno e si mantiene a distanza indietreggiando. Dopo pochi secondi Il Perfidy in a Mask alza il braccio chiamando la prova di forza. Fred non se lo fa ripetere due volte ed alza il braccio a sua volta per cominciare la sfida... Ma BBB lo coglie di sorpresa schiaffeggiandolo! Fred si riprende immediatamente dal colpo mostrando un'espressione irritata e Boom lo osserva per qualche secondo prima di fiondarsi fuori dal quadrato. Fred lo insegue a breve distanza e fa per uscire a sua volta dal quadrato. Boom approfitta della posizione per calciare la seconda corda... Ma Fred blocca il piede dell'avversario! Il tedesco esce dal quadrato mantenendo la presa sul piede di BBB, il quale cerca di mantenere l'equilibrio e di liberarsi contemporaneamente dalla presa tentando di colpire l'avversario con le braccia... Niente da fare, Fred gli mette una mano sul petto e poi lo solleva mandandolo a sbattere contro la gabbia! Boom si tiene la schiena accusando il colpo, ma prima ancora di poter cadere a terra viene afferrato dal Golden Warrior che successivamente si avvicina alle corde... Belly to Belly Suplex verso l'interno del ring!

Immagine


Il membro dei Pulp Fiction si rotola a terra per il dolore mentre Fred rientra con tutta calma nel ring. Una volta raggiunto l'avversario ancora dolorante lo solleva e lo indirizza verso l'angolo con un'Irish Whip, dove lo raggiunge in pochi secondi con un Running European Uppercut! Boom rimane stordito, ma viene immediatamente spinto verso il paletto opposto, dove viene accolto da un secondo Running European Uppercut! Il wrestler mascherato avanza intontito verso il centro del ring, mentre Fred prende le misure e si lancia alle corde per poi connettere un'impressionante Springboard Stunner! BBB cade a terra stremato mentre Fred rimane seduto brevemente ad osservare la situazione. Il tedesco si rialza segnalando il numero uno con le dita e successivamente si porta all'angolo dove chiama il rivale a gran voce. Boom si rialza ignaro e si volta verso l'avversario, il quale carica a gran velocità verso di lui con il Golden Kick... No! Boom scivola alle spalle dell'avversario ed una volta girato lo colpisce con il Lowest Blow!

Immagine


Colpo quasi istintivo da parte di Boom che porta il tedesco in ginocchio. Il Perfidy in a Mask si riprende dai colpi subiti in precedenza con un sorriso stampato sul volto, e va ad afferrare la testa dell'avversario, per poi colpirlo con una lenta serie di pugni al volto. Fred dopo il terzo pugno spinge via l'avversario, ma Boom reagisce immediatamente con un Big Boot che porta l'ex Diamond Champion a terra. Il mascherato va per lo schienamento....1....2No! Fred reagisce, e BBB non perde tempo nel risollevarlo e mandarlo a sbattere contro l'angolo. Il Golden Warrior viene bloccato all'angolo da una serie di gomitate al volto che continuano per svariati secondi vista l'assenza di squalifica. Boom comincia ad aumentare il ritmo dei colpi... Ma viene bloccato da Fred dopo l'ennesima gomitata! Il tedesco ribalta la posizione e mette all'angolo l'avversario mandando a segno una serie di violenti Shoulder Block. Franke dopo la terza spallata si allontana e prende la rincorsa verso un Boom ancora stordito tentando un running Shoulder Block... No! Boom solleva le gambe e blocca l'avversario per poi spostarsi oltre le corde andando a chiudere una Rope Hung Kubi-Hishigi!

Immagine


Fred si dimena dal dolore mentre Boom spinge con forza la testa del tedesco urlandogli di cedere. L'Ex Diamond Champion cerca di liberarsi le braccia mentre il titantron mostra l'inizio del countdown per il terzo partecipante.10...9... Boom scuote la presa cercando di istigare la resa dell'avversario. 8...7...6, Fred comincia a muovere le gambe connettendo delle ginocchiate alla nuca dell'avversario....5....4, Boom molla la presa per evitare ulteriori danni e scivola fuori dal quadrato... 3...2, Fred stordito cerca di avvicinarsi a Boom da dentro il ring ma questi lo accoglie con un Hot Shot che manda al tappeto il tedesco...1....

Immagine


TRAVIS MILLER! La cella dello scozzese si apre alle spalle del wrestler mascherato, e questi accorgendosene rimbalza sulla seconda corda e si lancia subito all'attacco del nuovo arrivato con un Boomsault... NO! Miller lo intercetta al volo bloccandolo in posizione di Oklahoma Slam. Lo scozzese manda a sbattere la schiena dell'avversario contro la gabbia... Ice Age fuori dal ring! Travis neutralizza uno dei suoi due avversari ed immediatamente dopo volge la sua attenzione a Fred, il quale si sta rialzando con fatica sul ring. Miller da fuori ring sale sulla terza corda ed attende che il rivale si giri... Flying Clothesline che atterra il Golden Warrior! Lo scozzese si rialza rapidamente ed incita la folla con un urlo, per poi voltarsi di nuovo verso il tedesco ed attenderlo al varco... Chiude la Full Nelson, Cold Snap! Il wrestler di Gehlberg cade tenendosi la nuca, mentre Travis sposta di nuovo la sua attenzione su Big Black Boom, il quale si sta rimettendo in piedi fuori dal quadrato. Il wrestler di Inverness si avvicina e sale sulla seconda corda da dentro il quadrato, per poi afferrare l'avversario per la maschera e trascinarlo vicino a se. Miller gli afferra la testa preparandosi al sollevamento... Superplex dall'apron verso l'interno del ring!
Immagine


Boom cade rovinosamente a terra mentre Miller si mette in posizione seduta poco dopo l'atterraggio, limitandosi ad osservare la reazione del pubblico a questa prova di forza. Il membro dei No More Heroes si rimette in piedi ed osserva la situazione, per poi rialzare Boom e mandarlo oltre la terza corda con una Clothesline. Il mascherato cade malamente sull'acciaio mentre Miller lo va a raggiungere lentamente e lo risolleva. l'Ex campione di coppia si carica l'avversario in posizione per la Fallaway Slam e fa qualche passo in avanti, avvicinandosi alla cella contenente Matt Thunder. L'Electric Splinter lancia degli insulti allo scozzese, colpendo ripetutamente la cella. Miller lo guarda divertito... E poi lancia BBB alle sue spalle, Freeze! Lo scozzese non mantiene la presa dopo la caduta non potendo schienare fuori dal quadrato, ma il colpo sembra comunque aver avuto effetto su Boom, il quale rotola a terra dolorante. Travis si rialza... Ma prima ancora di potersene accorgere viene sorpreso da Fred, il quale si lancia oltre la terza corda con uno Shoulder Block! Travis sbatte contro la rete d'acciaio rimanendo stordito, ma il Golden Warrior non perde tempo e si rimette subito in piedi, caricandosi lo scozzese sulle spalle e gettandolo contro la Chamber con una violenta Powerbomb!

Immagine


Travis rimane seduto contro la gabbia cercando di riprendersi dal colpo appena subito, ma l'ex Diamond Champion non perde tempo e va a colpirlo con una serie di stomp contro la gabbia. Franke afferra la rete d'acciaio con entrambe le mani per poi cominciare una scarica sempre più rapida di calci all'addome di Travis, il quale cerca invano i parare i colpi del tedesco. Dopo diversi secondi Fred si stacca dalla gabbia e si allontana di qualche passo... Double Foot Stomp su Miller contro la gabbia! Il wrestler di Inverness si allontana dalla gabbia dolorante, ma in breve viene afferrato di nuovo da Fred, che dopo averlo messo in piedi lo osserva per qualche secondo e lo solleva in posizione di Military Press! Il tedesco riesce a mantenere la posizione quanto basta per avvicinarsi alle corde e gettare l'avversario all'interno del quadrato. Mentre Miller rotola dolorante verso le corde opposte, Fred si volta verso Big Black Boom, il quale si sta rialzando a fatica, e va ad afferrarlo per la testa... No! BBB reagisce e colpisce il tedesco con un Enzuigiri Kick! Franke indietreggia stordito , mentre il Perfidy in a Mask salta sulla rete d'acciaio... Springboard Hurricanrana verso l'interno del ring! Fred rotola verso il centro del quadrato, mentre BBB scivola di nuovo sotto la prima corda per uscire dal ring e prepararsi ad un altro Springboard. Fred si rialza stordito per la mossa appena subita, mentre il Countdown al quarto partecipante comincia...10....9...8... BBB salta sulla terza corda e si butta verso il tedesco...7... No! Fred lo afferra al volo e lo riposiziona per tentare una Powerbomb....6... Fred si sposta verso il centro del ring...5... Powerbomb!...4, Fred non molla la presa e risolleva l'avversario...3... Powerbomb!...2... Fred lo risolleva di nuovo....1.... Powerbomb!....

Immagine


MATT THUNDER! La cella alle spalle di Fred viene aperta mentre questi tenta un pin.....1.....2.... No! BBB reagisce. Matt esce dalla sua cella ma prima di riuscire ad entrare nel ring il suo sguardo si incrocia con quello del tedesco. Matt afferra la corda più alta da fuori ring e minaccia Fred, il quale gli fa cenno di entrare. Thunder rimane fermo ancora qualche secondo sorridendo, spingendo Fred a raggiungerlo... No! BBB da terra afferra i piedi di Fred fermandolo! Il tedesco cercando di liberarsi viene distratto abbastanza a lungo da permettere a Thunder di saltare sulla terza corda.... Springboard Knee a segno!

Immagine


Fred cade a terra dolorante mentre Matt aiuta BBB a rialzarsi. Una volta in piedi entrambi cominciano a colpire Fred con una rapida scarica di Stomp. Il tedesco cerca di parare la serie di colpi senza riuscirci, mentre i Pulp Fiction continuano per diversi secondi, per poi fermarsi e rimbalzare contro corde opposte... Senton da parte di BBB e Senton Leg Drop da parte di Thunder! Gi ex campioni di coppia si rialzano e spostano la loro attenzione su Travis, il quale si sta rialzando fuori dal ring. Entrambi fanno per uscire, ma una volta arrivati vicino alle corde Thunder ferma il compagno e gli fa cenno di stare indietro. BBB si allontana mentre Thunder salta sulla terza corda e va a colpire Travis alla nuca con uno Springboard Dropkick! Il colpo lancia Miller direttamente contro la gabbia, mentre Thunder si rialza e si lancia subito contro il suo ex-compagno durante la Random Tandem Battle con una scarica di colpi alla testa. L'Electric Splinter lancia degli insulti allo scozzese e lo afferra per la testa per poi scaraventarlo violentemente contro la rete d'acciaio. L'Electric Splinter non perde tempo e riafferra lo scozzese per la testa, per poi mandarla a sbattere contro la cella contenete Rick Frye. Il Diamond Champion si allontana da quella parete della cella per paura che si rompa, ma dopo l'impatto rimane intatta. Miller indietreggia di qualche passo, e Thunder ne approfitta per rimbalzare alle corde e connettere una Tornado DDT sull'esterno della gabbia! Miller dopo il colpo rotola verso l'interno del ring, mentre Thunder si rialza ed osserva la situazione. BBB al centro del quadrato sta tenendo Fred a terra con degli stomp, ma questi si ferma sentendo il compagno che lo chiama da fuori ring facendogli cenno di spostarsi sullo scozzese. I due si avvicinano e discutono per qualche secondo, mentre Miller e Fred cercano di rialzarsi a fatica. BBB va ad afferrare Travis per la testa e lo solleva trascinandolo vicino al paletto sul quale si sta posizionando Thunder. L'Electric Splinter attende che Fred si rimetta in piedi... Double Foot Stomp sulla schiena di Miller! Il colpo permette a Thunder di avere lo slancio necessario per arrivare ad afferrare Fred in volo... JUMPING DDT DI THUNDER SU FRED E DDT DI BBB SU MILLER!

