Tutti gli orari sono UTC + 1 ora




Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 22 messaggi ]  Vai alla pagina 1, 2  Prossimo
  Stampa pagina

Castrating the Settis: Definitive Edition
Autore Messaggio
MessaggioInviato: 16/01/2018, 16:49 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: 23/12/2010, 18:55
Messaggi: 1956
Località: Schwarzwald
Lanciamo il #rinascimento della sezione (l'unica ANTIFA del forum) cinema riprendendo il candidato a COTY 2017
Il format non sarà più settimanale e non cercherà più di demolire ogni recensione punto su punto, piuttosto cercherà di essere un catalogo delle maggiori stronzate del Settis, di discernere l'estetica settisiana e di chiarire la sua pericolosità.
Sono ovviamente graditi contributi anche di altri recensori che filosofeggiano a cazzo, i Grosoli, i Genna, ecc.

Episodi precedenti:
Dawson City: Frozen Time
Amadeus
Song to Song
Twin Peaks 03x01-02
Blow Up
The 7th Voyage of Sinbad
Twin Peaks 03x08

Partiamo coll'estetica 2k17 secondo Settis

Cita:
Il 2017 ci ha regalato una triade di punti di non ritorno nel cinema mondiale:

Twin Peaks: Il ritorno ha messo in discussione le linee di separazione tra il medium del cinema e quello della TV, con un flusso autoriale e surreale complessissimo, atto a unire le Upaniṣad, il Manifesto Surrealista di Breton e le esperienze personali di Lynch in un gioco drammatico dai continui riferimenti culturali che mette in discussione il rapporto con i simboli del passato e la fallacità della mente umana;
24 Frames ha messo in scena l’addio al cinema e alla vita di uno dei più grandi autori del cinema mondiale, consacrando in un atto d’amore per la settima arte degli attimi espansi attraverso il tempo, dilatati, mettendo un punto alla fine di una f(r)ase eterna, bloccando in istanti poetici (e politici) il reale e ponendosi come consacrazione del digitale come arte del movimento, studiando Henri Cartier-Bresson e, sotto sotto, anche la storia dell’Iran;
e dulcis in fundo, First Reformed ha dilaniato le aspettative e i preconcetti sia sul cinema spirituale del nuovo millennio sia sul cinema americano, distruggendo certezze, connettendo la dolcezza del rapporto umano con la disperazione derivata dal nulla, mettendo in discussione il mondo in cui viviamo in un drastico e visionario collegamento tra l’estetica del cinema della trascendenza novecentesco, il De rerum natura di Lucrezio e il terrorismo nell’epoca di Trump.

In quest’ottica, World of Tomorrow Episode Two è probabilmente la cosa che di più, in quest’annata particolarissima, si può minimamente avvicinare a questo podio di oggetti alieni e assoluti, insieme a Mrs. Fang, Coco, La telenovela errante, Outrage Coda, Mektoub my Love e Visages Villages. E tutti e 4 questi lavori, tra i quali uno solo è un tradizionale lungometraggio di finzione (First Reformed), sono, in fondo, dei profondi atti sentimentali. Verso la finzione (e il sogno) per Lynch, verso il cinema (e la vita) per Kiarostami, verso l’uomo (e la sua imperfezione) per Schrader, verso i ricordi (e le aspirazioni, il futuro, la tecnologia) per Hertzfeldt. Emily Prime, cresciuta, riceve una visita da un’altra Emily futura, una degenerazione deteriorata, una “Emily n.6” che non riesce a controllare le proprie emozioni e il proprio rapporto con se stessa e con le altre versioni di sé. In un rapporto extratemporale fuori dagli schemi, si assiste a un confronto costante tra diversi tipi di serietà e di assenza di serietà, diversi tipi di mentalità, di temporalità, di approccio nei confronti del mondo. È un perpetuo specchiarsi e riflettersi di passato nel futuro e viceversa, come in Twin Peaks. Ogni immagine sprizza vita e vuole essere vita, per superare il blocco in fotogrammi, per trascendere l’irreale e andare oltre il timore del nulla, dell’assenza di direzione, riconnettendosi con l’esperienza personale, in un testamento, in una vita, e qua ci viene in mente 24 Frames. Mentre la tecnologia che crea e forse distrugge, in un confronto col passato che diventa sempre più invadente e superficiale, si riavvicina ai discorsi pseudo-ecologisti di First Reformed ma soprattutto al bisogno di Schrader di accatastare sopra al peso del caos del mondo il ricordo dell’importanza dell’amore, che sconfigge qualsiasi paura. E tutto ciò in un cartone animato di 20 minuti, in cui la crescita di una bambina causa mille coincidenze e mille convergenze in uno stesso spazio, in cui l’immaginazione prima condanna l’uomo e poi lo salva, con forme geometriche che invece di essere pulsioni matematiche chiuse in se stesse sono espressioni massime di una vitalità interiore, che nasce, cresce ed esplode.


