WWE PLANET #707 - TUTTOWRESTLING.COM -=Tutto Sul Mondo Del Pro Wrestling=-
 
TUTTOWRESTLING HOMEPAGE
 
USERNAME PASSWORD     RICORDAMI REGISTRATI
 
 21.1 Intervista a Simone Spada (Bullfight Wrestling Society)
 20.1 The Other Side
 20.1 WWE NXT Report
 19.1 TW Risponde
 18.1 WWE Smackdown Report
 18.1 WWE 205 Live Report
 17.1 WWE Raw Report
 
 







 
 
 
WWE PLANET #707  
by Marco Astori
 


Seconda settimana del 2017 in casa WWE e le aspettative erano davvero alte: per Raw erano pubblicizzati The Undertaker e Shawn Michaels, mentre SmackDown Live aveva una pesante quanto ottimale costruzione tra John Cena ed AJ Styles da portare avanti. E’ difficile riempire 5 settimane per arrivare alla Royal Rumble ma, passo dopo passo, ci siamo avvicinando sensibilmente a quella che potrà essere una delle più grandi edizioni di sempre. Andiamo allora ad esaminare nel dettaglio l’operato di Raw e di SmackDown di questa settimana con il nostro WWE Planet. Drink it in, man!



RED CARPET. Raw è stato presentato come una vera e propria passerella di leggende questa settimana, giusto per dare un po’ di verve ad uno show che necessita esageratamente di riacquistare punti. E, come si suol dire, via il dente via il dolore, andrei in ordine cronologico, non di importanza. Quindi per primo abbiamo Shawn Michaels: chiaro, quando HBK viene pubblicizzato tre settimane prima della Rumble, che peraltro avrà luogo nella sua San Antonio, qualche domanda è d’obbligo porsela. Se però non vogliamo sparare così alto pronosticando una sua apparizione nel Royal Rumble Match, ci aspettiamo che Michaels sia a Raw per parlare di qualcosa di grosso. Invece tutt’altro: HBK è a Raw per presentare, seppur in modo buffo e alla sua maniera, il suo prossimo film. E mi chiedo come il mio televisore sia ancora intatto dopo quello che ho sentito: davvero ce n’era il bisogno di prendersi così gioco di noi? Chiaro che tutti abbiamo aspettato il suo ingresso, per poi ricevere un fortissimo schiaffo in piena faccia. E il tutto va degenerando con le apparizioni di Rusev, Lana, un esageratamente grosso Jinder Mahal, Enzo e Cass. Forse altri contesti in cui inserire Michaels non c’erano: ma una delusione così grossa è difficile da mandar giù, soprattutto quando HBK è uno dei tuoi idoli di sempre.
D’altra parte, però, The Undertaker è stato protagonista di un segmento veramente ad effetto. Ma andiamo ad analizzare le sue parole: prima di tutto dice che nessuno lo può controllare, per poi confermare la sua presenza nella rissa reale. Il tutto porta a pensare che il Deadman sia il più papabile a vincere una Rumble che si prospetta davvero interessante: difficile che Undertaker appaia per poi essere eliminato da qualcuno (a meno che il tutto serva per costruire il suo match con colui che lo butterà fuori a WrestleMania), ma soprattutto, il fatto di non essere sotto il controllo di nessuno, può far presagire una contesta tra Stephanie e Shane per contendersi il Deadman. L’ho citata, parliamo di Stephanie: è mai possibile che, guardando Raw, si veda più lei degli atleti? Quante volte è apparsa in questa puntata, 50? All’inizio, dopo la rissa tra Reigns e Strowman, con Bayley e Sasha nel suo ufficio (dove ha peraltro dovuto per forza sottolineare chi è il capo lì dentro) e con Foley per giudicare il suo operato. Le sue manie di protagonismo non fanno bene allo show e, soprattutto alle superstar: in un minuto ha affossato da sola Bayley e Sasha Banks, come se fossero due bambine qualunque. Non vorrei fare sempre paragoni con SmackDown ma mi ci costringono: Bryan quanto tempo è apparso martedì notte, 30 secondi? Solo per annunciare lo Steel Cage per il titolo femminile. E’ una presenza per nulla invadente, nonostante noi fan preferiremmo 100 volte sentire la theme di Bryan rispetto a quella di Stephanie. Ma il colpo di scena più grande è stata la vittoria da parte di Chris Jericho (e Kevin Owens del titolo US), ma il tutto mi ha fatto storcere il naso, di nuovo: prima di tutto hai ancora una volta mostrato Roman Reigns come un atleta indistruttibile, che perderebbe la cintura solamente dopo un pestaggio iniziale e in un handicap match 2 vs 1. Tutto ciò non lo protegge, ma, al contrario, continua il processo Daniel Bryan 2.0, con un Reigns che deve far fronte a tutto e tutti pur di risultare vincitore alla fine. Ma quel che mi fa ancora più paura è che, dopo questa sconfitta, Reigns possa vincere il titolo Universal alla Rumble e prendere parte al terzo main event di WrestleMania di fila. Impossibile? Chiedetelo a Vince. Intanto Jericho completa la sua lista con l'unico titolo che gli mancava. Una parola? Leggenda.

