Tutti gli orari sono UTC + 1 ora




Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 25 messaggi ]  Vai alla pagina Precedente  1, 2
  Stampa pagina

Re: TWC - Friday Night Indoor War (#46-???)
Autore Messaggio
MessaggioInviato: 24/03/2017, 21:56 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: 24/12/2010, 18:48
Messaggi: 12066
Località: Baretto Kurabu
Bentornati ad Indoor War, live dal Valley View Casino Center di San Diego. Una grande serata ci aspetta, nella prima puntata della Road to War of Change. E parlando di grandi serate, ecco risuonare una theme song piuttosto nota.



Feeding Frenzy dei Walls of Jericho rimbomba nell'arena, mentre le Sick Chicks compaiono sullo stage.

ImmagineImmagineImmagine
ImmagineImmagine


Viola Vixen guida il gruppo, pantaloni di pelle nera, nella cui tasca dietro tiene un microfono, e nuova felpa "Dirty Tricks, Dirty Talks" con il cappuccio, subito seguita da Jessica Morton, maglietta delle Sick Chicks viola e pantaloni di pelle nera, e Beverly Bailey, un collare ortopedico al collo sopra un gilet di jeans con il logo delle Sick Chicks sulla schiena e degli shorts strappati. A chiudere la fila ci sono Greasy e Psycho, che si guardano attorno guardinghi, ringhiando. Viola è la prima a raggiungere il ring, ed alza il telo di copertura, prendendo tre sedie d'acciaio e buttandole sul ring, per poi rotolare dentro a sua volta. La mora poi si alza e si siede sulla seconda corda, alzando con la spalla la terza, permettendo a Beverly e a Jessica di entrare. Le Faine, nel frattempo, si sono posizionate fuori dal ring, facendo la guardia. Viola apre le tre sedie, posizionandole una a poca distanza dell'altra, tutte a favore di telecamera, poi, sfilatosi il microfono dai pantaloni, si siede al centro, lasciando che Beverly e Jessica si siedano rispettivamente alla sua sinistra e alla sua destra. La Vixen si guarda intorno, in silenzio, mentre i fischi per lei e le Sick Chicks si fanno sentire.

VV: Sfogatevi pure, perché ho un po' da parlare anche io, e preferisco farlo mentre mi ascoltate.

Viola si batte leggermente il microfono contro la testa tre volte, mentre i fischi continuano. Passano i secondi, durante i quali i fischi si fanno sempre più deboli, finché tutto il pubblico si zittisce.

VV: Molto bene. Cercherò di essere il più chiara possibile, quindi cercate di ascoltare attentamente.

La Toxic Avenger si sistema la ciocca verde dietro l'orecchio, abbassando lo sguardo.

VV: Errare, a questo mondo, è umano. Tutti noi commettiamo degli sbagli. Ed il problema non è sbagliare. No. È non riparare ai propri errori. E, purtroppo, anche noi abbiamo sbagliato. Ma non intendo continuare a sbagliare. No. Per tutto questo tempo ho pensato di essere la migliore, ma non è vero. Io non sono migliore di Jane Murphy, io non sono migliore di LisaLisa, io non sono migliore di Brunild Wagner, io non sono migliore di Ayumi Haibara, io non sono migliore di Big Black Boom, io non sono migliore di Matt Thunder, io non sono migliore di Travis Miller, io non sono migliore di Shawn Gates, io non sono migliore di Alisa Drake, io non sono migliore di Rick Frye. E mi scuso per averlo pensato. È stato un errore, dettato da una mia insicurezza, e non devo più commetterlo. Mi scuso per tutte le volte che ho cercato di umiliare LisaLisa, perché non era corretto da parte mia, ed è una delle cose migliori qui in TWC. Mi scuso per tutti le falsità che ho detto su Shawn Gates, perché è davvero un buon padre ed un buon lottatore. Mi scuso con Big Black Boom e Matt Thunder per averli definiti un pessimo Tag Team, e aver detto che non hanno una filosofia che li guida, perché sono una delle coppie più affiatate che abbia mai visto, e, nonostante i loro metodi, un gruppo che merita vero rispetto. Mi scuso con Ayumi Haibara per averle detto che è solo capace di scappare, perché è una delle ragazze più coraggiose che io abbia mai incontrato. Mi scuso con Alisa Drake per quello che le abbiamo fatto, perché è stato sbagliato da parte nostra. Mi scuso con Rick Frye per aver messo in dubbio la sua intelligenza, quando è assolutamente fuori questione qualsiasi dubbio. Mi scuso con Travis Miller per aver detto che è interessante solo perché sta in Tag con Shawn, e per aver provato a mettere in dubbio la sua amicizia con lui. Mi scuso con Jane Murphy, per averla chiamata una approfittatrice, e per aver messo in dubbio le sue qualità da combattente. E mi scuso con tutti voi, che mi state ascoltando, se vi ho dato fastidio con quello che ho fatto o con quello che ho detto. Ora vedo chiaramente quello che ho fatto, e non ci sono scuse possibili. Per questo chiedo perdono, sperando che mi perdoniate.

Viola alza lo sguardo, guardando direttamente in telecamera.

VV: Questo è quello che sperano che io dica. Quello che Jane Murphy, LisaLisa, Ayumi Haibara sperano sinceramente io dica. Quello che ogni giorno, svegliandosi, Big Black Boom e Matt Thunder sperano io dica. Quello che chiedono a Dio prima di andare a dormire Travis Miller e Shawn Gates. Ma a me non dispiace di nulla di quello che ho fatto. Non mi spiace aver umiliato ripetutamente i Pulp Fiction in mondovisione. Non mi dispiace aver dimostrato quanto siano incapaci, quanto non si meritassero quei titoli, quanto basti poco per smontarli completamente. Non mi dispiace aver smontato completamente LisaLisa. Non mi dispiace averla distrutta a Frontline. Non mi dispiace averla resa ridicola. Non mi spiace aver dimostrato quanto Shawn Gates sia una pessima persona. Non mi spiace aver detto la verità su Jane Murphy e il suo regno. Non mi spiace per come mi comporto. Non mi spiace per quello che provate ascoltandomi. Perché è la dimostrazione di quanto sia superiore a tutti voi. La vostra è solo paura, paura di qualcosa che non riuscite a comprendere, di qualcosa che non riuscirete mai ad essere. In questo ring sta il meglio del meglio, l'assoluto picco di qualità che questa federazione potrà mai raggiungere. E questo non potete sopportarlo. Vi aggrappate a delle scuse per provare a giustificare la vostra inferiorità, vi coalizzate, cercate di fermarci, ma è inutile. Ogni volta che saliamo su questo ring, ogni volta che prendiamo in mano questo microfono, con la metà della fatica otteniamo il doppio dei vostri risultati. I vostri migliori momenti impallidiscono al confronto con i nostri peggiori, e sarà sempre così. Paragonare quello che fate voi a quello che facciamo noi sarebbe come paragonare i risultati di un club di scrittori in erba con il lavoro di Dostoevskij. E questo vi spaventa. Questo vi spaventa da morire. Non sapete perché, ma ogni volta che ci sentite parlare, ogni volta che ci vedete agire, siete terrorizzati. Siamo così simili a voi, quasi al punto da essere indistinguibili, ma così diverse. Noi siamo la Uncanny Valley, noi siamo il terrore, voi al massimo il disgusto. Noi siamo la sensazione che vi assale quando sentite di essere osservati, ma quando vi girate non c'è nessuno. Noi siamo la sensazione di rientrare in casa e scoprire che tutti i mobili sono stati cambiati con delle loro copie perfette. Noi siamo la sensazione di sapere che qualcosa è davanti a voi, anche se non riuscite a vederlo. Voi siete vedere un uomo vomitare sangue. Voi siete un braccio che si stacca. Voi siete una donna a cui vengono cavati gli occhi. Voi siete un branco di dilettanti, noi delle professioniste. Noi siamo l'eccellenza, voi il mediocre. Noi siamo il superare i limiti, voi siete il seguire le mode. Noi siamo il creare una storia, voi il raccontare una barzelletta. Noi siamo il tendere alla perfezione, voi l'accontentarsi della mediocrità.

Viola si alza in piedi, spingendo leggermente indietro la sedia con il piede.

VV: Noi siamo la guerra in Indoor War e Frontline is War! Ed è questo che porteremo. Questo è quello che faremo. Una guerra. Distruggeremo tutto quello che si frappone fra noi e darci il posto che ci spetta, al top di questa federazione. Jane Murphy, ti strapperemo quel titolo con cui provi a nascondere la vergogna che sei. Non ti sarà più permesso fare discorsi ipocriti di morale, e ti elimineremo esattamente come tu vorresti fare con noi. Poi elimineremo quello sfigato del tuo fidanzato, che ha fatto una battuta sul nome di Frontline una volta e si è ritenuto così intelligente da ripeterla quaranta volte, non sapendo che non faceva ridere nemmeno la prima. Il buon Nick Carroll, un leone su Twitter, farà la fine del suo degno rivale Miller, perché se prova a presentarsi di persona davanti a noi subirà una tale umiliazione che lo scoparsi Jane Murphy passerà in secondo piano. LisaLisa, hai fatto un errore molto grave. Ci hai attaccate mentre ci stavamo rilassando, sfruttando un momento di debolezza causato dalla tua amica Jane. L'unica cosa positiva che potrai ricavarne sarà che la tua carriera in TWC si concluderà grazie alle uniche tre persone che siano mai riuscite a cavare fuori qualcosa di decente da te. Big Black Boom, Matt Thunder, dovreste essere distrutti anche voi, considerando che siete stati i peggiori campioni della TWC, e considerando che in questa federazione sono stati campioni Carroll, la Murphy e la Haibara è qualcosa di incredibile, ma il vostro regno è già stato imbarazzantemente concluso da Manson ed Edwards, o Jordan, o Sanshkin, e farsi sconfiggere da Manson è una delle cose più tristi che potesse succedervi, quindi vi lasceremo licenziare nel dimenticatoio in cui siete. Alisa Drake, tu hai fatto l'errore di metterti contro Jessica, e metterti contro una di noi vuol dire metterti contro tutte noi, e noi ti faremo fare la fine di tuo fratello, a fare il buffone in una federazione gestita da chi lo fa vincere, perché altrimenti non riuscirebbe a risaltare nemmeno da solo. E quando avremo distrutto tutti voi, quando Shawn Gates avrà smesso di ammorbarci con la sua inettitudine, allora prenderemo il posto che ci spetta, con tutti i titoli alle nostre vite, dall'Undisputed World Women's Championship, al World Heavyweight Championship, al World Tag Team Championship, al Diamond Championship. Diventeremo le imperatrici di questo posto, e solo allora saremo soddisfatte. Non ci importa la vostra approvazione, lo faremo in ogni caso.

Viola si guarda intorno, subissata di fischi, poi porge il microfono a Beverly, risedendosi. La rossa batte leggermente il dito sul microfono e dal pubblico arrivano fischi sempre più forti e sul suo volto compare un sorriso. Inizia a parlare con voce forte e decisa.

BB:Al contrario della mia dolcissima metà non aspetterò che voi belve vi mettiate a tacere perché è in questo elemento che io sono al meglio. Nell'odio, nella bolgia, nella grande baraonda, nel caos. Perché io sono nata per questo: portare il caos ed iniziare una rivoluzione. Perché io sono qui per ribaltare tutte le vostre credenze e tutte le vostre convinzioni.

Bev si irrigidisce con la schiena sullo schienale per via del dolore al collo.

BB:A me non piace prendere la vita troppo sul serio, credo che valga la pena viverla con leggerezza ed è così che mi avete visto finora. Ma con questa leggerezza non si compiono le rivoluzioni, con questa leggerezza la gente mi etichetta come "ritardata" e "caricatura". Mi sembra giusto quindi mostrare loro quanto Beverly Bailey sia LA stronza di questa federazione. Io sono la donna che ha preso la ragazza che era la sua migliore amica e le ha spezzato l'anima in mille pezzi impossibili da ricomporre, immaginatevi quindi cosa potrò fare con le mie nemiche. Ed il fatto che quel mollusco patetico di Elektra, che io ho battuto infinite volte, sia ora in uno dei main event di War of Change ed io no mi disgusta.

La rossa si ferma ad osservare il pubblico.

BB:Ma sapete cosa? Spero che vinca, non solo per porre fine all'ignobile regno di Jane, ma perché prendere il titolo dalle sue mani sarebbe squisito. E quando quel titolo sarà nelle mie mani tutti quanti voi, tutte le mie colleghe nel backstage, apriranno gli occhi e vedranno quanto può essere forte questa stronza. E quel titolo in mano nostra cadrà in un abisso di perversione perché noi siamo il vaccino di questa federazione. Portiamo la malattia affinché si sviluppino gli anticorpi per la cura. Noi siamo la vera salvezza di questa federazione, non eroi, salvatori o presunti tali.

Beverly si passa la mano sul collo con una smorfia.

BB:So perfettamente che non ne potete più di sentirci parlare, e probabilmente siete stufi sin da quando Viola ha aperto bocca ma è proprio per questo che continuiamo a parlare. Prima di arrivare a quel titolo però dobbiamo prima passare sopra coloro che hanno osato incrociare il nostro cammino, e l'hanno incrociato in maniera decisamente vile. Alle spalle, con un tubo di ferro in mano. Lisa Lisa, tu hai aizzato questa serpe colpendola dove era ferita. Preparati a subirne le conseguenze, perché saranno gravi.

La londinese rimane in silenzio per alcuni secondi, osservando il pubblico.

BB:Il mio discorso è finito, ora potete godere, perché voi soltanto da queste miserie potete trarre godimento.

Beverly ripassa il microfono a Viola, che poi lo passa a Jessica, che annuisce, iniziando a parlare.

JM: E questa è la verità. Non avevamo bisogno di dirlo. Non avevamo bisogno di ribadire nulla di quello che abbiamo detto, ma lo abbiamo fatto. Vi abbiamo avvisati, tutti voi, la dietro. Ora sapete quello che avete davanti davvero. Ora sapete quello che dovete aspettarvi. Ora potete smettere di cercare di scappare e sottomettervi in silenzio.

La Morton osserva il pubblico, poi indica lo stage.

JM: Ed ora vorrei chiamare qui la General Manager di Frontline is War e chiederle di inserirci nel Front-X e darci la possibilità di prenderci quello che è nostro. Livia, vieni qui e fai quello che devi.



Ma attenzione! Whisper degli Evanascence risuona nell'arena scatenando una reazione mista con prevalenza di fischi mentre le telecamere si mettono in attesa di Alisa Drake...

Immagine


La ragazza compare sullo stage vestita con una camicia nera senza maniche e sfilacciate all'altezza delle spalle riportante il logo dei Whisperers sulla schiena e con i tre bottoni superiori sbottonati, degli shorts di jeans chiari, ginocchiere e stivaletti da combattimento neri, e punta il suo sguardo verso il ring incrociando lo sguardo contrariato delle Sick Chicks. La Whisperer ha un microfono in mano e ora fa un cenno con la mano per far cessare la sua theme per poi avvicinarsi il microfono alla bocca e sospirare.

Alisa: Mandate il filmato per favore...

L'Alpha Drake scuote la testa per poi girarla verso il titantron e puntare lo sguardo in esso mentre si illumina.

Titantron ha scritto:
Immagine


Le immagini inquadrano Samantha Hart al centro del ring della TWC con un microfono in mano.

Samantha: Ladies and gentleman, my name is Samantha Hart and I am a proud member of the Hart family and I am the most important person on this fucking roster!

Fischi assordanti per la ragazza che resta impassibile.

Samantha: Fischi, solo fischi da parte vostra. Eppure quando mi sono presentata qui poco più di un anno fa mi avete accolta bene, si può dire che eravate felici di avere nuovamente Samantha Hart in giro. Beh ma d'altronde essendo stata il sinonimo di qualità in TWNA non potevo aspettarmi una reazione diversa.

Altri fischi per Samantha che accenna un leggero sorriso.

Samantha: Scommetto che mi fischiereste anche se vi dicessi che sto passando una bella serata qui a Grand Rapids, vero?

Nuovi fischi per la ragazza che mostra un sorriso amaro e scuote la testa.

Samantha: Non vi biasimo, d'altronde sono quasi due anni che mi sto comportando da autentica stronza, e se nella Road To Wrestlemania IV in TWNA qualcuno poteva anche supportarmi per via delle mie argomentazioni, in TWC e in FWP proprio non ve ne ho dato motivo. Come si può supportare una bastarda che manovrata da quella strega di Rachel Drake Fortuna impianta un chip per il controllo mentale in un povero stronzo? Come si può supportare una puttana che insulta continuamente tutti e tutto? Come si può supportare una cafona che per ogni tre parole che dice due sono volgarità?

Le domande di Samantha vengono scandite dai "What?!" del pubblico, ed ora che finisce di parlare altri fischi piovono su di lei.

Samantha: Non c'è assolutamente modo di supportare una tipa del genere, ma ciò non importa alla suddetta tipa poiché il vostro odio e il vostro disappunto sono ciò di cui lei nutre il suo ego spingendola ad andare avanti per la sua strada, una strada lunga e faticosa che l'ha finalmente portata al raggiungimento del suo scopo primario...

Il video con una dissolvenza passa alla parte successiva


Samantha: Ma come ho detto prima la questione con Kid The Wizard e Rachel Fortuna è chiusa, quindi sono finalmente pronta a stabilire la mia dominanza su questa divisione femminile formata da stronze che come unico merito hanno quello di succhiare il cazzo giusto. Perciò 'sti cazzi di aver perso quel match ad Alpha Horizon, tanto chiunque uscirà vincitrice dall'orgia di War Of Change se la dovrà vedere con me, e sarà ancora più bello vincere quattro titoli contemporaneamente ed ergermi come The Undisputed Legend e Legit Queen of TWC!


Il video termina e Alisa torna a guardare le Sick Chicks, mostrando uno sguardo ironico.

Alisa: L'imitazione è la più alta forma di ammirazione.

La Whisperer scuote leggermente la testa mentre un'espressione seria torna a far capolino sul suo viso.

Alisa: Peccato che l'originale era uno strazio, quindi potete solo immaginare quanto pesanti potete risultare voi tre misere copie.

Reazione positiva del pubblico alle parole della ragazza.

Alisa: Ma chi pensate di essere esattamente voi tre?! Cosa avete mai fatto per poter riempire la vostra bocca con quei proclami altisonanti che più che incutere timore come paventate voi vi rendono semplicemente lo zimbello di tutta la TWC?! Non c'è bisogno che rispondiate, poiché più che un lungo, noioso e tedioso monologo privo di alcun senso da parte di Viola Vixen o minacce a caso condite da effusioni saffiche da parte di Beverly Bailey purtroppo non si può tirare fuori.

L'Alpha Drake lancia un'occhiata a Jessica Morton.

Alisa: Se te lo stessi chiedendo Jessica, sì, ti ho volutamente tenuta fuori visto che la tua utilità in questo ring, in questa compagnia, in questo mondo è pari a quella di una connessione internet ad alta velocità nel pleistocene, e la tua amica Viola può anche credere che io mi sia messa contro di te inimicandomi di fatto tutte le Sick Chicks, ma io so, tu sai e lei sa che quel mio sputo era indirizzato verso la sua stupida faccia!

La Whisperer punta il suo sguardo su Viola Vixen.

Alisa: Viola Vixen. Viola Vixen. Viola Vixen...

La ragazza picchietta con l'indice sul microfono mentre abbassa lo sguardo e un sorriso isterico compare sul suo viso, poi dopo qualche secondo torna a guardare Viola.

Alisa: "Per questo sono la lottatrice più temuta del roster. Per questo la gente trema al pensiero di parlare con me. Perché sa che posso abbatterli con il nulla." Mmh... Belle parole, davvero, ricordi chi le ha dette Viola? Penso proprio di sì visto che provengono dalla tua bocca.

Uno sguardo duro compare sul viso di Alisa.

Alisa: Peccato che tu Viola, non sei nulla di tutto ciò. Tu non sei la lottatrice più temuta del roster, quella potrebbe essere Brunild Wagner per la sua abilità di spezzare chiunque le si pari davanti, poteva esserlo Lucy Fisher per il suo immenso talento o potrei essere tranquillamente io che da quando sono tornata ho distrutto tutti coloro che si sono messi contro di me, da Ellie Hart a Livia, passando per Lance Murdock e senza scordarci mio fratello. La gente trema al pensiero di parlare con te? No, la gente ti evita non per timore, ma perché nessuno con un minimo di senno reputa il suo tempo talmente insulso da sprecarlo con te, e se pensi di poter abbattere chiunque con il nulla...

Un leggero sorriso folle si fa largo sul viso di Alisa.

Alisa: Dimostralo!

Ed ecco che Alisa si incammina a passo deciso sulla rampa causando una buona reazione da parte del pubblico.



Ma ecco che risuona la theme di LISALISA! La Drake si blocca sulla rampa, voltandosi verso lo Stage, mentre una Beverly furiosa viene a malapena trattenuta da Jessica Morton. Le Faine ringhiano, e Viola Vixen stringe le corde con ambo le mani. Sotto il Titantron, tra i fischi del pubblico, appare la nipponica.

Immagine


Alisa, con le braccia sul petto, rimane ad aspettare la precedente avversaria di Jane Murphy, che la raggiunge sulla rampa, già munita di microfono nella mano destra. Lisa guarda le Sick Chicks, e poi la Whisperer. Si porta l'indice della mano sinistra sulla guancia.

LA: Mh, dici che dovevo colpirle più forte?

Cenno di assenso da parte della Drake.

LA: Purtroppo non mi piace inferire, la prossima volta lascio il resto a te.

Jessica osserva le due lottatrici sullo stage, poi scuote la testa, alzandosi.

JM: Che triste spettacolino che fate voi due lì. Ora, so che per entrambe cercare un minimo di rilevanza è sempre fondamentale, ma arrivare a supplicarci così per avere cinque minuti di fama mi sembra fin troppo. Ma credo di aver ragione quando mi definisco magnanima, quindi benvenuti ai cinque minuti di fama di Alisa Drake.

La Morton si schiarisce la voce.

JM: Per prima cosa, diamo ragione alla giovane Drake dove ha ragione. Samantha Hart era uno strazio. Una delle peggiori cose che questa federazione abbia accolto. Ed è innegabile. Raramente ho visto una simile incapacità sul ring, al microfono, nella vita. Una reginetta da Soap Opera, incapace di fare qualcosa di diverso da infastidire grazie alla sua inettitudine. Una serie di turpiloqui infilati in serie, senza un vero contenuto dietro, che rubava spazio a cose più interessanti, come la vernice che si asciuga. Non ti si può dire nulla su questo. Bravissima. Quello che non è vero, anche se l'ho sentito spesso è che le Sick Chicks siano una imitazione della povera defunta. E la cosa non mi è mai piaciuta, perché, vedi, nel mio giorno peggiore, quando sono stanca e non ho voglia di distruggerti a parole, ti faccio un discorso che vale quello di quindici Samantha Hart. Perché tutte le ridicole storielle che doveva inventarsi per cercare di essere interessante mi fanno solo ridere. Perché il miglior match che ha mai combattuto non vale metà del match che abbiamo perso settimana scorsa.

Jessica sorride.