Immagine

Immagine


BBB non perde tempo e va subito a schienare Miller....1.....2...No! Miller esegue il kickout. Thunder vedendo questo prova il pin su Fred....1....2....No! Anche Fred esegue il kickout. I due si rialzano frustrati e calciano Miller fuori dal ring, per poi voltare la loro attenzione verso Fred. Il tedesco viene rialzato da Boom, il quale lo comincia a colpire con una serie di schiaffi, che lasciano stordito il gigante. Tentativo di Roundhouse Kick... Evitato dal gigante, il quale spinge BBB contro le corde e lo afferra in rimbalzo per un German Suplex... No! Roundhouse Kick di Thunder che stordisce Fred. BBB gli va alle spalle... Inverted Headlock Backbreaker! Fred cade sulla seconda corda stordito, e BBB non perde tempo per afferrare la terza corda e salirgli sulla schiena, schiacciando così il rivale sulla seconda corda. Fred si dimena cercando di liberarsi, ma Thunder afferra la palla al balzo e gli si posiziona di fianco... Slingshot Leg Drop su Fred! Thunder si rialza fuori dal ring... Ma viene sbattuto a gran velocità contro la gabbia da Miller! Lo scozzese, appena ripresosi, atterra L'Electric Splinter e si volta immediatamente verso l'altro membro dei Pulp Fiction, che vedendo la scena interrompe la presa su Fred ed esce dal ring. Scambio di pugni tra Miller e Boom che continua mentre comincia il countdown per il quinto partecipante...10... Miller si porta in vantaggio...9...8... chiude l'avversario in posizione di Frost Bite...7... No! BBB si libera e lo afferra per il collo...6... Reverse STO contro la gabbia!...5... Miller cade in ginocchio intontito dopo il colpo, ma il Perfidy in a Mask non perde tempo e va a schiacciare la testa dello scozzese nella rete fino a farla passare attraverso e ad incastrare lo scozzese nella struttura!...4...3... Travis cerca di liberarsi ma viene prontamente immobilizzato dal mascherato, che gli afferra entrambe le gambe e chiude una Boston Crab!....2... Lo scozzese urla dal dolore...1...

Immagine


SHAWN GATES! Il TMC Champion fa il suo ingresso nella gabbia e si fionda immediatamente dall'altra parte della struttura, dove si trovano BBB e Miller. Thunder, rientrato nel ring cerca di intercettare il campione... No, Gates gli scatta alle spalle e rimbalza alle corde... Lucky Strike! L'Electric Splinter cade a terra, mentre l'altro membro dei Pulp Fiction cerca di applicare più pressione possibile sullo scozzese. Vedendo il texano avvicinarsi, BBB molla la presa e si lancia all'attacco di Gates, ma questi lo blocca e lo stordisce con un Hotshot. BBB indietreggia mentre Gates lo raggiunge e prende le misure... Texan Guillottine... No! Evitata da Boom che gli scivola alle spalle e lo attende... Big Black Stunner! Gates è stordito, e Boom non perde tempo per preparare la Cut to Black... Sacrifice! Miller rientra in gioco stordendo Boom e chiudendolo in una Full Nelson. Tentativo di Gates of Ice... No! Thunder torna all'attacco spingendo Gates contro la gabbia prima che possa effettuare il Superkick. Miller molla la presa su Boom e si lancia contro l'Electric Splinter, ma questi evita il colpo mandando Travis contro la gabbia... Splinter Kick! Il piede di Thunder attraversa la rete della gabbia dopo aver connesso il violento calcio su Miller, il quale cade a terra. Boom solleva immediatamente lo scozzese e chiama La Zed's Chopper. Thunder si allontana e Boom esegue il sollevamento... No! Gates alle sue spalle lo colpisce con un Chop Block facendolo cadere prima di poter eseguire la manovra. Thunder si lancia all'attacco su Gates, ma questi lo anticipa con un Forearm... Backfist di Thunder su Gates! Il texano cade in ginocchio stordito mentre Thunder si allontana e prende le misure. L'Electric Splinter prende la rincorsa e rimbalza sulla schiena di Gates per poi lanciarsi contro Miller... No! Miller lo blocca in volo e si sposta verso le corde... Fallaway Slam verso l'interno del ring! Thunder ruzzola verso il centro del quadrato mentre Travis cerca di riprendersi... No! BBB si lancia su Miller e gli afferra il collo tentando la Cut to Black... No! Gates colpisce BBB con un pugno chiuso in pieno volto. Il texano si scuote la mano ed aiuta il compagno a riprendersi, per poi posizionarsi vicino alle corde. BBB barcolla, ma dopo poco viene sollevato sopra le corde da Miller... Failure! BBB indietreggia stordito... Smith&Wesson! Lo Springboard Dropkick di Gates manda BBB a sbattere contro la gabbia. Il mascherato, stordito dal rimbalzo, si lascia cadere istintivamente all'interno del quadrato, dove si rimette in piedi barcollante... GOLDEN KICK!

Immagine


Fred colpisce Il Perfidy in a Mask alla nuca con il suo Bycicle Kick e va per lo schienamento....1....2.......3! BIG BLACK BOOM E' IL PRIMO ELIMINATO!

Spoiler:
Big Black Boom has been eliminated!


Il mascherato rotola dolorante verso la porta mentre Fred viene immediatamente aggredito da Thunder, il quale va a colpirlo con una serie di violenti pugni alla nuca. Il membro dei Pulp Fiction si accerta di aver atterrato il tedesco e si rimette in piedi, per poi rimbalzare alle corde... Miller rientra nel ring e cerca di intercettarlo con una Clothesline... Evitata da Thunder che si getta oltre la terza corda con un Over the Top Rope Senton su Gates! Thunder atterra il texano, ma Miller lo raggiunge dopo poco tentando di chiudere la Bite the Ice... No! Matt si getta a terra istintivamente e con le gambe spinge in avanti Travis, che va a sbattere contro una cella vuota. Travis indietreggia stordito... Dropsault alla nuca! Miller cade a terra mentre L'Electric Splinter si rialza... Prima di essere atterrato da Fred, che si lancia dal paletto con un Crossbody! Il tedesco si rialza ed afferra il wrestler di Jacksonville per la testa. Thunder viene rimesso in piedi e caricato per il Golden Knee... No! L'Electric Splinter afferra la gabbia con una mano e con l'altro braccio va a colpire la testa di Franke con delle gomitate. Il Golden Warrior perde la presa sul sollevamento, permettendo a Matt di spostarsi sulla struttura e cominciare a scalarla. Fred si riprende ed afferra un piede di Thunder cercando di tirarlo giù, ma questi riesce a scrollarselo di dosso e continua a salire. L'Ex Diamond Champion si prepara per salire a sua volta sulla struttura... MA VIENE ATTERRATO! BIG BLACK BOOM! Il Wrestler mascherato afferra un piede del tedesco dall'esterno della struttura e lo fa cadere, per poi trascinargli la gamba attraverso la rete ed immobilizzarlo! Degli arbitri cercano di scacciare BBB ma questi continua a mantenere la presa sulla gamba di Fred, urlando al compagno in cima alla gabbia di farlo fuori. Thunder una volta arrampicatosi fino al tetto della struttura guarda in basso e vede la situazione... HIGH IMPACT ELBOW SMASH SU FRED DALLA GABBIA!Sia Fred che Thunder accusano il volo mentre BBB molla finalmente la presa e si allontana con aria soddisfatta. Thunder cerca con fatica di rialzarsi mentre il Countdown per l'arrivo di Frye comincia....10....9... Thunder si tiene il fianco per il dolore mentre Fred sembra K.O...8......7.....6... Thunder riesce a rialzarsi e a trascinare Fred dentro la gabbia con tutto il corpo prima di tentare di sollevarlo...5....4... Matt non riuscendo a rimetterlo in piedi entra nel ring ed afferra Fred per un braccio...3... il tedesco viene posizionato a faccia in giù vicino all'angolo....2... Thunder si appoggia al paletto con fatica...1...

Immagine


RICK FRYE ENTRA NELLA CONTESA! Il Diamond Champion si fionda immediatamente nel quadrato mentre Thunder cerca di scalare il Turnbuckle in posizione di Moonsault... PHOENIX LOCK SU FRED!

Immagine


Il tedesco si dimena mentre Thunder raggiunge la terza corda e si aggrappa alla cella per trovare l'equilibrio... FRED CEDE!

Spoiler:
Fred Franke has been eliminated!


Frye si rialza immediatamente mentre Thunder sentendo l'annuncio si volta verso il Diamond Champion...La Fenice si lancia contro le corde facendo perdere l'equilibrio al wrestler di Jacksonville e facendolo cadere sul paletto più alto! Matt è stordito mentre Rick rimane appoggiato alla corda divertito... BITE THE ICE! Miller dall'esterno del ring chiude la Katahajime su Frye con le braccia e lo trascina fuori ring facendolo passare oltre la terza corda. Rick si dimena per evitare che Miller si getti a terra chiudendo del tutto la presa. Travis cerca di mantenere la sottomissione chiusa, ma Frye riesce a liberarsi mandando Travis a sbattere contro la gabbia. La Fenice si allontana di qualche passo riprendendo il fiato... GATYKICK!

