EPW LIVE @CINECITT WORLD: IL REPORT #63 - TUTTOWRESTLING.COM -=Tutto Sul Mondo Del Pro Wrestling=-
 
TUTTOWRESTLING HOMEPAGE
 
USERNAME PASSWORD     RICORDAMI REGISTRATI
 
 28.7 Cero Miedo
 27.7 Stamford Report
 27.7 5 Star Frog Splash
 26.7 WWE Smackdown Report
 25.7 WWE Raw Report
 24.7 BATTLEGROUND 2017 REPORT
 26.7 TW Web Radio
 
 











 
 
 
EPW LIVE @CINECITT WORLD: IL REPORT #63  
by Michele Ippolito
 


Amiche ed amici di TuttoWrestling, oggi The Myth Michele M. Ippolito vi racconter lultimo show della European Pro Wrestling che si tenuto pochi giorni fa presso il bel parco giochi alla periferie di Roma, Cinecitt World. Lo show ha avuto protagonisti di livello come gli ex campioni mondiali TNA Eddie Edwards e Nick Magnus Aldis, lex campione della X-Division Douglas Williams oltre alla superstar della TNA Bram, Jimmy Havoc, il campione EPW Chris The Bambikiller Raabid, un paio di wrestler francesi di buon livello ed un gruppetto di italiani di valore. Lo show diventato noto nel mondo per un drammatico avvenimento che ha coinvolto Bram: alla faccia di chi dice che il wrestling tutto finto, il lottatore inglese si seriamente infortunato nel corso del suo match ed ha dovuto essere ricoverato in ospedale.





La EPW ci aveva gi abituato portando sul territorio italiano alcuni tra i migliori lottatori del pianeta ed anche questo show non ha fatto eccezione. Come dimenticare che due anni fa AJ Styles e Christopher Daniels hanno lottato quello che, con ogni probabilit, il miglior match mai disputato sul suolo del Belpaese? E come dimenticare la presenza, lo scorso anno a Roma, di Johnny Mundo, alias John Morrison, che per pochi secondi ha anche detenuto la cintura di campione mondiale EPW?

Questanno la EPW ha cambiato nuovamente location, spostandosi al Cinecitt World, un parco giochi di costruzione relativamente recente. Con il biglietto per lo show era possibile entrare anche al parco e fruire di tutte le attrazioni e cos ho fatto io. Non centra con il wrestling, ma devo dire che il parco bello ed alcune delle sue attrazioni sono veramente divertenti: la mia giornata passata un po con gli atleti ed un po sulle giostre sotto un caldo africano (cera molta Afa, ma non cera Sika, a dirla tutta) e dunque siamo arrivati velocemente alle 18, orario di inizio dello show.

Dispiace dirlo, ma gli organizzatori del parco non sono stati allaltezza dei fan di wrestling Alle casse nessuno sapeva che era previsto uno show in giornata. Per tutta Cinecitt World non cera n uno striscione n un manifesto che annunciasse levento. Dulcis in fundo, e questo stato laspetto peggiore, i manager hanno deciso autonomamente di spostare lo show da un teatro al chiuso ad un angusto spazio allaperto, tra laltro senza mettere a disposizione un congruo numero di sedie con alcune pessime conseguenze: la prima che chi aveva pagato il biglietto (e non aveva speso poco) si trovato mescolato con il pubblico casuale, che in molti casi si gustato lo show senza spendere un centesimo in pi; molti sono dovuti rimanere in piedi o sedersi sui muretti; il caldo era asfissiante ed il sole picchiava; i lottatori dovevano salire sul ring passando in mezzo agli avventori e questo di certo non li faceva sembrare delle superstar; limpianto audio era pessimo e non si sentiva nulla, ammazzando lheat per gli atleti. Nel complesso, dunque, organizzazione del Cinecitt World bocciata e questo ha rischiato di vanificare tutti gli sforzi profusi dai pur bravi promoter della EPW, che tanto si erano impegnati per dare vita al migliore degli show possibile.

Altro problema stata lassenza di Ryback, la star dello show, che ha dato forfait solo poche ore prima dellevento a causa di un non meglio precisato infortunio. I bidoni di Ryback sono ormai leggenda, ma dispiace che tanti fan italiani siano rimasti a bocca asciutta. E evidente che The Big Guy non n Tiger Mask n Dean Malenko, ma un nome parecchio noto e molti avevano la curiosit di vederlo allopera. A questo punto, ci auguriamo che la EPW, che pure avr buttato i soldi del suo biglietto aereo, tagli completamente i ponti con lui.