JM: Ma non è un problema solo di Samantha Hart, cara Alisa. Anche tu sei ridicola, incapace, inascoltabile ed inguardabile sul ring, ed anche Rick Frye, e lo è anche tuo fratello. Siete tutti una banda di incapaci troppo orgogliosi per ammetterlo, ma che alla fine deve sempre trovare delle scuse per i suoi fallimenti. Aver vinto un match è un trofeo probabilmente di peso, per te, ma non è vero che hai distrutto tutti quelli che ti sono posti davanti. Appena hai incrociato le Sick Chicks sei stata distrutta. Tu sei uscita in barella, incapace di camminare, e il tuo amico con la schiena a terra. Le Sick Chicks ti hanno distrutta con la stessa facilità con cui abbiamo umiliato chiunque si sia posto sul nostro cammino. Ora ti chiuderai in un angolo a provare a ribattere con una retorica scadente e dei giochi di parole stupidi, tanto quanto faceva la tua defunta compare, ma non hai speranze contro di noi. Non hai speranze contro di me. Non basterà cercare di zittirmi, non basteranno dei video di una incapace, non basteranno dei paragoni azzardati. Qualsiasi cosa succeda, la cosa migliore che ti può capitare è di rimanere zitta.

La Morton guarda LisaLisa, e sta per aprire bocca, quando una mano sulla spalla la ferma. Viola guarda Jessica e si fa consegnare il microfono, la fronte aggrottata e la voce che trema appena.

VV: Lisa, io non so con quale coraggio tu ti faccia vedere in questa arena in mia presenza. Io non so come tu creda davvero di poterne uscire in qualche modo meglio di come ci sei entrata. Qualsiasi persona sana di mente se ne sarebbe stata nel backstage, contenta di essere sopravvissuta ad un'altra serata dopo quello che ha fatto. Ma tu sei qui, in piedi, di fronte a me. E Lisa, questo è assolutamente da idioti. Non che non me lo aspettassi, hai dimostrato di essere una idiota completamente inetta a livello sociale dal primo giorno in cui ti sei presentata qui, ma non credevo fino a questo punto. So perché lo stai facendo. Stai cercando di rifarti dalla imbarazzante prova che avete messo su tu e Jane Murphy. Stai provando a recuperare un minimo di credibilità dopo lo spettacolo pietoso che avete messo su tu e la tua degna compare, di cui fra due settimane ci ricorderemo solo quel pallone gonfiato di Carroll che corre per salvare la povera Jane in pericolo. E ti capisco, dopo una prova così imbarazzante da parte di entrambe è normale cercare di tornare a splendere, anche solo per luce riflessa, grazie a qualcuno che sia migliore di voi, qualcuno di più interessante, di migliore al microfono, di migliore sul ring, ma quello che stai facendo è troppo stupido anche per te.

Viola alza leggermente il tono della voce, stringendo il microfono più forte.

VV: Ci sono tante cose che puoi fare e poi passarla liscia. Ci sono tanti errori che puoi compiere senza punizione. Ci sono tanti peccati che puoi commettere senza giudizio. Eppure hai scelto di attaccarci, in un momento in cui avevamo la guardia abbassata. Hai scelto di attaccarci mentre Beverly era infortunata. Hai scelto di attaccarci per ottenere della visibilità. Sappi che è e sarà l'ultimo errore che commetterai. Io ti ridicolizzerò ancora davanti al mondo, in modo così profondo che nemmeno tu riuscirai mai più ad uscire di casa, e poi ti distruggerò fisicamente. In modo che tu non possa mai più fare quello che hai fatto.

La Vixen ringhia nel microfono.

VV: Non sei nient'altro che un Morgan o un Manson. E non ti permetterò di andare in giro in libertà, Lisa. Ti vanti sempre delle tue qualità sul ring, di come tu voglia rendere fiero tuo figlio, ma sei solo un'altra pazza in cerca di attenzioni, ed io ti darò quello che meriti. E forse tuo figlio potrà avere i tuoi resti in un sacco nero, se sarò abbastanza magnanima da far rimanere qualche pezzo di te.

Beverly carezza la testa della compagna e poi prende la parola.

BB:Signorina Drake, quello che ci differenzia dalla patetica Samantha, è che noi abbiamo un obiettivo. Noi siamo una forza inarrestabile, noi siamo delle menti sopraffine mentre la Hart era solo una sciacquetta a cui piaceva dire volgarità.

Bailey sbuffa rabbiosa spostando lo sguardo verso Lisa.

BB:Lisa, a te come tante altre ti piace ripetere come noi siamo una disgrazia, siamo ignobili e tutto il resto. Ma sai chi avrebbe fatto un gesto come il tuo? Questa stronza, e l'avrebbe fatto con molta più classe. Sei anche peggio di ciò che odi, Lisa. Potrei farti i miei complimenti per un gesto del genere ma visto che dall'altro lato del tubo c'ero io insieme al mio collo infortunato credo proprio che preferirò ripagarti con la stessa moneta, con tanto di interessi, e stai certa che saranno molto salati. Non abbassare mai la tua guardia, Lisa, perché quando meno te lo aspetterai verrò a restituirti il favore.

Viola si avvicina a Beverly, e la passa un braccio intorno al fianco, tirandola a se, poi si appoggia con la testa alla sua spalla, e le prende la mano, stampandole un bacio sul dorso. Alisa nel frattempo si scambia un'occhiata disgustata con Lisa, e poi prende la parola.

Alisa: Sapete, Frye mi ha fatto arrabbiare prima che facessi il mio ingresso. Io stavo guardando i vostri sproloqui su un monitor mentre lui si stava preparando per l'Ultimate Warfare, poi la quantità spropositata di idiozie che usciva dagli speaker di quel monitor gli ha fatto male all'intelligenza, e dopo aver capito la mia intenzione di uscire qui fuori per confrontarvi ha predetto tutto ciò che avreste detto, con argomento principale la vostra ipotetica predominanza, e ha deciso di lavorare su una cosa nel mentre il nostro confronto andava avanti. Come ho già detto questa cosa mi ha fatto arrabbiare, poiché preferisco che si concentri sull'Ultimate Warfare e non su tre incapaci, ma purtroppo quando ci sono dei palesi insulti all'intelligenza umana in giro lui non può far altro che intervenire, quindi... Fryyyyyyeeeeeeeee...

La Whisperer gira la testa verso l'ingresso alla stage imitata da LisaLisa. Passa qualche secondo e fa la sua comparsa Rick Frye, occhiali da vista indosso e la maglietta "Save No one" di Lance Murdock indosso.

Immagine


The Phoenix ha un microfono in una mano e un foglio di carta nell'altra, e mentre il pubblico lo fischia lui prende la parola.

R.Frye: Tranquilli, i soldi per aggiudicarmi l'asta su E-Bay per la maglietta li ho rubati a Jack Keenan.

Sorriso beffardo di Frye.

R.Frye: Allora, Jessica Morton: debutta nel duemilaquindici e dopo qualche mese sparisce nel nulla per poi ricomparire più di un anno dopo e formare con Viola Vixen le Sick Chicks. Viola Vixen: debutta nella tarda estate duemilasedici e si unisce a Jessica Morton per formare le Sick Chicks. Beverly Bailey: debutta nell'estate scorsa, e dopo mesi di palese inutilità e inadeguatezza si unisce a Viola Vixen e Jessica Morton nelle Sick Chicks e intraprende una relazione omosessuale con Viola non disdegnando pubbliche manifestazioni esasperate di affetto al solo scopo di attirare l'attenzione. Le Sick Chicks, un misto di violenza, volgarità e sesso, il tutto condito da tante parole altisonanti e pochi fatti concreti, alla luce di ciò posso tranquillamente confermare le parole dell'Alpha Drake quando le paragona a Samantha Hart, io ero con lei nei Guardians Of Truth e vedere voi tre e come rivedere Samantha, solo che voi siete meno belle e meno originali.

The 171 prende una breve pausa.

R.Frye: Dopo questa breve introduzione passiamo nell'analisi vera e propria delle Sick Chicks. Jessica Morton: una vittoria con TDK, zero pareggi, zero sconfitte. Beverly Bailey: una vittoria con Brunild Wagner per squalifica, due pareggi con Elektra Kellis di cui uno per double count-out e uno per no contest, quattro sconfitte di cui una in un tre contro tre a Frontline, una in un Triple Threat valevole per una title shot a Sunshine, una contro Alice Angel a Frontline, una per squalifica contro Ayumi Haibara. Viola Vixen: zero vittorie, zero pareggi, due sconfitte di cui una contro Jane Murphy in un match titolato e una con LisaLisa. Sick Chicks: sei vittorie di cui una con MAX&Co a Sunshine, una contro il Team MWWC, un'altra ancora contro il medesimo team, una su Elektra Kellis e Brunild Wagner in un handicap match due contro tre, una sui Whisperers affiancate da Lance Murdock in un handicap match due contro quattro, una ottenuta due contro tre contro le Midnight Hunters in un handicap match, un pareggio con MAX&Co in un match valevole per una title shot, sei sconfitte di cui una contro Lucy Fisher e Jane Murphy, una in un match titolato contro i No More Heroes, una in un match valevole per una title shot ai titoli di coppia contro i Pulp Fiction, una con Sean Morgan in un handicap match tre contro uno valevole per il Diamond Championship, una contro i Pulp Fiction in un match valevole per i titoli di coppia, una contro le Midnight Hunters e Jane Murphy in un regolare tre contro tre.

The Smartest Man On The Place alza lo sguardo dal foglio lanciando un'occhiata alle Sick Chicks.

R.Frye: Da un'analisi preliminare si evince innanzitutto che le Sick Chicks sono fondamentalmente delle perdenti, ma al contempo sono delle manipolatrici capaci di infilarsi in una quantità di match titolati che rapportata ai giorni trascorsi nella compagnia fanno evincere una media a dir poco disarmante. Tuttavia ogni match titolato o valevole per occasioni titolate hanno visto le Sick Chicks sconfitte, e la maggior parte delle loro vittorie arrivano in match combattuti in superiorità numerica in cui le nostre eroine si sono avvalse di trucchetti per portarsi a casa la vittoria, anche se c'è da segnalare la sconfitta tre contro uno contro Sean Morgan per il TWC Diamond Championship. Lascio il resto nelle capaci mani dell'Alpha Drake, mentre io tornerò più tardi sia per valorizzare la maglietta che ho appena acquistato e sia per combattere e vincere l'Ultimate Warfare. The Smartest Man On The Place out, average QI level falls!

The Phoenix fa un inchino per poi tornarsene nel backstage mentre Lisa osserva soddisfatta Alisa che intanto sogghigna.

Alisa: E ciò dovrebbe bastare per dimostrarvi che siete solo parole buttate al vento. Volete chiamarmi ridicola, incapace, inguardabile, inascoltabile? Volete paragonarmi a quel perdente di mio fratello pensando di provare un punto? Volete vantarvi di avermi "distrutto" in un match combattuto in inferiorità numerica ignorando il fatto che una settimana dopo ho ritirato un'altra lottatrice davanti ai vostri occhi? Magari ora vi appellerete anche al fatto che mi faccio "difendere" da Frye. Va bene, fate pure. Le vostre parole valgono tanto quelle di mio fratello contro il resto della TWC, ovvero niente! Lance Murdock lo scorso giugno disse a Chris "you talk the talk, but do you walk the walk?", beh tra Sunshine e Alpha Horizon ho dimostrato a voi, al mondo intero, a mio fratello, a Livia e a Lance Murdock stesso che io, Alisa Drake, talk the talk and walk the walk! Voi non potete mettere nulla sul piatto per dimostrare di essere migliori di me, voi potete solo nascondervi dietro parole su parole su parole, ma il giochetto sta finendo Sick Chicks, i fan, gli altri wrestler, la dirigenza e chiunque abbia un minimo interesse nella TWC sta capendo ciò che realmente siete, ovvero la parodia di ciò che dovrebbe essere il successo. Voi siete una barzelletta Sick Chicks, tutte e tre, e se il mio disprezzo è particolarmente indirizzato verso Viola Vixen è solo per il fatto che è lei la testa dietro a questo circo ambulante che voi chiamate alleanza di successo, ed è mia premura buttarla giù una volta per tutte insieme ai due clown che si porta dietro.

La Whisperer accenna un leggero sorriso verso Viola.

Alisa: Ironico come tu possa abbattere chiunque con il nulla, ma non appena la sottoscritta ti rivolge la parola cerchi di glissare lasciando il palcoscenico a Jessica Morton. Devo ammetterlo, sei intelligente come persona Viola. Quando ti rendi conto che l'interlocutore che hai avanti è superiore a te lasci il campo alle tue amiche evitando una figuraccia e lasciando che la faccia una di loro due. Mi dispiace che tu abbia dovuto scoprirlo da me, ma al mondo non ci sono solo i Kevin Manson.

L'Alpha Drake lancia un'occhiata a LisaLisa.

Alisa: Ora, possiamo entrare in quel ring Lisa, possiamo andare nel fantastico mondo delle Sick Chicks in cui combattono in superiorità numerica e giocarci le nostre chance per vedere se anche in due contro tre riusciamo a devastarle di calci sulle gengive, oppure possiamo pazientemente aspettare il momento giusto per colpire, come due vipere che insidiano l'erba alta in attesa delle proprie prede. A te la scelta, a me stanno bene entrambe le opzioni.[

La giapponese fa un sorrisetto.

LA: Conosco abbastanza le tre persone su quel ring, più i loro cagnolini, per sapere che hanno già preparato dei trucchetti anche in caso di uno scontro impari. E, sinceramente, mi dispiace per il pubblico che non godrà di un po' di azione dopo mezz'ora di discorsi, ma non ho voglia di perdere altro tempo in queste sciocchezze.

La giapponese si volta verso il ring.

LA: Quindi, se lo scarto di Krakatoa, Elektra Kellis con una parrucca rossa e la pseudo-imitatrice color gesso e scarsa di Lucy Fisher non se la prendono troppo a male, direi che possiamo pure andarcene. A differenza vostra, noi preferiamo i fatti.

Beverly alza un sopracciglio stranita.

BB:E poi siamo noi le caricature e le ritardate, guardate che splendidi insulti tira fuori la nostra Lisa. Sei patetica, fai le stesse identiche cose che facciamo noi ma con meno stile e meno classe, salvo poi venirci a fare la morale. Dici di preferire i fatti ma poi volti le spalle. Sei un disastro, Lisa...

La rossa scuote la testa.

BB:Per non parlare della sussurratrice che sente il bisogno di far venire fuori Frye soltanto per usarlo come calcolatrice. Che c'è, erano calcoli troppo difficili per te?

Beverly passa un braccio attorno al collo di Viola.

BB:Mon Cheri, tutte ci odiano, tutte vogliono vederci morte ma il problema è che sono una peggiore dell'altra. Noi rimaniamo sempre qui, unite, e continuiamo con la nostra missione. Perché le Sick Chicks dominano il wrestling mondiale e voi in confronto a noi siete minuscole.

Viola sorride, dando un bacio sulla guancia alla rossa.

VV: Minuscole mi sembra il termine adatto. Continuo solo a sentire delle incapaci che cercano della rilevanza. E non credo sia giusto da parte nostra concederne più di quanta ne abbiamo concessa oggi. Lisa, sappi solo che ti eliminerò come meriti.

La Vixen osserva per un istante Beverly, poi chiude gli occhi e fa un segno a Jessica.

JM: Abbiamo sentito le simpatiche statistiche di Rick Frye, abbiamo sentito i deliri di Alisa Drake e quel poco che LisaLisa ha detto. Riassumiamo. Due lottatrici che non hanno mai fatto nulla di decente in vita loro, una delle quali ha infangato il nome del titolo di questa federazione, che provano a dimostrare, in modo abbastanza fallimentare, ammettiamo, che sono molto meglio di noi perché possono, da quello che ho capito, leggere i risultati da una pagina internet e chiamare un uomo per farli dire ad alta voce. Ora, se le vostre signorie permettono, noi andremmo via da qui, lasciandovi a riflettere sul perché siate completamente inutili.

Jessica osserva lo stage, poi fa spallucce.

JM: Sono sicura che riuscirete a trovarci in ogni caso.

Jessica rotola fuori dal ring, seguita rapidamente da Viola e Beverly, e viene raggiunta dalle Faine. Il quintetto si guarda attorno, poi si dirige verso le barricate, scavalcandole ed andando fra il pubblico. Quando tutti sono oltre le transenne, Jessica riprende di nuovo la parola.

JM: E, se proprio volete menare le mani, vi troveremo qualcosa da fare noi.

La Morton lancia il microfono sul ring, guidando il gruppo fuori dall'arena attraverso le scalinate, mentre le telecamere inquadrano anche Lisa e Alisa. E su queste immagini noi andiamo in pubblicità. Non cambiate canale.





Up Next
Spoiler:
?????


Top
 Profilo  
Rispondi citando  

Re: TWC - Friday Night Indoor War (#46-???)
MessaggioInviato: 24/03/2017, 22:42 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: 24/12/2010, 18:48
Messaggi: 12066
Località: Baretto Kurabu
E dopo i consigli per gli acquisti, torniamo nuovamente in diretta qui dal Valley View Casino Center di San Diego, California, per TWC Friday Night Indoor War! Pubblico caldissimo quello californiano, che vediamo assolutamente eccitato per scoprire chi saranno i misteriosi alleati di Leon Black nella sua nuova crociata, e chi si aggiudicherà l’Ultimate Warfare Match diventando così il First Contender ufficiale al TWC World Heavyweight Championship in quel di War of Change III.



Ma attenzione! Una nuova theme, degna dei peggiori locali frequentati da manigoldi e prostitute, si diffonde nell’arena. Il pubblico resta attonito per alcuni secondi, quando ecco sbucare sullo stage un manipolo di loschi figuri.

ImmagineImmagineImmagineImmagine


Come vediamo si tratta dei quattro filibustieri che due settimane fa hanno aggredito e pestato a sangue Gunther “The Hound” Schmidt nel Kickoff di Alpha Horizon. E la cosa al pubblico non piace, visto che i manigoldi vengono subissati di fischi e urla mentre scendono verso il ring. I quattro tuttavia sembrano impassibili, anzi si fanno beffe dei fan, ricoprendoli di insulti e minacce gratuite utilizzando vari linguaggi esotici e difficilmente traducibili. Una volta arrivati ai piedi del ring, i tizi si sparpagliano e irrompono nel quadrato alla spicciolata. Uno di loro, quello dai tratti prettamente latini, si procura un microfono da Jessica Rose, rifilandole poi una pacca sul sedere e riempiendola di apprezzamenti poco eleganti. Il tipo infine rotola sotto la prima corda e si rialza dentro al ring, raggiungendo i compari e iniziando ad arringare la folla.

???: Hola, gringos di San Diego! Magari qualche pérro si ricorderà di me in passato, ma chi se ne frega. Mi chiamo Carlos Vega, El Loco de Cartagéna, Capitano dell’Océano Atlàntico Meridionale, membro dell’Alianza de Los Sietes e del Fronte Rivoluzionario Pirata...

Il bandito si batte il petto ripetutamente.

CVG: Sì avete capito bene, cabronés! Fate silenzio, hijos de puta!... Noi siamo i pirati!

Dito medio da parte del malefico Vega rivolto al pubblico e poi in camera! Fischi per lui, che se la ride.

CVG: Prima di esporre a voi cabrones ignoranti i motivi che ci hanno portati a invadere questa federazione, lasciatemi presentare i miei illustri colleghi, nonché compagni della costa.

Il tizio, presumibilmente messicano, indica il tipo orientale con la bandana.

CVG: Aquì abbiamo El Terror de Las Molucas, Zheng Deh, di Singapur, Capitano dell’Océano Pacifico Meridionale, membro dell’Alianza de Los Sietes e del Fronte Rivoluzionario Pirata…

Poi passa al tipo col turbante nero, che osserva quasi pacificamente il pubblico. Quasi.

CVG: Aquì es un grande amigo. Cabronés, fate un applauso, al gràn Tremal Night, dell’Isla de Socotra, l’ultimo dei Thug, Capitano dell’Océano Indiano, membro dell’Alianza de Los Sietes e del Fronte Rivoluzionario Pirata…

L’indiano annuisce solennemente. Infine ecco farsi avanti il malnato dalle basette lunghe già visto alcune volte lo scorso anno.

CVG: Infine aquì es il più forte di tutti i bucaneros, l’invincibile Capitano dell’Océano Antàrtico, nativo de Partes Desconocidas, membro dell’Alianza de Los Sietes e del Fronte Rivoluzionario Pirata. State zitti e tremate di paura in fronte de Boris Sokolov!

Sokolov fa un sorriso sarcastico mentre osserva il pubblico. Poi sputa a terra, mentre Carlos Vega si infervora di punto in bianco.

CVG: Gringos! L’Alianza de Los Sietes si trova aquì per invadere, saccheggiare, depredare, e spogliare la Federation Total de Wrestling. Il nostro motto è libertà. Nosotros siamo contro tutto e tutti! L’Alianza vuole dinero e tesori, tanto dinero. L’Alianza vuole le donne, solo le belle donne. L’Alianza vuole schiacciare i servi dell’ordine. I perros asquerosi che obbediscono al Senor Virgilio Braun. Da anni l’Alianza de Los Sietes viaggia nel mondo de la Lucha Libre, conquistando bottino, rapendo muchache, e matando todos quelli che se mettono contro de noi…

Vega si gira in camera.

CVG: Intiende?!

Poi continua a parlare.

CVG: Gunther Schmidt, El Gran Perro, es un nostro nemico. El Hombre Misterioso es un gran enemigo. Due semanas fa, l’Alianza si è presentata matando quell’hijo de puta di Schmidt. E adesso siamo qua per chiamare el Senor Virgilio Braun e farci pagare un tributo salado, oppure anche esta noche noi materemo qualcuno, oppure ci prenderemo quella puta che presenta i matches e così via.

Dopo il pericolosissimo ultimatum, Vega sbraita verso lo stage.

CVG: Virgilio Braun! Vieni aquì, vecchiaccio!!!



Ma la theme che sentiamo non appartiene certo al General Manager della TWC, quanto piuttosto a lui, Gunther “The Hound” Schmidt, e l’arena esplode!

Immagine


Pubblico in visibilio per il Mastino, che sbuca sullo stage accompagnandosi con una stampella sotto un braccio e il microfono nell’altra mano. Mentre vediamo i membri dell’Alleanza dei Sette confabulare tra loro e reagire in modo indispettito, ecco che Gunther avanza fino alla rampa, dopo di che si rivolge ai quattro disgraziati che lo osservano a distanza.

GNT: Mastino capito quasi di nulla in discorso pirata. Unica cosa che Mastino capito è voi Korsaren essere Dummkpfe. Questo basta di me. Mastino rabbiato picchia Dummkopfe in tempo di libero, in tipo di ora!

E comincia a scendere verso il ring! Il Mastino ha deciso di sfidare e pestare i pirati! Vediamo Sokolov dare ordini nella sua lingua lugubre, conosciuta ai più come il russo. Zheng Deh e Carlos Vega scendono giù dal ring e si fanno incontro al gigante bavarese, ma questi li aggredisce tirando il microfono in faccia al messicano e rifilando una stampellata addosso al terrore delle Molucche, che ruzzola via finendo tra la rampa e le transenne come un bellimbusto qualsiasi. Poi Gunther si slancia in avanti e atterra Vega con una Brutality devastante!

Immagine


Il Mastino sorpassa i due e va ai piedi del ring, dove lo attende Tremal Night! L’indiano resta immobile a osservare il gigante che gli si fa incontro... Ma Gunther inciampa su un cavo e cade rovinosamente a terra!