Immagine


Gates colpisce di sorpresa Frye con il suo Superkick mandandolo K.O, ma non potendo schienare fuori dal quadrato è costretto a spingere il Diamond Champion sotto la prima corda e a schienarlo una volta rientrato.....1.....2....NO! Frye riesce a reagire! Il Texano si rialza seccato... Double Foot Stomp sulla nuca di Gates da parte di Thunder! L'Electric Splinter colpisce di sorpresa Gates e lo manda al tappeto, per poi risollevarlo e chiamare la Last Ride Thunderbomb... No, Matt molla la presa vedendo Miller avvicinarsi e va all'attacco su di lui... Cut Down to Size! Miller si rimette in piedi e chiama la Redemption... Thunder si mette in ginocchio con fatica e Miller parte a gran velocità verso le corde... No! Thunder si sposta e si rimette in piedi... Enzuigiri Kick! Travis è stordito, e Matt ne approfitta per tentare il Backslide.... No, Miller oppone resistenza... Ed inverte la presa per poi sollevare il membro dei Pulp Fiction... Helplessness! Travis chiude Thunder nella sua Gory Special e si sposta verso il centro ring. L'Electric Splinter urla dal dolore mentre Miller torce le sue braccia fino a farle incrociare. Lo scozzese si mette in ginocchio portando la testa di Matt più in basso... GATYKICK!

Immagine


Shawn assiste la sottomissione del compagno con il suo Superkick... WHISPER DI FRYE A SEGNO SU SHAWN! FRYE VA PER LO SCHIENAMENTO!......1........2.........3NO! THUNDER CEDE!

Spoiler:
Matt Thunder has been eliminated!


Frye sbatte le mani per terra ripetutamente in segno di rabbia e si rimette in piedi, mentre Miller molla la presa su Thunder. SUPERKICK SU MILLER! SCHIENAMENTO!....1.......2...NO! Anche Miller reagisce! Frye si rialza mettendosi le mani fra i capelli osservando i No More Heroes di fronte a lui. Dopo qualche secondo va a sollevare Miller e lo getta fuori dal ring con violenza. Lo scozzese cerca di rimettersi in piedi con l'aiuto della gabbia, ma Rick lo intercetta immediatamente e lo rimette in piedi... PER POI LANCIARLO CONTRO UNA CELLA!

Immagine


Il vetro della cella viene distrutto dopo l'impatto di Miller, il quale rimane privo di energie all'interno del pod. Una volta sistemato lo scozzese Rick torna sul ring e va ad afferrare la testa di Shawn preparandolo in posizione di Suplex. Frye fa il segno del tagliagole e procede con il sollevamento... No, Gates scivola alle spalle del Diamond Champion e va per la Gates of Hell... No! Frye gli cade alle spalle e lo afferra alla vita provando la Chaos Theory... Gates si aggrappa al paletto lasciando che Frye rotoli all'indietro. Texan Guillottine! Rick è a terra e Shawn va per lo schienamento...1......2...No! Frye reagisce! Il texano si rimette in piedi e solleva l'avversario, per poi portarlo all'angolo e colpirlo con una serie di chop che riecheggiano per tutta l'arena. Shawn va per l'ennesima Chop... Ma Frye ribalta le posizioni scivolando sotto il braccio di Gates e andandolo a colpire con un Pelè Kick! L'Icon rimane stordito e Frye ne approfitta per posizionarlo sopra la terza corda. Il 171 lo raggiunge salendo a sua volta sulla seconda corda preparandosi ad un Frankensteiner... No! Shawn gli scivola sotto le gambe portandosi in posizione di Powerbomb! Frye riesce però ad aggrapparsi alle corde e a stordire l'avversario con dei pugni al volto. Shawn cade in ginocchio e Frye si porta sulla terza corda, alzandosi in piedi e mantenendo l'equilibrio con l'aiuto della gabbia... Ma Gates torna di nuovo all'attacco scalando rapidamente fino alla terza corda e tentando un top rope German Suplex... No! Frye si aggrappa alla rete sopra la cella e riesce a liberarsi di Gates con delle gomitate che lo fanno cadere stordito dalla terza corda... Frye cerca di riprendersi... Ma da dentro la gabbia Miller afferra il braccio di Frye e lo fa passare attraverso la rete sopra la gabbia bloccandolo! Frye cerca di liberarsi ma Miller mantiene salda la presa, permettendo a Gates di salire nuovamente sulla terza corda e sbattere la testa del Diamond Champion contro lo spigolo della cella! Dopo il violento colpo Miller molla la presa ed esce dalla cella, mentre il texano solleva Rick posizionandolo sulla cella in posizione supina... Ma Frye con le sue poche forze rimaste comincia a scalciare colpendo Gates in pieno volto e facendolo cadere sul ring. Travis vedendo questo sale immediatamente sulla terza corda fermando La Fenice che scende sulla terza corda. Frye colpisce Miller con dei pugni alla testa che sembrano stordirlo...SACRIFICE! Frye rimane stordito mentre Miller si aggrappa alla gabbia per non cadere. Lo scozzese carica ancora una volta Frye sulla cima della gabbia e poi lo afferra per le gambe girandosi verso il ring. Shawn vedendo la situazione si allontana verso il paletto opposto. Travis tenendo le gambe dell'avversario scende con un piede sulla seconda corda e spinge... FEAR DALLA CIMA DELLA GABBIA! Frye atterra di faccia sul ring dopo una vertiginosa caduta, ed il solo rimbalzo lo porta in ginocchio... GATYKICK!

Il Diamond Champion è a terra! Gates schiena!1........2........3! FRYE E' ELIMINATO! IL DIAMOND TITLE CAMBIA POSSESSORE!

Spoiler:
Rick Frye has been eliminated!


Frye viene aiutato da degli arbitri ad uscire dal quadrato mentre Miller torna sul ring e Gates si rialza. I No More Heroes vanno faccia a faccia ancora una volta, entrambi visibilmente provati dall'incontro... SMALL PACKAGE DI MILLER! 1......2....NO! Gates esegue il kickout e si rialza immediatamente... Sacrifice! Evitata! Gates si lancia alle corde... Lucky Strike! No! Miller lo afferra al volo! Freeze! Miller mantiene per lo schienamento.....1.......2.....No! Gates reagisce ancora una volta. Il Child of Ice lo attende mentre questi si rimette in ginocchio. Travis corre alle corde... Redemption! Evitata! Gates lo afferra per il costume e lo tira verso di se per la Gates of Hell... Ma lo scozzese durante il sollevamento riesce a trasformare il tutto in uno Snapmare! Gates si rialza immediatamente e mentre Miller recupera si lancia sopra di lui con un Sunset Flip... Ma Travis continua a rotolare impedendo a Gates di chiudere il pin e rimettendosi in piedi. Travis lo afferra immediatamente per le gambe... E LO SOLLEVA DI PESO! PILEDRIVER A SEGNO!

Immagine


LA TESTA DI GATES RIMBALZA SUL RING MENTRE LO SCOZZESE VA IMMEDIATAMENTE PER LO SCHIENAMENTO!1.........2............3! NO! GATES ESEGUE IL KICKOUT ALL'ULTIMO ISTANTE! Travis striscia all'indietro incredulo portandosi fino al paletto. Lo scozzese si mette le mani fra i capelli e si riporta in piedi, guardandosi attorno cercando una nuova strategia. Il Child of Ice solleva con fatica La San Antonio Icon e lo trascina fino al paletto, per poi posizionarlo sopra la corda più alta. Travis sale sulla seconda corda e guarda il ring alle sue spalle, per poi afferrare la testa di Gates e posizionarlo per una Top Rope Piledriver. Miller tenta il sollevamento... Ma Gates si ancora al paletto e lo colpisce, riuscendosi a liberare. Il TMC Champion si mette in piedi sul paletto e con un piede spinge Miller a terra. L'Ultimate Rebel osserva la scena e si volta verso la cella, decidendo di scalarla. Shawn si posiziona sopra la cella, ma prima che si possa mettere in piedi Miller si rialza e scatta di nuovo sulla terza corda andando ad afferrare l'avversario per la testa. Pugno di Miller al volto di Gates, il quale reagisce con un pugno a sua volta! Altro pugno, Altra risposta! Pugno di Miller! Pugno di Gates! Altro Pugno di Gates! SACRIFICE DI MILLER! TESTATA DI GATES! Miller perde l'equilibrio e cade di fronte al paletto! Shawn si alza prendendo le misure... STILL UNBROKEN DALLA CELLA!

Immagine


Entrambi i contendenti si rotolano a terra dal dolore, ma Gates riesce a rimettersi in piedi tenendosi il braccio e va al paletto. Il texano chiama a gran voce il suo compagno, che con molta fatica cerca di risollevarsi. Miller si rimette in ginocchio.


GATYKICK A SEGNO! GATES VA PER LO SCHIENAMENTO! 1......2......3! SHAWN GATES VINCE LA CHAMBER ZERO!

Spoiler:
Travis Miller has been eliminated! therefore, the winner of this match, and NEW Diamon Champion... SHAWN GATES!


Un arbitro porta i titoli TMC e Diamond a Gates, il quale cade in ginocchio per il dolore ma alza comunque il braccio in segno di vittoria. Il texano dopo aver indossato una cintura alla vita e l'altra sulla spalla va a sincerarsi delle condizioni del compagno, il quale riesce a rimettersi in posizione seduta seppur ancora abbastanza disorientato. Gates lo aiuta a rimettersi in piedi, e successivamente lo porta vicino alle corde in modo che si possa appoggiare a qualcosa. Mentre Gates torna a festeggiare con il pubblico Miller rimane per qualche secondo a riprendere fiato e poi si stacca dalle corde, piegandosi per la stanchezza. Shawn lo nota e gli chiede se sta bene. Travis alza lo sguardo e gli si avvicina andando ad abbracciarlo. Il pubblico esulta a gran voce mentre Travis alza affaticato il braccio di Shawn Gates con in mano il titolo...

Immagine


ATTENZIONE! COLPO BASSO DA PARTE DI TRAVIS! Gates cade in ginocchio mentre il pubblico copre di fischi lo scozzese, il quale sembra essere concentrato solo sul'altro membro dei No More Heroes. Il Child of Ice osserva per qualche secondo l'amico dolorante e successivamente lo afferra bruscamente per la testa mettendolo in posizione di Piledriver. Lo scozzese gli stacca il Diamond Title dalla vita lasciandolo cadere per terra e poi va per il sollevamento...

Immagine


LEG-TRAP PILEDRIVER A SEGNO SULLA CINTURA! Gates cade a terra privo di energie mentre Miller si rimette in piedi e va ad afferrare il titolo TMC per poi mostrarlo al pubblico con espressione indifferente... Travis si lancia la cintura alle spalle! Un gruppo di arbitri arriva ad allontanare Travis Miller da Shawn Gates mentre questi viene aiutato dai medici. Su queste immagini il collegamento con l'arena si interrompe, Stay Tuned!





Up Next: Singles Match - Alisa Frye vs. Beverly Bayley


Ultima modifica di Elban Rattlesnake il 16/12/2017, 20:36, modificato 1 volta in totale.

Top
 Profilo  
Rispondi citando  

Re: TWC - Zero Hour 2017
MessaggioInviato: 16/12/2017, 0:24 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: 24/12/2010, 18:48
Messaggi: 12423
Località: Baretto Kurabu


Ed ecco che risuona la theme song di Alisa Frye ottenendo i fischi del pubblico.

