Tutti gli orari sono UTC + 1 ora




Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 856 messaggi ]  Vai alla pagina Precedente  1 ... 20, 21, 22, 23, 24, 25, 26 ... 58  Prossimo
  Stampa pagina

Re: TWC - News from Indoor War
Autore Messaggio
MessaggioInviato: 16/10/2015, 17:43 
Non connesso

Iscritto il: 14/10/2015, 20:27
Messaggi: 5
0 The numbers are the anwser.

1 The question is the word.

1 Follow the order.

2 It is easy. It is easy now.

3 The order will change.

5 Follow the order.

8 Follow the order.

13 Save yourself.

21 Follow the order.


23,4,9,1,5

1,2,3,1,4

23,4,9,1,5

1,2,3,1,4

8,13 9 1,4,5 20,2,8,26,25 15,14,5?

8,13 9 1,4,5 12,9,7,4,1,4,15,3,19,5?

1,4,5 11,5,25 9,19 3,15,16,5

-7


Top
 Profilo  
Rispondi citando  

Re: TWC - News from Indoor War
MessaggioInviato: 17/10/2015, 13:41 
Non connesso

Iscritto il: 14/10/2015, 20:27
Messaggi: 5
Your alphabet is a lie.


Top
 Profilo  
Rispondi citando  

Re: TWC - News from Indoor War
MessaggioInviato: 17/10/2015, 16:35 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: 23/12/2010, 9:22
Messaggi: 17030
Immagine

Behind The Dragon

Spoiler:
DISCLAIMER!

I fatti raccontati in questo promo sono intesi per essere fruiti solo dai lettori e non dai wrestler o dal pubblico in storyline. Pertanto ciò che accadrà in questo promo non potrà essere citato nelle storyline poiché nessuno sa che questi fatti sono avvenuti eccetto i protagonisti degli stessi.




Ci troviamo all'interno di una limousine che sta percorrendo le strade di Manhattan.

Immagine


Al suo interno troviamo Drake e Rachel Fortuna.

ImmagineImmagine


The Dragon guarda fisso fuori dal finestrino mentre la CEO delle Fortuna Industries sta guardando qualcosa sul suo smartphone, ma ogni tanto lancia occhiate a Drake che resta imbambolato ad osservare le strade di New York...

(35 minuti dopo...)


Le immagini ci portano in un loft piuttosto elegante.

Immagine


Passa qualche secondo e la porta d'ingresso si apre permettendo l'ingresso di Drake, Rachel e di un paio di uomini vestiti elegantemente che stanno portando i borsoni del wrestler e della Chairwoman. I due uomini posano i borsoni e lasciano l'attico. Rachel ora non stacca lo sguardo da Drake che va immediatamente a gettarsi su un divano in posizione scomposta. La ragazza scuote la testa ma senza dire nulla va a sedersi affianco a lui. I due restano in silenzio per più di un minuto abbondante prima che Rachel rompa il silenzio.

Rachel: Chris?

Drake: Hm.

Rachel: E' da quando siamo rientrati nel backstage a Breaking Point che non parli.

Drake: Hm.

Rachel: Chris... Ti rendi conto di cosa hai fatto?

Drake: Hm.

Miss Fortuna mostra una smorfia contrariata per l'atteggiamento del wrestler ed ora si alza dal divano e lascia la stanza...

(Un'ora dopo...)


Vediamo Drake e Rachel, che intanto si è cambiata d'abito, che stanno mangiando nella cucina del loft di Miss Fortuna.

Immagine


I due mangiano in totale silenzio, ma è di nuovo Rachel ad interromperlo ed a cercare un dialogo.

Rachel: Scusami, non sono molto brava a cucinare.

The Dragon fa le spallucce mentre senza alzare lo sguardo continua a mangiare.

Rachel: Sai, sono sempre stata abituata ad essere servita ed a trovare sempre il pasto pronto a tavola. Se non ti piace come cucino puoi anche dirmelo, non mi offendo.

Il wrestler non risponde e continua a mangiare mentre Rachel mostra un'altra smorfia contrariata.

(90 minuti dopo...)


E' pomeriggio, Drake è seduto nuovamente sul divano mentre sta facendo zapping in televisione con sguardo vacuo e disinteressato. Dopo qualche istante viene raggiunto da Rachel che si siede affianco a lui e gli passa una mano su una spalla. The Dragon si volta verso di lei, e la ragazza le regala un dolce sorriso.

Rachel: Ho capito di cosa si tratta. E' il titolo mondiale vero?

Una smorfia contrariata compare sul volto di Drake che si alza dal divano e lascia la stanza a passo svelto. Rachel scuote la testa e digrigna i denti.

(6 minuti dopo...)


Vediamo Drake nel terrazzo del loft di Rachel.

Immagine


Il wrestler è appoggiato con le mani sulla ringhiera mentre osserva lo skyline di New York con espressione furente. The Dragon sbuffa di rabbia e con le mani stringe sempre più forte il passamano della ringhiera. Intanto dall'interno dell'attico Rachel lo guarda con sguardo preoccupato...

(Due ore dopo...)


Vediamo Drake che è appena uscito dalla doccia. Il ragazzo ha indosso un accappatoio, e dopo essersi asciugato la testa con un asciugamano arriva nei pressi del lavandino mettendosi con le mani sullo stesso ed iniziando a fissare la sua immagine riflessa nello specchio ancora mezzo appannato dalla condensa. The Dragon inizia lentamente ad innervosirvi e comincia nuovamente a sbuffare verso la propria immagine per poi tirarsi un poderoso schiaffo in volto! Fatto ciò esplode in un attacco d'ira iniziando a devastare il bagno del loft di Rachel! La ragazza accorre immediatamente nel bagno ed assume un'espressione stupefatta nel vedere il wrestler che le sta devastando tutto.

Rachel: Chris... Chris! CHRIS!!!

Miss Fortuna grida contro Drake che ora si ferma e la osserva con sguardo duro...

(40 minuti dopo...)


Vediamo Drake nuovamente seduto sul divano con alcune fasciature sulle mani e sulle braccia che vanno a coprire le ferite che The Dragon si è causato nel suo attacco d'ira. Miss Fortuna intanto è appoggiata di spalle ad una colonna alle spalle del divano ed osserva fissa e con sguardo contrariato il wrestler che intanto è immerso nei suoi pensieri.

(Un'ora dopo...)


Siamo nuovamente in cucina e vediamo Rachel che sta iniziando a preparare qualcosa da mangiare, ma ecco che viene raggiunta da The Dragon.

Drake: Rachel...

La ragazza non distoglie lo sguardo da ciò che sta facendo e restando di spalle a Drake le risponde.

Rachel: Sì?

Drake: Hai detto che non ti saresti offesa...

Rachel: Di cosa?

Drake: La pasta che hai preparato oggi faceva schifo.

Miss Fortuna si volta con un finto sguardo contrariato verso Drake per poi mostrare subito un sorriso.

Rachel: Dici?

Drake: Sì. Ordina una pizza che è meglio.

The Dragon lascia la cucina e Rachel inizia a ridere felice...

(Un'ora dopo...)


Vediamo i due che stanno finendo di mangiare la pizza seduti in cucina.

Rachel: Sarà, ma a me questa pizza non pare un granché...

Drake: Sempre meglio della tua cucina.

Rachel: Fottiti.

La ragazza regala un sorriso a Drake che ora si incupisce nuovamente.

Drake: Scusami.

Rachel: Di cosa?

Drake: Per essermi comportato da emerito coglione.

Rachel: Non devi chiedere scusa a me, ma a Samantha, Dixon e Maivia.

Una nuova smorfia contrariata compare sul volto di Drake.

Drake: No.



The Dragon si alza e si dirige verso la terrazza del loft. Una volta lì si accende una sigaretta e torna a fissare lo skyline di New York su cui ormai è scesa la notte. Tempo che il wrestler fumi mezza sigaretta e viene raggiunto da Rachel che gli si mette affianco appoggiata alla ringhiera.

Rachel: Due tiri?

Drake: Fumi?

Rachel: Ogni tanto.

The Dragon passa la sigaretta alla Chairwoman della FWP che inizia a fumarsela.

Rachel: Non sapevo che anche tu fumassi.

Drake: Non fumo infatti, lo faccio solo quando solo nervoso.

Rachel: Quindi in pratica fumi sempre.

Drake: Mi dispiace se sono diventato così, so che ti fa stare male.

Rachel: Mi fa star male il fatto che non vuoi aprirti con me.

Drake: Cosa dovrei dirti?

Rachel: Lo sai.

Miss Fortuna finisce la sigaretta e la getta giù dalla terrazza mentre Drake abbassa lo sguardo.

Drake: E' anche colpa loro...

La CEO delle Fortuna Industries posa lo sguardo su The Dragon.

Drake: Samantha, Dixon e Maivia... A loro non interessa nulla del mio sogno.

Rachel: Non è vero Chris.

Drake: Invece sì! Samantha mi voleva vittorioso ad Indoor War solo per una sua vendetta personale contro Leon Black e per aggiungere un titolo alla bacheca dei "suoi" successi! Non l'hai sentita? Per lei è come se avessimo vinto contro Leon vista l'umiliazione verbale che lei e Dixon gli hanno dato. Il fatto che io abbia perso il match che attendevo da una vita per lei non conta nulla.

Rachel: E che vuoi fare, abbandonare i Guardians Of Truth? Voi siete una parte fondamentale per Il Grande Piano.

Drake: Non me ne frega niente de Il Grande Piano, non me ne frega nulla della Confraternita del Chaos, non me ne frega nulla dell'Ordine di Fortuna, non me ne frega nulla di Alisa, non me ne frega nulla della TWC, non me ne frega nulla della FWP, non me ne frega nulla delle vendette personali tue, di Samantha e degli altri! A me interessa solo divenire campione mondiale!

Miss Fortuna si stacca dalla ringhiera ed ora va a pochi centimetri dal wrestler.

Rachel: E lo sarai! Ora sei nella promotion che detiene l'unico, vero, indiscusso titolo mondiale, il FWP World Wrestling Championship, sei nei quarti di finale del torneo che lo assegnerà e dalla tua parte hai chi comanda in quella promotion. Il punto è che io devo recitare la parte della brava presidentessa imparziale e non posso aiutarti esplicitamente, per questo ci sono i Guardians Of Truth.

Drake: Hmpf. E se ai quarti incontrassi Maivia? Samantha e Dixon chi aiuterebbero?

Rachel: Se per te è così importante sarà lo stesso Maivia a farsi da parte per il bene del gruppo.

Drake: E se incontrassi Dixon in finale?

Rachel: Idem. Fidati di me Chris, lo sai che io comando ogni singola azione di Samantha e se vorrai essere campione mondiale allora farò in modo che accada.

Drake: Grazie Rachel.

The Dragon sorride, sorriso ricambiato dalla ragazza che ora lo abbraccia. Dopo qualche istante i due si staccano e si voltano verso lo skyline di New York con Drake che poggia un braccio sulle spalle di Miss Fortuna.

Drake: Pensi che qualcuno lo abbia capito?

Rachel: No.