Grazie al cazzo non ritorno, uno è morto e gli altri stanno in demenza senile
(notare come "film che gli sono piaciuti" = oggetti assoluti)

Questa invece la polemica contro Logan Paul in cui per l'ennesima volta dimostra di credere troppo a ciò che vede https://www.facebook.com/photo.php?fbid=390741964737917&set=a.172208759924573.1073741830.100014063498711&type=3
Ovviamente distrutto appena uno gli ha citato Wang Bing


Top
 Profilo  
Rispondi citando  

Re: Castrating the Settis: Definitive Edition
MessaggioInviato: 23/01/2018, 16:23 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: 23/12/2010, 18:55
Messaggi: 1956
Località: Schwarzwald
Ecco dei nuovi fenomeni https://posttenebrascinemablog.wordpres ... pais-2016/
Non c'è neanche bisogno di fare alcun taglio, è un unico incomprensibile mai motivato mappazzone di seghe mentali

Cita:
Perdizioni viralitiche, dannazioni (spettatoriali) agli infrarossi.

In partenza le connotazioni psichedeliche della lente si miscelano ai continui viraggi liquidi; In Search of the Exile è un mosaico agli infrarossi in continua evoluzione lisergica, un ‘crescendo’ di 63 minuti in cui la staticità fotosensibile costringe le funzioni spettatoriali all’assoluzione psicotropa; la perdita del tempo, l’annientamento percettivo.

La monade Brakhageana viene evocata (in prima istanza ideologica, come in primo approccio spettatoriale) da subito (e reiterazione annessa), quasi espulsa; sotto le luci della non-morfologia “sperimentale”, l’opera del duo Daniel Fawcett/Clara Pais è un The Dante Quartet in loop; negli ultimi anni siamo venuti al tatto di varie operazioni auspicanti l’azzerazione sensoriale : (fra i noti) è il caso di Night Awake (Sandy Ding, 2016), dove la meccanica ha un fine (quasi, intendibile) violento, truce, infastidente sino all’inverosimile; di Meurtrière (Philippe Grandrieux, 2015), (fra le esperienze più profonde e sprigionanti mai portate a termine dal sottoscritto) dove avviene sprofondando nell’oblio, (ri)costituendo uno spazio oltretombale; come in varie correnti della neuro-sperimentazione.

In Search of the Exile è una visione intrisa nella propria staticità, che fa di essa una componente anti-autoriale finalizzante e riempitiva; piuttosto un’esperienza ardua, da prendere come viene e sulla quale non disperdersi; una chimera di colorazioni singolare nell’impatto estremista e no-stop, un getto di sperimentazione non diluito, bensì avvolgente. Un avvolgimento esasperante, un film per veri masticatori dell’immersione.


Top
 Profilo  
Rispondi citando  

Re: Castrating the Settis: Definitive Edition
MessaggioInviato: 21/02/2018, 18:49 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: 01/08/2015, 19:37
Messaggi: 5101
Riapro, ovviamente mi auguro che fili tutto liscio. Dai su.


Top
 Profilo  
Rispondi citando  

Re: Castrating the Settis: Definitive Edition
MessaggioInviato: 08/03/2018, 14:57 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: 23/12/2010, 18:55
Messaggi: 1956
Località: Schwarzwald
La lista "my all time favorite films" di Settis

