Per contattare Federico "Colosso" Moroni manda un e-mail a colosso@tuttowrestling.com


Novembre 1993 - Seconda Parte

Complicazioni, liti intestine e rivalità fra compagni affliggevano, anche se in scala molto minore, pure l' eterogeneo team organizzato da IRS per affrontare Razor Ramon e i suoi amici nel match inaugurale del ppv. Il tutto era iniziato al Superstars del 13 novembre durante il rematch per il titolo IC fra Rick Martel e il Bad Guy, in cui Harvey Wippleman, intervenuto in soccorso del Modello, aveva invece finito per ostacolarlo con un' interferenza sbagliata fuori dal ring, permettendo a Razor di risalire in tempo per aggiudicarsi la vittoria per countout: Martel, furibondo, se l'era presa col manager per la sconfitta, minacciando di fargliela pagare, finché Adam Bomb in persona si era fatto avanti per difendere il datore di lavoro, in una gara di insulti e spintoni che solo grazie all'intervento di Diesel e IRS non era degenerata in un vero pandemonio. Neanche la bella affermazione che il capitano IRS aveva colto su Marty Jannetty, mettendolo KO con il suo braccio teso volante, il Write-Off, in un'appassionante e regolarissima sfida "scientifica" nel corso del Survivor Series Showdown, era bastata a cancellare i dubbi sull' affiatamento della squadra dei cattivi: molti pensavano a una defezione dell' ultimo minuto, a qualche voltafaccia, a un abbandono repentino ... ma MAI avrebbero sospettato che a mancare l'appuntamento al ppv sarebbe stato invece il membro più atteso del team avversario, MR. PERFECT in persona!
Nessuno al mondo è in grado di dire con certezza le motivazioni della resa di Hennig, avvenuta appena un mese dopo il suo giuramento di diventare campione del mondo: forse il riacutizzarsi del grave infortunio alla schiena che già lo aveva tenuto fuori dai giochi fra 1991 e 1992, o forse la sua ricaduta nella spirale dell' alcolismo... fatto sta che Perfect si dichiarò sconfitto nella sfida contro se stesso ancora prima di iniziarla, arrendendosi nel modo più triste alle avversità di natura fisica o personale, e sparendo forse per sempre dai ring WWF, senza un addio, senza una spiegazione, privando i tanti suoi fan del piacere di vedere l'arco sublime di un ultimo Perfect Plex solcare l'arena come un fulmine di bellezza nel firmamento del wrestling. "Il Signor Perfezione si è dimostrato un partner così PERFETTO da dare il cambio ancora prima dell' inizio del match", disse amareggiato Razor Ramon il giorno del ppv: "Ma non sentiremo certo la sua mancanza... perché al suo posto ho chiamato un VERO fuoriclasse, che ha il mio stesso machismo, il mio stesso carisma, la mia stessa energia: il solo, l'unico...MACHO MAN!!!!" La presenza di un avversario di tale prestigio innervosì ancora di più il team dei cattivi, portandoli a incomprensioni ed errori banali, come quando Martel colpì in pieno Adam Bomb con una gomitata cercando di salvarlo da un pin; Harvey Wippleman, col dente avvelenato per lo sgarbo di due settimane prima, salì sul ring per dare uno spintone al Modello, beccandosi per tutta risposta un TREMENDO cartone sui denti … e causando la reazione a catena dell' Uomo Atomico, che si scagliò su Martel riempiendolo di sberle, di Diesel ,che entrò a sua volta sul ring per spintonare Adam, e di IRS, che solo per il rotto della cuffia riportò una parvenza di calma evitando una squalifica generale!
Ancora scosso, il camionista cercò di sfogare le sue ire sul piccolo 1-2-3 Kid con una serie di mosse di potenza... ma il ragazzino riuscì a sventare un Sidewalk Slam con un Head Scissor, dando il cambio a un Savage più che mai smanioso di festeggiare il suo rientro da wrestler effettivo! Double Axe Handle dalle corde su Diesel! Atomic Drop su IRS! High Knee su Adam Bomb! Uno dopo l'altro i cattivi caddero come birilli di fronte alla furia, alla tecnica, alla velocità impareggiabile di Macho Man, che sgombrato completamente il ring, schiacciò ancora al tappeto il grosso bodyguard e si lanciò su di lui col suo leggendario Flying Elbow per l'1-2-3!!! Poco dopo fu lo stesso IRS a rischiare di seguire Diesel negli spogliatoi, subendo una rapida sequenza di ginocchiata - clothesline - bodyslam da parte di Savage: ma quando Macho stava già per sbarazzarsi di lui con un altro Flying