Veniamo adesso allo show vero e proprio. Lo spettacolo cominciato con la puntata finale di un reality show per aspiranti wrestler che, da marted scorso, va in onda su Nuvola61. Si sono sfidati sul ring in un match breve due coppie di lottatori italiani: da una parte Jimmy Barbaro e Ronin, dallaltra Incubo e Killer Mask. Il finale non ve lo svelo perch dovete vedere il reality show, ma stato un peccato che il pubblico, non avendo capito a causa dellimpianto audio di cosa si trattasse, non abbia minimamente partecipato allazione. A bordo ring cerano i tre giudici, Eddie Edwards, Tom La Ruffa e Fabio Ferrari, ma nessuno ha sentito quello che avevano da dire sui contendenti. Una occasione persa, purtroppo. Speriamo che il segmento venga comunque ben montato per la tv.

E stato poi il momento di un dark match che ha visto impegnati altri wrestler italiani. Da una parte il team face composto da Hellwig Styke e Ivan Lacroix, dallaltra quello composto da Rafael e dal lottatore MMA The Hammer Mauro Cerilli, con Johnny Bono nel loro angolo. Premesso che Cerilli non dovrebbe proprio salire sul ring di wrestling e che Bono un heel come ce ne sono pochi in Italia, il match stato rapido ed indolore ed ha visto la vittoria dei cattivi, quando Cerilli ha sottomesso Stryke, che a mio avviso un interessante prospetto nel panorama del wrestling nazionale.

E quindi cominciato lo show vero e proprio. Johnny Bono ha sfidato Tristan Archer, wrestler francese gi visto nel corso del WWE Cruiserweight Classic. In quelloccasione, Archer, con il nome di Clement Petiot, ha lottato e perso in cinque minuti al primo turno contro Cedric Alexander. Il francese non ha avuto la possibilit di mettere in mostra tutto il suo repertorio anche perch il match stato abbastanza breve, ed alla fine ha vinto Bono dopo una interferenza di Cerilli, per il disappunto del pubblico.

A seguire, un match tra due coppie italiane. Da una parte Joe ed Anthony, un duo di malavitosi (in Italia sono meglio conosciuti come Alex Flash e Tempesta, i bravi head trainer della Scuola Italiana di Wrestling), dallaltra i lottatori del Bologna Wrestling Team Red Scorpion e Leon. Il match stato anchesso abbastanza breve ed terminato quando Anthony ha colpito con una catena i suoi avversari, procurando la squalifica per il suo team.

Subito dopo toccato alla difesa dellEPW Silver Championship da parte di quello che, a mio avviso, il miglior wrestler italiano in attivit: Red Devil Fabio Ferrari. Devil aveva conquistato il titolo in un torneo a quattro lo scorso anno e stavolta aveva davanti a s due avversari di livello in un triple threat match. Uno dei due era Doug Williams, gi membro della British Invasion della TNA e due volte campione della X-Division; laltro Tom La Ruffa, gi visto in TNA e a NXT, dove lottava con il nome di Sylvester Lefort. Ferrari ha vinto agevolmente il match, ma i tre hanno dato un buono spettacolo, con alcuni elementi comedy, in particolare nella prima fase. Williams non ha fatto granch, ma ha dimostrato di essere un maestro sul ring, avendo tutto sotto controllo, mentre La Ruffa tutta potenza. Giusta la scelta di lasciare il titolo alla vita di Ferrari, che ha bisogno di visibilit internazionale e che un ottimo rappresentante del wrestling del nostro Paese.

E stato poi il momento del miglior match della serata: un iron man match di venti minuti tra Eddie Edwards, gi campione mondiale TNA, ed uno dei wrestler pi aggressivi che io abbia mai visto, il beniamino del pubblico della EPW, di cui ormai un habitu, Mark Haskins. Il match stato molto bello: Haskins si portato in vantaggio con uno sharphooter ma Edwards ha pareggiato il conto con una Boston Crab. Edwards si quindi portato sul 2-1 grazie ad una shining wizard ed Haskins non ce lha fatta a recuperare schienando a sua volta lavversario. Edwards, dunque, ha vinto il match, tutto sommato meritatamente.