213 FILM

+ GLI EX AEQUO

UN CENTINAIO DI AUTORI UNO DIVERSO DALL'ALTRO

MY ALL TIME FAVORITE FILMS

213 La région centrale [The Central Region]
212 Všichni dobří rodáci [All My Compatriots]
211 No Country for Old Men [Non è un paese per vecchi]
210 鉄男 [Tetsuo: The Iron Man]
209 I Walked With a Zombie [Ho camminato con uno zombie]
208 La montaña sagrada [La montagna sacra]
207 Valerie a týden divů [Fantasie di una tredicenne]
206 The Reflecting Skin [Riflessi sulla pelle]
205 Who Framed Roger Rabbit [Chi ha incastrato Roger Rabbit]
204 জলসাঘর [La sala di musica]
203 Casablanca
202 殺しの烙印 [La farfalla sul mirino]
201 Una giornata particolare [A Special Day]
200 Szürkület [Twilight]
199 کلوزآپ [Close-Up]
198 愛のむきだし [Love Exposure]
197 Redacted
196 Close Encounters of the Third Kind [Incontri ravvicinati del terzo tipo]
195 The Cook, the Thief, His Wife and Her Lover [Il cuoco, il ladro, sua moglie e l'amante]
194 Mothlight
193 Spring Breakers [Spring Breakers - Una vacanza da sballo]
192 La nuit américaine [Effetto notte]
191 Umberto D.
190 Inherent Vice [Vizio di forma] [ex aequo: Phantom Thread]
189 A Clockwork Orange [Arancia meccanica]
188 Io la conoscevo bene [I Knew Her Well]
187 All That Heaven Allows [Secondo amore]
186 Jeux interdits [Giochi proibiti]
185 Je, tu, il, elle [I, You, He, She]
184 Shadow of a Doubt [L'ombra del dubbio] [ex aequo: North by Northwest]
183 Lawrence of Arabia [Lawrence d'Arabia]
182 L' eau froide [L'eau froide - L'acqua fredda]
181 Affliction [ex aequo: First Reformed]
180 La collectionneuse [La collezionista]
179 不散 [Goodbye, Dragon Inn]
178 Dillinger è morto [Dillinger Is Dead]
177 The Day of the Locust [Il giorno della locusta]
176 23rd Psalm Branch
175 L' avventura [The Adventure]
174 Drums Along the Mohawk [La più grande avventura]
173 L' ordre
172 Into the Abyss: A Tale of Death, a Tale of Life
171 Ebolusyon ng Isang Pamilyang Pilipino [Evolution of a Filipino Family]
170 Телец [Toro]
169 郊遊 [Stray Dogs] [ex aequo: 那日下午 [Afternoon]]
168 Dalla nube alla resistenza [From the Clouds to the Resistance]
167 The Servant [Il servo]
166 Vampyr [Vampyr - Il vampiro]
165 The Godfather: Part II [Il padrino - Parte II]
164 Paris, Texas
163 Au hasard Balthazar [Balthazar]
162 La dolce vita
161 Blow Out
160 El Topo [The Mole]
159 Marketa Lazarová
158 Miracolo a Milano [Miracle in Milan]
157 The Long Goodbye [Il lungo addio]
156 La chambre verte [La camera verde]
155 Wild at Heart [Cuore selvaggio] [ex aequo: The Straight Story]
154 Ο θίασος [La recita]
153 Vivre sa vie : Film en douze tableaux [Questa è la mia vita]
152 Letter From an Unknown Woman [Lettera da una sconosciuta]
151 GoodFellas [Quei bravi ragazzi] [ex aequo: Casino]
150 Salò o le 120 giornate di Sodoma [Salo, or the 120 Days of Sodom]
149 L' année dernière à Marienbad [L'anno scorso a Marienbad]
148 Il Casanova di Federico Fellini [Fellini's Casanova]
147 Rope [Nodo alla gola]
146 天空の城ラピュタ [Il castello nel cielo]
145 All That Jazz [All That Jazz - Lo spettacolo continua]
144 疯爱 [Follia e amore] [ex aequo: 采油日记 [Crude Oil]]
143 Finis terræ
142 牯嶺街少年殺人事件 [A Brighter Summer Day]
141 Visita ou memórias e confissões [Visit, or Memories and Confessions]
140 Repulsion [Repulsione]
139 Sunrise: A Song of Two Humans [Aurora]
138 Fanny och Alexander [Fanny e Alexander] [ex aequo: Smultronstället [Wild Strawberries]]
137 Amarcord
136 Vérités et mensonges [F come falso]
135 The Deer Hunter [Il cacciatore]
134 Aguirre, der Zorn Gottes [Aguirre, furore di Dio]
133 Paths of Glory [Orizzonti di gloria] [ex aequo: Full Metal Jacket]
132 Merry Christmas Mr. Lawrence [Furyo]
131 Partie de campagne [La scampagnata]
130 Vredens dag [Dies irae]
129 Mean Streets [Mean Streets - Domenica in chiesa, lunedì all'inferno] [ex aequo: Raging Bull]
128 24 Frames
127 The Night of the Hunter [La morte corre sul fiume]
126 Peeping Tom [L'occhio che uccide]
125 El espíritu de la colmena [Lo spirito dell'alveare]
124 Window Water Baby Moving
123 City Lights [Le luci della città]
122 Heremias (Unang aklat: Ang alamat ng prinsesang bayawak) [Heremias (Book One: The Legend of the Lizard Princess)]
121 Meshes of the Afternoon
120 Krótki film o zabijaniu [Breve film sull'uccidere]
119 The Shining [Shining]
118 Play Time [Play Time - Tempo di divertimento]
117 It's Such a Beautiful Day
116 Звeнигopа [La montagna incantata]
115 西鶴一代女 [La vita di Òharu, donna galante] [ex aequo: 雨月物語 [Ugetsu]]
114 Le voyage à travers l'impossible [Viaggio attraverso l'impossibile]
113 Sunset Blvd. [Viale del tramonto]
112 Трудно быть Богом [È difficile essere un Dio]
111 Le sang d'un poète [The Blood of a Poet]
110 A divina comédia [La divina commedia]
109 書を捨てよ町へ出よう [Throw Away Your Books, Rally in the Streets]
108 Napoléon vu par Abel Gance [Napoleone]
107 Un chien andalou [Un chien andalou - Un cane andaluso]
106 Professione: reporter [The Passenger]
105 The Act of Seeing With One's Own Eyes
104 À bout de souffle [Fino all'ultimo respiro]
103 怪談 [Kwaidan - Storie di fantasmi]
