Tutti gli orari sono UTC + 1 ora




Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 7 messaggi ] 
  Stampa pagina

I numeri di James Pallotta
Autore Messaggio
MessaggioInviato: 31/01/2018, 11:55 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: 17/07/2011, 20:12
Messaggi: 11934
Località: Modestamente, la seconda venuta di Cristo
Parliamo di questo signore e della gestione della sua controllata.
Manager affermato, self-made, gestore di un fondo di investimenti, ha partecipazioni in diverse società (tra cui i Boston Celtics) ed è azionista di maggioranza della A.S. Roma, il cui pacchetto di maggioranza è detenuto da una società satellite che gestisce anche i diritti sportivi del marchio.
Ricordiamo tutti in estate come questo signore si sia detto stupito della manovra della concorrenza, in quanto incapace di capire quale fosse il Business Plan della suddetta e la sua fattibilità economica.

Vediamo un po' i numeri attuali della gestione del Signor Pallotta.


Cita:
IL MESSAGGERO (R. AMORUSO) - Almeno una è fatta. È chiusa almeno una delle cessioni d’oro che servono a mettere in sicurezza il bilancio della Roma e ad avvicinare l’obiettivo del pareggio di bilancio, con tanto di soglia di “tolleranza” indicato dalla Uefa nel Settlement Agreement, il famoso accordo transattivo sui conti firmato nel 2015. Ma potrebbe non bastare la cessione al Chelsea di Emerson Palmieri. A fare la differenza in un colpo solo nei conti 2017/2018, e quindi entro giugno, può essere la cessione di Edin Dzeko, che però per il momento sembra sfumata. Magari se ne riparlerà la prossima estate. Una buona notizia per i tifosi, per ora. Altrimenti si tratterà di toccare il resto della “rosa”, con altre cessioni capaci di produrre plusvalenze in grado di rendere il bilancio meno precario. Va detto che il tema non è tanto e non solo il rapporto con la Uefa, che chiede di far emergere le plusvalenze necessarie per far tornare i conti. E’ anche una questione di valutazione del mercato, perché potrebbe non bastare nemmeno l’aumento di capitale per 120 milioni varato a ottobre che assorbe anche il contributo in conto capitale già attivato dalla Neep di James Pallotta, azionista con il 78% del capitale. Bussare di nuovo ai soci per far tornare i conti non è il massimo. Ma senza altre cessioni non c’è altra via per recuperare quei 30-40 milioni che mancano per riportare i conti in equilibrio già considerando plusvalenza di oltre 24 milioni ottenuta con la cessione di Emerson.

ANNO NON FACILE – Il punto è che il 2016/2017 è stato un anno non facile per i conti della Roma. I ricavi consolidati si sono ridotti da 219 a 175 milioni (-20%). Un risultato segnato dal ridimensionamento dei diritti tv (da 133 a 105 milioni). Rimanere fuori dalla Champions League è costato caro: i play-off della Champions e il gettone di presenza all’Europa League non sono bastati a colmare il vuoto. Sicché la situazione patrimoniale dei giallorossi, seppure in miglioramento grazie al robusto contributo dell’azionista, resta da “osservato speciale”: il patrimonio netto è infatti negativo per 89 milioni (contro -117 milioni nel 2015/2016) anche per effetto della perdita di bilancio: 42 milioni al 30 giugno scorso a fronte dei 14 milioni registrati nell’esercizio precedente. La consolazione è che, a ben guardare, il rapporto tra debito (195 milioni) e margine lordo è pari a 4,4 volte: ciò significa che dal punto di vista gestionale l’AS Roma non è messa male. Anzi, di fatto è in linea con i numeri di un settore, quello del calcio, che si regge in Italia soprattutto sui diritti del parco giocatori (con i suoi pesanti ammortamenti e le generose plusvalenze) e sui diritti tv. Nondimeno, i numeri offrono un quadro sul quale i manager della Roma dovranno lavorare non poco per riportare i conti in equilibrio. Intanto va ricordato che l’accordo transattivo con la Uefa prevedeva una perdita aggregata massima di 30 milioni per gli esercizi 2015 e 2016, e un pareggio di bilancio “con tolleranza” nel triennio al 2017. Ma mentre per superare la prova a giugno 2016 è stata decisiva la plusvalenza di Pjanic, nel 2017 non è bastata la vendita di Salah e degli altri con tanto di plusvalenze per 95 milioni. Certamente si è fatto sentire il mancato incasso per Manolas, solo in parte attenuato dalla cessione di Rudiger. Così si spiega lo sforamento dagli impegni con Uefa. Per quest’anno la Roma si prepara ad un altro rosso, sebbene in miglioramento perché potrà contare su un aumento dei ricavi con la qualificazione agli ottavi di Champions. Anche di più se andrà oltre. L’auspicio degli amministratori è anche sull’aumento di altri proventi, tra sponsorizzazioni e ricavi pubblicitari. Nonostante ciò, difficilmente potrà bastare la cessione di Emerson se vuole evitare un nuovo aumento di capitale. E quali sono giocatori con una plusvalenza potenziale sufficientemente generosa? Inutile dire che visto dai tifosi, la parte più pregiata della “rosa” non andrebbe toccata. Ma giocatori come Nainggolan hanno oggi un valore contabile netto di 7,2 milioni (è stato acquistato a13,3 milioni), mentre El Sharaawy vale in bilancio 9,7 milioni (contro i 13 spesi). Per Dzeko l’ultima fotografia parla di 13 milioni di cartellino residuo: molto meno del suo valore di mercato. Dunque, probabilmente è su di lui che il faro si accenderà di nuovo se la famiglia Pallotta non vuole mettere nuovamente mano al portafoglio.