Drake: Beh la D. nel tuo nome può indurre qualcuno a capire, inoltre i più informati sanno che Fortuna è un cognome acquisito solo per la tua posizione nell'Ordine e nelle Industries.

Rachel: Tranquillo Chris, a parte i nostri nemici che ormai abbiamo eliminato nessuno sa che il mio vero nome è Rachel Drake.

Drake: Sei la sorella migliore del mondo.

I due si scambiano un sorriso e le immagini si interrompono.

[To Be Continued...]


Top
 Profilo  
Rispondi citando  

Re: TWC - News from Indoor War
MessaggioInviato: 18/10/2015, 17:18 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: 15/07/2013, 14:45
Messaggi: 326
Immagine


ASHES TO ASHES

Spoiler:

Episodio 5: The butterfly effect.


Il buio ci accoglie, un ticchettio d’orologio disturba la quiete. La luce irrompe dopo un clic, la stanza che si rivela è molto piccola e satura, un armadio riempie gran parte dello spazio: su questo sono poggiate diverse scatole, una pila di riviste, alcune bottiglie di vetro e tanta, tanta polvere, che si solleva quando Sidney entra e cerca qualcosa fra le scatole.

Immagine


La ragazza si dirige direttamente verso le bottiglie, ne prende una piccola di color marrone, dopo aver letto l’etichetta. La seguiamo mentre chiude luce e porta e si dirige verso un’altra stanza, dove troviamo un uomo sdraiato supino su di un letto matrimoniale, con una vistosissima benda che gli copre tutto il viso.

Sidney: Randy, prendi.

Sidney versa il contenuto della bottiglietta in un bicchiere sul comodino affianco all’uomo, che si siede e alza la benda per liberare le labbra e bere.

Sidney: Contento per domani?

Il ragazzo annuisce, mentre rimette a posto il bendaggio.

Sidney: Ho paura delle condizioni di quel posto, magari andare lì aggraverà la situazione.

Randy fa spallucce e scuote il capo.

Sidney: Non possiamo entrare in ospedale? Chiederemo ad Harvey delle nuove identità.

Si sente un sospiro, Randy alza il braccio sinistro e sfrega il pollice sull’indice e il medio della stessa mano, per poi chiudere il pugno lasciando stesi indice e pollice a mo’ di pistola, e scuotere la mano. Passa qualche secondo, nel silenzio della stanza.

Sidney: Vaffanculo, spero ti dicano di non parlare per un altro mese.

La bionda se ne va, Randy le mostra il dito medio.

*qualche giorno dopo*


Robert è nella stanza con Sidney e Randy, ancora bendato e sdraiato su una brandina, in una stanza molto illuminata ma senza finestre.

Immagine


L’uomo ha macchie scure sulla pelle, è completamente pelato, quasi senza soppracciglia. Randy si move nel letto

Robert: Si sta svegliando?

Sidney: Sembra…

Robert: Randy? Mi senti?

Randy conferma emettendo un suono. Gli occhi di Sindey si illuminano.

Sidney: Riesci a parlare?

Randy lascia passare qualche secondo, per poi ruttare rumorosamente.

Randy: No.

La bionda sorride e abbraccia il ragazzo, Robert guarda a terra e annuisce, poi si gira al rumore di una porta che si apre.

Immagine


Colin, vestito con un camice bianco, fa il suo ingresso.

Robert: Colin!

L’uomo indica Randy.

Robert: Può parlare?

Colin: Non ha mai avuto problemi a farlo, certo che può.

Robert: Perché cazzo stava zitto allora prima?

Colin: Magari gli faceva male, è difficile muovere le labbra con quelle bruciature. È difficile farlo anche in queste condizioni, ma l’ho imbottito di antidolorifici.

Robert e Sidney si girano vero Colin.

Colin: È un amico.

Robert annuisce, Sidney aggrotta le sopracciglia.

Colin: Bene, questo nuovo bendaggio è l’ultimo, ho operato per l’ultima volta. Non rischio più, è roba da ospedale, io mi occupo di cani e cavalli.

Sidney: Insomma, ci scarichi.

Il dottore annuisce.

Colin: Esatto. E farete meglio ad andarvene da qui, ve l’avevo detto. In parecchi sanno cos’è successo, mi hanno chiesto di vendervi. Il mio contatto è in Iowa, lui può fare qualcosa. Farete bene ad andarci, qualsiasi sia il prezzo.

Robert e Sidney si scambiano un’occhiata.

Robert: Ok, Colin.

Colin tira fuori un bigliettino dalla tasca destra del suo pantalone e lo consegna a Robert.

Robert: Grazie.

Il dottore annuisce.

Colin: Ora fuori di qui, ok?

Sidney: Tra un attimo.

Frank e Colin si scambiano una stretta di mano, e il dottore esce dalla porta.

Sidney: Robert, noi non abbiamo…

Robert: Lo so. Ma sono disposto a prestarvi qualcosa. La condizione in cui si trova Randy ci offre la possibilità di nuovi lavori, magari alle assicurazioni. Dobbiamo studiare qualcosa, e terrò la vostra parte.

Sidney fissa Robert.

Robert: Magari senza interessi. Ma poi ne riparliamo, intanto offro io.

Randy: Io ho un’idea.

Robert e Sidney guardano Randy mettersi seduto, col viso ancora coperto dalle bende, anche se leggermente alzate sulle labbra.

Randy: Lasciamo stare le truffe. Saremo riconoscibili, io sicuramente. Possiamo fare un solo grande colpo e poi lasciare, ma ci staranno dietro. E per un colpo piccolo non rischio la riconoscibilità. Inoltre saremo costretti a spostarci dopo, e l’Iowa non è un paese ricco. Ci sono solo idioti campagnoli e mucche. Io direi di sperimentale qualche furto.

Robert alza quel che rimane del suo sopracciglio sinistro.

Randy: È l’unica cosa che potremmo fare con una maschera addosso, presa la mano in Iowa possiamo spostarci. Frank, tu sai studiare le parti tecniche; Cindy, tu sai come non lasciare tracce.

Passa qualche secondo.

Robert: Ci penseremo.

*camera fades*


Top
 Profilo  
Rispondi citando  

Re: TWC - News from Indoor War
MessaggioInviato: 18/10/2015, 21:07 
Non connesso

Iscritto il: 14/10/2015, 20:27
Messaggi: 5
Clueless?

A is just a convention.

Think outside the box.

Don't run.

Don't run.

26,25,24,23!
26,25,24,23!
26,25,24,23!
26,25,24,23!
26,25,24,23!
26,25,24,23!
26,25,24,23!
26,25,24,23!
26,25,24,23!
26,25,24,23!
26,25,24,23!
26,25,24,23!
26,25,24,23!
26,25,24,23!
26,25,24,23!
26,25,24,23!
26,25,24,23!
26,25,24,23!
26,25,24,23!


Top
 Profilo  
Rispondi citando  

Re: TWC - News from Indoor War
MessaggioInviato: 21/10/2015, 13:11 
Non connesso

Iscritto il: 04/01/2012, 8:02
Messaggi: 18343
Immagine

Immagine

BREAKING NEWS:
GUARDIANS OF TRUTH SOSPESI!

"La TWC annuncia ufficialmente che il Consiglio d'Amministrazione ha deciso all'unanimità a favore della sospensione a tempo indeterminato dei tre membri del team noto col nome di "Guardians of Truth", Chris Drake, Franklin Dixon e Maivia".


Top
 Profilo  
Rispondi citando  

Re: TWC - News from Indoor War
MessaggioInviato: 21/10/2015, 22:28 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: 02/01/2011, 18:39
Messaggi: 8684
Località: Interesting
Immagine


Ci troviamo nella palestra ufficiale TWC, illuminata dalle luci al neon sul soffitto. Al centro della stanza è montato il ring, sopra cui vediamo Leon Black e Lucy Fisher.

ImmagineImmagine


Black è in pantaloncini da basket, e saltella per scaldarsi, mentre Lucy è in maglietta e pantaloni della tuta. Il gigante si sfila l'anello d'argento che porta all'anulare con un movimento fluido e se lo infila in tasca. Poi si avvicina alle corde e recupera una spada coreana di legno, soppesandola con una mano.

LB: Proprio sicura di voler imparare a fare spada coreana?

LF: Sì.

LB: Ci sono lame più efficaci.

LF: È elegante.

LB: Questo è vero. Vieni qua.

Lucy si muove rapidamente verso Black, che la fa voltare, consegnadole l'arma.

LB: Stringila così.

Black la avvolge con le braccia, indicandole la posizione delle mani.

LF: È corta l'elsa.

LB: No. È una spada ad una mano e mezza. Puoi usarla a due mani o con una sola. Però devi abituarti.

Il gigante allarga le braccia e si allontana, permettendo alla ragazza di voltari.

LB: Colpiscimi.

Lucy lo guarda strabuzzando gli occhi.

LF: Ma ti farei male.

LB: Fidati, no.

Lucy esita per qualche secondo, poi sferra un affondo a destra, ma Leon si sposta all'indietro, evitando il colpo.

LB: Lento.

LF: Non mi avevi detto ti saresti spostato.

LB: Non ho detto che sarei stato fermo.

Lucy sbuffa e prova un altro colpo, che Black schiva nuovamente. La ragazza però tenta un taglio, questa volta muovendosi più velocemente. Il gigante lo avita con una capriola, finendo dietro la ragazza. Questa prova a girarsi e a colpirlo, ma lui si è già mosso lateralmente. Lucy si ferma e si mette in posizione, osservando il suo amico. Poi inizia a muoversi, menando fendeti sempre più ravvicinati e rapidi. Black li evita tutti, finchè non intrappola la lama di legno con i palmi delle mani.

LF: Se troppo veloce.

LB: Sei troppo lenta.

??: Hey champ, penso tu abbia dimenticato questa nello spogliatoio.

Leon e Lucy si girano immediatamente in direzione della voce e vediamo che, da una zona in penombra della palestra, si avvicina una persona. Dopo poco, le luci al neon illuminano il volto di questa figura, che si rivela essere Sean Morgan, il neo acquisto della TWC. Notiamo come Morgan porti in spalle la cintura da World Champion di Black.

Immagine


SM: E' un peccato abbandonare un titolo di tale valore, anche se devo dire che sta molto meglio addosso a me che a te.

Ghigno di Morgan, che, finalmente, entra nel ring e posa la cintura davanti ai piedi di Black e Lucy.

SM: Oh scusate, non mi sono nemmeno presentato. Piacere di conoscervi, il mio nome è Sean Morgan, The Unstoppable Machine, nonchè nuovo nuovo acquisto della TWC. Piacere di fare la vostra conoscenza.

Ecco che Sean allunga la mano in direzione dei due.

LB: Leon Black. Per te Black.

Il gigante stringe brevemente la mano dell'altro, per poi chinarsi e raccogliere la cintura, rialzandosi portandola in spalla.

LB: Quindi tu sei la recluta, giusto? Non prendertela, ma non mi hai impressionato. Questo è solo l'inizio. Battere Max Powell. Per fortuna che è solo l'inizio, oserei aggiungere. Comunque, visto che sei nuovo, lascia che ti spieghi come funziona la TWC.

Black tossisce un secondo, poi sorride, arricciando il lato sinistro della bocca.