Elbow, CRUSH in persona apparve sulla rampa di ingresso, facendogli perdere completamente la testa ... e IRS, rapido come un fulmine, poté mettere spalle al tappeto il rivale con uno schoolboy, ottenendo forse lo schienamento più PRESTIGIOSO della sua vita! Durò ben poco però la soddisfazione dell' agente delle tasse, costretto a subire l'immediata vendetta di Razor Ramon, che, con una GRANDIOSA dimostrazione di classe e potenza, lo schiacciò al suolo con un poderoso chokeslam e lo alzò sopra la testa per un DEVASTANTE Razor's Edge! 1...2...3!!!!!!! In stato di grazia, il Bad Guy riuscì subito dopo a intrappolare pure Rick Martel nella sua finisher… ma non si avvide del ritorno di IRS, che approfittò della confusione creatasi sul ring per infrangergli in faccia la sua 24 ore di acciaio, facendolo cadere all' esterno privo di sensi ! In un' altra sorpresa davvero CLAMOROSA, il campione intercontinentale veniva eliminato per countout, mentre l'ex partner di Dibiase se ne tornava sorridente negli spogliatoi, conscio che la rivalità fra lui e Razor era TUTT' ALTRO che conclusa.
Un silenzio carico di preoccupazione calò ora sul Boston Garden: che cosa potevano fare Jannetty e 1-2-3 Kid, i vasi di coccio fra i vasi di ferro, per contrastare gente del calibro di Martel e Adam Bomb? Mentre Marty decise di risparmiarsi per il momento più critico, il ragazzino si scatenò contro i nemici con le mosse più spettacolari a sua disposizione : ma neanche un enziguri, un dropkick difensivo dall' altezza di quasi 3 metri e un tope suicida verso l'esterno del ring bastarono a far fuori l' Uomo Atomico, che prese la carica sulle corde e lo travolse con uno Slingshot Clothesline di INAUDITA potenza! I due cattivi, però non ebbero l'accortezza di procedere allo schienamento… e pagarono a caro prezzo l'errore subito dopo, quando Kid riuscì a evitare con un balzo una carica del Modello contro i sostegni, saltandogli sulla schiena e atterrandolo con un Sunset Flip per il conto di 3! Adam Bomb rimaneva l'ultimo baluardo prima del completo disastro della sua squadra: supino a terra, Kid riuscì a dare il cambio a Marty un attimo prima che l'energumeno si piegasse per afferrarlo per la gola... e l'ex Rocker, con tempismo eccezionale, colse l'occasione per intrappolare il nemico in un perfetto Springboard Sunset Flip! 1, 2, TREEEEEEE!!!!! Quanto prima era silenziosa, sfiduciata, depressa, adesso l'arena eruttò in un boato di gioia infinita: i due perdenti designati avevano stupito il mondo, surclassando i loro compagni più celebrati, mostrando a tutti il valore del gioco di squadra… e dando dato vita alla sorpresa più grande nella STORIA delle Series! Potete ritenere questo un finale troppo improvviso, disquisire sulla tattica suicida di Bomb e compagnia, affermare addirittura che l' incontro non è stato SENSAZIONALE come l' ho descritto... ma non potete negare che questi due ragazzi, con il loro coraggio e voglia di vincere, hanno saputo scaldare il cuore perfino al più spassionato dei fan. E se c'è un motivo per cui nonostante tutto amiamo ancora il wrestling... beh, QUESTO è il motivo.
Razor Ramon, smaltita la delusione per non aver contribuito fino in fondo al trionfo della sua squadra, fu il primo a congratularsi negli spogliatoi col suo piccolo grande amico, augurandosi di combattere con lo stesso valore quando avrebbe difeso il titolo IC contro Diesel nel Raw del lunedì dopo. Un proposito pienamente mantenuto dal Bad Guy, che sopportò senza troppi patemi la sfuriata iniziale del grosso camionista, ancora troppo grezzo e inesperto, per poi atterrarlo con un Reverse Bulldog e metterlo in posizione per il Razor's Edge… non riuscito a causa dell' intervento di Michaels, che saltò sul ring a interrompere il match, stendendo Ramon e cercando di spezzargli l'osso del collo con un piledriver sopra la cintura; e sarebbero stati guai seri se 1-2-3 Kid non fosse corso al soccorso dell' amico, mettendo in fuga entrambi i rivali e guadagnandosi un posto di rilievo nelle antipatie di HBK. Un match risolutore fra Michaels e il ragazzino fu fissato per la settimana seguente: e sarebbe stata una sfida spettacolare, tecnica, ricchissima di conseguenze, in cui per la prima volta il giovanotto non sarebbe partito come sfavorito assoluto.