Immagine


Mrs. Frye compare sullo stage vestita con il suo ring gear e dopo aver lanciato una fredda occhiata al pubblico, punta lo sguardo sul quadrato per poi accennare un leggero sorriso e avviarsi sulla rampa a passo svelto. Una volta ai piedi del ring vi scivola dentro per poi salire su un paletto e mostrare un altro leggero sorriso, e fatto ciò scende e si mette in attesa della sua avversaria.



Paint it Black risuona nell'arena e la londinese fa la sua comparsa sullo stage. Con un sorriso osserva il pubblico che la fischia in maggior parte, poggia le mani sulle gambe e le alza in aria facendo il segno della V con il dorso della mano verso l'esterno urlando "BEVERLY BAILEY, BITCH!"

Immagine


Shorts di jeans e una canottiera con il logo delle Sick chicks, percorre la rampa con tranquillità e poi arriva dentro al ring dove indica Alisa con un braccio e le dice di farsi sotto. L'arbitro fa suonare la campana.

SINGLES MATCH:
ALISA FRYE VS BEVERLY BAILEY


Le due si incontrano in un clinch, vinto da Beverly quando calcia la gamba di Alisa portandola in ginocchio. La chiude in una side headlock e poi in una hammerlock. Alisa si riporta in piedi e cerca di uscire dalla presa. Riesce a spostarsi alle spalle dell'avversaria e a chiuderla in una headlock ma Bev scivola a sua volta dietro di lei e con uno sgambetto la manda a terra. Salta sopra al braccio di Alisa e corre alle corde, al rebound Alisa torna in piedi e tenta una hip toss ma Bev la blocca, molla uno schiaffo sullo stomaco ed è lei a mettere a segno una hip toss. Mantiene la presa sul braccio e vi cade sopra col ginocchio. Tende il braccio ma Alisa riesce a raggiungere le corde. Bev attende fino al conto di quattro e lascia la presa. Alisa si riporta in piedi scuotendo il braccio preso di mira, Bev le corre contro ma lei scende fuori dal ring. Beverly la segue e Alisa inizia a correre attorno al ring, seguita dalla londinese. Alisa rientra nel ring ed anche Bev scivola dentro. La Alpha Frye si getta su Bev ma la londinese si tira indietro fuori dal ring, tirando il telo del ring ed intrappolando la Frye nel telo. La riempie di pugni e forearm, concentrandosi sul braccio fin quando l'arbitro non la richiama. Si stacca con le mani in aria, allontanandosi dalla Frye, salvo poi correrle contro e colpirla con un running dropkick sul braccio. La tira fuori dal telo e la getta dentro il ring, rientrando anche lei. La copre per il pin: 1, 2, no! La rialza, le blocca il braccio e la proietta con un ArmSuplex!

Immagine


Rotola sopra di lei, mettendo il peso sul braccio preso di mira, e tenta un altro pin: 1, 2, no! La rialza e la manda all'angolo con una irish whip ed impatta un altro running dropkick mirando al braccio che ora prende e piega tra le corde. Tira la corda con un piedi mentre spinge il braccio nell'altra direzione con le braccia. Alisa urla di dolore e l'arbitro deve staccarla di nuovo. Si allontana sorridendo, sta per scattare di nuovo verso l'avversaria quando l'avversario la blocca fisicamente per evitare che la situazione si ripeta. La rossa si lamenta con l'ufficiale e tenta di sorpassarlo, Alisa ne approfitta ed alle spalle dell'arbitro infila le dita negli occhi di Beverly e poi la tira giù per un roll-up: 1, 2, no! Beverly riesce a portare le braccia attorno al braccio e alla gola di Alisa da questa posizione e intrappolarla in una Triangle arm choke!

Immagine


Bloody hell's gate! Alisa si ritrova di nuovo in pericolo e si agita tentando di fuggire dalla presa, senza riuscirci. La rossa applica ancora più pressione mentre urla insulti in faccia ad Alisa. La Frye continua a dimenarsi fino a quando con uno spostamento riesce a mettere un piede sopra la prima corda. La rossa non lascia ancora la presa e l'arbitro inizia il conteggio, arriva oltre il quattro ed è costretto ad intervenire di nuovo fisicamente. Beverly si allontana sorridendo e l'arbitro la ammonisce. Beverly sembra neanche ascoltarlo e torna addosso ad Alisa. Questa però la prende di sorpresa e con un drop toe hold la manda di gola sulla seconda corda. Con fatica la whisperer si rialza e schiaccia con un piede la testa di Bev spingendola di gola sulla corda. L'arbitro richiama anche lei e al conto di quattro si stacca. La prende per i capelli e la sbatte a terra e continua a sbatterle la testa sul tappeto. La rialza e la manda con una irish whip all'angolo. La porta sulla seconda corda ma Bev la spinge via. La rossa sale sulla terza corda ma Alisa si getta sulle corde facendola cadere a terra. La rialza velocemente e la manda contro l'angolo con uno Snap suplex. La riprende e con un altro snap suplex la manda a centro ring.

Immagine


Copre per il pin: 1, 2, niente da fare! La rialza e la manda alle corde, al ritorno la stende con un Leg Lariat. La rialza e la manda alle corde dall'altro lato per stenderla con un altro Leg Lariat. Ripete il trattamento per la terza volta ma questa volta Beverly blocca la gamba, le intrappola il braccio infortunato tra le gambe e la proietta lontana con un Pumphandle suplex. Alisa accusa il colpo e ora digrigna i denti mentre si tiene il braccio, mentre Beverly prende fiato dall'altro lato del quadrato. Le due si rialzano quasi all'unisono e la Bailey va a prendere in consegna la Frye... No! Alisa connette con un rapido Jawbreaker che fa traballare la rivale, per poi prendere slancio alle corde e andare con un nuovo Leg Lariat che stende Beverly! Alisa schiena... 1...2... No! Kick-out della londinese. Alisa mostra una smorfia frustrata e va a prendere Beverly per i capelli, ma quest'ultima la colpisce con delle gomitate allo stomaco per poi prendere una breve rincorsa e connettere con un montante che fa arretrare Alisa contro l'angolo e lo rendendola vittima di una violenta ginocchiata che la fa impattare malamente contro il turnbuckle. Beverly inizia a colpire una frastornata Alisa Frye con dei violenti calci al petto per poi rialzarla, posizionarla sulla seconda corda all'angolo e abbatterla con il Mighty Knees!

Immagine


Beverly va per il pin... 1...2... No! Alisa c'è! La londnese si rialza a comincia a colpire con degli Stomp la rivale per poi rialzarla e abbatterla con una Clothesline! 1...2... No! Altro kick-out da parte di Alisa Frye. The New Bailey mostra una smorfia contrariata ma non si scoraggia minimamente ed ora rialza l'avversaria per i capelli e la lancia con violenza contro un angolo! L'impatto è talmente forte che Alisa crolla a terra finendo con le spalle poggiate sulla seconda corda, ed ora Beverly prende slancio connettendo con un calcione in piena faccia! L'inglese trascina Alisa al centro del ring e va per il pin 1...2... No! La Whisperer esegue il kick-out! Beverly mostra una smorfia seccata , ed ora rialza Alisa per poi caricarla per il Justice Plex... No! Alisa si divincola con delle gomitate e passare alle spalle della rivale, connettendo lei con un Justice Plex aka German Suplex!

Immagine


Alpha va per il pin... 1...2... No! Beverly alza una spalla. Alisa sbuffa e ora prende la rivale per i capelli, ma questa la spintona via mandandola contro un angolo facendola poggiare con la testa sulla corda più alta. Fatto ciò inizia ad insultare la rivale, ma Alisa alza una gamba stampandole un poderoso calcio in faccia facendola arretrare mentre si tiene la mascella. La Whisperer torna alla carica ma Beverly la intercetta con un Forearm Smash per poi gettarla contro l'angolo opposto. La Sick Chick mostra un'espressione stizzita per poi travolgere con un poderoso Lariat all'angolo l'avversaria! Alisa accusa il colpo e Beverly inizia a colpirla con una violenta scarica di calci! Fatto ciò la londinese arretra di qualche passo e dopo che Alisa è rotolata a terra la schiaccia con la London Blind Eye!

Immagine


Beverly Bailey schiena... 1...2... No! Alisa c'è ancora! La londinese si alza e accenna una smorfia contrariata mentre Alisa è a terra, e ora Beverly attende che la rivale si rialzi per poi partire all'attacco... No! Alisa gli sguscia alle spalle e va con uno Schoolgirl Roll-Up... 1...2... No! The New Bailey esegue il kick-out, ma repentinamente Alpha la riesce a bloccare con una presa frontale al collo, e rialzandosi insieme a lei la inizia a colpire con violenti ginocchiate al viso e al petto che intontiscono e non poco la Bailey! La Whisperers osserva con disprezzo una rintronata Beverly Bailey per poi colpirla con un calcio su un ginocchio, facendola piegare, seguito da un Fortune!

Immagine


Alpha non schiena, ma anzi rialza l'avversaria e la lancia contro il paletto facendola scivolare contro il tenditore più basso, facendola impattare di testa! La londinese accusa il colpo e ora Alisa la osserva con disprezzo per poi iniziarla a colpire con la sua sequenza di violenti Stomp all'angolo noti anche come Among Thieves, e fatto ciò va con l'A Thief's End! Thieves Combo connessa alla perfezione!

ImmagineImmagine


La Whisperer ora trascina la rivale al centro del quadrato e va per lo schienamento... 1...2... No! La Sick Chick alza una spalla. Alisa accenna una smorfia contrariata per poi rialzare l'avversaria e va con il Deception... No! Beverly evita per poi sgusciare alle spalle della rivale e intrappolarla nella London Fall! La Whisperer è nei guai, ma non pare intenzionata ad arrendersi ed ora cerca di raggiungere la corda più bassa per ottenere il tanto insperato ropebreak. Alpha si trascina con il braccio destro, ma non appena sfiora le corde con un dito, la Bailey la fa rotolare al centro del ring! La Whisperer urla dal dolore in cerca delle corde e Beverly gli urla a gran voce di cedere, ma Alisa non sembra in alcun modo intenzionata a farlo, ed ora con una prova di forza non indifferente pianta il braccio libero a terra e si solleva conn Beverly ancora avvinghiata per poi schiantarla violentemente a terra! Il pubblico reagisce con un boato di sgomento mentre le due lottatrici restano a terra per diversi secondi. La prima a rialzarsi è Beverly che mostra un'espressione dura per poi iniziare a colpire con dei calci Alisa, e fatto ciò la rialza per i capelli e va con un pugno... No! Alisa schiva e poi va con un velocissimo Fortune!!!

Immagine


Le due stramazzano a terra e vi restano per diversi secondi, poi Alisa si rialza e va a prendere in consegna Beverly colpendola prima con una ginocchiata e poi andando con l'Alpha Whisper... No! Beverly blocca il tentativo di Jumping Cutter per poi colpire con una gomitata la base del collo di Alisa, abbrancarla e andare con il Justice Slam... No! Alisa riesce a sgusciare e arretrare verso l'angolo. Beverly parte subito alla carica ma Alisa si sposta lasciandola impattare faccia contro l'angolo per poi...