LB: In TWC, la prima cosa da fare è scegliere se piacere a me o a Sigfried Jager. Di conseguenza non devi piacere all'altro. A questo punto, devi trovarti qualche disgraziato da picchiare, batterlo, e vantarti dell'impresa. Forse la parte due l'hai già superata, ma per non sbagliare ti consiglio di rifarlo. A quel punto puoi iniziare a parlare male del tizio a cui non piaci, nel mentre che ti picchi con gente che gli piace. Ed è fatta. Ma la grossa domanda è: Sean, tu mi piaci o no?

SM: Spiegazione eccellente, Black. Devi essertela preparata e magari l'hai già detta ad altri prima di me, ma penso tu abbia dimenticato una cosa importante, fondamentale oserei dire: io non sono qui per piacere a te o a Sigfried, e, se proprio devo dirtelo, non mi piacete nemmeno. Io sono qui solamente per me stesso, non ho bisogno di creare alleanze o farmi amicizie se non lo ritengo necessario e scegliere tra te e Sigfried la ritengo molto futile come decisione.

Morgan prende una pausa, alzando un sopracciglio.

SM: Ma forse, Leo.. Oh scusa, Black. Forse Black sei così preparato da avere già pronta una risposta alla tua stessa domanda. Perciò dimmi, ti piaccio o no?

Black sospira lentamente.

LB: Peccato. Hai dato una risposta talmente tanto prevedibile che sono in imbarazzo. Io non devo piacere a nessuno, voi non piacete a me. Non va bene, amico mio. La metà dei miei amici in TWC vorrebbe avere questo titolo.

Black si indica il titolo sulla spalla.

LB: Ti lascio immaginare i miei nemici. È sempre un dispiacere vedere le reclute fare stupidaggini pensandosi intelligenti. E a me non piace chi fa stupidaggini. Quindi, se vuoi una risposta... è no.

SM:Non ritenerti un essere superiore solo perché sei in questo giro da più tempo, la vita mi ha posto davanti situazioni così difficili che ormai nulla mi spaventa.

Morgan ora guarda il World Title.

SM: Non mi stupisce in ogni caso quello che hai detto, io non sono uno che piace alla gente e non pretendo nemmeno di esserlo. Tutto quello che conta per me è la vittoria, la gloria e quel titolo rappresenta tutto quello per cui sono qui. Perciò attento Black, perché prima o poi, arriverò pure io a bussare alla tua porta per quella cintura e lì vedrai che il tuo intelletto superiore ti servirà a poco quando ti ritroverai uno contro uno con me.

L'attenzione di Sean si sposta ora su Lucy Fisher, con The Orphan che si pone davanti a lei.

SM: Sai, non è molto cortese non presentarsi alle persone. Qualcuno qui dovrebbe insegnarti le buone maniere, ma forse è troppo impegnato con la spada coreana.

LF: Di solito evito di stare fuori dalle discussioni in cui rischio di scivolare sul testosterone. E questo era un ottimo esempio di una conversazione del genere. Se ti interessa, cosa di cui dubito, io sono Lucy Fisher. Ma probabilmente lo sapevi già.

LB: Lucinda, non essere scortese.

LF: Mi mettevo solo al vostro livello.

SM: Ma che onore fare la tua conoscenza, Lucinda. Peccato, però, che tu mi dia l'idea di una persona scialba e senza personalità. La prossima volta evito di chiamarti in causa.

Sean fa poi un occhiolino a Lucy, che sposta rapidamente la spada, fermandola ad un centimetro dal naso dell'uomo.

LF: Posso darti un consiglio? Non chiamarmi Lucinda.

LB: Amico, sei fregato.

Il gigante ridacchia, osservando Lucy che punta la spada.

SM: Che fissazione che avete sui nomi qui.

Con un gesto Morgan cerca di spostare la spada dalla faccia, ma Lucy prontamente la ripunta verso il nemico.

SM: Tranquilla, Lucy, non colpirei mai una donna per così poco. E la spada coreana nemmeno mi interessa, quindi possiamo finirla qui con questa scenata. Non trovi, Black?

LB: Credo sia lei che colpirebbe te. Forse dovresti scusarti. I nomi sono importanti.

SM: Non penso. Mi ero fatto un'idea sbagliata su di te, Lucy, quindi non penso tu mi colpiresti sapendo di non ottenere una reazione da me, tu vuoi la lotta. Ma, sfortunatamente, non sono quel tipo di uomo. Però comunque, ti faccio le mie sincere scuse.

The Orphan riprova, più lentamente, a togliersi la spada dal volto e, questa volta, Lucy sembra lasciare stare.

SM:Complimenti per la scelta, Black. Ora, finita la breve lezione di spada coreana, torniamo a parlare di cose importanti. Come stavo dicendo, quel titolo che rappresenta così tanto per me che è bruttissimo esserci così vicino e non poterlo quasi nemmeno toccare. Ma ti prometto che sarò io a toglierti quella cintura, prima ancora di quanto tu possa immaginare.

LB: E questo me lo hanno detto solo in quattordici, invece. Stai migliorando. In un paio d'anni potresti essere anche originale. Dimmi, e quando pensi di farlo?

SM: Fosse per me, lo farei pure ora, qui. Vuoi l'originalità no? Beh, una difesa titolata nella palestra ufficiale della TWC sarebbe una cosa che ti porteresti dietro per molto tempo. Però, da quanto sono scontato, preferirei farlo davanti ad un pubblico, in televisione, con una certa atmosfera. Dovresti sapere come funziona, io devo farmi un nome qui e ho bisogno dei giusti palcoscenici, lascio a te la scelta di quale palcoscenico.

Black ridacchia.

LB: Sai, ti avevo giudicato male. Sei divertente. Hai ufficialmente un match. Questo venerdì. Per il mio titolo. Però fai attenzione. Io non sono Max Powell.

Black si scrocchia il collo.

LB: E ascoltami bene. Nella remota ipotesi tu perdessi. Non voglio averti più intorno. Chiaro?

SM: Proprio ciò a cui auspicavo. Andata Black, io e te, Indoor War, World Title on the line. Tranquillo, so che non sei come Max Powell, non sono così ingenuo come pensi, so a cosa vado incontro e accetto qualsiasi tua condizione: se venerdì perdo non mi vedrai più intorno a te per molto tempo.

Sean ora guarda la spada coreana, ancora in mano a Lucy.

SM: Anzi, ti prometto che farò in modo che voi due possiate allenarvi con la spada senza che io sia qui, faremo dei turni in modo da non incontrarci più fino a che il destino non ci riserverà un altro scontro.

Black annuisce, poi si siede sulle corde, invitando Lucy ad uscire. Mentre la ragazza passa il gigante guarda ancora Morgan.

LB: Un ultimo consiglio da veterano. Trovati un alleato. Continua da solo e non sopravviverai due settimane.

SM: Lo terrò a mente, Black. Magari lo vedrai già al mio fianco a Indoor Way, o magari no. Potrebbe essere una delle ultime volte che ci incontriamo, quindi colgo l'occasione per salutare Lucy.

Sean poi sale sul paletto del ring indicando Leon e facendo il gesto della cintura.

SM: A presto, Champ!

Black esce dal ring, scuotendo la testa, ed insieme a Lucy si allontana.


Top
 Profilo  
Rispondi citando  

Re: TWC - News from Indoor War
MessaggioInviato: 21/10/2015, 22:28 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: 02/01/2011, 18:39
Messaggi: 8684
Località: Interesting
Immagine


Ci troviamo nella palestra ufficiale TWC, illuminata dalle luci al neon sul soffitto. Al centro della stanza è montato il ring, sopra cui vediamo Leon Black e Lucy Fisher.

ImmagineImmagine


Black è in pantaloncini da basket, e saltella per scaldarsi, mentre Lucy è in maglietta e pantaloni della tuta. Il gigante si sfila l'anello d'argento che porta all'anulare con un movimento fluido e se lo infila in tasca. Poi si avvicina alle corde e recupera una spada coreana di legno, soppesandola con una mano.

LB: Proprio sicura di voler imparare a fare spada coreana?

LF: Sì.

LB: Ci sono lame più efficaci.

LF: È elegante.

LB: Questo è vero. Vieni qua.

Lucy si muove rapidamente verso Black, che la fa voltare, consegnadole l'arma.

LB: Stringila così.

Black la avvolge con le braccia, indicandole la posizione delle mani.

LF: È corta l'elsa.

LB: No. È una spada ad una mano e mezza. Puoi usarla a due mani o con una sola. Però devi abituarti.

Il gigante allarga le braccia e si allontana, permettendo alla ragazza di voltari.

LB: Colpiscimi.

Lucy lo guarda strabuzzando gli occhi.

LF: Ma ti farei male.

LB: Fidati, no.

Lucy esita per qualche secondo, poi sferra un affondo a destra, ma Leon si sposta all'indietro, evitando il colpo.

LB: Lento.

LF: Non mi avevi detto ti saresti spostato.

LB: Non ho detto che sarei stato fermo.

Lucy sbuffa e prova un altro colpo, che Black schiva nuovamente. La ragazza però tenta un taglio, questa volta muovendosi più velocemente. Il gigante lo avita con una capriola, finendo dietro la ragazza. Questa prova a girarsi e a colpirlo, ma lui si è già mosso lateralmente. Lucy si ferma e si mette in posizione, osservando il suo amico. Poi inizia a muoversi, menando fendeti sempre più ravvicinati e rapidi. Black li evita tutti, finchè non intrappola la lama di legno con i palmi delle mani.

LF: Se troppo veloce.

LB: Sei troppo lenta.

??: Hey champ, penso tu abbia dimenticato questa nello spogliatoio.

Leon e Lucy si girano immediatamente in direzione della voce e vediamo che, da una zona in penombra della palestra, si avvicina una persona. Dopo poco, le luci al neon illuminano il volto di questa figura, che si rivela essere Sean Morgan, il neo acquisto della TWC. Notiamo come Morgan porti in spalle la cintura da World Champion di Black.

Immagine


SM: E' un peccato abbandonare un titolo di tale valore, anche se devo dire che sta molto meglio addosso a me che a te.

Ghigno di Morgan, che, finalmente, entra nel ring e posa la cintura davanti ai piedi di Black e Lucy.

SM: Oh scusate, non mi sono nemmeno presentato. Piacere di conoscervi, il mio nome è Sean Morgan, The Unstoppable Machine, nonchè nuovo nuovo acquisto della TWC. Piacere di fare la vostra conoscenza.

Ecco che Sean allunga la mano in direzione dei due.

LB: Leon Black. Per te Black.

Il gigante stringe brevemente la mano dell'altro, per poi chinarsi e raccogliere la cintura, rialzandosi portandola in spalla.

LB: Quindi tu sei la recluta, giusto? Non prendertela, ma non mi hai impressionato. Questo è solo l'inizio. Battere Max Powell. Per fortuna che è solo l'inizio, oserei aggiungere. Comunque, visto che sei nuovo, lascia che ti spieghi come funziona la TWC.

Black tossisce un secondo, poi sorride, arricciando il lato sinistro della bocca.