102 Նռան գույնը [Il colore del melograno]
101 Eraserhead [Eraserhead - La mente che cancella] [ex aequo: Lost Highway]
100 Il conformista [The Conformist]
99 千と千尋の神隠し [La città incantata]
98 Броненосец «Потёмкин» [La corazzata Potёmkin]
97 七人の侍 [I sette samurai] [ex aequo: 影武者 [Kagemusha]]
96 Dr. Strangelove or: How I Learned to Stop Worrying and Love the Bomb [Il Dottor Stranamore, ovvero come imparai a non preoccuparmi e ad amare la bomba]
95 Место на земле [L'ultimo posto sulla Terra]
94 La règle du jeu [La regola del gioco]
93 The Searchers [Sentieri selvaggi]
92 Je vous salue, Marie [Hail Mary]
91 Dyn Amo
90 Europa '51 [No Greater Love] [ex aequo: Germania, anno zero [Germany Year Zero]]
89 M [M - Il mostro di Düsseldorf]
88 Русский ковчег [Arca russa]
87 Faces [Volti]
86 The Great Dictator [Il grande dittatore]
85 Les enfants du paradis [Amanti perduti]
84 A Matter of Life and Death [Scala al paradiso]
83 Twin Peaks: Fire Walk With Me [Twin Peaks: Fuoco cammina con me]
82 東京戰争戦後秘話 [Dopo la guerra di Tokyo]
81 The Wild Blue Yonder [L'ignoto spazio profondo]
80 晩春 [Tarda primavera]
79 Citizen Kane [Quarto potere]
78 Limite [Limit]
77 Vargtimmen [L'ora del lupo]
76 Nashville
75 L' eclisse [The Eclipse]
74 Wunder der Schöpfung [Our Heavenly Bodies]
73 Mouchette [Mouchette - Tutta la vita in una notte] [ex aequo: Lancelot du Lac [Lancelot of the Lake]]
72 Nostos: Il ritorno [Nostos: The Return]
71 Simón del desierto [Intolleranza: Simon del deserto]
70 Le spectre rouge [The Red Spectre]
69 Trying to Kiss the Moon
68 Blue Velvet [Velluto blu]
67 Die Abenteuer des Prinzen Achmed [Le avventure del principe Achmed]
66 Vertigo [La donna che visse due volte]
65 Diaries (1971-1976) [ex aequo: One Cut, One Life]
64 N:O:T:H:I:N:G
63 Zazie dans le métro [Zazie nel metrò]
62 The Tragedy of Othello: The Moor of Venice [Otello]
61 Na srebrnym globie [Sul globo d'argento] [ex aequo: Cosmos]
60 Once Upon a Time in America [C'era una volta in America]
59 Андрей Рублёв [Andrej Rubliov]
58 Le salaire de la peur [Vite vendute] [ex aequo: Sorcerer]
57 Sans soleil [Sunless]
56 Viaggio in Italia [Journey to Italy]
55 The Kid [Il monello] [ex aequo: Modern Times]
54 乱 [Ran]
53 Les quatre cents coups [I 400 colpi]
52 Apocalypse Now [ex aequo: One From the Heart]
51 Rear Window [La finestra sul cortile]
50 Человек с киноаппаратом [L'uomo con la macchina da presa]
49 Le mépris [Il disprezzo] [ex aequo: Pierrot le fou]
48 楢山節考 [La leggenda di Narayama]
47 Nostalghia [Nostalgia] [ex aequo: Offret [The Sacrifice]]
46 Земля [Terra]
45 Greed [Rapacità]
44 Scener ur ett äktenskap [Scene da un matrimonio] [ex aequo: Viskningar och rop [Cries and Whispers]]
43 Мне двадцать лет [Ho vent'anni] [ex aequo: Бесконечность [Infinity]]
42 田園に死す [Pastoral Hide and Seek]
41 Land des Schweigens und der Dunkelheit: aus dem Leben der taubblinden Fini Straubinger [Il paese del silenzio e dell'oscurità] [ex aequo: Lektionen in Finsternis [Lessons of Darkness]]
40 Октябрь [Ottobre - I dieci giorni che sconvolsero il mondo]
39 Une femme est une femme [La donna è donna]
38 人間の條件 第一部純愛篇/第二部激怒篇 [Nessun amore è più grande: La condizione umana Ⅰ] [ex aequo: 人間の條件 第三部望郷篇/第四部戦雲篇 [The Human Condition II: Road to Eternity] & 人間の條件 完結篇 第五部死の脱出/第六部曠野の彷徨 [The Human Condition III: A Soldier's Prayer]]
37 Barry Lyndon
36 Солярис [Solaris] [ex aequo: Сталкер [Stalker]]
35 東京物語 [Viaggio a Tokyo]
34 Fantasia
33 Mishima: A Life in Four Chapters [Mishima: una vita in quattro capitoli]
32 Sherlock, Jr. [La palla numero 13]
31 Ordet [Ordet - La parola]
30 L' Atalante
29 Jeder für sich und Gott gegen alle [L'enigma di Kaspar Hauser]
28 夢 [Sogni] [ex aequo: 生きる [Ikiru]]
27 Фауст [Faust]
26 Taxi Driver
25 Sedmikrásky [Le margheritine]
24 Der letzte Mann [L'ultima risata]
23 Eyes Wide Shut
22 As I Was Moving Ahead Occasionally I Saw Brief Glimpses of Beauty [ex aequo: Walden: Diaries, Notes & Sketches]
21 Hiroshima mon amour [Hiroshima, My Love]
20 পথের পাঁচালী [Il lamento sul sentiero] [ex aequo: অপরাজিত [The Unvanquished] & অপুর সংসার [The World of Apu]]
19 Sátántangó [Satantango] [ex aequo: Werckmeister harmóniák [Werckmeister Harmonies]]
18 Mulholland Dr. [Mulholland Drive]
17 Die andere Heimat: Chronik einer Sehnsucht [Home From Home: Chronicle of a Vision] [ex aequo: the entirety of the "Heimat" series]
16 Dog Star Man
15 Blowup
14 かぐや姫の物語 [La storia della principessa splendente] [ex aequo: 風立ちぬ [The Wind Rises]]
13 Céline et Julie vont en bateau: Phantom Ladies Over Paris [Céline e Julie vanno in barca]
12 Anna
11 La passion de Jeanne d'Arc [La passione di Giovanna d'Arco]
10 Vtáčkovia, siroty a blázni [Uccellini, orfani e pazzi]
9 羅生門 [Rashomon]
8 8½ [Otto e mezzo]
7 Histoire(s) du cinéma [ex aequo: Adieu au langage [Goodbye to Language]]
6 Зеркало [Lo specchio]
5 2001: A Space Odyssey [2001: Odissea nello spazio]
4 Иди и смотри [Va' e vedi]
3 Persona
2 La roue [La rosa sulle rotaie]
1 Inland Empire [Inland Empire - L'impero della mente] [ex aequo: "Twin Peaks: The Return"]


