TUTTOWRESTLING HOMEPAGE
 
USERNAME PASSWORD     RICORDAMI REGISTRATI
 
 19.9 WWE Smackdown Report
 18.9 WWE Raw Report
 19.9 TW Web Radio
 17.9 WWE HELL IN A CELL 2018 REPORT
 17.9 Impact Wrestling Report
 18.9 TW Web Radio
 17.9 Cero Miedo
 
 















 
 
 
HOT ROD! - LA VITA GLORIOSA E LA MORTE INFAME DI CHRIS BENOIT  
by Roberto Vacca
 


Ritorna il nostro appuntamento mensile con “Hot Rod!”, la rubrica che vi porta nel lato pop del wrestling. Oggi parleremo di Chris Benoit e dei tragici eventi che lo portarono ad essere conosciuto in tutto il mondo non solo dagli appassionati di wrestling.




Christopher Michael Benoit nasce a Montréal in Canada nel 1967. La sua passione per il wrestling è folgorante: fin da bambino idolatra Dynamite Kid e Bret Hart, cosa che lo porta ad allenarsi nello storico Dungeon della famiglia Hart. La sua carriera inizia nel 1985 nella Stampede Wrestling di Stu Hart, dove viene notato dalla NJPW grazie alle sue straordinarie doti tecniche. In Giappone trascorrerà numerosi anni (tranne una breve parentesi in WCW), divenendo famoso grazie alla gimmick di The Pegasus Kid, lottando con una maschera. Il successo negli States arriverà nel 1995, quando firma con la ECW, assumendo la gimmick che lo renderà celebre, quella del Canadian Crippler. Proprio in questo periodo prenderà vita il sodalizio con Dean Malenko, che diverrà il suo miglior amico.
Nel 1995 Benoit torna in WCW dove la sua carriera decolla definitivamente, legandosi anche alla storica stable dei Four Horsemen, capitanata da Ric Flair. Durante questo periodo intraprende sul ring un feud con Kevin Sullivan, portandogli via la donna, Woman. Il destino però è alquanto bizzarro perchè Woman era la vera moglie di Sullivan e Benoit gliela strappò non solo nella storyline, ma successivamente anche nella vita reale. Il punto più alto della carriera in WCW arriverà nel 2000, quando conquista il World Heavyweight Championship, sconfiggendo Sid Vicious. Ma Benoit era da tempo in rotta con la federazione, in particolare con il booker Kevin Sullivan, per ovvie ragioni personali. I frequenti scontri fisici tra i due fecero sì che Benoit lasciasse vacante il titolo per approdare in WWF.
In WWF le sue qualità tecniche emergono subito, sopperendo ad una non eccelsa “mic skill” e gli incontri contro Chris Jericho vengono ancora oggi ricordati come pietre miliari. Purtroppo, dopo gli iniziali successi e la conquista del Titolo Intercontinentale, i bookers finiscono per dimenticarsi di lui, relegandolo a faide di secondo piano. Il suo momento però finalmente arriva nel 2004, quando prima vince la Royal Rumble e poi conquista il Titolo Mondiale a WrestleMania XX, in un Triple Threat Match contro Triple H e Shawn Michaels. In uno dei momenti più emozionanti della storia del wrestling Benoit viene raggiunto sul ring del Madison Square Garden dall’amico Eddie Guerrero, che la stessa sera aveva conquistato il WWE Championship. Purtroppo il destino aveva in mente per i due un finale tragico, come ben sappiamo.
Da allora la sua carriera iniziò ad avviarsi verso il tramonto, anche se con ancora qualche grande match. Ma la WWE aveva per lui in serbo un ultimo giro titolato, quello dell’ECW Championship: a Vengeance: Night of Champions, infatti, avrebbe dovuto strappare la cintura dalle mani di CM Punk. Il canadese però non si presentò all’arena il giorno dell’evento, adducendo ragioni famigliari, venendo sostituito da Johnny Nitro, che conquistò il titolo al posto suo.
Il giorno successivo, il 25 giugno 2007, Chris Benoit, la moglie Nancy Toffoloni (Woman in WCW) ed il figlio Daniel Benoit vennero trovati morti nella loro casa di Fayetteville, in Georgia. La polizia infatti era stata contattata da Dean Malenko, che aveva ricevuto strani sms dall’amico. La WWE, avvisata della notizia, decise di sostituire la puntata di RAW di quella sera con un tributo alla carriera di Benoit. Ovviamente Vince McMahon non era ancora a conoscenza della dinamica dei fatti.