Spoiler:
Immagine


Maledizione! E’ Esagon Junior, l’ingovernabile wrestler messicano e autore di numerosi tiri mancini da quando è in TWC! Il Titubante Lestofante stavolta si è travestito da tecnico del suono a bordo ring e ha teso un tranello al Mastino con un cavo elettrico!


Mentre Gunther Schmidt, infuriato, cerca di rialzarsi, ecco che il pirata lestofante va a staccare i gradoni d’acciaio per tirarglieli addosso, seguendo le indicazioni di Tremal Night, che nel frattempo stata prendendo a calci il tedesco onde non rischiare che si rialzi. Ma all’improvviso…

Spoiler:
Immagine


UNA MANO!!!!!... Una mano sbuca da sotto il ring e afferra per la caviglia il tronfio Mucho Rudo, che incespica e cade a terra sbattendo di faccia sui gradoni! Qualcuno rotola fuori da sotto il quadrato e si rialza solennemente di fronte alla folla…

Immagine


IT’S STENG! OH MY GED!!! Il pubblico è elettrizzato per il ritorno del lottatore più misterioso della TWC e parte pure la ola intonando il suo nome!


Nel frattempo Gunther Schmidt, approfittando della sorpresa, abbranca Tremal Night e lo getta via tra il pubblico manco fosse una sagoma di cartone. STENG!, oh my ged, approva la mossa di Gunther, poi si volta perentoriamente e colpisce Esagon Jr. col suo temibile pugno della morte, annichilendolo!

Immagine


Dopo di che i due idoli della folla si voltano verso il ring, dove resta il solo Boris Sokolov. Il pirata proveniente dalle aspre acque antartiche sembra quasi invitare i due a farsi sotto, ma quando questi si tuffano sul ring per davvero, eccolo scavalcare saggiamente le corde e lasciare il ring dall’altra parte. Gunther Schmidt e STENG!, oh my ged, restano sul ring a osservare la ritirata dei filibustieri, con Carlos Vega che trascina via sulla rampa i resti di Esagon Jr., Tremal Night che sta fuggendo per le gradinate dopo aver derubato alcuni spettatori, Zheng Deh che è uscito dal loculo improvvisato dove era stato sbattuto dal Mastino, e il temibile Boris Sokolov che guarda al ring con un misto di rabbia e divertimento.



E mentre risuona la theme del Brutal Crow, ecco che Gunther e STENG!, oh my ged, si avvicinano, scrutandosi a lungo, infine si stringono la mano tra il delirio dei fan, sancendo la loro potentissima alleanza contro la pirateria e il crimine… E dopo tutto questo starpower con Gunther e STENG!, oh my ged, noi andiamo in pubblicità! Don’t. Change. The Channel.





Up Next
Spoiler:
Daniel Carson


Ultima modifica di Elban Rattlesnake il 27/03/2017, 7:58, modificato 2 volte in totale.

Top
 Profilo  
Rispondi citando  

Re: TWC - Friday Night Indoor War (#46-???)
MessaggioInviato: 24/03/2017, 22:46 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: 24/12/2010, 18:48
Messaggi: 12066
Località: Baretto Kurabu
Bentornati in diretta da San Diego con la quaranteseiesima puntata di Indoor War! Siamo nel backstage, dove Daniel Carson ci accoglie con un sorriso.

Immagine


DC: Signore e signori, il mio ospite è Nick Carroll.

Immagine


Il bostoniano entra nell'inquadratura e saluta l'intervistatore con un cenno del capo.

DC: Allora Nick, vuoi parlarci di ciò che è successo poco fa? Quali sono i motivi che ti hanno spinto ad intervenire ad Achtung? Te la senti di finire di esporre il pensiero che Sigfried Jaeger ha interrotto?

Nick inarca le sopracciglia e scuote leggermente la testa.

NC: Cosa? Non sono mica intervenuto ad Achtung, io. Perché mai avrei dovuto?

L'intervistatore rimane a bocca aperta.

DC: Come sarebbe? Abbiamo visto tutti benissimo che...

NC: Oh, andiamo Daniel. Non vorremo ricominciare con questa storia. Ho passato mesi e mesi a giustificare il mio mancato intervento in una fantomatica rissa davanti al Manhattan Center, non ho alcuna intenzione di perdere di nuovo tempo con queste idiozie.

L'intervistatore rimane interdetto e Nick ne approfitta per continuare.

NC: Stasera prenderò parte ad un match che potrebbe risultare fondamentale per la mia carriera, un match che potrebbe porre rimedio a quello che è successo ad Alpha Horizon. Sono concentrato solo su quello, non ho alcun interesse in un Achtung di cui non sapevo nulla.

DC: Ma... ma...

Nick non si fa interrompere dalle proteste di Carson.

NC: Inoltre, ero a prendere un caffè insieme a Vincent fino a qualche minuto fa. Vero, buddy?

Carroll sposta lo sguardo verso qualcuno all'esterno del nostro campo visivo.

Immagine


Vincent Cross, che ha le braccia incrociate dietro la schiena e si porta vicino a Nick Carroll, e annuisce energicamente. Carson lo guarda esterrefatto.

NC: Visto?

DC: Ma...

Cross, sporgendosi in avanti, e sorridendo, alza la mano sinistra, esibendosi in un chiaro gesto indirizzato all'intervistatore della TWC.

Immagine


VC: Aria.

L'intervistatore abbassa la testa, e si allontana mestamente. I due lo osservano allontanarsi, finché l'immagine non si fissa su di loro.

VC: E' brutto se dico che penso che un giorno si suiciderà?

Nick alza le spalle.

NC: Nah. Ally Sullivan è ancora viva, dopotutto. Se lei è sopravvissuta, può farcela anche lui.

Nick dà una pacca sulla spalla a Cross e lo invita a camminare indicandogli il corridoio davanti a lui.

NC: Comunque Vince, come ti stavo dicendo prima, dovrai stare molto attento a Keenan stasera. Avrà ancora il dente avvelenato dopo Alpha Horizon, credo che non riuscirà mai ad accettare l'idea di non essere riuscito a batterti nemmeno stavolta.

VC: E allora mi basterà batterlo di nuovo, no?

Risate tra i due.

VC: A parte le battute, mi ha offerto una ottima sfida come al solito. Nel match a dieci non so se ci incontreremo sul ring, ma sarà sempre un piacere. Magari stavolta riuscirò a battere te, signorino.

Nick si fa serio.

NC: Non credo proprio. Questo match significa troppo per me. Sono stanco di arrivare ad un passo dalla meta, senza riuscire a portare il compito a termine.

Cross sbuffa.

VC: Hai fatto una bella prestazione ad Alpha Horizon. In un One on One ce la faresti senza problemi. Ma questo di stasera non è un One on One Match.

Carroll annuisce, sorridendo.

NC: No, non lo è. Ma ho anche vinto l'unico match ad eliminazione a cui ho partecipato finora.

VC: C'è una prima volta per tutto.

Carroll fa l'occhiolino all'amico.

NC: Infatti dopo aver vinto l'Ultimate Warfare conquisterò il TWC World Heavyweight Championship per la prima volta.

???: Quanto vorrei poter dire di aver sentito questa frase per la prima volta.

Nick Carroll e Vincent Cross si voltano di scatto. La telecamera allarga di nuovo la sua inquadratura.

ImmagineImmagine


Appoggiato al muro, Jack Keenan sta osservando i due vecchi rivali, un sopracciglio leggermente sollevato. Accompagnato dall'immancabile Quill, JK indossa una camicia vagamente sgualcita e porta la barba più incolta rispetto al solito. Il suo sguardo si sposta sul solo Cross, i suoi occhi si alzano al cielo.

Keenan: Okay, forse dopo Alpha Horizon non dovrei parlare di prime volte, ma... Nick, seriamente, come riesci a non irritare te stesso con questa storia? Per carità, capisco la faccenda di mister Main Event e tutto quanto, ma qui si sta andando fin troppo oltre.

Il Pain Deliverer scuote la testa.

Keenan: E' sempre poetico, vero? L'eroe arriva ripetutamente ad un passo dal traguardo, ogni volta è più vicino, ma non lo è mai abbastanza; non si arrende, però, soffre, stringe i denti, si rialza, fino al trionfo finale in una apeoteosi di lacrime ed applausi. Diamine, sta diventando un clichè persino far notare quanto sia un clichè.

Le parole di JK non cancellano il sorriso dal volto di Carroll.

NC: La mia impressione, Keenan, è che le mie parole ti suonino così tanto familiari perché sono quelle che risuonano continuamente nella tua testa da diverso tempo. Peccato che tu, a differenza mia, non sia andato nemmeno vicino ad arrivare al tuo scopo.

Un sorrisetto fa capolino anche sul volto di Keenan.

Keenan: Così adesso anche "esserci andato vicino" è un motivo di vanto? Non è da te, Nick.

Tanto rapidamente era comparso, quanto rapidamente il sorriso di JK svanisce.

Keenan: Comunque, anche se forse il tuo ego vorrebbe sentire altro, quando ho incrociato Daniel Carson quasi in lacrime non ero in cerca di te, Nick.

Lo sguardo del Pain Deliverer si sposta dal bostoniano a Cross.

Keenan: Vincent Cross, c'è solo una cosa che devo dirti.

JK sospira, serrando i pugni.

Keenan: Stasera sarò io ad eliminarti dall'Ultimate Warfare.

Il Biker sorride, incrociando le braccia.

VC: Farlo dopo che ti avrò schienato non conterà però, me lo prometti?

Poi si rivolge a Quill.

VC: Purtroppo non potrai essere al suo fianco nell'Ultimate Warfare per ovvi motivi, ma ti consiglio di farlo calmare. Questa ansia da prestazione non gli fa bene.

Keenan: Non sarai tu a schienarmi, Cross. Nè lo farà nessun altro. E' un lusso che non posso permettermi.

Il viso di JK si distende in un sorriso sbieco.

Keenan: E comunque, così mi offendi, Reggie. Penso di avere ancora un certo senso dell'onore.

LM:Pensi dannatamente male.

VC: Parli del diavolo...

Dal corridoio si vede arrivare Lance Murdock. Giacca nera sopra una t-shirt bianca e dei jeans. Con passo calmo si avvicina al trio con sguardo serio.

Immagine


Rivolge uno sguardo a Cross e Carroll per poi fare una smorfia di disappunto e dare loro le spalle, rivolgendo lo sguardo verso Keenan.

LM:C'è sempre stato una divergenza ideologica tra noi due, caro avvocato, ma adesso hai oltrepassato il limite. Dopo Alpha Horizon non dovresti neanche azzardarti a pronunciare la parola onore. Tu hai dimenticato cosa sia l'onore e, come se non fosse abbastanza, hai macchiato anche il mio match. Perdere un match posso accettarlo, forse, ma perderlo contro un individuo miserabile come Frye... Perderlo per causa della tua viltà, Jack, questo non lo posso accettare.

Keenan: Ciao anche a te, Lance. Toglimi una curiosità, da quando hai adottato un sistema a due pesi e due misure? Da quando intervenire in un incontro del sommo Lance Murdock è un crimine contro l'umanità mentre farlo ai danni di Jack Keenan non merita neanche una piccola menzione?

LM:Da quando io sono intervenuto per mantenere la dignità di questo sport, evitando un'altra vittoria infima. Probabilmente non l'hai visto ma il qui presente Quill non ha potuto tenere le mani a posto mentre tenevi Cross chiuso nella tua presa. E vederti trionfare di nuovo solo ed esclusivamente grazie a lui mi disgustava. Senza contare che io non ho alzato le mani su di te, mentre tu mi hai mandato addosso a dei dannati gradoni d'acciaio. Direi che il sistema a due pesi e due misure è più che azzeccato dato che ci sono due pesi e due misure.

Keenan: Lance, ogni azione che facciamo ha le sue conseguenze. Nel nostro caso, non ho troppi dubbi sul fatto che il tuo intervento abbia contribuito a costarmi il match. Quello che ho fatto è stato semplicemente riequilibrare le cose: Justice through Pain.

JK batte la mano sulla spalla di Quill.

Keenan: Ed inoltre, non credo che Quill sia troppo felice della tua analisi di "due pesi e due misure". Sicuramente, neanche lui è stato molto felice della tua piccola intrusione. Il che mi porta ad una nuova domanda.

Il Pain Deliverer muove un passo in direzione di Murdock.

Keenan: Riesci per caso a darmi una buona ragione per non attaccarti in questo stesso momento e ridurre così a 8 i miei avversari di stasera?

NC: Perché falliresti. Come tutte le altre volte.

Carroll si intromette, attirando l'attenzione di Keenan.

NC: Vedi Keenan, è questo il tuo problema. Non riesci mai a portare a termine il tuo vero obiettivo. Mai, in due anni dal tuo esordio in TWC, sei riuscito nel tuo vero intento. E vuoi sapere il motivo?

Nick fa una pausa, squadrando ininterrottamente Keenan in attesa di una risposta che non arriva.

NC: Il motivo è che non riesci mai a concentrarti veramente su quello che vuoi ottenere. È la stessa ragione per la quale non puoi fare a meno di dilungarti in discorsi infiniti senza centrare mai il punto. Piuttosto che affrontare direttamente il problema, ci giri intorno. Piuttosto che agire per rimediare agli errori, te li lasci scivolare addosso. E così è colpa della sfortuna se non hai mai vinto un titolo, né contro me né contro Sigfried, è colpa dei poteri forti se non ti è stata data un'altra title shot come ricompensa per l'efficiente stalking su Edwards. In tutto questo Jack Keenan non ha mai sbagliato, ma continua a perdere.

Carroll si rivolge ora a Murdock.

NC: E a proposito di sconfitte, buonasera Murdock. Trovo alquanto discutibile che sia proprio tu a parlare di onore. Vedi, non mi sembravi troppo interessato all'onore a War of Change II, quando hai messo in mezzo l'arbitro per procurarti il vantaggio che ti ha permesso di rubarmi il 15 Championship. E la cosa peggiore è che Moon sembra aver preso spunto dalle tue gesta per fregarmi di nuovo. Questa è la grande eredità che ha lasciato finora il Salvatore alla TWC. Complimenti, gran risultato.

Lance si volta verso il bostoniano con un'espressione annoiata.

LM:Speravo di dover fare a meno di dover rivolgere la parola a te o al tuo buddy visto che stavo discutendo unicamente con Keenan. Ma potevi forse lasciarti sfuggire l'occasione di dover esprimere la tua opinione?

Murdock sospira.

LM:Io invece trovo alquanto discutibile che tu faccia una tale morale a Jack, non del tutto errata, per poi comportarti allo stesso modo. Non accampare scuse per le tue sconfitte contro di me. Non mi sembra di aver coinvolto qualcun'altro che ti attaccasse alle spalle o di averti inferto un colpo proibito. Io sono stato dentro le regole, Nick, era semplice strategia quella. Una lieve stortura, e per raggiungere l'oro è un prezzo che sono disposto a pagare. La verità è che io mi sono dimostrato superiore a te, ben due volte, e non riesci ad accettarlo. E stasera spazzerò via te e Cross con la stessa facilità dei nostri incontri precedenti.

Murdock batte poi un indice sul petto di Keenan.

LM:In quanto a te, se vuoi una risposta alla tua domanda, faresti bene a non attaccarmi perché altrimenti non ci arriveresti neanche al match. Ho spazzato anche te in passato, Jack, e sebbene i numeri indichino un uno ad uno tra noi sappiamo tutti che il mio uno è molto più grande del tuo. Il mio ultimo obiettivo, ovviamente, è la vittoria del match ma prima farò il possibile affinché tu riceva la giusta lezione dal distruttore.

Lance allarga le braccia.

LM:E dubito che Moon mi abbia preso come esempio, ma se così fosse ben venga. Perché ogni singolo individuo su questo pianeta dovrebbe ammirarmi e prendermi come riferimento. Dovreste farlo soprattutto voi, e dare retta alle mie parole, e non recarmi troppo fastidio dentro quel ring.

Keenan: Ciascun individuo dovrebbe prenderti a riferimento? Parole forti, considerando che da un bel po' non hai una conversazione con qualcuno senza che quel qualcuno voglia poi prenderti a pugni.

JK fa spallucce.

Keenan: E questa chiacchierata non fa eccezione. Tuttavia, no, Lance, non ti attaccherò: ma non perchè fallirei, tutt'altro. Il motivo per cui non lo farò è l'essere mitologico per metà centauro e per metà figura paterna abusiva che ora è stranamente silenzioso e che risponde al nome di Vincent Cross. Se ti prendessi a pugni qui, adesso, c'è la possibilità che proverebbe a fermarmi e questo giocherebbe a tuo vantaggio. Perciò, aspetterò il Main Event per sfogarmi un po'.

Il Pain Deliverer si scrocchia distrattamente le dita della mano destra, spostando il suo sguardo verso Carroll.

Keenan: Grazie per l'intervento, life coach. Perdonami però se per questa volta non presterò troppo ascolto ai consigli di chi considera un buon risultato "esserci andato vicino".

Da ultimo, Jack Keenan sposta il capo verso Cross.

Keenan: Comunque, quello per cui ero venuto qui l'ho già detto e penso di averlo fatto in maniera più che chiara. Pertanto, credo che vi lascerò a questa amena conversazione ed andrò a prepararmi per il match. Vincent, Nick, Lance, ci vediamo sul ring: fate in modo di non farvi eliminare prima di incontrarci.

Detto questo, JK fa un rapido cenno con la testa a Quill e i due escono dalla stanza. Lance scuote la testa.

LM:Dato che il motivo della mia presenza in questa sgradevole situazione se ne è appena andato non vedo la ragione di rimanere. Vi lascio ognuno alla meravigliosa compagnia dell'altro, così che possiate commentare tra di voi la faccenda alle spalle degli altri. Ci vediamo più tardi, e se ci incontreremo nel ring non impegnatevi troppo, perché non c'è modo che possiate atterrare questo diavolo.

Murdock si aggiusta la giacca e si incammina nel corridoio, alzando un braccio in cenno di saluto.

LM:Vi auguro un discreto match.

Il diavolo continua a camminare con calma fin quando non scompare dalle inquadrature. Carroll e Cross si scambiano uno sguardo.

VC: Senti Nick, e se ti dicessi che da un certo punto in poi ho smesso di ascoltarli? Tipo alla seconda frase.

NC: Ti capirei.

Il biker della TWC si stiracchia per un paio di secondi.

VC: A parte il fatto che stare a sentirvi mentre vi insultate è stancante, mentre quei due battibeccavano non ho potuto fare a meno di iniziare ad immaginarmeli come dei gattini arrabbiati.

Carroll inizia a ridere di gusto.

VC: No davvero Nick, pensaci, hai mai visto quei video con dei gattini feroci che lottano fra di loro e fanno versi tutto il tempo? Identici.

NC: Sono seriamente preoccupato per la salute mentale di Murdock. Peccato che non ci sia un vero psicologo in TWC, ne avrebbe bisogno. Per quanto mi riguarda, mi basta vendicare la sconfitta di Berlino.

Nick sospira.

NC: In quanto a Keenan, prima o poi si sveglierà dal suo mondo fatato.

VC: Evita di pensare troppo a loro e concentrati sul Match, piuttosto. Non vorrai mica perderti il momento in cui ti schienerò, spero.

Gomitata leggera dell'Engineer nelle costole del biker.

NC: Sogna quanto vuoi, buddy.

I due si allontano nel Backstage, e su queste immagini la camera stacca.





Up Next
Spoiler:
Rick Frye


Top
 Profilo  
Rispondi citando  

Re: TWC - Friday Night Indoor War (#46-???)
MessaggioInviato: 24/03/2017, 22:48 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: 24/12/2010, 18:48
Messaggi: 12066
Località: Baretto Kurabu
Bentornati in diretta da Indoor War! Le immagini fanno una panoramica sul pubblico prima di puntare sullo stage.



Ed ecco che risuona la theme song di Rick Frye attirando molteplici fischi dagli spalti.

Immagine


Rick Frye fa la sua comparsa sullo stage e i fischi aumentano ancora di più. The Phoenix si presenta vestito con i pantaloni del suo ring gear e la maglietta di Lance Murdock "Save No one", e ora sorride beffardo e fa un inchino ai fan qui presenti. Fatto ciò si avvia verso il ring percorrendo la rampa a passo deciso e una volta ai piedi del quadrato sale sui gradoni, poi sul paletto dall'esterno e apre le braccia prendendosi ulteriori fischi per poi saltare all'interno del ring, dove troviamo posizionato un bidone della spazzatura, e munirsi di microfono. Rick si posiziona al centro del quadrato e dopo che la sua theme si interrompe prende la parola.

R.Frye: Sì lo so, sono il tipo di persona che dice "ve lo avevo detto", perciò... Ve lo avevo detto!

The Phoenix se la ride mentre il pubblico lo fischia.

R.Frye: Per due mesi i Whisperers hanno detto al mondo intero che Lance Murdock era semplicemente un fallito, e non solo come salvatore, ma un fallito su tutti i fronti. Per due mesi i Whisperers hanno detto che nel momento in cui Murdock e il sottoscritto si sarebbero trovati da soli sul quadrato sarebbe stata la fine per lui e per la menzogna che continuava a perpetrare da quasi due anni ormai. Per due mesi i Whisperers hanno parlato e poi nel giro di una settimana hanno dato fondamento alle loro parole con Alisa che ha posto fine alla miserabile carriera di Livia sconfiggendola in un match approvato dalle Sick Chicks nello show che gestivano loro e combattuto con un collo mezzo rotto, e con me che ho sconfitto in maniera chiara, pulita e incontrovertibile Lance Murdock mostrandolo al mondo per ciò che realmente è, ovvero un intercambiabile buono a nulla.

Fischi per Frye che li accoglie con un sorriso beffardo.

R.Frye: Nonostante ciò non siamo qui per parlare di esseri inferiori come Lance Murdock, ma siamo qui per parlare del più grande wrestler presente in TWC e candidato di primo livello per divenire il più grande wrestler della storia di questa disciplina, Rick Frye!

Ancora una reazione negativa per Rick che fa le spallucce.

R.Frye: Capisco la vostra disapprovazione, siete solo una folla di ignoranti così come quella che ai tempi scelse Barabba, perciò siete liberissimi di esternare il vostro disappunto contro The Messiah visto che questa volta la vostra voce non farà la differenza e anzi sarà la testimonianza della vostra stupidità per le future generazioni.

I fischi per The Messiah si amplificano mentre quest'ultimo continua a parlare.

R.Frye: Il match di Alpha Horizon è un qualcosa di talmente sopraffino che chiunque volesse cimentarsi in questa disciplina dovrebbe guardarlo e riguardarlo fin quando non avrà notato, studiato e assimilato il capolavoro di tecnica, tattica e intelligenza agonistica che sono riuscito a tirare fuori. Poi c'è il finale, quel finale che è davvero la dimostrazione lampante della mia assoluta superiorità. Fatemelo rivedere per favore.

Rick allunga una mano verso il titantron che si illumina mostrandoci le fasi finali di Rick Frye vs Lance Murdock.

Titantron ha scritto:
Pollice abbassato, pugno calato: BOOOM! Si porta in piedi pronto a chiudere i giochi con la Excelsior ma, ATTENZIONE! Jack Keenan si presenta sullo stage! In abiti formali percorre la rampa con calma, catturando l'attenzione di Murdock.