Immagine


... STENDERLA CON UN'ALPHA WHISPER OUT OF NOWHERE!!! Alisa va per il pin... 1...2...3! NOOOOOOOOOOOOOOOOOOOO!!! Beverly ha messo un piede sulla corda più bassa!!! Alisa scalcia e da pugni sul tappeto come una pazza. Va a lamentarsi con l'arbitro poi vede Beverly che striscia a terra stordita e si porta sull'apron. Sale in cima al paletto, si porta in piedi: Whispers into screams! Ma Beverly si aggrappa all'arbitro e lo spinge contro il paletto facendo perdere l'equilibrio alla Frye! L'ufficiale si lamenta con la rossa che fa spallucce, afferra Alisa per il collo... E la butta giù con un'incredibile Tower of London!!

Immagine


Alisa crolla a terra, esanime dopo questo asso nella manica della londinese, Beverly prende fiato un secondo poi la trascina a centro ring prendendola per il braccio infortunato. Glielo sbatte al tappeto e gli cade sopra con le ginocchia per poi girarsi rapidamente, tenendo il braccio tra le gambe, ed applica la Division Jack! Beverly Bailey mette a segno la sua sottomissione più letale sul braccio infortunato di Alisa!

Immagine


Alisa urla di dolore agitando il braccio libero, Bev le urla vari insulti e dicendole di cedere. Applica sempre più pressione, si tira sempre più indietro, il braccio è sempre più esteso fino a quando Beverly lo tira a sé con un pesante strattone ed un forte rumore proviene dal braccio di Alisa! La Frye urla come una forsennata per il dolore, Beverly Bailey le ha spezzato il braccio! Alisa cede immediatamente!

Spoiler:
THE WINNER OF THIS MATCH BY SUBMISSION: BEVERLY BAILEY


La rossa lascia la presa solo dopo qualche secondo, l'arbitro le alza il braccio in segno di vittoria. Sorridente sputa addosso ad Alisa e le calpesta il braccio rotto durante la strada per uscire dal ring. Torna nel backstage con le braccia alzate ed un sorriso mentre un medico va a controllare le condizioni della Frye. Zero Hour continua, restate qui.





Up Next: Alpha Horizon 2018 Preview


Ultima modifica di Elban Rattlesnake il 16/12/2017, 20:37, modificato 1 volta in totale.

Top
 Profilo  
Rispondi citando  

Re: TWC - Zero Hour 2017
MessaggioInviato: 16/12/2017, 0:32 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: 24/12/2010, 18:48
Messaggi: 12423
Località: Baretto Kurabu


A New Year begins
Which wrestler will rise to the top of TWC in 2018?

The landscape of professional wrestling is about toChange.



09.03.18


From Madison Square Garden,in New York


Immagine

Total Wrestling Corporation Proudly Presents...

ALPHA HORIZON

Live In Pay Per View






Up Next: ZERO HOUR MAIN EVENT - TWC World Championship Match - Kevin Manson (c) vs. Andy Moon


Ultima modifica di Elban Rattlesnake il 16/12/2017, 20:35, modificato 2 volte in totale.

Top
 Profilo  
Rispondi citando  

Re: TWC - Zero Hour 2017
MessaggioInviato: 16/12/2017, 0:35 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: 24/12/2010, 18:48
Messaggi: 12423
Località: Baretto Kurabu
Bentornati a Zero Hour. Il momento è giunto: main event. Kevin Manson contro Andy Moon, ed il contratto del Last Hero scadrà stasera. Lo scontro per il Destino della TWC. Le luci si spengono, completamente.



Risuona Time Warp, la prima theme song di Andy Moon, accompagnata dal primissimo titantron del ragazzo. Dopo circa una ventina di secondi, tuttavia, la canzone sfuma e così anche lo schermo torna nero.



Immagine


Adesso invece è il turno di New Dawn Fades dei Joy Division. Il titantron si tinge a tema, ma anche stavolta, la musica dura ben poco. Nuovo silenzio.



His World. Ma ancora nessuna traccia di Moon. Fade to black.



WEEP NOT FOR ROADS UNTRAVELED.


Le luci si fanno dei colori dell'alba e puntano tutte al centro dello stage dove si sparge del fumo.

WEEP NOT FOR SIGHTS UNSEEN.


Altre luci iniziano ad accendersi in tutta l'arena, apparentemente senza uno schema preciso.

'CAUSE BEYOND EVERY BEND THERE'S A LONG BLINDING END.


Non sono solo luci. Sono anime.

Immagine


IT'S THE WORST KIND OF PAIN I KNOW.


Immagine


Andy Moon nella nebbia, respira profondamente tenendo gli occhi chiusi e la testa leggermente piegata all'indietro. A un'occhiata più approfondita, si notano diversi particolari dell'attire di Moon. Metà del volto è pitturata da joker. Indossa un giaccone bianco, aperto, con una A dell'Anarchia rossa sul taschino al petto. Sotto, una t-shirt con degli spruzzi di colore che ricordano un graffito. I pantaloncini banchi e neri con la scritta "Hero" in verticale, abbinati agli stivali. Moon esce dal fumo e cammina lentamente per la rampa, scrutando il ring. Una volta arrivato nell'area ring, Andy sale sull'apron, e poi sul paletto. Non alza le braccia, non fa gesti particolari, niente fronzoli. Solo si guarda intorno, circondata dalle centinaia di luci nel pubblico. Annuisce impercettibilmente, poi scende sul quadrato e si posiziona a sedere all'angolo opposto, fronteggiando il titantron, mentre The Catalyst sfuma. Le luci si spengono nuovamente. Sul titantron, a caratteri cubitali, compare una scritta.

IN THIS WORLD... IT'S KILL OR BE KILLED.


Il pubblico rumoreggia. La scritta cambia.

IT'S OVER.




Una theme song mai sentita prima risuona nell'arena. L'arena è in silenzio, l'atmosfera è pesante. Dopo i primi quindici secondi di violini, il riff di chitarra. Con il riff di chitarra, la luce.

Immagine


Kevin Manson è al centro della rampa, con il proprio TWC Championship sulla spalla sinistra ed una semplice maglietta nera con una sola parola scritta frontalmente: Farewell. Il pubblico lo fischia sonoramente, ma Manson li ignora. L'Apocalisse chiude gli occhi, inspirando profondamente, dopodiché percorre la rampa a passi veloci e sale sul quadrato, prendendo immediatamente posizione all'angolo del ring opposto a quello presidiato da Moon. I due si guardano a debita distanza, finché Simon De Jano non giunge a chiedere a Manson il TWC Championship. La cintura gli viene praticamente lanciata addosso, con noncuranza. Il referee la alza al cielo, leggermente a fatica, dopodiché la consegna ad un addetto e verifica che i due contendenti siano pronti per lottare. La campana suona.

Zero Hour - Kevin Manson vs Andy Moon


Si parte. Andy Moon e Kevin Manson si scrutano, perfettamente immobili ai rispettivi angoli, mentre il pubblico comincia a rumoreggiare. Piano piano, dalla confusione si alza un unico, grande coro.

Please don't go! Please don't go! Please don't go!


Moon gira la testa lentamente, verso i tifosi. Si lascia scappare un sorriso malinconico. Manson, dal canto suo, si sgranchisce il collo: la sua espressione è perfettamente vacua, sempre fissa sull'ex-amico ed ora sfidante. Il direttore di gara, l'iconico Simon De Jano, invita i due al Clinch. Andy si stacca dall'angolo, facendo qualche passo in avanti. Kevin fa una smorfia, dopodiché fa lo stesso. I due, piano piano, si avvicinano. Alzano le braccia al cielo... Ma Kevin spinge via il Midnight Hunter con una manata in faccia, dopodiché esce all'esterno del quadrato. Lo sfidante si rabbuia, rimanendo fermo al centro del quadrato, mentre l'Apocalisse lo ignora e si appoggia alle barricate, ignorando un fan in prima fila che gli urla addosso e chiudendo gli occhi. De Jano, confuso, comincia a contare. Uno. Due. Tre. Quattro. Cinque. Sei. Manson scuote la testa. Sette. Otto. Kevin si gira di scatto, rilanciandosi sul quadrato: qui Andy lo accoglie fintando un pestone, che si trasforma in un calcetto di scherno alla testa. Il pubblico prima rumoreggia, poi comincia ad applaudire il Last Hero. Moon non reagisce, tenendo lo sguardo fisso sull'avversario. Il TWC Champion, dal canto suo, trattiene a stento un ringhio, si rialza e va a muso duro con l'avversario. I due si sussurrano parole che non riusciamo a cogliere, finché Manson non colpisce l'avversario con un Forearm. Parato! Andy ferma il braccio del nemico prendendolo per il polso e gli molla uno schiaffone con la mano libera. L'Arcidemone arretra, portandosi una mano sulla guancia colpita, dopodiché si gira. Heartbeat Overdrive! Ma era solo una finta. Kevin però non ha reagito, anzi, il suo movimento all'indietro gli è servito solo per prendere la rincorsa. Ginocchiata in faccia a Moon!

Immagine


L'impatto è durissimo per lo sfidante, che però si sforza di non cadere all'indietro. Manson spalanca gli occhi per un secondo, lo piega con un Gut Kick e prova ad impacchettarlo per il suo famigerato Piledriver... No, Andy si divincola muovendo le gambe e si allontana rapidamente creando spazio tra sé e l'ex-amico. Ancora una volta, i due avversari si guardano a debita distanza. Il pubblico prova a far partire qualche coro per Moon, ma si interrompono non appena i due si avvicinano e vanno finalmente in posizione di Clinch. Kevin spinge via Andy, scuotendo la testa. Sul volto dello Skull Kid compare una smorfia di rabbia, dopodiché si avvicina e va per un secondo ceffone: l'Apocalisse capisce e si abbassa, ma prima di potersi rimettere in piedi si prende un calcio in piena fronte che lo fa cadere a terra, seduto. Rebound per Andy, Penalty Kick! Ma Kevin gli ferma la gamba. L'Arcidemone si rimette in piedi, mentre Moon saltella su una gamba sola. Prova a saltare per l'Enziguiri Kick, ma non appena prova la rotazione in aria Kevin lo spinge nella direzione opposta, facendolo contorcere innaturalmente e cadere piuttosto male sul mat. Andy rantola in terra, Kevin prende una breve rincorsa e lo colpisce con un Penalty Kick all'altezza della nuca, a cui segue un rebound. Running Senton, a vuoto. Moon si è spostato, ed ora si rimette in piedi con un Kip-Up. Anche il Tear Suppressor è in posizione eretta, le mani dietro la schiena e la guarda bassa. Roundhouse Kick!