Fu però presto chiaro agli investigatori cosa fosse realmente successo: Benoit aveva legato polsi e piedi a moglie e figlio per poi strangolarli (la moglie il venerdì ed il figlio il sabato). Domenica notte, o al massimo lunedì mattina, Benoit poi si era impiccato, non prima di aver lasciato una copia della Bibbia accanto ai corpi dei suoi famigliari.
Cosa sia realmente successo in quella casa non lo sapremo mai, ma da allora le speculazioni, più o meno veritiere, sono state molte. Ovviamente il wrestling fu il primo imputato: Benoit venne accusato di avere abusato di farmaci illegali e di essersi lesionato il cervello a causa dei numerosi voli dal paletto del ring. Ma tutte queste accuse non vennero mai provate con certezza, come con certezza non si seppe mai il reale stato di salute del matrimonio tra i coniugi Benoit. Molte altre persone sono volute intervenire in questa storia, a vario titolo. Il padre di Benoit affermò di avere visto il figlio molto turbato negli ultimi mesi di vita, sostenendo che soffrisse di una forma di Alzheimer. La sorella di Nancy invece sostenne che il cuore di Benoit, a causa dell’abuso di steroidi, era tre volte più grande del normale e che sarebbe morto in ogni caso da lì ad un anno.
La più assurda delle teorie fu quella propinata da tale Johnny Lee Clary, un modesto lottatore degli anni ’80. Clary sostenne che ad uccidere Benoit e la sua famiglia sia stato niente meno che Kevin Sullivan, allo scopo di vendicarsi del tradimento subito molti anni prima! A sostegno di questa folle idea Clary dichiarò che Sullivan era un satanista e questo per il semplice motivo che negli anni ’80 aveva interpretato questa gimmick proprio insieme alla ex moglie Nancy. Ovviamente è un qualcosa privo del benché minimo fondamento, ma, come per tutte le teorie del complotto, persino quelle più assurde, esistono migliaia di persone che ci credono.
Altra curiosità intorno a questa vicenda ce la fornisce Wikipedia: infatti il popolare sito parlò della morte di Nancy Benoit 14 ore prima del ritrovamento dei corpi. L’utente che aveva modificato la voce del sito si difese dicendo che aveva semplicemente riportato un’indiscrezione che si stava facendo strada sui siti specializzati. Gli venne sequestrato il computer, ma non trovando nulla di rilevante, la polizia non procedette con l’indagine.
Dal canto suo la WWE, finita suo malgrado nell’occhio del ciclone, per tutelarsi inizialmente non fece più alcun riferimento a Chris Benoit, non mostrando più nessuna sua immagine durante i propri show. Nel 2014, però, con il lancio del WWE Network i contenuti relativi a Benoit sono stati mantenuti, sostenendo, a buona ragione a mio avviso, che non si poteva fare come se non fosse mai esistito.
Ad oggi la figura di Benoit è ancora oggetto di discussione tra i fans di wrestling di tutto il mondo, tanto che si è parlato anche di un film sulla sua tragica fine, diretto dalla regista di “Hooligans” (quello con Elijah Wood) Lexi Alexander, anche se il progetto non è ancora partito e non è detto che possa mai partire. Ciò che è certo è che Chris Benoit è stato uno dei più grandi lottatori dell’era moderna e, a detta di chi l’ha conosciuto, anche una persona speciale, ovviamente fino a quei tragici giorni. Cosa lo ha spinto allora a compiere simili efferati delitti nei confronti delle persone che più amava? Come già detto, non lo sapremo mai.
Appuntamento al prossimo mese!
“I have wined and dined with kings and queens and I’ve slept in alleys and dined on pork and beans.”




Tutte le news sul tuo account Facebook con un LIKE! CLICCA QUI
Segui Tuttowrestling.Com sulla nostra pagina Twitter: @Tuttowrestling



by Jack Hammer @14/09/2018 09:25:02

Piccola correzione: a WM XX Eddie Guerrero erà già campione, quella sera ha mantenuto il titolo vinto a No Way Out..

Clicca qui per visualizzare tutti i commenti nel forum
   

Questo sito non è in alcun modo affiliato con alcuna organizzazione professionistica.
I nomi dei programmi, dei lottatori e dei marchi WWE e TNA sono proprietà delle rispettive federazioni.
Copyright © 2018 - Tuttowrestling.Com - P. IVA n° 08331011000

Cambia le Impostazioni Privacy

TUTTOWRESTLING HOMEPAGE