Immagine


Lance lo osserva attentamente mentre l'avvocato continua a percorrere la rampa. L'arbitro gli chiede spiegazioni della sua presenza e lo invita a tornare nel backstage ma lui arriva a bordo ring impassibile. Nel frattempo Frye con un guizzo torna in piedi e spinge Murdock giù dal paletto! Murdock rovina sull'apron e poi sul bordo ring. Frye osserva Keenan che rimane freddo e poi osserva Lance. Ride e scivola sotto la prima corda dal lato opposto del ring. Alza la gonna del ring e prende una sedia d'acciaio! Rientra nel ring ma viene intercettato facilmente dall'arbitro che vuole strappargliela dalle mani ma lui oppone resistenza. Nel frattempo Murdock si è rialzato e non è affatto contento. Si tiene il collo e la schiena con una smorfia in volto e poi si volta verso Keenan. Lo spintona e poi gli indica l'entrata suggerendogli di andarsene. Lo spintona di nuovo e Keenan indietreggia per l'urto. Volta la testa e poi... Mette a segno la KKK su Murdock che sbatte di schiena contro i gradoni d'acciaio! Che botta terribile!

Immagine


Keenan si aggiusta la giacca ed inizia a percorrere la rampa all'indietro. Frye, che ha osservato la scena, ora getta via la sedia ponendo fine alla disputa con l'ufficiale ed alza le mani. Sorride e scende fuori ring dove recupera Murdock facendolo scivolare sotto la prima corda. Osserva Keenan sghignazzando e l'avvocato risponde con una smorfia disgustata mentre si allontana. Il Whisperer rientra nel ring ed afferra Murdock per il costume, portandolo in piedi dinnanzi a sé. Lo solleva... Fireblast!

Immagine


Murdock è ormai privo di sensi, Frye si poggia sopra di lui e scalcia agitato mentre esegue un jacknife pin: 1... 2... 3... Sì! Rick Frye si aggiudica la vittoria!


Il pubblico fischia mentre Rick se la ride in maniera soddisfatta.

R.Frye: Gliela avevo giurata a Jack Keenan, era diventato il mio obiettivo numero uno per il tradimento che ha osato farmi e sarebbe stata questione di poco tempo prima che lo avessi messo di fronte all'errore più grande della sua vita. Ora, immaginate cosa avrebbe fatto chiunque altro nel vederlo comparire così durante un proprio match. Sicuramente lo avrebbero fronteggiato o addirittura avrebbero tentato di aggredirlo, mentre io con tutta la calma di questo mondo ho capito che la sua priorità era qualcun altro ho creato un diversivo affinché Murdock commettesse l'errore sopracitato e ho dato modo a Keenan di agire indisturbato e farmi consegnare la vittoria su un piatto d'argento. Il resto è storia, storia che mostra l'ormai indubbia intelligenza superiore di Rick Frye e la totale inadeguatezza di Lance Murdock.

Detto ciò Rick si toglie la maglietta "Save No one" e la stringe in una mano.

R.Frye: Save yourself... from me!

Ed ecco che Rick lascia cadere la maglietta nel bidone per poi estrarre uno Zippo, accenderlo e lasciarlo andare all'interno del bidone dando fuoco al simbolo di Lance Murdock. Il pubblico fischia e mentre le fiamme ardono, Rick continua a parlare.

R.Frye: Solo una Fenice può risorgere dalle fiamme e tornare ancora più forte di prima, gli altri una volta entrati nel fuoco possono solo bruciare fino a incenerirsi. Lance Murdock sta già ardendo così come questa sua maglietta regalatagli da Leon Black, altre otto persone arderanno questa sera.

Lo sguardo del Whisperer si fa serio.

R.Frye: Ultimate Warfare. Dieci uomini, un'occasione di raggiungere il main event di War Of Change dalla porta principale per tentare l'assalto al TWC World Heavyweight Championship, un vincitore annunciato... Rick Frye! Il momento è giunto, finalmente questa compagnia sta per avere un primo sfidante al titolo mondiale degno di questo nome e tra due mesi e mezzo potremo tutti dire che finalmente c'è un campione degno di essere chiamato tale. Niente più ragazzini inadatti, niente più gente sopravvalutata, niente più casi umani intorno al titolo principale della TWC poiché The Smartest Man On The Place, The 171, The Messiah, The Phoenix Rick Frye sta per portare la sua immensa grandezza nei piani alti di questa compagnia così come farà Alisa Drake nella divisione femminile dopo aver vinto il Front-X e conseguentemente il TWC World Women's Championship! I Whisperers tra poco porteranno a compimento la loro opera di dominio iniziata tre mesi fa, e nessuno può dire o fare qualcosa per impedire che ciò accada, perciò...



Ma attenzione! Risuona la theme song di Luisa Lincoln scatenando una reazione sorpresa da parte del pubblico e da parte di Rick Frye stesso che alza un sopracciglio.

Immagine


La ragazza compare sullo stage e si dirige a passo svelto verso il ring per poi entrarvi e farsi passare un microfono da Jessica Rose. La sua theme si interrompe e l'American Dream prende la parola.

LL: Io posso impedirlo, almeno per quanto riguarda la tua fidanzatina. Perciò adesso torna nel backstage e dille che dovrà affrontare le conseguenze per ciò che ha fatto a Frontiline Sunshine!

The Phoenix alza un sopracciglio e a stento trattiene una risata.

R.Frye: E' stato un piacere conoscerti.

Il Whisperer fa un passo indietro.



Ed ecco che Whisper degli Evanascence risuona nell'arena scatenando una reazione mista mentre le telecamere si mettono in attesa di Alisa Drake...

Immagine


La ragazza compare sullo stage vestita con una camicia nera senza maniche e sfilacciate all'altezza delle spalle riportante il logo dei Whisperers sulla schiena e con i tre bottoni superiori sbottonati, degli shorts di jeans chiari, ginocchiere e stivaletti da combattimento neri, e punta il suo sguardo verso il ring. La Whisperer inizia a percorrere la rampa a passo svelto per poi entrare nel ring scivolando sotto la corda più bassa e superare Luisa Lincoln, che la fissa con sguardo carico di disprezzo, raggiungendo Rick Frye e facendosi consegnare il suo microfono. Fatto ciò la ragazza da le spalle al suo alleato e punta lo sguardo su Luisa Lincoln.

Alisa: Frye... Qui posso sbrigarmela da sola, torna nel backstage e vai a prepararti per l'Ultimate Warfare che è decisamente più importante.

The Phoenix mette una mano sulla spalla e chiede all'alleata se ne è sicura, quest'ultima annuisce e Rick, seppur con un briciolo di rammarico, lascia il quadrato e si dirige verso il backstage mentre Alisa si scambia sguardi di fuoco con Luisa.

Alisa: Chiamami un'altra volta fidanzatina di quel tizio li è ti farò ingoiare il microfono senza neanche togliere il cubo, e ringrazia che non sono Samantha Hart o una delle sue tre copie altrimenti avrei nominato un'altra parte del corpo!

L'Alpha Drake fa un passo avanti verso la Lincoln.

Alisa: Ora, ci sono solo due modi in cui questa storia può finire. Il primo è che replico il massacro dell'altra volta e ti lascio incosciente al centro del ring in una pozza di sangue, il secondo è che capisci il semplice fatto che a Sunshine ti sei ritrovata nel posto sbagliato al momento sbagliato e senza fiatare infili la coda tra le gambe e te ne torni buona buona nel tuo angolino. Io non ho nulla contro di te, ero li solo per sabotare l'ultimo Frontiline in mano alle tre che hanno attentato alla mia carriera, costringerle ad approvare un match dove pensavano che Livia mi avrebbe ritirata per via del mio collo mezzo rotto e poi sconfiggere e ritirare la suddetta davanti agli occhi delle Sick Chicks. Oddio, magari l'averti massacrata con Evie è stato un po' eccessivo, ma avevo un punto da provare e frustrazione da sfogare, ma come ti ho detto nulla di personale, poteva capitare a chiunque.

Un sorriso isterico compare sul viso dell'American Dream.

LL: E così pensi che io lasci passare tutto ciò solo perché è stata una casualità?! Tu, Alisa Drake, mi sei costata la mia opportunità per lottare in un evento importante come Sunshine, e non puoi capire come sarebbe stato importante per la mia carriera! Ora devi pagarla, perciò se sei abbastanza donna ti conviene accettare la sfida che ti sto lanciando! Io e te, in questo ring in questo momento!

Alisa: Hai scelto l'opzione uno. Peccato per te.

La Whisperer fa passi indietro e raggiunge un angolo. Stessa cosa fa Luisa Lincoln mentre un arbitro accorre dal backstage pronto a dirigere questa contesa improvvisata.

Immagine VS Immagine
Alisa Drake vs Luisa Lincoln
Singles Match


L'arbitro fa suonare la campanella e Luisa Lincoln parte subito all'assalto di Alisa che è ancora al suo angolo andando con un braccio teso... No! L'Alpha Drake si abbassa e schiva, e non appena l'avversaria si gira verso di lei, la abbatte con un Drake's Deception!

Immagine


Luisa crolla sull'angolo finendo spalle contro le corde basse. Alisa la osserva con superficialità per poi spostarle la testa con un piede e iniziarla a bersagliare con l'Among Thieves seguita dall' A Thief's End!

ImmagineImmagine


La Lincoln è stesa priva di sensi mentre l'Alpha Drake torreggia su di lei con sguardo di superiorità. La Whisperer va a rialzare per i capelli l'avversaria per poi colpirla con una testata, poi un calcio basso sul lato del ginocchio e infine con una Backnife Chop in giravolta. Luisa stramazza a terra e Alisa le pasa sopra con un piede, scavalcandola, per poi connettere con uno Standing Moonsault Knee Drop sullo stomaco! L'American Dream emette un urlo strozzato, ma la Legit Queen non le da nemmeno il tempo di prendere fiato che immediatamente le alza la testa prendendola per i capelli per poi colpirla con un Forearm Smash in pieno viso che la manda di nuovo nuca a terra. Alisa si rimette in piedi e dopo aver sgranchito il collo prende slancio alle corde per poi connettere con un Knee Drop sulla spalla destra della rivale. Fatto ciò la prende per i capelli e la fa sedere per poi passarle alle spalle e iniziare a bersagliarle la nuca con delle ginocchiate ben assestate per poi prendere slancio al lato opposto delle corde e connettere con il Drake's Fortune!

Immagine


La Whisperer non schiena, ma anzi va a far sedere nuovamente la rivale per poi chiuderla in una Headlock. La presa viene mantenuta per qualche istante prima che Alisa faccia rialzare l'avversaria, ancora intrappolata, per poi mollarla e spingerla contro le corde per poi abbatterla di ritorno con uno Spinning Leg Lariat! Luisa stramazza a terra e mentre dei fischi si alzano dagli spalti per la Whisperer, quest'ultima cammina attorno all'avversaria, osservandola con sguardo truce. Luisa inizia a rialzarsi, e Alisa parte per un altro assalto... No! Luisa riesce a schivare l'offensiva della rivale per poi correre alle corde e connettere con un braccio teso di ritorno che stende Alisa. L'American Dream si tiene il collo dolorante, ma nonostante ciò va a rialzare l'avversaria per poi tentare un caricamento per un Brainbuster... No! Alisa sguscia alle sue spalle per poi proiettarla all'indietro con un German Suplex! L'Alpha Drake lancia un'occhiataccia all'avversaria per poi alzarla con foga e colpirla con un European Uppercut, poi un altro e poi un altro ancora! Luisa traballa e Alisa va con un altro Drake's Deception... No! La Lincoln schiva e va con un braccio teso... No! L'Alpha Drake schiva e dal nulla connette con la Lady Wolf!

Immagine


La Legit Queen evita nuovamente lo schienamento e ora va a rialzare per le orecchie l'avversaria priva di sensi portandola spalle contro un angolo e iniziando a dirle minacce a denti stretti. Fatto ciò la lancia con un violento Irish Whip verso l'angolo opposto facendola impattare malamente contro esso! Luisa accusa il colpo e Alisa le corre intorno per poi gettarvisi addosso e avvitarsi attorno a lei connettendo alla perfezione la Throne Of Thorns!

Immagine


Passano pochi secondi e Luisa Lincoln cede alla presa di Alisa Drake, sancendo la sua vittoria per sottomissione.

Spoiler:
Jessica: The winner of this match as result of a submission... AAAAALIIIIIIIIIISAAAAAAAAAAAAAA DRAAAAAAAAAAAKEEEEEEEEEEEEEEEEEEEE!!!


Il pubblico si divide all'annuncio del verdetto, buona parte fischia mentre altri applaudono l'Alpha Drake che solo ora molla la presa facendo cadere una Luisa Lincoln priva di sensi al tappeto. Alisa accenna un leggero sorriso soddisfatto nel vedere l'avversaria a terra, ma poi torna immediatamente seria, scuote la testa e rotola fuori dal ring per poi alzare la gonna di esso per cercare qualcosa...

Immagine


Evie!!! Attenzione, Alisa Drake ha appena preso possesso di Evie sotto il boato di sgomento del pubblico. L'Alpha Drake accenna un sorriso sadico nel vedere la mazza un tempo appartenuta al fratello, e ora l'avvicina alla propria faccia fin quando il filo spinato non sfiora il suo labbro inferiore, aprendo in esso un taglietto. Alisa si getta nuovamente nel ring e punta Evie contro Luisa Lincoln che solo ora si sta rialzando. Il pubblico ora prende a fischiarla quasi in maniera uniforme, ma la ragazza non se ne cura e ora con violenza fa vibrare una violenta mazzata sulla schiena della Lincoln!!! Luisa emette un urlo straziante e crolla nuovamente a terra, e mentre si contorce dal dolore delle nuove mazzate piovono su di lei da un'inviperita Alisa Drake!!! I fischi si fanno sempre più assordanti, ed ora Alisa prende slancio alle corde per poi gettarsi con un Evie Drop dritta sul viso di Luisa Lincoln! Una ferita si apre sulla fronte dell'American Dream, e la vista di esso causa un boato di sgomento nel pubblico e un sorriso psicopatico e compiaciuto in Alisa che ora posa a terra Evie e scala il paletto. Una rintronatissima Luisa Lincoln tenta di rimettersi in piedi con l'ausilio delle corde, e non appena ci riesce Alisa parte e la stende nuovamente con la Whispers Into Screams!!!

Immagine


Luisa stramazza a terra perdendo i sensi mentre solo ora gli arbitri accorrono dal backstage andando ad allontanare Alisa che alza le mani e arretra verso un angolo. Anche dei paramedici arrivano a soccorrere Luisa Lincoln, e mentre essi preparano la barella, Alisa riprende Evie per poi prendere un microfono, puntare lo sguardo verso la telecamera e la mazza verso Luisa.

Alisa: E contro lei non avevo nulla di personale... Immaginate cosa potrei fare a chi mi darà un motivo per avercela con loro!

Detto ciò Alisa getta il microfono a terra facendolo rimbalzare per poi mettersi Evie in spalla, scendere dal ring e dirigersi verso il backstage, e su queste immagini noi andiamo in pubblicità.





Up Next
Spoiler:
?????


Top
 Profilo  
Rispondi citando  

Re: TWC - Friday Night Indoor War (#46-???)
MessaggioInviato: 24/03/2017, 22:52 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: 24/12/2010, 18:48
Messaggi: 12066
Località: Baretto Kurabu
Bentornati in diretta da Indoor War. Le telecamere ci portano nel backstage dove Alisa Drake è appena rientrata dal suo match con Luisa Lincoln e ora, Evie in spalla, si dirige a passo svelto verso il proprio spogliatoio con sguardo serio puntato avanti a se.

Immagine

Immagine


L'Alpha Drake procede per alcuni metri prima di fermarsi e puntare lo sguardo verso un punto preciso dal quale sentiamo provenire degli applausi. L'inquadratura si allarga mostrandoci Rick Frye che sta applaudendo l'alleata con un sorriso compiaciuto in viso.

Immagine


R.Frye: Un'altra splendida vittoria da parte di Alisa Drake, e che massacro spietato a fine match, complimenti Alpha.

Alisa: Penso che l'Ultimate Warfare sia più importante del lusingarmi, e quindi non vedo il motivo per il quale tu stia perdendo tempo a fare ciò invece che prepararti per il match più importante della tua carriera.

The Phoenix accenna un'espressione amara.

R.Frye: Volevo solo complimentarmi con te, una tua vittoria è pur sempre una vittoria dei Whisperers.

Alisa: E una tua vittoria stasera sarebbe LA vittoria per i Whisperers. Ora vai, non ho bisogno di te in questo momento.

La ragazza punta il suo sguardo gelido su Rick che annuisce leggermente con espressione frustrata per poi girarsi e avviarsi verso il suo spogliatoio, ma tutto a un tratto si blocca e accenna una smorfia contrariata mentre punta lo sguardo su un punto in lontananza. Alisa alle sue spalle si sporge con lo sguardo oltre l'alleato e arriccia un labbro mentre sentiamo avvicinarsi dei passi. Frye fa immediatamente un passo indietro affiancandosi all'Alpha Drake, ed è questione di pochi istanti prima che nell'inquadratura compaia Jessica Morton con le Faine al suo seguito.

Immagine
ImmagineImmagine


Jessica, seguita a pochi passi da Greasy e Psycho, osserva un istante sia Frye che Alisa, poi schiocca la lingua, e Greasy si avvicina a Rick, iniziando ad annusarlo.

JM: Non capita tutti i giorni di fare una figuraccia come quella di presentarsi sullo stage oggi.

Alisa: Non capita tutti i giorni di stuzzicare la persona sbagliata e ritrovarsi il giorno dopo con un trauma cranico. Fossi in te sceglierei accuratamente le mie prossime parole.

L'Alpha Drake si passa un pollice sul labbro inferiore asciugandosi una goccia del proprio sangue che ancora sgorga dalla ferita auto-inflitta per poi accennare un sorriso psicopatico mentre Frye osserva infastidito Greasy.

R.Frye: E per favore, richiama il tuo cagnolino che ho già altri nove uomini da pestare questa sera.

Jessica osserva Alisa e Rick per un secondo, poi sorride.

JM: Rick, secondo te sta cercando di spaventarmi? No, perché non so se ti ricordi, ma mentre stavamo lottando in un match, quella che è stata portata via in ambulanza era lei. Oppure sta cercando di intimidirmi con l'aspetto?

Jessica osserva ancora Alisa.

JM: Perché no, non funziona. Ma bel tentativo Alisa. Dieci, quindici anni e potrai quasi sembrare una persona seria.

Un sorriso beffardo si fa largo sul viso di The 171.

R.Frye: Pff. Eppure mi sembra di essere stato abbastanza chiaro sul fattore vantaggio numerico poco fa. Inizio a pensare seriamente che non solo raccontate menzogne per vendere le vostre figure come dominanti agli occhi degli altri, ma che quelle menzogne sono diventate inconsciamente la realtà in cui vi rifugiate per sfuggire al fallimento che siet...

Alisa: Frye!

L'Alpha Drake interrompe Frye e al contempo attira sia la sua attenzione e sia quella della Morton.

Alisa: Hai l'Ultimate Warfare da preparare, qui posso cavarmela da sola.

The Phoenix assume un'espressione seria mista a preoccupazione.

R.Frye: Come puoi chiedermi di lasciarti sola con questa malata e quei due tizi fuori controllo? Loro sono tre, tu sei una, loro sguazzano nelle situazioni di vantaggio numerico e tra le loro fila annoverano anche due uomin...

Ma ecco che Alisa vibra un fendente di Evie verso il viso di Rick Frye facendolo fermare a pochi centimetri da esso! The Phoenix è interdetto mentre la ragazza gli tiene l'arma puntata contro e lo fulmina con lo sguardo.

Alisa: Se guardi attentamente questa mazza troverai ancora il sangue che hai spillato dalla testa di mio fratello il giorno in cui hai tradito per la seconda volta la mia fiducia. Ti consiglio di prendere la tua misoginia e portarla con te nel tuo spogliatoio in modo poterla usarla contro chi è una vera femminuccia nell'accezione dispregiativa che tu intendi, e fidati che nell'Ultimate Warfare ce ne troverai.

Rick abbassa la testa.

R.Frye: Stai attenta.

La ragazza abbassa la mazza e se la riposiziona sulla spalla.

Alisa: Ci vediamo tra poco per rivedere le ultime strategie per il match.

The Phoenix annuisce per poi allontanarsi e lasciare sole Alisa e Jessica, circondate dalle Faine. L'Alpha Drake scambia un lungo sguardo con la rivale per poi prendere la parola.

Alisa: Tre contro una. Che dici vogliamo vedere chi ne esce in piedi subito o preferisci confrontarti verbalmente ancora un po'? Personalmente questa sera ho parlato e picchiato abbastanza, ma ehi, quando si tratta di una Sick Chick l'abbastanza diventa relativo. Se poi Viola non avesse mandato te e si fosse presentata di persona allora sì che sarei elettrizzata. Fremo all'idea di vederla cadere nel baratro della sua mediocrità e al contempo trascinare con se tutte voi.

Jessica ridacchia, osservando Alisa.

JM: Sai, sei quasi divertente. Avessi più tempo ti prenderei e ti spezzerei mentalmente. Ti farei sperimentare cosa significa davvero umiliazione e dolore, fino a far cedere la tua mente, e a renderti un oggetto che posso usare come preferisco. Potresti gioire nell'adorazione della mia persona, ed ogni mio desiderio sarebbe la tua unica realtà, ma purtroppo non ho questo tempo. Non da spendere su di te, almeno.

La Morton schiocca di nuovo la lingua, e Greasy si posiziona dietro ad Alisa, mentre Psycho si avvicina alla Mistress, aiutandola a sedersi su una cassa della produzione. La Faina poi si volta verso Alisa e le ringhia dall'alto al basso.

JM: Mi accontenterò di spezzare il tuo fisico, fino a che la tua unica realtà sarà vedere i cartoni animati per bambini e bere frullati con una cannuccia. Vedi Alisa, credo tu abbia fatto un errore di considerazione. Non è Viola quella pericolosa delle tre, e non è nemmeno Beverly. Viola ha una coscienza e Beverly si interessa a te solo se la diverti. Io sono la silenziosa delle tre, ma sono anche quella che è da più tempo in TWC. Io vi ho osservato, mentre nessuno si curava di me. Io ho visto le cose ridicole che tu e tuo fratello avete fatto, ho visto il tuo arrivo e la tua decadenza, e ti conosco meglio di quanto tu conosca me. Quando qualcuno di voi parla di capo delle Sick Chicks non capisce una cosa. Siamo tre membri indispensabili, a differenza di te e Frye, che potreste essere egualmente mediocri l'uno senza l'altra.

Jessica si ferma.

JM: Ma perché perdo tempo a spiegare a te? Forse perché un po' di tempo per spezzarti almeno un po' ce l'ho. Mi piacerebbe, prima di vederti a terra sanguinante, osservare nei tuoi occhi il dubbio, il dubbio per un istante che tutto quello che pensi sia sbagliato, che Jessica Morton è davvero migliore di te. Che in definitiva mi ammiri. E diciamoci la verità, Alisa, è esattamente quello che succederà. Perché la tua mente è debole come quella di chiunque altro, ma tu non sei disposta ad ammetterlo. Tutte le tua stronzate con le mazze ricoperte di filo spinato mi fanno ridere. Cerchi solo un modo per farti vedere. Quella mazza che porti sulla spalla è l'equivalente delle borchie o delle magliette dei gruppi metal portate dalle adolescenti. Un modo per dimostrare di essere estremi. Ma in realtà mostrano una insicurezza che fatico a non percepire. E sai, Alisa, sarebbe più semplice per entrambi se accettassi la cosa da subito e non mi costringessi ad aprirti gli occhi. Posa la mazza che hai sulla spalla e leccami la suola delle scarpe. Giurami eterna fedeltà, e sarà tutto più semplice. Non dovrai più nasconderti, e far finta di essere una dura. Potrai accettare il tuo ruolo da debole quale sei, ed essere forte nella mia volontà.