LB: In TWC, la prima cosa da fare è scegliere se piacere a me o a Sigfried Jager. Di conseguenza non devi piacere all'altro. A questo punto, devi trovarti qualche disgraziato da picchiare, batterlo, e vantarti dell'impresa. Forse la parte due l'hai già superata, ma per non sbagliare ti consiglio di rifarlo. A quel punto puoi iniziare a parlare male del tizio a cui non piaci, nel mentre che ti picchi con gente che gli piace. Ed è fatta. Ma la grossa domanda è: Sean, tu mi piaci o no?

SM: Spiegazione eccellente, Black. Devi essertela preparata e magari l'hai già detta ad altri prima di me, ma penso tu abbia dimenticato una cosa importante, fondamentale oserei dire: io non sono qui per piacere a te o a Sigfried, e, se proprio devo dirtelo, non mi piacete nemmeno. Io sono qui solamente per me stesso, non ho bisogno di creare alleanze o farmi amicizie se non lo ritengo necessario e scegliere tra te e Sigfried la ritengo molto futile come decisione.

Morgan prende una pausa, alzando un sopracciglio.

SM: Ma forse, Leo.. Oh scusa, Black. Forse Black sei così preparato da avere già pronta una risposta alla tua stessa domanda. Perciò dimmi, ti piaccio o no?

Black sospira lentamente.

LB: Peccato. Hai dato una risposta talmente tanto prevedibile che sono in imbarazzo. Io non devo piacere a nessuno, voi non piacete a me. Non va bene, amico mio. La metà dei miei amici in TWC vorrebbe avere questo titolo.

Black si indica il titolo sulla spalla.

LB: Ti lascio immaginare i miei nemici. È sempre un dispiacere vedere le reclute fare stupidaggini pensandosi intelligenti. E a me non piace chi fa stupidaggini. Quindi, se vuoi una risposta... è no.

SM:Non ritenerti un essere superiore solo perché sei in questo giro da più tempo, la vita mi ha posto davanti situazioni così difficili che ormai nulla mi spaventa.

Morgan ora guarda il World Title.

SM: Non mi stupisce in ogni caso quello che hai detto, io non sono uno che piace alla gente e non pretendo nemmeno di esserlo. Tutto quello che conta per me è la vittoria, la gloria e quel titolo rappresenta tutto quello per cui sono qui. Perciò attento Black, perché prima o poi, arriverò pure io a bussare alla tua porta per quella cintura e lì vedrai che il tuo intelletto superiore ti servirà a poco quando ti ritroverai uno contro uno con me.

L'attenzione di Sean si sposta ora su Lucy Fisher, con The Orphan che si pone davanti a lei.

SM: Sai, non è molto cortese non presentarsi alle persone. Qualcuno qui dovrebbe insegnarti le buone maniere, ma forse è troppo impegnato con la spada coreana.

LF: Di solito evito di stare fuori dalle discussioni in cui rischio di scivolare sul testosterone. E questo era un ottimo esempio di una conversazione del genere. Se ti interessa, cosa di cui dubito, io sono Lucy Fisher. Ma probabilmente lo sapevi già.

LB: Lucinda, non essere scortese.

LF: Mi mettevo solo al vostro livello.

SM: Ma che onore fare la tua conoscenza, Lucinda. Peccato, però, che tu mi dia l'idea di una persona scialba e senza personalità. La prossima volta evito di chiamarti in causa.

Sean fa poi un occhiolino a Lucy, che sposta rapidamente la spada, fermandola ad un centimetro dal naso dell'uomo.

LF: Posso darti un consiglio? Non chiamarmi Lucinda.

LB: Amico, sei fregato.

Il gigante ridacchia, osservando Lucy che punta la spada.

SM: Che fissazione che avete sui nomi qui.

Con un gesto Morgan cerca di spostare la spada dalla faccia, ma Lucy prontamente la ripunta verso il nemico.

SM: Tranquilla, Lucy, non colpirei mai una donna per così poco. E la spada coreana nemmeno mi interessa, quindi possiamo finirla qui con questa scenata. Non trovi, Black?

LB: Credo sia lei che colpirebbe te. Forse dovresti scusarti. I nomi sono importanti.

SM: Non penso. Mi ero fatto un'idea sbagliata su di te, Lucy, quindi non penso tu mi colpiresti sapendo di non ottenere una reazione da me, tu vuoi la lotta. Ma, sfortunatamente, non sono quel tipo di uomo. Però comunque, ti faccio le mie sincere scuse.

The Orphan riprova, più lentamente, a togliersi la spada dal volto e, questa volta, Lucy sembra lasciare stare.

SM:Complimenti per la scelta, Black. Ora, finita la breve lezione di spada coreana, torniamo a parlare di cose importanti. Come stavo dicendo, quel titolo che rappresenta così tanto per me che è bruttissimo esserci così vicino e non poterlo quasi nemmeno toccare. Ma ti prometto che sarò io a toglierti quella cintura, prima ancora di quanto tu possa immaginare.

LB: E questo me lo hanno detto solo in quattordici, invece. Stai migliorando. In un paio d'anni potresti essere anche originale. Dimmi, e quando pensi di farlo?

SM: Fosse per me, lo farei pure ora, qui. Vuoi l'originalità no? Beh, una difesa titolata nella palestra ufficiale della TWC sarebbe una cosa che ti porteresti dietro per molto tempo. Però, da quanto sono scontato, preferirei farlo davanti ad un pubblico, in televisione, con una certa atmosfera. Dovresti sapere come funziona, io devo farmi un nome qui e ho bisogno dei giusti palcoscenici, lascio a te la scelta di quale palcoscenico.

Black ridacchia.

LB: Sai, ti avevo giudicato male. Sei divertente. Hai ufficialmente un match. Questo venerdì. Per il mio titolo. Però fai attenzione. Io non sono Max Powell.

Black si scrocchia il collo.

LB: E ascoltami bene. Nella remota ipotesi tu perdessi. Non voglio averti più intorno. Chiaro?

SM: Proprio ciò a cui auspicavo. Andata Black, io e te, Indoor War, World Title on the line. Tranquillo, so che non sei come Max Powell, non sono così ingenuo come pensi, so a cosa vado incontro e accetto qualsiasi tua condizione: se venerdì perdo non mi vedrai più intorno a te per molto tempo.

Sean ora guarda la spada coreana, ancora in mano a Lucy.

SM: Anzi, ti prometto che farò in modo che voi due possiate allenarvi con la spada senza che io sia qui, faremo dei turni in modo da non incontrarci più fino a che il destino non ci riserverà un altro scontro.

Black annuisce, poi si siede sulle corde, invitando Lucy ad uscire. Mentre la ragazza passa il gigante guarda ancora Morgan.

LB: Un ultimo consiglio da veterano. Trovati un alleato. Continua da solo e non sopravviverai due settimane.

SM: Lo terrò a mente, Black. Magari lo vedrai già al mio fianco a Indoor Way, o magari no. Potrebbe essere una delle ultime volte che ci incontriamo, quindi colgo l'occasione per salutare Lucy.

Sean poi sale sul paletto del ring indicando Leon e facendo il gesto della cintura.

SM: A presto, Champ!

Black esce dal ring, scuotendo la testa, ed insieme a Lucy si allontana.


Top
 Profilo  
Rispondi citando  

Re: TWC - News from Indoor War
MessaggioInviato: 22/10/2015, 13:30 
Non connesso

Iscritto il: 04/01/2012, 8:02
Messaggi: 18343
Immagine


BREAKING NEWS: SAMANTHA HART SOSPESA!

"Dopo la sospensione dei Guardians of Truth, il Consiglio d'Amministrazione della TWC ha votato all'unanimità a favore della sospensione di Samantha Hart. Per lei sono state adottate sanzioni più gravi."


Top
 Profilo  
Rispondi citando  

Re: TWC - News from Indoor War
MessaggioInviato: 22/10/2015, 20:57 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: 15/07/2013, 14:45
Messaggi: 326
Immagine

LIVE TOMORROW ON INDOOR WAR
FROM ALBUQUERQUE, NEW MEXICO

FIFTEEN BOOM CHALLENGE


Immagine

...and you are all invited.


Top
 Profilo  
Rispondi citando  

Re: TWC - News from Indoor War
MessaggioInviato: 25/10/2015, 22:51 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: 02/01/2011, 18:39
Messaggi: 8684
Località: Interesting
The Burden


Siamo in una chiesa, forse una cattedrale, in pieno stile gotico. Una foresta di colonne che sembra infinita cinge la navata centrale, immersa in un denso fumo biancastro, illuminata solo da delle candele. Dietro l'altare c'è una gigantesca vetrata rappresentante la crocifissione, mentre statue di figure incappucciate fanno capolino da sopra i capitelli delle colonne. Una litania in quello che sembra latino si sparge per l'ambiente, ma è appena udibile, quasi come se fosse mormorata a bocca chiusa. E Leonard Black, appoggiato su una delle tantissime panche in mogano, sorride con il suo solito sorriso sghembo. Il gigante è vestito con giacca, pantaloni, scarpe, camicia e cintura neri. Lentamente una figura vestita da prete si avvicina, ma non riusciamo mai a scorgere il suo volto.

Immagine


???: Salve, figliolo.

LB: Salve, padre.

???: Quanto tempo è passato?

LB: Una vita.

???: Non a sufficienza, quindi.

LB: Non a sufficienza.

???: Cosa ti porta qui, figliolo?

LB: Lo sa, padre. Sta tornando.

???: Questa cosa dei video ti mette in difficoltà, vero?

LB: Sì. Il problema è che non so chi sia ad averli messi in rete.

???: Sicuro sia quello il problema, figliolo?

LB: Anche. Poi non voglio che qualcuno veda quei video.

???: Perché, figliolo?

LB: Perché è la mia storia, padre.

???: E non ne vai fiero?

LB: No. Non ne vado fiero. Quello è il mio fardello. Ed è sempre più pesante.

???: È quello che ti meriti, figliolo, per quello che hai fatto.

LB: Lo so, padre, ma è difficile sopportarlo.

???: Ma non è solo questo che ti turba, giusto?

LB: No.

???: Hai ancora paura di quello che possa succedere se seguirai il tuo istinto?

LB: Sì padre.

???: Ma l'immobilismo non ti aiuterà.

LB: Finché non cambia nulla, nessuno soffrirà.

???: Ne sei sicuro?

LB: No.

???: Il tuo fardello potrebbe essere meno pesante.

LB: O molto di più.

???: L'importante è che non scompaia. Finché tu porterai questo fardello, saremo salvi. È la tua maledizione, ma anche la tua benedizione. Se scomparisse... saremmo cenere.

LB: Non vedo la benedizione, padre.

???: E dimmi, credi sempre che la unica felicità possibile sia essere Dio?

LB: Sì.

???: Domani c'è un funerale. Verrai?

LB: Come sempre padre.


Top
 Profilo  
Rispondi citando  

Re: TWC - News from Indoor War
MessaggioInviato: 26/10/2015, 0:11 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: 24/12/2010, 18:48
Messaggi: 12065
Località: Baretto Kurabu
Immagine




And now, on UFC 151. Brunild Wagner, l’imbattuta International Sensation della Bruderschaft Der Krahe Incorporated, a breve esordirà per la prima volta in un PPV della UFC, dove affronterà la sfida più importante della sua carriera in Unlimited Fighting Championship, andando a giocarsi il ruolo di First Contender per il UFC Women’s Bantamweight Championship contro Julia Becks, live dal Mandalay Bay Events Center di Las Vegas, Nevada.