Nel match successivo, senza squalifiche e con regole hardcore, il talento inglese Jimmy Havoc ha affrontato la superstar della TNA Bram. A me Havoc non mai piaciuto ed il match ha confermato la mia impressione: pi che un wrestler, mi pare uno che voglia dare spettacolo facendo e facendosi del male. Bram, invece, bello grosso ed ha una forte presenza scenica. E capace di interagire alla grande con il pubblico ed un heel coi fiocchi. Il match in s non stato un granch e ce lo ricorderemo soprattutto per il bruttissimo infortunio subito da Bram. Lanciato contro una sedia di metallo appoggiato su un paletto, si ferito gravemente con un pezzo di ferro della sedia, che si sganciato nellimpatto. Probabilmente non se ne accorto subito neppure lui perch lui ed Havoc hanno continuato a lottare fuori dal ring, finch Bram non ha subito un duro colpo tra le sedie del pubblico ed ha faticato a rialzarsi. Solo a quel punto sembrato evidente che non stesse bene ed in molti hanno potuto notare una chiazza di sangue a terra. Quando Bram si rialzato, stato possibile vedere che grondava sangue dalle gambe, al punto che io ho pensato che potesse essersi ferito ai testicoli. Havoc ha subito chiuso il match schienando lavversario ed stato chiaro a tutti che non era il finale previsto, in quanto sul ring era rimasto un tavolo aperto, segno che era stato lasciato l apposta per un successivo spot. Bram ha ricevuto subito le cure dei medici, che hanno diagnosticato una profonda merita ad una gamba, a pochi centimetri dalla arteria femorale. Bram stato operato nella stessa notte ed ancora convalescente. Si riprender e non ancora chiaro quando potr tornare a lottare.

Siamo quindi arrivati al main event di questo show abbastanza breve (circa unora e mezza, senza pausa centrale, comunque inutile visto che non cera un bar nei paraggi). Il campione assoluto EPW, laustriaco Chris The Bambikiller Raaber stato sfidato da Nick Magnus Aldis, attuale campione GFW e main eventer della TNA. Il match stato piacevole, con alcuni momenti comedy, come quando Raabid e Aldis hanno provato a gettarsi a vicenda nella giostra dei tronchi del Cinecitt World, con una imbarcazione che passava proprio in quel momento ed i fruitori che incitavano i due wrestler a gettarsi in acqua. Anche questo match era hardcore ed alla fine Raabid ha avuto la meglio dopo aver sfruttato a suo favore lutilizzo della cintura come oggetto contundente dopo un low blow. Con la cintura ancora tra le mani di Raabid si chiuso uno show che stato tutto sommato piacevole, ma che ha scontato i disservizi causati dal Cinecitt World.

Ed ora, alcune considerazioni sullo show da parte del nostro Riccardo Tiberi, anche lui come me presente allo show:

Lo show EPW "Live in Cinecitt" non iniziato nel migliore dei modi: infatti, il Wrestler di punta con cui si era annunciato questo show, ovvero l'ex WWE Ryback, ha disdetto la partecipazione il giorno prima dell'evento poich ancora infortunato e quindi impossibilitato a lottare; al suo posto stato annunciato l'attuale wrestler TNA Magnus che in origine doveva essere il General Manager dello show e che invece si ritrovato nel Main Event della serata contro Chris Raaber per l'EPW Championship.
Partiamo dalle cose positive dello show: innanzitutto i nomi chiamati; uno show in cui figurano wrestler come Bram, Magnus, Tristan Archer(ex concorrente del Cruiserweight Classic WWE, Clement Petiot), Eddie Edwards, Jimmy Havoc, Mark Haskins, Doug Williams e tanti altri atleti italiani di primo livello farei fatica a non volerlo andar a vedere, infatti ho fatto di tutto pur di presenziare bench la location non fosse troppo comoda per me, la stessa voglia di prendere parte all'evento, poi, l'ho vista in altri ragazzi che sono venuti da tutta italia, chi da Treviso, chi da Torino, altri dall'Emilia Romagna e altri ancora dalla Campania, insomma ogni parte dell'italia si ritrovata qui a Roma per assistere a questo show, uno show pieno di potenziale e appeal per il quale un ringraziamento alla EPW e a chi ha permesso tutto ci obbligatorio;