La Morton sospira.

JM: Ma, visto che molto probabilmente sei troppo orgogliosa per farlo, sappi che ci saranno conseguenze. Di di no, non accettare me come tua assoluta padrona, e ti dovrò spezzare il corpo per davvero. E non credo che sia la cosa che tu voglia, giusto?

L'Alpha Drake abbassa lo sguardo e si toglie Evie dalla spalla per poi tenerla con entrambe le mani e osservarla. Passa qualche secondo e poi Alisa passa una mano tra il filo spinato sfiorandolo cautamente mentre uno spasmo isterico le fa arricciare ritmicamente il naso, e dopo aver accennato un sorriso frustrato abbassa definitivamente Evie per poi gettarla alle sue spalle. Fatto ciò si rannicchia nelle proprie spalle e abbassa la testa, singhiozzando.

Alisa: Hai ragione...

La ragazza si lascia cadere sulle ginocchia e poggia le mani su di esse.

Alisa: Sai, dicono che le parole possono far più male dei pugni in certi casi, e ora posso confermare che tutto ciò è la verità. E' vero Jessica, io sono una debole che ha dovuto allearsi con uno dei suoi peggiori nemici per ottenere la minima rilevanza, ma nonostante ciò sono bastate poche parole, poche semplici parole che mi hai detto faccia a faccia per farmi dubitare di me. Ciò che hai detto prima, la parte in cui parlavi di far cedere la mia mente e usarmi come un oggetto a tuo piacimento spingendomi ad adorare la tua persona e rendere ogni tuo desiderio una realtà è fondamentalmente la descrizione del rapporto che avevo con mio fratello. Io ero il suo oggetto, lo adoravo e ogni suo desiderio era un ordine per me, e sentirti dire quelle parole poco fa mi ha fatto rendere conto che i Whisperers non sono la soluzione, ma per il semplice fatto che per me non esiste una soluzione. Io questo sono, una semplice ragazza che conta sempre sugli altri per combattere le proprie battaglie, e solo ora mi rendo conto di aver intrapreso una guerra che mai potrei vincere.

La Whisperer singhiozza nuovamente e ora alza la testa mostrando i propri occhi ricolmi di lacrime.

Alisa: Ti chiedo scusa Jessica, chiedo scusa a te per le cattive parole e per quello sputo, e chiedo scusa alle Sick Chicks tutte per il mio comportamento e per l'astio immotivato mostrato. Forse è vero, siete come Samantha, ma anche con lei non ho mai potuto competere, sia sul ring e sia per le attenzioni di mio fratello. Con lei alla fine sono riuscita a chiarire, con voi spero di poter fare lo stesso iniziando da questo preciso momento in cui vi giuro la mia fedeltà.

L'Alpha Drake abbassa nuovamente la testa e riprende a singhiozzare. Jessica schiocca la lingua, e Greasy va a recuperare Evie, mettendosela in spalla.

JM: Alisa, difficilmente ci si sottomette così semplicemente, ma voglio darti il beneficio del dubbio che tu sia davvero consapevole delle tue debolezze. Leccami le scarpe, umiliati in mondovisione, e crederò davvero che tu abbia idea di quanto tu sia debole.

Alisa: M-Mi dispiace... C-Chris...

La ragazza prende a singhiozzare molto più rapidamente e molto più rumorosamente sotto lo sguardo di Jessica Morton. Alisa tira su con il naso e inizia a calmarsi per poi allungare la mano sinistra e appoggiarla sul piede di Jessica che ora lo solleva indirizzando la punta verso il viso della Whisperer che ora annuisce leggermente e con le lacrime agli occhi si avvicina lentamente a esso mentre apre leggermente la bocca e posiziona la mano destra nei pressi della suola. Dall'arena si sentono i fischi del pubblico mentre Alisa continua ad avvicinarsi verso il piede della Mistress.

Alisa: Idiota!

L'Alpha Drake alza lo sguardo totalmente asciutto dalle lacrime e lo punta dritto negli occhi della Sick Chick, sfidandola. Jessica digrigna i denti e cerca di tirare indietro il piede, ma nel fare il movimento percepisce qualcosa e sgrana gli occhi mentre un sorriso compiaciuto compare sul viso di Alisa. L'inquadratura passa al piede di Jessica mostrando uno spillone d'acciaio appoggiato sulla suola della sua scarpa!!!

Immagine


Dall'arena arriva un boato di sgomento mentre Alisa con sguardo sadico fissa dal basso verso l'alto la rivale.

Alisa: Provami a colpire e ti infilzo lo spillone nella pianta del piede trapassandola da parte a parte, prova a fare un passo avanti e subirai la stessa sorte, prova a fare un passo indietro e te lo infilzo in una gamba, prova a farmi attaccare dalle tue Faine e ti dimostrerò che sono abbastanza rapida da bucarti un piede prima che loro possano toccarmi!

Silenzio da parte di un'indispettita Jessica Morton.

Alisa: Bene.

La Legit Queen stacca la mano sinistra mostrando un altro spillone occultato in essa e ora lo punta sul pube di Jessica, poi sposta quello sotto al piede e lo punta al petto della Sick Chick nel mentre si alza e infine alza quello puntato al pube e lo avvicina alla gola della nemica mentre l'altro lo alza avvicinandoglielo al viso.

Alisa: Faine avanti ai miei occhi, ora!

Jessica fa un cenno e le Faine si spostano entrambe alle spalle della Mistress mentre Alisa accenna un leggero sorriso sadico.

Alisa: La ragazzina piagnucolante con cui ti sei confrontata prima è la vecchia Alisa Drake, spiacente che tu l'abbia conosciuta, mentre la donna che da un momento all'altro potrebbe farti una tracheotomia o cavarti un occhio in mondovisione è la nuova, migliore e spietata Alisa Drake, piacere di conoscerti Jessica Morton.

La Whisperer inarca leggermente le labbra all'insù.

Alisa: Non ti offendi vero se ribadisco che sei un'idiota? D'altronde come definire una persona che si lascia avvicinare così facilmente da qualcuno che cinque minuti prima ha letteralmente massacrato a colpi di mazza un'altra persona? Idiota, sì, è decisamente il termine giusto, e grazie a te ora non sono la sola a saperlo, ma tutto il mondo ha visto a cosa può portare un livello così basso d'intelligenza.

L'Alpha Drake ridacchia.

Alisa: E' bastato davvero poco per fregarti Jessica, è bastato semplicemente fingere che le tue parole mi avessero toccato, esibirmi in un tic nervoso che avrebbe attirato la tua attenzione sulla mia faccia e mentre non guardavi ho potuto tranquillamente estrarre due spilloni da Evie e occultarli nel palmo delle mie mani che ho sempre tenuto fuori dalla tua portata visiva. Giudichi ancora Evie una borchia da metallaro o forse ti rendi conto solo ora che il pericolo può insidiarsi in ogni singolo millimetro di essa? Giudichi ancora Evie il sinonimo della mia insicurezza o forse la inizi a vedere come un'alleata preziosa, un terzo Whisperer diciamo? Pensi ancora di sottovalutarmi oppure inizi a realizzare che ciò che hai davanti nonostante il visetto carino, il fisico minuto e la bassa statura non è altro che un perfido e insensibile mostro che potrebbe portarti via tutto ciò che hai di più caro al mondo.

Un leggero sorriso psicopatico si fa largo sul viso di Alisa.

Alisa: Poiché è questo che sono, io sono una Drake e così come tutti loro covo in me un mostro capace di trasformare il tuo mondo in un inferno! Io sono la figlia di Philip Drake Fortuna, condannato all'ergastolo per associazione a delinquere. Io sono la sorella di Rachel Drake Fortuna, spietata pluriomicida. Io sono la sorella di Chris Drake, folle lunatico che in mia presenza ha fatto cose che farebbero inorridire il più auto-proclamato cazzuto wrestler di questo spogliatoio, costringendolo a rannicchiarsi in un angolo e a piangere in cerca di aiuto. E ora potrai anche credere che le Morton, le Vixen e le Bailey possano essere ancora più folli, ancora più "sick" rispetto ai Drake, ma queste sono e resteranno semplici convinzioni dettate dall'idiozia e dall'egocentrismo che ti hanno messo in questa situazione. I Drake sono davvero malati, i Drake hanno un mostro all'interno di ognuno di loro che se costretto a uscire farà sembrare ciò che ho fatto a Chris, Ellie, Livia, Lance e Luisa un'allegra scampagnata.

La Whisperer torna seria.

Alisa: Vuoi provare a spezzarmi mentalmente ed emotivamente? Fai pure, sarà come cercare di accendere un fuoco con una pistola ad acqua, poiché non puoi distruggere un qualcosa che non esiste più, non puoi colpire le emozioni di una persona che ormai le ha perse da tempo, e se vuoi compensare spezzandomi fisicamente stai pur certa che io mi rialzerò e tornerò alla carica fin quando non sarai tu, o Viola, o Beverly, o chiunque altra pensi di potersi mettere contro di me a restare a terra in una pozza di sangue a riflettere sull'errore madornale di aver sfidato Alisa Drake!

L'Alpha Drake allontana gli spilloni dalla Morton e inizia a indietreggiare fin quando non supera Evie per poi colpirla con un pestone che alzare il manico a portata della presa di Alisa che lo afferra e si rimette la mazza in spalla, spostando entrambi gli spilloni in una sola mano. Fatto ciò accenna un sorriso folle per poi continuare a indietreggiare mantenendo lo sguardo fisso in quello di Jessica, e arrivata nei pressi di un angolo si ferma.

Alisa: Hide!

Detto ciò Alisa scompare dietro l'angolo lasciando da soli Jessica Morton e le sue Faine.

JM: Ho diverse domande per voi due.

Jessica osserva Greasy e Psycho, che rispondono uggiolando.

JM: Lo so che non sapete rispondere, ma è successo tutto troppo rapidamente per me. Tipo, Greasy, quand'è che hai fatto cadere la mazza da baseball?

Greasy fa spallucce.

JM: E Psycho, quando ti sei spostato dal mio fianco?

Psycho ulula, osservando Jessica.

JM: Ogni tanto mi sorprendono le cose che possono succedere senza che me ne accorga.

Jessica salta giù dalla cassa, scuotendo la testa.

JM: Sarà più semplice di quello che pensa.

Jessica tira fuori un telefono, facendo un numero ed iniziando a parlare.

JM: Vuoi sapere una cosa divertente? Alisa Drake è una maga. Non ti sto prendendo in giro...

E mentre Jessica Morton racconta quanto le è appena successo, noi andiamo in pubblicità. Non cambiate canale.





Up Next
Spoiler:
**Six-Men Tag Team Match**
Sigfried Jaeger & Wolves of Winter vs. Leon Black & ????? & ?????


Top
 Profilo  
Rispondi citando  

Re: TWC - Friday Night Indoor War (#46-???)
MessaggioInviato: 24/03/2017, 22:57 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: 24/12/2010, 18:48
Messaggi: 12066
Località: Baretto Kurabu
Signore e signori, bentornati a TWC Friday Night Indoor War. Il prossimo match è un 6-Men Tag Team Match: Leon Black cerca vendetta sulla strana alleanza formata dai Wolves Of Winter e da Sigfried Jaeger, e ha promesso al mondo due tag team partner d'eccezione che al momento ci sono ancora ignoti. La risposta a questo interrogatorio è ormai imminente.



Pulse Of The Maggots risuona nell'arena, e puntuali sono i fischi del pubblico.

Immagine Immagine


Kevin Manson e Sanshkin fanno puntualmente il loro ingresso sullo stage, il primo con il suo TWC Tag Team Championship sulla spalla sinistra ed il secondo con la cintura alla vita.

JR: Ladies and gentlemen. The following contest, scheduled for one fall, is a Six-Men Tag Team Match!

Il pericoloso duo squadra gli spettatori per qualche secondo, poi ecco i Lupi scambiarsi un cenno d'intesa ed attraversare la rampa a passi veloci, raggiungendo poi il quadrato.

JR: Introducing first. For a combined weight of 551 pounds, they are the new TWC World Tag Team Champions. Kevin Manson and Sanshkin… The Wooooolves of Winteeeeer!!!!!

Qui Manson sale sulla seconda corda, afferra la cintura con la mano sinistra ed alza il braccio al cielo mostrando al mondo il proprio trofeo, mentre Sanshkin fa lo stesso prendendo posizione al centro del quadrato. E mentre i due vengono subissati di fischi dal pubblico, ecco che le luci si abbassano e diventano intermittenti, mentre uno stormo di corvi neri come la notte compare su tutti gli schermi!

Immagine


Subito dopo il logo del Corvo della Bruderschaft Der Krahe Incorporated inizia a campeggiare sul titantron e una densa foschia si propaga sullo stage.

Immagine


Mentre l’arena rumoreggia tra fischi contrari e cori, ecco che parte la theme storica di Sigfried Jaeger.



Il 34th Street Hero fa la sua comparsa sullo stage, accolto male dal pubblico dopo quanto avvenuto a inizio puntata.

Immagine


Sigfried, in tenuta da combattimento e felpa adidas nera aperta con sotto una maglia BDK “Sword of Justice”, si guarda intorno sospirando, dopo di che si avvia giù per la rampa, sotto lo sguardo dei Wolves of Winter.

JR: Introducing their partner. Weighting 215 pounds and standing 6-feet-3-inch tall. From Ravensburg, Germany, representing the Bruderschaft Der Krahe Incorporated. He is the Deadly Crow... Sigfrieeeeed Jaegeeeeer!!!!!

Una volta arrivato ai piedi del ring, il Corvo ignora le offese dei fan, dopo di che eccolo salire i gradoni d’acciaio ed irrompere nel quadrato. Qui il tedesco sembra sul punto di fare la taunt della BDK Inc. in favore di camera, poi però scuote il capo e vi rinuncia, preferndo andare a parlottare prima con Manson e poi con Sanshkin. Infine eccolo togliersi felpa e maglietta e piazzarsi a un angolo a ridosso dei Wolves of Winter, assieme ai quali si mette in attesa dell’ingresso di Leon Black e dei suoi misteriosi alleati.



Ed ecco che risuona la theme song di Leon Black, ben accolta dal pubblico. I cori per il gigante si sprecano, mentre questi compare sullo stage.

Immagine


La Unglorified Legend è in tenuta da combattimento, con una maglietta "American Knight", ma tiene un microfono in mano.

LB: Cut the music.

La musica si ferma immediatamente.

LB: Molti di voi si staranno chiedendo perché ho un microfono in mano. In definitiva siamo qui per combattere, non per parlare, giusto?

Risposta positiva del pubblico, mentre Black inizia ad incamminarsi verso il ring.

LB: E combatteremo, ma prima volevo fare una piccola introduzione ai miei alleati di stasera. In definitiva meritano tutta l'attenzione che gli abbiamo dedicato stasera. Quindi lasciate che vi dia un po' di informazioni sui due.

Leon ha raggiunto il ring, e si arrampica sui gradoni d'acciaio, per poi scavalcare la terza corda ed entrare sul quadrato.

LB: Uno dei due è alto più di due metri, ed ha lottato in altre federazioni, non vincendo molti titoli, magari, ma lasciando un impatto che ha condizionato il wrestling moderno in maniera impossibile da quantificare. Ha, per lungo tempo, interpretato una figura sovrannaturale, che gli è valsa una fama piuttosto importante, e che lo ha reso uno dei personaggi più iconici che il wrestling abbia mai conosciuto.

Boato di approvazione del pubblico, mentre Black sorride e annuisce.

LB: L'altro non è alto come il primo, ma sicuramente è uno dei lottatori più pericolosi che io conosca. Uno dei pochissimi a sconfiggermi uno contro uno, è stato un mio alleato già altre volte, ma non abbiamo mai avuto l'occasione di combattere molti tag team match insieme. È da molti, me stesso incluso, uno dei migliori wrestler che abbiano mai messo piede su questo ring, e nonostante possa non sembrare, è un bravo ragazzo. Uno dei match più famosi che ha fatto è contro di me, mentre un altro è una sconfitta che ha messo seriamente in difficoltà Sigfried Jaeger.

Il pubblico inizia a cantare in coro.

Immagine


Yes! Yes! Yes!


LB: È con mio grande piacere che annuncio i prossimi sfidanti per i titoli di coppia, AZRAEL ED AKUMA FUIJIHARA!



Boato del pubblico! Kevin Manson e Sanshkin restano di sasso e si guardano mentre il Valley View Casino Center diventa una bolgia.

Immagine


BLITZKRIEG DI SIGFRIED JAEGER SU KEVIN MANSON! Il pubblico passa da festante ad ammutolirsi in un istante, mentre Sanshkin si volta verso il tedesco, fissandolo immobile per un istante.

Immagine


MARK OF THE VETERAN DI LEON BLACK SU SANSHKIN! I Wolves of Winter rotolano fuori dal ring, mentre Leon Black si rialza, osservando Sigfried Jaeger in un silenzio surreale. I due si squadrano per lunghi istanti, l'espressione indecifrabile, poi il gigante lentamente tende la mano. Il Best from the West osserva la mano di Black ancora per un istante, poi non riesce più a trattenere un divertito sorriso. E GLIELA STRINGE! BOATO DEL PUBBLICO! Anche Leon sorride, e tira a sé Sigfried, abbracciandolo e poi alzandogli il braccio destro. I due poi si voltano verso lo stage, dove si sono rifugiati i Wolves of Winter, con le loro cinture. Black indica sé stesso, poi Jaeger, poi i due sullo stage, e poi fa il segno della cintura. Altri cori del pubblico a favore di Leon e Sigfried, che poi si guardano, annuiscono, e si dirigono verso due angoli diversi, e si arrampicano sulla seconda corda, uno alzando il pugno destro sopra la testa, l'altro facendo la Taunt delle BDK Inc. E sulle immagini di Black e Jaeger che continuano ad osservare i Wolves of Winter dagli angoli, noi andiamo in pubblicità. Non cambiate canale.





Up Next
Spoiler:
Jane Murphy


Top
 Profilo  
Rispondi citando  

Re: TWC - Friday Night Indoor War (#46-???)
MessaggioInviato: 24/03/2017, 22:58 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: 24/12/2010, 18:48
Messaggi: 12066
Località: Baretto Kurabu
Ritorniamo in diretta dal Valley View Casino Center di San Diego con Indoor War #46! Le telecamere ci portano nella zona del ring, dove le luci si abbassano ed assumono una tonalità verde mentre una theme song ben conosciuta inizia a risuonare nell'arena.



Sulle note di Diary of Jane, la TWC Undisputed World Women's Champion fa il suo ingresso in scena, sorridente.

Immagine


La Leonessa percorre velocemente la rampa, dando il cinque ad alcuni tifosi, si dirige verso la zona del timekeeper, dove Jessica Rose le porge un microfono, poi sale sul ring.

JM: Signore e signori, venerdì scorso a Frontline is War abbiamo avuto un fantastico Six Woman Tag Team Match. Questo incontro non ha solo confermato l'assoluta validità della divisione, ma ha sottolineato ancora una volta come Frontline sia un appuntamento imperdibile per ogni fan di wrestling, specialmente ora che non ci sono più le Sick Chicks al comando.

Jane sorride, mentre il pubblico applaude.

JM: Per chi si fosse perso la puntata, ho una buona notizia e una cattiva. Quella buona è che le Sick Chicks hanno perso, anche se sicuramente si comporteranno come se la loro sconfitta non fosse mai successa.

Jane sbuffa.

JM: La cattiva notizia è che sia il nostro simpatico trio sia LisaLisa sono ancora in circolazione e pronte a far danni. Fortunatamente però, lo faranno lontano da questo titolo e da ciò che rappresenta. Mi auguro che si autoeliminino a vicenda. Ora la mia attenzione deve volgersi a War of Change e alla sfidante che si è guadagnata la possibilità di affrontarmi nello show più importante dell'anno.

La Leonessa sospira e chiude gli occhi per un istante.

JM: Elektra, ci sono alcune cose che voglio dirti e vorrei dirtele di persona. Perché non mi raggiungi sul ring?

La spartana non si fa attendere e la sua theme risuona immediatamente.



Immagine


Elektra, in un nero abito da sera e stivaletti, si presenta sullo stage. Sul collo e sul braccio destro delle fasciature. Osserva la campionessa sul ring, seria in volto, e zoppicando leggermente percorre la rampa. Recupera un microfono e poi sale i gradoni ed entra tra la seconda e terza corda. Si avvicina a Jane e rimane in silenzio per alcuni secondi per poi farle cenno di parlare. Jane respira profondamente, poi avvicina il microfono alla bocca.

JM: Elektra, ti devo delle scuse. A Zero Hour ho superato il limite. Ho rischiato di infortunarti seriamente e ti ho detto tante cose che non penso veramente. Stavo attraversando un periodo complicato e ho scaricato su di te la mia frustrazione. Ed anche prima, avrei potuto essere più ragionevole invece di condannare te a causa delle azioni di Murdock. A proposito, sono felice che tu abbia ammesso le sue colpe.

Jane sospira per l'ennesima volta.

JM: Il nostro rapporto è stato rovinato da reazioni esagerate dovute ai comportamenti di altre persone. Non ti sto chiedendo di tornare amiche o di fare come se nulla fosse. Semplicemente, non proseguiamo su questo sentiero di odio. Affrontiamoci come lottatrici, non come nemiche giurate.

La greca guarda intensamente la campionessa. Abbassa lo sguardo pensierosa e rimane in silenzio per vari secondi, poi rialza lo sguardo verso la rivale.

ELK:No.

Lo sguardo della spartana si fa più deciso mentre dal pubblico scoppia un coro esaltato.

ELK:Un anno fa abbiamo stretto amicizia molto facilmente, al nostro primo incontro. Io ero una campionessa e tu una ragazza che da poco era iniziata a salire dentro un ring. Io, proprio io, proprio questa cazzo di sociopatica, ha fatto amicizia con te senza alcun problema. Per me era qualcosa di straordinario, sentivo che c'era qualcosa di speciale che ci legava, qualcosa che ci accomunava, qualcosa che non ho sentito neanche con Lucy. Ci aiutavamo a vicenda e per me stavi diventando come una sorella.

La greca si passa una mano sugli occhi lucidi.

ELK:E poi, al primo problema, per una minima discordia, tu hai deciso di gettare tutto all'aria. Tu non hai idea di quanto sia difficile per me aprirmi con una persona, non hai idea di quanto mi abbia fatto soffrire vedere quella che consideravo mia amica diventare la mia nemica. E da lì, come un domino, tutta la mia vita è andata nel cesso ed è tutto iniziato da te. E poi, proprio mentre iniziavo a risalire, tu mi butti giù di nuovo. E lo fai pesantemente, con una sedia d'acciaio contro il mio collo martoriato.

Elektra tira su col naso.