Top
 Profilo  
Rispondi citando  

Re: Castrating the Settis: Definitive Edition
MessaggioInviato: 09/03/2018, 12:54 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: 08/06/2012, 17:48
Messaggi: 5000
Località: Roma
io non ho capito perché sei ossessionati da questo tizio che su facebook se lo cagano la madre e la sorella e te.


Top
 Profilo  
Rispondi citando  

Re: Castrating the Settis: Definitive Edition
MessaggioInviato: 09/03/2018, 14:24 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: 23/12/2010, 18:55
Messaggi: 1956
Località: Schwarzwald
A me diverte zio che ti devo dire e divertiva pure qualcun altro del forum visti gli apprezzamenti
C'è chi si diverte con sconosciuti che si credono Scaruffi e chi umiliando la propria ex


Top
 Profilo  
Rispondi citando  

Re: Castrating the Settis: Definitive Edition
MessaggioInviato: 10/03/2018, 14:13 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: 23/12/2010, 18:55
Messaggi: 1956
Località: Schwarzwald
E fu così che la gimmick del misogino e la nuova recensione di Settis produsse una nuova edizione del vecchio CTS

http://www.cinelapsus.com/nome-di-donna-2018-di-marco-tullio-giordana/

La recensione parte già con una citazione da quel meme del Buddha
Cita:
«Nel tutto delle cose, non ci sono né il maschile né il femminile.»