Simpatica la scelta, bench non facile da raggiungere per chi deve spostarsi solo con i mezzi pubblici, di farlo a Cinecitt World; un modo per intrattenere i fan prima e dopo lo show con tutte le attrazione di Cinecitt, che personalmente ho apprezzato molto, avrei solo un suggerimento: visto che per raggiungere Cinecitt World c'erano solo due navette(una alle 10.00 e una alle 14.00 entrambe da Termini) e qualche mezzo pubblico che avrebbe permesso di arrivare solo a show iniziato, la prossima volta sarebbe meglio scegliere una location facilmente raggiungibile con Metro o altri mezzi che permetta pi orari di arrivo;
Lo show in s e per s stato buono, il picco stato il 20 Minute Ironman Match tra Eddie Edwards e Mark Haskins, uno degli incontri pi belli e coinvolgenti che ho visto dal vivo, altro buon match stato il Triple Threat tra Red Devil, Doug Williams e Tom La Ruffa valevole per l' EPW Silver Championship, peccato per l'Hardcore Match tra Jimmy Havoc e Bram che finito in anticipo a causa dell'infortunio subito da quest'ultimo al qualefacciamo i migliori in bocca al lupo per una pronta guarigione, e poi c' stato il Main Event dal quale, sinceramente, mi sarei aspettato molto di pi, il Main Event dovrebbe essere il clou di uno show, e questo Main Event stato inferiore ad almeno 2-3match della card, peccato.
Dopo lo show c' stato, per chi lo aveva acquistato, il Meet & Greet con gli atleti, il quale si svolto dentro una stanza in stile greco-romano e che ha permesso a tutti di fare foto e scambiare due parole con gli atleti.
Passiamo ora ai lati negativi: innanzitutto, come ho scritto prima, l'annuncio dell'assenza del wrestler di punta il giorno prima dello show che ha causato malvolere tra molti fan, visto che alcuni avevano preso il biglietto solo per Ryback e ai quali stato offerto uno sconto del 50% per il prossimo show EPW al quale dovrebbe partecipare l'ex WWE, anzich un rimborso del biglietto; sostituire Ryback con Magnus, poi, all'occhio di un fan medio WWE non la stessa cosa, purtroppo gli infortuni sono all'ordine del giorno quindi non possiamo dare una colpa alla EPW per l'assenza del Big Guy, certo che capiamo sia da una parte alcuni fan che si sono sentiti "presi in giro" per l'annuncio last minute dell'assenza di Ryback, sia la dirigenza EPW che stata costretta in poco tempo a dover sostituire quest'assenza con un nome pi o meno all'altezza(per quanto mi riguarda preferisco un match di Magnus che uno di Ryback, ma la cosa soggettiva).
Ci che per ha lasciato pi di ogni altra cosa il malumore tra i fan presenti stata l'organizzazione dello show; lo show si disputato all'aperto(e fin qui nulla da dire) in una zona del Cinecitt World in cui chiunque poteva assistere, infatti tra i presenti allo show vi erano persone senza biglietto che si erano fermate ad assistere allo show pur avendo solo il biglietto d'entrata di Cinecitt World; la quasi totale assenza di controlli dei biglietti( ho visto solo una persona passare a controllare i biglietti dei fan prima dell'inizio e solo ad alcuni, a me per esempio non stato chiesto se avevo il biglietto eppure ero tranquillamente seduto in attesa dello show) ma soprattutto l'assenza di distinzione dei posti hanno lasciato perplessi e arrabbiati alcuni dei fan, non vi erano distinzioni di posti bench ci fossero 3 diversi tipi di biglietto e quindi chi aveva preso quello da 49,99( che doveva permettergli di vedere lo show in prima fila numerata) si ritrovato equiparato a quelli che avevano acquistato il biglietto da 29,99(biglietto destinato alla gradinata/tribuna senza numerazione), insomma un' organizzazione di questo genere sicuramente da rivedere, non sappiamo le difficolt che possono esserci state per i dirigenti EPW nell'organizzare il tutto per una situazione del genere non si deve ripetere in futuro, sia per il bene dei fan che per la riuscita dello spettacolo.
Prima di salutarci ci tengo a ringraziare tutti quelli che mi hanno accompagnato in questa avventura, dai miei colleghi di TuttoWrestling, Michele Ippolito e Davide Palmieri, alle persone con cui ho trascorso praticamente tutta la giornata di sabato, quindi un grazie in particolare ad Alessandro Tulelli e alla sua ragazza Giorgia, a Stefano Balgos, a tutti quelli che ho avuto modo di conoscere e rivedere durante lo show e un saluto ad Alessio di Nicolantonio e allo staff EPW che si dimostrato disponibile nei miei confronti nonostante alcuni problemi legati al pagamento del biglietto e al quale auguro di riorganizzare al pi presto un nuovo show EPW, con qualche certezza in pi e una migliore organizzazione degna degli show passati.


Per concludere, devo dire che i fan italiani devono augurarsi che la EPW prosperi ed abbia lunga vita: solo questa compagnia ha la forza, oggi, di portare nomi noti della scena internazionale nel nostro Paese. Daltro canto, per crescere, la EPW dovr essere pi attenta a scegliere i propri partner commerciali. Spero che presto ci siano nuovi show e che il roster possa cambiare (ok, abbiamo visto Edwards due volte, ora basta) in modo da essere pi appetibile per il pubblico.

Ciao a tutti, ci vediamo la prossima settimana su queste colonne con una nuova edizione del TuttoWrestling Risponde!

The Myth Michele M. Ippolito




Tutte le news sul tuo account Facebook con un LIKE! CLICCA QUI
Segui Tuttowrestling.Com sulla nostra pagina Twitter: @Tuttowrestling


   

Questo sito non in alcun modo affiliato con alcuna organizzazione professionistica.
I nomi dei programmi, dei lottatori e dei marchi WWE e TNA sono propriet delle rispettive federazioni.
Copyright 2017 - Tuttowrestling.Com - P. IVA n 08331011000

TUTTOWRESTLING HOMEPAGE