ELK:Ed ora ho lottato con le unghie e con i denti per arrivare di nuovo in cima. Ho sanguinato, ho pianto, ho sudato ed ho sofferto come un cane per arrivare qui. Sono dovuta passare attraverso una come Brunild, e per poco non ci lascio la pelle su quel ring. Proprio ora che posso mettere le mie mani su quel dannato titolo e sulla persona che più odio qui dentro non posso darti ciò che chiedi. Vorrei farlo, credimi, ma quelle ferite bruciano ancora ed io non riesco ad ignorarle. Un anno fa tu mi hai dichiarato come tua acerrima nemica, ed io ora farò lo stesso.

Elektra abbassa lo sguardo.

ELK:Ho molte persone a cui chiedere scusa e molte cose di cui farmi perdonare per quell'anno orribile che ho passato. Tu, Jane Murphy, non rientri tra queste. La persona a cui devo chiedere scusa è la mia migliore amica, lei che mi ha stata sempre accanto, lei che non mi ha mai abbandonato nonostante il fottuto casino che ero, nonostante le avessi sbattuto la testa contro un muro. Io devo farmi perdonare da Lucy Fisher, anche se so benissimo che lei lo avrà già fatto, ma io mi sento ancora sporca.

La killer queen alza lo sguardo ed indica il titolo.

ELK:E per fare ciò mi dovrò presentare a casa sua e stringere tra le mani quella cintura che lei ha portato con onore sulla sua spalla prima di te, quella cintura che le fa star male vedere addosso a te. Soltanto in quell'istante, quando avrò gettato a terra Jane Murphy e posto fine al suo regno potrò definirmi soddisfatta della persona che sono e vivere una vita felice.

Jane sbuffa e si mette una mano sugli occhi, poi si gira e fa per uscire dal ring dalla parte opposta rispetto a quella dove si trova Elektra. La campionessa ci ripensa all'improvviso e si gira di nuovo per fronteggiare la Spartana.

JM: Elektra, io non pretendo nulla da te. I tuoi sentimenti sono legittimi e la tua reazione è comprensibile. Capisco quello che provi, perché è la stessa cosa che ho provato io per lungo tempo. Non è quello che ho intenzione di rimarcare stasera, ma sai benissimo che anche io potrei dire parole molto simili su di te. Le mie ferite possono essersi chiuse prima delle tue, ma ti assicuro che le cicatrici continuano a pungere maledettamente forte. Io credo, anzi, sono convinta che nessuna di noi due meriti di soffrire ancora a causa dell'altra.

La bostoniana si ferma ancora, poi si passa una mano tra i capelli.

JM: Il punto è questo, Elektra. Io non voglio alcuna scusa da parte tua né esigo che tu accetti le mie. Non voglio negarti il tuo diritto di provare a battermi ed a strapparmi il titolo, non voglio sindacare sulle tue convinzioni e sulle motivazioni che ti spingeranno durante il tuo assalto. Non ho intenzione di lamentarmi dei modi che userai per tenermi a terra. Quello che ti sto chiedendo è di lasciare tutto questo all'interno del nostro match. Non lasciare che il tuo odio, la tua voglia di sfogarti, lasci passare un messaggio sbagliato nelle settimane che ci separano da War of Change.

Altri secondi di silenzio, nei quali la rossa abbassa lo sguardo.

JM: Hai visto quello che è successo con LisaLisa ed hai visto qual è stata la mia reazione. Nessuna delle azione che ho compiuto è stata fatta a cuor leggero. Non era mia intenzione sottopormi ai ridicoli teatrini delle Sick Chicks, ma ho dovuto farlo. Io so che tu puoi essere migliore di loro, puoi evitare di portare le cose sul loro stesso piano. Purtroppo, so anche che può avvenire l'esatto contrario e so di non essere in grado di evitare che le cose degenerino in quel caso. Anzi, in alcuni casi sono stata proprio io a far precipitare le situazioni. Ma ora sono stanca. Sono stanca di affrontare ogni sfida in questa maniera, come fossi una bestia sempre pronta ad affondare le zanne nella carne della bestia rivale. In questi mesi ho dovuto continuare ad esserlo. Ti prego, aiutami a non farlo accadere di nuovo.

Elektra sospira passandosi una mano sulla fronte.

ELK:Jane, quello che mi chiedi è maledettamente difficile. So per certo che hai sofferto anche tu ma il coltello era nelle tue mani, sei stata tu ad infliggere il primo colpo. Non hai neanche provato ad aggiustare le cose, hai subito deciso che io fossi il peggior essere umano sulla Terra. Ed io questo proprio non ce la faccio a perdonartelo, Jane. So per certo di non essere la persona più bella con cui avere a che fare ma io tutto questo dolore non lo meritavo. Ed in qualche modo, nella mia mente, questo tuo atteggiamento pacifico mi irrita ancora di più e mi viene voglia di vedere questo tappeto riempirsi col tuo sangue.

La spartana si passa una mano sul collo fasciato con una smorfia di dolore.

ELK:Ed ormai ho visto tanta di quella merda che non credo ci sia un altro modo se non quello di affrontare ogni sfida come una belva. Tu sei stufa di tutto ciò ma io ancora lo accetto. La battaglia contro Brunild è stata anche peggiore di una tra bestie ma mi sono divertita come non mai, e la soddisfazione di trionfare su di lei e di porre fine alla sua imbattibilità è stata qualcosa di indescrivibile. Io sono una spartana e mi piace credere che la guerra scorra nel mio sangue, ed io lo accetto. E se tu non sei più disposta a proteggere il tuo titolo come una leonessa difende i suoi cuccioli forse... Forse non sei tagliata per questo.

JM: Forse mi hai frainteso.

Jane interviene prontamente, sorridendo sarcasticamente.

JM: Non credere che sia facile parlarti in questo modo. Rimanere calma nonostante tu mi stia minacciando continuamente mi costa molta fatica.

La voce della Leonessa si abbassa, trasformandosi quasi in un ringhio.

JM: Sentirti riportare ancora ed ancora la tua fallace versione dei fatti sulla nostra prima lite mi fa ribollire il sangue nelle vene. Il tuo atteggiamento da ragazza stoica, sempre e comunque perseguitata dal fato avverso, mi indispone come al solito. La tua promessa di strapparmi il titolo, il tuo dipingermi come una campionessai indegna, fa montare la mia collera come lo hanno fatto le stesse identiche accuse che in molte hanno mosso negli ultimi mesi. Ti prometto che a War of Change sfogherò tutti i sentimenti che sto reprimendo in questo momento, ed anzi, la pagherai ancora più car per questo sforzo che ho deciso di fare. Se credi di trovare di fronte a te un'avversaria arrendevole hai perso in partenza. Non arretrerò di un pollice quando si tratterà di difendere il TWC Undisputed World Women's Championship.

Jane chiude gli occhi per un istante, respirando profondamente. La sua voce ritorna più rilassata.

JM: Ti sto semplicemente dicendo che essere ragionevoli e soffocare i nostri istinti è la maniera migliore che abbiamo per riconquistare la serenità che entrambe abbiamo perduto da così tanto tempo. Ti sto soltanto chiedendo di considerare una proposta che avresti accettato senza la minima ombra di dubbio se solo fosse stata pronunciata da Lucy Fisher.

Elektra sbuffa.

ELK:Jane, io ti reputo una campionessa degna molto più di chiunque altro in questa divisione. E' la persona che c'è dietro che reputo decisamente infima. Forse è la scelta migliore ma non credo sia quella giusta. E a me sembri quasi voler sfuggire dalla battaglia sanguinosa che ti meriti.

Elektra guarda negli occhi Jane.

ELK:Sì, se me lo avesse proposto Lucy probabilmente avrei accettato. Ma sai perché? Perché di lei so di potermi fidare, anche quando non lo merito. Da te invece mi aspetto di tutto. E soprattutto tu non vali un'unghia di Lucy, né come lottatrice né come persona.

Jane scuote la testa.

JM: No, non sono eroica e magnanima come la perfetta Lucy Fisher. Ma c'è un motivo se quando ci siamo conosciute hai avuto una sensazione che non hai mai provato con lei. È perché io e te siamo molto più simili di quanto tu e Lucy possiate mai essere.

Il tono di voce di Jane cresce.

JM: E quello che ti manda fuori di testa, anche se il tuo orgoglio non ti permette di ammetterlo nemmeno a te stessa, è che non c'è niente di quello che io abbia fatto negli ultimi mesi che tu non avresti fatto nella mia stessa condizione. Tutto quello che disprezzi di me è l'idea che tu non sia affatto diversa. Quello che vedi quando osservi me sono semplicemente i tuoi stessi demoni che non sei in grado di fronteggiare. E allora ti nascondi nel tuo rifugio. È molto più comodo nascondersi dietro il vetro delle idee di Lucy e farsi cullare da lei, facendo finta che tutto il resto non esista. Non dovresti farti influenzare da lei così tanto, la realtà è sempre qua fuori ad aspettarti.

Elektra getta il microfono a terra e si avvicina di scatto alla campionessa. Stringe i pugni respirando pesantemente per poi scuotere la testa ed allontanarsi dalla Murphy. Sta per scavalcare le corde quando la bostoniana le urla contro. La killer queen rimane ferma per poi rimettere il piede nel ring... E correre verso di lei, stendendola con la Bite the Dust!

Immagine


La campionessa finisce a terra e la cintura vola in aria atterrando vicino a lei. Elektra si porta indietro i capelli con una mano mentre osserva con rabbia la campionessa sotto di lei. Jane è stordita ed a malapena capisce dove si trova al momento, strabuzza gli occhi più volte mentre tenta di appigliarsi alle corde per rialzarsi. La spartana scivola sotto la prima corda e prende una sedia d'acciaio nella zona del timekeeper! Rientra nel ring e si gira verso la Murphy, che sta provando a rialzarsi usando le corde, dandole le spalle. Annuisce seriosa, poi le schianta una tremenda sediata sul collo!

Immagine


Elektra lascia la sedia stizzita ed osserva Jane stesa a terra, immobile. Dal pubblico arrivano dei boati di approvazione ma anche vari fischi. La guarda un'ultima volta per poi uscire dal ring e tornare nel backstage mentre le immagini sfumano.





Up Next
Spoiler:
?????


Top
 Profilo  
Rispondi citando  

Re: TWC - Friday Night Indoor War (#46-???)
MessaggioInviato: 24/03/2017, 23:02 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: 24/12/2010, 18:48
Messaggi: 12066
Località: Baretto Kurabu
Immagine


Il tempo sta continuando a scorrere, presto sarò tra di voi e metterò fine a tutte le vostre sofferenze.

Vi hanno ingannato fin dall'alba dei tempi, il popolo dell'Inferno non è ciò che pensate voi.

Il Demone presto farà la sua apparizione e vi salverà dai vostri ingannatori.


Immagine






Up Next
Spoiler:
THE MAIN EVENT
**Ten-Men Ultimate Warfare Match**


Top
 Profilo  
Rispondi citando  

Re: TWC - Friday Night Indoor War (#46-???)
MessaggioInviato: 24/03/2017, 23:06 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: 24/12/2010, 18:48
Messaggi: 12066
Località: Baretto Kurabu
Signori e signore, è giunto il tempo per il main event degno del main event di War of Change! Dieci grandi lottatori si contenderanno l'occasione di una vita, quella di guadagnarsi l'opportunità di un match per il titolo del mondo nello show più importante dell'anno. Dieci lottatori si affronteranno in un Ultimate Warfare, due lottatori inizieranno la contesa e successivamente gli altri entreranno ogni due minuti. Le eliminazioni possono avvenire per pinfall o submission, l'ultimo rimanente andrà nel Main Event di War of Change. Le immagini ci portano al tavolo di commento, dove troviamo seduto il TWC World Heavyweight Champion Andy Moon.

Immagine


Adesso però basta parlare, l'attesa è finita, il pubblico è una bolgia in attesa di questo match, quindi scopriamo chi sarà ad entrare con il numero uno...



Immagine


Lance Murdock è il primo partecipante dell'Ultimate Warfare! Nuovamente con la sua mantella indosso, di colore dorato questa volta, si osserva intorno con sguardo serio e deciso. Si inginocchia ed abbassa lo sguardo, alza il braccio con pugno e pollice alzato per poi schiacciare il detonatore.

BOOOOOM! BOOOOM! BOOOOM!


Una scarica di pyros esplode alle sue spalle mentre lui rimane concentrato in ginocchio. Poco dopo balza in piedi e percorre velocemente la rampa con lo sguardo basso. Balza sull'apron e poi sopra la terza corda. Si sfila velocemente la mantella, saltella sul posto, sgranchisce il collo ed attende il suo primo avversario. Tutta l'arena rimane col fiato sospeso mentre Murdock si stira tendendo le corde, con lo sguardo estremamente concentrato.



Immagine


Jack Keenan è il partecipante numero due! Jack Keenan e Lance Murdock inizieranno l'incontro! Murdock si lascia sfuggire un sorriso mentre il Pain Deliverer fa la sua comparsa sullo stage. Guarda con odio il diavolo e percorre con calma la rampa, tenendo gli occhi fissi su Lance. Entra nel ring e punta il dito contro Murdock che smania facendogli cenno di farsi sotto.

ULTIMATE WARFARE MATCH FOR THE #1 CONTEDERSHIP FOR THE TWC WORLD HEAVYWEIGHT CHAMPIONSHIP AT WAR OF CHANGE


L'arbitro fa suonare la campana ed i due rivali si guardano intensamente. Pochi istanti di silenzio e concentrazione scorrono e poi si gettano uno contro l'altro! I due si scambiano colpi, senza che nessuno ceda, mentre si spostano dentro il ring. Finiscono a ridosso delle corde e l'avvocato infila il busto tra la seconda e la terza corda facendo segno all'arbitro di far allontanare Murdock. Il diavolo, scuotendo la testa furioso, così fa. Lance allora parte in corsa e balza compiendo un'incredibile DevilRana da dentro a fuori ring!

Immagine


Keenan finisce malamente a terra fuori dal ring e Murdock annuisce soddisfatto. Rapidamente rientra nel ring e si scaglia con un DDD sull'avvocato appena tornato in piedi! Poi lo afferra per la nuca e lo sbatte contro le barricate. E poi contro i gradoni d'acciaio! E poi lo scaraventa addosso al tavolo dei commentatori! Lance scuote la testa e scoperchia il tavolo, volendo subito porre fine a Jack Keenan. Poggia il pain deliverer sopra il tavolo e lo riempie di pugni al volto. Gli afferra il volto tra le mani e gli urla in faccia che è un uomo morto e che gli insegnerà cos'è l'onore. Sale sull'apron e poi va in cima al paletto scatenando l'entusiasmo di tutta l'arena. Lance è pronto a spiccare il volo con la Excelsior a neanche due minuti dal suono della campanella ma Keenan rotola giù dal tavolo! Lance digrigna i denti frustrato e scende sull'apron. Va in corsa e si getta con una splendida Running Shooting Star Press addosso a Keenan ma l'avvocato scivola dentro il quadrato! Il diavolo riesce miracolosamente ad atterrare sui suoi piedi e subito si getta nel quadrato per andare dietro Keenan. Lance si rialza dentro il quadrato e non ferma la sua corsa che però giunge al termine quando viene travolto dalla STO di Keenan che lo aspettava al varco!

Immagine


Keenan scalcia via Murdock fuori dal quadrato ridendo soddisfatto quando parte il countdown per la prossima entrata! Jack si gira verso il titantron ed osserva il conteggio scorrere, pronto ad accogliere l'avversario: 10... 9... 8... 7... 6... 5... 4... 3... 2... 1... DON!



Immagine


VINCENT CROSS E' IL PARTECIPANTE NUMERO TRE!

Il Biker compare sullo stage e Keenan scuote la testa disgustato. Cross si sfila la giacca e percorre in corsa la rampa mentre Jack lo aspetta con trepidazione. Non appena Vincent entra nel ring Jack gli si getta addosso e lo colpisce con vari pugni sulla testa. Lo porta in piedi e lo lancia all'angolo con una Irish Whip. Il Fearless impatta all'angolo ma si getta contro Keenan e lo atterra con una spallata! Keenan, stizzito, si tira subito in piedi ed impatta diversi forearm smash che fanno indietreggiare il biker. Va all'angolo per la rincorsa e va con la KKK! NO! Cross lo cattura al volo e lo mette in una Giant Swing! Cross fa roteare l'avvocato diverse volte e non ha intenzione di fermarsi! Attenzione, Murdock rientra nel ring e colpisce Keenan con un Dropkick!

Immagine


Cross rimane interdetto dall'intervento del diavolo che impatta un Dropkick anche su Cross e lo fa finire fuori ring. Nel frattempo Keenan è scivolato a sua volta fuori dal ring ma Lance lo raggiunge immediatamente, salvo essere colpito col Best Dropkick Ever! Altro agguato di Keenan e Murdock barcolla per poi scaricare un violento roundhouse kick sul petto di Keenan! Un altro! Un altro! Un altro! Un altro! Lance urla in faccia a Keenan e poi connette un calcio all'addome che lo piega. Indietreggia ed indica Keenan freneticamente, scalpitando. Parte in corsa e connette la KKK sull'avvocato che impatta contro i gradoni d'acciaio!

Immagine


Murdock ripaga Keenan con la sua stessa moneta che l'ha portato alla sconfitta contro Frye ad Alpha Horizon! Keenan rimane a terra, poggiato contro i gradoni e Murdock ghigna soddisfatto osservandolo. Torna dentro il ring ma qui lo attende Cross che lo afferra alla gola per la Crash! Lance viene sollevato in aria ma poi butta giù Cross con una Elevated DDT! No! Quando i piedi di Murdock toccano terra Cross lo prende all'addome e lo solleva sopra la sua testa schiantandolo fuori ring con una Gorilla Press Slam!

Immagine


Cross si approccia ad uscire dal ring quando inizia di nuovo il countdown ed allora rimane nel quadrato ad attendere la prossima entrata: 10... 9... 8... 7... 6... 5... 4... 3... 2... 1... DON!



Immagine


Matt Thunder è il partecipante numero quattro! Percorre rapidamente la rampa e scivola dentro il ring, trovandosi faccia a faccia con Cross. Il Biker alza il pugno pronto a scaricare l'Eat it ma Thunder rapidamente esce dal ring facendo segno di no con l'indice. Thunder si siede fuori dal ring, Cross esce dal ring per acciuffare l'ex campione di coppia ma davanti a sé si trova Lance Murdock, tornato in piedi. I due vanno faccia a faccia e Lance prende l'offensiva scaricando un forearm smash sul volto di Cross che non sente niente. Connette poi una rapida sequenza di Roundhouse Kick sulla gamba del Biker che accusa i colpi e crolla su un ginocchio. Murdock fa un passo indietro e poi mette a segno una ginocchiata in corsa dritta al naso dell'avversario. Ed adesso Lance, con fatica, solleva il biker e lo fa rotolare dentro il ring. Sale sull'apron ma viene tirato giù all'improvviso da Matt Thunder!

Immagine


Lance finisce con il muso a terra e il membro dei Pulp Fiction entra velocemente nel ring per schienare Cross: 1, 2, NO! Thunder guarda l'arbitro con disapprovazione e schiena di nuovo: 1, 2, no! Thunder quindi bersaglia la testa di Cross con diversi pugni, lo rialza e lo manda all'angolo con una Irish Whip per poi seguirlo, mettendo a segno un Helluva Kick! Corre di nuovo all'angolo opposto per un secondo attacco ma Murdock balza sulle corde e lo afferra in corsa stendendolo con la fenomenale 4DT!

Immagine


Botta incredibile per Matt Thunder che si vede catapultato fuori dal ring per l'urto. Lance si riporta in piedi e si getta addosso a Cross con un Elbow Smash ma questi lo afferra e lo schianta con uno Juranagi! Il Fearless osserva Murdock a terra e poi il paletto. Batte sopra il cuscinetto della terza corda ed inizia la scalata ma Murdock si aggrappa ad un piede! Cross lo scaccia via con l'altro ma Murdock riesce a tirarlo giù! Cross atterra in piedi ma il contraccolpo si sente sulle ginocchia. Lance ne approfitta e connette un Dropkick su di esse. Cross finisce faccia a terra ed in ginocchio. Murdock va per un secondo Eyes Wide Shut ma Thunder da dietro lo tira giù per uno School Boy! 1, 2, no! Lance riesce a liberarsi! Cross si rialza e si getta in corsa per lo Stop Sign contro Thunder ma questi si abbassa e Vincent travolge Murdock con la sua mossa! Thunder ne approfitta e portatosi alle spalle di Cross lo atterra con un Jumping neckbreaker!

Immagine


Ancora pin da parte di un indomabile Electric Splinter: 1, 2, no! Cross scaraventa in aria Thunder e si rialza! Lance tossisce per il colpo all'addome mentre si rialza stordito e viene afferrato alla gola da Cross! Thunder si rigetta contro il Biker ma anche lui viene afferrato alla gola! Doppia Crash da parte del Biker della TWC!

Immagine


Il Biker ora poggia Thunder sopra Murdock e sale sulla terza corda per una incredibile Biker from Paradise! No! Jack Keenan è tornato nel ring, con un calcio al ginocchio fa rovinare Cross sopra al paletto e poi lo butta giù con la sua Down with the Sickness!

Immagine


Keenan non fa in tempo ad approfittare del suo vantaggio che vede arrivare Murdock come un treno in corsa che lo travolge e spinge entrambi fuori dal ring, attraverso le corde, per la potenza dell'impatto! Tutti i contendenti sono a terra quando parte di nuovo il countdown: 10... 9... 8... 7... 6... 5... 4... 3... 2... 1... DON!



Immagine


E' RICK FRYE! Rick Frye è l'entrata numero cinque! Batte la mano sulla t-shirt "Save No One" di Lance Murdock che indossa ridendo come una iena. Si sfila la maglia mentre percorre la rampa correndo all'impazzata. Con rapidità solleva Keenan e Murdock, stesi a terra fuori ring, e li fa rotolare dentro il ring. Il Whisperer schiena Lance Murdock: 1, 2, no! Con rapidità si sposta sopra Keenan: 1, 2, no! Ancora più rapidamente copre Thunder: 1, 2, no! Batte i pugni a terra e poi copre Vincent Cross: 1, 2, no! Frye si tira i capelli amareggiato e poi inizia a fare pulizia nel ring, scalciando fuori tutti i contendenti ad eccezione di Murdock. Afferra Murdock per il costume da dietro e lo rialza, andando per la Fireblast! No! Murdock gli sguscia alle spalle! Atterra in piedi e con un forte Roundhouse Kick al petto lo manda al tappeto! Lance lo osserva disgustato e gli cammina sopra per poi posizionarsi di fronte a lui dandogli le spalle. Salta per uno Standing Moounsault ma Frye lo tira giù con uno Schoolboy: 1, 2, no! Murdock alza una spalla ma non fa in tempo a liberarsi che Frye lo chiude in una Boston Crab, andando ad infierire sulla schiena di Murdock come ad alpha horizon! Murdock però mette pressione sulle sue braccia e mantiene il petto sospeso in aria. Diventa rosso in volto per lo sforzo, si dà una grande spinta, mette le gambe attorno al collo di Frye e va a segno con la DevilRana... no, Frye riesce a rotolare ed atterra in piedi! Murdock gli corre incontro ma la fenice lo lancia in aria e connette lui con uno spettacolare Tilt A Whirl Backbreaker!