Immagine


Le immagini si spostano all’interno dell’arena del casinò, che come vediamo ha registrato il pienone di spettatori. C’è grandissimo interesse infatti per assistere al match che potrebbe consegnare alla Valkyria della UFC la chance rincorsa da mesi per affrontare la campionessa in carica da oltre un anno, Miesha Fate.

Immagine


Come detto in precedenza, vediamo nel video di presentazione e nella grafica che ci viene proposta, l’ultimo scoglio per arrivare alla chance mondiale per l’astro nascente delle MMA proveniente da Ravensburg, è rappresentato da Julia Becks, numero tre del ranking delle sfidanti della Bantamweight Division, solo una posizione sotto Brunild Wagner.

ImmagineImmagineImmagine


E dopo aver sconfitto una specialista nell'arte del Brasilian Jiu Jitsu quale Sarah D’Angelo, la Valkyria della UFC si ritrova di fronte una temibile campionessa di Muay Thai. Julia Becks inoltre vanta un discreto curriculum nelle MMA, con due vittorie importanti e una sola sconfitta. E adesso, mentre attendiamo l’ingresso delle due fighter per questo imperdibile Co-Main Event, rivediamo una clip riguardante la sessione di weigh-in tenutasi ieri pomeriggio davanti a una vasta platea di addetti ai lavori e giornalisti.

Spoiler:
Immagine


La prima a sottoporsi alla cerimonia del peso è Julia Becks, che vediamo assolutamente in palla e determinata a interrompere la streak in MMA dell’avversaria.

Immagine


Successivamente è il turno di Brunild Wagner, che nonostante i fatti accaduti il giorno prima in quel di Albuquerque durante Friday Night Indoor War, sembra voler fugare il nervosismo di venerdì accennando anche un vago sorriso prima di scendere dalla bilancia.

Immagine


E infine ecco il classico confronto tra le due avversarie, che si fronteggiano in silenzio per qualche secondo, dopo di che si girano verso i fotografi per un’ultima salva di falsh prima di lasciare il palco.


Immagine


E attenzione, anche la UFC Women’s Bantamweight Cahmpion Miesha Fate è presente stasera per assistere a questo incontro che decreterà la sua prossima avversaria. Per la grande campionessa questa è la prima volta in cui assiste dal vivo a un match di Brunild Wagner. Tra poco comunque capiremo se resterà impressionata o delusa dalla fighter tedesca. Ma adesso le luci si abbassano e iniziano a diventare intermittenti tra l’esultanza dei fan. E’ giunto finalmente il momento dell’ingresso delle due Mix Martial Artist che disputeranno il Co.Main Event di UFC151!



Nell’arena inizia a risuonare Out Here All Night dei Damone, la prima a fare il proprio ingresso sarà perciò Julia Becks! Le immagini ci mostrano la fighter canadese che cammina nel backstage seguita dal suo entourage di allenatori. Ed ecco Julia Becks uscire nell’arena, e percorrere lo stretto corridoio transennato che porta verso l’Octagon. Una volta arrivata nei pressi degli officials e dei medici, Julia si sveste, restando in tenuta da combattimento, infine rivolge un breve saluto allo staff che l’ha preparata per l’incontro. Dopo il consueto rituale della pomata sul viso, eccola sottoporsi alla solita rapida ispezione al corpo, ai guanti da MMA e al paradenti. Infine l’atleta della British Columbia riceve l’ok per entrare dentro l’Octagon. Una volta entrata, Julia Becks si piazza nel suo Blue Corner, mentre alle sue spalle il suo team srotola il manifesto degli sponsor da dietro la gabbia.

Immagine


Come sempre, ricordiamo ai telespettatori occasionali le regole degli incontri di PPV della UFC: tre giudici seguiranno i match a bordo ring; gli incontri dell’undercard avranno una durata massima di tre riprese da cinque minuti ciascuna, mentre quelli della Main Card, come questo, dureranno fino a cinque riprese, previa ovviamente l’interruzione prima del limite; il combattente che secondo i giudici vincerà il round, otterrà dieci punti, mentre l’avversario ne avrà da nove in giù. Le valutazioni dei giudici si baseranno, di ripresa in ripresa, sui colpi effettivi messi a segno, le prese completate, l’aggressività dei fighter e il controllo dell’ottagono messo in mostra.



Ed ecco che le luci del Mandalay Bay Events Center di Las Vegas si abbassano nuovamente, assumendo una tonalità bluastra, mentre nell’aria risuona The Mission dei Puscifer. E il pubblico si scalda e applude non appena vediamo la temibile Valkyria della UFC comparire sugli schermi mentre avanza rapidamente nel backstage fino a entrare nell’arena.

Immagine


Come sempre la concentratissima fighter tedesca indossa una felpa con cappuccio alzato, pantaloni lunghi e cuffie abbassate al collo, tutto rigorosamente marchiato Bruderschaft Der Krahe Incorporated. E attenzione, alle sue spalle possiamo notare che tra il suo entourage l’Armbreaker si è portata i suoi migliori amici, ovvero “Superstar” Sigfried Jaeger e “The Hound” Gunther Schmidt!

ImmagineImmagine


Evidentemente i due colleghi e compagni della TWC non potevano mancare a questo appuntamento fondamentale per la loro carissima amica. Una volta arrivata ai piedi dell’ottagono, Brunild si toglie via via i suoi accessori e vestiti, rimanendo in completo da combattimento. Dopo aver salutato il suo team e abbracciato calorosamente sia Jaeger che Schmidt, la Valkyria si fa mettere il paradenti, poi si sottopone al rituale della pomata per i tagli al viso e al controllo d’ufficio tenuto da un official UFC, infine anche lei ha il via libera per salire nell’Octagon. Una volta entrata all’interno del ring dagli otto lati, Brunild Wagner raggiunge il Red Corner, scaldandosi come fa di solito per rompere la tensione che precede il combattimento, mentre dietro di lei viene calato il manifesto della BDK Inc. e degli sponsor.

Immagine


E ora, come di consueto, Tale of the Tape per noi: 27 anni per Brunild Wagner contro i 32 della canadese Julia Becks. Questa volta la Valkyria è leggermente in svantaggio riguardo l’allungo dei colpi, mentre il peso e l’altezza sono pressochè alla pari. Ma adesso passiamo alle presentazioni ufficiali. E come sempre, la parola va al nostro grande Bruce Buffett, the Voice of the Octagon!

Immagine


Il leggendario ring announcer ufficiale della UFC si guarda intorno dal centro dell’Octagon, dopo di che eccolo partire col suo show.

BB: Ladies and gentlemen. This is, the Co-Maaain Eveeent of the evening!!!

Dopo aver introdotto e nominato la commissione dei giudici presenti, Buffett parte in quarta.

BB: Aaaaand now!!! This fight is Five Rounds in the UFC Women’s Bantamweight Division!

Buffett si gira e punta il braccio verso Julia Becks.

BB: Introducing first. Fighting, out of the Blue Corner! This woman is a Muay Thai Artist and a MMA Artist, holding a professional record of two wins and one loss. She stands 5-feets-8-inches tall, weighting 135 pounds. Fighting, out of Port Moody, British Columbia, Canada! She is Julia... The Jeweeeeel... Beeeeecks!!!!!

Il ring announcer getta via un altro dei suoi bigliettini, poi si gira improvvisamente e punta il braccio verso Brunild Wagner.

BB: And now! Introducing her opponent. Fighting, out of the Red Corner! This woman is a Judo Fighter and a Professional Wrestler, holding a professional record of three wins and no losses. She stands 5-feet-7-inches tall, weighting 135 pounds. Fighting, out of Ravensburg, Germany! She is Bruniiiiild... The Armbreakeeeer... Waaaaagneeeeer!!!!!

Dopo di che Bruce Buffett torna alla calma e conclude le presentazioni.

BB: And before the action begins, our referee in charge is Herb Deems!

Immagine


Infine Bruce Buffett e gli official della UFC lasciano rapidamente l’Octagon, dove restano soltanto le due combattenti e il referee. Dopo le classiche raccomandazioni dell’arbitro Deems, Brunild Wagner e Julia Becks si toccano i guantoni e poi arretrano ai rispettivi angoli non senza scambiarsi sguardi di fuoco. Ci siamo, tutto è pronto per questo importante Co-Main Event del PPV UFC151, ed ecco l’arbitro fare gli ultimi richiami.

MK: First round fight. Are you ready?

Il referee guarda prima una, poi l'altra. Entrambe annuiscono continuando a fissarsi a distanza.

MK: Let’s fight!

Ed ecco risuonare la campanella tra l’eccitazione del pubblico del Mandalay Bay. Here, we, go!!!


Brunild “The Armbreaker” Wagner (2) vs. Julia Becks (3)

1/3 Round


Ed ecco che le due forti fighter si avvicinano con la guardia alzata. Brunild Wagner si fa subito sotto, ma viene accolta da una violentissima scarica di pugni da parte di Julia Becks! La reazione della Valkyria è immediata, eccola che riuscire a passare la guardia della avversaria bloccandola in un clinch per porre fine ai colpi e spingendola a forza verso la rete d’acciaio. Qui la tedesca inizia a forzare più che può per atterrare Julia Becks, che prova a resistere sfruttando la sua forza.

Immagine


Ecco un feroce tentativo di Hip-Toss da parte della Valkyria. Julia Becks resiste disperatamente, poi però perde l’equilibrio e cade a terra con la Valkyria sopra! Brunild approfitta del vantaggio per bloccare Julia e colpirla con dei pugni pesanti al volto mentre la Becks si copre e cerca di rovesciarsi, dopo di che lo Smiling Crow chiude in una morsa il braccio destro della canadese e tenta subito di applicare la sua Valkyrie’s Rage! Connessa! Julia Becks con la forza della disperazione si ribalta e prova ad alzarsi, ma la presa della tedesca è d’acciaio. La canadese resta in ginocchio con una visibile smorfia di dolore sul volto.

Immagine


Brunild da terra la ribalta di nuovo applicando tutta la sua forza sul braccio. E glielo disloca letteralmente! Alla fine Julia Becks non può far altro che battere la mano sulla gamba dell’avversaria e cedere! And it’s all over!!! Wow! Quarto match disputato dalla ragazza tedesca e quarta vittoria per sottomissione, tutte le volte in meno di un minuto. Semplicemente sensazionale. Mentre il pubblico va in visibilio, Brunild Wagner si è già rialzata in piedi con un sorriso e uno sguardo soddisfatto.