IMPLOSION. AJ Styles è rimasto a riposo per questa settimana e ha avuto solo un confronto di sguardi a fine puntata con John Cena: la storyline tra i due non è quindi stata portata avanti, anche perché le motivazioni sono già state date, il contratto già firmato, quindi c’è poco da dire. Aspettiamo solo il match. Due sono le faide proseguite in quel di SmackDown Live, quelle dei titoli minori. La Wyatt Family ha fallito l’assalto ai titoli di coppia di SmackDown a causa dell’ennesimo battibecco tra Randy Orton e Luke Harper: è stato chiaro fin dal primo giorno il come Harper non vedesse di buon occhio The Viper e che i due non avrebbero avuto un rapporto idilliaco. Infatti la Family sta implodendo dall’interno, complice anche l’accidentale Superkick di Harper su Bray Wyatt: battibeccare tra di loro è un conto, colpire il capo è un altro. Sarà curioso ora vedere i provvedimenti che il Guru prenderà, ma su una cosa siamo certi: i membri della Family hanno già dimostrato di funzionare poco se splittati. Escluderei dunque una separazione definitiva, optando più per un volta spalle a Orton, giusto per costruire l’ormai scritta resa dei conti tra il Legend Killer e l’Eater of Worlds. C’è da fare però i complimenti a chi ha pensato e portato avanti questa storyline: c’era pessimismo dopo l’entrata di Orton nella Family, ma The Viper sta funzionando molto bene e il tutto procede in maniera ottima. Gli Alpha, dal canto loro, stanno conducendo un buon regno che, seppur arrivato a sorpresa, spero duri il più a lungo possibile, dato il carisma e il talento di Jordan e Gable. Dall’altra parte ci sono Ambrose e Miz che continuano il loro faccia a faccia per il titolo intercontinentale: Renee Young è fuori dai radar, nonostante si pensasse ad un suo coinvolgimento a pieno regime nella faida. Ma sono convinto che la bella giornalista un match lo disputerà e potrà rivestire un ruolo importante al fianco del Lunatic Fringe. Per Miz c’è poco da dire, se non quello che diciamo da mesi: è un heel eccellente e sta lavorando in maniera straordinaria. Oltre a questo, anche SmackDown Live vuole scrivere la storia del wrestling femminile: per la prima volta, infatti, la prossima settimana il titolo femminile sarà difeso in uno Steel Cage Match e sono sicuro che la Bliss e Becky potranno davvero mettere in scena un grande match e recuperare terreno a discapito dei vari Sasha Banks vs Charlotte. E che possa finalmente essere rivelata la vera identità della Luchadora? Mickie James dovrebbe debuttare a breve e quale miglior occasione se non costare il titolo a Becky Lynch, dando il via alla faida tra le due? Ultimo ma non ultimo c’è la mina vagante Dolph Ziggler: lo Show Off è stanco di continuare a perdere, per l’ennesima volta, e ce l’ha con il mondo. Ora non guarda più in faccia a nessuno e malmena chiunque si metta sulla sua strada. Sarà interessante dunque capire quale sarà il suo futuro e verso quali lidi sarà proiettato: certo è, che costruendolo così, si prospetta qualcosa di importante. Ah, dimenticavo: James Ellsworth è passato dal titolo WWE a Carmella. Difficile dire se gli andava meglio prima o adesso. L’unica cosa certa? Big Cass non sarà molto contento.

THIS IS BRAND. Questa settimana non è così semplice scegliere il roster della settimana: di sicuro non è Raw che, come detto, mi ha particolarmente deluso con il brutto segmento con Shawn Michaels coinvolto e con le troppe apparizioni di Stephanie McMahon. Dico SmackDown, anche se neanche il roster blu mi ha particolarmente entusiasmato questa settimana. Lo scelgo però perché, come dico sempre, Raw può fare decisamente di più: e con Lesnar che torna questo lunedì spero potremo vedere qualcosa di diverso.

THIS IS WRESTLING. Anche scegliere il match della settimana non è così facile: anche qui, non ci sono stati incontri di livello, in nessuno dei due show. Se dobbiamo scegliere dico il Tag Team Match valevole per i titoli di coppia di SmackDown tra gli American Alpha e la Wyatt Family: l’incontro ha avuto un buon ritmo, soprattutto nel finale, dove l’ennesimo malinteso tra Luke Harper e Randy Orton causa la sconfitta della Wyatt Family e, di conseguenza, la mancata conquista dei Tag Team Championship.

TOP 5 RAW

1. Chris Jericho
2. Undertaker
3. Charlotte
4. Sheamus
5. Jack Gallagher

FLOP 5 RAW

1. Roman Reigns
2. Stephanie McMahon e Mick Foley
3. Sasha Banks
4. Titus O'Neil
5. Shawn Michaels

TOP 5 SMACKDOWN LIVE

1. American Alpha
2. John Cena
3. Dean Ambrose
4. Natalya
5. Carmella

FLOP 5 SMACKDOWN LIVE

1, Wyatt Family
2. Baron Corbin
3. Dolph Ziggler
4. Nikki Bella
5. The Miz

Alla settimana prossima con il Planet, sempre su tuttowrestling.com!




Tutte le news sul tuo account Facebook con un LIKE! CLICCA QUI
Segui Tuttowrestling.Com sulla nostra pagina Twitter: @Tuttowrestling



Al momento non ci sono commenti

   

Questo sito non è in alcun modo affiliato con alcuna organizzazione professionistica.
I nomi dei programmi, dei lottatori e dei marchi WWE e TNA sono proprietà delle rispettive federazioni.
Copyright © 2017 - Tuttowrestling.Com - P. IVA n° 08331011000

TUTTOWRESTLING HOMEPAGE