Ovviamente senza alcun approfondimento o studio sulla fonte, sulla religione buddhista, però oh magari si integra nel discorso boh proseguiamo

Cita:
Ci dobbiamo ricordare che l’8 marzo non è una banale celebrazione della donna da promuovere attraverso mimose, gesti gentili e baracconate varie figlie dell’etica del machismo

Già l'utilizzo inappropriato di etica squalificherebbe ogni leggittimità intellettuale, ma il resto del discorso che cazzo significa? Le baracconate varie legate alla festa della donna sarebbero nate da un'etica del machismo? Non dal capitalismo? O il capitalismo sarebbe guidato dall'etica del machismo? A me pare che siamo guidati da snowflake su snowflake, che non si possa dire assolutamente un cazzo di niente senza essere condannati. Magari sta parlando di un'era precedente, ma quale? Quando nella tua cara Hollywood classica il noir pensava l'uomo come essere castrato dov'era il machismo? E non si festeggiava già allora la festa della donna? Non è più facile pensare che la stessa festa della donna sia una costruzione sociale per contenere la donna e quindi già di per sè figlia del Capitale? Che senso ha quindi discutere di sta festa e di etica?

Cita:
l’8 marzo 2018 è un 8 marzo diverso, importante, perché viviamo in un’annata in cui le tematiche sensibili legate al femminismo stanno sempre più prendendo piede nell’assetto socio-politico mondiale e nello show business, in campo artistico

Nope, le tematiche di un certa frangia del femminismo sta prendendo piede, quel femminismo della medio-alta borghesia interessato unicamente al potere sociale

Cita:
l’importanza dell’eguaglianza

E niente, la cit al Buddha era veramente un meme.

Cita:
Chi scrive queste parole non si intende di politica né ha mai presupposto di poter essere interessante e illuminante nel trattare tematiche scottanti

Hai parlato innumerevoli volte di politica nelle recensioni, hai cagato il cazzo con sta Storia con la S maiuscola e poi dici di non parlare di politica? Sbaraquack

Cita:
le barriere create dal sessismo attraverso gli anni hanno portato a un’ingiustizia sempre più ridicola, sempre più generalizzata e capillare nella diffusione sistematica nella vita quotidiana

Il sessismo non ha creato un cazzo di niente, la società mercantile, patriarcale e cristiana ha creato tutto ciò. Sessismo è una parola che non significa niente. Ma, certo, finché un film non te lo dice è difficile che tu lo venga a sapere.

Cita:
Bisogna certo anche dire che c’è una grossa distanza tra due criteri base che fungono come poli nelle controversie del femminismo odierno: da una parte c’è l’oggettivazione del corpo femminile, un problema grave legato all’immagine (alla facciata, ai presupposti teorici dell’eguaglianza), e dall’altra c’è il problema dell’ambito lavorativo, le molestie, le violenze sessuali, un problema grave legato al corpo e all’identità stessa della donna

Veramente i due poli sono sempre stati sesso cioè ontologia della differenza sessuale e gender cioè costruzione della differenza sociale. L'oggettivazione del corpo è un problema sessuale che colla stronzata dell'immagine da solito mark fai discendere nell'ontico quindi non c'è poi veramente un primo e secondo polo nella tua descrizione, sempre di identità sociale parli.

Cita:
movimenti Time’s Up e #MeToo [...] discorso fatto da Frances MacDormand [...] promozione mediatica per la miglior regia a Greta Gerwig [...] queste sono le conseguenze, e possono essere messe in discussione, ma prima delle conseguenze ci sono ovviamente le cause: c’è Harvey Weinstein, e poi ci sono James Toback, Louis C.K., Casey Affleck, Brett Ratner, Steven Seagal, Oliver Stone, Ryan Seacrest, Jeffrey Tambor, John Lasseter, James Woods, Richard Dreyfuss, Aziz Ansari, James Franco, Paul Haggis e tanti altri che ci dispiace dover includere in questa lista di malfattori, non per ultimo Woody Allen, forse (almeno a livello giuridico) quello accusato in maniera più brutalmente ingiusta e discutibile. Gli artisti stanno insomma venendo sempre più schiacciati da una logica giusta ma dalle modalità forti, confutabili, non sempre appropriate a ogni contesto.

Adoro che prima difenda Allen dalle accuse ingiuste poi difenda la giustissima logica delle accuse. Insomma, secondo il Settis tutti sti "malfattori" sarebbero le cause scatenanti dei "movimenti femministi" e delle puttanate sociali che gli vanno appresso. Loro eh, i malfattori, non la società, non lo show business, non il potere mediatico, neanche l'immagine o cazzi altri, tutta colpa di tizi accusati anche solo di una palpatina al culo, origine di ogni male. Ci manca solo Adamo in quella lista in effetti.