Spoiler:
Immagine


Nel frattempo Julia Becks è in piedi che si dirige verso il proprio angolo tenendosi il braccio, che è già tornato in posizione normale, ma che comunque avrà bisogno di accertamenti medici. Ecco che l’entourage di Brunild sale sull’Octagon per festeggiare la tedesca. Tra questi anche Sigfried Jaeger e Gunther Schmidt, che l’applaudono e l’abbracciano sorridendo. Mentre viene elaborato il verdetto finale da leggere al pubblico, la Valkyria si mette a parlottare con i suoi amici, mimando qualche mossa e annuendo. Ci siamo, ecco lo Smiling Crow andare a centro ring per affiancarsi al referee Herb Deems, mentre dall’altra parte vediamo una sconsolata Julia Becks, che stasera ha perso la grande occasione per competere per il UFC Women’s Bantamweight Championship. La parola ora va a Bruce Buffett!

BB: Ladies and gentlemen. Referee Herb Deems has stopped this contest at 39 seconds of the very First Round, to call the winner by tap out, via Armbar... Bruniiiiild... The Armbreakeeeer... Waaaaagneeeeer!!!!!

L’arbitro Deems alza al cielo il braccio di Brunild Wagner, che sorride dopo la sua quarta vittoria consecutiva in Unlimited Fighting Championship, la prima in PPV. Julia Becks e i suoi allenatori lasciano l’Octagon dopo qualche stretta di mano con l’entourage della tedesca.Ma ora la Valkyria viene raggiunta dal nostro Joe Hogan, che dopo aver stretto la mano a Jaeger e Schmidt, prende da parte Brunild per l’intervista post match.

Immagine


JH: Congratulazioni, ogni volta ci stupisci Brunild. Dopo le polemiche del mese scorso per come era finito l’incontro con Sarah D’Angelo, hai replicato alla tua maniera. Quarta vittoria per sottomissione in meno di un minuto. Wow!

Brunild accenna un sorriso.

BND: Beh, non ho mai dato molto peso alle polemiche fatte via stampa, tuttavia sapevo che stasera dovevo mandare un segnale a certe persone. E per Oden, credo proprio di esserci riuscita pienamente. Now, they Know!

JH: Provo a immaginare che una di queste persone sia la UFC Women’s Bantamweight Champion, ovvero Miesha Fate. Sbaglio?

BND: Non sbagli. La prima è proprio lei.

La Valkyria si gira e punta la zona vip posta dietro i tavoli di commento, dove si trova Miesha Fate. L’americana si alza in piedi, applaudita dai fan e fissa direttamente Brunild con un mezzo sorriso.

BND: Miesha! Stasera hai avuto modo di vedere dal vivo di che pasta sono fatta. Ora che vincendo sono diventata First Contender, hai perso del tutto la chance di evitarmi il più possibile. La Valkyria sta arrivando, Miesha. E i corvi sono affamati. Ci vediamo a fine anno per il titolo, Champ!

Il pubblico si divide sulle parole della Wagner, mentre la campionessa scuote ironicamente il capo. Brunild poi si gira verso Hogan e cambia argomento.

BND: L’altra persona a cui dedico questo messaggio, sperando che a quest’ora non sia già a dormire vista la giovane età, è Elektra Kellis.

Eccola puntare il dito dritto in camera.

BND: Elektra. Quello che hai appena visto altro non è che quello che ti accadrà a TWC End is Near. A oggi sono già presa in custodia il tuo titolo. A dicembre, oltre a ottenere l’ufficialità come WFSS Woman World Champion, mi prenderò anche un tuo braccio come souvenir. Quanto alla dignità, quel poco che ti restava l’hai buttato via venerdì scorso. Punto.

Lo Smiling Crow fa un sorriso gelido in camera, mentre alle spalle Sigfried e Gunther annuiscono. Dopo di ché Brunild si rilassa e Joe Hogan può passare tranquillamente a discutere sul replay dell’incontro appena concluso.

JH: Molto bene, passiamo ad analizzare brevement...

All’improvviso, però, vediamo sia la Valkyria che Hogan girarsi verso la zona di commento, tra urla e schiamazzi sta succedendo qualcosa di strano e inaspettato. Qualcuno ha superato le transenne e sta cercando di raggiungere la gabbia, trattenuto a fatica da un paio di membri della sicurezza, intervenuti all’ultimo istante.

Spoiler:
Immagine


Ma è Elektra Kellis, la Spartana della TWC! Pare che la wrestler della TWC abbia tentato di cogliere alla sprovvista Brunild per rendersi protagonista di un confronto non certo autorizzato dalla UFC. Elektra, furiosa, ora si trova bloccata a colpire e scalciare gli addetti alla sicurezza, finchè non viene immobilizzata del tutto. Brunild Wagner fa qualche passo verso la gabbia, spalleggiata dai suoi amici della BDK Inc., poi sospira e fa un cenno ironico verso la greca, invitandola a non fare scena.

Immagine


Infine lo Smiling Crow torna indietro da Joe Hogan. Mentre la sicurezza trascina via la wrestler greca della TWC, coperta di fischi da parte dei fan della UFC, lo sconcertato commentatore prova a riprendere il discorso.

JH: Beh, non so proprio che dire su quanto appena accaduto. Mai successo finora.

Brunild fa spallucce, ma si vede chiaramente che è molto nervosa.

BND: Posso solo scusarmi, non me l’aspettavo nemmeno io. Adesso anche tu e tutti i fan della UFC sanno con che tipo di persone mi ritrovo a che fare in TWC. Poi mi consigliano di essere calma e paziente. Si certo, come no.

A questo punto il commentatore riceve il segnale che il tempo è finito e chiude l’intervista.

JH: Tu non hai nulla da scusarti con noi, Brunild. Anzi, siamo noi che ti ringraziamo ancora per lo spettacolo che hai messo in mostra stasera. Thank you very much. Ladies and gentlemen, Brunild Wagner!!!

Brunild Wagner stringe la mano a Joe Hogan, poi assieme a Sigfried Jaeger, Gunther Schmidt e il resto del suo staff d’allenamento esce dall’Octagon tra gli applausi dei fan. Sulla strada per il backstage, alcuni official e addetti alla sicurezza si affiancano, non si sa mai. E con queste immagini, si chiude qua il collegamento con UFC151 per quanto riguarda l’incontro tra Brunild Wagner e Julia Becks. Con la vittoria di stasera, la Valkyria di Ravensburg è salita al primo posto del ranking delle sfidanti, conquistando la prestigiosa opportunità di affrontare a fine anno Miesha Fate in un match che vedrà la campionessa mettere in palio il UFC Women’s Bantamweight Championship. Paradossalmente, proprio in quel periodo, Brunild avrà anche l’opportunità di competere per il WFSS Woman World Championship contro Elektra Kellis, la ragazza che stasera ha tentato follemente di entrare nell’Octagon durante l’intervista della tedesca. Per Brunild si prospetta un dicembre di fuoco insomma, visto che teoricamente potrebbe conquistare due cinture importanti in pochi giorni, entrando prepotentemente nella storia degli sport da combattimento. E’ tutto, amici all’ascolto, stay tuned!







Fine delle trasmissioni


Spoiler:
Le immagini provengono dal backstage del Mandalay Bay Events Center di Las Vegas, dove si sta ancora svolgendo UFC151. Mentre in lontananza il pubblico rumoreggia per l’inizio del Main Event della serata, ritroviamo qui “Superstar” Sigfried Jaeger, “The Hound” Gunther Schmidt e “The Armbreaker” Brunild Wagner che camminano verso il locker personale della tedesca.

ImmagineImmagineImmagine


C’è una certa euforia nell’aria, con Sigfried e Gunther che commentano allegramente l’ultima impresa di Brunild. Ma quest’ultima non sembra troppo contenta dopo quanto accaduto nel post match.

Immagine


Arrivati alla porta che ovviamente la BDK Inc. ha griffato alla sua maniera, il trio di Ravensburg entra e se la chiude alle spalle, mentre un paio di uomini della security UFC resta fuori di guardia.

SGF: Che vittoria ragazzi. Stasera si festeggia, Nildy.

GNT: Held! Tua è vincita eroica!

Lo Smiling Crow annuisce e si mette a sedere su una panca, restando in silenzio. Sigfried alza un sopracciglio.

SGF: Nildy, lo sai che per noi sei un libro aperto. Almeno per stasera, lascia perdere quella pazza furiosa. Ha fatto una figura da emerita imbecille. Ci sta pure che non la vedrai nemmeno al prossimo Indoor War, tanta sarà la vergogna che si porterà addosso per un bel pò.

Brunild annuisce, poi prende un asciugamano e se lo passa sul viso e sul collo.

GNT: Lei piccola donna Dumm. Io conosciuto donne Dumm in epoca di passato. Loro pericolo, io teme. Ma no timore di Marduk.

SGF: Evidentemente Murdock è proprio un fallito come salvatore. Prima Paz gli si ribella tra le mani più volte, ora pare che non sappia nemmeno tenere a freno la sua profuga greca. Bah!

La Valkyria sospira.

BND: Alla fine ho avuto ragione. Elektra non è altro che una bestia incapace di ragionare. Spero proprio che Lucy abbia preso nota e aperto gli occhi definitivamente sulla sua cara protetta.

Poi lo Smiling Crow sorride e va ad aprire un armadietto, prendendo la sua borsa.

BND: Comunque questa bravata me la paga cara. Appena torniamo a New York, il suo titolo finisce immediatamente sul fondo del fium... Ehi!

Brunild si agita, con le mani passa a fondo la borsa, ma a quanto pare il WFSS Woman World Championship non è nella borsa dove era stato riposto. La Valkyria si alza in piedi, tremando.

BND: Scheiße!

Sigfried aggrotta lo sguardo.

SGF: Che succede?

BND: E’ sparito! Il WFSS Woman World Championship non è più dove l’avevo messo!

SGF: Come?! Controlla meglio.

BND: E’ quello che sto facendo!

GNT: Io aiuta.

Il Mastino prende il grosso borsone e senza fare cerimonie lo rovescia e scrollandolo fa cadere a terra tutto il contenuto. Brunild dà una veloce occhiata, della cintura nemmeno l’ombra, tuttavia trova uno strano biglietto. La Valkyria lo legge.

Cita:
Cara Brunild,
Te l'avevo detto che le cose sarebbero cambiate...Ho approfittato del tuo match per riprendermi ciò che mi appartiene di diritto, senza che tu avessi la possibilità di mettermi le mani addosso. Frustrante, no?
xoxo
Elektra Kellis


Brunild appallottola il biglietto, lo getta a terra e si siede sulla panca, persa nei suoi pensieri. Dopo qualche secondo la Valkyria alza la testa verso gli sbigottiti Sigfried e Gunther, rossa in volto. Infine, con uno sguardo di fuoco, pronuncia quasi ringhiando una sola parola.

BND: Elektra...

Il collegamento si interrompe.