Numeri che possono essere facilmente constatati sul Bilancio pubblico della AS Roma.
Mi permetto di aggiungerne qualcuno io: sono circa 300 i milioni versati da questo signore dall'inizio della sua gestione, 301,2 milioni sono le plusvalenze al netto delle minusvalenze, con record di 94,8 raggiunto con le ultime cessioni di Rudiger, Salah e Paredes, che comunque non sono state abbastanza corpose da coprire il passivo di bilancio, tanto da portare a queste nuove cessioni, per evitare nuove sanzioni dal FPF (ultimo bilancio chiuso in perdita: -41,7)

Gli amministratori della società ci fanno sapere, commentando i risultati dell'annata in corso rispetto a quelli dell'anno passato, che: «i fabbisogni finanziari del Gruppo saranno coperti attraverso i flussi finanziari generati dall’attività ordinaria e dall’ulteriore ricorso all’indebitamento finanziario, oltre che, se necessario, dal realizzo di asset aziendali, in particolare riferiti ai diritti pluriennali alle prestazioni sportive dei calciatori, il cui valore di mercato complessivo è ampiamente superiore al valore contabile e rappresenta una solida base di sicurezza per la continuità aziendale»


In tutto questo, come detto, in previsione di un ulteriore possibile sanzione in primavera del FPF (che direi che sta al pari della Auserity dell'unione europea, una roba immonda insomma)

Il tutto con la bellezza di zero trofei aggiunti a bacheca.
Qual è il bussiness plan di questo signore? qual è l'obbiettivo a medio termine? Cosa si pensa di fare in merito ai numeri disastrosi elencati più in su? Che livello comparativo ha il progetto tecnico rispetto a quello finanziario? E' giusto e legittimo pensare che lo stadio sia la soluzione a tutti i mali? Con lo stadio la Roma fatturerà 300 milioni di botto all'anno (rispetto ad una media di 170, pressapoco)
Eppure nonostante tutto questo signore si permette di dare giudizi, nonostante la sua esperienza fallimentare come manager sportivo.

Cosa ne pensate voi di Pallotta e dei suoi numeri?[youtube][/youtube]


Top
 Profilo  
Rispondi citando  

Re: I numeri di James Pallotta
MessaggioInviato: 31/01/2018, 14:45 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: 06/05/2011, 10:46
Messaggi: 2427
#Baldissoni: "La nuova proprietà ha investito mantenendo i salari dei giocatori come uno dei costi di gestione più alti: la nostra è la seconda rosa per costo di gestione della Serie A, pur avendo il quarto o quinto monte ricavi"

Si vantano pure.


Top
 Profilo  
Rispondi citando  

Re: I numeri di James Pallotta
MessaggioInviato: 31/01/2018, 16:47 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: 23/12/2011, 16:18
Messaggi: 5473
Località: Lecco
Quello che sarebbe interessante capire è com'era esattamente la situazione al momento della stipula del settlement agreement, conditio sine qua non per poter giocare in Europa (e pertanto, passaggio obbligato).

Io (da esterno, quindi con una conoscenza delle vicende piuttosto ristretta) non darei tante responsabilità a Pallotta & co (che, peraltro, hanno pure fatto un aumento di capitale consistente, quindi un investimento nella Roma).
La questione FFP è una spina nel fianco per praticamente tutte le squadre europee, e pesa ancor di più per quelle che non hanno un grosso mercato estero e, di fatto, dipendono quasi esclusivamente da quello interno. E il mercato nazionale, ahinoi, è strettamente legato ai diritti TV, a loro volta vincolati alla merdosa serie A che ci troviamo. Tradotto: il campionato è poco vendibile, incassi poco, distribuisci poco, e per far quadrare i conti come vuole la UEFA sei costretto a fare plusvalenze. E se un anno finisci fuori dalla Champions, sono dolori.