Cita:
prende Nina e la avvicina a sé per farle sentire il proprio membro pulsante

Territorio Harmony

Cita:
Nina, come una vera donna forte e ribelle, si inviperisce verso il sistema di cui è divenuta vittima cercando di comprendere, in una lunga indagine, tutti i crimini di Torri, per poi portarlo in tribunale e metterlo in mostra per il disgustoso essere umano che è

Yup, si inviperisce contro il sistema quindi fa condannare in tribunale un tizio. Mi ricordo una cosa simile da Emma Goldman

Cita:
non è un film femminista e sensibile, non è un film attuale e importante, ma è addirittura una farsa, una barzelletta colma di scelte linguistiche erronee e patetiche [...] ci pare distanziarsi così tanto dal realismo e dal commento sociale non stereotipato

Quindi un film femminista non è tale per una linguistica femminile, come volevano i collettivi femministi degli anni 70, nope, non sono tali perché la linguistica cinematografica, che non è assolutamente frutto dello stesso capitalismo che ha prodotto le disuguaglianze ecc e non è legata all'inesistenzialità lacaniana della donna nope, non è appropriata al tema. Insomma, non è un film femminista perché è un film brutto. K.

Cita:
E, sì, l’8 marzo 2018 è passato. Ma se dobbiamo celebrarlo ancora, pensando a grandi storie di grandi donne e commemorando il vero significato di questa festività, è meglio dimenticare il bignamino inespressivo e innocuo di Giordana e pensare ai veri momenti, nella storia del cinema, in cui le donne si sono trovate a proclamare la loro necessità di libertà e di comunanza, sia nella sessualità che nella spiritualità, sia come identità politica sia come identità artistica, da Chantal Akerman con Je, tu, il, elle e Jeanne Dielman a Vera Chytilova con Le margheritine e Il frutto del paradiso, da Lina Wertmuller a Liliana Cavani, da Agnes Varda a Andrea Arnold, da Claire Denis a Marjane Satrapi, Germaine Dulac, Jane Campion, Marguerite Duras, e, perché no?, Greta Gerwig o pure Kathryn Bigelow

IL LISTONE
CHI TE L'HA CHIESTO
TUTTE INSIEME APPASSIONATAMENTE
NESSUNA CHE PENSI ALLA DONNA O AL FEMMINISMO IN MODO DIVERSO
HANNO LA VAGINA = FEMMINISMO
WEH MIR

Cita:
E il grande cinema di donne lo fanno anche gli uomini [...] basti pensare alle riflessioni sul voyeurismo che fungono come sottotesto in due film recenti che rimarranno probabilmente importanti per delineare lo sguardo del presente del nostro cinema, ovvero Spring Breakers di Korine e Tag di Sion Sono

Totalmente gratuito, immagino solo per far innervosire Fusari

Cita:
Se non c’è tutto ciò, rimane un barile profondissimo, il cui fondo non può che essere raschiato e raschiato, finché non c’è più niente, e il più attuale dei messaggi che il cinema può proferire diventa solo un urlo soffocato e adolescenziale, di un’ideale artistico vecchio, sorpassato, che non lascia spazio all’immaginazione, al fuori campo, al non-detto, e a tutto ciò che può rendere il cinema ambiguo e perciò potentissimo.

Se non c'è cosa? Boh, riflessioni sul sociale? Quindi manca quello, però poi c'è ma mancano immaginazione e ambiguità, però poi il film non è femminista solo perché è brutto, quindi è brutto perché non è ambiguo, quindi l'ambiguità è femminista? Boh io non ci sto capendo sega, ma a quanto pare solo quando il cinema è "potente" è femminista, sembra di star guardando Dragonball. Ma poi la cit iniziale di Buddha che cazzo voleva significare? Sto cinema deve pensare l'indistizione ontologica o sociale? Sto femminismo deve essere trattato solo socialmente? Non esiste nulla di femminile aldilà del sociale ma solo un cinema potente? Mio dio.


Top
 Profilo  
Rispondi citando  

Re: Castrating the Settis: Definitive Edition
MessaggioInviato: 10/03/2018, 14:22 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: 04/01/2011, 13:22
Messaggi: 15310
Località: ROTY '08; Vice-UOTY '14,'16; User of the Triennium '14-'16; CMOTY '10,'15; TOTY '16;Auditel Champion
Sonoio ha scritto:
io non ho capito perché sei ossessionati da questo tizio che su facebook se lo cagano la madre e la sorella e te.


Magari è il suo ex. :sorridente:

Il che vorrebbe dire che avreste qualcosa in comune.