Top
 Profilo  
Rispondi citando  

Re: TWC - News from Indoor War
MessaggioInviato: 28/10/2015, 23:48 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: 20/03/2011, 19:09
Messaggi: 14964
Località: Somewhere between the sacred silence and sleep
Immagine

Le immagini ci portano tra le strade di Soho, uno dei quartieri di New York. Le inquadrature si concentrano sulle auto che sfrecciano nelle trafficate strade della grande mela per poi andare a zoomare e seguire una motocicletta nera fino a quando non giunge a destinazione. Sostato il veicolo vediamo il guidatore sfilarsi il casco e scuotere una lunga massa di capelli corvini che riconosciamo essere quelli di Elektra Kellis

Immagine

La spartana si aggiusta i capelli per poi scendere dal veicolo e slacciarsi la giacca di pelle nera che indossa rivelando una canottiera bianca. Ripone il casco nel baule e da esso estrae con cura il WFSS Women Championship che ha recentemente riacquisito e se lo porta in spalla. Fatto ciò attraversa la strada e si avvicina ad un appartamento e si avvicina ai citofoni per poi grattarsi la testa con una mano quando si accorge che il campanello da lei interessato è stato sradicato. Mette mano nella tasca dei pantaloni neri che indossa tirando fuori lo smartphone per poi effettuare una telefonata

[qualche minuto dopo]


Immagine


Lucy Fisher, sorridente, apre la porta di casa, indossando dei jeans ed una camicetta. Al collo le pende un mezzo cuore d'argento, girato verso l'interno, e al medio della mano sinistra porta un anello con un opale.

LF: Ciao Elektra. Entra pure.

La ragazza guida la spartana in casa, indicandole il divano.

LF: Vuoi qualcosa da bere?

ELK:Un bicchiere d'acqua andrà bene, grazie.

La campionessa WFSS si accomoda sul divano appoggiando la cintura sul bracciolo accanto a lei

ELK:Spero non ti dispiaccia abbia portato anche la cintura, dopo quello che è successo non voglio perderla di nuovo.

Lucy si muove verso la cucina, versando dell'acqua in un bicchiere e del succo di frutta in un altro. Poi torna camminando e si siede vicino ad Elektra, consegnandole l'acqua.

LF: Non ti spiace, vero?

La ragazza indica il succo.

ELK:Figurati!

La Fisher lancia una occhiata al titolo WFSS, poi scuote la testa, in un turbinio di capelli rossi.

LF: Non ti preoccupare. È una ferita che si è rimarginata. Credo.

ELK:Speriamo che non si riapra...

La spartana beve un sorso d'acqua

ELK:Come stai? Non ci sentiamo da un po', pensavo fosse una buona idea venirti a trovare. Spero di non averti disturbata.

Lucy sorride, muovendo un secondo gli occhi verdi sul suo telefono, che vibra per un attimo.

LF: Non ti preoccupare, non mi hai disturbata. Sai che mi piace poter parlare un po' con qualcuno che non sia un tizio di due metri e venti che deve dimostrare di essere l'uomo più pericoloso del mondo di sempre.

La rossa ridacchia un secondo.

LF: Ora mi toccherà davvero venire alle mani con Brunild.

La mora si passa una mano tra i capelli con lo sguardo verso il basso

ELK:Immagino sia per colpa mia... Mi dispiace, so quanto ci tieni. Ammetto di aver calcato un po' la mano però almeno ho ripudiato qualsiasi contatto fisico con lei, questo l'ho imparato.

Lucy ridacchia nuovamente, bevendo un sorso di succo.

LF: Non ti preoccupare, vedrai che troverò una soluzione. È una mia amica. Capirà. Non deve essere un problema tuo, ok?

La Fisher appoggia il bicchiere sul tavolino davanti a se, poi guarda Elektra.

LF: Sei salita con le scarpe sul tappeto. Se arriva Leonard siamo morte. Toglitele, che ti prendo un paio di ciabatte.

L'americana si alza e si muove verso il ripostiglio. La spartana, in tutta furia, si leva le scarpe aiutandosi con il tacco del piede opposto e rimane scalza mentre posa il bicchiere d'acqua sul tavolino

ELK:Oddio, scusami. Non ci avevo pensato... Però devo dire che non mi aspettavo che Leonard fosse così dedito alle pulizie.

La Black Widow raccoglie le scarpe mentre poggia i piedi avvolti in delle lunghe calze nere sul pavimento

ELK:Sai, riguardo Brunild, mi sarei offerta di darti una mano per risolvere il problema, sarebbe il minimo in confronto a quello che hai fatto per me. Purtroppo però temo che causerei solo danni visto il soggetto coinvolto quindi non mi intrometterò e ti darò retta.

LF: È un maniaco dello sporcare il meno possibile per pulire il meno possibile. E no, non ti preoccupare, le parlerò io. Lei vorrà risolverla sul ring, a questo punto. Spero.

Lucy porta un paio di ciabatte alla greca, poi la osserva e le scompiglia i capelli.

LF: Ora però dobbiamo pensare al nostro match.

ELK:Già, sarà bello salire per la prima volta sul ring come tua partner invece che come avversaria. Proverò anche a Viola che sono degna di rispetto.

Elektra calza le ciabatte e rivolge un sorriso all'amica per poi mettersi in ordine i capelli scompigliati. Lucy, sentendo il nome, stringe i pugni.

LF: Lei non sa cosa sia il rispetto. O almeno, non lo sa più. Era simile a te, una volta, sai? Testarda, ma buona dentro. O almeno credevo. Appena ha visto la possibilità mi ha voltato le spalle. E per quanto le abbia teso la mano, non ha mai voluto ricucire i rapporti.

Lucy fa un mezzo sorriso.

LF: Forse non è gentile paragonarti a lei.

ELK:Tranquilla, ho avuto dei paragoni ben peggiori.

Elektra si sposta una ciocca dietro l'orecchio rivolgendo un sorriso calmo all'amica

ELK:Devo dire che non mi aspettavo che Viola fosse così... Fino ad ora avevo del rispetto per lei, riuscivo quasi a comprendere le sue azioni ma ora è totalmente diversa la cosa.

Elektra scuote leggermente la testa con sguardo serio stringendo i pugni per poi ritrovare la calma con un grande respiro e sorridere nuovamente

ELK:Vorrà dire che ho un motivo in più per dargliene di santa ragione, non ho alcuna intenzione di avere delle intruse nel match tra me e Brunild. Dovrà essere una cosa esclusivamente tra me e lei, non può essere altrimenti... Probabilmente questa è l'unica cosa su cui andiamo d'accordo, non voglio neanche pensare a come reagirebbe se anche Viola e TDK entrassero nel match.

Elektra emette una breve risata.

LF: Evitiamo, per favore. Sarebbe una ulteriore cosa di cui mi darebbe la colpa. Davvero. È meglio di no.

Lucy scuote la testa, poi si risiede accanto ad Elektra.

LF: Così almeno ho la certezza che una di voi due vinca.

La rossa guarda la sua amica.

LF: Non mi guardare così. Non posso fare il tifo.

ELK:Va bene, va bene... Ti capisco, non deve essere affatto facile.

Elektra sfoggia un grande sorriso verso la rossa

ELK:Almeno 60 e 40? Ti faccio presente che sono io quella che sta chiacchierando amabilmente con te nel soggiorno di casa tua. Almeno qualche punto di vantaggio me lo merito, no?

Elektra ride nuovamente con occhi felici.

LF: Ok, ma non lo dire in giro, ok? Non vorrei che pensino faccia favoritismi.

Le due ragazze scoppiano a ridere insieme, poi, dopo qualche istante Lucy torna seria.

LF: Grazie.

ELK:Sono io quella che dovrebbe ringraziarti, sul serio.

Lucy sorride, scostando una ciocca di capelli dall'orecchio.

LF: No, davvero. Avevo bisogno di qualcuno. Non è sempre facile essere sempre soli.

ELK:Ti capisco perfettamente... Ma di solito non hai Leonard a tenerti compagnia?

Lucy smette improvvisamente di sorridere, e riprende il bicchiere, bevendo un sorso.

LF: Sì. In un certo senso.

ELK:Immagino che ultimamente le cose con Leonard non vadano bene... Ti va di parlarne?

La spartana mette una mano sulla spalla dell'amica per confortarla.

LF: Sta diventando... Arrabbiato. Non riesco a spiegarlo in maniera chiara. I suoi occhi... C'è qualcosa di terribile anche nel suo sguardo più dolce. Come se il suo cervello stia pensando a qualcosa di orribile. Anche quando fa le cose più semplici è un fascio di nervi. Ogni tanto lo guardo di sottecchi e non è mai rilassato. Guarda un film, ed è pronto a combattere. Non lo avevo mai visto così. Prima dei match sta seduto dieci minuti, ad occhi chiusi, respirando profondamente. È come se si sforzasse di essere quello di sempre. Ma quando è distratto non ci riesce. Gli ho visto piegare una forchetta con il pollice e l'indice, mentre mangiava, perché stava parlando con me. E poi... Credo non dorma. Non so da quanto lo stia facendo, ma ultimamente l'ho notato. Ogni volta che mi alzo di notte, lui è sempre sveglio. Sempre, non importa che ora sia. Ho paura.

ELK:Wow, non me lo sarei aspettato... In pubblico nasconde i suoi problemi abbastanza bene. Se hai bisogno di qualcosa, qualsiasi cosa, non esitare a chiamarmi; chiaro? Se vuoi potrei parlarne con Lancelot, magari potrebbe essere d'aiuto.

LF: NO!

Lucy alza la voce, poi respira per qualche secondo, abbassando il tono.

LF: No. Non mi farebbe mai del male, ma non posso dirlo per il resto del mondo. L'unica che può aiutarlo sono io.

ELK:Scusami, volevo solo essere d'aiuto... Sicura di riuscirci da sola? Se ho imparato una cosa in tutti questi anni è che la solitudine peggiora soltanto le cose.

LF: È per non mettervi in pericolo. Io non so fino a che punto possa arrivare, una volta perso il controllo. Se vuoi davvero aiutarmi, sta con me. Non provate a salvare lui.

La greca annuisce dolcemente

ELK:Va bene, ti darò retta. Cosa può averlo reso così? Non credo sia soltanto la vittoria del titolo... Credi che abbia qualcosa a che fare con quei video del suo passato che stanno trapelando?

LF: Credo di sì, ma non capisco. So che è personale, ma non mi sembra che ci sia nulla di male. È semplicemente una sua ex fidanzata.

ELK:Già, eppure sembra essere così angosciato per il suo passato... Immagino che vada oltre a delle questioni di cuore, oppure vuole solo dimenticare il passato, non saprei...

Elektra si gratta la testa

ELK:Spero solo che non ne vengano fuori di altri. E' indignitoso quanto stia succedendo, ognuno dovrebbe potersi lasciare il proprio passato alle spalle... Non deve essere affatto bello vedersi diffondere in tutto internet qualcosa che volevi dimenticare.

LF: Sì, è sbagliato vedere i propri fatti alla portata di tutti, ma per superare il proprio passato bisogna affrontarlo.

ELK:Vero, hai ragione. Però... potrebbe essere una battaglia molto difficile da affrontare.

Lucy si tocca il ciondolo appeso al collo.

LF: Ma sono qui per lui...

ELK:Sono sicura che ci riuscirai.

La Black Widow le sorride dolcemente passandole una mano sulla schiena.

LF: Grazie.

Lucy si tocca gli occhi, che sono rossi e lucidi, poi sorride.

LF: Ti faccio una proposta. Qui vicino c'è un cinema a sala singola in cui fanno vecchi film. Andiamo a vedere qualcosa? Così magari c'è un film romantico e posso piangere senza vergognarmi.

ELK:Assolutamente, così magari potrò sentirmi una ragazza come tante altre per una volta. Andata!