Quanto ai loro obiettivi, mi pare siano stati sempre chiarissimi: vogliono costruire lo stadio. Che non sarà della Roma, ma sarà comunque per la Roma un notevole richiamo per aumentare le entrate. Lo stemma è l'emblema della loro intenzione: sfruttare al massimo il richiamo del nome Roma nel mondo (non a caso hanno voluto il nome per esteso nello stemma, sostituendo la sigla).

L'aspetto tecnico è giocoforza vincolato a quello finanziario: finché non rispetti gli accordi con la UEFA non puoi investire, anzi devi vendere.


Top
 Profilo  
Rispondi citando  

Re: I numeri di James Pallotta
MessaggioInviato: 31/01/2018, 17:54 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: 08/06/2012, 17:48
Messaggi: 4755
Località: Roma
io non me la prendo con Pallotta ma con l'Italia... 7 anni per iniziare a costruite questo stadio che tutti vogliono e che serve a tutti, con pallotta che era pronto anche a rifarti una roma-lido nuova di zecca e a pagarti le strade. Tra burocrazia e 5 stelle (che ricordiamoci hanno fatto ostruzionismo al progetto prima, e l'hanno insensatamente ridimensionato poi), lo stadio se tutto va bene sarà pronto 10 anni dopo l'arrivo degli americani. Allucinante.

Alla luce di questo pallotta ci ha fatto entrare stabilmente nella top3 di club italiani, in anni in cui anche società molto più grandi come milan e inter hanno vissuto difficoltà incredibili. Che poi l'abbia dovuto fare vendendo per comprare etc. pazienza...

Voglio di più? Sì, è chiaro, mi è pure passata la voglia di seguire la squadra con tutti gli errori che hanno fatto, ma gli riconosco la buona volontà e riconosco le colpe di questo stato ridicolo.


Top
 Profilo  
Rispondi citando  

Re: I numeri di James Pallotta
MessaggioInviato: 31/01/2018, 18:37 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: 17/07/2011, 20:12
Messaggi: 11934
Località: Modestamente, la seconda venuta di Cristo
lando ha scritto:
Quello che sarebbe interessante capire è com'era esattamente la situazione al momento della stipula del settlement agreement, conditio sine qua non per poter giocare in Europa (e pertanto, passaggio obbligato).

Io (da esterno, quindi con una conoscenza delle vicende piuttosto ristretta) non darei tante responsabilità a Pallotta & co (che, peraltro, hanno pure fatto un aumento di capitale consistente, quindi un investimento nella Roma).
La questione FFP è una spina nel fianco per praticamente tutte le squadre europee, e pesa ancor di più per quelle che non hanno un grosso mercato estero e, di fatto, dipendono quasi esclusivamente da quello interno. E il mercato nazionale, ahinoi, è strettamente legato ai diritti TV, a loro volta vincolati alla merdosa serie A che ci troviamo. Tradotto: il campionato è poco vendibile, incassi poco, distribuisci poco, e per far quadrare i conti come vuole la UEFA sei costretto a fare plusvalenze. E se un anno finisci fuori dalla Champions, sono dolori.

Quanto ai loro obiettivi, mi pare siano stati sempre chiarissimi: vogliono costruire lo stadio. Che non sarà della Roma, ma sarà comunque per la Roma un notevole richiamo per aumentare le entrate. Lo stemma è l'emblema della loro intenzione: sfruttare al massimo il richiamo del nome Roma nel mondo (non a caso hanno voluto il nome per esteso nello stemma, sostituendo la sigla).

L'aspetto tecnico è giocoforza vincolato a quello finanziario: finché non rispetti gli accordi con la UEFA non puoi investire, anzi devi vendere.


I soldi li hanno messi, il problema è che in tutto questo la società ha investito in situazioni a perdere, raccontandoci di aver accumulato ricchezza in cartellini, che comunque fanno operare in perdita.
Il punto è che questo è un modello perdente nei fatti (0 trofei). Lazio e Napoli hanno gestioni migliori senza dover vendere ogni anno mezza squadra, hanno margine di manovra e possono decidere di vendere per poter potenziare i propri asset.
Ci sta fare trading per incrementare i tuoi asset, il punto è che questa società fa solo questo e lo fa in perdità e ci raccontano che lo stadio cambierà tutto, quando poi ci sono voluti anni per il main sponsor, con un contratto di 8 milioni, ben due in più rispetto a quello siglato in passato con la Wind.
Ricavi commerciali? iniziative di Marketing? Ti faccio un esempio terra terra, perché in fondo io sono un coglione. Dino Viola negli anni 80-90 si inventò il famoso lupetto stilizzato che sicuramente ti ricorderai, fu un successo commerciale oltre che un simbolo che si è legato alla storia della Roma.
Questi invece sono riusci a siglar il contratto con Disney. Siamo all'abc, siamo gestito in modo arcaico, poco capitalizzati e diamo un'idea di una società perennemente in affanno.
Poi se mi dici che il FPF ci limita io ti appoggio, d'altronde è stato partorito dallo stesso buco di culo che ha partorito la politica di austerity, il concetto è lo stesso. Come curare la fame nel mondo distribuendo pillole per la stitichezza.