Immagine


Il famigerato Keep It Alive di Andy Moon va a segno... Ma si ripete la scena di prima, a parti invertite: Kevin Manson rimane in piedi, immobile, nonostante il suo sguardo si sia improvvisamente spento. L'uomo di Savannah chiude gli occhi, mentre con l'indice ed il medio della mano sinistra Kevin sembra invitarlo a farsi sotto... E si prende un Backfist in pieno volto. Le gambe si fanno molli, ma l'ex-Animale non ne vuole sapere di crollare. L'Arcidemone si lascia scappare una flebile risatina, che si interrompe non appena Moon lo manda gambe all'aria con uno spintone. Il pubblico esplode in un boato, mentre il TWC Champion alza leggermente la testa, ancora sdraiato a terra, per incrociare lo sguardo dell'avversario. L'espressione è dura, le mani sono chiuse a pugno ed il volto sta tendendo ad un rosso sempre più acceso. All'improvviso, Manson fa per mettersi in piedi ma è troppo lento e si prende un calcio sinistro sulla schiena, seguito da un calcio destro al petto e da un paio di Forearm. L'Apocalisse è costretto ad indietreggiare fino ad arrivare con la schiena contro uno dei quattro angoli del ring, guadagnandosi un break che Andy dapprima sceglie di non concedergli: fino al conto di due, infatti, continua la raffica di colpi dello sfidante. Finalmente Moon si allontana, alzando le braccia al cielo e prendendo posizione all'angolo opposto: De Jano va a sincerarsi delle condizioni del Campione, prendendosi insulti irripetibili in risposta, dopodiché si scansa per evitare la folle corsa dell'Infinite Kid. Corner Enzuigiri Kick connesso, ma Manson si para con il braccio sinistro. Il fu Kenneth Myers si allontana dall'angolo, scuotendo il braccio dolorante, ma Moon gli è subito addosso e prova a cingerlo per un German Suplex... No, si prende una gomitata in faccia. Andy rimane stordito, finendo schiena contro l'angolo: Manson corre contro quello opposto, ripete la diagonale e questa volta sì, connette con l'Enzuigiri Kick. Lo sfidante è senza difese, Kevin gli dà le spalle, vuole chiudere la famigerata Kickmania con un improbabile Pelè Kick.. No, era solo una finta. L'Apocalisse salta sul posto, dopodiché si gira e va a segno con una Implant DDT.

Immagine


Manovra inusuale per Kevin Manson, che copre: uno.. Solo uno dopo il primo schienamento dell'incontro. Manson scuote la testa, dopodiché chiude l'avversario in una Headlock. Il pubblico comincia a fischiarlo, mandando su tutte le furie l'Apocalisse.

KM: NON FISCHIATE ME, APPLAUDITE SCRULL! FORZA! E' LA VOSTRA ULTIMA OCCASIONE!

Piano piano cominciano ad alzarsi nuovi cori pro-Moon, ai quali Kevin risponde stringendo più forte sul mento e sul collo dell'avversario. Andy prova a divincolarsi.

KM: AVANTI, SCRULL! CEDI! AMMETTI DI ESSERE STANCO DI TUTTO QUESTO! NON TE NE FREGA PIU' UN CAZZO DA MESI!

Manson comincia a prendere a gomitate sulla parte superiore della testa l'avversario, dopodiché richiude la Headlock... Ma, questa volta, lo va a strangolare con il braccio destro. De Jano non ha nemmeno il tempo di intervenire che l'Apocalisse va a coprire naso e bocca dell'avversario con la mano libera, prendendolo di tanto in tanto a testate sulla nuca per non farsi mancare niente. Il referee prova a frapporsi senza nessun risultato, allora comincia a contare rapidamente il TWC Champion che molla al quattro. Andy Moon comincia a tossire, il volto leggermente più violaceo del normale, e si prende una Running Senton sulla schiena. Manson si rimette in piedi, rincara la dose con un pestone sulla nuca e poi con un Knee Drop. Fischi del pubblico, Manson li ignora e rialza il corpo quasi esanime dello sfidante afferrandolo per i capelli. Gli chiude la testa tra le gambe, gli intreccia braccia e gambe, lo solleva.

Immagine


Il famigerato Package Piledriver di Kevin Manson va a segno, seguito da uno schienamento. Uno.. Solo uno! Andy Moon alza platealmente il braccio destro. Kevin Manson spalanca gli occhi, cominciando a ringhiare. Ai suoi piedi, l'avversario prova a rialzarsi. Calcio alle costole. Andy geme, ma continua la propria impresa, a gattoni. Breve rincorsa, secondo calcione alle costole. Lo Skull Kid viene sbalzato all'esterno del quadrato, sotto la prima corda. Kevin Manson scuote la testa, dopodiché lo segue. Gli afferra il polso, risollevandolo bruscamente. Irish Whip contro i gradoni.. Ma Moon riesce ad evitare l'impatto piantando il piede contro le famigerate scalette. Manson lo carica, ma l'avversario si sposta: l'impatto è dolorosissimo per l'ex-Animale, tanto che la parte superiore dei gradoni impatta violentemente contro le barricate. Il ragazzo di Ayumi Haibara si rialza con l'aiuto dell'apron ed osserva Kevin, visibilmente stordito ed appoggiato alle balaustre: prende la rincorsa, Running Enzuigiri Kick! Finalmente la Kickmania originale può andare a segno, Pelè Kick! Ma Kevin si sposta ed Andy sbatte male con il piede contro lo spigolo delle balaustre. Lo sfidante prova a rimettersi in piedi rapidamente, ignorando il dolore, ma è su una gamba sola: Manson lo colpisce con un pugno in faccia, dopodiché gli afferra il braccio e lo tira a sé. Short-Arm Holocaust Grenade, no! Moon riesce a darsi più spinta e finisce direttamente sull'apron. Colpisce il volto dell'avversario con un calcio all'indietro, dopodiché prende le misure e salta sulla terza corda, lanciandosi all'indietro.

Immagine


Uno Springboard Moonsault spettacolare! Gli spettatori applaudono Andy Moon, che si rimette in piedi e rialza l'avversario, per poi rilanciarlo al centro del ring. Kevin rimane a terra, l'Infinite Kid se ne avvede e sale sulla terza corda: è tutto pronto per un secondo volo plastico, ancora più spettacolare. Si lancia. 450 Splash! No, Manson si sposta ed il Summer Sun Fades va a vuoto. Lo sfidante riesce ad attutire l'impatto con una capriola in avanti al momento dell'atterraggio, e rialzandosi si avvede del Campione alle sue spalle. Pelè Kick! Manson rimane stordito, rotea su sé stesso... Poi prova a connettere con un improvviso Discus Lariat. L'uomo di Savannah gli finisce alle spalle evitando l'impatto, gli tira indietro la testa: 2-D Day! Cross Rhodes connessa perfettamente. Moon copre: uno.. Due, e Kevin Manson alza la spalla immediatamente. Gli sguardi dei due si incrociano, ed Andy fa pesare a Kevin il non essere uscito al conto di uno alzandogli indice e medio davanti alla faccia. L'Apocalisse non ci sta, prova a mordergli le dita ma l'avversario ritrae la mano e lo fredda con un nuovo Keep It Alive, che lo manda faccia a terra. Il Last Hero è finalmente in vantaggio ed ora passa in rassegna con lo sguardo gli spettatori paganti, che rispondono con entusiasmo.

Please don't go! Please don't go! Please don't go!


Questa volta, Moon risponde con un sospiro. Abbassa lo sguardo, scuote la testa, dopodiché prende posizione ad un angolo e si sforza di concentrare la propria attenzione su Kevin Manson, che si sta rialzando. Il Campione è in piedi, Scrull parte... Vuole provare a chiudere il match con il suo famigerato Knife Party, ma viene intercettato da una ginocchiata di Manson! Lo sfidante si affloscia in terra, l'Arcidemone si colpisce con un paio di schiaffi in faccia. Rialza l'avversario, dopodiché lo spinge con violenza contro le corde. Andy rimbalza. Pop-Up Powerbomb, ribaltata in una Hurincarrana! Entrambi i contendenti si rialzano, e si lanciano l'uno contro l'altro. Doppio Lariat. Moon sembra aver avuto la peggio, una gamba crolla, mentre Manson rimane in piedi e lo guarda dall'alto verso il basso.

KM: Tutto qui, Scrull?! Pensi che basti questo a cancellarmi?! Pensi che basti questo per essere l'Ultimo Eroe?!

Il paladino di Savannah si rimette in piedi. I due ex-amici si guardano, dopodiché prendono la rincorsa verso direzioni opposte. Nuovo rebound, nuovo doppio Lariat... Ed ancora una volta, è Andy ad avere la peggio. Manson scuote il capo.

KM: Davvero?! Mi prendi per il culo. MI PR -

Andy Moon balza in piedi e va a muso duro con Kevin, zittendolo. I due si sussurrano qualcosa, dopodiché la scena si ripete per una terza volta. Rebound. Entrambi sono pronti all'impatto... Andy lancia un urlo furioso.

Immagine


E Kevin Manson gira su sè stesso dopo il violento Lariat dello sfidante! Andy Moon chiude le mani al pugno, scuotendole e dandosi la carica, dopodiché chiama la sua letale Heartbeat Overdrive. Il pubblico lo segue. Kevin Manson, piano piano, si sta rimettendo in piedi. Si gira. Superkick! Bloccato! Kevin Manson blocca il piede destro dell'avversario, di fronte alla propria faccia. Entrambi rimangono immobili. La telecamera si sposta sulla faccia dell'Apocalisse, che ha gli occhi sgranati. Primo piano sullo stivale di Moon: sulla suola, campeggia la scritta Kevin a bomboletta. Manson gli lascia andare la gamba, rimanendo immobile. Ora prova timidamente ad allargare le braccia, come per chiedere spiegazioni... E si prende una testata sui denti! Il TWC Champion crolla in ginocchio.

AM: Pensavo che fossi pronto, Manson! Pensavo che fossi pronto a farla finita!

Kevin Manson non reagisce, la faccia sul tappeto. Andy gli afferra la testa e la chiude tra le proprie gambe. TIME WARP!