Schiacciato fra tanti e tali emozioni e colpi di scena nel ppv, l'incontro per il titolo di coppia della SMW rischiò di passare quasi inosservato: un vero peccato, perché si trattò di una sfida veloce, ben combattuta, stracolma di combinazioni da manuale del tag team wrestling. Dopo una lunga fase iniziale favorevole ai campioni Rock'n Roll Express, gli Heavenly Bodies riuscirono a prendere il sopravvento quando Tom Prichard sventò un back body drop di Ricky Morton con un TREMENDO Seated Powerbomb, per poi bersagliarlo insieme a Jimmy Del Rey con tutte le migliori double-team moves del loro repertorio … come uno STUPENDO Asai Moonsault verso l' esterno del ring, una combinazione sidewalk slam - neckbreaker, un' altra combinazione backbreaker - legdrop dalle corde , e infine la loro finisher, un top-rope moonsault di Del Rey sull' avversario tenuto fermo da Prichard! Solo il provvidenziale intervento di Robert Gibson salvò il biondino, permettendogli di dare il cambio... e nel confusissimo finale che seguì, fra schienamenti non visti e squalifiche presunte (come quella richiesta dai campioni quando uno di loro fu scaraventato sopra la terza corda... ma quelle erano le regole della SMW, non della WWF!) i Rock'n Roll sembrarono riuscire a spuntarla colpendo in pieno Prichard col loro leggendario Double Dropkick: 1, 2, NO! Il Doctor of Desire riuscì miracolosamente ad alzare una spalla, mentre Del Rey si lanciava dalla terza corda su Gibson, colpendolo violentemente alla nuca con l'impugnatura della racchetta passatagli da Jim Cornette! Conto di 3… e gli Heavenly Bodies erano i nuovi campioni di coppia della fed di Knoxville! Non fu certo questo l'ultimo capitolo della faida infinita fra il team di Cornette e gli Express, che riuscirono l'anno seguente a riprendersi i titoli, li ripersero il giorno dopo, e li rivinsero definitivamente il 1 aprile 94 a Blue Grass Brawl II, costringendo i Bodies a lasciare per sempre la SMW.. ma questa è un'altra faccenda.