Top
 Profilo  
Rispondi citando  

Re: I numeri di James Pallotta
MessaggioInviato: 02/02/2018, 15:00 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: 23/12/2011, 16:18
Messaggi: 5473
Località: Lecco
Jolly ha scritto:
I soldi li hanno messi, il problema è che in tutto questo la società ha investito in situazioni a perdere, raccontandoci di aver accumulato ricchezza in cartellini, che comunque fanno operare in perdita.
Il punto è che questo è un modello perdente nei fatti (0 trofei). Lazio e Napoli hanno gestioni migliori senza dover vendere ogni anno mezza squadra, hanno margine di manovra e possono decidere di vendere per poter potenziare i propri asset.
Ci sta fare trading per incrementare i tuoi asset, il punto è che questa società fa solo questo e lo fa in perdità e ci raccontano che lo stadio cambierà tutto, quando poi ci sono voluti anni per il main sponsor, con un contratto di 8 milioni, ben due in più rispetto a quello siglato in passato con la Wind.
Ricavi commerciali? iniziative di Marketing? Ti faccio un esempio terra terra, perché in fondo io sono un coglione. Dino Viola negli anni 80-90 si inventò il famoso lupetto stilizzato che sicuramente ti ricorderai, fu un successo commerciale oltre che un simbolo che si è legato alla storia della Roma.
Questi invece sono riusci a siglar il contratto con Disney. Siamo all'abc, siamo gestito in modo arcaico, poco capitalizzati e diamo un'idea di una società perennemente in affanno.
Poi se mi dici che il FPF ci limita io ti appoggio, d'altronde è stato partorito dallo stesso buco di culo che ha partorito la politica di austerity, il concetto è lo stesso. Come curare la fame nel mondo distribuendo pillole per la stitichezza.


Sul modello perdente, va detto che Pallotta entra nel 2012, e rileva la totalità delle quote nel 2014. La Roma veniva da stagioni concluse intorno al 6°-7° posto, e una situazione economica piuttosto pesante. Essere riusciti a diventare stabilmente la seconda-terza forza del torneo non è un risultato da poco, ma capisco benissimo che da tifoso valga zero. Che poi c'è anche da tenere conto che in questi anni la serie A è stata cannibalizzata dalla Juventus, così come i trofei nazionali, e rimanevano giusto le briciole per le altre.
Purtroppo (per voi) sono quelle situazioni da cui uscire è difficile, difficilissimo, senza la giusta combinazione di fattori. Vedi la Juve: settimi posti, poi il filotto stadio + Conte + acquisti a parametro zero hanno fatto il ribaltone.

A me questi americani sembra gente seria, con le idee chiare e la volontà di far bene. Certo, non sono infallibili ed hanno fatto alcune cazzate (tipo prendere Zeman, scelta evidentemente fanservice ma inutile ai fatti, o non imporsi con chiarezza su Totti), ma onestamente penso che la Roma potrà essere (più del Napoli) la rivale in Italia dei prossimi anni (al netto di ritorni delle milanesi, che ad oggi vedo assai improbabile).

Ho anche il sospetto (correggimi se sbaglio) che per voi romanisti pesi come un macigno la coppa Italia persa con la Lazio, e che questo vi faccia valutare negativamente tutto.


Top
 Profilo  
Rispondi citando  

Re: I numeri di James Pallotta
MessaggioInviato: 02/02/2018, 15:48 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: 08/06/2012, 17:48
Messaggi: 4755
Località: Roma
prendere zeman un errore?
veramente questi 4 anni di secondi posti nascono tutti dai soldi che lui ha fatto guadagnare alla società, moltiplicando il valore di una rosa (marquinhos, lamela etc) che con luis enrique aveva raggiunto un livello risibile.
senza contare i frutti tecnici del suo lavoro come la creazione di florenzi, la resurrezione di totti etc., e l'arrivo in finale di coppa italia che magari, con lui al posto di andreazzoli, sarebbe potuto essere l'unico trofeo della gestione americana.

per il resto sono d'accordo con te


Top
 Profilo  
Rispondi citando  

Visualizza ultimi messaggi:  Ordina per  
Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 7 messaggi ] 

Tutti gli orari sono UTC + 1 ora


Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno


Non puoi aprire nuovi argomenti
Non puoi rispondere negli argomenti
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi

Cerca per:
Vai a:  
phpBB skin developed by: eXtremepixels
POWERED_BY
Traduzione Italiana phpBB.it