Le due ridono assieme. La spartana sveste le ciabatte e calza nuovamente le sue all stars borchiate per poi alzarsi e mettersi il titolo in spalla. Sulle inquadrature delle due amiche che si preparano ad uscire le immagini staccano


Top
 Profilo  
Rispondi citando  

Re: TWC - News from Indoor War
MessaggioInviato: 29/10/2015, 23:09 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: 02/01/2011, 18:39
Messaggi: 8684
Località: Interesting
Immagine



25 Marzo 2011
Old Luie's Pub, Seattle, Washington


Spoiler:
Per la maggior godibilità di questo promo, si consiglia di indossare un vestito elegante e delle scarpe scomode, cercando di apparire il più bello e professionale possibile.




Siamo di nuovo in un pub, che ormai ci è familiare. Lucy Fisher, in vestito giallo e scarpe con il tacco cammina rapidamente per il locale, che è mezzo vuoto.

Immagine


La ragazza si muove, facendo tintinnare i braccialetti d'oro che porta al braccio destro. Vicino al bancone invece c'è Samantha, che osserva scuotendo la testa la sua amica. La cameriera finalmente si avvicina, sorridendo serafica.

Immagine


SM: Lucy, rilassati. Se continui ad andare in giro così ti prenderai solo una storta.

LF: Non riesco a stare seduta. Secondo te sto bene?

SM: Mettiamola così. Se decidi di sposarlo, ti dice sì appena ti vede.

Lucy sbuffa, scuotendo la testa.

SM: Dai, vai a sederti. Quando arriva lo riconosci.

La Fisher fa qualche passo verso un tavolo da quattro, quando la porta del locale si apre ed una figura gigantesca entra.

Immagine


Leon Black, in giacca e camicia nera, con dei pantaloni di completo e scarpe di vernice dello stesso colore, è completamente senza espressione. I suoi occhi grigi si muovono per il locale, finché non si fermano su Lucy, verso la quale fa un impercettibile cenno del capo. Samantha e Lucy rimangono immobili per qualche secondo ad osservare il gigante, poi la cameriera si riprende e si muove verso di lui rapidamente.

SM: Prego signor Black, si accomodi.

La ragazza lo guida fino al tavolo, facendo segno a Lucy di avvicinarsi. La Fisher si muove rapidamente e sorride arrossendo a Black, che, senza modificare la sua espressione, le fa cenno di sedersi. I due si siedono, uno di fronte all'altra, e Samantha sorride.

SM: Posso portarle qualcosa signor Black?

LB: Se ha la Kilkenny, una media.

SM: Certo.

Samantha si allontana quasi correndo, e Lucy sorride scuotendo la testa.

LB: Salve, signorina Fisher. Leonard Arthur Black.

LF: Lucinda Fisher. Ma mi chiami Lucy.

LB: Va bene, Lucy.

Il gigante estrae rapidamente un taccuino e una matita dalla tasca dei pantaloni, scrivendo qualcosa.

LB: Spero non si offenda se scrivo. Non che sia importante, in fondo.

Lucy guarda il gigante, aggrottando la fronte.

LB: Non mi guardi con quello sguardo. Le farò un paio di domande. Risponda sinceramente.

LF: Certo.

LB: Molto bene. Lei è sposata?

LF: No. Ma non vedo...

LB: La prego, non mi chieda perché le faccio queste domande. Non voglio perdere tempo. Famiglia?

LF: Famiglia?

LB: Sì, famiglia. Ha una famiglia? Com'è composta?

LF: Ho solo mio padre, che però è paralizzato dalla vita in giù.

LB: Questo le porta via tanto tempo?

LF: Purtroppo, dovendo già lavorare, non posso stare con lui il tempo che vorrei.

LB: Non ha risposto alla mia domanda, ma ho capito lo stesso. Soffre di particolari menomazioni fisiche?

LF: No.

LB: Ha restrizioni di viaggio? Può andare ovunque nel mondo?

LF: Restrizioni? Non credo.

LB: Non crede?

LF: No, non ho restrizioni.

Black scrive qualcosa sul taccuino, quando compare Samantha con il boccale di birra, appoggiandolo davanti al wrestler.

LB: Quanto le devo?

SM: Offre la casa.

LB: Risposta sbagliata. Cinque dollari.

L'uomo prende un portafogli ed estrae una banconota da cinque, dandola alla cameriera, che lo osserva interdetta per un secondo prima di andarsene.

LB: Bene. Quanto tempo è che lotta?

LF: Sei anni.

LB: La gente la riconosce per strada?

LF: Fino ad ora non è successo.

Black scrive qualcosa sul taccuino, poi guarda Lucy, rimanendo sempre senza alcuna espressione.

LB: Lei è tinta?

Lucy si accarezza una ciocca di capelli.

LF: No, sono naturali. Ma non vedo come...

LB: Signorina, non mi faccia perdere la pazienza. Non le chiederò nulla di scomodo, ma se le faccio una domanda è perché la ritengo importante. Per quanto mondana le possa sembrare.

LF: Scusi.

LB: No, scusi lei.

Black sbuffa leggermente, per poi bere un sorso di birra e rimanere un secondo in silenzio.

LB: Non volevo essere scortese, è solo che ho pochissimo tempo, quindi non posso perderne in domande di chi potrebbe non fare al caso mio. Se si dimostrerà adatta le spiegherò tutto, ma in caso contrario dovrà solo accettare questo fatto. Può sembrare duro, ma è così. Continuiamo?

LF: Sì.

LB: Molto bene. Oltre all'inglese, che altre lingue parla?

LF: Lo spagnolo e il francese.

LB: Quanti libri legge all'anno?

LF: Non so, venti?

LB: Libro preferito?

LF: Non so, Il Signore degli Anelli?

LB: Quello non è un libro, ma ho capito lo stesso. Film preferito?

LF: 2001: Odissea nello Spazio.

LB: Posso concordare. Saprebbe dirmi il pensiero filosofico di Kant?

LF: No.

LB: Mi saprebbe dire quindici stati europei?

LF: Regno Unito, Francia, Germania, Spagna, Italia, Olanda, Irlanda, Portogallo, Danimarca, Finlandia, Svezia, Lettonia, Estonia, Lituania e... Grecia, direi.

LB: Sì. Mi saprebbe dire la differenza fra un demiurgo e un dio creatore?

LF: Un dio creatore crea l'universo dal mondo, mentre un demiurgo lo crea dalla materia preesistente.

LB: Accettabile. Lei crede in Dio?

LF: No.

LB: Come chiamerebbe il figlio di un angelo e di un demone?

LF: Le ho detto che non credo.

LB: E io le ho chiesto come chiamerebbe il figlio di un angelo e di un demone. Nemmeno io credo, ma potrei rispondere a questa domanda.

LF: Aborto.

Black smette di scrivere ed osserva Lucy, appoggiandosi leggermente di più alla sedia. Passa un secondo di silenzio.

LB: Ammirevole. E come riterrebbe dovrebbe essere un Aborto?

LF: Cosa intende?

LB: Poteri, abilità. Mi descriva in cosa differirebbe da un umano.

LF: Allora... dovrebbe essere più forte e veloce di un essere umano, e piuttosto capace con le armi bianche. E dovrebbe poter volare. E poi credo essere immortale.

Leon beve un sorso di birra, in silenzio.

LB: Non ritenga di starsi rendendo stupida. Sono piacevolmente sorpreso. Perché ritiene che non dovrebbe morire?

LF: Essendo figlio di un angelo, non potrebbe accedere all'inferno. Ed essendo figlio di un demone, non potrebbe entrare in paradiso. Quindi suppongo che non possa essere altro che immortale.

LB: Parliamo del lavoro che dovrà svolgere.

Lucy sgrana gli occhi.

LF: Come?

LB: La prego, signorina, non dimostri subito una intelligenza inferiore a quella di cui ha appena dato prova. Le sto dicendo che sono disposto a farla assumere, se accetta le condizioni lavorative.

LF: Davvero?

Black alza gli occhi al cielo, bevendo un ulteriore sorso di birra.

LB: Sì.

LF: Grazie.

LB: Signorina, non mi ringrazi. Non le sto facendo un favore. È solo che lei mi serve per un ruolo, e la sto assumendo. Francamente mi interessa poco se ha bisogno di questo lavoro o no, se suo padre è paralizzato oppure fa la maratona. Il lavoro che le propongo la porterà a viaggiare durante tutta la settimana, con solo il sabato e la domenica libera, a parte una domenica al mese circa. Il compenso è alto, ma non potrà più lottare nelle federazioni indipendenti. Inoltre, probabilmente non lotterà nemmeno in TWNA. Non sono permessi sgarri. Lei non è nessuno per la TWNA, quindi non si aspetti trattamenti di favore. È disposta ad un lavoro del genere?

Lucy rimane in silenzio per un secondo, osservando il gigante.

LF: Certo.

Black annuisce, finendo in un colpo la sua birra.

LB: Molto bene. Mi perdonerà se non rimango a fraternizzare, ma ho di meglio da fare ora e ci sarà sicuramente tempo più avanti. So il suo numero di telefono, quindi la contatterà qualcuno della federazione per offrirle un contratto. Arrivederci.

Black si alza, imitato da Lucy, che gli tende la mano. Il gigante la osserva per qualche secondo, per poi stringerla brevemente ed andarsene, passando appena chinato per la porta.

SM: È carino.

LF: È freddo.

SM: È un lavoro.

LF: È un lavoro.

Spoiler:
Samantha Maxwell will return in The Masks of Black


Top
 Profilo  
Rispondi citando  

Re: TWC - News from Indoor War
MessaggioInviato: 30/10/2015, 23:13 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: 24/12/2010, 18:48
Messaggi: 12065
Località: Baretto Kurabu
Immagine


Immagine


FOUR HEROES, THREE MATCHES, TWO CHAMPIONS, ONE NIGHT


Next week, on TWC Friday Night Indoor War. Quando il gioco si fa duro, i veri eroi scendono in campo. Brunild Wagner, l’indomita Valkyria di Ravensburg, affronterà Black Adam, la New Greek Sensation proveniente da Atene. Gunther Schmidt, il feroce Mastino della Baviera, se la vedrà con Roland Ernest Turner, l’underdog per eccellenza della compagnia. Infine, Sigfried Jaeger e Christophorus Schmidt, i TWC World Tag Team Champions, saranno impegnati in un Interpromotional Match contro due rappresentanti della Total Destruction Pro Wrestling, in vista dell’imminente pay-per-view TDPW End of Days, nel quale, ricordiamo, i campioni metteranno in palio i loro prestigiosi titoli. Questo e molto altro la settimana prossima, only on TWC Friday Night Indoor War. Stay tuned!


Top
 Profilo  
Rispondi citando  

Visualizza ultimi messaggi:  Ordina per  
Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 856 messaggi ]  Vai alla pagina Precedente  1 ... 20, 21, 22, 23, 24, 25, 26 ... 58  Prossimo

Tutti gli orari sono UTC + 1 ora


Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno


Non puoi aprire nuovi argomenti
Non puoi rispondere negli argomenti
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi

Cerca per:
Vai a:  
phpBB skin developed by: eXtremepixels
POWERED_BY
Traduzione Italiana phpBB.it