Immagine


Murodck finisce a terra dolorante e l'ex Dixon lo schiena: 1, 2 e Murdock alza la spalla, si continua. The Phoenix si rialza con un sorrisetto in volto, allarga le braccia e poi tra i fischi del pubblico va a sollevare il diavolo di Hell's Kitchen mettendolo in posizione per la Fireblast... No, gomitate di Lance alla disperata, ed ora il diavolo connette con una delle sue patentate Devilrana sul rivale! Rick Frye viene rimbalzato dall'altra parte del ring e con una clothesline, addosso alle corde, viene gettato fuori ring assieme al resto dei partecipanti. Si stanno rialzando tutti quanti e Murdock prende il rebound dal lato opposto, balza in cima alle corde con facilità e fa strike con una splendida Springboard Poison of the Devil!

Immagine


Murdock si rialza e spalanca le braccia inginocchiandosi di fronte al pubblico mentre riprende fiato. Attenzione, Cross è riuscito a scansarsi ed evitare l'assalto di Murdock in precedenza! Lance se ne accorge e si porta in piedi! Va addosso al biker con un running Dropkick ma lo cattura al volo per la Outburst! No! Murdock riesce a compiere una rotazione attorno a Cross e poi atterrare sull'apron. Le braccia attorno alle corde, dà una pedata a Cross sotto di lui e sfrutta l'inerzia per rientrare nel ring dove atterra su un ginocchio e fa segno al biker di rientrare. Vincent non se lo fa ripetere e scivola nel ring, andando contro a Lance. Il diavolo però corre dalla parte opposta. Cross fa dietrofront ma Lance va nuovamente dall'altro lato per poi cogliere Cross con un poderoso Dropkick sulle ginocchia che lo atterra nuovamente. Cross con una smorfia si riporta in piedi e Murdock va per la DevilRana, NO! Bloccato da Cross! Powerbomb! NO! Lance scende! E Superkick! Low Superkick sul ginocchio e Cross è ancora in ginocchio, e questa volta ci resta. Eyes Wide Shut!

Immagine


Cross sembra ormai steso. Murdock ne approfitta e si getta alle corde con una giravolta in aria, rebound, backflip... Cross tenta di riportarsi in piedi... Kiss of the Devil di Murdock!

Immagine


A segno perfettamente sul Fearless!! Il DareDevil si rimette in piedi trionfante ed osserva Cross steso a terra a pancia in giù, va per schienarlo ma ecco che arriva Jack Keenan! L'ex avvocato del Biker impedisce che questi venga pinnato colpendo Murdock con un Forearm, ecco che però cerca lui di andare a pinnare il Careless, no, Murdock si avventa sul suo rivale con una Lou Thesz Press feroce su di lui, ed entrambi finiscono per rotolare fuori ring a colpirsi vicino ai tavoli di commento. Sul Ring intanto il Fearless inizia a rimettersi in piedi, è carponi sulle ginocchia...

Immagine


Ma Matt Thunder, salito sopra la terza corda, vola su di lui con la Thunder Bomb colpendolo alla schiena!!! Il biker emette un urlo di dolore e finisce sul mat pancia a terra, mentre l'Electric Splinter rotola sull'apron ring tra i fischi del pubblico... Keenan si accorge dell'avvenimento e prova a rientrare nel ring, ma il lottatore di Hell's Kitchen non lo lascia andare, lo blocca e tenta un Bulldog, no, gomitate di Keenan che allontana l'avversario e poi lo stende col Best Dropkick Ever! Keenan impatta duramente con la schiena ed i due giacciono a terra fuori dal ring, ma ecco che compare Rick Frye!!! Il 171 si rimette in piedi, vede Cross steso sul mat e subito sale anche lui sopra la terza corda, puntando proprio il biker. Frye prende bene le distanze... Phoenix Splash connesso perfettamente!

Immagine


Frye schiena il biker tra gli incessanti fischi dell'arena, ridendo in maniera quasi folle... 1... 2... 3!! C'è il 3! Vincent Cross è il primo eliminato di questa contesa!

Spoiler:
Vincent Cross has been eliminated!

JK: NOO!!


Frye si rialza in piedi e festaggia quasi come se avesse già vinto l'incontro, appoggiandosi alle corde ed urlando insulti di ogni genere contro il pubblico che risponde con fischi e cori contro il 171. Frye ride ed allarga le braccia, per poi prendere e buttare il Biker fuori dal ring con delle pedate! Altra risata da parte dell'ex membro dei Guardians Of Truth, che viene aggredito alle spalle da un Jack Keenan redivivo! Il Pain Deliverer butta a terra Frye e lo colpisce con dei violentissimi pugni al volto, urlandogli in faccia. Keenan quasi strozza Frye con le sue mani e l'arbitro è costretto a separarli. L'ex avvocato di Cross si sporge dalle corde per controllarne le condizioni, vediamo che il Biker inizia a rialzarsi... Keenan scuote la testa, riafferra il 171 che stava rialzandosi, lo colpisce tra le scapole e se lo carica sulle spalle... Spirit Of Sorrow!

Immagine


Frye rotola sul mat ring, Cross si è intanto rialzato in piedi e si scambia sguardi con Jack Keenan, mentre sta per terminare il countdown per il prossimo ingresso. 10... 9... 8... 7... 6... 5... 4... 3... 2... 1.... DON!



SHAWN GATES! E' il turno dell'Ultimate Rebel di entrare, ed alla sua apparizione c'è il più classico dei boati dell'arena!

Immagine


L'Ultimate Rebel arriva sotto il Titantron e si dirige velocemente verso il Ring. Sulla rampa incrocia Vincent Cross, che si dirige verso il backstage, sguardi tra i due. Pacca di Gates sulla spalla sinistra del Biker, che fa un pollice in su all'Ultimate Rebel, allontanandosi successivamente. Jack Keenan, in piedi, osserva la scena dal quadrato con le mani sui fianchi... Ma Matt Thunder da dietro lo prende per un Roll Up! 1... 2... il Pain Deliverer si dà la spinta e riesce ad uscire dallo schienamento, ma Thunder lo stende prontamente con una Clothesline! Il lottatore di Atlanta rotola fuori dal quadrato, ed ecco che l'Ultimate Rebel sale sul ring, faccia a faccia con lo Splinter! Thunder insulta Gates, e questi lo colpisce con una serie di chop al petto! Matt finisce alle corde, Irish Wip del membro dei No More Heroes, che al rebound lo prende, Wanted! Una volta! Due volte! Tre volte! E poi chiude il tutto con la Dead or Alive!

ImmagineImmagine


Grande boato del pubblico, con il pin dell'Ultimate Rebel sull'avversario. 1... 2... e Matt Thunder alza la spalla! Gates si rialza scuotendo la testa, ma ecco che da dietro arriva Frye che gli prende le braccia per un Backslide improvviso! 1... 2, Shawn alza la spalla ma subito il Whisperer lo blocca a terra con un Crucifix Pin! 1.... 2 e Shawn alza ancora la spalla! Il due volte campione di coppia della TWC si rialza e prova a travolgere l'avversario con un Forearm che viene prontamente schivato. Al rimbalzo il one time FWP Tag Team Champione prova la sua Rebirth sull'Ultimate Rebel ma questi reagisce con una gomitata allontando l'avversario, nuovo rimbalzo alle corde di Gates ma Frye evita nuovamente l'assalto dell'avversario ed ora lo butta giù con una bellissima Swingblade!

Immagine


Nuovo tentativo di schienamento da parte del Whisperer: 1... 2 e Gates alza ancora la spalla, uscendo dallo schienamento. Frye si mette a sedere con espressione furente e si passa le mani fra i lunghi capelli, rialzandosi in piedi... non accorgendosi che Lance Murdock è sull'apron alle sue spalle! Il DareDevil urla all'indirizzo dell'avversario di Alpha Horizon, che si volta e non può reagire in tempo per evitare la Springboard Devilrana del rivale! Frye finisce a terra, e subito il diavolo lo punta con le braccia, preparandosi per la Kiss Of The Devil quasi come se stesse scattando una fotografia. The Phoenix è in ginocchio, e Lance parte per la sua mossa conclusiva, riuscendo poi a connetterla, no!, Frye prova nuovamente a rovesciare la mossa nella Fire Blast ma questa volta Lance è meno stanco e riesce con uno spettacolare salto all'indietro a portarsi alle spalle dell'avversario e prova la sua variante in piedi del Kiss Of The Devil, anche questa non va a segno perché l'avversario riesce a prenderlo per le spalle e a lanciarlo tra seconda e terza contro il paletto! Murdock impatta con la spalla contro il paletto d'acciaio ed ora Frye si mette in posizione per la sua Whisper, ma a distrarlo arriva il conteggio dei tifosi, visto che mancano pochi secondi ad un nuovo ingresso. 10... 9... 8... 7... 6... 5... 4... 3... 2... 1... DON!



Ed ecco che risuona la theme di Travis Miller per la gioia dei fans della TWC!

Immagine


L'altra metà dei No More Heroes è qui! Lo scozzese arriva sotto il Titantron e percorre la rampa a grande velocità, togliendosi la sua nuova maglia ufficiale già sfoggiata ad Alpha Horizon e lanciandola a qualche fortunato fan nelle prime file. Miller sale sull'apron ring e Frye si avventa contro di lui, ma il lottatore di Inverness lo respinge con un pugno dritto in mezzo agli occhi. Il 171 arretra, e subisce una Slingshot Sacrifice da parte del due volte campione di coppia che lo fa cadere sul mat. Miller si rialza prontamente ed ecco che anche l'Electric Splinter, ripresosi, si avventa contro di lui con una clothesline, prontamente evitata dallo scozzese che al rimbalzo colpisce anche lui con una Sacrifice in salto! Anche Thunder cade sotto i colpi dello scozzese, che ora va a risollevare Shawn Gates. I due si scambiano un cenno di intesa, e vanno a prendere lo Splinter, ma ecco che anche Jack Keenan ritorna nella contesa, stendendo i due con un Missile Dropkick!

Immagine


Il lottatore-avvocato si rialza in piedi, ma non fa in tempo a tentare uno schienamento che Lance Murdock si para davanti a lui! Nuovo faccia a faccia tra i due, con il pubblico che rumoreggia impaziente di vederne gli effetti... Scambio di pugni tra i due, vinto dal diavolo di Hell's Kitchen che tenta la sua Devilrana, no, Keenan riesce a buttare giù a terra l'avversario e connette con un Jumping Double Foot Stomp, evitato anche questo da Murdock! I due si rimettono in piedi, tentativo di German Suplex del Devil, reversato da JK che prova a propria volta un German Suplex... gomitate del diavolo che ora riesce a prendere l'avversario per il collo e connettere la Poetry In Motion!

Immagine


Keenan impatta col collo sul mat e se lo tiene dolorante. Lance si rimette in piedi, e viene steso da Rick Frye con una fulminea Whisper!!!! Il 171 si era posizionato in attesa di questa opportunità ed ora schiena il Diavolo della TWC! 1... 2... 3! No! Lance Murdock è riuscito ad alzare la spalla prima del conteggio fatidico. Rick si rialza sbraitando contro il refree, che continua a far cenno che era solo un conto di due. Il membro dei Whisperers scuote la testa e va a riprendere Lance, portandolo al centro del quadrato, ma prima che possa sollevarlo viene aggredito dai No More Heroes che lo gettano a terra colpendolo con pugni e stomp! Lance Murdock si rialza ed assiste alla scena, i tre lottatori adesso si guardano, Murdock indica Frye e dà una serie di indicazioni verbali ai due, che si limitano ad annuire. Miller si carica Frye sulle spalle, e Gates corre alle corde... I No More Heroes connettono la Kryptonite sul Whisperer! Ed ora Frye è servito su un piatto d'argento al diavolo che sale sopra la terza corda e lo centra in pieno con la sua Excelsior!!!

ImmagineImmagine


Schienamento di Lance ai danni del Whisperer! 1... 2.... 3!! Rick Frye è stato eliminato dallo sforzo congiunto dei tre lottatori!

Spoiler:
Rick Frye has been eliminated!


La seconda eliminazione di questo incontro è quella del 171, che viene spinto fuori dal quadrato da Murdock. Ora i tre lottatori rimasti in piedi sul ring si guardano, i No More Heroes osservano Lance che già si prepara allo scontro impari... ma Matt Thunder sale sul quadrato e si porta di fianco al DareDevil! Cenni veloci ed è rissa a tutto campo, Thunder contro Miller e Gates contro Murdock! Scambio di pugni feroce tra i lottatori, l'uomo senza paura riesce a colpire il due volte campione di coppia con delle Backhand Chop al volto che fanno arretrare l'Ultimate Rebel, ed ora Lance lo colpisce con un Enzugiri Kick! No, Shawn si abbassa e Murdock colpisce Thunder alla nuca col calcio! Lo Splinter finisce a terra, ed ora Gates lancia l'ex salvatore contro Miller che lo stende con una Sacrifice di incrocio, e Murodck rotola così fuori dal quadrato. Altro cenno di assenso tra i due volte campioni di coppia della federazione. Travis solleva il lottatore che assieme a BBB gli ha tolto i titoli di coppia a Zero Hour e lo mette in posizione per la Cold Snap. L'Ultimate Rebel si porta all'angolo... Gates Of Ice!! Gates Of Ice connesso dai No More Heroes e la folla è in delirio!

Immagine


Schienamento congiunto dei No More Heroes! 1... 2... 3!!! Matt Thunder è stato eliminato!

Spoiler:
Matt Thunder has been eliminated!


I due festeggiano l'eliminazione di un loro storico nemico, mentre il conteggio per il prossimo ingresso sta per giungere al termine. 10... 9... 8... 7... 6... 5... 4... 3... 2... 1! DON!



Immagine


Shawn Gates e Travis Miller distolgono lo sguardo l'uno dall'altro, girandosi verso lo stage. I due fanno segno, in modo piuttosto eloquente, a Carroll di farsi avanti; il bostoniano non si fa certo pregare e scatta verso il quadrato. Non appena entra sul ring passando sotto la terza corda lo scozzese e il texano cercano di accoglierlo con una Double Clothesline, ma Carroll si abbassa ed evita il colpo. Travis Miller rompe lo schieramento e attacca in corsa il rivale, l'ingegnere si limita però ad abbassare le corde e il Child of Ice frana fuori ring. Ora Carroll si lancia su Shawn Gates e ne nasce un rapido scambio di pugni, che vede vincitore il bostoniano, più fresco. Carroll fa un passo indietro, prendendo una breve rincorsa; tuttavia, prima che possa fare qualsiasi cosa, Travis Miller, che è rientrato sul ring, lo afferra alle spalle in posizione Full Nelson. Gates parte subito per il Superkick che chiuderebbe la Gates of Ice, ma Carroll riesce a liberarsi dalla morsa e si sposta di lato: il texano blocca il calcio a pochi centimetri dal viso di Miller e i due rimangono immobili, fissandosi a vicenda per un paio di istanti. Superkick di Carroll su Gates!

Immagine


Carroll tenta un Superkick anche su Miller, che però si abbassa, evitando il colpo, SACRIFIC... no, Carroll anticipa il colpo con un Superkick!!

Immagine


Entrambi gli ex campioni di coppia rotolano fuori ring per il colpo e Carroll rimane padrone unico del ring. Lance Murdock risale sull'apron, ma Nick Carroll se ne accorge immediatamente e anticipa le sue intenzioni con un altro Superkick! Murdock crolla a terra a bordo ring, ma alle spalle di Carroll fa il suo ritorno Jack Keenan: il Pain Deliverer volta di scatto il bostoniano e si porta faccia a faccia con lui. Rapido scambio di sguardi tra i due, poi pugno di Keenan. Carroll risponde a sua volta con un pugno. Pugno di Keenan. Pugno di Carroll. Pugno di Keenan. Pugno di Carroll. Pugno di Keenan. Pugno di Carroll. Pugno di Carroll. Pugno di Carroll. Superkick di Carroll... no, JK blocca la sua gamba a mezz'aria e spinge il vecchio rivale, in equilibrio precario, all'indietro. Keenan tenta un attacco in corsa, ma, praticamente da fermo, Carroll lo fredda con una perfetta Jumping DDT!

Immagine


Jack Keenan rotola a sua volta fuori dal quadrato: Carroll ha fatto di nuovo piazza pulita. Il bostoniano sembra voler raggiungere gli avversari a bordo ring, quando inizia il conto alla rovescia: l'ingegnere torna allora a centro ring e rivolge il suo sguardo verso il titantron, in attesa. 7... 6... 5... 4... 3... 2... 1... DON!



Immagine


Big Black Boom è dunque il penultimo ad entrare in questo Ultimate Warfare! Il mascherato punta il dito verso Carroll, per poi si lanciarsi immediatamente in corsa verso il ring. I due si incrociano al centro del quadrato e si afferrano a vicenda per la nuca: è lo spot più amato da grandi e piccini, lo spot dei pugni! Oppure no? Boom gioca d'anticipo con una ginocchiata alla bocca dello stomaco di Carroll, che lo costringe a piegarsi a metà. BBB se la ride ed allarga le braccia, subissato dai fischi del TWC Universe. Shawn Gates rientra sul ring e tenta di sorprenderlo con una Clothesline, ma Boom si abbassa e, afferrato l'avversario per il collo, mette a segno una Inverted Headlock Backbreaker. Tenendosi la schiena, Gates rotola di nuovo fuori ring: il suo posto viene preso da Lance Murdock, che a sua volta prova ad attaccare Triple B. Big Black Boom anticipa però anche lui, colpendolo con un bellissimo Spinning Heel Kick alla tempia: Murdock crolla a centro ring e BBB si lancia senza indugi alle corde: Boomsault!

Immagine


Per l'inerzia del colpo Boom arretra alle corde, e subito un redivivo Carroll gli si lancia addosso con una Clothesline che getta entrambi i lottatori fuori ring. Entrambi si rialzano immediatamente in piedi: BBB cerca di schiantare la testa del bostoniano contro il tavolo dei commentatori, ma Carroll mette le mani sul tavolo stesso, bloccando il colpo, e ripaga l'avversario con la sua stessa moneta. Ora Carroll inizia a tempestare di pugni il detestato vecchio rivale, che è bloccato con la schiena contro il tavolo occupato da Price e Campbell. La regia coglie un particolare: BBB sta usando una sola mano per cercare di proteggersi, mentre con l'altra sta frugando nei propri pantaloncini (Pleeeeeeeease!). Nick Carroll prende una breve rincorsa e tenta un nuovo attacco, ma l'avversario lo intercetta con un pugno e il bostoniano stramazza a terra. BBB nasconde subito il pugno destro, coprendolo con l'altra mano, ma grazie ad un zoom della regia riusciamo ad intravedere un tirapugni che copre le sue dita. Boom ridacchia, per poi rientrare sul ring, dove Murdock si sta rialzando: il Dirtiest Player in the Game carica il pugno, ma provvidenzialmente il wrestler di Hell's Kitchen si abbassa ed evita il colpo. Murdock sembra aver visto qualcosa: indica infatti ossessivamente la mano destra del mascherato, quella coperta dal tirapugni. BBB ridacchia, muovendo un passo verso Murdock, ma il suo sorriso svanisce quando si accorge che Gates e Miller sono tornati sul ring e lo stanno fissando da due angoli opposti. Boom si volta e, appoggiato all'angolo alle sue spalle, c'è Jack Keenan, lo sguardo gelido. In questo stesso momento risale sul ring Nick Carroll, tenendosi la mascella. I 5 si scambiano appena uno sguardo E POI SI LANCIANO TUTTI CONTEMPORANEAMENTE SU BBB! Il mascherato cerca di difendersi come può, ma in pochi secondi soccombe ai colpi in simultanea di tutti gli avversari, rimanendo immobile a terra. Jack Keenan fa segno a Miller e Gates di rialzare Boom, per poi lanciarsi alle corde e mettere a segno la Kill Keenan Kill.

Immagine


Boom impatta con violenza contro il turnbuckle e crolla a terra, rotolando verso centro ring. Nick Carroll si porta immediatamente davanti al mascherato, che sta cercando di rialzarsi. Shawn Gates subito raggiunge il bostoniano, tra i due volano sguardi di fuoco. Anche Lance Murdock non vuole essere da meno e si affianca ai due. Lo sguardo di Carroll, che si trova nel mezzo, si sposta da un ex rivale all'altro, la tensione sale istante dopo istante.

Immagine


TRIPLE SUPERKICK SU BIG BLACK BOOM!! BBB crolla in ginocchio, lo sguardo spento dietro la maschera. Travis Miller si lancia alle corde...

Immagine


... Redemption a segno! Lo scozzese si getta sopra la carcassa di Boom, Gates si aggiunge per un nuovo schienamento congiunto: 1... 2... 3! Dopo meno di 2 minuti finisce il match di Big Black Boom per via del feroce assalto congiunto di tutti gli altri partecipanti alla contesa!

Spoiler:
Big Black Boom has been eliminated!


I 5 rimasti sul ring completano il lavoro spingendo fuori dal quadrato un BBB praticamente esanime, per poi tornare a studiarsi a vicenda. Prima che chiunque possa fare la prima mossa, però, ecco di nuovo il conto alla rovescia: 10... 9... 8... 7... 6... 5... 4... 3... 2... 1... DON!



Immagine


MEH! Ma è Simon B! Il lottatore di Miami deve aver ottenuto il reintegro nel roster della TWC proprio in vista dell'evento più importante dell'anno! Le telecamere si soffermano sull'espressione sbigottita di Andy Moon, rivale di lunga data di Who You Want to B. Simon B sembra essere in splendida forma e si dirige con fare spavaldo verso il quadrato, dove i suoi cinque avversari lo aspettano a braccia aperte. Il nativo di Miami sale sull'apron, si sfila gli immancabili occhiali da sole e valuta per qualche istante la situazione. Il Perfect One prova ad offrire una stretta di mano a Shawn Gates, ma lo sguardo di fuoco del texano lo convince a ritirare subito l'offerta.

SB: Meh.

Simon B balza giù dall'apron, attirandosi i fischi del pubblico. Keenan approfitta della distrazione per sorprendere Murdock con un Dragon Suplex!

Immagine


Il diavolo viene sbalzato via e rotola fuori ring. Keenan si rialza con un sorriso compiaciuto, ma viene colpito alla nuca da un Running Dropkick di Carroll, che lo manda a fare compagnia a Murdock all'esterno del quadrato. Il bostoniano si gira e viene travolto come un treno dal Big Boot di Miller. Nel frattempo Simon B approfitta della confusione e si riaffaccia sull'apron. Gates gli corre incontro, ma B gli afferra la testa e la fa impattare sulla terza corda, gettandosi fuori ring. Intanto, Miller ha imbracciato Carroll per la Ice Age, ma l'ingegnere si libera e va a segno con un paio di Forearm Smash. Simon B sguscia velocemente sul ring e approfitta del vantaggio ottenuto su Gates. Calcio all'addome e tentativo di Whisper in the Grudge! No, Back Body Drop del texano. Simon B atterra in piedi e si proietta verso le corde. Excellence Kick a segno!

Immagine


Nel frattempo Miller ha interrotto l'offensiva di Carroll con una ginocchiata allo stomaco ed ora lo imbraccia per la Freeze, avvicinandosi alle corde. A segno! L'ex 15 Champion viene gettato fuori dal ring, proprio addosso ad un redivivo Keenan! Il Child of Ice viene immediatamente caricato da Simon B. Clothesline evitata dallo scozzese, rebound di B e Discus Lariat di Travis. Simon indietreggia stordito e sfrutta ancora le corde. Wannabe! No, Miller schiva prontamente il Pendulum Lariat ed il Perfect One si trova ora faccia a faccia con un ristabilito Gates.