Immagine


Moon gira schiena a terra l'avversario e gli uncina la gamba: uno... Due... Solo due! Kevin Manson alza la spalla destra, spegnendo l'entusiasmo della maggior parte dei tifosi. Il Midnight Hunter si rimette in piedi, meditando sul da farsi. Manson gli afferra il piede, cercando di fermarlo ed allo stesso tempo usandolo come perno per risollevarsi. Andy lo osserva, gelido. Kevin è in ginocchio, e ricambia lo sguardo. All'improvviso, l'Infinite Kid sposta il piede. L'Arcidemone fa una smorfia... E viene colpito da un violentissimo calcio sul petto, che fa eco in tutta l'arena. Segue un secondo. Un terzo. Un quarto, un quinto, un sesto, un settimo un ottavo un nono dieci undici dodici tredici. Tredici calci violentissimi di velocità crescente, alla fine dei quali Manson è costretto a mordersi le labbra per evitare di urlare. Lo sfidante non perde tempo e rimbalza contro le corde. Vuole il Calf Kick, per chiudere questa variante del WinterShot... A segno. Kevin Manson è nuovamente a terra, questa volta Moon non schiena. Ci pensa su, dopodiché scala le corde dando le spalle all'avversario. Arriva su quella più alta, prende un respiro profondo. Si lancia. Moonlight Madness! No, Kevin Manson alza le ginocchia! L'impatto sembra essere stato devastante per entrambi: Kevin Manson urla di dolore, portandosi le gambe al petto, mentre Moon è inciampato nell'ostacolo imprevisto ed è caduto di piena faccia sulla superficie del ring. Simon De Jano si sincera delle condizioni di entrambi, che sembrano poter continuare. Il primo a rimettersi in piedi, con l'aiuto delle corde, è lo zoppicante Kevin Manson. Moon lo segue di pochi secondi, ma alle sue spalle c'è già il Campione che attende. Lo solleva, in posizione di Electric Chair... Ma Andy si lascia cadere all'indietro e connette con una Reverse Hurincarrana!

Immagine


Grande reversal da parte di Moon, che evita il peggio... Ma Manson è in piedi! Manson si è accartocciato su sè stesso ed è tornato in piedi! Andy non se l'aspetta, si rimette in piedi e si prende una violentissima ginocchiata in faccia. Barcolla, finendo per dare le spalle al suo avversario. Kevin non se lo fa ripetere due volte, riprova la manovra precedente. Posizione di Electric Chair, lo lancia, lo riafferra per un German Suplex e lo lancia indietro più rapidamente che può.

Immagine


THE SUN! Kevin Manson cala la carta numero diciannove, mantenendo il ponte: uno... SOLO UNO! ANDY MOON NON VUOLE STARE GIU'! Il paladino si rimette in ginocchio e scuote la testa. Manson rimane a bocca aperta, seduto. Moon avvicina il volto a quello dell'avversario e fa cenno di no con l'indice, poi Headbutt! Headbutt improvviso di Andy, Manson crolla a terra. Andy rialza un ginocchio, urla e poi rialza anche l'altro. Moon in piedi, va a riprendere il TWC Champion mettendolo in ginocchio, si allontana di qualche passo... Afterglow! No! Ginocchiata bloccata da Manson che lo spintona indietro e a fatica si rimette in piedi... Standing Dropkick di Moon! Boato della folla mentre Kevin viene sparato fuori dal quadrato! Andy si rialza con un leggero sbuffo, poi mira l'avversario con il gesto della pistola... HERO'S DIVE!

Immagine


A segno! Il pubblico carica ancora di più, Moon stringe i pugni per terra, tira un cazzotto alle barricate e va a riprendere il Tear Suppressor per poi schiantarlo contro i gradoni d'acciaio. Manson rimane appoggiato ad essi, dolorante. Moon sale sull'apron dal lato opposto, prende la rincorsa e poi si getta sul Campione con un Double Foot Stomp! Mossa perfetta nell'esecuzione ma davvero orribile da guardare, Manson cade per terra e si contorce dal dolore. Andy è una furia, riporta Kevin sul ring e lo pinna: 1... 2... No! Solo conto di due. Il paladino non sembra sorpreso e procede nella sua offensiva, alzando Manson e mandandolo con un Irish Whip contro le corde. Rebound di Manson che cerca di travolgere lo sfidante con una Running Splash, ma Andy lo afferra e lo proietta con un Fisherman Suplex. Moon non molla la presa, rialza l'avversario, Belly To Belly. Ancora, il Last Hero rialza l'Apocalisse e lo alza... Back Suplex! Con ponte: 1... 2... no! Kevin esce! Moon però continua a tempestarlo di colpi alla testa, tant'è che l'arbitro deve richiamarlo. Il paladino sospira e si allontana. Manson si rialza, scuotendo la testa. Moon gli carica addosso, Pop-up Powerbomb! No! L'uomo di Savannah colpisce con dei pugni la testa dell'avversario, che però se lo ruota sulle spalle. The Moon!

Immagine


Schienamento: 1... 2... 3NO! Manson l'aveva quasi in pugno! Il TWC Champion batte un pugno sul tappeto. Moon cerca già di rialzarsi ma viene colpito da un calcione al constato che lo ributta giù. Manson gli intima di rimanere a terra e procede nel colpirlo con un paio di stomp, prima di scaraventarlo contro l'angolo. L'Apocalisse si ritrae all'angolo opposto solo per imitare il gesto della pistola e partire con la sua Cannonball! A segno! Manson schiena: 1... 2, no! Moon kickoutta alzando un pugno all'aria. Smorfia di rabbia sul volto del Campione che a fatica rimette l'avversario a sedere, poi gli punta il ginocchio contro la schiena e gli tira indietro le braccia. La presa è tremenda, ma Moon apre gli occhi come spiritato e con la sola forza delle proprie braccia tira Manson in avanti. Andy si rimette in piedi, toccandosi la schiena dolorante, ma si mangia un Uppercut! Backfist di Moon! Uppercut di Manson! Headbutt di Moon! Big Boot di Manson! Discus Big Boot di Moon! Manson si lascia cadere all'indietro contro le corde e approfitta del rebound per colpire con una Spear a corto raggio, che assomiglia più che altro a un Takedown. Schienamento, 1... 2, Moon ancora esce. L'Apocalisse si rimette a fatica in piedi e si butta su Moon con un'altra Running Senton... Andy alza le ginocchia, poi chiude Manson in una Dragon Sleeper! L'Arcidemone si libera con una capriola all'indietro ma non riesce a evitare di beccarsi un calcio in faccia. Kip-Up di Moon! Impressionante ripresa del paladino di Savannah che ora finta un Heartbeat Overdrive per colpire Manson con un calcio allo stomaco, Snap DDT. No! Manson solleva Moon con un Northern Light Suplex!

Immagine


Schienamento: 1... 2... No! Manson sbuffa, scuote al testa e fa segno di voler chiudere il match... ma poi abbassa lo sguardo e si mette le mani nei capelli. Fa un passo verso Moon, poi subito uno indietro. L'inquadratura va a focalizzarsi sul volto del campione, che sembra scosso e indeciso, rosso di rabbia. Gli occhi però sono lucidi. Manson si ritira all'angolo, poggia la testa contro il cuscinetto, poi mormora qualcosa, annuisce e si volta nuovamente... trovandosi Moon davanti. L'uomo di Savannah lo scruta, gelido.

AM: Hai finito?

Elbow! Manson è stordito, Moon si allontana, prende la rincorsa.

AM: Muori!

HEARTBEAT OVERDRIVE!

Immagine


Schienamento: 1... 2... 3! NO! Piede sulle corde di Manson! Andy sgrana gli occhi, afferra la gamba dell'avversario e lo blocca in una Kneebar! Kneebar di Moon! Inizialmente l'Arcidemone prova a scalciarlo per liberarsi ma non ci riesce, dunque decide di ruotare sotto la prima corda portandosi Andy dietro e facendo cadere entrambi giù dall'apron, fuori dal ring. Qui gli è più facile staccarsi dalla presa e un po' zoppicante si allontana da Andy che rifiata. Manson si rifugia a sedere sul tavolo dei commentatori. Michael Campbell prova a protestare e viene prontamente zittito dall'Apocalisse che si massa una mano sugli occhi. Moon inizialmente sembra volergli andare addosso... ma poi ritorna sul ring e si mette a sedere al centro del quadrato, allargando le braccia.

AM: C'mon!

Kevin lo osserva, poi si fa avanti e i due iniziano una scazzottata frenetica, che però va a rallentarsi man mano: l'energia dei due inizia ad esaurirsi. Ad avere la meglio è Manson grazie a una ditata negli occhi, seguita da una Jawbreaker. Il TWC Champion urla a Moon, poi lo lancia alle corde, HOLOCAUST GRANADE! Ma attenzione, Manson tiene il ragazzo e lo schianta con una Sit Out Last Ride!

ImmagineImmagine


Schienamento, dev'essere finita: 1... 2... 3NO! COLPO DI RENI INCREDIBILE! Manson si mette le mani nei capelli, praticamente in lacrime.

KM: Perché non vuoi stare giù?!

Andy Moon pare stordito e insicuro della sua posizione, ma incrocia lo sguardo di Manson e lentamente scuote la testa. Il pubblico rumoreggia, sollevato. Kevin prova a risollevarlo prendendolo per la testa ma Andy lo spintona via. Manson si riavvicina e si becca un altro ceffone. Superkick di Manson! L'uomo di Savannah si accascia contro le corde. Il TWC Champion gli è addosso... e viene inaspettatamente sollevato sulle spalle da Andy che cammina a fatica fino al centro del ring. Il Last Hero stringe i denti, Lion Heart!

Immagine


Moon prova a schienare ma riesce ad afferrare solo una gamba dell'avversario: 1... 2... e Manson esce. Andy sbuffa e si rimette in piedi lentamente, poi si posiziona all'angolo. Intima all'avversario di rialzarsi, e questo esegue non senza difficoltà. KNIFE PARTY!

Immagine


È LA FINE! 1... 2... NO! NO! INCREDIBILE! KICK OUT DALLA KNIFE PARTY! Moon rimane steso per terra vicino a Manson, mentre il pubblico applaude. Andy deglutisce, sempre sdraiato, gli occhi puntati verso il soffitto.

AM: No.

Moon si rialza, apparentemente senza troppo sforzo, e si posiziona all'angolo opposto, per poi abbassarsi la ginocchiera. L'Arcidemone ci mette un minuto buono a mettersi in ginocchio, Andy si accontenta e parte... ma Manson lo alza, Pop-Up! Ecco che arriva l'Holocaust Granade outtanowhere... No, Reverse Hurricanrana in un pin: 1... 2, ribaltato: 1... 2, ribaltato: 1... 2 e kick out! Altri applausi.

Fight forever! Fight forever!


Manson ride sguaiatamente.

KM: Dio, spero di no.

Moon si concede un ghigno. I due si rialzano all'unisono, uno di fronte all'altro, KEEP IT ALIVE DI MOON! Manson è stordito, Gut Kick. Andy mette Manson in posizione di Powerbomb e gli afferra le braccia. Al centro del ring, il ragazzo chiude gli occhi e sospira.

AM: NUMBER SEVENTEEN! THE STAR!

TIGER BOMB!

Immagine


Cappello dal cilindro risolutivo per Moon! 1... 2... 3! È finita! È finita! Moon si alza festante... MA L'ARBITRO GLI FA SEGNO DI NO E FA SEGNO AL TIME KEEPER DI UN CONTO DI DUE! Andy non ci può credere! Al replay possiamo notare come Manson sia riuscito a sollevare la spalla dal mat ad un millesimo di secondo dal tre. Il paladino sospira, va a riprendere il TWC Champion per la seconda The Star, ma l'Arcidemone si libera, HOLOCAUST GRANADE OUTTANOWHERE! MANSON NON MOLLA! HOLOCAUST GRANADE! HOLOCAUST GRANADE! HOLOCAUST GRANADE! FN' ASSASIN DROP!