Ciò che non rischiò invece di passare inosservato quella sera fu la pagina più NEGATIVA di tutto il 1993, il match che sarebbe divenuto tristemente famoso come LA FARSA dei 4 Doink: tanto più triste se si pensa che il tutto era iniziato in modo davvero promettente, con Bam Bam Bigelow che, seguendo alla lettera il consiglio di procurarsi i compagni più forti, più brutti, più cattivi che poteva, aveva arruolato quella coppia di cannibali pazzi che rispondevano al nome di Fatu e Samu, e quel modello di grazia e raffinatezza chiamato BASTION BOOGER! L'autentico MITO della WWF faceva così finalmente il suo esordio in ppv … e fu scelto pure per affrontare il Doink originale al S. Series Showdown, nella sfida che i cultori del trash aspettavano da tutta una vita! Figuratevi il panzone che, invitato dal clown a fare un giro sul suo monopattino, finisce immediatamente a gambe all' aria con una sederata … e immaginate il nostro eroe che per vendicarsi cerca di strappare via la giacca a Doink, e insieme si porta via anche un braccio finto e 5 o 6 fazzoletti annodati! Pensate a Booger che, fattosi serio, distrugge il pagliaccio per almeno dieci minuti, lo travolge con un big splash per il pin ... e non si avvede che il clown batte TRE VOLTE la mano al tappeto per ingannarlo; e immaginatevi l' idiota che balza in piedi a festeggiare senza aspettare il vero conteggio, e viene intrappolato in uno schoolboy per l'1-2-3! E se questo non vi basta, cercate di vedere Doink che nel dopomatch cosparge di TABASCO la pizza del trippone... e figuratevi cosa succede quando Bastion si precipita a divorarla con la voracità di un alligatore! Miscelate tutte queste cose insieme e otterrete il match più DEMENZIALE, folle, istericamente divertente del 1993; e dopo esservi spanciati dalle risate, ringraziate di cuore quei meravigliosi buffoni che sapevano rendere anche l'incontro più povero qualcosa di UNICO.
Tutti immaginavano che lo spasso si sarebbe quanto minimo QUADRUPLICATO quando il magico duo e tutti i loro compari si sarebbero incrociati a Survivor Series... ma ahimè, purtroppo si SBAGLIAVANO. Sapete bene che il pianeta è infestato da maledetti denigratori che vedono tutto ciò che amiamo come una recita di pagliacci ripugnanti che fingono di darsele secondo precisi copioni... e, per quanto incredibile a dirsi, chiunque guardando ciò che venne fuori al ppv avrebbe pensato che questi buffoni HANNO RAGIONE. Ma come poteva essere altrimenti quando al posto dei Doink fecero il loro ingresso quattro rifiuti umani truccati sommariamente da pagliacci... due cerebrolesi scappati dal circo Togni, e una coppia di oranghi ritardati che si dimenavano a suono di rap , ovvero i Bushwhackers e i Men on a Mission? Una sostituzione inspiegabile quanto l'atteggiamento dei cattivi, che, pur dimostrandosi superiori ai clown in modo perfino imbarazzante, continuarono a evitare OSTENTATAMENTE di schienarli quando avrebbero potuto e a comportarsi da perfetti deficienti… come Samu, che, con una brillantezza mentale indegna di un bambino down, si recò a prendere un palloncino d'acqua da Mo sul ring apron, se lo fece scoppiare da solo in faccia, e fu afferrato in uno schoolboy da Luke per l' 1-2-3. Subito Bastion avrebbe potuto rimettere le cose in parità, seppellendo Butch con il Trip to Bat Cave.. ma si rialzò subito dal pin per prendere in prestito una banana da Fatu, e, dopo aver perso un tempo incalcolabile a ingozzarsi, cadde vittima di un Battering Ram dei neozelandesi e un Legdrop di Mabel per il conto di 3!
Uno scempio che peggiorò ulteriormente quando Mo, nella più totale anarchia, inforcò un monopattino e si mise a girare più e più volte attorno a Fatu e Luke nel pieno centro del ring, non raccogliendo NESSUNA risata o approvazione dal pubblico, che quasi per disperazione iniziò un altissimo coro WE WANT DOINK ! E non si contarono gli spettatori ammutoliti dal ribrezzo quando Fatu, dopo avere annichilito il Bushwhacker con uno splash dalla terza corda, RIFIUTO' ancora di schienarlo, rialzandosi per prendere una buccia di banana da terra e lasciarsela cadere dietro,... e poi, dopo averne controllato la posizione, andò a scivolarvi sopra per farsi coprire da Butch, che non aveva neanche ricevuto il cambio legale! Rimasto da solo, Bigelow cercò per una volta di farsi serio, atterrando uno dopo l'altro tutti i nemici che gli capitarono a tiro, e schiacciando Butch al tappeto con un grande powerslam per l'1,2... NOOOOOOOO! Pure lui rinunciò al pin per andare SENZA MOTIVO a conferire con Luna, e finì per essere travolto da una doppia valanga dei MOM, schiacciato da Mabel con un Big Splash e schienato da tutti e 4 i Doink, che si accatastarono sopra di lui per il definitivo conto di 3! Ora, lo sapete che io sono il più grande fan di wrestling del mondo, che apprezzo tutto, che difendo anche le cose più strane, assurde bizzarre... ma questa farsa è AL DI LA' di qualsiasi giustificazione: ragazzi miei, è stato un match FINTO, l'unico che sia mai stato disputato nella storia WWF... e auguratevi che nessuno dei vostri conoscenti lo veda, per non dovervi VERGOGNARE in eterno di questo sport così come io continuo a vergognarmene ogni volta che riavvolgo quella maledetta vhs.

Il primo a sentirsi imbarazzato per tutto ciò fu proprio il presidente Jack Tunney, che impedì il ripetersi di tali episodi con una decisione DRASTICA: da lì in avanti SOLO un wrestler avrebbe potuto portare il nome e il costume di Doink, senza più servirsi di cloni, sosia, sostituti vari... e chiunque avesse provato a imitarlo sarebbe stato LICENZIATO in tronco! Ma non sarebbe stato un destino di solitudine quello del Doink superstite , che nel WWF Challenge del 28 novembre si rifece ricevendo in dono da Santa Claus il clone DEFINITIVO, perfettamente identico e nello stesso tempo impossibile da confondere con l'originale... un mostriciattolo di mezzo metro o poco più, con la sua stessa voce, il suo stesso costume, le stesse movenze, la stessa voglia di scherzare: alcuni lo avevano conosciuto col nome di Tiger Jackson, altri ammirato con le sembianze del Macho Midget, ma da lì in avanti sarebbe stato noto soltanto come … DINK THE CLOWN!!!!! A essere sinceri, non so poi dire quanto Tunney ci abbia guadagnato in questo scambio... di certo NON quanto ci guadagnerete voi a seguire il prossimo numero di questa rubrica, che tratterà del periodo fantastico che vide il ritorno della WWF su Italia 1 dopo il lungo esilio dorato di Tele+2: trasmissioni mitiche che tutti noi ricordiamo ancora con infinito piacere....come, ahimè, NON ricorderemo quelle che stanno attualmente screditando il nostro sport sulle reti Mediaset. A presto!

Federico "Colosso" Moroni



 

®2003 - Tuttowrestling - Tutti i diritti riservati