Immagine


Gatykick su B! A segno! Simon B riesce però a rotolare velocemente fuori dal ring, per la disperazione del Ribelle! I No More Heroes hanno fatto piazza pulita ed ora si squadrano dagli angoli opposti del quadrato. I due si sorridono a vicenda, poi si scambiano un cenno di intesa, scagliandosi l'uno contro l'altro. Clothesline in contemporanea! Sia Gates che Miller rimangono a terra, immobili! Mentre tutti i lottatori sono ko, le telecamere inquadrano la rampa di accesso al ring, dove Big Black Boom si è appena rimesso in piedi dopo la carneficina subita. Un paio di arbitri tentano di aiutarlo a tornare nel backstage, ma il mascherato non accenna a fare un passo in avanti. Anzi, la sua smorfia diventa un sorriso quando Matt Thunder compare sullo stage, provocando lo sgomento del pubblico. L'Electric Splinter indica il ring ed il Perfidy in a Mask annuisce, liberandosi della guardia degli ufficiali. I Pulp Fiction si fanno strada verso il quadrato tra i fischi del pubblico! Gli ex campioni di coppia si fiondano contro i No More Heroes, rei di averli eliminati: Thunder aggredisce Gates, Boom fa altrettanto con Miller! Ora i Pulp Fiction rialzano i rivali e li lanciano l'uno contro l'altro. Impatto tremendo per i No More Heroes! Matt va subito a rialzare Gates e lo spedisce verso l'angolo. Rincorsa e Running Arched Big Boot a segno! Shawn barcolla verso il centro del ring e BBB ne approfitta: Cut-to-Black connessa!

ImmagineImmagine


I Pulp Fiction se la ridono, ma Miller si è ripreso e si avventa su BBB. Il mascherato schiva l'assalto e spinge il Child of Ice verso il partner, che lo colpisce con una ginocchiata al volto. Miller barcolla, Thunder lo colpisce con un calcio all'addome e lo solleva. BBB è già in posizione...

Immagine


Zed's Chopper! La scena di Zero Hour si ripete! Simon B fa capitolino sul ring, squadrando sospettoso i Pulp Fiction. I due gli fanno segno di accomodarsi e Who You Want to Be si fionda a schienare Miller! 1... 2... 3!

Spoiler:
Travis Miller has been eliminated!


Nel frattempo Shawn Gates si è rimesso carponi e sta strisciando in avanti. Boom lo indica e Thunder lo blocca, lanciandolo poi in pasto a Simon B. Il ragazzo di Miami sorride e va con la Whisper in the Grudge!

Immagine


A segno! Pin: 1... 2... 3!

Spoiler:
Shawn Gates has been eliminated!


Simon B ha sfruttato l'aiuto dei Pulp Fiction ed eliminato entrambi i No More Heroes! Gli ex campioni di coppia non sembrano paghi ed ora scendono dal ring sotto lo sguardo soddisfatto di Simon B. I due si dirigono verso un barcollante Murdock, che viene steso da una Clothesline di Boom. Anche Keenan si è rimesso in piedi, ma Thunder lo atterra con un Big Boot. Ora il duo si accanisce su Carroll con pugni e Stomp, ma attenzione! Virgil Brown arriva sullo stage!

Immagine


Il GM fa uscire un nugolo di uomini della security, capeggiati dai prodi Wilson e Jones!

ImmagineImmagine


La A&A fa segno ai sottoposti di fermare i Pulp Fiction, per poi fermarsi accanto a Virgil Brown. La schiera degli uomini della security entrano in azione e attaccano Boom e Thunder, i quali tentano di resistere, venendo però schiacciati dalla forza del numero. I Pulp Fiction vengono infine bloccati e scortati fuori dall'arena, sotto lo sguardo duro del General Manager. I due della A&A Security annuiscono soddisfatti. La nostra attenzione ritorna sul ring, dove Simon B cerca di approfittare della situazione riportano Carroll sul ring e tentando un pin immediato: 1... 2... NO! Nick si scuote appena in tempo. Il Perfect One non perde tempo e riporta subito in piedi l'avversario. Rotazione e Neckbreaker: B-Orgasm a segno. B apre le braccia e si prende i fischi del pubblico.


SB: Sono ritornato, merde!

Simon riporta la sua attenzione su Carroll, cercando la Simon Says. Nick riesce a bloccare la mossa ed a separarsi dal rivale con delle gomitate alla tempia. Appena B molla la presa, il Brain Damager mette a segno un Roundhouse Kick. Who You Want to B indietreggia verso il centro del ring, dove viene travolto da una Springboard Clothesline di Murdock!

Immagine


Carroll e Murdock si trovano face to face. Il pubblico rumoreggia, Nick dice qualcosa che non riusciamo ad udire. Lance risponde con una risata sguaiata, come quella che fece impazzire Carroll ad Homeland: Berlin. Il volto del bostoniano si deforma per la rabbia, ma prima che possa fare qualcosa, è Keenan che colpisce Murdock alle spalle. Nick si getta allora sull'avvocato, colpendolo con una serie di calci alle ginocchia e poi con una potente gomitata al naso. Carroll prepara la Shutdown, ma JK spinge via l'avversario prima che possa uncinargli la gamba. Carroll riprova un attacco, ma Jack lo intercetta con un calcio all'addome. Keenan effettua un caricamento in posizione di Powerbomb. Nel mentre Simon B si è rialzato ed ha portato Murdock alle corde, dove lo sta riempiendo di pugni. L'ingegnere si riprende prima che possa essere schiantato al suolo, colpendo Keenan con dei Forearm al volto. Il Pain Deliverer indietreggia e getta il rivale alle sue spalle, proprio mentre il diavolo riesce ad interrompere l'assalto di B spingendolo via.

Immagine


Carroll si ritrova a portata l'ignaro Simon B, che viene atterrato con un Inverted Bulldog! Nick non fa però in tempo a rialzarsi, poiché Murdock lo travolge istantaneamente con un Penalty Kick. Sia B che Carroll rotolano via, mentre Keenan è lesto a freddare Murdock con un Running Forearm. Il wrestler di Hell's Kitchen è stordito, JK lo porta in posizione per la Pain Delivery.

Immagine


Connessa! Pin: 1... 2... NO! Colpo di reni di Lance e Keenan non può crederci. L'avvocato chiama l'Hyper Elbow Drop e si lancia immediatamente verso le corde. Dopo il primo rebound viene per afferrato per il costume da Simon B, che lo intrappola in un Roll Up: 1... 2... NO! Jack si libera e si scaglia come una furia sul Who You Want to B, il quale indietreggia verso le corde. Simon intercetta Keenan con ArmDrag e lo scaraventa oltre la terza corda. Brutto atterraggio per JK, mentre B va a confrontarsi con un redivivo Carroll. Backhand Chop del ragazzo di Miami, che tenta poi una Short Arm Clothesline. Carroll passa sotto il suo braccio e si porta alle sue spalle, provando poi a rovesciare la presa alla mano ed impostare la Last Thought. Simon B è abile a colpire con delle gomitate sui fianchi col braccio libero, costringendo Nick ad allontanarsi. Il bostoniano arretra fino all'angolo, Simon tenta allora la sua Corner Clothesline. Carroll lo ferma alzando la gamba, B si allontana tenendosi il volto. Nick lo colpisce con un Uppercut e tenta la Bucklebomb. Sollevato riuscito perfettamente, ma Who You Want to B mette le dita negli occhi del bostoniano, riuscendo così a tornare a terra. Simon prova a sfruttare l'occasione e lancia con forza Carroll contro il paletto d'acciaio. Impatto micidiale per la testa dell'ingegnere, Simon B chiama la sua mossa risolutiva!

Immagine


Whisper in the Grudge a segno! 1... 2... 3! NO! Kickout di Carroll! Kickout di Carroll! Simon B sgrana gli occhi, poi comincia a battere i pugni a terra. Infine, il ragazzo di Miami rialza lo sguardo ed implora l'arbitro, sempre rimanendo inginocchiato. Eyes Wide Shut! Murdock rientra sul ring dietro al Perfect One e lo coglie allo sprovvista con un Superkick alla nuca. Ora il wrestler di Hell's Kitchen fa rotolare Simon e lo posiziona sotto al paletto, per poi salire sulla terza corda. Excelsior! No, B si sposta! Murdock riesce ad atterrare in piedi e dopo una capriola ritorna a fronteggiare l'avversario. Simon è stato però più reattivo e riesce ad anticipare il diavolo, mettendolo in posizione per un Fireman Carry Slam.

Immagine


Murdock riesce a trasformare il tutto in una Wrath of the Devil! Schienamento su B: 1... 2... 3!

Spoiler:
Simon B has been eliminated!


C'è il tre! Simon B viene eliminato, per la gioia del pubblico. Murdock si carica e parte all'assalto di Keenan non appena l'avvocato si ripresenta sull'apron. Lance riesce a connettere con una Wrath of the Devil che fa impattare il collo di JK sulla terza corda. Il Pain Deliverer rimane piegato in due subito fuori dal ring. Murdock prende la rincorsa per il DDD, ma Carroll interviene da terra con un Drop Toe Hold e tenta di chiuderlo in una STF, riuscendoci. Murdock striscia lentamente verso le corde, ma Nick lo riporta subito indietro e tenta di trasformare la mossa nella Crossface! Il bostoniano non riesce ad intrappolare il braccio del rivale, che usa la gamba ed il braccio libero per spingersi verso le corde. Il diavolo riesce ad afferarle e ad utilizzarle come leva per gettarsi fuori dal ring. Attenzione, Keenan ha approfittato della lotta tra gli altri due per rientrare sul ring ed ora è lui a trascinare Carroll al centro del quadrato e ad applicare la Pain Infliction sul bostoniano!

Immagine


L'avvocato cerca di usare tutto il peso del proprio corpo per evitare che Carroll riesca a strisciare in avanti e sfuggire alla sua presa nella stessa maniera utilizzata da Murdock. L'espressione sul volto del bostoniano si trasforma in una smorfia di dolore, mentre il viso comincia a colorarsi di rosso. Nick non riesce ad avanzare, quindi usa la mano come appoggio e con un grande sforzo si porta in ginocchio. Keenan prova a stringere la presa, ma il Brain Damager non demorde e si riporta in piedi! JK rimane aggrappato all'avversario, deciso a non mollare la sottomissione. Carroll si getta all'indietro verso un paletto, ma Keenan non si stacca. Attenzione, Murdock risale sul ring e colpisce Carroll con la Last Call! Carroll crolla a terra e Keenan con lui, ma l'avvocato prova a rimettersi in piedi con l'aiuto delle corde. Clothesline di Murdock, che spedisce il Pain Deliverer all'esterno del ring per l'ennesima volta. Ora il diavolo osserva la posizione dell'ingegnere: un sorriso si apre sul suo volto, visto che Carroll è caduto proprio in prossimità dell'angolo a lui vicino. Lance scala la terza corda e si alza in piedi, tutto è pronto per l'Excelsior... NO! NO! Jack Keenan è risalito sull'apron ed ha colpito il rivale con un Low Blow! Murdock cade pesantemente prima sul paletto e poi a terra. Keenan se la ride ed entra a sua volta sul quadrato. L'avvocato va a raccogliere Murdock e lo imbraccia.

Immagine


Pain Delivery! 1... 2... 3!

Spoiler:
Lance Murdock has been eliminated!


JK se la ride, sotto i fischi del pubblico, mentre Nick Carroll si rimette in piedi. Carroll e Keenan si squadrano per qualche secondo, poi si lanciano l'uno contro l'altro facendo, accompagnati dal boato degli spettatori. It's all about War of Change! Carroll schiva una Clothesline di Keenan, poi tenta il Googolplex. Keenan si libera con una gomitata al fianco e si gira, ma Nick non lascia la presa ed ora è lui a stordire il rivale con una serie di gomitate alla tempia.

Immagine


Standing Backflip STO del bostoniano, che si precipita a schienare! 1... 2... NO! Keenan resiste! Carroll sbatte la mano a terra un paio di volte, poi si volta verso il paletto ed annuisce. Il bostoniano si posiziona sulla terza corda ed aspetta che il suo rivale si riporti in piedi. Keenan è ora carponi, Nick si lancia per un Curb Stomp dal paletto! No, Jack lo intercetta con un Killshot fulmineo! Carroll crolla a terra, Keenan si porta sull'apron, pronto a capitalizzare. Keenan Landing!

ImmagineImmagine


Pin di JK: 1... 2... NO! Nick alza la spalla! L'avvocato non perde tempo e rimette in piedi il suo avversario. Pain Delivery! No, Nick si riscuote e piazza una gomitata dall'alto verso il basso sulla tempia di Keenan, la cui presa si allenta. Carroll si dà una spinta ed è ora avvinghiato alla schiena del rivale. Sleeper Hold del bostoniano!

Immagine


Keenan non riesce a liberarsi! Il lottatore di Atlanta non riesce ad accennare un tentativo di reazione! Carroll annuisce, mentre il pubblico urla a Keenan di cedere! L'avvocato crolla in ginocchio... e poi a terra! Nick stringe la presa, mentre Jack sta per perdere conoscenza! No, JK riesce a portare a terra le spalle del rivale con un ultimo guizzo! 1... 2... NO! Carroll si libera ma è costretto a lasciare la presa. Nick si rimette in piedi, mentre Keenan è ancora in ginocchio, Roundhouse Kick! Keenan non cade! Secondo Roundhouse Kick, JK non va giù! Carroll prende la rincorsa per lo Shining Wizard, ma Jack si rialza e lo decapita con una Clothesline! Carroll compie quasi un giro di trecentosessanta gradi! L'avvocato scuote la testa per qualche secondo, poi va a prendere il rivale. Posizione di Pain Delivery! Testata di Carroll! E ancora! E ancora, ancora, ancora! Jack è costretto a lasciare la presa, ma prova ad arpionare la gamba del bostoniano per la Package Pain Delivery! Ancora testata di Carroll! Keenan è costretto ad indietreggiare, Spinning Roundhouse Kick di Nick! JK è in ginocchio...

Immagine


Shutdown a segno! Shutdown a segno! 1... 2... 3! Nick Carroll andrà nel Main Event di War of Change III!

JR: The winner of this match and the #1 contender for the TWC World Heavyweight Championship, Niiiick Caaarroooll!

Il pubblico esplode in un boato di gioia, mentre il bostoniano si rimette in piedi a fatica. Thomas Kiley alza il braccio del vincitore, mentre Andy Moon si alza dal tavolo di commento, applaudendo il vincitore dell'Ultimate Warfare. Carroll sposta l'attenzione sul campione mondiale e si posizione di fronte a lui, appoggiandosi alle corde. Nick annuisce ed indica la grafica di War of Change III che è appena apparsa sul Titantron. Moon mantiene lo sguardo fisso su quello del suo sfidante, e su questa scena questa fantastica puntata di Indoor War giunge al termine! Rimanete sintonizzati su questo canale per l'imperdibile Fallout! Ragazzi, alla prossima!










CM-Cena, Dims, Elban Rattlesnake, Il Capitano,
hbkbestfan, KTW, Liontamer, Matt Thunder, NotOnlyWWE, Phil is Wrestling, Simon, SimoAF, Stevester, straight edge savior, The Hawk, woo woo woo man.


Top
 Profilo  
Rispondi citando  

Re: TWC - Friday Night Indoor War (#46-???)
MessaggioInviato: 25/03/2017, 0:13 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: 24/12/2010, 18:48
Messaggi: 12066
Località: Baretto Kurabu
Immagine


It’s Time!... It’s Time!... It’s Fallout Time! Le immagini ci conducono nuovamente presso il Valley View Casino Center di San Diego, California, dove si è appena concluso il quarantaseiesimo episodio di Friday Night Indoor War, che ha dato il via in modo strepitoso alla terza Road to War of Change! Le immagini si spostano nel backstage, dove vediamo nientemeno che Simon B., il wrestler più figo della TWC, già lavato e cambiato che sta lasciando l’arena dopo il suo ritorno a sorpresa nell’Ultimate Warfare a quattro mesi dalla sospensione comminatagli l’anno scorso per indisciplina da Virgil Brown Junior.

Immagine


Come vediamo, lo Who you want to B ha già trovato di che consolarsi dopo la sconfitta nel Main Event, infatti accanto a sé ha un paio di bellissime ragazze vestite sobriamente.

Immagine


Improvvisamente però, il trio viene intercettato dal General Manager della TWC, Virgil Brown Jr., che vediamo accompagnato dai fedelissimi Adam Jones e Alex Wilson, meglio noti come A&A Security.

ImmagineImmagineImmagine


SB: Meh.

Dopo averci deliziato con la sua celeberrima catchphrase, B sfoggia immediatamente lo smagliante sorriso di chi è nato figo, e poi saluta il GM.

SB: Allora capo, tutto bene? Serve qualcosa? No perché avrei da fare, come vedi.

Il General Manager della TWC sospira, poi consegna un foglio all’uomo dalle camicie costose.

VB: Prima che te la svigni, meglio che tu sappia in anticipo con chi dovrai combattere a War of Change. Almeno non ci saranno equivoci come l’altra volta. Giusto?

Pare di no. Simon B. sbadiglia.

SB: Yawn… Meh.

Poi appallottola il foglio e lo butta via sotto lo sguardo di Brown. Poi fa spallucce.

SB: Non ci siamo, amico mio. A parte che quel match sminuisce molto la mia presenza al prossimo pay-per-view, a meno che tu lo metta nel Main Event, purtroppo a giugno sarò all’estero. Ho organizzato una piccola una vacanza di due mesi nel Mediterraneo sul mio yacht personale di settanta metri, tra terre esotiche, spiaggie bellissime, feste esclusive e soprattutto tonnellate e tonnellate della mia materia preferita: la figa.

Dopo di che stringe a se le due donne che ridacchiano.

SB: Per cui niente, sarà per un’altra volta.

Simon B. sorpassa Virgil Brown, che vediamo rosso in volto dalla rabbia, e la A&A Security. Poi si volta e fa un cenno a Jones e Wilson, lanciando loro il suo biglietto da visita color oro.

SB: Voi due, se vi venisse voglia di venire a fare i mozzi sul mio yatch, fatemi un fischio. Potreste riuscire a rimediare qualcosa anche voi con tutte le donne ubriache che ci saranno alle mie feste… Ci vediamo gente!

Mentre Simon B. se ne va stringendo a se le due ragazze non lesinando qualche palpata, Adam Jones lo saluta con un sorriso a trentadue denti, mentre Alex Wilson guarda il biglietto e gli si illuminano gli occhi di gioia. Un attimo dopo un cupissimo Virgil Brown Jr. strappa di mano a Wilson il foglietto e lo straccia, dopo di che se ne va via sbuffando, intimando a entrambi di seguirlo. E con i due in lacrime che seguono il GM scuotendo il capo, noi andiamo in pausa.



/----------------------------------------------/



Immagine

Le immagini ci accompagnano nuovamente presso la città di San Diego, dove si è appena concluso il quarantaseiesimo episodio di Friday Night Indoor War, il secondo dopo l'ultimo PPV della TWC, Alpha Horizon. I tifosi stanno lentamente abbandonando il Valley View Casino Center dopo un'entusiasmante e spettacolare serata di wrestling, tutt'attorno le ombre della notte avvolgono la metropoli californiana.

Immagine

Jacob Price, la voce della TWC, percorre con passo spedito uno dei corridoi all'interno dell'arena; l'ex lottatore, scuro in volto, scuote continuamente la testa imprecando e sputando volgarità. Il passo s'arresta.

Immagine

Lo raggiunge Ally Sullivan, l'intervistatrice della federazione newyorchese; il commentatore accenna un sorriso che però si spegne immediatamente.

AS: Jacob, stanotte sei stato vittima di un terribile attacca da parte del Diamond Champion Sean Morgan; qual è la tua reazione in merito a quanto successo?

Price serra i pugni, un'incontrollabile attacco d'ira pare averlo colpito.

JP: La mia reazione, Ally?! Sono appena stato nell'ufficio del vostro general manager, l'ho guardato diritto negli occhi e gli ho detto addio, ho detto addio alla TWC, ecco la mia dannatissima reazione!

Il respiro pesante.

JP: Se non avessi delle maledette sbarre d'acciaio nella schiena, se non fossi un rottame ambulante, non avrei alcun problema nell'affrontare quel figlio di puttana e maciullargli quella faccia di merda a suon di schiaffi e pugni, ma un po di dignità mi è rimasta e benché sia contro mia natura, ho sufficiente rispetto verso me stesso per tirarmi indietro ed evitare di mettermi inutilmente in ridicolo in mondovisione. Che siano altri a fargliela pagare a quel pezzente, intanto io me ne vado, perché Virgil Brown non tutela i suoi dipendenti preferendo difendere quel bastardo, il suo Diamon Champion. Me ne vado, per sempre? Forse, di certo non tornerò finché non potrò svolgere il mio lavoro di merda senza rischiare la vita. Fottiti Brown! Arrivederci, cara.

Jacob Price bacia con vigore Ally sulle guance, dunque si allontana rapidamente verso l'uscita sotto lo sguardo attonito dell'intervistatrice.



/----------------------------------------------/



Backstage del Valley View Casino Center di San Diego. Le immagini ci portano su Andy Moon, a colloquio con un addetto della TWC.

Immagine


Il campione porta la cintura in spalla e sta discutendo tranquillamente, quando la sua attenzione viene attirata dall'arrivo di qualcuno.

Immagine


Nick Carroll, appena proclamato #1 Contender per War of Change III, si piazza davanti a Moon, mentre l'addetto si dilegua. Il bostoniano appoggia una mano sul TWC World Heavyweight Championship.

NC: La prima volta che ci siamo incontrati, avevo appena vinto il TWC 15 Championship. Tu hai appoggiato una mano sulla cintura ed hai dato la tua approvazione al mio regno da campione, nonostante avessi una clausola di rematch. Oggi, ad un anno di distanza, io non sono nelle condizioni di fare altrettanto.

Piccola pausa, mentre i due continuano a guardarsi negli occhi.

NC: Puoi giustificare come vuoi quello che è successo ad Alpha Horizon. Non mi interessa parlare di etica o di strategia in questo momento. Mi interessa solo dirti che hai perso il mio rispetto. Non come persona, ma come campione. Credo che tu sia un bravo ragazzo Andy Moon, ma non sei i campione che merita questa federazione. Questa.

Altra pacca di Nick sulla cintura.

NC: Verrà via con me a War of Change.

Moon scosta la mano di Carroll dalla sua cintura.

AM: Non ho bisogno dell'approvazione del mio sfidante. Al massimo, è il contrario.

Andy scuote la testa.

AM: Quando ho fatto questo gesto, nel 2015, sei rimasto campione per un bel po'. Ed è esattamente quello che succederà anche stavolta.

Il Last Hero guarda il suo sfidante di War Of Change dritto negli occhi.

AM: La corona è sulla mia testa. E lì rimarrà, finché non deciderò io quando togliermela.

Moon supera Nick ed esce dall'inquadratura, lasciando il vincitore dell'Ultimate Warfare pensieroso e cupo.


Top
 Profilo  
Rispondi citando  

Visualizza ultimi messaggi:  Ordina per  
Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 25 messaggi ]  Vai alla pagina Precedente  1, 2

Tutti gli orari sono UTC + 1 ora


Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno


Non puoi aprire nuovi argomenti
Non puoi rispondere negli argomenti
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi

Cerca per:
Vai a:  
phpBB skin developed by: eXtremepixels
POWERED_BY
Traduzione Italiana phpBB.it