Top
 Profilo  
Rispondi citando  

Re: Castrating the Settis: Definitive Edition
MessaggioInviato: 17/03/2018, 14:00 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: 08/06/2012, 17:48
Messaggi: 5000
Località: Roma
Ma io di Eralei non ho mai parlato veramente sul forum, non scherziamo. Qui invece siamo a livelli di stalking e cyber bullismo


Top
 Profilo  
Rispondi citando  

Re: Castrating the Settis: Definitive Edition
MessaggioInviato: 17/03/2018, 14:31 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: 04/01/2011, 13:22
Messaggi: 15310
Località: ROTY '08; Vice-UOTY '14,'16; User of the Triennium '14-'16; CMOTY '10,'15; TOTY '16;Auditel Champion
Sonoio ha scritto:
Ma io di Eralei non ho mai parlato veramente sul forum, non scherziamo. Qui invece siamo a livelli di stalking e cyber bullismo


No no, non scherziamo, lui riporta cose pubbliche, è come se io criticassi di continuo Meltzer sui suoi articoli, mica mi verreste a dire che sto facendo stalking.

Tu invece ti sei costruito tutto un personaggio su un fatto privato, e se non fosse per Eralei ora qui non saresti nessuno.


Top
 Profilo  
Rispondi citando  

Re: Castrating the Settis: Definitive Edition
MessaggioInviato: 17/03/2018, 15:09 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: 08/06/2012, 17:48
Messaggi: 5000
Località: Roma
Non ho detto che sta facendo stalking, ho detto che la sua ossessione per un perfetto sconosciuto è ai livelli ossessivi di uno stalking .

E io primo non mi sono costruito alcun personaggio, secondo ho parlato di un sacco di ragazze tranne che di Eralei. Di lei sapete soltanto che ci ho trombato durante Roma porto e che ci siamo lasciati. L'unico topic in cui ne ho parlato ê in quello della Champions, ma lì ci stavo ancora insieme e non ne ho detto alcun male, tra l'altro vincendo anche un poty, che di certo tu non puoi vantare nel curriculum.


Top
 Profilo  
Rispondi citando  

Re: Castrating the Settis: Definitive Edition
MessaggioInviato: 17/03/2018, 15:15 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: 04/01/2011, 13:22
Messaggi: 15310
Località: ROTY '08; Vice-UOTY '14,'16; User of the Triennium '14-'16; CMOTY '10,'15; TOTY '16;Auditel Champion
Il Personaggio c'è, dopo il POTY hai cavalcato l'onda, come fece Santino's all'epoca del suo exploit, solo che lui si lasciò travolgere.


Top
 Profilo  
Rispondi citando  

Re: Castrating the Settis: Definitive Edition
MessaggioInviato: 17/03/2018, 15:50 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: 08/06/2012, 17:48
Messaggi: 5000
Località: Roma
Da te mi aspetterei una migliore conoscenza della Storia del Forum. Il topic dei problemi di cuore arriva un anno dopo roma-porto, anno in cui non ho fatto alcun post sulla mia situazione sentimentale. Da qui crolla la tua teoria del cavalcare l'onda.


Top
 Profilo  
Rispondi citando  

Re: Castrating the Settis: Definitive Edition
MessaggioInviato: 17/03/2018, 15:57 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: 04/01/2011, 13:22
Messaggi: 15310
Località: ROTY '08; Vice-UOTY '14,'16; User of the Triennium '14-'16; CMOTY '10,'15; TOTY '16;Auditel Champion
Si', mi sono spiegato male, non è stata immediata la cosa, ma il personaggio l'hai fatto dopo che t'ha mollato, riprendendo quell'onda dell'estate precedente e del POTY in inverno.


Top
 Profilo  
Rispondi citando  

Re: Castrating the Settis: Definitive Edition
MessaggioInviato: 17/03/2018, 16:16 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: 09/12/2011, 14:11
Messaggi: 7535
Località: My reign is as far as your eyes can see
Lasciate il topic alla distruzione degli pseudo intellettuali piddioti e portate i vostri complessi in altri topic appositi che fino ad ora era godibilissimo, per piacere.

Sto ancora ridendo per il Greta Gerwig = femminismo, quanto ritardo


Top
 Profilo  
Rispondi citando  

Visualizza ultimi messaggi:  Ordina per  
Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 22 messaggi ]  Vai alla pagina 1, 2  Prossimo

Tutti gli orari sono UTC + 1 ora


Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno


Non puoi aprire nuovi argomenti
Non puoi rispondere negli argomenti
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi

Cerca per:
Vai a:  
phpBB skin developed by: eXtremepixels
POWERED_BY
Traduzione Italiana phpBB.it