ImmagineImmagine


Manson si lascia cadere su Moon, sfinito: 1... 2... e 3. It's over.

Spoiler:
JR: HERE'S YOUR WINNER AND STILL TWC WORLD HEAVYWEIGHT CHAMPION... KEEEEEVIIIIN MAAAAANSOOOOON!


Ma Manson è già uscito dal ring, ed ora si trova seduto contro le barricate, gli occhi nuovamente lucidi. Andy Moon è steso al centro del ring. La folla lo osserva ammutolita. L'uomo di Savannah, lentamente si mette in ginocchio. Il pubblico applaude e dopo qualche secondo l'ormai ex-wrestler TWC scoppia in un breve pianto. Tuttavia, Moon si da subito un contegno e si rialza, sotto gli applausi continui. Il Last Hero si fa passare un microfono con un cenno.

AM: Ho sempre odiato i lunghi addii.

Sbuffo. Sorriso.

AM: Speravo di riuscire a tenere fronte a questa ultima sfida. E anche se ho perso... credo di esserci riuscito. No, non sto per dire “non ho rimpianti”. Ce li ho. Tanti. Ma sono... felice, di tutto questo.

Moon annuisce, la voce gli trema.

AM: SONO FIERO DI TUTTO QUESTO!

Altri applausi.

AM: Voglio solo farvi sapere che questo non dev'essere per forza un addio. Non lo so ancora. Quando il tempo sarà giusto, chissà... ci rivedremo tutti qui. Qualcosa è cambiato, stasera. Andy Moon is not dead. Grazie a tutti, vi voglio bene.



Weep not for roads untraveled...


Moon appoggia delicatamente il microfono al centro del ring, poi scende dal quadrato e fa il giro dell'area ring, abbracciando e dando il cinque a tutti i fan. Inevitabilmente, incrocia Kevin Manson, che si è appena rialzato. Anche l'Arcidemone è in lacrime. Moon gli sorride, e gli da una pacca sulla spalla.

AM: Spero di rivedere anche te. Nonostante tutto.

Detto questo, Moon continua il suo giro d'addio che prosegue lungo la rampa, da entrambi i lati, e finisce sullo stage, dove fa un inchino tipicamente giapponese e sparisce, definitivamente, nel backstage. Roads Untraveled sfuma. Dopo qualche secondo, però, un'altra voce risuona nell'arena.

ED: Kevin.

Immagine


Elizabeth Duval, dal pubblico, ha scavalcato le transenne ed ora è davanti a Manson. La ragazza prende una pausa, sotto lo sguardo confuso di Manson.

ED: Quindi, hai vinto. Sei ancora TWC Champion. Sei ancora legato a questa federazione.

La Duval si morde il labbro inferiore, dopodiché inspira profondamente e riprende a parlare, con più decisione.

ED: Kev, so che una parte di te avrebbe voluto perdere questo match. No, non solo per vedere Andy Moon festeggiare il suo ultimo match con una vittoria. Tu avresti voluto perdere per liberarti di quel vincolo, per poter mollare questa federazione a cuor leggero. Te lo leggo negli occhi. Sono sempre uguali: vacui. Tristi. Ma… Non deve essere così.

Elizabeth annuisce, avvicinandosi di un passo a Manson.

ED: Basta Apocalisse, basta Horsemen, basta promo, basta Indoor War, basta TWC. Basta wrestling. Kevin, sei venuto qui cercando di costruire il tuo futuro: non ce l'hai fatta, ma… Nel frattempo, hai conosciuto qualcuno che vorrebbe farne parte. Io.

Kevin spalanca la bocca per una frazione di secondo, dopodiché si morde il labbro. La Duval abbassa lo sguardo e procede col suo discorso, senza guardarlo.

ED: Non è la fine che sognavi, ma è quella che ti farebbe davvero bene. Hai cercato una soluzione, io te ne voglio proporre una. Andiamocene da qui, scriviamo la nostra storia. L'unica che valga davvero la pena narrare. Insieme.

Il pubblico rumoreggia, diviso tra fischi e applausi. Elizabeth Duval chiude gli occhi, il capo sempre chino. Kevin Manson le si avvicina con dei piccoli e lenti passi in avanti. Le prende le mani, stringendole. Lei apre gli occhi. Timidamente, alza lo sguardo. Gli sguardi si incrociano. Manson prende fiato, la telecamera riesce a cogliere il suo labiale.

KM: Grazie, Elizabeth Duval.

Su quest'immagine incredibile e sconvolgente, che stravolge tutti gli scenari della federazione, noi ci salutiamo e vi diamo appuntamento all'anno prossimo per l'inizio della Quarta Stagione di Friday Night Indoor War! What a night everybody! Goodnight from Zero Hour, happy new year!










Credits:
Elban Rattlesnake, Liontamer, Phil is Wrestling, straight edge savior,
CM-Cena, hbkbestfan, Il Capitano, KTW, NotOnlyWWE, The Hawk, woo woo woo man.


Ultima modifica di Elban Rattlesnake il 16/12/2017, 20:34, modificato 1 volta in totale.

Top
 Profilo  
Rispondi citando  

Re: TWC - Zero Hour 2017
MessaggioInviato: 16/12/2017, 20:32 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: 24/12/2010, 18:48
Messaggi: 12423
Località: Baretto Kurabu
Immagine


TWC Zero Hour, fallout. Le immagini ci portano nel backstage, dove vediamo Kevin Manson ed Elizabeth Duval contro ad un muro, abbracciati.

Immagine Immagine


Il vincitore del main event di stasera ha le lacrime agli occhi, mentre la ragazza gli sussurra qualcosa strofinandogli la mano destra sulla nuca per calmarlo. Ai piedi dei due, il TWC Championship. Come se fosse abbandonato. I due si staccano, continuando a guardare l'uno negli occhi dell'altra per qualche secondo. Elizabeth annuisce, accennando un sorriso. Kevin tira su dal naso, dopodiché si passa una mano davanti agli occhi per asciugare le lacrime e stacca la schiena dal muro, raccogliendo il proprio titolo FINCHE' QUALCUNO NON LO ATTACCA ALLE SPALLE!

Immagine


JACK KEENAN! L'Avvocato della TWC colpisce il Campione con un violento Forearm Smash alla nuca che lo fa cadere a terra, dopodiché comincia a riempirlo di pestoni. Elizabeth Duval si porta le mani davanti al volto, urlando.

Keenan: Pensavi che sarebbe stato tutto così facile, Manson? Pensi di poter semplicemente abbandonare quel tit -

La Duval si lancia addosso a Keenan, provando a spingerlo. Jack rimane perfettamente immobile, ed Elizabeth comincia a prenderlo a pugni sul petto. Keenan alza gli occhi al cielo, mentre la ragazza piano piano si tace e smette di colpirlo. Lo sguardo dei due si incrocia. E LA DUVAL VIENE STESA DA UNA NUOVA KEENAN OBLITERATION! La ragazza cade a terra, quasi senza sensi. Kevin Manson la segue cadere con lo sguardo, fa per parlare ma JK gli mette un piede sulla bocca costringendolo al silenzio. Stomp, violentissimo, sui denti. La bocca dell'Apocalisse comincia a sanguinare. Il Pain Deliverer, dal canto suo, è rosso in volto. Si passa una mano nei capelli, dopodiché decide di rialzare il corpo del fu Animale e sollevarlo in cielo. PAIN DELIVERY!

Immagine


Kevin Manson sembra aver perso i sensi, così come la Duval. Jack Keenan rimane in piedi per qualche secondo, osservando la scena, dopodiché si defila a passi lenti. Qualche attimo dopo, vediamo comparire sulla scena nientemeno che Akuma "Pain" Fujihara.

Immagine


Il Demone, sigaretta accesa alla bocca, passeggia tra i corpi stesi a terra di Kevin Manson e Elizabeth Duval stringendo in mano una cartellina contenente dei fogli. Mr. Pain si ferma, li osserva un attimo, si fa una risata cattiva e butta a terra la cartellina accanto all'Arcidemone. Dopo di che eccolo andare via prendendo la direzione scelta da Jack Keenan. Sulla scena, finalmente, può fare capolino lo staff medico della TWC.



/----------------------------------------------/



Immagine


Le immagini si spostano nel parcheggio dell’Oracle Arena riservato agli addetti ai lavori.

ImmagineImmagineImmagine


Qui vediamo la Bruderschaft Der Krahe al gran completo che si sta avviando verso le macchine. Oltre a “Superstar” Sigfried Jaeger, Gunther “The Hound” Schmidt e Brunild “The Armbreaker” Wagner, ci sono i loro amici. Il Corvo, dopo il terribile match vinto contro Morgan e Damien, cammina munito di stampella e facendosi aiutare dalla compagna Sylmeria Sorensen.

Immagine


Brunild Wagner, neo campionessa femminile, passeggia poco più indietro. Come vediamo, la Valkyria è tutta incerottata, ma felice, mentre chiacchiera allegramente con Fritz “Paglia” Mayer e “Piccolo” Ullrich Muller.

ImmagineImmagine


A chiudere il gruppo troviamo Gunther Schmidt mano nella mano con Agnes Schneider.

Immagine


Il Mastino, ancora contrariato per quanto accaduto nel suo match contro Ben Roberts, di tanto in tanto risponde malamente alle battute e prese in giro del “Piagnone” Ludwig Weber e Dieter Hoss “il Mancino”.

ImmagineImmagine


Il gruppo raggiunge due grossi suv neri, le valigie vengono caricate nel portabagagli, poi la variegata compagnia si divide e monta in macchina… Sotto lo sguardo di qualcuno nascosto nell’ombra. Una volta che i due grossi veicoli accendono il motore e partono via lasciando il parcheggio, ecco che una colossale figura, tanto enigmatica quanto pericolosa e barbuta, emerge dall’oscurità nei pressi di un lampione posto nelle vicinanze.

Spoiler:
Immagine

Il gargantuesco individuo rivolge uno sguardo carico d’odio e famelica rivalsa nella direzione presa dalle automobili della BDK Inc., poi la misteriosa figura antropomorfa emette un sordido ringhio, arretra e infine svanisce nell’ombra, allontanandosi a passi pesanti.


Top
 Profilo  
Rispondi citando  

Visualizza ultimi messaggi:  Ordina per  
Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 13 messaggi ] 

Tutti gli orari sono UTC + 1 ora


Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno


Non puoi aprire nuovi argomenti
Non puoi rispondere negli argomenti
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi

Cerca per:
Vai a:  
phpBB skin developed by: eXtremepixels
POWERED_BY
Traduzione Italiana phpBB.it